FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi"

Transcript

1 FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014

2 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi (di seguito SCIGR ) di FNM S.p.A. e del gruppo ad essa facente capo ( il Gruppo ) è l insieme delle regole, procedure e delle strutture organizzative volte a consentire l identificazione, la misurazione, la gestione e il monitoraggio dei principali rischi ai quali la Società è esposta. Il SCIGR è componente essenziale del sistema di corporate governance del Gruppo ed è ispirato alle leading practice nazionali ed internazionali. Il SCIGR contribuisce a: garantire la salvaguardia del patrimonio sociale, l efficienza e l efficacia dei processi aziendali; garantire l affidabilità dell informazione finanziaria; garantire il rispetto di leggi e regolamenti nonché dello statuto e delle procedure interne adottate dalla Società; agevolare l efficacia e l efficienza delle operazioni aziendali. Il SCIGR ricomprende, oltre i principi espressi nelle presenti Linee di Indirizzo, anche: le specifiche disposizioni statutarie e regolamentari interne in materia di ripartizione di competenze e deleghe di responsabilità; il sistema delle deleghe, delle procedure e delle aree a rischio mappate nel Modello Organizzativo ai sensi del D.Lgs. 231/2001; gli obiettivi e le metodologie di valutazione dei rischi e le disposizioni in materia di sistema amministrativo, contabile e finanziario. Il SCIGR si uniforma alle raccomandazioni del Codice di Autodisciplina e recepisce i principi esposti nel modello Internal Controls Integrated Framework emesso dal Commitee of Sponsoring Organizations of the Treadway Commission (c.d. COSO Report) e considerato modello internazionale di riferimento per l implementazione, la gestione e la valutazione del SCIGR. Allo scopo di definire i principi, le responsabilità e le modalità di implementazione e gestione del SCIGR, il Consiglio di Amministrazione ha definito le presenti Linee di Indirizzo, adottate attraverso delibera del 17 aprile

3 2. Principi Il SCIGR si articola secondo i seguenti tre livelli: I livello: costituito dalle attività di controllo poste in essere dalle unità operative al fine di garantire il corretto svolgimento delle operazioni di competenza. Responsabilità di tale livello è attribuita al management operativo che nel corso dell operatività giornaliera identifica, misura, valuta e gestisce i rischi derivanti dallo svolgimento dell attività di propria competenza; II livello: costituito dal presidio dei processi di individuazione, valutazione gestione e controllo dei rischi. Rientrano in questo livello l organismo di vigilanza, il Controllo di Gestione, il Dirigente Preposto, il Risk Manager. III livello: costituito dalle funzioni indipendenti che forniscono l assurance complessiva sul disegno e sul funzionamento del SCIGR. Appartiene a questo livello l Internal Audit. Alla base della costruzione di un adeguato sistema di controllo, sia esso di primo, secondo o terzo livello, stanno alcuni principi che sono così riassumibili: - Definizione chiara delle attività, dei ruoli e delle responsabilità; evitando eventuali duplicazioni di attività e assicurando il coordinamento dei soggetti coinvolti; - Segregazione di compiti e responsabilità, tra unità organizzative distinte o all interno delle stesse, al fine di evitare che attività incompatibili risultino concentrate sotto responsabilità comuni; in particolare, assicura la necessaria segregazione delle attività operative e di controllo in modo da prevenire o, ove ciò non sia possibile, attenuare i conflitti di interesse; - Previsione di attività di controllo ad ogni livello operativo; al fine di rilevare tempestivamente anomalie e criticità verificatesi nello svolgimento delle attività operative; - Tracciabilità delle attività operative e di controllo svolte, attraverso l utilizzo di opportuni sistemi informativi e processi di reporting, al fine di assicurare nel tempo la ricostruzione e degli elementi informativi che supportano tali attività. La Società adotta tali principi nella progettazione e nella gestione del proprio SCIGR; verifica periodicamente, secondo le modalità di seguito descritte, l adeguatezza e l efficacia dello SCIGR e provvede conseguentemente ad aggiornare lo stesso. 3. Ruoli e Responsabilità Nell ambito del SCIGR, sussistono le seguenti responsabilità: - il Consiglio di Amministrazione; - il Comitato Controllo e Rischi; 2

4 - l Amministratore incaricato del SCIGR (di seguito, l Amministratore Incaricato ); - il Collegio Sindacale; - il responsabile della funzione di internal audit; - il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari (di seguito il Dirigente Preposto ); - l Organismo di Vigilanza ex D.Lgs. n. 231/2001; - il risk committee; - il risk manager; - gli altri organi e funzioni aziendali competenti in materia di controlli interni e gestione dei rischi. Il Consiglio di Amministrazione ha un ruolo di indirizzo e valutazione ultima di adeguatezza del SCIGR. In particolare il Consiglio, previo parere del Comitato Controllo e Rischi: - definisce le linee di indirizzo del SCIGR, in modo che i principali rischi afferenti all emittente e alle sue controllate risultino correttamente identificati, nonché adeguatamente misurati, gestiti e monitorati, determinando inoltre il grado di compatibilità di tali rischi con una gestione dell impresa coerente con gli obiettivi strategici individuati; - valuta, con cadenza almeno annuale, l adeguatezza del SCIGR rispetto alle caratteristiche dell impresa e al profilo di rischio assunto, nonché la sua efficacia; - approva il piano di lavoro predisposto dal responsabile internal audit, sentiti il collegio sindacale e il Presidente, in qualità di amministratore incaricato del SCIGR; - descrive, nella relazione sul governo societario, le principali caratteristiche del SCIGR, esprimendo la propria valutazione sull adeguatezza dello stesso; - valuta, sentito il collegio sindacale, i risultati esposti dal revisore legale nella eventuale lettera di suggerimenti e nella relazione sulle questioni fondamentali emerse in sede di revisione legale; - approva il modello di organizzazione e di gestione di cui al Decreto Legislativo 231/2001 e le relative modifiche ed aggiornamenti. Il Consiglio inoltre nomina e revoca i componenti dell Organismo di Vigilanza 231, con le caratteristiche e secondo le modalità previste dal medesimo Modello; - nomina l Amministratore Incaricato; - costituisce nel suo ambito un Comitato Controllo e Rischi, indicandone il Presidente. Il Consiglio di Amministrazione, su proposta del Presidente quale Amministratore incaricato del SCIGR e previo parere favorevole del comitato controllo e rischi, nonché sentito il collegio sindacale: - nomina e revoca il responsabile della funzione di internal audit; - assicura che lo stesso sia dotato delle risorse adeguate all espletamento delle proprie responsabilità; 3

5 - ne definisce la remunerazione coerentemente con le politiche aziendali. Il Comitato Controllo e Rischi svolge una attività istruttoria a supporto delle valutazioni e delle decisioni del Consiglio di Amministrazione relative al SCIGR. In particolare, il Comitato, nell assistere il Consiglio di Amministrazione: - fornisce al Consiglio un parere preventivo per l espletamento dei compiti a quest ultimo affidati dal Codice di Autodisciplina in materia di controllo interno e gestione dei rischi e lo assiste nella definizione e aggiornamento delle linee di indirizzo del SCIGR; - esprime pareri su specifici aspetti inerenti alla identificazione dei principali rischi aziendali; - fornisce parere nel caso di decisioni relative a nomina, revoca, remunerazione e dotazione di risorse del responsabile internal audit; - monitora l autonomia, l adeguatezza, l efficacia e l efficienza della funzione internal audit; - chiede alla funzione di internal audit ove ne ravvisi l esigenza lo svolgimento di verifiche su specifiche aree operative, dandone contestuale comunicazione al Presidente del Collegio Sindacale; - svolge le funzioni di Comitato per le Operazioni con Parti Correlate, così come da specifica procedura approvata dal Consiglio di Amministrazione il 29 novembre 2010, giusta delibera CONSOB n del 12 marzo 2010; - valuta con il Dirigente Preposto, sentiti la Società di Revisione ed il Collegio Sindacale, la corretta applicazione dei principi contabili e la loro omogeneità ai fini della redazione del bilancio consolidato; - esprime pareri in ordine alla identificazione, misurazione, gestione e monitoraggio dei principali rischi aziendali nonché alla definizione della natura e del livello di rischio ritenuto compatibile con gli obiettivi strategici, in collegamento con le funzioni aziendali preposte; - esamina le relazioni periodiche, aventi per oggetto la valutazione del SCIGR, nonché quelle di particolare rilevanza approntate dal responsabile internal audit; - esamina, di concerto con il Collegio Sindacale, i risultati esposti dalla società di revisione nella relazione e nell eventuale lettera di suggerimenti; - riferisce al Consiglio, in occasione dell esame ed approvazione della relazione finanziaria annuale e semestrale, sull attività da esso svolta nonché sull adeguatezza del SCIGR. Ai lavori del comitato controllo e rischi partecipa il Presidente del Collegio Sindacale o altro sindaco da lui designato; possono comunque partecipare anche gli altri sindaci. L Amministratore Incaricato del SCIGR, che nell attuale Governance societaria coincide con il Presidente del Consiglio di Amministrazione: 4

6 - cura l identificazione dei principali rischi aziendali, tenendo conto delle caratteristiche delle attività svolte dalla Società e dalle sue controllate, e li sottopone periodicamente all esame del Consiglio di Amministrazione; - dà esecuzione alle linee di indirizzo definite dal Consiglio di Amministrazione su proposta del comitato controllo e rischi, curando la progettazione, realizzazione e gestione del SCIGR e verificandone costantemente l adeguatezza e l efficacia; - provvede all adattamento di tale sistema alla dinamica delle condizioni operative e del panorama legislativo e regolamentare; - può chiedere alla funzione di internal audit lo svolgimento di verifiche su specifiche aree operative e sul rispetto delle regole e procedure interne nell esecuzione di operazioni aziendali, dandone contestuale comunicazione al Presidente del comitato controllo e rischi e al Presidente del Collegio Sindacale; - riferisce tempestivamente al comitato controllo e rischi e al Consiglio di Amministrazione in merito a problematiche e criticità emerse nello svolgimento della propria attività o di cui abbia avuto comunque notizia, affinché possano essere assunte le opportune iniziative. Il Collegio Sindacale, in quanto vertice del sistema di vigilanza dell emittente, nell ambito dei compiti assegnati dalla legge e in qualità di Comitato per il controllo interno e la revisione contabile ai sensi del D.Lgs n 39, nel rispetto delle raccomandazioni espresse dal Codice di Autodisciplina, vigila sulla generale efficacia del SCIGR. Il responsabile della funzione di internal audit è incaricato della verifica di adeguatezza ed effettivo funzionamento del SCIGR e in particolare: - verifica, sia in via continuativa sia in relazione a specifiche necessità e nel rispetto degli standard internazionali, l operatività e l idoneità del SCIGR, attraverso un piano di audit, approvato dal Consiglio di Amministrazione, basato su un processo strutturato di analisi e prioritizzazione dei principali rischi; - predispone relazioni periodiche contenenti adeguate informazioni sulla propria attività, sulle modalità con cui viene condotta la gestione dei rischi nonché sul rispetto dei piani definiti per il loro contenimento. Le relazioni periodiche contengono una valutazione sull idoneità del SCIGR; - predispone tempestivamente relazioni su eventi di particolare rilevanza; - trasmette le relazioni di cui ai punti precedenti ai Presidenti del Collegio Sindacale, del Comitato controllo e rischi e del Consiglio di Amministrazione; - verifica nell ambito del piano di audit l affidabilità dei sistemi informativi, inclusi i sistemi di rilevazione contabile. Il responsabile della funzione di internal audit: 5

7 - non è responsabile di alcuna area operativa e dipende gerarchicamente dal Consiglio di Amministrazione inteso nella sua collegialità; - ha accesso diretto a tutte le informazioni utili per lo svolgimento del suo incarico. Le competenze di dettaglio, le responsabilità e i poteri di accesso a documenti e informazioni sono declinati in un documento definito mandato di audit, emesso dal Consiglio di Amministrazione nella riunione di insediamento, in conformità a quanto previsto dagli standard internazionali della professione di internal audit emessi dall Istitute of Internal Auditors. Il Dirigente Preposto è responsabile, secondo quanto previsto nella Legge n. 262 del 2005, della implementazione di un adeguato sistema di controllo a presidio della veridicità dell informativa finanziaria. A tal fine predispone adeguate procedure amministrative e contabili per la formazione del bilancio d esercizio e del bilancio consolidato ed ogni comunicazione di carattere finanziario del Gruppo. Il Dirigente cura l applicazione e l aggiornamento di tali procedure, che costituiscono il Sistema di Controllo interno per il financial reporting, parte integrante del più ampio SCIGR. Conformemente alle previsioni della suddetta normativa, il Dirigente Preposto rilascia una dichiarazione di accompagnamento agli atti e comunicazioni finanziarie, che ne attesta la corrispondenza alle risultanze dei documenti, libri e scritture contabili; inoltre, in sede di pubblicazione del bilancio d esercizio, rilascia una dichiarazione di adeguatezza ed effettiva applicazione delle procedure predisposte e di conformità del documento pubblicato ai principi contabili di riferimento. Il Dirigente Preposto è nominato e revocato dal Consiglio di Amministrazione, previo parere del Collegio Sindacale. Il Consiglio vigila inoltre affinché il Dirigente disponga dei mezzi e dei poteri necessari all assolvimento dei compiti a lui assegnati e sull effettivo rispetto delle procedure dallo stesso predisposte. L Organismo di Vigilanza 231 è incaricato di vigilare sull adeguatezza, aggiornamento ed effettivo funzionamento del modello di organizzazione e gestione ai sensi del D. Lgs. 231 del 2001, anch esso parte integrante del più ampio del SCIGR. Il responsabile internal audit è membro interno dell Organismo di Vigilanza, secondo quanto previsto dal modello medesimo. Per i ruoli e i compiti di dettaglio dell Organismo si rinvia al Modello Organizzativo 231 in vigore. Il risks committee è composto dai dirigenti titolari dei processi aziendali nell ambito dei quali vengono svolte regolari attività di risk analysis, in conformità a normative di settore o per specifiche esigenze operative. Si riunisce periodicamente allo scopo di condividere le rispettive risultanze di risk analysis, definire sinergie per evitare duplicazioni di attività e programmare, laddove possibile, sessioni coordinate. 6

8 L attività del risks committee viene riassunta in specifiche relazioni di sintesi a cura del risk manager, indirizzate all Amministratore Incaricato e al Comitato Controllo e Rischi. Il risk manager, in collaborazione con i titolari di processo definiti, coordina e monitora l intero processo di risk management secondo le modalità di dettaglio definita nell apposita procedura operativa risk management. Tutti i Dipendenti del Gruppo FNM sono chiamati a contribuire all efficace funzionamento del SCIGR, attraverso lo svolgimento diligente delle attività di loro competenza e la segnalazione al proprio referente delle criticità riscontrate nello svolgimento delle stesse. I dipendenti sono inoltre chiamati a segnalare, attraverso gli appositi canali predisposti, le violazioni alle norme etiche adottate dal Gruppo e al Modello Organizzativo Implementazione e Gestione del SCIGR 4.1. Individuazione dei Rischi Avvalendosi del supporto delle funzioni di controllo di secondo e terzo livello il l Amministratore incaricato del SCIGR indirizza le attività di gestione dei rischi sui principali rischi aziendali, tenendo conto degli obiettivi aziendali e delle specificità di business del Gruppo. Le modalità di valutazione di tali rischi constano dei seguenti aspetti; - natura del rischio, esemplificabile in strategica, operativa, finanziaria, di frode o di compliance normativa; - probabilità del verificarsi dell evento negativo connesso al rischio; - impatto dell evento negativo sull attività aziendale. Il Consiglio di Amministrazione, su proposta dell Amministratore Incaricato e giusta parere del Comitato Controllo e Rischi, determina il livello di rischio ritenuto compatibile con gli obiettivi strategici del gruppo e valuta le misure di contenimento intraprese e da intraprendersi a presidio di tali rischi Attuazione del SCIGR Il Presidente, in qualità di Amministratore incaricato del SCIGR, cura l attuazione delle presenti linee di indirizzo, assicurandosi che il SCIGR: - sia parte integrante dell operatività e della cultura del Gruppo, attivando a tal fine idonei processi di informazione, comunicazione e formazione e sistemi di retribuzione e disciplinari che incentivino la corretta gestione dei rischi e scoraggino comportamenti contrari ai principi dettati da tali processi; - sia idoneo a reagire tempestivamente a significative situazioni di rischio che nascano sia all interno del Gruppo che da modifiche dell ambiente in cui il Gruppo opera; 7

9 - preveda regolari attività di controllo dell efficacia del SCIGR, nonché la possibilità di attivare specifiche attività di controllo nell ipotesi in cui vengano segnalate debolezze nel SCIGR; - faciliti l individuazione e tempestiva esecuzione di azioni correttive. Con cadenza annuale, contestualmente alla fase di predisposizione del budget, esegue una analisi globale dei rischi con la relativa valutazione del loro possibile impatto sul raggiungimento dei risultati. Tale valutazione si concretizza in un documento in cui viene rappresentato in maniera completa il livello di rischio per ogni area di rilievo e vengono definite le azioni dirette a mitigare i rischi previsti. Il Comitato Controllo e Rischi potrà richiedere delucidazioni e/o integrazioni al predetto documento affinché possa relazionare in modo esaustivo al Consiglio di Amministrazione. Il Consiglio di Amministrazione dovrà essere posto nelle condizioni di poter valutare agevolmente se il livello di rischio compatibile con gli obiettivi strategici della Società è accettabile così come riportato nel documento predisposto dal risks committee e discusso con il Comitato Controllo e Rischi. Il Consiglio di Amministrazione dovrà esprimere la propria opinione in merito alle azioni di mitigazione proposte e sull entità del rischio residuo. L'esame, la discussione e la definizione nel Consiglio di Amministrazione della natura e livello di rischio compatibile con gli obiettivi aziendali è attuata attraverso un analisi critica della valutazione di probabilità/impatto e tiene conto di parametri collegati al risultato della gestione, al patrimonio netto e alla posizione finanziaria netta della Società. Le modalità di dettaglio con il quale viene gestito il complessivo processo di risk management sono definite in una specifica procedura operativa, parte integrante del sistema procedurale della società, a cura dell Amministratore Incaricato Valutazione dell efficacia del SCIGR La piena e corretta efficacia del SCIGR è garantita dalla periodica verifica dell adeguatezza e dell effettivo funzionamento e dalla sua eventuale conseguente revisione. Tale verifica periodica spetta al Consiglio di Amministrazione ed è svolta col supporto del Comitato Controllo e Rischi e la Funzione di Internal Audit. Il Consiglio di Amministrazione riceve ed esamina le relazioni periodiche predisposte dal Responsabile Internal Audit e dal Comitato Controllo e Rischi. Il Consiglio di Amministrazione, inoltre in occasione dell approvazione del bilancio: - esprime la propria valutazione circa l efficacia e l adeguatezza del SCIGR del Gruppo ponendo particolare attenzione alle eventuali inefficienze che siano state segnalate; - considera quali azioni siano state poste in essere ovvero debbano essere tempestivamente intraprese per sanare tali carenze. 8

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi

Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi Management System Guideline Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi 11 aprile 2013 1 Messaggio del CEO Il Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi (di seguito SCIGR) è considerato in eni

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

Linea Guida Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi (SCIGR) Poste Italiane S.p.A.

Linea Guida Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi (SCIGR) Poste Italiane S.p.A. Linea Guida Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi (SCIGR) Poste Italiane S.p.A. Introduzione Poste Italiane ha adottato un nuovo modello di business e organizzativo volto ad abilitare il conseguimento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA. 28 Agosto 2015

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA. 28 Agosto 2015 REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DI RETELIT SPA 28 Agosto 2015 Retelit S.p.A. Viale Francesco Restelli 3/7-20124 Milano (MI) Tel. (39) 02 2020 45.1 - Fax (39) 02 2020

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Art. 1 Costituzione - Presidenza

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Art. 1 Costituzione - Presidenza Una Società Finmeccanica REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI Art. 1 Costituzione - Presidenza 1. Il Comitato Controllo e Rischi (il Comitato ) è costituito con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Regolamento. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi PRYSMIAN S.P.A. COMITATO CONTROLLO E RISCHI Regolamento Regolamento del Comitato Controllo e Rischi Data approvazione: 16/01/2007 Ultima modifica: 08/11/2012 Regolamento del Comitato Controllo e Rischi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI ART. 1 PREMESSA...2 ART. 2 - CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE...2 ART. 3 - COMITATO CONTROLLO E RISCHI...3 ART. 4 - AMMINISTRATORE INCARICATO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTROLLI: AUDIT, CONTROLLO INTERNO, COMITATO CONTROLLO E RISCHI E COLLEGIO SINDACALE

IL SISTEMA DEI CONTROLLI: AUDIT, CONTROLLO INTERNO, COMITATO CONTROLLO E RISCHI E COLLEGIO SINDACALE IL SISTEMA DEI CONTROLLI: AUDIT, CONTROLLO INTERNO, COMITATO CONTROLLO E RISCHI E COLLEGIO SINDACALE ENRICO MARIA BIGNAMI 1 febbraio 2014 Il Sistema dei Controlli: Audit, Controllo Interno, Comitato Controllo

Dettagli

MANDATO INTERNAL AUDIT

MANDATO INTERNAL AUDIT INTERNAL AUDIT MANDATO INTERNAL AUDIT Il presente Mandato Internal Audit di Società, previo parere favorevole del Comitato Controllo e Rischi in data 30 ottobre 2012 e sentito il Collegio Sindacale e l

Dettagli

Linee di indirizzo del Sistema di Controllo interno e Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo del Sistema di Controllo interno e Gestione dei Rischi Linee di indirizzo del Sistema di Controllo interno e Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo interno e di Gestione dei Rischi (il Sistema ) di MolMed S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia 01 Angelo Micocci: fonti e definizioni 1 Obiettivo della lezione Internal Control

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A.

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. 1. Ruolo del consiglio di amministrazione 2. Composizione del consiglio di amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione La Società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da un numero di membri non inferiore a sette e

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO

CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO REVISIONE DICEMBRE 2011 INDICE PREMESSA..... pag. 4 A) REGOLE DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI GESTORI DI UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO S.p.A...... pag. 6 A.1 CONSIGLIO

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A.

CODICE DI AUTODISCIPLINA Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. CODICE DI AUTODISCIPLINA Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. PREMESSA Il Codice di Autodisciplina di Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. (di seguito il Codice ) contiene la descrizione dei principali compiti

Dettagli

IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 10 Febbraio 2012 Milano Auditorium ENEL - Via Carducci 13 Roma ENEL - Viale Regina Margherita 137 Indice Introduzione sulle modifiche apportate al

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 13 Come già ampiamente illustrato in occasione dell assemblea di approvazione del bilancio 2000,

Dettagli

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012 REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE

Dettagli

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni

i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni A. SVILUPPO STORICO: NORMA COMUNITARIA LA IV a DIRETTIVA 25/7/1978 N. 78/660 Art. 1 Art. 11 Art. 51 comma 1: Art. 51 comma 2: i soggetti sottoposti al controllo condizioni per le esenzioni in cosa consiste

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE FINMECCANICA - Società per azioni Sede in Roma, Piazza Monte Grappa n. 4 finmeccanica@pec.finmeccanica.com Capitale sociale euro 2.543.861.738,00 i.v. Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale n.

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

Procedura GESTIONE DENUNCE

Procedura GESTIONE DENUNCE Procedura GESTIONE DENUNCE Torino, 23 dicembre 2004 INDICE PARTE GENERALE 1 PREMESSA...3 2 NORMATIVA ESTERNA E INTERNA APPLICABILE...3 3 COMPITI E RESPONSABILITÀ...3 4 PROCESSO...4 5 CONTROLLO...4 6 COMITATO

Dettagli

Legge sulla Tutela del Risparmio e Corporate Governance

Legge sulla Tutela del Risparmio e Corporate Governance Legge sulla Tutela del Risparmio e Corporate Governance 8 Legge sulla Tutela del Risparmio e Corporate Governance OBIETTIVI DELLA SESSIONE Legge 262/05: esigenze introdotte, responsabilità e punti d attenzione

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * *

Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * * Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * * Indice 1. PREMESSE 2. BENI E RAPPORTI DESTINATI 3. EFFETTI DELLA SEGREGAZIONE 4. REGOLE DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE 5. REGOLE DI CONTROLLO 6. COLLEGIO

Dettagli

L attuazione dei sistemi di controllo interno delle Società quotate

L attuazione dei sistemi di controllo interno delle Società quotate Assonime, Borsa Italiana SpA, Emittenti Titoli SpA Il nuovo codice di autodisciplina delle Società quotate L attuazione dei sistemi di controllo interno delle Società quotate Bruno Cova SVP & General Counsel

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI UNICREDIT

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI UNICREDIT REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI UNICREDIT Edizione luglio 2014 PREMESSA Il presente Regolamento del Consiglio di Amministrazione di UniCredit (il Regolamento ) - adottato in conformità

Dettagli

Corporate governance

Corporate governance Corporate governance Esercizio 2012 Presentazione 4 Informazioni generali 14 Relazione finanziaria annuale Bilancio consolidato Italcementi S.p.A. Relazione del C.d.a sulla gestione 150 Relazione sulla

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

ERM FOR DUMMIES: l evoluzione da Risk Manager a Chief Risk Officer. Massimo Livatino e Paola Tagliavini. Lab ERM SDA Bocconi

ERM FOR DUMMIES: l evoluzione da Risk Manager a Chief Risk Officer. Massimo Livatino e Paola Tagliavini. Lab ERM SDA Bocconi ERM FOR DUMMIES: l evoluzione da Risk Manager a Chief Risk Officer Massimo Livatino e Paola Tagliavini Lab ERM SDA Bocconi Agenda Centralità della gestione del rischio nel Codice di Autodisciplina Evoluzione

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ORGANI AZIENDALI DI UNICREDIT CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COLLEGIO SINDACALE

REGOLAMENTO DEGLI ORGANI AZIENDALI DI UNICREDIT CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COLLEGIO SINDACALE REGOLAMENTO DEGLI ORGANI AZIENDALI DI UNICREDIT CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COLLEGIO SINDACALE Edizione maggio 2015 1 PREMESSA Il presente Regolamento ( Regolamento ) disciplina le modalità di funzionamento

Dettagli

Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi

Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi L importanza della comunicazione Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi FAbio ACCARDi se nella ricerca

Dettagli

Il ruolo dell Internal Auditing

Il ruolo dell Internal Auditing Il ruolo dell Internal Auditing Meccanismi di governance, evoluzione dei controlli interni e Position Paper AIIA Milano, 16 marzo 2006 Carolyn Dittmeier Presidente AIIA 1 Alcuni nuovi meccanismi di governance

Dettagli

Le funzione di conformità alle norme nell ambito del Sistema dei Controlli Interni delle Banche

Le funzione di conformità alle norme nell ambito del Sistema dei Controlli Interni delle Banche Le funzione di conformità alle norme nell ambito del Sistema dei Controlli Interni delle Banche a cura di Francesco Manganaro 11 Gennaio 2014 1 Obiettivo del seminario Il Sistema dei Controlli Interni,

Dettagli

L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo. Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso

L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo. Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso Paradigma - 24 maggio 2013 L esperienza di Intesa Sanpaolo Problemi applicativi

Dettagli

Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Edizione giugno 2015 PREMESSA Mediolanum Gestione Fondi (di seguito anche MGF o la Società ), appartenente al Gruppo Bancario Mediolanum 1

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI Testo approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 26 ottobre 2011 Art. 1 Disposizioni preliminari 1.1 Il presente regolamento interno

Dettagli

2014 Fiat Group Procedura gestione denunce

2014 Fiat Group Procedura gestione denunce 2014 Fiat Group 2 Fiat Group Indice 1. Premessa... 3 2. Normativa esterna e interna applicabile... 3 3. Compiti e responsabilità... 3 4. Processo... 4 5. Controllo... 4 6. Comitato denunce... 4 7. Registro

Dettagli

PROCEDURE DELIBERATIVE IN MATERIA DI OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI

PROCEDURE DELIBERATIVE IN MATERIA DI OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI PROCEDURE DELIBERATIVE IN MATERIA DI OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI (Ai sensi delle Disposizioni di vigilanza Banca d Italia in materia di attività di rischio e conflitti di interesse nei confronti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI UNICREDIT

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI UNICREDIT REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI UNICREDIT Edizione Marzo 2012 PREMESSA Il presente Regolamento del Consiglio di Amministrazione di UniCredit (il Regolamento ) - adottato in conformità alla

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio. www.iusletter.com

Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio. www.iusletter.com LaScala studio legale e tributario in association with Field Fisher Waterhouse Focus on Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio Giugno 2011 www.iusletter.com Milano Roma Torino

Dettagli

Allegato 5 PROFILO SOCIETARIO ED ORGANIZZATIVO DI TORRE SGR - 1 -

Allegato 5 PROFILO SOCIETARIO ED ORGANIZZATIVO DI TORRE SGR - 1 - Allegato 5 PROFILO SOCIETARIO ED ORGANIZZATIVO DI TORRE SGR - 1 - Indice PARTE I - PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ... 3 ATTIVITÀ SVOLTE... 3 ORGANI SOCIALI... 3 PARTECIPAZIONE AL CAPITALE SOCIALE... 4 PARTE

Dettagli

Rev. 11/04/2008 Manuale Organizzativo E DI. Page 1 of 22

Rev. 11/04/2008 Manuale Organizzativo E DI. Page 1 of 22 MANUALE ORGANIZZATIVO E DI CORPORATE GOVERNANCE Page 1 of 22 Indice I - INTRODUZIONE... 3 1.1 PREMESSA...3 1.2 OBIETTIVI DEL MANUALE...3 1.3 AMBITO DI APPLICAZIONE...4 II - ORGANIGRAMMA FUNZIONALE... 5

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C.

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. All Assemblea degli Azionisti di Mittel SpA. Nel corso dell esercizio chiuso al 30 settembre 2012

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Indice Premessa e contesto normativo... 3 Valutazione della composizione qualitativa... 4 Profili generali... 4 Richiami normativi...

Dettagli

L Enterprise Risk Management in Italia

L Enterprise Risk Management in Italia DISCUSSION PAPER L Enterprise Risk Management in Italia Risultati della survey condotta in collaborazione con l Osservatorio di Revisione della SDA Bocconi Seconda edizione Maggio 2012 kpmg.com/it 2 L

Dettagli

11 ottobre 2010. Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 15 novembre 2010 al seguente indirizzo:

11 ottobre 2010. Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 15 novembre 2010 al seguente indirizzo: Provvedimento recante disposizioni attuative in materia di organizzazione, procedure e controlli interni volti a prevenire l utilizzo a fini di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo delle società

Dettagli

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità FLASH REPORT Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità Luglio 2013 Il 2 luglio 2013 la Banca d Italia, all esito dell attività di consultazione avviata nel mese di settembre

Dettagli

Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia

Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia Il sistema dei controlli interni delle banche: il ruolo degli organi aziendali e delle funzioni aziendali di controllo Foggia, 20 Novembre 2012

Dettagli

Processo di gestione del rischio d informazione finanziaria

Processo di gestione del rischio d informazione finanziaria Processo di gestione del rischio d informazione finanziaria Deltas S.p.A. La comunicazione finanziaria Sondrio, 9 marzo 2010 Agenda Vincoli di conformità alla L. 262/20005 Soluzioni operative Nuove sfide

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE IL REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE IL REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE IL REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA INDICE Definizioni.3 I. Premesse.4 1. Nomina e composizione dell Organismo.6 2. Durata dell incarico e sostituzione dei componenti

Dettagli

Il codice di autodisciplina

Il codice di autodisciplina Il codice di autodisciplina Maria-Gaia Soana gaiasoana@gmail.com Argomenti trattati: 1. Il quadro normativo di riferimento 1.1 La hard law 1.2 La normativa secondaria 2. La regolamentazione volontaria

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

a) adottato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire i reati considerati;

a) adottato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire i reati considerati; L Organismo di vigilanza (ODV) nel sistema del d.lg. n. 231 L art. 6 del d.lg. n. 231 prevede che l ente possa essere esonerato dalla responsabilità amministrativa conseguente alla commissione dei reati

Dettagli

INTERNAL AUDIT & COMPLIANCE

INTERNAL AUDIT & COMPLIANCE GOVERNANCE & COMPLIANCE A.A. 2014-2015 INTERNAL AUDIT & COMPLIANCE Prof. Alberto Nobolo Governance & compliance 1 Internal auditing Attività indipendente e obiettiva di assurance e consulenza finalizzata

Dettagli

Il Sistema di Controllo Interno

Il Sistema di Controllo Interno GRUPPO TELECOM ITALIA Il Sistema di Controllo Interno Definizione, attori e competenze Federico Maurizio d Andrea Indice Il sistema di controllo interno quale elemento della corporate governance I livelli

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

L ORGANISMO DI VIGILANZA

L ORGANISMO DI VIGILANZA PARTE GENERALE MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA DEI RISCHI AZIENDALI. SEZIONE TERZA L ORGANISMO DI VIGILANZA PREMESSA. DP&V affida il compito di vigilare sul Modello di Risk Management ad un Organismo di

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi LINEE GUIDA CONCERNENTI IL CONTENUTO DEI REQUISITI ORGANIZZATIVI PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI

Dettagli

CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE

CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE CODICE DI CORPORATE 00 29/06/2006 Internal Auditing DA PUBBLICARE SU SITO\1.CODICE_DI_CORPORATE VERS.1.0.DOC Pagina 1 di 24 PREMESSA Arag ritiene che l'istituzione di un adeguato sistema di Corporate Governance

Dettagli

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 OdV/FNM/10/2013 Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Finmeccanica S.p.a. nella seduta del

Dettagli

Il Decreto Legislativo 231/01: Impatti sulla Governance aziendale

Il Decreto Legislativo 231/01: Impatti sulla Governance aziendale Il D.Lgs 231/01 : riflessi sul ruolo dell' OdV e del Collegio Sindacale ndacale Il Decreto Legislativo 231/01: Impatti sulla Governance aziendale 27 febbraio 2012 Prof. Daniele Gervasio Università degli

Dettagli

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA Sentiamo la responsabilità di essere un player globale in un settore caratterizzato da elementi strategici di grande delicatezza. L attenzione alle regole e la

Dettagli

La guida operativa per i sindaci sulla vigilanza del sistema di controllo interno

La guida operativa per i sindaci sulla vigilanza del sistema di controllo interno 25/11/2000 Suppl. al n. 43/2000 Pag. 53 La guida operativa per i sindaci sulla vigilanza del sistema di controllo interno Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e Consiglio Nazionale dei Ragionieri

Dettagli

High Value Audit Communiti - Milano, 16 aprile 2010 Protiviti - Via Tiziano, 32 - Milano

High Value Audit Communiti - Milano, 16 aprile 2010 Protiviti - Via Tiziano, 32 - Milano Il ruolo dell Internal Audit nei processi di gestione e verifica dei Modelli organizzativi ex D. Lgs. 231/01, anche sottoposti al vaglio della Magistratura: l esperienza Impregilo High Value Audit Communiti

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi)

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) Codice di autodisciplina Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina approvato nel marzo 2006 dal Comitato per la corporate governance

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 VERBALE DI RIUNIONE DEL 8 APRILE 2013 ---------- Il giorno 8 del mese di Aprile 2013 alle ore 9,00 i sottoscritti Santolini rag. Livio, Monti dott. Roberto, Ricci dott.sa Silva, sindaci revisori effettivi

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA Come ogni grande istituzione finanziaria, BNP Paribas Investment Partners SGR (di seguito anche la SGR

Dettagli

Osservazioni generali

Osservazioni generali Documento di consultazione n. 1/2014 Schema di Regolamento 20/2008 recante nuove disposizioni in materia di controlli interni, gestione dei rischi ed esternalizzazione Legenda Nella riga Commentatore i

Dettagli

Approfondimento. Controllo Interno

Approfondimento. Controllo Interno Consegnato OO.SS. 20 maggio 2013 Approfondimento Controllo Interno Maggio 2013 Assetto Organizzativo Controllo Interno CONTROLLO INTERNO ASSICURAZIONE QUALITA DI AUDIT E SISTEMI ETICA DEL GOVERNO AZIENDALE

Dettagli

Questionario di autovalutazione del Consiglio di Amministrazione

Questionario di autovalutazione del Consiglio di Amministrazione Questionario di autovalutazione del Consiglio di Amministrazione Aprile 2012 Il presente questionario (check list) è uno strumento di supporto all attività di autovalutazione che, come suggerito dal Codice

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Processo ICAAP

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Processo ICAAP INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/214 Processo ICAAP BANCA DI CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI ERCHIE Delibera del Consiglio di Amministrazione del 9/6/215 INDICE Sommario

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA ALL ASSEMBLEA DEI SOCI DELLA BANCA POPOLARE DI MILANO SCaRL (redatta ai sensi dell articolo 153, comma 1 del

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA ALL ASSEMBLEA DEI SOCI DELLA BANCA POPOLARE DI MILANO SCaRL (redatta ai sensi dell articolo 153, comma 1 del RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA ALL ASSEMBLEA DEI SOCI DELLA BANCA POPOLARE DI MILANO SCaRL (redatta ai sensi dell articolo 153, comma 1 del D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e dell articolo 51, comma

Dettagli

Andaf Riproduzione riservata

Andaf Riproduzione riservata Terrorismo internazionale Etica Globalizzazione Operazioni straordinarie Mercati Tecnologie Relazioni internazionali Evoluzione normativa Business & strategie Finanziari Contabili Strategici Operativi

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA Effetti s.r.l.

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA Effetti s.r.l. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA Effetti s.r.l. Approvato all unanimità dagli Amministratori con decisione del 21 aprile 2009 SOMMARIO Art. 1 - Scopo e ambito di applicazione Art. 2 - Composizione

Dettagli

L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione

L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione I modelli organizzativi di prevenzione nelle cooperative e i nuovi reati del D.Lgs. 231/01 L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione Paolo Maestri Unilab Consulenze Aziendali 9 aprile

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI UNIONE MONTANA ALTA VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio n. 1 del 07.01.2013 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

Stato e Prospettive del Quadro dei Controlli Interni dell Azienda. Armando BOFFI Partner PRICEWATERHOUSECOOPERS

Stato e Prospettive del Quadro dei Controlli Interni dell Azienda. Armando BOFFI Partner PRICEWATERHOUSECOOPERS Stato e Prospettive del Quadro dei Controlli Interni dell Azienda Armando BOFFI Partner PRICEWATERHOUSECOOPERS Perché l attenzione sui controlli interni? 2 Corporate Governance e controllo interno negli

Dettagli

LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE)

LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE) LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE) Dott. Werther Montanari Direttore Audit di Gruppo Società Cattolica di Assicurazione Soc. Coop. Verona, 9 dicembre

Dettagli

CONOSCERE L AZIENDA GESTIRE I SUOI RISCHI. Sintesi presentazione società

CONOSCERE L AZIENDA GESTIRE I SUOI RISCHI. Sintesi presentazione società CONOSCERE L AZIENDA GESTIRE I SUOI RISCHI Sintesi presentazione società Indice Chi siamo pag. 3 I professionisti pag. 4 I servizi professionali pag. 5 Metodologia per modelli organizzativi ex 231/01 pag.

Dettagli

Standard di Connotazione

Standard di Connotazione Standard di Connotazione 1000 Finalità, Poteri e Responsabilità Le finalità, i poteri e le responsabilità dell attività di internal audit devono essere formalmente definite in un Mandato di internal audit,

Dettagli

Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA. Principi. Fonti (aggiornate al 31 dicembre 2005)

Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA. Principi. Fonti (aggiornate al 31 dicembre 2005) Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA Principi Il Sistema di Corporate Governance Brembo ha assicurato, anche nel corso dell esercizio 2005, l integrale adesione alle disposizioni

Dettagli

IL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA DEI RISCHI AZIENDALI

IL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA DEI RISCHI AZIENDALI IL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA DEI RISCHI AZIENDALI RISK MANAGEMENT Approvato dal CdA del Dicembre 2010 1 Genesi Modello di Risk Management DP&V, con l emanazione del Modello di gestione del sistema

Dettagli