Qualità, Gestione del Rischio Clinico e della Sicurezza dei Pazienti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Qualità, Gestione del Rischio Clinico e della Sicurezza dei Pazienti 2013-2015"

Transcript

1 Piano di lavoro triennale Qualità, Gestione del Rischio Clinico e della Sicurezza dei Pazienti Pi-S-UOQ-01 ed. 0 rev dicembre 2013 originale copia controllata copia non controllata bozza N. distribuzione interna a cura del RQ Il presente piano definisce ambiti di azione, gli obiettivi, le metodologie ed il cronoprogramma delle attività relative alla qualità, gestione del rischio e della sicurezza dei pazienti, relativamente al triennio Redazione Patrizia Bellocchi, Giuseppe Coco, Rosario Cunsolo, Maria Patrizia Gozzi, Vincenzo Parrinello, Gabriella Patanè, Giuseppe Saglimbeni, Rosalba Quatttrocchi. Verifica Vincenzo Parrinello Approvazione Vincenzo Albanese, Francesco Basile, Vito Borzì, Santa Adele Carini, Pietro Castellino, Ferdinando Di Vincenzo, Francesco Di Raimondo, Mario La Rosa, Lorenzo Lupo, Anna Rita Mattaliano, Diego Piazza, Carmelo Privitera, Rosa Raciti, Giuseppe Sessa, Corrado Tamburino, Maria Grazia Torre, Pieremilio Vasta. Ratifica Antonio Lazzara Il presente piano è la revisione della versione ed. 0 rev. 01 del 20 maggio 2013 aggiornato per recepire il parere obbligatorio del Comitato Consultivo Aziendale ex art. 2, comma 2, del DA del 15 aprile 2010 di attuazione dell'art. 9, comma 8, LR 14/04/2009, n.5 U.O. per la Qualità e Rischio Clinico Via S. Sofia n Catania Azienda Ospedaliero -Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele - Catania

2 Pagina 2 di 84

3 PREMESSA Il presente documento è stato predisposto al fine di soddisfare il punto Obiettivi per la qualità della norma UNI EN ISO 9001:2008 che richiede che L alta direzione deve assicurare che, per i pertinenti livelli e funzioni dell organizzazione, siano stabiliti gli obiettivi per la qualità, compresi quelli necessari per ottemperare ai requisiti delle prestazioni. Gli obiettivi della qualità devono essere misurabili e coerenti con la politica per la qualità. ed il punto Pianificazione del sistema di gestione per la qualità che richiede che l alta direzione assicuri che: a) La pianificazione del sistema di gestione per la qualità sia condotta in modo da ottemperare ai requisiti riportati in 4.1 e conseguire gli obiettivi per la qualità; b) L integrità del sistema di gestione per la qualità sia conservata quando sono pianificate ed attuate modifiche al sistema stesso. Peraltro il requisito SVQM.1.1A.075 del DA 890/2002 relativo all accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie della regione siciliana, richiede che venga redatto un piano, almeno triennale, per il miglioramento della qualità che, tenuto conto anche delle criticità riscontrate, specifichi gli obiettivi, le strategie, le responsabilità attribuite, la destinazione di risorse, i tempi di realizzazione. Infine lo standard Joint Commission International QPS.1, del manuale della gestione del rischio clinico della regione siciliana adottato con DA 12 agosto 2011 prevede che i responsabili del governo e della guida dell ospedale, debbano partecipare alla pianificazione e al monitoraggio di programmi per il miglioramento della qualità e per la sicurezza dei pazienti. Il piano Qualità, Gestione del Rischio Clinico e della Sicurezza dei Pazienti anno Pi-S-UOQ-01 è stato redatto dal Responsabile dell U.O. per la Qualità e Rischio Clinico, dal Referente Aziendale della Funzione Rischio Clinico e dei Referenti di Presidio del progetto regionale rischio clinico accordo JCI-Regione Siciliana, approvato dal Collegio di Direzione e dal Comitato Consultivo Aziendale e ratificato dal Direttore Generale dell AOU Policlinico-Vittorio-Emanuele di Catania. I documenti del Sistema di Gestione per la Qualità sono riesaminati, quando necessario, e distribuiti in forma controllata in nuove edizioni o revisioni. I documenti del Sistema di Gestione per la Qualità sono stati elaborati cercando di tenere conto dei punti vista di tutte le parti interessate e di conciliare ogni aspetto controverso, per rappresentare il reale stato dell arte della materia ed il necessario grado di consenso. Nel contesto dei documenti del sistema di gestione per la qualità dell Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico-Vittorio Emanuele, il termine prodotto utilizzato dalla norma UNI EN ISO 9001:2008 è sostituito con prestazione. Chiunque ritenesse, a seguito dell applicazione della presente procedura, di poter fornire suggerimenti per il suo miglioramento o per un suo adeguamento allo stato dell arte in evoluzione è pregato di inviare i propri contributi all U.O. per la Qualità all indirizzo che li terrà in considerazione per l eventuale revisione della stessa. Piano di lavoro annuale Qualità, Gestione del Rischio Clinico e della Sicurezza dei Pazienti anno Pi-S-UOQ-01 ed. 0 rev. 01 del 21 dicembre 2013 Pagina 3 di 84

4 Pagina 4 di 84

5 Unità Operativa per la Qualitàe Rischio Clinico INDICE INTRODUZIONE SCOPO CAMPO DI APPLICAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI TERMINI E DEFINIZIONI PIANO DELLE ATTIVITÀ Analisi dell esistente Segnalazioni di eventi avversi e near miss Eventi Sentinella e richieste di risarcimento pervenute ed inserite nel flusso SIMES Gli eventi sentinella Il contenzioso Audit Audit cartella clinica Audit cartella infermieristica Audit sulle modalità di gestione della registrazione, della prescrizione e della somministrazione dei farmaci Audit sul consenso informato Audit sulla conservazione dei farmaci Audit sulle modalità di conservazione dei farmaci negli armadi Audit sulle modalità di conservazione dei farmaci di farmaci e presidi indispensabili alla gestione delle emergenze Reclami Rilevazioni qualità percepita Parto cesareo Risultati on site JCI Analisi dei risultati delle azioni di miglioramento intraprese nel Obiettivi Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n dei Pazienti Pagina 5 di 84

6 Unità Operativa per la Qualitàe Rischio Clinico Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n Obiettivo n dei Pazienti Pagina 6 di 84

7 INTRODUZIONE Il presente di molti Paesi industrializzati è contrassegnato da una profonda crisi dei sistemi sanitari, essenzialmente caratterizzata dalla difficoltà di governare la domanda e quindi i costi, a fronte della necessità di rispondere adeguatamente alle sempre maggiori aspettative dei cittadini correlate ai sempre maggiori progressi registrati in campo tecnologico e scientifico. Il cuore del problema sembra cioè essere l equilibrio tra i crescenti bisogni e le risorse disponibili. Al di là delle soluzioni prospettate sembra prevalente l orientamento ad adottare le metodologie della qualità applicata ai servizi sanitari. Nell ambito delle prestazioni sanitarie, il concetto di qualità comprende, tuttavia, una serie di elementi che lo rendono particolarmente complesso ed articolato. A differenza dei servizi commerciali, infatti, nei servizi sanitari, la qualità non coincide con la soddisfazione del cliente ma con l appropriatezza delle prestazioni erogate; rappresenta cioè il livello di pertinenza della prestazione rispetto al bisogno di salute per il singolo paziente. La prestazione è appropriata se è sicura, efficace, efficiente e compliante, cioè viene erogata in un setting strutturale, tecnologico e organizzativo adeguato, secondo modalità che garantiscono il migliore risultato in termine di salute, dal professionista giusto, che non disperde risorse finanziarie, e nel rispetto delle aspettative del paziente Sulla base di tali considerazioni, la qualità non può rappresentare il fine di una prestazione sanitaria, che è costituito dall appropriatezza, quanto piuttosto il mezzo per conseguire tale obiettivo. In tal senso, nelle organizzazioni sanitarie, la qualità costituisce un approccio culturale e gestionale, una metodologia di lavoro, capace di realizzare quella rivoluzione organizzativa che garantisce l avvio di processi efficaci di miglioramento, e la misura del grado di appropriatezza delle prestazioni. L orientamento alla qualità cui ci si riferisce è costruito, in altri termini, sulle condizioni organizzative che contraddistinguono i diversi processi sanitari, amministrativi e di supporto, che sono in grado di produrre valore per l utente, oltre che sulle buone pratiche che li contraddistinguono. Il cambiamento che orienta l organizzazione ai processi che producono valore, differisce da altri progetti di sviluppo che si caratterizzano per un impegno sistematico finalizzato prevalentemente al controllo della qualità inteso come la risoluzione dei problemi in una logica di verifica e di controllo. Un piano di miglioramento della qualità e della sicurezza dei pazienti efficace deve condurre ad un cambiamento delle relazioni, sia tra gli operatori e sia tra questi ed i pazienti, e delle modalità di lavoro. Piano di lavoro annuale Qualità, Gestione del Rischio Clinico e della Sicurezza dei Pazienti anno 2012 Pi-S-UOQ-01 ed. 0 rev. 00 del 21 dicembre 2010 Pagina 7 di 84

8 1. SCOPO Scopo del presente piano è definire le strategie, gli obiettivi, gli ambiti di azione le metodologie, gli strumenti, gli indicatori ed il cronoprogramma delle attività relative alla qualità e alla gestione del rischio clinico e della sicurezza dei pazienti, relativamente al triennio CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente piano triennale si applica alle unità Operative dei Presidi Ospedalieri Vittorio Emanuele-Ferrarotto-S.Marta, Santo Bambino e Gaspare Rodolico dell AOU Policlinico-Vittorio Emanuele di Catania. 3. RIFERIMENTI NORMATIVI D.P.R. 14 gennaio 1997 Approvazione dell'atto di indirizzo e coordinamento alle regioni e alle province autonome di Trento e di Bolzano, in materia di requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per l'esercizio delle attività sanitarie da parte delle strutture pubbliche e private D.A. 890/2002 Direttive per l'accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie nella Regione siciliana D.Lgs 229/1999 Norme per la razionalizzazione del Servizio sanitario nazionale, a norma dell'articolo 1 della legge 30 novembre 1998, n. 419 LEGGE 14 aprile 2009, n. 5. Norme per il riordino del Servizio sanitario regionale. DA 12 agosto 2011 Approvazione dei nuovi standard Joint Commission International per la gestione del rischio clinico Norma UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di gestione per la qualità Requisiti. Norma UNI EN ISO 9000:2005 Sistemi di gestione per la qualità - Fondamenti e terminologia" Piano di lavoro annuale Qualità, Gestione del Rischio Clinico e della Sicurezza dei Pazienti Pi-S-UOQ-01 ed. 0 rev. 00 del 24 luglio 2013 Pagina 8 di 84

9 4. TERMINI E DEFINIZIONI Approvazione (di un documento) Appropriatezza Audit clinico Errore in terapia (medication error) Esito (Outcome) Evento (Incident) autorizzazione all applicazione del documento e definizione della data di entrata in vigore; prevede la valutazione dell adeguatezza dei contenuti tecnico-operativi dei documenti e della conformità degli stessi alla normativa cogente. L appropriatezza definisce un intervento sanitario (preventivo, diagnostico, terapeutico, riabilitativo) correlato al bisogno del paziente (o della collettività), fornito nei modi e nei tempi adeguati, sulla base di standard riconosciuti, con un bilancio positivo tra benefici, rischi e costi Metodologia di analisi strutturata e sistematica per migliorare la qualità dei servizi sanitari, applicata dai professionisti attraverso il confronto sistematico dell assistenza prestata con criteri espliciti, per identificare scostamenti rispetto a standard conosciuti o di best practice, attuare le opportunità di cambiamento individuato ed il monitoraggio dell impatto delle misure correttive introdotte Qualsiasi errore che si verifica nel processo di gestione del farmaco e può essere rappresentato da: Errore di prescrizione. Riguarda sia la decisione di prescrivere un farmaco sia la scrittura della prescrizione Errore di trascrizione/ interpretazione. Riguarda la errata comprensione di parte o della totalità della prescrizione medica e/o delle abbreviazioni e/o di scrittura. Errore di etichettatura/confezionamento. Riguarda le etichette ed il confezionamento che possono generare scambi di farmaci Errore di allestimento/preparazione. Avviene nella fase di preparazione o di manipolazione di un farmaco prima della somministrazione (per esempio diluizione non corretta, mescolanza di farmaci incompatibili), può accadere sia quando il farmaco è preparato dagli operatori sanitari sia quando è preparato dal paziente stesso. Errore di distribuzione. Avviene nella fase di distribuzione del farmaco, quando questo è distribuito dalla farmacia alle unità operative o ai pazienti. Errore di somministrazione. Avviene nella fase di somministrazione della terapia, da parte degli operatori sanitari o di altre persone di assistenza, o quando il farmaco viene assunto autonomamente dal paziente stesso. Modificazione delle condizioni di salute come prodotto degli interventi sanitari erogati Accadimento che ha dato o aveva la potenzialità di dare origine ad un danno non intenzionale e/o non necessario nei riguardi di un paziente Pagina 9 di 84

10 Evento avverso (Adverse event) Evento avverso da farmaco (Adverse drug event) Evento evitato (Near miss o close call) Evento sentinella (Sentinel event) Farmaci ad alto rischio Gestione del farmaco Governo clinico Near miss Processo Reclamo Segnalazioni volontarie Evento inatteso correlato al processo assistenziale e che comporta un danno al paziente, non intenzionale e indesiderabile. Gli eventi avversi possono essere prevenibili o non prevenibili. Un evento avverso attribuibile ad errore è un evento avverso prevenibile Qualsiasi evento indesiderato che si verifica durante una terapia farmacologica, per effetto dell uso o del non uso di un farmaco, ma non strettamente correlato all azione del farmaco stesso. Gli eventi avversi da farmaco comprendono: eventi avversi da farmaco prevenibili, ovvero causati da un errore in terapia ed eventi avversi da farmaco non prevenibili, che avvengono nonostante l uso appropriato, definiti come reazioni avverse a farmaci (ADR) Errore che ha la potenzialità di causare un evento avverso che non si verifica per caso fortuito o perché intercettato o perché non ha conseguenze avverse per il paziente. Evento avverso di particolare gravità, potenzialmente indicativo di un serio malfunzionamento del sistema, che può comportare morte o grave danno al paziente e che determina una perdita di fiducia dei cittadini nei confronti del servizio sanitario. Per la loro gravità, è sufficiente che si verifichi una sola volta perché da parte dell organizzazione si renda opportuna a) un indagine immediata per accertare quali fattori eliminabili o riducibili lo abbiamo causato o vi abbiano contribuito e b) l implementazione delle adeguate misure correttive. Sono quei farmaci che hanno un rischio elevatissimo di provocare danni significativi ai pazienti quando vengono usati in modo inappropriato L'insieme dei processi interdipendenti che condividono l'obiettivo di sicurezza, efficacia, appropriatezza ed efficiente erogazione della terapia farmacologica ai pazienti. I principali processi di questo sistema sono: selezione e approvvigionamento, stoccaggio, prescrizione e trascrizione, preparazione e distribuzione, somministrazione e monitoraggio degli effetti, smaltimento Sistema attraverso il quale le organizzazioni sanitarie si rendono responsabili del miglioramento continuo della qualità dei loro servizi e garantiscono elevati standard assistenziali creando le condizioni ottimali nelle quali viene favorita l'eccellenza clinica (Scally G, Donaldson L J, BMJ, 4 July 1998) (vedi Evento evitato) Sequenza di attività interconnesse finalizzate alla realizzazione di un obiettivo definito Espressione di una insoddisfazione nei confronti di una prestazione sanitaria, relativamente al risultato atteso, che può essere avanzata sia in forma orale che scritta e può essere rilevata attraverso flussi informativi specifici o indagini ad hoc, al fine sia di tutelare la salute dei cittadini sia di garantire il miglioramento continuo della qualità dei servizi sanitari Sistemi di segnalazione, non regolati da norme, caratterizzati dalla rilevazione spontanea di qualunque tipo di evento avverso Pagina 10 di 84

11 Sistema di segnalazione degli incidenti (Incident reporting) È una modalità di raccolta delle segnalazioni degli eventi avversi, errori, near miss, rischi e condizioni non sicure, effettuata volontariamente od obbligatoriamente dagli operatori, con le seguenti caratteristiche: 1. non punitivo: chi segnala non è oggetto di ritorsioni o punizioni, come risultato della propria segnalazione; 2. confidenziale: l'identità del paziente, di chi segnala e delle istituzioni coinvolte non è mai rivelata a terzi; 3. indipendente: il sistema non dipende da alcuna autorità con potere di punire chi segnala o l'organizzazione coinvolta nell'evento; 4. analizzato da esperti: le segnalazioni sono valutate da esperti in grado di capire le circostanze e formati per riconoscere le cause sistemiche sottostanti; 5. tempestivo: le segnalazioni sono analizzate tempestivamente e le raccomandazioni sono diffuse rapidamente tra gli interessati, specialmente nel caso di eventi gravi; 6. orientato al sistema: fornisce informazioni al fine di produrre raccomandazioni per il cambiamento nei sistemi, nei processi o nei prodotti; 7. rispondente: chi raccoglie le segnalazioni deve essere in grado di diffondere le raccomandazioni e promuoverne l'applicazione nell'organizzazione. 5. PIANO DELLE ATTIVITÀ 5.1 Analisi dell esistente Uno degli obiettivi prioritari definiti nel piano qualità e rischio clinico è stato proseguire nelle attività di integrazione e di omogeneizzazione delle attività relative alla gestione del sistema qualità e rischio a tutti i Presidi dell Azienda. Il 2012 è stato pertanto caratterizzato dal proseguimento delle attività di consolidamento del processo di integrazione fra il Presidio Gaspare Rodolico ed i Presidi Ospedalieri Vittorio Emanuele, Ferrarotto e Santo Bambino, oltre che per gli aspetti giuridici e formali, da tempo avviati, anche attraverso lo sviluppo e la condivisione di comuni percorsi assistenziali, procedure, protocolli operativi e per una più stretta collaborazione fra i professionisti operanti nell Azienda. In particolare nell ambito della qualità e del controllo e gestione del rischio clinico l attività dell azienda è stata contraddistinta da una serie di iniziative, coordinate dall Unità Operativa per la Qualità e il Rischio Clinico, che hanno avuto l obiettivo di estendere a tutti i Presidi dell azienda sia le procedure che le buone pratiche già esistenti oltre a quello sviluppate ex novo. Ai fini della stesura del piano per la Qualità ed il Rischio Clinico e più in particolare per la rilevazione delle criticità, quale fonte dati sono state utilizzati: 1. La raccolta di segnalazioni eventi avversi e near miss; 2. Le richieste di risarcimento pervenute ed inserite nel flusso SIMES; 3. I risultati degli audit interni effettuati nel corso dell anno 2012; Pagina 11 di 84

12 4. I reclami e le segnalazioni pervenuti agli Uffici Relazioni con il pubblico dell Azienda; 5. I questionari di qualità percepita raccolti dalla Unità Operativa per la Qualità presso le strutture aziendali; 6. Gli obiettivi di miglioramento disposti dagli enti sovraordinati; 7. L analisi dei risultati conseguiti rispetto al Piano Annuale Qualità e Rischio Clinico In ogni caso dall analisi delle fonti dati sopra citate sono emerse, nell ambito dei processi assistenziali dell azienda, alcune criticità da porre sotto controllo al fine di migliorare la gestione dell intero processo assistenziale e l azione gestionale. Le criticità emerse costituiranno pertanto le priorità, obiettivo del presente piano, e dovranno essere affrontate dai gruppi di lavoro aziendali nel corso dell anno Segnalazioni di eventi avversi e near miss Dal marzo 2007 al dicembre 2012 sono state raccolte 554 schede di incident reporting relative a segnalazioni eventi avversi/incidenti mancati. Azienda Ospedaliero-Universitaria "Policlinico-Vittorio Emanuele" Catania Andamento segnalazioni eventi avversi / near miss incident reporting Il flusso delle segnalazioni non mostra incrementi nel corso degli ultimi due anni, espressione di come ancora vi siano resistenze nel segnalare gli eventi avversi o i near miss. Le segnalazioni hanno riguardato principalmente eventi legati alla gestione dei farmaci (307 segnalazioni pari al 55,4%). Di queste, 205 (66.8%) hanno riguardato eventi avversi/mancati incidenti accaduti nella fase di somministrazione. Pagina 12 di 84

13 Classificazione eventi avversi/incidenti correlati ai farmaci 307 casi ( ) Tipo di evento n. di casi % Fornitura 4 1,3% Monitoraggio/risposta al trattamento 11 3,6% Stoccaggio 17 5,5% Preparazione 31 10,1% Prescrizione 39 12,7% Somministrazione ,8% Totale ,0% Eventi Sentinella e richieste di risarcimento pervenute ed inserite nel flusso SIMES Gli eventi sentinella Nel corso dell anno 2012 sono stati segnalati 12 casi al Ministero della Salute e al Servizio 5 del Dipartimento Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico della Regione, competente per la materia. Gli eventi sentinella hanno interessato problematiche relative ad: atti di violenza a carico di operatori (5 casi), rilascio di corpo estranei o di materiale all interno del sito chirurgico (1 caso), morte o grave danno per caduta di paziente (4 casi), altri eventi avversi che hanno causato danno al paziente (2 casi). L analisi di tali eventi ha fatto emergere le seguenti criticità: problemi di comunicazione medico paziente, problemi di comunicazione fra operatori, Il contenzioso scarsa diffusione, conoscenza ed adesione alle procedure adottate dall Azienda. Nel corso dell anno 2012 sono stati altresì inseriti nel flusso SIMES 42 casi di richieste di risarcimento, anche se ancora oggi si sconta il ritardo della segnalazione dei casi determinatisi presso il P.O. Rodolico. Relativamente alla tipologia di danno per la quale si è innescata la richiesta di risarcimento, 34 casi hanno riguardato lesioni, 6 casi decesso, 1 caso danni a cose ed 1 classificato come altro. L analisi delle richieste di risarcimento ha fatto emergere rilevanti carenze relative Pagina 13 di 84

14 5.1.3 Audit 2012 alla gestione della documentazione sanitaria ed in particolar modo alla gestione dell informazione e del consenso. Anche per il 2012 è proseguita l attività di audit avviata sin dal 2006 dall Unità Operativa per la Qualità ed il Rischio Clinico. Nel corso dell anno 2012 l attività di audit è stata ulteriormente estesa, con l apporto di un gruppo di auditors appositamente formati, anche al P.O. G. Rodolico. Gli audit sono stati finalizzati alla verifica del rispetto dei requisiti previsti normativa cogente, delle Raccomandazioni del Ministero della Salute, della norma UNI EN ISO 9001:2008, degli standard di JCI adottati dalla Regione Siciliana e, per le UU.OO. di chirurgia, della Carta della Qualità in Chirurgia della Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiana Cittadinanzattiva Audit cartella clinica Nel corso dell audit che si è svolto il marzo 2012, sono state esaminate 679 giornate di degenza e 1121 annotazioni relative a 92 cartelle cliniche. Audit Cartelle cliniche Marzo giornate di degenza e 1121 annotazioni relative a 92 cartelle cliniche %SI Punteggio % standardizzato Nome e cognome 100,0% Data di nascita 94,8% Anamnesi 95,8% Anamnesi allergie a farmaci e/o alimenti 71,3% Anamnesi farmacologica 76,8% Esame obiettivo generale 75,3% Esame obiettivo locale 87,2% Diagnosi d ingresso 88,3% Diagnosi di dimissione 84,4% Firma del medico che ha redatto la cartella clinica 68,5% È identificabile il medico che ha redatto la cartella clinica 63,0% Ora della valutazione iniziale 68,1% Il diario clinico riporta tutte le giornate di degenza 78,0% L intervento chirurgico è documentato nella cartella clinica del paziente 74,2% Consenso informato all intervento 78,9% Consenso informato all anestesia/sedazione 78,9% Le procedure cui il paziente è stato sottoposto, sono riportate in cartella 81,9% La rivalutazione prima della dimissione descrive le condizioni del paziente 66,3% È presente copia della lettera di dimissione/trasferimento 79,5% La lettera di dimissione contiene indicazioni per il follow-up 84,1% La gestione delle cancellature è corretta 79,7% TOTALE 80% Pagina 14 di 84

15 Audit Cartelle cliniche Marzo giornate di degenza e 1121 annotazioni relative a 92 cartelle cliniche %SI Punteggio % standardizzato In quante annotazioni è riportata la data 79,5% In quante annotazioni è riportata l ora 86,0% In quante annotazioni è riportata la firma del medico 78,9% In quante valutazioni è identificabile il medico 66,3% Le principali criticità riguardano: la registrazione dell anamnesi ad allergie a farmaci e/o alimenti la identificazione e rintracciabilità del medico che ha redatto la cartella clinica la registrazione dell ora della valutazione iniziale la documentazione in cartella clinica dell intervento chirurgico la descrizione della condizioni del paziente al momento della dimissione. Le differenze dell andamento del punteggio tra il dato del 2010 ed il dato del 2011 è dovuto all introduzione di nuovi items nella check list. Pagina 15 di 84

16 Audit cartella infermieristica Nel corso dell audit che si è svolto il marzo 2012, sono state esaminate 757 giornate di degenza e 1616 annotazioni relative a 88 cartelle infermieristiche. Audit Cartelle infermieristiche Marzo giornate di degenza e 1616 annotazioni relative a 88 cartelle infermieristiche %SI Punteggio % standardizzato nome e cognome del paziente 93,2% data di nascita del paziente 90,9% diagnosi d ingresso 76,1% anamnesi di eventuali allergie a farmaci e/o alimenti 70,4% anamnesi infermieristica 67,1% firma dell'infermiere che ha redatto la cartella infermieristica 70,9% identificabilità dell infermiere che ha redatto la cartella infermieristica 51,2% viene valutato il rischio di caduta 39,5% viene valutato il rischio di lesioni da decubito 31,4% sono effettuate le registrazioni sull utilizzo dei presidi nelle procedure diagnostiche terapeutiche 38,0% TOTALE 63,9% Audit Cartelle infermieristiche Marzo giornate di degenza e 1616 annotazioni relative a 88 cartelle infermieristiche %SI Punteggio % standardizzato annotazioni che è riportano la data 69,2% annotazioni che è riportano l ora 44,1% annotazioni che è riportano la firma dell'infermiere 90,5% annotazioni nelle quali è identificabile dell'infermiere 65,4% Le principali criticità riguardano: la registrazione dell anamnesi di eventuali allergie a farmaci e/o alimenti la registrazione dell anamnesi infermieristica la identificazione e rintracciabilità dell'infermiere che ha redatto la cartella infermieristica la registrazione della valutazione del rischio di caduta la registrazione della rischio di lesioni da decubito la registrazioni sull utilizzo dei presidi nelle procedure diagnostiche terapeutiche la registrazione dell ora in cui sono state trascritte le annotazione Pagina 16 di 84

17 Audit sulle modalità di gestione della registrazione, della prescrizione e della somministrazione dei farmaci Nel corso dell audit sono state esaminate 76 schede uniche di terapia. Audit scheda unica di terapia Marzo schede unica di terapia Punteggio % standardizzato %SI viene utilizzata una scheda unica di terapia 93,4% sono indicati i dati anagrafici completi del paziente 69,7% le prescrizioni sono leggibili 98,7% le prescrizioni riportano l'ora di somministrazione 88,2% le prescrizioni riportano la via di somministrazione 100,0% le prescrizioni riportano la posologia 86,8% la terapia al bisogno riporta i parametri condizionanti 25,9% le prescrizioni riportano la firma del medico prescrittore 68,4% le prescrizioni riportano la firma dell'infermiere che ha effettuato la somministrazione 81,6% TOTALE 83,1% Pagina 17 di 84

18 Le principali criticità riguardano: la completa registrazione dei dati anagrafici del paziente la prescrizione della terapia al bisogno Audit sul consenso informato la identificazione e rintracciabilità del medico prescrittore Nel corso dell audit che si è svolto nel marzo 2012, sono state esaminati 105 moduli di consenso informato, 58 relativi ad interventi chirurgici e procedure invasive e 47 relativi a procedure anestesiologiche. Audit consenso informato all intervento chirurgico / procedura invasiva Marzo 2012 %SI 58 moduli di consenso informato Punteggio % standardizzato dati identificativi della struttura sanitaria e dell'unità operativa 82,8% dati identificativi del paziente 84,5% data di in cui l informativa è stata fornita 81,0% sintesi della situazione clinica del paziente 67,8% descrizione dell atto sanitario 87,9% data di compilazione del modulo 93,1% firma del paziente 100,0% firma del medico che ha acquisito il consenso 81,0% TOTALE 84,7% Audit consenso informato a procedure anestesiologiche Marzo moduli di consenso informato Punteggio % standardizzato dati identificativi della struttura sanitaria e dell'unità operativa 95,7% dati identificativi del paziente 53,2% data di in cui l informativa è stata fornita 72,3% sintesi della situazione clinica del paziente 51,1% descrizione dell atto sanitario 48,9% data di compilazione del modulo 95,7% firma del paziente 97,9% firma del medico che ha acquisito il consenso 97,9% TOTALE 74,6% %SI Pagina 18 di 84

19 La principale criticità nella gestione del consenso informato in chirurgia riguarda la sintesi della situazione clinica del paziente. Le principali criticità nella gestione del consenso informato in anestesia hanno riguardato: la registrazione dei dati identificativi del paziente la registrazione della sintesi della situazione clinica del paziente la registrazione della descrizione dell atto sanitario. Pagina 19 di 84

20 Audit sulla conservazione dei farmaci Audit sulle modalità di conservazione dei farmaci negli armadi L audit, che si è svolto nel Dicembre 2012, ha coinvolto 101 unità operative di tutti i presidi ospedalieri. Sono stati esaminati 114 armadi farmaci. Audit conservazione dei farmaci dicembre armadi farmaci %SI Punteggio % standardizzato L'armadio è pulito 97,4% La gestione dei campioni gratuiti è corretta 97,0% La gestione delle scadenze dei farmaci è corretta 90,4% I blisters sono gestiti correttamente 88,2% Le confezioni dei farmaci/presidi riportano in evidenza la data di scadenza 81,6% Esiste un modello di registrazione delle verifiche scadenza 76,3% I farmaci ad altro livello di attenzione sono separati dagli altri farmaci 68,8% I farmaci in scadenza trimestrali sono dotati di bollino rosso 60,0% E' affisso l'elenco dei farmaci ad alto livello di attenzione 50,0% I farmaci sono sistemati per tipologia d'azione farmacologica 43,9% TOTALE 75,0% Audit conservazione delle soluzioni concentrate di K dicembre armadi farmaci Punteggio % standardizzato presenza di soluzioni concentrate di K 52.6% le soluzioni concentrate di K sono conservate in contenitori chiusi 87.9% i contenitori riportano la segnalazione di allerta 93.1% TOTALE 90.5% %SI Le principali criticità hanno riguardato: le modalità di conservazione dei farmaci ad altro livello di attenzione le modalità di gestione delle scadenze dei farmaci le modalità di sistemazione dei farmaci. Pagina 20 di 84

Modalità di compilazione del registro operatorio

Modalità di compilazione del registro operatorio Regolamento area sanitaria Modalità di compilazione del registro operatorio R-S-UOQ-11 ed. 1 rev. 00 14 aprile 2014 originale copia controllata X copia non controllata N. distribuzione interna a cura del

Dettagli

Procedura Generale Area Sanitaria. Modalità di identificazione del paziente

Procedura Generale Area Sanitaria. Modalità di identificazione del paziente Procedura Generale Area Sanitaria Modalità di identificazione del paziente PGS-UOQ-7-11 ed. 1 rev. 00 15 maggio 2013 originale copia controllata X copia non controllata N. distribuzione interna a cura

Dettagli

Modalità di gestione della conservazione dei farmaci 18-19 novembre / 2 dicembre 2013

Modalità di gestione della conservazione dei farmaci 18-19 novembre / 2 dicembre 2013 Modulo Relazione audit M_PQ-8-01_03 ed. 3 rev. 00 1 giugno 2010 Modalità di gestione della conservazione dei farmaci 18-19 novembre / 2 dicembre 2013 U.O. per la Qualità e Rischio Clinico Via S. Sofia

Dettagli

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management )

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) Pagina 1 di 16 Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) PROCEDURA REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Nome Data Funzione Nome Data Funzione Nome 11/2/13 Responsabile Risk

Dettagli

Iniziative e risultati per la qualità e la sicurezza del paziente

Iniziative e risultati per la qualità e la sicurezza del paziente AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE CALTANISSETTA Iniziative e risultati per la qualità e la sicurezza del paziente REPORT ANNO 2010 Caltanissetta, 31 Dicembre 2010 INDICE Premessa... 3 1 Raccolta segnalazioni

Dettagli

Qualità, Gestione del Rischio Clinico e della Sicurezza dei Pazienti anno 2012

Qualità, Gestione del Rischio Clinico e della Sicurezza dei Pazienti anno 2012 Piano di lavoro annuale Qualità, Gestione del Rischio Clinico e della Sicurezza dei Pazienti anno 2012 Pi-S-UOQ-01 ed. 1 rev. 00 10 maggio 2012 originale copia controllata copia non controllata bozza N.

Dettagli

Standard generali della qualità dei servizi. Attività assistenziale

Standard generali della qualità dei servizi. Attività assistenziale Standard generali della qualità dei servizi Attività assistenziale Fattori di Qualità Elementi misurabili Specificità Indicatore Valore Atteso Fonte Adeguatezza della segnaletica /no Accessibilità fisica,

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DELLE AZIONI CORRETTIVE E DELLE AZIONI PREVENTIVE

PROCEDURA GESTIONE DELLE AZIONI CORRETTIVE E DELLE AZIONI PREVENTIVE originale copia controllata copia non controllata N. distribuzione interna a cura del RQ bozza La presente procedura definisce le modalità e le responsabilità con cui ogni UO/Servizio dovrà gestire le

Dettagli

SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING

SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING PROCEDURA SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS GESTIONE RISCHIO CLINICO SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0 GENNAIO

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI

DOCUMENTO DI SINTESI Modulo Relazione audit M_PQ-8-01_03 ed. 3 rev. 00 1 giugno 2010 DOCUMENTO DI SINTESI Modalità di gestione delle registrazioni delle manutenzioni preventive e correttive delle apparecchiature Gennaio 2013

Dettagli

Modalità della pianificazione e della conduzione degli audit e della gestione della documentazione dei risultati

Modalità della pianificazione e della conduzione degli audit e della gestione della documentazione dei risultati Procedura del Sistema di Gestione per la Qualità Modalità della pianificazione e della conduzione degli audit e della gestione della documentazione dei risultati PQ-8-01 ed. 4 rev. 01 14 ottobre 2014 originale

Dettagli

Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie

Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie Problematiche degli Eventi Avversi Silvana Romano Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie Particolare attenzione Ambienti Attrezzature Formazione del personale Le Aziende Sanitarie Programmi di

Dettagli

Modalità di gestione del carrello di emergenza

Modalità di gestione del carrello di emergenza Procedura Generale Area Sanitaria Modalità di gestione del carrello di emergenza PGS_UOQ_07-19 ed. 0 rev. 01 10 febbraio 2012 originale copia controllata X copia non controllata N. distribuzione interna

Dettagli

Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010

Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010 REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO PIEMONTE Ctr. Papardo tel.090-3991 Messina Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010 La riduzione del rischio

Dettagli

Gli strumenti di gestione del rischio

Gli strumenti di gestione del rischio Gli strumenti di gestione del rischio Patrizio Di Denia Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna patrizio.didenia@ior.it 19 Novembre 2008 Sappiamo che. Gestione del rischio Individuazione del rischio Incident

Dettagli

Segnalazioni, analisi e follow up di eventi effettivi o potenziali

Segnalazioni, analisi e follow up di eventi effettivi o potenziali U.O. Accreditamento e Qualità PR.UQ.QPS-ISMETT001 PROCEDURA Pagina 1 di 7 INDICE I. POLITICA... 2 II. SCOPO..... 2 III. AMBITO DI APPLICAZIONE.... 2 IV. DEFINIZIONI. 2 V. PROCEDURA..... 3 REV. PROPOSTA

Dettagli

Centro Regionale Trapianti

Centro Regionale Trapianti PROTOCOLLO DI SEGNALAZIONE DI EVENTI AVVERSI Processo di donazione-trapianto (Incident reporting) Redazione AUTORIZZAZIONI Redazione / Aggiornamento Verifica Approvazione 20/07/10 Il Coordinatore del Centro

Dettagli

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Dr. Filippo Bauleo Responsabile Unità Gestione Rischio Clinico ASL2 Umbria Art. 14 Sicurezza del paziente e prevenzione del rischio clinico Il medico

Dettagli

Progetto Ministero della Salute SIFO

Progetto Ministero della Salute SIFO XXVIII Congresso Nazionale SIFO INNOVAZIONE E SALUTE PUBBLICA Efficacia a confronto con: Equità, Economia, Etica Progetto Ministero della Salute SIFO Favorire l implementazione della Raccomandazione Prevenzione

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

sicurezza paziente chirurgico checklist di sala operatoria

sicurezza paziente chirurgico checklist di sala operatoria Pagina 1 di 6 sicurezza paziente chirurgico checklist di sala operatoria Rev. Data Causale della modifica Condivisa/Valutata 0.0 Coord. Sanitario Distretto Ospedaliero AG 1 Coord. Sanitario Distretto Ospedaliero

Dettagli

Modalità di identificazione e marcatura del sito chirurgico

Modalità di identificazione e marcatura del sito chirurgico Istruzione Operativa Modalità di identificazione e marcatura del sito chirurgico I_PGS-UOQ-7-08_05 ed. 1 rev. 00 11 aprile 2012 originale copia controllata copia non controllata N. distribuzione interna

Dettagli

ASL AVELLINO Commissario Straordinario dott. Mario Nicola Vittorio Ferrante TITOLO DEL PROGETTO SVILUPPO DEGLI STRUMENTI DEL GOVERNO CLINICO E DELAL VALUTAZIONE DELLA QUALITA E DSELAL SICUREZZA DELEL PRESTAZIOINI

Dettagli

RILEVAZIONE SISTEMATICA DELLA QUALITÀ PERCEPITA ANNO 2013

RILEVAZIONE SISTEMATICA DELLA QUALITÀ PERCEPITA ANNO 2013 Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 RILEVAZIONE SISTEMATICA DELLA QUALITÀ PERCEPITA ANNO

Dettagli

L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001

L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001 IL GOVERNO CLINICO DEI PROCESSI ASSISTENZIALI: DALLA TEORIA ALLA PRATICA IPASVI Brescia, 08 ottobre 2011 L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001

Dettagli

PROCEDURA IDENTIFICAZIONE DEL NEONATO

PROCEDURA IDENTIFICAZIONE DEL NEONATO 17.01.2013 1 di 5 LISTA DI DISTRIBUZIONE Direttori Presidi Ospedalieri Direttori di Dipartimento Servizio Infermieristico Direttori UU.OO. Coordinatori Infermieristici UU.OO. Rev. Data Causale Redazione

Dettagli

Attività condotte dall U.O Risk Management e Valorizzazione SDO dal 01 gennaio al 31 Dicembre 2013

Attività condotte dall U.O Risk Management e Valorizzazione SDO dal 01 gennaio al 31 Dicembre 2013 Direzione Sanitaria di Presidio U.O.S. Risk Management e valorizzazione SDO (Responsabile : Dott. Alberto Firenze) Attività condotte dall U.O Risk Management e Valorizzazione SDO dal 01 gennaio al 31 Dicembre

Dettagli

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI 15 A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI MANUALE DI SICUREZZA IN SALA OPERATORIA RACCOMANDAZIONI

Dettagli

Protocollo per il monitoraggio degli Eventi Sentinella

Protocollo per il monitoraggio degli Eventi Sentinella 1 di 15 1. SCOPO Il Piano Sanitario Nazionale 2011-2013 individua, tra le azioni strategiche e gli obiettivi da raggiungere nel triennio, la promozione della sicurezza del paziente e la gestione del Rischio

Dettagli

ATTIVITA CONDOTTE PER RIDURRE IL RISCHIO CLINICO NEL 2010

ATTIVITA CONDOTTE PER RIDURRE IL RISCHIO CLINICO NEL 2010 AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO PAOLO GIACCONE PALERMO ATTIVITA CONDOTTE PER RIDURRE IL RISCHIO CLINICO NEL 2010 REDAZIONE Dr. Luigi Aprea - Dr. Alberto Firenze APPROVAZIONE Dr. Claudio Scaglione

Dettagli

Checklist per la sicurezza in sala operatoria

Checklist per la sicurezza in sala operatoria INNOVAZIONE Checklist per la sicurezza in sala operatoria Il progetto presentato dall ASL TA al Forum del Risk management di Arezzo Dr. M. Chironi Resp U.O. Rischio Clinico - Medicina Legale ASL Ta Dott.ssa

Dettagli

Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute

Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute 1. Procedura in paziente sbagliato 2. Procedura chirurgica in parte del corpo sbagliata (lato, organo o parte) 3. Errata procedura 4. Strumento o altro

Dettagli

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING SERVIZIO: PRODUZIONE, QUALITA, RISK MANAGEMENT -AOU DI SASSARI- IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING E ormai consapevolezza diffusa che per governare l alta complessità delle Aziende Sanitarie e le attività

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK- ALIKE/ SOUND-ALIKE (FARMACI LASA)

PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK- ALIKE/ SOUND-ALIKE (FARMACI LASA) REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Funzione di Staff Risk Management Responsabile Dr.ssa Manuela Serva PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK-

Dettagli

~WV\I. Gestione Non Conformità, Azioni Correttive e Azioni Preventive F!"O!; li ;,'\ l""":~' CRT. Unità emittente CRT. Unità destinataria

~WV\I. Gestione Non Conformità, Azioni Correttive e Azioni Preventive F!O!; li ;,'\ l:~' CRT. Unità emittente CRT. Unità destinataria P8b - F!"O!; li ;,'\ l""":~' (>.~~TRO H!;t"I),"'.\,u: 'T~ '~d'j \~..:r' I Unità emittente Unità destinataria CRT CRT ~~ REDATTO: Dr. G. A. Gallo (RGQ) D.ssa C. Degli Espositl EMESSO: Dr. G. A. Gallo (RGQ)

Dettagli

Direzione Generale Sanità

Direzione Generale Sanità SICUREZZA DEL PAZIENTE E ACCREDITAMENTO IN ITALIA IL PERCORSO DI REGIONE LOMBARDIA Enrico Burato AO Carlo Poma di Mantova Gruppo di lavoro regionale per la programmazione delle attività di risk management

Dettagli

PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8. Corretta identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della procedura chirurgica

PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8. Corretta identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della procedura chirurgica PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8 INDICE 1. Scopo 2. Campo applicazione 3. Modalità applicative e Responsabilità 4. Bibliografia e Webgrafia 6. Distribuzione ALLEGATO A rev. Data Redatto da Verificato da Approvato

Dettagli

PROCEDURA TECNICO PROFESSIONALE LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA AZIENDALE DI

PROCEDURA TECNICO PROFESSIONALE LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA AZIENDALE DI Pagina 1 di 17 PROCEDURA TECNICO PROFESSIONALE PR.001.RC.DrQ LA PREPARATO VERIFICATO APPROVATO Direttore U. O. C. Rischio Clinico F.to Dott.ssa Maria C. Riggio Responsabile Qualità Aziendale F.to Dott.ssa

Dettagli

Gli errori umani in Sanità. Prevenirli, gestirli e controllarli

Gli errori umani in Sanità. Prevenirli, gestirli e controllarli Gli errori umani in Sanità. Prevenirli, gestirli e controllarli Prevenzione e gestione del Rischio Clinico nella Sanità Marco Rapellino Direttore SCDO QRMA, AOU S.Giovanni Battista, Torino Coordinatore

Dettagli

Patient Safety Walkaround: esperienza di un Azienda Sanitaria del Veneto

Patient Safety Walkaround: esperienza di un Azienda Sanitaria del Veneto Patient Safety Walkaround: esperienza di un Azienda Sanitaria del Veneto Dott.ssa Silvia Pierotti Azienda ULSS 18 Rovigo Direzione Medica Ospedaliera 1 Indice Patient Safety Walkaround (SWR) - descrizione

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA

SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA Patrizio Di Denia Agenzia sanitaria Emilia-Romagna Riferimenti normativi Il Piano Sanitario Nazionale 2006 2008 prevede che le attività di monitoraggio

Dettagli

INTRODUZIONE MATERIALI E METODI

INTRODUZIONE MATERIALI E METODI INTRODUZIONE Il problema dell errore di terapia in sanità è un problema reale, tuttavia, la frequenza degli errori legati ai farmaci è, secondo alcuni studiosi, sottostimata in Italia (Ledonne, 2009).

Dettagli

PROCEDURA CORRETTA IDENTIFICAZIONE PAZIENTE

PROCEDURA CORRETTA IDENTIFICAZIONE PAZIENTE Pagina 1 di 11 CORRETTA IDENTIFICAZIONE PAZIENTE Rev. data Causale della modifica 00.01 28/12/2012 Revisione Revisionata da Dr. F. Parrinello Dr. G. Famà C.I. M. Donia Condivisa/Valutata da Dr. F. Parrinello

Dettagli

Check Up del Pronto Soccorso

Check Up del Pronto Soccorso Check Up del Pronto Soccorso INDICE 1. Premessa... 3 2. Obiettivo... 4 3. Metodologia di intervento... 5 3.1 I principali contenuti del Check Up... 6 3.2 Joint Commission International... 10 4. Output

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

Accreditamento. Rischio clinico. Le implicazioni professionali del coordinatore infermieristico

Accreditamento. Rischio clinico. Le implicazioni professionali del coordinatore infermieristico Accreditamento Rischio clinico Le implicazioni professionali del coordinatore infermieristico Page 1 Il coordinatore : ha la responsabilità di sostenere lo sviluppo di una cultura basata sulla necessità

Dettagli

RILEVAZIONE QUALITA' PERCEPITA AZIONI DI MIGLIORAMENTO

RILEVAZIONE QUALITA' PERCEPITA AZIONI DI MIGLIORAMENTO RILEVAZIONE QUALITA' PERCEPITA AZIONI DI MIGLIORAMENTO AREA DEGENZA ACCESSIBILITÀ CRITICITÀ: INFORMAZIONI SULL'ORGANIZZAZIONE DEL REPARTO Disponibilità a dare informazioni su organizz. reparto in Buono

Dettagli

Piani di Miglioramento Aziendali per appropriatezza e qualità dei servizi per il cittadino

Piani di Miglioramento Aziendali per appropriatezza e qualità dei servizi per il cittadino originale copia controllata copia non controllata N. distribuzione interna a cura del RQ bozza Il presente documento é stato predisposto al fine di soddisfare la Direttiva Regionale Prot. 73536 del 08/10/2012

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

SICUREZZA IN SALA OPERATORIA

SICUREZZA IN SALA OPERATORIA 1 di 8 A cura di: Dott.ssa Elisa Cammarata Dott. Antonio Iacono Dott.ssa Piera Lo Cascio Dott.ssa Caterina Lo Presti Dott. Tommaso Mannone Infermiere complesso operatorio Polichirurgico, P.O. Villa Sofia

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 il BLOCCO OPERATORIO OSPEDALE di SALUZZO ASL CN1

LA CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 il BLOCCO OPERATORIO OSPEDALE di SALUZZO ASL CN1 LA CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 il BLOCCO OPERATORIO OSPEDALE di SALUZZO ASL CN1 di Simona Ghigo, SC Direzione Sanitaria Presidio Savigliano Saluzzo, ASL CN1; Guido Cento, SC Ufficio Qualità Integrato

Dettagli

Il documento di seguito presentato è il risultato di

Il documento di seguito presentato è il risultato di Gli indicatori macrostrutturali di qualità dei servizi e delle prestazioni sanitarie GLI INDICATORI MACROSTRUTTURALI DI QUALITÀ DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI SANITARIE Prima rilevazione regionale Il

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION

CUSTOMER SATISFACTION PAGINA 1 DI 5 1 SCOPO 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 RIFERIMENTI... 2 4 RESPONSABILITA... 3 5 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI.. 3 6 MODALITÀ DI GESTIONE.. 3 6.1 STRUMENTO PER LA RILEVAZIONE DEL GRADO DI SODDISFAZIONE.

Dettagli

U.O.S.Risk Management

U.O.S.Risk Management ( Allegato 7) Azienda USL Pescara Direttore Generale Dr. C. D Amario Rev. 1 Giugno 2014 U.O.S. Risk Management Responsabile Dr. ssa Anna Maria Ambrosi PROCEDURA La sicurezza in Sala Operatoria. L adozione

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

Modalità della pianificazione e della conduzione degli audit e della gestione della documentazione dei risultati

Modalità della pianificazione e della conduzione degli audit e della gestione della documentazione dei risultati Procedura di sistema Modalità della pianificazione e della conduzione degli audit e della gestione della documentazione dei risultati PQ-8-01 ed. 3 rev. 00 1 giugno 2010 originale copia controllata X copia

Dettagli

Piano Annuale di Risk Management Anno 2014

Piano Annuale di Risk Management Anno 2014 Allegato n. 1 alla deliberazione n..del. Piano Annuale di Risk Management Anno 2014 20024 - Garbagnate Milanese - Viale Forlanini, 121 Tel.02.994.301 Cod. Fisc. e Part. IVA 12314450151 posta elettronica

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Protocollo per il Monitoraggio degli Eventi Sentinella Indice n. Titolo 1 INTRODUZIONE 2 LISTA

Dettagli

Esperienza del network JCI

Esperienza del network JCI Esperienza del network JCI Dr. Massimiliano Raponi 19 novembre 2011 2 IL SECOLO XIX 1! 3 L Attività dell OPBG 4 Sedi 11 Dipartimenti 607 posti letto 30.344 Ricoveri Ordinari/anno 101.980 Accessi DH/anno

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO e dei PROCESSI del SERVIZIO Rev. 1 Pag. 1 di 6 1 Mission e Vision Il presente documento ha lo scopo di definire la struttura organizzativa, funzioni e responsabilità del Servizio Infermieristico del Presidio

Dettagli

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001 NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001 Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome

Dettagli

Il rischio clinico: iniziative del Ministero della Salute

Il rischio clinico: iniziative del Ministero della Salute Roma, 7-8 giugno 2007 Conferenza nazionale sui dispositivi medici Attualità e prospettive Il rischio clinico: iniziative del Ministero della Salute Dott. Filippo Palumbo D.G. Programmazione Sanitaria Ministero

Dettagli

La customer satisfaction nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello 1^ Semestre 2011

La customer satisfaction nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello 1^ Semestre 2011 Sede Legale Viale Strasburgo n.233 90146 Palermo Tel 0917801111 - P.I. 05841780827 UNITA OPERATIVA QUALITA -COMUNICAZIONE-URP La customer satisfaction nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti - 1^ Semestre

Dettagli

PIANO ANNULAE 2012 PER LA SICUREZZA E LA GESTIONE DEL RISCHIO AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA POLICLINICO S.ORSOLA MALPIGHI BOLOGNA

PIANO ANNULAE 2012 PER LA SICUREZZA E LA GESTIONE DEL RISCHIO AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA POLICLINICO S.ORSOLA MALPIGHI BOLOGNA 1 Definizione Obiettivi Strategici Aziendali Gestione del Rischio 2 Adozione del registro dei pericoli e mappatura delle prevalenti criticità aziendali Redazione del documento Sicurezza delle Cure con

Dettagli

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Premessa Sulla base della Intesa tra Stato, Regioni e Province Autonome sancita lo scorso 23 Marzo 2005 e relativa al Piano Nazionale per la Prevenzione, il Ministero

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

Procedura generale sanitaria Segnalazione degli eventi sentinella

Procedura generale sanitaria Segnalazione degli eventi sentinella Pagina di 1/5 ORIGINALE N CONSEGNATO A 1. Scopo...2 2. Campo di applicazione...2 3. Diagramma di flusso...2 4. Responsabilità...2 5. Descrizione delle attività...2 5.1. Definizione di Evento Sentinella...2

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

IMPEGNI E STANDARD CARTA DEI SERVIZI AZIENDA USL 4 PRATO ANNO 2013 ASPETTI RELAZIONALI IMPEGNI (OBIETTIVI DI QUALITA )

IMPEGNI E STANDARD CARTA DEI SERVIZI AZIENDA USL 4 PRATO ANNO 2013 ASPETTI RELAZIONALI IMPEGNI (OBIETTIVI DI QUALITA ) IMPEGNI E STANDARD CARTA DEI SERVIZI AZIENDA USL 4 PRATO ANNO 2013 La tabella riporta gli impegni (o obiettivi di qualità) che l Azienda vuole garantire nella erogazione dei servizi e delle prestazioni.

Dettagli

ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO

ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO 1.INTRODUZIONE Questo documento contiene le finalità e le indicazioni operative

Dettagli

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno Informazioni per le strutture interessate al riconoscimento Introduzione... p. 2 I. Proposte... p. 2 II. Prospettive.

Dettagli

Il Risk Management in Ospedale. Dr. Marco Rapellino Direttore SC Qualità e Risk Management Ospedaliero ASO S.Giovanni Battista,Torino

Il Risk Management in Ospedale. Dr. Marco Rapellino Direttore SC Qualità e Risk Management Ospedaliero ASO S.Giovanni Battista,Torino Il Risk Management in Ospedale Dr. Marco Rapellino Direttore SC Qualità e Risk Management Ospedaliero ASO S.Giovanni Battista,Torino LA GESTIONE DEL RISCHIO: IL CONTESTO 2 Errare humanum est perseverare

Dettagli

Carta della qualità della Cartella Clinica

Carta della qualità della Cartella Clinica Carta della qualità della Cartella Clinica La carta della qualità della Cartella Clinica, ovvero la documentazione sanitaria prodotta nel singolo ricovero ospedaliero del paziente, è ispirata alla Carta

Dettagli

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Bergamo, 10 ottobre 2013 Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Dr. Pierangelo Spada Direzione delle Professioni

Dettagli

Azienda Ospedaliera Istituto Ortopedico G.Pini

Azienda Ospedaliera Istituto Ortopedico G.Pini Azienda Ospedaliera Istituto Ortopedico G.Pini Allegato 4 L attività di Risk Management e la gestione del rischio nell Azienda Ospedaliera Istituto Ortopedico G. Pini L AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTO ORTOPEDICO

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

Progetto di gestione del rischio clinico in regione Friuli Venezia Giulia

Progetto di gestione del rischio clinico in regione Friuli Venezia Giulia A R S Progetto di gestione del rischio clinico in regione Friuli Venezia Giulia MARZO 2005 -Pagina 1 di 15 Governo clinico e gestione del rischio in sanità Il Governo clinico in sanità è stato definito

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 La Norma Internazionale UNI EN ISO 14001 specifica

Dettagli

PROCEDURA Compilazione, tenuta e conservazione, archiviazione del Registro Operatorio

PROCEDURA Compilazione, tenuta e conservazione, archiviazione del Registro Operatorio originale copia controllata copia non controllata N. distribuzione interna a cura del RQ bozza La presente procedura definisce la modalità della Compilazione, Tenuta, Conservazione e Archiviazione del

Dettagli

GESTIONE CARTA DEI SERVIZI

GESTIONE CARTA DEI SERVIZI PAGINA 1 DI 7 GESTIONE CARTA DEI SERVIZI 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3 RIFERIMENTI... 2 4 RESPONSABILITA... 3 5 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI... 3 6 MODALITÀ DI GESTIONE... 3 6.1 NUCLEO PERMANENTE

Dettagli

PA.GRC.05 - Allegato 1

PA.GRC.05 - Allegato 1 Azienda USL 3 Pistoia Ministero della Salute - Protocollo per il Monitoraggio degli Eventi Sentinella PA.GRC.05 - Allegato 1 PA.GRC.05 - Allegato 1 Ministero della Salute - Protocollo per il Monitoraggio

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte La Cultura della Sicurezza in sala Operatoria Fondazione A.Pinna Pintor 22 Novembre 2008 Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte Marco Rapellino Coordinatore Scientifico Gruppo Rischio Clinico

Dettagli

Reporting and Learnig System R.L.S

Reporting and Learnig System R.L.S Pag. 1 di 5 N. Revisione Data Motivo della revisione Redatto Verificato Approvato Rev 0 12.10.2 012 Integrazione contenuti nel campo di approvazione responsabilità Sez. Clinical Auditing AF. Progr. Valut

Dettagli

LE BUONE PRATICHE: SICUREZZA IN SALA OPERATORIA ESPERIENZE REGIONALI A CONFRONTO. mmm. Le buone pratiche: esperienze aziendali

LE BUONE PRATICHE: SICUREZZA IN SALA OPERATORIA ESPERIENZE REGIONALI A CONFRONTO. mmm. Le buone pratiche: esperienze aziendali mmm Le buone pratiche: esperienze aziendali Sicurezza in sala operatoria: le strategie dell A.O.R San Carlo di Potenza Dott.ssa Patrizia Chierchini Direttore Sanitario - AOR San Carlo - Potenza Le buone

Dettagli

Linee di indirizzo regionali per la sicurezza in chirurgia

Linee di indirizzo regionali per la sicurezza in chirurgia Linee di indirizzo regionali per la sicurezza in chirurgia PREMESSA Lo scopo di questo documento è di definire a livello regionale un percorso comune sulla sicurezza degli interventi chirurgici. Le linee

Dettagli

CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI Standard di qualità ed impegni verso i cittadini

CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI Standard di qualità ed impegni verso i cittadini E VERSO I CITTADINI RICONOSCERE IL PERSONALE ASPETTI RELAZIONALI UMANIZZAZIONE Garantire la riconoscibilità del personale che svolge servizio al pubblico Garantire il miglioramento dei rapporti tra gli

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli