LA GESTIONE DEL RISCHIO NELLE IMPRESE ITALIANE: UN'INDAGINE CONOSCITIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE DEL RISCHIO NELLE IMPRESE ITALIANE: UN'INDAGINE CONOSCITIVA"

Transcript

1 LA GESTIONE DEL RISCHIO NELLE IMPRESE ITALIANE: UN'INDAGINE CONOSCITIVA Di fronte alla sempre più crescente necessità delle imprese di dedicare attenzione alla gestione del rischio, nonché alla riconosciuta crucialità delle attività e degli strumenti dediti a tal fine, il Gruppo Assiteca ha promosso la realizzazione di un'indagine diretta ad analizzare il grado di diffusione di questo tema allo scopo di attribuire il Premio La Gestione del Rischio nelle Imprese Italiane: prevenzione, rischi e responsabilità in tema di sicurezza del lavoro. Le principali finalità che hanno mosso l'indagine in esame sono state le seguenti: analizzare il grado di diffusione ed adozione di un metodo di gestione dei rischi aziendali, focalizzando l'attenzione sulle sue modalità di definizione ed articolazione; esaminare la rilevanza assegnata alle varie categorie di rischio e le diverse modalità di gestione degli stessi; verificare la struttura, le funzioni, gli strumenti utilizzati e le modalità di comunicazione in relazione al risk management; osservare le attività realizzate al fine di ottemperare agli obblighi e ai doveri in tema di tutela della salute e sicurezza dei luoghi di lavoro. La tutela della salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro è il focus assegnato al Premio Assiteca per il Ogni anno il Premio Assiteca si concentrerà infatti su uno specifico tema di fondamentale importanza per il panorama aziendale nazionale. Metodologia e analisi del campione Il Comitato Tecnico Scientifico del Premio Assiteca, composto da accademici ed esperti del settore, ha predisposto un questionario di 28 domande afferenti il tema della gestione dei rischi da sottoporre ad un campione selezionato di imprese italiane, rappresentativo delle aziende operanti nel territorio nazionale. Il questionario, strutturato esclusivamente con domande a risposta chiusa, è stato suddiviso nelle quattro seguenti sezioni: 1. informazioni sull'azienda; 2. sistema di gestione dei rischi aziendali; 3. rischi rilevanti e risk management; 4. tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. La prima sezione è stata essenzialmente volta ad ottenere un quadro identificativo dell'azienda: posizione aziendale del compilatore; fatturato e numero di dipendenti; settore merceologico.

2 La seconda sezione si è concentrata sugli aspetti relativi al sistema di gestione dei rischi indagando la formalizzazione o meno dello stesso, le modalità che hanno portato o porteranno a svilupparlo, nonché la responsabilità della supervisione. La terza sezione ha analizzato la rilevanza delle varie tipologie di rischio esaminando le modalità con cui le stesse vengono gestite. Inoltre, ha investigato il sistema di risk management adottato: struttura, personale dedicato, funzioni e strumenti utilizzati. Infine, la quarta ed ultima sezione ha posto l'attenzione sul tema della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, verificando in modo puntuale quanto messo in essere dalle aziende soprattutto oltre ciò che comporta l obbligo di legge. Il campione di aziende al quale è stato sottoposto il questionario è stato selezionato secondo le seguenti caratteristiche: settore di appartenenza: industria (60%); commercio (25%); servizi (15%); area geografica: Nord-Ovest (35%); Nord-Est (25%); Centro (20%); Sud e Isole (20%); fatturato: superiore ai 10 milioni di Euro, suddiviso in piccole e medie imprese (PMI) con fatturato compreso tra 10 e 50 milioni di euro (50%) e in grandi imprese (GI) con fatturato superiore a 50 milioni di euro (50%). Sono state quindi contattate aziende con l obiettivo, raggiunto, di raccogliere 250 questionari compilati. Dai primi dati emersi dal campione può dirsi che la cultura della gestione del rischio sia presente all'interno non solo delle grandi imprese ma anche di quelle di minori dimensioni. L'analisi dimensionale in termini di fatturato mostra, infatti, che la maggior parte delle aziende partecipanti al progetto di ricerca sono PMI (60%). Inoltre, è possibile osservare che la maggior parte delle aziende coinvolte (41%) afferisce alla fascia di fatturato più bassa, mentre per le altre fasce la ripartizione è abbastanza equa. Figura 1 - Composizione delle aziende intervistate in base al fatturato (in milioni di ) Relativamente ai settori merceologici di appartenenza, le percentuali di partecipazione sono piuttosto differenziate: le aziende appartenenti al settore industriale evidenziano una percentuale di partecipazione (62%) in linea con la composizione del campione delle aziende contattate (60%); più elevata (28%) rispetto alla composizione del campione (15%) quella delle aziende di servizi; più esigua (10%) quella delle aziende appartenenti al settore del commercio.

3 La Gestione dei Rischi Aziendali: i risultati della ricerca L'attenzione verso le tematiche della gestione del rischio è notevolmente aumentata negli ultimi anni, data l'esigenza sempre più evidente per le aziende di disporre di un modello di riferimento valido per identificare, misurare e valutare gli eventi incerti che gravano sull'organizzazione. Le aziende di qualsiasi tipologia e dimensione, continuamente esposte a differenti rischi, necessitano di sviluppare e adottare idonei sistemi per il loro governo al fine di gestire il cambiamento e l'incertezza, rafforzare ed accrescere la propria capacità di creare valore per gli stakeholder. Il grado di diffusione della cultura della gestione del rischio nel panorama delle aziende italiane sembra essere elevato. L'analisi dei dati raccolti mostra, infatti, come la maggior parte delle aziende intervistate (79%) dichiari di aver studiato e formalizzato al proprio interno un sistema di gestione dei rischi. Più specificatamente, come è possibile osservare in figura 2, dallo studio emerge che il 55% delle aziende adotta un sistema di gestione dei rischi integrato, ovvero un approccio globale che si applica a tutti i rischi aziendali e a tutte le aree di attività mettendo in essere un processo continuo e pervasivo che interessa l'intera l'organizzazione. Una percentuale minore di aziende (24%), afferma di aver studiato e formalizzato una gestione dei rischi segmentata, considerando dunque solo alcune tipologie di rischi aziendali ed alcune aree di attività senza il coordinamento o la supervisione di un'unica funzione aziendale. Per quanto concerne la parte residuale di risposte (21%) si tratta di aziende che non hanno implementato alcun tipo di sistema formale di gestione dei rischi. Tra queste da notare però che il 13% sta valutando la possibilità di introdurlo in futuro, mentre solo l'8% delle aziende intervistate non ha mai considerato tale possibilità. Figura 2 - Percentuale di utilizzo di metodi diversi per la gestione dei rischi nelle aziende italiane In riferimento alle modalità utilizzate per lo sviluppo e la definizione di idonei ed efficaci sistemi di gestione dei rischi le risposte ottenute si distribuiscono abbastanza equamente fra le diverse possibilità individuate. La maggior parte delle aziende (54%) afferma di aver sviluppato internamente il sistema utilizzato, dividendosi poi in uguale percentuale (27%) tra coloro che non hanno fatto riferimento ad alcun standard o linee guida e coloro che, invece, se ne sono avvalsi. Il restante 46% delle aziende intervistate ha sviluppato il proprio sistema di gestione dei rischi mediante il supporto di consulenti esterni, tra cui il 21% senza riferimenti a standard o linee guida specifici mentre il 25% facendone uso.

4 Infine (figura 3), l'analisi dei dati mostra come la metà delle aziende collaboranti all'indagine dichiarano di affidare la responsabilità della supervisione del sistema di gestione dei rischi al vertice aziendale. Infatti, il 51% di risposte sono state riscontrate in riferimento alla figura del CEO, dell'amministratore Delegato, del Direttore Generale o del Titolare dell'azienda. Minori sono le percentuali per chi afferma che tale responsabilità spetta al CRO - Risk Manager (11%), alla direzione finanziaria (7%), al Responsabile dell'internal Auditing(6%) e alla figura dell'insurance Risk Manager (5%). Tra coloro che indicano come risposta altro, le maggiori specificazioni hanno riguardato il Responsabile di Prevenzione e Protezione (RSPP) e l'affidamento di tale responsabilità a consulenti o personale esterno all'azienda. Figura 3 - Soggetti responsabili della supervisione del sistema di gestione dei rischi Rischi rilevanti e modalità di gestione Un obiettivo del progetto di ricerca ha riguardato, innanzitutto, l'individuazione delle tipologie di rischio ritenute maggiormente rilevanti dalle aziende italiane e, successivamente, le modalità con cui gli stessi vengono gestiti. Relativamente al primo punto, sono state individuate diverse tipologie di rischio per ognuna delle quali era possibile indicare la rilevanza all'interno del proprio business scegliendo fra quattro livelli di importanza diversi, ovvero: estremamente rilevante (ER), rilevante (R), moderatamente rilevante (MR) e per niente rilevante (NR).

5 Figura 4 - La rilevanza assegnata alle varie tipologie di rischio Il rischio giudicato più rilevante è quello connesso al personale (solo per il 4% dei rispondenti non è rilevante e per circa il 64% dei rispondenti è estremamente rilevante o rilevante ). Anche i rischi connessi ai sistemi informatici, alla corporate governance, quelli assicurativi e operativi sono tenuti in grande considerazione (meno del 10% dei rispondenti dichiara che non sono rilevanti). Sono invece giudicati relativamente meno rilevanti i rischi commerciali, i finanziari, i legali/regolamentari e quelli ambientali (una quota compresa tra il 10% e il 20% dei rispondenti dichiara che non sono rilevanti). Un ulteriore obiettivo dell'indagine ha riguardato l'analisi delle modalità con cui vengono gestiti i rischi nelle aziende intervistate: tutte le tipologie di rischio sono in netta prevalenza gestite attraverso politiche e procedure formalizzate nell'ambito di un sistema integrato (ERM) o di un sistema segmentato (RM) di gestione dei rischi. La gestione da parte di responsabili operativi senza far riferimento a processi standardizzati (OMR) o, addirittura, la non gestione dei rischi in esame o la loro non rilevanza (NR) assumono valori percentuali molto minori rispetto alle altre opzioni. Figura 5 - La gestione delle varie categorie di rischio nelle aziende italiane

6 Il Risk Management nelle aziende italiane Il processo di gestione del rischio deve essere un processo continuo e graduale che permette la comprensione dei potenziali aspetti positivi e negativi dei fattori che possono influenzare l organizzazione, incrementa le probabilità di successo e riduce sia le probabilità di fallimento, sia l incertezza sul raggiungimento degli obiettivi aziendali. L'indagine si è concentrata nell'evidenziare gli strumenti implementati dalle aziende per l'analisi, la stima e la valutazione dei rischi incombenti sul proprio business. Le possibili tecniche a disposizione si dividono in: quantitative (ad es. value at risk; modelli statistici; simulazioni Monte Carlo, ecc.) e semiquantitative e qualitative (come matrici probabilitàimpatto; approccio ALARP, ecc.). Le prime si pongono l'obiettivo di stimare la distribuzione della variabile aleatoria rappresentativa dei rischi aziendali oggetto d'indagine e permettono di utilizzare un criterio razionale a supporto delle decisioni d'impresa. Le tecniche semiquantitative e qualitative, invece, forniscono una descrizione qualitativa o numerica delle possibili frequenze e conseguenze del rischio, senza determinare delle vere e proprie misure di rischio (giudizio qualitativo o semi-quantitativo). Un'adeguata analisi, stima e valutazione dei rischi è però possibile ricorrendo a tutte e tre le diverse tecniche: quelle qualitative e semiquantitative per una selezione delle principali categorie di rischio; quelle quantitative per stimare con maggiore precisione i rischi giudicati maggiormente rilevanti. La maggior parte delle aziende rispondenti (44%) utilizza sia strumenti qualitativi o semiquantitativi sia strumenti quantitativi. Peraltro, è ancora significativa la quota di aziende che dichiara di non utilizzare nessuno strumento particolare (32%) o di utilizzare solo strumenti qualitativi o semiquantitativi (24%). Un ulteriore obiettivo del progetto di ricerca è stato quello di cercare di analizzare come le aziende intervistate hanno definito e realizzato eventuali programmi assicurativi. La metà delle aziende ha affermato di avvalersi della collaborazione sia del proprio personale sia di broker, intermediari e/o consulenti esterni, il 26% dichiara di ricorrere prevalentemente a broker, intermediari e/o consulenti esterni, mentre il 24% dichiara di impiegare in tale operazioni prevalentemente proprio personale dedicato. Figura 6 - Soggetti ai quali le aziende ricorrono per la definizione e la realizzazione di programmi assicurativi

7 In relazione poi ai principali servizi che le aziende si attendono nell'ambito dei programmi assicurativi dalla compagnia o dai broker le risposte fornite si distribuisono in maniera equa tra le diverse opzioni individuate. Figura 7 - I servizi attesi dalle aziende nell'ambito dei programmi assicurativi In particolare, sono il 44% le aziende che si attendono di ottenere dei premi più contenuti ed il 38% coloro che si aspettano un adeguato supporto alla gestione dei rischi assicurativi. A seguire, con percentuali molto vicine tra loro, le aziende che pensano che nell'ambito dei loro servizi assicurativi la compagnia o i broker dovrebbero fornirgli un'adeguata gestione dei sinistri (32%); un'adeguata definizione delle clausole contrattuali della polizza (31%); ed infine un'adeguata gestione amministrativa delle polizze (30%).

8 Tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro: i risultati della ricerca Il Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008, conosciuto come Testo Unico in materia di Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro (TUSL), in attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, ha riformato, riunito ed armonizzato, anche abrogandole, le disposizioni dettate dalle numerose normative in materia succedutesi nell'arco di quasi sessant'anni, al fine di adeguare il corpus normativo all'evolversi della tecnica e del sistema di organizzazione del lavoro. Data l'importanza di tale testo normativo, l'indagine conoscitiva ha fatto riferimento ad esso indagando ciò che le aziende italiane hanno attuato in ottemperanza ai numerosi oneri a loro carico. In prima battuta l'interesse della ricerca si è focalizzato sulla rilevanza del rischio d'infortuni in considerazione della tipologia di attività svolta. Ciò che è emerso evidenzia che per più della metà delle aziende intervistate il rischio di incidenti sul lavoro è da considerarsi basso (53%), anche se una percentuale non trascurabile di rispondenti lo indica come rilevante (28%), rafforzata dal numero di coloro per i quali tale rischio risulta essere estremamente rilavente (7%). Infine, sono il 13% coloro che dichiarano un rischio infortuni trascurabile. Figura 8 - La rilevanza del rischio d'infortuni per le aziende intervistate in considerazione dell attività svolta. Nonostante il D.lgs. 81/08 abbia introdotto una serie di obblighi documentali e operativi accrescendo i doveri normativi a carico di tutte le aziende, la maggioranza di queste lo ritiene essere un reale contributo alla prevenzione degli infortuni sul lavoro (70%). I risultati emersi individuano come pochi rispondenti considerino il TUSL un documento di modesta utilità reale (10%), oppure pensino che lo stesso comporti un impegno economico ed organizzativo sproporzionato e richieda una documentazione e una burocrazia eccessiva (20%). L'interesse dell'indagine nei confronti della disciplina emanata dal D.lgs. 81/08 nasce soprattutto dalla forte rilevanza assegnata al processo di gestione del rischio all'interno di tale documento. Di tale processo è il datore di lavoro ad essere designato dalla norma come soggetto responsabile, potendo però delegare alcune funzioni nel rispetto dei limiti e delle condizioni indicate dall'art. 16 del D.lgs. 81/08, ad eccezione di due funzioni (art. 17), ovvero: la valutazione di tutti i rischi con la conseguente elaborazione del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR); e la designazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi (RSPP). La redazione del Documento di Valutazione dei Rischi è percepita come positiva da quasi la totalità delle aziende partecipanti alla ricerca: il 58% delle aziende ritiene che il DVR sia un

9 documento indispensabile per migliorare la sicurezza sul lavoro e il 31% lo considera capace di formalizzare le attività di prevenzione rendendole comprensibili a tutti i livelli organizzativi. Solo l'11% dei rispondenti pensa che sia troppo complesso, ponderoso e poco utile. Figura 9 - Il parere delle aziende intervistate sul Documento di Valutazione dei Rischi In riferimento alla designazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione il Testo Unico prevede la possibilità di nomina di soggetti interni, esterni o lo svolgimento diretto dei compiti propri derivanti da tale servizio da parte del titolare stesso (artt. 31 e 34). In ciascun caso è necessario che tali soggetti siano in possesso di capacità e requisiti professionali adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e di quelli relativi alle attività lavorative (art. 32). Nella maggioranza delle aziende partecipanti all'indagine conoscitiva la carica di RSPP è ricoperta o dal datore di lavoro o da un dipendente interno all'azienda (47%). Solo nel 23% dei casi tale responsabilità è affidata a consulenti esterni. Il 29% delle aziende dichiara che la nomina del soggetto affidatario è avvenuta formalmente. Figura 10 - Soggetti Responsabili del Servizio Prevenzione e Protezione nelle aziende intervistate Sempre in riferimento al Servizio di Prevenzione e Protezione il D.lgs. 81/08 prevede l'effettuazione di una riunione, almeno una volta all'anno, sulla prevenzione e la protezione rischi. La quasi totalità delle aziende (90%) ritiene sia un'ottima opportunità per lo sviluppo

10 della sicurezza aziendale. La sua bassa utilità viene indicata solo dal 10% delle aziende, percentuale che aumenta, anche se in minima misura, per le aziende di minori dimensioni le cui più scarse risorse rendono a volte più oneroso l'adempimento agli obblighi normativi. Figura 11 - Parere sulla riunione annuale di prevenzione e protezione rischi Un ulteriore compito dell RSPP è quello di programmare momenti di formazione del personale e provvedere alla diffusione delle informazioni. Il TU non specifica le modalità tramite cui divulgare le informazioni richieste, lasciando perciò libertà di scelta in tal senso. Le aziende intervistate dichiarano di comunicare tutte le informazioni soprattutto mediante formazione d'aula (44%), con una percentuale molto bassa tra chi la realizza tramite la distribuzione di un opuscolo informativo (8%). Inoltre, nel 44% dei casi la formazione e l'informazione vengono regolarmente effettuate sia nel caso di variazioni intervenute nel testo legislativo, sia nel caso di inserimento di nuovo personale. Figura 12 - Le modalità di informazione ai lavoratori Successivamente l'indagine si è concentrata sull'utilizzo dei Dispositivi di Protezione Individuali: l'87% delle aziende rispondenti utilizza al proprio interno dispositivi di protezione individuali e la maggior parte li considera un reale contributo alla sicurezza sul lavoro.

11 Figura 13 - Utilizzo dei Dispositivi di Protezione Individuali La riduzione dei rischi d'infortunio avviene, soprattutto, tramite il corretto utilizzo delle ordinarie attrezzature da lavoro, che devono essere conformi ai dispositivi di legge, idonee ai fini della salute e sicurezza e, ovviamente, adeguate al lavoro da svolgere. Notevole importanza assume anche la loro manutenzione; su questo aspetto le aziende intervistate mostrano una forte attenzione: in maggioranza dichiarano che la manutenzione degli ambienti, delle attrezzature e degli impianti di lavoro debba essere formalizzata ed effettuata sulla base di una attenta pianificazione (60%); il 37% ne dichiara la necessaria regolarità, mentre solo il 3% ritiene sia sufficiente effettuarla a fronte di incovenienti. Figura 14 - La manutenzione degli ambienti, attrezzature e degli impianti: l'importanza assegnata dalle aziende intervistate

12 Conclusioni Il progetto di ricerca messo in essere ha permesso di sottolineare alcuni degli aspetti caratterizzanti le imprese operanti nel nostro territorio in relazione alle nuove esigenze in tema di gestione del rischio. In particolare, l'analisi dei dati ha evidenziato una particolare attenzione al tema oggetto di studio da parte di aziende di varie dimensioni e tipologia, afferenti in misura maggiore al settore industriale e a quello dei servizi. Pertanto sembra che tutte le aziende, senza nessuna distinzione, siano molto attive nel campo della gestione dei rischi, forse anche a causa della crisi attuale che ha fatto emergere con forza l'importanza di una gestione proattiva degli stessi, ovvero capace di considerare anticipatamente potenziali eventi dannosi al fine di poterli trasformare in opportunità di creazione di valore. Altro dato positivo sembra pervenire dal sistema di gestione dei rischi utilizzato dalle aziende intervistate il quale risulta essere, per oltre la metà delle aziende collaboranti, di tipo integrato, cioè legato a tutti gli aspetti dell'attività d'impresa e capace di considerare tutti i rischi attraverso il coordinamento e la supervisione di un'unica funzione aziendale. Ulteriormente, lo studio effettuato pare indicare una rilevanza molto elevata per le diverse tipologie di rischio che le aziende devono affrontare nello svolgimento della propria attività. Infatti, tutti i differenti rischi individuati nel questionario sottoposto all'attenzione delle aziende componenti il campione hanno ottenuto la qualifica di rischi estremamente rilevanti o rilevanti. Questo potrebbe indicare un atteggiamento di particolare attenzione da parte delle organizzazioni agli eventi incerti che quotidianamente insidiano il loro operato. Atteggiamento attento che si traduce poi nell'adozione di procedure gestionali per lo più di tipo formalizzato e nell'utilizzo di strumenti sia qualitativi o semiquantitativi sia quantitativi, in modo da attuare un idoneo ed efficace processo di analisi, stima e valutazione dei rischi. Tale attenzione all'attiva gestione dei rischi aziendali si riflette positivamente anche sul tema della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. La maggioranza delle aziende intervistate, infatti, sembra evidenziare un atteggiamento positivo nei confronti degli obblighi di compliance derivanti dalla normativa di riferimento (il D.lgs.81/08). Con più precisione, ciò che emerge è che nonostante i gravosi oneri a carico delle aziende in tema di salute e sicurezza dei lavoratori, quest'ultime sfruttano l'obbligo di adempienza per sviluppare e perfezionare l'intero processo di risk mangement al fine di perseguire, da un lato, l'obiettivo della complessiva salute e sicurezza dei luoghi di lavoro, e, dall'altro, per ridurre o eliminare, ove possibile, tutti gli altri potenziali rischi che incombono sulla loro sfera di attività. Per concludere è quindi possibile affermare che i risultati dell'indagine evidenziano una particolare attenzione da parte delle aziende italiane al tema della gestione dei rischi, denotando un livello di cultura del governo degli stessi abbastanza confortante. Esse, infatti, sembrano cercare di cogliere anticipatamente tutte le mutevolezze dell'ambiente nel quale vivono ed operano, considerando in modo positivo le incertezze legate al business di riferimento al fine di tramutarle in opportunità di successo.

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 1 di 7

Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 1 di 7 Sito ufficiale della Regione Liguria Pagina 1 di 7 Progetto Il progetto nazionale Il progetto regionale Gli obiettivi La gestione del progetto Le macrofasi del progetto Punti di criticità e problemi aperti

Dettagli

Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati

Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati Per facilitare la lettura del testo, si è scelto di non utilizzare esplicitamente la formulazione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE 25.2.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/51 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 15 febbraio 2005 sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO R E G I O N E V E N E T O R E J O N V E N E T O P R O V I N C I A D I B E L L U N O P R O V I N Z I A D E B E L U N COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO CAP 32043 Corso Italia, 33 Tel. 0436 4291

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo.

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. Le risposte negative vengono memorizzate con i valori 1 e 2. Le risposte positive

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Workshop. Small Business Act, Statuto delle imprese e condizionalità 2014-2020: AIR e Test PMI

Workshop. Small Business Act, Statuto delle imprese e condizionalità 2014-2020: AIR e Test PMI Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Servizio analisi e verifica dell impatto della regolamentazione Programma Operativo di Assistenza Tecnica alle

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Indagine sul grado di soddisfazione del Servizio: Estate ragazzi/estate bambini. Presentazione dei risultati NOVEMBRE 2012

Indagine sul grado di soddisfazione del Servizio: Estate ragazzi/estate bambini. Presentazione dei risultati NOVEMBRE 2012 4.0 Ripartizione Servizi alla Comunità Locale 4.0 Abteilung für Dienste an die örtliche Gemeinschaft 4.4.2 Servizio Attività del Tempo Libero 4.4.2. Dienststelle für Freizeittätigkeiten Indagine sul grado

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici Altri atti o documenti - 13 maggio 2004 Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici sottoscritto da: Conferenza dei Rettori delle Università

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato Maggio 2010 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli