Avv.Simone Pillon Presidente Forum associazioni familiari Umbria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Avv.Simone Pillon Presidente Forum associazioni familiari Umbria"

Transcript

1 FORUM delle ASSOCIAZIONI FAMILIARI DELL UMBRIA Via Col di Tenda, PERUGIA FORUM delle ASSOCIAZIONI FAMIGLIE NAZIONALE LungoTevere dei Vallati, ROMA Tel Fax Avv.Simone Pillon Presidente Forum associazioni familiari Umbria PREFAZIONE Noi del Forum delle associazioni familiari dell Umbria con questo libro verde vogliamo offrire alle forze politiche, economiche e sociali della regione il nostro apporto con il dichiarato obbiettivo di giungere ad una piena e completa valorizzazione della famiglia così come prevista dalla nostra Costituzione, convinti che essa costituisca il perno insostituibile di ogni società serena, ordinata, prospera, coesa e solidale. Chi siamo Il Forum delle Associazioni familiari nasce a Roma nel 1992 e riunisce oltre 50 associazioni che si occupano di famiglia e si riconoscono nella dottrina sociale della Chiesa cattolica.

2 Quasi contemporaneamente nascono i Forum regionali, tra cui quello dell Umbria, che oggi riunisce oltre 25 associazioni. Ass. Genitori scuole cattoliche Consultorio La Dimora Ass. Famiglie numerose Ass. Leone XIII Ordine Francescano Secolare Rinnovamento nello Spirito Santo Centro Italiano femminile Azione Cattolica Sindacato delle famiglie Movimento ecclesiale impegno culturale Cammino Neocatecumenale Comunione e liberazione Ass. Famiglie Nuove Casa della Tenerezza ACLI Movimento per la vita Circolo Giorgio La Pira Coldiretti FIREU Comunità Magnificat Ass. Aquila fam. Affido ACRADU MOICA Associazione Genitori Pro Familia Casa Maria e Elisabetta Cosa abbiamo fatto Il nostro impegno negli ultimi anni ha portato ad alcuni risultati. Aprendo un focus sul solo periodo dal 2005 ad oggi possiamo ricordare: - la vittoria del referendum sulla legge 40/2004 che mirava tra l altro a consentire anche in Italia la fecondazione eterologa impedendo ai figli di conoscere i loro genitori naturali oppure l uso di embrioni umani per esperimenti. Anche il nostro Forum regionale diede in quell occasione il suo consistente contributo culturale intervenendo in numerosissimi dibattiti in cooperazione con Scienza e Vita. - il grande Family Day del 15 maggio 2007 a Roma in Piazza San Giovanni in difesa della famiglia fondata sul matrimonio. Dall Umbria partirono con il Forum oltre 7000 persone (fu necessario organizzare 5 treni speciali e numerosissimi pullman da tutta la regione). Anche in quell occasione fu prezioso per il nostro Paese riaffermare la strategica attualità dell art. 29 della Costituzione repubblicana. - Il Family Day regionale del 15 giugno 2008 a Perugia, con oltre 6000 persone in piazza a far festa per mostrare alla nostra regione quanto son belle le famiglie - la proposta popolare di legge regionale sulla famiglia, del , appoggiata da quasi firme e poi confluita con non trascurabili modifiche nella legge regionale 13/ La prima conferenza regionale sulla famiglia del settembre 2010, con la partecipazione del sottosegretario alla famiglia e, per la prima volta della vicepresidente regionale con delega alle politiche familiari - I manifesti politici pubblicati dal Forum in occasione delle elezioni politiche del 2006, del 2008 e di quelle regionali del 2010 e amministrative del 2011 che hanno raccolto moltissime adesioni tra i candidati e gli eletti - Le convenzioni stipulate con 4 comuni della regione Umbria Passignano, Montefalco, Baschi e Massa Martana, per promuovere politche familiari a livello locale. Si tratta di progetti pilota, per larga parte ancora da attuare e che tuttavia hanno consentito alle istituzioni di poter incontrare l associazionismo familiare sul terreno del fare insieme. L esperienza fino ad oggi più fruttuosa è stata quella con Montefalco e la Scuola per genitori promossa dall AGESC. - Il progetto culturale Tobia che ha portato nel giugno 2011 nella centralissima piazza 4 novembre di Perugia un Tir carico di libri, divenuto durante la settimana anche sede di conferenze, incontri e dibattiti sul tema della famiglia

3 Qualche volta al nostro impegno non sono apparentemente corrisposti risultati sul piano politico, ma siamo convinti che la nostra testimonianza abbia comunque seminato nelle coscienze un germe che prima o poi darà il suo frutto. Pensiamo ad esempio: - alla campagna per la dispensazione della pillola abortiva RU486 in ricovero ordinario - al dibattito sull istituzione del registro delle coppie di fatto nel comune di Perugia al dibattito sull istituzione del registro dei testamenti biologici presso il comune di Perugia, - al dibattito sul regolamento attuativo della legge 13/2010 che avevamo chiesto proponesse interventi strutturali e non a pioggia e soprattutto che non prevedesse l inesistente categoria delle famiglie unipersonali, Il quadro nazionale L impegno non dissimile al nostro da parte degli altri diciannove Forum regionali ha portato in questi anni ad accumulare un patrimonio di know how che specialmente nei territori ove è stato possibile costruire buone collaborazioni tra le istituzioni e i Forum locali ha dato abbondanti frutti di best practice aiutando a ideare e a consolidare politiche familiari all avanguardia nel mondo. Stiamo pensando all esempio di Parma, vera e propria città a misura di famiglia dove da anni ogni politica comunale è accuratamente pesata nel suo impatto con la famiglia, oppure a Roma, Alessandria, al Trentino, ma anche a realtà più piccole quali Castelnuovo del Garda. Sempre più spesso i dirigenti locali dei Forum vengono cooptati dalle amministrazioni locali quali tecnici con l esplicito incarico di contribuire allo start up di autentiche politiche per la famiglia; così è successo a Roma, dove il presidente del Forum regionale del Lazio Luigi De Palo è stato scelto quale assessore alla famiglia, oppure a Lecce dove la presidente del Forum salentino è stata nominata vicesindaco della città con delega alla famiglia. Nel Trentino la provincia autonoma ha assegnato al Forum il compito di gestire lo sportello provinciale della famiglia, con importanti implicazioni in termini di politiche familiari, sociali e più in generale di welfare. Stiamo assistendo ad una piccola ma significativa rivoluzione dal basso, in cui sempre più spesso i comuni e le regioni, emanazioni dello Stato più vicine ai cittadini, si rendono conto di ciò che lo Stato centrale sembra fatichi a comprendere, e cioè che il sostegno e la promozione della famiglia non sono una spesa ma un redditizio investimento, capace di generare nel tempo una solida rete sociale e di valorizzare quel capitale umano di cui il nostro Paese ha disperatamente bisogno per uscire dalla crisi antropologica e valoriale prima che economica in cui versa. La questione antropologica Nella nostra regione esperienze come quelle ora descritte hanno stentato a decollare. Uno dei problemi che sono emersi in questi anni è stato certamente quello del prevalere di alcune posizioni ideologiche rispetto alla concreta utilità sociale di quanto proposto dal Forum. Alcuni esponenti politici hanno stentato ad accogliere le proposte del Forum, erroneamente lette come tradizionaliste o conservatrici. Secondo alcuni di questi non varrebbe neppur la pena di investire sulla famiglia, visto che si tratta di un modello sociale ormai destinato ad essere sostituito da relazioni più leggere. In effetti nelle società occidentali più avanzate, a fronte dell aumento di separazioni e divorzi, stanno sempre più prendendo piede modelli pseudo-familiari di convivenze poco impegnative, segnati tra l altro da una bassissima fertilità e da una durata assai limitata nel tempo. Per citarne alcuni possiamo ricordare i matrimoni a termine proposti in alcuni paesi del Nord Europa, oppure le convivenze more uxorio, le coppie DINK (Dual income no kids) formate da due persone che scelgono di convivere, di condividere i due stipendi e di non avere figli. Oppure al limite le coppie LAT (live apart togheter) in cui ciascuno dei due, dopo l incontro, torna a dormire a casa sua in una sorta di attempato fidanzamento sessuato. Molti, e molto più autorevoli, hanno proposto riflessioni assai interessanti sulle cause di questa difficoltà che gli uomini e le donne del nostro tempo manifestano nel campo delle relazioni familiari. La solitudine della coppia, l esacerbata conflittualità tra i due sessi, la paura della sofferenza e del fallimento, una certa immaturità affettiva, stili di vita e modelli sempre più individualizzanti, modelli edonistici e, forse non ultime, le difficoltà economiche, stanno via via generando un disimpegno e un diminuito investimento in beni relazionali primari, quali appunto sono le relazioni endofamiliari. Si potrebbe discutere a lungo sulle cause di tale fenomeno; molto meno tuttavia si può discutere in ordine agli effetti provocati da tale frammentazione della società e dalla penuria generalizzata di beni relazionali : i primi a far le spese del crollo della famiglia sono come sempre i più deboli: minori, anziani,

4 disabili, donne pagano spesso un prezzo inaccettabile e proprio in quelle società sedicenti avanzate dove si pensava di aver risolto ogni problema con la socialdemocrazia. I key children (ragazzini buttati fuori di casa la mattina e lasciati sulla strada fino a sera), i ninos de rua, le tossicodipendenze, il disagio giovanile, il pauroso tasso di abortività tra le minorenni, il consumo spropositato di droghe, l alcoolismo, l abbandono scolastico, gli anziani soli, gli homeless, la povertà, i pesanti tassi di suicidio e la stessa crisi economica sono solo alcuni degli effetti di una società in cui ciascuno è abituato fin da piccolo a pensare solo a sé stesso. Se dunque un albero si giudica dai frutti, la diluizione della famiglia è da annoverare tra le malerbe. Del resto nessuno augura a due innamorati di lasciarsi, ma al contrario di stare insieme per sempre, né a una madre di abortire, né a una coppia di non avere figli. Talvolta questo succede, ma noi ci sentiamo di aggiungere purtroppo succede. Viene allora da chiedersi se l avanzare di forme liquide di convivenza sia un bene o un potenziale pericolo per il nostro tessuto sociale, e ancora, se sia un fenomeno ineluttabile ovvero una contingenza da superare. Noi siamo persuasi che la famiglia naturale sia ancor oggi il migliore dei modelli relazionali e che vada pertanto sostenuto e favorito, perché ciò che è bene per la famiglia è bene per la società. Questo, sia ben chiaro, senza formulare alcun giudizio su chi liberamente sceglie una strada diversa. E tuttavia un fatto innegabile che non tutte le scelte, sia pur legittime, hanno uguale valore. Si pensi a chi decida di farsi una vacanza e lo si paragoni a chi, con la stessa somma, decida di fare del bene ai poveri. Pur nella assoluta legittimità di entrambe le scelte, l una è espressione di auto-appagamento, l altra di solidarietà. Sarebbe assurdo che la mano pubblica si comportasse nello stesso modo: infatti com è giusto la solidarietà è sostenuta pubblicamente ad esempio con esenzioni fiscali. Lo stesso ragionamento può essere applicato all ambito familiare: non è la stessa cosa impegnarsi coraggiosamente a tempo indeterminato ovvero mantenere il precariato nell affetto familiare; non è la stessa cosa vivere tenendo tutto per sé ovvero condividendo i propri guadagni, il proprio tempo, la propria vita con il coniuge, i figli, i genitori anziani La situazione in Umbria Anche in Umbria seguendo il trend europeo - si assiste ad una diffusa denatalità e a un aumento del tasso di separazioni e divorzi oltre che ad un incremento delle convivenze more uxorio. Qualche dato per comprendere La natalità naturale porterebbe a un saldo passivo pari al -2,2% ogni anno, compensato dalla migrazione che peraltro si è dimezzata negli ultimi tre anni. Anno Popolazione Media Natalità Mortalità Crescita Naturale Migratorio Totale Crescita Totale ,1 11,0-1,9 15,0 13, ,3 11,5-2,2 13,2 11, ,8 11,0-2,2 9,5 7, ,8 11,0-2,2 8,5 6,3 L età media è avanzatissima (oltre 44 anni) e un quarto della popolazione è ormai sopra i 65 anni Anno % 0-14 % % 65+ Abitanti Indice Vecchiaia Età Media ,6% 64,1% 23,4% ,9% 44, ,6% 64,1% 23,2% ,6% 44, ,7% 64,1% 23,2% ,7% 44, ,8% 64,0% 23,1% ,5% 44,6

5 ,9% 64,0% 23,1% ,8% 44,7 Il numero famiglie (2010) era pari a Tale dato empirico è da considerarsi relativo alle c.d. famiglie anagrafiche che comprendono anche persone single. In ogni caso si nota che il numero dei componenti del nucleo familiare è in media di poco superiore a due. Anno Residenti Variazione Famiglie Componenti per Famiglia %Maschi ,3% ,46 48,3% ,1% ,43 48,2% ,7% ,41 48,2% ,6% ,39 48,1% Si nota un incremento dei divorzi, anche se la regione mantiene un altissima percentuale di persone coniugate (il 51% degli umbri sono coniugati), superiore a quella di tutte le altre regioni d Italia ad eccezione dell Abruzzo. Anno Celibi/N ubili Coniugati/e Divorziati/e Vedovi/e Totale %Coniugati /e %Divorziati/e ,8% 1,5% ,4% 1,6% ,0% 1,7% ,5% 1,8% ,0% 1,9% Non sono stati rintracciati dati specifici riguardo le unioni di fatto ma il dato spurio ISTAT per il centro Italia (ricomprendente Roma che sposta notevolmente le medie) si attesta non più di 13 persone su 100, dato che ricomprende tuttavia anche le convivenze pre-matrimoniali poi confluite nel matrimonio. (ISTAT come cambiano le forme familiari Tav. 1). Se dunque si esaminano questi stessi dati con una serena oggettività non si può non notare che a fronte del rumoroso incremento delle patologie endofamiliari e delle forme di convivenza pseudofamiliari permane una larghissima maggioranza silenziosa, costituita dalle famiglie stabili, fondate su legami di coniugio, parentela o affinità (legame intercorrente tra un coniuge e i parenti dell altro, es. nuora e suocera) e naturalmente aperte alla accoglienza. In altre parole LA FAMIGLIA FONDATA SUL MATRIMONIO TIENE e fornisce un insostituibile apporto al bene comune. Sono proprio questi mariti e queste mogli, questi padri e queste madri, questi nonni e queste nonne, questi figli e queste figlie - sempre più spesso lasciati soli dalla mano pubblica a mantenere vivo e coeso il tessuto sociale della nostra regione. La vera crisi, il vero baratro che ci si apre davanti è semmai quello della denatalità, del demographic winter che attanaglia sempre più anche la nostra regione, tra le ultime in Italia per natalità e tra le prime per abortività. Eppure il divario tra figli desiderati e figli generati è sempre consistente, segno che le famiglie vorrebbero accogliere più figli ma non riescono a farlo, vuoi per ragioni economiche, vuoi per ragioni sociali.

6 La stessa Agenzia regionale di ricerca dell Umbria (AUR) in un lavoro del 2011 titolato Umbria di genere riconosce che dalle statistiche umbre emerge un impianto più tradizionale del nucleo familiare e delle sue cadenze, segno di legami che tengono di più, ma che se lasciati senza supporto rischiano di generare carichi di difficoltà, di stress e anche di violenza. Ecco perché incoraggiare e sostenere le coppie che decidono di impegnarsi pubblicamente alla reciproca fedeltà nella buona e nella cattiva sorte, nella salute e nella malattia, supportare la generosità di chi si apre alla vita e all accoglienza di figli, anziani, disabili non è una spesa ma il migliore degli investimenti che la nostra regione possa fare. Obbiettivi Per centrare questo obbiettivo però è necessaria una nuova alleanza per la famiglia che coinvolga regione, comuni,, corpi sociali, associazioni e famiglie per raccogliere anche nella nostra regione - quei frutti di solidarietà e di coesione sociale che già stanno germogliando in altre realtà locali. Non possiamo più aspettare: in Umbria la crisi economica, la fortissima denatalità e il progressivo invecchiamento della popolazione sono ormai a livelli catastrofici ed è urgente un capovolgimento di prospettiva. Chiediamo e offriamo di collaborare e di cooperare con lealtà, senza ideologie e strumentalizzazioni politiche e partitiche, ponendo al centro il bene comune della nostra regione. La strada è stata in buona misura già tracciata con la legge regionale sulla famiglia n. 13/2010, rimasta tuttavia in lòarga parte lettera morta. Si pensi alle coraggiose statuizioni in ordine alla libertà di scelta educativa delle famiglie mediante i buoni scuola (art. 10), oppure agli artt. 3 e 9 sul sostegno alle giovani coppie che intendano contrarre matrimonio, oppure ancora agli artt. 11, 13 e 14 sull armonizzazione lavoro-famiglia, e sul sostegno alla genitorialità, tutte norme approvate, entrate in vigore ma lasciate ingiustificatamente prive di finanziamenti. E dunque necessario riprendere la legge 13/2010 e rifinanziarla in maniera strutturale concertando tutti gli interventi che abbiano ricadute sulla famiglia con l associazionismo familiare. E inoltre auspicabile aggiungere le parti che pur presenti nella originaria proposta di legge popolare sono state stralciate in aula: prima tra tutte quella riguardante un concreto e fattivo sostegno alla VITA NASCENTE, quella relativa al FISCO A MISURA DI FAMIGLIA (c.d. fattore famiglia ),e quella relativa alla V.I.F. (obbligo di una preventiva valutazione di impatto familiare di ogni provvedimento regionale provinciale e comunale), quella relativa al sostegno alle coppie in crisi coniugale mediante percorsi di consulenza e di mediazione. Per garantire la necessaria osmosi tra la società civile e le istituzioni è inoltre prezioso prevedere l istituzione di una consulta regionale e di consulte comunali che riuniscano l associazionismo familiare. Siamo come sempre - aperti a dialogare con chiunque e ad offrire il nostro fattivo contributo, primo tra tutti costituito da questo Libro Verde: non vuole certo essere un libro dei sogni ma un book aperto ricco di proposte, di idee e di buone pratiche che contribuiscano si spera non ad alimentare inutili polemiche ma a far fiorire il bene comune in un clima di rinnovata fiducia e collaborazione. Per ogni ambito lasciamo ora spazio ai tecnici e alle proposte delle singole associazioni in base alle specifiche mission. Buona lettura.

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi.

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. 6 maggio 2013 Perché l embrione umano è già uno di noi Comitato italiano UNO DI NOI Lungotevere dei Vallati 10, 00186

Dettagli

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA Nunzio Mastrorocco I quozienti grezzi o generici Volendo procedere all esame di un fenomeno demografico, in un primo e generico approccio è sufficiente

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA Servizio Istruzione, Formazione e Politiche del Lavoro Ufficio Pianificazione Azioni di sistema, formazione per utenze svantaggiate e femminili PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Piano regionale degli interventi per la famiglia

Piano regionale degli interventi per la famiglia Piano regionale degli interventi per la famiglia Sommario Introduzione... 5 Parte I. Il contesto... 9 La famiglia in Friuli Venezia Giulia... 10 L approccio culturale del Piano... 44 La dimensione strategica

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 UN PO DI STORIA Nel corso degli ultimi anni, in un numero crescente di scuole medie superiori

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ:

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: 2CAPITOLO 2 VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: L ITALIA TRA LA CRISI DEL 1992 E LE ATTUALI DIFFICOLTÀ Come nel 1992, nel 2011 l Italia vive una grave crisi di carattere finanziario, con serie ripercussioni

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA QUADERNI LEGISLATIVI Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia A cura Incarico speciale Controllo parlamentare e Testi unici Sebastiano Di Bella

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 4 4. Tendenze demografiche e trasformazioni sociali: nuove sfide per il sistema di welfare QUADRO D INSIEME

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Il Vangelo della famiglia in un mondo globalizzato

Il Vangelo della famiglia in un mondo globalizzato Il Vangelo della famiglia in un mondo globalizzato Mons. Vincenzo Paglia Presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia Tra pochi mesi si riunirà a Roma il Sinodo Ordinario dei Vescovi su La Vocazione

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA?

QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? QUAL È LA CONCEZIONE DEL MATRIMONIO E DELLA FAMIGLIA NELLA FEDE CRISTIANA? Che cos'è il matrimonio? È quella speciale comunione di vita e d'amore tra un uomo e una donna, in cui si attuano particolari

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua

Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua Un progetto della Rete dei Comuni Solidali: 290 piccoli comuni italiani per la solidarietà e lo sviluppo Sahel: fra le terre

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW)

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Adottata dall Assemblea generale delle NU il 18.12.1979, in vigore internazionale dal 3.9.1981.

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 Disposizioni in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della Regione e degli enti a ordinamento regionale, nonché modifiche

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale CARLO FUSARO I limiti della legislazione elettorale vigente LEGISLAZIONE ELETTORALE: complesso delle norme concernenti

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli