Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi aziendali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi aziendali"

Transcript

1 Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi aziendali Working Paper Protiviti Giugno 2014

2 Il presente Working Paper è proprietà di Protiviti Srl. I suoi contenuti non possono essere riprodotti, in tutto o in parte, o citati per la distribuzione senza il preventivo consenso scritto di Protiviti Srl. Seconda edizione di stampa: Luglio Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi

3 Indice Premessa 1 1 La centralità del Board in tema di gestione dei rischi secondo il Codice di Autodisciplina 5 2 Un quadro di riferimento per la determinazione della propensione al rischio aziendale 9 3 Un quadro di riferimento per l esame dei rischi a cura del Board Rischi connessi alla gestione ordinaria del business Rischi connessi ai piani e alle iniziative strategiche sottoposte all esame e approvazione del Board Rischi catastrofici e Black Swan 23 4 Il ruolo del Risk Officer e dell Internal Audit a supporto del sistema di gestione dei rischi Il ruolo del Risk Officer Il ruolo dell Internal Audit 27 5 Alcune domande chiave per il Board 29

4

5 Premessa Non esiste rendimento senza rischio: qualsiasi azienda, nel perseguimento dei propri obiettivi, assume rischi. Ne consegue che il rischio, inteso come qualsiasi evento incerto in grado di influenzare il raggiungimento degli obiettivi aziendali, è un elemento imprescindibile del fare impresa e il suo presidio rappresenta parte integrante e fondamentale delle responsabilità manageriali di gestione del business. É, questa, una presa di consapevolezza che ha ispirato anche il Codice di Autodisciplina per le Società Quotate nelle sue più recenti raccomandazioni in materia di gestione dei rischi (edizione dicembre 2011). Si rafforza, così, la convinzione che l assunzione consapevole dei rischi e la loro compatibilità con gli obiettivi perseguiti e i risultati attesi siano condizione necessaria ai fini della sostenibilità e continuità dell impresa nel medio-lungo periodo. In altri termini, il sistema di gestione dei rischi raccomandato dal Codice di Autodisciplina deve consentire alle società di: comprendere i principali rischi e opportunità cui il business è esposto; stabilire il livello di rischio ritenuto accettabile e assumere conseguentemente decisioni di business coerenti con il profilo di rischio-rendimento atteso; adottare regole, procedure, presidi e strumenti di trattamento adeguati a mantenere il profilo di rischio entro i livelli di accettabilità definiti. Nell ambito di tale sistema, il Consiglio di Amministrazione (di seguito anche Board ), previo lavoro istruttorio del Comitato Controllo e Rischi e con il supporto dell Amministratore incaricato del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi, assume un ruolo centrale sia nella definizione del profilo di rischio accettabile, sia nella valutazione e nel monitoraggio dell adeguatezza dei sistemi posti in essere per la gestione dei rischi. Le raccomandazioni del Codice di Autodisciplina rimangono, tuttavia, di alto livello e non forniscono indicazioni pratiche su come tali responsabilità dovrebbero in concreto essere espletate, lasciando così discrezionalità alle aziende nell individuare il modello e l approccio più consoni alle proprie caratteristiche. Alcune domande sono tuttavia, a nostro avviso, d obbligo. Qual è il ruolo che il Board dovrebbe svolgere in sede di determinazione della propensione ai rischi aziendali e di esame del profilo di rischio assunto? Quali sono i rischi che il Board dovrebbe esaminare e gli strumenti di analisi che potrebbero essere messi a sua disposizione? Con quale frequenza il Board dovrebbe svolgere le proprie analisi e valutazioni? Quali soggetti potrebbero assistere il Board nell espletamento delle responsabilità assegnate? É proprio da queste domande che è nata l idea di sviluppare il presente contributo, con l intento di fornire agli organi amministrativi e di controllo delle società quotate e, più in Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi 1

6 generale, di qualsiasi realtà imprenditoriale che desideri allineare i propri sistemi alle best practice di governance, un quadro di riferimento pratico per un espletamento maggiormente consapevole delle responsabilità in materia di gestione dei rischi. Per un miglior inquadramento della presente pubblicazione, precisiamo che il lavoro non ha inteso affrontare tutti gli aspetti attinenti il Sistema di controllo interno e di gestione dei rischi di cui all Art. 7 del Codice di Autodisciplina, bensì i passaggi più strettamente connessi alla Gestione del rischio, focalizzando l attenzione sui possibili contributi che il Board potrebbe fornire in quest ambito. Al riguardo, il quadro di riferimento proposto, che trae spunto sia da soluzioni avanzate di risk management osservate sul campo, sia da contributi forniti a livello internazionale da autorevoli organizzazioni 1, tocca vari ambiti di interesse per il Board, fra i quali: il ruolo che l organo amministrativo può svolgere nella determinazione della propensione al rischio aziendale (c.d. Risk Appetite); il ruolo e i contributi che può fornire in sede di esame e valutazione di: rischi e opportunità 2 connessi all ordinaria gestione del business, il cui presidio rientra nelle responsabilità di gestione e controllo degli organi delegati e rispetto ai quali il Board dovrebbe svolgere un ruolo di supervisione; rischi e opportunità connessi ai piani e alle iniziative strategiche sottoposti all esame e approvazione del Board, per i quali quest ultimo dovrebbe svolgere un ruolo attivo di challenge al fine di meglio valutare la robustezza dei piani e la compatibilità dei rischi sottostanti con gli obiettivi strategici in esso riflessi; rischi catastrofici e Black Swan, per i quali il Board dovrebbe valutare il grado di resilienza aziendale e la capacità di risposta del Management in caso di accadimento degli stessi. La pubblicazione affronta altresì i temi relativi al diverso ruolo, alle responsabilità e ai compiti che possono essere attribuiti al Risk Officer (o figura analoga) e all Internal Audit con riguardo ai sistemi di gestione dei rischi, a supporto dell Amministratore incaricato e del Board. Consapevoli che non esiste una risposta univoca ai temi oggetto di approfondimento e che gli approcci e le soluzioni adottabili non possono prescindere dalle peculiarità organizzative, 1 A framework of Board Oversight of Enterprise Risks, The Canadian Institute of Chartered Accountants (2012). ICGN Corporate Risk Oversight Guidelines, International Corporate Governance Network (2010). Effective Enterprise Risk Oversight. The role of the Board of Directors, COSO (2009). 2 Nel proseguo del documento, la parola rischi viene utilizzata nella sua accezione più ampia, ovvero di evento incerto che può produrre effetti negativi o positivi sugli obiettivi e sulle performance aziendali (in quest ultimo caso, opportunità). 2 Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi

7 culturali e di business di un azienda (oltre che dagli eventuali vincoli normativi di settore 3 ), spetta ai Vertici aziendali valutare quali prassi adottare e stabilire con quale livello di profondità e gradualità procedere nella loro attuazione. In conclusione, considerato che la disciplina del governo e della gestione dei rischi è ancora in una fase evolutiva e di sperimentazione pratica nelle aziende, con interpretazioni e percorsi spesso diversi fra loro, ci auguriamo che la presente pubblicazione rappresenti un utile contributo per riflessioni e azioni concrete sull argomento e auspichiamo che la stessa possa essere in futuro arricchita sulla base delle ulteriori esperienze maturate nel contesto italiano e internazionale. Buona lettura. Emma Marcandalli Managing Director 3 Il riferimento è, in particolare, ai soggetti vigilati, per i quali si applicano, in materia di controllo interno e gestione dei rischi, le disposizioni stabilite dalle Autorità di Vigilanza. Queste ultime richiedono, ad esempio, l istituzione di apposite strutture o ruoli aziendali deputati alla gestione dei rischi, quali il Chief Risk Officer, la funzione di Compliance, un Risk Committee, formato da Manager e incaricato di coadiuvare gli organi sociali nel processo di analisi dei rischi. Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi 3

8

9 Sez. 1 La centralità del Board in tema di gestione dei rischi secondo il Codice di Autodisciplina L ultima edizione del Codice di Autodisciplina ha rafforzato i concetti connessi alla gestione dei rischi, disciplinando le responsabilità in capo al Consiglio di Amministrazione negli Articoli 1 e 7 di seguito richiamati. Rif. Codice Art. 1, criterio applicativo 1.C.1, lettere a) e b) Raccomandazione Esamina e approva i piani strategici, industriali e finanziari dell emittente e del gruppo di cui esso sia a capo, monitorandone periodicamente l attuazione. Definisce la natura e il livello di rischio compatibile con gli obiettivi strategici dell emittente. Le responsabilità articolate nell ambito del citato Articolo 1, Criterio Applicativo 1.C.1 sono focalizzate sui piani strategici, industriali e finanziari dell emittente e del gruppo ad esso facente capo e sui rischi che potrebbero compromettere il raggiungimento degli obiettivi strategici. L espletamento di tali responsabilità non può, pertanto, prescindere dall identificazione e misurazione ( natura e livello ) dei principali rischi connessi ai piani sottoposti all esame e approvazione del Consiglio e dalla valutazione della loro accettabilità ( compatibilità ) rispetto agli obiettivi strategici perseguiti (c.d. Risk Appetite). Se ne deduce che l analisi dei principali fattori di rischio debba essere integrata nei processi di definizione degli obiettivi e delle strategie aziendali ed essere svolta dal Consiglio di Amministrazione contestualmente all esame e approvazione dei piani e delle iniziative strategiche, al fine di contribuire all assunzione di decisioni consapevoli e favorire l adozione dei necessari presidi, rafforzando così la capacità aziendale di realizzare gli obiettivi prefissati. Al Consiglio di Amministrazione sono altresì assegnate le seguenti ulteriori responsabilità: Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi 5

10 Rif. Codice Art. 7, criterio applicativo 7.C.1, lettere a) e b) Raccomandazione Definisce le linee di indirizzo del sistema ( ) affinché i principali rischi afferenti all emittente e alle sue controllate risultino correttamente identificati, nonché adeguatamente misurati, gestiti e monitorati, determinando inoltre il grado di compatibilità di tali rischi con una gestione dell impresa coerente con gli obiettivi strategici individuati. Valuta l'adeguatezza del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi rispetto alle caratteristiche dell'impresa e al profilo di rischio assunto, nonché la sua efficacia. L Articolo 7, facendo più genericamente riferimento ai principali rischi afferenti all emittente e alle sue controllate, estende il perimetro d esame a tutte le tipologie di rischio cui l azienda è esposta, includendo, oltre ai rischi di natura strategica in grado di compromettere la realizzazione dei piani e delle iniziative di sviluppo del business, anche quelli di natura operativa che potrebbero, ad esempio, mettere in discussione la continuità e l efficienza operativa, l integrità e correttezza dei comportamenti, la reputazione aziendale, la completezza e trasparenza delle informazioni. La gestione dei rischi dovrebbe, inoltre, essere estesa anche a quelli meno probabili, ma potenzialmente catastrofici, in grado, in caso di accadimento, di compromettere seriamente la sostenibilità aziendale. Rispetto ai principali rischi cui l azienda è esposta, al Board è richiesto di (i) definire le linee di indirizzo per la loro identificazione, misurazione, gestione e monitoraggio e (ii) valutare l adeguatezza e l efficacia complessiva dei sistemi di gestione e controllo implementati, tenuto conto delle caratteristiche dell impresa e del profilo di rischio cui l impresa è esposta. Da un punto di vista di governance, infine, per l espletamento delle responsabilità in materia di gestione dei rischi, il Codice raccomanda che il Consiglio di Amministrazione si avvalga di: Rif. Codice Raccomandazione Art. 7, principio 7.P.3 Uno o più amministratori incaricati dell istituzione e del mantenimento di un efficace sistema di controllo interno e di gestione dei rischi. Un Comitato Controllo e Rischi, con il compito di supportare, con un adeguata attività istruttoria, le valutazioni e le decisioni del Consiglio relative al sistema di ( ) gestione dei rischi. Gli altri ruoli e funzioni aziendali con specifici compiti in tema di ( ) gestione dei rischi, articolati in relazione a dimensioni, complessità e profilo di rischio dell impresa. Il responsabile della funzione di internal audit, incaricato di verificare che il sistema sia funzionante e adeguato. 6 Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi

11 Le responsabilità in capo al Board presuppongono un lavoro preparatorio del Comitato Controllo e Rischi e possono essere espletate attraverso il supporto operativo dell Amministratore incaricato del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi, che rappresenta l interlocutore principale del Consiglio nel dare corso alle attività di identificazione, misurazione, gestione e monitoraggio dei rischi. È consigliabile che l Amministratore incaricato coincida con l Amministratore delegato, al quale compete la responsabilità complessiva della gestione aziendale, ivi inclusi gli aspetti di governo e controllo dei rischi ad essa connessi. A sua volta, per l elaborazione delle informazioni al Board, l Amministratore incaricato del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi può coinvolgere il Management aziendale (c.d. controllo di primo livello ) e può avvalersi, in relazione alla complessità organizzativa e del profilo di rischio assunto, di strutture di supporto totalmente dedicate (e.g. Risk Officer) o già esistenti, cui possono aggiungersi compiti di coordinamento e sintesi del processo di analisi, monitoraggio e reporting dei rischi (c.d. controllo di secondo livello ). L Internal Audit rappresenta, invece, la funzione aziendale deputata a verificare in via indipendente che il sistema di gestione dei rischi sia, nel suo complesso, adeguato e funzionante (c.d. controllo di terzo livello ). Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi 7

12 8 Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi

13 Sez. 2 Un quadro di riferimento per la determinazione della propensione al rischio aziendale Cos è il Risk Appetite Il Codice di Autodisciplina richiede che il Board definisca il grado di compatibilità della natura e del livello di rischio assunto con una gestione dell impresa coerente con gli obiettivi strategici dell emittente ovvero, in altre parole, che stabilisca la propensione al rischio aziendale (c.d. Risk Appetite). Il Risk Appetite rappresenta, dunque, la decisione top-down circa il grado di rischio che l emittente è disposto ad assumere nel perseguire i propri obiettivi strategici: tale propensione potrebbe essere espressa sia come livello di variabilità degli obiettivi perseguiti, sia come vincoli e/o divieti volti ad indirizzare i comportamenti e le scelte del Management, con la finalità di allineare il profilo di rischio assunto (c.d. Risk Profile) alle priorità aziendali e alle aspettative degli Stakeholder. Definire il Risk Appetite non significa adempiere ad un mero esercizio di compliance; al contrario, significa dotarsi di uno strumento strategico di governo aziendale, legato ai processi di definizione e monitoraggio degli obiettivi e dei piani aziendali. La definizione della propensione al rischio, essendo per sua natura strategica, non può che essere una responsabilità degli amministratori dell impresa. Da un punto di vista pratico, la propensione al rischio può essere espressa attraverso la definizione di livelli (o vincoli) riferiti ad indicatori quali-quantitativi rilevanti per l azienda, quali (a titolo esemplificativo): parametri finanziari: EBIT o EBITDA, Free Cash Flow, Earning per Share, Debt Rating, Net Debt/Equity Ratio, ecc.; parametri strategici: concentrazione del portafoglio prodotti/mercati/clienti, prodotti ammessi e non, investimenti ammessi e non, requisiti di sustainability e responsabilità d impresa, ecc.; parametri operativi: soddisfazione dei clienti/dipendenti/terze parti strategiche, continuità dei servizi offerti, saturazione degli impianti, dipendenza da terze parti, ecc.; parametri di compliance: requisiti di salute, sicurezza e ambiente, pratiche commerciali ammesse e non, ecc.; Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi 9

14 in relazione ai quali il Board potrebbe discutere e definire 4 : il livello massimo di rischio assumibile (Risk Capacity), ovvero che l emittente è in grado di assumere senza incorrere in situazioni di crisi, fallimento o mancato rispetto di vincoli imposti dagli azionisti o dalle Autorità di Vigilanza (laddove esistenti); il livello di rischio obiettivo (Risk Target), ovvero che l emittente intende assumere per il raggiungimento dei propri obiettivi strategici, tenuto conto delle dimensioni e della complessità organizzativa e del modello di business adottati; la soglia di rischio tollerata (Risk Tolerance), intesa quale deviazione massima consentita dal livello di rischio obiettivo, che dovrebbe poi guidare la definizione di limiti di rischio più puntuali e delle correlate procedure di escalation in caso di superamento. Al fine di incrementare l efficacia del Risk Appetite e della compatibilità con il profilo di rischio assunto, i livelli di Risk Capacity, Tolerance e Target dovrebbero essere definiti sulle stesse metriche/indicatori chiave per l azienda, che solitamente coincidono con le metriche di valutazione degli eventi di rischio. Ruolo e contributo del Board Il Risk Appetite dovrebbe essere discusso e definito dal Board a livello complessivo d azienda, per poi essere declinato, a cura del Management, a livelli di maggior dettaglio (e.g., di unità organizzativa, di business unit, di area geografica, ecc.), coerentemente con gli obiettivi perseguiti e il modello organizzativo e di business adottato dall azienda. In particolare, come approfondito nella successiva Sezione 3, il Board potrebbe discutere e definire il Risk Appetite aziendale in sede di: esame e approvazione dei piani strategici, finanziari e industriali dell emittente, al fine di: fornire gli indirizzi sui livelli di rischio ritenuti accettabili, da aggiornare in sede di monitoraggio dei piani medesimi in ipotesi di cambiamenti significativi del contesto esterno e/o interno; verificare la coerenza degli obiettivi e delle strategie delineate nei piani con i livelli di rischio ritenuti accettabili; approvazione di specifiche linee di indirizzo ovvero politiche di gestione dei rischi significativi per l emittente, al fine di assicurare: l esistenza, ove necessario, di limiti o vincoli all assunzione dei rischi; l esistenza di processi di gestione e controllo strutturati; 4 Le definizioni dei vari livelli di Risk Appetite riportate nel presente documento si ispirano a quelle fornite da Banca d Italia nella Circolare Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, aggiornata il 2 luglio Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi

15 l adeguatezza delle deleghe al Management; l adeguatezza delle funzioni/risorse dedicate. Il Board dovrebbe altresì verificare periodicamente, con il supporto del Management e delle funzioni a ciò preposte: la coerenza fra il profilo di rischio effettivamente assunto in un dato istante temporale e le soglie di accettabilità definite a livello top-down e nell ambito delle politiche di rischio approvate; la coerenza delle politiche di remunerazione del Management rispetto alla propensione al rischio definita dal Board; l integrazione degli indirizzi/limiti fissati nei criteri di valutazione del Management per la determinazione della componente variabile; l esistenza e l efficacia di un processo di comunicazione degli indirizzi e dei limiti di rischio a tutti i livelli organizzativi. Ruolo e contributo degli altri attori del sistema Spetta, invece, all Amministratore incaricato del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi, anche con il supporto del Risk Officer (o figure analoghe, come meglio esplicitato alla successiva Sezione 4) e/o di Comitati Esecutivi o altri Comitati all uopo istituiti (e.g., Comitato di Risk Management), il compito di: fornire al Board le informazioni sulla natura e sul livello di rischio cui l emittente e le sue controllate sono esposti nel perseguimento degli obiettivi e nell esercizio del business (e.g., in sede di presentazione dei piani aziendali ovvero in altro momento con riguardo ai rischi tipici e ricorrenti per il business, come meglio descritto alla successiva Sezione 3); stabilire i limiti operativi all assunzione delle varie tipologie di rischio in coerenza con il Risk Appetite definito dal Board; assicurare la coerenza fra il livello di rischio accettato, la pianificazione aziendale, le politiche di governo dei rischi e il processo di gestione dei rischi, tenendo in considerazione l evoluzione delle condizioni interne ed esterne in cui opera l azienda e la sua complessità organizzativa e di business; implementare processi per il monitoraggio del rispetto degli indirizzi e dei limiti fissati. Approfondimenti ed esemplificazioni Si riportano di seguito alcuni approfondimenti e considerazioni pratiche sui livelli di rischio che potrebbero essere discussi e determinati in sede consiliare e, successivamente, declinati dal Management. Il quadro di riferimento nel seguito rappresentato si ispira alle disposizioni di Banca d Italia in materia di Sistema dei Controlli Interni (Circolare n. 263 del 27 dicembre 2006, aggiornata Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi 11

16 il 2 luglio 2013), applicabili agli istituti bancari. La sua estensione a settori non bancari non esclude, pertanto, possibili adattamenti o semplificazioni di taluni concetti. Impatto a Conto Economico Risk Tolerance Soglia di rischio tollerato Cash Flow Patrimonio Netto Risk Capacity Massimo livello di rischio sopportabile coerentemente con gli obiettivi perseguiti e i vincoli normativi Reputazione Risk Target Area di rischio obiettivo Risk Capacity È il livello massimo di rischio che un azienda è in grado di assumere nell esercizio del proprio business senza incorrere in situazioni di crisi, fallimento o mancato rispetto di vincoli imposti dagli azionisti o dalle Autorità di Vigilanza. In linea generale, tanto più elevata è la capacità aziendale di auto-finanziarsi, ricapitalizzarsi o ricorrere a fonti di finanziamento esterno, tanto maggiore sarà la sua capacità di assumere rischi (e.g., sopportare eventi catastrofici, perdere commesse o clienti strategici, perdere quote di mercato, ecc.). Tale soglia può essere espressa in termini quantitativi o qualitativi a livello complessivo d azienda. Ad esempio: livello massimo di indebitamento che un organizzazione è in grado di sopportare; livello minimo di redditività che un organizzazione è in grado di sostenere nel breve, medio e lungo; livello massimo di downgrade del rating del titolo/merito di credito sopportabile; livello minimo di adeguatezza del capitale regolamentare imposto dalle Autorità di Vigilanza; 12 Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi

17 situazioni di non conformità o altri eventi di natura endogena che, in caso di accadimento, possono compromettere la continuità aziendale e/o la sostenibilità dell organizzazione nel medio-lungo termine. La soglia di Risk Capacity è dinamica, in quanto può essere influenzata da diversi fattori, quali la situazione economica globale, la situazione dei mercati finanziari, gli outlook di settore o societari, cambiamenti nel modello di business, ecc. Risk Tolerance Riflette il livello massimo di rischio che un azienda è disposta a tollerare - ovvero non intende superare - nel perseguimento dei propri obiettivi (e.g., limiti minimi di risultati positivi ovvero massimi di risultati negativi). Tale soglia dovrebbe essere discussa e delineata: in sede di pianificazione strategica e operativa, con l obiettivo di indirizzare le strategie di medio-lungo termine dell emittente (e.g., individuazione di iniziative di investimento in linea con livelli di rischio tollerato); in sede di definizione delle modalità di governo e controllo dei principali rischi cui il business è esposto (e.g., approvazione di specifiche politiche di gestione del rischio/compliance con esplicitazione dei limiti operativi entro cui il Management deve operare ovvero dei divieti comportamentali o di assunzione di rischio). Può essere declinata a vari livelli di operatività (e.g., di gruppo, di tipologia di rischio, di business unit/prodotto, di area geografica/paese, ecc.) in relazione alle finalità (di indirizzo strategico versus controllo operativo delle operazioni aziendali) e alla complessità aziendale. In caso di declinazione su più livelli, è necessario assicurare coerenza fra gli stessi. Può essere espressa attraverso più parametri quantitativi o qualitativi, in relazione agli obiettivi perseguiti. Ad esempio: livello minimo di marginalità operativa che si è disposti a tollerare o di cash flow necessario per sostenere gli impegni di investimento dichiarati; livello massimo di capitale da investire in nuove iniziative; livello minimo di quota di mercato tollerato; tipologia di clienti, prodotti, mercati ammessi; livello massimo di concentrazione/dipendenza da clienti, prodotti, mercati, ecc.; aree geografiche nelle quali o con le quali non si intende operare (e.g., Paesi inclusi nelle Black List internazionali). La Risk Tolerance dovrebbe essere definita tenendo in considerazione: il contesto di riferimento; Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi 13

18 la maturità, stabilità, potenzialità di crescita del settore di business in cui l azienda opera; il posizionamento dell azienda nell Industry di riferimento; le aspettative degli Stakeholder; il livello di maturità dei processi e degli strumenti di risk management adottati. Risk Target Riflette il livello ottimale di rischio cui un azienda vuole tendere nel perseguimento degli obiettivi e rendimenti desiderati, in un ottica, quindi, di ottimale bilanciamento rischio-rendimento. Si tratta normalmente di una soglia inferiore (e quindi più prudente) rispetto alla Risk Tolerance, in quanto riflette il margine di sicurezza che l azienda intende tenersi rispetto ai livelli massimi di rischio tollerati. Per la sua definizione, occorre tener presente sia i fattori già delineati per la Risk Tolerance, sia i rendimenti attesi, al fine di individuare il miglior bilanciamento rispetto ai rischi da assumere. I livelli di rischio obiettivo indirizzano le azioni tattiche del Management (e.g., di breve-medio periodo), al fine di realizzare le strategie e raggiungere gli obiettivi di lungo periodo. Risk Profile Rappresenta la natura e il livello di rischio assunto dall organizzazione in un dato momento al netto dell effetto delle contromisure in essere. Dovrebbe essere misurato in modo coerente con i limiti sopra delineati (ovvero rispetto alle metriche e ai parametri quali-quantitativi articolati per i limiti tollerati e i livelli target) ed essere rilevato: in sede di esame, approvazione e monitoraggio dei piani strategici, finanziari o industriali (focus sui rischi di contesto e di natura strategica), così come in sede di pianificazione operativa; secondo le diverse frequenze stabilite per il monitoraggio dei rischi operativi di natura ricorrente, tipici del settore di business in cui l azienda opera (e.g., rischi commerciali, finanziari, industriali, di mercato, di compliance). Qualora il profilo di rischio assunto dovesse superare i limiti definiti, il Management dovrebbe valutare la revisione dei piani strategici in essere ovvero l attivazione di piani di recovery o di mitigazione, al fine di riportare l esposizione entro le soglie di accettabilità definite. 14 Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi

19 Sez. 3 Un quadro di riferimento per l esame dei rischi a cura del Board La determinazione della propensione al rischio aziendale in precedenza delineata richiede che il Board comprenda, valuti e monitori i rischi cui l azienda è esposta nel perseguimento dei propri obiettivi. Al riguardo, per un espletamento maggiormente consapevole di tali compiti, si propone di seguito un quadro di riferimento che prevede l esame da parte del Board dei seguenti ambiti: rischi e opportunità connessi alla gestione ordinaria/caratteristica del business; rischi e opportunità connessi ai piani e alle iniziative strategiche sottoposti all esame e approvazione del Consiglio (i.e. piani strategici, industriali e finanziari, investimenti rilevanti, operazioni straordinarie); rischi catastrofici/di discontinuità che potrebbero creare situazioni di stress o crisi per l azienda. Per ciascuno degli ambiti sopra delineati, i paragrafi che seguono forniscono alcuni spunti di riflessione con riguardo a: ruolo e contributo che il Board può fornire; tipologia di rischi da prendere in considerazione; frequenza/periodicità di valutazione a cura del Board; strumenti di analisi che il Board potrebbe avere a sua disposizione. Per gli aspetti metodologici e pratici più strettamente connessi alla valutazione di sintesi - da esprimere almeno annualmente a cura del Board - circa l adeguatezza del sistema di controllo interno e gestione dei rischi rispetto alle caratteristiche dell impresa e al profilo di rischio assunto, si rinvia ad altre specifiche e autorevoli pubblicazioni 5. 5 Si rinvia al documento Amministratori e componenti del Comitato controllo e rischi: come valutare la governance in tema di rischi e di controlli (febbraio 2013) curato da Carolyn Dittmeier e pubblicato da NedCommunity. Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi 15

20 3.1 Rischi connessi alla gestione ordinaria del business Ruolo e contributo del Board Le aziende sono esposte, nell esercizio ordinario del proprio business, a varie tipologie di rischio tipiche del settore di appartenenza o connaturate al modello organizzativo e operativo prescelto. Tali rischi hanno natura ricorrente e, quando rilevanti, richiedono una gestione nel continuo, sistematica e strutturata: il loro presidio rientra tipicamente nelle responsabilità ordinarie del Management aziendale. Rispetto a tali rischi, il Board dovrebbe svolgere principalmente un ruolo di supervisione attraverso: la comprensione del profilo di rischio cui le attività di business sono esposte e il monitoraggio della sua evoluzione nel tempo; la valutazione della compatibilità del profilo di rischio assunto con gli obiettivi definiti e le caratteristiche dell impresa; l esame e la valutazione di adeguatezza dei sistemi posti in essere per la gestione dei rischi significativi (e.g., regole, limiti, politiche e procedure, presidi organizzativi, strumenti di trattamento); la formulazione di richieste di interventi correttivi o migliorativi in presenza di profili di rischio ritenuti non accettabili o non in linea con la propensione al rischio definita e gli obiettivi da raggiungere. Tale esame dovrebbe tener conto, fra l altro, del grado d integrazione delle attività di identificazione, valutazione e gestione dei rischi nei processi di business critici per l assunzione di decisioni aziendali (e.g., acquisizione di nuovi clienti, lancio di nuovi prodotti, selezione e valutazione dei fornitori strategici), nonché nei processi di gestione della compliance a normative interne o esterne. In aggiunta a ciò, il Board potrebbe essere chiamato ad esaminare e approvare le politiche di gestione con riguardo ai rischi rilevanti per il business, contribuendo così a definire le regole di governo e controllo degli stessi, ivi incluse le soglie di accettabilità e i connessi processi di escalation in caso di superamento delle stesse. Tipologia di rischi da analizzare La mappatura dei rischi significativi connessi alla gestione ordinaria del business potrebbe essere guidata dalla preliminare comprensione (i) dei fattori critici di successo per il business e (ii) della struttura organizzativa e dei processi aziendali adottata dall azienda. Tali rischi potrebbero includere, a titolo esemplificativo: Rischi caratteristici del settore di business e dei mercati in cui l azienda opera (e.g., trend della domanda, azioni dei concorrenti, modifiche del contesto normativo di riferimento, instabilità dei Paesi di provenienza dei fattori 16 Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo dei rischi

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

POSITION PAPER. Novembre 2012

POSITION PAPER. Novembre 2012 Position Paper in risposta alla procedura di consultazione della Banca d Italia Sistema dei controlli interni, sistema informativo e continuità operativa Novembre 2012 POSITION PAPER Sommario Premessa...6

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli