GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTÀ DI ROVINJ ROVIGNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTÀ DI ROVINJ ROVIGNO"

Transcript

1 GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTÀ DI ROVINJ ROVIGNO UPRAVNI ODJEL ZA FINANCIJE RAZVOJ I GOSPODARSTVO SETTORE AMMINISTRATIVO PER LE FINANZE, LO SVILUPPO E L'ECONOMIA ODSJEK ZA RAZVOJ I GOSPODARSTVO SEZIONE PER LO SVILUPPO E L'ECONOMIA RAPPORTO SULLA DISOCCUPAZIONE NUMERO 63/2009 ANALISI DELLA DISOCCUPAZIONE NELLA CITTÀ DI ROVIGNO NEL MAGGIO 2009 I N D I C E:

2 Pagina Rapporto curato da: Robert Lešić 1. Piano strategico dell'istituto croato di collocamento per il periodo I Missione dell'istituto croato di collocamento II Obiettivi strategici dell'istituto croato di collocamento lll Attività per il raggiungimento degli obiettivi 2. Disoccupazione sul territorio della città di Rovigno e della Regione Istriana nel maggio Disoccupazione e assunzioni nel maggio 2009, per singoli Uffici di collocamento della Regione Istriana 4. Disoccupati suddivisi per livello istruttivo e per Uffici di collocamento della Regione Istriana nel maggio Analisi sulla disoccupazione nel territorio della città di Rovigno dal 2004 al maggio Confronto dei dati delle singole città della Regione Istria. 7. Tasso di disoccupazione a Rovigno - stime 8. Osservazioni conclusive

3 1. PIANO STRATEGICO DELL'ISTITUTO CROATO DI COLLOCAMENTO NEL PERIODO I MISSIONE DELL'ISTITUTO CROATO DI COLLOCAMENTO: La Missione dell'icc abbraccia due gruppi distinti di elementi, ovvero: quali sono gli obiettivi da raggiungere e come raggiungerli. L'ICC, visto quale istituzione madre sul mercato del lavoro deve dedicarsi a quanto qui di seguito specificato: Seguire e sondare costantemente lo sviluppo del mercato del lavoro; Adattare e sviluppare sistematicamente un servizio di alta qualità, considerando le esigenze dei clienti di tutti i settori di mercato della Croazia; Promuovere rapporti di partenariato con i soggetti presenti sul mercato del lavoro. Come farà l'icc a concretizzare la suddetta missione? Seguendo, sondando e valutando lo sviluppo del mercato mediante la creazione sistematica e l'uso di informazioni e di nozioni riguardanti: - i posti di lavoro e la domanda di posti di lavoro; - il potenziale lavorativo dei disoccupati e le loro esigenze; - la collaborazione con i soggetti presenti sul mercato del lavoro; - la necessità di perfezionarsi costantemente, durante l'intero arco di vita; mediante un adattamento e uno sviluppo sistematici di servizi di alta qualità, fondati sui seguenti elementi: - sviluppo di programmi occupazionali; - sviluppo di programmi particolari per determinati gruppi mirati; - sviluppo e promozione di nuovi servizi; - sostegno e sviluppo delle capacità e delle abilità di singoli e di imprese, per raggiungere un tasso occupazionale maggiore; con l'applicazione costante di metodi contemporanei e innovativi nello sviluppo di servizi, basati su quanto segue: - investimenti nel sapere e nelle competenze dei dipendenti dell'icc; - usando metodi e procedimenti contemporanei nella mediazione occupazionale; - applicando metodi di registrazione, di avvaloramento e di valutazione dei servizi; promuovendo rapporti di partenariato tra l'icc e i soggetti presenti sul mercato del lavoro. 3

4 II OBIETTIVI STRATEGICI DELL'ISTITUTO CROATO DI COLLOCAMENTO Gli obiettivi strategici dell'icc nel periodo vengono definiti da un lato da una cornice esterna (politica occupazionale della Repubblica di Croazia e dell'ue) e dall'altro lato dalla conoscenza personale del proprio posto e del proprio ruolo sul mercato del lavoro, fondata sui potenziali interni disponibili e sulle possibilità stimate. Direttive degli obiettivi strategici dell'icc: - prestare servizi di qualità ai datori di lavoro; - prestare servizi di qualità alle persone in cerca di lavoro, adattandoli alle esigenze di ogni individuo; - rendere più solide le capacità organizzative e gestionali, come pure lo sviluppo del potenziale umano dell'icc; - consolidare i ruoli sul mercato istituendo e sviluppando il partenariato; - diventare una fonte chiave di informazioni utili allo sviluppo e alla pianificazione dell'istruzione ed essere fautore di politiche pubbliche di carattere istruttivo e di altra natura; - sostenere lo studio e l'avviamento professionale continui, durante l'intero arco di vita. III ATTIVITÀ PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI OBIETTIVO 1. SVILUPPARE I SERVIZI OCCUPAZIONALI DELL'ISTITUTO CROATO DI COLLOCAMENTO AL FINE DI INCREMENTARE LA CONCORRENZIALITÀ DELLA FORZA DI LAVORO E DI SODDISFARE LE ESIGENZE DEL MERCATO DEL LAVORO ATTIVITÀ: - sviluppare procedimenti standardizzati di lavoro con i disoccupati e con gli altri soggetti in cerca di lavoro; - sviluppare il sostegno informatico per il lavoro con i disoccupati e con gli altri soggetti in cerca di lavoro; - migliorare il sapere e le capacità dei disoccupati per rispondere alle esigenze del mercato del lavoro; - sviluppare ed attuare corsi di studio e di avviamento professionale per l'intero arco di vita; - sviluppare ed attuare programmi rivolti a persone a rischio di esclusione sociale; - sviluppare la qualità dei servizi prestati ai datori di lavoro; - sviluppare il sostegno informatico per il lavoro con i datori di lavoro; - assicurare forza lavoro rispondendo alle esigenze dei datori di lavoro; 4

5 - rispondere alle esigenze dei datori di lavoro in campo di forza di lavoro di qualità; - individuare costantemente le aspettative e il grado di soddisfazione di coloro che si appoggiano ai servizi dell'icc. OBIETTIVO 2: SVILUPPARE IL POTENZIALE UMANO E LA CAPACITÀ AMMINISTRATIVA DELL'ISTITUTO CROATO DI COLLOCAMENTO NELLA CREAZIONE E NELLA PRESTAZIONE DI NUOVI SERVIZI SUL MERCATO DEL LAVORO ATTIVITÀ: - dedicarsi costantemente all'abilitazione professionale dei dipendenti dell'icc e promuovere lo studio durante l'intero arco di vita; - sviluppare il sistema di verifica della qualità del lavoro; - promuovere la comunicazione di lavoro e creare una cultura organizzativa fondata su valori comuni dell'icc; - garantire un ambiente di lavoro adatto e sicuro a tutti i dipendenti dell'icc e ai fruitori dei suoi servizi; - creare le condizioni di adattamento ai cambiamenti affinché ci sia successo nel lavoro. OBIETTIVO 3: RAGGIUNGIMENTO DELLA POSIZIONE DI GUIDA SUL MERCATO DEL LAVORO DA PARTE DELL'ISTITUTO CROATO DI COLLOCAMENTO, MEDIANTE L'INSTAURAZIONE DI RAPPORTI DI PARTENARIATO E RENDENDO PIÙ FORTE L'INFLUENZA NELL'EMANAZIONE E NELL'ATTUAZIONE DI POLITICHE PUBBLICHE ATTIVITÀ: - sviluppare le capacità di valutazione delle esigenze attuali e future di forza lavoro; - creare e proporre misure e programmi inerenti il mercato del lavoro; - influire sulla creazione di politiche istruttive, sociali e di altro carattere; - influire sull'emanazione e sull'attuazione di norme legate al mercato del lavoro; - rafforzare l'identità corporativa allo scopo di dare un sostegno alla concretizzazione della visione e della missione dell'icc; - sviluppare i rapporti con il pubblico; - migliorare i metodi di raccolta di dati sul mercato del lavoro; - rafforzare la collaborazione di partenariato con le parti sociali e con gli altri partecipanti al mercato del lavoro. 5

6 2. DISOCCUPAZIONE SUL TERRITORIO DELLA CITTÀ DI ROVIGNO E SU QUELLO DELLA REGIONE ISTRIA NEL MAGGIO 2009 L'Assessorato alle finanze, allo sviluppo e all'economica ha richiesto i dati all'ufficio di collocamento territoriale di Pola, facente parte dell'istituto Croato di Collocamento, allo scopo di redigere una statistica sui disoccupati nel comprensorio della Città di Rovigno e in quello della Regione Istria, dalla quale risulta quanto qui di seguito specificato. Durante il mese di maggio dell'anno corrente, presso l'icc, Ufficio di Pola, i nuovi disoccupati registrati erano 481, il che corrisponde al 44,01% in più rispetto al mese di maggio Dei 481 nuovi disoccupati, 434 (90,23%) hanno un'esperienza lavorativa precedente, mentre 47 (9,77%) dei nuovi iscritti non hanno alcuna esperienza di lavoro. Per il 57,8% dei nuovi disoccupati nel mese di maggio dell'anno in corso (251 persone), il motivo dell'interruzione del rapporto di lavoro è stato la cessazione del rapporto di lavoro a tempo determinato o la cessazione del lavoro stagionale, mentre per il 28,11% dei nuovi iscritti all'ufficio di collocamento (122 persone) il motivo alla base dell'interruzione del rapporto di lavoro è stato il licenziamento condizionato da motivi di lavoro, ovvero da cause economiche, tecnologiche o organizzative. Per 5 nuovi disoccupati registrati (1,15%) il rapporto di lavoro è cessato a causa della cessazione dell'attività dell'impresa o del datore di lavoro presso i quali erano occupati. Durante il mese di maggio c.a., facendo un confronto con il mese precedente, tutti gli Uffici di collocamento appartenenti a quello di Pola e facenti parte dell'icc, hanno registrato un calo del numero dei disoccupati. Tale calo è dovuto esclusivamente all'inizio della stagione turistica. Tabella 1. Andamento della disoccupazione nelle singole città della Regione Istria Registrano un aumento % Registrano un calo ROVIGNO 26,7 PARENZO 26,4 UMAGO 15,5 ALBONA 12,1 POLA 8,3 PISINO 6,0 PINGUENTE 5,8 Fonte: Istituto Assicurazione Sanitaria, Ufficio di Pola, maggio 2009 % TITOLARI DEL DIRITTO ALL'INDENNITÀ IN DENARO (ASSEGNO DI DISOCCUPAZIONE) Delle 5903 persone disoccupate registrate alla fine del mese di maggio, 3056 disoccupati (o il 51,77%) usufruiscono del diritto all'indennità in denaro. Rispetto al maggio dell'anno scorso, si registra un numero maggiore di titolari del diritto all'indennità, pari al 30,81% (831 persone in più). 6

7 SESSO, ISTRUZIONE ED ETÀ Presso l'icc, Ufficio di Pola, verso la fine del maggio di quest'anno risultavano registrate 3598 donne disoccupate, il che corrisponde ad una percentuale del 60,95% di disoccupate rispetto al numero complessivo di iscritti. L'attuale struttura istruttiva dei soggetti disoccupati registrati è la seguente: il 6,01% non ha terminato la scuola ottennale, a differenza del 26,14% che possiede la pagella finale della scuola ottennale. Il 32,01% dei disoccupati registrati possiede il titolo di studio di scuola media superiore della durata di tre anni e di operai qualificati e altamente qualificati. Il 26,00% degli iscritti possiede il titolo di scuola media superiore quadriennale o di ginnasio. Il 4,70% dei disoccupati ha il diploma di primo biennio della facoltà o di primo grado universitario, mentre il 5,11% degli iscritti possiede il diploma di facoltà, di accademia o il titolo post laurea (magistero o dottorato). L'età dei disoccupati iscritti alla fine del mese di maggio è la seguente: 13,99% dei disoccupati ha un'età compresa tra i 15 e i 24 anni; il 22,19% appartiene alla fascia d'età anni e il 16,53% a quella dei anni. Il numero maggiore di disoccupati iscritti (31,47%) rientra nella fascia compresa tra i 45 e i 54 anni d'età. Il 15,80% degli iscritti alle liste di collocamento hanno un'età superiore ai 55 anni. POSTI DI LAVORO LIBERI NOTIFICATI Nel mese di maggio 2009 i datori di lavoro hanno notificato 669 posti di lavoro liberi all'icc, Ufficio di Pola, il che corrisponde al 50,96% (695 posti di lavoro liberi) in meno rispetto al mese precedente (aprile 2009), ma anche al 30,53% in meno rispetto al maggio Quelle specificate qui di seguito sono le attività lavorative (in base alla Classificazione delle attività NKD ) tra le quali rientra il maggiore numero di posti di lavoro liberi notificati dai datori di lavoro nel mese di maggio: Tabella 2. Posti di lavoro liberi notificati alla fine del mese di maggio 2009 Attività Numero di posti di lavoro liberi notificati % rispetto al numero complessivo di posti di lavoro liberi notificati Locazione alloggi e preparazione e servizio ,3 pietanze (vitto e alloggio) Commercio 94 14,0 Industria della trasformazione 63 9,4 Agricoltura, econ. forestale e pesca 56 8,4 Amministrazione e attività ausiliari 55 8,2 Istruzione 30 4,5 Prot. sanitaria e assistenza sociale 24 3,6 Fonte: Istituto Assicurazione Sanitaria, Ufficio di Pola, maggio

8 3. DISOCCUPAZIONE E ASSUNZIONI FINO ALLA FINE DEL MAGGIO 2009 PER SINGOLO UFFICIO DI COLLOCAMENTO DELLA REGIONE ISTRIANA Tabella 3: Disoccupazione e occupazione a maggio 2009, per singolo ufficio di collocamento N.PR. CONTENUTO TOTALE UMAGO PINGUENTE ALBONA PISINO PARENZO POLA Disoccupati in 1. base alla situazione di fine mese Donne 2. disoccupate in base alla situazione di fine mese Disoccupati per 3. cessazione dell attività dell impresa e del datore di lavoro Persone che cercano lavoro 4. per la prima volta, secondo la situazione a fine mese Nuovi iscritti alla 5. ricerca di un posto di lavoro a fine mese Assunti dalle liste, a fine mese Richieste notificate di forza lavoro, durante il mese Titolari dell indennità in denaro (dell assegno di disoccupazione) Fonte: Istituto Assicurazione Sanitaria, Ufficio di Pola, maggio

9 Graf 1. Disoccupati iscritti e assunti dalle liste, per singoli Uffici di collocamento, nel maggio DISOCCUPATI ISSCRITTI ASSUNTI DALLE LISTE UMAGO PINGUENTEALBONA PISINO PARENZO POLA ROVIGNO Fonte: Istituto Assicurazione Sanitaria, Ufficio di Pola, maggio DISOCCUPATI PER LIVELLO ISTRUTTIVO, NEI SINGOLI UFFICI DI COLLOCAMENTO DELLA REGIONE ISTRIA NEL MAGGIO 2009 Tabella 4: Disoccupati per titolo di studi, per singoli uffici di collocamento della Regione Istria nel maggio 2009 N.pr. UFF. TOTALE Senza titolo di studio e SE non conclusa Scuola elementare Sm di tre anni e scuola per OQ e OAQ Sm quadriennale e oltre Ginnasio Facoltà I grado e studi professionali Facoltà Accademia Master Dottorato TOT donne % 1. UMAGO PINGUENT E ALBONA PISINO PARENZO POLA ROVIGNO TOTALE ,8 2 57,2 5 54,9 9 66,7 8 58,0 1 61,9 8 56,1 0 60,9 5 Fonte: Istituto Assicurazione Sanitaria, Ufficio di Pola, maggio 2009 TO T donn e TOT donn e TOT donn e TOT donn e TO T donn e TOT donn e TOT donne

10 Graf 2. Quota di donne disoccupate nel numero complessivo di disoccupati per singolo Ufficio di collocamento, nel maggio TOTALE DONNE UMAGO PINGUENTELALBONA PISINO PARENZO POLA ROVIGNO I Fonte: Istituto Assicurazione Sanitaria, Ufficio di Pola, maggio 2009 In base ai dati riportati sopra, risulta quanto segue: - Il numero complessivo di disoccupati nel mese di maggio 2009 a Rovigno ammontava a 533 persone, il che corrisponde a 24 disoccupati in più rispetto al maggio dell'anno scorso. Il motivo reale di questo aumento della disoccupazione rappresenta in realtà un numero fittizio, perché durante l'anno in corso (com'è avvenuto anche nell'anno precedente) alcune ditte hanno licenziato l'eccedenza tecnologica non ancora in possesso dei requisiti per il pensionamento e che di conseguenza è passata all'ufficio di collocamento, dove rimarrà (molto probabilmente), fino all'acquisizione delle condizioni utili al pensionamento. La maggior parte dei licenziati è costituita da persone che posseggono il titolo di studio di scuola media superiore e perciò anche la loro quota nel numero complessivo di disoccupati è relativamente alta. Dai dati in nostro possesso risulta chiaro anche che nel mese di maggio a Rovigno il tasso di disoccupazione è diminuito del 26,7% rispetto al mese precedente: i motivi vanno ricercati nell'inizio della stagione turistica e perciò il calo del numero di disoccupati in questo periodo era prevedibile. Un andamento simile interesserà anche i prossimi mesi estivi. Va poi ricordato che anche la Città di Rovigno, parimenti alle restanti città croate, non è stata risparmiata dalla crisi economica globale che ha colpito quasi tutti i settori economici (tra i quali anche quello turistico) e che di conseguenza ha un influsso significativo sull'occupazione/disoccupazione. La situazione reale a Rovigno è comunque migliore, ovvero nella nostra città c'è un alto tasso di occupazione e perciò la quota dei disoccupati è nettamente inferiore alla media nazionale. Le persone che rimangono iscritte all'ufficio di collocamento per più di un anno sono, in linea di principio, persone invalide, persone la cui età rappresenta un ostacolo per l'assunzione e che, come veniamo a sapere, non cercano (attivamente) un posto di lavoro, come pure persone che aspettano di acquisire i criteri utili al pensionamento, come abbiamo esposto precedentemente. 10

11 Rimane poi il numero degli abitanti tuttora dubbio, pari a , che è certamente incompleto e che perciò aumenta apparentemente ed erroneamente il tasso di disoccupazione rispetto al numero complessivo di abitanti. - La percentuale di donne disoccupate nel tasso di disoccupazione totale a Rovigno corrisponde al 56,10%. - La struttura dei disoccupati considerando il loro titolo di studio è la seguente: - Senza titolo di studio e senza SE 25 persone 4,69% del numero complessivo di disoccupati - Scuola elementare 156 persone 29,26% del numero complessivo di disoccupati - Scuola media superiore 306 persone 57,41% del numero complessivo di disoccupati - Istituti superiori di I grado universitario e studi professionali 20 persone - 3,75% del numero complessivo di disoccupati - Facoltà, Accademia, Master magistrato, dottorato 26 persone 4,87% del tasso di disoccupazione complessivo. Il numero degli iscritti che posseggono un titolo di studio universitario, è dovuto soprattutto al sostegno che lo stato concede al datore di lavoro che soddisfa le condizioni prescritte a livello nazionale. Si tratta di misure di politica occupazionale attiva. Dall'Istituto di collocamento veniamo a sapere che le persone che posseggono un titolo di studio universitario trovano lavoro molto velocemente. Persone con titolo di studio universitario iscritte all'ufficio di collocamento di Rovigno nel mese di maggio: - dottore in economia 10 - dottore in medicina 2 - professore in lingua italiana 2 - insegnante in biologia 1 - dottore in giurisprudenza 1 - dottore in filologia (traduttore) 1 - dottore in psicologia 1 - dottore in odontoiatria - dottore in agronomia 1 - ingegnere meccanico 1 11

12 5. ANALISI DELLA DISOCCUPAZIONE SUL TERRITORIO DELLA CITTÀ DI ROVIGNO DAL 2004 AL 2009 Tabella 5: Andamento della disoccupazione nel comprensorio della città di Rovigno, nel periodo V 2009 Index Mese Index Index Index Index /04 06/05 07/06 08/07 09/08 I ,50 101,61 137,9 1 96,33 99,88 Il ,86 95,67 134,6 9 95,63 113,58 Ill ,64 101, ,62 126,60 lv , ,4 6 93,53 V ,40 105,66 103, ,17 Vl ,93 118,72 91, Vll ,62 118,32 90, Vlll ,26 122,25 92,61 120,7 9 lx ,15 143,32 83,64 120,11 X ,25 113,09 76,34 114,5 Xl ,33 136,43 79,28 105,0 8 Xll ,68 120,41 86,83 95,08 Media 590 Fonte: Sezione per lo sviluppo e l'economia, maggio ,17 438,42 109,33 115,21 101, , CONFRONTO TRA LE CITTÀ DELLA REGIONE ISTRIA Nella presente tabella vengono riportate le quote di disoccupati rispetto al numero complessivo di abitanti. Tabella 6: Quota di disoccupati nel numero complessivo di abitanti nel maggio 2009 Città Numero Numero Quota di Posizione disoccupati abitanti disoccupazione rispetto al numero totale di abitanti (in %) Umago ,58 3 Pinguente ,16 1 Albona ,426 6,45 5 Pisino ,5 6 Parenzo ,28 2 Pola ,78 7 Rovigno ,7 4 Fonte: Sezione per lo sviluppo e l'economia, maggio

13 Dalla tabella risulta che la città di Rovigno si trova tuttora al IV posto per quota di disoccupati rispetto al numero complessivo di abitanti, con il 3,7 %. 7. TASSO DI DISOCCUPAZIONE NELLA CITTÀ DI ROVIGNO (stime anno 2009) Qui di seguito viene svolta una stima della disoccupazione a Rovigno, in base ai dati disponibili: il tasso è stato calcolato usando i dati del censimento del 2001, secondo i quali gli occupati sono Secondo quanto esposto, la forza lavoro è costituita dalla somma delle persone occupate e dal numero delle persone disoccupate iscritte alle liste. In base ai dati esposti nella tabella 7, possiamo concludere che il tasso di disoccupazione medio stimato per la città di Rovigno, che corrisponde al 9,5%, è inferiore al tasso di disoccupazione nazionale, pari al 14,4 % (tasso di disoccupazione nel mese di maggio 2009). Tabella 7: Tasso di disoccupazione nella città di Rovigno Tasso di disoccupazione a Rovigno In rapporto di lavoro, come da censimento Forza di lavoro (in rapporto di lavoro + disoccupati) Numero medio di disoccupati (I-Xll/2008) Tasso medio di disoccupazione (I-XII 2008) 9.5 % Numero medio di disoccupati (l-v 2009) 803 Tasso medio di disoccupazione (l-v 2009) % Indice V/09 V/08 95,5 Indice (medie) V/09 I-Xll/08 136,12 Fonte: Sezione per lo sviluppo e l'economia, luglio

14 8. OSSERVAZIONI CONCLUSIVE In base a quanto esposto finora e per istituire una politica occupazionale migliore e più efficace, è necessario che anche nel 2009, Rovigno instauri un approccio attivo alla soluzione del problema e alla creazione di nuove condizioni economiche, soprattutto attraverso la documentazione di pianificazione ambientale, promuovendo la zona imprenditoriale, rispondendo alle esigenze degli imprenditori, soprattutto a quelle concernenti gli investimenti e l'aumento del numero delle persone occupate. Allo stesso tempo, va ribadito che anche i cittadini, gli imprenditori e gli artigiani devono partecipare attivamente a tutti i programmi di finanziamento della piccola e media imprenditoria, attingendo, ad esempio, ai crediti per lo sviluppo turistico, agrario, ecc. Ulteriori stimoli all'occupazione andrebbero concessi dalla città attraverso programmi istruttivi rivolti ai giovani e quando necessario, si dovrebbero organizzare corsi di riqualificazione per i quadri esistenti, in modo da rinnovare costantemente la forza lavoro stabile a livello locale. 14

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001.

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. VISTA la legge 9 maggio 1989, n.168, con la quale è

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Classificazione Istat dei titoli di studio italiani

Classificazione Istat dei titoli di studio italiani 24 ottobre 2005 Classificazione Istat dei titoli di studio italiani Anno 2003 Nota metodologica 1. INTRODUZIONE In occasione del Censimento 2001 della popolazione, il settore Istruzione dell Istat è stato

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro?

Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro? Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro? Il 22 giugno durante il Festival del lavoro nella splendida cornice del salone Vanvitelliano di Brescia, si è tenuto l'incontro

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE Altre forme giuridiche (A.F.) Tipologia che raccoglie tutte le imprese aventi forma giuridica diversa da quelle che rientrano nei seguenti raggruppamenti:

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 MOD. 2 - Busta A AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visti gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visti gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 81 (1). Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell'articolo 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (1)

Dettagli

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Lavoro part-time. In seguito alle comunicazioni CNCE n. 433 del 27 luglio 2010, n. 436 del 29 settembre 2010, n.

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli