Misurazione e Gestione del Rischio di Liquidità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misurazione e Gestione del Rischio di Liquidità"

Transcript

1 Misurazione e Gestione del Rischio di Liquidità Introduzione di Emanuele Facile e Alberto Bortolin Financial Innovations Udine, 14 febbraio 2013

2 Indice Il rischio di liquidità e il processo di gestione Il rischio di liquidità nelle società quotate L'identificazione dei fattori di rischio La misurazione dell'esposizione La gestione La stabilità delle linee di credito un approfondimento Il controllo 2

3 Il rischio di liquidità Il rischio di liquidità è la possibilità che l azienda non sia in grado di far fronte ai fabbisogni di cassa, correnti e futuri, oppure possa farlosoloacondizioni l i i economiche ih penalizzanti Profilo di rischio Descrizione Effetti Rischio Necessità di: Oneri finanziari maggiori economico: Costo sostenere extra costi per finanziarsi, p.e. utilizzo di della liquidità linee di credito marginali; richiesta urgente di nuove aperture di credito, con relativi costi di istruttoria e scarso potere negoziale liquidare titoli in condizioni di mercato sfavorevoli, del budget Perdite in conto capitale sui titoli da liquidareid ovvero ricorrere a finanziamenti Rischio finanziario: Disponibilità di Instabilità delle linee di credito esistenti, p.e. ricorso eccessivo a linee di credito a revoca Effetti negativi sulla gestione ordinaria (rapporti di fornitura, liquidità Difficoltà ad ottenere nuovi finanziamenti livelli produttivi) Ritardo o sospensione degli investimenti 3

4 Il processo di gestione Identificazione fattori di rischio Misurazione dell'esposizione Strumenti di gestione Controllo Fattori interni Orizzonte temporale Allungamento della durata media del debito Elaborazione e aggiornamento degli indicatori di rischio Fattori esterni Componenti dell esposizione i Incremento delle linee confermate Misura dell esposizione Diversificazione della raccolta 4

5 Indice Il rischio di liquidità e il processo di gestione Il rischio di liquidità nelle società quotate L'identificazione dei fattori di rischio La misurazione dell'esposizione La gestione La stabilità delle linee di credito un approfondimento Il controllo 5

6 Il rischio di liquidità nelle società quotate Società Obiettivi perseguiti Strumenti A2A SpA Copertura impegni finanziari a breve ed esigenze temporanee di liquidità Linee di credito committed Autogrill SpA Copertura obbligazioni associate a passività Linee di credito multicurrency e finanziarie multiborrower di tipo revolving Atlantia Spa Davide Campari Milano SpA DiaSorin SpA Copertura fabbisogni finanziari programmati Copertura fabbisogni finanziari esigenze temporanee di liquidità Copertura fabbisogni finanziari esigenze temporanee di liquidità programmati ed programmati ed Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Depositi vincolati Linee di credito committed Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito non utilizzate Flussi generati dalla gestione ordinaria e finanziariai i Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito non utilizzate Flussi generati dalla gestione ordinaria e finanziaria 6

7 Il rischio di liquidità nelle società quotate Società Obiettivi perseguiti Strumenti Enel Green Copertura fabbisogni finanziari di piani di Linee di credito committed Power SpA sviluppo su specifici progetti Disponibilità liquide e mezzi equivalenti ENEL SpA Eni SpA Fiat Group SpA Fiat Industrial SpA Copertura fabbisogni finanziari programmati inattesi Struttura d indebitamento equilibrata e diversificata Struttura d indebitamento equilibrata e diversificata Copertura impegni finanziari a breve e obbligazioni in scadenza Adeguata elasticità operativa per i programmi di sviluppo Copertura fabbisogni finanziari programmati e inattesi Mantenimento prudente livello di liquidità Adeguata flessibilità operativa e strategica Copertura fabbisogni derivanti dai debiti in scadenza e dagli investimenti previsti e Centralizzazione della tesoreria di gruppo Emissioni obbligazionarie Flussi generati dalla gestione ordinaria e finanziaria Centralizzazione della tesoreria di gruppo EmissioniE i i i obbligazionarie i i Linee di credito committed Euro Medium Term Notes Centralizzazione della tesoreria di gruppo Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito revolving e committed Emissioni obbligazionarie Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito non utilizzate t 7

8 Il rischio di liquidità nelle società quotate Società Obiettivi perseguiti Strumenti Finmeccanicai SpA Impregilo SpA Lottomatica Group SpA Luxottica Group SpA Ottimizzazione della gestione delle risorse finanziare Copertura fabbisogni finanziari programmati e buffer di liquidità per fabbisogni inattesi Copertura fabbisogni finanziari programmati e buffer di liquidità per fabbisogni inattesi Contenimento dell indebitamento e mantenimento equilibrio i finanziarioi i Autonomia finanziaria delle commesse in corso di esecuzione Gestione bilanciata della leva finanziaria Copertura fabbisogni finanziari programmati e buffer di liquidità per fabbisogni inattesi Copertura fabbisogni finanziari programmati e buffer di liquidità per fabbisogni inattesi Centralizzazione della tesoreria Emissioni obbligazionarie Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito committed Euro Medium Term Notes Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Depositi vincolati Emissioni obbligazionarie Flussi generati dalla gestione operativa Linee di credito revolving Term Loan Facility Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Centralizzazione della tesoreria di gruppo Emissioni obbligazionarie Disponibilità ibilità liquide id e mezzi equivalenti Linee di credito committed 8

9 Il rischio di liquidità nelle società quotate Società Obiettivi perseguiti Strumenti Gruppo Mediaset SpA Pirelli & C. Spa Equilibrio tra le linee di finanziamento committed e uncommitted Esposizione finanziaria media dell esercizio < 80% del valore complessivo accordato dal sistema creditizio Copertura fabbisogni finanziari programmati e buffer di liquidità per fabbisogni inattesi Emissioni obbligazionarie Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito committed revolving Concentrazione delle date di pagamento in corrispondenza n dei più significativi i flussi di incasso Centralizzazione della tesoreria Emissioni obbligazionarie Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito committed Parmalat SpA Prysmian SpA Copertura fabbisogni finanziari programmati e buffer di liquidità per fabbisogni inattesi Copertura fabbisogni finanziari programmati e buffer di liquidità per fabbisogni inattesi Centralizzazione della tesoreria Cash pooling e investimenti temporanei liquidità Flussi generati dalla gestione ordinaria Centralizzazione della tesoreria Linee di credito revolving Bonding facility 9

10 Il rischio di liquidità nelle società quotate Società Obiettivi perseguiti Strumenti Ferragamo SpA Saipem SpA SMT Microelettronics Ansaldo STS Soddisfacimento prevedibili impegni finanziari nel breve termine Adeguato livelli di flessibilità operativa per eventuali programmi di sviluppo Copertura fabbisogni finanziari programmati e inattesi Struttura d indebitamento equilibrata e diversificata Basso rapporto Debt/Equity Adeguata flessibilità finanziaria Ottimizzare la gestione delle risorse finanziarie Copertura fabbisogni finanziari programmati e inattesi Centralizzazione della tesoreria Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito committed Linee di credito inutilizzate Convenzioni di tesoreria accentrata con Eni SpA Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Flussi generati dalla gestione ordinaria Linee di credito committed Centralizzazione della tesoreria Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito inutilizzate 10

11 Il rischio di liquidità nelle società quotate Società Obiettivi perseguiti Strumenti Telecom Italia SpA Adeguato livello di flessibilità finanziaria Copertura delle esigenze di rifinanziamento almeno dei successivi 12 mesi Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Linee di credito committed Tod s SpA Basso livello di esposizione nei confronti del Flusso di cassa generato dalla gestione sistema bancario ordinaria Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Gruppo Terna Copertura fabbisogni finanziari preventivabili Emissioni obbligazionarie Disponibilità ibilità liquideid emezzi equivalenti Linee di credito inutilizzate Euro Medium Term Notes 11

12 Indice Il rischio di liquidità e il processo di gestione Il rischio di liquidità nelle società quotate L'identificazione dei fattori di rischio La misurazione dell'esposizione La gestione La stabilità delle linee di credito un approfondimento Il controllo 12

13 L identificazione dei fattori di rischio L azienda deve valutare la sua sensibilità ai fattori che possono esporla ad una crisi di liquidità. Fattori iinterni i Composizione squilibrata, per importo e tipologia, delle linee di credito o p.e. aziende che si finanziano a prevalentemente pevae e a breve beve termine e con anticipi sbf, possono non avere, in fasi di riduzione del fatturato, sufficienti crediti da anticipare, e ricorrono al finanziamento in conto corrente, molto più costoso anche dei mutui Errata pianificazione del fabbisogno o p.e. fabbisogni imprevisti che costringono a usare linee di credito marginali, o a chiedere aperture di credito urgenti (con relativi costi di istruttoria) Illiquidità degli investimenti o p.e. se l'azienda ha impiegato la liquidità in titoli a 3 anni, un fabbisogno imprevisto può costringere a vendere in perdita, ovvero a utilizzare finanziamenti bancari Peggioramento del merito creditizio (livello e rischi di riduzione del rating) o P.e. per un risultati economici negativi 13

14 L identificazione dei fattori di rischio Fattori esterni Riduzione del rating come reazione delle banche a notizie o eventi sfavorevoli all attività dell azienda o del settore Riduzione dell offerta di credito o irrigidimento delle sue condizioni (importo delle linee, cambiamenti forme tecniche, passaggio a scadenza di alcuni fidi, utilizzo dei fidi autoliquidanti più difficoltoso) Richiesta di integrazione di garanzie il cui valore sia diminuito per le variazioni dei prezzi di mercato (p.e. perdita di valore di immobili ipotecati a favore di un finanziatore) 14

15 Indice Il rischio di liquidità e il processo di gestione Il rischio di liquidità nelle società quotate L'identificazione dei fattori di rischio La misurazione dell'esposizione La gestione La stabilità delle linee di credito un approfondimento Il controllo 15

16 La misura dell esposizione (1/5) La misurazione dell esposizione si innesta sul processo di elaborazione del budget di tesoreria, o del piano finanziario pluriennale, e considera i seguenti elementi: L orizzonte temporale dell analisi Le componenti dell esposizione Il metodo di misurazione 16

17 La misura dell esposizione (2/5) Orizzonte temporale Esposizione di breve termine Periodo di 12 mesi dalla data di analisi, suddiviso in sottoperiodi mensili Esposizione di medio termine L orizzonte temporale coincide conquello dei piani economici aziendali: 3-5 anni, suddiviso in vari sottoperiodi 17

18 La misura dell esposizione (3/5) Componenti dell esposizione Flussi di cassa operativi o Importi di incassi e pagamenti relativi all orizzonte temporale dell analisi o Grado di prevedibilità e di certezza dei flussi di cassa Flussi di cassa finanziari o Rimborsi di finanziamenti Fonti finanziarie instabili o Linee che scadono o sono revocabili entro l orizzonte temporale considerato, quindi comportano il rischio di non essere rinnovate: linee di credito non confermate, finanziamenti e linee di credito in scadenza Fonti finanziarie stabili o Linee di credito e finanziamenti confermati, di durata almeno pari all orizzonte temporale di analisi 18

19 La misura dell esposizione (4/5) Misura dell esposizione In ogni sottoperiodo dell'orizzonte temporale l'esposizione è pari a: Cash flow operativo (componente certa o molto probabile) + impegni finanziari (rimborsi di finanziamenti a breve e lungo termine) importo delle fonti di finanziamento stabili Questa differenza è l importo esposto al rischio di non essere finanziabile nel caso venissero a mancare le linee a revoca. 19

20 La misura dell esposizione (5/5) Calcolo dell'esposizione un esempio Cash flow forecast Mese 1 Mese 2 Mese 3 Debito iniziale Cash flow totale Debito finale di cui Mutui Utilizzi di linee a revoca Analisi esposizione Rimborso mutui Rimborso linee a revoca Cash flow totale Esposizione Progamma di copertura Nuovo mutuo Nuova linea stand by Totale Esposizione dopo programma di copertura

21 Indice Il rischio di liquidità e il processo di gestione Il rischio di liquidità nelle società quotate L'identificazione dei fattori di rischio La misurazione dell'esposizione La gestione La stabilità delle linee di credito un approfondimento Il controllo 21

22 La gestione (1/6) La riduzione dell esposizione al rischio di liquidità si ottiene attraverso varie linee di azione: L allungamento della durata media del debito La diversificazione delle fonti di finanziamento La costituzione di una riserva di liquidità 22

23 La gestione (2/6) Allungare la durata media del debito (p.e. 5-7 anni) Aumentare la durata media del debito totale o Sostituire finanziamenti di medio-lungo termine e linee di credito confermate (p.e. leasing, mutui, linee di credito stand by) ai finanziamenti di breve termine Aumentare la durata del debito a medio lungo termine o Allungare la durata dei mutui e delle linee di credito confermate già disponibili o in procinto di rinnovo o Aumentare la quota dei finanziamenti con rimborso globale alla scadenza 23

24 La gestione (3/6) Diversificare le forme di finanziamento, per evitare conseguenze negative derivanti da malfunzionamenti di singoli segmenti del mercato bancario. Utilizzare forme di finanziamento basate sugli asset aziendali, meno esposte a turbolenze dei mercati finanziari, p.e. leasing Utilizzare tutte le modalità di finanziamento a breve termine disponibili (anticipi su fatture, anticipi export, factoring ecc.) Valutare la diversificazione della raccolta al di fuori del credito bancario, mediante l emissione di titoli di debito 24

25 La gestione (4/6) Mantenere le linee di fido disponibili: Utilizzare a rotazione tutti gli affidamenti Pianificare in modo coerente con gli utilizzi la canalizzazione del lavoro bancario 25

26 La gestione (5/6) Costituire una riserva di liquidità Aprire una linea di credito stand by da lasciare inutilizzata, p.e. di importo pari alla somma degli impegni finanziari (rimborsi di finanziamenti e interessi) dell'esercizio successivo. Il costo della riserva è pari alla commissione di non utilizzo. Questa alternativa è praticabile solo per le imprese solvibili e per importi abbastanza elevati. Una riserva di liquidità certa, e non solo potenziale, può essere costituita con la stipula di un mutuo e il deposito dll della liquidità. Il costo di questasoluzione, pari alla dff differenza fra il tasso del mutuo e il tasso sul deposito, è normalmente elevato. Il costo da sostenere per una riserva di liquidità potenziale o certa può essere meno rilevante della certezza di disporre delle risorse monetarie in caso di necessità. 26

27 Indice Il rischio di liquidità e il processo di gestione Il rischio di liquidità nelle società quotate L'identificazione dei fattori di rischio La misurazione dell'esposizione La gestione La stabilità delle linee di credito un approfondimento Il controllo 27

28 La stabilità delle linee di credito un approfondimento Le linee di credito e i finanziamenti sono stabili se la banca non può revocarle o chiederne il rimborso in modo totalmente discrezionale, p.e. linee di credito confermate, mutui. In realtà la stabilità è raramente assoluta, in quanto è abituale che la banca mantenga la facoltà di revocarle in caso di forte deterioramento della situazione economica del debitore (c.d. evento sostanzialmente pregiudizievole o MAC material adverse change). Quando però il deterioramento della situazione aziendale sfocia in una situazione di crisi, con la revoca la banca può incorrere in precise responsabilità bl previste dalla legge fallimentare relativamente al concorso nell aggravamento della crisi. Per ottenere il maggior grado di stabilità delle linee di credito è necessario quindi negoziare accuratamente le clausole del contratto, in particolare tutte quelle che prevedono la possibilità di risoluzione del contratto, o che consentano alla banca di modificare unilateralmente le condizioni economiche lasciando al debitore la facoltà di recesso. 28

29 Il rischio di liquidità su una linea confermata Un esempio Clausola di Market Disruption Nel caso in cui: Le Banche comunichino all'agente che, per cause afferenti il mercato interbancario o i mercati finanziari in generale, a. Non è loro possibile reperire sul mercato interbancario la provvista necessaria per la partecipazione alle linee di credito in relazione ad un dato periodi di interesse, ovvero b. Il costo di tale provvista per tale periodo è superiore all'euribor L'Agente LAgente informerà prontamente la Società che le disposizioni del presente articolo sono operanti. Nei cinque giorni lavorativi successivi alla comunicazione la Società, la Banche e l'agente avvieranno negoziazioni in buona fede per un periodo non superiore a trenta giorni lavorativi, al fine di concordare un tasso di riferimento alternativo, anche temporaneamente, al tasso di riferimento e minimizzare i costi di provvista. 29

30 Il rischio di liquidità su una linea confermata Un esempio Clausola di Market Disruption Se non viene raggiunto alcun accordo sul tasso alternativo al tasso di riferimento, ciascuna banca dovrà determinare in buona fede, tramite l'agente, un tasso alternativo al tasso di riferimento applicabile alla propria p quota di partecipazione p del relativo periodo di interessi. 30

31 Il rischio di liquidità su una linea confermata Un esempio Osservazioni La formulazione della clausola non distingue il caso di crisi del mercato da quello di crisi della banca (downgrading del rating) La banca non è tenuta a spiegare le circostanze che hanno determinato l'aumento del costo di raccolta né a fornire documenti che provino che l costo di raccolta è superiore all'euribor La banca non è tenuta a cercare fonti alternative di raccolta che possano contenere il costo La banca non è tenuta a spiegare come ha calcolato il tasso alternativo Non sono previste modalità di controllo circa il ritorno ad una situazione "normale" 31

32 Il rischio di liquidità su una linea confermata Un esempio Potenziali rischi dell'aumento del tasso applicato dalla banca Disallineamento fra il tasso di riferimento del finanziamento e quello di un'eventuale copertura (IRS, cap) Financial covenants: peggioramento dei covenant che includono gli interessi passivi Events of Default: possibile attivazione della clausola degli eventi sostanzialmente pregiudizievoli 32

33 Il rischio di liquidità su una linea confermata Un esempio Possibile approccio negoziale Inserire l'esclusione per il downgrading della banca Inserire obbligo di documentare le circostanze e l'effettivo aumento del costo per lo specifico finanziamento Prevedere la possibilità di applicare periodi di interesse diversi da quelli standard previsti dal contratto, secondo la liquidità dl del mercato interbancario 33

34 Indice Il rischio di liquidità e il processo di gestione Il rischio di liquidità nelle società quotate L'identificazione dei fattori di rischio La misurazione dell'esposizione La gestione La stabilità delle linee di credito un approfondimento Il controllo 34

35 Il controllo Il rischio di liquidità è controllabile e gestibile attraverso indicatori del livello del rischio di liquidità, che rappresentano variabili-obiettivo da migliorare con la politica finanziaria Indicatori di struttura finanziaria Debiti finanziari / patrimonio netto PFN / Mol Indicatori di durata del debito Durata media dei finanziamenti Durata media dei finanziamenti a lungo termine Indicatori di stabilità dei finanziamenti Finanziamenti a lungo termine (incluso leasing) + linee di credito confermate / finanziamentii i e linee di credito totali (incluso leasing) 35

36 Indice Il rischio di liquidità e il processo di gestione L'identificazione dei fattori di rischio La misurazione dell'esposizione La gestione La stabilità bl dll delle linee dicredito d un approfondimento Il controllo Il rischio di liquidità nelle società quotate 36

37 Per informazioni: Financial Innovations Srl tel fax

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 30 settembre 203 4 ottobre 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prezzo Chiusura Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** da

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Gennaio 2013 Il presente documento è stato redatto in lingua

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge Destinazione Italia alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti Finance Law Alert GENNAIO 14 Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti In data 23 dicembre 2013, è stato pubblicato in G.U. n. 300 il

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante:

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante: Regolamento delle fatture di acquisto. Quando paghiamo una fattura di acquisto il nostro patrimonio netto non subisce variazione dal punto di vista quantitativo, ma solo qualitativo. Se paghiamo in contante

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli