Relazione sull'attuazione della Revisione 2002 della strategia per il mercato interno - Mantenere l'impegno preso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione sull'attuazione della Revisione 2002 della strategia per il mercato interno - Mantenere l'impegno preso"

Transcript

1 Relazione sull'attuazione della Revisione 2002 della strategia per il mercato interno - Mantenere l'impegno preso Documento di lavoro dei servizi della Commissione

2 INTRODUZIONE La presente relazione sull'attuazione della strategia per il mercato interno ha lo scopo di indicare se le diverse azioni della revisione 2002 della strategia per il mercato interno 1 sono state ultimate a tempo debito e di valutare la probabilità che siano portate a termine le azioni che devono essere realizzate entro giugno Nel complesso, i risultati non sono brillanti. Solo sei azioni (poco meno del 40%) delle sedici che arrivavano a scadenza a fine dicembre 2002 sono state concluse in tempo. Notevoli ritardi si registrano già per quel che riguarda le azioni con scadenza giugno La situazione completa è presentata nelle tabelle allegate. La relazione sull'attuazione rientra nel pacchetto "attuazione" della Commissione, come la relazione sull'attuazione degli orientamenti di massima di politica economica e la relazione sugli orientamenti per l'occupazione 2. Questi documenti dovrebbero essere letti assieme alla relazione di primavera della Commissione, che contiene la valutazione globale dei progressi compiuti per quanto riguarda l'agenda di Lisbona e degli obiettivi prioritari da perseguire nei dodici prossimi mesi affinché l'unione europea possa diventare entro il 2010 l'economia fondata sulla conoscenza più competitiva. I dieci anni di mercato interno hanno apportato grandi benefici, tra cui 2,5 milioni di posti di lavoro supplementari e un aumento del PIL di 164,5 miliardi di euro nel Ma esistono ancora numerosi ostacoli che impediscono di sfruttare appieno le potenzialità del mercato interno. La strategia per il mercato interno propone un programma di interventi concreti, con precise scadenze, mirante ad eliminare questi ostacoli. Finora, la strategia per il mercato interno si è concentrata su ciò che occorreva fare di anno in anno. In coerenza con i propositi di razionalizzazione della Commissione, l'accento sarà ora posto sul medio termine ( ).Una strategia a medio termine per il mercato interno sarà presentata nell'aprile 2003, dopo la consultazione delle parti interessate, in particolare degli Stati membri e del Parlamento europeo, tenendo conto dei risultati del Consiglio europeo di primavera. Questa nuova strategia dovrà naturalmente essere finalizzata a permettere ad un mercato interno di 450 milioni di cittadini di funzionare meglio dopo l'allargamento. La prossima relazione sull'attuazione sarà presentata entro gennaio COM (2002) 171 dell'11 aprile Questa nuova procedura deriva dalla comunicazione della Commissione sulla razionalizzazione dei cicli annuali di coordinamento delle politiche economiche. COM (2002) 487 del 3 settembre Queste stime sono state prodotte utilizzando il modello QUEST II della Commissione. I dati quantitativi introdotti nel modello provengono da studi empirici sull'impatto del mercato interno sull'aumento della produttività. Per ulteriori informazioni sul modello e sui parametri utilizzati: 2

3 AZIONI CHE DOVEVANO ESSERE PORTATE A TERMINE ENTRO DICEMBRE 2002 Il bilancio complessivo dell'attuazione della strategia per il mercato interno presenta luci e ombre. Della sedici azioni che dovevano essere ultimate entro dicembre 2002, sole sei sono state portate a compimento. Si tratta in particolare di azioni sul fronte di una "migliore regolamentazione", di norme sulla concorrenza più efficaci e di misure specifiche, come quelle riguardanti i conglomerati finanziari, del piano d'azione per i servizi finanziari (PASF) 4. Progressi accettabili si sono registrati per cinque altre importanti azioni, tra cui l'ulteriore liberalizzazione del mercato dell'energia e il pacchetto "semplificazione degli appalti pubblici". In cinque casi le azioni presentano un notevole ritardo, in particolare per quanto riguarda le pensioni, il "pacchetto fiscale", che comprende una direttiva sul risparmio, un codice di condotta sull'imposizione delle imprese e una direttiva sulle royalties e gli interessi. In alcuni casi non si sono avuti progressi; l'esempio peggiore è quello del regolamento sul brevetto comunitario ("COMPAT"). La tabella riportata qui di seguito indica la situazione per ogni azione e ne valuta lo stato di avanzamento. H significa che l'azione è stata portata a termine; : significa che progressi accettabili sono stati compiuti, ma l'obiettivo non è stato raggiunto e occorre fare di più; 0 significa che i risultati ottenuti sono deludenti Azione Consiglio e del PE di proposte riguardanti la fase finale della liberalizzazione dei mercati dell'elettricità e del gas, compresa la libera scelta del fornitore per tutti i consumatori europei diversi dalle famiglie a partire dal Consiglio e del PE di proposte miranti a unificare il cielo europeo per la gestione del traffico aereo. Valuta Situazione zione : Progressi in Consiglio energia (novembre 2002) dove gli Stati membri hanno raggiunto un accordo politico, ma non ancora un'adozione formale, che si avrà probabilmente entro giugno 2003 dopo la seconda lettura del PE. Le imprese, in particolare le PMI, e i consumatori beneficeranno di prezzi più bassi, fenomeno già osservato negli Stati membri che hanno proceduto alla liberalizzazione in modo autonomo. : Accordo politico in Consiglio trasporti (dicembre 2002). Posizione comune prevista per inizio 2003 con adozione formale entro fine giugno 2003 dopo la seconda lettura del PE. Costo attuale dei ritardi negli aeroporti stimato in 3 miliardi di euro all'anno. 4 Nel 2002 sono state adottate anche altre importanti proposte del PASF, in particolare le direttive sulle garanzie, l'abuso di mercato, gli intermediari d'assicurazione e la vendita a distanza di servizi finanziari, e un regolamento sulle norme contabili internazionali. 3

4 3. Consiglio e del PE del secondo pacchetto di misure volte a modernizzare le ferrovie europee. Consiglio e del PE di varie proposte nel quadro del PASF: fondi pensione 0 Progressi sulle proposte della Commissione, in particolare in materia di sicurezza, interoperabilità e agenzia ferroviaria europea. Ma Consiglio e PE devono ancora adottare il pacchetto, in particolare sull'apertura del mercato del trasporto merci. Adozione rimandata al secondo semestre L'attuazione permetterà un aumento della concorrenza e servizi di migliore qualità per le imprese. La Commissione formulerà proposte per i passeggeri nel Alcuni progressi per i fondi pensione in Consiglio e al PE. Adozione possibile entro giugno 2003, a meno che risulti necessaria la conciliazione. La direttiva propone un quadro prudenziale per garantire la sicurezza delle pensioni e un livello di protezione elevato per i futuri pensionati. Prevede anche istituzioni flessibili per sviluppare una politica d'investimenti efficace. Si tratta di una misura importante per far fronte alle conseguenze dell'invecchiamento della popolazione prospetti informativi : Accordo politico al Consiglio ECOFIN (novembre 2002). Posizione comune del Consiglio prevista per inizio 2003 prima che il testo torni al PE per la seconda lettura. Questa misura dovrebbe permettere alle imprese di raccogliere più facilmente fondi a livello comunitario e di offrire una protezione adeguata agli investitori conglomerati finanziari H Consiglio e PE hanno adottato la proposta (novembre 2002). La direttiva rafforza la posizione prudenziale dei gruppi finanziari operanti nel settore dei servizi bancari/d'investimento e in quello delle assicurazioni. Gli Stati membri devono recepire la direttiva entro 18 mesi perché prenda effetto entro il Consiglio e del PE del pacchetto appalti pubblici : Accordo politico in Consiglio su due direttive, la prima che unifica e rielabora le tre direttive sugli appalti di forniture, servizi e lavori, la seconda che rifonde le norme sull'aggiudicazione degli appalti pubblici nei settori dell'acqua, dell'elettricità, dei trasporti e dei servizi postali. Il completamento sul piano tecnico dei testi prende più tempo del previsto. Posizione comune del Consiglio prevista per gennaio 2003 con adozione finale nel primo semestre 2003 dopo la seconda lettura del PE. Appalti pubblici più aperti alla concorrenza permetteranno notevoli risparmi alle finanze pubbliche. Un modesto risparmio 4

5 del 5% ridurrebbe le spese per gli appalti pubblici nell'ue di oltre di 67 miliardi di euro all'anno Attuazione da parte della Commissione di un piano d'azione per la semplificazione della normativa, comprendente un sistema di valutazione dell'impatto e norme di consultazione. Consiglio e del PE di un regolamento mirante a rendere più efficace l'applicazione delle norme sulla concorrenza coinvolgendo le autorità nazionali preposte alla concorrenza e i tribunali nazionali nell'applicazione degli articoli 81 (cartelli) e 82 (abuso di posizione dominante) del trattato CE. Proposta di modifica del regolamento CE sulle fusioni mirante a garantire l'efficacia del controllo delle fusioni nel contesto della mondializzazione e dell'allargamento. Completamento del "pacchetto fiscale", comprendente una direttiva sul risparmio, un codice di condotta sull'imposizione delle società H H H 0 La Commissione ha adottato il 5 giugno 2002 il suo piano d'azione per il miglioramento della regolamentazione e ha istituito un nuovo sistema integrato di valutazione dell'impatto per tutte le sue iniziative legislative e politiche. Questo sistema sarà gradualmente messo in atto a partire dal 2003 e generalizzato nel La comunicazione finale sulle norme minime di consultazione del pubblico e delle parti interessate è stata pubblicata nel dicembre 2002 e prevede tra l'altro un periodo minimo di consultazione di otto settimane. Regolamentazioni di migliore qualità potrebbero fare risparmiare alle imprese circa 50 miliardi di euro all'anno. Il regolamento adottato (nel novembre 2002) dal Consiglio introduce un nuovo sistema per l'applicazione delle norme sulla concorrenza basato su un maggiore coinvolgimento delle autorità e dei tribunali nazionali. Esso dovrebbe contribuire a rendere più competitivi mercati e imprese e, di conseguenza, a far scendere i prezzi per i consumatori. La Commissione ha proposto un nuovo ed efficace regolamento CE sulle fusioni (adottato nel dicembre 2002) che introduce riforme nella politica comunitaria in materia di fusioni per quanto riguarda il controllo delle società e tiene conto anche delle conseguenze della mondializzazione e dell'allargamento. Regolamento trasmesso al Consiglio per adozione nel 2003, essendo il 1 maggio 2004 la data proposta per l'applicazione del nuovo regolamento in materia di fusioni. La Commissione ha anche adottato nel dicembre 2002 un progetto di parere della Commissione (ora oggetto di consultazione pubblica) che dovrà essere adottato definitivamente quando il nuovo regolamento in materia di fusioni entrerà in vigore e che accrescerà la trasparenza e fornirà un quadro economico sano. ECOFIN non ha raggiunto un accordo sul pacchetto, i negoziati con la Svizzera sulla fiscalità del risparmio sono risultati difficili. Poiché si tratta di un pacchetto, le varie parti possono essere adottate soltanto se è adottato l'insieme. Il "pacchetto fiscale" dovrebbe 5

6 ed una direttiva sulle royalties e gli interessi. Consiglio del brevetto comunitario. la Commissione di un regime di aiuti di Stato per i servizi d'interesse economico generale e creazione di un meccanismo di controllo dei risultati ottenuti. 14. la Commissione di una proposta di normativa per la cooperazione tra autorità pubbliche responsabili della tutela degli interessi economici dei consumatori. 15. Peer reviews di esperti degli Stati membri e della Commissione sui problemi rilevati nei paesi candidati, in particolare i servizi finanziari, le qualifiche professionali, la protezione dei dati e i servizi postali. 16. Assicurarsi che accordi di "gemellaggio" (in base ai quali uno Stato membro coopera o si gemella con un paese candidato aiutando e consigliando la sua amministrazione) siano realizzati per coprire tutti i settori chiave del mercato ridurre gli ostacoli transfrontalieri ed eliminare una dannosa concorrenza fiscale a beneficio sia delle imprese dell'ue, sia delle amministrazioni fiscali degli Stati membri. Il Consiglio riprenderà l'esame nel gennaio 2003 e c'è qualche speranza di un accordo. 0 Si è progredito poco o punto. Gli Stati membri non trovano ancora un accordo, in particolare sulla competenza giurisdizionale e sulle lingue. Ipotesi ottimista: adozione entro il 2003 anche se la Commissione potrebbe ritirare la proposta se un accordo non è raggiunto entro il Consiglio europeo della primavera La situazione attuale non incoraggia l'innovazione. Le imprese e le persone beneficerebbero della certezza giuridica e di costi ridotti. Il potenziali risparmio è complessivamente di almeno un miliardo di euro all'anno. 0 La Commissione non ha potuto adottare il testo a causa dell'incertezza giuridica. Attende le sentenze della Corte di giustizia europea relative all'analisi giuridica del finanziamento di questi servizi. Le sentenze sono previste per inizio La Commissione ha adottato (maggio 2002) una metodologia per il controllo della prestazione di questi servizi, che avrà inizio nel : La Commissione prevede di adottare la proposta all'inizio del 2003; consumatori e imprese trarranno vantaggio da una cooperazione più efficace tra le autorità degli Stati membri. H H I peer reviews sono stati in gran parte ultimati in tutti i settori in questione. Esperti delle autorità equivalenti degli Stati membri e della Commissione si sono recati nei paesi candidati, hanno valutato il funzionamento dell'amministrazione ed hanno formulato raccomandazioni operative. Il seguito ed il controllo continuano nel I peer reviews permettono di creare fiducia e di rafforzare le istituzioni, il che è essenziale per il buon funzionamento di un mercato interno allargato. Accordi di gemellaggio in tutti i settori chiave sono stati stabiliti nei paesi candidati in cui se ne è riscontrata la necessità. I lavori destinati ad affrontare aspetti problematici continuano nel quadro del programma Phare quando le amministrazioni mancano d'esperienza, in particolare nei settori della regolamentazione. 6

7 interno per tutti i paesi candidati. H= Azione condotta a termine := Progressi accettabili nella realizzazione dell'azione 0= Risultati deludenti nella realizzazione dell'azione 7

8 AZIONI DA PORTARE A TERMINE ENTRO GIUGNO 2003 La situazione è preoccupante per le azioni che devono essere portate a termine entro giugno Anche se resta ancora tempo, attualmente soltanto 5 azioni su 12 azioni presentano progressi accettabili e sembrano poter essere ultimate in tempo. È il caso della riduzione del livello globale degli aiuti di Stato, dell'adozione della direttiva sulla brevettabilità delle invenzioni connesse al software e dell'introduzione di una tessera sanitaria europea. Occorre intensificare gli sforzi per far sì che numerose altre azioni siano realizzate entro la scadenza fissata. Si tratta in particolare delle azioni che riguardano il recepimento corretto ed entro i termini della legislazione del mercato interno e la riduzione del numero di infrazioni Azione Per il Consiglio europeo della primavera 2003, gli Stati membri dovranno a) aver raggiunto un tasso di recepimento almeno del 98,5% b) aver recepito il 100% delle direttive il cui termine di recepimento è superato di due anni. Gli Stati membri dovranno aver ridotto di almeno il 10% il numero delle infrazioni derivanti da un'erronea applicazione del diritto comunitario. Proposta della Commissione di eliminare nel mercato interno gli ostacoli agli scambi di servizi per dare seguito alla relazione sulla situazione del mercato interno dei servizi pubblicata nel luglio Valuta zione 8 Situazione 0 Il deficit di recepimento è passato complessivamente dall'1,8% nel maggio 2002 al 2,1% nel novembre Secondo il quadro di valutazione del novembre 2002, solo cinque Stati membri (S, FIN, DK, NL, UK) raggiungevano l'1,5% fissato come obiettivo. Tutti gli altri Stati membri possono ancora raggiungere questo obiettivo entro il prossimo Consiglio di primavera, se intensificano gli sforzi. 0 La Finlandia è il solo Stato membro ad aver raggiunto l'obiettivo, seguita da vicino da S, P, NL e DK. L, EL, D e F devono ancora recepire almeno dieci direttive. 0 0 Il numero dei procedimenti per infrazione in corso resta ad un livello inaccettabile: casi, cioè praticamente lo stesso numero di sei mesi fa. Solo la Danimarca ha raggiunto l'obiettivo di una riduzione del 10%. La Francia e l'italia rappresentano quasi il 30% del totale dei casi (quadro di valutazione del novembre 2002). La Commissione ha pubblicato nel luglio 2002 una relazione che constata l'esistenza di svariati ostacoli (giuridici o no) in tutte le fasi del ciclo economico. La Commissione intende presentare proposte entro il L'attuazione della strategia è leggermente in ritardo perché gli ostacoli si sono rivelati assai più numerosi del previsto e l'analisi ha quindi richiesto più tempo. Si avranno vantaggi per tutta l'economia dell'ue, in particolare per le PMI (predominanti nel settore dei servizi), grazie alla riduzione dei costi dell'esportazione di servizi in altri Stati membri. Tutte le imprese che ricorrono a servizi dovrebbero

9 Azione 4. CEN a) di 150 norme armonizzate per i prodotti per l'edilizia; b) di 450 norme armonizzate per le macchine. Revisione da parte della Commissione dei suoi accordi contrattuali con gli organismi di normazione europei al fine di collegare più strettamente il sostegno finanziario a criteri di valutazione legati ai risultati ottenuti. Consiglio e del PE della nuova proposta sulle OPA. Consiglio e del PE del regolamento sulle attività di promozione commerciale. Valuta zione Situazione beneficiare di costi ridotti e i consumatori avranno più scelta, beneficeranno della maggiore concorrenza dei prezzi e di una migliore tutela dei loro interessi economici. 0 Non sembra probabile che il CEN raggiunga il suo obiettivo per i prodotti per l'edilizia, dato che finora ha pubblicato soltanto 80 norme e altre 35 norme sono previste entro giugno Occorre accelerare il ritmo affinché le imprese dispongano di norme quanto più rapidamente possibile. : Per quanto riguarda le macchine l'obiettivo dovrebbe essere raggiunto. 0 I nuovi accordi contrattuali con tutti gli organismi di normazione europei dovrebbero essere firmati in giugno o luglio Essi conterranno le nuove disposizioni giuridiche, amministrative e finanziarie. La Commissione propone inoltre, tramite contratti di prestazione distinti, la cui firma è prevista entro aprile 2003, di migliorare l'efficacia, la qualità e la visibilità delle norme comunitarie. : La Commissione ha presentato nell'ottobre 2002 una nuova proposta modificata che il Consiglio e il PE devono adottare il più presto possibile. La Commissione spera che un accordo politico possa essere raggiunto nel maggio 2003 e che sia sufficiente una sola lettura del PE all'inizio del Questa misura è un elemento essenziale della dinamica di integrazione dei mercati finanziari nell'ue, che permetterà alle imprese di svilupparsi e ristrutturarsi, garantendo la protezione essenziale degli azionisti. 0 Progresso lento in Consiglio per l'opposizione di alcuni Stati membri all'applicazione del riconoscimento reciproco. Alcuni Stati membri collegano il progresso al seguito del Libro verde sulla tutela dei consumatori. Il PE ha espresso un parere molto favorevole in prima lettura. La presidenza greca desidera raggiungere un accordo politico entro giugno Le riforme proposte permetterebbero alle PMI, in particolare, di utilizzare la promozione commerciale per richiamare l'attenzione sui loro prodotti in nuovi mercati e le grandi imprese potranno offrire una promozione unica in tutta l'ue anziché realizzare 15 campagne diverse. I consumatori beneficeranno di un aumento della concorrenza e di una più grande trasparenza delle informazioni sulla promozione commerciale proposta. 9

10 Azione Riduzione da parte degli Stati membri del livello globale degli aiuti di Stato in percentuale del PIL e riorentamento degli aiuti verso obiettivi orizzontali d'interesse comune, tra cui la coesione economica e sociale, e verso le carenze identificate del mercato. Consiglio e del PE di una direttiva sulla brevettabilità delle invenzioni connesse al software. Adozione da parte di tutti gli Stati membri delle misure necessarie perché sia possibile costituire una società anonima entro 18 giorni lavorativi ad un costo non superiore a 213 euro e con un capitale minimo versato non superiore a euro. Proposta della Commissione riguardante l'introduzione di una tessera europea d'assicurazione sanitaria che sostituirà gli attuali moduli su carta necessari per fruire dell'assistenza sanitaria in uno Stato membro diverso da quello di residenza. Esecuzione di programmi di formazione destinati ai funzionari dei paesi candidati incaricati dell'applicazione della legislazione nei settori della libera circolazione dei beni, della prestazione di servizi e della libertà di stabilimento che sono oggetto di disposizioni del trattato e non di direttive comunitarie specifiche. Valuta Situazione zione : La maggior parte degli Stati membri sembra ben intenzionata a ridurre il livello degli aiuti (l'aiuto totale dell'ue rappresenta attualmente circa l'1% del PIL); gli aiuti sono ridistribuiti a favore di obiettivi orizzontali come l'ambiente, la ricerca e sviluppo e le PMI. La Commissione continuerà a seguire e a pubblicare i risultati nel quadro di valutazione degli aiuti di Stato (il prossimo è previsto nel maggio 2003). : Progressi soddisfacenti in Consiglio e nel PE. Buona probabilità che la proposta possa essere adottata entro giugno 2003 nel caso di una sola lettura del PE (prima lettura prevista ad inizio 2003). Questa misura stimolerà l'innovazione e andrà a vantaggio degli sviluppatori e dei fornitori di software nonché degli utilizzatori di tecnologie brevettabili 0 Solo la Danimarca e il Regno Unito hanno raggiunto i due obiettivi in questo difficile settore; altri cinque altri Stati membri (F, S, FIN, IRL, EL) ne hanno raggiunto uno. Tutti gli altri Stati membri devono adottare misure pratiche per semplificare e accelerare la registrazione di un'impresa, in modo da favorire l'imprenditorialità e la creazione di posti di lavoro. : La Commissione prevede di presentare una proposta all'inizio del Gli Stati membri - che lavorano nella commissione amministrativa - dovranno prendere una decisione affinché la tessera d'assicurazione sanitaria possa entrare in vigore entro giugno I viaggi e la mobilità nell'ue ne risulteranno facilitati. : Programmi di formazione comprendenti seminari e visite di studio sono già stati realizzati per assistere i funzionari dei paesi candidati nell'interpretazione e nell'applicazione della legislazione del mercato interno. Questo programma continua. H= Azione condotta a termine := Progressi accettabili nella realizzazione dell'azione 10

11 0= Risultati deludenti nella realizzazione dell'azione 11

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 12.5.2004 COM(2004) 374 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2015 COM(2015) 262 final Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia e che formula un parere del Consiglio sul

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2006R1083 IT 25.12.2008 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1083/2006 DEL CONSIGLIO dell'11 luglio

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI

CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI A) Che cos è il mercato unico. a) Uno strumento unico al mondo Entrato in vigore il primo gennaio 1993, al termine di un complesso processo di preparazione

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 26.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 120/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 22 aprile 2013 sull'istituzione di una garanzia

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE 25.2.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/51 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 15 febbraio 2005 sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 16.12.2014 COM(2014) 910 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Programma

Dettagli

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 27 ottobre 2001, n. L 283. Entrata in vigore il 27 ottobre 2001.

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 27 ottobre 2001, n. L 283. Entrata in vigore il 27 ottobre 2001. Dir. 27-9-2001 n. 2001/77/CE Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sulla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità. Pubblicata

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Relazione 1 Le nuove direttive europee in materia di appalti e concessioni

Relazione 1 Le nuove direttive europee in materia di appalti e concessioni Relazione 1 Le nuove direttive europee in materia di appalti e concessioni di Nicoletta Torchio L intervento intende svolgere una panoramica sul pacchetto direttive appalti e concessioni, volta soprattutto

Dettagli

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11.1 La nuova organizzazione dell'agenzia L'attuazione del disegno organizzativo delineato dal regolamento sull'organizzazione ed il funzionamento dell'agenzia

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori giugno 2014 Nell Unione europea la legislazione a tutela dei consumatori garantisce a ogni cittadino il diritto di ricevere un trattamento

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Bruxelles, 21.5.2003 COM(2003) 270 definitivo LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE (Presentato dalla Commissione) INDICE Introduzione... 3 1. Contesto... 6

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.6.2011 COM(2011) 500 definitivo PARTE II COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere 12.11.2014 2014/0000(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sulla parità tra donne e uomini nell'unione europea nel 2013

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

TRATTATO DI MAASTRICHT Trattato sull'unione Europea Gazzetta ufficiale n. C 191 del 29 luglio 1992

TRATTATO DI MAASTRICHT Trattato sull'unione Europea Gazzetta ufficiale n. C 191 del 29 luglio 1992 TRATTATO DI MAASTRICHT Trattato sull'unione Europea Gazzetta ufficiale n. C 191 del 29 luglio 1992 SUA MAESTÀ IL RE DEI BELGI, SUA MAESTÀ LA REGINA DI DANIMARCA, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA FEDERALE

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 DIRETTIVA 2006/32/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 concernente l'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

Verso uno spazio europeo della sicurezza stradale

Verso uno spazio europeo della sicurezza stradale Verso uno spazio europeo della sicurezza stradale orientamenti 2011-2020 per la sicurezza stradale ON THE MOVE Per strade più sicure in Europa Sintesi per i cittadini Orientamenti UE 2011-2020 per la

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES Addì, 9 giugno 2004 Tra CONFINDUSTRIA, CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI,

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, xxx COM(2010) 614 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Una politica

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

ALLEGATO. della decisione della Commissione. che modifica la decisione C(2013)1573

ALLEGATO. della decisione della Commissione. che modifica la decisione C(2013)1573 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.4.2015 C(2015) 2771 final ANNEX 1 ALLEGATO della decisione della Commissione che modifica la decisione C(2013)1573 sull'approvazione degli orientamenti sulla chiusura

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Quanto vale una donna?

Quanto vale una donna? Quanto vale una donna? Sotto esame: Maggior equità nel settore degli appalti pubblici 7 marzo 2014 L'Equal Pay Day è un'iniziativa di BPW Switzerland che ha luogo in tutta la Svizzera. Dobbiamo imparare

Dettagli

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 15 17.01.2014 La valutazione degli intangibili Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Diversi sono i motivi per i quali un azienda può avere

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Testo della CONVENZIONE DI ROMA DEL 1980 SULLA LEGGE APPLICABILE ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI

Testo della CONVENZIONE DI ROMA DEL 1980 SULLA LEGGE APPLICABILE ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI Testo della CONVENZIONE DI ROMA DEL 1980 SULLA LEGGE APPLICABILE ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI a cura della Prof.ssa Alessandra Lanciotti CONVENZIONE SULLA LEGGE APPLICABILE ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

LA SPENDING REVIEW NELL ESPERIENZA INTERNAZIONALE

LA SPENDING REVIEW NELL ESPERIENZA INTERNAZIONALE I LA SPENDING REVIEW NELL ESPERIENZA INTERNAZIONALE Roma, maggio 2013 La ricerca è il risultato del lavoro di un gruppo di ricercatori, con la direzione scientifica di Enrico Buglione, Stefano Gorelli

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

INFORM@TORE SINQUADRI

INFORM@TORE SINQUADRI INFORM@TORE SINQUADRI Anno XXV N 1 (Febbraio 2012) Notizie di questo numero: CONTRATTO NAZIONALE FIAT: L Associazione Quadri e Capi Fiat riconosciuta in tutti i siti Fiat S.p.A. e Fiat Industrial RIFORMA

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

In questo contesto il GEIE può avere differenti funzioni: può essere utilizzato come semplice quadro di coordinamento e di organizzazione delle

In questo contesto il GEIE può avere differenti funzioni: può essere utilizzato come semplice quadro di coordinamento e di organizzazione delle COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Partecipazione dei gruppi europei d'interesse economico (GEIE) agli appalti pubblici e a programmi finanziati con fondi pubblici (97/C 285/10) INTRODUZIONE Con la sua comunicazione

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

SFRUTTARE AL MEGLIO LA FLESSIBILITÀ CONSENTITA DALLE NORME VIGENTI DEL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA

SFRUTTARE AL MEGLIO LA FLESSIBILITÀ CONSENTITA DALLE NORME VIGENTI DEL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 13.1.2015 COM(2015) 12 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO, AL

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP

Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP CHE COS E IL CUP Il CUP (CODICE UNICO DI PROGETTO) è un'etichetta stabile che identifica e accompagna un progetto d'investimento pubblico, sin dalla

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Vivere e lavorare in Italia

Vivere e lavorare in Italia Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali EURES - Italia Vivere e lavorare in Italia Una breve guida per cittadini EU interessati a trasferirsi in Italia Marzo 2010 VIVERE E LAVORARE IN ITALIA L Italia

Dettagli

Valutazione della politica della PAC in materia di denominazioni di origine protette (DOP) e indicazioni geografiche protette (IGP) Breve sintesi

Valutazione della politica della PAC in materia di denominazioni di origine protette (DOP) e indicazioni geografiche protette (IGP) Breve sintesi Valutazione della politica della PAC in materia di denominazioni di origine protette (DOP) e indicazioni geografiche protette (IGP) Breve sintesi Il presente studio, finanziato dalla Commissione europea,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli