Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale"

Transcript

1 IBM Global Technology Services Research Report Business resilience Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale Risultati dell IBM Global Business Resilience and Risk Study 2011

2 L indagine relativa ai Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale è uno studio IBM che analizza come le aziende stiano sempre più adottando strategie di business resilience integrate in un contesto incerto. Il rapporto è stato redatto dall Economist Intelligence Unit, che si è anche occupata del sondaggio online e della conduzione delle interviste per conto di IBM. Vorremmo ringraziare tutti i dirigenti che hanno partecipato al sondaggio per i pareri espressi e il tempo che ci hanno dedicato. Yousef Valine, Chief Risk Officer, First Horizon National Corporation Lee Garvin, Direttore, Risk Management, JetBlue Kris Wiluan, CEO, KS Energy Services Limited Dr. Barbara Reynolds, Senior Advisor, Risk Communication, Centers for Disease Control and Prevention (CDC) Jean-Pierre Bourbonnais, Vice President, Information Technologies, and Chief Information Officer, Bombardier Aerospace

3 Business resilience 2 Sommario Le aziende si stanno adattando a un ambiente globale sempre più complesso, adottando un approccio alla pianificazione della business resilience più olistico. I piani di business continuity tradizionali in genere fortemente focalizzati sull IT rimangono fondamentali, ma stanno diventando sempre più parte di un quadro più ampio, perché i senior executive rafforzano la loro supervisione della gestione del rischio a livello aziendale. Per garantire la business resilience, le società si stanno predisponendo per realizzare un processo di gestione del rischio che tenga conto delle diverse tipologie insite nell azienda e consideri tutti gli aspetti della gestione, dalla sua individuazione fino alla mitigazione. La nostra ricerca indica che nei prossimi tre anni sempre più aziende adotteranno un approccio olistico alla gestione del rischio, data la crescente incertezza e il maggior numero di rischi che si trovano ad affrontare. Solo una minoranza (37%) delle società ha realizzato una strategia di business resilience a livello aziendale, ma il 42% degli intervistati afferma di volerla realizzare nei prossimi tre anni. Due terzi circa (64%) dichiarano di avere un piano di business continuity importante e il 58% possiede piani contingenti per affrontare varie tipologie di rischio. Dai principali risultati dello studio si evince quanto segue: Le società di grosse dimensioni hanno più probabilità di avere una strategia integrata rispetto alle piccole aziende. La complessità, spesso associata alle dimensioni, aumenta l esposizione di un azienda al rischio. Dalla nostra ricerca emerge che le società con un fatturato annuo pari o superiore a 6,5 miliardi di euro hanno quasi il doppio delle probabilità di avere realizzato una strategia di business resilience integrata rispetto a quelle con ricavi annuali inferiori a 0,75 miliardi di euro il 56% contro il 30%. Le differenze sono simili anche per altri indicatori. È molto più probabile, ad esempio, che le grandi aziende assegnino la responsabilità della gestione del rischio aziendale (ERM) ad un unico membro dell executive. Tuttavia, vi è un numero significativo di piccole aziende che ha adottato strategie integrate. Queste società registrano buoni risultati anche rispetto ad altri indicatori di successo come la crescita degli utili, la redditività e la quota di mercato. Business continuity, IT e rischi di compliance rimangano le priorità, ma le aziende stanno diversificando le proprie strategie per creare business resilience. Quasi il 40% degli intervistati afferma che la propria società considera la business continuity in primo luogo come una questione IT. Alla richiesta di indicare la loro preoccupazione primaria di gestione del rischio, alcune società ne nominano più di una, tra cui disaster recovery (47%), sicurezza IT (37%) e compliance normativa (28%). Sebbene molte abbiano iniziato con l affrontare per prime le minacce più impellenti, nei prossimi tre anni si occuperanno sempre più di questioni quali lo sviluppo di programmi di comunicazione e formazione volti a formare una cultura della resilienza più forte, adottando approcci più olistici. Alla richiesta di indicare la loro preoccupazione primaria di gestione del rischio, alcune aziende ne hanno nominata più di una, tra cui: Disaster recovery, 47% Sicurezza IT, 37% Compliance normativa, 28%

4 3 Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale La pianificazione della business resilience coinvolge sempre di più specialisti appartenenti a vari reparti dell azienda, sebbene i Chief Information Officer (CIO) e i professionisti IT rimangano i principali interessati. Nel corso delle interviste, i dirigenti hanno sottolineato che la gestione del rischio dovrebbe coinvolgere tutti all interno dell azienda. Una cultura in grado di infondere la responsabilità della gestione del rischio a ogni livello consente alle società di reagire ai cambiamenti e agli eventi inaspettati. I risultati dell indagine lo confermano. Una solida maggioranza degli intervistati (60%) afferma che la business resilience è considerata una responsabilità congiunta di tutti i dirigenti C-level. Tuttavia, nonostante l IT permei ogni aspetto delle Per una maggioranza significativa degli intervistati, una strategia di gestione del rischio aziendale più ampia comprende: Sicurezza di dati e applicazioni, 85% Protezione dei dati, 79% Sicurezza delle infrastrutture, 77% Governance della sicurezza, 75% Gestione di identità e accessi, 74% Gestione della compliance, 69% Definizione di business resilience Ai fini del presente rapporto, per business resilience si intende la capacità di un impresa di adattarsi a un business in continua evoluzione. Le aziende resilienti sono in grado di garantire un operatività continua e di proteggere la propria quota di mercato in caso di interruzioni dovute a disastri naturali o causati dall uomo. La pianificazione della business resilience si distingue dalla ERM in quanto ha più probabilità di creare le capacità necessarie a cogliere le opportunità offerte da eventi inaspettati. Un ulteriore differenza è che, mentre la ERM può essere realizzata come una capacità gestionale, una strategia di business resilience integrata richiede l impegno di tutta la società e spesso comporta un cambiamento della cultura aziendale per infondere una consapevolezza dei rischi. attività aziendali, i CIO e i professionisti IT rimangono i principali attori della costruzione di un azienda più resiliente. Sono infatti sempre più coinvolti nelle decisioni riguardanti i rischi aziendali. Il 56% degli intervistati dichiara che il CIO collabora con i responsabili IT di alto livello con una maggiore frequenza rispetto a tre anni fa. Allo stesso tempo, i ruoli tradizionali dell IT sono diventati più complessi. Una maggioranza significativa dei partecipanti all indagine afferma che la sicurezza di dati e applicazioni (85%), la protezione dei dati (79%), la sicurezza delle infrastrutture (77%), la governance della sicurezza (75%), la gestione di identità e accessi (74%) e la gestione della compliance (69%) fanno parte di una strategia di gestione del rischio aziendale più ampia.

5 Business resilience 4 Indice 4 Introduzione: la spinta verso la business resilience 6 Grandi società leader nella business resilience 7 Box: Prendere esempio dal leader 8 Analisi dello spettro dei rischi 8 Il viaggio della gestione del rischio 9 Case study: gestione del rischio integrata in Bombardier 11 Chi si assume la responsabilità? 12 Box: Ostacoli ad un approccio olistico 12 Il ruolo strategico dell IT 14 Conclusioni Introduzione: la spinta verso la business resilience Le aziende di tutto il mondo stanno ponendo una maggiore enfasi sulla business resilience, ovvero sulla capacità di adattarsi, in tempi rapidi, a un business in continua evoluzione. Le aziende resilienti sono in grado di garantire un operatività continua e di proteggere la propria quota di mercato in caso di disastri naturali o causati dall uomo, nonché in conseguenza di cambiamenti della situazione economico-finanziaria. Inoltre, sono debitamente equipaggiate per cogliere le opportunità offerte da eventi imprevisti. La gestione del rischio si focalizzava, in passato, sul trasferimento del rischio ottenuto tramite assicurazione o altri prodotti finanziari e sulla pianificazione della business continuity per mantenere operativa l azienda durante i periodi di crisi. A partire dagli anni Ottanta, alcune società hanno iniziato a sviluppare programmi di ERM basati sul circle of risk, concettualizzato per la prima volta nel 1974 da Gustav Hamilton, risk manager presso la Statsföretag AB, in Svezia. L idea era quella di unire diverse attività di gestione del rischio, quali identificazione, valutazione, controllo, finanziamento, monitoraggio e comunicazione, in un processo continuo. In molti casi, tuttavia, si continuava ad operare all interno di silos organizzativi. La crisi economica scoppiata nel 2008 ha destato un nuovo interesse per la gestione del rischio, promuovendo l adozione di approcci autenticamente olistici, dove la gestione del rischio è inerente ad ogni decisione. Oggi, le aziende leader stanno ulteriormente ampliando questi concetti per sviluppare strategie di resilienza di livello aziendale e stanno facendo il possibile per creare le capacità necessarie a rispondere rapidamente ad ogni tipo di evento inatteso opportunità e minacce parte integrante della cultura societaria. Ciò significa ideare una strategia di business resilience che coinvolga tutta l azienda. L indagine condotta dall Economist Intelligence Unit per questo rapporto ha rilevato che i dirigenti si ritengono ora più coinvolti nella gestione di ogni tipo di rischio aziendale. Solo il 30% degli intervistati afferma di non avere una vera e propria funzione di gestione del rischio in essere, rispetto al 42% dei dirigenti IT del Questo dato indica che gli approcci alla gestione del rischio si stanno evolvendo rapidamente. In particolare, suggerisce che la tendenza verso un maggiore ricorso ad approcci di gestione del rischio olistici all interno della funzione IT, individuata nel quadro dell indagine del 2010, si sta espandendo all interno delle aziende. L indagine L indagine, condotta dall Economist Intelligence Unit per conto di IBM nel giugno 2011, comprendeva le risposte di 391 senior executive - il 35% dei quali C-level. Circa il 39% degli intervistati proviene dal Nord America, il 38% dall Europa Occidentale, il 20% dalla regione Asia-Pacifico e il 3% dall Europa Orientale. Le società con un fatturato inferiore a 370 milioni di euro rappresentano il 39% dei partecipanti, mentre il 48% proviene da società con ricavi superiori a 0,75 miliardi di euro. Lo studio prende in esame quasi tutti i settori, inclusi servizi finanziari (16%), IT e tecnologia (16%), servizi professionali (13%), manifatturiero (8%) e sanità (7%).

6 5 Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale La principale forza motrice di questa tendenza è una maggiore consapevolezza della minore prevedibilità dell ambiente di business. Le società devono avere una preparazione più adeguata agli eventi imprevisti dai cambiamenti economici alle catastrofi naturali, oltre alle azioni di concorrenti e autorità normative. Scoprite e confrontate i principali trend e cambiamenti dell approccio aziendale alla gestione del rischio e alla resilienza scaricando l IBM Global IT Risk Study 2010 Di conseguenza, gli stakeholder chiedono che i senior executive aumentino la loro attenzione alle funzione di gestione del rischio. Le società sono sempre più tenute a dare prova di una gestione proattiva del rischio; infatti, il rapporto annuale di quasi tutte le aziende ora include una sezione relativa alla gestione del rischio. Le autorità normative, i mercati azionari e persino le agenzie di rating sono alla ricerca di una maggiore responsabilità da parte dei dirigenti senior in materia di gestione del rischio. Un altro fattore della gestione del rischio integrata è la crescente First Horizon National Corporation interconnessione servizi finanziari delle differenti tipologie di rischio. Yousef Valine, Chief Risk Officer di First Horizon National Corporation, una grossa bank holding company con sede a Memphis, in Tennessee, afferma: Nel settore dei servizi finanziari si ottengono profitti assumendosi dei rischi e gestendoli. Pertanto, la gestione del rischio per noi non è affatto una novità. L aspetto nuovo è la necessità di una migliore comprensione delle interazioni tra le diverse aree di rischio. I rischi sono diventati più interdipendenti - un rischio può infatti generarne altri. Spiega che nel settore dei servizi finanziari, la pianificazione della business continuity rimane un elemento centrale di un approccio ERM più ampio. La business continuity rientra in ogni programma ERM, ma rispetto agli altri elementi è un requisito essenziale - il prezzo da pagare per entrare nel mondo del business. Noi abbiamo un piano di continuità consolidato e ben avviato che rivediamo su base regolare, ma rappresenta solo una piccola parte del programma ERM complessivo. Poiché le banche e gli altri istituti finanziari considerano il rischio esplicito parte integrante del business, hanno una lunga esperienza nel campo della gestione completa del rischio e possono essere un esempio per altri settori. Mentre la maggior parte degli intervistati afferma che la propria società non ha ancora realizzato delle strategie di gestione del rischio di livello aziendale, quasi tutte le imprese con un fatturato pari o superiore a 0,75 miliardi di euro si sono mobilitate per integrare piani di contingenza per rischi diversi. Un trend destinato ad aumentare. Tre quarti dei partecipanti all indagine prevede di adottare una strategia di business resilience integrata entro tre anni; circa la metà di questi l ha già fatto. Avere una prospettiva più ampia non significa perdere di vista i rischi specifici dell IT e della compliance. La maggior parte delle imprese continua ad assegnare l analisi dei rischi e la pianificazione di contingenza a specialisti dedicati all interno dell azienda. Lo scopo di una strategia di business resilience integrata è la supervisione: fornire un quadro per garantire che tutti i rischi e le opportunità siano stati sistematicamente affrontati e che al senior management sia stato presentato un profilo del rischio esaustivo dell azienda.

7 Business resilience 6 Grandi società leader nella business resilience In genere, quando un azienda diventa più grande e complessa e opera in più giurisdizioni, il livello di rischio aumenta. Pertanto, le società con una strategia di business resilience integrata tendono a essere di grandi dimensioni. Inoltre, poiché ogni lavoratore può essere visto come una fonte di rischio, maggiore è il numero dei dipendenti, più alto è il grado di incertezza, il che accresce la necessità di una supervisione da parte dei massimi vertici aziendali per assicurare che le diverse attività di gestione del rischio siano allineate con la soglia di rischio accettabile della società e amplia anche lo scopo delle attività di identificazione, analisi e reporting del rischio. Tra gli intervistati le cui aziende registrano un fatturato annuo pari o superiore a 7 miliardi di euro, il 56% ha realizzato una strategia di business resilience integrata. Questo dato è comparabile con il 30% delle imprese con ricavi annui inferiori a 0,75 miliardi di euro. Le differenze sono simili anche per altri indicatori. Le grandi aziende, ad esempio, hanno più probabilità di affidare a un unico dirigente la responsabilità generale dell ERM, mentre i partecipanti provenienti da aziende più piccole (quelle con un fatturato pari o inferiore a 370 milioni di euro) hanno il triplo delle probabilità di affermare che non hanno una funzione della gestione del rischio vera e propria in essere. Hanno anche meno probabilità di rivolgersi a consulenti esterni esperti in materia. Ciononostante le piccole aziende stanno recuperando terreno. Gli intervistati appartenenti alle aziende della fascia sotto i 0,75 miliardi di euro dichiarano l intenzione di istituire un team di gestione del rischio di livello aziendale e di sviluppare una strategia di gestione del rischio integrata nei prossimi tre anni. L analisi dei risultati dello studio ha individuato un gruppo di piccoli innovatori che hanno già fatto notevoli progressi verso una gestione del rischio più olistica (si veda box, Seguire l esempio del leader). Investimento in nuove soluzioni IT correlate alla gestione del rischio 58% 38% Formulazione di un piano di business continuity 64% 30% Sviluppo di un programma di comunicazione o formazione per rafforzare le strategie di business continuity o resilienza Istituzione di un team aziendale di gestione del rischio 42% 49% 39% 30% Sviluppo di una strategia di business resilience integrata 37% 42% Discussione dei problemi con i partner della supply-chain Reazione ai recenti disastri naturali mediante la ridefinizione delle strategie di business continuity Nomina di un unico dirigente responsabile della gestione del rischio di tutta l'azienda Contatto con consulenti esterni di gestione del rischio 46% 41% 45% 34% 33% 37% 30% 37% 0% 20% 40% 60% 80% 100% Ultimi tre anni Prossimi tre anni Figure 1: Misure di gestione del rischio adottate (percentuale su tutti gli intervistati)

8 7 Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale Seguire l esempio del leader L analisi dei risultati dello studio ha rivelato che l adozione di azioni di business resilience all avanguardia non è limitata alle grandi aziende. Sono state identificate quattro tipologie di aziende in base alla resilienza e alla performance finanziaria auto-riportata: Resilient giants il 72% ha un fatturato annuo pari o superiore a 7 miliardi di euro - hanno adottato diverse pratiche olistiche di gestione del rischio e hanno coinvolto un ampia gamma di attori nella loro strategie di resilienza. Si situano al primo posto in termini di crescita degli utili, redditività e quota di mercato Small and nimble innovators il 77% ha un fatturato pari o inferiore a 370 milioni di euro - hanno adottato molte delle pratiche olistiche di gestione del rischio dei resilient giants. Per molti degli indicatori di successo si posizionano al secondo posto dietro i resilient giants, ma davanti ai big traditionalists e di gran lunga prima dei late bloomers. I Big traditionalists giudicano sia la loro business resilience che la loro performance finanziaria nella media. Oltre l 80% registra un fatturato che va da 0,75 a 7 miliardi di euro l anno. La maggioranza (51%) considera il disaster recovery la preoccupazione prioritaria della gestione del rischio e il 52% ha creato un piano di business continuity; il 40% non ha una funzione di gestione del rischio vera e propria. La metà dichiara che una strategia di resilienza di livello aziendale rientra nei piani per il futuro. I Late bloomers il 75% ha un fatturato pari o inferiore ai 370 milioni di euro - non sono sufficientemente preparati alla gestione dei rischi aziendali e hanno una concezione stereotipata delle strategie di gestione del rischio. La loro performance si situa all ultimo posto per ogni indicatore. La maggior parte non ha una vera e propria strategia di gestione del rischio e la loro performance segue quella degli altri. Tuttavia la metà afferma di avere l intenzione di sviluppare una strategia di gestione del rischio vera e propria e la maggior parte dichiara di voler istituire un team di gestione del rischio di livello aziendale entro i prossimi tre anni. Una delle principali caratteristiche distintive delle aziende di maggior successo è la propensione a vedere la business resilience come una questione che riguarda ogni aspetto dell azienda. L 88% circa dei resilient giants concorda con questa visione, insieme all 82% degli small and nimble innovators. Il dato è comparabile con il 25% dei big traditionalists e il 36% dei late bloomers.

9 Business resilience 8 Analisi dello spettro dei rischi Un approccio integrato alla gestione del rischio non implica né un analisi dei rischi centralizzata né un attribuzione di pari peso ad ogni tipologia di rischio. Al contrario, prevede la valutazione dell intero spettro di rischi in maniera bilanciata per delineare un quadro completo delle minacce e delle opportunità che un azienda si trova ad affrontare. Una caratteristica comune dei resilient giants e degli smalla and nimble innovators è che hanno più probabilità di avere diversi piani di contingenza e business continuity che prendono in considerazione un gruppo eterogeneo di rischi. Inoltre, è più probabile che dichiarino che i rischi IT specifici sono contemplati dall approccio di livello aziendale, inclusi protezione dei dati, sicurezza delle applicazioni, gestione delle policy di sicurezza, gestione della compliance, sicurezza delle infrastrutture e gestione di identità e accessi. Un vantaggio chiave dell integrazione della gestione JetBlue acompagnia aerea del rischio - oltre a facilitare la supervisione del rischio complessivo dell azienda da parte del senior management - è che consente ai risk manager specializzati di supportarsi a vicenda e imparare l uno dall altro. Permette inoltre di cogliere dei rischi che avrebbero potuto perdersi nei gap tra le diverse specializzazioni. Secondo Lee Garvin, Direttore, Risk Management di JetBlue, compagnia aerea con sede a New York, quest ultimo punto è una componente fondamentale della strategia ERM di una società: Come molte altre grosse società, ci preoccupiamo della presenza di silos, perché a volte gli eventi che non possono essere previsti o che sono al di fuori delle nostre previsioni possono cadere tra i silos. Nonostante la tendenza verso una visione più ampia dei rischi aziendali, il 47% di tutti gli intervistati ritiene che il disaster recovery debba rimanere la preoccupazione primaria della gestione del rischio. Tuttavia, la maggior parte dei resilient giants non è d accordo. E dissente anche sul fatto che la sicurezza IT sia la preoccupazione primaria della gestione del rischio. Allo stesso tempo, tuttavia, il 92% dichiara che la protezione dei dati è una questione specifica che rientra in una strategia di gestione del rischio più ampia. Questo dato suggerisce che le società non perdono di vista i rischi specifici nonostante stiano ampliando le loro strategie di business resilience per comprendere un maggior numero di tipologie di rischio. Il viaggio della gestione del rischio Vari esperti di settore hanno descritto la gestione olistica del rischio come un viaggio, non una destinazione, basato su dei principi, sebbene non esista una ricetta per il successo. L approccio di un azienda dipende in larga misura dal tipo di rischio che si trova ad affrontare e dalla soglia di rischio accettabile. Normalmente, un piano di business continuity è il primo passo che porta ad approcci più olistici. Quasi i due terzi degli intervistati dichiarano che le loro società hanno già creato un piano di business continuity e la maggioranza ritiene che questo piano sia stato ben studiato e comunicato. Le successive tappe del viaggio prevedono, in genere, l istituzione di un team aziendale di gestione del rischio. I due terzi circa (65%) dei partecipanti allo studio affermano che la propria società ha intrapreso entrambe le azioni o intende intraprenderle nei prossimi tre anni. Oltre a questi primi passi, tuttavia, vi sono diverse vie che portano a una gestione del rischio a livello aziendale. Alcune aziende considerano la ERM parte integrante della governance aziendale di tipo top-down. Kris Wiluan, CEO di KS Energy Services Limited, provider di forniture e servizi petroliferi con sede a KS Energy Services Limited forniture e servizi petroliferi Singapore, afferma che nel suo settore la gestione del rischio è una responsabilità di livello dirigenziale, perché le società svolgono attività sensibili dal punto di vista ambientale in diverse giurisdizioni di tutto il mondo. Il nostro team di gestione del rischio risponde a un direttore indipendente che è presidente del comitato di audit, afferma, che a sua volta espone le questioni più importanti al Consiglio. Quindi, per noi la ERM è a tutti gli effetti un processo di audit operativo. La difficoltà sta nell assicurarsi che le persone che attuano il programma ERM conoscano il business, in modo che non vadano fuori strada.

10 9 Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale Case study: gestione del rischio integrata in Bombardier Bombardier Inc., società con sede a Montreal, è l esempio di una grossa azienda con una Bombardier produttore di aerei strategia di business resilience olistica ben sviluppata. Il Gruppo Aerospaziale della società è un grosso produttore di velivoli commerciali e corporate che si trova ad affrontare diversi rischi sui mercati globali. La gestione del rischio è una delle priorità centrali nella pianificazione strategica a lungo termine di Bombardier ed è responsabilità dei dirigenti delle linee di business di tutta l azienda. A livello aziendale, il team di Audit Services e Risk Assessment prepara delle valutazioni del rischio dettagliate e le integra tra i vari gruppi operativi. Ogni reparto dell azienda è tenuto ad adottare le migliori pratiche di gestione del rischio per selezionare i rischi che creano valore e mitigare, gestire o trasferire contemporaneamente in modo proattivo quelli che non ne creano. Il Consiglio di Amministrazione è responsabile, in definitiva, della strategia attraverso il Finance and Risk Management Committee, formato da quattro direttori indipendenti. Jean-Pierre Bourbonnais, VP Information Technologies e CIO di Bombardier Aerospace, spiega come la società abbia rinforzato una strategia già consolidata con una nuova politica e un nuovo approccio alla gestione del rischio aziendale nel Il nuovo approccio si basa sugli standard ISO Il Risk Assessment Team aziendale effettua da sempre valutazioni dei rischi di tipo top-down, mediante interviste con i responsabili delle varie business unit, dichiara. In questo modo creano una mappa dei rischi che garantisce la gestione attiva dei rischi più importanti. La differenza, oggi, è che siamo andati oltre il rischio difensivo per assumere una visione più olistica delle opportunità. Un ulteriore cambiamento, prosegue, è uno spostamento verso una percezione dei rischi di tipo bottom-up, cosicché anche le business unit più piccole possano avere un effettiva stima dei propri rischi e di cosa devono fare a riguardo: Fa tutto parte di una cultura che affronta e parla senza mezzi termini di rischi. La priorità ora è unire le prospettive top-down e bottom-up in modo tale che il nostro quadro RM rappresenti una strategia di business resilience autenticamente olistica. Bourbonnais dichiara che il suo ruolo come CIO si è evoluto con l avanzare dell approccio olistico della gestione del rischio. In qualità di membro dell esecutivo di Bombardier Aerospace, sono totalmente coinvolto in tutte le principali decisioni strategiche di business. Ad esempio, è membro di diversi comitati, inclusi quelli responsabili delle attività, della progettazione e dello sviluppo di programmi. Aggiunge che anche i suoi diretti sottoposti sono sempre più coinvolti nelle strategie e nelle decisioni aziendali: Quando ciò accade, la funzione IT è in sincronia con quello che succede all interno dell azienda. La sfida più importante, secondo Bourbonnais, è assegnare una priorità all enorme quantità di rischi identificati mediante una cultura di consapevolezza del rischio di tipo bottom-up. Per farlo è necessario individuare ogni tipo di dipendenza tra le varie tipologie di rischio. Tentiamo di individuare una sequenza critica, o una sequenza per la materializzazione del rischio e la velocità a cui possono verificarsi gli eventi inaspettati, perché solo procedendo nel modo giusto si ha il controllo della situazione.

11 Business resilience 10 Altre società lavorano all interno dell azienda per raccogliere un profilo di rischio di livello aziendale da presentare ai massimi vertici. Garvin, di JetBlue, dichiara: Ciò che tentiamo di fare in JetBlue è preservare la nostra cultura e il nostro business, e ciò riguarda la gestione del rischio. Il processo ERM realizzato in JetBlue prevede degli incontri mensili con i principali stakeholder; poi un gruppo di dirigenti più ampio si incontra su base trimestrale. Questo processo porta alla realizzazione di rapporti integrati per il comitato di leadership esecutivo e il Consiglio. Distribuiamo i questionari e intervistiamo tutti quelli che fanno parte del gruppo, dichiara. Chiediamo loro quali sono gli obiettivi, quali non lo sono più e quali potrebbero diventarlo in futuro. In questo modo ognuno può esprimere il proprio parere personale a riguardo. Questo consente di eliminare i silos perché il gruppo include un numero sufficiente di VP e direttori. Professionisti IT CIO Altri dirigenti di alto livello Consulenti legali Membri del C.d.A. Dipendenti Partner 82% 80% 71% 60% 56% 55% 46% Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC), un Centers for Disease Control and Prevention agenzia agenzia federale federale statunitense con sede ad Atlanta, in Georgia, integra la gestione del rischio a livello aziendale attraverso un Programme Integrity Board, formato dai responsabili di diversi programmi specifici di gestione del rischio. Uno dei suoi membri, la Dr. Barbara Reynolds, Senior Advisor, Risk Communication, è a capo di un programma di gestione del rischio denominato CDC RiskSmart. Ci spiega che la reputazione del CDC è fondamentale, dato che da essa dipende la credibilità di raccomandazioni su questioni di vita o di morte. RiskSmart si rivolge a tutti i membri dell azienda per influenzare valori e comportamenti che potrebbero potenzialmente mettere a rischio la credibilità del CDC. Fanno parte del Programme Integrity Board anche altri risk manager responsabili di questioni quali la sicurezza dei laboratori, la sicurezza fisica, finanza e IT. L individuazione del rischio deve avvenire nel momento in cui viene messo in atto il comportamento, afferma la Dr. Reynolds. In questo modo il potere e la responsabilità di individuare ogni tipo di rischio toccano tutti i dipendenti dell azienda. Ma considerando la mitigazione a livello aziendale, è possibile condividere le lezioni apprese con una parte dell azienda. Ci riuniamo ogni mese, prosegue, e siamo costantemente alla ricerca di nuovi modi per migliorare i nostri comportamenti, il nostro sapere scientifico, la nostra ricerca, i nostri dati sulla sicurezza, la nostra affidabilità finanziaria; tutti aspetti di uno stesso scenario. 0% 20% 40% 60% 80% 100% Figure 2: Livello di coinvolgimento nella strategia di business resilience (percentuale coinvolta o molto coinvolta nei prossimi tre anni)

12 11 Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale Chi si assume la responsabilità? Con l ampliamento del concetto di gestione del rischio, che comprende una gamma più ampia di rischi, la responsabilità si diffonde in tutta l organizzazione. Il 42% degli intervistati dichiara che la figura più comunemente responsabile è il CIO (o equivalente); mentre il 60% afferma che si tratta di una responsabilità comune di tutti i dirigenti C-level. In particolare, il 90% degli intervistati afferma che i dirigenti C-level condividono questa responsabilità. Queste società dotate di un piano di business resilience affermeranno con maggiore probabilità, rispetto ad altre aziende, di vedere una partecipazione di tutta la società alla gestione del rischio. In particolare, il 90% degli intervistati afferma che i dirigenti C-level condividono la responsabilità della gestione del rischio. Una gestione del rischio olistica prevede un cambiamento culturale. La cultura è molto importante in First Horizon, afferma Valine. La gestione del rischio è compito di tutti. È una capacità di tipo gestionale, non di un dipartimento o una funzione aziendale. Per gestire i rischi in modo efficace, abbiamo escogitato un modo di pensare che prevede tre domande: Dobbiamo farlo? Possiamo farlo? L abbiamo fatto? Queste domande ci aiutano a fare la cosa giusta, ad assicurarci di essere in grado di agire e ottenere il risultato di business desiderato. Fattori indispensabili per il successo di una buona gestione del rischio sono imparzialità e trasparenza. Queste domande non otterranno una risposta adeguata se le persone non sono disposte a esprimere se stesse. I partecipanti all indagine confermano che il vasto coinvolgimento di persone all interno dell azienda è un trend attuale. Secondo gli intervistati le figure molto coinvolte sono: CIO (45%), professionisti IT (41%), altri dirigenti C-level (26%), consulenti legali (21%), membri del C.d.A. (17%), dipendenti (9%) e partner (7%). La tendenza verso una gestione del rischio più olistica si riflette nelle previsioni degli intervistati con un aumento del coinvolgimento di tutti gli stakeholder nei prossimi tre anni e con l incremento maggiore di partner e dipendenti.

13 Business resilience 12 Ostacoli a un approccio olistico Ideare una strategia di business resilience è un impresa complessa, il cui successo dipende dalla capacità di ottenere l appoggio di vari stakeholder. Un dirigente con un approccio olistico deve assemblare il lavoro di diversi risk manager specializzati, ognuno con competenze, strumenti e particolari punti di vista. Per riunire le risorse necessarie, deve presentare un business case convincente ai dirigenti senior. Per essere efficaci, i messaggi di gestione del rischio devono essere destinati a tutti quelli che potrebbero influenzare il rischio all interno dell azienda. Gli intervistati dichiarano che l ostacolo principale per la creazione di una cultura di business resilience sono i silos presenti in azienda. Non a caso, questa barriera viene citata con una frequenza doppia dai partecipanti appartenenti ad alcune delle più grosse aziende interpellate. Gli small and nimble innovators citano più di frequente le restrizioni del budget come ostacolo principale, mentre i late bloomers sottolineano una mancanza di visione e impegno da parte dei dirigenti C-level. Anche l impossibilità di prevedere con precisione il ritorno degli investimenti (ROI) derivante da una migliore gestione del rischio viene citata dalle aziende di tutte le dimensioni come un fattore importante. Gli intervistati hanno espresso il loro punto di vista su come superare questi ostacoli. Lee Garvin, Direttore, Risk Management di JetBlue, una compagnia aerea con sede a New York, suggerisce che una buona strategia per creare un programma ERM è procedere a piccoli passi e coinvolgere un ampia gamma di interessati per comprendere i diversi rischi all interno dell azienda. Sottolinea inoltre la necessità di diffidare dalle deviazioni rispetto allo scopo originario. Restare focalizzati e non andare oltre le proprie capacità, perché è più facile in questo modo affrontare un processo di crescita Yousef Valine, Chief Risk Officer di First Horizon National Corporation, una grossa bank holding company con sede in Tennessee, afferma che l ostacolo più importante è la creazione della corretta cultura, anche del Chief Executive Officer (CEO) e del Consiglio. La mia motivazione nei loro confronti è che una forte capacità di gestione del rischio è un vantaggio competitivo, dichiara. Se il CEO non è sensibile al tema, è sempre possibile coinvolgere gli altri. Il ruolo strategico dell IT Il ruolo della funzione IT si sta ampliando di pari passo con l avanzare di strategie di gestione del rischio più olistiche. Ciò riflette in parte il fatto che quasi tutti i processi di business mission-critical dipendono dal supporto IT. L IT è una componente fondamentale della nostra gestione del rischio in quanto oggi niente può essere fatto senza, dichiara Wiluan di KS Energy Services Limited. Abbiamo computer hub e sistemi di backup in diversi paesi e reti che devono essere protette. Questi problemi specifici rappresentano una grande parte della gestione del rischio complessiva. Contemporaneamente, a causa delle maggiori minacce alle infrastrutture, all integrità e alla sicurezza dei dati, i ruoli tradizionali dell IT sono diventati più complessi. Una significativa maggioranza degli intervistati afferma che la sicurezza di dati e applicazioni (85%), la protezione dei dati (79%), la sicurezza delle infrastrutture (77%), la governance della sicurezza (75%), la gestione di identità e accessi (74%) e la gestione della compliance (69%) fanno parte della strategia di gestione del rischio della loro azienda. Il ruolo dell IT si sta estendendo anche ad altre aree di rischio aziendale. Più di tre quarti dei partecipanti allo studio ritengono che la funzione IT debba offrire un contributo maggiore alla creazione di un azienda più resiliente e la maggioranza dichiara che è coinvolta nella maggior parte delle decisioni riguardanti il rischio aziendale. Gavin confessa che l IT è uno dei tre pilastri dell ERM in JetBlue: Se perdo un processo di business, non mi interessa se la causa è una tormenta di neve, un uragano, un terremoto, uno sciopero, un pezzo di equipaggiamento danneggiato o un incendio, perché lo valuto in un ottica di continuità di processo, che è uno dei pilastri. L IT è un pilastro perché i nostri processi di business dipendono dalla tecnologia. Ed essendo una compagnia aerea abbiamo anche un terzo pilastro, che è la risposta alle situazioni di emergenza.

14 13 Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale Un altro ruolo emergente per i professionisti IT è la capacità di realizzare soluzioni tecnologiche per problemi di gestione del rischio. Il potenziale utilizzo del cloud computing come strumento di gestione del rischio è un area di interesse. Nonostante solo il 18% degli intervistati dichiari che la propria azienda vede il cloud computing come un aspetto strategico chiave della gestione del business, si stanno mettendo in campo ingenti risorse per valutarne le potenzialità. Circa un intervistato su cinque afferma che la propria azienda sta prendendo in considerazione il cloud computing. Un ulteriore 28% ritiene che il cloud computing offra promesse per il futuro. Il 22% ammette che non è al momento preso in considerazione dalla società. Solo il 6% è convinto che i metodi tradizionali di erogazione dei servizi IT siano gli strumenti più efficaci per la gestione della business resilience. Sicurezza di dati e applicazioni Protezione dei dati Sicurezza delle infrastrutture Governance della sicurezza e gestione del rischio Gestione di identità e accessi Gestione della compliance 85% 79% 77% 75% 74% 69% 0% 20% 40% 60% 80% 100% I risultati dell indagine dimostrano che i professionisti IT sono sempre più coinvolti nello sviluppo di una gestione del rischio di livello aziendale. Il 56% circa degli intervistati afferma che all interno della propria azienda il CIO collabora con i responsabili IT di massimo livello molto più frequentemente rispetto a tre anni fa; solo il 3% dichiara che i manager IT non sono per niente coinvolti. La tendenza verso un approccio olistico implica che i rischi vengano considerati sempre meno come una questione legata principalmente all IT. Gli intervistati sono pressoché uniformemente divisi (40% vs. 42%) tra chi è d accordo e chi è in disaccordo con l affermazione la business continuity è in primo luogo una questione IT. Tuttavia, coloro che affermano che la propria azienda ha adottato una strategia di business resilience integrata hanno meno probabilità di essere d accordo (33%) rispetto a coloro che non l hanno adottata (43%). Vi sono inoltre più probabilità, rispetto alle aziende prive di una strategia di business resilience (62-46%), che dichiarino che la funzione IT è coinvolta nella maggior parte delle decisioni che contemplano dei rischi. La funzione IT gioca un ruolo fondamentale, sebbene non esclusivo, nella gestione olistica del rischio. In altre parole, sembra che i confini tra i rischi IT e i rischi aziendali siano diventati più confusi nelle aziende più resilienti. Figure 3: Componenti IT di gestione aziendale (percentuale su tutti gli intervistati)

15 Business resilience 14 Conclusioni Per la maggior parte delle società, la business resilience comporta un cambiamento della cultura dell azienda in quanto fonte di valori e comportamenti. Se la cultura di una società fonde la consapevolezza dei rischi con altri valori societari, i dipendenti sanno istintivamente qual è la cosa giusta da fare quando si trovano ad affrontare una situazione imprevista e questo riduce i rischi. Secondo la Dr. Reynolds: Per una società tipo, i peggiori passi falsi sono più spesso dovuti ai valori che alle competenze. Nominare un team di gestione del rischio di livello aziendale è un buon inizio, ma deve avere un mandato forte per raggiungere ogni angolo dell azienda, perché la gestione del rischio deve, in ultima istanza, diventare parte del lavoro di tutti. L impegno da parte dei vertici aziendali e risorse adeguate sono altresì necessari per sviluppare programmi di comunicazione e formazione completi a supporto di una gestione del rischio integrata. Una delle caratteristiche distintive delle società più resilienti è che hanno più probabilità, rispetto alle altre aziende, di aver sviluppato una strategia di comunicazione per diffondere il messaggio di resilienza in ogni reparto dell azienda. Le società che abbracciano queste misure hanno più probabilità di creare un piano di business resilience efficace, che fornirà solide fondamenta su cui costruire una posizione concorrenziale di lunga durata, supportata da una gestione del rischio end-to-end (E2E). Comprendere questi principi è un primo passo, ma dalle interviste emerge che per i dirigenti è chiaro che l appoggio dei vertici è essenziale per promuovere un cambiamento organizzativo di ampio respiro. Anche la promozione dei concetti di gestione olistica ai pari e ai dipendenti è un punto critico. Assumere un approccio graduale a una partecipazione più ampia allo sviluppo della strategia può essere d aiuto, perché è più facile promuovere il cambiamento se una nuova iniziativa non viene vista come imposta da una particolare fazione. Un piano di business resilience efficace fornirà solide fondamenta su cui costruire una posizione concorrenziale di lunga durata, supportata da una gestione del rischio E2E.

16 Per ulteriori informazioni Per ulteriori informazioni su un approccio olistico alla business resilience e alla gestione del rischio - e su come IBM può aiutarvi a metterlo in pratica - potete contattare il vostro rappresentante IBM, richiedere una visita di un rappresentante IBM, o visitare i seguenti siti web: ibm.com/services/riskstudy ibm.com/smarterplanet/us/en/business_resilience_ management/overview Copyright IBM Corporation 2011 IBM Italia S.p.A. Circonvallazione Idroscalo Segrate (MI) Italia Prodotto negli Stati Uniti d America Settembre 2011 IBM, il logo IBM e ibm.com sono marchi o marchi registrati della International Business Machines Corporation negli Stati Uniti e/o in altri Paesi. Se, la prima volta che compaiono nella presente pubblicazione, questi e altri termini commerciali IBM sono contrassegnati con un simbolo commerciale ( o ), indicano un marchio registrato negli Stati Uniti o un marchio di fatto di proprietà di IBM all atto della pubblicazione del presente documento. Tali marchi possono anche essere marchi registrati o marchi di fatto in altri Paesi. L elenco aggiornato dei marchi IBM è disponibile all indirizzo web ibm.com/legal/copytrade.shtml, nella sezione Copyright and trademark information. I nomi di altre società, prodotti e servizi potrebbero essere marchi registrati o marchi di servizio di altri. I riferimenti contenuti in questa pubblicazione a prodotti e servizi IBM non implicano che IBM intenda renderli disponibili in tutti i Paesi in cui opera. Si prega di riciclare RLW03004-ITIT-00

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace CORPORATE GOVERNANCE Implementare una corporate governance efficace 2 I vertici aziendali affrontano una situazione in evoluzione Stiamo assistendo ad un cambiamento senza precedenti nel mondo della corporate

Dettagli

La BI secondo Information Builders

La BI secondo Information Builders Page 1 of 6 Data Manager Online Pubblicata su Data Manager Online (http://www.datamanager.it) Home > La BI secondo Information Builders La BI secondo Information Builders La BI secondo Information Builders

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO DIGITAL TRANSFORMATION Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO AL VOSTRO FIANCO NELLA DIGITAL TRANSFORMATION Le nuove tecnologie, tra cui il cloud computing, i social

Dettagli

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1 Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali Roma, 6 giugno 2013 1 Fondata nel 1972 142 soci 50 associati Fatturato complessivo dei

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Proteggere il proprio Business con BSI.

Proteggere il proprio Business con BSI. Proteggere il proprio Business con BSI. Siamo i maggiori esperti nello standard ISO/IEC 27001, nato dalla nostra norma BS 7799: è per questo che CSA ci ha coinvolto nello sviluppo della Certificazione

Dettagli

Nordea risparmia 3,5 milioni di euro grazie a una migliore gestione del proprio portafoglio applicativo

Nordea risparmia 3,5 milioni di euro grazie a una migliore gestione del proprio portafoglio applicativo CUSTOMER SUCCESS STORY Nordea risparmia 3,5 milioni di euro grazie a una migliore gestione del proprio portafoglio applicativo CUSTOMER PROFILE Settore: servizi finanziari Azienda: Nordea Bank Dipendenti:

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

Security Convergence: lo stato dell arte dall inizio del secolo

Security Convergence: lo stato dell arte dall inizio del secolo Security Convergence: lo stato dell arte dall inizio del secolo Milano, 14 dicembre 2011 Chairman of the ASIS International Security Convergence Subcommittee Contenuto della presentazione Agenda Cosa si

Dettagli

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 2014 Cloud Computing 2014: mercato, adozione, scenario competitivo Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 INDICE INDICE DELLE FIGURE 2 INDICE DELLE TABELLE

Dettagli

Le piccole e medie imprese danno la giusta importanza al disaster recovery?

Le piccole e medie imprese danno la giusta importanza al disaster recovery? Studio Technology Adoption Profile personalizzato commissionato da Colt Settembre 2014 Le piccole e medie imprese danno la giusta importanza al disaster recovery? Introduzione Le piccole e medie imprese

Dettagli

Come ottenere la flessibilità aziendale con un Agile Data Center

Come ottenere la flessibilità aziendale con un Agile Data Center Come ottenere la flessibilità aziendale con un Agile Data Center Panoramica: implementare un Agile Data Center L obiettivo principale è la flessibilità del business Nello scenario economico attuale i clienti

Dettagli

TelstraClear rafforza il vantaggio competitivo con il reporting per la garanzia dei servizi

TelstraClear rafforza il vantaggio competitivo con il reporting per la garanzia dei servizi Caso di successo del cliente TelstraClear rafforza il vantaggio competitivo con il reporting per la garanzia dei servizi Profilo del cliente Settore: telecomunicazioni Società: TelstraClear Il business

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Professional Services per contact center Mitel

Professional Services per contact center Mitel Professional Services per contact center Mitel Una struttura rigorosa per un offerta flessibile Rilevamento Controllo dello stato Requisiti della soluzione Architettura Roadmap strategica Ottimizzazione

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa

Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa Gianna Detoni, AFBCI Presidente di PANTA RAY BCI Italian Forum Leader 1 Milano, 13 ottobre 2015

Dettagli

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service ZP11-0355, 26 luglio 2011 IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service Indice 1 Panoramica 3 Descrizione 2 Prerequisiti fondamentali

Dettagli

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK In un universo degli investimenti sempre più complesso, il nostro obiettivo rimane invariato:

Dettagli

IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile

IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile IBM i5/os garantisce la continua operatività della vostra azienda IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile Caratteristiche principali Introduzione del software HASM (High Availability

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009 Insight N. 27 Ottobre 2009 Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) In uno scenario di business e finanziario sempre più volatile, il Chief Financial Officer (CFO) si trova

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Company profile Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole Business Consultant S.r.l. Via La Cittadella, 102/G 93100 Caltanissetta

Dettagli

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa.

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Perché BSI? Grazie allo standard ISO 22301 l azienda può restare sempre operativa. La competenza di BSI in quest ambito può trasformare

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations CUSTOMER SUCCESS STORY LUGLIO 2015 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Azienda: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi «Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi #1] Premessa, scenario #2] Missione: «Confidi 2.0» #3] Sintesi delle nuove attività Milano, Lunedi 5 ottobre 2015 Leonardo Marseglia - Fidicomet Milano 1 Premessa

Dettagli

Perché una nuova UNI EN ISO 9001?

Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Perché una nuova UNI EN ISO 9001? Le regole della normazione tecnica prevedono che le norme vengano sottoposte a un processo di revisione periodica quinquennale per garantire

Dettagli

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Al World Public Relations Forum 2012 di Melbourne quasi 800 delegati provenienti da 29 paesi hanno approvato il Melbourne Mandate, un appello

Dettagli

IBM Cognos Insight. Caratteristiche

IBM Cognos Insight. Caratteristiche IBM Cognos Insight Esplorare, visualizzare, modellare e condividere conoscenza in modo indipendente, senza necessità di assistenza da parte delle funzioni IT Caratteristiche Esplorazione, analisi, visualizzazione

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

Organizzazione dello studio professionale

Organizzazione dello studio professionale Organizzazione dello studio professionale Roberto Spaggiari Attolini Spaggiari & Associati Studio Legale e Tributario Partner 2014 Pagina 1 Roberto Spaggiari Attolini Spaggiari & Associati Studio Legale

Dettagli

IT Service Management: rivedere le priorità in un clima di incertezza economica.

IT Service Management: rivedere le priorità in un clima di incertezza economica. Service management IT Service Management: rivedere le priorità in un clima di incertezza economica. Razionalizzare la gestione nel segno di un infrastruttura dinamica Richard Esposito, Vice President,

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese Marco Valerio Morelli, Mercer Valerio Salone, Mercer Ripensare l età e la sua gestione La prospettiva dell Age Management

Dettagli

Indaga. Documenta. Accerta.

Indaga. Documenta. Accerta. Indaga. Documenta. Accerta. L azienda leader in Italia nel settore investigativo 2 3 Le situazioni delicate e complesse richiedono azioni risolutive condotte con competenza e professionalità. 4 5 Axerta

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori ANALISI 11 marzo 2012 CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY Nella newsletter N 4 abbiamo già parlato di Cloud Computing, introducendone

Dettagli

23 Febbraio 2016. State Street Asset Owners Survey

23 Febbraio 2016. State Street Asset Owners Survey 23 Febbraio 2016 State Street Asset Owners Survey Introduzione Il sistema pensionistico globale si trova di fronte a sfide di enorme portata I fondi pensione devono evolversi e svilupparsi per riuscire

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

REPUTATION FORUM ITALIA

REPUTATION FORUM ITALIA Reputation Institute Barilla REPUTATION FORUM ITALIA Parma, 11 settembre 2012 La Reputazione è il #1 Driver di Valore Per quale motivo la Reputazione è il primo driver di valore per un azienda? Quali sono

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

MEGA INTERNATIONAL MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY

MEGA INTERNATIONAL MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY MEGA INTERNATIONAL MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY 2 MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY Oggi il mondo del business è in rapida evoluzione. Le decisioni devono essere prese sempre più velocemente e sotto pressione.

Dettagli

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE Executive summary DNV GL - BUSINESS ASSURANCE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Sommario Introduzione Metodologia e campione della ricerca Analisi dello scenario attuale Gestione della salute e sicurezza sul

Dettagli

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Di Don Wilkinson, Vice-Presidente Deloitte Amministratori, fate un respiro profondo: gli impegni previsti in agenda

Dettagli

sfide del ventunesimo Secolo

sfide del ventunesimo Secolo 21 Century Finance Survey Ottimizzare i le potenzialità, garantire i risultati. ti Il CFO di fronte alle sfide del ventunesimo Secolo Copyright 2013 - Business International È vietata la riproduzione,

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

www.novell.it Domande frequenti per i partner WorkloadIQ Domande frequenti 17 agosto 2010

www.novell.it Domande frequenti per i partner WorkloadIQ Domande frequenti 17 agosto 2010 Domande frequenti per i partner www.novell.it WorkloadIQ Domande frequenti 17 agosto 2010 C h e c o s ' è i l m e r c a t o d e l l ' I n t e l l i g e n t W o r k l o a d M a n a g e m e n t? Il mercato

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le ACCENTURE SPA Profilo Azienda Accenture è un'azienda globale di Consulenza Direzionale, Servizi Tecnologici e Outsourcing che conta circa 323 mila professionisti in oltre 120 paesi del mondo. Quello che

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Brand Management. al Global Business Management nelle imprese Market-Driven *

Brand Management. al Global Business Management nelle imprese Market-Driven * Dal Brand Management al Global Business Management nelle imprese Market-Driven * Emilio Zito ** Abstract Le imprese più competitive, operanti nei mercati globali di massa (automotive, high-tech, largo

Dettagli

L intervento pubblico nell economia locale per lo sviluppo dei territori: le imprese pubbliche locali. giovanni.valotti@sdabocconi.

L intervento pubblico nell economia locale per lo sviluppo dei territori: le imprese pubbliche locali. giovanni.valotti@sdabocconi. L intervento pubblico nell economia locale per lo sviluppo dei territori: le imprese pubbliche locali giovanni.valotti@sdabocconi.it 1. Il rilievo del tema Lo sviluppo delle imprese pubbliche locali Crescente

Dettagli

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca PREFAZIONE Nel marzo del 2005, i leader dell UE hanno rilanciato la strategia di Lisbona con un nuovo partenariato per la crescita e l occupazione. La costruzione della società della conoscenza e una crescita

Dettagli

I principali trend del mercato dei servizi IT

I principali trend del mercato dei servizi IT I principali trend del mercato dei servizi IT Risultati del questionario promosso da Achab, Kaseya e Top Trade Informatica nel mese di novembre 2009 O ltre 200 aziende italiane hanno risposto al questionario

Dettagli

Superare l isolamento dell IT

Superare l isolamento dell IT Europa Superare l isolamento dell Analisi globale con approfondimento sull Europa Executive summary realizzato dalla Economist Intelligence Unit in collaborazione con BMC Software Superare l isolamento

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Vision strategica della BCM

Vision strategica della BCM Vision strategica della BCM BCM Ticino Day 2015 Lugano 18 settembre 2015 Susanna Buson Business Continuity Manager and Advisor CBCP, MBCI Agenda Business Continuity vs Business Resilience Business Continuity

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo IX Convention ABI L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo BPR e BCM: due linee di azione per uno stesso obiettivo Ing. Alessandro Pinzauti Direttore

Dettagli

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009 Insight N. 24 Maggio 2009 Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo Il termine crisi suggerisce istintivamente un momento, nella vita di una persona o di un azienda, dalle conseguenze non prevedibili

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it La scelta della strategia di marketing I Mktg-L04 Principali scenari di sviluppo

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

Soluzioni per il Futuro

Soluzioni per il Futuro srls Soluzioni per il Futuro IL NOSTRO IMPEGNO In un sistema economico sempre più complesso, ed in continua e rapida evoluzione, la capacità per l Impresa di operare con successo sul mercato dipende, in

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT)

RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT) RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT) Sintesi Sintesi Nel 2013 l EIOPA ha continuato a sviluppare il suo ruolo e profilo nel panorama europeo della vigilanza. La relazione annuale 2013 definisce i principali

Dettagli

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT CUSTOMER SUCCESS STORY Ottobre 2013 AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT PROFILO DEL CLIENTE Settore: Manifatturiero Azienda: AT&S Dipendenti: 7500

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

Edizione 2010. www.sovedi.it

Edizione 2010. www.sovedi.it Edizione 2010 www.sovedi.it SOVEDI s.r.l. Via Antica, 3-25080 Padenghe sul Garda (BS) email: info@sovedi.it tel: +39 0302076341 CAP.SOC. 51.480,00 - C.F. p.iva 00632180246 SOVEDI nasce nel 1978 a Vicenza.

Dettagli

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario 1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 1.1 Introduzione... 19 1.2 Sviluppo tecnologico delle minacce... 19 1.2.1 Outsourcing e re-engineering... 23 1.3 Profili delle minacce... 23 1.3.1 Furto... 24 1.3.2

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

siete in grado di incrementare l'innovazione in tutto il portfolio prodotti?

siete in grado di incrementare l'innovazione in tutto il portfolio prodotti? SOLUTION BRIEF Soluzioni Project & Portfolio Management per l'innovazione dei prodotti siete in grado di incrementare l'innovazione in tutto il portfolio prodotti? you can Le soluzioni Project & Portfolio

Dettagli

ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013

ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013 ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013 Introduzione Il primo ottobre 2015 la normativa ISO/IEC 27001: 2005 verrà definitivamente sostituita dalla più recente versione del 2013: il periodo di

Dettagli

come posso migliorare le prestazioni degli SLA al cliente riducendo i costi?

come posso migliorare le prestazioni degli SLA al cliente riducendo i costi? SOLUTION BRIEF CA Business Service Insight for Service Level Management come posso migliorare le prestazioni degli SLA al cliente riducendo i costi? agility made possible Automatizzando la gestione dei

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment General Risk Assessment Conduzione di un General Risk Assessment in coerenza con i requisiti ISO 9001:2015. nel 2015 verrà pubblicata la nuova UNI EN ISO 9001 che avrà sempre più un orientamento alla gestione

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli