Misurazione e Gestione del Rischio di Liquidità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misurazione e Gestione del Rischio di Liquidità"

Transcript

1 Misurazione e Gestione del Rischio di Liquidità Introduzione di Emanuele Facile e Alberto Bortolin Financial Innovations Udine, 14 febbraio 2013

2 Indice Il rischio di liquidità e il processo di gestione Il rischio di liquidità nelle società quotate L'identificazione dei fattori di rischio La misurazione dell'esposizione La gestione La stabilità delle linee di credito un approfondimento Il controllo 2

3 Il rischio di liquidità Il rischio di liquidità è la possibilità che l azienda non sia in grado di far fronte ai fabbisogni di cassa, correnti e futuri, oppure possa farlosoloacondizioni l i i economiche ih penalizzanti Profilo di rischio Descrizione Effetti Rischio Necessità di: Oneri finanziari maggiori economico: Costo sostenere extra costi per finanziarsi, p.e. utilizzo di della liquidità linee di credito marginali; richiesta urgente di nuove aperture di credito, con relativi costi di istruttoria e scarso potere negoziale liquidare titoli in condizioni di mercato sfavorevoli, del budget Perdite in conto capitale sui titoli da liquidareid ovvero ricorrere a finanziamenti Rischio finanziario: Disponibilità di Instabilità delle linee di credito esistenti, p.e. ricorso eccessivo a linee di credito a revoca Effetti negativi sulla gestione ordinaria (rapporti di fornitura, liquidità Difficoltà ad ottenere nuovi finanziamenti livelli produttivi) Ritardo o sospensione degli investimenti 3

4 Il processo di gestione Identificazione fattori di rischio Misurazione dell'esposizione Strumenti di gestione Controllo Fattori interni Orizzonte temporale Allungamento della durata media del debito Elaborazione e aggiornamento degli indicatori di rischio Fattori esterni Componenti dell esposizione i Incremento delle linee confermate Misura dell esposizione Diversificazione della raccolta 4

5 Indice Il rischio di liquidità e il processo di gestione Il rischio di liquidità nelle società quotate L'identificazione dei fattori di rischio La misurazione dell'esposizione La gestione La stabilità delle linee di credito un approfondimento Il controllo 5

6 Il rischio di liquidità nelle società quotate Società Obiettivi perseguiti Strumenti A2A SpA Copertura impegni finanziari a breve ed esigenze temporanee di liquidità Linee di credito committed Autogrill SpA Copertura obbligazioni associate a passività Linee di credito multicurrency e finanziarie multiborrower di tipo revolving Atlantia Spa Davide Campari Milano SpA DiaSorin SpA Copertura fabbisogni finanziari programmati Copertura fabbisogni finanziari esigenze temporanee di liquidità Copertura fabbisogni finanziari esigenze temporanee di liquidità programmati ed programmati ed Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Depositi vincolati Linee di credito committed Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito non utilizzate Flussi generati dalla gestione ordinaria e finanziariai i Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito non utilizzate Flussi generati dalla gestione ordinaria e finanziaria 6

7 Il rischio di liquidità nelle società quotate Società Obiettivi perseguiti Strumenti Enel Green Copertura fabbisogni finanziari di piani di Linee di credito committed Power SpA sviluppo su specifici progetti Disponibilità liquide e mezzi equivalenti ENEL SpA Eni SpA Fiat Group SpA Fiat Industrial SpA Copertura fabbisogni finanziari programmati inattesi Struttura d indebitamento equilibrata e diversificata Struttura d indebitamento equilibrata e diversificata Copertura impegni finanziari a breve e obbligazioni in scadenza Adeguata elasticità operativa per i programmi di sviluppo Copertura fabbisogni finanziari programmati e inattesi Mantenimento prudente livello di liquidità Adeguata flessibilità operativa e strategica Copertura fabbisogni derivanti dai debiti in scadenza e dagli investimenti previsti e Centralizzazione della tesoreria di gruppo Emissioni obbligazionarie Flussi generati dalla gestione ordinaria e finanziaria Centralizzazione della tesoreria di gruppo EmissioniE i i i obbligazionarie i i Linee di credito committed Euro Medium Term Notes Centralizzazione della tesoreria di gruppo Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito revolving e committed Emissioni obbligazionarie Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito non utilizzate t 7

8 Il rischio di liquidità nelle società quotate Società Obiettivi perseguiti Strumenti Finmeccanicai SpA Impregilo SpA Lottomatica Group SpA Luxottica Group SpA Ottimizzazione della gestione delle risorse finanziare Copertura fabbisogni finanziari programmati e buffer di liquidità per fabbisogni inattesi Copertura fabbisogni finanziari programmati e buffer di liquidità per fabbisogni inattesi Contenimento dell indebitamento e mantenimento equilibrio i finanziarioi i Autonomia finanziaria delle commesse in corso di esecuzione Gestione bilanciata della leva finanziaria Copertura fabbisogni finanziari programmati e buffer di liquidità per fabbisogni inattesi Copertura fabbisogni finanziari programmati e buffer di liquidità per fabbisogni inattesi Centralizzazione della tesoreria Emissioni obbligazionarie Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito committed Euro Medium Term Notes Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Depositi vincolati Emissioni obbligazionarie Flussi generati dalla gestione operativa Linee di credito revolving Term Loan Facility Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Centralizzazione della tesoreria di gruppo Emissioni obbligazionarie Disponibilità ibilità liquide id e mezzi equivalenti Linee di credito committed 8

9 Il rischio di liquidità nelle società quotate Società Obiettivi perseguiti Strumenti Gruppo Mediaset SpA Pirelli & C. Spa Equilibrio tra le linee di finanziamento committed e uncommitted Esposizione finanziaria media dell esercizio < 80% del valore complessivo accordato dal sistema creditizio Copertura fabbisogni finanziari programmati e buffer di liquidità per fabbisogni inattesi Emissioni obbligazionarie Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito committed revolving Concentrazione delle date di pagamento in corrispondenza n dei più significativi i flussi di incasso Centralizzazione della tesoreria Emissioni obbligazionarie Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito committed Parmalat SpA Prysmian SpA Copertura fabbisogni finanziari programmati e buffer di liquidità per fabbisogni inattesi Copertura fabbisogni finanziari programmati e buffer di liquidità per fabbisogni inattesi Centralizzazione della tesoreria Cash pooling e investimenti temporanei liquidità Flussi generati dalla gestione ordinaria Centralizzazione della tesoreria Linee di credito revolving Bonding facility 9

10 Il rischio di liquidità nelle società quotate Società Obiettivi perseguiti Strumenti Ferragamo SpA Saipem SpA SMT Microelettronics Ansaldo STS Soddisfacimento prevedibili impegni finanziari nel breve termine Adeguato livelli di flessibilità operativa per eventuali programmi di sviluppo Copertura fabbisogni finanziari programmati e inattesi Struttura d indebitamento equilibrata e diversificata Basso rapporto Debt/Equity Adeguata flessibilità finanziaria Ottimizzare la gestione delle risorse finanziarie Copertura fabbisogni finanziari programmati e inattesi Centralizzazione della tesoreria Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito committed Linee di credito inutilizzate Convenzioni di tesoreria accentrata con Eni SpA Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Flussi generati dalla gestione ordinaria Linee di credito committed Centralizzazione della tesoreria Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito inutilizzate 10

11 Il rischio di liquidità nelle società quotate Società Obiettivi perseguiti Strumenti Telecom Italia SpA Adeguato livello di flessibilità finanziaria Copertura delle esigenze di rifinanziamento almeno dei successivi 12 mesi Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito committed Tod s SpA Basso livello di esposizione nei confronti del Flusso di cassa generato dalla gestione sistema bancario ordinaria Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Gruppo Terna Copertura fabbisogni finanziari preventivabili Emissioni obbligazionarie Disponibilità ibilità liquideid emezzi equivalenti Linee di credito inutilizzate Euro Medium Term Notes 11

12 Indice Il rischio di liquidità e il processo di gestione Il rischio di liquidità nelle società quotate L'identificazione dei fattori di rischio La misurazione dell'esposizione La gestione La stabilità delle linee di credito un approfondimento Il controllo 12

13 L identificazione dei fattori di rischio L azienda deve valutare la sua sensibilità ai fattori che possono esporla ad una crisi di liquidità. Fattori iinterni i Composizione squilibrata, per importo e tipologia, delle linee di credito o p.e. aziende che si finanziano a prevalentemente pevae e a breve beve termine e con anticipi sbf, possono non avere, in fasi di riduzione del fatturato, sufficienti crediti da anticipare, e ricorrono al finanziamento in conto corrente, molto più costoso anche dei mutui Errata pianificazione del fabbisogno o p.e. fabbisogni imprevisti che costringono a usare linee di credito marginali, o a chiedere aperture di credito urgenti (con relativi costi di istruttoria) Illiquidità degli investimenti o p.e. se l'azienda ha impiegato la liquidità in titoli a 3 anni, un fabbisogno imprevisto può costringere a vendere in perdita, ovvero a utilizzare finanziamenti bancari Peggioramento del merito creditizio (livello e rischi di riduzione del rating) o P.e. per un risultati economici negativi 13

14 L identificazione dei fattori di rischio Fattori esterni Riduzione del rating come reazione delle banche a notizie o eventi sfavorevoli all attività dell azienda o del settore Riduzione dell offerta di credito o irrigidimento delle sue condizioni (importo delle linee, cambiamenti forme tecniche, passaggio a scadenza di alcuni fidi, utilizzo dei fidi autoliquidanti più difficoltoso) Richiesta di integrazione di garanzie il cui valore sia diminuito per le variazioni dei prezzi di mercato (p.e. perdita di valore di immobili ipotecati a favore di un finanziatore) 14

15 Indice Il rischio di liquidità e il processo di gestione Il rischio di liquidità nelle società quotate L'identificazione dei fattori di rischio La misurazione dell'esposizione La gestione La stabilità delle linee di credito un approfondimento Il controllo 15

16 La misura dell esposizione (1/5) La misurazione dell esposizione si innesta sul processo di elaborazione del budget di tesoreria, o del piano finanziario pluriennale, e considera i seguenti elementi: L orizzonte temporale dell analisi Le componenti dell esposizione Il metodo di misurazione 16

17 La misura dell esposizione (2/5) Orizzonte temporale Esposizione di breve termine Periodo di 12 mesi dalla data di analisi, suddiviso in sottoperiodi mensili Esposizione di medio termine L orizzonte temporale coincide conquello dei piani economici aziendali: 3-5 anni, suddiviso in vari sottoperiodi 17

18 La misura dell esposizione (3/5) Componenti dell esposizione Flussi di cassa operativi o Importi di incassi e pagamenti relativi all orizzonte temporale dell analisi o Grado di prevedibilità e di certezza dei flussi di cassa Flussi di cassa finanziari o Rimborsi di finanziamenti Fonti finanziarie instabili o Linee che scadono o sono revocabili entro l orizzonte temporale considerato, quindi comportano il rischio di non essere rinnovate: linee di credito non confermate, finanziamenti e linee di credito in scadenza Fonti finanziarie stabili o Linee di credito e finanziamenti confermati, di durata almeno pari all orizzonte temporale di analisi 18

19 La misura dell esposizione (4/5) Misura dell esposizione In ogni sottoperiodo dell'orizzonte temporale l'esposizione è pari a: Cash flow operativo (componente certa o molto probabile) + impegni finanziari (rimborsi di finanziamenti a breve e lungo termine) importo delle fonti di finanziamento stabili Questa differenza è l importo esposto al rischio di non essere finanziabile nel caso venissero a mancare le linee a revoca. 19

20 La misura dell esposizione (5/5) Calcolo dell'esposizione un esempio Cash flow forecast Mese 1 Mese 2 Mese 3 Debito iniziale Cash flow totale Debito finale di cui Mutui Utilizzi di linee a revoca Analisi esposizione Rimborso mutui Rimborso linee a revoca Cash flow totale Esposizione Progamma di copertura Nuovo mutuo Nuova linea stand by Totale Esposizione dopo programma di copertura

21 Indice Il rischio di liquidità e il processo di gestione Il rischio di liquidità nelle società quotate L'identificazione dei fattori di rischio La misurazione dell'esposizione La gestione La stabilità delle linee di credito un approfondimento Il controllo 21

22 La gestione (1/6) La riduzione dell esposizione al rischio di liquidità si ottiene attraverso varie linee di azione: L allungamento della durata media del debito La diversificazione delle fonti di finanziamento La costituzione di una riserva di liquidità 22

23 La gestione (2/6) Allungare la durata media del debito (p.e. 5-7 anni) Aumentare la durata media del debito totale o Sostituire finanziamenti di medio-lungo termine e linee di credito confermate (p.e. leasing, mutui, linee di credito stand by) ai finanziamenti di breve termine Aumentare la durata del debito a medio lungo termine o Allungare la durata dei mutui e delle linee di credito confermate già disponibili o in procinto di rinnovo o Aumentare la quota dei finanziamenti con rimborso globale alla scadenza 23

24 La gestione (3/6) Diversificare le forme di finanziamento, per evitare conseguenze negative derivanti da malfunzionamenti di singoli segmenti del mercato bancario. Utilizzare forme di finanziamento basate sugli asset aziendali, meno esposte a turbolenze dei mercati finanziari, p.e. leasing Utilizzare tutte le modalità di finanziamento a breve termine disponibili (anticipi su fatture, anticipi export, factoring ecc.) Valutare la diversificazione della raccolta al di fuori del credito bancario, mediante l emissione di titoli di debito 24

25 La gestione (4/6) Mantenere le linee di fido disponibili: Utilizzare a rotazione tutti gli affidamenti Pianificare in modo coerente con gli utilizzi la canalizzazione del lavoro bancario 25

26 La gestione (5/6) Costituire una riserva di liquidità Aprire una linea di credito stand by da lasciare inutilizzata, p.e. di importo pari alla somma degli impegni finanziari (rimborsi di finanziamenti e interessi) dell'esercizio successivo. Il costo della riserva è pari alla commissione di non utilizzo. Questa alternativa è praticabile solo per le imprese solvibili e per importi abbastanza elevati. Una riserva di liquidità certa, e non solo potenziale, può essere costituita con la stipula di un mutuo e il deposito dll della liquidità. Il costo di questasoluzione, pari alla dff differenza fra il tasso del mutuo e il tasso sul deposito, è normalmente elevato. Il costo da sostenere per una riserva di liquidità potenziale o certa può essere meno rilevante della certezza di disporre delle risorse monetarie in caso di necessità. 26

27 Indice Il rischio di liquidità e il processo di gestione Il rischio di liquidità nelle società quotate L'identificazione dei fattori di rischio La misurazione dell'esposizione La gestione La stabilità delle linee di credito un approfondimento Il controllo 27

28 La stabilità delle linee di credito un approfondimento Le linee di credito e i finanziamenti sono stabili se la banca non può revocarle o chiederne il rimborso in modo totalmente discrezionale, p.e. linee di credito confermate, mutui. In realtà la stabilità è raramente assoluta, in quanto è abituale che la banca mantenga la facoltà di revocarle in caso di forte deterioramento della situazione economica del debitore (c.d. evento sostanzialmente pregiudizievole o MAC material adverse change). Quando però il deterioramento della situazione aziendale sfocia in una situazione di crisi, con la revoca la banca può incorrere in precise responsabilità bl previste dalla legge fallimentare relativamente al concorso nell aggravamento della crisi. Per ottenere il maggior grado di stabilità delle linee di credito è necessario quindi negoziare accuratamente le clausole del contratto, in particolare tutte quelle che prevedono la possibilità di risoluzione del contratto, o che consentano alla banca di modificare unilateralmente le condizioni economiche lasciando al debitore la facoltà di recesso. 28

29 Il rischio di liquidità su una linea confermata Un esempio Clausola di Market Disruption Nel caso in cui: Le Banche comunichino all'agente che, per cause afferenti il mercato interbancario o i mercati finanziari in generale, a. Non è loro possibile reperire sul mercato interbancario la provvista necessaria per la partecipazione alle linee di credito in relazione ad un dato periodi di interesse, ovvero b. Il costo di tale provvista per tale periodo è superiore all'euribor L'Agente LAgente informerà prontamente la Società che le disposizioni del presente articolo sono operanti. Nei cinque giorni lavorativi successivi alla comunicazione la Società, la Banche e l'agente avvieranno negoziazioni in buona fede per un periodo non superiore a trenta giorni lavorativi, al fine di concordare un tasso di riferimento alternativo, anche temporaneamente, al tasso di riferimento e minimizzare i costi di provvista. 29

30 Il rischio di liquidità su una linea confermata Un esempio Clausola di Market Disruption Se non viene raggiunto alcun accordo sul tasso alternativo al tasso di riferimento, ciascuna banca dovrà determinare in buona fede, tramite l'agente, un tasso alternativo al tasso di riferimento applicabile alla propria p quota di partecipazione p del relativo periodo di interessi. 30

31 Il rischio di liquidità su una linea confermata Un esempio Osservazioni La formulazione della clausola non distingue il caso di crisi del mercato da quello di crisi della banca (downgrading del rating) La banca non è tenuta a spiegare le circostanze che hanno determinato l'aumento del costo di raccolta né a fornire documenti che provino che l costo di raccolta è superiore all'euribor La banca non è tenuta a cercare fonti alternative di raccolta che possano contenere il costo La banca non è tenuta a spiegare come ha calcolato il tasso alternativo Non sono previste modalità di controllo circa il ritorno ad una situazione "normale" 31

32 Il rischio di liquidità su una linea confermata Un esempio Potenziali rischi dell'aumento del tasso applicato dalla banca Disallineamento fra il tasso di riferimento del finanziamento e quello di un'eventuale copertura (IRS, cap) Financial covenants: peggioramento dei covenant che includono gli interessi passivi Events of Default: possibile attivazione della clausola degli eventi sostanzialmente pregiudizievoli 32

33 Il rischio di liquidità su una linea confermata Un esempio Possibile approccio negoziale Inserire l'esclusione per il downgrading della banca Inserire obbligo di documentare le circostanze e l'effettivo aumento del costo per lo specifico finanziamento Prevedere la possibilità di applicare periodi di interesse diversi da quelli standard previsti dal contratto, secondo la liquidità dl del mercato interbancario 33

34 Indice Il rischio di liquidità e il processo di gestione Il rischio di liquidità nelle società quotate L'identificazione dei fattori di rischio La misurazione dell'esposizione La gestione La stabilità delle linee di credito un approfondimento Il controllo 34

35 Il controllo Il rischio di liquidità è controllabile e gestibile attraverso indicatori del livello del rischio di liquidità, che rappresentano variabili-obiettivo da migliorare con la politica finanziaria Indicatori di struttura finanziaria Debiti finanziari / patrimonio netto PFN / Mol Indicatori di durata del debito Durata media dei finanziamenti Durata media dei finanziamenti a lungo termine Indicatori di stabilità dei finanziamenti Finanziamenti a lungo termine (incluso leasing) + linee di credito confermate / finanziamentii i e linee di credito totali (incluso leasing) 35

36 Indice Il rischio di liquidità e il processo di gestione L'identificazione dei fattori di rischio La misurazione dell'esposizione La gestione La stabilità bl dll delle linee dicredito d un approfondimento Il controllo Il rischio di liquidità nelle società quotate 36

37 Per informazioni: Financial Innovations Srl tel fax

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO?

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? Dr. Giulio Modonutti Consulente finanziario indipendente Migliore è il punteggio assegnato all azienda, maggiori sono le possibilità che l impresa acceda ad un

Dettagli

Club della Finanza Confindustria Udine

Club della Finanza Confindustria Udine Rafforzare la struttura del passivo: le opportunità offerte dall accordo ABI-Confindustria e strumenti alternativi di finanziamento. Introduzione di: Alberto Bortolin ed Emanuele Facile - Financial Innovations

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali INDICE ELABORATO 1) Illustrazione delle ipotesi alla base del Business Plan 2) Analisi sintetica

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA Nella letteratura la gestione finanziaria viene frequentemente definita come il complesso di decisioni ed operazioni volte a reperire ed impiegare il capitale in impresa. La gestione

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

IL FIDO BANCARIO. Prof. Pietro Samarelli

IL FIDO BANCARIO. Prof. Pietro Samarelli IL FIDO BANCARIO Prof. Pietro Samarelli In questo modulo: il fido bancario e le sue classificazioni modalità di utilizzo regole tecniche e amministrative dei fidi la Centrale dei rischi i Confidi Basilea

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

La Centrale dei Rischi. Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance.

La Centrale dei Rischi. Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance. La Centrale dei Rischi Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance.eu Obiettivi della Centrale dei Rischi La Centrale dei Rischi

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Gianluca Trevisan Banca d Italia Supervisione Gruppi Bancari I Roma, 28 febbraio 2014 1 Perché una regolamentazione

Dettagli

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti Capitolo XV La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti La funzione finanziaria Nella funzione finanziaria si comprende il complesso di decisioni e di operazioni volte a reperire e ad impiegare

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario GESTIONED IMPRESA ACCESSO AL CREDITO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI APPROFONDIMENTI ESEMPI FASCICOLO BANCHE COME NUOVO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE FINANZIARIA (valutazione del merito creditizio) La crescente

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 RISCHIO DI LIQUIDITA - DEFINIZIONE Per le istituzioni finanziarie: Si intende

Dettagli

Focus sulla finanza della PMI: linee guida per una corretta strutturazione della provvista. Case histories. Giorgio Denevi, Carlo Salomone AlTI

Focus sulla finanza della PMI: linee guida per una corretta strutturazione della provvista. Case histories. Giorgio Denevi, Carlo Salomone AlTI Focus sulla finanza della PMI: linee guida per una corretta strutturazione della provvista Case histories Giorgio Denevi, Carlo Salomone AlTI Club Finanza d'impresa, Confindustria Genova Giovedì 13 giugno

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Libera Università Maria SS. Assunta

Libera Università Maria SS. Assunta Libera Università Maria SS. Assunta Corso di Economia e Gestione delle Imprese La gestione finanziaria 1 Definizione Alla funzione finanziaria è affidato il complesso di decisioni ed operazioni volte a

Dettagli

Liberare risorse per sviluppare il proprio business

Liberare risorse per sviluppare il proprio business FAI EMERGERE DALL AZIENDA LA LIQUIDITA NECESSARIA AL TUO BUSINESS Liberare risorse per sviluppare il proprio business Per una visione olistica della gestione del capitale circolante Giuseppe Santoro Consulente

Dettagli

Progetto Rilancio: il caso Macchinari Agricoli S.p.A.

Progetto Rilancio: il caso Macchinari Agricoli S.p.A. Progetto Rilancio: il caso Macchinari Agricoli S.p.A. di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) Si presenta il caso di un impresa che, aderendo al Progetto Ri-Lancio, è riuscita ad individuare la via migliore

Dettagli

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione DOTT. ALBERTO GUIOTTO Bergamo, 5 febbraio 2013 STUDIO AGFM CONCORDATO PREVENTIVO E NUOVA

Dettagli

La gestione finanziaria dell impresa

La gestione finanziaria dell impresa La gestione finanziaria dell impresa di Emanuele Perucci Traccia di economia aziendale Il candidato, dopo aver illustrato il problema della scelta delle fonti di finanziamento in relazione al fabbisogno

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali

LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali AGENDA CARATTERI GENERALI DELLA FUNZIONE FINANZIARIA PERCHE L AZIENDA NECESSITA

Dettagli

Come deve essere condotto il rapporto con le banche. a cura del Prof.Maurizio Berruti

Come deve essere condotto il rapporto con le banche. a cura del Prof.Maurizio Berruti Come deve essere condotto il rapporto con le banche a cura del Prof.Maurizio Berruti 1 Criteri per la valutazione del merito creditizio Ai fini della assegnazione del RATING le banche dovranno tener conto

Dettagli

La chiave per l'accesso al credito

La chiave per l'accesso al credito La chiave per l'accesso al credito CR EXPERT è un prodotto consulenziale ad alto livello che permette di analizzare la Centrale Rischi Interbancaria e che consente di rappresentare l'andamento degli affidamenti

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

LOMBARDA BOLLITORI srl. Piano economico e finanziario

LOMBARDA BOLLITORI srl. Piano economico e finanziario LOMBARDA BOLLITORI srl Piano economico e finanziario 1 Sintesi del documento Lombarda Bollitori srl è un operatore di nicchia nel mercato delle apparecchiature per il riscaldamento dell acqua, segmento

Dettagli

Logiche e strumenti di pianificazione finanziaria

Logiche e strumenti di pianificazione finanziaria Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Logiche e strumenti di pianificazione finanziaria Capitolo 6 Indice degli argomenti 1. Perché è necessario prevedere le dimensioni dei

Dettagli

Programma Cash flow Versione Associazione. [CASH FLOW EASY 5.0 - ]

Programma Cash flow Versione Associazione. [CASH FLOW EASY 5.0 - ] Programma Cash flow Versione Associazione. [CASH FLOW EASY 5.0 - ] Il programma che ti aiuta a pianificare i flussi finanziari in modo semplice, veloce ed intuitivo. La flessibilità di MS Excel senza il

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

Il costo dell indebitamento bancario

Il costo dell indebitamento bancario Il costo dell indebitamento bancario Emanuele Facile Alberto Bortolin Financial Innovations Udine 17 marzo 2014 La survey sulle condizioni bancarie di ottobre 2012 I criteri: Calcolo del rating di bilancio

Dettagli

Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi

Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi Relatore: Alberto Bianchini Responsabile Marketing Aziende Credito Emiliano SpA I soggetti della CR

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie I prestiti bancari e altre operazioni di finanziamento I prestiti bancari - aspetti generali I prestiti bancari: sono eterogenei

Dettagli

Anticipo export. 80% del valore della fattura al netto IVA. Può essere in euro o in moneta estera. Fascia A (RT 1-3) 1,50%

Anticipo export. 80% del valore della fattura al netto IVA. Può essere in euro o in moneta estera. Fascia A (RT 1-3) 1,50% Anticipo export L anticipo all esportazione rende disponibili all azienda i mezzi finanziari necessari per la predisposizione della fornitura da vendere all estero, oppure reintegrare i mezzi finanziari

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche A cura di: Dott. Antonio Fortarezza MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche Il 3 agosto 2009 il Ministro dell'economia e delle finanze, il Presidente

Dettagli

finanziamento: a fonti esternee

finanziamento: a fonti esternee Copertura del fabbisogno di finanziamento: a fonti esternee Corso di Economia Aziendale X lezione Prof. Giuseppe D Onza Capitale di apporto Capitale di terzi (propri) p (debiti) Soggetti finanziatori Proprietari

Dettagli

Modelli di rating e leve di miglioramento

Modelli di rating e leve di miglioramento S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Conversazioni tra Imprenditori, Commercialisti e Banche Linee guida nel rapporto banca/impresa (L arte del rilancio) Modelli di rating e leve di miglioramento

Dettagli

Concetto di patrimonio

Concetto di patrimonio Concetto di patrimonio Il patrimonio o capitale si può definire, in prima approssimazione, come l insieme l dei beni a disposizione del soggetto aziendale in un determinato momento; in un accezione più

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

1.4 LA PRATICA DI ASSURANCE

1.4 LA PRATICA DI ASSURANCE Altri Stakeholder attenti alla CSR ANALISTI - RATING ESG ORGANIZZAZIONI DI RICERCA Associazioni Pubblicazioni Ricerca FONDI INVESTIMENTO CSR Fornitori di soluzioni software Business School ASSURANCE SOCIETÀ

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

l analisi dei flussi finanziari

l analisi dei flussi finanziari L analisi Lanalisi di Bilancio e l analisi dei flussi finanziari Il marginedistruttura complessivo (o primario) è definitodalladalla differenza fra capitale netto e attività immobilizzate (materiali,

Dettagli

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011

TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Milano, 10 maggio 2011 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 TAS: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2011 Ricavi consolidati: 10,3 milioni

Dettagli

ALLEGATI AL COMUNICATO STAMPA

ALLEGATI AL COMUNICATO STAMPA ALLEGATI AL COMUNICATO STAMPA INDICATORI ALTERNATIVI DI PERFORMANCE Nel presente comunicato stampa, in aggiunta agli indicatori finanziari convenzionali previsti dagli IFRS, vengono presentati alcuni indicatori

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL MUTUO IPOTECARIO

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL MUTUO IPOTECARIO MUTUO IPOTECARIO FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA Piazza S. M. Soprarno 1, 50125 Firenze Tel.: 055 24631 Fax: 055 2463231 E-mail: info@bancaifigest.it Sito internet: http://www.bancaifigest.com

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO

IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO INDICE IL RENDICONTO FINANZIARIO,... 2 LA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA,... 3 IL RENDICONTO FINANZIARIO DELLA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA,... 6 PRIMO PASSO:

Dettagli

SNIA. Società per Azioni. Sede in Milano, Via Vittor Pisani n. 22. Registro delle imprese di Milano n. 00736220153 COMUNICATO STAMPA

SNIA. Società per Azioni. Sede in Milano, Via Vittor Pisani n. 22. Registro delle imprese di Milano n. 00736220153 COMUNICATO STAMPA SNIA Società per Azioni Sede in Milano, Via Vittor Pisani n. 22 Registro delle imprese di Milano n. 00736220153 COMUNICATO STAMPA EX ART. 114, 5 COMMA, D. LGS. 58/98 INFORMATIVA MENSILE SUL PIANO INDUSTRIALE,

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof.

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof. ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE 1 Ogni operazione di prestito concessa dalle banche a favore del soggetto che ne ha fatto richiesta prevede due FASI PRELIMINARI alla stipula del contratto

Dettagli

23. Fondi del personale

23. Fondi del personale 23. Fondi del personale La voce comprende: 382 PIRELLI & C. S.p.A. MILANO Fondi pensione: - finanziati 157.368 118.234 - non finanziati 88.752 88.050 TFR (società italiane) 56.783 74.559 Piani di assistenza

Dettagli

DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI

DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI Cap. 1. La moneta e i bisogni di pagamento 1) Si illustrino i problemi che incontrano gli scambisti nel regolamento di uno scambio monetario.

Dettagli

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA di Massimo Lazzari, Davide Mondaini e Violante Battistella (*) In questo contributo verrà illustrato il caso di un impresa che, aderendo al Progetto Ri-Lancio,

Dettagli

Giovanni Crespi S.p.A.:

Giovanni Crespi S.p.A.: Comunicato Stampa Legnano, 30 settembre 2009 Giovanni Crespi S.p.A. Informativa mensile al mercato ai sensi dell art.114 comma 5 D.Lgs.n.58/98 Periodo di riferimento : 31-08-09 POSIZIONE FINANZIARIA NETTA

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE IN TEMPORANEA CRISI DI LIQUIDITÀ

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE IN TEMPORANEA CRISI DI LIQUIDITÀ PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE IN TEMPORANEA CRISI DI LIQUIDITÀ Presentata dai Consiglieri regionali Angelo BURZI (1 firmatario) Torino, 18 settembre 2009

Dettagli

Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria

Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria www.pwc.com/it Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria Reggio Emilia, 28 maggio 2013 Agenda Introduzione il rischio di liquidità e gli strumenti per la sua gestione 1. Gestione della liquidità

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Commento ai risultati economico-finanziari e altre informazioni

Commento ai risultati economico-finanziari e altre informazioni Commento ai risultati economico-finanziari e altre informazioni Snam Relazione intermedia sulla gestione / Commento ai risultati economico-finanziari 25 COMMENTO AI RISuLTATI ECONOMICO-FINANZIARI CONTO

Dettagli

RENDICONTO FINANZIARIO

RENDICONTO FINANZIARIO RENDICONTO FINANZIARIO IN OTTICA BASILEA 2 1 Utilità del Rendiconto finanziario L utilità del rendiconto finanziario trae motivo dal fatto che non si ha, quasi mai, coincidenza fra gli andamenti economici

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

APPROFONDIMENTO FINANZA

APPROFONDIMENTO FINANZA APPROFONDIMENTO FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LE SCELTE DI STRUTTURA FINANZIARIA ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA LE SCELTE

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

Mutuo non ipotecario GRADUATO LINEA CASA Versione: 2011/3 Data: 01/07/2011

Mutuo non ipotecario GRADUATO LINEA CASA Versione: 2011/3 Data: 01/07/2011 Rete: PBB FOGLIO INFORMATIVO Servizio offerto a: Consumatori Clientela al dettaglio Imprese Per una migliore comprensione delle diverse fasce di clientela sopra indicate, consultare le tre voci nella legenda

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI BAPfondi Gold Art. 1 Aspetti generali Denominazione dei Fondi La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità di cui al presente Regolamento, un portafoglio di strumenti

Dettagli

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Newsletter Phedro dicembre 2007 La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Prof. Roberto Cappelletto 2 e Dott. Gabriele Toniolo 3 1) Dalla Logica Contabile all Analisi dei Flussi Come si è potuto

Dettagli

Ristrutturazione e rimodulazione del debito «Bancario», delle imprese, per il riequilibrio della posizione finanziaria

Ristrutturazione e rimodulazione del debito «Bancario», delle imprese, per il riequilibrio della posizione finanziaria Business Solutions Ristrutturazione e rimodulazione del debito «Bancario», delle imprese, per il riequilibrio della posizione finanziaria Pafinberg S.r.l Via Taramelli, 50 24121 Bergamo Tel: 035 271974

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO A SUPPORTO DELLA CRESCITA DEL PAESE NEL 2013 MERITO CREDITIZIO E RUOLO DEL CONFIDI E DEL COMMERCIALISTA NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA

IL SISTEMA BANCARIO A SUPPORTO DELLA CRESCITA DEL PAESE NEL 2013 MERITO CREDITIZIO E RUOLO DEL CONFIDI E DEL COMMERCIALISTA NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA IL SISTEMA BANCARIO A SUPPORTO DELLA CRESCITA DEL PAESE NEL 2013 MERITO CREDITIZIO E RUOLO DEL CONFIDI E DEL COMMERCIALISTA NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA SIRACUSA Martedì 29 Gennaio 2013 Il processo e gli

Dettagli

Mutuo non ipotecario GRADUATO LINEA CASA Versione: 2012/2 Data: 01/04/2012

Mutuo non ipotecario GRADUATO LINEA CASA Versione: 2012/2 Data: 01/04/2012 FOGLIO INFORMATIVO Servizio offerto a: Consumatori Clientela al dettaglio Imprese Per una migliore comprensione delle diverse fasce di clientela sopra indicate, consultare le tre voci nella legenda posta

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Il factoring internazionale

Il factoring internazionale Il factoring internazionale Internazionale prefazione Le operazioni di factoring sono in misura crescente effettuate con controparti cedenti e debitrici estere per effetto della crescente internazionalizzazione

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Capitolo 6 L intermediazione creditizia

Capitolo 6 L intermediazione creditizia Capitolo 6 L intermediazione creditizia Esercizio 1 Quali sono gli elementi centrali negli scambi creditizi? a. Le informazioni. b. La conoscenza reciproca degli scambisti. c. I contratti personalizzati.

Dettagli

società del gruppo Saipem; la cessione sarà a titolo oneroso e il corrispettivo verrà pagato da SFI mediante l utilizzo di linee di credito messe a disposizione da Efi ( Nuove Linee Efi ); - a partire

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione finanziaria. La scelta dei progetti di investimento

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione finanziaria. La scelta dei progetti di investimento Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione finanziaria. La scelta dei progetti di investimento dott. Matteo Rossi La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso di decisioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO COARGE SOCIETA COOPERATIVA DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI

FOGLIO INFORMATIVO COARGE SOCIETA COOPERATIVA DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29.7.2009) Documento versione n.5 del

Dettagli

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio attraverso il quale l industria bancaria lavora per semplificare l uso dei prodotti

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

La valutazione di affidabilità creditizia: l istruttoria di fido

La valutazione di affidabilità creditizia: l istruttoria di fido La valutazione di affidabilità creditizia: l istruttoria di fido Corso di finanziamenti di impresa a.a. 2014-2015 Dott.ssa Diletta Tancini diletta.tancini@yahoo.it Agenda Rischio di credito e merito creditizio

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE CORSO DI FINANZA AZIENDALE presso UNINDUSTRIA TREVISO SERVIZI & FORMAZIONE, Piazza delle Istituzioni 12-31100 Treviso PERCHÉ PARTECIPARE? L obiettivo principale del percorso è formare professionalità in

Dettagli

Analisi di. di Sergio Mario Ghisoni IMPORTANTE

Analisi di. di Sergio Mario Ghisoni IMPORTANTE Analisi di Bilancio di Sergio Mario Ghisoni IMPORTANTE N.B.: Nelle versioni elettroniche del volume tutti i rimandi (per es. da Sommario a Paragrafi) sono attivabili (link) Indice sistematico Prefazione...

Dettagli

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere.

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere. I piccoli imprenditori hanno le stesse esigenze delle grandi aziende. Nel nostro Paese tutti se ne dimenticano, ma non i professionisti della nostra struttura. Chi ha avuto il coraggio di intraprendere

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott.ssa Elisa Sartori

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott.ssa Elisa Sartori ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott.ssa Elisa Sartori Ricercatore in Economia Aziendale presso l IRDCEC Importanza dell ANALISI di BILANCIO Fonti normative Rapporti con

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

L importanza della pianificazione finanziaria come strumento di conoscenza

L importanza della pianificazione finanziaria come strumento di conoscenza L importanza della pianificazione finanziaria come strumento di conoscenza di Fabrizio Masinelli (*) Spesso, nonostante il periodo di crisi, la pianificazione finanziaria viene considerata unicamente nel

Dettagli

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Roma 1 giugno 2012 Prot. UCR/ULG/001256 Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Loro Sedi Nuove misure per il Credito alle PMI del

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 15 aprile 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Bilancio Capogruppo:

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CASALGRASSO E SANT ALBANO STURA SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BCC Casalgrasso S.Albano

Dettagli

ALFA BETA SRL. Report Analitico. - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto

ALFA BETA SRL. Report Analitico. - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto Report Analitico RICLASSIFICAZIONI - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto PROFILI DI ANALISI PER INDICI - A) Analisi dello sviluppo, dei

Dettagli

Università di Cagliari CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2014-2015

Università di Cagliari CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2014-2015 Università di Cagliari Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali Facoltà di scienze economiche giuridiche e politiche CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2014-2015 Dott. Rundeddu Vincenzo LE OPERAZIONI

Dettagli