Avv.Simone Pillon Presidente Forum associazioni familiari Umbria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Avv.Simone Pillon Presidente Forum associazioni familiari Umbria"

Transcript

1 FORUM delle ASSOCIAZIONI FAMILIARI DELL UMBRIA Via Col di Tenda, PERUGIA FORUM delle ASSOCIAZIONI FAMIGLIE NAZIONALE LungoTevere dei Vallati, ROMA Tel Fax Avv.Simone Pillon Presidente Forum associazioni familiari Umbria PREFAZIONE Noi del Forum delle associazioni familiari dell Umbria con questo libro verde vogliamo offrire alle forze politiche, economiche e sociali della regione il nostro apporto con il dichiarato obbiettivo di giungere ad una piena e completa valorizzazione della famiglia così come prevista dalla nostra Costituzione, convinti che essa costituisca il perno insostituibile di ogni società serena, ordinata, prospera, coesa e solidale. Chi siamo Il Forum delle Associazioni familiari nasce a Roma nel 1992 e riunisce oltre 50 associazioni che si occupano di famiglia e si riconoscono nella dottrina sociale della Chiesa cattolica.

2 Quasi contemporaneamente nascono i Forum regionali, tra cui quello dell Umbria, che oggi riunisce oltre 25 associazioni. Ass. Genitori scuole cattoliche Consultorio La Dimora Ass. Famiglie numerose Ass. Leone XIII Ordine Francescano Secolare Rinnovamento nello Spirito Santo Centro Italiano femminile Azione Cattolica Sindacato delle famiglie Movimento ecclesiale impegno culturale Cammino Neocatecumenale Comunione e liberazione Ass. Famiglie Nuove Casa della Tenerezza ACLI Movimento per la vita Circolo Giorgio La Pira Coldiretti FIREU Comunità Magnificat Ass. Aquila fam. Affido ACRADU MOICA Associazione Genitori Pro Familia Casa Maria e Elisabetta Cosa abbiamo fatto Il nostro impegno negli ultimi anni ha portato ad alcuni risultati. Aprendo un focus sul solo periodo dal 2005 ad oggi possiamo ricordare: - la vittoria del referendum sulla legge 40/2004 che mirava tra l altro a consentire anche in Italia la fecondazione eterologa impedendo ai figli di conoscere i loro genitori naturali oppure l uso di embrioni umani per esperimenti. Anche il nostro Forum regionale diede in quell occasione il suo consistente contributo culturale intervenendo in numerosissimi dibattiti in cooperazione con Scienza e Vita. - il grande Family Day del 15 maggio 2007 a Roma in Piazza San Giovanni in difesa della famiglia fondata sul matrimonio. Dall Umbria partirono con il Forum oltre 7000 persone (fu necessario organizzare 5 treni speciali e numerosissimi pullman da tutta la regione). Anche in quell occasione fu prezioso per il nostro Paese riaffermare la strategica attualità dell art. 29 della Costituzione repubblicana. - Il Family Day regionale del 15 giugno 2008 a Perugia, con oltre 6000 persone in piazza a far festa per mostrare alla nostra regione quanto son belle le famiglie - la proposta popolare di legge regionale sulla famiglia, del , appoggiata da quasi firme e poi confluita con non trascurabili modifiche nella legge regionale 13/ La prima conferenza regionale sulla famiglia del settembre 2010, con la partecipazione del sottosegretario alla famiglia e, per la prima volta della vicepresidente regionale con delega alle politiche familiari - I manifesti politici pubblicati dal Forum in occasione delle elezioni politiche del 2006, del 2008 e di quelle regionali del 2010 e amministrative del 2011 che hanno raccolto moltissime adesioni tra i candidati e gli eletti - Le convenzioni stipulate con 4 comuni della regione Umbria Passignano, Montefalco, Baschi e Massa Martana, per promuovere politche familiari a livello locale. Si tratta di progetti pilota, per larga parte ancora da attuare e che tuttavia hanno consentito alle istituzioni di poter incontrare l associazionismo familiare sul terreno del fare insieme. L esperienza fino ad oggi più fruttuosa è stata quella con Montefalco e la Scuola per genitori promossa dall AGESC. - Il progetto culturale Tobia che ha portato nel giugno 2011 nella centralissima piazza 4 novembre di Perugia un Tir carico di libri, divenuto durante la settimana anche sede di conferenze, incontri e dibattiti sul tema della famiglia

3 Qualche volta al nostro impegno non sono apparentemente corrisposti risultati sul piano politico, ma siamo convinti che la nostra testimonianza abbia comunque seminato nelle coscienze un germe che prima o poi darà il suo frutto. Pensiamo ad esempio: - alla campagna per la dispensazione della pillola abortiva RU486 in ricovero ordinario - al dibattito sull istituzione del registro delle coppie di fatto nel comune di Perugia al dibattito sull istituzione del registro dei testamenti biologici presso il comune di Perugia, - al dibattito sul regolamento attuativo della legge 13/2010 che avevamo chiesto proponesse interventi strutturali e non a pioggia e soprattutto che non prevedesse l inesistente categoria delle famiglie unipersonali, Il quadro nazionale L impegno non dissimile al nostro da parte degli altri diciannove Forum regionali ha portato in questi anni ad accumulare un patrimonio di know how che specialmente nei territori ove è stato possibile costruire buone collaborazioni tra le istituzioni e i Forum locali ha dato abbondanti frutti di best practice aiutando a ideare e a consolidare politiche familiari all avanguardia nel mondo. Stiamo pensando all esempio di Parma, vera e propria città a misura di famiglia dove da anni ogni politica comunale è accuratamente pesata nel suo impatto con la famiglia, oppure a Roma, Alessandria, al Trentino, ma anche a realtà più piccole quali Castelnuovo del Garda. Sempre più spesso i dirigenti locali dei Forum vengono cooptati dalle amministrazioni locali quali tecnici con l esplicito incarico di contribuire allo start up di autentiche politiche per la famiglia; così è successo a Roma, dove il presidente del Forum regionale del Lazio Luigi De Palo è stato scelto quale assessore alla famiglia, oppure a Lecce dove la presidente del Forum salentino è stata nominata vicesindaco della città con delega alla famiglia. Nel Trentino la provincia autonoma ha assegnato al Forum il compito di gestire lo sportello provinciale della famiglia, con importanti implicazioni in termini di politiche familiari, sociali e più in generale di welfare. Stiamo assistendo ad una piccola ma significativa rivoluzione dal basso, in cui sempre più spesso i comuni e le regioni, emanazioni dello Stato più vicine ai cittadini, si rendono conto di ciò che lo Stato centrale sembra fatichi a comprendere, e cioè che il sostegno e la promozione della famiglia non sono una spesa ma un redditizio investimento, capace di generare nel tempo una solida rete sociale e di valorizzare quel capitale umano di cui il nostro Paese ha disperatamente bisogno per uscire dalla crisi antropologica e valoriale prima che economica in cui versa. La questione antropologica Nella nostra regione esperienze come quelle ora descritte hanno stentato a decollare. Uno dei problemi che sono emersi in questi anni è stato certamente quello del prevalere di alcune posizioni ideologiche rispetto alla concreta utilità sociale di quanto proposto dal Forum. Alcuni esponenti politici hanno stentato ad accogliere le proposte del Forum, erroneamente lette come tradizionaliste o conservatrici. Secondo alcuni di questi non varrebbe neppur la pena di investire sulla famiglia, visto che si tratta di un modello sociale ormai destinato ad essere sostituito da relazioni più leggere. In effetti nelle società occidentali più avanzate, a fronte dell aumento di separazioni e divorzi, stanno sempre più prendendo piede modelli pseudo-familiari di convivenze poco impegnative, segnati tra l altro da una bassissima fertilità e da una durata assai limitata nel tempo. Per citarne alcuni possiamo ricordare i matrimoni a termine proposti in alcuni paesi del Nord Europa, oppure le convivenze more uxorio, le coppie DINK (Dual income no kids) formate da due persone che scelgono di convivere, di condividere i due stipendi e di non avere figli. Oppure al limite le coppie LAT (live apart togheter) in cui ciascuno dei due, dopo l incontro, torna a dormire a casa sua in una sorta di attempato fidanzamento sessuato. Molti, e molto più autorevoli, hanno proposto riflessioni assai interessanti sulle cause di questa difficoltà che gli uomini e le donne del nostro tempo manifestano nel campo delle relazioni familiari. La solitudine della coppia, l esacerbata conflittualità tra i due sessi, la paura della sofferenza e del fallimento, una certa immaturità affettiva, stili di vita e modelli sempre più individualizzanti, modelli edonistici e, forse non ultime, le difficoltà economiche, stanno via via generando un disimpegno e un diminuito investimento in beni relazionali primari, quali appunto sono le relazioni endofamiliari. Si potrebbe discutere a lungo sulle cause di tale fenomeno; molto meno tuttavia si può discutere in ordine agli effetti provocati da tale frammentazione della società e dalla penuria generalizzata di beni relazionali : i primi a far le spese del crollo della famiglia sono come sempre i più deboli: minori, anziani,

4 disabili, donne pagano spesso un prezzo inaccettabile e proprio in quelle società sedicenti avanzate dove si pensava di aver risolto ogni problema con la socialdemocrazia. I key children (ragazzini buttati fuori di casa la mattina e lasciati sulla strada fino a sera), i ninos de rua, le tossicodipendenze, il disagio giovanile, il pauroso tasso di abortività tra le minorenni, il consumo spropositato di droghe, l alcoolismo, l abbandono scolastico, gli anziani soli, gli homeless, la povertà, i pesanti tassi di suicidio e la stessa crisi economica sono solo alcuni degli effetti di una società in cui ciascuno è abituato fin da piccolo a pensare solo a sé stesso. Se dunque un albero si giudica dai frutti, la diluizione della famiglia è da annoverare tra le malerbe. Del resto nessuno augura a due innamorati di lasciarsi, ma al contrario di stare insieme per sempre, né a una madre di abortire, né a una coppia di non avere figli. Talvolta questo succede, ma noi ci sentiamo di aggiungere purtroppo succede. Viene allora da chiedersi se l avanzare di forme liquide di convivenza sia un bene o un potenziale pericolo per il nostro tessuto sociale, e ancora, se sia un fenomeno ineluttabile ovvero una contingenza da superare. Noi siamo persuasi che la famiglia naturale sia ancor oggi il migliore dei modelli relazionali e che vada pertanto sostenuto e favorito, perché ciò che è bene per la famiglia è bene per la società. Questo, sia ben chiaro, senza formulare alcun giudizio su chi liberamente sceglie una strada diversa. E tuttavia un fatto innegabile che non tutte le scelte, sia pur legittime, hanno uguale valore. Si pensi a chi decida di farsi una vacanza e lo si paragoni a chi, con la stessa somma, decida di fare del bene ai poveri. Pur nella assoluta legittimità di entrambe le scelte, l una è espressione di auto-appagamento, l altra di solidarietà. Sarebbe assurdo che la mano pubblica si comportasse nello stesso modo: infatti com è giusto la solidarietà è sostenuta pubblicamente ad esempio con esenzioni fiscali. Lo stesso ragionamento può essere applicato all ambito familiare: non è la stessa cosa impegnarsi coraggiosamente a tempo indeterminato ovvero mantenere il precariato nell affetto familiare; non è la stessa cosa vivere tenendo tutto per sé ovvero condividendo i propri guadagni, il proprio tempo, la propria vita con il coniuge, i figli, i genitori anziani La situazione in Umbria Anche in Umbria seguendo il trend europeo - si assiste ad una diffusa denatalità e a un aumento del tasso di separazioni e divorzi oltre che ad un incremento delle convivenze more uxorio. Qualche dato per comprendere La natalità naturale porterebbe a un saldo passivo pari al -2,2% ogni anno, compensato dalla migrazione che peraltro si è dimezzata negli ultimi tre anni. Anno Popolazione Media Natalità Mortalità Crescita Naturale Migratorio Totale Crescita Totale ,1 11,0-1,9 15,0 13, ,3 11,5-2,2 13,2 11, ,8 11,0-2,2 9,5 7, ,8 11,0-2,2 8,5 6,3 L età media è avanzatissima (oltre 44 anni) e un quarto della popolazione è ormai sopra i 65 anni Anno % 0-14 % % 65+ Abitanti Indice Vecchiaia Età Media ,6% 64,1% 23,4% ,9% 44, ,6% 64,1% 23,2% ,6% 44, ,7% 64,1% 23,2% ,7% 44, ,8% 64,0% 23,1% ,5% 44,6

5 ,9% 64,0% 23,1% ,8% 44,7 Il numero famiglie (2010) era pari a Tale dato empirico è da considerarsi relativo alle c.d. famiglie anagrafiche che comprendono anche persone single. In ogni caso si nota che il numero dei componenti del nucleo familiare è in media di poco superiore a due. Anno Residenti Variazione Famiglie Componenti per Famiglia %Maschi ,3% ,46 48,3% ,1% ,43 48,2% ,7% ,41 48,2% ,6% ,39 48,1% Si nota un incremento dei divorzi, anche se la regione mantiene un altissima percentuale di persone coniugate (il 51% degli umbri sono coniugati), superiore a quella di tutte le altre regioni d Italia ad eccezione dell Abruzzo. Anno Celibi/N ubili Coniugati/e Divorziati/e Vedovi/e Totale %Coniugati /e %Divorziati/e ,8% 1,5% ,4% 1,6% ,0% 1,7% ,5% 1,8% ,0% 1,9% Non sono stati rintracciati dati specifici riguardo le unioni di fatto ma il dato spurio ISTAT per il centro Italia (ricomprendente Roma che sposta notevolmente le medie) si attesta non più di 13 persone su 100, dato che ricomprende tuttavia anche le convivenze pre-matrimoniali poi confluite nel matrimonio. (ISTAT come cambiano le forme familiari Tav. 1). Se dunque si esaminano questi stessi dati con una serena oggettività non si può non notare che a fronte del rumoroso incremento delle patologie endofamiliari e delle forme di convivenza pseudofamiliari permane una larghissima maggioranza silenziosa, costituita dalle famiglie stabili, fondate su legami di coniugio, parentela o affinità (legame intercorrente tra un coniuge e i parenti dell altro, es. nuora e suocera) e naturalmente aperte alla accoglienza. In altre parole LA FAMIGLIA FONDATA SUL MATRIMONIO TIENE e fornisce un insostituibile apporto al bene comune. Sono proprio questi mariti e queste mogli, questi padri e queste madri, questi nonni e queste nonne, questi figli e queste figlie - sempre più spesso lasciati soli dalla mano pubblica a mantenere vivo e coeso il tessuto sociale della nostra regione. La vera crisi, il vero baratro che ci si apre davanti è semmai quello della denatalità, del demographic winter che attanaglia sempre più anche la nostra regione, tra le ultime in Italia per natalità e tra le prime per abortività. Eppure il divario tra figli desiderati e figli generati è sempre consistente, segno che le famiglie vorrebbero accogliere più figli ma non riescono a farlo, vuoi per ragioni economiche, vuoi per ragioni sociali.

6 La stessa Agenzia regionale di ricerca dell Umbria (AUR) in un lavoro del 2011 titolato Umbria di genere riconosce che dalle statistiche umbre emerge un impianto più tradizionale del nucleo familiare e delle sue cadenze, segno di legami che tengono di più, ma che se lasciati senza supporto rischiano di generare carichi di difficoltà, di stress e anche di violenza. Ecco perché incoraggiare e sostenere le coppie che decidono di impegnarsi pubblicamente alla reciproca fedeltà nella buona e nella cattiva sorte, nella salute e nella malattia, supportare la generosità di chi si apre alla vita e all accoglienza di figli, anziani, disabili non è una spesa ma il migliore degli investimenti che la nostra regione possa fare. Obbiettivi Per centrare questo obbiettivo però è necessaria una nuova alleanza per la famiglia che coinvolga regione, comuni,, corpi sociali, associazioni e famiglie per raccogliere anche nella nostra regione - quei frutti di solidarietà e di coesione sociale che già stanno germogliando in altre realtà locali. Non possiamo più aspettare: in Umbria la crisi economica, la fortissima denatalità e il progressivo invecchiamento della popolazione sono ormai a livelli catastrofici ed è urgente un capovolgimento di prospettiva. Chiediamo e offriamo di collaborare e di cooperare con lealtà, senza ideologie e strumentalizzazioni politiche e partitiche, ponendo al centro il bene comune della nostra regione. La strada è stata in buona misura già tracciata con la legge regionale sulla famiglia n. 13/2010, rimasta tuttavia in lòarga parte lettera morta. Si pensi alle coraggiose statuizioni in ordine alla libertà di scelta educativa delle famiglie mediante i buoni scuola (art. 10), oppure agli artt. 3 e 9 sul sostegno alle giovani coppie che intendano contrarre matrimonio, oppure ancora agli artt. 11, 13 e 14 sull armonizzazione lavoro-famiglia, e sul sostegno alla genitorialità, tutte norme approvate, entrate in vigore ma lasciate ingiustificatamente prive di finanziamenti. E dunque necessario riprendere la legge 13/2010 e rifinanziarla in maniera strutturale concertando tutti gli interventi che abbiano ricadute sulla famiglia con l associazionismo familiare. E inoltre auspicabile aggiungere le parti che pur presenti nella originaria proposta di legge popolare sono state stralciate in aula: prima tra tutte quella riguardante un concreto e fattivo sostegno alla VITA NASCENTE, quella relativa al FISCO A MISURA DI FAMIGLIA (c.d. fattore famiglia ),e quella relativa alla V.I.F. (obbligo di una preventiva valutazione di impatto familiare di ogni provvedimento regionale provinciale e comunale), quella relativa al sostegno alle coppie in crisi coniugale mediante percorsi di consulenza e di mediazione. Per garantire la necessaria osmosi tra la società civile e le istituzioni è inoltre prezioso prevedere l istituzione di una consulta regionale e di consulte comunali che riuniscano l associazionismo familiare. Siamo come sempre - aperti a dialogare con chiunque e ad offrire il nostro fattivo contributo, primo tra tutti costituito da questo Libro Verde: non vuole certo essere un libro dei sogni ma un book aperto ricco di proposte, di idee e di buone pratiche che contribuiscano si spera non ad alimentare inutili polemiche ma a far fiorire il bene comune in un clima di rinnovata fiducia e collaborazione. Per ogni ambito lasciamo ora spazio ai tecnici e alle proposte delle singole associazioni in base alle specifiche mission. Buona lettura.

LIBRO VERDE DELLA FAMIGLIA UMBRIA 2012. Copertina e impaginazione di Massimiliano Tortoioli

LIBRO VERDE DELLA FAMIGLIA UMBRIA 2012. Copertina e impaginazione di Massimiliano Tortoioli LIBRO LIBRO VERDE VERDE DELLA DELLA FAMIGLIA FAMIGLIA UMBRIA UMBRIA 2012 2012 LIBRO VERDE DELLA FAMIGLIA UMBRIA 2012 Copertina e impaginazione di Massimiliano Tortoioli prima edizione Dicembre 2013 1 INDICE

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Separazioni, divorzi e servizi di mediazione familiare Enrico Moretti Statistico, Istituto degli Innocenti di Firenze ATTI DEL CICLO DI INCONTRI

Dettagli

- Il contesto delle politiche - IL CONTESTO DELLE POLITICHE

- Il contesto delle politiche - IL CONTESTO DELLE POLITICHE IL CONTESTO DELLE POLITICHE Quadro demografico La distribuzione della popolazione sul territorio regionale non é omogenea: il 28,7% della popolazione si concentra nel capoluogo di Aosta, unico comune ad

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE DEI C.A.V. E DEI M.P.V. UMBRI APPELLO A TUTTI I CANDIDATI ALLE ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE UMBRO

FEDERAZIONE REGIONALE DEI C.A.V. E DEI M.P.V. UMBRI APPELLO A TUTTI I CANDIDATI ALLE ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE UMBRO FEDERAZIONE REGIONALE DEI C.A.V. E DEI M.P.V. UMBRI APPELLO A TUTTI I CANDIDATI ALLE ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE UMBRO Chi ha a cuore il bene comune della Regione in cui vive quando

Dettagli

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD DIETRO IL FILO - 9 maggio 2012 1 Lo scopo della ricerca è è quello delle EMOZIONI, delle PERCEZIONI, dei SENTIMENTI; dimensioni difficili da comunicare.

Dettagli

LE FAMIGLIE RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI TRIESTE

LE FAMIGLIE RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI TRIESTE Assessorato alle Politiche Giovanili, Politiche Sociali ed Immigrazione, Promozione del Volontariato ed dell'associazionismo, Politiche della disabilità, Politiche di Pace e Legalità LE FAMIGLIE RESIDENTI

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

SINDACATO DELLE FAMIGLIE

SINDACATO DELLE FAMIGLIE Roma, 19 febbraio 2015 SINDACATO DELLE FAMIGLIE Audizione presso la Commissione Giustizia del Senato nell'ambito dell'esame dei disegni di legge nn. 14 e connessi in materia di disciplina delle coppie

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio politiche sociali e abitative LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI MEDIAZIONE FAMILIARE

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio politiche sociali e abitative LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI MEDIAZIONE FAMILIARE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio politiche sociali e abitative LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI Luglio 2009 Rev. 1 luglio 2009 2 di 11 INDICE PREMESSA PAG. 3 QUADRO NORMATIVO PAG.

Dettagli

Quando la famiglia raddoppia

Quando la famiglia raddoppia AI PADRI, ALLE MADRI, AI FIGLI Quando la famiglia raddoppia Guida INFORMATIVA alla separazione non più coniugi.. ma sempre genitori a cura di FABIO BARZAGLI NETWORK EDUCATIVO PATERNITA.INFO www.paternita.info

Dettagli

Le politiche sociali oggi: riflessioni e proposte delle Regioni

Le politiche sociali oggi: riflessioni e proposte delle Regioni www.regioni.it Le politiche sociali oggi: riflessioni e proposte delle Regioni 1. IL QUADRO SOCIO-ECONOMICO Confindustria prevede crescita 0 ; OCSE indica una disoccupazione giovanile al 28%; Gli organismi

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO SINTESI ORIENTAMENTI CONGRESSUALI 2016 NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO È la 25 volta che gli Aclisti si riuniscono in congresso: un occasione per ascoltarci e parlare tra noi, percorrere

Dettagli

Parentela e reti di solidarietà

Parentela e reti di solidarietà 10 ottobre 2006 Parentela e reti di solidarietà Il volume Parentela e reti di solidarietà presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel novembre 2003 su un campione

Dettagli

PiÙ FAMIGLIA. Ciò che è bene per la famiglia è bene per il Paese

PiÙ FAMIGLIA. Ciò che è bene per la famiglia è bene per il Paese PiÙ FAMIGLIA Ciò che è bene per la famiglia è bene per il Paese La famiglia è un bene umano fondamentale dal quale dipendono l identità e il futuro delle persone e della comunità sociale. Solo nella famiglia

Dettagli

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti Le famiglie di Udine raccontate dai numeri 1. Premessa Nel linguaggio comune il concetto di Famiglia è da sempre legato all esistenza di un nucleo di persone unite da legami di natura specifica, quali

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione Il gruppo di lavoro assegnatario del tema famiglia ed immigrazione si è riunito per due volte, in data 24 maggio ed

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio*

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* Per arrivare a comprendere le cause e il contesto di una crisi coniugale, è indispensabile capire anzitutto che l equilibrio della relazione di

Dettagli

LA MEDIAZIONE FAMILIARE

LA MEDIAZIONE FAMILIARE LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nel corso dell ultimo decennio, in Italia, si è organizzato un movimento di opinione con lo scopo di promuovere con un approccio conciliativo e sull esempio di esperienze internazionali

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI. ANNO 2009 1 Indice delle tavole statistiche 1. I pendolari della famiglia Prospetto 1.1 Tavola 1.1 Tavola 1.2 Tavola 1.3 Tavola 1.4 Tavola 1.5 Tavola 1.6 motivo, durata media

Dettagli

La raccolta dati e le mappe. dott. Viana Luciano, psicologo, Novara

La raccolta dati e le mappe. dott. Viana Luciano, psicologo, Novara La raccolta dati e le mappe. OGNI EQUIPE CONCORDA QUALI SONO I DATI DA RACCOGLIERE. UN ESEMPIO. Oltre l invio, la motivazione e presentazione di sé e del contesto. Raccolta dei dati anagrafici, i problemi

Dettagli

LA CRISI DELLA GENITORIALITÁ. IL CASO DEI PADRI SEPARATI

LA CRISI DELLA GENITORIALITÁ. IL CASO DEI PADRI SEPARATI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI TESI DI LAUREA LA CRISI DELLA GENITORIALITÁ. IL CASO DEI PADRI SEPARATI

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 Natalità in ripresa Mortalità stazionaria Immigrazione in aumento Giovani (0-14) in aumento Giovani (25-35) in diminuzione I giovani

Dettagli

Psicologia e Giustizia Anno VI, numero 2 Luglio Dicembre 2005 IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO

Psicologia e Giustizia Anno VI, numero 2 Luglio Dicembre 2005 IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO SCIENZE PSICO-SOCIALI E AFFIDAMENTO DEI FIGLI IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO GIUDICE DEL TRIBUNALE DI MILANO SILVANA D ANTONA Pur avendo maturato esperienza in materia di diritto di famiglia solo da

Dettagli

LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI

LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/110/CRFS/C8 LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI 1. IL QUADRO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA: Confindustria

Dettagli

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana Famiglie La società pratese negli ultimi anni è stata sottoposta a profonde trasformazioni; la prima struttura sociale a subire delle modificazioni è la famiglia, che tende a ridurre le sue dimensioni

Dettagli

Nel 1987. Associazione GeA - Genitori Ancora

Nel 1987. Associazione GeA - Genitori Ancora Nel 1987 è stata fondata l Associazione GeA - Genitori Ancora l associazione a sostegno di genitori e figli che ha introdotto in Italia la conoscenza e la pratica della mediazione familiare per prevenire

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione

L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione Cinque dei principi basilari introdotti analizzati secondo quattro chiavi di lettura: 1) il dettato normativo,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) Servizio Civile Nazionale Provincia di Foggia SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PROVINCIA DI FOGGIA Piazza XX Settembre

Dettagli

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE Le famiglie di fronte alla disabilità La situazione di disabilità viene vissuta come inaccettabile o, per meglio dire, come un lutto familiare. (Dell

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2014 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro del Dipartimento Programmazione coordinato dal Capo Dipartimento

Dettagli

Le relazioni scuola-famiglia nella crisi famigliare LE NUOVE FAMIGLIE. Dott.ssa Federica Scarian Pedagogista giuridica. Predazzo, 9-13 marzo 2015

Le relazioni scuola-famiglia nella crisi famigliare LE NUOVE FAMIGLIE. Dott.ssa Federica Scarian Pedagogista giuridica. Predazzo, 9-13 marzo 2015 Le relazioni scuola-famiglia nella crisi famigliare LE NUOVE FAMIGLIE Dott.ssa Federica Scarian Pedagogista giuridica Predazzo, 9-13 marzo 2015 Contesto: Le nuove famiglie Calo e posticipazione dei matrimoni

Dettagli

MANIFESTO dei Gruppi di Volontariato Vincenziano di Milano - AIC Italia (versione analitica) I principi fondamentali

MANIFESTO dei Gruppi di Volontariato Vincenziano di Milano - AIC Italia (versione analitica) I principi fondamentali MANIFESTO dei Gruppi di Volontariato Vincenziano di Milano - AIC Italia (versione analitica) I principi fondamentali La nostra identità si basa sulla coerenza con il progetto fondamentale di San Vincenzo

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare VERSIONE PROVVISORIA Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda

Dettagli

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA *

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA * Intergenerational Solidarity, Welfare and Human Ecology Pontifical Academy of Social Sciences, Acta 10, Vatican City 2004 www.pass.va/content/dam/scienzesociali/pdf/acta10/acta10-conclusioni.pdf CONCLUSIONI

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Provincia di Trieste Area Servizi

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in Servizio Sociale sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Lezione n. 3 Prof. ssa Elisabetta Donati 1 La famiglia: problemi di analisi comparata Diverse definizioni

Dettagli

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE Denominazione del progetto: Genitori in controtendenza: accogliere i bambini e camminare con le famiglie 1. Tipologia del progetto

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 Dopo la separazione: affidamento dei figli e madri sole Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 1 L affidamento dei figli: a

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

Le sfide nella relazione di coppia oggi: alcuni spunti di riflessione. DONATELLA BRAMANTI 14 giugno 2014

Le sfide nella relazione di coppia oggi: alcuni spunti di riflessione. DONATELLA BRAMANTI 14 giugno 2014 Le sfide nella relazione di coppia oggi: alcuni spunti di riflessione DONATELLA BRAMANTI 14 giugno 2014 EMERGENZA COPPIA Oggi assistiamo ad una emergenza coppia: si registra una notevole difficoltà a fare

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli RELAZIONE ILLUSTRATIVA Secondo le rilevazioni statistiche, la rottura dei legami familiari è un fenomeno sociale che

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO Nell ultimo incontro ci siamo lasciati con l esortazione dei genitori di Anna rivolta a Tobi: Davanti al Signore ti affido mia figlia in

Dettagli

Politiche familiari: ruolo degli attori territoriali e dell autorità centrale

Politiche familiari: ruolo degli attori territoriali e dell autorità centrale Politiche familiari: ruolo degli attori territoriali e dell autorità centrale Rosita d Angiolella Comitato tecnico Scientifico Osservatorio Famiglia Festival della Famiglia Riva del Garda Politiche familiari

Dettagli

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti

La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti La solidarietà tra famiglie una risposta possibile ai bisogni emergenti Difficoltà nel contesto culturale Conciliazione dei tempi di cura con i tempi lavorativi Debolezza e frammentazioni delle reti relazionali

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

ASPETTO RITENUTO DEBOLE CRITICITA RILEVATE - CAUSE SOLUZIONI adottate..

ASPETTO RITENUTO DEBOLE CRITICITA RILEVATE - CAUSE SOLUZIONI adottate.. CONTRIBUTO CONSORZIO SOLIDARIETà SOCIALE di PARMA e delle sue cooperative sociali BOTTEGA DEL POSSIBILE RICERCA CENTRI DIURNI Alcuni elementi di premessa: Il Consorzio Solidarietà Sociale comprende 36

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS TU SEI MIO FIGLIO

ASSOCIAZIONE ONLUS TU SEI MIO FIGLIO PROFILO DELL UTENZA E opportuno premettere che sono stati raccolti i dati relativi a 63 persone/famiglie, che si sono rivolte all associazione da fine 2009 ad oggi. Per alcune di queste, ai fini di fornire

Dettagli

SAVONA - CENSIMENTO 2001

SAVONA - CENSIMENTO 2001 Popolazione residente 59.97 Popolazione residente in famiglia 59.37 Popolazione residente in Convivenza 6 Popolazione residente straniera 1.66 Famiglie 27.831 Nuclei familiari 17.594 Convivenze con almeno

Dettagli

IL RICORSO ALLA MEDIAZIONE FAMILIARE NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE GIUDIZIALE

IL RICORSO ALLA MEDIAZIONE FAMILIARE NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE GIUDIZIALE Riassunto IL RICORSO ALLA MEDIAZIONE FAMILIARE NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE GIUDIZIALE Anna Bertoni Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano Questa ricerca ha voluto verificare se e in quali condizioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MUSSOLINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MUSSOLINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4405 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MUSSOLINI Disciplina della convivenza familiare e norme in materia di filiazione e di successione

Dettagli

1) Bambini, ragazzi e popolazione. Popolazione residente maggiorenne e minorenne all 1.1 Anno. 0-17 anni 18 e più v.a. % v.a. %

1) Bambini, ragazzi e popolazione. Popolazione residente maggiorenne e minorenne all 1.1 Anno. 0-17 anni 18 e più v.a. % v.a. % Bozza relazione seminario Essere Genitori 28 novembre 2011 di Alessandro Finelli Osservatorio per l infanzia e l adolescenza Regione Emilia-Romagna In collaborazione con: Simona Massaro Antonio Zacchia

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233 Coordinamento Nazionale Servizi Affidi Affido Adolescenti Premesse Il Coordinamento Nazionale Servizi Affido offre un documento relativo al tema dell affido familiare di adolescenti, già confrontato e

Dettagli

CENTRO DI MEDIAZIONE FAMILIARE

CENTRO DI MEDIAZIONE FAMILIARE CENTRO DI MEDIAZIONE FAMILIARE Direzione Sociale Servizio Famiglia Infanzia Eta Evolutiva Via Paganini n.1 Brescia - 030 320835 / 310115 CHE COS E IL CENTRO DI MEDIAZIONE FAMILIARE Il centro di Mediazione

Dettagli

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Corso finanziato dalla Provincia di Torino SEMINARIO IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Storia e prospettive dell affidamento di bambini piccolissimi Considerazioni e questioni aperte, a partire

Dettagli

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita OSSERVATORIO NINNA HO Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita - OSSERVATORIO NINNA HO Il Progetto ninna ho, voluto dalla

Dettagli

proposta di legge n. 165

proposta di legge n. 165 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 165 a iniziativa del Consigliere BUGARO presentata in data 10 aprile 2007 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LA VALORIZZAZIONE DELLE FAMIGLIE MARCHIGIANE

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel

La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel Il Tutore volontario... quasi un Microgarante Tutela e protezione La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel diritto romano. In generale, nella

Dettagli

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia.

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia. Meno matrimoni In Italia ha sempre ricoperto un ruolo decisivo nel sistema di protezione sociale la rete di welfare familiare. Anche nell ambito della famiglia registriamo dinamiche demografiche, sociali

Dettagli

POCHE MA ONESTE RIFLESSIONI SULLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI AFFILIATE ALLE ACLI DI PADOVA

POCHE MA ONESTE RIFLESSIONI SULLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI AFFILIATE ALLE ACLI DI PADOVA POCHE MA ONESTE RIFLESSIONI SULLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI AFFILIATE ALLE ACLI DI PADOVA Le Acli di Padova hanno una rete di 22 associazioni di famiglie che promuovono servizi per l infanzia e la famiglia.

Dettagli

Istituto Comprensivo «G. Verga»-Viagrande. Dirigente Scolastico Lucia Palazzo. Insieme si può

Istituto Comprensivo «G. Verga»-Viagrande. Dirigente Scolastico Lucia Palazzo. Insieme si può Istituto Comprensivo «G. Verga»-Viagrande Dirigente Scolastico Lucia Palazzo Insieme si può L Istituzione scolastica ha proposto l incontro con la Cooperativa sociale Promozione di Acireale per promuovere

Dettagli

La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino

La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino Premessa AiBi - Amici dei Bambini è un Organizzazione Umanitaria Internazionale costituita il 21 gennaio 1986, i cui principi ispiratori nascono

Dettagli

RELAZIONE NUMERO VERDE 2013

RELAZIONE NUMERO VERDE 2013 RELAZIONE NUMERO VERDE 2013 L Associazione Acmid donna Onlus dirigendo il progetto MAI PIU SOLA che ha compiuto 6 anni di attività intensa per l assistenza di donne vittime di tutti i tipi di violenza,

Dettagli

principale del gruppo è

principale del gruppo è Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare e Vita I GRUPPI FAMIGLIA PARROCCHIALI luogo di crescita nella fede e nella spiritualità propria dello stato coniugale; momento di apertura alla vita parrocchiale

Dettagli

Lidia e Rolando Lidia aveva appena 15 anni quando ha conosciuto Rolando, che di anni ne aveva 21. Rolando era un appassionato giocatore di calcio e lei una tifosa, si sono incontrati dunque ad un campo

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati 21 agosto 2006 La vita di coppia Il volume La vita di coppia presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel Novembre 2003 su un campione di oltre 19 mila famiglie

Dettagli

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE AMBITO TERRRITORIALE VALLE SERIANA Comuni di Albino, Alzano Lombardo, Aviatico, Casnigo, Cazzano S.A., Cene, Colzate, Fiorano al Serio, Gandino, Gazzaniga, Leffe, Nembro,

Dettagli

Scheda progettuale DGR 1098 del 28/6/2013 (Ambito Provincia di Rovigo)

Scheda progettuale DGR 1098 del 28/6/2013 (Ambito Provincia di Rovigo) Allegato B SOS. Dpt Consultorio Familiare, Tutela Minori ed Adolescenza Tel. 0425/393752 Fax 0425/393739 La Responsabile: Dott.ssa Silvana Milanese fam.inf.ado@azisanrovigo.it Scheda progettuale DGR 1098

Dettagli

ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane casa di accoglienza

ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane casa di accoglienza ssociazione Cattolica internazionale al servizio della giovane (PROTEZIONE DELLA GIOVANE) COMITATO DI PARMA casa di accoglienza L accoglienza è un modo di amare: solo chi ama sa accogliere 2 L Associazione

Dettagli

MACRO AREA RETE BENESSERE SALUTE COMUNITA

MACRO AREA RETE BENESSERE SALUTE COMUNITA MACRO AREA RETE BENESSERE SALUTE COMUNITA Questa macro area organizza e sviluppa le proprie azioni e attività sulla base dell ascolto, lettura dei bisogni sociali, di assistenza, di salute della comunità

Dettagli

Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare. Lecco, 14 gennaio 2010 (1 incontro)

Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare. Lecco, 14 gennaio 2010 (1 incontro) Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare Lecco, 14 gennaio 2010 (1 incontro) Costanza Marzotto Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia, Università

Dettagli

Caritas Diocesana. Cosa è il centro di Ascolto e come si organizza. Corso di Formazione per Operatori CdA Caritas

Caritas Diocesana. Cosa è il centro di Ascolto e come si organizza. Corso di Formazione per Operatori CdA Caritas Caritas Diocesana Cosa è il centro di Ascolto e come si organizza Corso di Formazione per Operatori CdA Caritas Che cosa è il centro di ascolto? Il C.d.A. è lo strumento che la Caritas si dà per ascoltare

Dettagli

EVENTO CRITICO Formazione della coppia. Matrimonio COMPITI DI SVILUPPO

EVENTO CRITICO Formazione della coppia. Matrimonio COMPITI DI SVILUPPO Formazione della coppia Matrimonio Compiti di sviluppo coniugale Costruire una nuova identità di coppia Negoziare sui vari aspetti della vita quotidiana Attuare un rapporto di reciprocità nel rispetto

Dettagli

DATI AL 1 GENNAIO 2015. a cura di: Cristina Biondi e Rossella Salvi Ufficio Statistica Provincia di Rimini

DATI AL 1 GENNAIO 2015. a cura di: Cristina Biondi e Rossella Salvi Ufficio Statistica Provincia di Rimini DATI AL 1 GENNAIO 2015 a cura di: Cristina Biondi e Rossella Salvi Ufficio Statistica Provincia di Rimini LE FAMIGLIE NELLA PROVINCIA DI RIMINI Al 1 gennaio 2015 le persone residenti nella Provincia di

Dettagli

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001 8 luglio 2004 La città di al Censimento della popolazione 2001 L Istat diffonde oggi alcuni approfondimenti riguardanti la struttura demografica e familiare della città di, sulla base dei dati rilevati

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli