I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, ESTE Padova Tel Fax D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345. D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA"

Transcript

1 I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, ESTE Padova Tel Fax D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA Versione 3.2 Novembre 2011

2 PIANO DI EMERGENZA PREMESSA I casi di emergenza che possono verificarsi all interno di un Istituto scolastico presentano caratteri e difficoltà particolari dovute alla presenza continuativa o occasionale di : alunni; personale docente; personale non docente; personale amministrativo; personale di imprese esterne; visitatori. Si può ipotizzare che tra i presenti all interno della struttura ci siano persone con limitate capacità motorie o portatori di handicap di varia natura. Alcuni possono non essere in grado di percepire prontamente le situazioni di pericolo o possono reagire in modo irrazionale e difficilmente controllabile a situazioni per loro anomale. Si può ritenere inoltre che, specie in condizioni particolari, non tutti siano in grado di riconoscere le indicazioni della segnaletica di sicurezza, i percorsi di fuga, le strutture di riferimento a cui rivolgersi per affrontare lo stato di emergenza. Va sottolineato il fatto che in caso di emergenza e/o di evacuazione è indispensabile la presenza e l aiuto di personale preparato in grado di fornire assistenza, di indirizzare o condurre le persone in difficoltà in luoghi sicuri e di attuare le misure utili per fronteggiare le situazioni di pericolo. Il Piano ha lo scopo di fornire indicazioni sulle procedure che devono essere messe in atto quando si verificano situazione di pericolo. Per la corretta e sicura applicazione della procedura di emergenza, la Direzione dell Istituto provvederà ad illustrare il Piano a tutto il personale, curando in particolare la preparazione degli operatori designati quali Responsabili della gestione delle emergenze. A questo proposito l Istituto predispone idonei corsi e incontri di formazione e informazione del personale ausiliario incaricato con cadenza periodica. I principali casi di emergenza che si possono verificare sono: Incendio; Fuga di gas; Esplosione; - 2 -

3 Catastrofi naturali (terremoti, alluvioni, ecc.). Ciascuno dei casi di emergenza citati costituisce un evento tale da coinvolgere tutte le attività svolte all interno dell Istituto. Il presente piano dovrà essere aggiornato ogniqualvolta interverranno modifiche alla struttura organizzativa interna o variazioni consistenti degli impianti tecnologici. Una revisione del piano dovrà essere comunque effettuata almeno a cadenza biennale. Sulle procedure previste di gestione delle emergenze dovrà essere opportunamente interpellato il personale docente e non docente dell Istituto che potrà proporre modifiche o aggiustamenti alle procedure prospettate. Le osservazioni andranno attentamente valutate e se accolte si provvederà alla modifica del piano

4 SCOPI E FINALITA DEL PIANO DI EMERGENZA PREVENIRE ULTERIORI CONSEGUENZE DERIVANTI DALL INCIDENTE. LIMITARE I DANNI ALLE PERSONE SIA ALL INTERNO CHE ALL ESTERNO DELLA STRUTTURA. LIMITARE I DANNI ALLE COSE E ALL AMBIENTE. ATTUARE I PROVVEDIMENTI TECNICI ED ORGANIZZATIVI PER ISOLARE O BONIFICARE L AREA INTERESSATA DALL EMERGENZA. ASSICURARE IL COORDINAMENTO DEI SERVIZI DI EMERGENZA SIA INTERNI CHE ESTERNI. SOCCORRERE LE PERSONE IMPOSSIBILITATE ALL INTERNO DEI LOCALI. CONSENTIRE IL RIPRISTINO DELLE NORMALI ATTIVITA. PRESERVARE L INCOLUMITA DELLE PERSONE CHE OPERANO PER IL CONTROLLO DELL EVENTO

5 COORDINATORE DELLE EMERGENZE Ricevuta la segnalazione di inizio emergenza il Coordinatore dell Emergenza attiva i componenti della squadra, rimane nel centro di coordinamento e attende notizie dal capo squadra in merito all evolversi della situazione di pericolo. Si tiene in contatto per via telefonica con la squadra di emergenza. Tramite l impianto di diffusione sonora impartisce eventuali istruzioni o direttive utili a fronteggiare l emergenza a tutto il personale presente in Istituto. Valuta la situazione di emergenza e di conseguenza la necessità di evacuare l edificio, attuando la procedura prestabilita. Dà ordine agli addetti di disattivare gli impianti di piano o generali. Dà il segnale di evacuazione generale e ordina all addetto di chiamare i mezzi di soccorso necessari. Sovrintende a tutte le operazioni sia della squadra di emergenza interna che degli enti di soccorso. Si dirige verso il punto di raccolta percorrendo l itinerario previsto nelle planimetrie di piano. Dà il segnale di fine emergenza. NB: Nel caso in cui il Coordinatore dell emergenza non sia il Capo d Istituto, quest ultimo deve essere reperibile in un luogo prestabilito per essere punto di riferimento per tutte le informazioni provenienti dal Coordinatore e dai responsabili dei punti di raccolta. In caso di smarrimento di qualsiasi persona, prende tutte le informazioni necessarie e le comunica alle squadre di soccorso esterne al fine delle loro ricerca. Il Centro di coordinamento delle emergenze è posto nell ufficio del Direttore amministrativo dell Istituto

6 SQUADRA DI EMERGENZA La squadra di emergenza è costituita dal personale ausiliario dell Istituto (designato dal datore di lavoro) cui è assegnato il compito di intervenire rapidamente in caso di emergenza. La squadra è coordinata dal Responsabile designato dalla Direzione. I compiti della squadra sono: affrontare i casi di emergenza con il fine di contenere i danni alle persone e alle cose. In particolare fronteggiare l eventuale incendio o altro sinistro fino all arrivo dei soccorsi (Vigili del Fuoco, ASL, ecc.) dopodiché mettersi al servizio di questi fornendo ogni possibile aiuto e/o informazione; assicurare che l evacuazione avvenga secondo i piani prestabiliti; effettuare le operazioni di salvataggio delle persone coinvolte negli incidenti. Di supporto alla squadra di emergenza potrà essere attivato altro personale in servizio in grado di collaborare alla soluzione dell emergenza. La Direzione amministrativa ha il compito di predisporre la formazione della squadra di emergenza. In caso di allarme incendio: la squadra di emergenza si attiva, si munisce di estintori e cerca di fronteggiare il focolaio; il responsabile si tiene in contatto per via telefonica con il coordinatore delle emergenze in modo da ricevere e impartire le istruzioni del caso. NB: Nel caso in cui il focolaio dovesse assumere dimensioni tali da non poter essere tenuto sotto controllo o estinto in tempi ragionevoli (eventualmente anche con l aiuto degli idranti), la squadra abbandona i locali, dà ordine di evacuazione e si dedica alle operazioni di sfollamento

7 RESPONSABILE DELL AREA DI RACCOLTA All ordine di evacuazione dell edificio: Per i non docenti: 1. Si dirigono verso il punto di raccolta percorrendo l itinerario previsto nelle planimetrie di piano; 2. Acquisiscono, dai docenti di ogni classe, la presenza dei loro studenti e la trascrivono nell apposito modulo; 3. Nel caso qualche persona non risulti alla verifica, prendono tutte le informazioni necessarie e le trasmettono al Capo d Istituto; 4. Comunicano al Capo d Istituto la presenza complessiva degli studenti. Per i docenti: 1. Effettuano l evacuazione della propria classe come previsto dalla procedura d emergenza; 2. Arrivati nell area di raccolta, acquisiscono dai docenti di ogni classe, la presenza dei loro studenti e la trascrivono nell apposito modulo; 3. Nel caso qualche persona non risulti alla verifica, prendono tutte le informazioni necessarie e le trasmettono al Capo d Istituto; - 7 -

8 Al segnale di allarme: RESPONSABILE DELLA CHIAMATA DI SOCCORSO Attende l avviso del Coordinatore dell emergenza per effettuare la chiamata dei mezzi di soccorso seguendo le procedure previste. Attende e risponde prontamente alle eventuali chiamate di conferma dell emergenza da parte dei soccorsi Avvisa (o fa avvisare) dell emergenza i rappresentanti delle associazioni e il gestore del punto di ristoro presenti a piano terra del complesso scolastico. Si dirige verso l area di raccolta seguendo l itinerario prestabilito dalle planimetrie di piano. L incaricato della diramazione dell allarme deve mantenere la calma e fermezza, evitando toni eccessivamente allarmistici o manifestazioni di panico che possono provocare per simpatia stati di allarmismo irrazionali ed eccessivi specie presso gli ospiti. Chi dirama l allarme per via telefonica deve fornire: la propria identità; il luogo esatto dove è successo l incidente; il tipo di incidente (incendio, fuga di gas, ecc.); le eventuali conseguenze già riscontrate

9 DOCENTE RESPONSABILE DELL EVACUAZIONE DELLA CLASSE All insorgere dell emergenza: Contribuisce a mantenere la calma in tutta la classe in attesa che venga comunicato il motivo dell emergenza. Si attiene alle procedure corrispondenti al tipo di emergenza che è stato segnalato. All ordine di evacuazione dell edificio: 1. Apre la porta della classe. NB:Se la porta è a due battenti li apre entrambi. 2. Fa uscire ordinatamente gli studenti iniziando dalla fila più vicina alla porta; gli studenti procederanno in fila indiana, senza spingersi e senza correre; uno studente assume la funzione di apri-fila e un altro quella di chiudi-fila. 3. Prende il registro di classe e con gli alunni raggiunge il luogo sicuro seguendo il percorso indicato nelle planimetrie affisse in ogni classe. Da qui si reca all area di raccolta indicato. 4. Fa l appello per compilare l apposito modulo allegato al registro e lo consegna al responsabile del punto di raccolta. Note: Nel caso di presenza di disabili, o di persone con ridotte capacità motorie, deve intervenire la persona designata per l assistenza di tali alunni. I docenti che fanno parte della squadra di emergenza verranno immediatamente sostituiti nelle procedure di evacuazione della classe

10 PERSONALE NON DOCENTE RESPONSABILE DI PIANO All insorgere dell emergenza: Individua la fonte di pericolo, ne valuta l entità. Avverte telefonicamente il Coordinatore dell emergenza e si attiene alle disposizioni impartite. Dai quadri elettrici di piano, toglie la corrente elettrica delle zona dell istituto (maggiormente esposte al sinistro) indicate dal responsabile della squadra di emergenza. All ordine di evacuazione dell edificio: Favorisce il deflusso ordinato dal piano (eventualmente aprendo le porte di uscita contrarie al verso di esodo). Avvisa dell evacuazione i visitatori e il personale esterno presente al piano e li invita a sfollare seguendo il più rapido percorso di esodo. Vieta l uso delle scale, degli ascensori e dei percorsi non di sicurezza. Al termine dell evacuazione del piano, compie un rapido giro dei corridoi, si accerta che tutti siano sfollati e si dirige verso l area di raccolta esterna. Ogni giorno all apertura dell istituto il personale ausiliario: Si assicura che le vie di esodo siano libere da impedimenti e intralci di qualsiasi natura; Si assicura che le porte vetrate di accesso alle scale abbiano entrambi i battenti liberi di aprirsi in modo da consentire il massimo deflusso di persone; Si assicura che le porte di sicurezza siano libere di aprirsi nel verso di esodo senza impedimento alcuno. NB: I battenti delle porte vetrate di accesso alle scale devono mantenere entrambi i battenti liberi di aprirsi per tutto il tempo di attività (anche pomeridiana e serale) dell istituto

11 All insorgere dell emergenza: ADDETTO AL SERVIZIO DI PORTINERIA Individua la fonte di pericolo, ne valuta l entità. Avverte telefonicamente il Coordinatore dell emergenza e si attiene alle disposizioni da impartitegli. Su indicazione de Coordinatore delle emergenze avvisa dell allarme le associazioni e il gestore del punto di ristoro a piano terra. All ordine di evacuazione dell edificio: Apre i cancelli carrai e pedonali e li lascia aperti fino al termine dell emergenza ed impedisce l ingresso agli estranei. Toglie la tensione elettrica all intero istituto agendo sull interruttore generale [ed eventualmente chiude la valvola di intercettazione del gas]. Favorisce il deflusso ordinato dall edificio (eventualmente aprendo le porte di uscita contrarie al verso di esodo). Al termine dell evacuazione dell Istituto: compie un rapido giro nel chiostro per accertarsi che tutto il personale (sia interno che esterno all istituzione scolastica) sia sfollato; toglie la tensione elettrica all intero istituto agendo sull interruttore generale; si dirige verso l area di raccolta esterna seguendo il percorso indicato nelle planimetrie del piano di emergenza

12 RESPONSABILE DEL PERSONALE AUSILIARIO E DI SEGRETERIA All insorgere dell emergenza: Individua la fonte di pericolo, ne valuta l entità. Avverte telefonicamente il Coordinatore dell emergenza e si attiene alle disposizioni impartite. All ordine di evacuazione dell edificio: Favorisce il deflusso ordinato dall edificio del personale ausiliario e di segreteria (eventualmente aprendo le porte di uscita contrarie al verso di esodo). Porta con sé l elenco del personale presente in istituto. Si dirige verso l area di raccolta esterna seguendo il percorso indicato nelle planimetrie del piano di emergenza. Fa l appello e compila l apposito modulo e lo consegna al responsabile del punto di raccolta

13 STUDENTI APRI-FILA CHIUDI- FILA STUDENTI INCARICATI DEL SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio scolastico: Mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente. Gli apri-fila devono seguire il docente nella via di fuga stabilita, guidando i compagni alla propria area di raccolta. I chiudi fila escono per ultimi dalla classe. Hanno il compito di verificare la completa assenza di compagni nell aula evacuata e di chiudere la porta. una porta chiusa è segnale di classe vuota. Gli studenti designati per il soccorso hanno il compito di aiutare i disabili o persone ferite durante tutte le fasi dell evacuazione

14 NORME PER L EVACUAZIONE Solo nel caso di gravissimo e incombente pericolo può verificarsi la necessità si sfollare totalmente o in parte l Istituto. L ordine di evacuazione sarà impartito dal Coordinatore delle emergenze (Responsabile amministrativo) o, in caso di sua assenza, dal personale di livello gerarchico più alto presente in quel momento. L abbandono dei locali può essere opportuno anche nel caso di eventi critici che non investono direttamente l insediamento, quali ad esempio: perdite di gas nel quartiere, fuga di sostanze tossiche o pericolose da autobotti o aziende nelle vicinanze, imminente allagamento, ecc. In questo caso l ordine di evacuazione può essere impartito direttamente dall autorità costituita. In ogni caso l ordine di evacuazione verrà segnalato con il segnale codificato seguito eventualmente da comunicazioni e disposizioni a mezzo dell impianto di diffusione sonora. In caso di evacuazione: Interrompere tutte le attività. Lasciare gli oggetti personali dove si trovano. Mantenere la calma, non spingersi, non correre, non urlare. Uscire ordinatamente seguendo il percorso di esodo stabilito. Procedere il fila indiana. Rispettare le precedenze derivanti dalle priorità dell evacuazione. Seguire le vie di fuga indicate. Non usare mai l ascensore. Raggiungere l area di raccolta assegnata. IN CASO DI EVACUAZIONE PER INCENDIO RICORDARSI DI: Nel caso vi sia presenza di fumo lungo il percorso di esodo, camminare chinati e respirare attraverso un fazzoletto, preferibilmente bagnato. Se i corridoi e le vie di fuga non sono percorribili o sono invasi dal fumo, non uscire dalla classe, sigillare ogni fessura della porta mediante stracci bagnati, aprire le finestre e segnalare all esterno la propria presenza

15 INCENDIO Chiunque si accorga di un principio d incendio: Avverte il personale scolastico addestrato all uso dell estintore (squadra di emergenza) che interviene immediatamente; Avverte il Coordinatore che, valutata la situazione, dispone lo stato di preallarme. Questo consiste in: 1. Interrompere immediatamente l erogazione di gas dal contatore esterno; 2. avvertire i Vigili del fuoco e se del caso il pronto soccorso; 3. dare il segnale di evacuazione; 4. avvertire i responsabili di piano che si tengano pronti ad organizzare l evacuazione; 5. coordinare tutte le operazioni attinenti. Se il principio d incendio è domato in un tempo ragionevole (5-10 minuti) il Coordinatore dispone lo stato di cessato allarme. Questo consiste in: dare l avviso di fine emergenza; accertarsi che non permangano focolai nascosti o braci; arieggiare sempre i locali per eliminare gas o vapori; far controllare i locali prima di renderli agibili e verificare: 1. che non vi siano lesioni a strutture portanti; 2. che non vi siano danni provocati agli impianti (elettrici, gas, macchinari).chiedere eventualmente consulenza ai Vigili del Fuoco o a tecnici. Avvertire (se necessario) gli enti erogatori dei servizi (gas, Enel, ecc.)

16 EMERGENZA SISMICA Il Coordinatore dell emergenza in relazione alla dimensione del terremoto deve: Valutare la necessità dell evacuazione immediata ed eventualmente dare il segnale di stato di allarme; Interrompere immediatamente l erogazione del gas e dell energia elettrica; Avvertire i responsabili di piano che si tengano pronti ad organizzare l evacuazione; Coordinare tutte le operazioni attinenti. I docenti devono: Mantenersi in continuo contatto con il Coordinatore attendendo disposizioni sull eventuale evacuazione. Gli studenti devono: Posizionarsi ordinatamente nelle zone sicure individuate dal piano di emergenza; Proteggersi, durante il sisma, dalla caduta di oggetti e calcinacci riparandosi sotto banchi o in corrispondenza di architravi. Nel caso si proceda all evacuazione seguire le norme specifiche di sfollamento. I docenti di sostegno devono: Con l aiuto di studenti designati e, se necessario, supportati da operatori scolastici, curare la protezione degli alunni disabili

17 EMERGENZA ELETTRICA In caso di black-out il Coordinatore dispone lo stato di pre-allarme. In particolare si deve: Verificare lo stato del generatore di Energia Elettrica; Eliminare eventuali sovraccarichi; Azionare il generatore sussidiario (se c è); Avvisare il responsabile di piano che tiene i rapporti con i docenti presenti nelle classi; Disattivare tutte le macchine eventualmente in uso prima dell interruzione elettrica

18 SEGNALAZIONE DELLA PRESENZA DI UN ORDIGNO Chiunque si accorga di un oggetto sospetto o riceva telefonate di segnalazione: Non si avvicini all oggetto, non tenti di identificarlo o di rimuoverlo. Avverte il Coordinatore dell emergenza che dispone lo stato di allarme. In questo caso: 1. Evacuare immediatamente le classi e le zone limitrofe all area sospetta; 2. Telefonare immediatamente alla Polizia o ai Carabinieri; 3. Avvertire I Vigili del Fuoco e il Pronto Soccorso; 4. Avvertire i responsabili di piano che si tengano pronti ad organizzare l evacuazione; 5. Attivare l allarme di evacuazione; 6. Coordinare tutte le operazioni attinenti

19 EMERGENZA TOSSICA O CHE COMPORTI IL CONFINAMENTO (Incendio esterno, fuga di gas, impedimento all uscita degli alunni, ecc.) In caso di emergenza per nube tossica, è indispensabile conoscere la durata del rilascio ed evacuare solo in caso di effettiva necessità. Il personale della scuola è tenuto al rispetto di tutte le norme di sicurezza, a salvaguardare l incolumità degli alunni. In caso di nube tossica o di emergenza che comporti obbligo di rimanere in ambienti confinati il personale è tenuto ad assumere e far assumere agli alunni tutte le misure di autoprotezione conosciute e sperimentate durante le esercitazioni. Il Coordinatore dell emergenza deve: Tenere il contatto con gli enti esterni, per decidere tempestivamente se la durata del rilascio è tale da consigliare l immediata evacuazione o meno. (In genere l evacuazione è da evitarsi). Aspettare l arrivo delle autorità o le disposizioni delle stesse. Disporre lo stato di allarme. Far rientrare tutti all interno degli ambienti scolastici. In caso di sospetto di atmosfera esplosiva chiudere l interruttore di energia elettrica centralizzato, non effettuare nessun altra operazione con utensili o attrezzature elettriche (portatili), non usare i telefoni. I docenti devono: Chiudere le finestre, tutti i sistemi di ventilazione, le prese d aria presenti in classe, assegnare agli studenti compiti specifici per la preparazione della tenuta dell aula come sigillare gli interstizi e le fessure con stracci bagnati. Mantenersi in continuo contatto con il Coordinatore attendendo disposizioni sull eventuale evacuazione. Gli studenti devono: Stendersi a terra e respirare attraverso uno straccio bagnato tenuto sul naso; I docenti di sostegno devono: Con l aiuto di alunni designati e, se necessario, supportati da operatori scolastici, curare la protezione degli alunni disabili

20 ALLAGAMENTO Chiunque si accorga della presenza di acqua avverte il Coordinatore che si reca sul posto e dispone lo stato di pre-allarme. Interrompere immediatamente l erogazione di acqua dal contatore esterno; Sospendere l erogazione di energia elettrica aprendo l interruttore generale del complesso scolastico e non effettuare nessuna altra operazione con attrezzature elettriche; Avvertire i responsabili di piano che comunicheranno alle classi l interruzione dell erogazione di energia elettrica; Telefonare all ente erogatore dell acqua; Verificare se vi sono cause accertabili di fughe di acqua (rubinetti aperti, rottura di tubazione visibile, lavori in corso su tubazioni in strada o lavori di movimentazione terra e scavo in strade o edifici adiacenti). Se la causa dell allagamento è da fonte interna controllabile (rubinetto, tubazione isolabile, ecc.) il Coordinatore, una volta isolata la causa e interrotta l erogazione dell acqua dispone lo stato di cessato allarme. In particolare il Coordinatore provvede a: Dare l avviso di fine emergenza; Avvertire l ente erogatore del servizio di acquedotto. Se l allagamento è dovuta a fonte non certa o comunque non isolabile, il Coordinatore dispone lo stato di allarme e provvede a: Avvertire i Vigili del Fuoco; Attivare il sistema di allarme per l evacuazione

21 EVACUAZIONE DELL ISTITUTO Solo nel caso di gravissimo e incombente pericolo può verificarsi la necessità si sfollare totalmente o in parte l Istituto. L ordine di evacuazione sarà impartito dal Responsabile amministrativo o, in caso di sua assenza, dal personale di livello gerarchico più alto presente in quel momento. L abbandono dei locali può essere opportuno anche nel caso di eventi critici che non investono direttamente l insediamento, quali ad esempio: perdite di gas nel quartiere, fuga di sostanze tossiche o pericolose da autobotti o aziende nelle vicinanze, imminente allagamento, ecc. In questo caso l ordine di evacuazione può essere impartito direttamente dall autorità costituita. In ogni caso l ordine di evacuazione verrà segnalato a mezzo dell impianto di radiodiffusione seguito da comunicazioni e disposizioni più opportune per fronteggiare l evento. Anche i lavoratori delle ditte esterne, che saranno stati preventivamente informati dei contenuti del piano di emergenza, lasciano ordinatamente i locali dove stanno prestando la loro opera e si portano all esterno dell edificio nelle zone sicure prestabilite. Sul luogo di raccolta il responsabile designato procederà alle operazioni di censimento dei presenti

22 INFORMAZIONI UTILI In caso di emergenza si raccomanda di mantenere la calma, assumendo un comportamento ragionevole, evitando manifestazioni di panico che provocano per simpatia stati di allarmismo irrazionali ed eccessivi; Per difendere le vie respiratorie in caso di presenza di fumi è buona norma respirare attraverso un panno molto umido; Per attraversare una zona con presenza di fiamme è opportuno bagnare abbondantemente il capo, indossare dei capi bagnati o una coperta bagnata, respirare attraverso un panno umido, camminare il più abbassati possibile per sfruttare la presenza di possibili sacche d aria pulita; In caso di emergenza non utilizzare per nessuna ragione ascensori e montacarichi per evitare di rimanervi bloccati all interno a causa di mancanza di energia elettrica; Nel caso si presenti la necessità di utilizzare un estintore, seguire le indicazioni riportate sullo stesso: 1. staccare l estintore dalla sua sede; 2. togliere la spina di sicurezza; 3. premere la leva e indirizzare il getto alla base delle fiamme

23 Allegati: ISTRUZIONI SUL COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO DI EVACUAZIONE alunni e personale docente Chi si accorge di un principio di incendio o di una qualsiasi fonte di potenziale pericolo deve dare subito l allarme e informare il personale scolastico. La Presidenza chiederà l intervento dei Vigili del Fuoco e di soccorsi adeguati all emergenza (Carabinieri, Pronto soccorso, ecc.). Il personale scolastico preposto interviene nel limite del possibile con i mezzi a disposizione. AL SEGNALE DI ALLARME: Mantenere un comportamento attento, responsabile, privo di manifestazioni di panico, stare in silenzio; Il docente apre la porta della classe. [NB: se la porta è a due battenti li apre entrambi]. L insegnante fa uscire gli alunni in modo ordinato iniziando dalla fila più vicina alla porta. Gli studenti lasciano tutto in aula: cartelle, zainetti, libri, cappotti, ecc. Gli studenti attendono nel corridoio l arrivo dell insegnante. La fila sarà aperta e chiusa dagli alunni incaricati (apri-fila e chiudi-fila). L insegnante esce dall aula dopo aver spento le luci e disattivato i centri di pericolo (quadri elettrici, eventuali erogatori di gas, ecc.). Porta con sé il registro di classe. Lo studente incaricato chiudi-fila si assicura che nell aula evacuata non vi siano compagni e chiude la porta [NB: una porta chiusa è segnale di classe vuota]. Gli studenti procederanno in fila indiana, in silenzio, senza spingere e senza correre. Gli studenti incaricati aiutano le persone disabili o ferite durante le fasi dell evacuazione. Raggiungere il luogo sicuro e il punto di raccolta stabilito seguendo il percorso indicato. Evitare di gridare, di correre, di spingere, di far ressa. Rimanere in silenzio. Mantenere adeguate distanze. Raggiunto il punto di raccolta l insegnante farà l appello con il registro di classe per verificare eventuali persone mancanti. Compila l apposito modulo allegato al registro e lo consegna al coordinatore del punto di raccolta. E vietato in modo assoluto allontanarsi dal punto di raccolta salvo precise disposizioni in merito. E assolutamente vietato avviare veicoli parcheggiati nel cortile e tentare di uscire. Avvisare di eventuali persone infortunate e attendere l arrivo dei soccorsi. Se il fumo rende impraticabili il corridoio e le scale: Rientrare in aula. Sigillare la porta con panni umidi per impedire il passaggio del fumo. Affacciarsi alla finestra e chiedere aiuto

24 ISTRUZIONI SUL COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO DI EVACUAZIONE personale di segreteria e ausiliario Chi si accorge di un principio di incendio o di una qualsiasi fonte di potenziale pericolo deve dare subito l allarme e informare il personale scolastico. La Presidenza chiederà l intervento dei Vigili del Fuoco e di soccorsi adeguati all emergenza (Carabinieri, Pronto soccorso, ecc.). Il personale scolastico preposto interviene nel limite del possibile con i mezzi a disposizione. AL SEGNALE DI ALLARME: Mantenere un comportamento attento, responsabile, privo di manifestazioni di panico, stare in silenzio; Se incaricati, avviarsi a svolgere le mansioni specifiche del piano di emergenza; Uscire dalla stanza dopo aver spento le luci e disattivato i centri di pericolo (computer, quadri elettrici, eventuali erogatori di gas, ecc.). Evitare di prendere e di portare con sé gli effetti personali. Lasciare tutto nella stanza: cartelle, borse, libri, cappotti, ecc. L ultima persona uscita dalla stanza chiude la porta [NB: una porta chiusa è segnale di classe vuota]. Procedere in fila indiana, in silenzio, senza spingere e senza correre. Gli incaricati aiutano le persone disabili o ferite durante le fasi dell evacuazione. Raggiungere il luogo sicuro e il punto di raccolta stabilito seguendo il percorso indicato. Evitare di gridare, di correre, di spingere, di far ressa. Rimanere in silenzio. Mantenere adeguate distanze. Raggiunto il punto di raccolta il personale farà l appello per verificare eventuali persone mancanti. Compila l apposito modulo e lo consegna al coordinatore del punto di raccolta. E vietato in modo assoluto allontanarsi dal punto di raccolta salvo precise disposizioni in merito. E assolutamente vietato avviare veicoli parcheggiati nel cortile e tentare di uscire. Avvisare di eventuali persone infortunate e attendere l arrivo dei soccorsi. Se il fumo rende impraticabili il corridoio e le scale: Rientrare nella stanza. Sigillare la porta con panni umidi per impedire il passaggio del fumo. Affacciarsi alla finestra e chiedere aiuto

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE C 1 - Compiti della Squadra di Evacuazione per funzione SCHEDA 1 - COMPITI DEL COORDINATORE DELLE EMERGENZE Ricevuta la segnalazione di "inizio emergenza" il Coordinatore

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe)

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) MODULO N 1 MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) Scuola data CLASSE PIANO ALLIEVI PRESENTI n EVACUATI n DISPERSI FERITI n.b. segnalazione nominativa Annotazioni: FIRMA DEL DOCENTE MODULO

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore "J. M. Keynes" Castel Maggiore (Bo)

Istituto di Istruzione Superiore J. M. Keynes Castel Maggiore (Bo) Istituto di Istruzione Superiore "J. M. Keynes" Castel Maggiore (Bo) INFORMAZIONE AGLI STUDENTI E ALLE FAMIGLIE SULLA PREVENZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA (Art. 21 D. Lgs. 626/94) Presentazione Il Decreto

Dettagli

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione)

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) FASE DI INDIVIDUAZIONE DI UN PERICOLO Chi si avvede dell incendio, nel limite del possibile ed in funzione delle proprie

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE

TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE I.P.A. Ingegneria per l Ambiente AULA 1 ½ dalle 9.00 13.00 o dalle 14.00 18.00 INTERA dalle 9.00 13.00 e dalle 14.00 18.00 SERALE dalle 18.00 alle 22.00 AULA 2 ½ dalle

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 AI DOCENTI AGLI STUDENTI AI GENITORI AL PERSONALE ATA Oggetto: Sintesi del PIANO DI EMERGENZA / EVACUAZIONE Il presente opuscolo costituisce una sintesi del Piano

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO E S T R A T T O D A L P I A N O D I E M E R G E N Z A I N T E R N O S e z i o n e i n e r e n t e D O C E N T I A. T. A. - ALLI E V I Estensori

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO Qualora si verichi un incidente tale da rendere necessario l abbandono cautelativo dell edificio (p. es.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTECCHIO E. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO J. ZANNONI

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTECCHIO E. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO J. ZANNONI ISTITUTO COMPRENSIVO MONTECCHIO E. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO J. ZANNONI PREMESSA Nel piano di emergenza interno della Scuola J. Zannoni di Montecchio E. vengono formulate le disposizioni per attuare

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE.

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE. SCUOLA MEDIA STATALE Rosa Bianca SALUZZO Via C. Segre 14-12037 SALUZZO 0175 211427/428/429 Area Personale 0175 211430 Area Alunni 0175 211432 0175 211431 - Capo Segreteria Fax 0175 211437 SEZIONE STACCATA

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI Via P. TOGLIATTI N 1-01033 IVITA ASTELLANA (0761 513390 fax 0761

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti prot. n. 6329/D9 Foggia 10/10/2015 Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti Circolare n.17 a.s. 2015-16 Oggetto: D.L.vo 81/2008 prove evacuazione In relazione all oggetto, a quanto previsto

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO

PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO OBIETTIVI 1) Affrontare l'emergenza fin dal primo insorgere per contenerne gli effetti sulla popolazione scolastica. 2) Pianificare le azioni necessarie per proteggere

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE a.s. 2014/2015 PREMESSA Nel rispetto del DMI del D.Lgs 81/2008 è stato predisposto per l'anno

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO IIS Leonardo da Vinci, Via Alcide de Gasperi, 1 20841 Carate Brianza Tel: 0362903597 - Fax: 0362903684 http://www.iticarate.gov.it email icarate@iticarate.it PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE ISTITUTO COMPRENSIVO G.Mariti - Fauglia PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE Pagina 1 di 12 Revisione: 1.7 Data: 30.09.2014 Obiettivi Il presente piano tende a perseguire i seguenti obiettivi:

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA ALLEGATO N. 6 -TUTTI NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA - MANTENERE LA CALMA E, PER QUANTO POSSIBILE, NON FARSI PRENDERE DAL PANICO; - RISPETTARE LE DISPOSIZIONI IMPARTITE DAGLI ADDETTI

Dettagli

TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE

TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE AULA 1 TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE MEZZA GIORNATA oppure GIORNATA INTERA e SERALE dalle 18,00 alle 22,00 1 giorno 100,00 150,00 100,00 2 giorno 180,00 270,00 180,00 3 giorno 240,00 360,00 240,00 4

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEGLI EVENTI

INDIVIDUAZIONE DEGLI EVENTI PARTE PRIMA Premessa In accordo con gli obblighi normativi ed in sintonia con una nuova sensibilità nei confronti del problema del lavoro in condizioni di sicurezza, si è proceduto alla stesura di un piano

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza.

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza. TUTTI I PRESENTI NELLA SCUOLA in caso di sisma, porsi al riparo sotto i banchi o comunque ALLONTANARSI DAL CENTRO DELL AULA disponendosi lungo i muri portanti o vicino a pilastri e sotto le travi. 2) Al

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE FASI

PIANO DI EVACUAZIONE FASI PIANO DI EVACUAZIONE Lo scopo principale del piano di evacuazione è quello di attivare comportamenti corretti di autodifesa singoli e collettivi in caso di emergenza a scuola e nel territorio, contribuendo

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 PIANO DI EVACUAZIONE SEGNALE DI ALLARME: 1. TERREMOTO suono prolungato 2. ALLUVIONE suono breve ripetuto diverse volte 3. INCENDIO

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA

PROCEDURA DI EMERGENZA PROCEDURA DI EMERGENZA Premessa Il piano di emergenza ha lo scopo di consentire la gestione degli scenari incidentali ipotizzati pianificando una o più sequenze di azioni atte a ridurre le conseguenze

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE *****

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PROCEDURE NORME DI COMPORTAMENTO A.S. 2008/2009 Allegato E NORME DI COMPORTAMENTO PER I RESPONSABILI DI CLASSE (DOCENTI) IN CASO DI EMERGENZA 1. In caso di

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA Via Balilla, n.34 65100 P E S C A R A - Tel. 085/4210301 - Fax 085/4212906 Lsgalipe @ tin.it Oggetto: piano di emergenza.

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

Liceo Statale F. Corradini

Liceo Statale F. Corradini PROCEDURA DI EVACUAZIONE NUCLEO OPERATIVO Allegato n. 5 Quando viene attivata la procedura di evacuazione, tutti i componenti del nucleo operativo devono mettersi a disposizione del capo squadra, in caso

Dettagli

ESTRATTO DEL DOCUMENTO DI CUI ALL ART. 28 COMMA 2 D.LGS. N 81/2008 RELATIVO AL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO

ESTRATTO DEL DOCUMENTO DI CUI ALL ART. 28 COMMA 2 D.LGS. N 81/2008 RELATIVO AL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO ESTRATTO DEL DOCUMENTO DI CUI ALL ART. 28 COMMA 2 D.LGS. N 81/2008 RELATIVO AL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO GLI ASPETTI ORGANIZZATIVI NEL LICEO Si riportano, quale esempio e non esaustivi,

Dettagli

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE Allo scopo di ottenere una più adeguata conoscenza dell ambiente di lavoro/studio, soprattutto per i nuovi allievi, e di attivare i necessari automatismi nelle operazioni

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE.

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE. SICUREZZA 1 RACCOMANDAZIONI IN CASO D INFORTUNIO ALUNNI/E: 2 COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI: nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie

Dettagli

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e S.M.I. ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N.123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale Giuseppe Parini Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini" Sede : Via Badoni, 2-23900 LECCO - Tel. (0341) 362430 / 362460 -Fax (0341) 365101 Cod.fisc.

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA Via Balilla, n.34 65100 P E S C A R A - Tel. 085/4210301 - Fax 085/4212906 Lsgalipe @ tin.it Oggetto: piano di emergenza.

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G. 2013 2014 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. Fermi L. da Vinci Via Bonistallo 73 50053 Empoli ALLEGATO 13 Informativa agli studenti Procedure e norme in caso di emergenza data firma IL DATORE DI LAVORO

Dettagli

Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S.

Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S. 7/a Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S. 1. Il Dirigente Scolastico (o in sua vece il collaboratore del Dirigente Scolastico), una volta valutata la necessità di abbandonare rapidamente l edificio:

Dettagli

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08. Corso di. FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2)

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08. Corso di. FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2) Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08 1 Corso di FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2) Contenuti Formazione Specifica 2 2 Segnaletica Emergenze Procedure esodo ed incendi Procedure organizzative

Dettagli

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO QUALIFICA RUOLO FUNZIONI E MANSIONI DIRIGENTE SCOLASTICO DATORE DI LAVORO Definisce gli interventi, le priorità, le necessità finanziarie, riguardo

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli addetti alla

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola Istituto di Istruzione Superiore Cavour Marconi Pascal Sede centrale: loc. Piscille, Via Assisana 40/d 06154 - PERUGIA Tel. 0755838322 Fax 07532371 Sede coordinata loc. Olmo, Via Trasimeno Ovest PG Tel.

Dettagli

Arch. Cristina Maiolati Salute e Sicurezza sul Lavoro. Aggiornamento dei lavoratori ai sensi degli art. 36 e 37 - D.Lgvo 81/08

Arch. Cristina Maiolati Salute e Sicurezza sul Lavoro. Aggiornamento dei lavoratori ai sensi degli art. 36 e 37 - D.Lgvo 81/08 Arch. Cristina Maiolati Salute e I.I.S Via delle Sette Chiese Aggiornamento dei lavoratori ai sensi degli art. 36 e 37 - D.Lgvo 81/08 LA PREVENZIONE DEI RISCHI È volta a fornire alcune brevi indicazioni

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI. Via MONTE AMARO

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI. Via MONTE AMARO LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA Via Balilla, n.34 65100 P E S C A R A - Tel. 085/4210301 - Fax 085/4212906 Lsgalipe @ tin.it Oggetto: piano di emergenza.

Dettagli

Istituto Comprensivo Cena Latina

Istituto Comprensivo Cena Latina MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Istituto Comprensivo Cena Latina Centro Risorse Territoriale Via Lepanto 2 04100 Latina ( 0773 695393 fax 0773 471618 Sito: www.scuolacenalt.eu * ltic847002@istruzione.it

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE Premessa

PIANO DI EVACUAZIONE Premessa PIANO DI EVACUAZIONE Premessa In caso di emergenza la struttura organizzativa deve essere in grado di reagire rapidamente e nel modo più uniforme possibile per fronteggiare il pericolo. Il Piano di Emergenza

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza MODULO 1a Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza (da inserire all interno del registro di classe) Da consegnare immediatamente al Responsabile Emergenza una volta raggiunto il Punto

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO PROT. N. 00001341/A.5.0. NAPOLI, 26 MARZO 2015 Docenti SEDE Personale

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO 2. EMERGENZA SANITARIA 3. ALLAGAMENTO 4. TERREMOTO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE (per qualsiasi tipo di emergenza, come

Dettagli

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA Frana COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA 30 frana SE TI TROVI AL CHIUSO DURANTE UNA FRANA mantieni e contribuisci a far

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F.

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F. M.I.U.R. - Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole

Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Redatto il 05. 10. 2011 dal Servizio di Prevenzione e Protezione della Scuola Definizione

Dettagli

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi e se succede? Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi Cos è la protezione civile???? Protezione civile = Protezione dei cittadini NOI!!!!! Il SISTEMA di protezione civile La Sala Operativa Regionale

Dettagli

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione.

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale "G.Parini" Via Roma - 21055 Gorla Minore (VA) Tel. e fax : 0331 601650 e-mail uffici: comprensivogorla@libero.it

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ***

PIANO DI EMERGENZA *** OTTI *** PREMESSA DEL REGISTRO DEI REGISTRO DEI Con l entrata in vigore del DPR 12 gennaio 1998 n. 37 regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, ai sensi dell art.

Dettagli

Istituto Superiore Magnaghi Viale Romagnosi 7-43039 Salsomaggiore Terme (PR) Tel. 0524-572270 Fax 0524-574401

Istituto Superiore Magnaghi Viale Romagnosi 7-43039 Salsomaggiore Terme (PR) Tel. 0524-572270 Fax 0524-574401 CODICE FISCLE 91042640341 ISTRUZIONI D SEGUIRE Come da Piano di Emergenza sede TERREMOTO In caso di una scossa di terremoto comportarsi secondo i seguenti punti: Durante la scossa non cercare di abbandonare

Dettagli

Scuola Elementare e materna statale Don Filippo Rinaldi. Via Lemonia n.226. Roma PIANO D EMERGENZA

Scuola Elementare e materna statale Don Filippo Rinaldi. Via Lemonia n.226. Roma PIANO D EMERGENZA Produced with a Trial Version of PDF Annotator - www.pdfannotator.com Scuola Elementare e materna statale Don Filippo Rinaldi Via Lemonia n.226 Roma PIANO D EMERGENZA PREMESSA L obiettivo primario del

Dettagli

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE Scopo di queste note è fornire succinte e chiare indicazioni sul comportamento

Dettagli

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA Compilare la seguente scheda di valutazione finalizzata alla valutazione delle conoscenze relative alla gestione delle emergenze in una qualsiasi realtà operativa.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE EMERGENZA. (Sicurezza Legge 81/08)

ORGANIZZAZIONE EMERGENZA. (Sicurezza Legge 81/08) DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO DI PIACENZA ORGANIZZAZIONE EMERGENZA (Sicurezza Legge 81/08) Riepilogo Generale sulle disposizione della Sicurezza nelle Scuole per tutto il personale - Classificazione

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA BIBLIOTECA DI MEDICINA VETERINARIA

PIANO DI EMERGENZA BIBLIOTECA DI MEDICINA VETERINARIA PAG. 1 DI 12 1408 BIBLIOTECA DI MEDICINA VETERINARIA Via del Taglio PARMA PARMA, LUGLIO 2013 PAG. 2 DI 12 SOMMARIO 1. STESURA ED EMISSIONE DELLA PROCEDURA...3 2. SCOPO DELLA PROCEDURA...3 3. DEFINIZIONI...4

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO I - NORME DI COMPORTAMENTO Di Carattere Generale Al fine di tutelare la sicurezza e la salute di tutti; gli operatori

Dettagli

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA O PROVA DI EVACUAZIONE cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a Avvio

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR 1 COSA FARE IN CASO DI: FRANA ALLUVIONE TROMBA D ARIA TEMPORALE CON FULMINI TERREMOTO 2 SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO: 1. mantieni la calma; COSA FARE IN CASO

Dettagli

Incendio presso la sede di Latinafiori

Incendio presso la sede di Latinafiori Pagina 1/5 CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale presente nella sede di Latinafiori, compresi visitatori, ditte esterne, collaboratori; Coordinatore della squadra di emergenza (o suo sostituto); Componenti

Dettagli