Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale"

Transcript

1 IBM Global Technology Services Research Report Business resilience Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale Risultati dell IBM Global Business Resilience and Risk Study 2011

2 L indagine relativa ai Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale è uno studio IBM che analizza come le aziende stiano sempre più adottando strategie di business resilience integrate in un contesto incerto. Il rapporto è stato redatto dall Economist Intelligence Unit, che si è anche occupata del sondaggio online e della conduzione delle interviste per conto di IBM. Vorremmo ringraziare tutti i dirigenti che hanno partecipato al sondaggio per i pareri espressi e il tempo che ci hanno dedicato. Yousef Valine, Chief Risk Officer, First Horizon National Corporation Lee Garvin, Direttore, Risk Management, JetBlue Kris Wiluan, CEO, KS Energy Services Limited Dr. Barbara Reynolds, Senior Advisor, Risk Communication, Centers for Disease Control and Prevention (CDC) Jean-Pierre Bourbonnais, Vice President, Information Technologies, and Chief Information Officer, Bombardier Aerospace

3 Business resilience 2 Sommario Le aziende si stanno adattando a un ambiente globale sempre più complesso, adottando un approccio alla pianificazione della business resilience più olistico. I piani di business continuity tradizionali in genere fortemente focalizzati sull IT rimangono fondamentali, ma stanno diventando sempre più parte di un quadro più ampio, perché i senior executive rafforzano la loro supervisione della gestione del rischio a livello aziendale. Per garantire la business resilience, le società si stanno predisponendo per realizzare un processo di gestione del rischio che tenga conto delle diverse tipologie insite nell azienda e consideri tutti gli aspetti della gestione, dalla sua individuazione fino alla mitigazione. La nostra ricerca indica che nei prossimi tre anni sempre più aziende adotteranno un approccio olistico alla gestione del rischio, data la crescente incertezza e il maggior numero di rischi che si trovano ad affrontare. Solo una minoranza (37%) delle società ha realizzato una strategia di business resilience a livello aziendale, ma il 42% degli intervistati afferma di volerla realizzare nei prossimi tre anni. Due terzi circa (64%) dichiarano di avere un piano di business continuity importante e il 58% possiede piani contingenti per affrontare varie tipologie di rischio. Dai principali risultati dello studio si evince quanto segue: Le società di grosse dimensioni hanno più probabilità di avere una strategia integrata rispetto alle piccole aziende. La complessità, spesso associata alle dimensioni, aumenta l esposizione di un azienda al rischio. Dalla nostra ricerca emerge che le società con un fatturato annuo pari o superiore a 6,5 miliardi di euro hanno quasi il doppio delle probabilità di avere realizzato una strategia di business resilience integrata rispetto a quelle con ricavi annuali inferiori a 0,75 miliardi di euro il 56% contro il 30%. Le differenze sono simili anche per altri indicatori. È molto più probabile, ad esempio, che le grandi aziende assegnino la responsabilità della gestione del rischio aziendale (ERM) ad un unico membro dell executive. Tuttavia, vi è un numero significativo di piccole aziende che ha adottato strategie integrate. Queste società registrano buoni risultati anche rispetto ad altri indicatori di successo come la crescita degli utili, la redditività e la quota di mercato. Business continuity, IT e rischi di compliance rimangano le priorità, ma le aziende stanno diversificando le proprie strategie per creare business resilience. Quasi il 40% degli intervistati afferma che la propria società considera la business continuity in primo luogo come una questione IT. Alla richiesta di indicare la loro preoccupazione primaria di gestione del rischio, alcune società ne nominano più di una, tra cui disaster recovery (47%), sicurezza IT (37%) e compliance normativa (28%). Sebbene molte abbiano iniziato con l affrontare per prime le minacce più impellenti, nei prossimi tre anni si occuperanno sempre più di questioni quali lo sviluppo di programmi di comunicazione e formazione volti a formare una cultura della resilienza più forte, adottando approcci più olistici. Alla richiesta di indicare la loro preoccupazione primaria di gestione del rischio, alcune aziende ne hanno nominata più di una, tra cui: Disaster recovery, 47% Sicurezza IT, 37% Compliance normativa, 28%

4 3 Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale La pianificazione della business resilience coinvolge sempre di più specialisti appartenenti a vari reparti dell azienda, sebbene i Chief Information Officer (CIO) e i professionisti IT rimangano i principali interessati. Nel corso delle interviste, i dirigenti hanno sottolineato che la gestione del rischio dovrebbe coinvolgere tutti all interno dell azienda. Una cultura in grado di infondere la responsabilità della gestione del rischio a ogni livello consente alle società di reagire ai cambiamenti e agli eventi inaspettati. I risultati dell indagine lo confermano. Una solida maggioranza degli intervistati (60%) afferma che la business resilience è considerata una responsabilità congiunta di tutti i dirigenti C-level. Tuttavia, nonostante l IT permei ogni aspetto delle Per una maggioranza significativa degli intervistati, una strategia di gestione del rischio aziendale più ampia comprende: Sicurezza di dati e applicazioni, 85% Protezione dei dati, 79% Sicurezza delle infrastrutture, 77% Governance della sicurezza, 75% Gestione di identità e accessi, 74% Gestione della compliance, 69% Definizione di business resilience Ai fini del presente rapporto, per business resilience si intende la capacità di un impresa di adattarsi a un business in continua evoluzione. Le aziende resilienti sono in grado di garantire un operatività continua e di proteggere la propria quota di mercato in caso di interruzioni dovute a disastri naturali o causati dall uomo. La pianificazione della business resilience si distingue dalla ERM in quanto ha più probabilità di creare le capacità necessarie a cogliere le opportunità offerte da eventi inaspettati. Un ulteriore differenza è che, mentre la ERM può essere realizzata come una capacità gestionale, una strategia di business resilience integrata richiede l impegno di tutta la società e spesso comporta un cambiamento della cultura aziendale per infondere una consapevolezza dei rischi. attività aziendali, i CIO e i professionisti IT rimangono i principali attori della costruzione di un azienda più resiliente. Sono infatti sempre più coinvolti nelle decisioni riguardanti i rischi aziendali. Il 56% degli intervistati dichiara che il CIO collabora con i responsabili IT di alto livello con una maggiore frequenza rispetto a tre anni fa. Allo stesso tempo, i ruoli tradizionali dell IT sono diventati più complessi. Una maggioranza significativa dei partecipanti all indagine afferma che la sicurezza di dati e applicazioni (85%), la protezione dei dati (79%), la sicurezza delle infrastrutture (77%), la governance della sicurezza (75%), la gestione di identità e accessi (74%) e la gestione della compliance (69%) fanno parte di una strategia di gestione del rischio aziendale più ampia.

5 Business resilience 4 Indice 4 Introduzione: la spinta verso la business resilience 6 Grandi società leader nella business resilience 7 Box: Prendere esempio dal leader 8 Analisi dello spettro dei rischi 8 Il viaggio della gestione del rischio 9 Case study: gestione del rischio integrata in Bombardier 11 Chi si assume la responsabilità? 12 Box: Ostacoli ad un approccio olistico 12 Il ruolo strategico dell IT 14 Conclusioni Introduzione: la spinta verso la business resilience Le aziende di tutto il mondo stanno ponendo una maggiore enfasi sulla business resilience, ovvero sulla capacità di adattarsi, in tempi rapidi, a un business in continua evoluzione. Le aziende resilienti sono in grado di garantire un operatività continua e di proteggere la propria quota di mercato in caso di disastri naturali o causati dall uomo, nonché in conseguenza di cambiamenti della situazione economico-finanziaria. Inoltre, sono debitamente equipaggiate per cogliere le opportunità offerte da eventi imprevisti. La gestione del rischio si focalizzava, in passato, sul trasferimento del rischio ottenuto tramite assicurazione o altri prodotti finanziari e sulla pianificazione della business continuity per mantenere operativa l azienda durante i periodi di crisi. A partire dagli anni Ottanta, alcune società hanno iniziato a sviluppare programmi di ERM basati sul circle of risk, concettualizzato per la prima volta nel 1974 da Gustav Hamilton, risk manager presso la Statsföretag AB, in Svezia. L idea era quella di unire diverse attività di gestione del rischio, quali identificazione, valutazione, controllo, finanziamento, monitoraggio e comunicazione, in un processo continuo. In molti casi, tuttavia, si continuava ad operare all interno di silos organizzativi. La crisi economica scoppiata nel 2008 ha destato un nuovo interesse per la gestione del rischio, promuovendo l adozione di approcci autenticamente olistici, dove la gestione del rischio è inerente ad ogni decisione. Oggi, le aziende leader stanno ulteriormente ampliando questi concetti per sviluppare strategie di resilienza di livello aziendale e stanno facendo il possibile per creare le capacità necessarie a rispondere rapidamente ad ogni tipo di evento inatteso opportunità e minacce parte integrante della cultura societaria. Ciò significa ideare una strategia di business resilience che coinvolga tutta l azienda. L indagine condotta dall Economist Intelligence Unit per questo rapporto ha rilevato che i dirigenti si ritengono ora più coinvolti nella gestione di ogni tipo di rischio aziendale. Solo il 30% degli intervistati afferma di non avere una vera e propria funzione di gestione del rischio in essere, rispetto al 42% dei dirigenti IT del Questo dato indica che gli approcci alla gestione del rischio si stanno evolvendo rapidamente. In particolare, suggerisce che la tendenza verso un maggiore ricorso ad approcci di gestione del rischio olistici all interno della funzione IT, individuata nel quadro dell indagine del 2010, si sta espandendo all interno delle aziende. L indagine L indagine, condotta dall Economist Intelligence Unit per conto di IBM nel giugno 2011, comprendeva le risposte di 391 senior executive - il 35% dei quali C-level. Circa il 39% degli intervistati proviene dal Nord America, il 38% dall Europa Occidentale, il 20% dalla regione Asia-Pacifico e il 3% dall Europa Orientale. Le società con un fatturato inferiore a 370 milioni di euro rappresentano il 39% dei partecipanti, mentre il 48% proviene da società con ricavi superiori a 0,75 miliardi di euro. Lo studio prende in esame quasi tutti i settori, inclusi servizi finanziari (16%), IT e tecnologia (16%), servizi professionali (13%), manifatturiero (8%) e sanità (7%).

6 5 Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale La principale forza motrice di questa tendenza è una maggiore consapevolezza della minore prevedibilità dell ambiente di business. Le società devono avere una preparazione più adeguata agli eventi imprevisti dai cambiamenti economici alle catastrofi naturali, oltre alle azioni di concorrenti e autorità normative. Scoprite e confrontate i principali trend e cambiamenti dell approccio aziendale alla gestione del rischio e alla resilienza scaricando l IBM Global IT Risk Study 2010 Di conseguenza, gli stakeholder chiedono che i senior executive aumentino la loro attenzione alle funzione di gestione del rischio. Le società sono sempre più tenute a dare prova di una gestione proattiva del rischio; infatti, il rapporto annuale di quasi tutte le aziende ora include una sezione relativa alla gestione del rischio. Le autorità normative, i mercati azionari e persino le agenzie di rating sono alla ricerca di una maggiore responsabilità da parte dei dirigenti senior in materia di gestione del rischio. Un altro fattore della gestione del rischio integrata è la crescente First Horizon National Corporation interconnessione servizi finanziari delle differenti tipologie di rischio. Yousef Valine, Chief Risk Officer di First Horizon National Corporation, una grossa bank holding company con sede a Memphis, in Tennessee, afferma: Nel settore dei servizi finanziari si ottengono profitti assumendosi dei rischi e gestendoli. Pertanto, la gestione del rischio per noi non è affatto una novità. L aspetto nuovo è la necessità di una migliore comprensione delle interazioni tra le diverse aree di rischio. I rischi sono diventati più interdipendenti - un rischio può infatti generarne altri. Spiega che nel settore dei servizi finanziari, la pianificazione della business continuity rimane un elemento centrale di un approccio ERM più ampio. La business continuity rientra in ogni programma ERM, ma rispetto agli altri elementi è un requisito essenziale - il prezzo da pagare per entrare nel mondo del business. Noi abbiamo un piano di continuità consolidato e ben avviato che rivediamo su base regolare, ma rappresenta solo una piccola parte del programma ERM complessivo. Poiché le banche e gli altri istituti finanziari considerano il rischio esplicito parte integrante del business, hanno una lunga esperienza nel campo della gestione completa del rischio e possono essere un esempio per altri settori. Mentre la maggior parte degli intervistati afferma che la propria società non ha ancora realizzato delle strategie di gestione del rischio di livello aziendale, quasi tutte le imprese con un fatturato pari o superiore a 0,75 miliardi di euro si sono mobilitate per integrare piani di contingenza per rischi diversi. Un trend destinato ad aumentare. Tre quarti dei partecipanti all indagine prevede di adottare una strategia di business resilience integrata entro tre anni; circa la metà di questi l ha già fatto. Avere una prospettiva più ampia non significa perdere di vista i rischi specifici dell IT e della compliance. La maggior parte delle imprese continua ad assegnare l analisi dei rischi e la pianificazione di contingenza a specialisti dedicati all interno dell azienda. Lo scopo di una strategia di business resilience integrata è la supervisione: fornire un quadro per garantire che tutti i rischi e le opportunità siano stati sistematicamente affrontati e che al senior management sia stato presentato un profilo del rischio esaustivo dell azienda.

7 Business resilience 6 Grandi società leader nella business resilience In genere, quando un azienda diventa più grande e complessa e opera in più giurisdizioni, il livello di rischio aumenta. Pertanto, le società con una strategia di business resilience integrata tendono a essere di grandi dimensioni. Inoltre, poiché ogni lavoratore può essere visto come una fonte di rischio, maggiore è il numero dei dipendenti, più alto è il grado di incertezza, il che accresce la necessità di una supervisione da parte dei massimi vertici aziendali per assicurare che le diverse attività di gestione del rischio siano allineate con la soglia di rischio accettabile della società e amplia anche lo scopo delle attività di identificazione, analisi e reporting del rischio. Tra gli intervistati le cui aziende registrano un fatturato annuo pari o superiore a 7 miliardi di euro, il 56% ha realizzato una strategia di business resilience integrata. Questo dato è comparabile con il 30% delle imprese con ricavi annui inferiori a 0,75 miliardi di euro. Le differenze sono simili anche per altri indicatori. Le grandi aziende, ad esempio, hanno più probabilità di affidare a un unico dirigente la responsabilità generale dell ERM, mentre i partecipanti provenienti da aziende più piccole (quelle con un fatturato pari o inferiore a 370 milioni di euro) hanno il triplo delle probabilità di affermare che non hanno una funzione della gestione del rischio vera e propria in essere. Hanno anche meno probabilità di rivolgersi a consulenti esterni esperti in materia. Ciononostante le piccole aziende stanno recuperando terreno. Gli intervistati appartenenti alle aziende della fascia sotto i 0,75 miliardi di euro dichiarano l intenzione di istituire un team di gestione del rischio di livello aziendale e di sviluppare una strategia di gestione del rischio integrata nei prossimi tre anni. L analisi dei risultati dello studio ha individuato un gruppo di piccoli innovatori che hanno già fatto notevoli progressi verso una gestione del rischio più olistica (si veda box, Seguire l esempio del leader). Investimento in nuove soluzioni IT correlate alla gestione del rischio 58% 38% Formulazione di un piano di business continuity 64% 30% Sviluppo di un programma di comunicazione o formazione per rafforzare le strategie di business continuity o resilienza Istituzione di un team aziendale di gestione del rischio 42% 49% 39% 30% Sviluppo di una strategia di business resilience integrata 37% 42% Discussione dei problemi con i partner della supply-chain Reazione ai recenti disastri naturali mediante la ridefinizione delle strategie di business continuity Nomina di un unico dirigente responsabile della gestione del rischio di tutta l'azienda Contatto con consulenti esterni di gestione del rischio 46% 41% 45% 34% 33% 37% 30% 37% 0% 20% 40% 60% 80% 100% Ultimi tre anni Prossimi tre anni Figure 1: Misure di gestione del rischio adottate (percentuale su tutti gli intervistati)

8 7 Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale Seguire l esempio del leader L analisi dei risultati dello studio ha rivelato che l adozione di azioni di business resilience all avanguardia non è limitata alle grandi aziende. Sono state identificate quattro tipologie di aziende in base alla resilienza e alla performance finanziaria auto-riportata: Resilient giants il 72% ha un fatturato annuo pari o superiore a 7 miliardi di euro - hanno adottato diverse pratiche olistiche di gestione del rischio e hanno coinvolto un ampia gamma di attori nella loro strategie di resilienza. Si situano al primo posto in termini di crescita degli utili, redditività e quota di mercato Small and nimble innovators il 77% ha un fatturato pari o inferiore a 370 milioni di euro - hanno adottato molte delle pratiche olistiche di gestione del rischio dei resilient giants. Per molti degli indicatori di successo si posizionano al secondo posto dietro i resilient giants, ma davanti ai big traditionalists e di gran lunga prima dei late bloomers. I Big traditionalists giudicano sia la loro business resilience che la loro performance finanziaria nella media. Oltre l 80% registra un fatturato che va da 0,75 a 7 miliardi di euro l anno. La maggioranza (51%) considera il disaster recovery la preoccupazione prioritaria della gestione del rischio e il 52% ha creato un piano di business continuity; il 40% non ha una funzione di gestione del rischio vera e propria. La metà dichiara che una strategia di resilienza di livello aziendale rientra nei piani per il futuro. I Late bloomers il 75% ha un fatturato pari o inferiore ai 370 milioni di euro - non sono sufficientemente preparati alla gestione dei rischi aziendali e hanno una concezione stereotipata delle strategie di gestione del rischio. La loro performance si situa all ultimo posto per ogni indicatore. La maggior parte non ha una vera e propria strategia di gestione del rischio e la loro performance segue quella degli altri. Tuttavia la metà afferma di avere l intenzione di sviluppare una strategia di gestione del rischio vera e propria e la maggior parte dichiara di voler istituire un team di gestione del rischio di livello aziendale entro i prossimi tre anni. Una delle principali caratteristiche distintive delle aziende di maggior successo è la propensione a vedere la business resilience come una questione che riguarda ogni aspetto dell azienda. L 88% circa dei resilient giants concorda con questa visione, insieme all 82% degli small and nimble innovators. Il dato è comparabile con il 25% dei big traditionalists e il 36% dei late bloomers.

9 Business resilience 8 Analisi dello spettro dei rischi Un approccio integrato alla gestione del rischio non implica né un analisi dei rischi centralizzata né un attribuzione di pari peso ad ogni tipologia di rischio. Al contrario, prevede la valutazione dell intero spettro di rischi in maniera bilanciata per delineare un quadro completo delle minacce e delle opportunità che un azienda si trova ad affrontare. Una caratteristica comune dei resilient giants e degli smalla and nimble innovators è che hanno più probabilità di avere diversi piani di contingenza e business continuity che prendono in considerazione un gruppo eterogeneo di rischi. Inoltre, è più probabile che dichiarino che i rischi IT specifici sono contemplati dall approccio di livello aziendale, inclusi protezione dei dati, sicurezza delle applicazioni, gestione delle policy di sicurezza, gestione della compliance, sicurezza delle infrastrutture e gestione di identità e accessi. Un vantaggio chiave dell integrazione della gestione JetBlue acompagnia aerea del rischio - oltre a facilitare la supervisione del rischio complessivo dell azienda da parte del senior management - è che consente ai risk manager specializzati di supportarsi a vicenda e imparare l uno dall altro. Permette inoltre di cogliere dei rischi che avrebbero potuto perdersi nei gap tra le diverse specializzazioni. Secondo Lee Garvin, Direttore, Risk Management di JetBlue, compagnia aerea con sede a New York, quest ultimo punto è una componente fondamentale della strategia ERM di una società: Come molte altre grosse società, ci preoccupiamo della presenza di silos, perché a volte gli eventi che non possono essere previsti o che sono al di fuori delle nostre previsioni possono cadere tra i silos. Nonostante la tendenza verso una visione più ampia dei rischi aziendali, il 47% di tutti gli intervistati ritiene che il disaster recovery debba rimanere la preoccupazione primaria della gestione del rischio. Tuttavia, la maggior parte dei resilient giants non è d accordo. E dissente anche sul fatto che la sicurezza IT sia la preoccupazione primaria della gestione del rischio. Allo stesso tempo, tuttavia, il 92% dichiara che la protezione dei dati è una questione specifica che rientra in una strategia di gestione del rischio più ampia. Questo dato suggerisce che le società non perdono di vista i rischi specifici nonostante stiano ampliando le loro strategie di business resilience per comprendere un maggior numero di tipologie di rischio. Il viaggio della gestione del rischio Vari esperti di settore hanno descritto la gestione olistica del rischio come un viaggio, non una destinazione, basato su dei principi, sebbene non esista una ricetta per il successo. L approccio di un azienda dipende in larga misura dal tipo di rischio che si trova ad affrontare e dalla soglia di rischio accettabile. Normalmente, un piano di business continuity è il primo passo che porta ad approcci più olistici. Quasi i due terzi degli intervistati dichiarano che le loro società hanno già creato un piano di business continuity e la maggioranza ritiene che questo piano sia stato ben studiato e comunicato. Le successive tappe del viaggio prevedono, in genere, l istituzione di un team aziendale di gestione del rischio. I due terzi circa (65%) dei partecipanti allo studio affermano che la propria società ha intrapreso entrambe le azioni o intende intraprenderle nei prossimi tre anni. Oltre a questi primi passi, tuttavia, vi sono diverse vie che portano a una gestione del rischio a livello aziendale. Alcune aziende considerano la ERM parte integrante della governance aziendale di tipo top-down. Kris Wiluan, CEO di KS Energy Services Limited, provider di forniture e servizi petroliferi con sede a KS Energy Services Limited forniture e servizi petroliferi Singapore, afferma che nel suo settore la gestione del rischio è una responsabilità di livello dirigenziale, perché le società svolgono attività sensibili dal punto di vista ambientale in diverse giurisdizioni di tutto il mondo. Il nostro team di gestione del rischio risponde a un direttore indipendente che è presidente del comitato di audit, afferma, che a sua volta espone le questioni più importanti al Consiglio. Quindi, per noi la ERM è a tutti gli effetti un processo di audit operativo. La difficoltà sta nell assicurarsi che le persone che attuano il programma ERM conoscano il business, in modo che non vadano fuori strada.

10 9 Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale Case study: gestione del rischio integrata in Bombardier Bombardier Inc., società con sede a Montreal, è l esempio di una grossa azienda con una Bombardier produttore di aerei strategia di business resilience olistica ben sviluppata. Il Gruppo Aerospaziale della società è un grosso produttore di velivoli commerciali e corporate che si trova ad affrontare diversi rischi sui mercati globali. La gestione del rischio è una delle priorità centrali nella pianificazione strategica a lungo termine di Bombardier ed è responsabilità dei dirigenti delle linee di business di tutta l azienda. A livello aziendale, il team di Audit Services e Risk Assessment prepara delle valutazioni del rischio dettagliate e le integra tra i vari gruppi operativi. Ogni reparto dell azienda è tenuto ad adottare le migliori pratiche di gestione del rischio per selezionare i rischi che creano valore e mitigare, gestire o trasferire contemporaneamente in modo proattivo quelli che non ne creano. Il Consiglio di Amministrazione è responsabile, in definitiva, della strategia attraverso il Finance and Risk Management Committee, formato da quattro direttori indipendenti. Jean-Pierre Bourbonnais, VP Information Technologies e CIO di Bombardier Aerospace, spiega come la società abbia rinforzato una strategia già consolidata con una nuova politica e un nuovo approccio alla gestione del rischio aziendale nel Il nuovo approccio si basa sugli standard ISO Il Risk Assessment Team aziendale effettua da sempre valutazioni dei rischi di tipo top-down, mediante interviste con i responsabili delle varie business unit, dichiara. In questo modo creano una mappa dei rischi che garantisce la gestione attiva dei rischi più importanti. La differenza, oggi, è che siamo andati oltre il rischio difensivo per assumere una visione più olistica delle opportunità. Un ulteriore cambiamento, prosegue, è uno spostamento verso una percezione dei rischi di tipo bottom-up, cosicché anche le business unit più piccole possano avere un effettiva stima dei propri rischi e di cosa devono fare a riguardo: Fa tutto parte di una cultura che affronta e parla senza mezzi termini di rischi. La priorità ora è unire le prospettive top-down e bottom-up in modo tale che il nostro quadro RM rappresenti una strategia di business resilience autenticamente olistica. Bourbonnais dichiara che il suo ruolo come CIO si è evoluto con l avanzare dell approccio olistico della gestione del rischio. In qualità di membro dell esecutivo di Bombardier Aerospace, sono totalmente coinvolto in tutte le principali decisioni strategiche di business. Ad esempio, è membro di diversi comitati, inclusi quelli responsabili delle attività, della progettazione e dello sviluppo di programmi. Aggiunge che anche i suoi diretti sottoposti sono sempre più coinvolti nelle strategie e nelle decisioni aziendali: Quando ciò accade, la funzione IT è in sincronia con quello che succede all interno dell azienda. La sfida più importante, secondo Bourbonnais, è assegnare una priorità all enorme quantità di rischi identificati mediante una cultura di consapevolezza del rischio di tipo bottom-up. Per farlo è necessario individuare ogni tipo di dipendenza tra le varie tipologie di rischio. Tentiamo di individuare una sequenza critica, o una sequenza per la materializzazione del rischio e la velocità a cui possono verificarsi gli eventi inaspettati, perché solo procedendo nel modo giusto si ha il controllo della situazione.

11 Business resilience 10 Altre società lavorano all interno dell azienda per raccogliere un profilo di rischio di livello aziendale da presentare ai massimi vertici. Garvin, di JetBlue, dichiara: Ciò che tentiamo di fare in JetBlue è preservare la nostra cultura e il nostro business, e ciò riguarda la gestione del rischio. Il processo ERM realizzato in JetBlue prevede degli incontri mensili con i principali stakeholder; poi un gruppo di dirigenti più ampio si incontra su base trimestrale. Questo processo porta alla realizzazione di rapporti integrati per il comitato di leadership esecutivo e il Consiglio. Distribuiamo i questionari e intervistiamo tutti quelli che fanno parte del gruppo, dichiara. Chiediamo loro quali sono gli obiettivi, quali non lo sono più e quali potrebbero diventarlo in futuro. In questo modo ognuno può esprimere il proprio parere personale a riguardo. Questo consente di eliminare i silos perché il gruppo include un numero sufficiente di VP e direttori. Professionisti IT CIO Altri dirigenti di alto livello Consulenti legali Membri del C.d.A. Dipendenti Partner 82% 80% 71% 60% 56% 55% 46% Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC), un Centers for Disease Control and Prevention agenzia agenzia federale federale statunitense con sede ad Atlanta, in Georgia, integra la gestione del rischio a livello aziendale attraverso un Programme Integrity Board, formato dai responsabili di diversi programmi specifici di gestione del rischio. Uno dei suoi membri, la Dr. Barbara Reynolds, Senior Advisor, Risk Communication, è a capo di un programma di gestione del rischio denominato CDC RiskSmart. Ci spiega che la reputazione del CDC è fondamentale, dato che da essa dipende la credibilità di raccomandazioni su questioni di vita o di morte. RiskSmart si rivolge a tutti i membri dell azienda per influenzare valori e comportamenti che potrebbero potenzialmente mettere a rischio la credibilità del CDC. Fanno parte del Programme Integrity Board anche altri risk manager responsabili di questioni quali la sicurezza dei laboratori, la sicurezza fisica, finanza e IT. L individuazione del rischio deve avvenire nel momento in cui viene messo in atto il comportamento, afferma la Dr. Reynolds. In questo modo il potere e la responsabilità di individuare ogni tipo di rischio toccano tutti i dipendenti dell azienda. Ma considerando la mitigazione a livello aziendale, è possibile condividere le lezioni apprese con una parte dell azienda. Ci riuniamo ogni mese, prosegue, e siamo costantemente alla ricerca di nuovi modi per migliorare i nostri comportamenti, il nostro sapere scientifico, la nostra ricerca, i nostri dati sulla sicurezza, la nostra affidabilità finanziaria; tutti aspetti di uno stesso scenario. 0% 20% 40% 60% 80% 100% Figure 2: Livello di coinvolgimento nella strategia di business resilience (percentuale coinvolta o molto coinvolta nei prossimi tre anni)

12 11 Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale Chi si assume la responsabilità? Con l ampliamento del concetto di gestione del rischio, che comprende una gamma più ampia di rischi, la responsabilità si diffonde in tutta l organizzazione. Il 42% degli intervistati dichiara che la figura più comunemente responsabile è il CIO (o equivalente); mentre il 60% afferma che si tratta di una responsabilità comune di tutti i dirigenti C-level. In particolare, il 90% degli intervistati afferma che i dirigenti C-level condividono questa responsabilità. Queste società dotate di un piano di business resilience affermeranno con maggiore probabilità, rispetto ad altre aziende, di vedere una partecipazione di tutta la società alla gestione del rischio. In particolare, il 90% degli intervistati afferma che i dirigenti C-level condividono la responsabilità della gestione del rischio. Una gestione del rischio olistica prevede un cambiamento culturale. La cultura è molto importante in First Horizon, afferma Valine. La gestione del rischio è compito di tutti. È una capacità di tipo gestionale, non di un dipartimento o una funzione aziendale. Per gestire i rischi in modo efficace, abbiamo escogitato un modo di pensare che prevede tre domande: Dobbiamo farlo? Possiamo farlo? L abbiamo fatto? Queste domande ci aiutano a fare la cosa giusta, ad assicurarci di essere in grado di agire e ottenere il risultato di business desiderato. Fattori indispensabili per il successo di una buona gestione del rischio sono imparzialità e trasparenza. Queste domande non otterranno una risposta adeguata se le persone non sono disposte a esprimere se stesse. I partecipanti all indagine confermano che il vasto coinvolgimento di persone all interno dell azienda è un trend attuale. Secondo gli intervistati le figure molto coinvolte sono: CIO (45%), professionisti IT (41%), altri dirigenti C-level (26%), consulenti legali (21%), membri del C.d.A. (17%), dipendenti (9%) e partner (7%). La tendenza verso una gestione del rischio più olistica si riflette nelle previsioni degli intervistati con un aumento del coinvolgimento di tutti gli stakeholder nei prossimi tre anni e con l incremento maggiore di partner e dipendenti.

13 Business resilience 12 Ostacoli a un approccio olistico Ideare una strategia di business resilience è un impresa complessa, il cui successo dipende dalla capacità di ottenere l appoggio di vari stakeholder. Un dirigente con un approccio olistico deve assemblare il lavoro di diversi risk manager specializzati, ognuno con competenze, strumenti e particolari punti di vista. Per riunire le risorse necessarie, deve presentare un business case convincente ai dirigenti senior. Per essere efficaci, i messaggi di gestione del rischio devono essere destinati a tutti quelli che potrebbero influenzare il rischio all interno dell azienda. Gli intervistati dichiarano che l ostacolo principale per la creazione di una cultura di business resilience sono i silos presenti in azienda. Non a caso, questa barriera viene citata con una frequenza doppia dai partecipanti appartenenti ad alcune delle più grosse aziende interpellate. Gli small and nimble innovators citano più di frequente le restrizioni del budget come ostacolo principale, mentre i late bloomers sottolineano una mancanza di visione e impegno da parte dei dirigenti C-level. Anche l impossibilità di prevedere con precisione il ritorno degli investimenti (ROI) derivante da una migliore gestione del rischio viene citata dalle aziende di tutte le dimensioni come un fattore importante. Gli intervistati hanno espresso il loro punto di vista su come superare questi ostacoli. Lee Garvin, Direttore, Risk Management di JetBlue, una compagnia aerea con sede a New York, suggerisce che una buona strategia per creare un programma ERM è procedere a piccoli passi e coinvolgere un ampia gamma di interessati per comprendere i diversi rischi all interno dell azienda. Sottolinea inoltre la necessità di diffidare dalle deviazioni rispetto allo scopo originario. Restare focalizzati e non andare oltre le proprie capacità, perché è più facile in questo modo affrontare un processo di crescita Yousef Valine, Chief Risk Officer di First Horizon National Corporation, una grossa bank holding company con sede in Tennessee, afferma che l ostacolo più importante è la creazione della corretta cultura, anche del Chief Executive Officer (CEO) e del Consiglio. La mia motivazione nei loro confronti è che una forte capacità di gestione del rischio è un vantaggio competitivo, dichiara. Se il CEO non è sensibile al tema, è sempre possibile coinvolgere gli altri. Il ruolo strategico dell IT Il ruolo della funzione IT si sta ampliando di pari passo con l avanzare di strategie di gestione del rischio più olistiche. Ciò riflette in parte il fatto che quasi tutti i processi di business mission-critical dipendono dal supporto IT. L IT è una componente fondamentale della nostra gestione del rischio in quanto oggi niente può essere fatto senza, dichiara Wiluan di KS Energy Services Limited. Abbiamo computer hub e sistemi di backup in diversi paesi e reti che devono essere protette. Questi problemi specifici rappresentano una grande parte della gestione del rischio complessiva. Contemporaneamente, a causa delle maggiori minacce alle infrastrutture, all integrità e alla sicurezza dei dati, i ruoli tradizionali dell IT sono diventati più complessi. Una significativa maggioranza degli intervistati afferma che la sicurezza di dati e applicazioni (85%), la protezione dei dati (79%), la sicurezza delle infrastrutture (77%), la governance della sicurezza (75%), la gestione di identità e accessi (74%) e la gestione della compliance (69%) fanno parte della strategia di gestione del rischio della loro azienda. Il ruolo dell IT si sta estendendo anche ad altre aree di rischio aziendale. Più di tre quarti dei partecipanti allo studio ritengono che la funzione IT debba offrire un contributo maggiore alla creazione di un azienda più resiliente e la maggioranza dichiara che è coinvolta nella maggior parte delle decisioni riguardanti il rischio aziendale. Gavin confessa che l IT è uno dei tre pilastri dell ERM in JetBlue: Se perdo un processo di business, non mi interessa se la causa è una tormenta di neve, un uragano, un terremoto, uno sciopero, un pezzo di equipaggiamento danneggiato o un incendio, perché lo valuto in un ottica di continuità di processo, che è uno dei pilastri. L IT è un pilastro perché i nostri processi di business dipendono dalla tecnologia. Ed essendo una compagnia aerea abbiamo anche un terzo pilastro, che è la risposta alle situazioni di emergenza.

14 13 Principali trend della business resilience e della gestione del rischio a livello globale Un altro ruolo emergente per i professionisti IT è la capacità di realizzare soluzioni tecnologiche per problemi di gestione del rischio. Il potenziale utilizzo del cloud computing come strumento di gestione del rischio è un area di interesse. Nonostante solo il 18% degli intervistati dichiari che la propria azienda vede il cloud computing come un aspetto strategico chiave della gestione del business, si stanno mettendo in campo ingenti risorse per valutarne le potenzialità. Circa un intervistato su cinque afferma che la propria azienda sta prendendo in considerazione il cloud computing. Un ulteriore 28% ritiene che il cloud computing offra promesse per il futuro. Il 22% ammette che non è al momento preso in considerazione dalla società. Solo il 6% è convinto che i metodi tradizionali di erogazione dei servizi IT siano gli strumenti più efficaci per la gestione della business resilience. Sicurezza di dati e applicazioni Protezione dei dati Sicurezza delle infrastrutture Governance della sicurezza e gestione del rischio Gestione di identità e accessi Gestione della compliance 85% 79% 77% 75% 74% 69% 0% 20% 40% 60% 80% 100% I risultati dell indagine dimostrano che i professionisti IT sono sempre più coinvolti nello sviluppo di una gestione del rischio di livello aziendale. Il 56% circa degli intervistati afferma che all interno della propria azienda il CIO collabora con i responsabili IT di massimo livello molto più frequentemente rispetto a tre anni fa; solo il 3% dichiara che i manager IT non sono per niente coinvolti. La tendenza verso un approccio olistico implica che i rischi vengano considerati sempre meno come una questione legata principalmente all IT. Gli intervistati sono pressoché uniformemente divisi (40% vs. 42%) tra chi è d accordo e chi è in disaccordo con l affermazione la business continuity è in primo luogo una questione IT. Tuttavia, coloro che affermano che la propria azienda ha adottato una strategia di business resilience integrata hanno meno probabilità di essere d accordo (33%) rispetto a coloro che non l hanno adottata (43%). Vi sono inoltre più probabilità, rispetto alle aziende prive di una strategia di business resilience (62-46%), che dichiarino che la funzione IT è coinvolta nella maggior parte delle decisioni che contemplano dei rischi. La funzione IT gioca un ruolo fondamentale, sebbene non esclusivo, nella gestione olistica del rischio. In altre parole, sembra che i confini tra i rischi IT e i rischi aziendali siano diventati più confusi nelle aziende più resilienti. Figure 3: Componenti IT di gestione aziendale (percentuale su tutti gli intervistati)

15 Business resilience 14 Conclusioni Per la maggior parte delle società, la business resilience comporta un cambiamento della cultura dell azienda in quanto fonte di valori e comportamenti. Se la cultura di una società fonde la consapevolezza dei rischi con altri valori societari, i dipendenti sanno istintivamente qual è la cosa giusta da fare quando si trovano ad affrontare una situazione imprevista e questo riduce i rischi. Secondo la Dr. Reynolds: Per una società tipo, i peggiori passi falsi sono più spesso dovuti ai valori che alle competenze. Nominare un team di gestione del rischio di livello aziendale è un buon inizio, ma deve avere un mandato forte per raggiungere ogni angolo dell azienda, perché la gestione del rischio deve, in ultima istanza, diventare parte del lavoro di tutti. L impegno da parte dei vertici aziendali e risorse adeguate sono altresì necessari per sviluppare programmi di comunicazione e formazione completi a supporto di una gestione del rischio integrata. Una delle caratteristiche distintive delle società più resilienti è che hanno più probabilità, rispetto alle altre aziende, di aver sviluppato una strategia di comunicazione per diffondere il messaggio di resilienza in ogni reparto dell azienda. Le società che abbracciano queste misure hanno più probabilità di creare un piano di business resilience efficace, che fornirà solide fondamenta su cui costruire una posizione concorrenziale di lunga durata, supportata da una gestione del rischio end-to-end (E2E). Comprendere questi principi è un primo passo, ma dalle interviste emerge che per i dirigenti è chiaro che l appoggio dei vertici è essenziale per promuovere un cambiamento organizzativo di ampio respiro. Anche la promozione dei concetti di gestione olistica ai pari e ai dipendenti è un punto critico. Assumere un approccio graduale a una partecipazione più ampia allo sviluppo della strategia può essere d aiuto, perché è più facile promuovere il cambiamento se una nuova iniziativa non viene vista come imposta da una particolare fazione. Un piano di business resilience efficace fornirà solide fondamenta su cui costruire una posizione concorrenziale di lunga durata, supportata da una gestione del rischio E2E.

16 Per ulteriori informazioni Per ulteriori informazioni su un approccio olistico alla business resilience e alla gestione del rischio - e su come IBM può aiutarvi a metterlo in pratica - potete contattare il vostro rappresentante IBM, richiedere una visita di un rappresentante IBM, o visitare i seguenti siti web: ibm.com/services/riskstudy ibm.com/smarterplanet/us/en/business_resilience_ management/overview Copyright IBM Corporation 2011 IBM Italia S.p.A. Circonvallazione Idroscalo Segrate (MI) Italia Prodotto negli Stati Uniti d America Settembre 2011 IBM, il logo IBM e ibm.com sono marchi o marchi registrati della International Business Machines Corporation negli Stati Uniti e/o in altri Paesi. Se, la prima volta che compaiono nella presente pubblicazione, questi e altri termini commerciali IBM sono contrassegnati con un simbolo commerciale ( o ), indicano un marchio registrato negli Stati Uniti o un marchio di fatto di proprietà di IBM all atto della pubblicazione del presente documento. Tali marchi possono anche essere marchi registrati o marchi di fatto in altri Paesi. L elenco aggiornato dei marchi IBM è disponibile all indirizzo web ibm.com/legal/copytrade.shtml, nella sezione Copyright and trademark information. I nomi di altre società, prodotti e servizi potrebbero essere marchi registrati o marchi di servizio di altri. I riferimenti contenuti in questa pubblicazione a prodotti e servizi IBM non implicano che IBM intenda renderli disponibili in tutti i Paesi in cui opera. Si prega di riciclare RLW03004-ITIT-00

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

IBM Global Business Services Executive Report. IBM Institute for Business Value. CMO e CIO. Conoscenti o alleati?

IBM Global Business Services Executive Report. IBM Institute for Business Value. CMO e CIO. Conoscenti o alleati? IBM Global Business Services Executive Report IBM Institute for Business Value CMO e CIO Conoscenti o alleati? IBM Institute for Business Value Nell ambito di IBM Global Business Services, l IBM Institute

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM ARGOMENTI TRATTATI Il livello elevato Il disastro più diffuso e più probabile L'esempio da 10 miliardi di dollari per

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati?

Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati? Articolo pubblicato sul numero di febbraio 2010 di La rivista del business ad alte performance Information Technology Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati? di Alastair MacWillson L'approccio aziendale

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi Analisi per tutti Considerazioni principali Soddisfare le esigenze di una vasta gamma di utenti con analisi semplici e avanzate Coinvolgere le persone giuste nei processi decisionali Consentire l'analisi

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI Rassegna Stampa PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI 12 Giugno 2015 Scritto da: Redazione Grande successo per la prima serata

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION

4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION 4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION 4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION INDICE La semplicità nell era dei Big Data 05 01. Data Visualization:

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli