COMUNE DI BRENDOLA Provincia di Vicenza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI BRENDOLA Provincia di Vicenza"

Transcript

1 COMUNE DI BRENDOLA Provincia di Vicenza ORIGINALE n. 94 Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Sessione Straordinaria di Seconda convocazione in seduta Pubblica Oggetto: DEFINIZIONI DELLE MODALITA' APPLICATIVE DELLA LEGGE REGIONALE N. 14/2009, INTEGRATA CON LEGGE REGIONALE N. 13/ SECONDO PIANO CASA Questo giorno ventinove del mese di novembre duemilaundici alle ore 20:30 nella solita sala delle adunanze. Con lettera di convocazione trasmessa nei modi e nelle forme di legge, si è riunito il Consiglio Comunale sotto la presidenza del Sig. RENATO CERON e l assistenza del Segretario MASSIMILIANO SPAGNUOLO. Fatto l appello risultano: RENATO CERON P SUDIRO MARCO P BELTRAME BRUNO P BONATO GIOVANNI P CENTOFANTE FABIO P MATTEAZZI GIULIANO P MENEGHELLO STEFANO P PELLIZZARI ELENA P GHIOTTO VITTORIO P ZUFFO ANTONELLA P STEFANI ALESSANDRA P DAL MONTE MARIO P MARANA MATTEO P LUNARDI GIUSEPPE P CRACCO DANILO P RIZZOTTO GAETANO P VIGNAGA SILVANO P Presenti n. 17, Assenti 0

2 Il Sindaco introduce il punto all Ordine del Giorno avente ad oggetto Nuove definizioni delle modalità applicative della Legge Regionale n. 14/2009, integrata con Legge Regionale n. 13/ secondo Piano Casa ed invita l Assessore Beltrame Bruno ad illustrare la proposta. Al termine dell intervento dell Assessore Beltrame, il Sindaco chiede se vi siano interventi e dichiara aperta la discussione. Segue l intervento del Responsabile dell Area Tecnica, Ing. Rancan Alberto. Dei suddetti interventi è stata effettuata fonoriproduzione su supporto digitale. La trascrizione integrale della fonoriproduzione costituisce il separato verbale di seduta che, debitamente sottoscritto dal Presidente e dal Segretario verbalizzante, verrà pubblicato all Albo Pretorio (analogamente agli altri verbali di deliberazione) e verrà conservato agli atti a documentazione della seduta e a disposizione dei consiglieri e degli aventi titolo. Tutto ciò premesso, VISTA la proposta di deliberazione in oggetto; IL CONSIGLIO COMUNALE SENTITA la relazione dell Assessore all Urbanistca-Edilizia Privata Bruno Beltrame; PREMESSO che: - in data 8 luglio 2009 la Regione Veneto ha approvato la Legge Regionale n. 14/2009 intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per favorire l utilizzo dell edilizia sostenibile e modifiche alla Legge Regionale 12 luglio 2007, n. 16 in materia di barriere architettoniche, definita anche come Piano Casa; tali disposizioni avevano durata temporanea per 2 anni dal 11/07/2009; - ai sensi dell art. 9 comma 5 di tale Legge i Comuni, entro il termine del 30 ottobre 2009 dovevano deliberare, sulla base di specifiche valutazioni di carattere urbanistico, edilizio, paesaggistico ed ambientale, se o con quali ulteriori limiti e modalità applicare la normativa di cui gli articoli 2, 3 e 4; - il Consiglio Comunale ha approvato n. 2 deliberazioni in merito alle modalità applicative della Legge Regionale n. 14/2009, la n. 99 del 26/10/2009 e la n. 57 del 29/06/2010; - in data 8 luglio 2011 la Regione Veneto ha approvato la Legge Regionale n. 13/2011 intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per favorire l utilizzo dell edilizia sostenibile e modifiche alla Legge Regionale n. 16/2007 in materia di barriere architettoniche e successive modificazioni, alla Legge Regionale n. 11/2004 norme per il governo del territorio e in materia di paesaggio e successive modificazioni e disposizioni in materia di autorizzazioni di impianti solari e fotovoltaici ; tali disposizioni avranno durata temporanea fino al 30/11/2011; - ai sensi dell art.8 comma 2 di tale Legge con l entrata in vigore della presente Legge non trovano applicazione le deliberazioni adottate dai Comuni ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. n. 14/2009 ; - ai sensi dell art. 8 comma 4 di tale Legge i Comuni, entro il termine del 30 novembre 2011 possono deliberare, fermo restando quanto previsto dall art. 9 comma 1 lettera a) della L.R. n. 14/2009 come modificato con la presente Legge, sulla base di specifiche valutazioni di carattere urbanistico, edilizio, paesaggistico ed ambientale, se o con quali eventuali limiti e modalità applicare la normativa di cui gli articoli 2, 3 e 4 della L.R. n. 14/2009, come modificati dalla presente Legge ; - nel caso in cui il Comune non deliberi nel termine sopracitato, le disposizioni della Legge Regionale trovano integrale applicazione, ad eccezione degli interventi che ricadono in zona A centro storico, per i quali si intendono ammissibili solamente quelli su edifici destinati a prima casa d abitazione (art. 6 comma 1 e art. 8 commi 4-5 della Legge); VISTA: - la deliberazione della Giunta Regionale n del 4 agosto 2009 integrazione delle linee guida di cui all art. 2 della L.R. n. 4/2007, in applicazione dei commi 2 e 3, art. 3 della L.R. n. 14/2009 ; - la deliberazione della Giunta Regionale n del 4 agosto 2009 applicazione del comma 1 dell art. 5 della L.R. n. 14/2009 ; - la prima Circolare Regionale esplicativa della Legge in oggetto, approvata con deliberazione della Giunta Regionale n del 22/09/2009; VISTA la seguente definizione di prima casa d abitazione introdotta con l art. 8 della L.R. n. 26/2009 e integrata con l art. 7 della L.R. n. 13/2011: per prima casa d abitazione si intendono le unità immobiliari in proprietà, DELIBERA DI CONSIGLIO n. 94 del Pag. n.2 - COMUNE DI BRENDOLA

3 usufrutto o altro diritto reale in cui l avente titolo o i suoi familiari, risiedano oppure si obblighino a stabilire la residenza e a mantenerla almeno per ventiquattro mesi successivi al rilascio del certificato di agibilità ; VISTA la nota n. 5055/SZ del 31/10/2011 da parte della Confcommercio di Vicenza (ricevuta in data 03/11/2011 con n di prot.), con la quale viene precisato che per gli edifici con destinazione commerciale non è consentita la deroga alle disposizioni regionali in materia di programmazione, insediamento ed apertura di grandi strutture di vendita, centri commerciali e parchi commerciali; PRESO ATTO che il Consiglio Comunale è chiamato a deliberare su tale materia, relativamente a edifici residenziali non destinati a prima casa d abitazione, strutture ricettive, edifici produttivi ed edifici commercialidirezionali, e che allo stesso sono sottratte le competenze in merito alle decisioni riguardanti le prime case d abitazione, ad eccezione degli interventi che ricadono in zona A centro storico, per i quali il Consiglio Comunale può decidere se e con quali modalità consentire detti interventi; (art. 6 comma 1 e art. 8 commi 4-5 della Legge); PRESO ATTO degli ambiti di esclusione stabiliti dalla Legge, ai sensi dell art. 9 comma 1, anche per le prime case d abitazione ; PRESO ATTO che: - la realizzazione della maggior parte degli interventi, ovvero per tutte le prime case d abitazione, non è subordinata all esistenza delle opere di urbanizzazione primaria e al loro adeguamento in ragione del maggiore carico urbanistico connesso al previsto aumento di volume o di superficie degli edifici esistenti, ed è anche sottoposta alla riduzione del contributo di costruzione nella misura del 60% o in misura del 100% nel caso di utilizzo di fonti di energia rinnovabile con una potenza non inferiore a 3 Kw (art. 9 comma 4 e art. 7 commi 1-1 bis della Legge); - la realizzazione di tutti gli interventi non sono subordinati all esistenza delle opere di urbanizzazione secondaria e al loro adeguamento in ragione del maggiore carico urbanistico connesso al previsto aumento di volume o di superficie degli edifici esistenti. PRESO ATTO che: - le disposizioni degli articoli della Legge si applicheranno anche dopo il termine di scadenza della stessa, nelle more dell approvazione della nuova disciplina regionale sull edilizia; - in merito alle previsioni dell art. 5 comma 1 lettera b), relative alle pensiline e tettoie realizzate su abitazioni esistenti alla data di entrata in vigore delle Legge, finalizzate all installazione di impianti solari e fotovoltaici, sono state definite e dimensionate, con deliberazione di Giunta Regionale n del 4 agosto 2009 e con l art. 20 del D.M. 06/08/2010 e che il Consiglio Comunale può solamente stabilire le distanze e la qualità esteriore di tali manufatti; - in merito alle previsioni dell art. 5 comma 1 lettera a), relative ai sistemi di captazione delle radiazioni solari addossati o integrati negli edifici, quali serre bioclimatiche, pareti ad accumulo e muri collettori, atti allo sfruttamento passivo dell energia solare, sempreché correlati con il calcolo di progetto degli impianti termo meccanici, alla data odierna non risulta ancora emanato il provvedimento da parte della Giunta Regionale, integrativo della deliberazione n del 4 agosto 2009; RITENUTO opportuno deliberare su tale materia, al fine di: - favorire il recupero del patrimonio esistente prima di effettuare nuovi ampliamenti mediante costruzione di nuovi corpi di fabbrica; - favorire un adeguato rilancio del settore edilizio, fortemente in crisi in questo momento, nel rispetto dell ambiente e del tessuto urbanistico esistente, con contestuale protezione dei beni storici, culturali e paesaggistici; - favorire l utilizzo dell edilizia sostenibile e delle fonti di energia alternative, rispettando comunque le forme architettoniche degli edifici, stabilite dalle Norme Tecniche di Attuazione del P.R.G. vigente; - favorire la sostituzione rapida del patrimonio edilizio fatiscente, obsoleto e non rispondente alla nuova situazione tecnologica ed energetica, con contestuale miglioramento della qualità della vita; VISTO che la Regione Veneto ha precisato nel proprio sito dedicato ai quesiti più frequenti sul Piano Casa, che relativamente all ipotesi del titolo edilizio costituito dalla d.i.a., che a norma dell art. 6 della L.R. 14/2009, rimasto inalterato anche a seguito della L.R. 13/2011, costituisce il titolo per l esecuzione degli interventi previsti dal Piano casa, a seguito dell intervento dell Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato (29 luglio 2011, n. 15) la Denuncia di Inizio Attività deve essere intesa quale atto privato inerente ad attività edilizia presuntivamente lecita e non, quindi, come atto amministrativo a formazione tacita, con l importante conseguenza che il titolo si forma all atto stesso della sua presentazione, e non allo scadere dei 30 giorni da questa, e che il decorso del tempo attiene esclusivamente al potere comunale di inibizione dell attività oggetto della Denuncia"; RITENUTO opportuno stabilire quanto segue: DELIBERA DI CONSIGLIO n. 94 del Pag. n.3 - COMUNE DI BRENDOLA

4 - confermare le scelte già oggetto di deliberazione da parte dell Amministrazione Comunale, nella prima definizione delle modalità applicative della L.R. n. 14/2009 (primo Piano Casa), rese operative con deliberazione di Consiglio Comunale n. 99 del 26/10/2009 e n. 57 del 29/06/2010; - le istanze non ancora definite e presentate ai sensi della L.R. n. 14/2009 prima dell entrata in vigore della L.R. n. 13/2011, ovvero entro 08/07/2011, potranno essere definite con le disposizioni contenute nelle deliberazioni di Consiglio Comunale n. 99/2009 e n. 57/2010; - ammettere in zona A centro storico solamente gli interventi riguardanti prime case d abitazione su edifici che non risultano di pregio architettonico ai sensi del vigente P.r.g., per un corretto equilibrio tra la tutela e la riqualificazione architettonica della zona; - ammettere in zona E4 zona agricola e residenziale solamente gli interventi riguardanti prime case d abitazione ; in quanto zone sprovviste in tutto o in parte delle opere di urbanizzazione; - nei casi di ampliamento contiguo o mediante realizzazione di corpo staccato, favorire il recupero di annessi rustici prima di costruire un nuovo corpo di fabbrica; - nei casi di demolizione e ricostruzione con aumento di volume, relativamente ai fabbricati che non siano adibiti a prima casa d abitazione, la ricostruzione dovrà essere realizzata in modo tale che al fabbricato stesso venga riconosciuta la classificazione energetica di tipo A o B; - confermare le distanze dalle strade, dai fabbricati e dai confini di altra proprietà, previste dalla legislazione vigente in materia e dalle Norme Tecniche di Attuazione del P.r.g. al fine dell omogeneo sviluppo urbanistico del territorio; - derogare alle altezze massime di zona stabilite nelle Norme Tecniche di Attuazione del P.r.g. solamente nei casi di adeguamento dei sottotetti ai fini abitativi; - nei casi di edifici insistenti su fascia di rispetto stradale, ammettere gli interventi di sopraelevazione, solamente per l adeguamento dei sottotetti ai fini abitativi, fino alla altezza minima per renderli abitabili; - nei casi di sopraelevazione di fabbricati in zona A - centro storico, l altezza del fabbricato sopraelevato non dovrà superare le altezze dei fabbricati limitrofi; - escludere l applicazione della Legge nei fabbricati ricadenti in zona territoriale omogenea D1-D2 e per tutte le attività artigianali, industriali, commerciali e direzionali, sia nei casi di ampliamento che di integrale demolizione e ricostruzione con aumento di volume; - introdurre dei limiti nei casi di ampliamento mediante realizzazione del corpo edilizio separato; - nei casi di intervento con creazione di nuova unità abitativa da adibire a prima casa d abitazione, al fine dello scomputo del contributo di costruzione come previsto dall art. 7 commi 1 e 1 bis della Legge, chiedere la presentazione di un atto notarile o polizza fideiussoria a garanzia dell impegno assunto, da presentare prima del rilascio del Permesso di Costruire o in allegato alla Denuncia Inizio Attività; - stabilire un termine massimo entro il quale dovranno essere definite le istanze presentate entro il termine di validità della Legge; - demandare all ufficio tecnico la verifica in merito alla legittimità degli interventi realizzati su fabbricati adibiti a prime case d abitazione ; RITENUTO opportuno precisare quanto segue: - chiarire la definizione di superficie coperta che concorre al calcolo dell ampliamento di edifici ad uso diverso dal residenziale, nei quali sono ammessi gli interventi, ai sensi della presente deliberazione; - nei casi di ampliamento di fabbricati adibiti a prima casa d abitazione, il nuovo corpo di fabbricata potrà ricadere anche in zona territoriale omogenea diversa rispetto a quella sulla quale insistono, purchè compatibile con gli usi previsti in tale zona, come previsto dalle vigenti N.T.A. di P.r.g., solamente qualora venga dimostrata l impossibilità materiale di realizzarlo nella medesima zona in cui si trova il fabbricato esistente; - nei casi di ampliamento di fabbricati non adibiti a prima casa d abitazione, il nuovo corpo di fabbricata potrà ricadere anche in zona territoriale omogenea diversa rispetto a quella sulla quale insistono, purchè compatibile con gli usi previsti in tale zona, come previsto dalle vigenti N.T.A. di P.r.g., e solamente qualora l ampliamento venga realizzato in aderenza al fabbricato; - in merito alle modalità applicative dell art. 2, combinato con l art. 9 comma 6 della Legge, nei casi di ampliamento di edifici residenziali in zona agricola adibiti a prima casa d abitazione, l ampliamento relativo alla volumetria massima assentibile ai sensi della vigente normativa, dovrà esclusivamente essere realizzato a ridosso degli edifici stessi; il corpo edilizio separato potrà avere le dimensioni massime del 20% della volumetria massima assentibile, ovvero del 20-30% del volume esistente; VISTO: - la Legge 12 luglio 2011 n. 106 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 13 maggio 2011, n. 70 Semestre Europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia, detto anche Decreto Sviluppo, con particolare riferimento all art. 5; - il Testo Unico delle Leggi sull ordinamento degli Enti Locali, approvato con Decreto Legislativo 18 agosto n. 267; - il Decreto Legislativo 30 marzo 2001 n. 165; DELIBERA DI CONSIGLIO n. 94 del Pag. n.4 - COMUNE DI BRENDOLA

5 - il vigente regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi e per l accesso al pubblico impiego, come modificato con deliberazione di Giunta Comunale n. 40 del 7 marzo il vigente statuto comunale, revisionato con deliberazione consiliare n. 70 di reg. del 30/11/1999, esecutiva; ACQUISITO il parere di regolarità tecnica di cui all articolo 49 comma 1, del Testo Unico delle Leggi sull Ordinamento degli Enti Locali approvato con Decreto Legislativo 18 agosto 2000 n. 267 posti in calce alla proposta di deliberazione; CON VOTI unanimi favorevoli legalmente espressi (Consiglieri Signori Ceron Renato, Beltrame Bruno, Centofante Fabio, Meneghello Stefano, Ghiotto Vittorio, Stefani Alessandra, Marana Matteo, Cracco Danilo, Vignaga Silvano, Sudiro Marco, Bonato Giovanni, Matteazzi Giuliano, Pellizzari Elena, Zuffo Antonella, Dal Monte Mario, Lunardi Giuseppe, Rizzotto Gaetano); DELIBERA 1 - le premesse sono parte integrante e sostanziale del presente atto; 2 - di adottare ed approvare per le motivazioni esposte in premessa, per tutti i fabbricati adibiti a prime case d abitazione, tutte le disposizioni della Legge Regionale n. 14/2009 integrata con Legge Regionale n. 13/2011 e dei relativi n. 2 atti di indirizzo approvati con deliberazioni di Giunta Regionale n e n del 4 agosto 2009; 3. di stabilire che le istanze presentate ai sensi della L.R. n. 14/2009 prima dell entrata in vigore della L.R. n. 13/2011, ovvero entro 08/07/2011, potranno essere definite con le disposizioni contenute nelle precedenti deliberazioni di Consiglio Comunale n. 99/2009 e n. 57/2010; 4 - di stabilire che gli interventi previsti dagli articoli 2-3 e 4 della Legge, non si applicano: - negli edifici elencati nell art. 9 comma 1 della Legge stessa; - in tutti i fabbricati che il P.R.G. vigente identifica come attività produttive da bloccare o da trasferire ; - in tutti i fabbricati che il P.R.G. vigente identifica come edifici monumentali e beni architettonici ed ambientali ; 5 - di stabilire che, per i fabbricati situati all interno della zona territoriale omogenea A - centro storico, sono ammessi solamente interventi per le prime case d abitazione, compresi gli accessori pertinenziali alle stesse, a condizione che ai fabbricati non sia attribuito un grado di protezione 1 e di stabilire che, per i fabbricati situati all interno della zona territoriale omogenea E4 zona agricola e residenziale, sono ammessi solamente interventi per le prime case d abitazione ; 7 - di stabilire che, per i fabbricati situati all interno delle zone territoriali omogenea D1 e D2 e per tutti i fabbricati ad uso artigianale, industriale, commerciale e direzionale, gli interventi previsti dagli articoli 2-3 e 4 della Legge non si applicano; nelle zone territoriali omogenee D1 e D2, sono ammessi solamente interventi per le prime case d abitazione ; 8 - di stabilire che, per tutti i fabbricati residenziali non considerati prime case d abitazione e per tutti i fabbricati ad uso agricolo e turistico, sono ammessi i seguenti interventi: - ampliamenti fino al 20% del volume o superficie esistente; nel caso di fabbricati ad uso agricolo e turistico, dotati di solai intermedi si intende per superficie coperta esistente l area di un unico piano al lordo delle murature perimetrali; - integrali demolizioni e ricostruzioni con aumento di volume o superficie fino al 20% dell esistente; - integrali demolizioni e ricostruzioni con aumento di volume o superficie fino al 35% dell esistente, a condizione che vengano utilizzate tecnologie che prevedano l uso di energia rinnovabile con una potenza non inferiore a 3 Kw e che al fabbricato oggetto d intervento sia riconosciuta la classificazione energetica tipo B; - integrali demolizioni e ricostruzioni con aumento di volume o superficie fino al 40% dell esistente, a condizione che vengano utilizzate tecnologie che prevedano l uso di energia rinnovabile con una potenza non inferiore a 3 Kw e che al fabbricato oggetto d intervento sia riconosciuta la classificazione energetica tipo A; Il Comune si riserva, a mezzo di personale esperto in materia e con l utilizzo di idonea strumentazione, la verifica della corretta certificazione energetica dei fabbricati realizzati secondo le tecniche di edilizia sostenibile; 9 - di stabilire che, al fine di favorire la realizzazione delle pensiline e delle tettoie finalizzate all installazione di impianti solari e fotovoltaici, le distanze minime che tali impianti tecnologici-manufatti dovranno rispettare sono le seguenti: - distanze da confine: m. 1,50; misure inferiori potranno essere autorizzate solamente con l accordo con altra proprietà registrato e trascritto nelle forme di legge; DELIBERA DI CONSIGLIO n. 94 del Pag. n.5 - COMUNE DI BRENDOLA

6 - distanze da fabbricati: le pensiline non concorrono alla distanza tra fabbricati, mentre le tettoie dovranno rispettare le distanze stabilite dal D.M. 1444/1968 e dall art. 9 delle N.T.A. di P.r.g.; - distanze dalle strade: le pensiline non concorrono alla distanza dalle strade, mentre le tettoie dovranno rispettare le distanze stabilite dal D.M. 1404/1968, dal D. Lgv. n. 285/1992 e s.m.i. (Codice della Strada) e dagli articoli 6 e 9 delle N.T.A. di P.r.g.; 10 - di integrare quanto disposto dalla Legge con le seguenti disposizioni: - gli interventi previsti dalla Legge, nelle prime case d abitazione poste in zona territoriale omogenea D1 e D2 non possono comportare aumento del numero di unità abitative; - sono ammessi, in tutte le zone territoriali omogenee, aumenti di superficie utile di pavimento all interno del volume residenziale autorizzato, nel rispetto dei parametri igienico-sanitari previsti dalla normativa vigente; tali interventi non comportano aumento dell altezza dei fabbricati; - in deroga alle altezze massime stabilite nelle Norme Tecniche di Attuazione di P.r.g., sono ammessi gli interventi di sopraelevazione dei sottotetti esistenti ai fini abitativi, fino alla altezza minima per renderli abitabili; - nei casi di fabbricati insistenti su fascia di rispetto stradale, gli interventi di sopraelevazione potranno essere realizzati solamente per l adeguamento dei sottotetti ai fini abitativi, fino alla altezza minima per renderli abitabili; - nei casi di sopraelevazione di fabbricati in zona A - centro storico, l altezza del fabbricato sopraelevato non dovrà superare le altezze dei fabbricati limitrofi; - le previsioni degli articoli 2-3 e 4 della Legge non trovano applicazione qualora i fabbricati si trovino in zona impropria; le destinazioni d uso ammissibili sono quelle stabilite nelle vigenti Norme Tecniche di Attuazione di P.r.g. per ogni singola zona territoriale omogenea; - qualora l ampliamento sia realizzato mediante la costruzione di un corpo edilizio separato, per i motivi stabiliti dalla Legge, il nuovo corpo di fabbrica dovrà essere posto a ridosso di altri manufatti o corpi di fabbrica esistenti e legittimi, salvo che lo stesso non sia di impossibile realizzazione, visto lo stato dei luoghi; - non è ammessa la demolizione con ricostruzione dei fabbricati ricadenti in zona agricola e classificati tipo A dalle schede di rilevamento degli edifici in zona agricola, approvate con deliberazione di Giunta Regionale n del 21/09/2001; in tali fabbricati è comunque ammissibile l ampliamento nei limiti di Legge; - in fabbricati plurifamiliari o di tipo a schiera, fatto salvo quanto stabilito dal codice civile e dai regolamenti condominiali, sono ammessi tutti gli interventi previsti dagli articoli 2-3 e 4, a condizione che gli stessi costituiscano valida soluzione architettonica da riconoscere mediante presentazione di un progetto unitario; in tali fabbricati è altresì ammessa la cessione di cubatura tra unità immobiliari, mediante assenso scritto degli aventi titolo; - nei casi di ampliamento di fabbricati adibiti a prima casa d abitazione, il nuovo corpo di fabbrica potrà ricadere anche in zona territoriale omogenea diversa rispetto a quella sulla quale insistono, purchè compatibile con gli usi previsti in tale zona, come previsto dalle vigenti N.T.A. di P.r.g., solamente qualora venga dimostrata l impossibilità materiale di realizzarlo nella medesima zona in cui si trova il fabbricato esistente; - nei casi di ampliamento di fabbricati non adibiti a prima casa d abitazione, il nuovo corpo di fabbrica potrà ricadere anche in zona territoriale omogenea diversa rispetto a quella sulla quale insistono, purchè compatibile con gli usi previsti in tale zona, come previsto dalle vigenti N.T.A. di P.r.g., e solamente qualora l ampliamento venga realizzato in aderenza al fabbricato; - nei casi di ampliamento mediante realizzazione del corpo edilizio separato, il nuovo corpo di fabbrica dovrà rispettare quanto segue: a) dovrà essere realizzato in modo da recuperare fabbricati esistenti nell area di pertinenza del fabbricato oggetto di ampliamento, anche in deroga al limite di cui al successivo punto b); b) dovrà essere realizzato ad una distanza massima di m. 50 dal fabbricato oggetto di ampliamento, misurati tra gli angoli più vicini dei due fabbricati; c) nei casi in cui il corpo separato sia ad uso abitazione, lo stesso dovrà essere dotato di autonoma funzionalità, ovvero completo di tutti i locali abitabili necessari per definirlo abitazione; - nei casi di ampliamento di edifici residenziali in zona agricola adibiti a prima casa d abitazione, l ampliamento relativo alla volumetria massima assentibile ai sensi della vigente normativa, dovrà esclusivamente essere realizzato a ridosso degli edifici stessi; il corpo edilizio separato potrà avere le dimensioni massime del 20% della volumetria massima assentibile, ovvero del 20-30% del volume esistente; - l ampliamento mediante realizzazione del corpo edilizio separato, dovrà essere realizzato recuperando fabbricati non più funzionali alla conduzione del fondo, esistenti nell area di pertinenza del fabbricato oggetto d intervento; - i nuovi corpi di fabbrica devono rispettare le distanze dalle strade stabilite dal D.M. 1404/1968, dal D. Lgv. n. 285/1992 e s.m.i. (Codice della Strada) e dagli articoli 6 e 9 delle N.T.A. di P.r.g.; - i nuovi corpi di fabbrica devono rispettare le distanze da altri fabbricati stabilite dal D.M. 1444/1968 e dall art. 9 delle N.T.A. di P.r.g.; - i nuovi corpi di fabbrica devono rispettare la distanza di m. 5,00 dai confini di altra proprietà, fatti salvi accordi con la proprietà confinante, registrati e trascritti nelle forme di legge; altre distanze da rispettare sono stabilite dall art. 9 delle N.T.A. di P.r.g.; - nei casi di intervento con creazione di nuova unità abitativa da adibire a prima casa d abitazione, al fine dello scomputo del contributo di costruzione come previsto dall art. 7 comma 1 e 1 bis della Legge, necessita la DELIBERA DI CONSIGLIO n. 94 del Pag. n.6 - COMUNE DI BRENDOLA

7 presentazione, prima del rilascio del Permesso di Costruire o in allegato alla Denuncia Inizio Attività, di un atto di vincolo notarile, registrato e trascritto, di inalienabilità della nuova unità abitativa da realizzare, a partire dalla data di stipula del vincolo stesso e fino al trascorrere di mesi 24 dalla data del rilascio del Certificato di Agibilità. In alternativa al vincolo, potrà essere presentata una polizza fideiussoria a copertura dell importo del contributo di costruzione scomputato; la stessa verrà svincolata, su richiesta dell avente titolo, dopo il trascorrere di mesi 24 dalla data del rilascio del Certificato di Agibilità, previa dimostrazione del rispetto di quanto previsto per la prima casa d abitazione ; - nei casi di integrale demolizione e ricostruzione con aumento di volume: a) l intervento dovrà comportare una ricomposizione planivolumetrica del fabbricato, con un sostanziale miglioramento delle forme architettoniche, che dovranno adeguarsi ai parametri tipologici stabiliti dalle N. T. A. del P.R.G.; b) le ricostruzioni di fabbricati esistenti, posti all interno delle fasce di rispetto, potranno prevedere la modifica dell area di sedime del fabbricato esistente, a condizione che il nuovo sedime sia posizionato nella medesima zona territoriale omogenea e che lo stesso sia posto ad una distanza maggiore dal bene oggetto di tutela; c) fatti salvi i casi di sopraelevazione è sempre vietato l avanzamento verso il bene oggetto di tutela; - qualora la realizzazione degli interventi, sia subordinata al nulla-osta di ulteriori Enti preposti (Provincia, U.L.S.S., Vigili del Fuoco, Genio Civile, Consorzio di Bonifica Alta Pianura Veneta, Soprintendenza BB.AA., Servizio Forestale Regionale, od ulteriori Enti preposti), gli stessi potranno essere realizzati solamente dopo l ottenimento dei prescritti pareri; - non è ammessa la riduzione del contributo di costruzione, prevista dall art. 7 commi 1 e 1 bis della Legge, qualora l intervento da realizzare sia conforme agli strumenti urbanistici vigenti (regionale, provinciale, comunale e Piano d Area Monti Berici); al fine dello scomputo del contributo di costruzione, all atto della presentazione dell istanza, il progettista delle opere dovrà dimostrare che l intervento risulta in contrasto con gli stessi strumenti urbanistici. La riduzione del contributo di costruzione verrà applicata solamente sui nuovi volumi o nuove superfici non conformi agli strumenti urbanistici vigenti. 11. di stabilire che, al fine della legittimità degli interventi realizzati su fabbricati adibiti a prima casa d abitazione, l ufficio tecnico dovrà verificare, a mezzo dell elenco delle istanze previsto dall art. 8 della Legge, tutte le istanze relative agli stessi, fino alla decorrenza di mesi 24 dal rilascio del Certificato di Agibilità; nei casi in cui tali fabbricati non fossero più adibiti a prima casa d abitazione entro il termine di 24 mesi dal rilascio dell Agibilità, si riterrà la volumetria realizzata priva di legittimazione e l ufficio tecnico procederà ai sensi del capo II del D.P.R. n. 380/2001 e successive modifiche e integrazioni; 12 - di stabilire che, per tutto quello che non viene stabilito nella presente deliberazione, si dovrà fare riferimento a quanto disposto dalla L.R. n. 14/2009, integrata con L.R. n. 13/2011, deliberazioni di Giunta Regionale n e n del 04/08/2009, ed eventuali provvedimenti successivamente emanati; 13 - di precisare che tutti gli interventi previsti dalla L.R. n. 14/2009, integrata con L.R. n. 13/2011, non sono cumulabili con gli interventi previsti dalla Legge n. 106/2011 e viceversa; 14 - di stabilire che tutte le istanze presentate entro il termine di validità della Legge e incomplete della documentazione prevista, dovranno essere integrate entro il termine massimo di 120 giorni dopo la scadenza della Legge; decorso tale termine le istanze non integrate sono da considerarsi prive di efficacia e vanno respinte. Successivamente, * * * * * IL CONSIGLIO COMUNALE ON VOTI unanimi favorevoli legalmente espressi (Consiglieri Signori Ceron Renato, Beltrame Bruno, Centofante Fabio, Meneghello Stefano, Ghiotto Vittorio, Stefani Alessandra, Marana Matteo, Cracco Danilo, Vignaga Silvano, Sudiro Marco, Bonato Giovanni, Matteazzi Giuliano, Pellizzari Elena, Zuffo Antonella, Dal Monte Mario, Lunardi Giuseppe, Rizzotto Gaetano); D I C H I A R A L immediata eseguibilità del presente provvedimento, ai sensi dell art. 134, comma 4, del Testo Unico delle Leggi sull Ordinamento degli Enti Locali approvato con Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, stante l urgenza di procedere. DELIBERA DI CONSIGLIO n. 94 del Pag. n.7 - COMUNE DI BRENDOLA

8 Art.49, comma 1, D.Lgs. n. 267/2000 Pareri favorevoli. Parere in ordine alla regolarità tecnica: IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO ALBERTO RANCAN DELIBERA DI CONSIGLIO n. 94 del Pag. n.8 - COMUNE DI BRENDOLA

9 Il presente verbale viene letto, approvato e sottoscritto. Il Presidente RENATO CERON Il Segretario Comunale MASSIMILIANO SPAGNUOLO CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE (Art.124 D.Lgs. n. 267/2000) Si certifica, su conforme dichiarazione del Messo Comunale, che la presente deliberazione viene pubblicata mediante affissione all Albo pretorio per quindici giorni dal Il Segretario Comunale MASSIMILIANO SPAGNUOLO CERTIFICATO DI ESECUTIVITA (Art. 134, comma 3, D.Lgs. n. 267/2000) Si certifica che la suestesa deliberazione, non soggetta al controllo preventivo di legittimità, è stata pubblicata, nelle forme di legge, all Albo Pretorio del Comune senza riportare nei primi 10 giorni di pubblicazione denunce di vizi di legittimità o competenza, per cui la stessa E DIVENUTA ESECUTIVA, ai sensi del D.Lgs. 18 Agosto 2000, n.267, il giorno Brendola, li Il Segretario Comunale MASSIMILIANO SPAGNUOLO DELIBERA DI CONSIGLIO n. 94 del Pag. n.9 - COMUNE DI BRENDOLA

Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 (BUR n. 50/2011) - Testo storico

Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 (BUR n. 50/2011) - Testo storico MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L'UTILIZZO DELL'EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO 2007,

Dettagli

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente...

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente... REGIONE VENETO Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 1 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO

Dettagli

CITTA DI VITTORIO VENETO IL NUOVO PIANO CASA. LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio 2011

CITTA DI VITTORIO VENETO IL NUOVO PIANO CASA. LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio 2011 CITTA DI VITTORIO VENETO IL NUOVO PIANO CASA LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio 2011 Vittorio Veneto, Biblioteca Civica 10 ottobre 2011 La legge sul nuovo piano casa è una legge che non prevede nuovo

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i.

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. COMUNE DI LIMENA Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. Approvate con la deliberazione di C.C. n. 33 del 28.09.2011

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO COPIA COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia Servizio Segreteria Delibera N. 28 del 29/11/2011 EDIL.PRIV./alm VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO (ASSUNTA CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE)

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

PIANO CASA VENETO SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA VENETO SCHEDA SINTETICA PIANO CASA VENETO SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 8/7/2009 n. 14, Dgr 24/8/2009 n. 2499 e 2508, Dgr 22/9/2009 n. 2797, L. 8/7/2011, n. 13; L. 1/8/2012, n. 36; Circolare

Dettagli

Art. 1 - Finalità. a) al miglioramento della qualità abitativa per preservare,

Art. 1 - Finalità. a) al miglioramento della qualità abitativa per preservare, IL VECCHIO E IL NUOVO PIANO CASA A CONFRONTO con le nuove disposizioni dettate dalla legge regionale n. 32 del 29 novembre 2013 (Bur n. 103 del 30/11/2013) - Il primo dicembre 2013 è entrata in vigore

Dettagli

C O M U N E D I I L L A S I

C O M U N E D I I L L A S I C O M U N E D I I L L A S I PROVINCIA DI VERONA DEFINIZIONI, LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009 N.14 NEL TERRITORIO COMUNALE DI ILLASI TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

INDICE TITOLO I DEFINIZIONI URBANISTICO EDILIZIE PER L APPLICAZIONE DEL PIANO CASA

INDICE TITOLO I DEFINIZIONI URBANISTICO EDILIZIE PER L APPLICAZIONE DEL PIANO CASA INDICE TITOLO I DEFINIZIONI URBANISTICO EDILIZIE PER L APPLICAZIONE DEL PIANO CASA Articolo 1 IL CONCETTO DI PRIMA CASA DI ABITAZIONE Articolo 2 IL CONCETTO DI EDIFICI ESISTENTI Articolo 3 DEFINIZIONE

Dettagli

PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14. SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI

PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14. SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI MONITORAGGIO PIANO CASA STATO DELL ARTE Numero di istanze

Dettagli

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N 312 IN DATA 15/06/2009 PROTOCOLLO N 0007018 COMUNICATA AI CAPIGRUPPO CONSILIARI IL 25/06/2009 DELIB. IMM. ESEGUIBILE ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 42 del 06/06/2007 C O P I A OGGETTO: DIRETTIVE DI APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DI CUI ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 23 DEL 7.05.2007, "APPROVAZIONE MODIFICHE

Dettagli

COMUNE DI VITTORIO VENETO

COMUNE DI VITTORIO VENETO COMUNE DI VITTORIO VENETO L.R. 13/2011 SECONDO PIANO CASA A VITTORIO VENETO Determinazioni limiti e modalità di applicazione IL SINDACO Gianantonio Da Re L' ASSESSORE ALL' EDILIZIA PRIVATA Flavio De Nardi

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

COMUNE DI MASER (TV) Limiti e modalità operative di applicazione della L.R. 14/2009 così come integrata e modificata dalla L.R.

COMUNE DI MASER (TV) Limiti e modalità operative di applicazione della L.R. 14/2009 così come integrata e modificata dalla L.R. COMUNE DI MASER (TV) Limiti e modalità operative di applicazione della L.R. 14/2009 così come integrata e modificata dalla L.R. 13/2011 Allegato A alla delibera di Consiglio Comunale n. 35 del 30/11/2011

Dettagli

Comune di Volterra. Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Comune di Volterra. Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Volterra Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 16 del 19/01/2016 OGGETTO: L.R.n 65/2014 Art.184. Adeguamento delle tabelle per la determinazione degli oneri di urbanizzazione

Dettagli

COMUNE DI MOLVENA Provincia di Vicenza

COMUNE DI MOLVENA Provincia di Vicenza COMUNE DI MOLVENA Provincia di Vicenza Verbale di deliberazione di CONSIGLIO COMUNALE N 41 DEL 21/11/2011 Copia OGGETTO: L.R. N. 14 DEL 08/07/2009, COME MODIFICATA DALLA L.R. N. 13 DEL 08/07/2011 "PIANO

Dettagli

Comune di Roana PROVINCIA DI VICENZA COPIA. Deliberazione n. 194 Data 27-12-2011. Soggetta a ratifica Immediatamente eseguibile

Comune di Roana PROVINCIA DI VICENZA COPIA. Deliberazione n. 194 Data 27-12-2011. Soggetta a ratifica Immediatamente eseguibile Comune di Roana PROVINCIA DI VICENZA COPIA Deliberazione n. 194 Data 27-12-2011 Soggetta a ratifica Immediatamente eseguibile N N VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: ADOZIONE VARIANTE

Dettagli

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011 LEGGE REGIONALE 21/12/2010 N.19 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 OTTOBRE 2009, N. 22 "INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE

Dettagli

INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI

INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI L.P. 5 SETTEMBRE 1991, N. 22 articolo 99, comma 1, lettera e bis) INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI (testo approvato con deliberazione della Giunta provinciale n.

Dettagli

IL PIANO CASA DEL COMUNE DI BADIA POLESINE Dicembre 2009

IL PIANO CASA DEL COMUNE DI BADIA POLESINE Dicembre 2009 1 INDICE TITOLO I DEFINIZIONI URBANISTICO EDILIZIE PER L APPLICAZIONE DEL PIANO CASA Articolo 1 IL CONCETTO DI PRIMA CASA DI ABITAZIONE Articolo 2 IL CONCETTO DI EDIFICI ESISTENTI Articolo 3 DEFINIZIONE

Dettagli

COMUNE DI BARDELLO Provincia di Varese

COMUNE DI BARDELLO Provincia di Varese COMUNE DI BARDELLO Provincia di Varese VERBALE DI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE COPIA Numero 37 del 29-09-2009 Oggetto: L.R. 16 LUGLIO 2009 N. 13 - RIDUZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E REPERIMENTO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE Numero 52 / Reg. Delibere Data 01/03/2010 OGGETTO: L.R. 70/80. "NORME SUGLI INTERVENTI REGIONALI PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI EDILIZIA SCOLASTICA - PIANO ORDINARIO

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA POSA DI IMPIANTI SOLARI E FOTOVOLTAICI (da 1 a 5 Kwp) (approvato con deliberazione c.c. numero 21 del 30.06.2011) Pagina 1 di 5

Dettagli

Comune di Verretto Provincia di Pavia

Comune di Verretto Provincia di Pavia Comune di Verretto Provincia di Pavia DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 2 del Registro Deliberazioni OGGETTO: AGGIORNAMENTO DEL COSTO DI COSTRUZIONE AI FINI DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE PER L'ANNO

Dettagli

C O M U N E D I I S C H I A

C O M U N E D I I S C H I A C O M U N E D I I S C H I A ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE Seduta del 18/09/2003 N. 227 OGGETTO: LEGGE REGIONALE 18.10.2002 N.26. APPROVAZIONE PROPOSTA DI INSERIMENTO NELL'ELENCO

Dettagli

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo Regione Piemonte Bollettino Ufficiale n. 38 del 24 settembre 2009 Circolare della Presidente della Giunta Regionale 21 settembre 2009, n. 4/PET Legge regionale 14 luglio 2009, n. 20 Snellimento delle procedure

Dettagli

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE Allegato A alla Delibera Consiglio Comunale n.27 del 07/09/2015 Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE TABELLA A - EDIFICI RESIDENZIALI Zone ZTS (ex P.R.G. Zone omogenee A) (U1) Euro 7,38/Mc Euro 2,95/Mc.

Dettagli

COMUNE DI MONSUMMANO TERME PROVINCIA DI PISTOIA. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale N 116 del 03/06/2010

COMUNE DI MONSUMMANO TERME PROVINCIA DI PISTOIA. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale N 116 del 03/06/2010 COPIA COMUNE DI MONSUMMANO TERME PROVINCIA DI PISTOIA Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale N 116 del 03/06/2010 Oggetto: Istituzione del catasto dei boschi e pascoli situati entro 50 metri dai

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE indice Art. 1 Premessa pag 5 Art. 2 Ambito di applicazione pag 5 Art. 3 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabella parametrica

Dettagli

COMUNE DI ORTA DI ATELLA Provincia di Caserta VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE

COMUNE DI ORTA DI ATELLA Provincia di Caserta VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE Prot n. 660/S del 14.09.2011 D.Legvo COMUNE DI ORTA DI ATELLA Provincia di Caserta VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N. 147 Del 12.09.2011 OGGETTO Aggiornamento ISTAT del costo di

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA N. 533 IL COMUNE DI RIESE PIO X DISATTENDE COMPLETAMENTE LO SPIRITO DELLA LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14, COME

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 17 del 08/03/2012 OGGETTO: Aggiornamento degli oneri di urbanizzazione e del costo di costruzione ai sensi

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA

CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA Legge Regionale: Norme sulla sanatoria degli abusi edilizi di cui all art. 32 del Decreto Legge 30.09.2003, n. 269. * * * * * * * * * Articolo 1 Oggetto della legge 1.

Dettagli

Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato

Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato Direzione Legislazione Mercato Privato Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato CAGLIARI, 27 settembre 2013 Semplificazioni in materia edilizia Art. 30 Semplificazioni per la ristrutturazione

Dettagli

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE REGIONE TOSCANA Legge regionale 8 maggio 2009, n. 24 1 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE (B.U.R.T. 13 maggio 2009,

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 35 In data 17.07.2014 Prot. N. 10861 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia

Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Modena, 8/03/2011 Prot. Gen. n. 28679/2011 CG-MG/mg A tutto il Personale del Settore Agli Ordini e Collegi Professionali LORO SEDI OGGETTO: PROCEDURE DI

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA. Oggetto: ADOZIONE DEL PIANO DI RECUPERO DENOMINATO "SCULAZZON" A TRESCHE' CONCA

PROVINCIA DI VICENZA. Oggetto: ADOZIONE DEL PIANO DI RECUPERO DENOMINATO SCULAZZON A TRESCHE' CONCA Comune di Roana PROVINCIA DI VICENZA COPIA Deliberazione n. 52 Data 10-04-2012 Soggetta a ratifica Immediatamente eseguibile N N VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: ADOZIONE DEL PIANO

Dettagli

COMUNE DI CAVRIGLIA. Medaglia di Bronzo al Valor Militare. Provincia di Arezzo DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI CAVRIGLIA. Medaglia di Bronzo al Valor Militare. Provincia di Arezzo DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI CAVRIGLIA Medaglia di Bronzo al Valor Militare Provincia di Arezzo DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 215 DEL 02.10.2014 Oggetto: DIRITTI DI SEGRETERIA SUGLI ATTI EDILIZI. INTEGRAZIONE

Dettagli

Comune di Veggiano Provincia di Padova

Comune di Veggiano Provincia di Padova Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2, 3 e 4 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 così come modificata dalla legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 PREMESSA Nell'intento

Dettagli

C O M U N E D I C A M B I A N O

C O M U N E D I C A M B I A N O C O M U N E D I C A M B I A N O MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO EDILIZIO INCARICO DEL 20/10/2014 RELAZIONE I Tecnici Incaricati Ing. Andrea BAUCHIERO Geom. Gianluigi PAGLIERO COMUNE DI CAMBIANO

Dettagli

COMUNE DI BAGNI DI LUCCA Provincia di Lucca

COMUNE DI BAGNI DI LUCCA Provincia di Lucca COMUNE DI BAGNI DI LUCCA Provincia di Lucca VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N 75 del 30/07/2015 OGGETTO: DETERMINAZIONE IN MERITO AL CALCOLO DEL COSTO DI COSTRUZIONE PR IL RILASCIO

Dettagli

COMUNE DI VERCEIA Provincia di Sondrio

COMUNE DI VERCEIA Provincia di Sondrio COMUNE DI VERCEIA Provincia di Sondrio DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 17 Del 24-06-2015 Oggetto: ADEGUAMENTO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE IN APPLICAZIONE DELLA L.R. N. 31/2014 E DELLA L.

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine Riservato al protocollo Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine ALLEGATA ALLA : SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA (art. 20 e 21 L.R. 31/2002) RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA

Dettagli

Al Responsabile del Servizio Tecnico e Territoriale del Comune di SANTA MARIA DELLA VERSA (PV)

Al Responsabile del Servizio Tecnico e Territoriale del Comune di SANTA MARIA DELLA VERSA (PV) Comune di SANTA MARIA DELLA VERSA Provincia di Pavia Servizio Tecnico e Territoriale Sportello Unico per l Edilizia Spazio riservato per il protocollo SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (ex articolo

Dettagli

ALLEGATO B. Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili, pannelli solari termici e fotovoltaici, generatori eolici

ALLEGATO B. Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili, pannelli solari termici e fotovoltaici, generatori eolici ALLEGATO B Norme regolamentari relative all installazione di impianti tecnologici e di altri manufatti comportanti modifiche dell aspetto esteriore degli edifici Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili,

Dettagli

S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Comune di BORNASCO Provincia di PAVIA Area Tecnica P.G. S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (ex articolo 19 Legge /.8.1990 n. 241 - art.5, Legge n 73/2010) per interventi di cui alla successiva

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) AL COMUNE DI PIEVE EMANUELE Via Viquarterio, 1 20090 Ufficio Edilizia Privata SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990 come modificato ed integrato dall

Dettagli

COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) GIUNTA MUNICIPALE DELIBERAZIONE N. 22 DEL 07/03/2012

COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) GIUNTA MUNICIPALE DELIBERAZIONE N. 22 DEL 07/03/2012 COPIA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) GIUNTA MUNICIPALE DELIBERAZIONE N. 22 DEL 07/03/2012 OGGETTO: L.R. 1/05 - ART.41 - COMMI 6 E 9 - L.R. 62/08 - OBBLIGO DI RIMOZIONE ANNESSI L anno duemiladodici,

Dettagli

COMUNE DI CASTELGRANDE Provincia di Potenza

COMUNE DI CASTELGRANDE Provincia di Potenza COMUNE DI CASTELGRANDE Provincia di Potenza Prot. 14 Reg. n. 126 COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: INTEGRAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE DEI LAVORI PUBBLICI- TRIENNIO 2015/2017. ELENCO ANNUALE

Dettagli

C O M U N E D I M A N T O V A LA GIUNTA COMUNALE

C O M U N E D I M A N T O V A LA GIUNTA COMUNALE COPIA C O M U N E D I M A N T O V A SEGRETERIA GENERALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 165 Reg. Deliberazioni N. 12579/2012 di Prot. G. OGGETTO: AGGIORNAMENTO ISTAT DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE,

Dettagli

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE C O P I A N. 21 Reg. Deliberazioni OGGETTO: AUTORIZZAZIONE AL RESPONSABILE DELL'AREA PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO PER IL RILASCIO

Dettagli

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE CODICE ENTE 022012 COPIA PER ALBO ON-LINE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: combrissago@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it Regione Sicilia Legge Regionale n. 40 del 21 aprile 1995 Provvedimenti per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e dei rifiuti speciali inerti. Disposizioni varie in materia urbanistica. L'Assemblea

Dettagli

COMUNE di FIVIZZANO Provincia di Massa e Carrara

COMUNE di FIVIZZANO Provincia di Massa e Carrara COMUNE di FIVIZZANO Provincia di Massa e Carrara DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 47 OGGETTO Incentivi economici a favore dell edilizia sostenibile. : L anno Duemiladodici addì Ventotto del mese

Dettagli

Consiglio di Bacino dell Ambito BACCHIGLIONE

Consiglio di Bacino dell Ambito BACCHIGLIONE Consiglio di Bacino dell Ambito BACCHIGLIONE Proposta di Deliberazione dell Assemblea SEDUTA del 8.04.2014 N. di Reg. N. di Prot. Odg 3 Immediatamente eseguibile Oggetto: APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BILANCIO

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010 ================================================================= OGGETTO: INDIRIZZI SULLA VERIFICA

Dettagli

Comune di Casalromano

Comune di Casalromano Comune di Casalromano Provincia di Mantova Codice Ente 10830 Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale ************** Adunanza ordinaria di 1 convocazione seduta pubblica COPIA OGGETTO: OGGETTO:

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art.

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art. S.C.I.A. n. / (riservato al Comune) Timbro del Protocollo Generale AL COMUNE DI ROSTA UFFICIO TECNICO Piazza Vittorio Veneto 1 10090 Rosta Torino OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A.

Dettagli

copia n 214 del 08.06.2012

copia n 214 del 08.06.2012 CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia n 214 del 08.06.2012 OGGETTO : APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI INSTALLAZIONE DI UN PARCO ACQUATICO CON GONFIABILI IN LOCALITA

Dettagli

Città di Campodarsego Provincia di Padova

Città di Campodarsego Provincia di Padova Città di Campodarsego Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 87 O G G E T T O DETERMINAZIONE DEL VALORE VENALE IN COMUNE COMMERCIO AL 1 GENNAIO DELL ANNO DI IMPOSIZIONE DELLE

Dettagli

COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova

COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 21 del 05-03-2012 Oggetto:Aggiornamento dei diritti di segreteria da applicarsi alle pratiche edilizie e di

Dettagli

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO Provincia di Modena Deliberazione della Giunta Comunale N. 71 del 07/05/2014 OGGETTO: CAMPAGNA DI CENSIMENTO DEGLI ELEMENTI EDILIZI CONTENENTI AMIANTO. PROVVEDIMENTI FINALIZZATI

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro Domanda di Permesso di costruire BOLLO Prot. n. Spett. Comune di RANCO Piazza PARROCCHIALE n. 4 21020 - RANCO Li gg mese anno Il/la sottoscritto/a quale rappresentante legale dell impresa (ove necessario)

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione VENETO

Guida al PIANO CASA della Regione VENETO Guida al PIANO CASA della Regione VENETO (aggiornata a marzo 2015) SOMMARIO INTRODUZIONE.. pag. 3 IL PIANO CASA NEL VENETO.. pag. 4 EDIFICI RESIDENZIALI, Ampliamento volumetrico.....pag. 6 EDIFICI RESIDENZIALI,

Dettagli

Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo.

Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo. Parere n. 50/2010 - Edificazione su territorio agricolo Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo. Si precisa che le risposte ai quesiti posti

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

COMUNE di FIVIZZANO. Provincia di Massa e Carrara DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 4

COMUNE di FIVIZZANO. Provincia di Massa e Carrara DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 4 COMUNE di FIVIZZANO Provincia di Massa e Carrara DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 4 OGGETTO: Individuazione annuale 2013 delle frazioni non metanizzate che possono godere della riduzione del prezzo

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Legge 1986022 Pagina 1 di 5 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

O M I S S I S RELAZIONE

O M I S S I S RELAZIONE O M I S S I S Durante la trattazione del presente argomento risultano presenti in aula n 27 Consiglieri: Bimbatti, Borgato, Buson, Fiorenzato, Frigato, Guarnieri, Guerrato, Libralon, Maldi, Masin, Montagnolo,

Dettagli

Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.)

Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.) Timbro quadro del professionista o logo Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.) allegata a S.C.I.A. ex art. 19 L. 241/1990, come sostituito dall art.

Dettagli

Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO

Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 5 OGGETTO: ADEGUAMENTO COSTO UNITARIO DI COSTRUZIONE, ART. 16 COMMA 9 DEL D.P.R. 06.06.2001 N. 380 E ART. 48 COMMA

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO C O P I A DELIBERAZIONE N. 46 DEL 10/07/2014 Deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: MODIFICA GRADO DI PROTEZIONE PER APPLICAZIONE "PIANO CASA" AD EDIFICIO COMPRESO NEL CENTRO STORICO DEL CAPOLUOGO.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 118/E

RISOLUZIONE N. 118/E RISOLUZIONE N. 118/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Spese sostenute per la redazione di un atto di vincolo unilaterale - Art. 16-bis del TUIR - Istanza

Dettagli

COMUNE DI CAVRIAGO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI CAVRIAGO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI CAVRIAGO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA ORIGINALE DELIBERAZIONE N. 10 In data: 03/03/2011 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE INCREMENTO DI SUPERFICIE COPERTA: VALUTAZIONI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI TORRI DEL BENACO Provincia di Verona Viale F.lli Lavanda, 3 - Cap. 37010 0456205888 - fax 0456205800 P.IVA 00661030239 sito internet: www.comune.torridelbenaco.vr.it e-mail: comune@torridelbenaco.vr.it

Dettagli

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale COMUNITA' ALTO GARDA E LEDRO PIANO TERRITORIALE DELLA COMUNITA' PIANO STRALCIO IN MATERIA DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE art. 25 bis, comma 1 bis l.p.4 marzo 2008, n.1 NORME TECNICHE

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale N. 24 Reg. Seduta del 07/05/2015 OGGETTO: PROGRAMMA NUOVI PROGETTI INTERVENTI, PREVISTO DALL ART. 3 COMMI 2-3 DEL

Dettagli

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE 15 ottobre 2012, n. 49 Norme per l'attuazione dell'articolo 5 del D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (Semestre europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia) convertito, con

Dettagli

COMUNE DI CASTELVISCONTI Provincia di Cremona

COMUNE DI CASTELVISCONTI Provincia di Cremona COMUNE DI CASTELVISCONTI Provincia di Cremona DELIBERAZIONE N. 02 Codice Ente 10730 9 Castelvisconti Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Rideterminazione prezzi e durata concessioni

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 151 in data: 28.12.2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE N. 151 in data: 28.12.2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI GORLA MAGGIORE UFFICIO SEGRETERIA (PROVINCIA DI VARESE) P.ZZA MARTIRI DELLA LIBERTÀ, 19 21050 TEL.0331.617121 FAX 0331.618186 E.MAIL: segreteria@comunegorlamaggiore.it COPIA DELIBERAZIONE N.

Dettagli

O G G E T T O. L'anno duemilanove addì ventisette del mese di ottobre alle ore 18:00, nella Residenza Municipale, per riunione di Giunta Comunale.

O G G E T T O. L'anno duemilanove addì ventisette del mese di ottobre alle ore 18:00, nella Residenza Municipale, per riunione di Giunta Comunale. C O P I A Comune di Bovolenta Provincia di Padova Deliberazione n. 122 in data 27-10-2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE O G G E T T O L.R. 28.01.2000 n. 5, art. 91 - COMPLETAMENTO DELLE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 61 DEL 18/11/2014 OGGETTO: NOMINA DATORE DI LAVORO DEL COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 61 DEL 18/11/2014 OGGETTO: NOMINA DATORE DI LAVORO DEL COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA CODICE ENTE 012022 COPIA ALBO ON LINE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: combrissago@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

Venezia 16 maggio 2012 Direzione per la Prevenzione Regione Veneto

Venezia 16 maggio 2012 Direzione per la Prevenzione Regione Veneto La normativa regionale finalizzata alla sicurezza delle manutenzioni in quota e alla definizione dei requisiti di salute e sicurezza degli insediamenti produttivi. Venezia 16 maggio 2012 Direzione per

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 68 del 25/05/2012 Oggetto: ADOZIONE VARIANTE AL PN 11. L anno duemiladodici il giorno venticinque del mese di maggio

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 OGGETTO: Comune di Torino. Intervento di ristrutturazione del Palazzo del Lavoro Italia 61. Indirizzi dell Ente di gestione L anno duemilanove

Dettagli