COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI IMPRESE MEDIANTE CONFERIMENTO DI MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI IMPRESE MEDIANTE CONFERIMENTO DI MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA"

Transcript

1 COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI IMPRESE MEDIANTE CONFERIMENTO DI MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA I sottoscritti: a) (Capofila). nato a il. nella sua qualità di.. e legale rappresentante di. con sede legale in - Via., cod. fisc., partita IVA.. b) (Mandante). nato a il. nella sua qualità di.. e legale rappresentante di. con sede legale in - Via., cod. fisc., partita IVA.. c) (eventuali altri mandanti) PREMESSO - che il PSR del Veneto per il periodo , prevede la possibilità di finanziare con la misura 124 progetti per la cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nel settore agricolo, agroalimentare e forestale che coinvolgono più imprese, operanti nei vari segmenti della filiera, qualora si costituiscano sotto forma di Associazioni Temporanee di Imprese con le modalità previste dalla normativa specifica; - che i sottoscritti hanno presentato domanda di aiuto per la misura cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nel settore agricolo, agroalimentare e forestale avente come titolo:.. (di seguito: misura PIF/PIFF ), ai sensi del bando emanato dalla Regione Veneto (di seguito: Regione ) collegato al PIF/PIFF avente come titolo... e numero.... il quale è stato approvato con decreto del Dirigente dell Area Autorizzazione dell AVEPA n.. del.., (riportare estremi di approvazione del PIF/PIFF) - (IN ALTERNATIVA per azione singola) che i sottoscritti hanno presentato domanda di aiuto per la misura cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nel settore agricolo, agroalimentare e forestale avente come titolo:.. (di seguito: misura AZIONE SINGOLA ), ai sensi del bando emanato dalla Pagina 1 di 6

2 Regione Veneto (di seguito: Regione ) con numero.... ed approvata con decreto del Dirigente dell Area Autorizzazione dell AVEPA n.. del.., - che, contestualmente alla partecipazione al bando di cui sopra, i sottoscritti si sono impegnati, con esplicita dichiarazione contenuta nella domanda di aiuto, in caso di approvazione del Progetto, a raggrupparsi in Associazione Temporanea di Imprese al fine di attuare la misura PIF/PIFF (OPPURE - misura AZIONE SINGOLA); - che, a seguito dell approvazione del Progetto, i sottoscritti debbono costituire formalmente l Associazione Temporanea di Impresa (di seguito ATI ), impegnandosi alla realizzazione delle attività, i contenuti ed i costi di cui al Progetto approvato e secondo le modalità definite dal bando e dal documento degli Indirizzi procedurali approvati dalla Regione; - che i sottoscritti intendono, con il presente atto, regolare il quadro giuridico ed organizzativo dell Associazione predetta, nonché conferire a mandato irrevocabile gratuito collettivo speciale con rappresentanza; - che quanto sopra premesso ed approvato è da ritenersi parte integrante e sostanziale del presente atto; i sottoscritti convengono e stipulano quanto segue: Art. 1 (Soggetti attuatori) 1. I sottoscritti, come sopra rappresentati, convengono e dichiarano di riunirsi in ATI al fine della realizzazione della misura PIF/PIFF avente per Titolo... e collegata al PIF/PIFF n.... (di seguito verranno definiti con il termine di soggetti attuatori del Progetto). (IN ALTERNATIVA per azione singola) I sottoscritti, come sopra rappresentati, convengono e dichiarano di riunirsi in ATI al fine della realizzazione della misura AZIONE SINGOLA avente per Titolo... (di seguito verranno definiti con il termine di soggetti attuatori del Progetto). 2. L ATI è disciplinata da quanto disposto dai successivi articoli, nonché da specifico ulteriore Regolamento che disciplinerà gli aspetti organizzativi e che dovrà essere stipulato, per iscritto, fra i soggetti attuatori. Pagina 2 di 6

3 Art. 2 (Individuazione della Capofila) I soggetti attuatori concordemente designano, quale capofila mandataria con i poteri di rappresentanza,. (di seguito: la Capofila), alla quale viene contestualmente conferito il relativo mandato gratuito collettivo speciale con rappresentanza, affinché gestisca i rapporti con la Regione e l AVEPA come previsto al successivo art. 3, al fine di dare attuazione alla misura PIF/PIFF (oppure misura AZIONE SINGOLA). Art. 3 (Impegni della Capofila) 1. La Capofila si impegna a svolgere a favore dell ATI ogni adempimento amministrativo necessario alla realizzazione della misura PIF/PIFF (oppure misura AZIONE SINGOLA). 2. La Capofila, pertanto: a. la progettazione e l organizzazione delle attività connesse al Progetto; b. la predisposizione dei documenti necessari alla realizzazione del Progetto; c. la rendicontazione all Ente finanziatore e la ripartizione delle somme ricevute tra i soggetti attuatori; d...( indicare eventuali altri obblighi). 3. La Capofila provvederà, in nome e per conto dell ATI, alla sottoscrizione di tutti gli atti necessari alla realizzazione del Progetto; 4. La Capofila è altresì autorizzata a rappresentare, anche in sede processuale, i soggetti attuatori nei confronti della Regione o dell AVEPA, per tutte le operazioni e gli atti di qualsiasi natura dipendenti dal suddetto incarico, fino allo scioglimento di ogni rapporto. Art. 4 (Impegni dei soggetti attuatori) 1. I soggetti attuatori si obbligano a svolgere ognuno le attività specificatamente risultanti della misura PIF/PIFF (oppure misura AZIONE SINGOLA) secondo le modalità, la ripartizione delle attività e la tempistica indicate, nel Progetto allegato alla domanda e approvato con il su indicato decreto n.... del...; 2. Ferma restando la responsabilità solidale verso la Regione e l AVEPA di tutti i soggetti attuatori, ciascuno di loro eseguirà le prestazioni di propria competenza in totale autonomia fiscale, gestionale ed operativa. Ciascuno, Pagina 3 di 6

4 inoltre, sarà responsabile verso gli altri soggetti attuatori in ordine alla perfetta esecuzione dei compiti ad esso affidati. 3. I soggetti attuatori si impegnano a coordinare le rispettive attività e prestazioni al fine di dare esatta esecuzione della misura PIF/PIFF (oppure misura AZIONE SINGOLA), ed in particolare si impegnano a rispettare la normativa di riferimento relativa all attuazione dello stesso. 4. A tal fine i soggetti attuatori concordano che ciascuno di essi avrà diritto alla sola quota di finanziamento corrispondente alle operazioni che si è impegnato a realizzare. Nessuna altra spesa potrà essere riconosciuta. 5. I soggetti attuatori, al fine del trasferimento dei fondi di rispettiva competenza, dovranno presentare alla Capofila con cadenza trimestrale una nota riassuntiva delle spese effettivamente sostenute e quietanzate, in relazione allo stato di avanzamento del Progetto, con relativa documentazione a supporto. La Capofila avrà cura di trasferire le quote di finanziamento spettanti a ciascun soggetto e darne comunicazione alla Regione e l AVEPA. 6. I soggetti attuatori si impegnano inoltre sin da ora a fornire alla Capofila la documentazione relativa alla rendicontazione delle spese sostenute con le modalità in uso (indicare eventuali altre modalità di rendicontazione/fatturazione relativa alla propria attività nei confronti del Capofila). 7. In caso di mancata trasmissione alla Capofila della documentazione indicata al precedente punto 6, la Capofila non potrà chiedere la liquidazione del finanziamento all Ente finanziatore ed è quindi esonerata da qualsiasi responsabilità conseguente alla mancata liquidazione del finanziamento. Art. 5 (Controllo e ripartizione delle spese) 1. I soggetti attuatori sono tenuti al rispetto delle procedure definite dalla Regione e dall AVEPA per quanto riguarda l effettuazione ed il controllo delle spese sostenute nell ambito della misura PIF/PIFF (oppure misura AZIONE SINGOLA). 2. Ciascun soggetto si fa comunque carico delle spese assunte al di fuori di eventuali piani economici per l esecuzione delle attività di Progetto, compreso eventuali maggiori spese sostenute per l esecuzione delle operazioni ad esso assegnate della misura PIF/PIFF (oppure misura AZIONE SINGOLA), o delle spese non ritenute ammissibili in sede di controllo amministrativo, in loco od ex post, tenendo indenne la capofila da qualsiasi responsabilità in ordine alla loro ammissibilità ed alle conseguenze riguardo alle stesse Pagina 4 di 6

5 Art. 6 (Riservatezza) 1. Tutta la documentazione e le informazioni di carattere tecnico e metodologico, fornite da uno dei soggetti attuatori ad un altro non potranno essere utilizzate per scopi diversi da quelli per i quali sono state fornite senza la preventiva autorizzazione scritta dal soggetto che le ha fornite. 2. Ciascuno dei soggetti attuatori avrà cura di applicare le opportune misure per mantenere riservate le informazioni e le documentazioni ottenute. Art. 7 (Durata) (misura PIF/PIFF) L ATI si scioglierà automaticamente, senza bisogno di formalità o adempimenti, dopo che siano trascorsi tre anni dalla data di conclusione del PIF/PIFF, intesa come la data in cui è avvenuta la verifica amministrativa per il saldo della domanda relativa all ultima misura di investimento ricompresa nel PIF/PIFF stesso. (Durata) (misura AZIONE SINGOLA) L ATI si scioglierà automaticamente, senza bisogno di formalità o adempimenti, allorquando siano stati liquidati i rapporti economici e giuridici fra i soggetti attuatori conseguenti alla misura AZIONE SINGOLA). Art. 8 (Foro competente) Per qualunque controversia relativa all interpretazione, applicazione ed esecuzione del presente contratto, la competenza esclusiva sarà del Foro di....( indicare il foro della Capofila). Data Firme Agli effetti dell art c.c., le parti dichiarano di approvare specificatamente la disposizione riportata all art. 8. Data Firme Pagina 5 di 6

6 Allegato: Regolamento interno Pagina 6 di 6

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via INTERVENTI A FAVORE DELLE PMI E DEGLI ORGANISMI DI RICERCA - SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE ALLEGATO A - CONTENUTI RICHIESTI NELL'ATTO FORMALIZZAZIONE DEL PARTNERIATO I sottoscritti: a) (Impresa proponente).

Dettagli

Presidente associazione di volontariato Età Libera

Presidente associazione di volontariato Età Libera COSTITUZIONE DI RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO TRA ASSOCIAZIONI SENZA SCOPO DI LUCRO Gli argonauti della vita 13 I componenti: Luciano Piperno Graziella Albanesi Bruno Policiti Gabriele Orecchini Giuseppe Nania

Dettagli

COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO E MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA. Realizzazione del Progetto:..

COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO E MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA. Realizzazione del Progetto:.. COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO E MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA Realizzazione del Progetto:.. Il giorno.., in, avanti a me notaio.iscritto al collegio notarile di sono

Dettagli

Modello di costituzione di Associazione Temporanea di Scopo (ATS)

Modello di costituzione di Associazione Temporanea di Scopo (ATS) Modello di costituzione di Associazione Temporanea di Scopo (ATS) REGIONE ABRUZZO Direzione Regionale Politiche Attive del Lavoro, Formazione, Istruzione. Politiche Sociali. P.O. F.S.E. ABRUZZO 2007/2013

Dettagli

TRA. di seguito indicati, per brevità, singolarmente, come partner e, collettivamente, come partenariato PREMESSO

TRA. di seguito indicati, per brevità, singolarmente, come partner e, collettivamente, come partenariato PREMESSO ATTO DI COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO ai fini della elaborazione e della realizzazione di una strategia di sviluppo locale volta al miglioramento della qualità della vita e alla diversificazione

Dettagli

TESTO STANDARD COSTITUZIONE DI RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI DI IMPRESE (R.T.I.)

TESTO STANDARD COSTITUZIONE DI RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI DI IMPRESE (R.T.I.) TESTO STANDARD COSTITUZIONE DI RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI DI IMPRESE (R.T.I.) 1 RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO DI IMPRESE CON CONFERIMENTO DI MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA Tra :...(1)... (di

Dettagli

Atto di costituzione di Associazione temporanea di scopo e mandato collettivo speciale con rappresentanza

Atto di costituzione di Associazione temporanea di scopo e mandato collettivo speciale con rappresentanza Atto di costituzione di Associazione temporanea di scopo e mandato collettivo speciale con rappresentanza I sottoscritti Comune di Bresso, con sede in. Via.., legalmente rappresentata da Comune di Cinisello

Dettagli

ALLEGATO AL DECRETO. L anno 2006, nel mese di il giorno TRA

ALLEGATO AL DECRETO. L anno 2006, nel mese di il giorno TRA ALLEGATO AL DECRETO CONVENZIONE TRA LA REGIONE LOMBARDIA E L ISTITUTO EUROPEO DI ONCOLOGIA, QUALE SOGGETTO ATTUATORE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO FINALIZZATO RETE CURE PALLIATIVE PER PAZIENTI INGUARIBILI

Dettagli

ACCORDO PER LA COSTITUZIONE DI A.T.S. (ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO) L'anno duemiladodici, addì 8 (otto) del mese di novembre presso la Sede

ACCORDO PER LA COSTITUZIONE DI A.T.S. (ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO) L'anno duemiladodici, addì 8 (otto) del mese di novembre presso la Sede Allegato B ACCORDO PER LA COSTITUZIONE DI A.T.S. (ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO) relativa al progetto Centro Antiviolenza Frida Kahlo L'anno duemiladodici, addì 8 (otto) del mese di novembre presso

Dettagli

ATTO DI COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO

ATTO DI COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO Avviso per il finanziamento di progetti finalizzati a rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto della violenza di genere Fondo per le Politiche relative a i Diritti e le Pari Opportunità pubblicato

Dettagli

RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO DI PROFESSIONISTI (R.T.P.)

RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO DI PROFESSIONISTI (R.T.P.) D.Lgs 163/2006 Codice dei contratti Art. 3 comma 20 Il termine raggruppamento temporaneo designa un insieme di imprenditori, o fornitori, o prestatori di servizi, costituito, anche mediante scrittura privata,

Dettagli

TRA. La Regione Sardegna, in persona del rappresentante legale pro tempore.

TRA. La Regione Sardegna, in persona del rappresentante legale pro tempore. SCHEMA DI CONVENZIONE - TIPO PER FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DEGLI IMPRENDITORI DEL SETTORE AGRICOLO E DELLA PESCA VOLTO AD AGEVOLARE LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAL PSR REGIONE SARDEGNA

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI FILIERA

SCHEMA DI CONTRATTO DI FILIERA ALLEGATO IV SCHEMA DI CONTRATTO DI FILIERA Premesso che: La Regione Basilicata, con deliberazione della Giunta Regionale n. del, ha approvato il bando pubblico Progetti Integrati di Filiera, che disciplina

Dettagli

OFFERTA ECONOMICA MODELLO A1 IN BOLLO. Spett.le Comune di Corbara Via Tenente Lignola, 22 84010 Corbara (SA)

OFFERTA ECONOMICA MODELLO A1 IN BOLLO. Spett.le Comune di Corbara Via Tenente Lignola, 22 84010 Corbara (SA) MODELLO A1 IN BOLLO Spett.le Comune di Corbara Via Tenente Lignola, 22 84010 Corbara (SA) Oggetto dell appalto: procedura aperta per REALIZZAZIONE DI INTERVENTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI

Dettagli

No, si può partecipare solo con un progetto: o come singolo o in ATI.

No, si può partecipare solo con un progetto: o come singolo o in ATI. 1 Un azienda di medie dimensioni vorrebbe partecipare ad un progetto con una ATI (ed essere quindi propulsiva per il progetto collettivo) ed allo stesso tempo investire risorse per un progetto singolo.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Area: RICERCA FINALIZZ., INNOVAZ.

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Area: RICERCA FINALIZZ., INNOVAZ. REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 9 20/01/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 416 DEL 15/01/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Area: RICERCA FINALIZZ.,

Dettagli

FIDEIUSSIONE A PRIMA RICHIESTA N.

FIDEIUSSIONE A PRIMA RICHIESTA N. Fac simile Spettabile Luogo, data FIDEIUSSIONE A PRIMA RICHIESTA N. _ Oggetto: Fidejussione a prima richiesta a favore di Regione Piemonte a garanzia dell erogazione della quota di finanziamento erogato

Dettagli

C O N V E N Z I O N E

C O N V E N Z I O N E C O N V E N Z I O N E Il Comune di PONTECAGNANO FAIANO (SA), Capofila dell Ambito Territoriale S4, sito in via M.A. Alfani, Legalmente Rappresentato dalla dott.ssa Giovanna Martucciello, nata a Pontecagnano

Dettagli

La costituzione di raggruppamenti d imprese è finalizzata a dimostrare uno o più dei seguenti requisiti:

La costituzione di raggruppamenti d imprese è finalizzata a dimostrare uno o più dei seguenti requisiti: SCHEDA FORME ASSOCIATIVE DI PARTECIPAZIONE Nessun concorrente partecipante a RTI può presentare più offerte, né potrà subentrare successivamente alla gara ove abbia presentato offerta in una qualsiasi

Dettagli

MinisterodelloSviluppoEconomico

MinisterodelloSviluppoEconomico MinisterodelloSviluppoEconomico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 24 settembre 2014, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Posizioni contributive aperte: sede di (pos.n. - codice ISTAT ) sede di (pos.n. - codice ISTAT )

Posizioni contributive aperte: sede di (pos.n. - codice ISTAT ) sede di (pos.n. - codice ISTAT ) Allegato al Modello B) OGGETTO: Dichiarazione sostitutiva allegata all istanza di partecipazione alla Procedura aperta, previa pubblicazione di Avviso di gara, per la concessione in gestione dell impianto

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione SETTORE E FILIERA DELLA NAUTICA (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione INDICE PREMESSA...

Dettagli

REGIONE TOSCANA_PROGRAMMA REGIONALE POR-CReO FESR 2007/2013_Attività 1.5.a e 1.6_BANDO UNICO R&S 2012 (PARTENARIATO)

REGIONE TOSCANA_PROGRAMMA REGIONALE POR-CReO FESR 2007/2013_Attività 1.5.a e 1.6_BANDO UNICO R&S 2012 (PARTENARIATO) NB: "La presente garanzia fideiussoria può essere rilasciata soltanto da banche, imprese di assicurazione indicate nella L 348/1982, intermediari finanziari iscritti nell'elenco speciale di cui all'art.

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/7 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RICERCA FINALIZZATA STRATEGICO PMS 49/08/P5 Integrazione fra Sistemi di Gestione sul tema

Dettagli

SOCIALE EUROPEO PREMESSO

SOCIALE EUROPEO PREMESSO REPUBBLICA ITALIANA CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI SERVIZI DI CASSA RELATIVI AL FONDO DI ROTAZIONE PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E L ACCESSO AL FONDO SOCIALE EUROPEO L anno 2009, il giorno del mese

Dettagli

Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A

Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A Rette IIntterscollasttiica dell XIIII Muniiciipiio dii ROMA Accordo di Rete delle scuole del XII Municipio di R O M A Testo approvato dall Assemblea dei Dirigenti nella seduta del 28 Settembre 2010 Accordo

Dettagli

CONVENZIONE ATTUATIVA

CONVENZIONE ATTUATIVA CONVENZIONE ATTUATIVA per lo svolgimento delle attività di Ricerca e Sviluppo relative al Progetto NOME PROGETTO nell ambito del Progetto Bandiera La Fabbrica del Futuro TRA Il Consiglio Nazionale delle

Dettagli

Protocollo d Intesa Per la Realizzazione del Progetto di Ricerca

Protocollo d Intesa Per la Realizzazione del Progetto di Ricerca Protocollo d Intesa Per la Realizzazione del Progetto di Ricerca MODELLO DI SCREENING PEDIATRICO PER L IPERCOLESTEROLEMIA FAMILIARE PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA CARDIO-VASCOLARE PRECOCE PROGETTO SPIF

Dettagli

REGIONE MOLISE DIREZIONE GENERALE DELLA GIUNTA - AREA SECONDA

REGIONE MOLISE DIREZIONE GENERALE DELLA GIUNTA - AREA SECONDA REGIONE MOLISE DIREZIONE GENERALE DELLA GIUNTA - AREA SECONDA SERVIZIO (cod. 2L.01) SERVIZIO COORDINAMENTO E GESTIONE DELLE POLITICHE EUROPEE PER AGRICOLTURA, ACQUACOLTURA E PESCA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Dettagli

ATTESA la nomina del Direttore Generale dell ARPAS con DPGR n.111 del 01.10.2014;

ATTESA la nomina del Direttore Generale dell ARPAS con DPGR n.111 del 01.10.2014; REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AGENTZIA REGIONALE PRO S AMPARU DE S AMBIENTE DE SARDIGNA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Direzione generale

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO relativo alla Procedura selettiva n. 238/2014 ai sensi dell art. 125 comma 11 del D.Lgs. n.163/2006 per l affidamento del servizio di consulenza ed assistenza di carattere

Dettagli

ZAPPULLA Servizi Assicurativi

ZAPPULLA Servizi Assicurativi ZAPPULLA Servizi Assicurativi CONTRATTO D INCARICO RILASCIATO A Il Sig....nato il... a...(...) e residente a... in Via......n... Codice Fiscale... Partita Iva... riconosciuto con Carta Identità N... rilasciata

Dettagli

Servizio Edilizia Pubblica

Servizio Edilizia Pubblica Servizio Edilizia Pubblica SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CUI ALL ARTICOLO 1, COMMA 1, LETT. B) ED E) DEL PIANO NAZIONALE DI EDILIZIA ABITATIVA ALLEGATO AL D.P.C.M.

Dettagli

Facsimile della domanda di finanziamento. Il/La sottoscritto/a nato/a a il, in qualità di legale rappresentante di: Indirizzo Telefono FAX E-MAIL

Facsimile della domanda di finanziamento. Il/La sottoscritto/a nato/a a il, in qualità di legale rappresentante di: Indirizzo Telefono FAX E-MAIL Facsimile della domanda di finanziamento Carta intestata Impresa Spett.le Regione Campania Isola A/6 Il/La sottoscritto/a nato/a a il, in qualità di legale rappresentante di: Indirizzo Telefono FAX E-MAIL

Dettagli

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI FORMAZIONE PER L EDUCAZIONE AL CONSUMO

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI FORMAZIONE PER L EDUCAZIONE AL CONSUMO BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI FORMAZIONE PER L EDUCAZIONE AL CONSUMO Articolo 1 Obiettivi e finalità La Provincia di Roma, con il presente bando, intende dare attuazione all iniziativa Corsi di

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n.

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n. ACCORDO TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E LA REGIONE LAZIO PER L ATTUAZIONE COORDINATA DELLE AZIONI RIFERIBILI AL PROGRAMMA DI INTERVENTI A COFINANZIAMENTO FEG EGF/2012/007 IT/VDC

Dettagli

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA 1.1

Dettagli

carta intestata assicurazione/banca SCHEMA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Fideiussione bancaria/polizza fideiussoria)

carta intestata assicurazione/banca SCHEMA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Fideiussione bancaria/polizza fideiussoria) carta intestata assicurazione/banca SCHEMA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Fideiussione bancaria/polizza fideiussoria) (indicare denominazione e indirizzo completo della filiale/agenzia emittente la garanzia) Riferimento

Dettagli

CONTRATTO di COOPERAZIONE

CONTRATTO di COOPERAZIONE CONTRATTO di COOPERAZIONE tra l Ente Pubblico Comprensorio Sanitario di Bolzano dell Azienda Sanitaria dell Alto Adige: Unita Operativa complessa di Oncologia Medica Unita Operativa complessa di Farmacia

Dettagli

NOTA10. e l'inclusione sociale di soggetti svantaggiati;

NOTA10. e l'inclusione sociale di soggetti svantaggiati; fjjott. Ytntonio!Musti Notaic Via Nardi soc - 51100 P1STOIA Tel. 0573946396 - Fax 0573947754 c.p. MST NTN 71 E22 A669S P.l. 06021850729 COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOP~ I sottoscritti:

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda GESTIONE Regione Lombardia costituisce l unico ed esclusivo punto di riferimento nei confronti del Soggetto gestore. Sarà cura di

Dettagli

Il Traduttore Letterario

Il Traduttore Letterario Allegato 1 P.O.R. Campania 2000/2006 Misura 3.7 FORMULARIO PRESENTAZIONE RICHIESTE DI FINANZIAMENTO (Le indicazioni devono essere coerenti rispetto alle richieste previste nell Avviso) DENOMINAZIONE DEL

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA Tra l AUTORITA GARANTE PER L INFANZIA E L ADOLOSCENZA C.F. 11784021005 con sede in Roma Via di Villa Ruffo, 6 che per brevità sarà in seguito chiamata

Dettagli

PRESTAZIONI PROFESSIONALI

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PRESTAZIONI PROFESSIONALI fascicolo di supporto alla valutazione delle tariffe dei Revisori Contabili Iscritti all Istituto Nazionale Revisori Contabili Presentazione La prima formazione del Registro dei

Dettagli

DD.418 dell 11 marzo 2013 CONTRIBUTI ANNUALI. Guida per la rendicontazione finale ai fini dell erogazione del saldo

DD.418 dell 11 marzo 2013 CONTRIBUTI ANNUALI. Guida per la rendicontazione finale ai fini dell erogazione del saldo DD.418 dell 11 marzo 2013 CONTRIBUTI ANNUALI Guida per la rendicontazione finale ai fini dell erogazione del saldo Aspetti generali di Rendicontazione finanziaria L importo che deve essere rendicontato

Dettagli

PREVENTIVO DI MASSIMA E CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE ALL AVVOCATO AI SENSI DELL ART. 9, CO. 4, D.L. N. 1/2012

PREVENTIVO DI MASSIMA E CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE ALL AVVOCATO AI SENSI DELL ART. 9, CO. 4, D.L. N. 1/2012 PREVENTIVO DI MASSIMA E CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE ALL AVVOCATO AI SENSI DELL ART. 9, CO. 4, D.L. N. 1/2012 Con la presente il/la Sig./Sig.ra.., nato/a a il, Cod. Fisc..., residente in, Via,

Dettagli

MODELLO DI PRESENTAZIONE DELL OFFERTA ECONOMICA (per impresa singola)

MODELLO DI PRESENTAZIONE DELL OFFERTA ECONOMICA (per impresa singola) (per impresa singola) Ragione sociale e sede dell offerente favore dei Dottori Commercialisti () - CIG 5514742D0D Con riferimento alla gara per l affidamento del servizio in oggetto, il sottoscritto, nato

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF)

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013 Regione Toscana Bando Sottomisura 16.2 Sostegno a progetti pilota e di cooperazione All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) OBIETTIVO

Dettagli

PARTECIPAZIONE AL BANDO PUBBLICO DELLA REGIONE VENETO

PARTECIPAZIONE AL BANDO PUBBLICO DELLA REGIONE VENETO PARTECIPAZIONE AL BANDO PUBBLICO DELLA REGIONE VENETO FONDO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE 2007-2013 ASSE 4 MOBILITA SOSTENIBILE LINEA DI INTERVENTO 4.4 PISTE CICLABILI DGRV 1724 DEL 29 SETTEMBRE 2014 PROGETTO:

Dettagli

RESPONSABILE DEL SERVIZIO

RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI LOCERI Provincia dell' Ogliastra Area Tecnica DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 327 del registro generale N.199 DATA 27/10/2015 OGGETTO:BANDO GAL OGLIASTRA MISURA 321 DEL PIANO

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta Regionale. 8 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 43 - Lunedì 24 ottobre 2011

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta Regionale. 8 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 43 - Lunedì 24 ottobre 2011 8 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta Regionale D.G. Istruzione, formazione e lavoro D.d.u.o. 14 ottobre 2011 - n. 9434 Approvazione della progettazione esecutiva e dei budget di dettaglio

Dettagli

CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO PROFESSIONALE CON PROFESSIONISTA APPARTENENTE AD UNO STUDIO ASSOCIATO. Sottoscritto in data da e tra

CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO PROFESSIONALE CON PROFESSIONISTA APPARTENENTE AD UNO STUDIO ASSOCIATO. Sottoscritto in data da e tra CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO PROFESSIONALE CON PROFESSIONISTA APPARTENENTE AD UNO STUDIO ASSOCIATO Sottoscritto in data da e tra Università di Trento con sede in Trento, Via Belenzani n. 12, codice fiscale

Dettagli

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione, ai fini dell

Dettagli

SCHEMA DI GARANZIA FIDEIUSSORIA A FAVORE FINLOMBARDA PREMESSO

SCHEMA DI GARANZIA FIDEIUSSORIA A FAVORE FINLOMBARDA PREMESSO SCHEMA DI GARANZIA FIDEIUSSORIA A FAVORE FINLOMBARDA PREMESSO 1 Che con deliberazione della Giunta Regionale n. VIII del 18/07/2007 è stato istituito il Fondo di Rotazione per l Internazionalizzazione

Dettagli

CIG 6010028001 ALLEGATO N 4 OFFERTA ECONOMICA

CIG 6010028001 ALLEGATO N 4 OFFERTA ECONOMICA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRATTAMENTO IMBALLAGGI IN PLASTICA DA RACCOLTA DOMICILIARE + IMBALLAGGI IN ALLUMINIO E BANDA STAGNATA (SACCO MULTILEGGERO ) C.E.R. 15.01.06 CIG 6010028001

Dettagli

CONTRATTO DI AFFILIAZIONE COMMERCIALE

CONTRATTO DI AFFILIAZIONE COMMERCIALE CONTRATTO DI AFFILIAZIONE COMMERCIALE Tra la Società EDUFORMA S.r.l., con sede Legale in Vigonza Prov. di Padova, Via Regia 88, Partita IVA 03824150282, in persona del Legale rappresentante Domenico Laterza

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO

CITTÀ DI CASTELVETRANO CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO (A.T.S.) MEDIANTE CONFERIMENTO DI MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA A RENTINSIEME COOPERATIVA

Dettagli

Cod. Fisc. e Part. IVA, iscritta all albo di cui all articolo 13 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, in persona In qualità di

Cod. Fisc. e Part. IVA, iscritta all albo di cui all articolo 13 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, in persona In qualità di SCHEMA DI CONVENZIONE per la regolamentazione della gestione ed erogazione delle agevolazioni in abbuono interessi in favore degli imprenditori del settore agricolo beneficiari degli aiuti previsti dalla

Dettagli

Servizio Edilizia Pubblica

Servizio Edilizia Pubblica Servizio Edilizia Pubblica SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CUI ALL ARTICOLO 1, COMMA 1 LETT. B) ED E) DEL PIANO NAZIONALE DI EDILIZIA ABITATIVA ALLEGATO AL D.P.C.M.

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA PER LO SVOLGIMENTO DI UN SUPPORTO TECNICO SPECIALISTICO DI TIPO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA PER LO SVOLGIMENTO DI UN SUPPORTO TECNICO SPECIALISTICO DI TIPO Reg. Inc. n. Pordenone, lì CONTRATTO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA PER LO SVOLGIMENTO DI UN SUPPORTO TECNICO SPECIALISTICO DI TIPO INFORMATICO ALL ATTIVITÀ DI ESTRAPOLAZIONE, ELABORAZIONE E MONITORAGGIO STATISTICO

Dettagli

FIDEJUSSIONE A PRIMA RICHIESTA ASSICURATIVA/BANCARIA N.

FIDEJUSSIONE A PRIMA RICHIESTA ASSICURATIVA/BANCARIA N. Modello 2 FIDEJUSSIONE A PRIMA RICHIESTA ASSICURATIVA/BANCARIA N. Oggetto: Fidejussione a prima richiesta a favore di Finpiemonte S.p.A a garanzia della quota di contributo a fondo perduto a titolo di

Dettagli

ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020

ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020 ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020 AVVISO PUBBLICO Interventi di sostegno alla qualificazione e all occupabilità delle risorse umane Approvato con D.D. n. del ATTO

Dettagli

Giunta Regionale della Campania 24 14/04/2010 11 4 - -

Giunta Regionale della Campania 24 14/04/2010 11 4 - - Giunta Regionale della Campania DECRETO DIRIGENZIALE AREA GENERALE DI COORDINAMENTO A.G.C. 11 Sviluppo Attività Settore Primario COORDINATORE Dr. Allocca Giuseppe DIRIGENTE SETTORE DECRETO N DEL A.G.C.

Dettagli

Questionario R.C. Merloni e Normativa

Questionario R.C. Merloni e Normativa Le informazioni trascritte nel presente modulo sono ad uso esclusivo di Euroconsul S.r.l. e verranno trattate con la massima riservatezza al solo fine di ottenere la quotazione del rischio dalle principali

Dettagli

1. Ulteriori requisiti di partecipazione del partner italiano:

1. Ulteriori requisiti di partecipazione del partner italiano: NORME INTEGRATIVE PER LA PARTECIPAZIONE ITALIANA AL BANDO PER LA RACCOLTA DI PROGETTI CONGIUNTI DI RICERCA PER L ANNO 2012 E PER LA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI - LEGGE 154/2002 1. Ulteriori requisiti

Dettagli

MODALITA RICHIESTA ANTICIPO

MODALITA RICHIESTA ANTICIPO REGIONE TOSCANA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) 2007-2013 Reg. CE n. 1698/2005 MODALITA RICHIESTA ANTICIPO Soggetti privati Versione 01 Portoferraio, aprile 2012 (file disponibile all indirizzo http://www.galetruria.it/psrasse4/default.aspx

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEI MEZZI D OPERA AZIENDALI DI PROPRIETA DELLA CENTRO SERVIZI AMBIENTE IMPIANTI SPA, MEDIANTE LA STIPULA DELL ACCORDO QUADRO

Dettagli

SCHEMA DI FIDEIUSSIONE

SCHEMA DI FIDEIUSSIONE SCHEMA DI FIDEIUSSIONE Schema di fideiussione bancaria/polizza assicurativa per la richiesta dell'anticipazione dell aiuto concesso a valere su operazioni della Programmazione 2014-2020 ai sensi dell art.

Dettagli

[SU CARTA INTESTATA DELLA BANCA / IMPRESA DI ASSICURAZIONI / SOCIETÀ DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA]

[SU CARTA INTESTATA DELLA BANCA / IMPRESA DI ASSICURAZIONI / SOCIETÀ DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA] Allegato 3 Schema di fideiussione [SU CARTA INTESTATA DELLA BANCA / IMPRESA DI ASSICURAZIONI / SOCIETÀ DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA] Spett.le Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del

Dettagli

OGGETTO: RINNOVO CONVENZIONE DI SEGRETERIA COMUNE DI OYACE COMUNE DI GIGNOD. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: RINNOVO CONVENZIONE DI SEGRETERIA COMUNE DI OYACE COMUNE DI GIGNOD. IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: RINNOVO CONVENZIONE DI SEGRETERIA COMUNE DI OYACE COMUNE DI GIGNOD. IL CONSIGLIO COMUNALE RICHIAMATA la deliberazione di Consiglio Comunale n. 15/2003 avente ad oggetto: Approvazione della convenzione

Dettagli

CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO

CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO Provincia di Napoli DETERMINAZIONE N. 341 del 30/05/2014 SETTORE 3 / CULTURA, TURISMO E SPETTACOLO Oggetto : PO FESR CAMPANIA 2007/2013 ASSE I OB. OP. 1.12-18 PREMIO PENISOLA

Dettagli

REGIONE TOSCANA BALDI SIMONETTA. Il Dirigente Responsabile:

REGIONE TOSCANA BALDI SIMONETTA. Il Dirigente Responsabile: REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO INDUSTRIA, ARTIGIANATO, INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE POLITICHE ORIZZONTALI DI

Dettagli

Allegato alla Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del GAL Polesine Adige n. 41 del 28/03/2013*

Allegato alla Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del GAL Polesine Adige n. 41 del 28/03/2013* FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 007-03 Asse 4 - LEADER - Attuazione Strategia di Sviluppo

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L APPALTO DEI LAVORI DI LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA VIABILITA P.I.P.

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L APPALTO DEI LAVORI DI LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA VIABILITA P.I.P. BOLLO DA. 16,00 SCHEDA A La documentazione non in regola con l imposta di bollo dovrà essere regolarizzata ai sensi del D.P.R. 642/72 e pertanto sarà sottoposta alle segnalazioni previste dalla legge.

Dettagli

CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO PROFESSIONALE Sottoscritto in data da e tra

CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO PROFESSIONALE Sottoscritto in data da e tra CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO PROFESSIONALE Sottoscritto in data da e tra Università di Trento con sede in Trento, Via Belenzani n. 12, codice fiscale e partita IVA 00340520220, rappresentata dal dr. nato

Dettagli

FIDEJUSSIONE A PRIMA RICHIESTA ASSICURATIVA/BANCARIA N.

FIDEJUSSIONE A PRIMA RICHIESTA ASSICURATIVA/BANCARIA N. Fac simile FIDEJUSSIONE A PRIMA RICHIESTA ASSICURATIVA/BANCARIA N. Oggetto: Fidejussione a prima richiesta a favore di Finpiemonte S.p.A a garanzia della quota di contributo a fondo perduto a titolo di

Dettagli

COMUNE DI TORTOLI. 2. LUOGO DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO: Comune di Tortolì

COMUNE DI TORTOLI. 2. LUOGO DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO: Comune di Tortolì COMUNE DI TORTOLI BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA Prot. n. 11525 del 03.06.2009 1. AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE: Comune di Tortolì - Via Garibaldi - 08048 Tortolì (OG) Tel. 0782/600700 Telefax 0782/623049.

Dettagli

MANDATO DI LOCAZIONE TRANSITORIA A SCOPO TURISTICO

MANDATO DI LOCAZIONE TRANSITORIA A SCOPO TURISTICO MANDATO DI LOCAZIONE TRANSITORIA A SCOPO TURISTICO Il sottoscritto Sig.., nato a.. il./ /.. ed ivi residente in C.F..., di seguito denominato... Premesso che: a) è titolare, nella veste di proprietario

Dettagli

TRA: denominate congiuntamene parti. PREMESSO CHE:

TRA: denominate congiuntamene parti. PREMESSO CHE: CONVENZIONE PER LA REGOLAMENTAZIONE DEI CONTI CORRENTI VINCOLATI PREVISTI AI FINI DELL EROGAZIONE DEGLI AIUTI DISCIPLINATI DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DEL 29 LUGLIO 2013. TRA: il

Dettagli

www.finpiemonteonline.it

www.finpiemonteonline.it www.finpiemonteonline.it DOCUP 2000/2006 LINEA 2.1B CONVENZIONE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Questo documento è stato strutturato per essere compilato direttamente a video, con l applicativo Word di

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. Il sottoscritto nato a prov. il / / e residente in via n.,

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. Il sottoscritto nato a prov. il / / e residente in via n., DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ISTITUTO SCOLASTICO via n. Città Cap Il sottoscritto nato a prov. il / / e residente in via n., - nella sua qualità di rappresentante legale/procuratore della Compagnia

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

MANDATO DI ASSISTENZA PER LA GESTIONE DELLE ANAGRAFI ZOOTECNICHE

MANDATO DI ASSISTENZA PER LA GESTIONE DELLE ANAGRAFI ZOOTECNICHE MANDATO DI ASSISTENZA PER LA GESTIONE DELLE ANAGRAFI ZOOTECNICHE Con la presente scrittura privata, da fare valere ad ogni effetto di legge, tra le sottoscritte parti: e Paolo Ciceri in qualità di Presidente

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO DI INTERVENTO IN MATERIA DI VITA INDIPENDENTE L

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Titolo I Classe 3 Fascicolo N. 50374 del 23/07/2010 Decreto n 2572/2010 UOR AREA 2 CC RPA P. VALENTI Palermo, 23 luglio 2010 IL RETTORE VISTA la legge 9 Maggio 1989 n. 168 ed in particolare l articolo

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA Regione Puglia ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA TRA LA REGIONE PUGLIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 Roma, novembre 2014 2 Accordo

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

CONTRATTO DI RICERCA COMMISSIONATA i TRA. (nel seguito denominato COMMITTENTE), con sede in. via., cap. Cod. Fisc... e P.

CONTRATTO DI RICERCA COMMISSIONATA i TRA. (nel seguito denominato COMMITTENTE), con sede in. via., cap. Cod. Fisc... e P. CONTRATTO DI RICERCA COMMISSIONATA i TRA (nel seguito denominato COMMITTENTE), con sede in. via., cap. Cod. Fisc... e P. IVA rappresentato da., in qualità di.. domiciliato per la carica presso la sede

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 1301 del 01/02/2016 Proposta: DPG/2016/1393 del 29/01/2016 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE

EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE EBAN ENTE BILATERALE AGRICOLO NAZIONALE BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI SULLA PREVENZIONE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO IN AZIENDE AGRICOLE Premessa L Ente Bilaterale Agricolo Nazionale, di seguito

Dettagli

Ai Capi Ufficio. e p.c. Al Direttore Amministrativo LORO SEDI. Oggetto: Applicazione dell Iva ai contributi erogati per la realizzazione di progetti.

Ai Capi Ufficio. e p.c. Al Direttore Amministrativo LORO SEDI. Oggetto: Applicazione dell Iva ai contributi erogati per la realizzazione di progetti. Direzione Area Contabile Servizio Affari Fiscali Viale Gallipoli 49-73100 Lecce Tel. 0832/293392 - Fax. 0832/293042 Lecce, lì 18 luglio 2003 Prot. 15971 Ai Direttori dei Centri di Spesa Ai Responsabili

Dettagli

Comunicazione di concessione del finanziamento Descrizione categorie di spesa Interventi strutturali Acquisto attrezzature e dotazioni Spese generali Interventi immateriali spese avvio attività PRESCRIZIONI

Dettagli

ALLEGATO 6 FACSIMILE DI CAUZIONE DEFINITIVA

ALLEGATO 6 FACSIMILE DI CAUZIONE DEFINITIVA ALLEGATO 6 FACSIMILE DI CAUZIONE DEFINITIVA Allegato 6 Facsimile Cauzione definitiva Pag. 1 di 5 FACSIMILE CAUZIONE DEFINITIVA Spett.le Direzione Generale Funzione Gare e Contratti Via Salaria, 716 00138

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Decreto

Giunta Regionale della Campania. Decreto Decreto Area Generale di Coordinamento: A.G.C. 11 Sviluppo Attività Settore Primario N 11 Del A.G.C. Settore Servizio 12/03/2013 11 0 0 Oggetto: PSR Campania 2007/2013 - Progetti Integrati Rurali per le

Dettagli

Aspetti amministrativi, contabili e fiscali relativi all attuazione dei progetti di cooperazione

Aspetti amministrativi, contabili e fiscali relativi all attuazione dei progetti di cooperazione Aspetti amministrativi, contabili e fiscali relativi all attuazione dei progetti di cooperazione Ottobre 2005 ASPETTI AMMINISTRATIVI, CONTABILI E FISCALI RELATIVI ALL ATTUAZIONE DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE

Dettagli

Il sottoscritto. via legale rappresentante dell Impresa partecipante al progetto attuato da (indicare il soggetto attuante).

Il sottoscritto. via legale rappresentante dell Impresa partecipante al progetto attuato da (indicare il soggetto attuante). Allegato B Scheda 1 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI AFFIDABILITÀ GIURIDICO ECONOMICO FINANZIARIA (la presente dichiarazione deve essere resa da ciascuna impresa destinataria dell intervento) Il sottoscritto

Dettagli

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio;

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio; ALLEGATO A SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: Convenzione tra Il Comune di Trieste Servizio Biblioteche Civiche e la cooperativa sociale.... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI UFFICIO DI REGISTRAZIONE E RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI UFFICIO DI REGISTRAZIONE E RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI UFFICIO DI REGISTRAZIONE E RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA InfoCert S.p.A., con sede legale in Roma, Piazza Sallustio n. 9, in persona del

Dettagli