UNA CITTA DISERIE A++ Come migliorare l efficienza energetica a scuola e nel Comune di Bagno a Ripoli?

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA CITTA DISERIE A++ Come migliorare l efficienza energetica a scuola e nel Comune di Bagno a Ripoli?"

Transcript

1 UNA CITTA DISERIE A++ Classi 3B, 3 E LS, 4B LM, 3A LS Istituto Superiore Gobetti- Volta Come migliorare l efficienza energetica a scuola e nel Comune di Bagno a Ripoli?

2 UNA CITTA DISERIE A++ Classi 3B, 3 E LS, 4B LM, 3A LS Istituto Superiore Gobetti- Volta Il progetto UNA CITTÀ DISERIE A++ promuove un percorso di partecipazione sul risparmio energetico e sullo sviluppo sostenibile che coinvolge gli studenti dell Istituto superiore Gobetti-Volta ed i cittadini del Comune di Bagno a Ripoli. Per definire insieme ai ragazzi azioni concrete per migliorare l efficienza energetica degli istituti scolastici e della città; Per individuare con gli strumenti della partecipazione raccomandazioni per il Piano Energetico Comunale, così da rendere la sostenibilità e il risparmio energetico temi centrali per la città. Mercoledì 7 Novembre e Venerdì 9 Novembre si sono svolti 2 incontri di presentazione del progetto alle classi coinvolte. Le classi erano la 4B LM, 3A LS, 3B e 3E LSdell Istituto Gobetti Volta. Nel corso degli incontri, gli studenti hanno avuto modo di cominciare a conoscere il progetto, e di avviare il lavoro sulla questione dell efficienza energetica, rispondendo a domande spunto volte a esplorare la familiarità con le tematiche e a stimolare le prime riflessioni e i primi spunti. I ragazzi che hanno partecipato hanno offerto spunti interessanti ed hanno concordato insieme alcune domande che vorrebbero porre agli esperti in tema di efficienza energetica. Il lavoro è stato gestito con la tecnica del world cafè, un tipo speciale di incontro in cui si discute in piccoli gruppi, come ai tavoli di un caffè, per far emergere spunti, domande e soluzioni creative in un clima informale che facilita il dialogo e lo scambio di idee.

3 Cosa è e a cosa serve il Piano Energetico Comunale? IL PEC SECONDO NOI E Il PECè un progetto per cui i comuni si impegnano a ridurre lo spreco dell energia servendosi di mezzi per sensibilizzare le persone a questo problema. Il PECè un progetto per individuare fonti di energia alternative e migliorare quelle già presenti. E un progetto per regolare il consumo e aumentare il risparmio di energia.

4 Cosa è e a cosa serve il Piano Energetico Comunale? IL PEC SECONDO NOI E Classi 3B e 3C Pensiamo che il Piano Energetico Comunale sia un Piano, una suddivisione dell energia disponibile in base alla richiesta, finalizzato al risparmio energetico ed economico. Il PECè un progetto finanziato dal Comune con lo scopo di ridurre i consumi di energia sfruttando in modo migliore le risorse del comune con l utilizzo delle energie rinnovabili (pannelli solari, pale eoliche ). Secondo noi il Piano Energetico Comunale è un progetto del Comune che serve per avere energia a basso costo e per riuscire a migliorare le condizioni dell ambiente. Il PEC è un progetto riguardante il risparmio energetico esteso a tutti i cittadini del Comune. Esso è utile per sensibilizzare l opinione pubblica riguardo ai temi come il rispetto dell ambiente. Il PECconsiste in un progetto che coinvolge varie classi dell ISIS Gobetti-Volta, all interno del Comune di Bagno a Ripoli, che ha lo scopo di ridurre gli sprechie gli eccessivi consumi energetici in ambito scolastico e comunale. Il PECè un progetto per cui i comuni si impegnano a ridurre lo sprecodell energia servendosi di mezzi per sensibilizzare le persone a questo problema. Classi 4B LM e 3A LS Risparmio di energia, ricerca di altre fonti energetiche all interno del comune e più economiche, usufruire di energie rinnovabili su larga scala, il PECè un progetto che analizza il consumo di energia nel comune e cerca di minimizzare l uso di combustibili tradizionali e ottimizzare l utilizzo di altre forme energetiche. Il Pecsi occupa di amministrare l energia consumata dai cittadini di un Comune. Si assicura che ogni abitazione abbia a disposizione l energia necessaria per i suoi bisogni. Inoltre si occupa di cercare energie alternative per risparmiare sui costi e sull inquinamento. Si tratta di un piano dove si provvede al risparmio energetico, ovvero a trovare e sperimentare nuovi metodi migliorativi e rinnovabili che riducano gli sprechi e l inquinamento. Il PECè un progetto per individuare fonti di energia alternative e migliorare quelle già presenti. E un progetto per regolare il consumo e aumentare il risparmio di energia. Il PECè un progetto che ha come obiettivo il coinvolgimento dei cittadini per trovare forme di energia alternative e metodi di risparmio energetico all interno del Comune. Il PECè un progetto organizzato dal Comune in collaborazione con i cittadini che si cura di alcuni provvedimenti al fine di ridurre lo spreco energetico in un determinato territorio (quello comunale).tutti i cittadini che ne fanno parte devono prenderlo come punto di riferimento per cercare di ridurre gli sprechi familiari e delle piccole comunità. Il PECè un insieme di ideeper risparmiare energia e inquinare di meno, da esporre alla comunità. Per migliorare le condizioni ambientali. Perché non è stato fatto prima? Secondo noi il PECè una iniziativa organizzata dal Comuneper ottenere un maggiore risparmio energetico, inoltre è l analisi del risparmio energetico.

5 Quali sono le principali cause del consumo e dello spreco di energie a scuola? LE CAUSE DI CONSUMO E SPRECO PER NOI SONO I termosifoni, dovrebbero essere azionati manualmente quando ce ne è bisogno e non continuamente accessi da una data ad un altra. Calore disperso nei mesi primaverili (riscaldamento accesso e finestra aperta) Le luci accese nelle classi

6 Quali sono le principali cause del consumo e dello spreco di energie a scuola? LE CAUSE DI CONSUMO E SPRECO PER NOI SONO Classi 3B e 3C I termosifoni, mancanza di valvola al riscaldamento, troppo alto Luci accese nelle classi Acqua nei bagni LIM Macchinette Inutilità desktop I laboratori di informatica La fotocopiatrice Il canestro da basket Il fornellino da caffè nel laboratorio di chimica L aula Perini Classi 4B LM e 3A LS Lasciare sempre accesi luce (nonostante il bel tempo), Termosifoni (accesi sino ad aprile), computer e lavagne interattive (accese anche quando non servono). I termosifoni dovrebbero essere azionati manualmente quando ce ne è bisogno e non continuamente accessi da una data ad un altra. Calore disperso nei mesi primaverili (riscaldamento accesso e finestra aperta) I prof tendono a tenere le luci accese anche quando non sono necessarie. Acqua (sciacquoni rotti, lavandini che perdono) Aula computer e fotocopiatrice, essendo a disposizione di tutte le classi i computer rimangono sempre accesi I principali consumi energetici nella scuola oltre all energia elettrica e al gas (riscaldamento) sono l acqua, la carta, la luce, la miscela per il tagliaerba. I distributori automatici.

7 Quali sono i modi migliori per ridurre i consumi di energia e le emissioni? A casa, a scuola, in città SECONDO NOI PER MIGLIORARE O RIDURRE I CONSUMI SI DOVREBBE A CASA Regolare la caldaia quindi il riscaldamento automaticamente. Usare le stufe a pellet. Tenere in casa una stufa a legna. Scaldarsi con camini o con il compagno o con la compagna. A SCUOLA Spegnere le luci e limquando non sono utilizzate, utilizzare il riscaldamento solo quando è necessario. Pannelli solari sul tetto della scuola. Mettere le valvole per regolare la temperatura dei termosifoni. I sensori di movimento ai rubinetti. IN CITTA Usare più biciclette, andare a piedi, usare mezzi pubblici, utilizzare veicoli elettrici, diminuire così l uso di motorini e macchine. Introdurre nuovi mezzi di trasporto. Ridurre l illuminazione notturna.

8 Quali sono i modi migliori per ridurre i consumi di energia e le emissioni? A casa, a scuola, in città SECONDO NOI PER MIGLIORARE O RIDURRE I CONSUMI SI DOVREBBE Classi 3B e 3C IN CITTA Usare mezzi pubblici o biciclette al posto delle auto e7o motorini per ridurre le emissioni nocive all ambiente. Introdurre nelle scuole e in città pannelli per l utilizzo di energia rinnovabile(è stato provato che se l intera Sardegna fosse ricoperta di pannelli solari fornirebbe energia a tutta l isola), effettuare la raccolta differenziata. Togliere le fontane Non usare l auto. Tramvia. Spostarci su mezzi ibridi. In città, lampioni solo quando necessari. In città, spegnere i lampioni in determinati orari, utilizzare energia proveniente da fonti rinnovabili. Macchine e motorini a basso consumo. Classi 4B LM e 3A LS IN CITTA Usare più biciclette, andare a piedi, usare mezzi pubblici, utilizzare veicoli elettrici, diminuire così l uso di motorini e macchine. Introdurre nuovi mezzi di trasporto. Ridurre l illuminazione notturna. Produrre energia da fonti rinnovabili. Se possibile andare in bici o a piedi a scuola, lavoro supermercato. Usufruire maggiormente dei mezzi pubblici e bicicletta: conviene! In città spegnere semafori e lampioni. In città ridurre il numero di lampioni e utilizzare più i mezzi pubblici, la bicicletta o in alcuni casi i piedi. Realizzare una campagna informativa. Incentivare la vendita di lampadine a basso consumo. A SCUOLA A SCUOLA Spegnere le luci e lim quando non sono utilizzate, utilizzare il riscaldamento solo quando è necessario. Pannelli solari sul tetto della scuola. Mettere le valvole per regolare la temperatura dei termosifoni. I sensori di movimento ai rubinetti. Lampadine a risparmio energetico A CASA Non sprecare acqua, spegnere le luci. Staccare al spina ad oggetti elettronici inutilizzati Stare attenti a chiudere sempre tv, computer, lettori dvd e altre cose non utilizzate, usare solo l acqua necessaria (per esempio farsi la doccia al posto del bagno). Installare i riduttori di flusso ai lavandini, pannelli solari Lampadine a basso consumo, elettrodomestici A+ Utilizzare e comprare prodotti ecosostenibili e a basso consumo di energia. Spegnere le luci quando c è la luce del sole, chiudere le finestre con i termosifoni accesi. Usare le energie rinnovabili. Spegnere le luce quando c è la luce solare. Mettere regolatori ai radiatori (così quando è caldo non bisogna aprire le finestre). Spegnere lavagna e proiettore quando non servono, introdurre i rubinetti che si azionano con il pedale. A CASA Evitare di fare docce troppo lunghe, spegnere la luce quando non è strettamente necessario, fare la raccolta differenziata. Staccare i cavi dalle prese di corrente durante la notte. Regolare la caldaia quindi il riscaldamento automaticamente. Usare le stufe a pellet. Tenere in casa una stufa a legna. Scaldarsi con camini o con il compagno o con la compagna. Fare la doccia invece del bagno, fare la lavatrice a bassa temperatura, usare le lampadine a basso consumo. Non tenere l acqua aperta se non serve?usare lavastoviglie, lavatrice e asciugatrice di notte, consumano meno!! Usare energie rinnovabili.

9 Secondo voi Abbiamo chiesto ai presenti di rispondere ad alcune domande a risposta multipla su dati e informazioni contenute nel quadro conoscitivo del Piano Energetico Comunale. In Toscana quale tipo di produzione elettrica è maggiore? A Bagno a Ripoli quale settore consuma più gas naturale? A Bagno a Ripoli quale settore consuma più energia elettrica? Le risposte, segnate su cartoncini colorati ed affisse alla lavagna e alle pareti, hanno formato un colorato istogramma della produzione e del consumo di energia sul territorio toscano e nel comune. Nel conoscere i dati reali, a conclusione delle votazioni, gli studenti hanno potuto verificare quanto di fatto già sanno e quanto invece a volte la percezione sia molto diversa dalal realtà

10 Secondo voi

11 Secondo voi

12 Secondo voi

13 Secondo voi

14 Le nostre domande agli esperti : DOMANDE RELATIVE ALLE POLITICHE SULL EFFICIENZA ENERGETICA 1.Come funziona il Piano Energetico Comunale? Come è strutturato? Perché si coinvolgono gli studenti? Perché ci ritroviamo adesso in una situazione tale da richiedere un PEC? Come mai siamo costretti a realizzare un PEC per ridurre il consumo di energia? 2.Questo progetto è adottato solo dal Comune di Bagno a Ripoli? I comuni che vi partecipano si confrontano tra di loro? 3.Cosa fa l Italia per diminuire il consumo energetico? Cosa vi preoccupate di fare per l ambiente? 4.Perché avendo i mezzi per usare l energia rinnovabile ancora non viene utilizzata? Perché è così difficile trovare energia rinnovabile? 5.Come si arriva ad uno sviluppo sostenibile? 6.Fino a che punto il Comune vuole ridurre i consumi di combustibili tradizionali? E come (con quali altre fonti) li sostituirebbe? 7.Perché queste energie rinnovabili vengono chiamate in causa solo adesso? Perché nessuno ci ha pensato prima? Perché solo ora che la situazione è critica? Perché il progetto è stato attuato proprio in questo periodo? Quali sono le condizioni che hanno spintoilcomune ad applicare tale oggetto di discussione o miglioramento in questo momento? 8.La scuola è una delle maggiori consumatrici di energia nel Comune? Se no, perché è stata inglobata così tanto nel progetto? DOMANDE RELATIVE ALLE TECNOLOGIE PER L EFFICIENZA ENERGETICA 1.Come funzionano i pannelli fotovoltaici? 2.L energia cinetica prodotta dai passi delle persone funziona? Può far andare un treno? 3.Quanto si risparmierebbe utilizzando energia rinnovabile? Quale impianto di energia rinnovabile è più conveniente? Quale impianto di energia rinnovabile rende più a livello di energia? 4.Quali fonti di energia rinnovabile sono adatti a Bagno a Ripoli? 5.In che percentuale viene utilizzata energia rinnovabile nel comune di Bagno a Ripoli?

15 Ancora qualche domanda per gli esperti : DOMANDE SUI COMPORTAMENTI PER MIGLIORARE L EFFICIENZA ENERGETICA 1.Si consuma meno se 5 persone vanno ognuna con il proprio motorino o prendono una macchina insieme? 2.Cosa possiamo fare per ridurre le emissioni di energia? A casa, a scuola, in città? 3.Quali sono gli sprechi di energia più frequenti e dannosi? DOMANDE SUL PERCORSO DI PARTECIPAZIONE 1.Di cosa tratta il progetto e quali obiettivi ha? Da cosa è nato? 2.Quale è il nostro compito all interno di questo progetto? 3.Servirà a qualcosa veramente? Il sindaco prenderà davvero in considerazione l opinione degli studenti? 4.In cosa consiste la parte svolta con i cittadini? La partecipazione dei cittadini è obbligatoria o facoltativa?

Le regole per ridurre i consumi di energia e l emissione di CO2

Le regole per ridurre i consumi di energia e l emissione di CO2 Le regole per ridurre i consumi di energia e l emissione di CO2 Quanto male stiamo facendo al nostro bellissimo pianeta azzurro? Dagli ettari di foreste decapitate, alle stragi di tonni, all ennesima petroliera

Dettagli

Liceo Scientifico statale F.Vercelli. Classe 1b PROGETTO ENERG/IO

Liceo Scientifico statale F.Vercelli. Classe 1b PROGETTO ENERG/IO Liceo Scientifico statale F.Vercelli Classe 1b PROGETTO ENERG/IO Un incrocio con tante strade domino Un puzzle in tanti pezzi, non ne devono mancare ENERG/IO è come... Una famiglia allargata Una pianta

Dettagli

trasporti il kit del risparmio trasporti dell effetto serra. Si calcola che negli ultimi 10 anni, le emissioni di CO 2

trasporti il kit del risparmio trasporti dell effetto serra. Si calcola che negli ultimi 10 anni, le emissioni di CO 2 trasporti il kit del risparmio trasporti L automobile è, per il singolo come per la famiglia, la seconda voce di spesa dopo l abitazione, sia per l acquisto che per i consumi energetici. Rappresenta generalmente

Dettagli

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica.

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica. 1 2 3 L energia incide sul costo di tutti i beni ed i servizi che utilizziamo ma, in questo caso, prendiamo come riferimento il costo che una famiglia di Aprilia con consumo medio sostiene ogni anno per

Dettagli

I.C. Sorelle Agazzi Scuola secondaria di primo grado Rodari Via Gabbro 6/a MI Classe 1 C A.S. 2011/2012 Progetto: Cart anchio a cura del WWF

I.C. Sorelle Agazzi Scuola secondaria di primo grado Rodari Via Gabbro 6/a MI Classe 1 C A.S. 2011/2012 Progetto: Cart anchio a cura del WWF I.C. Sorelle Agazzi Scuola secondaria di primo grado Rodari Via Gabbro 6/a MI Classe 1 C A.S. 2011/2012 Progetto: Cart anchio a cura del WWF Se Tutto Fosse Costruito Così... La nostra classe con la Professoressa

Dettagli

Istituto Superiore Ernesto Balducci Pontassieve. Il sole a scuola: Un occasione per promuovere il risparmio energetico

Istituto Superiore Ernesto Balducci Pontassieve. Il sole a scuola: Un occasione per promuovere il risparmio energetico Istituto Superiore Ernesto Balducci Pontassieve Il sole a scuola: Un occasione per promuovere il risparmio energetico Analisi della situazione attuale Fra le fonti di spreco energetico all interno della

Dettagli

leaflet risparmio in casa OK.ind1 1 21/02/2011 15.11.06

leaflet risparmio in casa OK.ind1 1 21/02/2011 15.11.06 leaflet risparmio in casa OK.ind1 1 21/02/2011 15.11.06 leaflet risparmio in casa OK.ind2 2 21/02/2011 15.11.06 IL RISPARMIO ENERGETICO IN CASA piccoli gesti, grandi vantaggi Il risparmio energetico è

Dettagli

A CORTO DI IDEE? LASCIATEVI ISPIRARE DA QUESTI ESEMPI!

A CORTO DI IDEE? LASCIATEVI ISPIRARE DA QUESTI ESEMPI! A CORTO DI IDEE? LASCIATEVI ISPIRARE DA QUESTI ESEMPI! Questa lista è uno strumento creato per aiutarvi a realizzare la vostra campagna ENGAGE. Essa contiene esempi di impegni per ispirare i partecipanti

Dettagli

La Produzione e distribuzione dell energia

La Produzione e distribuzione dell energia ISTITUTO COMPRENSIVO ILARIA ALPI - PLESSO B.Croce - TORINO APPUNTI DI TECNOLOGIA La Produzione e distribuzione dell energia A.S. 2015-2016 LUMINOSA TERMICA LE FORME DELL ENERGIA MECCANICA ELETTRICA CHIMICA

Dettagli

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO Il settore energetico è ormai ampiamente orientato verso l utilizzo delle fonti di energie alternative, in particolare verso l'energia solare. L impiego

Dettagli

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi Prospettive energetiche Oggi e Domani DA DOVE ARRIVA L ENERGIA? L energia si può ottenere

Dettagli

Comportamenti Sostenibili

Comportamenti Sostenibili Comportamenti Sostenibili Manuale per il cittadino Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES COMPORTAMENTI SOSTENIBILI L Amministrazione Comunale di Cinisello Balsamo persegue ormai da molti anni politiche

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

Risparmio Energetico. Manuale per il cittadino. Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES

Risparmio Energetico. Manuale per il cittadino. Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES Risparmio Energetico Manuale per il cittadino Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES RISPARMIO ENERGETICO L Amministrazione Comunale di Cinisello Balsamo persegue ormai da molti anni politiche di

Dettagli

GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA

GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA Gennaio 2010 GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA Questa Guida è

Dettagli

L inquinamento dell aria e dell acqua e il comportamento dei cittadini, un indagine regionale

L inquinamento dell aria e dell acqua e il comportamento dei cittadini, un indagine regionale Azioni locali contro l'inquinamento di aria e acqua. Il ruolo dei cittadini Sala Aula Magna - Ordine della Casa Matha - piano 1 L inquinamento dell aria e dell acqua e il comportamento dei cittadini, un

Dettagli

come risparmiare... portello dell Energia Come risparmiare Sportello dell Ener sportello dell energia SEDE Palazzo Grossi - Piazza Morlacchi, 23

come risparmiare... portello dell Energia Come risparmiare Sportello dell Ener sportello dell energia SEDE Palazzo Grossi - Piazza Morlacchi, 23 portello dell Energia SEDE Palazzo Grossi - Piazza Morlacchi, 23 E Palazzo Grossi - Piazza Morlacchi, 23 (Perugia) CONTATTI SPORTELLO: CONTATTI SPORTELLO: Mail: info.energia@comune.perugi Mail: info.energia@comune.perugia.it

Dettagli

LE 10 REGOLE D'ORO DEL RISPARMIO ENERGETICO DOMESTICO

LE 10 REGOLE D'ORO DEL RISPARMIO ENERGETICO DOMESTICO LE 10 REGOLE D'ORO DEL RISPARMIO ENERGETICO DOMESTICO Come risparmiare energia in casa con piccoli gesti quotidiani DEI PICCOLI COMUNI DELL'OGLIO PO Premessa L allarmismo sulla salute del pianeta e sull

Dettagli

Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it

Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it Vallarsa, lì 10 dicembre 2013 Oggetto: questionario relativo ai consumi energetici

Dettagli

Il risparmio energetico 10 interventi per risparmiare energia

Il risparmio energetico 10 interventi per risparmiare energia ECONOMIE DI SOPRAVVIVENZA Il risparmio energetico 10 interventi per risparmiare energia Casale Monferrato, 19 02 2015. ing. Paola Capra COSA FA L EUROPA? Consumo finale di energia per abitante (2009) La

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore INTRODUZIONE Il lavoro svolto nel corso dell anno scolastico 2011/2012 da parte del Consiglio Comunale

Dettagli

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro L energia si trova dappertutto intorno a noi PRIMARIE MESSE A DISPOSIZIONE DALLA NATURA SECONDARIE

Dettagli

Tavolo tematico: Impronta Ecologica

Tavolo tematico: Impronta Ecologica Tavolo tematico: Impronta Ecologica Resoconto incontro del 17 maggio 2005 A cura di Partecipanti: Braga Ambra, A.O.S.Gerardo e P.O. Bassini Canuti Davide, GAStronauti Fossati Luigi, Ass. CLEBA Lucchini

Dettagli

sostenibile Cosa può fare ognuno di noi per il risparmio energetico in ufficio

sostenibile Cosa può fare ognuno di noi per il risparmio energetico in ufficio Una giornata da lavoratore sostenibile Cosa può fare ognuno di noi per il risparmio energetico in ufficio Una giornata da lavoratore sostenibile La partenza da casa In ufficio La pausa pranzo Si torna

Dettagli

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria.

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. COS E IL PATTO DEI SINDACI? E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni pei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. La ratifica del Patto impegna i Comuni a: Ridurre

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno?

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? Il solare fotovoltaico Il solare termico Le pompe di calore Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? ENERGIE RINNOVABILI COME FUNZIONANO? QUANTO SI RISPARMIA? A COSA

Dettagli

Soluzione Energetica Domotecnica

Soluzione Energetica Domotecnica Soluzione Energetica Domotecnica QUALE SOLUZIONE PER I CONDOMINI CON IMPIANTO CENTRALIZZATO? Il risparmio energetico e il contenimento dei consumi negli impianti centralizzati sono determinati dal miglioramento

Dettagli

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi?

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi? QUESTIONARIO A) Risparmio energetico e fonti rinnovabili nelle abitazioni residenziali. Indagine conoscitiva ai fini dello sviluppo del Piano d Azione per l Energia Sostenibile 1.Quale tipo di abitazione

Dettagli

Smart grids e contatori elettronici. La rete elettrica del futuro è intelligente.

Smart grids e contatori elettronici. La rete elettrica del futuro è intelligente. Smart grids e contatori elettronici. La rete elettrica del futuro è intelligente. Come funzionano le smart grids Le smart grids La rete elettrica intelligente In un futuro non troppo lontano la rete elettrica

Dettagli

La coda degli autosauri

La coda degli autosauri La coda degli autosauri Leggendo il libro La coda degli autosauri l attenzione di quasi tutti noi ragazzi è stata catturata dalla pagina del libro che parla dell enorme mucchio di candele e fiammiferi

Dettagli

Perché risparmiare. energia elettrica. Il mondo non ci viene in eredità dai nostri padri, ma lo abbiamo preso in prestito dai nostri figli

Perché risparmiare. energia elettrica. Il mondo non ci viene in eredità dai nostri padri, ma lo abbiamo preso in prestito dai nostri figli Perché risparmiare energia elettrica Oltre ad un risparmio economico, ridurre i consumi di energia elettrica significa contenere le emissioni di anidride carbonica nell aria e il conseguente effetto serra,

Dettagli

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Strategie, azioni di sostegno, opportunità per l energia sostenibile Stefano Meneghini, Direttore Tecnico Consylio S.r.l. Fase II: stesura Piano delle

Dettagli

L autosufficienza energetica

L autosufficienza energetica Convegno «Vigonovo si rinnova» Patto dei Sindaci, efficienza energetica e qualità della vita L autosufficienza energetica Ing. Gianfranco Padovan, Presidente EnergoClub Onlus Vigonovo 08 novembre 2012

Dettagli

Individuate cinque macro aree di azione nelle quali si può concretizzare un percorso di impresa verso la sostenibilità:

Individuate cinque macro aree di azione nelle quali si può concretizzare un percorso di impresa verso la sostenibilità: Ambiente ed energia Individuate cinque macro aree di azione nelle quali si può concretizzare un percorso di impresa verso la sostenibilità: 1. SOSTENIBILITA ENERGETICA 2. MOBILITA SOSTENIBILE 3. RIFIUTI

Dettagli

LEZIONI CON GLI ESPERTI

LEZIONI CON GLI ESPERTI IL SOLE A SCUOLA PREMESSA In riferimento al Programma per la promozione dell energia solare del Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare-misura 2- Il sole a scuola l Istituto Comprensivo

Dettagli

Uso corretto*dell energia

Uso corretto*dell energia Uso corretto*dell energia Consigli per la vita quotidiana Anzitutto qualche pensiero Risparmiare energia o farne un uso corretto? La Città di Brunico ha optato per la seconda possibilità volendo sottolineare

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

STAFF DEL PRESIDENTE ASSESSORATO Ufficio Energia ALLE POLITICHE DELLA SCUOLA. Provincia Regionale di Catania. Il Project Work

STAFF DEL PRESIDENTE ASSESSORATO Ufficio Energia ALLE POLITICHE DELLA SCUOLA. Provincia Regionale di Catania. Il Project Work STAFF DEL PRESIDENTE ASSESSORATO Ufficio Energia ALLE POLITICHE DELLA SCUOLA Provincia Regionale di Catania Il Project Work PROPOSTE PER IL PROJECT WORK N. TITOLO ATTIVITA Gli studenti effettueranno un

Dettagli

adesso riparmierete il 30% con le nuove apparecchiature Ecofanseason 60-100 - 150

adesso riparmierete il 30% con le nuove apparecchiature Ecofanseason 60-100 - 150 basta buttare soldi per riscaldarsi e rinfrescarsi adesso riparmierete il 30% con le nuove apparecchiature Ecofanseason 60-100 - 150 detraibile al 100% consumano?(quando in funzione) meno di una lampadina

Dettagli

Energie nuove per l Italia

Energie nuove per l Italia con le amministrazioni locali per ridurre sprechi e bollette Fare Verde è impegnata da alcuni anni nella promozione di tecnologie e soluzioni per il contenimento dei consumi energetici e la diffusione

Dettagli

Quanto risparmi ABILE sei? Esiti totali del questionario proposto agli alunni della terza media delle tre sedi nell anno scolastico 2011-2012

Quanto risparmi ABILE sei? Esiti totali del questionario proposto agli alunni della terza media delle tre sedi nell anno scolastico 2011-2012 Quanto risparmi ABILE sei? Esiti totali del questionario proposto agli alunni della terza media delle tre sedi nell anno scolastico 211-212 La Scuola Media, da sempre sensibile alla difesa dell ambiente

Dettagli

DIAGNOSI ENERGETICA DELLA TUA CASA: PREVENIRE E MEGLIO CHE PAGARE!

DIAGNOSI ENERGETICA DELLA TUA CASA: PREVENIRE E MEGLIO CHE PAGARE! Ekos energie. Alternative per Ekos il tuo energie. futuro. Alternative per il tuo futuro. DIAGNOSI ENERGETICA DELLA TUA CASA: PREVENIRE E MEGLIO CHE PAGARE! DISPERSIONI DI CALORE ISOLAMENTI INEFFICACI

Dettagli

Manuale per un corretto uso dell energia negli ambienti di lavoro

Manuale per un corretto uso dell energia negli ambienti di lavoro Manuale per un corretto uso dell energia negli ambienti di lavoro Il costo annuale dell energia per il Comune di Genova rappresenta oggi una delle voci più rilevanti del bilancio di parte corrente. La

Dettagli

CONOSCIAMO L'ENERGIA

CONOSCIAMO L'ENERGIA CONOSCIAMO L'ENERGIA dedicato alle scuole per far conoscere ai più piccoli l'energia, come usarla, come risparmiarla. Progetto ideato da: Marta Oriola Claudia Camera Deborah D'Emey LE FONTI DI ENERGIA

Dettagli

COMUNE DI AGNONE (IS)

COMUNE DI AGNONE (IS) COMUNE DI AGNONE (IS) CARATTERISTICHE EDIFICIO 1. Quanti sono i piani fuori terra dell edificio in cui vive? 2. Sono presenti piani interrati (cantine, garage, magazzini, ecc.)? SI NO 3. Qual è l altezza

Dettagli

ENERGIA e CLIMA fonti, usi ed emissioni. ENERGIA ELETTRICA di LUCA TARTARI

ENERGIA e CLIMA fonti, usi ed emissioni. ENERGIA ELETTRICA di LUCA TARTARI ENERGIA e CLIMA fonti, usi ed emissioni. ENERGIA ELETTRICA di LUCA TARTARI -INDICE- La presentazione è così composta: L energia elettrica Fonti e produzione Utilizzi e applicazioni Rendimento energetico

Dettagli

PIANO DI RISPARMIO ENERGETICO

PIANO DI RISPARMIO ENERGETICO PIANO DI RISPARMIO ENERGETICO AZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO E LA SOSTENIBILITÀ DEI CONSUMI NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE AZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO E LA SOSTENIBILITÀ DEI CONSUMI NELLA PUBBLICA

Dettagli

Linee guide per ridurre il consumo energetico

Linee guide per ridurre il consumo energetico Linee guide per ridurre il consumo energetico Excelsior NGO, Romania 2 Perché dovremmo essere preoccupati per la riduzione del consumo di energia? La maggior parte della produzione di energia in EU utilizza

Dettagli

Elia Albisetti, Mariano Fasano, Mario Kerezovic

Elia Albisetti, Mariano Fasano, Mario Kerezovic 2 elettronica SAMT 1/7 Indice: 1 Introduzione...3 2 Definizioni...3 2.1 Ampère e Volt...3 2.2 Watt, Wattora e Watt di picco...4 3 Impianti Fotovoltaici...5 3.1 Tipologie di Impianti...5 3.2 Celle Fotovoltaiche...5

Dettagli

ENERGY SAVING UN PICCOLO PASSO PER L UOMO, UN PASSO GIGANTE PER L UMANITÀ

ENERGY SAVING UN PICCOLO PASSO PER L UOMO, UN PASSO GIGANTE PER L UMANITÀ Coyright Energy System 2011 ENERGY SAVING UN PICCOLO PASSO PER L UOMO, UN PASSO GIGANTE PER L UMANITÀ SOSTENIAMO IL SOSTENIBILE Racale, 16-20 Maggio 2011 Campagna di divulgazione sulla sostenibilità energetica

Dettagli

6 Il verde nelle città è importante per contrastare lo smog

6 Il verde nelle città è importante per contrastare lo smog Consumo responsabile 1 Per evitare lo spreco si potrebbe cercare di comprare solo le cose necessarie. Limitare l inquinamento Andare a scuola in bici e non in macchina Coltivare rispettando la natura Non

Dettagli

Il comune di Ornago ha aderito al Patto dei Sindaci.

Il comune di Ornago ha aderito al Patto dei Sindaci. IL PATTO DEI SINDACI NEL COMUNE DI ORNAGO QUESTIONARIO RIVOLTO ALLA CITTADINANZA Il comune di Ornago ha aderito al Patto dei Sindaci. Il Patto dei Sindaci proposto dalla Comunità Europea è un azione volontaria,

Dettagli

REMA! Risparmia Energia Migliora l Ambiente. Comune di Cagliari - Ufficio Pianificazione Energetica - (a.s. 2015 / 2016 )

REMA! Risparmia Energia Migliora l Ambiente. Comune di Cagliari - Ufficio Pianificazione Energetica - (a.s. 2015 / 2016 ) Effetto serra conseguenze dell effetto serra scioglimento dei ghiacciai catastrofi -alluvioni conseguenze dell effetto serra desertificazione scioglimento calotte artiche conseguenze dell effetto serra

Dettagli

ITALTEC. Programma per l ottimizzazione dei consumi energetici. Comune di. Scuola Elementare

ITALTEC. Programma per l ottimizzazione dei consumi energetici. Comune di. Scuola Elementare ITALTEC E N E R G I A S O S T E N I B I L E Programma per l ottimizzazione dei consumi energetici Comune di Scuola Elementare 2 di 13 Indice 1. La domanda 2. Il risparmio in 3 punti 2.1. Il controllo 2.2.

Dettagli

SINTESI DEI LABORATORI CON LE SCUOLE DEL TERRITORIO

SINTESI DEI LABORATORI CON LE SCUOLE DEL TERRITORIO SINTESI DEI LABORATORI CON LE SCUOLE DEL TERRITORIO Il percorso partecipativo ha previsto il coinvolgimento degli Istituti Scolastici di primo e secondo grado dei comuni di Neviano degli Arduini, Palanzano,

Dettagli

PARTE PRIMA: ANALISI ENERGETICA. In particolare l attività è stata organizzata nelle seguenti fasi:

PARTE PRIMA: ANALISI ENERGETICA. In particolare l attività è stata organizzata nelle seguenti fasi: PARTE PRIMA: ANALISI ENERGETICA In particolare l attività è stata organizzata nelle seguenti fasi: Fase 1 : rilevazione dei consumi energetici termici ed elettrici; Fase 2 : rilevazione dei volumi e delle

Dettagli

Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013

Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013 Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013 OBIETTIVI, CAMPO DI APPLICAZIONE E STRATEGIA Impegno preso dagli stati membri dell unione europea. Target raggiungibile tramite

Dettagli

Tetto isolato e ventilato. Tutti questi interventi possono beneficiare delle detrazioni fiscali del 55%.

Tetto isolato e ventilato. Tutti questi interventi possono beneficiare delle detrazioni fiscali del 55%. 1. Diagnosi energetica La prima cosa da fare è ovviamente la diagnosi energetica dell edificio, sia sotto il profilo energetico che del comfort ambientale. La diagnosi dell edificio è necessaria per valutare

Dettagli

GREEN SCHOOLS DUCA DEGLI ABRUZZI. A cura di: Marco Scremin, Marco Nieri, Nicolò Boato

GREEN SCHOOLS DUCA DEGLI ABRUZZI. A cura di: Marco Scremin, Marco Nieri, Nicolò Boato GREEN SCHOOLS DUCA DEGLI ABRUZZI A cura di: Marco Scremin, Marco Nieri, Nicolò Boato Illuminazione e risparmio energetico a scuola In cosa è consistita l attività? Nell ambito del progetto Green Schools

Dettagli

Benedetta, Giovanna, Giulia e Marika

Benedetta, Giovanna, Giulia e Marika Benedetta, Giovanna, Giulia e Marika Siamo alunne della classe V A del Liceo Scientifico Statale Giovanni Paolo I di Agnone (IS) Oggi chiudiamo il percorso didattico che abbiamo svolto presso l Università

Dettagli

Scuola: Classe: Data:

Scuola: Classe: Data: L Agenda 21 Locale dei Comuni di Gorle, Nembro, Ranica e Torre Boldone Questionario di indagine ambientale Scuola: Classe: Data: Di solito in che modo o con che mezzo vieni a scuola? (scegliere max 1 risposta)

Dettagli

Politiche locali per l efficienza negli edifici

Politiche locali per l efficienza negli edifici Politiche locali per l efficienza negli edifici LO STRUMENTO DEL REGOLAMENTO EDILIZIO Giuliano Dall O Direttore Associazione Rete Punti Energia Milano Giovedi 11 novembre 2004 Centro Congressi Palazzo

Dettagli

Non sprecare vuol dire innanzitutto risparmiare...

Non sprecare vuol dire innanzitutto risparmiare... Non sprecare vuol dire innanzitutto risparmiare... Alcuni consigli pratici su come ridurre i consumi energetici in casa risparmiando sulla bolletta ma soprattutto rispettando il nostro ambiente. www.gesiservizi.it

Dettagli

valori, qualità, consigli Il corso della vita.

valori, qualità, consigli Il corso della vita. Utenze Servizio domestiche idrico acqua Acqua Hera valori, qualità, consigli Il corso della vita. L acqua è un valore che non va mai fuori corso il ciclo dell acqua Siamo la seconda società italiana nei

Dettagli

DON LORENZO MILANI. Dirigente Scolastico : Anno Scolastico 2008/2009. futuro?

DON LORENZO MILANI. Dirigente Scolastico : Anno Scolastico 2008/2009. futuro? 3 CIRCOLO DON LORENZO MILANI Lamezia Terme Dirigente Scolastico : Dott.ssa Maria Emma Miceli Anno Scolastico 2008/2009 La Terra ha un futuro? LA TERRA HA UN FUTURO? Come possiamo aiutare il Nostro o Pianeta?

Dettagli

La Domotica Evoluta. www.controlmanager.it

La Domotica Evoluta. www.controlmanager.it La Domotica Evoluta Ci Cairate (VA) 0331/1850360 Obiettivi della Domotica convergenza completezza registrazione gestione accessi programmabilità climatizzazione ambienti Control Casa Control Manager attiva

Dettagli

ELABORAZIONE DELLE RISPOSTE AL QUESTIONARIO PER L ANALISI DEGLI STILI DI VITA ENERGETICI DEI CITTADINI DI ROMANO DI L. E CIVIDATE AL P.

ELABORAZIONE DELLE RISPOSTE AL QUESTIONARIO PER L ANALISI DEGLI STILI DI VITA ENERGETICI DEI CITTADINI DI ROMANO DI L. E CIVIDATE AL P. COMUNE DI ROMANO DI LOMBARDIA COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) PER I COMUNI DI ROMANO DI LOMBARDIA E CIVIDATE AL PIANO NEL CONTESTO DELL ADESIONE AL PATTO DEI

Dettagli

ENERGICA-MENTE! Per scoprire l impatto ambientale dei nostri comportamenti. Classe 5 B Scuola Primaria di Villamarina, Cesenatico

ENERGICA-MENTE! Per scoprire l impatto ambientale dei nostri comportamenti. Classe 5 B Scuola Primaria di Villamarina, Cesenatico ENERGICA-MENTE! Per scoprire l impatto ambientale dei nostri comportamenti Classe 5 B Scuola Primaria di Villamarina, Cesenatico Campagna M ILLUMINO DI MENO Radio 2 CATTERPILLAR 2011 18 febbraio 2011:

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO SCUOLA ELEMENTARE ANNO 2012 2013

PROGRAMMA DIDATTICO SCUOLA ELEMENTARE ANNO 2012 2013 PROGRAMMA DIDATTICO SCUOLA ELEMENTARE ANNO 2012 2013 PICCOLI PASSI PER UNA SANT ANDREA SOSTENIBILE Progetto cofinanziato dall'unione Europea - Finanziamento PO- FESR 2007-2013 Asse IV Linea d intervento

Dettagli

Guida sul risparmio di energia e acqua negli usi domestici

Guida sul risparmio di energia e acqua negli usi domestici Questa guida è scritta in linguaggio facile da leggere Guida sul risparmio di energia e acqua negli usi domestici cittadino a pieno titolo Il progetto A MODO MIO, cittadino a pieno titolo. è finanziato

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli

Aumentando la temperatura del condizionatore d aria di un solo grado puoi ridurre il consumo energetico fino al 15 per cento.

Aumentando la temperatura del condizionatore d aria di un solo grado puoi ridurre il consumo energetico fino al 15 per cento. Question & Answer Sheet on cooling this summer Italian Domande e risposte sul raffreddamento questa estate Invece di usare i condizionatori d aria per raffreddare gli ambienti, quale sarebbe un alternativa

Dettagli

Sede legale: via Umberto I, 9 10088 VOLPIANO Sede operativa: via Pascoli 7/c - 10070 Caselle T.se (TO) tel. 011.99.68.133 cell. 335.711.64.

Sede legale: via Umberto I, 9 10088 VOLPIANO Sede operativa: via Pascoli 7/c - 10070 Caselle T.se (TO) tel. 011.99.68.133 cell. 335.711.64. 1 PROPOSTA PROGETTUALE.. CORSO di RISPARMIO ENERGETICO PREMESSA Il presente progetto rappresenta una proposta formativa il cui obiettivo è sensibilizzare i bambini verso una nuova consapevolezza di rispetto

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ENERGIA ELETTRICA

Osservatorio SosTariffe.it ENERGIA ELETTRICA 1 Osservatorio SosTariffe.it ENERGIA ELETTRICA CONSUMI DEGLI ELETTRODOMESTICI: ANALISI DEI CONSUMI E DEI COSTI PER L ENERGIA ELETTRICA AGOSTO 2012 INDICE p. 1 1. Introduzione p.2 2. Definizione dei profili

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO E LE ENERGIE RINNOVABILI IN EDILIZIA

IL RISPARMIO ENERGETICO E LE ENERGIE RINNOVABILI IN EDILIZIA MARCO FIORESE Questo è il marchio che identifica le imprese del Settore Casa aderenti alla Convenzione promossa dalla Camera di Commercio di Varese tra Associazioni di categoria e dei consumatori che definisce

Dettagli

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Nave San Rocco Provincia autonoma di Trento Via 4 vembre, 44 38010 NAVE SAN ROCCO 0461/870641 0461/870588 www.comune.navesanrocco.tn.it sindaco@comune.navesanrocco.tn.it F853-4139 - 24/08/2015-6.9

Dettagli

Fabbisogno di acqua calda

Fabbisogno di acqua calda Consigli per la pratica Domotec SA Aarburg Edizione 16.21 05/2012 Fabbisogno di acqua calda L acqua calda è piacere, gioia di vivere, benessere Nella nostra vita consumiamo acqua calda ogni giorno: sia

Dettagli

ITAS Elena di savoia Bari Lorusso Patrizio 4 Bbio

ITAS Elena di savoia Bari Lorusso Patrizio 4 Bbio ITAS Elena di savoia Bari Lorusso Patrizio 4 Bbio Cambia le vecchie lampadine ad incandescenza con delle nuove lampadine a risparmio energetico. Io l ho fatto si risparmia veramente e si inquina anche

Dettagli

Perchè è importante ridurre i consumi di energia?

Perchè è importante ridurre i consumi di energia? ecoguida Perchè è importante ridurre i consumi di energia? Consumi energetici Ogni luogo in cui l uomo svolge la sua attività giornaliera, necessita di energia. Tutte le cose che ci circondano hanno bisogno

Dettagli

Comune di Sasso di Castalda. La nostra Costituzione Energetica

Comune di Sasso di Castalda. La nostra Costituzione Energetica Comune di Sasso di Castalda La nostra Costituzione Energetica Si ringraziano: Il prof. Germino Dirigente dell Ist. Comprensivo di Brienza Il prof. D Antonio Referente per la sezione di Sasso di Castalda

Dettagli

I VANTAGGI. La caldaia elettrica! RISCALDAMENTO BASSA E ALTA TEMPERATURA ACQUA CALDA SANITARIA CLIMATIZZAZIONE PISCINE

I VANTAGGI. La caldaia elettrica! RISCALDAMENTO BASSA E ALTA TEMPERATURA ACQUA CALDA SANITARIA CLIMATIZZAZIONE PISCINE La caldaia elettrica! COME FUNZIONA Il funzionamento del sistema di riscaldamento elettrico, della caldaia M03-1 è una soluzione pulita, efficiente e flessibile nell ambiente urbano. Il sistema di riscaldamento

Dettagli

CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L.

CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L. CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L. È LA SOCIETÀ DEL GRUPPO ESTRA CHE DA ANNI OPERA NEL SETTORE DEL RISPARMIO ENERGETICO, VANTANDO UNA LUNGA ESPERIENZA E NUMEROSE COMMITTENZE PUBBLICHE E PRIVATE. Il core business

Dettagli

Il Risparmio Energetico

Il Risparmio Energetico Comune di Asti Settore Ambiente ed Edilizia Pubblica Il Risparmio Energetico Ing. Valerio Vittone RESPONSABILE UNITÀ OPERATIVA ACUSTICA ED ENERGIA DEL COMUNE DI ASTI Comune di Asti Settore Ambiente ed

Dettagli

Vademecum comportamenti consapevoli

Vademecum comportamenti consapevoli Vademecum comportamenti consapevoli Introduzione La Giunta Provinciale di Cagliari si è impegnata, nell ottobre del 2009 (con deliberazione n. 313 del 27.10.2009), ad adottare la politica del GPP all interno

Dettagli

riqualificare risparmiare guadagnare

riqualificare risparmiare guadagnare riqualificare risparmiare guadagnare Il valore da proteggere Spesa annua per il riscaldamento domestico Francia 1150 Spagna 1116 Germania 1104 Ambiente, Energia e Casa. Tre parole unite da un unico comune

Dettagli

LA DOMOTICA PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LA DOMOTICA PER IL RISPARMIO ENERGETICO Novembre 2013 LA DOMOTICA PER IL RISPARMIO ENERGETICO Con i dispositivi domotici del sistema Chorus di GEWISS è possibile ridurre il consumo di elettricità, gas e acqua del 30% e aumentare il livello di

Dettagli

Risparmio energetico e sostenibilità:

Risparmio energetico e sostenibilità: Risparmio energetico e sostenibilità: ora o mai più Consumi del settore edifici Gli edifici (residenziali e commerciali) rappresentano dal 25 al 40% dell energia finale consumata nei paesi dell OCSE e

Dettagli

consumo eccessivo e inutile sistema del water per scaricare l acqua pulire qualcosa con energia

consumo eccessivo e inutile sistema del water per scaricare l acqua pulire qualcosa con energia Unità 19 Risparmiare acqua: consigli pratici CHIAVI In questa unità imparerai: a parlare dell uso responsabile dell acqua le parole relative all utilizzo dell acqua a usare verbi quali occorrere, servire,

Dettagli

- - NATALE E RISPARMIO ENERGETICO - -

- - NATALE E RISPARMIO ENERGETICO - - - - NATALE E RISPARMIO ENERGETICO - - Nel periodo compreso tra i mesi di novembre e gennaio di ogni anno vengono ormai sempre più gioiosamente installate nelle nostre case decorazioni luminose natalizie

Dettagli

Questionario per l analisi degli stili di vita energetici dei cittadini di Romano di Lombardia e Cividate al Piano

Questionario per l analisi degli stili di vita energetici dei cittadini di Romano di Lombardia e Cividate al Piano Per compilare il seguente questionario, Ti chiediamo circa un quarto d ora del Tuo tempo. Il questionario compilato deve essere restituito entro venerdì 5 ottobre: riconsegnandolo agli uffici del comune

Dettagli

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 1 Premessa All interno del complesso degli interventi di efficientamento e nell ottica del

Dettagli

La vita inizia dal sole: l energia del Fotovoltaico

La vita inizia dal sole: l energia del Fotovoltaico La vita inizia dal sole: l energia del Fotovoltaico 2015 L energia da fonti rinnovabili 01 IMPIANTO FOTOVOLTAICO 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI Il fotovoltaico è un sistema elettrico che trasforma

Dettagli

MERCOLEDI 26 GIUGNO 2013

MERCOLEDI 26 GIUGNO 2013 Comune di Mirano Provincia di Venezia MERCOLEDI 26 GIUGNO 2013 LE LEGGI DELLA FISICA E DELLA TERMODINAMICA CI INSEGNANO CHE IL CALORE VA DA UN CORPO PIU CALDO AD UNO PIU FREDDO 20 C 26 C LO SCAMBIO

Dettagli

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES Comune di Castello d Argile Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES FORUM PARTECIPATO ALL ELABORAZIONE DEL PAES Primo incontro sabato 1 febbraio Costituzione del Forum della popolazione e degli

Dettagli

I riferimenti sono che ci pongono degli obiettivi da raggiungere sono:

I riferimenti sono che ci pongono degli obiettivi da raggiungere sono: INTRODUZIONE Questo opuscolo nasce dalla volontà dell Amministrazione Comunale di proseguire nelle azioni propositive per il risparmio energetico, e di rivolgere ai cittadini un riferimento per riflettere

Dettagli

CORSO E-LEARNING. (2) Esercitazione generale: osserva, calcola, intervieni

CORSO E-LEARNING. (2) Esercitazione generale: osserva, calcola, intervieni CORSO E-LEARNING LEZIONE 9 Indice (2) Esercitazione generale: osserva, calcola, intervieni Note sui diritti d autore Il presente manuale contiene materiale didattico realizzato per il Progetto IUSES Intelligent

Dettagli

SunergySOL soluzioni per l energia ENERGETICO PER LE NOSTRE ABITAZIONI 11/04/2013

SunergySOL soluzioni per l energia ENERGETICO PER LE NOSTRE ABITAZIONI 11/04/2013 SunergySOL soluzioni per l energia RISPARMIO ENERGETICO PER LE NOSTRE ABITAZIONI 11/04/2013 L agenda Perché le nostre case hanno costi energetici elevati? L importanza della diagnosi energetica Nuove energie

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Smart Energy Expo - Sala Smart City y & Communities

Dettagli