Prefettura di Avellino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prefettura di Avellino"

Transcript

1 PROT. N. 197/S.E. lì, AI SIGG. SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI e, p.c.: AI SIGG. PRESIDENTI DEI TRIBUNALI DI: AVELLINO ARIANO IRPINO S.ANGELO DEI LOMB.DI ALLA SEZIONE STACCATA DEL TRIBUNALE DI CERVINARA OGGETTO: Referendum popolari di domenica 12 e lunedì 13 giugno 2005 Comunicazione dati e recapito plichi.- ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ A partire da sabato 11 giugno 2005, questa Prefettura dovrà comunicare al Ministero dell Interno i dati relativi allo svolgimento delle consultazioni referendarie in oggetto e, cioè, notizie sulla costituzione, insediamento e ricostituzione dei seggi elettorali, periodiche notizie sul numero dei votanti e sugli scrutini, voti non validi, schede bianche, ecc.. Con l occasione si informa che per conciliare esigenze di carattere tecnico con la necessità di poter fornire percentuali più significative e tempestive alla conoscenza dei mass-media, la rilevazione della percentuali dei votanti di domenica 12 giugno dovrà avvenire, entro le ore 12, entro le ore 19 ed alle ore 22, quest ultima alla chiusura del primo giorno di votazione, mentre quella di lunedì 13 giugno alle ore 15, alla chiusura, cioè, delle operazioni di votazione. Detto lavoro potrà essere tempestivamente ed efficacemente svolto soltanto se le notizie necessarie confluiranno con rapidità e precisione all Ufficio Elettorale della Prefettura.

2 E perciò indispensabile che le strutture comunali siano opportunamente organizzate in modo da realizzare un puntuale servizio di rilevazione dei dati suddetti presso le varie sezioni elettorali comunali e la immediata trasmissione dei dati stessi a questa Prefettura nel tassativo rispetto delle forme e degli orari predeterminati dall Ufficio Elettorale Provinciale e puntualmente illustrati nel corso della riunione tenutasi in data odierna presso questa Prefettura. Le comunicazioni dovranno essere inoltrate alla sala operativa della Prefettura esclusivamente per via telematica. Solo al fine di agevolare la raccolta e l elaborazione dei dati da parte di codesti Comuni, si allega l unito blocco comunicazioni. Nell eventualità, comunque, dovessero sorgere problemi di natura tecnica i dati saranno trasmessi per telefono (ai numeri , , , ), sempre nel rispetto degli orari predeterminati e seguendo le indicazioni riportate nei suindicati modelli di comunicazione. Per eventuali problematiche gestionali è, invece, possibile contattare direttamente il CED di questo Ufficio che risponde ai numeri , , Le comunicazioni dovranno sempre riferirsi ai dati definitivi relativi alle singole sezioni tranne, ovviamente, quelli relativi alle periodiche rilevazioni dei votanti. In tutte le comunicazioni a carattere numerico i dati dovranno essere sempre comprensivi di quelli contenuti nelle precedenti trasmissioni. Si raccomanda di osservare scrupolosamente gli orari indicati, tenendo presente che un ritardo, anche minimo, potrà compromettere le comunicazioni che questa Prefettura è tenuta, a propria volta, ad inoltrare al Ministero dell Interno in orari prestabiliti. Si prega di disporre che la compilazione e trasmissione telematica dei modelli venga eseguita con scrupolosa attenzione, controllando, in particolare, la corrispondenza dei dati. In caso di discordanza si dovrà rilevare l errore e procedere alla correzione dei messaggi da inoltrare.

3 Le SS.LL. vorranno, quindi, insieme ai segretari comunali o ai responsabili degli uffici elettorali, provvedere affinché le presenti istruzioni siano osservate con assoluta puntualità, e, allo scopo di prevenire qualsiasi inconveniente connesso alle operazioni in oggetto, le SS.LL. vorranno richiamare, anche mediante consegna di fotocopia della presente, la particolare attenzione dei presidenti di seggio su quanto segue: - preliminarmente, in considerazione della necessità di assicurare, in ogni caso, il regolare svolgimento delle operazioni elettorali e, in particolare, la genuina espressione della manifestazione di voto, i presidenti di seggio dovranno affiggere, all interno di ogni sezione elettorale, in almeno un esemplare ed in modo ben visibile, un apposito avviso del seguente tenore e che, al fine di agevolare il compito, potrà opportunamente essere predisposto dalle SS.LL.: E VIETATO UTILIZZARE TELEFONI CELLULARI PROVVISTI DI FOTOCAMERA O ALTRE APPARECCHIATURE IN GRADO DI REGISTRARE IMMAGINI ALL INTERNO DELLE CABINE ELETTORALI. EVENTUALI FENOMENI DI CONDIZIONAMENTO DEL VOTO CHE SI DOVESSERO VERIFICARE POTRANNO ESSERE PERSEGUITI DALLA COMPETENTE AUTORITA GIUDIZIARIA PENALE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 96, 97, 98 E 100 DEL DPR 30 MARZO 1957, N. 361 ; - le operazioni di autenticazione delle schede, consistenti nella loro firma e timbratura, avverranno nel pomeriggio di sabato 11 giugno Al riguardo è opportuno rammentare che a tutte le sezioni elettorali, nella cui circoscrizione esistono i cosiddetti seggi volanti (ospedali e case di cura con meno di 100 posti letto) o seggi speciali (all interno di sezioni ospedaliere, allorquando esistono ricoverati impossibilitati ad accedere alla cabina; ospedali e case di cura da 100 a 199 posti letto; luoghi di detenzione e di custodia preventiva) sarà consegnato un bollo di sezione in più per ogni seggio volante o speciale di pertinenza. Tali bolli, a cura del Sindaco, saranno affidati, nelle ore antimeridiane del sabato, ai presidenti dei seggi madre che provvederanno a consegnarli, ancora nel plico sigillato, ai presidenti dei seggi speciali la domenica mattina, prima dell inizio delle operazioni di votazione, unitamente all altro materiale; in

4 caso, invece, di seggi volanti, il presidente, ovviamente, custodirà personalmente il bollo destinato alle operazioni di tale ufficio distaccato. Deve rappresentarsi che la dotazione dei suddetti timbri viene effettuata unicamente al fine di adempiere al disposto dell articolo 2, comma 3, del DPR 8 settembre 2000, n. 299, che prevede l apposizione del bollo della sezione sulla tessera elettorale di ciascun votante, all interno di uno degli appositi spazi per la certificazione del voto. Pertanto, i suddetti bolli NON devono, in ogni caso, essere utilizzati per la timbratura delle schede né per alcun altro adempimento del seggio madre, essendo, si ribadisce, esclusivamente destinati alla suddetta certificazione del voto nei seggi speciali e volanti. Si soggiunge, tra l altro, che la piena omogenizzazione del sistema di attestazione dell esercizio dell elettorato attivo tra tutte le tipologie di sezioni è tesa a tutelare la riservatezza dell elettore che vota in stato di detenzione o all interno di strutture sanitarie; - al momento della presentazione delle designazioni dei rappresentanti delle liste presso i seggi elettorali, i presidenti di seggio procederanno ad attento esame della regolarità delle designazioni medesime, ai sensi del combinato disposto degli articoli 19, terzo comma, della legge , n. 352, e 25 del DPR , n. 361, disponendo, nel caso in cui non ricorrano le condizioni ivi indicate, la NON ammissione delle persone designate ad assistere alle operazioni elettorali; - le operazioni di votazione avranno luogo domenica 12 giugno 2005, dalle ore 8 sino alle ore 22 e lunedì 13 giugno 2005 dalle ore 7 alle ore 15; - nel paragrafo 52 della pubblicazione numero 2 della serie referendum contenente le istruzioni per le operazioni degli uffici di sezione, si dispone, tra l altro, che il presidente di seggio, dopo aver proceduto al riconoscimento dell elettore, consegna allo stesso tante schede di colore diverso quanti sono i referendum che hanno luogo contemporaneamente ; pertanto i presidenti stessi in nessun caso dovranno prevenire l eventuale richiesta degli elettori di volersi astenere dal prendere parte alla votazione per uno dei referendum. - durante le operazioni di votazione, i Presidenti di seggio inviteranno gli elettori a non sovrapporre le schede al momento della votazione stessa, onde evitare che il segno di votazione apposto sulla prima scheda votata possa riprodursi copiativamente su quelle sottostanti. Qualora, tuttavia, le

5 schede votate dovessero recare, oltre al tratto di matita copiativa regolarmente tracciato su una delle due risposte, anche il segno di voto espresso su altra scheda eventualmente sovrapposta, le anzidette schede ove non siano per altro verso da dichiararsi nulle per i motivi espressamente previsti dalla vigente normativa dovranno essere ritenute assolutamente valide; - le operazioni di spoglio e di scrutino delle schede di votazione, a norma del combinato disposto dell articolo 50 della legge , n. 352, e degli articoli 64, 64-bis, 67 e 68 del DPR , n. 361, dovranno iniziare alle ore 15 di lunedì 13 giugno 2005, immediatamente dopo il compimento delle operazioni di cui al citato articolo 67 del DPR 361/57, e dovranno essere svolte e portate a compimento senza soluzione di continuità. Allo scopo di prevenire eventuali, arbitrarie interruzioni delle operazioni di scrutinio si ritiene opportuno precisare che dette operazioni devono essere regolarmente effettuate a prescindere dalle notizie concernenti la percentuale di votanti su scala nazionale o locale; - Al fine di prevenire eventuali inconvenienti in sede di scrutinio, i presidenti di seggio si accerteranno, appena concluse le operazioni di riscontro dei votanti e prima di dare inizio alle operazioni di scrutinio medesime, che le schede di ciascun referendum non siano state erroneamente introdotte nell urna relativa ad altro referendum. Pertanto, prima che abbiano inizio le operazioni di scrutinio, i presidenti di seggio dovranno disigillare ed aprire, una per volta, le urne relative ad ogni referendum al fine di compiere detto controllo. Le schede eventualmente presenti nell urna relativa ad altro referendum dovranno essere inserite subito nella corrispondente urna che dovrà essere immediatamente risigillata. Dopo di che i presidenti medesimi, secondo quanto disposto dall articolo 20 ultimo comma della legge 25 maggio 1970, n. 352, inizieranno lo scrutinio dei referendum secondo l ordine in cui le relative richieste sono state depositate presso la cancelleria della Corte di Cassazione che è il seguente: 1) referendum popolare n. 1 scheda di colore CELESTE PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA LIMITE ALLA RICERCA CLINICA E SPERIMENTALE SUGLI EMBRIONI Abrogazione parziale;

6 2) referendum popolare n. 2 scheda di colore ARANCIONE PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA NORME SUI LIMITI ALL ACCESSO Abrogazione parziale; 3) referendum popolare n. 3 scheda di colore GRIGIO PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA NORME SULLE FINALITA, SUI DIRITTI DEI SOGGETTI COINVOLTI E SUI LIMITI ALL ACCESSO Abrogazione parziale; 4) referendum popolare n. 4 scheda di colore ROSA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA DIVIETO DI FECONDAZIONE ETEROLOGA Abrogazione del divieto. - con riferimento alla trasmissione dei plichi (buste 4/Ref. e 5/Ref.) contenenti le liste di votazione, le schede avanzate ed i registri utilizzati per l annotazione del numero di tessera elettorale di ogni votante, si rammenta che detti plichi dovranno essere consegnati, immediatamente dopo la chiusura della votazione e prima dell inizio delle operazioni di scrutinio, ai tribunali o alle sezioni distaccate di tribunale, secondo le relative competenze territoriali, con le modalità indicate nella circolare n. 191/S.E. del 3 giugno scorso, che qui si intende integralmente richiamata. A tal proposito, si pregano vivamente le SS.LL. di dare puntuale attuazione alle direttive impartite con la citata circolare e di vigilare affinchè la raccolta, l inoltro e la consegna dei plichi vengano effettuati con la massima cura, mediante gli appositi moduli di consegna, per evitare l eventuale lacerazione degli stessi e la conseguente dispersione degli atti in essi contenuti. Si ribadisce, infine, che, ai sensi dell articolo 7 della legge 23 aprile 1976, n. 136, il recapito dei plichi stessi deve essere eseguito esclusivamente a cura del Comune, tramite proprio personale; - in ordine al riconoscimento del riposo compensativo, secondo il disposto dell art. 119 del T.U. 30 marzo 1957, n. 361, ai componenti degli uffici elettorali di sezione ed ai rappresentanti dei partiti o dei gruppi politici rappresentati in Parlamento ovvero dei promotori del referendum, i sigg. presidenti di seggio rilasceranno, su conforme richiesta degli interessati, apposita dichiarazione attestante i giorni nonché gli orari durante i quali i lavoratori hanno espletato le funzioni presso i seggi; ciò al fine di evitare incertezze o contestazioni da parte dei datori di lavoro.

7 Si rappresenta l assoluta necessità che, al termine della trasmissione dell ultima comunicazione (e, precisamente, la comunicazione n. 11) i responsabili degli uffici elettorali e del CED di codesti Comuni informino telefonicamente il CED di questa Prefettura (che risponde ai numeri , , ) circa la conclusione delle operazioni di invio dei dati elettorali al fine di verificarne l esito positivo. Si rivolge, per ultimo, l invito di assicurare, comunque, la presenza nella sede comunale, per almeno un ora dopo la trasmissione della citata comunicazione n. 11, di un dipendente che possa, all occorrenza, qualificatamente rispondere all eventuale richiesta di ulteriori notizie o chiarimenti da parte dell ufficio elettorale provinciale. In ogni caso, le SS.LL. ed i responsabili del servizio elettorale potranno chiamare l Ufficio Elettorale Provinciale ai numeri 0825/ /798430, mentre per eventuali problematiche gestionali e tecniche relative alla trasmissione informatica dei dati si potrà contattare direttamente il personale di analisi e programmazione del C.E.D. di questa Prefettura ai numeri telefonici 0825/ e 0825/ Si confida nel consueto spirito di collaborazione delle SS.LL., e, pertanto, si rivolge fin d ora, il più sentito ringraziamento. IL PREFETTO - Ippolito -

Prefettura di Roma Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Roma Ufficio Territoriale del Governo PEC Roma, data del protocollo AI SIGG.RI SINDACI, COMMISSARI STRAORDINARI E PREFETTIZI DEI COMUNI DI ROMA E PROVINCIA - LORO SEDI AI SIGG.RI SEGRETARI COMUNALI E RESPONSABILI DEI SERVIZI ELETTORALI DEI

Dettagli

Prot. n. 2007003192/EL/AREA II Torino, 23 marzo 2007

Prot. n. 2007003192/EL/AREA II Torino, 23 marzo 2007 Prot. n. 003192/EL/AREA II Torino, 23 marzo Ai signori Sindaci e Commissari Straordinari dei Comuni della Provincia Ai Signori Segretari Comunali dei Comuni della Provincia Ai Signori Presidenti delle

Dettagli

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014 Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014 Ai Signori Sindaci e Commissari Straordinari, Signori Segretari Comunali e Signori Ufficiali Elettorali dei Comuni della provincia LORO SEDI Ai Signori

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE URGENTISSIMA N. 1/2013 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI LORO SEDI TRENTO E BOLZANO AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA - SERVIZI

Dettagli

Prot. n. 11255/2009 Area II Prefettura di Varese Varese, 17 aprile 2009 Circolare n. 53 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI Al Sig. Commissario del Comune di UBOLDO Al Sig. Commissario

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

Prefettura di Benevento Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Benevento Ufficio Territoriale del Governo Prefettura Benevento Prot. Uscita del 07/04/2016 Numero: 0013746 Classifica: 10.01 1111111111111 11111111111" " Il 0620004509288 Prefettura di Benevento Benevento, dataprotocollo =Ai Sigg. Sindaci = Al

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE N. 23 / 2010 Roma, 19/03/2010 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA (ESCLUSI QUELLI DEL FRIULI-VENEZIA GIULIA, DELLA SICILIA E DELLA SARDEGNA) LORO SEDI E, PER CONOSCENZA: AI PREFETTI DEL FRIULI-VENEZIA

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI COMUNE DI FLORIDIA PROVINCIA DI SIRACUSA Area Affari Generali - Programmazione REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 23/11/2009

Dettagli

Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015

Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015 Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015 La gestione dei permessi elettorali in vista delle elezioni amministrative 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, durante il corrente mese di

Dettagli

Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014. Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di TORINO

Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014. Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di TORINO Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014 Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Circoscrizionale presso il

Dettagli

Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013. Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013

Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013. Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013 Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Permessi elettorali: guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Prot. n. 13881/2016 Area II Prefettura di Varese Varese, 2 maggio 2016 Ai Sigg. Segretari dei partiti e movimenti politici della provincia LORO SEDI OGGETTO: Elezioni comunali di domenica 5 giugno 2016

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI Circolare n. 18/2016 Roma, 6 aprile 2016 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA SERVIZI DI PREFETTURA LORO

Dettagli

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Pubblicata sull area riservata SIGNORI SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI SIGNORI SEGRETARI COMUNALI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI OGGETTO:

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO NORME PER L'ELEZIONE DEL CONSIGLIO NAZIONALE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO APPROVATE CON DELIBERA DELL'8

Dettagli

Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia

Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia AREA II raccordo con gli enti locali, consultazioni elettorali Pistoia 7 aprile 2014 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDE

Dettagli

Ai Sigg. Sindaci, Commissari Straordinari e Prefettizi, Segretari comunali e Responsabili degli uffici elettorali dei Comuni Loro Sedi

Ai Sigg. Sindaci, Commissari Straordinari e Prefettizi, Segretari comunali e Responsabili degli uffici elettorali dei Comuni Loro Sedi Prot.. n. 2059/S.E. Il,9 aprile Ai Sigg. Sindaci, Commissari Straordinari e Prefettizi, Segretari comunali e Responsabili degli uffici elettorali dei Comuni Loro Sedi Ai Sigg. Presidenti della Commissioni

Dettagli

DOMENICA 31 MAGGIO 2015 SCADENZARIO

DOMENICA 31 MAGGIO 2015 SCADENZARIO ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI DOMENICA 3 MAGGIO 205 EVENTUALE TURNO DI BALLOTTAGGIO PER L ELEZIONE DIRETTA DEI SINDACI - DOMENICA GIUGNO 205 RIO DEGLI DEGLI UFFICI ELETTORALI COMUNALI E ALTRE SCADENZE

Dettagli

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014 Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014 Ai Signori Sindaci e Commissari Straordinari, Signori Segretari Comunali e Signori Ufficiali Elettorali dei Comuni della provincia LORO SEDI Ai Signori Presidenti

Dettagli

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo Area II - Raccordo con gli enti locali e consultazioni elettorali Ufficio Elettorale Provinciale Prot. n. 13187/Area II - C.E. Cagliari, 18 febbraio 2008 Circ 3 - CE ex Min. 9/08 Ai Sigg. Sindaci e Segretari

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE N. 17 / 2014 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA Al COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA SERVIZI DI PREFETTURA LORO SEDI TRENTO E BOLZANO

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE URGENTISSIMA N. 2 / 2013 Roma, 04/01/2012 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

PREFETTURA DI MILANO Ufficio Elettorale

PREFETTURA DI MILANO Ufficio Elettorale PROT. N. 532/2008 AREA II BIS ELETTORALE 18 febbraio 2008 AI SIGG.RI SINDACI dei Comuni della provincia di MILANO AI SIGG.RI SINDACI dei Comuni della provincia di MONZA E DELLA BRIANZA ALLA SIG. QUESTORE

Dettagli

AREA II BIS RACCORDO ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI. TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010

AREA II BIS RACCORDO ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI. TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010 TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010 AL SIG. PRESIDENTE DELL UFFICIO CENTRALE ELETTORALE CIRCOSCRIZIONALE presso IL TRIBUNALE DI AL SIG. PRESIDENTE DELL UFFICIO CENTRALE REGIONALE presso LA CORTE

Dettagli

Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo AREA II RACCORDO CON GLI ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI Prot. n. 9329/2014 Ferrara, 9 aprile 2014 Ai Signori Sindaci, Segretari comunali e

Dettagli

Prefettura di Perugia

Prefettura di Perugia Rispondere a: elettorale.prefpg@pec.interno.it Perugia, 8 aprile 2014 - Ai Signori Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI - Al Signor Commissario Straordinario del Comune di CANNARA GUALDO TADINO

Dettagli

Prefettura di Rovigo Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Rovigo Ufficio Territoriale del Governo CIRCOLARE N. 17/2014 Prefettura di Rovigo TRAMITE PEC Rovigo, (data del protocollo) All. 1 - AI SIGG. SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA L O R O S E D I - AI SIGNORI PRESIDENTI DELLA COMMISSIONE E SOTTOCOMMISSIONI

Dettagli

ISTRUZIONI PER GLI UFFICI ELETTORALI DI SEZIONE

ISTRUZIONI PER GLI UFFICI ELETTORALI DI SEZIONE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO REFERENDUM PROVINCIALE ABROGATIVO ISTRUZIONI PER GLI UFFICI ELETTORALI DI SEZIONE Pubblicazione n. 2_2012 Ref. Indice Introduzione 7 PARTE PRIMA UFFICIO ELETTORALE DI SEZIONE

Dettagli

Circolare F.L. 2/2013

Circolare F.L. 2/2013 Circolare F.L. 2/2013 AI SIGG. PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI AI SIGG. COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE DI TRENTO E BOLZANO AL SIG. PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D'AOSTA SERVIZI

Dettagli

Circolare n. 11/ 2015 Roma, 8 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI

Circolare n. 11/ 2015 Roma, 8 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI Circolare n. 11/ 2015 Roma, 8 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI e, per conoscenza: AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

Prot. n. 6697 Cagliari, 14 APRILE 2015

Prot. n. 6697 Cagliari, 14 APRILE 2015 Prot. n. 6697 Cagliari, 14 APRILE 2015 trasmissione via PEC Ai Signori Sindaci e ai Responsabili degli Uffici Elettorali dei Comuni della Sardegna e,p.c. Ai Dirigenti dei Servizi Elettorali delle Prefetture

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE OPERAZIONI ELETTORALI

ISTRUZIONI PER LE OPERAZIONI ELETTORALI ELEZIONE R.S.U. A.R.P.A.T. e rappresentanti R.L.S. ISTRUZIONI PER LE OPERAZIONI ELETTORALI A cura della Commissione Elettorale 1 1. GIORNI DI VOTAZIONE Le votazioni avranno luogo nei giorni 3-4-5 marzo

Dettagli

Prot. n. 10027/2011 Area II Prefettura di Varese Varese, 28 marzo 2011 Circolare n. 32 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI Al Sig. Commissario Straordinario del Comune di MALNATE e, p.c.

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI Circolare n. 13 / 2015 Roma, 15 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI e, per conoscenza: AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

Prefettura di Avellino

Prefettura di Avellino Prefettura di Avellino Ufficio Territoriale del Governo PROT. N. 436/S.E. lì, 4.5.2006 AI SIGG. SEGRETARI E RAPPRESENTANTI PROVINCIALI DEI PARTITI E GRUPPI POLITICI e, p.c.: AI SIGG. SINDACI E COMMISSARI

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali. Circolare n. 40 / 2014 Roma, 26 settembre 2014

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali. Circolare n. 40 / 2014 Roma, 26 settembre 2014 Circolare n. 40 / 2014 Roma, 26 settembre 2014 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA NELLE REGIONI EMILIA-ROMAGNA E CALABRIA LORO SEDI AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA DI PALERMO - TRAPANI AI COMMISSARI DEL GOVERNO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A Premessa Il presente regolamento è riferito alle elezioni RSU/RLS del Gruppo A2A (perimetro ex-aem) sulla base delle previsioni dell accordo sottoscritto

Dettagli

Prot. n. 12275/2015 Area II Varese, 21 aprile 2015 Ai Sigg. Segretari dei partiti e movimenti politici della provincia LORO SEDI OGGETTO: Elezioni comunali di domenica 31 maggio 2015 ed eventuale turno

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Roma, 17 ottobre 2014 AI PREFETTI DELLE PROVINCE DI e, per conoscenza: BOLOGNA FERRARA FORLI -CESENA MODENA PARMA PIACENZA RAVENNA REGGIO EMILIA RIMINI CATANZARO COSENZA CROTONE REGGIO DI CALABRIA VIBO

Dettagli

COMUNE DI MORMANNO 87026 (PROVINCIA DI COSENZA) REGOLAMENTO SUI REFERENDUM CONSULTIVI ED ABROGATIVI. ART. 1 Disposizioni generali sul referendum

COMUNE DI MORMANNO 87026 (PROVINCIA DI COSENZA) REGOLAMENTO SUI REFERENDUM CONSULTIVI ED ABROGATIVI. ART. 1 Disposizioni generali sul referendum COMUNE DI MORMANNO 87026 (PROVINCIA DI COSENZA) REGOLAMENTO SUI REFERENDUM CONSULTIVI ED ABROGATIVI ART. 1 Disposizioni generali sul referendum 1. Il presente Regolamento, ai sensi dell art. 8 dello Statuto

Dettagli

Circolare n. 23 / 2015 Roma, 22 maggio 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA

Circolare n. 23 / 2015 Roma, 22 maggio 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA Circolare n. 23 / 2015 Roma, 22 maggio 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI e, per conoscenza: AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione M INIST ER O D E LL IN T ERNO Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Parlamento europeo Pubblicazione n. 4 Elezione dei membri del Parlamento europeo

Dettagli

REGIONE SICILIANA. Servizio Elettorale

REGIONE SICILIANA. Servizio Elettorale REGIONE SICILIANA Servizio Elettorale PUBBLICAZIONE N. 1 R/bis CALENDARIO DELLE OPERAZIONI PREPARATORIE PER L ELEZIONE DIRETTA DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE E DELL ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DI DOMENICA

Dettagli

Destinatari. C.M. n. 54 Prot. AOODGOS n. 5761. Roma, 26 maggio 2008

Destinatari. C.M. n. 54 Prot. AOODGOS n. 5761. Roma, 26 maggio 2008 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti del Sistema Nazionale di Istruzione e per l Autonomia Scolastica Ufficio

Dettagli

Direzioni Regionali e Interregionali LORO SEDI. Comandi Provinciali VV.F. LORO SEDI. e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Direzioni Regionali e Interregionali LORO SEDI. Comandi Provinciali VV.F. LORO SEDI. e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco REGISTRO UFFICIALE USCITA Prot. n. 19712 del 05/10/2015 s.06.04.01 Lavori Preparatori Alle All Alle Ai Agli Agli Direzioni Centrali LORO SEDI Ufficio Centrale Ispettivo SEDE Direzioni Regionali e Interregionali

Dettagli

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale AREA II bis Consultazioni elettorali Trasmissione via pec Ai Sigg.ri Sindaci dei Comuni della Provincia di Milano LORO SEDI Al Sigg.ri

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Roma, 9 ottobre 2014 AI PREFETTI DELLE PROVINCE DI BOLOGNA FERRARA FORLI -CESENA MODENA PARMA PIACENZA RAVENNA REGGIO EMILIA RIMINI CATANZARO COSENZA CROTONE REGGIO DI CALABRIA VIBO VALENTIA e, per conoscenza,

Dettagli

CIRCOLARE N.95 Prot. n.9445 Foggia, 23.11.2010

CIRCOLARE N.95 Prot. n.9445 Foggia, 23.11.2010 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia-Direzione Generale UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE FOGGIA CIRCOLARE N.95 Prot. n.9445 Foggia, 23.11.2010

Dettagli

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale AREA II bis Consultazioni elettorali Trasmissione via pec Milano, data del protocollo Ufficio elettorale circoscrizionale c/o la Corte d Appello di Ufficio elettorale provinciale c/o il Tribunale di MONZA

Dettagli

Vademecum elezioni 2010 Regionali e Comunali

Vademecum elezioni 2010 Regionali e Comunali Comune di Torre di Mosto Provincia di Venezia Vademecum elezioni 2010 Regionali e Comunali ti aspettano nella tua sezione elettorale per eleggere: 1. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE VENETO 2. IL SINDACO

Dettagli

Istruzioni per le operazioni dei seggi

Istruzioni per le operazioni dei seggi Parlamento europeo Pubblicazione n. 4 Elezione del Parlamento europeo Istruzioni per le operazioni dei seggi Le pagine che seguono sono una proposta di riformulazione delle Istruzioni per le operazioni

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA Fornitura di stampati per la Consultazione Referendaria del 12 e 13 giugno 2011. Questa Amministrazione deve

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

Circolare telegrafica urgentissima n. 7/08 Roma, 11 febbraio 2008 Precedenza assoluta AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA

Circolare telegrafica urgentissima n. 7/08 Roma, 11 febbraio 2008 Precedenza assoluta AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA Circolare telegrafica urgentissima n. 7/08 Roma, 11 febbraio 2008 Precedenza assoluta AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO LORO SEDI AL PRESIDENTE

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI

COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 136 del 22.11.1996 Modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER ISTITUTO TECNICO : Elettrotecnica, Informatica, Meccanica e Meccatronica LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE Via Berchet 2-20900 Monza 039324607 - Fax 039322122

Dettagli

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Elezioni comunali, provinciali e regionali Pubblicazione n. 14 Elezione diretta del presidente

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO. Il presente Regolamento disciplina l esercizio del sistema di videosorveglianza

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI Gli articoli riportati, qualora manchi una diversa precisazione, si riferiscono al Testo unico delle leggi regionali sulla composizione ed elezione degli organi delle

Dettagli

ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ANNO SCOLASTICO 2009/2010

ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE - ANNO SCOLASTICO 2009/2010 Il presente documento fornisce, in forma schematica, sintetiche indicazioni relative alle sequenza dei principali adempimenti

Dettagli

ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI

ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI 1) Indizione delle elezioni Almeno 5 mesi prima della scadenza del mandato dei componenti l Assemblea dei delegati, il Consiglio

Dettagli

Scadenziario SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013. ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione

Scadenziario SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013. ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013 ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione Termine entro il quale il Presidente della Repubblica, su deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI VIGNOLA FALESINA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO DELL INFORMAZIONE E DI GESTIONE DELL'ALBO PRETORIO ELETTRONICO

COMUNE DI VIGNOLA FALESINA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO DELL INFORMAZIONE E DI GESTIONE DELL'ALBO PRETORIO ELETTRONICO COMUNE DI VIGNOLA FALESINA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO DELL INFORMAZIONE E DI GESTIONE DELL'ALBO PRETORIO ELETTRONICO Approvato con delibera del Consiglio n. 14 del 29/04/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO: LE LEGGI

IL QUADRO NORMATIVO: LE LEGGI IL QUADRO NORMATIVO: LE LEGGI Legge 27 ottobre 1988, n. 470 Anagrafe e censimento degli italiani all estero Decreto del presidente della Repubblica 6 settembre 1989, n. 323 Approvazione del regolamento

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL DIRETTORE (approvato dal Consiglio di Amministrazione il 15/9/2014) Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento detta le norme per

Dettagli

ZeroPrivilegi Basilicata

ZeroPrivilegi Basilicata Movimento 5 Stelle Basilicata www.basilicata5stelle.it email: redazione@basilicata5stelle.it ZeroPrivilegi Basilicata Istruzioni per la raccolta delle firme e fac-simile documenti utili Scadenza della

Dettagli

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI Elezioni comunali, provinciali e regionali Pubblicazione n. 14 Elezione diretta del sindaco e del consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE Approvato con deliberazione n. 5 del 15.06.2011 INDICE Art. 1 ) Oggetto del Regolamento Art. 2 ) Istituzione e finalità dell Albo on line Art. 3 ) Finalità

Dettagli

Prefettura-Ufficio territoriale del Governo di Cremona

Prefettura-Ufficio territoriale del Governo di Cremona Prot. nr. 463/12B-10A/A1 lì, 13 febbraio 2006 DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI AI SIGG. SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DELLA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA AGRICOLTURA E ARTIGIANATO DI AL SIG. QUESTORE

Dettagli

CALENDARIO ELETTORALE

CALENDARIO ELETTORALE ELEZIONI DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEL CONSIGLIO REGIONALE di domenica 31 maggio 2015 CALENDARIO ELETTORALE Questa pubblicazione contiene il calendario delle operazioni relative all elezione del Presidente

Dettagli

Prefettura di Perugia Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Perugia Ufficio territoriale del Governo Prefettura Perugiia Prot Uscita del 23104!.2015 Numero: 0024540 Classifica: 033.10 f.lf( IIJ JIJI II ~IIHI!I Jlt l J ~ Perugia 23 aprile 2015 - Ai Signori Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI -

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO NORME PER L'ELEZIONE DEI CONSIGLI PROVINCIALI E DEI COLLEGI DEI REVISORI DEI CONTI DEGLI ALBI DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI CUI ALLA LEGGE 11/01/1979 N. 12.

Dettagli

Elezioni comunali 2012. Guida rapida per i componenti degli Uffici elettorali di sezione

Elezioni comunali 2012. Guida rapida per i componenti degli Uffici elettorali di sezione Elezioni comunali 2012 Guida rapida per i componenti degli Uffici elettorali di sezione Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione centrale funzione pubblica, autonomie locali e coordinamento delle

Dettagli

OFFERTA ECONOMICA (in Busta B), in bollo, riportante, a pena di esclusione:

OFFERTA ECONOMICA (in Busta B), in bollo, riportante, a pena di esclusione: BANDO DI GARA per la cessione delle azioni detenute dall AUTOMOBILE CLUB D ITALIA nella Società di Gestione Aeroporto di Cuneo Levaldigi S.p.A. siglabile GEAC S.p.A. PREMESSA L Automobile Club d Italia

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE DEGLI ATTI ALL ALBO INFORMATICO. Approvato dal Consiglio d Istituto in data

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE DEGLI ATTI ALL ALBO INFORMATICO. Approvato dal Consiglio d Istituto in data REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE DEGLI ATTI ALL ALBO INFORMATICO Approvato dal Consiglio d Istituto in data Articolo 1 Oggetto del Regolamento 1. In attuazione dei principi di pubblicità e di trasparenza

Dettagli

Dipartimento per le statistiche sociali ed ambientali Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali

Dipartimento per le statistiche sociali ed ambientali Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali Dipartimento per le statistiche sociali ed ambientali Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali Circolare n. 17 Prot. 8795/2015 Roma, 26.05.2015 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti

Dettagli

Ai Prefetti delle Province di L Aquila Chieti Pescara Teramo

Ai Prefetti delle Province di L Aquila Chieti Pescara Teramo Eventi sismici della provincia dell Aquila Vice Commissario delegato alle operazioni di soccorso e assistenza alle popolazioni sfollate e per l accelerazione e la chiusura della prima fase dell emergenza

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. REGOLAMENTO ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE POPOLARE (Approvato con Delibera n. 68 del Consiglio Comunale del 29/11/2012)

COMUNE DI ROVIGO. REGOLAMENTO ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE POPOLARE (Approvato con Delibera n. 68 del Consiglio Comunale del 29/11/2012) COMUNE DI ROVIGO REGOLAMENTO ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE POPOLARE (Approvato con Delibera n. 68 del Consiglio Comunale del 29/11/2012) TITOLO I CONSULTAZIONE POPOLARE CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Iniziativa

Dettagli

PREFETTURA Ufficio Territoriale del Governo di Caltanissetta

PREFETTURA Ufficio Territoriale del Governo di Caltanissetta Prot. n 88/09/Eu./ S.E. Caltanissetta, lì 09 aprile 2009 FAX URGENTISSIMO AI SIGG. SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI AI SEGRETARI COMUNALI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI AI SIGG. PRESIDENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI (approvato dal C.D.A. con Delibera n 139 in seduta del 25/6/1998, modificato con Delibera n 87 in

Dettagli

BANDO DI GARA per la cessione delle azioni detenute dall AUTOMOBILE CLUB D ITALIA nella CE.P.I.M. Centro Padano Interscambio Merci S.p.A.

BANDO DI GARA per la cessione delle azioni detenute dall AUTOMOBILE CLUB D ITALIA nella CE.P.I.M. Centro Padano Interscambio Merci S.p.A. BANDO DI GARA per la cessione delle azioni detenute dall AUTOMOBILE CLUB D ITALIA nella CE.P.I.M. Centro Padano Interscambio Merci S.p.A. PREMESSA L Automobile Club d Italia (di seguito, per brevità, anche

Dettagli

DISCIPLINA DELL ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI IN ATTUAZIONE AI PRINCIPI DI CUI AL REGOLAMENTO CAPO REGIONALE D.P.G.R. 24.4.06 N.

DISCIPLINA DELL ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI IN ATTUAZIONE AI PRINCIPI DI CUI AL REGOLAMENTO CAPO REGIONALE D.P.G.R. 24.4.06 N. DISCIPLINA DELL ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI IN ATTUAZIONE AI PRINCIPI DI CUI AL REGOLAMENTO CAPO REGIONALE D.P.G.R. 24.4.06 N. 2/R discipllinareaccessoatti 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo

Dettagli

OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati

OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati RISOLUZIONE N. 52/E Roma, 17 giugno 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 conservazione elettronica dei titoli di acquisto di beni agevolati

Dettagli

e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco SEDE

e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco SEDE Alle Direzioni Centrali LORO SEDI All Ufficio Centrale Ispettivo Alle Direzioni Regionali e Interregionali VV.F. LORO SEDI Ai Comandi provinciali VV.F. LORO SEDI Agli Uffici di diretta collaborazione del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEI REFERENDUM CONSULTIVI

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEI REFERENDUM CONSULTIVI Comune di Rosate (Provincia di Milano) REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEI REFERENDUM CONSULTIVI Testo approvato con deliberazione C.C. n. 6 del 2 marzo 1995 Modificato con deliberazione C.C. n. 12 del 31.03.07

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 23 DD. 23.08.2011 Allegato alla delibera consigliare n. 23 dd.23.08.2011

Dettagli

Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015

Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015 Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI e, per conoscenza: AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO DIGITALE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 34 del 14/4/2011 Depositato

Dettagli

CIRCOLARE N.106/14-15

CIRCOLARE N.106/14-15 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO TIVOLI 1-TIVOLI CENTRO VIA DEL COLLEGIO 2-00019 TIVOLI (RM) TEL 0774-312194-314549

Dettagli

Istruzioni per le operazioni degli Uffici elettorali di sezione

Istruzioni per le operazioni degli Uffici elettorali di sezione Pubblicazione N. 14 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE Elezione diretta del Sindaco e del Consiglio comunale Istruzioni per le operazioni degli Uffici elettorali di sezione Anno 2015 PREMESSA Le

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. ORDINE NEI CONFRONTI DEL COMUNE DI PAESE PER LA VIOLAZIONE DELL ARTICOLO 9 DELLA LEGGE 22 FEBBRAIO 2000, N. 28 L AUTORITÀ NELLA riunione di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO

REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO Articolo 1 CORPO ELETTORALE 1. Le votazioni per l elezione dei componenti elettivi dell

Dettagli

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO)

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO) REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE PROVINCIALE DI POTENZA E DI MATERA, DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DI CIRCOLO 1 La Direzione Regionale del Partito Democratico

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Linee guida per lo svolgimento delle prove di ammissione ai corsi di laurea e laurea magistrale a ciclo unico di cui al D.M. 3 luglio 2015, n. 463. Presa in consegna dei materiali Il giorno della prova

Dettagli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; gli articoli 4, 5, 6, 7 dello Statuto regionale del PD dell Umbria; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE PARTE I Elezione dei delegati in rappresentanza dei lavoratori per la costituzione

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE DI SEZIONE

VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE DI SEZIONE Elezione del Consiglio regionale e del Presidente della Giunta regionale REGIONE TOSCANA ELEZIONI REGIONALI 20.. Comune di.. (Provincia di ) Sezione n. ELEZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE E DEL PRESIDENTE

Dettagli

operazioni degli uffici di sezione istituiti presso l ufficio centrale per la circoscrizione Estero Referendum popolare Istruzioni per le

operazioni degli uffici di sezione istituiti presso l ufficio centrale per la circoscrizione Estero Referendum popolare Istruzioni per le Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Referendum popolare Pubblicazione n. 4 Referendum popolare Istruzioni per le operazioni degli uffici di sezione

Dettagli