GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTÀ DI ROVINJ ROVIGNO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTÀ DI ROVINJ ROVIGNO"

Transcript

1 GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTÀ DI ROVINJ ROVIGNO UPRAVNI ODJEL ZA FINANCIJE RAZVOJ I GOSPODARSTVO SETTORE AMMINISTRATIVO PER LE FINANZE, LO SVILUPPO E L'ECONOMIA ODSJEK ZA RAZVOJ I GOSPODARSTVO SEZIONE PER LO SVILUPPO E L'ECONOMIA RAPPORTO SULLA DISOCCUPAZIONE NUMERO 63/2009 ANALISI DELLA DISOCCUPAZIONE NELLA CITTÀ DI ROVIGNO NEL MAGGIO 2009 I N D I C E:

2 Pagina Rapporto curato da: Robert Lešić 1. Piano strategico dell'istituto croato di collocamento per il periodo I Missione dell'istituto croato di collocamento II Obiettivi strategici dell'istituto croato di collocamento lll Attività per il raggiungimento degli obiettivi 2. Disoccupazione sul territorio della città di Rovigno e della Regione Istriana nel maggio Disoccupazione e assunzioni nel maggio 2009, per singoli Uffici di collocamento della Regione Istriana 4. Disoccupati suddivisi per livello istruttivo e per Uffici di collocamento della Regione Istriana nel maggio Analisi sulla disoccupazione nel territorio della città di Rovigno dal 2004 al maggio Confronto dei dati delle singole città della Regione Istria. 7. Tasso di disoccupazione a Rovigno - stime 8. Osservazioni conclusive

3 1. PIANO STRATEGICO DELL'ISTITUTO CROATO DI COLLOCAMENTO NEL PERIODO I MISSIONE DELL'ISTITUTO CROATO DI COLLOCAMENTO: La Missione dell'icc abbraccia due gruppi distinti di elementi, ovvero: quali sono gli obiettivi da raggiungere e come raggiungerli. L'ICC, visto quale istituzione madre sul mercato del lavoro deve dedicarsi a quanto qui di seguito specificato: Seguire e sondare costantemente lo sviluppo del mercato del lavoro; Adattare e sviluppare sistematicamente un servizio di alta qualità, considerando le esigenze dei clienti di tutti i settori di mercato della Croazia; Promuovere rapporti di partenariato con i soggetti presenti sul mercato del lavoro. Come farà l'icc a concretizzare la suddetta missione? Seguendo, sondando e valutando lo sviluppo del mercato mediante la creazione sistematica e l'uso di informazioni e di nozioni riguardanti: - i posti di lavoro e la domanda di posti di lavoro; - il potenziale lavorativo dei disoccupati e le loro esigenze; - la collaborazione con i soggetti presenti sul mercato del lavoro; - la necessità di perfezionarsi costantemente, durante l'intero arco di vita; mediante un adattamento e uno sviluppo sistematici di servizi di alta qualità, fondati sui seguenti elementi: - sviluppo di programmi occupazionali; - sviluppo di programmi particolari per determinati gruppi mirati; - sviluppo e promozione di nuovi servizi; - sostegno e sviluppo delle capacità e delle abilità di singoli e di imprese, per raggiungere un tasso occupazionale maggiore; con l'applicazione costante di metodi contemporanei e innovativi nello sviluppo di servizi, basati su quanto segue: - investimenti nel sapere e nelle competenze dei dipendenti dell'icc; - usando metodi e procedimenti contemporanei nella mediazione occupazionale; - applicando metodi di registrazione, di avvaloramento e di valutazione dei servizi; promuovendo rapporti di partenariato tra l'icc e i soggetti presenti sul mercato del lavoro. 3

4 II OBIETTIVI STRATEGICI DELL'ISTITUTO CROATO DI COLLOCAMENTO Gli obiettivi strategici dell'icc nel periodo vengono definiti da un lato da una cornice esterna (politica occupazionale della Repubblica di Croazia e dell'ue) e dall'altro lato dalla conoscenza personale del proprio posto e del proprio ruolo sul mercato del lavoro, fondata sui potenziali interni disponibili e sulle possibilità stimate. Direttive degli obiettivi strategici dell'icc: - prestare servizi di qualità ai datori di lavoro; - prestare servizi di qualità alle persone in cerca di lavoro, adattandoli alle esigenze di ogni individuo; - rendere più solide le capacità organizzative e gestionali, come pure lo sviluppo del potenziale umano dell'icc; - consolidare i ruoli sul mercato istituendo e sviluppando il partenariato; - diventare una fonte chiave di informazioni utili allo sviluppo e alla pianificazione dell'istruzione ed essere fautore di politiche pubbliche di carattere istruttivo e di altra natura; - sostenere lo studio e l'avviamento professionale continui, durante l'intero arco di vita. III ATTIVITÀ PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI OBIETTIVO 1. SVILUPPARE I SERVIZI OCCUPAZIONALI DELL'ISTITUTO CROATO DI COLLOCAMENTO AL FINE DI INCREMENTARE LA CONCORRENZIALITÀ DELLA FORZA DI LAVORO E DI SODDISFARE LE ESIGENZE DEL MERCATO DEL LAVORO ATTIVITÀ: - sviluppare procedimenti standardizzati di lavoro con i disoccupati e con gli altri soggetti in cerca di lavoro; - sviluppare il sostegno informatico per il lavoro con i disoccupati e con gli altri soggetti in cerca di lavoro; - migliorare il sapere e le capacità dei disoccupati per rispondere alle esigenze del mercato del lavoro; - sviluppare ed attuare corsi di studio e di avviamento professionale per l'intero arco di vita; - sviluppare ed attuare programmi rivolti a persone a rischio di esclusione sociale; - sviluppare la qualità dei servizi prestati ai datori di lavoro; - sviluppare il sostegno informatico per il lavoro con i datori di lavoro; - assicurare forza lavoro rispondendo alle esigenze dei datori di lavoro; 4

5 - rispondere alle esigenze dei datori di lavoro in campo di forza di lavoro di qualità; - individuare costantemente le aspettative e il grado di soddisfazione di coloro che si appoggiano ai servizi dell'icc. OBIETTIVO 2: SVILUPPARE IL POTENZIALE UMANO E LA CAPACITÀ AMMINISTRATIVA DELL'ISTITUTO CROATO DI COLLOCAMENTO NELLA CREAZIONE E NELLA PRESTAZIONE DI NUOVI SERVIZI SUL MERCATO DEL LAVORO ATTIVITÀ: - dedicarsi costantemente all'abilitazione professionale dei dipendenti dell'icc e promuovere lo studio durante l'intero arco di vita; - sviluppare il sistema di verifica della qualità del lavoro; - promuovere la comunicazione di lavoro e creare una cultura organizzativa fondata su valori comuni dell'icc; - garantire un ambiente di lavoro adatto e sicuro a tutti i dipendenti dell'icc e ai fruitori dei suoi servizi; - creare le condizioni di adattamento ai cambiamenti affinché ci sia successo nel lavoro. OBIETTIVO 3: RAGGIUNGIMENTO DELLA POSIZIONE DI GUIDA SUL MERCATO DEL LAVORO DA PARTE DELL'ISTITUTO CROATO DI COLLOCAMENTO, MEDIANTE L'INSTAURAZIONE DI RAPPORTI DI PARTENARIATO E RENDENDO PIÙ FORTE L'INFLUENZA NELL'EMANAZIONE E NELL'ATTUAZIONE DI POLITICHE PUBBLICHE ATTIVITÀ: - sviluppare le capacità di valutazione delle esigenze attuali e future di forza lavoro; - creare e proporre misure e programmi inerenti il mercato del lavoro; - influire sulla creazione di politiche istruttive, sociali e di altro carattere; - influire sull'emanazione e sull'attuazione di norme legate al mercato del lavoro; - rafforzare l'identità corporativa allo scopo di dare un sostegno alla concretizzazione della visione e della missione dell'icc; - sviluppare i rapporti con il pubblico; - migliorare i metodi di raccolta di dati sul mercato del lavoro; - rafforzare la collaborazione di partenariato con le parti sociali e con gli altri partecipanti al mercato del lavoro. 5

6 2. DISOCCUPAZIONE SUL TERRITORIO DELLA CITTÀ DI ROVIGNO E SU QUELLO DELLA REGIONE ISTRIA NEL MAGGIO 2009 L'Assessorato alle finanze, allo sviluppo e all'economica ha richiesto i dati all'ufficio di collocamento territoriale di Pola, facente parte dell'istituto Croato di Collocamento, allo scopo di redigere una statistica sui disoccupati nel comprensorio della Città di Rovigno e in quello della Regione Istria, dalla quale risulta quanto qui di seguito specificato. Durante il mese di maggio dell'anno corrente, presso l'icc, Ufficio di Pola, i nuovi disoccupati registrati erano 481, il che corrisponde al 44,01% in più rispetto al mese di maggio Dei 481 nuovi disoccupati, 434 (90,23%) hanno un'esperienza lavorativa precedente, mentre 47 (9,77%) dei nuovi iscritti non hanno alcuna esperienza di lavoro. Per il 57,8% dei nuovi disoccupati nel mese di maggio dell'anno in corso (251 persone), il motivo dell'interruzione del rapporto di lavoro è stato la cessazione del rapporto di lavoro a tempo determinato o la cessazione del lavoro stagionale, mentre per il 28,11% dei nuovi iscritti all'ufficio di collocamento (122 persone) il motivo alla base dell'interruzione del rapporto di lavoro è stato il licenziamento condizionato da motivi di lavoro, ovvero da cause economiche, tecnologiche o organizzative. Per 5 nuovi disoccupati registrati (1,15%) il rapporto di lavoro è cessato a causa della cessazione dell'attività dell'impresa o del datore di lavoro presso i quali erano occupati. Durante il mese di maggio c.a., facendo un confronto con il mese precedente, tutti gli Uffici di collocamento appartenenti a quello di Pola e facenti parte dell'icc, hanno registrato un calo del numero dei disoccupati. Tale calo è dovuto esclusivamente all'inizio della stagione turistica. Tabella 1. Andamento della disoccupazione nelle singole città della Regione Istria Registrano un aumento % Registrano un calo ROVIGNO 26,7 PARENZO 26,4 UMAGO 15,5 ALBONA 12,1 POLA 8,3 PISINO 6,0 PINGUENTE 5,8 Fonte: Istituto Assicurazione Sanitaria, Ufficio di Pola, maggio 2009 % TITOLARI DEL DIRITTO ALL'INDENNITÀ IN DENARO (ASSEGNO DI DISOCCUPAZIONE) Delle 5903 persone disoccupate registrate alla fine del mese di maggio, 3056 disoccupati (o il 51,77%) usufruiscono del diritto all'indennità in denaro. Rispetto al maggio dell'anno scorso, si registra un numero maggiore di titolari del diritto all'indennità, pari al 30,81% (831 persone in più). 6

7 SESSO, ISTRUZIONE ED ETÀ Presso l'icc, Ufficio di Pola, verso la fine del maggio di quest'anno risultavano registrate 3598 donne disoccupate, il che corrisponde ad una percentuale del 60,95% di disoccupate rispetto al numero complessivo di iscritti. L'attuale struttura istruttiva dei soggetti disoccupati registrati è la seguente: il 6,01% non ha terminato la scuola ottennale, a differenza del 26,14% che possiede la pagella finale della scuola ottennale. Il 32,01% dei disoccupati registrati possiede il titolo di studio di scuola media superiore della durata di tre anni e di operai qualificati e altamente qualificati. Il 26,00% degli iscritti possiede il titolo di scuola media superiore quadriennale o di ginnasio. Il 4,70% dei disoccupati ha il diploma di primo biennio della facoltà o di primo grado universitario, mentre il 5,11% degli iscritti possiede il diploma di facoltà, di accademia o il titolo post laurea (magistero o dottorato). L'età dei disoccupati iscritti alla fine del mese di maggio è la seguente: 13,99% dei disoccupati ha un'età compresa tra i 15 e i 24 anni; il 22,19% appartiene alla fascia d'età anni e il 16,53% a quella dei anni. Il numero maggiore di disoccupati iscritti (31,47%) rientra nella fascia compresa tra i 45 e i 54 anni d'età. Il 15,80% degli iscritti alle liste di collocamento hanno un'età superiore ai 55 anni. POSTI DI LAVORO LIBERI NOTIFICATI Nel mese di maggio 2009 i datori di lavoro hanno notificato 669 posti di lavoro liberi all'icc, Ufficio di Pola, il che corrisponde al 50,96% (695 posti di lavoro liberi) in meno rispetto al mese precedente (aprile 2009), ma anche al 30,53% in meno rispetto al maggio Quelle specificate qui di seguito sono le attività lavorative (in base alla Classificazione delle attività NKD ) tra le quali rientra il maggiore numero di posti di lavoro liberi notificati dai datori di lavoro nel mese di maggio: Tabella 2. Posti di lavoro liberi notificati alla fine del mese di maggio 2009 Attività Numero di posti di lavoro liberi notificati % rispetto al numero complessivo di posti di lavoro liberi notificati Locazione alloggi e preparazione e servizio ,3 pietanze (vitto e alloggio) Commercio 94 14,0 Industria della trasformazione 63 9,4 Agricoltura, econ. forestale e pesca 56 8,4 Amministrazione e attività ausiliari 55 8,2 Istruzione 30 4,5 Prot. sanitaria e assistenza sociale 24 3,6 Fonte: Istituto Assicurazione Sanitaria, Ufficio di Pola, maggio

8 3. DISOCCUPAZIONE E ASSUNZIONI FINO ALLA FINE DEL MAGGIO 2009 PER SINGOLO UFFICIO DI COLLOCAMENTO DELLA REGIONE ISTRIANA Tabella 3: Disoccupazione e occupazione a maggio 2009, per singolo ufficio di collocamento N.PR. CONTENUTO TOTALE UMAGO PINGUENTE ALBONA PISINO PARENZO POLA Disoccupati in 1. base alla situazione di fine mese Donne 2. disoccupate in base alla situazione di fine mese Disoccupati per 3. cessazione dell attività dell impresa e del datore di lavoro Persone che cercano lavoro 4. per la prima volta, secondo la situazione a fine mese Nuovi iscritti alla 5. ricerca di un posto di lavoro a fine mese Assunti dalle liste, a fine mese Richieste notificate di forza lavoro, durante il mese Titolari dell indennità in denaro (dell assegno di disoccupazione) Fonte: Istituto Assicurazione Sanitaria, Ufficio di Pola, maggio

9 Graf 1. Disoccupati iscritti e assunti dalle liste, per singoli Uffici di collocamento, nel maggio DISOCCUPATI ISSCRITTI ASSUNTI DALLE LISTE UMAGO PINGUENTEALBONA PISINO PARENZO POLA ROVIGNO Fonte: Istituto Assicurazione Sanitaria, Ufficio di Pola, maggio DISOCCUPATI PER LIVELLO ISTRUTTIVO, NEI SINGOLI UFFICI DI COLLOCAMENTO DELLA REGIONE ISTRIA NEL MAGGIO 2009 Tabella 4: Disoccupati per titolo di studi, per singoli uffici di collocamento della Regione Istria nel maggio 2009 N.pr. UFF. TOTALE Senza titolo di studio e SE non conclusa Scuola elementare Sm di tre anni e scuola per OQ e OAQ Sm quadriennale e oltre Ginnasio Facoltà I grado e studi professionali Facoltà Accademia Master Dottorato TOT donne % 1. UMAGO PINGUENT E ALBONA PISINO PARENZO POLA ROVIGNO TOTALE ,8 2 57,2 5 54,9 9 66,7 8 58,0 1 61,9 8 56,1 0 60,9 5 Fonte: Istituto Assicurazione Sanitaria, Ufficio di Pola, maggio 2009 TO T donn e TOT donn e TOT donn e TOT donn e TO T donn e TOT donn e TOT donne

10 Graf 2. Quota di donne disoccupate nel numero complessivo di disoccupati per singolo Ufficio di collocamento, nel maggio TOTALE DONNE UMAGO PINGUENTELALBONA PISINO PARENZO POLA ROVIGNO I Fonte: Istituto Assicurazione Sanitaria, Ufficio di Pola, maggio 2009 In base ai dati riportati sopra, risulta quanto segue: - Il numero complessivo di disoccupati nel mese di maggio 2009 a Rovigno ammontava a 533 persone, il che corrisponde a 24 disoccupati in più rispetto al maggio dell'anno scorso. Il motivo reale di questo aumento della disoccupazione rappresenta in realtà un numero fittizio, perché durante l'anno in corso (com'è avvenuto anche nell'anno precedente) alcune ditte hanno licenziato l'eccedenza tecnologica non ancora in possesso dei requisiti per il pensionamento e che di conseguenza è passata all'ufficio di collocamento, dove rimarrà (molto probabilmente), fino all'acquisizione delle condizioni utili al pensionamento. La maggior parte dei licenziati è costituita da persone che posseggono il titolo di studio di scuola media superiore e perciò anche la loro quota nel numero complessivo di disoccupati è relativamente alta. Dai dati in nostro possesso risulta chiaro anche che nel mese di maggio a Rovigno il tasso di disoccupazione è diminuito del 26,7% rispetto al mese precedente: i motivi vanno ricercati nell'inizio della stagione turistica e perciò il calo del numero di disoccupati in questo periodo era prevedibile. Un andamento simile interesserà anche i prossimi mesi estivi. Va poi ricordato che anche la Città di Rovigno, parimenti alle restanti città croate, non è stata risparmiata dalla crisi economica globale che ha colpito quasi tutti i settori economici (tra i quali anche quello turistico) e che di conseguenza ha un influsso significativo sull'occupazione/disoccupazione. La situazione reale a Rovigno è comunque migliore, ovvero nella nostra città c'è un alto tasso di occupazione e perciò la quota dei disoccupati è nettamente inferiore alla media nazionale. Le persone che rimangono iscritte all'ufficio di collocamento per più di un anno sono, in linea di principio, persone invalide, persone la cui età rappresenta un ostacolo per l'assunzione e che, come veniamo a sapere, non cercano (attivamente) un posto di lavoro, come pure persone che aspettano di acquisire i criteri utili al pensionamento, come abbiamo esposto precedentemente. 10

11 Rimane poi il numero degli abitanti tuttora dubbio, pari a , che è certamente incompleto e che perciò aumenta apparentemente ed erroneamente il tasso di disoccupazione rispetto al numero complessivo di abitanti. - La percentuale di donne disoccupate nel tasso di disoccupazione totale a Rovigno corrisponde al 56,10%. - La struttura dei disoccupati considerando il loro titolo di studio è la seguente: - Senza titolo di studio e senza SE 25 persone 4,69% del numero complessivo di disoccupati - Scuola elementare 156 persone 29,26% del numero complessivo di disoccupati - Scuola media superiore 306 persone 57,41% del numero complessivo di disoccupati - Istituti superiori di I grado universitario e studi professionali 20 persone - 3,75% del numero complessivo di disoccupati - Facoltà, Accademia, Master magistrato, dottorato 26 persone 4,87% del tasso di disoccupazione complessivo. Il numero degli iscritti che posseggono un titolo di studio universitario, è dovuto soprattutto al sostegno che lo stato concede al datore di lavoro che soddisfa le condizioni prescritte a livello nazionale. Si tratta di misure di politica occupazionale attiva. Dall'Istituto di collocamento veniamo a sapere che le persone che posseggono un titolo di studio universitario trovano lavoro molto velocemente. Persone con titolo di studio universitario iscritte all'ufficio di collocamento di Rovigno nel mese di maggio: - dottore in economia 10 - dottore in medicina 2 - professore in lingua italiana 2 - insegnante in biologia 1 - dottore in giurisprudenza 1 - dottore in filologia (traduttore) 1 - dottore in psicologia 1 - dottore in odontoiatria - dottore in agronomia 1 - ingegnere meccanico 1 11

12 5. ANALISI DELLA DISOCCUPAZIONE SUL TERRITORIO DELLA CITTÀ DI ROVIGNO DAL 2004 AL 2009 Tabella 5: Andamento della disoccupazione nel comprensorio della città di Rovigno, nel periodo V 2009 Index Mese Index Index Index Index /04 06/05 07/06 08/07 09/08 I ,50 101,61 137,9 1 96,33 99,88 Il ,86 95,67 134,6 9 95,63 113,58 Ill ,64 101, ,62 126,60 lv , ,4 6 93,53 V ,40 105,66 103, ,17 Vl ,93 118,72 91, Vll ,62 118,32 90, Vlll ,26 122,25 92,61 120,7 9 lx ,15 143,32 83,64 120,11 X ,25 113,09 76,34 114,5 Xl ,33 136,43 79,28 105,0 8 Xll ,68 120,41 86,83 95,08 Media 590 Fonte: Sezione per lo sviluppo e l'economia, maggio ,17 438,42 109,33 115,21 101, , CONFRONTO TRA LE CITTÀ DELLA REGIONE ISTRIA Nella presente tabella vengono riportate le quote di disoccupati rispetto al numero complessivo di abitanti. Tabella 6: Quota di disoccupati nel numero complessivo di abitanti nel maggio 2009 Città Numero Numero Quota di Posizione disoccupati abitanti disoccupazione rispetto al numero totale di abitanti (in %) Umago ,58 3 Pinguente ,16 1 Albona ,426 6,45 5 Pisino ,5 6 Parenzo ,28 2 Pola ,78 7 Rovigno ,7 4 Fonte: Sezione per lo sviluppo e l'economia, maggio

13 Dalla tabella risulta che la città di Rovigno si trova tuttora al IV posto per quota di disoccupati rispetto al numero complessivo di abitanti, con il 3,7 %. 7. TASSO DI DISOCCUPAZIONE NELLA CITTÀ DI ROVIGNO (stime anno 2009) Qui di seguito viene svolta una stima della disoccupazione a Rovigno, in base ai dati disponibili: il tasso è stato calcolato usando i dati del censimento del 2001, secondo i quali gli occupati sono Secondo quanto esposto, la forza lavoro è costituita dalla somma delle persone occupate e dal numero delle persone disoccupate iscritte alle liste. In base ai dati esposti nella tabella 7, possiamo concludere che il tasso di disoccupazione medio stimato per la città di Rovigno, che corrisponde al 9,5%, è inferiore al tasso di disoccupazione nazionale, pari al 14,4 % (tasso di disoccupazione nel mese di maggio 2009). Tabella 7: Tasso di disoccupazione nella città di Rovigno Tasso di disoccupazione a Rovigno In rapporto di lavoro, come da censimento Forza di lavoro (in rapporto di lavoro + disoccupati) Numero medio di disoccupati (I-Xll/2008) Tasso medio di disoccupazione (I-XII 2008) 9.5 % Numero medio di disoccupati (l-v 2009) 803 Tasso medio di disoccupazione (l-v 2009) % Indice V/09 V/08 95,5 Indice (medie) V/09 I-Xll/08 136,12 Fonte: Sezione per lo sviluppo e l'economia, luglio

14 8. OSSERVAZIONI CONCLUSIVE In base a quanto esposto finora e per istituire una politica occupazionale migliore e più efficace, è necessario che anche nel 2009, Rovigno instauri un approccio attivo alla soluzione del problema e alla creazione di nuove condizioni economiche, soprattutto attraverso la documentazione di pianificazione ambientale, promuovendo la zona imprenditoriale, rispondendo alle esigenze degli imprenditori, soprattutto a quelle concernenti gli investimenti e l'aumento del numero delle persone occupate. Allo stesso tempo, va ribadito che anche i cittadini, gli imprenditori e gli artigiani devono partecipare attivamente a tutti i programmi di finanziamento della piccola e media imprenditoria, attingendo, ad esempio, ai crediti per lo sviluppo turistico, agrario, ecc. Ulteriori stimoli all'occupazione andrebbero concessi dalla città attraverso programmi istruttivi rivolti ai giovani e quando necessario, si dovrebbero organizzare corsi di riqualificazione per i quadri esistenti, in modo da rinnovare costantemente la forza lavoro stabile a livello locale. 14

GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTA' DI ROVINJ ROVIGNO

GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTA' DI ROVINJ ROVIGNO GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTA' DI ROVINJ ROVIGNO UPRAVNI ODJEL ZA FINANCIJE RAZVOJ I GOSPODARSTVO SETTORE AMMINISTRATIVO PER FINANZE, LO SVILUPPO E L'ECONOMIA ODSJEK ZA RAZVOJ I GOSPODARSTVO SEZIONE PER

Dettagli

GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTA' DI ROVINJ ROVIGNO

GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTA' DI ROVINJ ROVIGNO GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTA' DI ROVINJ ROVIGNO UPRAVNI ODJEL ZA FINANCIJE RAZVOJ I GOSPODARSTVO SETTORE AMMINISTRATIVO PER LE FINANZE, LO SVILUPPO E L'ECONOMIA ODSJEK ZA RAZVOJ I GOSPODARSTVO SEZIONE PER

Dettagli

Il sistema formativo nella Repubblica di Croazia con particolare riferimento alla Regione Istriana

Il sistema formativo nella Repubblica di Croazia con particolare riferimento alla Regione Istriana Il sistema formativo nella Repubblica di Croazia con particolare riferimento alla Regione Istriana Il sistema formativo nella Repubblica di Croazia con particolare riferimento alla Regione Istriana Indice:

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati www.qualityinternships.eu Preambolo Premesso che:! per i giovani il passaggio dal sistema educativo al mercato del lavoro è sempre più difficile

Dettagli

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova 1 In sintesi: Prosegue la

Dettagli

GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTA' DI ROVINJ ROVIGNO SETTORE AMMINISTRATIVO PER LE FINANZE, LO SVILUPPO E L'ECONOMIA SEZIONE PER LO SVILUPPO E L'ECONOMIA

GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTA' DI ROVINJ ROVIGNO SETTORE AMMINISTRATIVO PER LE FINANZE, LO SVILUPPO E L'ECONOMIA SEZIONE PER LO SVILUPPO E L'ECONOMIA GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTA' DI ROVINJ ROVIGNO SETTORE AMMINISTRATIVO PER LE FINANZE, LO SVILUPPO E L'ECONOMIA SEZIONE PER LO SVILUPPO E L'ECONOMIA www.rovinj.hr RAPPORTO SULLA DISOCCUPAZIONE NUMERO 65/2009

Dettagli

Collettivo selezionato: 1. COLLETTIVO INDAGATO. 2b. FORMAZIONE POST-LAUREA

Collettivo selezionato: 1. COLLETTIVO INDAGATO. 2b. FORMAZIONE POST-LAUREA : anno di indagine: 2011 anni dalla laurea: 3 tipo di corso: laurea specialistica Ateneo: Torino Facoltà: Psicologia gruppo disciplinare: psicologico classe di laurea: tutte corso di laurea: tutti Legenda:

Dettagli

4. INGRESSO NEL MERCATO DEL LAVORO

4. INGRESSO NEL MERCATO DEL LAVORO 1. COLLETTIVO INDAGATO Anno di indagine: 2011 - Anni dalla Laurea: 3 - Tipo di Corso: Laurea Specialistica - Facoltà: Economia Tra parentesi è indicato il codice MIUR della classe di laurea Numero di laureati

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

Il ruolo del chimico per la sicurezza ambientale

Il ruolo del chimico per la sicurezza ambientale ambientale di Piero Frediani * Ciampolini A. (a cura di). L innovazione per lo sviluppo locale ISBN 88-8453-362-7 (online) 2005 Firenze University Press Nell Anno Accademico 1996-97 l Università di Firenze

Dettagli

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro Pochi, molto qualificati e con performance occupazionali brillanti: l Indagine AlmaLaurea del 2015 fotografa

Dettagli

Le riforme adottate dalla Germania Rose Langer

Le riforme adottate dalla Germania Rose Langer PER UNA CRESCITA SOSTENIBILE: L APPROCCIO WELFARE TO WORK NEL QUADRO DELLE SFIDE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO Le riforme adottate dalla Germania Riforme del mercato del lavoro - Le riforme del mercato del

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 35 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario)

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) 2 L INPS a garanzia del Sistema di Welfare Il Rapporto annuale dell INPS descrive il ruolo e le attività dell Istituto, offrendo un immagine dettagliata della società italiana

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Domanda di partecipazione

Domanda di partecipazione Direzione Formazione Domanda di partecipazione (va rivolta a tutti i richiedenti) Richiesta di partecipazione e dati anagrafici...l... sottoscritto/a...... (Cognome Nome). Sesso M F nato/a a... (Comune)...

Dettagli

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 1

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 1 SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Rapporto annuale del Collocam ento Obbligatorio Anno 2 0 1 1 1 Gruppo di lavoro Ballardini Stefania De Caro Rosa Fariselli Mauro Graziani Alessandra

Dettagli

PROGRAMMA DI INCENTIVAZIONE DELLO SVILUPPO DELL'IMPRENDITORIALITÀ PER IL 2015. Articolo 1

PROGRAMMA DI INCENTIVAZIONE DELLO SVILUPPO DELL'IMPRENDITORIALITÀ PER IL 2015. Articolo 1 Ai sensi dell'art. 48 della Legge sull'autogoverno locale e regionale (Gazzetta ufficiale num. 33/01., 60/01., 129/05., 109/07., 125/08., 36/09., 150/11, 144/12. e 19/13) e dell'art. 67 dello Statuto della

Dettagli

Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia

Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia Note per la Stampa - Perugia 29 giugno 2015 - Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia II trimestre 2015 Presentati dal Presidente della Camera di Commercio di Perugia Giorgio Mencaroni i risultati

Dettagli

FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014

FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014 FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014 Caratteristiche generali: La Regione Sardegna, con Deliberazione di Giunta Regionale n. 53/61 del 4.12.2009, ha previsto

Dettagli

4 I LAUREATI E IL LAVORO

4 I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 30 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

SCHEDA IMPRENDITORIALE

SCHEDA IMPRENDITORIALE SCHEDA IMPRENDITORIALE A. INFORMAZIONI ANAGRAFICHE 1. Denominazione dell impresa: 2. Natura giuridica: Srl Snc Sas Spa Cooperativa altro (specificare): 3. Sede legale (Via/Piazza e numero civico, Comune,

Dettagli

Ufficio Stampa RIORDINO ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE

Ufficio Stampa RIORDINO ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE Ufficio Stampa RIORDINO ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE Roma, 28 maggio 2009 Finalmente con il riordino dell'istruzione tecnica e professionale, inizia oggi il processo di riforma della scuola secondaria.

Dettagli

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 0

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 0 SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Rapporto annuale del Collocam ento Obbligatorio Anno 2 1 dicembre 1 Gruppo di lavoro Ballardini Stefania De Caro Rosa Fariselli Mauro Graziani Alessandra

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Moving into the Future La professione dell Attuario

Moving into the Future La professione dell Attuario Moving into the Future La professione dell Attuario dott. Gian Paolo Clemente Milano, 9 Febbraio 2009 1 L attuario: chi è? L attuario è il matematico o lo statistico delle assicurazioni che studia le probabilità

Dettagli

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa Università degli Studi di Padova Servizio Stage e Mondo del Lavoro Occupazione e professionalità nelle imprese venete di consulenza amministrativa, fiscale, legale e notarile Progetto FSE Ob. 3 Mis. C1

Dettagli

Il Fondo Mutualistico di Legacoop

Il Fondo Mutualistico di Legacoop LA FINANZA E IL CREDITO IN COOPERAZIONE Il Fondo Mutualistico di Legacoop Aldo Soldi Direttore Generale Coopfond Parma, 6 marzo 2014 1 1 - Coopfond Coopfond è il Fondo mutualistico di Legacoop. E una S.p.A.

Dettagli

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Sono circa 10.000 in provincia di Bologna Sondaggio tra gli iscritti Cna: sono laureati e soddisfatti della loro autonomia Rivendicano

Dettagli

Promemoria relativo alle notifiche di licenziamenti collettivi o cessazione dell attività per motivi economici

Promemoria relativo alle notifiche di licenziamenti collettivi o cessazione dell attività per motivi economici telefono fax e-mail Ufficio giuridico Residenza governativa Piazza Governo 6501 Bellinzona 091 814 31 03 091 814 44 96 dfe-ug@ti.ch Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento delle finanze e dell'economia

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Risultati dell Indagine Excelsior realizzata dal sistema camerale sulla domanda di lavoro delle imprese per l anno 2010 Servizio Documentazione

Dettagli

BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI

BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI 1- Che cosa sono le Borse di Studio Turchia? - Le Borse di Studio Turchia sono le borse di studio pubbliche

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile PROVINCIA DI LIVORNO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile Premessa La Provincia promuove e finanzia interventi volti allo sviluppo di imprese giovanili

Dettagli

L. 25 FEBBRAIO 1992, N. 215 AZIONI POSITIVE PER L'IMPRENDITORIA FEMMINILE. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 7 marzo 1992, n. 56)

L. 25 FEBBRAIO 1992, N. 215 AZIONI POSITIVE PER L'IMPRENDITORIA FEMMINILE. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 7 marzo 1992, n. 56) L. 25 FEBBRAIO 1992, N. 215 AZIONI POSITIVE PER L'IMPRENDITORIA FEMMINILE. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 7 marzo 1992, n. 56) Art. 1. Principi generali. 1. La presente legge è diretta a promuovere l'uguaglianza

Dettagli

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Le iniziative della Regione Emilia- Romagna per l housing sociale Bologna 15 novembre 2012 Caterina Brancaleoni Nucleo

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

Domanda di partecipazione

Domanda di partecipazione Giunta Regionale-Direzione Formazione Domanda di partecipazione (va rivolta a tutti i richiedenti) Richiesta di partecipazione e dati anagrafici...l... sottoscritto/a...... (Cognome Nome). Sesso M F nato/a

Dettagli

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011 2013 II parte INTERVENTI testo approvato dalla Commissione provinciale per l impiego con deliberazione n. 373 del 26 luglio 2011 ed adottato dalla

Dettagli

Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate

Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate Servizio Politiche del Lavoro e Formazione Professionale Venerdì 4 Luglio 2008

Dettagli

PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO DEL MONTEPIANO REATINO INTESA di PROGRAMMA

PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO DEL MONTEPIANO REATINO INTESA di PROGRAMMA PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO DEL MONTEPIANO REATINO INTESA di PROGRAMMA Oggi 16 luglio 2007, presso l ex convento San Francesco di Labro si sono riuniti tutti i Soggetti partecipanti al Programma Integrato

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Riforma dell Istruzione tecnica e professionale La riforma dell'istruzione Tecnica e Professionale era attesa

Dettagli

Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015

Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015 Pisa, 18/12/2015 Indagine a cura del Responsabile Analisi Fabbisogni formativi (Dott.ssa Fabrizia Turchi) Indagine mercato del lavoro Laboratori ARCHA Srl Anno 2015 Oggetto dell indagine - Situazione neolaureati

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Viale Postumia, 37 37069 Villafranca di Verona (VR) Tel. 045/6304651 Fax 045/6300786 C.F. e P.IVA 02468430232

CARTA DEI SERVIZI. Viale Postumia, 37 37069 Villafranca di Verona (VR) Tel. 045/6304651 Fax 045/6300786 C.F. e P.IVA 02468430232 Iscritto all elenco regionale dei soggetti accreditati ai sensi dell art. 25 della Legge Regionale n. 3 del 13 marzo 2009 Disposizioni in materia di occupazione e mercato del lavoro Codice accreditamento:

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

DETTAGLI AFFILIAZIONE APE WWW.APE1.IT 1

DETTAGLI AFFILIAZIONE APE WWW.APE1.IT 1 DETTAGLI AFFILIAZIONE APE WWW.APE1.IT 1 Introduzione APE è un Marchio che contraddistingue una catena di agenzie in affiliazione, che si occupano di servizi per la ristrutturazione e la manutenzione di

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Come diventare imprenditore

Come diventare imprenditore REGNI M ODOETIA ITALIÆ SEDES EST M AGNI Come diventare imprenditore 4 Come diventare imprenditore 5 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 6 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 7 Il business

Dettagli

IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE. A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015)

IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE. A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015) IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015) Jobs Act non solo contratto a tutele crescenti, razionalizzazione delle tipologie contrattuali,

Dettagli

ACCEDERE ALLA FORMAZIONE PER LO SVILUPPO POSDRU/128/5.1/G/134978. Newsletter nr.1

ACCEDERE ALLA FORMAZIONE PER LO SVILUPPO POSDRU/128/5.1/G/134978. Newsletter nr.1 ACCEDERE ALLA FORMAZIONE PER LO SVILUPPO POSDRU/128/5.1/G/134978 Newsletter nr.1 Indice: Formazione professionale forma di riduzione della disoccupazione Progetto Accedere alla formazione per lo sviluppo

Dettagli

(sperimentazione dell art. 14 del D. Lgs. 10.09.03 n 276)

(sperimentazione dell art. 14 del D. Lgs. 10.09.03 n 276) CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO DI LAVORATORI DISABILI DEBOLI tra la Provincia di Savona e le Associazioni Datoriali, Sindacali e Cooperative della provincia di Savona (sperimentazione dell art. 14

Dettagli

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO I PRESTITI AGEVOLATI SONO DELLE FORME DI FINANZIAMENTO (

Dettagli

BILANCIO SOCIALE. Durante l'ultimo esercizio sono stati ammessi 97 nuovi soci. Al 31 dicembre 2012 i soci iscritti sono 1951.

BILANCIO SOCIALE. Durante l'ultimo esercizio sono stati ammessi 97 nuovi soci. Al 31 dicembre 2012 i soci iscritti sono 1951. BILANCIO SOCIALE Il BILANCIO SOCIALE, attraverso la pubblicazione dei risultati dell'attività sociale, rappresenta lo strumento che riconosce e legittima il ruolo mutualistico della Cassa Rurale verso

Dettagli

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari. Art.1

Scaricato da http://www.italiaoggi.it Tutti i diritti riservati ai legittimi titolari. Art.1 D i s c i p l i n a d e l l e c l a s s i d i l a u r e a t r i e n n a l i Art.1 1. Il presente decreto definisce, ai sensi dell'articolo 4 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270, le classi

Dettagli

Sintesi dei principali risultati 1

Sintesi dei principali risultati 1 Sintesi dei principali risultati 1 In quest indagine sul settore dei servizi per le imprese, sono state studiate imprese che svolgono servizi di ricerca, selezione e fornitura di personale; imprese di

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DELL INGEGNERIA AGRARIA

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DELL INGEGNERIA AGRARIA LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DELL INGEGNERIA AGRARIA Classe 77/S - Scienze e Tecnologie agrarie Coordinatore: prof. Pasquale Dal Sasso Tel. 0805442962; e-mail: dalsasso@agr.uniba.it Premessa In base

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Occupati in Lombardia! DOTE unica

Occupati in Lombardia! DOTE unica Occupati in Lombardia! DOTE unica lavoro Regione Lombardia, per rispondere alla difficile situazione sul fronte dell occupazione, ha creato un nuovo modello per le politiche attive per il lavoro: Dote

Dettagli

Riforma 2010 Scuola secondaria superiore Vademecum informativo per studenti e famiglie

Riforma 2010 Scuola secondaria superiore Vademecum informativo per studenti e famiglie Riforma 2010 Scuola secondaria superiore Vademecum informativo per studenti e famiglie A cura della Provincia MB Settore Istruzione 1 Il Consiglio dei Ministri ha approvato il 4 febbraio 2010 la nuova

Dettagli

Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage

Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage Lo stage è un esperienza di durata variabile in un azienda con l obiettivo di formare il lavoratore all attività per cui è

Dettagli

LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 LE NUOVE POLITICHE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE I MPRESE NELLA PROSPETTIVA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 \ OBIETTIVI TEMATICI (art.9 Reg.Generale) Interventi attivabili nel periodo 2014-2020 Grado

Dettagli

Articolo 1 (Principi generali)

Articolo 1 (Principi generali) L. 25-2-1992 n. 215 Azioni positive per l'imprenditoria femminile. Pubblicata nella Gazz. Uff. 7 marzo 1992, n. 56. Articolo 1 (Principi generali)... 1 Articolo 2 (Beneficiari)... 1 Articolo 3 (Fondo nazionale

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni L-35 3 anni sede UNICAM: Camerino crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.mat.it www.sst.unicam.it/sst/ Presentazione

Dettagli

Un salto nel passato delle politiche del lavoro?

Un salto nel passato delle politiche del lavoro? Un salto nel passato delle politiche del lavoro? L. 29 aprile 1949 n. 264 Provvedimenti in materia di avviamento al lavoro e di assistenza dei lavoratori involontariamente disoccupati Dopo periodo corporativo

Dettagli

Hai mai pensato di diventare

Hai mai pensato di diventare Hai mai pensato di diventare Collegati al sito WWW.TU-WELFARE.IT/DITUTTI Compila il modulo di manifestazione di interesse e inviaci il tuo curriculum Attendi l invito all incontro di presentazione del

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

Unioncamere: ingegneri carenti in Lombardia, Lazio in cerca di accompagnatori turistici, Veneto a caccia di scenografi e musicisti

Unioncamere: ingegneri carenti in Lombardia, Lazio in cerca di accompagnatori turistici, Veneto a caccia di scenografi e musicisti Comunicato stampa Unioncamere: ingegneri carenti in Lombardia, Lazio in cerca di accompagnatori turistici, Veneto a caccia di scenografi e musicisti In forte calo la difficoltà di reperimento nel 2014:

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

SISTEMA PREVIDENZIALE PER LA VECCHIAIA Scheda di lavoro

SISTEMA PREVIDENZIALE PER LA VECCHIAIA Scheda di lavoro Esercizio 1: Domande di controllo sul testo. a. A che età le persone attive sono obbligate a versare i contributi AVS? b. A che età i giovani che NON svolgono alcuna attività professionale devono pagare

Dettagli

DALLA RESILIENZA ALLO SVILUPPO

DALLA RESILIENZA ALLO SVILUPPO DALLA RESILIENZA ALLO SVILUPPO QUALE CONTRIBUTO DALLE NUOVE GENERAZIONI Introduzione del Presidente di Unioncamere Marche Ing. Adriano Federici IL QUADRO ECONOMICO DELLE MARCHE si ringrazia Demografia

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE (Sintesi dei dati raccolti da IBAN, con questionario on line, nel periodo 13 gennaio/25 marzo 2010) Variazione % Anno 2009 su 2008 Campione (di cui

Dettagli

Location Service. Contributi e agevolazioni.

Location Service. Contributi e agevolazioni. Location Service. Contributi e agevolazioni. 2 Agevolazioni e facilitazioni fiscali. La BLS offre una consulenza di base su tutte le agevolazioni concesse in Alto Adige, fornendo in formazioni sulle possibili

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 1260 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori DE CAROLIS e DUVA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 12 SETTEMBRE 1996 Norme

Dettagli

IL SERVIZIO DI INSERIMENTO LAVORATIVO di ANFFAS TRENTINO ONLUS. CONVEGNO NAZIONALE ANFFAS ONLUS Non discriminazione = pari opportunità

IL SERVIZIO DI INSERIMENTO LAVORATIVO di ANFFAS TRENTINO ONLUS. CONVEGNO NAZIONALE ANFFAS ONLUS Non discriminazione = pari opportunità IL SERVIZIO DI INSERIMENTO LAVORATIVO di ANFFAS TRENTINO ONLUS CONVEGNO NAZIONALE ANFFAS ONLUS Non discriminazione = pari opportunità Bologna, 20 ottobre 2007 Realizzazione delle pari opportunità Gli Stati

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province Unione regionale delle province del Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province PARTE PRIMA Il ruolo di coordinamento della Provincia Secondo Lei quanto è importante che la sua Provincia abbia

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007

NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007 NORME DI ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO DEL 23 LUGLIO 2007 Legge 247 del 24 dicembre 2007 Sommario LAVORO E AMMORTIZZATORI SOCIALI 1. Indennità di disoccupazione ordinaria e con requisiti ridotti. 2. Lavoro

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Nell anno accademico 2003/2004 i riminesi iscritti a Corsi di Laurea (vecchio e nuovo

Dettagli

Investire nella formazione

Investire nella formazione Repubblica e Cantone Ticino Investire nella formazione Concetto 2006 per la formazione dei Segretari comunali, dei Quadri dirigenti e dei Funzionari amministrativi Dipartimento dell educazione, della cultura

Dettagli

Agri Social Sud Agricoltura Sociale, Giovani, Solidarietà e Cooperazione a Sud

Agri Social Sud Agricoltura Sociale, Giovani, Solidarietà e Cooperazione a Sud Agri Social Sud Agricoltura Sociale, Giovani, Solidarietà e Cooperazione a Sud Progetti di Inclusione sociale e Inserimento lavorativo Sambuca di Sicilia (AG) 23 Marzo 2012 Presentazione Politiche e servizi

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione?

ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO STATISTICHE. Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO STATISTICHE Quale andamento ha il mercato del lavoro? Quali sono le previsioni di occupazione? Laureati La principali facoltà che preparano gli ADDETTI AL FRONT OFFICE

Dettagli