Relazione sull'attuazione della Revisione 2002 della strategia per il mercato interno - Mantenere l'impegno preso

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione sull'attuazione della Revisione 2002 della strategia per il mercato interno - Mantenere l'impegno preso"

Transcript

1 Relazione sull'attuazione della Revisione 2002 della strategia per il mercato interno - Mantenere l'impegno preso Documento di lavoro dei servizi della Commissione

2 INTRODUZIONE La presente relazione sull'attuazione della strategia per il mercato interno ha lo scopo di indicare se le diverse azioni della revisione 2002 della strategia per il mercato interno 1 sono state ultimate a tempo debito e di valutare la probabilità che siano portate a termine le azioni che devono essere realizzate entro giugno Nel complesso, i risultati non sono brillanti. Solo sei azioni (poco meno del 40%) delle sedici che arrivavano a scadenza a fine dicembre 2002 sono state concluse in tempo. Notevoli ritardi si registrano già per quel che riguarda le azioni con scadenza giugno La situazione completa è presentata nelle tabelle allegate. La relazione sull'attuazione rientra nel pacchetto "attuazione" della Commissione, come la relazione sull'attuazione degli orientamenti di massima di politica economica e la relazione sugli orientamenti per l'occupazione 2. Questi documenti dovrebbero essere letti assieme alla relazione di primavera della Commissione, che contiene la valutazione globale dei progressi compiuti per quanto riguarda l'agenda di Lisbona e degli obiettivi prioritari da perseguire nei dodici prossimi mesi affinché l'unione europea possa diventare entro il 2010 l'economia fondata sulla conoscenza più competitiva. I dieci anni di mercato interno hanno apportato grandi benefici, tra cui 2,5 milioni di posti di lavoro supplementari e un aumento del PIL di 164,5 miliardi di euro nel Ma esistono ancora numerosi ostacoli che impediscono di sfruttare appieno le potenzialità del mercato interno. La strategia per il mercato interno propone un programma di interventi concreti, con precise scadenze, mirante ad eliminare questi ostacoli. Finora, la strategia per il mercato interno si è concentrata su ciò che occorreva fare di anno in anno. In coerenza con i propositi di razionalizzazione della Commissione, l'accento sarà ora posto sul medio termine ( ).Una strategia a medio termine per il mercato interno sarà presentata nell'aprile 2003, dopo la consultazione delle parti interessate, in particolare degli Stati membri e del Parlamento europeo, tenendo conto dei risultati del Consiglio europeo di primavera. Questa nuova strategia dovrà naturalmente essere finalizzata a permettere ad un mercato interno di 450 milioni di cittadini di funzionare meglio dopo l'allargamento. La prossima relazione sull'attuazione sarà presentata entro gennaio COM (2002) 171 dell'11 aprile Questa nuova procedura deriva dalla comunicazione della Commissione sulla razionalizzazione dei cicli annuali di coordinamento delle politiche economiche. COM (2002) 487 del 3 settembre Queste stime sono state prodotte utilizzando il modello QUEST II della Commissione. I dati quantitativi introdotti nel modello provengono da studi empirici sull'impatto del mercato interno sull'aumento della produttività. Per ulteriori informazioni sul modello e sui parametri utilizzati: 2

3 AZIONI CHE DOVEVANO ESSERE PORTATE A TERMINE ENTRO DICEMBRE 2002 Il bilancio complessivo dell'attuazione della strategia per il mercato interno presenta luci e ombre. Della sedici azioni che dovevano essere ultimate entro dicembre 2002, sole sei sono state portate a compimento. Si tratta in particolare di azioni sul fronte di una "migliore regolamentazione", di norme sulla concorrenza più efficaci e di misure specifiche, come quelle riguardanti i conglomerati finanziari, del piano d'azione per i servizi finanziari (PASF) 4. Progressi accettabili si sono registrati per cinque altre importanti azioni, tra cui l'ulteriore liberalizzazione del mercato dell'energia e il pacchetto "semplificazione degli appalti pubblici". In cinque casi le azioni presentano un notevole ritardo, in particolare per quanto riguarda le pensioni, il "pacchetto fiscale", che comprende una direttiva sul risparmio, un codice di condotta sull'imposizione delle imprese e una direttiva sulle royalties e gli interessi. In alcuni casi non si sono avuti progressi; l'esempio peggiore è quello del regolamento sul brevetto comunitario ("COMPAT"). La tabella riportata qui di seguito indica la situazione per ogni azione e ne valuta lo stato di avanzamento. H significa che l'azione è stata portata a termine; : significa che progressi accettabili sono stati compiuti, ma l'obiettivo non è stato raggiunto e occorre fare di più; 0 significa che i risultati ottenuti sono deludenti Azione Consiglio e del PE di proposte riguardanti la fase finale della liberalizzazione dei mercati dell'elettricità e del gas, compresa la libera scelta del fornitore per tutti i consumatori europei diversi dalle famiglie a partire dal Consiglio e del PE di proposte miranti a unificare il cielo europeo per la gestione del traffico aereo. Valuta Situazione zione : Progressi in Consiglio energia (novembre 2002) dove gli Stati membri hanno raggiunto un accordo politico, ma non ancora un'adozione formale, che si avrà probabilmente entro giugno 2003 dopo la seconda lettura del PE. Le imprese, in particolare le PMI, e i consumatori beneficeranno di prezzi più bassi, fenomeno già osservato negli Stati membri che hanno proceduto alla liberalizzazione in modo autonomo. : Accordo politico in Consiglio trasporti (dicembre 2002). Posizione comune prevista per inizio 2003 con adozione formale entro fine giugno 2003 dopo la seconda lettura del PE. Costo attuale dei ritardi negli aeroporti stimato in 3 miliardi di euro all'anno. 4 Nel 2002 sono state adottate anche altre importanti proposte del PASF, in particolare le direttive sulle garanzie, l'abuso di mercato, gli intermediari d'assicurazione e la vendita a distanza di servizi finanziari, e un regolamento sulle norme contabili internazionali. 3

4 3. Consiglio e del PE del secondo pacchetto di misure volte a modernizzare le ferrovie europee. Consiglio e del PE di varie proposte nel quadro del PASF: fondi pensione 0 Progressi sulle proposte della Commissione, in particolare in materia di sicurezza, interoperabilità e agenzia ferroviaria europea. Ma Consiglio e PE devono ancora adottare il pacchetto, in particolare sull'apertura del mercato del trasporto merci. Adozione rimandata al secondo semestre L'attuazione permetterà un aumento della concorrenza e servizi di migliore qualità per le imprese. La Commissione formulerà proposte per i passeggeri nel Alcuni progressi per i fondi pensione in Consiglio e al PE. Adozione possibile entro giugno 2003, a meno che risulti necessaria la conciliazione. La direttiva propone un quadro prudenziale per garantire la sicurezza delle pensioni e un livello di protezione elevato per i futuri pensionati. Prevede anche istituzioni flessibili per sviluppare una politica d'investimenti efficace. Si tratta di una misura importante per far fronte alle conseguenze dell'invecchiamento della popolazione prospetti informativi : Accordo politico al Consiglio ECOFIN (novembre 2002). Posizione comune del Consiglio prevista per inizio 2003 prima che il testo torni al PE per la seconda lettura. Questa misura dovrebbe permettere alle imprese di raccogliere più facilmente fondi a livello comunitario e di offrire una protezione adeguata agli investitori conglomerati finanziari H Consiglio e PE hanno adottato la proposta (novembre 2002). La direttiva rafforza la posizione prudenziale dei gruppi finanziari operanti nel settore dei servizi bancari/d'investimento e in quello delle assicurazioni. Gli Stati membri devono recepire la direttiva entro 18 mesi perché prenda effetto entro il Consiglio e del PE del pacchetto appalti pubblici : Accordo politico in Consiglio su due direttive, la prima che unifica e rielabora le tre direttive sugli appalti di forniture, servizi e lavori, la seconda che rifonde le norme sull'aggiudicazione degli appalti pubblici nei settori dell'acqua, dell'elettricità, dei trasporti e dei servizi postali. Il completamento sul piano tecnico dei testi prende più tempo del previsto. Posizione comune del Consiglio prevista per gennaio 2003 con adozione finale nel primo semestre 2003 dopo la seconda lettura del PE. Appalti pubblici più aperti alla concorrenza permetteranno notevoli risparmi alle finanze pubbliche. Un modesto risparmio 4

5 del 5% ridurrebbe le spese per gli appalti pubblici nell'ue di oltre di 67 miliardi di euro all'anno Attuazione da parte della Commissione di un piano d'azione per la semplificazione della normativa, comprendente un sistema di valutazione dell'impatto e norme di consultazione. Consiglio e del PE di un regolamento mirante a rendere più efficace l'applicazione delle norme sulla concorrenza coinvolgendo le autorità nazionali preposte alla concorrenza e i tribunali nazionali nell'applicazione degli articoli 81 (cartelli) e 82 (abuso di posizione dominante) del trattato CE. Proposta di modifica del regolamento CE sulle fusioni mirante a garantire l'efficacia del controllo delle fusioni nel contesto della mondializzazione e dell'allargamento. Completamento del "pacchetto fiscale", comprendente una direttiva sul risparmio, un codice di condotta sull'imposizione delle società H H H 0 La Commissione ha adottato il 5 giugno 2002 il suo piano d'azione per il miglioramento della regolamentazione e ha istituito un nuovo sistema integrato di valutazione dell'impatto per tutte le sue iniziative legislative e politiche. Questo sistema sarà gradualmente messo in atto a partire dal 2003 e generalizzato nel La comunicazione finale sulle norme minime di consultazione del pubblico e delle parti interessate è stata pubblicata nel dicembre 2002 e prevede tra l'altro un periodo minimo di consultazione di otto settimane. Regolamentazioni di migliore qualità potrebbero fare risparmiare alle imprese circa 50 miliardi di euro all'anno. Il regolamento adottato (nel novembre 2002) dal Consiglio introduce un nuovo sistema per l'applicazione delle norme sulla concorrenza basato su un maggiore coinvolgimento delle autorità e dei tribunali nazionali. Esso dovrebbe contribuire a rendere più competitivi mercati e imprese e, di conseguenza, a far scendere i prezzi per i consumatori. La Commissione ha proposto un nuovo ed efficace regolamento CE sulle fusioni (adottato nel dicembre 2002) che introduce riforme nella politica comunitaria in materia di fusioni per quanto riguarda il controllo delle società e tiene conto anche delle conseguenze della mondializzazione e dell'allargamento. Regolamento trasmesso al Consiglio per adozione nel 2003, essendo il 1 maggio 2004 la data proposta per l'applicazione del nuovo regolamento in materia di fusioni. La Commissione ha anche adottato nel dicembre 2002 un progetto di parere della Commissione (ora oggetto di consultazione pubblica) che dovrà essere adottato definitivamente quando il nuovo regolamento in materia di fusioni entrerà in vigore e che accrescerà la trasparenza e fornirà un quadro economico sano. ECOFIN non ha raggiunto un accordo sul pacchetto, i negoziati con la Svizzera sulla fiscalità del risparmio sono risultati difficili. Poiché si tratta di un pacchetto, le varie parti possono essere adottate soltanto se è adottato l'insieme. Il "pacchetto fiscale" dovrebbe 5

6 ed una direttiva sulle royalties e gli interessi. Consiglio del brevetto comunitario. la Commissione di un regime di aiuti di Stato per i servizi d'interesse economico generale e creazione di un meccanismo di controllo dei risultati ottenuti. 14. la Commissione di una proposta di normativa per la cooperazione tra autorità pubbliche responsabili della tutela degli interessi economici dei consumatori. 15. Peer reviews di esperti degli Stati membri e della Commissione sui problemi rilevati nei paesi candidati, in particolare i servizi finanziari, le qualifiche professionali, la protezione dei dati e i servizi postali. 16. Assicurarsi che accordi di "gemellaggio" (in base ai quali uno Stato membro coopera o si gemella con un paese candidato aiutando e consigliando la sua amministrazione) siano realizzati per coprire tutti i settori chiave del mercato ridurre gli ostacoli transfrontalieri ed eliminare una dannosa concorrenza fiscale a beneficio sia delle imprese dell'ue, sia delle amministrazioni fiscali degli Stati membri. Il Consiglio riprenderà l'esame nel gennaio 2003 e c'è qualche speranza di un accordo. 0 Si è progredito poco o punto. Gli Stati membri non trovano ancora un accordo, in particolare sulla competenza giurisdizionale e sulle lingue. Ipotesi ottimista: adozione entro il 2003 anche se la Commissione potrebbe ritirare la proposta se un accordo non è raggiunto entro il Consiglio europeo della primavera La situazione attuale non incoraggia l'innovazione. Le imprese e le persone beneficerebbero della certezza giuridica e di costi ridotti. Il potenziali risparmio è complessivamente di almeno un miliardo di euro all'anno. 0 La Commissione non ha potuto adottare il testo a causa dell'incertezza giuridica. Attende le sentenze della Corte di giustizia europea relative all'analisi giuridica del finanziamento di questi servizi. Le sentenze sono previste per inizio La Commissione ha adottato (maggio 2002) una metodologia per il controllo della prestazione di questi servizi, che avrà inizio nel : La Commissione prevede di adottare la proposta all'inizio del 2003; consumatori e imprese trarranno vantaggio da una cooperazione più efficace tra le autorità degli Stati membri. H H I peer reviews sono stati in gran parte ultimati in tutti i settori in questione. Esperti delle autorità equivalenti degli Stati membri e della Commissione si sono recati nei paesi candidati, hanno valutato il funzionamento dell'amministrazione ed hanno formulato raccomandazioni operative. Il seguito ed il controllo continuano nel I peer reviews permettono di creare fiducia e di rafforzare le istituzioni, il che è essenziale per il buon funzionamento di un mercato interno allargato. Accordi di gemellaggio in tutti i settori chiave sono stati stabiliti nei paesi candidati in cui se ne è riscontrata la necessità. I lavori destinati ad affrontare aspetti problematici continuano nel quadro del programma Phare quando le amministrazioni mancano d'esperienza, in particolare nei settori della regolamentazione. 6

7 interno per tutti i paesi candidati. H= Azione condotta a termine := Progressi accettabili nella realizzazione dell'azione 0= Risultati deludenti nella realizzazione dell'azione 7

8 AZIONI DA PORTARE A TERMINE ENTRO GIUGNO 2003 La situazione è preoccupante per le azioni che devono essere portate a termine entro giugno Anche se resta ancora tempo, attualmente soltanto 5 azioni su 12 azioni presentano progressi accettabili e sembrano poter essere ultimate in tempo. È il caso della riduzione del livello globale degli aiuti di Stato, dell'adozione della direttiva sulla brevettabilità delle invenzioni connesse al software e dell'introduzione di una tessera sanitaria europea. Occorre intensificare gli sforzi per far sì che numerose altre azioni siano realizzate entro la scadenza fissata. Si tratta in particolare delle azioni che riguardano il recepimento corretto ed entro i termini della legislazione del mercato interno e la riduzione del numero di infrazioni Azione Per il Consiglio europeo della primavera 2003, gli Stati membri dovranno a) aver raggiunto un tasso di recepimento almeno del 98,5% b) aver recepito il 100% delle direttive il cui termine di recepimento è superato di due anni. Gli Stati membri dovranno aver ridotto di almeno il 10% il numero delle infrazioni derivanti da un'erronea applicazione del diritto comunitario. Proposta della Commissione di eliminare nel mercato interno gli ostacoli agli scambi di servizi per dare seguito alla relazione sulla situazione del mercato interno dei servizi pubblicata nel luglio Valuta zione 8 Situazione 0 Il deficit di recepimento è passato complessivamente dall'1,8% nel maggio 2002 al 2,1% nel novembre Secondo il quadro di valutazione del novembre 2002, solo cinque Stati membri (S, FIN, DK, NL, UK) raggiungevano l'1,5% fissato come obiettivo. Tutti gli altri Stati membri possono ancora raggiungere questo obiettivo entro il prossimo Consiglio di primavera, se intensificano gli sforzi. 0 La Finlandia è il solo Stato membro ad aver raggiunto l'obiettivo, seguita da vicino da S, P, NL e DK. L, EL, D e F devono ancora recepire almeno dieci direttive. 0 0 Il numero dei procedimenti per infrazione in corso resta ad un livello inaccettabile: casi, cioè praticamente lo stesso numero di sei mesi fa. Solo la Danimarca ha raggiunto l'obiettivo di una riduzione del 10%. La Francia e l'italia rappresentano quasi il 30% del totale dei casi (quadro di valutazione del novembre 2002). La Commissione ha pubblicato nel luglio 2002 una relazione che constata l'esistenza di svariati ostacoli (giuridici o no) in tutte le fasi del ciclo economico. La Commissione intende presentare proposte entro il L'attuazione della strategia è leggermente in ritardo perché gli ostacoli si sono rivelati assai più numerosi del previsto e l'analisi ha quindi richiesto più tempo. Si avranno vantaggi per tutta l'economia dell'ue, in particolare per le PMI (predominanti nel settore dei servizi), grazie alla riduzione dei costi dell'esportazione di servizi in altri Stati membri. Tutte le imprese che ricorrono a servizi dovrebbero

9 Azione 4. CEN a) di 150 norme armonizzate per i prodotti per l'edilizia; b) di 450 norme armonizzate per le macchine. Revisione da parte della Commissione dei suoi accordi contrattuali con gli organismi di normazione europei al fine di collegare più strettamente il sostegno finanziario a criteri di valutazione legati ai risultati ottenuti. Consiglio e del PE della nuova proposta sulle OPA. Consiglio e del PE del regolamento sulle attività di promozione commerciale. Valuta zione Situazione beneficiare di costi ridotti e i consumatori avranno più scelta, beneficeranno della maggiore concorrenza dei prezzi e di una migliore tutela dei loro interessi economici. 0 Non sembra probabile che il CEN raggiunga il suo obiettivo per i prodotti per l'edilizia, dato che finora ha pubblicato soltanto 80 norme e altre 35 norme sono previste entro giugno Occorre accelerare il ritmo affinché le imprese dispongano di norme quanto più rapidamente possibile. : Per quanto riguarda le macchine l'obiettivo dovrebbe essere raggiunto. 0 I nuovi accordi contrattuali con tutti gli organismi di normazione europei dovrebbero essere firmati in giugno o luglio Essi conterranno le nuove disposizioni giuridiche, amministrative e finanziarie. La Commissione propone inoltre, tramite contratti di prestazione distinti, la cui firma è prevista entro aprile 2003, di migliorare l'efficacia, la qualità e la visibilità delle norme comunitarie. : La Commissione ha presentato nell'ottobre 2002 una nuova proposta modificata che il Consiglio e il PE devono adottare il più presto possibile. La Commissione spera che un accordo politico possa essere raggiunto nel maggio 2003 e che sia sufficiente una sola lettura del PE all'inizio del Questa misura è un elemento essenziale della dinamica di integrazione dei mercati finanziari nell'ue, che permetterà alle imprese di svilupparsi e ristrutturarsi, garantendo la protezione essenziale degli azionisti. 0 Progresso lento in Consiglio per l'opposizione di alcuni Stati membri all'applicazione del riconoscimento reciproco. Alcuni Stati membri collegano il progresso al seguito del Libro verde sulla tutela dei consumatori. Il PE ha espresso un parere molto favorevole in prima lettura. La presidenza greca desidera raggiungere un accordo politico entro giugno Le riforme proposte permetterebbero alle PMI, in particolare, di utilizzare la promozione commerciale per richiamare l'attenzione sui loro prodotti in nuovi mercati e le grandi imprese potranno offrire una promozione unica in tutta l'ue anziché realizzare 15 campagne diverse. I consumatori beneficeranno di un aumento della concorrenza e di una più grande trasparenza delle informazioni sulla promozione commerciale proposta. 9

10 Azione Riduzione da parte degli Stati membri del livello globale degli aiuti di Stato in percentuale del PIL e riorentamento degli aiuti verso obiettivi orizzontali d'interesse comune, tra cui la coesione economica e sociale, e verso le carenze identificate del mercato. Consiglio e del PE di una direttiva sulla brevettabilità delle invenzioni connesse al software. Adozione da parte di tutti gli Stati membri delle misure necessarie perché sia possibile costituire una società anonima entro 18 giorni lavorativi ad un costo non superiore a 213 euro e con un capitale minimo versato non superiore a euro. Proposta della Commissione riguardante l'introduzione di una tessera europea d'assicurazione sanitaria che sostituirà gli attuali moduli su carta necessari per fruire dell'assistenza sanitaria in uno Stato membro diverso da quello di residenza. Esecuzione di programmi di formazione destinati ai funzionari dei paesi candidati incaricati dell'applicazione della legislazione nei settori della libera circolazione dei beni, della prestazione di servizi e della libertà di stabilimento che sono oggetto di disposizioni del trattato e non di direttive comunitarie specifiche. Valuta Situazione zione : La maggior parte degli Stati membri sembra ben intenzionata a ridurre il livello degli aiuti (l'aiuto totale dell'ue rappresenta attualmente circa l'1% del PIL); gli aiuti sono ridistribuiti a favore di obiettivi orizzontali come l'ambiente, la ricerca e sviluppo e le PMI. La Commissione continuerà a seguire e a pubblicare i risultati nel quadro di valutazione degli aiuti di Stato (il prossimo è previsto nel maggio 2003). : Progressi soddisfacenti in Consiglio e nel PE. Buona probabilità che la proposta possa essere adottata entro giugno 2003 nel caso di una sola lettura del PE (prima lettura prevista ad inizio 2003). Questa misura stimolerà l'innovazione e andrà a vantaggio degli sviluppatori e dei fornitori di software nonché degli utilizzatori di tecnologie brevettabili 0 Solo la Danimarca e il Regno Unito hanno raggiunto i due obiettivi in questo difficile settore; altri cinque altri Stati membri (F, S, FIN, IRL, EL) ne hanno raggiunto uno. Tutti gli altri Stati membri devono adottare misure pratiche per semplificare e accelerare la registrazione di un'impresa, in modo da favorire l'imprenditorialità e la creazione di posti di lavoro. : La Commissione prevede di presentare una proposta all'inizio del Gli Stati membri - che lavorano nella commissione amministrativa - dovranno prendere una decisione affinché la tessera d'assicurazione sanitaria possa entrare in vigore entro giugno I viaggi e la mobilità nell'ue ne risulteranno facilitati. : Programmi di formazione comprendenti seminari e visite di studio sono già stati realizzati per assistere i funzionari dei paesi candidati nell'interpretazione e nell'applicazione della legislazione del mercato interno. Questo programma continua. H= Azione condotta a termine := Progressi accettabili nella realizzazione dell'azione 10

11 0= Risultati deludenti nella realizzazione dell'azione 11

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa IP/03/645 Bruxelles, 7 maggio 2003 Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa La Commissione europea ha pubblicato la strategia per il mercato

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

Politiche europee per i giovani

Politiche europee per i giovani Politiche europee per i giovani Roma, 25 maggio 2011 Natalja Montefusco della Commissione europea Base giuridica: Trattato di Lisbona Articolo 165 (ex articolo 149 del TCE) L'azione dell'unione è intesa

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME)

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Obiettivo Il passaggio dalla programmazione 2007-13 a quella 2014-2020 porterà molti cambiamenti

Dettagli

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e APPALTI &CONCESSIONI. Europa e Regioni

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e APPALTI &CONCESSIONI. Europa e Regioni APPALTI &CONCESSIONI Piano della Commissione Europea per soddisfare le esigenze di finanziamento a lungo termine dell'economia La Commissione europea ha adottato lo scorso 27 marzo un pacchetto di misure

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

III.2 Condizioni finanziarie e contrattuali specifiche relative al finanziamento di progetti

III.2 Condizioni finanziarie e contrattuali specifiche relative al finanziamento di progetti RETTIFICA della guida al programma "Europa per i cittadini" CAPITOLO I INTRODUZIONE I.4 Temi prioritari del Programma "Europa per i cittadini" I temi permanenti (pagina 6-8) sono sostituiti da: Priorità

Dettagli

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01 Agenzia Ferroviaria Europea Valenciennes (Francia) Invito a presentare domanda di inserimento nell elenco degli esperti in Fattore Umano incaricati di assistere gli Organismi Investigativi Nazionali di

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2002R1606 IT 10.04.2008 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1606/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA Quale rilevanza assume nell Unione europea il commercio elettronico? I seguenti fattori contribuiscono a determinare la rilevanza che il commercio elettronico

Dettagli

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA *

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * 71 5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * Il processo di integrazione finanziaria in Europa è attualmente in pieno svolgimento. La realizzazione del mercato unico degli strumenti e dei servizi

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico IP/97/507 Bruxelles, 10 giugno 1997 La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico La Commissione ha approvato oggi il testo del Libro verde sui regimi pensionistici

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 175/11 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 aprile 2012 in merito alla proposta di regolamento del

Dettagli

GATS E SVILUPPI INTERNAZIONALI RELAZIONE INTERMEDIA

GATS E SVILUPPI INTERNAZIONALI RELAZIONE INTERMEDIA MARKT/2526/02 IT Orig. EN GATS E SVILUPPI INTERNAZIONALI RELAZIONE INTERMEDIA Commission européenne, B-1049 Bruxelles / Europese Commissie, B-1049 Bruxelles Belgio. Telefono: +32-2-299.11.11 Ufficio: C107

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DELLA VOLUME I STUDI DI CASI CONCRETI RIGUARDANTI TECNICA PROGETTI EUROPEI DI EPROCUREMENT

RELAZIONE SULLO STATO DELLA VOLUME I STUDI DI CASI CONCRETI RIGUARDANTI TECNICA PROGETTI EUROPEI DI EPROCUREMENT RELAZIONE SULLO STATO DELLA TECNICA VOLUME I STUDI DI CASI CONCRETI RIGUARDANTI PROGETTI EUROPEI DI EPROCUREMENT LUGLIO 2004 Original document in English available at http://europa.eu.int/idabc/eprocurement

Dettagli

PROGETTO DI 18.05.2006 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE. relativa alla revisione delle modalità di fissazione dei tassi di riferimento

PROGETTO DI 18.05.2006 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE. relativa alla revisione delle modalità di fissazione dei tassi di riferimento IT PROGETTO DI 18.05.2006 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE relativa alla revisione delle modalità di fissazione dei tassi di riferimento 1. TASSI DI RIFERIMTO E TASSI DI ATTUALIZZAZIONE Nell ambito del

Dettagli

L uso strategico degli appalti pubblici per un economia sostenibile: le nuove direttive europee

L uso strategico degli appalti pubblici per un economia sostenibile: le nuove direttive europee L uso strategico degli appalti pubblici per un economia sostenibile: le nuove direttive europee Cons. Anna Maria Villa Responsabile Ufficio Cittadinanza europea, Mercato interno e AAGG Roma Sala polifunzionale

Dettagli

MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI

MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI MARKT/2094/01 IT Orig. EN COMMERCIO ELETTRONICO E SERVIZI FINANZIARI Finalità del documento Il presente documento fa il punto della situazione in materia di commercio elettronico e servizi finanziari,

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

SEPA Single Euro Payments Area. FAQ SEPA Banca d Italia

SEPA Single Euro Payments Area. FAQ SEPA Banca d Italia SEPA Single Euro Payments Area FAQ SEPA Banca d Italia Che cosa è la SEPA? SEPA è l acronimo che identifica la Single Euro Payments Area (l Area unica dei pagamenti in euro), ovvero un area nella quale

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, l intero Paese Logiche d intervento nell utilizzo dei Fondi Strutturali: Adattamento ed evoluzione. Pasquale D Alessandro DG REGIO Unità G3: Italia

Dettagli

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA 16 dicembre 2011 Buongiorno a tutti, prometto di essere

Dettagli

La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione

La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione La direttiva: obiettivi e strategie. Appalti e concorrenza Semplificazioni e rafforzamento della disciplina Modernizzazione: appalti e nuove

Dettagli

CONTRATTI DI PUBBLICO APPALTO

CONTRATTI DI PUBBLICO APPALTO CONTRATTI DI PUBBLICO APPALTO Gli enti pubblici stipulano contratti per garantire l'esecuzione di lavori e la prestazione di servizi. Questi contratti, stipulati con uno o più operatori per un dato prezzo,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

considerando che è necessario istituire un comitato consultivo che assista la Commissione e segua l'applicazione della presente direttiva;

considerando che è necessario istituire un comitato consultivo che assista la Commissione e segua l'applicazione della presente direttiva; DIRETTIVA 91/440/CEE DEL CONSIGLIO del 29 luglio 1991 relativa allo sviluppo delle ferrovie comunitarie IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA' EUROPEE. Visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea,

Dettagli

Il brevetto europeo unico per 25 Stati membri e' realta' Ipsoa.it. Tiziana Ianniello. (Risoluzione Parlamento europeo 11/12/2012)

Il brevetto europeo unico per 25 Stati membri e' realta' Ipsoa.it. Tiziana Ianniello. (Risoluzione Parlamento europeo 11/12/2012) Il brevetto europeo unico per 25 Stati membri e' realta' Ipsoa.it Tiziana Ianniello (Risoluzione Parlamento europeo 11/12/2012) Il Parlamento Europeo approva il nuovo sistema di protezione unitaria del

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

La sentenza TNT TRACO / POSTE ITALIANE SPA del 17 maggio 2001 (C-340/99) ed il finanziamento del servizio universale. di Mariangela Balestra

La sentenza TNT TRACO / POSTE ITALIANE SPA del 17 maggio 2001 (C-340/99) ed il finanziamento del servizio universale. di Mariangela Balestra La sentenza TNT TRACO / POSTE ITALIANE SPA del 17 maggio 2001 (C-340/99) ed il finanziamento del servizio universale di Mariangela Balestra La sentenza della Corte di giustizia CE del 17 maggio scorso

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA BOZZA Doc. XVIII n. 104 RISOLUZIONE DELLA 8ª COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) (Estensore FILIPPI) approvata nella seduta del 28 gennaio 2016

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Roma, 23 dicembre 2013 OGGETTO: Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti

Dettagli

Europa 2020, salute e sociale

Europa 2020, salute e sociale Europa 2020, salute e sociale Breve introduzione L Europa 2020 presenta tre priorità che si rafforzano a vicenda: Crescita intelligente: sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione.

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 20 novembre 2006 La Commissione europea propone un divieto totale del commercio

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI Giugno 2012 Gruppo ad alto livello presieduto dal professor B. T. Bayliss SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI Il gruppo

Dettagli

La normativa di riferimento

La normativa di riferimento 1 La normativa di riferimento Reg. (UE) n. 261/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio che modifica il Reg.(CE) n.1234/2007 in materia di rapporti contrattuali nel settore del latte e dei prodotti

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo.

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo. L 320/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea IT 17.11.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 1078/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per il monitoraggio che devono

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 3.3.2004 COM(2004) 140 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Il futuro dell integrazione del sistema ferroviario europeo: il terzo pacchetto ferroviario

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Realizzare l Unione Energetica europea Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Mappa concettuale della Ricerca Contesto di riferimento : un elemento chiave

Dettagli

Anno europeo dei cittadini (2013) La cittadinanza europea a livello locale e regionale

Anno europeo dei cittadini (2013) La cittadinanza europea a livello locale e regionale Nota informativa Anno europeo dei cittadini (2013) La cittadinanza europea a livello locale e regionale Il presente documento offre una prima introduzione all'anno europeo dei cittadini 2013, di cui esamina

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

PROPOSTA DI RISOLUZIONE

PROPOSTA DI RISOLUZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Documento di seduta 3.9.2010 B7-0491/2010 PROPOSTA DI RISOLUZIONE presentata a seguito dell'interrogazione con richiesta di risposta orale B7-0457/2010 a norma dell'articolo

Dettagli

Trattato di Maastricht.

Trattato di Maastricht. Trattato di Maastricht. Il trattato sull'unione segna una nuova tappa nell'integrazione europea poiché consente di avviare l'integrazione politica. L'Unione europea da esso creata comporta tre pilastri:

Dettagli

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese SONDAGGIO UNIONE EUROPEA Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese Introduzione Il Libro Verde cerca i punti di

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Lo schema di decreto legislativo di recepimento della direttiva in oggetto scaturisce dalla necessità di adeguamento dell ordinamento nazionale al contesto europeo in materia di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

L AIR nell Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) Le schede. Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione.

L AIR nell Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) Le schede. Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione. Le schede Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione Eleonora Morfuni L AIR nell Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) S 10/2012 gennaio 2012 Le schede ** Indice 1. L influsso

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

A voti unanimi e palesi delibera:

A voti unanimi e palesi delibera: Vista la Direttiva 2002/91/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2002 sul rendimento energetico nell'edilizia, mediante la cui applicazione l Unione Europea ha inteso promuovere il

Dettagli

ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS: LA DELIBERAZIONE N. 40/04 E LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N.

ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS: LA DELIBERAZIONE N. 40/04 E LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS: LA DELIBERAZIONE N. 40/04 E LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. 192/05 Alberto Grossi Responsabile Unità Qualità dei servizi gas

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

SALUTE PUBBLICA / SICUREZZA DEI CONSUMATORI / SICUREZZA DEI PRODOTTI ALIMENTARI

SALUTE PUBBLICA / SICUREZZA DEI CONSUMATORI / SICUREZZA DEI PRODOTTI ALIMENTARI SALUTE PUBBLICA / SICUREZZA DEI CONSUMATORI / SICUREZZA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Libro bianco sulla sicurezza alimentare 1) OBIETTIVO Descrivere un insieme di azioni necessarie a completare e modernizzare

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CONTENTO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CONTENTO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5659 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CONTENTO Disposizioni per la tutela del consumatore nell ambito del mercato dell energia

Dettagli

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Modello di Rapporto annuale di controllo a norma dell articolo 62 par. 1, lettera d) punto i) del Regolamento (CE) n. 1083/2006 e dell articolo 18 paragrafo

Dettagli

Le conciliazioni paritetiche Quarto rapporto annuale. CONSUMERS FORUM Roma 12 Aprile 2013

Le conciliazioni paritetiche Quarto rapporto annuale. CONSUMERS FORUM Roma 12 Aprile 2013 Le conciliazioni paritetiche Quarto rapporto annuale CONSUMERS FORUM Roma 12 Aprile 2013 Le quattro edizioni del rapporto Consumers Forum 2 marzo 2010 2 marzo 2011 1 marzo 2012 12 aprile 2013 Normativa

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico L Associazione Bancaria Italiana (ABI) Il Presidente dell ABI La CONFINDUSTRIA Il Presidente di CONFINDUSTRIA La Conferenza dei

Dettagli

Proposte di Direttiva UE sulla vendita online di contenuti digitali e beni materiali. Lente sull UE n. 41

Proposte di Direttiva UE sulla vendita online di contenuti digitali e beni materiali. Lente sull UE n. 41 Proposte di Direttiva UE sulla vendita online di contenuti digitali e Lente sull UE n. 41 Dicembre 2015 Premessa Il 9 dicembre 2015, la Commissione europea ha pubblicato le prime due proposte legislative

Dettagli

INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo

INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo 1 IL RILANCIO DELLA DOMANDA Roberto Ravazzoni, CERMES Bocconi Scenari economici e prospettive per i consumi Assemblea Annuale Indicod Teatro Manzoni Milano,

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE

IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE IL FINANZIAMENTO DELLE RETI TRANSEUROPEE Le reti transeuropee (RTE) sono in parte finanziate dall'unione europea e in parte dagli Stati membri. L'aiuto finanziario dell'unione funge da catalizzatore, poiché

Dettagli

CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT

CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT Introduzione Avvertenza preliminare: Il documento che segue è stato redatto dai servizi della direzione

Dettagli

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE Davide Bonagurio DG Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità Unità Italia, Malta e Romania IL CONTESTO POLITICO

Dettagli

I TRASPORTI SU STRADA: TRASPORTI INTERNAZIONALI E DI CABOTAGGIO

I TRASPORTI SU STRADA: TRASPORTI INTERNAZIONALI E DI CABOTAGGIO I TRASPORTI SU STRADA: TRASPORTI INTERNAZIONALI E DI CABOTAGGIO In seguito all'adozione di numerosi atti legislativi europei sono stati progressivamente liberalizzati i trasporti su strada internazionali

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XVIII n. 60 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore MOLINARI) approvata nella seduta pomeridiana del 16 aprile 2014 SULLA

Dettagli

Legge 9 gennaio 2004, n. 4 (1) Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici (2) 1. Obiettivi e finalità.

Legge 9 gennaio 2004, n. 4 (1) Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici (2) 1. Obiettivi e finalità. Legge 9 gennaio 2004, n. 4 (1) Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici (2) 1. Obiettivi e finalità. 1. La Repubblica riconosce e tutela il diritto di ogni persona

Dettagli

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA REGOLAMENTAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DEGLI OBBLIGHI EMAS TRIESTE 10 DICEMBRE 2014 DOTT. ROBERTO CARIANI Presentazione

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Miglioramento della sicurezza degli impianti ascensoristici anteriori alla direttiva 95/16/CE

Miglioramento della sicurezza degli impianti ascensoristici anteriori alla direttiva 95/16/CE DECRETO 23 luglio 2009 Miglioramento della sicurezza degli impianti ascensoristici anteriori alla direttiva 95/16/CE Pag. 28 G.U. N 189 del 17 Agosto 2009 IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Vista la

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 8.12.2008 COM(2008) 819 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Piano di azione per la donazione e il trapianto di organi (2009-2015): rafforzare la cooperazione

Dettagli

rispetto a... La normativa Quadro normativo Quadro normativo Regolamento dell'unione Europea Regolamento rintracciabilità sicurezza

rispetto a... La normativa Quadro normativo Quadro normativo Regolamento dell'unione Europea Regolamento rintracciabilità sicurezza rispetto a... La normativa rintracciabilità sicurezza Quadro normativo COGENTE: disposizione di legge che impone l adozione di un sistema gestionale o di uno standard di qualità VOLONTARIO: regola tecnica

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 465/2012 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (UE) N. 465/2012 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 149/4 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 8.6.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 465/2012 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 22 maggio 2012 che modifica il regolamento (CE) n. 883/2004 relativo al coordinamento

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Versione finale del 16/07/2007 COCOF/07/0018/01 Documento dei servizi della Commissione sulla Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Questo documento è stato preparato dalle Direzioni

Dettagli

Europa per i cittadini 2007-2013

Europa per i cittadini 2007-2013 Europa per i cittadini 2007-2013 Il Programma ha come scopo primario la promozione della cittadinanza europea attiva, ovvero il coinvolgimento diretto dei cittadini e delle organizzazioni della società

Dettagli

lo Statuto speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E Centro Regionale di Programmazione 00-03-60-00 Centro Regionale di Programmazione DETERMINAZIONE N. 1337 REP. N. 97 Oggetto: P.O.R. FESR Sardegna

Dettagli

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 Circolare n. 13 IDR/cg 10 aprile 2012 DIRETTIVA UE N. 2011/83/UE - MODIFI- CHE ALLA DISCIPLINA RELATIVA AI DIRITTI DEI CONSUMATORI Il 25 ottobre 2011 il Parlamento

Dettagli

Dogane. Base giuridica

Dogane. Base giuridica Dogane Introduzione La politica doganale costituisce uno dei fondamenti dell'unione europea (UE) ed è essenziale per il funzionamento del mercato interno, il quale non può funzionare correttamente se non

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 9.1.2004 L 5/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) DECISIONE N. 20/2004/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell'8 dicembre 2003 che stabilisce un quadro generale

Dettagli