Il couselling genetico della coppia infertile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il couselling genetico della coppia infertile"

Transcript

1 Il couselling genetico della coppia infertile Introduzione Circa il 10-15% delle infertilità maschili e l 8-10% delle infertilità femminili sono causate o associate ad alterazioni genetiche, che possono includere alterazioni cromosomiche o mutazioni di singoli geni. Dal punto di vista genetico le coppie candidate a tecniche di fecondazione assistita sono a più alto rischio rispetto alla popolazione generale e pertanto negli ultimi anni è diventata pratica comune offrire a tali coppie la possibilità di una diagnosi genetica ed un counselling genetico. Ciò non solo con l obiettivo di arrivare ad una diagnosi più accurata dell infertilità, ma anche di informare le coppie circa il loro rischio riproduttivo ed il rischio di trasmissione ai figli di anomalie genetiche. Oltre ai test genetici atti ad individuare le specifiche anomalie genetiche associate all infertilità, un anamnesi familiare positiva per specifiche malattie genetiche può suggerire l esecuzione di test genetici specifici e una consulenza genetica. Il percorso che, attraverso la consulenza genetica, porterà la persona o la coppia infertile a maturare le proprie decisioni è spesso complesso e, in accordo con le indicazioni derivanti dalla letteratura in materia, deve essere non direttivo. Pertanto, la consulenza si dovrebbe limitare ad aiutare la persona o la coppia a maturare in autonomia le proprie scelte. In effetti, si è affermata l idea che la consulenza debba essere deliberativa, che cioè le decisioni del/dei consultando/i siano raggiunte attraverso una discussione razionale, che salvaguardi l autonomia del paziente e consenta di prendere decisioni ragionate, dopo aver compreso e interpretato correttamente le informazioni, spesso difficili e complesse, che sono state comunicate. È utile chiedersi se la tipologia della consulenza genetica che si rivolge alle coppie infertili abbia caratteristiche particolari. Per certi aspetti la risposta è affermativa, di fatto, considerata nella sua globalità, l infertilità è una condizione comune, a differenza di quasi tutte le patologie che affluiscono ad un consultorio genetico, che sono rare o addirittura molto rare. L eziologia è eterogenea e solo una parte di questa patologia ha un origine genetica. L eziologia inoltre è spesso correlata al sesso del partner. Il laboratorio diagnostico ha un ruolo critico nella gestione del problema: sono disponibili numerosi test genetici, che consentono di accertare le basi biologiche di vari tipi di infertilità e di precisare il rischio di una coppia di trasmettere una specifica anomalia genetica. Infine, le coppie infertili possono rivolgersi ad una tecnica di fecondazione assistita, che raggira in meccanismi fisiologici del concepimento, ma può rappresentare un rischio genetico per il neonato, una conseguenza questa che non fa parte degli obiettivi tradizionali della consulenza genetica. La consulenza genetica deve perciò contribuire a chiarire, ai potenziali genitori, i rischi, per i figli, di ricevere, per trasmissione diretta, determinate malattie genetiche. Questo aspetto è spesso meno acutamente percepito dai genitori tesi al superamento dell infertilità, rispetto alle coppie fertili. La consulenza genetica della coppia infertile ha un importante punto di riferimento nelle linee guida che ne regolamentano l uso dei test genetici (Foresta et al., 2002). Si tratta di raccomandazioni che, pur basandosi su una classificazioni restrittiva dell infertilità, che tiene conto delle caratteristiche del seme e delle anomalie della funzione ovarica, e pur essendo di qualche anno fa, forniscono uno spaccato sufficientemente ampio delle principali cause genetiche, in termine di prevalenza e rischio di trasmissione, attualmente note, in questa patologia. In effetti, il riferimento ai test genetici è critico, sia perché è proprio il laboratorio di genetica a fornire supporto alla diagnosi dell infertilità, sia perché la consulenza collegata ai test genetici è in grado do prevenire, nel caso di fecondazione assistita, la trasmissione alla prole di malattie genetiche che potrebbero essere mascherate dall infertilità stessa. D altra parte, le altre linee guida esistenti (Linee guida Legge 40, Linee guida della European Association of Urology, Linee guida dell American Urologic Association e 1

2 American Society of Reproductive Medicine) sono molto parziali e orientate esclusivamente alle coppie in procinto di intraprendere una tecnica di fecondazione assistita. Le anomalie genetiche che incidono con una certa prevalenza e che hanno maggior impatto clinico sono rappresentate dalle alterazioni cromosomiche, dalle microdelezioni del braccio lungo del cromosoma Y e dalle mutazioni del gene della fibrosi cistica CFTR. Altre anomalie genetiche sono più rare o il loro ruolo nella patogenesi dell infertilità non è ancora pienamente condiviso (mutazioni del gene KAL1 o altri geni responsabili di ipogonadismo ipogonadotropo, mutazioni del gene per il recettore degli androgeni, mutazioni del gene per la 5α-reduttasi, mutazioni dei geni dell LH e FSH, etc). La richiesta di questi test genetici deve quindi essere motivata da un sospetto clinico o derivante dalla consulenza genetica. Tutte le anomalie genetiche vengono analizzate su leucociti prelevati da sangue periferico e vengono perciò definite come anomalie genetiche costitutive, presenti quindi anche nelle cellule germinali (spermatozoi e ovociti). Anomalie numeriche dei cromosomi spermatici (aneuploidie), analizzabili mediante FISH, possono essere presenti anche in soggetti infertili non da causa genetica. Tuttavia le difficoltà tecniche della metodica FISH, la mancanza di valori di riferimento universalmente accettati, la presenza di aneuploidie anche in soggetti fertili, la possibilità di poter eseguire l analisi solo per un numero limitato di cromosomi e il numero a volte esiguo di spermatozoi da poter analizzare, non consentono allo stato attuale di considerare questo test di utilità clinica in tutti i casi di infertilità maschile o quale fattore prognostico per le tecniche di fecondazione assistita. Analogamente, allo stato attuale delle conoscenze non è condivisibile lo studio della frammentazione del DNA degli spermatozoi quale indice prognostico di successo delle tecniche di fecondazione assistita, soprattutto per la mancanza di valori di normalità condivisi e per la diversità delle metodiche utilizzabili per questa analisi. Tabella 1. Cause genetiche di infertilità maschile Alterazioni cromosomiche (omogenee o in mosaico) Cromosomi sessuali 47,XXY (sindrome di Klinefelter) 47,XYY e altre aneuploidie YY Maschi 46,XX e 45,X Alterazioni strutturali del cromosoma Y Delezioni Anelli Isocromosomi Inversioni Traslocazioni Autosomi Traslocazioni (Robertsoniane, reciproche) Inversioni Altre alterazioni strutturali Sindromi cliniche Trisomia 21 Duplicazioni e delezioni parziali Mutazioni geniche Y-linked Microdelezioni Yq X-linked Kallmann Sindrome da insensibilità agli androgeni Autosomi Sindromi genetiche complesse in cui l infertilità è una manifestazione minore (vedi tab. 3) Infertilità come manifestazione principale CFTR Geni per FSH-beta, LH-beta, FSHR, LHR 2

3 Tabella 2. Cause genetiche di infertilità femminile Alterazioni cromosomiche (omogenee o in mosaico) Cromosomi sessuali Sindrome di Turner e disgenesia gonadica con bassa statura (45,X; mosaicisti tipo 45,X/46,XX e 45,X/47,XXX; isocromosoma Xq; del(xq); del(xp); r(x); etc) Disgenesie gonadiche con linea cellulare Y Disgenesia mista (45,X/46,XY) Disgenesia gonadica 46,XY (sindrome di Swyer) Ermafroditismo vero con linea cellulare Y Traslocazioni X-autosomi 47,XXX e mosaicismi Autosomi Traslocazioni (Robertsoniane, reciproche) Inversioni Mutazioni geniche X-linked Sindrome dell X fragile (FRAXA) Sindrome di Kallmann Sindrome da insensibilità completa agli androgeni Autosomi Sindromi genetiche complesse in cui l infertilità è una manifestazione minore (vedi tab. 4) Infertilità come manifestazione principale Geni per FSH-beta, LH-beta, FSHR, LHR Gene per GnRHR BPES (blafarofimosi, ptosi, epicanto inverso) Sindrome di Danys-Drash Sindrome di Fresier Alterazioni cromosomiche infertilità maschile Le anomalie cromosomiche alla nascita nella popolazione generale hanno una prevalenza dello %. Le trisomie degli autonomi che si riscontrano più frequentemente nella popolazione generale (tri13, tri18, tri21) sono più frequentemente ereditate per via materna e sono legate soprattutto all età materna, mentre le trisomie dei cromosomi sessuali (47,XXY, 47,XYY, 47,XXX) e le alterazioni strutturali sono ereditate soprattutto per via paterna. La prevalenza di anomalie cromosomiche è significativamente maggiore nei maschi infertili (tra il 2 e l 8% con un valore medio di circa il 5%) e tale percentuale è inversamente proporzionale alla conta spermatica, aumentando fino al 15% nei soggetti azoospermici, nei quali l anomalia maggiore è rappresentata dall aneuploidia 47,XXY (sindrome di Klinefelter). Inoltre, le anomalie cromosomiche sono più frequenti nei partner maschili di coppie sottoposte a PMA, soprattutto ICSI (circa 2%). Le alterazioni dei cromosomi sessuali sono l anomalia maggiormente riscontrata nei soggetti azoospermici, ma nei pazienti infertili in generale si possono riscontrare anche diverse anomalie strutturali degli autosomi, che includono le traslocazioni Robertsoniane e reciproche, inversioni, duplicazioni e delezioni. È interessante notare che anche i soggetti infertili apparentemente normozoospermici possono presentare alterazioni cromosomiche, con un incidenza varia in letteratura tra l 1 e il 3%, comprendente aneuploidie dei cromosomi sessuali (per esempio 47,XXY e mosaicismi) e anomalie strutturali bilanciate. Gli studi più recenti in tema di rapporti tra citogenetica e infertilità maschile hanno permesso di chiarire alcuni concetti e di rivedere certi luoghi comuni, tra i quali è opportuno sottolineare: - L aneuploidia 47,XXY (sindrome di Klinefelter) non si associa obbligatoriamente a sterilità. Circa il 10% di questi soggetti presenta spermatozoi nell eiaculato e nel 30-50% dei casi sono presenti focolai di spermatogenesi intratesticolare. Tali percentuali sono maggiori nelle forme in mosaicismo. In questi casi possono essere prodotti gameti normali, ma esiste un rischio 3

4 significativamente aumentato di formare gameti aneuploidi. Questo aumento del rischio deve essere chiarito prima che il paziente sia avviato ad un programma ICSI. - Alcune aneuploidie (XYY, ESAC Extra Satellite marker Chromosomes) possono comportare una ridotta fertilità, che non è sempre quantificabile preventivamente. - Solo alcune traslocazioni cromosomiche causano infertilità. In generale gli eterozigoti per queste anomalie producono una percentuale di gameti a corredo sbilanciato superiore a quello dei maschi a cariotipo normale. In alcuni casi i gameti sbilanciati sono sottoposti a selezione prezigotica nel concepimento naturale, meccanismo che può venir meno con le tecniche di fecondazione assistita. - La presenza di una anomalia n mosaico non consente di stabilre univoche correlazioni cariotipofenotipo. - I rapporti tra alcuni etromorfismi (variazioni nelle dimensioni e nella posizione delle regioni eterocromatiniche pericentromeriche, variazioni nelle dimensioni della regione eterocromatinicaa del braccio lungo del cromosoma Y, variazioni nella regioni dei satelliti, etc.) e l infertilità hanno solo un fondamento aneddotico e, di fatto, queste alterazioni non costituiscono di regola un meccanismo di infertilità. Alterazioni cromosomiche infertilità femminile La prevalenza delle anomalie cromosomiche nell infertilità femminile è variabile nelle casistiche più rappresentative, con un valore medio che si assesta attorno al 5%. La prevalenza delle anomalie cromosomiche nelle donne sottoposte a cicli di fecondazione assistita è più alta rispetto alla popolazione generale ( %), indipendentemente dal tipo di PMA effettuata (IUI, FIVET, ICSI). Le anomalie cromosomiche più frequenti sono la sindrome di Turner 45,X0, altre aberrazioni dei cromosomi sessuali e anomalie autosomiche, soprattutto di struttura. Sebbene il fenotipo sia variabile, gli sbilanciamenti cromosomici si associano in genere ad ipogonadismo ipergonadotropo con amenorrea primaria o secondaria (compresa la POF Premature Ovarian Failure), oppure con oligomenorrea. Quasi un terzo delle amenorree primarie sono riconducibili ai fenotipi Turneriani. Alcune anomalie, come il complemento sessuale XXX, si osservano in donne che non hanno apparentemente cause di infertilità. Le anomalie d struttura degli autonomi sono comuni nella infertilità correlata alla poliabortività nel primo trimestre di gravidanza. L analisi sistematica del cariotipo nelle donne infertili ha consentto di trarre alcune conclusioni rilevanti per la consulenza genetica, che devono essere tenute presenti, anche in vista di gravidanze avviate con tecniche di fecondazione assistita: - la monosemia e i difetti di struttura dell X, omogenei o, più spesso, in mosaico, sono la causa più comune di amenorrea primaria (circa il 30% dei casi). Il fenotipo associato a queste condizioni è più comunemente quello della disgenesia ovarica con bassa statura, piuttosto che della sindrome di Turner. La delezione parziale del braccio corto dell X, in particolare della parte più distale, può associarsi a fertilità. - La presenza di mosaicismi rende problematiche le correlazioni cariotipo-fenotipo. L amenorrea è la conseguenza più comune, quando, in un mosaicismo vero, coesista una linea con monosomia X in percentuale superiore al 20% delle cellule. Il mosaicismo X/XY si associa spesso al fenotipo della disgenesia gonadica mista, con espressione variabile dei genitali esterni, e raccomanda il monitoraggio delle gonadi, in quanto è elevato il rischio di degenerazione neoplastica. - I mosaicismi nei quali la linea aneuploide è presente in meno del 5% delle cellule devono essere interpretati con cautela e necessitano di essere confermati su colture indipendenti. Si tratta quasi sempre di pseudo-mosaicismi, correlati al protocollo utilizzato nell allestimento dei preparati. 4

5 - Le traslocazioni X;autosomiche con rottura del braccio lungo dell X tra le bande q21 e q26 si associano di solito ad amenorrea primaria senza altre manifestazioni fenotipiche. - Il complemento sessuale XXX non si associa necessariamente ad infertilità. Sebbene siano stati segnalati occasionalmente ritardo del menarca, oligomenorrea, sterilità primaria o secondaria, menopausa precoce, molte di queste donne hanno pubertà, vita sessuale e capacità riproduttiva normali e generano figli normali. - Non sono stati dimostrati rapporti tra l infertilità e gli eteromorfismi cromosomici (variazioni delle regioni eterocromatiniche e delle regioni dei satelliti). - L età materna avanzata è il principale fattore di rischio sulla patologia cromosomica confinata agli ovociti. La produzione di ovociti anueploidi è correlata ad una riduzione della frequenza della ricombinazione meiotica. Alterazioni cromosomiche la coppia e la PMA In generale i bambini nati mediante IVF-ICSI hanno un più alto rischio di anomalie cromosomiche, soprattutto dei cromosomi sessuali, confermato anche dagli studi più recenti. Infatti diversi studi indicano una prevalenza del % (con una media del 3%) di anomalie cromosomiche nei nati da IVF-ICSI, con un incidenza leggermente maggiore nei nati ICSI rispetto ai nati IVF. Le linee guida internazionali non sono concordi nelle indicazioni all analisi del cariotipo prima di tecniche di PMA. Per quanto riguarda il partner maschile, alcune linee guida consigliano l analisi del cariotipo solo in soggetti con azoospermia e grave oligozospermia, mentre altre la suggeriscono in tutti i casi di fecondazione assistita (inclusa la IUI) anche nei soggetti normozoospermici. Le linee guida 2008 della legge 40 consigliano l analisi del cariotipo in caso di ICSI da soggetti con azoospermia non ostruttiva o deficit qualitativo grave del liquido seminale. Per quanto riguarda il partner maschile, a nostro avviso l analisi del cariotipo sarebbe utile in tutti i casi di PMA per fattore maschile (in cui peraltro tale analisi dovrebbe far parte dell iter diagnostico pre-pma). Tale analisi dovrebbe essere offerta anche ai soggetti apparentemente normozoospermici, data la possibilità che alterazioni cromosomiche più lievi (47,XYY, traslocazioni, etc.) non diano effetti visibili all analisi del liquido seminale ma portino alla presenza di spermatozoi sbilanciati. Per quanto riguarda la partner femminile, oltre ai casi di disfunzione ovarica primaria (ipergonadotropa) (inclusa la POF) e l abortività ricorrente che rappresentano indicazione assoluta all analisi del cariotipo, l analisi del cariotipo può essere suggerito anche alle donne che si sottopongono a PMA (IUI, FIVET, ICSI) con indicazione relativa. Microdelezioni del braccio lungo del cromosoma Y Le microdelezioni del braccio lungo del cromosoma Y (Yq) rappresentano la causa genetica molecolare più frequente di infertilità maschile grave. Esistono tre diversi loci chiamati azoospermia factors (AZFa, b e c) e diversi geni sono stati isolati da queste regioni. Le microdelezioni dell Yq determinano una grave testicolopatia che si esprime con azoospermia o grave oligozoospermia e coinvolgono più frequentemente la regione AZFc (circa 70%) rispetto all AZFb (circa 15%) e AZFa (circa 5%). In generale la prevalenza di microdelezioni dell Yq nei soggetti infertili è stimata attorno al 5-10%. L incidenza maggiore si riscontra nelle azoospermie non ostruttive e nelle oligozoospermie gravi (<5 mil sperm/ml). Molto raramente si riscontrano microdelezioni nei soggetti con numero di spermatozoi > 5 mil sperm/ml e mai nei soggetti normozoospermici. I pazienti con microdelezioni dell Yq hanno frequentemente spermatozoi nell eiaculato o nei testicoli e pertanto sono spesso candidati a tecniche di fecondazione assistita. In questi casi l anomalia genetica viene sicuramente trasmessa all eventuale figlio maschio che quindi erediterà la stessa malattia del padre (l infertilità). Poiché non esiste una stretta correlazione tra genotipo (tipo di microdelezione) e fenotipo (azoospermia o oligozoospermia grave) non è possibile dare 5

6 indicazioni circa il fenotipo dei figli che ereditano la microdelezioni. La coppia va comunque informata della possibilità che il danno alla spermatogenesi causato dalla microdelezione sia progressivo nel tempo. Pertanto è consigliato eseguire uno spermiogramma al figlio in età precoce (16-18 anni) per poter procedere con eventuale terapia medica o crioconservazione degli spermatozoi. Esistono anche segnalazioni di un aumentata incidenza di aneuploidie spermatiche nei pazienti con microdelezioni. Il conseguente rischio sarebbe quindi quello di avere una maggior probabilità di abortività per aneuploidie degli embrioni e di generare figlie con sindrome di Turner 45,X0 o figli con sindrome di Klinefelter 47,XXY. Tali rischi allo stato attuale sono però solamente teorici poiché tutti i figli nati da padri con microdelezioni dell Y riportati in letteratura sono normali. Si consiglia di eseguire l analisi delle microdelezioni dell Y nei casi di ICSI da soggetti con azoospermia non ostruttiva e grave oligozoospermia (concentrazione spermatica <5-10 mil/ml), così come anche suggerito dalle linee guida internazionali e dalle linee guida 2008 della legge 40. D altra parte l analisi delle microdelezioni dell Yq in questi soggetti dovrebbe far parte dell iter diagnostico e non c è al contrario indicazione ad eseguire tale test in soggetti con più di 5-10 milioni di spermatozoi/ml anche se candidati a tecniche di fecondazione assistita. Gene CFTR infertilità maschile La fibrosi cistica è una delle malattie autosomiche recessive più comuni nella popolazione caucasica e si manifesta quando entrambi i geni CFTR sono mutati (malattia recessiva). Un individuo su 2500 ne è affetto e uno su 25 (4%) è portatore asintomatico eterozigote. In omozigosi, queste mutazioni si associano a fenotipi variabili, da quello normale, all azoospermia ostruttiva, alle bronchiectasie disseminate, all aspergillosi polmonare, alla pancreatine cronica, alla poliposi nasale, alle rino-sinusiti croniche, alla fibrosi cistica, con o senza insufficienza pancreatica, ad esordio tardivo o congenita. Il quadro clinico è correlato al tipo di mutazione e alla quantità di proteina che viene prodotta e consente, con buona approssimazione, di definire correlazioni genotipo-fenotipo, quanto meno per le mutazioni più comuni. Il gene CFTR è localizzato sul cromosoma 7q e la mutazione più frequente è rappresentata dalla delezione di una fenilalanina in posizione 508 ( F508), ma esistono più di 1500 mutazioni diverse. L agenesia bilaterale dei vasi deferenti (CBAVD) rappresenta in molti casi una forma lieve o incompleta di fibrosi cistica, infatti circa il 70-80% di questi soggetti sono eterozigoti o eterozigoti composti (due mutazioni diverse nei due alleli) per mutazioni CFTR. Una particolare mutazione associata alla CBAVD è chiamata allele 5T (il normale allele ha 7T o 9T nucleotidi nell introne 8), che causa la mancata trascrizione dell esone 9 e bassi livelli di espressione della proteina CFTR. Anche l agenesia monolaterale dei deferenti (CUAVD) può essere associata a mutazioni CFTR. Pertanto la manifestazione clinica dei soggetti con mutazioni del CFTR può essere sia azoospermia con CBAVD sia oligozoospermia o normozoospermia con CUAVD. In ogni caso i soggetti con mutazioni CFTR hanno una normale spermatogenesi e quindi possono ricorrere alla ICSI utilizzando spermatozoi testicolari o epididimali. Non esistono rischi aggiuntivi per i figli oltre alla trasmissione della mutazione CFTR e alle eventuali manifestazioni cliniche collegate. La prevalenza di mutazioni CFTR nei soggetti infertili non CUAVD/CBAVD è leggermente più elevata rispetto alla popolazione generale (6% vs 4%). Gene CFTR infertilità femminile Le mutazioni di CFTR non sono state correlate chiaramente ad una ridotta fertilità nella donna eterozigote. Al contrario, nelle omozigoti affette da fibrosi cistica, la fertilità è ridotta ed è aumentato il rischio di una gravidanza complicata. Nelle donne infertili o in quelle sottoposte a PMA la prevalenze di mutazioni CFTR non è diversa dalla popolazione generale. 6

7 Gene CFTR la coppia e la PMA Lo screening delle mutazioni del gene CFTR è un test di elezione nel protocollo di studio dei candidati alle tecniche di fecondazione assistita. La consulenza genetica deve discutere e chiarire la possibilità di trasmettere la mutazione ai figli o addirittura di concepire figli con fibrosi cistica. Anche se i rilievi di tipo epidemiologico giustificherebbero lo screening di popolazione del gene CFTR, di fatto non è al momento praticabile per l insufficienza delle strutture ed i costi elevati. Per questo si tende a privilegiare lo screening a cascata, che si rivolge ai familiari di un paziente, nonché alle coppie che pianificano una gravidanza, in particolare in quelle con problemi riproduttivi o candidate alle tecniche di fecondazione assistita. Per quanto attiene gli altri potenziali candidati al test, restano aperte diverse opzioni: solo i pazienti con CBAVD/CUAVD e le loro partner; i due partner, indipendentemente dalle cause di infertilità; solo un partner (preferibilmente quello sterile), con eventuale estensione del test all altro partner in caso di esito positivo. Il rischio a priori di fibrosi cistica omozigote di ogni coppia (rischio di avere un figlio affetto) è 1/25 x 1/25 (probabilità del matrimonio tra portatori sani) x 1/4 (rischio teorico di trasmettere la mutazione in forma omozigote ad un figlio), pari a 1:2500. Il calcolo del rischio di generare un figlio con fibrosi cistica deve tenere in considerazione se uno o entrambi i partner hanno eseguito l analisi, il risultato di tale analisi e la sensibilità del test CFTR. Esiste una diversità geografica nella prevalenza delle diverse mutazioni e il test analizza di routine solo le mutazioni più frequenti (20-40 mutazioni) con una sensibilità massima del 70-90%. Non tutti i laboratori eseguono di routine l analisi dell allele 5T. Esiste quindi una probabilità residua di essere portatore di una mutazione anche se il test risulta negativo. Per esempio il rischio residuo di essere eterozigote dopo un test standard che identifichi circa il 75% delle mutazioni è 1/100. Pertanto, il rischio residuo di avere un figlio affetto da fibrosi cistica se è stato analizzato un partner e questo è risultato negativo è di 1: (1/100 x 1/25 x 1/4), mentre se sono stati analizzati entrambi i partner ed entrambi sono risultati negativi è 1: (1/100 x 1/100 x 1/4). Viceversa, il rischio se un solo partner è stato analizzato ed è risultato positivo è 1:100 (1 x 1/25 x1/4), mentre se entrambi i partner sono stati analizzati ed uno solo è positivo è 1:400 (1 x 1/100 x1/4). Il rischio di avere un figlio con fibrosi cistica se entrambi i partner sono eterozigoti è ovviamente 1:4 (1 x 1 x 1/4). Le linee guida internazionali non sono concordi su chi consigliare l esecuzione del test CFTR prima di una PMA, se non nei casi di CUAVD/CBAVD. Le linee guida 2008 della legge 40 consigliano l analisi nei casi di CUAVD/CBAVD solamente prima di una ICSI. A nostro avviso una diagnosi di CUAVD/CBAVD o un anamnesi familiare positiva per fibrosi cistica rappresentano un indicazione assoluta all esecuzione del test, indipendentemente dal tipo di PMA (IUI, FIVET, ICSI). In questi casi, vista l alta incidenza di mutazioni in queste situazioni, è consigliata l analisi anche nella partner. Un azoospermia ostruttiva o l infertilità maschile non da assenza dei deferenti sono indicazione relativa, visto il moderato incremento di prevalenza delle mutazioni in questi casi rispetto alla popolazione generale. Nei casi di PMA per fattore femminile non c è indicazione assoluta dal momento che la prevalenza delle mutazioni non è diversa dalla popolazione generale. Tuttavia, considerando che il test ha una sensibilità bassa (70-90% nei casi migliori), ma che la fibrosi cistica è una patologia comunque frequente e con alti costi sociali, dopo aver informato la coppia sulla possibilità di eseguire il test, è a discrezione della coppia decidere se eseguirlo. Tale atteggiamento (suggerimento di eseguire il test in entrambi i partner) è consigliato comunque anche in caso di ricerca di una gravidanza indipendentemente da una PMA. In generale, se un partner risulta portatore di una mutazione, l altro dovrebbe essere studiato per un numero maggiore di mutazioni per aumentare la sensibilità del metodo. Cause genetiche meno comuni di infertilità maschile e femminile È stato stimato che la prevalenza dell infertilità genetica (quanto meno quella maschile) tenderà ad aumentare con il passare delle generazioni. Il database OMIM (On Line Mendelian Inheritance in 7

8 Man: elenca oltre 150 condizioni correlate all infertilità genica. Molte malattie genetiche includono l infertilità tra le manifestazioni cliniche della sindrome, ma ovviamente in questi casi non è l infertilità il segno principale e il problema che porta il paziente dal medico. Molte alterazioni geniche d altro canto possono causare infertilità come segno principale ma la loro prevalenza è molto bassa e quindi i relativi test genetici vanno richiesti solamente sulla base di un fondato sospetto clinico. Infatti, la maggioranza di tali alterazioni genetiche possono essere sospettate sulla base di quadri clinici peculiari. Circa il 2-3% dei soggetti con azoospermia e oligozoospermia grave non ostruttive possono presentare una mutazione nel gene per il recettore degli androgeni (AR), localizzato sul cromosoma X. Sono al momento note oltre 300 mutazioni di questo gene, ma non è facile una correlazione genotipo-fenotipo. Il fenotipo infatti può includere sindromi da insensibilità agli androgeni di diverso grado, dalle forme complete (sindrome di Morris) con fenotipo femminile, alle forme parziali con ipospadia, micropene, criptorchidismo, alle forme lievi rappresentate solamente dall infertilità maschile, eventualmente associata a segni di ipoandrogenismo quali ginecomastia o ridotta virilizzazione. Un segno laboratoristico suggestivo di insensibilità agli androgeni è l elevato indice di sensibilità agli androgeni (prodotto LH x testosterone). Poiché il gene è localizzato sul cromosoma X, la mutazione verrà ereditata obbligatoriamente dalla figlia femmina, che non avrà manifestazioni cliniche, mentre nel caso di gravidanza di un figlio maschio la mutazione verrà eliminata. Altre forme monogeniche di infertilità maschile rare sono quelle collegate all ipogonadismo ipogonadotropo. Tra queste, la sindrome di Kallmann (prevalenza di circa 1:10.000) è caratterizzata da anosmia e può essere legata all X (gene KAL1, mutato nel 10-15% dei casi), autosomica dominante o autosomica recessiva. Gli altri geni coinvolti nell ipogonadismo ipogonadotropo sono SF1, DAX1, GnRHR, GPR54, FGFR1, PROK2, PROKR2, FGF8. Mutazioni del gene per l FSHbeta e LH-beta sono altrettanto rare e sospettabili sulla base della storia e manifestazioni cliniche. Un altro gruppo di geni è collegato al criptorchidismo, non necessariamente all infertilità; tra questi i più importanti sono INSL3 e il suo recettore RXFP2. Infine, alcuni geni possono essere associati all astenozoospermia, associata o meno a sindrome di Kartagener e disgenesia ciliare primitiva: DNAI1, DNAH5, DNAH11. Per quanto riguarda l infertilità femminile, oltre ai geni appena citati, meritano un particolare cenno le mutazioni di FMR1, che causano la forma mendeliana legata all X più comune di ritardo mentale (sindrome dell X fragile FRAXA o sindrome di Martin Bell). La mutazione patogenetica consiste di solito nell espansione di una tripletta CGG nell esone 1 del gene-malattia. Mentre nella popolazione non affetta l espansione è inferiore alle 50 ripetizioni, l espansione oltre le 200 ripetizioni causa il ritardo mentale. La premutazione (espansione nel range di ripetizioni) si può associare a POF nel 15-25% delle donne eterozigoti, che per il resto hanno di solito un fenotipo normale. In caso di gravidanza queste donne sono a rischio di trasmettere ai figli il gene-malattia, che, a causa dell instabilità, può presentare un espansione delle ripetizioni con il passare delle generazioni producendo quadri clinici sempre più gravi. Altre alterazioni genetiche sono collegate alle determinazione e sviluppo del sesso: NR5A1 (pseudoermafroditismo), SOX9, SRY, NROB1 (reversione sessuale), WT1 (sindrome di Denys- Drash), SRD5A, SRD5A2 (ipospadia pseudo vaginale perineo scrotale), AMH, AMHR (sindrome da persistenza dei dotti mulleriani), StAR, CYP21, TDD, CYP17 (biosintesi degli steroidi). Tabella 3. Cause genetiche rare di infertilità maschile o sindromi in cui l infertilità è una manifestazione minore Distrofia miotonica Deficit 5 alfa reduttasi 2 Deficit enzimatici (21 idrossilasi e altri) Bardet-Biedl Noonan Prader-Willi Atassia cerebellare con ipogonadismo ipogonadotropo Anemia di Fanconi 8

MICRODELEZIONI DEL BRACCIO LUNGO DEL CROMOSOMA Y

MICRODELEZIONI DEL BRACCIO LUNGO DEL CROMOSOMA Y L infertilità è considerata dall Organizzazione Mondiale della Sanità una patologia. Per infertilità si intende l assenza di concepimento dopo 12/24 mesi di rapporti mirati non protetti. Il fenomeno dell

Dettagli

5 modulo didattico - Patologia cromosomica.

5 modulo didattico - Patologia cromosomica. 5 modulo didattico - Patologia cromosomica. G0 IL CICLO CELLULARE DI UNA CELLULA DI MAMMIFERO Avviene ogni volta che la cellula si divide Le tappe fondamentali del processo sono: Separazione dei due filamenti

Dettagli

Counselling genetico nell infertilità e nella fecondazione assistita

Counselling genetico nell infertilità e nella fecondazione assistita Counselling genetico nell infertilità e nella fecondazione assistita Giuseppe Novelli & Leila Salehi Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" L infertilità è definita come l incapacità per una coppia

Dettagli

Modulo 2 Genetica e genomica: come migliorare il trattamento per l'infertilità

Modulo 2 Genetica e genomica: come migliorare il trattamento per l'infertilità Modulo 2 Genetica e genomica: come migliorare il trattamento per l'infertilità Autore: Dr. Alessio Paffoni, Specialista in Specialista in Genetica Medica, Ospedale Maggiore Policlinico Mangiagalli e Regina

Dettagli

il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre

il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre più di non conoscere, nell avvedersi di saper sempre meno,

Dettagli

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie.

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie. GENETICA MEDICA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L ambulatorio di Genetica Medica fa parte del Dipartimento Materno Infantile. Essa collabora ed interagisce strettamente con le Strutture del Dipartimento

Dettagli

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA Un metodo di base di analisi genetica negli esseri umani è la costruzione di una storia familiare per seguire la trasmissione ereditaria di un carattere.

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALLA DIAGNOSI CITOGENETICA PRENATALE MOLECOLARE (ARRAY-CGH) SU CELLULE DEL LIQUIDO AMNIOTICO O VILLI CORIALI A. Finalità L indagine citogenetica fetale (o cariotipo) viene

Dettagli

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Semplice Dipartimentale di genetica medica fa parte del Dipartimento di Medicina dei

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

La Citogenetica nella Diagnosi Prenatale

La Citogenetica nella Diagnosi Prenatale La Citogenetica nella Diagnosi Prenatale Per diagnosi prenatale si intende l insieme delle indagini strumentali e di laboratorio finalizzate ad individuare determinate patologie su base : genetica infettiva

Dettagli

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Meiosi Genetica Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Batteri e altri organismi unicellulari si riproducono mediante divisione cellulare (riproduzione

Dettagli

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo e secondo globulo polare (PB)

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo e secondo globulo polare (PB) Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo e secondo globulo polare (PB) Diagnosi Preimpianto delle alterazioni cromosomiche mediante array-cgh La sottoscritta (partner femmiile).. Data

Dettagli

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo globulo polare (PB)

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo globulo polare (PB) Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo globulo polare (PB) Screening Preimpianto delle alterazioni cromosomiche numeriche mediante array-cgh La sottoscritta (partner femmile).. Data

Dettagli

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA FORMALE o GENETICA CLASSICA basata unicamente su risultati visibili di atti riproduttivi. È la parte più antica della genetica, risalendo agli esperimenti di Mendel

Dettagli

Azoospermia Assenza di spermatozoi nel liquido seminale Criptozoospermia Assenza di spermatozoi nell eiaculato ma presenza di qualche spermatozoo nel

Azoospermia Assenza di spermatozoi nel liquido seminale Criptozoospermia Assenza di spermatozoi nell eiaculato ma presenza di qualche spermatozoo nel Diagnosi Azoospermia Assenza di spermatozoi nel liquido seminale Criptozoospermia Assenza di spermatozoi nell eiaculato ma presenza di qualche spermatozoo nel centrifugato Oligozoospermia severa Grave

Dettagli

Diagnosi delle aneuploidie

Diagnosi delle aneuploidie Diagnosi delle aneuploidie DIAGNOSI PRENATALE NON INVASIVA: UNA RIVOLUZIONE La diagnosi prenatale delle malattie monogeniche e delle aneuploidie Bologna, è attualmente 6 Giugno eseguita2014 nel I-II trimestre

Dettagli

La consulenza alla paziente che richiede l analisi del DNA fetale

La consulenza alla paziente che richiede l analisi del DNA fetale La consulenza alla paziente che richiede l analisi del DNA fetale Bertinoro, 19 Ottobre 2013 Eva Pompilii eva_pompilii@yahoo.it Limiti attuali del Non invasive Prenatal Testing/ Non Invasive Prenatal

Dettagli

Delezione. Duplicazione. Variazioni della struttura. Inversione. Traslocazione. Mutazioni cromosomiche. Nullisomia Monosomia Trisomia Tetrasomia

Delezione. Duplicazione. Variazioni della struttura. Inversione. Traslocazione. Mutazioni cromosomiche. Nullisomia Monosomia Trisomia Tetrasomia Delezione Variazioni della struttura Duplicazione Inversione Mutazioni cromosomiche Variazioni del numero Traslocazione Aneuploidie Nullisomia Monosomia Trisomia Tetrasomia Variazioni del numero di assetti

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

Università degli studi di Firenze Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino

Università degli studi di Firenze Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino Università degli studi di Firenze Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino TERAPIA DELLA INFERTILITA MASCHILE E TECNICHE DI PMA: LO STUDIO DELLA FRAMMENTAZIONE DEL DNA SPERMATICO

Dettagli

Chimica Biochimica Biologia. Biologia Molecolare. Decodificazione Genoma Umano. Post-Genomica Medicina Molecolare. Patogenesi Terapia Diagnosi

Chimica Biochimica Biologia. Biologia Molecolare. Decodificazione Genoma Umano. Post-Genomica Medicina Molecolare. Patogenesi Terapia Diagnosi Patogenesi Terapia Diagnosi Dalla Genomica alla Medicina Molecolare Chimica Biochimica Biologia Biologia Molecolare Decodificazione Genoma Umano Post-Genomica Medicina Molecolare La CELLULA Nasce Si sviluppa

Dettagli

Figura 1 : organizzazione del materiale genetico nel nucleo delle cellule.

Figura 1 : organizzazione del materiale genetico nel nucleo delle cellule. Il patrimonio genetico, base della vita Il patrimonio genetico (genoma) è l insieme di tutte le informazioni necessarie per costruire ogni embrione, attraverso complessi meccanismi di moltiplicazione delle

Dettagli

A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo

A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo 2 Convegno Nazionale Sindrome di Rubinstein Taybi Lodi, 17 19 maggio 2013 A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo Donatella Milani Cristina

Dettagli

Cor o t r e t e C os o t s it i uzi uz o i na U f f i f c i io i o S ta t mpa L g e ge e s ulla f e f c e o c ndazione e a ssist s ita

Cor o t r e t e C os o t s it i uzi uz o i na U f f i f c i io i o S ta t mpa L g e ge e s ulla f e f c e o c ndazione e a ssist s ita La diagnosi pre-impianto Claudia Livi Centro DEMETRA Firenze www.centrodemetra.com Corte Costituzionale Ufficio Stampa Legge sulla fecondazione assistita La Corte ha dichiarato l illegittimità costituzionale

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz CARIOTIPO UMANO NORMALE E PATOLOGICO

www.fisiokinesiterapia.biz CARIOTIPO UMANO NORMALE E PATOLOGICO www.fisiokinesiterapia.biz CARIOTIPO UMANO NORMALE E PATOLOGICO CROMOSOMI Appaiono come corpi compatti solo nelle cellule in divisione, in particolare durante la metafase, quando possono essere identificati

Dettagli

ANOMALIE CROMOSOMICHE UMANE: Patologie derivate da alterazioni del numero o della struttura dei cromosomi SINDROME DI DOWN

ANOMALIE CROMOSOMICHE UMANE: Patologie derivate da alterazioni del numero o della struttura dei cromosomi SINDROME DI DOWN Sinonimi: Trisomia 21 Frequenza : 1/750 nati vivi ANOMALIE CROMOSOMICHE UMANE: Patologie derivate da alterazioni del numero o della struttura dei cromosomi SINDROME DI DOWN La sindrome di Down (detta anche

Dettagli

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà GENETICA: è la scienza che studia i caratteri ereditari degli organismi viventi, i meccanismi attraverso i quali si trasmettono ai discendenti e le modalità con cui si manifestano. La genetica moderna

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIFETTI CONGENITI Le anomalie congenite sono condizioni che si instaurano tra il momento del concepimento e la nascita. LA DIAGNOSI PRENATALE insieme di tecniche

Dettagli

Alessandra Ferlini Marcella Neri CONSULENZA GENETICA

Alessandra Ferlini Marcella Neri CONSULENZA GENETICA Alessandra Ferlini Marcella Neri CONSULENZA GENETICA Ad integrazione delle lezioni e del testo di studio Genetica Umana e Medica Neri- Genuardi 3a edizione 2014 Masson (www.mediquiz.it) GENETICA MEDICA

Dettagli

VARIAZIONI DELLA STRUTTURA DEI CROMOSOMI

VARIAZIONI DELLA STRUTTURA DEI CROMOSOMI VARIAZIONI DELLA STRUTTURA DEI CROMOSOMI Le alterazioni strutturali implicano cambiamenti di parti di cromosomi. Esistono 4 tipi di tali mutazioni: Delezione Duplicazione inversione Traslocazione Determinano

Dettagli

Infertilità e fattore età

Infertilità e fattore età Infertilità e fattore età F. Iannotti, GB. La Sala Struttura Complessa di Ostetricia Ginecologia Arcispedale S. Maria Nuova Azienda Ospedaliera di Reggio Emilia La fertilità, definita come capacità di

Dettagli

IL GENOMA UMANO. Ogni cromosoma è suddiviso in regioni d informazione dette GENI. L informazione espressa da ciascun gene è detta CARATTERE.

IL GENOMA UMANO. Ogni cromosoma è suddiviso in regioni d informazione dette GENI. L informazione espressa da ciascun gene è detta CARATTERE. IL GENOMA UMANO Ogni cellula contiene nel nucleo una molecola chiamata DNA (acido desossiribonucleico) Tale molecola ha la forma di una lunghissima scala a chiocciola. I gradini che compongono la scala

Dettagli

LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC.

LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC. LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC. Per necessità l esposizione è schematica. Si rimanda alla consultazione del genetista il

Dettagli

Diagnosi genetica preimpianto- nuovo metodo di screening di 24 cromosomi tramite il metodo Array CGH...2

Diagnosi genetica preimpianto- nuovo metodo di screening di 24 cromosomi tramite il metodo Array CGH...2 Agosto 2012 contenuto 8 Diagnosi genetica preimpianto- nuovo metodo di screening di 24 cromosomi tramite il metodo Array CGH...2 Mantenimento di fertilitá-nuove possibilitá presso il GENNET...3 Isteroscopia

Dettagli

Mutazioni cromosomiche. Le mutazioni cromosomiche sono la causa più frequente di aborto precoce e una importante causa di ritardo mentale nell uomo

Mutazioni cromosomiche. Le mutazioni cromosomiche sono la causa più frequente di aborto precoce e una importante causa di ritardo mentale nell uomo Mutazioni cromosomiche Le mutazioni cromosomiche sono la causa più frequente di aborto precoce e una importante causa di ritardo mentale nell uomo Mutazioni cromosomiche Variazioni della struttura Variazioni

Dettagli

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica Corrado Romano cromano@oasi.en.it Genetica Clinica secondo Wikipedia La genetica clinica o medica si occupa dello studio e della diagnosi delle

Dettagli

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA: ASPETTI MEDICI

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA: ASPETTI MEDICI Santina Ugolini PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA: ASPETTI MEDICI LʼOMS definisce la sterilità come lʼassenza di una gravidanza dopo 2 anni di rapporti regolari e completi. Capita spesso che una donna

Dettagli

DIAGNOSI E CURA DELLA QUALITA

DIAGNOSI E CURA DELLA QUALITA DIAGNOSI E CURA DELLA QUALITA SPERMATICA MASCHILE INFERTILITA MASCHILE Si definisce infertilità la mancanza di concepimento dopo 12 mesi di rapporti non protetti e con adeguata frequenza. In passato si

Dettagli

normativa ed organizzazione

normativa ed organizzazione L ambulatorio di I e II livello: normativa ed organizzazione C. Tabanelli, A.P. Ferraretti Reproductive Medicine Unit - Via Mazzini, 12-40138 Bologna sismer@sismer.it I Centri di PMA in Italia Ripartizione

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

Seminomi Non-seminomi

Seminomi Non-seminomi Seminomi Non-seminomi Seminoma Carcinoma a cellule embrionarie Teratoma CorionK Misto Leydig e Sertoli cell K Tumore da residui surrenalici Tumori stromali Misti Infertilità Circa il 50% delle coppie

Dettagli

TECNICHE DI II - III LIVELLO. Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET)

TECNICHE DI II - III LIVELLO. Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET) TECNICHE DI II - III LIVELLO Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET) È una tecnica di PMA in cui i gameti (ovocita per la donna e spermatozoo per l uomo) si incontrano all esterno del

Dettagli

CONSENSO INFORMATO ALL ESECUZIONE DEL TEST GENETICO PER LA DIAGNOSI DI ALTERAZIONI CROMOSOMICHE NUMERICHE MEDIANTE TECNICA ARRAY-CGH

CONSENSO INFORMATO ALL ESECUZIONE DEL TEST GENETICO PER LA DIAGNOSI DI ALTERAZIONI CROMOSOMICHE NUMERICHE MEDIANTE TECNICA ARRAY-CGH CONSENSO INFORMATO ALL ESECUZIONE DEL TEST GENETICO PER LA DIAGNOSI DI ALTERAZIONI CROMOSOMICHE NUMERICHE MEDIANTE TECNICA ARRAY-CGH Il sottoscritto (partner maschile) Data di nascita Luogo di nascita

Dettagli

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone Glossario essenziale a cura di Salvino Leone I molti termini tecnici usati dagli addetti ai lavori in materia di procreazione assistita non sono usuali. Ne proponiamo un elenco che pur non essendo completo

Dettagli

Tecniche di bandeggio

Tecniche di bandeggio Tecniche di bandeggio sono sistemi di colorazione che conferiscono ai cromosomi caratteristici pattern di bande più o meno intense ogni cromosoma umano presenta un bandeggio (ossia una sequenza di bande)

Dettagli

Aggiornamenti in ambito genetico

Aggiornamenti in ambito genetico 10 Congresso Nazionale sulla Sindrome di Cornelia de Lange 1-4 novembre 2012 - Gabicce Aggiornamenti in ambito genetico Cristina Gervasini Genetica Medica Dip. Scienze della Salute Università degli Studi

Dettagli

L INFERTILITA MASCHILE

L INFERTILITA MASCHILE L INFERTILITA MASCHILE Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Come si definisce l infertilità maschile? L'infertilità maschile corrisponde a una ridotta

Dettagli

INFERTILITA' MASCHILE E MEDICINA CINESE

INFERTILITA' MASCHILE E MEDICINA CINESE INFERTILITA' MASCHILE E MEDICINA CINESE Prof.ssa Giovanna Franconi Responsabile dell Ambulatorio di Agopuntura per l presso la UOC Endocrinologia, Università Tor Vergata, Ospedale CTO, Roma MASTER di MEDICINA

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

NOVARA 13 FEBBRAIO 2014 STERILITA DI COPPIA E TECNICHE DI PROCREAZIONE ASSISTITA DOTT. CESARE TACCANI 1 DEFINIZIONE STERILITÀ: INCAPACITÀ BIOLOGICA TRANSITORIA O PERMANENTE DI CONCEPIRE PRIMITIVA: COPPIA

Dettagli

Elementi scientifici di base delle patologie a componente genetica

Elementi scientifici di base delle patologie a componente genetica BRUNO DALLAPICCOLA Elementi scientifici di base delle patologie a componente genetica Il sequenziamento del genoma umano ha contribuito a rafforzare il processo di genetizzazione e il concetto di determinismo

Dettagli

Censimento 2002 Strutture di Genetica Medica in Italia

Censimento 2002 Strutture di Genetica Medica in Italia Censimento 2002 Strutture di Genetica Medica in Italia A cura di: Bruno Dallapiccola, Isabella Torrente, Arnaldo Morena Istituto CSS-Mendel, Roma Con la collaborazione di Errepi Comunicazione, Roma OBIETTIVI

Dettagli

La genetica nell infertilità maschile

La genetica nell infertilità maschile La genetica nell infertilità maschile Salvatore Raimondo Andrea Di Luccio Valerio Ventruto La genetica nell infertilità maschile Con CD-Rom Presentazione a cura di Guglielmo Bonanni 13 SALVATORE RAIMONDO

Dettagli

geni e dintorni piccola guida alle malattie ereditarie

geni e dintorni piccola guida alle malattie ereditarie 2 geni e dintorni piccola guida alle malattie ereditarie A cura Regione Toscana Giunta Regionale Dipartimento del diritto alla salute e delle politiche di solidarietà Uoc Sviluppo delle risorse professionali

Dettagli

La sterilità di coppia

La sterilità di coppia La sterilità di coppia STERILITA Incapacità di procreare dopo almeno un anno di rapporti non protetti PRIMARIA La coppia non ha mai concepito SECONDARIA Si è già verificato nella coppia un concepimento.

Dettagli

A cosa serve lo screening prenatale

A cosa serve lo screening prenatale Screening e Diagnosi prenatale della sindrome di Down ed altre anomalie cromosomiche fetali Lo scopo di questa nota è fornire in maniera chiara, semplice e per quanto possibile esaustiva le informazioni

Dettagli

Prevenzione. Diagnosi prenatale. La consapevolezza di un accoglienza d amore

Prevenzione. Diagnosi prenatale. La consapevolezza di un accoglienza d amore Prevenzione Diagnosi prenatale La consapevolezza di un accoglienza d amore Bios International Holding La capillare rete di strutture di Bios International opera da anni nel campo della diagnostica con

Dettagli

I FIGLI DELLA FECONDAZIONE ASSISTITA. GIAN PAOLO SALVIOLI ALMA MATER STUDIORUM Università di Bologna

I FIGLI DELLA FECONDAZIONE ASSISTITA. GIAN PAOLO SALVIOLI ALMA MATER STUDIORUM Università di Bologna I FIGLI DELLA FECONDAZIONE ASSISTITA GIAN PAOLO SALVIOLI ALMA MATER STUDIORUM Università di Bologna Torino 26.10.2007 Terminologia essenziale ART = Assisted Reproductive Technology (Riproduzione assistita

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Melani Daniela Data di nascita 10/04/1965

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Melani Daniela Data di nascita 10/04/1965 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Melani Daniela Data di nascita 10/04/1965 Qualifica Amministrazione I Fascia ASL DI PRATO Incarico attuale Dirigente ASL I fascia - Laboratorio Analisi Chimico Cliniche - Sezione

Dettagli

CENNI DI CITOGENETICA

CENNI DI CITOGENETICA CENNI DI CITOGENETICA CARIOTIPO: definisce il numero e la morfologia dei cromosomi di un individuo. Nell uomo tutte le cellule (ad eccezione delle cellule germinali) hanno cariotipo diploide (23 coppie

Dettagli

Studio dell infertilità maschile: dall esame seminale alle microdelezioni del cromosoma Y

Studio dell infertilità maschile: dall esame seminale alle microdelezioni del cromosoma Y Studio dell infertilità maschile: dall esame seminale alle microdelezioni del cromosoma Y Domenico Saverio MATAROZZO Claretta MARCHI Anatomia Patologica S. Anna - Torino Premessa L esame seminale è il

Dettagli

Informazioni generali sulla diagnosi genetica preimpianto (PGD) a) Diagnosi preimpianto di aneuploidie cromosomiche (PGS) Pagina 2 di 10

Informazioni generali sulla diagnosi genetica preimpianto (PGD) a) Diagnosi preimpianto di aneuploidie cromosomiche (PGS) Pagina 2 di 10 CONSENSO INFORMATO ALL ESECUZIONE DEL TEST GENETICO PER LA DIAGNOSI DI ALTERAZIONI CROMOSOMICHE NUMERICHE E/O STRUTTURALI SBILANCIATE MEDIANTE TECNICA ARRAY-CGH Il sottoscritto (partner maschile) Data

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Sezione di Citogenetica e Genetica molecolare Responsabile: Dott. Guglielmo Sabbadini Specialista in Genetica Medica Informazioni per la diagnosi molecolare di sordita

Dettagli

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884)

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884) La trasmissione dei caratteri ereditari Le leggi di Mendel (1882-1884) Le leggi di Mendel studiano la trasmissione di caratteri qualitativi prodotti da un singolo gene Procedimento sperimentale di Mendel

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

23-NOV-2015 da pag. 16 foglio 1

23-NOV-2015 da pag. 16 foglio 1 Tiratura: n.d. Diffusione 12/2012: 10.694 Lettori Ed. II 2014: 61.000 Quotidiano - Ed. Roma Dir. Resp.: Gian Marco Chiocci da pag. 16 foglio 1 Tiratura 09/2015: 68.268 Diffusione 09/2015: 48.891 Lettori

Dettagli

Seminari Monografici di Medicina del Lavoro Edizione 2012: Sistema endocrino e lavoro Parma, 22 Giugno 2012

Seminari Monografici di Medicina del Lavoro Edizione 2012: Sistema endocrino e lavoro Parma, 22 Giugno 2012 Seminari Monografici di Medicina del Lavoro Edizione 2012: Sistema endocrino e lavoro Parma, 22 Giugno 2012 INFERTILITÀ MASCHILE aspetti eziologici e patogenetici Prof. Riccardo Volpi Centro di Andrologia

Dettagli

Bioinformatica e Biologia Computazionale per la Medicina Molecolare

Bioinformatica e Biologia Computazionale per la Medicina Molecolare V Scuola di Ingegneria dell Informazione Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica II Scuola di Ingegneria dei Sistemi Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dettagli

Ricevimento degli ovociti

Ricevimento degli ovociti Ricevimento degli ovociti In che cosa consiste? Consiste nel fecondare in laboratorio gli ovociti provenienti da una donatrice con lo sperma del partner della donna ricevente, per trasferire in seguito

Dettagli

Malattie genetiche. Il genoma umano e formato da 23 paia di cromosomi (1 paio di eterocromosomi, 22 paia di autosomi).

Malattie genetiche. Il genoma umano e formato da 23 paia di cromosomi (1 paio di eterocromosomi, 22 paia di autosomi). Malattie genetiche Il patrimonio genetico e contenuto nel DNA. Il genoma umano e formato da 23 paia di cromosomi (1 paio di eterocromosomi, 22 paia di autosomi). La sequenza di tutto il genoma umano e

Dettagli

Diagnosi Prenatale I

Diagnosi Prenatale I Diagnosi Prenatale I Lezione 15 Diagnosi prenatale nata nel 1966 (Steele e Breg); richiede l intervento di numerose discipline: ostetricia, ultrasonografia, genetica clinica, diagnosi e consulenza genetica

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz ATTIVITA ANDROGENICA RELATIVA (%) Testosterone 100 Diidrotestosterone 250 Androstenedione 10-20 DHEA 5 DHEA-S

Dettagli

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Luca Sangiorgi S.S.D. di Genetica Medica e Malattie Rare Ortopediche, Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna SSD di Genetica Medica IOR Roma, 25 settembre

Dettagli

Docenti: Prof. Emilio Donti Sezione di Genetica Medica e Neuropsichiatria Infantile Dip. Scienze Chirurgiche e Biomediche Università degli Studi di

Docenti: Prof. Emilio Donti Sezione di Genetica Medica e Neuropsichiatria Infantile Dip. Scienze Chirurgiche e Biomediche Università degli Studi di GENETICA MEDICA Docenti: Prof. Emilio Donti Sezione di Genetica Medica e Neuropsichiatria Infantile Dip. Scienze Chirurgiche e Biomediche Università degli Studi di Perugia Centro Riferimento Regionale

Dettagli

LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA

LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Dr. Nunzio Minniti Clinica del Mediterraneo (Ragusa) Centro Genesi (Palermo) Arca Service PMA (Livorno) Le tecniche di PMA Perché? Quali? Per forza? Una

Dettagli

Il ruolo del LABORATORIO

Il ruolo del LABORATORIO Il ruolo del LABORATORIO di Biologia della Riproduzione Alessandra Fusconi Infertilità: passato, presente, futuro Ascona 23 ottobre 2015 L Andrologo Il Lab e la DIAGNOSI La fertilità maschile tradizionalmente

Dettagli

La Diagnosi Prenatale

La Diagnosi Prenatale Cos è? Di cosa ci occupa Cosa consente La Diagnosi Prenatale Tecniche di screening Tecniche dirette: indicazioni Villocentesi: cos è Villocentesi: come si esegue? Amniocentesi: cos è? Amniocentesi: come

Dettagli

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA NUMERI E CAUSE La fertilità della specie umana è bassa. Infatti, ad ogni ciclo mestruale, una

Dettagli

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA Informazioni per la coppia A cura del dott. G. Ragni Unità Operativa - Centro Sterilità Responsabile: dott.ssa C. Scarduelli FONDAZIONE OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO MANGIAGALLI

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA La sottoscritta e il sottoscritto acconsentono liberamente di sottoporsi al trattamento di procreazione medico-assistita FIVET (Fertilizzazione

Dettagli

Tecniche di PMA TECNICHE DI I LIVELLO

Tecniche di PMA TECNICHE DI I LIVELLO Tecniche di PMA La procreazione medicalmente assistita (PMA) si avvale di tecniche di base o I livello, semplici e poco invasive e di tecniche avanzate o di II e III livello, complesse e più invasive.

Dettagli

STERILITÀ ETÀ-CORRELATA E PMA

STERILITÀ ETÀ-CORRELATA E PMA Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Ginecologiche e della Riproduzione Umana Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia Direttore Prof. Giovanni Battista Nardelli STERILITÀ

Dettagli

Unità Operativa Semplice Dipartimentale PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami

Unità Operativa Semplice Dipartimentale PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Unità Operativa Semplice Dipartimentale PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Attività sanitaria Descrizione Il Centro offre un servizio completo per la diagnosi

Dettagli

Corso Integrato Patologia Sistematica II 2010

Corso Integrato Patologia Sistematica II 2010 Corso Integrato Patologia Sistematica II 2010 Fisiopatologia asse ipotalamo-ipofisi testicolo Prof. Costanzo Moretti Insegnamento di Endocrinologia (Andrologia) Attività Didattica Opzionale Workshop teorico-pratico

Dettagli

FORMULARIO TERAPEUTICO DELLA PAZIENTE

FORMULARIO TERAPEUTICO DELLA PAZIENTE FORMULARIO TERAPEUTICO DELLA PAZIENTE Per un trattamento efficace e fondamentale avere l informazione accurata, che consente ai nostri medici di scegliere la strategia terapeutica piu adatta ad ogni paziente.

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN Il test ColonScreen ColonScreen è un test diagnostico, sviluppato da GENOMA Group, che permette di eseguire un analisi genetica multipla per valutare

Dettagli

Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE

Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE EREDITA MENDELIANA CLASSICA ~ 600 E C M 10.000 Enzimi

Dettagli

LO STUDIO DEI CROMOSOMI: CITOGENETICA

LO STUDIO DEI CROMOSOMI: CITOGENETICA LO STUDIO DEI CROMOSOMI: CITOGENETICA 0.5% DEI NEONATI: MALATTIE CROMOSOMICHE SINDROME DI DOWN, X-FRAGILE ANOMALIE CROMOSOMICHE IN CELLULE SOMATICHE: TUMORI TECNICHE PER LO STUDIO DEI CROMOSOMI A PARTIRE

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136)

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) Il gene implicato nella SCA17 è il gene TATA box-binding protein (TBP) che fa parte del complesso della RNA polimerasi II ed è essenziale per dare inizio

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE AA2013/14 Prof Alberto Turco Lezioni 57 e 58 11.12.2013 Test Genetici Storiche date. 1865 1859 1953.momenti memorabili dell impresa intellettuale e scientifica

Dettagli

BIOLOGIA E BIOTECNOLOGIA DELLA RIPRODUZIONE UMANA

BIOLOGIA E BIOTECNOLOGIA DELLA RIPRODUZIONE UMANA BIOLOGIA E BIOTECNOLOGIA DELLA RIPRODUZIONE UMANA http://www.unimib.it/open/news/master- Biologia- e- biotecnologie- della- riproduzione/3232239554291049328 Modulo denominazione insegnamenti di didattica

Dettagli

Emiatrofia cerebrale e microftalmia

Emiatrofia cerebrale e microftalmia Emiatrofia cerebrale e microftalmia TROMBOSI TROMBOSI Prevenzione dell handicap congenito Nel 1 gruppo di casi genetici con rischio di ricorrenza, la prevenzione può attuarsi attraverso una corretta diagnosi

Dettagli

La rete dei centri di genetica e il futuro della medicina

La rete dei centri di genetica e il futuro della medicina La rete dei centri di genetica e il futuro della medicina Rosario Casalone,, MD, PhD SSD Genetica Dipartimento Materno Infantile Azienda Ospedaliera-Polo Universitario Ospedale di Circolo e Fondazione

Dettagli

SISTEMA RIPRODUTTIVO TOSSICITA RIPRODUTTIVA

SISTEMA RIPRODUTTIVO TOSSICITA RIPRODUTTIVA TOSSICITA RIPRODUTTIVA disfunzione indotta da sostanze xenobiotiche che colpiscono i processi di gametogenesi dal loro stadio più precoce all impianto del prodotto del concepimento nell endometrio. La

Dettagli

IL PUNTO DI PARTENZA

IL PUNTO DI PARTENZA IL PUNTO DI PARTENZA Convocare o ricevere una convocazione durante l attesa di un esito di diagnosi prenatale è sempre difficile, fonte di angoscia o perlomeno di preoccupazione. Obiettivo delle donne:

Dettagli

I centri di procreazione medicalmente assistita in Italia

I centri di procreazione medicalmente assistita in Italia I centri di procreazione medicalmente assistita in Italia L Italia offre un gran numero di centri di procreazione medicalmente assistita (358 centri in base ai dati aggiornati al 31 gennaio 2014), con

Dettagli