PER IL DIRITTO ALLA SALUTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PER IL DIRITTO ALLA SALUTE"

Transcript

1 Gruppo Sinistra Ecologia Libertà Camera dei Deputati gennaio 2015 PER IL DIRITTO ALLA SALUTE A cura di: Walter Gori [Digitare il testo]

2 PER IL DIRITTO ALLA SALUTE INDICE Premessa pag. 1 PROPOSTA DI LEGGE Disposizioni in materia di obiezione di coscienza relativa all'interruzione volontaria di gravidanza pag. 2 PROPOSTA DI LEGGE Disposizioni in materia di consenso informato e di dichiarazioni anticipate di volontà per i trattamenti sanitari pag. 6 PROPOSTA DI LEGGE Norme in materia di procreazione medicalmente assistita pag. 11 PROPOSTA DI LEGGE Disposizioni per il riconoscimento dell'endometriosi come malattia sociale e istituzione del Registro nazionale dell'endometriosi e della Giornata nazionale per la lotta contro l'endometriosi pag. 18 MOZIONE sul Servizio Sanitario Nazionale pag. 21 MOZIONE sulla Procreazione medialmente assistita pag. 27 MOZIONE Legge 194/78 interruzione volontaria di gravidanza e obiezione di coscienza pag. 30 MOZIONE Libertà di scelta delle donne e politiche per il diritto alla salute riproduttiva in ambito europeo pag. 33 MOZIONE sulle Malattie rare pag. 37 MOZIONE sulla Celiachia pag. 40 [Digitare il testo]

3 Premessa I documenti parlamentari che trovate nei due Dossier Per il diritto alla Salute e Per un nuovo Welfare, sono chiaramente, e inevitabilmente, solo una minima parte del lavoro che in questa legislatura stiamo cercando di portare avanti alla Camera con costanza, quotidianamente, attraverso interventi, Interrogazioni, Risoluzioni, Mozioni, Ordini del giorno, emendamenti ai singoli provvedimenti che abbiamo in esame. Si è quindi deciso di selezionare solamente alcuni principali Atti parlamentari, quali Proposte di legge e Mozioni, presentati in questi quasi due anni di legislatura, e che riteniamo quelli più significativi, riguardo ai temi della Salute e delle Politiche sociali. Riguardo in particolare al Dossier Per un nuovo Welfare, abbiamo ritenuto utile integrare i testi delle nostre Proposte di legge e delle Mozioni in materia di politiche sociali, con il recente lavoro emendativo che abbiamo svolto riguardo al disegno di legge delega del Governo di riforma del Terzo Settore e del Servizio civile, perché detta delega è proprio in questi giorni all esame della Commissione Affari sociali della Camera, ed è un tema particolarmente importante che riguarda la revisione della legislazione sul volontariato, la cooperazione sociale, l associazionismo non-profit, le fondazioni e le imprese sociali. Marisa Nicchi 1

4 XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI N PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei deputati NICCHI, COSTANTINO, DURANTI, MELILLA, RICCIATTI, PANNARALE, PIRAS, SANNICANDRO Disposizioni in materia di obiezione di coscienza relativa all'interruzione volontaria di gravidanza Presentata il 18 luglio 2014 Onorevoli Colleghi! La fotografia attuale vede un Paese dove l'interruzione volontaria della gravidanza, soprattutto in alcune regioni, è diventata quasi impossibile. La legge n. 194 del 1978 ha previsto espressamente all'articolo 9, quarto comma, l'obbligo per gli enti ospedalieri e le case di cura autorizzate ad assicurare comunque e in ogni caso l'espletamento delle procedure e gli interventi di interruzione della gravidanza, assegnando inoltre alle regioni il controllo e la garanzia della piena attuazione della legge, anche attraverso la mobilità del personale. La legge n. 194 del 1978 prevede, accanto a scelte individuali, delle responsabilità pubbliche. L'obiezione di coscienza è infatti un diritto della persona ma non della struttura. Al personale sanitario viene garantito di poter sollevare l'obiezione di coscienza. Ma quello che è un diritto del singolo non è (non dovrebbe essere) un diritto della struttura sanitaria nel suo complesso, che ha anzi l'obbligo di garantire l'erogazione delle prestazioni sanitarie. Di fatto però, nessuno ha controllato che la legge venisse effettivamente e pienamente applicata. Recentemente il Comitato europeo dei diritti sociali ha ufficialmente riconosciuto che l'italia viola i diritti delle donne che alle condizioni prescritte dalla legge n. 194 del 1978 intendono interrompere la gravidanza e questo per l'elevato e crescente numero di medici obiettori di coscienza. Nel nostro Paese, i dati ufficiali parlano di un 69,3 per cento dei ginecologi del Servizio sanitario nazionale (SSN) obiettore di coscienza: in pratica quasi sette medici ginecologi su dieci sono obiettori. Le percentuali regionali dei ginecologi obiettori non scendono mai al di sotto al 51,9. I dati medi aggregati per nord, centro, sud e isole indicano percentuali di ginecologi obiettori di coscienza pari rispettivamente al 63,9 per cento, 72 per cento, 77,1 per cento e 74,7 per cento. Le punte più alte di ginecologi obiettori risultano in Molise (87,9 per cento) e in Campania (88,4 per cento). Peraltro è ben noto che i dati presentati dalla relazione annuale al Parlamento sullo stato di attuazione della legge n. 194 del 1978 in realtà sono sottostimati e non fotografano lo stato reale della sua applicazione nel territorio nazionale, che risulta spesso ben più grave di quella riportata nei dati ufficiali. Ricordiamo, in tal senso, i dati resi noti dalla Libera associazione italiana dei ginecologi per l'applicazione della legge n. 194 del 1978 (LAIGA) il 14 giugno 2012, risultanti da un attento monitoraggio dello stato di attuazione della legge nella regione Lazio, dai quali emerge una situazione reale ben più grave di quanto riportato nella relazione del Ministro della salute: nel Lazio in 10 strutture pubbliche su 31 (esclusi gli ospedali religiosi, che invocano un'obiezione «di struttura», e le cliniche accreditate, la maggior parte delle quali ignora semplicemente il problema) noi si eseguono interruzioni di gravidanza. Nella medesima regione ha posto obiezione di coscienza il 91,3 per cento dei ginecologi ospedalieri. In 3 province su 5 (Frosinone, Rieti e Viterbo) non è 2

5 possibile eseguire aborti terapeutici, il che costringe le donne alla triste migrazione verso i pochi centri della capitale, sempre più congestionati, o in altre regioni, o all'estero. In questa situazione molte strutture ospedaliere, per garantire l'applicazione della legge, devono ricorrere a medici esterni convenzionati con il SSN ed assunti esclusivamente per le interruzioni di gravidanza (medici SUMAI), o a medici «a gettone», con un significativo aggravio per il SSN. La principale conseguenza di un numero così elevato di obiettori di coscienza è quella di rendere sempre più difficoltosa la stessa applicazione della legge n. 194 del 1978, con effetti negativi sia per la funzionalità dei vari enti ospedalieri e quindi del SSN, sia per le donne che ricorrono all'interruzione volontaria di gravidanza. Tutto questo comporta l'allungamento dei tempi di attesa, con maggiori rischi per la salute delle donne e con maggiori rischi professionali per i pochi non obiettori, costretti loro malgrado ad una cattiva pratica clinica. A fronte di tante difficoltà, cresce la preoccupazione per il pericolo di un ritorno a forme di clandestinità, denunciate da più parti e che il Ministero della salute di fatto ignora, riportando in proposito, nella relazione annuale sullo stato di applicazione della legge n. 194 del 1978, stime che risalgono al Oggi lo Stato si dimostra di fatto non in grado di gestire le difficoltà organizzative delle strutture sanitarie obbligate all'applicazione della legge n. 194 del La proposta di legge che sottoponiamo alla vostra attenzione tenta di dare una risposta efficace all'evidente sempre maggiore incapacità del SSN di applicare pienamente la legge n. 194 del 1978 e di garantire e tutelare le donne che decidono di fare ricorso all'interruzione volontaria di gravidanza. Intendiamo, in sintesi, affermare il principio che l'interruzione di gravidanza deve essere comunque garantita. L'articolo 1 prevede che ogni regione e provincia autonoma debba individuare le strutture sanitarie pubbliche nelle quali istituire la struttura semplice del reparto di ostetricia e ginecologia, denominata «Servizio di fisiopatologia della riproduzione». La struttura, di alta specializzazione, svolge i compiti relativi alla diagnostica prenatale, assicura l'espletamento delle procedure e l'effettuazione degli interventi di interruzione volontaria della gravidanza e si occupa delle interruzioni di gravidanza oltre il novantesimo giorno. La responsabilità del Servizio di fisiopatologia della riproduzione è affidata a un medico specialista in ginecologia e ostetricia, che non ha sollevato obiezione di coscienza. Tutto il personale sanitario deve essere non obiettore; l'eventuale successiva obiezione comporta il decadere dell'incarico. Il comma 6 prevede l'istituzione di un registro regionale e delle province autonome dei medici ginecologi con l'indicazione, per ciascuno di essi, se abbiano o no sollevato obiezione di coscienza, al fine di assicurare alle donne il diritto di scegliere consapevolmente il medico a cui rivolgersi. L'articolo 2 ribadisce comunque l'obbligo previsto dalla legge n. 194 del 1978, per le strutture sanitarie nazionali, di assicurare l'espletamento delle procedure e l'effettuazione degli interventi di interruzione della gravidanza richiesti, secondo elevati standard di efficacia, efficienza e soddisfazione dell'utente relativamente ai servizi, alle procedure e agli interventi erogati. Per quanto concerne le strutture sanitarie private accreditate le regioni dovranno verificare la permanenza, la sospensione o la revoca dell'accreditamento in caso di inadempienze nell'attuazione della legge n. 194 del Per quanto riguarda, invece, le strutture sanitarie pubbliche, si prevede che la loro inadempienza agli obblighi di legge diventi elemento di valutazione e di verifica per la conferma dell'incarico del direttore generale e del contratto previsto per i dirigenti responsabili di struttura complessa. L'articolo 3 interviene sulle procedure concorsuali per il conferimento degli incarichi di direzione di struttura complessa per l'area di ginecologia e ostetricia. Si prevede che il non aver sollevato obiezione di coscienza ai sensi dell'articolo 9 della legge n. 194 del 1978, costituisce titolo di preferenza a parità di merito e di titoli ai fini del punteggio attribuito ai candidati, nonché ai fini della determinazione finale da parte del direttore generale. 3

6 Art. 1. (Istituzione del Servizio di fisiopatologia della riproduzione). 1. Fermo restando l'obbligo di attuazione della legge 22 maggio 1978, n. 194, da parte delle strutture sanitarie di cui alla medesima legge, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, entro sessanta giorni dal termine di cui al comma 2, previa intesa in sede di Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, e successive modificazioni, e secondo i criteri di cui al medesimo comma 2, individuano le strutture sanitarie pubbliche nelle quali istituire il Servizio di fisiopatologia della riproduzione, quale struttura semplice all'interno dell'area di ginecologia e ostetricia. Il Servizio di fisiopatologia della riproduzione svolge i compiti relativi alla diagnostica prenatale e assicura l'espletamento delle procedure e l'effettuazione degli interventi di interruzione volontaria della gravidanza. In particolare, il Servizio di fisiopatologia della riproduzione si occupa delle interruzioni di gravidanza oltre il novantesimo giorno di gestazione, definite interruzioni terapeutiche di gravidanza, che richiedono competenze specifiche e alta specializzazione, in modo da assicurare alle pazienti l'utilizzo delle tecniche e delle metodiche più sicure e avanzate. 2. I Servizi di fisiopatologia della riproduzione sono istituiti in modo da servire un bacino ottimale di utenza, individuato da ciascuna regione e provincia autonoma entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge. Deve comunque essere garantito almeno un Servizio di fisiopatologia della riproduzione per ciascun comune capoluogo. 3. La responsabilità del Servizio di fisiopatologia della riproduzione è affidata a un medico specialista in ginecologia e ostetricia con funzione apicale, che non ha sollevato obiezione di coscienza ai sensi dell'articolo 9 della legge 22 maggio 1978, n L'obiezione di coscienza eventualmente sollevata dal medico responsabile del Servizio di fisiopatologia della riproduzione, di cui al comma 3 del presente articolo, ai sensi dell'articolo 9 della legge 22 maggio 1978, n. 194, è considerata a tutti gli effetti come una notifica di dimissioni dall'incarico se il medico precedentemente non era in organico nella struttura sanitaria; è considerata come rinuncia all'incarico e come richiesta di ritorno alle mansioni precedentemente svolte se il medico era già dipendente della struttura sanitaria. 5. La funzionalità del Servizio di fisiopatologia della riproduzione è assicurata dalla presenza di personale sanitario e ausiliario non obiettore di coscienza ai sensi dell'articolo 9 della legge 22 maggio 1978, n. 194, al quale sono estese, in caso di obiezione, le disposizioni del comma 4 del presente articolo. 6. Entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, ciascuna regione e le province autonome di Trento e di Bolzano provvedono a istituire un registro dei medici ginecologi con l'indicazione, per ciascuno di essi, se abbiano o no sollevato obiezione di coscienza ai sensi dell'articolo 9 della legge 22 maggio 1978, n Il registro, aggiornato almeno ogni sei mesi, è pubblicato nei siti istituzionali delle regioni, delle province autonome e delle aziende sanitarie locali ed ospedaliere dei rispettivi territori. 7. Con decreto del Ministro della salute, da emanare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, previa intesa in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sono stabiliti i criteri e le modalità attuative delle disposizioni del comma 6. Art. 2. (Verifica dell'attuazione della legge 22 maggio 1978, n. 194, da parte delle strutture sanitarie). 1. Nel rispetto dell'articolo 9, quarto comma, primo periodo, della legge 22 maggio 1978, n. 194, le strutture sanitarie pubbliche e private autorizzate sono tenute in ogni caso ad assicurare l'espletamento delle procedure e l'effettuazione degli interventi di interruzione della gravidanza richiesti, secondo le modalità previste dalla medesima legge e secondo elevati standard di efficacia, efficienza e soddisfazione dell'utente relativamente ai servizi, alle procedure e agli interventi 4

7 erogati. 2. Le regioni, nell'esercizio dei poteri di vigilanza, e il Ministro della salute nell'esercizio del potere di alta vigilanza di cui all'articolo 10, comma 2, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, oltre alle attività di controllo di cui al medesimo articolo 10 e avvalendosi dei propri servizi ispettivi, verificano il rispetto e le modalità di attuazione delle disposizioni del comma 1 del presente articolo, da parte delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate autorizzate. È fatta salva la periodicità dei controlli sulla permanenza degli ulteriori requisiti richiesti previsti dalla vigente normativa nazionale e regionale per l'esercizio delle attività sanitarie da parte delle strutture sanitarie pubbliche e private. 3. Entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, ciascuna regione, con proprio atto normativo, provvede a definire i criteri e le modalità di sospensione e di eventuale revoca dell'accreditamento delle strutture sanitarie private o comunque del servizio di ostetricia e ginecologia inadempienti, o che abbiano erogato un servizio sanitario non efficiente e inadeguato in relazione agli obblighi di cui al comma L'inadempienza da parte di una struttura sanitaria pubblica nell'attuazione della legge 22 maggio 1978, n. 194, rappresenta elemento di verifica per la conferma dell'incarico del direttore generale e del contratto previsto per i dirigenti responsabili di struttura complessa, di cui all'articolo 8-octies, comma 2, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, nonché, per i direttori generali, elemento ai fini della verifica e della valutazione di cui all'articolo 3-bis, comma 5, del medesimo decreto legislativo n. 502 del 1992, e successive modificazioni. Art. 3. (Criteri di nomina dei direttori di struttura complessa). 1. Relativamente alle procedure per il conferimento degli incarichi di direzione di struttura complessa di cui all'articolo 15, comma 7-bis, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, con riguardo all'area di ginecologia e ostetricia, i candidati devono dichiarare in forma scritta se sono obiettori di coscienza ai sensi dell'articolo 9 della legge 22 maggio 1978, n Con riferimento all'area di ginecologia e ostetricia e ai fini del conferimento dell'incarico di direzione di struttura complessa di cui al comma 1 del presente articolo, il non aver sollevato obiezione di coscienza ai sensi dell'articolo 9 della legge 22 maggio 1978, n. 194, costituisce, in virtù del mero riconoscimento dell'attività professionale svolta anche in supplenza, titolo di preferenza a parità di merito e titoli ai fini del punteggio attribuito ai candidati dalla commissione di cui all'articolo 15, comma 7-bis, lettera b), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, nonché ai fini della determinazione finale da parte del direttore generale. Il titolo di preferenza di cui al precedente periodo è valido, nell'ambito della suddetta area di ginecologia e ostetricia, anche ai fini della nomina dei responsabili di unità operativa complessa a direzione universitaria, di cui al citato articolo 15, comma 7-bis, lettera c), del decreto legislativo n. 502 del

8 XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI N PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei deputati NICCHI, PIAZZONI, AIELLO, DI SALVO, COSTANTINO, DURANTI, FAVA, LACQUANITI, LAVAGNO, MELILLA, PAGLIA, PANNARALE, PELLEGRINO, QUARANTA, RICCIATTI, ZAN Disposizioni in materia di consenso informato e di dichiarazioni anticipate di volontà per i trattamenti sanitari Presentata il 2 aprile 2014 Onorevoli Colleghi! Dopo lo scontro che ha caratterizzato il dibattito sul «fine vita», anche a seguito della tristemente famosa vicenda della morte di Eluana Englaro, e che ha visto impegnate le Camere per buona parte della scorsa legislatura, è improcrastinabile superare finalmente posizioni che nel nostro Paese impediscono da troppi anni l'approvazione di una legge moderna e laica sulle scelte di fine vita. Lo stesso Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in un breve messaggio del 18 marzo scorso, inviato al consigliere generale dell'associazione Luca Coscioni, Carlo Trailo, nel corso di una conferenza stampa per chiedere alle Camere l'avvio di un'indagine conoscitiva su come si muore in Italia, ha voluto sottolineare come «il Parlamento non dovrebbe ignorare il problema delle scelte di fine vita ed eludere un sereno e approfondito confronto di idee su questa materia (...). Drammatici nella loro obbiettiva eloquenza sono d'altronde i dati resi noti da diversi istituti che seguono il fenomeno della condizione estrema di migliaia di malati terminali in Italia». In questo ambito è indispensabile approvare una legge che rispetti la libertà individuale, che dia la possibilità di decidere senza prevedere limitazioni stringenti ovvero, imporre dogmi o verità unilaterali. Che consenta, giuridicamente, di decidere quando mettere la parola «fine» a un'esistenza compromessa irreparabilmente dalla malattia e dal dolore. Che rispetti le volontà di tutti e non imponga terapie obbligatorie: così com è giusto prevedere che coloro che, in base alla loro fede, desiderano ricorrere a tutti gli atti medici e presìdi terapeutici per allungare artificialmente la loro vita siano in pieno diritto di farlo, così questo diritto dovrebbe valere anche nel caso opposto. Perciò è necessaria in Italia una legge che abbia a cuore certamente la salute, ma anche il rispetto del malato in ogni fase della sua vita. Peraltro una riflessione andrebbe fatta sul nesso tra democrazia, laicità e libertà. La democrazia è tale se si ha rispetto della libertà e quando, davanti alla contrapposizione di due tesi o a un conflitto di valori, come nel caso del tema del fine vita, non ricorre alla «criminalizzazione» di una dei due ma, al contrario, li aiuta a «convivere», nel rispetto reciproco. Democrazia, e quindi laicità, è il riconoscimento delle diverse sensibilità, è passione per il confronto tra convincimenti culturali, morali e religiosi che devono coesistere liberamente e che sono necessari per lo sviluppo democratico del Paese. Se andiamo indietro nel tempo, troviamo le leggi sul divorzio e sull'aborto, anch'esse eticamente delicate, che pur dividendo il Paese, sono state approvate e sono leggi di uno Stato laico, che non impongono nulla a nessuno, ma che si sono limitate a riconoscere libertà, diritti e opportunità solo a chi voglia avvalersene. È proprio questo concetto di laicità che la nostra proposta di legge prende come «stella polare». In tema di bioetica è in atto da anni un intenso dibattito legato ai concetti di consenso informato, dichiarazioni anticipate di trattamento e alleanza terapeutica tra medico e paziente. Temi fortemente 6

9 connessi al diritto costituzionale alla salute e alle sue implicazioni sulle problematiche del fine vita. Il dibattito è fondato sul riconoscimento del diritto alla tutela della salute, sempre nel rispetto dell'autodeterminazione del singolo, riconosciuto da numerose norme nazionali e sovranazionali. Tra queste basti ricordare la Convenzione europea di Oviedo del 4 aprile 1997 sui diritti dell'uomo e sulla biomedicina, resa esecutiva dalla legge 28 marzo 2001, n. 145, che, al comma 1 dell'articolo 5 stabilisce che «un intervento nel campo della salute non può essere effettuato se non dopo che la persona interessata abbia dato consenso libero e informato». Per quanto concerne invece l'ordinamento italiano, si deve anzitutto richiamare il dettato Costituzionale e in particolare, oltre l'articolo 2, anche il disposto dell'articolo 13 che sancisce l'inviolabilità della libertà personale da cui deriva il principio del consenso informato quale presupposto di ogni trattamento sanitario. L'articolo 32, secondo comma, stabilisce, infatti, che «Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge» e che «La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana». Queste parole, non a caso, furono formulate dall'assemblea costituente perché venisse posto al legislatore un limite invalicabile. Se in base al principio di autodeterminazione riconosciuto dal citato articolo 32 nessuno può imporre un trattamento medico a un paziente che non lo voglia, così deve essere in caso di perdita della facoltà di intendere e di volere attraverso un atto di living will, cioè di volontà lasciata da vivente. La morte è l'unica cosa certa che capita all'essere umano ed è giusto che ciascuno affermi il modo di finire la propria vita in armonia con il proprio concetto di esistenza. Vale la pena rammentare che Aldo Moro collaborò alla stesura della parte finale del citato articolo 32, secondo comma, della Costituzione, relativa ai limiti posti alla legge, che può determinare trattamenti sanitari obbligatori, ma sempre nei «limiti imposti dal rispetto della persona umana», e che nella seduta della Commissione per la Costituzione del 28 gennaio 1947 ebbe a dichiarare che quel limite era necessario perché il legislatore non cadesse nella tentazione dell'onnipotenza. Il limite del rispetto della persona umana è una della dichiarazioni più forti della Costituzione poiché, come detto, pone al legislatore un limite invalicabile. Quando si giunge al nucleo duro dell'esistenza, alla necessità di rispettare la persona umana in quanto tale, siamo di fronte all'indecidibile. Nessuna volontà esterna, fosse pure quella coralmente espressa da tutti i cittadini o da un Parlamento unanime, può prendere il posto di quella dell'interessato. Nell'ambito della libertà della persona e dei diritti costituzionalmente riconosciuti deve quindi valere il diritto al rifiuto o all'interruzione dei trattamenti sanitari, che non può essere disatteso nel nome di un supposto dovere pubblico di cura, a meno di non voler affermare l'idea di uno Stato illiberale, ripudiata dai Costituenti. Unicamente in tale direzione può volgere una corretta lettura del dettato costituzionale, secondo cui la Repubblica tutela la salute come fondamentale «diritto dell'individuo e interesse della collettività», laddove l'intervento sociale si colloca in funzione del rispetto della persona e della sua sfera di autodeterminazione. L'articolo 1 della proposta di legge riguarda il dovere del medico e il diritto del paziente di essere informato in modo esplicito ed esaustivo. Questo diritto e dovere di informazione circa la condizione sanitaria del paziente è propedeutico al consenso informato, ossia al diritto del medesimo paziente di scegliere, autonomamente e liberamente, se accettare o rifiutare i trattamenti sanitari. Il trattamento sanitario è quindi subordinato all'esplicito ed espresso consenso dell'interessato. L'articolo 2 riguarda la facoltà del soggetto di redigere una dichiarazione anticipata di volontà, che rimane valida anche nel caso sopravvenga una perdita della capacità naturale valutata irreversibile sulla base delle conoscenze attuali, indicante i trattamenti sanitari cui vuole o non vuole essere sottoposto. L'eventuale rifiuto del trattamento sanitario, valido anche per il tempo successivo a una sopravvenuta perdita della capacità naturale di intendere e di volere, è vincolante e deve essere rispettato dai sanitari. In caso di assenza della medesima dichiarazione, si ha riguardo alla volontà 7

10 manifestata dal fiduciario o, in mancanza di questo, dagli altri soggetti previsti dall'articolo. Si dispone, infine, che l'indicazione della redazione della dichiarazione anticipata di volontà sia riportata nel fascicolo sanitario elettronico. Gli articoli 3 e 4 regolamentano i casi in cui il giudice tutelare può provvedere alla nomina di un fiduciario qualora la persona, in stato di incapacità naturale, non abbia nominato nessun fiduciario nella propria dichiarazione anticipata di volontà. Si provvede inoltre a regolamentare i casi in cui vi sia divergenza tra le decisioni del fiduciario e le proposte dei medici curanti. L'articolo 5 prevede l'istituzione, presso ogni comune, di un apposito registro finalizzato a raccogliere le dichiarazioni anticipate di volontà dei propri residenti. PROPOSTA DI LEGGE Art. 1. (Consenso informato in merito ai trattamenti sanitari). 1. Il medico ha l'obbligo di informare il paziente, salvo espresso rifiuto di quest'ultimo su tutti gli aspetti della sua condizione sanitaria e sull'evoluzione della sua malattia. In particolare ha il dovere di informarlo in modo corretto, completo e pienamente comprensibile sulla diagnosi e sulla prognosi della sua malattia, sui vantaggi e sui rischi delle procedure, sull'efficacia, sugli effetti e sulle possibili alternative alle procedure diagnostiche e terapeutiche proposte. 2. Ogni trattamento sanitario è subordinato all'esplicito ed espresso consenso dell'interessato che sia maggiorenne e capace di intendere e di volere, prestato in modo scritto, libero e consapevole sulla base delle informazioni ricevute. Per trattamento sanitario si intende ogni trattamento praticato, per scopi connessi alla tutela della salute, a fini terapeutici, diagnostici, palliativi, estetici. Il paziente ha sempre diritto di scegliere, autonomamente e liberamente, se accettare o rifiutare, anche parzialmente, i trattamenti sanitari considerati dei medici appropriati alla sua patologia. 3. L'eventuale rifiuto al trattamento sanitario, valido anche per il tempo successivo a una sopravvenuta perdita della capacità naturale di intendere e di volere, è vincolante e deve essere rispettato dai sanitari anche se dalla mancata effettuazione dei trattamenti proposti derivi un pericolo per la salute o per la vita del paziente e rende gli stessi sanitari esenti da responsabilità civile e penale. 4. In caso di ricovero ospedaliero il consenso o il rifiuto, anche parziale, di cui al presente articolo, deve essere annotato nella cartella clinica e sottoscritto dal paziente. 5. Il consenso al trattamento sanitario può essere revocato in qualsiasi momento, anche parzialmente. 6. Nel caso di paziente minore di età, il consenso è accordato o rifiutato dagli esercenti la potestà genitoriale o la tutela. Il consenso ai trattamenti sanitari del soggetto, interdetto o inabilitato, legalmente rappresentato o assistito, è accordato o rifiutato dal tutore o dal curatore, unitamente al paziente stesso ove non sussistano specifici motivi ostativi al coinvolgimento di quest'ultimo, avendo come scopo esclusivo la salvaguardia della salute psico-fisica del paziente. 7. Il consenso informato al trattamento sanitario non è richiesto quando la vita della persona incapace di intendere e di volere sia in pericolo per il verificarsi di un evento acuto. Art. 2. (Dichiarazioni anticipate di volontà). 1. Ogni persona maggiorenne ha la facoltà di redigere una dichiarazione anticipata di volontà, che rimane valida anche nel caso che sopravvenga una perdita della capacità di intendere e di volere temporanea o irreversibile, indicante i trattamenti sanitari cui vuole o non vuole essere sottoposta. In particolare può, tra l'altro, esprimere la propria volontà: 8

11 a) di rifiutare qualsiasi forma di rianimazione o di continuazione dell'esistenza dipendente da apparecchiature e di non essere sottoposta ad alcun trattamento terapeutico; b) di non essere sottoposta all'alimentazione forzata e all'idratazione forzata; c) di poter fruire, in caso di gravi sofferenze, degli opportuni trattamenti analgesici, anche qualora gli stessi possano accelerare l'esito mortale della malattia in atto. 2. La dichiarazione anticipata di volontà può contenere l'indicazione di una persona maggiorenne di fiducia alla quale è attribuita la facoltà di esercitare i diritti e le facoltà, in caso di incapacità dell'interessato, che competono allo stesso ai sensi della presente legge, nonché di monitorare il rispetto da parte dei sanitari delle direttive espresse dallo stesso interessato. 3. La dichiarazione anticipata di volontà, modificabile e revocabile, in qualsiasi momento, formulata con atto scritto, deve essere redatta presso il proprio comune di residenza per l'inserimento nel Registro comunale di cui all'articolo 5, che provvede immediatamente a trasmetterla, anche per via telematica, al medico di base della persona di cui al comma 1, che è tenuto a conservarla. Copia della dichiarazione anticipata di volontà, deve essere allegata, in caso di ricovero in una struttura sanitaria, alla cartella clinica. 4. La dichiarazione anticipata di volontà è vincolante per i sanitari. 5. Nel caso in cui la persona da sottoporre a trattamento sanitario versi in uno stato di incapacità di accordare o di rifiutare il proprio consenso, si ha riguardo alla volontà espressa dalla stessa nella dichiarazione anticipata di volontà. In caso di assenza della medesima dichiarazione, si ha riguardo alla volontà manifestata dal fiduciario o, in mancanza di questo, dall'amministratore di sostegno o dal tutore, ove siano stati nominati, o, in mancanza di questi, nell'ordine: dal coniuge non separato legalmente o di fatto, dal convivente, dai figli, dai genitori o dai parenti entro il quarto grado. In assenza dei soggetti di cui al periodo precedente, la ricostruzione della volontà del soggetto acquista valore e può essere utilizzata se confermata anche mediante l'acquisizione di prove testimoniali, dal giudice tutelare al quale può ricorrere chiunque nell'interesse della persona capace di accordare o rifiutare il proprio consenso. 6. L'esistenza di dichiarazione anticipata di volontà è comunicata dal paziente, dai prossimi congiunti o dal fiduciario ai medici curanti e, in caso di ricovero, è allegata alla cartella clinica del paziente. In ogni caso la struttura sanitaria è tenuta a chiedere al comune di residenza del paziente o al suo medico di base, l'esistenza della suddetta dichiarazione anticipata di volontà depositata presso il registro di cui all'articolo 5. In caso affermativo la struttura ne chiede immediatamente copia. 7. L'indicazione della redazione della dichiarazione anticipata di volontà è riportata nel fascicolo sanitario elettronico di cui all'articolo 12 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, e successive modificazioni. Art. 3. (Mancata indicazione del fiduciario). 1. Qualora una persona si trovi in stato di incapacità naturale, temporanea o irreversibile, e nelle dichiarazioni di cui all'articolo 2 non abbia nominato un fiduciario, il giudice tutelare, su segnalazione dell'istituto di ricovero e cura, ovvero di chiunque sia venuto a conoscenza dello stato di incapacità, provvede a tale nomina. Art. 4. (Controversie). 1. Nel caso vi sia divergenza tra le decisioni della persona nominata ai sensi dell'articolo 2, comma 2, ovvero dell'articolo 3, e le proposte dei sanitari, è possibile il ricorso senza formalità, da parte dei soggetti in conflitto o di chiunque vi abbia interesse, al giudice tutelare del luogo ove ha dimora l'incapace. Il giudice, qualora siano state presentate le dichiarazioni anticipate di volontà di cui all'articolo 2, decide in conformità alle stesse. 9

12 Art. 5. (Registri comunali delle dichiarazioni anticipate di volontà). 1. Ciascun comune, entro sessanta giorni dalla data di emanazione del decreto di cui al comma 2, istituisce un registro comunale finalizzato a raccogliere le dichiarazioni anticipate di volontà dei propri residenti di cui all'articolo 2 e le loro eventuali modifiche previste ai sensi del comma 3 del medesimo articolo Entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, con decreto del Ministro della salute, previa intesa in sede di Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, e successive modificazioni, sono definiti i criteri e le modalità per l'istituzione dei registri di cui al presente articolo e per la trasmissione da parte del comune delle dichiarazioni anticipate di volontà ai medici di base interessati. 10

13 XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI N PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei deputati NICCHI, PIAZZONI, AIELLO, DI SALVO Norme in materia di procreazione medicalmente assistita Presentata il 9 agosto 2013 Onorevoli Colleghi! La legge 19 febbraio 2004, n. 40, è stata definita da più parti come una «legge cattiva», oltre che una cattiva legge, in quanto volta a qualificare la procreazione come un privilegio da concedere a pochi. Una legge ingiusta, che ci ha allontanato dall'europa per il suo anacronismo e per i contenuti profondamente lesivi del diritto alla libera scelta e alla salute delle donne. Ma è innanzitutto una legge che si preoccupa principalmente di ribadire alcuni princìpi etici di parte, disinteressandosi persino dell'effettiva possibilità della loro applicazione. Il rispetto del principio della laicità dello Stato prevede che si dovrebbe definire un impianto di norme laico e moderno, intendendo la laicità come principio regolativo, principio che prescrive l'estraneità dei giudizi e dei contenuti etici nell'esercizio dei poteri e delle funzioni dello Stato e, in particolare, nell'elaborazione delle leggi. I soggetti esclusi dal ricorso alla procreazione assistita sono numerosi: le donne sole, le coppie omosessuali, quelle affette da problemi di sterilità o di infertilità da causa non documentata, quelle fertili cui la fecondazione assistita sia consigliata per ragioni di tutela della salute della madre o del nascituro. A costoro è negato non solo il diritto di procreare, ma anche quello di avvalersi di uno strumento che la legge stessa qualifica come «terapeutico». La legge n. 40 del 2004, basandosi su un impianto etico univoco, si è tradotta in una normativa discriminatoria dei comportamenti delle persone: divieto della fecondazione eterologa, divieto di accesso alle tecniche per la donna singola, divieto di congelamento degli embrioni, divieto di diagnosi preimpianto anche in caso di coppie portatrici di malattie genetiche. Divieti irragionevoli che violano la stessa libertà di autodeterminazione in ordine alle scelte procreative e che nella pratica sono stati e sono notevolmente aggirati in questi anni da parte di chi ha le disponibilità economiche, costringendo molte persone a quel «turismo procreativo» nei Paesi in cui le norme sono meno restrittive, per ottenere ciò a cui non hanno diritto nel nostro Paese. E questo a ulteriore dimostrazione che la legge sulla procreazione medicalmente assistita è una cattiva legge. Ricordiamo che sulla legge n. 40 del 2004 nel giugno 2005 è stato promosso un referendum i cui quesiti proponevano l'abrogazione totale o delle parti più inaccettabili del testo. Referendum che, com è noto, non ha raggiunto il previsto quorum. Ricordiamo, inoltre, che il 28 agosto 2012 la Corte europea di Strasburgo ha giudicato incoerente la legge n. 40 del 2004 ritenendo, in particolare, illegittimo il divieto di ricorrere alla diagnosi preimpiantatoria nel caso in cui entrambi i genitori siano portatori di una grave malattia genetica. Finora le pronunzie giurisprudenziali emesse dalla Consulta e da vari tribunali italiani ed europei contro il contenuto della legge n. 40 del 2004 sono state ben 17 e hanno abolito il divieto della crioconservazione degli embrioni e il limite massimo di tre embrioni per ciascun ciclo di fecondazione. Anche riguardo al divieto di fecondazione eterologa stabilito dalla legge n. 40 del 2004, la Corte costituzionale, nel 2012, ha restituito gli atti ai tribunali che l'avevano investita del caso. Il tribunale 11

14 di Milano ha quindi risollevato il dubbio di incostituzionalità davanti alla Consulta che ora dovrebbe pronunciarsi nel merito. La proposta di legge che sottoponiamo alla vostra attenzione privilegia l'interesse della tutela della salute e mira a creare condizioni per garantire un adeguato controllo sanitario. Una volta garantita la libertà di accesso alla fecondazione medicalmente assistita, è opportuno valutare come primario interesse il diritto del nascituro a un'identità certa, nonché a un patrimonio genetico non manipolato. Va impedito, inoltre, il disconoscimento del figlio o della figlia, una volta che sia stato dato il consenso alla fecondazione medicalmente assistita, e va riconosciuto e attestato il desiderio anche maschile di coinvolgimento nel progetto procreativo. La presente proposta di legge disciplina inoltre il ricorso alle tecniche di fecondazione medicalmente assistita, alle quali possono avere accesso tutte le donne che hanno compiuto la maggiore età e in età potenzialmente fertile e alla cui richiesta può associarsi il coniuge ovvero il convivente che ha intenzione di assumere la paternità del nascituro (articolo 1). All'articolo 2 è prevista l'esigenza che vengano adeguatamente informati, anche in forma scritta, coloro che intendono sottoporsi alle tecniche di procreazione medicalmente assistita, sia sul grado di invasività delle tecniche medesime sia in relazione ai possibili effetti collaterali, affinché possano esprimere le proprie volontà in modo informato (è anche prevista la possibilità di revoca). L'articolo 3 dispone in merito alla definizione dello stato giuridico del nato e al divieto di disconoscimento di paternità. Le linee guida sono regolate da un apposito decreto del Ministro della salute, secondo quanto previsto dall'articolo 4. L'articolo 5 definisce i requisiti delle strutture autorizzate. L'articolo 6 istituisce il Registro nazionale delle strutture autorizzate all'applicazione delle tecniche di fecondazione medicalmente assistita presso l'istituto superiore di sanità. Le modalità per la donazione dei gameti sono stabilite dall'articolo 7, che introduce limiti di età (per le donne trentacinque anni e per gli uomini quaranta) e prevede l'accertamento dell'idoneità dei donatori, al fine di escludere ogni possibile patologia infettiva o malattia ereditaria. L'articolo 8 reca norme per la raccolta e la conservazione di gameti e di embrioni. L'articolo 9 prevede la possibilità di diagnosi preimpianto a fini di prevenzione e terapeutici. Le disposizioni sui divieti sono contenute nell'articolo 10. L'articolo 11 riguarda la surrogazione di maternità. La sperimentazione sugli embrioni umani è in generale vietata, mentre la ricerca clinica su di essi è consentita a condizione che si perseguano finalità cliniche o terapeutiche. L'articolo 12 vieta comunque la produzione di embrioni umani per fini di ricerca o sperimentazione, ogni forma di selezione a scopo eugenetico, nonché interventi di manipolazione e di scissione e la fecondazione di gameti umani con gameti di specie diversa. L'articolo 13 prevede l'obbligo per il Ministro della salute di presentare ogni anno una relazione alle Camere sullo stato di attuazione della legge. Le sanzioni penali e amministrative sono disciplinate dagli articoli 14 e 15, mentre la tutela della riservatezza dei dati personali, in merito sia alla donazione che alle persone che accedono alla procreazione, è regolata dall'articolo 16, che prevede anche la deroga alla normativa generale nei casi di grave e comprovato pericolo per la salute del nato. L'articolo 17, infine, dispone l'abrogazione della legge n. 40 del PROPOSTA DI LEGGE Art. 1. (Accesso alle tecniche di fecondazione medicalmente assistita). 12

15 1. L'accesso alle tecniche di fecondazione medicalmente assistita è consentito alle donne maggiorenni e in età potenzialmente fertile che, dopo che sono state fornite le informazioni di cui all'articolo 2, comma 1, dichiarano la volontà di fare ricorso ad esse, ai sensi dell'articolo 2, comma Alla dichiarazione di volontà può associarsi, purché maggiorenne, il coniuge ovvero il convivente che intende riconoscere il nascituro e assumere nei suoi confronti gli obblighi previsti dal codice civile, purché gli siano state fornite le informazioni di cui al citato articolo 2, comma 1. Art. 2. (Informazioni e dichiarazione di volontà). 1. Prima del ricorso alle tecniche di fecondazione medicalmente assistita e in ogni fase della loro applicazione il medico, anche avvalendosi della figura professionale dello psicologo, informa in maniera dettagliata e in forma scritta i soggetti di cui all'articolo 1 sui metodi e sui possibili effetti sanitari collaterali conseguenti all'applicazione delle tecniche stesse, sulle loro probabilità di successo e sui rischi ad esse connessi, nonché sulle relative conseguenze giuridiche per la donna, per il nascituro e per colui a cui è riconosciuta la paternità. Le informazioni indicate dal presente comma e quelle concernenti il grado di invasività delle tecniche nei confronti della donna devono essere fornite per ciascuna delle tecniche applicate e in modo tale da assicurare la formazione di una volontà consapevole e validamente espressa. 2. Ai soggetti di cui all'articolo 1 devono essere prospettati con chiarezza i costi economici dell'intera procedura qualora si tratti di strutture private autorizzate. 3. La volontà dei soggetti di accedere alle tecniche di fecondazione medicalmente assistita è dichiarata per scritto dal soggetto o dai soggetti coinvolti, al medico responsabile della struttura autorizzata interessata, secondo modalità definite mediante regolamento adottato con decreto del Ministro della salute, di concerto con il Ministro della giustizia, ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge. La dichiarazione di volontà può essere revocata dalla donna in qualsiasi momento antecedente a quello del trasferimento dell'ovulo fecondato nell'utero. Art. 3. (Disposizioni concernenti la tutela del nascituro). 1. I nati a seguito dell'applicazione delle tecniche di fecondazione medicalmente assistita sono figli legittimi o acquistano lo stato di figli riconosciuti della madre o, ai sensi del codice civile, della coppia che ha dichiarato la volontà di ricorrere alle tecniche medesime ai sensi dell'articolo 2, comma Non sono ammesse l'azione per il disconoscimento di paternità, ai sensi dell'articolo 235 del codice civile, né l'impugnazione del riconoscimento per difetto di veridicità, ai sensi dell'articolo 263 del medesimo codice, fatto salvo quanto disposto dal comma 3, finalizzate a contestare lo stato di figlio legittimo o riconosciuto ai sensi del comma L'azione di cui all'articolo 235 del codice civile è ammessa qualora ricorrano le circostanze previste dal numero 3) del primo comma del medesimo articolo. In tale caso, è ammessa la presentazione di prove idonee a dimostrare che il concepimento non è avvenuto a seguito dell'applicazione delle tecniche di fecondazione medicalmente assistita in relazione alle quali è stata sottoscritta la dichiarazione di volontà di cui all'articolo 2. L'azione di cui all'articolo 263 del codice civile è consentita qualora ricorrano le circostanze di cui al secondo periodo del presente comma. Art. 4. (Linee guida). 13

16 1. Il Ministro della salute, nel rispetto dei princìpi della presente legge, avvalendosi dell'istituto superiore di sanità (ISS) e previo parere del Consiglio superiore di sanità, definisce, con proprio decreto, da emanare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, le linee guida concernenti l'indicazione delle procedure e delle tecniche di fecondazione medicalmente assistita. Le linee guida sono vincolanti per tutte le strutture autorizzate. 2. Le linee guida sono aggiornate periodicamente, almeno ogni tre anni, in rapporto all'evoluzione tecnico-scientifica del settore, con le procedure di cui al comma 1. Art. 5. (Strutture autorizzate). 1. Le tecniche di fecondazione medicalmente assistita sono applicate presso strutture pubbliche e private autorizzate dalle regioni e dalle province autonome di Trento e di Bolzano e iscritte nel Registro di cui all'articolo Con regolamento emanato entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, ai sensi dell'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, su proposta del Ministro della salute, previo parere della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano e delle Commissioni parlamentari competenti, sono definiti: a) i requisiti tecnico-scientifici e organizzativi delle strutture di cui al comma 1; b) le caratteristiche del personale delle strutture di cui alla lettera a); c) i criteri per la determinazione della durata delle autorizzazioni e dei casi di revoca delle stesse, anche in relazione al permanere dei requisiti di cui alla lettera a); d) le modalità di svolgimento dei controlli periodici sulle strutture di cui alla lettera a) e sulla qualità dei servizi ivi erogati; e) i protocolli di ricerca clinica e sperimentale sugli embrioni preimpianto, nel rispetto di quanto previsto all'articolo 12. Art. 6. (Registro delle strutture autorizzate). 1. Con decreto del Ministro della salute, da emanare entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, è istituito presso l'iss il Registro nazionale delle strutture autorizzate all'applicazione delle tecniche di fecondazione medicalmente assistita e dei centri di raccolta e conservazione dei gameti, di cui all'articolo 8, di seguito denominato «Registro». 2. L'iscrizione nel Registro e obbligatoria ai fini dell'autorizzazione allo svolgimento dell'attività. 3. L'ISS raccoglie e diffonde, in collaborazione con gli osservatori epidemiologici regionali, le informazioni necessarie al fine di consentire la trasparenza e la pubblicità delle tecniche di fecondazione medicalmente assistita. 4. Le strutture iscritte nel Registro sono tenute a fornire agli osservatori epidemiologici regionali e all'iss i dati necessari ai fini della relazione di cui all'articolo 13. Art. 7. (Donazione di gameti). 1. La donazione di gameti avviene previo consenso informato e validamente espresso per iscritto del donatore. La donazione è volontaria e gratuita e può essere effettuata da ogni persona di età non inferiore a diciotto anni e di età non superiore, per la donna, a trentacinque anni e, per l'uomo, a quaranta anni. 2. I responsabili dei centri di raccolta e conservazione di gameti di cui all'articolo 8 provvedono ad accertare l'idoneità del donatore allo scopo di escludere la trasmissione di patologie infettive o di malattie ereditarie secondo protocolli definiti con decreto del Ministro della salute, da adottare entro 14

17 tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge. 3. I dati personali relativi al donatore sono riservati, fatto salvo quanto disposto dall'articolo Non è consentito l'utilizzo di gameti di uno stesso donatore per più di otto gravidanze portate positivamente a termine. 5. Nessun rapporto giuridico si costituisce tra il nato e il donatore. Art. 8. (Centri di raccolta e conservazione di gameti e di embrioni preimpianto. Conservazione degli embrioni per impianto). 1. La donazione di gameti è effettuata esclusivamente presso centri pubblici di raccolta e conservazione di gameti oppure presso centri privati appositamente autorizzati dalle regioni, nell'ambito della programmazione regionale, e iscritti nel Registro. 2. Il Ministro della salute, avvalendosi dell'iss, con proprio decreto, da emanare entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, stabilisce: a) i criteri per la determinazione della durata delle autorizzazioni e dei casi di revoca delle stesse; b) i requisiti tecnico-scientifici e organizzativi dei centri; c) le modalità di conservazione dei gameti; d) gli indirizzi per lo svolgimento di attività di informazione sulle donazioni nonché sulle modalità attraverso le quali queste ultime sono promosse e realizzate. 3. La conservazione degli embrioni preimpianto derivanti dalle tecniche di fecondazione medicalmente assistita è consentita per un massimo di cinque anni nei centri di cui al presente articolo. Entro tale termine, i soggetti di cui all'articolo 1 che non desiderano utilizzare gli embrioni medesimi per una gravidanza possono: a) richiedere al centro la distruzione degli embrioni; b) consentire l'utilizzazione degli embrioni, al fine di rendere possibile la gravidanza di un'altra donna, previa rinuncia scritta al riconoscimento del nascituro; c) autorizzare l'uso degli embrioni nell'ambito di ricerche cliniche e sperimentali, nel rispetto delle disposizioni dell'articolo Nel caso di cui al comma 3, lettera b), è assicurata la riservatezza dei soggetti coinvolti. 5. I centri di cui al presente articolo sono tenuti a fornire all'iss le informazioni necessarie per le finalità previste dall'articolo 13 nonché ogni altra informazione necessaria allo svolgimento della funzione di controllo e di ispezione da parte delle autorità competenti. Art. 9. (Diagnosi preimpianto). 1. Sono consentite la diagnosi preimpianto degli embrioni e la loro eventuale selezione a fini di prevenzione e terapeutici. Il consenso alla diagnosi preimpianto deve essere espresso per iscritto dai soggetti di cui all'articolo 1. Art. 10. (Divieti). 1. Sono vietati: a) il prelievo di gameti e di embrioni preimpianto per destinarli all'applicazione di tecniche di fecondazione medicalmente assistita senza il consenso esplicito dei soggetti di cui all'articolo 1; b) ogni forma di remunerazione diretta o indiretta, immediata o differita, in denaro o in qualsiasi altra forma, per le cessioni di gameti o di embrioni preimpianto. Sono altresì vietate ogni forma di intermediazione commerciale finalizzata alla cessione di gameti o di embrioni preimpianto nonché qualunque forma di promozione commerciale delle tecniche di fecondazione medicalmente assistita; 15

18 c) l'importazione o l'esportazione di gameti e di embrioni preimpianto; d) la miscelazione di liquido seminale proveniente da soggetti diversi; e) l'applicazione di tecniche di fecondazione medicalmente assistita in strutture diverse da quelle autorizzate ai sensi dell'articolo 5 e la donazione e la raccolta di gameti presso strutture diverse dai centri di cui all'articolo 8; f) i processi di clonazione umana a fini riproduttivi. Art. 11. (Surrogazione di maternità). 1. Il ricorso alla surrogazione di maternità è ammesso solo sulla base di un accordo tra le parti a titolo gratuito. La maternità del nato a seguito del ricorso a tale tecnica è attribuita alla madre surrogata. Art. 12. (Ricerca sugli embrioni umani). 1. La ricerca clinica e sperimentale sugli embrioni umani è consentita a condizione che si perseguano finalità esclusivamente terapeutiche e solo presso le strutture pubbliche che ne fanno richiesta, sulla base dei protocolli approvati dal Ministro della salute di cui all'articolo 5, comma 2, lettera e). 2. Sono comunque vietati: a) la produzione di embrioni umani a fini di ricerca o di sperimentazione; b) ogni forma di intervento che, attraverso tecniche di manipolazione, sia diretto ad alterare il patrimonio genetico dell'embrione o del gamete ovvero a predeterminarne le caratteristiche genetiche, ad eccezione degli interventi aventi finalità terapeutiche, nei limiti di cui al comma 1; c) gli interventi di scissione precoce dell'embrione o di ectogenesi sia a fini riproduttivi sia a fini di ricerca; d) la fecondazione di un gamete umano con un gamete di specie diversa e la produzione di ibridi o chimere. Art. 13. (Relazioni). 1. L'ISS predispone, entro il 28 febbraio di ciascun anno, una relazione annuale per il Ministero della salute in base ai dati raccolti ai sensi degli articoli 6, comma 4, e 8, comma 5, sull'attività svolta dalle strutture e dai centri autorizzati ai sensi della presente legge, con particolare riferimento alla valutazione epidemiologica delle tecniche e degli interventi effettuati. 2. Il Ministero della salute, sulla base dei dati indicati al comma 1, presenta entro il 30 giugno di ogni anno una relazione alle Camere sull'attuazione della presente legge. Art. 14. (Sanzioni penali). 1. Chiunque applica le tecniche di fecondazione medicalmente assistita a soggetti che non soddisfano le condizioni di cui all'articolo 1 è punito con la reclusione da due a cinque anni e con la multa da euro a euro. 2. Chiunque contravviene ai divieti di cui all'articolo 10, comma 1, lettere a) e d), è punito con la reclusione da quattro a otto anni e con la multa da euro a euro. 3. Chiunque contravviene ai divieti di cui all'articolo 1, comma 1, lettere b) e c), è punito con la reclusione da quattro a otto anni e con la multa da euro a euro. 4. Chiunque contravviene al divieto di cui all'articolo 10, comma 1, lettera f), è punito con la reclusione da cinque a dieci anni e con la multa da euro a euro. 16

19 5. Chiunque contravviene ai divieti di cui all'articolo 12, comma 2, lettera d), è punito con la reclusione da sei a dodici anni e con la multa da euro a euro. 6. All'esercente la professione sanitaria che contravviene ai divieti indicati dai commi da 1 a 4 si applica la pena accessoria dell'interdizione dall'esercizio della professione per un periodo da tre a cinque anni. In caso di violazione dei divieti di cui all'articolo 10, comma 1, lettera f), e all'articolo 12, comma 2, lettera d), si applica la pena accessoria dell'interdizione perpetua dall'esercizio della professione. Art. 15. (Sanzioni amministrative). 1. La violazione delle disposizioni della presente legge da parte delle strutture di cui all'articolo 5 o dei centri di cui all'articolo 8 è punita con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro a euro, nonché con la revoca dell'autorizzazione. 2. Chiunque applica le tecniche di fecondazione medicalmente assistita in strutture diverse da quelle autorizzate di cui all'articolo 5 o accetta la donazione di gameti in strutture diverse dai centri di cui all'articolo 8 o esegue ricerche cliniche e sperimentali sugli embrioni di cui al citato articolo 8, comma 3, lettera c), in strutture diverse da quelle di cui all'articolo 12, è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro a euro, nonché con la cancellazione dall'albo professionale. 3. L'applicazione di tecniche di fecondazione medicalmente assistita all'interno di strutture sanitarie non autorizzate ovvero autorizzate per finalità diverse da quelle indicate dalla presente legge, nonché l'accettazione della donazione di gameti in centri diversi da quelli di cui all'articolo 8 sono punite con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro a euro. Nei casi previsti dal presente comma è altresì disposta, rispettivamente, la chiusura della struttura o la revoca dell'autorizzazione. Art. 16. (Tutela della riservatezza). 1. I dati relativi alle persone che utilizzano le tecniche di fecondazione medicalmente assistita previste dalla presente legge e quelli riguardanti i nati a seguito dell'applicazione delle medesime tecniche sono riservati. 2. Le operazioni relative alle tecniche di fecondazione medicalmente assistita devono essere registrate in apposite cartelle cliniche presso le strutture autorizzate ai sensi della presente legge, con rispetto dell'obbligo di riservatezza dei dati ivi annotati. 3. In deroga a quanto previsto dal codice in materia di protezione dei dati personali, di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, l'identità del donatore può essere rivelata, su autorizzazione dell'autorità giudiziaria, qualora ricorrano circostanze che comportano un grave e comprovato pericolo per la salute del nato. 1. La legge 19 febbraio 2004, n. 40, è abrogata. Art. 17. (Abrogazione). 17

20 XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI N. 627 PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei deputati NICCHI, PIAZZONI, AIELLO Disposizioni per il riconoscimento dell'endometriosi come malattia sociale e istituzione del Registro nazionale dell'endometriosi e della Giornata nazionale per la lotta contro l'endometriosi Presentata il 3 aprile 2013 Onorevoli Colleghi! L'endometriosi è una malattia cronica e debilitante, spesso poco conosciuta, che colpisce più di 150 milioni di donne nel mondo e circa 3 milioni di donne nel nostro Paese. Il principale sintomo dell'endometriosi è il dolore, che in alcuni casi può divenire cronico e invalidante, tanto da non permettere di svolgere le normali attività quotidiane. Spesso la dismenorrea (dolore durante la mestruazione) si associa a dispareunia (dolore durante i rapporti sessuali) e a dischezia (dolore nell'evacuazione), rendendo la vita di relazione estremamente difficile, con importanti ricadute sociali per la minore produttività sul lavoro e per le frequenti assenze dovute alla malattia. Inoltre l'endometriosi è un'importante causa di infertilità. Tra le varie teorie proposte per la genesi della malattia, la più accreditata risulta essere quella della mestruazione retrograda, che porterebbe ad un impianto anomalo di cellule endometriali nella cavità pelvica e addominale. Qui le cellule endometriali potrebbero trovare, per la concomitanza di alcune alterazioni, in particolare del sistema endocrino e immunitario, le condizioni ideali per impiantarsi sotto forma di «isole», che possono più o meno approfondirsi e che sanguinano mensilmente, analogamente a quanto avviene all'interno dell'utero. Le isole endometriosiche si localizzano più frequentemente a livello ovarico, dove formano cisti che progressivamente possono distruggerne il parenchima, ma possono impiantarsi praticamente a carico di tutte le strutture addomino-pelviche. Il dolore, talvolta incoercibile e invalidante, è dovuto al processo infiammatorio determinato dalla presenza di sangue nell'addome e dalla reazione fibrosa e cicatriziale degli organi colpiti. Tali disturbi rendono impossibile una normale vita di relazione al punto che l'endometriosi andrebbe considerata una grave malattia sociale. Nella valutazione della gravità della malattia si fa riferimento a varie classificazioni, che prendono in considerazione l'estensione e la profondità delle lesioni, il coinvolgimento ovarico, le aderenze eventualmente presenti, la presenza di lesioni «profonde», l'eventuale ripercussione sulla fertilità. L'endometriosi viene considerata una malattia sociale dalla Written Declaration on Endometriosis (WDE), adottata con delibera n. 30/2004 e sottoscritta da duecentosessantasei membri del Parlamento europeo in data 19 aprile Nella dichiarazione i membri del Parlamento hanno messo in evidenza come l'endometriosi, che colpisce circa il 10 per cento della popolazione femminile in Europa, abbia un grandissimo impatto economico e sociale, con costi diretti e indiretti annui valutati attorno ai 30 miliardi di euro. La conoscenza della malattia è scarsissima, non solo tra le pazienti, ma anche tra i medici, con gravi ritardi nella diagnosi e nella scelta di una terapia appropriata. La WDE ha invitato dunque i Governi nazionali degli Stati membri dell'unione europea ad affrontare i problemi legati a questa patologia, sollecitando, altresì, l'inserimento dell'endometriosi nei programmi di prevenzione per la salute pubblica, nonché l'istituzione di giornate annuali dell'endometriosi, al fine di migliorarne la conoscenza. Un'ulteriore spinta è stata fornita dalla Commissione europea, che ha sollecitato un'azione comune 18

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 "Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualita' e di sicurezza per

Dettagli

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.)

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 09.06.2014 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO)

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale nr.

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Pagina 1 di 12 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici Altri atti o documenti - 13 maggio 2004 Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici sottoscritto da: Conferenza dei Rettori delle Università

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1 LEGGE 12 luglio 2012, n. 100 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 15 maggio 2012, n. 59, recante disposizioni urgenti per il riordino della protezione civile. (12G0123) La Camera

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 Regolamento concernente il riconoscimento dei titoli di studio accademici, a norma dell'articolo 5 della legge 11 luglio 2002, n. 148. (09G0197)

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 5 LEGGE 10 ottobre 2014, n. 147 Modifiche alla disciplina dei requisiti per la fruizione delle deroghe riguardanti l'accesso al trattamento pensionistico. (14G00161) (GU n.246 del 22-10-2014)

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali 1. Ogni cittadino è libero, salvi gli obblighi di legge, di uscire dal territorio della Repubblica, valendosi

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy

L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy Una delle principali semplificazioni introdotte dal D.Lgs. n. 196 del 30-6-2003 riguarda l adempimento della notificazione al Garante, ovvero

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Legge 23 agosto 1988, n.400. Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Legge 23 agosto 1988, n.400. Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri Legge 23 agosto 1988, n.400 Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 12 settembre, n. 214 S.O.) [come modificato

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli