Sì, diventerò. Dossier GRAVIDANZA E PARTO. > Fecondazione Un figlio dopo gli anta. Ecco i trucchi per mantenere inalterata la tua fertilità negli anni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sì, diventerò. Dossier GRAVIDANZA E PARTO. > Fecondazione Un figlio dopo gli anta. Ecco i trucchi per mantenere inalterata la tua fertilità negli anni"

Transcript

1 Dossier GRAVIDANZA E PARTO Sì, diventerò > Fecondazione Un figlio dopo gli anta. Ecco i trucchi per mantenere inalterata la tua fertilità negli anni > Gestazione Leggi i consigli dei nostri medici, per trascorrere nove mesi in perfetta salute psico-fisica > La nascita Pro e contro del parto naturale, del cesareo e dell epidurale, che da quest anno in Italia è gratis, 24 ore su 24 8

2 mamma! servizio di Cristina Mazzantini, con la consulenza della dottoressa Valeria Dubini, ginecologa T ra l estate e l autunno del 2012 molte donne famose hanno annunciato l arrivo della cicogna. Tanto per fare nomi: Laura Pausini (38 anni), che su Facebook ha scritto di essere felice perché, finalmente, ha realizzato il suo sogno. Ovvero quello di diventare madre e perciò di dover interrompere tutti i suoi impegni musicali. La cantautrice è ormai agli sgoccioli della gravidanza: la nascita della bimba è prevista per il 7 febbraio. Anche l attrice comica Paola Cortellesi (39 anni) sarà presto mamma: il suo bimbo dovrebbe nascere entro la fine di febbraio. Mentre a febbraio dovrebbe partorire la ballerina Carmen Russo (53 anni), la cui gravidanza ha suscitato non poche polemiche tra i benpensanti, vista l età della neomamma. In tal senso l apripista d eccezione è stata senz altro Gianna Nannini che, circa due anni fa, a 54 anni ha partorito una bella bambina. In questi due casi, però, si parla di procreazione medical- mente assistita che, molto probabilmente, è stata realizzata in centri stranieri. Fin qui le mamme italiane. A tenere banco recentemente sui media di tutto il mondo è stata la gravidanza della duchessa di Cambridge Kate Middleton. Si tratta di una gestazione a rischio, che ha costretto la Middleton ad abbandonare qualsiasi impegno ufficiale e a osservare il riposo assoluto. Da queste faccende mondane, quindi, si è diffusa nell opinione pubblica la voglia di capire qualcosa di più su questo desiderio femminile in età avanzata. E qui, su Vero Salute, cogliamo l occasione per cercare di fare luce su alcune questioni. GENITORI DUE VOLTE Nascerà a giugno il secondo figlio di Veronica Maya (35) e Marco Moraci (37), chirurgo plastico. L età media delle donne che tentano questa terapia si sta alzando La procreazione assistita in cifre... S ono circa 55mila i bebè italiani nati da tecniche di fecondazione assistita. Il 20 per cento, circa 10mila, sono venuti al mondo da coppie italiane che si sono rivolte a centri specializzati all estero. I dati relativi al 2010 della Relazione annuale al Parlamento sulla Pma evidenziano che sono in aumento le coppie che si sottopongono ai trattamenti di fecondazione assistita, così come le gravidanze ottenute e i bambini nati. Risulta in aumento, però, anche l età media delle donne che si sottopongono a questo tipo di trattamenti (36,3 anni), come anche il numero dei cicli di trattamento effettuato da pazienti con età superiore ai 40 anni. Nel 2010 sono state trattate con tecniche di Pma di I, II e III livello coppie e sono stati iniziati cicli. Sono state ottenute gravidanze di cui andate a buon fine Ritardare la maternità S pesso si tende ad aspettare l arrivo dell uomo giusto, il padre perfetto per i propri figli. Intanto il tempo passa e l orologio biologico continua a ticchettare. Cosa fare per non perdere la possibilità di procreare e, allo stesso tempo, non fare scelte affrettate solo per rispondere al bisogno di maternità? La soluzione è congelare preventivamente gli ovociti. Si tratta di una scelta da fare quando si è ancora giovani, entro i anni, per poter rimandare anche più tardi la gravidanza. «Si parla ancora poco di questa opzione», sottolinea Ermanno Greco, direttore del Centro di Medicina e Biologia della riproduzione all European Hospital di Roma, «e moltissime donne non sanno nemmeno che è qualcosa di concretamente fattibile. L importante è farlo prima possibile, quando si è ancora abbastanza giovani da produrre ovociti forti e in grado di sopravvivere allo scongelamento, quando finalmente si creano le condizioni per il concepimento. Nel nostro centro abbiamo già avuto 50 pazienti che hanno optato per questa soluzione, tutte fra i 30 e i 35 anni». Quando la paziente single prende la decisione di congelare le proprie uova, «si procede con uno o più cicli di stimolazione ormonale», spiega ancora Greco. «Successivamente, si prelevano gli ovociti e si congelano per l uso futuro». Prima di scegliere il congelamento preventivo degli ovociti, ecco alcune regole di buon senso da seguire per preservare la propria fertilità: mantenere il proprio peso forma; non fumare; tenere sotto controllo eventuali fattori di rischio trombotico. 9

3 Procreare a anni... Che cosa cambia? Dossier gravidanza e parto In generale è meglio fare i figli quando si è giovani perché, oltre a una fertilità più alta, si hanno più energie per affrontare la gravidanza. Per fortuna, però, la scienza oggi aiuta C aso inglese a parte, le future mamme italiane citate sono tutte primipare attempate, come si sarebbe detto fino a qualche decennio fa. I casi della Nannini e della Russo, quindi, farebbero ben sperare che la maternità oggi si possa in effetti ritardare... Tanti progressi Viene naturale quindi porsi la domanda: è possibile partorire un figlio a 50 anni? L eventualità c è. Anche se, come sottolineano gli specialisti, si tratta di eventi più che eccezionali: nonostante gli enormi progressi fatti dalla scienza, infatti, la medicina non può fare miracoli. Rispetto a queste notizie, i medici avvertono le donne di non rimandare troppo la maternità. Non rimandare troppo Il motivo? Più si va avanti con gli anni e più sensibilmente si riducono le capacità riproduttive. La conseguenza maggiore per le ultra-quarennni è quella di veder sfumare il sogno di avere un figlio in un futuro prossimo. Per evitare che ciò accada, l unico consiglio valido, sottoscritto da tutti i ginecologi, è quello di cercare di avere una gravidanza da giovani. Spesso, continua a pag

4 Dossier GRAVIDANZA E PARTO Occorre sapere che gli ovuli invecchiano già dopo i 25 anni Le difficoltà tecniche da affrontare Èormai accertato che le donne italiane rinviano la maternità. La media del primo figlio è intorno ai 31 anni. Molte, però, si decidono quando hanno superato i 36 anni e sono più vicine ai 40. Quante possibilità hanno costoro di restare incinte naturalmente? «Negli ultimi anni, il numero delle madri over 40 è andato continuamente aumentando. I motivi sociali, economici e culturali, sono ben noti. Bisogna essere consapevoli del fatto che la fecondità declina dai 25 anni in poi, con un accelerazione dopo segue da pag. 11 però, questo suggerimento è disatteso. Basta osservare la tendenza attuale nel nostro Paese, che è quella di avere il primo figlio dopo i 35 anni. Non è strano, allora, notare che sono in costante aumento le coppie sterili: solo in Italia, ad esempio, superano ormai i 3 milioni. Per comprendere meglio il fenomeno, è sufficiente riportare alcune cifre. Si sa che, se a 23 anni ogni ovulazione ha il 26 per cento di probabilità di trasformarsi in gravidanza, a 39 anni le probabilità si dimezzano, a 40 sono del 10 per cento, a 43 fra il 7 e il 4, e poi sempre meno. Questi numeri, però, non preoccupano le coppie italiane, visto che si cerca sempre più spesso di posticipare la maternità per vari motivi, tra cui quelli economici. i 35, e che si riduce drammaticamente dopo i 40. Questo dipende dal fatto che le nostre uova hanno la nostra età. Dunque invecchiano con noi. Un uovo più vecchio ha più difficoltà a essere fecondato e commette più errori, per cui, oltre alla difficoltà a ottenere una gravidanza, c è anche un aumentato numero di aborti spontanei. L aiuto farmacologico può servire fra i 35 e i 40: attenzione dopo i 40, anche con i trattamenti farmacologici, il tasso di fecondità resta più o meno sovrapponibile a quello spontaneo. «I 40 sono davvero Dopo i 35 anni può essere più complicato rimanere incinta, se si tratta del primo figlio una sorta di colonne d Ercole della biologia», spiega la dottoressa Dubini che aggiunge: «Ma non è solo l età della donna a incidere sulla procreazione. Bisogna tener anche conto di altri fattori come quello di origine maschile. Per esempio, gli spermatozoi, seppur prodotti in continuo, non hanno il problema dell invecchiamento; possono però essere alterati o rallentati da infezioni, abitudini di vita scorrette come fumo, vita sedentaria e abuso di alcolici». Insomma esistono delle difficoltà tecniche reali da affrontare. Quando si fa fatica Le motivazioni possono essere tra le più varie, come il raggiungimento di una condizione lavorativa soddisfacente, oppure la ricerca di un partner ideale. Quando poi si decide di diventare genitori, magari è troppo tardi! È bene ricordare che l Organizzazione Mondiale della Sanità definisce infertile una coppia quando non si va incontro a una gravidanza dopo 2 anni di rapporti non protetti. «Siamo d accordo se la donna ha meno di 35 anni. Se invece è più grande, bisogna anticipare di un anno e poi rivolgersi allo specialista», sostengono i ginecologi. Ne abbiamo parlato con Valeria Dubini, ginecologa presso l Ospedale S. Giovanni di Dio a Firenze e vicepresidente dell Associazione Ostetrici e Ginecologi Ospedalieri Italiani. Le regole del buon senso Suggerimenti utili per una sana maternità Ecco qualche semplice consiglio per cercare di avere una gravidanza normale, anche dal punto di vista psicologico. La gravidanza non è una malattia, ma una fase normale della vita. Quando siete incinte non mangiate per due. Scegliete cibi sani e sbilanciate l alimentazione in senso proteico. Consumate molte verdure, lavandole bene. Fate una modica attività fisica (come passeggiate, nuoto e yoga, perché così facendo si attiva il metabolismo e la circolazione. Continuate a fare la solita vita, fino a quando non insorgono problemi. Proseguite nell avere una serena vita sessuale con il vostro partner e non vi preoccupate se, invece, è un periodo in cui per lui è più difficile vedervi come amanti. Tendenzialmente tutto quello che vi sentite di fare potete farlo. Fidatevi del vostro istinto e della vostra competenza. Scegliete una ginecologa di vostra fiducia e ascoltate i suoi suggerimenti: ricordate che fidarsi non vuol dire rimettersi nelle mani altrui, ma significa partecipare serenamente e positivamente alle scelte che farete. Infine, cercate di non rimandare all infinito la decisione di diventare madri, pensando che tanto c è la scienza che vi aiuta: i risultati sono ben lontani dal 100 per cento. Ricordate, invece, che dopo i 40 anni, se si è al primo figlio, la probabilità di rimanere incinta scende di molto, con ampie possibilità di aborti spontanei. 13

5 Dossier GRAVIDANZA E PARTO Che fare quando il bebè non arriva La procreazione assistita permette di avere figli oltre i 40 anni, a non è mai una passeggiata... Se una donna non rimane incinta spontaneamente e desidera la maternità, quando è necessario avviare il percorso della procreazione medicalmente assistita? E quali metodiche preferire? Ne parliamo con l esperto. «Certamente l età che incombe rende i tempi più stretti. È comunque opportuno non farsi prendere dalla fretta e attendere almeno un periodo di 7-12 mesi, a seconda dell età. Come tecniche da preferire, dipende certamente dalla situazione clinica, anche maschile. Probabilmente la tecnica più frequentemente utilizzata è la Fivet. Non ci dimentichiamo che, in caso di uova scarsamente fecondabili per la loro età, nel nostro Paese la legge 40 non permette il trasferimento di uova da donatrici, mentre in molti altri Paesi questo è possibile. Si è così assistito negli ultimi anni a una sorta di turismo procreativo con donne che viaggiano in tutta Europa, per eseguire l ovodonazione», chiarisce sempre la nostra ginecologa. «Spesso questi centri privati sono molto spregiudicati e, pur di ottenere il risultato, utilizzano alte dosi di farmaci e trasferiscono anche 3 embrioni, con il risultato che le gravidanze trigemini sono più frequenti nelle over 45, con alti rischi per la salute delle madri e dei figli che spesso vanno incontro a parti pretermine. Con tutto quello che ciò comporta. In qualche modo gli Stati, soprattutto europei, usufruiscono in termini economici dei divieti della legge 40, mentre il nostro Paese paga conseguenze negative quando esse accadono. Si possono avere dei costi per patologie materne più frequenti nei gemelli e nelle donne più anziane, ricoveri in terapia intensiva neonatale e spese maggiori per eventuali danni permanenti da prematurità». Un altra domanda lecita è: fino a quale età è giusto procreare? «Chi può rispondere? Io credo che la natura abbia dato già le sue risposte: io sono figlia di una 45enne (spontanea) e anche le nostre nonne facevano figli magari fino a A mio parere, 50 anni cominciano davvero a essere tanti, soprattutto pensando al futuro dei figli». Il decalogo per una fecondazione pilotata di successo Dagli esperti riuniti a Roma per i corsi How to improve Ivf - Strategies to improve art results, arriva anche il decalogo per una fecondazione assistita di successo. Ecco gli elementi chiave da sapere, prima di provarci. AL MICROSCOPIO Una tecnica sempre più affinata e precisa che consente di rimanere incinta. In Europa l ovodonazione esiste ed è una realtà diffusa, mentre nel nostro Paese è ancora vietata 1 Studio delle caratteristiche personali e delle necessità della coppia. 2 Valutazione della riserva ovarica della donna. 3 Personalizzazione, attraverso la farmacogenomica, del percorso terapeutico migliore per la paziente. 4 Analisi degli spermatozoi, per individuare quelli da utilizzare perché aventi le migliori caratteristiche qualitative. Il tutto attraverso tecniche come il test di frammentazione del Dna spermatico. 5 Diagnosi genetica preimpianto degli embrioni. 6 Prevalutazione delle caratteristiche qualitative degli embrioni. 7 Scelta dei migliori embrioni da impiantare. 8 Valutazione della capacità dell endometrio femminile di accogliere l embrione. 9 Eventuale trattamento per aumentare la recettività dell endometrio femminile. 10 Affiancamento con terapie non convenzionali come l agopuntura, per ridurre lo stress e aumentare le chance di successo di portare a termine la gravidanza. 15

6 Dossier gravidanza e parto Gravidanza dopo gli anta? Si può, con più attenzione Nella maggior parte dei casi si deve ricorrere all assistita aumentando la possibilità di parti gemellari a rischio sia per i feti, sia per la madre nessun allarmismo Dopo i 40 ci sono dei rischi, è vero, ma non è né impossibile, né così pericoloso rimanere incinta. I problemi vengono dopo i 50, quando la faccenda è più complicata e può essere una minaccia per la salute. Una volta che una donna di quarant anni è rimasta incinta, quali possono essere i rischi durante la gravidanza? Ecco di seguito il parere dell esperta. «Sebbene l essere over 40 non rappresenti di per sé una condizione di rischio, andando ad analizzare più approfonditamente questa popolazione si osservano delle differenze importanti, che collocano questa fascia di età in una condizione di rischio ostetrico», specifica la ginecologa. «Innanzitutto, si osserva un incidenza tripla di ricorrere alla procreazione medicalmente assistita e, probabilmente, proprio in relazione a questo, l incidenza di gemellarità risulta quasi doppia dopo i 40 anni. Quello che accade è che aumenta senz altro il rischio di parti pretermine e di neonati di basso peso alla nascita. Purtroppo l età rappresenta un fattore di rischio anche per la mortalità perinatale e la mortalità materna, fenomeno rarissimo (in Toscana è di 3,4 su 100mila parti), ma più frequente dopo i 35 anni. Inoltre, aumenta il rischio di avere un taglio cesareo», conclude la nostra esperta. Sconsigliato ingrassare, fumare e bere alcolici, sì invece a dieta equilibrata e ginnastica dolce Le accortezze da adottare per una gestazione serena Per evitare che la futura mamma e il neonato possano andare incontro a rischi, la nostra esperta suggerisce di seguire alcune semplici regole: è opportuno non ritardare troppo la decisione di diventare mamma; una volta incinta, è bene assumere integratori a base di acido folico, Omega 3 e oligelementi come zinco e magnesio che possono essere molto utili; è indispensabile adottare uno stile di vita sano, mantenendo una modesta attività fisica, curando il peso (è importantissimo non superare i 9-11 Kg, specie se è una prima gravidanza); è necessario curare molto l alimentazione, introducendo nei pasti molta verdura e frutta. Non devono mancare le sostanze proteiche come carne e pesce (da evitare tonno e pesce spada, perché ricchi di mercurio); è consigliabile consumare pochissimi grassi come formaggi e affettati, e limitare gli zuccheri, specialmente semplici come dolci, bibite, caramelle e altro; è invece importante introdurre nella propria dieta quotidiana in quantità moderata dei carboidrati complessi come pane, pasta e riso; evitare assolutamente il fumo e moderare il consumo di vino: non superare il bicchiere a pasto. Uno non fa male. 17

7 Dossier GRAVIDANZA E PARTO Travaglio: suggerimenti, tecniche e controversie Dopo i 35 anni si tende a scegliere il taglio cesareo, ma per la neomamma e per il neonato non è sempre la scelta giusta... Prima abbiamo descritto i rischi che si corrono durante la gravidanza ma, una volta concluso il periodo gestionale, quali problemi possono insorgere al momento del parto se la donna è più matura? «È possibile che una maggiore rigidità dei tessuti possa allungare i tempi del travaglio e del periodo espulsivo. E ancora. In una donna over 40 si possono verificare anche più frequenti lacerazioni», risponde la dottoressa Valeria Dubini. «Comunque non è detto, perché ogni travaglio ha la sua storia ed è evidente che il rischio di taglio cesareo aumenta. È infatti una consuetudine medica appena qualcosa non va: non ci si pensa due volte a far partorire la donna più matura con il taglio cesareo, nonostante anche questo non sia privo di rischi. Si è visto, infatti, che c è un aumento d emorragia, di tromboembolia e di morte materna (3 volte superiore rispetto al parto vaginale)». La tendenza della classe medica italiana è quella di far partorire con il cesareo le donne dopo i 38 anni, per evitare possibili guai legali. Invece la nostra esperta propone, se non vi sono problematiche ostetriche, un parto naturale (per via vaginale), anche in una mamma over 40. Oltre ai medici, purtroppo, vi sono anche molte partorienti che richiedono il taglio cesareo, perché lo ritengono erroneamente la via più sicura, quando invece è una tecnica che espone a diversi rischi. Risultati in controtendenza Quattro bambini su dieci in Italia nascono con taglio cesareo. Il nostro Paese si conferma così come una fra le nazioni in cui si effettua il più alto numero di parti cesarei, all incirca il 40 per cento (quando le soglie raccomandate dall Oms si limitano al 15 per cento). Di certo siamo la nazione con le percentuali più elevate d Europa. Questi dati in continua crescita sono alla base dell indagine condotta dall Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna, in collaborazione con il Dipartimento di salute materno infantile dell Oms, su donne di età compresa fra i 20 e i 40 anni, per conoscere le reali motivazioni che hanno spinto le già mamme (53,7 per cento) o le future mamme (46,2 per cento) a scegliere il parto naturale, piuttosto che È al ginecologo che le donne si rivolgono per avere informazioni, a cui seguono amici e parenti il taglio cesareo. I risultati dell analisi sono in controtendenza con i dati ufficiali, quindi confortanti: 800 donne preferiscono il parto naturale sia per ragioni di carattere emotivo-affettivo (non perdere le prime ore di vita del bambino, 63 per cento, avere il compagno al proprio fianco, 40 per cento o, nel 35 per cento, allattare con più facilità), sia per motivi di ordine funzionale (ospedalizzazione più breve, 53 per cento, recupero fisico più veloce, 49 per cento, meno dolore post operatorio, 44 per cento, gravidanze future illimitate, 47 per cento e, nel 46 per cento, l assenza di cicatrici). È invece principalmente legata al timore del dolore per sé (53 per cento), alla sofferenza per il bambino (39 per cento), o a un senso di maggiore sicurezza (36 continua a pag

8 Dossier GRAVIDANZA E PARTO Da quest anno l epidurale è gratis in tutta Italia La tecnica dell anestesia epidurale riduce o elimina la sensibilità al dolore durante il travaglio e il parto. Grazie a un sondino situato nella zona lombare è possibile sedare le terminazioni nervose lasciando la donna cosciente. Questa tecnica, fino a oggi, era garantita solo dal 20 per cento circa degli ospedali, con un prezzo che va fino ai euro nelle strutture private. Ma ora tutte le donne potranno effettuare gratuitamente in tutta Italia l epidurale, grazie al decreto Balduzzi che garantisce il rimborso del Sistema Sanitario Nazionale. segue da pag. 19 per cento), la scelta delle donne che prediligono il taglio cesareo (20 per cento). Fra le donne che scelgono il cesareo è molto apprezzata la possibilità di poter pianificare, con questa modalità di parto, la data della nascita (46 per cento), o poter ritornare più rapidamente a una normale vita sessuale (21 per cento). È al ginecologo che le donne (52 per cento) si rivolgono per avere consigli e informazioni su gravidanza e parto, a cui seguono amici (23 per cento), parenti (22 per cento), o riviste divulgative (17 per cento). Sono i dati illustrati a Milano in tema di salute riproduttiva, uniti per la promozione del parto naturale. Ci vuole più informazione «Nello scegliere il parto cesareo rispetto al naturale», dichiara Francesca Merzagora, presidente di O.N.Da, «la donna è spesso inconsapevole dei rischi e delle controindicazioni che, quale atto chirurgico, esso comporta. Il taglio cesareo non è indice di una popolazione femminile che tende a partorire oltre i 40 anni, ma segnala una patologia del sistema che va corretta. In questo senso, la decisione dell ex ministro Fazio di ridurre i punti nascita con numero di parti inferiore a 1.000, con le previste eccezioni territoriali, per migliorare la qualità e l efficienza nei servizi, abbinando l attività delle unità operative di ostetricia e ginecologia con quelle di neonatologia e pediatria», chiude l esperta. Cinque ospedali premiati per la cura dei neonati prematuri Ecco gli indirizzi giusti se il piccolo vuole nascere prima Sono 5 gli ospedali italiani d eccellenza per cure su misura ai neonati prematuri. L Osservatorio Nazionale sulla salute della donna (O.N.Da.), all interno del programma Bollini Rosa, ha eletto i 5 progetti vincitori su un totale di 86 Best Practice presentate da 62 ospedali amici della donna, di cui 28 strutture in Lombardia. I premiati nella nuova iniziativa, sostenuta da Abbott, sono: l Azienda ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino (Presidio ostetrico ginecologico Sant Anna) l Azienda ospedalierouniversitaria Arcispedale Sant Anna di Ferrara l A.O. Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano (Presidio Macedonio Melloni) l A.O. della provincia di Lecco (Ospedale di Circolo Manzoni) il Presidio ospedaliero Buzzi di Milano «Sono stati tutti promotori d iniziative innovative a tutela della nascita prematura, attraverso l individuazione precoce e il contenimento dei rischi maternoneonatali in caso di nascita pretermine», spiega Francesca Merzagora, presidente di O.N.Da. La nascita pretermine è la causa principale di mortalità neonatale a livello globale, con più di 1,5 milioni di morti ogni anno, come è stato ricordato durante la cerimonia di premiazione svoltasi a Milano. Anche in Italia il problema esiste: l ultimo dato disponibile, relativo al 2008, indica che i parti prematuri alla 37esima e 32esima settimana sono stati rispettivamente il 6,8 e lo 0,9 per cento, su un totale di oltre 544mila nascite (Rapporto sui certificati di assistenza al parto Cedap, pubblicato dal ministero della Salute nel 2011). Nonostante i numeri, i servizi di cura e di supporto sociale alle famiglie sono spesso troppo limitati e costringono i genitori con un neonato ricoverato per molti giorni in terapia intensiva ad affrontare orari di visita ridotti, con in più l incognita di possibili complicazioni a lungo termine per la sua salute e per il suo sviluppo neurologico. Da qui l idea di assegnare una best practice, cioè la migliore competenza nel trattamento e cura dei bebè prematuri, agli ospedali italiani specializzati su questo fronte. Muove qualche passo in avanti anche il Sud, come rileva l O.N.Da., con due interessanti iniziative: un gruppo di ascolto promosso dall Ospedale Civile Spirito Santo di Pescara; un progetto di supporto in caso di nascite pretermine attivato dall Associazione Genitin (Genitori per la terapia intensiva neonatale), in collaborazione con il Policlinico Gemelli di Roma. «Tutti i progetti presentati in questa prima edizione delle best practice», sostiene Francesca Merzagora, «promuovono la tutela della donna e del bambino non solo attraverso un eccellente qualità di assistenza che si estende a tutto il periodo pre e post-natale, ma anche con l istituzione di percorsi di sostegno personalizzato alle realtà familiari più fragili, attraverso un adeguata formazione del personale preposto e una continuità assistenziale, in alcuni casi, fino ai 2 anni di vita del neonato. Il valore aggiunto dei progetti sono la multidisciplinarietà e la sostenibilità, attraverso un uso adeguato e integrato delle risorse esistenti e il collegamento con gli enti territoriali». 21

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

Definizione del percorso materno infantile fino ai 3 anni di vita

Definizione del percorso materno infantile fino ai 3 anni di vita Definizione del percorso materno infantile fino ai 3 anni di vita La nascita prematura Tavolo tecnico Lazio 21 novembre 2014 O.N.Da e la nascita pretermine: perché La percentuale di nascite pretermine

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

Concorso Best Practice 2014 VIOLENZA SULLA DONNA

Concorso Best Practice 2014 VIOLENZA SULLA DONNA Concorso Best Practice 2014 VIOLENZA SULLA DONNA I migliori servizi all interno degli ospedali Bollini Rosa Cerimonia di premiazione 10 dicembre 2014 A cura di Francesca Merzagora Riconoscimento ai migliori

Dettagli

PAROLE CHE CURANO. SEMPRE. Le applicazioni. Sciogliere i nodi nel Dipartimento Materno Infantile In Ostetricia. Ost.

PAROLE CHE CURANO. SEMPRE. Le applicazioni. Sciogliere i nodi nel Dipartimento Materno Infantile In Ostetricia. Ost. PAROLE CHE CURANO. SEMPRE. Le applicazioni Sciogliere i nodi nel Dipartimento Materno Infantile In Ostetricia Ost. Ferrero Federica Cuneo 18-19 ottobre 2012 QUALI I BISOGNI PSICOLOGICI IN OSTETRICIA QUALI

Dettagli

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 SAVONESE Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia L analgesia nel travaglio di parto AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC.

LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC. LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC. Per necessità l esposizione è schematica. Si rimanda alla consultazione del genetista il

Dettagli

Programma di Ricezione Ovocitaria

Programma di Ricezione Ovocitaria Programma di Ricezione Ovocitaria Programma di Ricezione ovocitaria Indice La ricezione ovocitaria... 3 In che consiste il trattamento?... 4 Prima di iniziare il trattamento........ 4 La prima visita alla

Dettagli

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè

Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Parto Naturale o Taglio Cesareo? Quando e perchè Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) il parto naturale è quello che inizia spontaneamente e che si mantiene tale, senza segni di disfunzione,

Dettagli

Diagnosi genetica preimpianto- nuovo metodo di screening di 24 cromosomi tramite il metodo Array CGH...2

Diagnosi genetica preimpianto- nuovo metodo di screening di 24 cromosomi tramite il metodo Array CGH...2 Agosto 2012 contenuto 8 Diagnosi genetica preimpianto- nuovo metodo di screening di 24 cromosomi tramite il metodo Array CGH...2 Mantenimento di fertilitá-nuove possibilitá presso il GENNET...3 Isteroscopia

Dettagli

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA NUMERI E CAUSE La fertilità della specie umana è bassa. Infatti, ad ogni ciclo mestruale, una

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia

Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: IL PUNTO DI VISTA DELLE COPPIE IN PMA Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia SINTESI DEI RISULTATI Roma, 18 maggio 2016 A otto anni di distanza dalla

Dettagli

ACT INIZIATIVA DESIDERIO DI MATERNITÀ UNA GUIDA CHE VI ACCOMPAGNA NEL PERCORSO VERSO IL CONCEPIMENTO

ACT INIZIATIVA DESIDERIO DI MATERNITÀ UNA GUIDA CHE VI ACCOMPAGNA NEL PERCORSO VERSO IL CONCEPIMENTO Iniziativa Desiderio di Maternità ACT INIZIATIVA DESIDERIO DI MATERNITÀ UNA GUIDA CHE VI ACCOMPAGNA NEL PERCORSO VERSO IL CONCEPIMENTO Iniziativa Desiderio di Maternità ACT IL PERCORSO ACT FASE 1 FASE

Dettagli

FERTILITÀ A 360 Spunti e nuove riflessioni nella PMA

FERTILITÀ A 360 Spunti e nuove riflessioni nella PMA FERTILITÀ A 360 Spunti e nuove riflessioni nella PMA RESPONSABILI SCIENTIFICI Dr. Alessio Paffoni Specialista in Genetica Medica, Fondazione IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico, U.O. Sterilità

Dettagli

Presidio Ospedaliero San Donato

Presidio Ospedaliero San Donato Presidio Ospedaliero San Donato DIPARTIMENTO AREA CRITICA Direttore Dott. M.Feri ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Infertilità e fattore età

Infertilità e fattore età Infertilità e fattore età F. Iannotti, GB. La Sala Struttura Complessa di Ostetricia Ginecologia Arcispedale S. Maria Nuova Azienda Ospedaliera di Reggio Emilia La fertilità, definita come capacità di

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

Maria Gabriella Bafaro. Carta dei Servizi

Maria Gabriella Bafaro. Carta dei Servizi Maria Gabriella Bafaro Carta dei Servizi Due parole sulla Fertilità Come descritto brevemente da Wikipedia, Fertilità è in generale la capacità di riproduzione degli organismi viventi. Se intesa come misura,

Dettagli

RISULTATI DEI TRATTAMENTI PMA. 1985-2012 S.I.S.Me.R - Bologna e Centri Satellite

RISULTATI DEI TRATTAMENTI PMA. 1985-2012 S.I.S.Me.R - Bologna e Centri Satellite 4 RISULTATI DEI TRATTAMENTI PMA 1985-2012 S.I.S.Me.R - Bologna e Centri Satellite 1 2 Premessa In questo fascicolo sono presentati i risultati della attività di PMA svolta dal 1985 al 2012 in Italia dalla

Dettagli

12 Commissione Igiene e sanità del Senato della Re pubblica

12 Commissione Igiene e sanità del Senato della Re pubblica Indagine conoscitiva sul percorso nascita e sulla situazione dei punti nascita con riguardo all individuazione di criticità specifiche circa la tutela della salute della donna e del feto e sulle modalità

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

Ricevimento degli ovociti

Ricevimento degli ovociti Ricevimento degli ovociti In che cosa consiste? Consiste nel fecondare in laboratorio gli ovociti provenienti da una donatrice con lo sperma del partner della donna ricevente, per trasferire in seguito

Dettagli

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Mente sana in un corpo sano. Come sempre, la saggezza antica non commette errori: camminare, andare in bicicletta, passeggiare,

Dettagli

TECNICHE DI II - III LIVELLO. Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET)

TECNICHE DI II - III LIVELLO. Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET) TECNICHE DI II - III LIVELLO Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET) È una tecnica di PMA in cui i gameti (ovocita per la donna e spermatozoo per l uomo) si incontrano all esterno del

Dettagli

23-NOV-2015 da pag. 16 foglio 1

23-NOV-2015 da pag. 16 foglio 1 Tiratura: n.d. Diffusione 12/2012: 10.694 Lettori Ed. II 2014: 61.000 Quotidiano - Ed. Roma Dir. Resp.: Gian Marco Chiocci da pag. 16 foglio 1 Tiratura 09/2015: 68.268 Diffusione 09/2015: 48.891 Lettori

Dettagli

dei Servizi La Carta del Punto Nascita dell Ospedale San Giuseppe

dei Servizi La Carta del Punto Nascita dell Ospedale San Giuseppe PER LA VOSTRA SALUTE GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): Servizio Sanitario Nazionale: tel. 02 86 87 88 89 A pagamento, con Fondi e/o Assicurazioni: tel. 02 999 61 999 Per orari e caratteristiche

Dettagli

IL NOSTRO PROGRAMMA DI OVODONAZIONE

IL NOSTRO PROGRAMMA DI OVODONAZIONE IL NOSTRO PROGRAMMA DI OVODONAZIONE Il Centro Medico Manzanera ha stabilito un programma di ovodonazione per coppie residenti all estero che permette di ottenere alti tassi di successo e, allo stesso tempo,

Dettagli

Il Cammino. È fondamentale per noi riuscire a seguire al meglio in tutto il suo cammino ogni coppia desiderosa di concepire un bambino.

Il Cammino. È fondamentale per noi riuscire a seguire al meglio in tutto il suo cammino ogni coppia desiderosa di concepire un bambino. Il Cammino Per noi esseri umani i figli sono sinonimo di felicità e amore. Per molte coppie sono l'espressione vivente del loro rapporto e il suo completamento. Accade però sempre più spesso che il desiderio

Dettagli

FECONDAZIONE ETEROLOGA (OVODONAZIONE)

FECONDAZIONE ETEROLOGA (OVODONAZIONE) FECONDAZIONE ETEROLOGA (OVODONAZIONE) 28003 Madrid Cari pazienti, Per prima cosa vogliamo ringraziarvi per la fiducia riposta nel nostro centro. Come in molti già sapete, i trattamenti di riproduzione

Dettagli

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE Procreazione medico assistita L assistenza di un medico e di un biologo si dimostrano talvolta indispensabili per riuscire a diventare genitori. Quando una metodica di laboratorio, più o meno complessa,

Dettagli

Promozione della salute delle madri immigrate e dei loro bambini nella provincia di Novara.

Promozione della salute delle madri immigrate e dei loro bambini nella provincia di Novara. Convegno Regione Piemonte Le buone pratiche sanitarie e la gestione del territorio Relazione presentata a Torino il 29.9.2007 Promozione della salute delle madri immigrate e dei loro bambini nella provincia

Dettagli

Che cos è la fibrosi cistica

Che cos è la fibrosi cistica La scoperta del gene responsabile della fibrosi cistica ha permesso la messa a punto di un test genetico per identificare il portatore sano del gene della malattia. Si è aperto quindi un importante dibattito

Dettagli

Mente&Cibo Premaman. Chi siamo. Obiettivo

Mente&Cibo Premaman. Chi siamo. Obiettivo Mente&Cibo Premaman Chi siamo Antropica Gruppo Interdisciplinare per lo Sviluppo Umano è un associazione culturale, senza fini di lucro e indirizzi di carattere politico, che si propone di promuovere la

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Ref. 123 / 2009 Reparto di Medicina della Riproduzione Servicio de Medicina de la Reproducción Gran Vía Carlos III 71-75 08028 Barcelona Tel.

Dettagli

IL PERCORSO NASCITA :

IL PERCORSO NASCITA : IL PERCORSO NASCITA : RISULTATI DELLO STUDIO IN TOSCANA Veronica Casotto, Marina Cuttini, Eva Buiatti Osservatorio di Epidemiologia, Agenzia Regionale di Sanità della Toscana Irene Genovese Unità Funzionale

Dettagli

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO REGIONE VENETO OSSERVATORIO REGIONALE PER LA PATOLOGIA IN ETÀ PEDIATRICA CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO Regione Istituto/Azienda Ospedaliera Azienda USL Comune di evento Sezione Generale COGNOME della

Dettagli

Infertilità e Procreazione Medicalmente Assistita (PMA)

Infertilità e Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) Infertilità e Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) Indice Definizione Epidemiologia Etiopatogenesi Diagnosi Terapia PMA Presentazione, attività e risultati del Centro per la Diagnosi e la Terapia

Dettagli

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo Azienda USL Valle d Aosta Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo In Italia e in Valle d Aosta, il parto cesareo (PC) riguarda ormai un caso di parto su tre.

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.)

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Dipartimento Materno Infantile Struttura Operativa Complessa di OSTETRICIA E GINECOLOGIA CARTA

Dettagli

Tecniche avanzate di PMA

Tecniche avanzate di PMA Procreazione medicalmente assistita e legge 40/04 Tecniche avanzate di PMA FIVET fecondazione in vitro ed embrio-transfer ICSI intra-citoplasmatic sperm injection GIFT gamete intra-fallopian transfer ZIFT

Dettagli

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) Le informazioni fornite attraverso queste pagine, sono state tratte da un opuscolo pubblicato e curato dal Gruppo di Lavoro

Dettagli

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti www.e-imd.org Che cosa sono i difetti del ciclo dell urea/le acidurie organiche? Gli alimenti che mangiamo vengono scissi

Dettagli

periodo più fertile per una donna uomo

periodo più fertile per una donna uomo Quanti anni hai? Le donne italiane fanno figli tardi rispetto alle altre donne europee. Si sposano in media a 28 anni, partoriscono il primo figlio a 30 e hanno meno figli delle altre europee. Le ragioni

Dettagli

NASCERE PRIMA DEL TEMPO: IL VISSUTO DELLE FAMIGLIE IN ITALIA

NASCERE PRIMA DEL TEMPO: IL VISSUTO DELLE FAMIGLIE IN ITALIA NASCERE PRIMA DEL TEMPO: IL VISSUTO DELLE FAMIGLIE IN ITALIA Le storie delle famiglie che vivono l esperienza della nascita pretermine di un figlio Ministero della Salute, Roma 16 settembre 2015 Con la

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale

I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale I pet owner in Italia Approccio alla salute e al benessere animale ! " " #$%&''& (% % )*+ %&,-...''/ Nota Metodologica %0"1'.0"1 2 &34,3 $!"# " $!% &' ( )* + ),-+ +.. +! ++ +./0112" "*0".. -*3*4/ 4141"051012"-*3*4/6.0(

Dettagli

STERILITÀ ETÀ-CORRELATA E PMA

STERILITÀ ETÀ-CORRELATA E PMA Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Ginecologiche e della Riproduzione Umana Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia Direttore Prof. Giovanni Battista Nardelli STERILITÀ

Dettagli

Ministero Della Salute Salute Della Donna e Del Bambino

Ministero Della Salute Salute Della Donna e Del Bambino Salute Della Donna e Del Bambino 14/07/2006 (Livello 2) Ministero Della Salute Salute Della Donna e Del Bambino Testo Del Disegno Di Legge Relazione Illustrativa Relazione Tecnica file:///c /Documenti/rett00.htm

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE UFFICIO V 15 settembre 2014 La contraccezione per la donna che allatta Tavolo Tecnico Operativo Interdisciplinare

Dettagli

CONSULENZA PRECONCEZIONALE

CONSULENZA PRECONCEZIONALE CONSULENZA PRECONCEZIONALE Questo articolo è rivolto a tutte le coppie che desiderano un figlio, o che non escludono di averlo in futuro, e che vogliono conoscere con maggior precisione quali siano le

Dettagli

Linee Guida. Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita. Pierpaolo Mastroiacovo

Linee Guida. Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita. Pierpaolo Mastroiacovo Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita Linee Guida Pierpaolo Mastroiacovo Professore di Pediatria Direttore ICBD Alessandra Lisi International Centre on Birth Defects and Prematurity

Dettagli

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita

OSSERVATORIO NINNA HO. Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita OSSERVATORIO NINNA HO Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita Dati sul fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita - OSSERVATORIO NINNA HO Il Progetto ninna ho, voluto dalla

Dettagli

Oltre. anni. dedicati alla salute della donna

Oltre. anni. dedicati alla salute della donna Oltre 80 anni dedicati alla salute della donna A Salute della Donna Dexeus accompagnamo le nostre pazienti attraverso i diversi momenti della loro vita infanzia, adolescenza, giovinezza, maternità, menopausa

Dettagli

Commissione Igiene e Sanità Senato della Repubblica

Commissione Igiene e Sanità Senato della Repubblica Audizione del Prof. Salvatore Dessole Direttore Struttura Complessa Clinica Ostetrica e Ginecologica dell Università di Sassari Indagine conoscitiva sul percorso nascita e sulla situazione dei punti nascita

Dettagli

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA Di cosa parleremo? Potrò concepire e avere figli come tutte le altre persone? Influenza della gravidanza sul decorso della malattia e influenza

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale Guida per i genitori introduzione L a nascita di un bambino è vissuta come un evento meraviglioso e felice, anche

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

ACCESSO ALLE CURE: STATO DELL ARTE IN ITALIA E CONFRONTO CON ALTRI PAESI EUROPEI

ACCESSO ALLE CURE: STATO DELL ARTE IN ITALIA E CONFRONTO CON ALTRI PAESI EUROPEI ACCESSO ALLE CURE: STATO DELL ARTE IN ITALIA E CONFRONTO CON ALTRI PAESI EUROPEI di Luca Gianaroli, Anna Pia Ferraretti, Maria Cristina Magli, Serena Sgargi Società Italiana Studi di Medicina della Riproduzione

Dettagli

ASL - Benevento. Rapporto sulla natalità nella provincia di Benevento, anno 2005

ASL - Benevento. Rapporto sulla natalità nella provincia di Benevento, anno 2005 Dipartimento di Prevenzione E & P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 85 Servizio Epidemiologia e Prevenzione ( 0824-308 284-5-6-9 FAX 0824-308 302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Rapporto sulla

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA La sottoscritta e il sottoscritto acconsentono liberamente di sottoporsi al trattamento di procreazione medico-assistita FIVET (Fertilizzazione

Dettagli

Inseminazione artificiale

Inseminazione artificiale Inseminazione artificiale In cosa consiste? L inseminazione artificiale è una tecnica di procreazione assistita che consiste nell introduzione di spermatozoi, trattati in precedenza in laboratorio, all

Dettagli

PROGETTO MAMMA SICURA PER LA SALUTE MATERNO-INFANTILE. presso l OSPEDALE S. JOSEPH DI DATCHA -TOGO

PROGETTO MAMMA SICURA PER LA SALUTE MATERNO-INFANTILE. presso l OSPEDALE S. JOSEPH DI DATCHA -TOGO PROGETTO MAMMA SICURA PER LA SALUTE MATERNO-INFANTILE presso l OSPEDALE S. JOSEPH DI DATCHA -TOGO Introduzione al Progetto La salute materno infantile è un indicatore importante del livello di sviluppo

Dettagli

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO REGIONE VENETO OSSERVATORIO REGIONALE PER LA PATOLOGIA IN ETÀ PEDIATRICA CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO Regione Istituto/Azienda Ospedaliera Azienda USL Comune di evento Sezione Generale COGNOME della

Dettagli

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA: NON SOLO TECNOLOGIA

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA: NON SOLO TECNOLOGIA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA: NON SOLO TECNOLOGIA di Anna Pia Ferraretti, Luca Gianaroli, Maria Cristina Magli Società Italiana Studi di Medicina della Riproduzione - SISMeR, Bologna I trattamenti

Dettagli

TIROIDE: PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE (SOPRATTUTTO SE C E UN NODULO )

TIROIDE: PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE (SOPRATTUTTO SE C E UN NODULO ) 21-05-2013 TIROIDE: PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE (SOPRATTUTTO SE C E UN NODULO ) «Sembrava un nodulo inoffensivo e me ne sono accorta quando avevo 24 anni perché alcuni amici medici lo avevano notato

Dettagli

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE OMOLOGA (CON IL SEME DEL PARTNER) CONSENSO INFORMATO SOCIETÀ SPAGNOLA DI FERTILITÀ

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE OMOLOGA (CON IL SEME DEL PARTNER) CONSENSO INFORMATO SOCIETÀ SPAGNOLA DI FERTILITÀ INSEMINAZIONE ARTIFICIALE OMOLOGA (CON IL SEME DEL PARTNER) CONSENSO INFORMATO SOCIETÀ SPAGNOLA DI FERTILITÀ Sig.ra... maggiorenne, Documento d'identità/passaporto num..., stato civile..., e Sr/ Sig.ra...

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA Informazioni per la coppia A cura del dott. G. Ragni Unità Operativa - Centro Sterilità Responsabile: dott.ssa C. Scarduelli FONDAZIONE OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO MANGIAGALLI

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

DALLA TERAPIA ANTICONCEZIONALE ALLA TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA Monica Menichetti Medico Ginecologo ASL11 UOC ostetricia e ginecologia Empoli

DALLA TERAPIA ANTICONCEZIONALE ALLA TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA Monica Menichetti Medico Ginecologo ASL11 UOC ostetricia e ginecologia Empoli DALLA TERAPIA ANTICONCEZIONALE ALLA TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA Monica Menichetti Medico Ginecologo ASL11 UOC ostetricia e ginecologia Empoli il riconoscimento delle differenze biologiche tra uomo e donna

Dettagli

Regione Liguria Collaborazione dei Consultori Familiari con i Centri di PMA Genova 9 febbraio 2010 Angela Lidia Grondona Legge 29 Luglio 1975, n. 405 Istituzione dei consultori familiari Art. 1, il servizio

Dettagli

NON fumare. è la scelta migliore che puoi fare

NON fumare. è la scelta migliore che puoi fare Il programma GUADAGNARE SALUTE, promosso dal Ministero della Salute e dall Istituto Superiore di Sanità, con le Regioni e gli Enti locali, si propone di contrastare i 4 rischi fondamentali per la salute,

Dettagli

VISITA PRE-CONCEZIONALE

VISITA PRE-CONCEZIONALE VISITA PRE-CONCEZIONALE Avete deciso che è arrivato il momento giusto di avere un bambino è avete già iniziato a prepararvi anche emotivamente al coinvolgimento necessario e all impegno a lungo termine

Dettagli

Un sano sorriso... per il tuo bambino

Un sano sorriso... per il tuo bambino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Direzione per la promozione e l educazione alla salute Dipartimento di Odontostomatologia Un sano sorriso... per il tuo bambino Progetto

Dettagli

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

Dettagli

Corso di Medicina del Lavoro

Corso di Medicina del Lavoro Corso di Medicina del Lavoro Malattie da cancerogeni, mutageni e genotossici Valutazione del rischio per la riproduzione in ambiente di lavoro 1 of 28 A quali agenti è esposto il lavoratore o la lavoratrice?

Dettagli

Gentile Signora, Gentile Signore,

Gentile Signora, Gentile Signore, Biotech PMA Centro di Procreazione Medicalmente Assistita Numero 050040 del Reg. Naz. PMA presso l Istituto Superiore di Sanità Direttore Sanitario: Dott.ssa Giuliana Bruno Spec. in Ginecologia e ostetricia

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

NUOVE LINEE DI INDIRIZZO OPERATIVE E DEFINIZIONE DEL REGIME EROGATIVO PER L ATTIVITÀ DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA.

NUOVE LINEE DI INDIRIZZO OPERATIVE E DEFINIZIONE DEL REGIME EROGATIVO PER L ATTIVITÀ DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Delibera 16 luglio 2012, n. 1113 Nuove Linee di indirizzo operative e definizione del regime erogativo per l'attività di procreazione medicalmente assistita ALLEGATO: Parte integrante della deliberazione

Dettagli

Questionario per identificare eventuali rischi di esito avverso della riproduzione

Questionario per identificare eventuali rischi di esito avverso della riproduzione Questionario per identificare eventuali rischi di esito avverso della riproduzione Pensiamoci Prima e Prima della Gravidanza consigliano a tutte le coppie in età fertile, che desiderino o no avere un figlio,

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE PROF. GIOVANNI NERI Istituto di Genetica Medica, Università Cattolica del S. Cuore, Roma DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE La diagnosi prenatale di malattie genetiche rare è pratica

Dettagli

Requisiti specifici per l'accreditamento dei Centri di procreazione medicalmente assistita (PMA)

Requisiti specifici per l'accreditamento dei Centri di procreazione medicalmente assistita (PMA) Requisiti specifici per l'accreditamento dei Centri di procreazione medicalmente assistita (PMA) Nell ambito della procreazione medicalmente assistita le prestazioni possono essere divise in tre diverse

Dettagli

Università degli studi di Firenze Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino

Università degli studi di Firenze Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino Università degli studi di Firenze Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino TERAPIA DELLA INFERTILITA MASCHILE E TECNICHE DI PMA: LO STUDIO DELLA FRAMMENTAZIONE DEL DNA SPERMATICO

Dettagli

Fecondazione eterologa: risposta facile al desiderio di un figlio?

Fecondazione eterologa: risposta facile al desiderio di un figlio? SALUTE 09.09.2014 Fecondazione eterologa: risposta facile al desiderio di un figlio? La fecondazione assistita non cura, anzi, comporta rischi che spesso non conosciamo spesso inconsapevoli. Fecondazione

Dettagli

Legge 40, il no della Consulta al divieto di eterologa

Legge 40, il no della Consulta al divieto di eterologa Legge 40, il no della Consulta al divieto di eterologa aggiornamento di mercoledì 9 aprile Il divieto di fecondazione eterologa è incostituzionale. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale che ha dichiarato

Dettagli

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone Glossario essenziale a cura di Salvino Leone I molti termini tecnici usati dagli addetti ai lavori in materia di procreazione assistita non sono usuali. Ne proponiamo un elenco che pur non essendo completo

Dettagli

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA.

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. Partecipanti al gruppo di redazione Serra Giovanni, direttore U.O. Patologia Neonatale-Centro Neonati a Rischio, Istituto G.Gaslini,

Dettagli

ecampese@ospedale.al.it ecampese@tele2.it

ecampese@ospedale.al.it ecampese@tele2.it aggiornato ad aprile 2010 Nome ELISABETTA CAMPESE Indirizzo ALESSANDRIA,VIA MONTE GRAPPA N 65 Telefono. 0131444477-3393322633 Fax 0131206215 E-mail ecampese@ospedale.al.it ecampese@tele2.it Nazionalità

Dettagli

A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino. Home Visiting

A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino. Home Visiting A.ULSS di Padova Struttura A.P. Immigrazione /Area Materno Infantile Responsabile dott.ssa Mariagrazia D Aquino Home Visiting uno strumento di promozione della salute e di contrasto precoce delle disuguaglianze

Dettagli

RILEGGENDO LA LETTERA ALLE FAMIGLIE DI GIOVANNI PAOLO II / 4. La dignità della procreazione

RILEGGENDO LA LETTERA ALLE FAMIGLIE DI GIOVANNI PAOLO II / 4. La dignità della procreazione RILEGGENDO LA LETTERA ALLE FAMIGLIE DI GIOVANNI PAOLO II / 4 La dignità della procreazione Non è sicuramente casuale che Giovanni Paolo II, nella Lettera alle famiglie, cominci a trattare della procreazione

Dettagli

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE?

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? Quando si ha l inseminazione e la fecondazione artificiali omologhe? Quando lo spermatozoo e l ovulo provengono dalla stessa

Dettagli

17 Novembre 2013. Giornata Mondiale della Prematurità Bollini Rosa Lombardia: ospedali a porte aperte

17 Novembre 2013. Giornata Mondiale della Prematurità Bollini Rosa Lombardia: ospedali a porte aperte 17 Novembre 2013 Giornata Mondiale della Prematurità Bollini Rosa Lombardia: ospedali a porte aperte, consulenze specialistiche, eventi, info point e distribuzione materiale informativo Per conoscere i

Dettagli

I fattori di rischio: la depressione post partum nelle donne a rischio di emarginazione sociale

I fattori di rischio: la depressione post partum nelle donne a rischio di emarginazione sociale A L D O M O R R O N E Direttore Istituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e il contrasto delle malattie della povertà, Roma I fattori di rischio: la depressione post

Dettagli

Position paper incontro BOLOGNA 18-04- 2009. Premessa

Position paper incontro BOLOGNA 18-04- 2009. Premessa Position paper incontro BOLOGNA 18-04- 2009 Premessa Gli operatori dei sotto elencati centri di cura dell'infertilità ed i Responsabili della Subspecialità Medicina della Riproduzione della Società Italiana

Dettagli

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità C l a u d i o P a g a n o t t i LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità Prefazione di Attilio Gastaldi Marco Serra Tarantola Editore SOMMARIO Prefazione...7 Introduzione...9 1. LA NASCITA TRA STORIE

Dettagli

PROGETTO PILOTA Depressione in gravidanza e nel post partum: modello organizzativo in ambito clinico, assistenziale e riabilitativo

PROGETTO PILOTA Depressione in gravidanza e nel post partum: modello organizzativo in ambito clinico, assistenziale e riabilitativo PROGETTO PILOTA Depressione in gravidanza e nel post partum: modello organizzativo in ambito clinico, assistenziale e riabilitativo D ONORE Strutture coinvolte A. O. Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano

Dettagli