PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004"

Transcript

1 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO

2 La Norma Internazionale UNI EN ISO specifica i requisiti di un Sistema di Gestione Ambientale che consenta all organizzazione di definire ed attuare Politiche e piani di azione, di verificarne l efficacia e di permettere alla Direzione di riesaminare lo stato e di pianificare il miglioramento continuo. Il nostro progetto di implementazione del Sistema di Gestione Ambientale, in riferimento alla Norma ISO 14001, prevede il raggiungimento dei seguenti obiettivi: - Definire metodologie per il controllo delle prestazioni ambientali dell Azienda. - Fornire criteri e metodi per assicurare che le prestazioni soddisfino, e continuino a soddisfare, le richieste di leggi e regolamenti. - Permettere all azienda di raggiungere obiettivi ambientali ed economici prefissati nei tempi concordati. - Massima integrazione con il Sistema di Gestione Qualità esistente per ottimizzare le sinergie operative, gestionali e di documentazione. - Attraverso l attestazione di una terza parte indipendente accreditata, dimostrare ai Clienti ed alle Parti interessate che il sistema di gestione aziendale è adeguatamente impostato e gestito. Il Sistema di Gestione Ambientale da noi implementato sarà adeguato alle Vostre caratteristiche di natura strutturale ed organizzativa, tenendo ovviamente conto della necessità di rispondere ai requisiti nella Norma UNI EN ISO Di seguito si riportano sinteticamente i contenuti tecnici del nostro intervento relativamente alle prescrizioni della norma ISO /9 progetto Tecnico ISO

3 4.1 Requisiti generali Il sistema di gestione ambientale funzionerà, a regime, con la schematizzazione di seguito riportata (PDCA). 4 ACT PLAN 1 Agisci Pianifica 3 Controlla CHECK Fai DO Requisiti generali 4.4 Attuazione e funzionamento 4.2 Politica ambientale ACT Risorse, ruoli, responsabilità e autorità 4.3 Pianificazione Competenza, formazione e consapevolezza Aspetti ambientali P Comunicazione D Prescrizioni legali e altre prescrizioni L Documentazione O Obiettivi, traguardi e programmi A N Riferimento a punti e sotto punti della Norma UNI EN ISO Ediz Controllo dei documenti Controllo operativo Preparazione e risposta alle emergenze 4.5 Verifica Sorveglianza e misurazioni C Valutazione del rispetto delle prescrizioni H Non conformità, azioni correttive e preventive E Controllo delle Registrazioni C Audit interno K 4.6 Riesame della Direzione ACT 4.2 Politica Ambientale La Politica rappresenta il documento attraverso cui la Direzione aziendale definirà i propri obiettivi in relazione alle problematiche ambientali esistenti. Sarà definita, per proposta del consulente insieme ai Responsabili Aziendali, una bozza da sottoporre alla Direzione. Il documento di politica sarà la base su cui fondare il Sistema Organizzativo di Gestione Aziendale, perciò dovrà essere correlato, contenendo il quadro di riferimento per la definizione del programma di miglioramento, alle attività dell Organizzazione e dovrà contenere i propositi di prevenzione verso l inquinamento e di miglioramento continuo. La Politica dovrà comprendere: a) l impegno a rispettare tutti i requisiti prescrittivi delle norme ISO b) l impegno a rispettare le leggi in vigore; c) gli impegni sottoscritti dall azienda e i principi definiti dalle Convenzioni internazionali applicabili. La Politica dovrà essere: - comunicata ai dipendenti - resa disponibile per il pubblico, - utilizzata come base per la definizione di nuovi obiettivi e traguardi. 3/9 progetto Tecnico ISO

4 4.3 Pianificazione Aspetti Ambientali e valutazione dei rischi Il progetto prevede la definizione di un metodo gestionale, adattato alle esigenze organizzative dell azienda, per permettergli l elaborazione dell analisi preliminare adeguatamente a quanto necessario, della valutazione del rischio per l ambiente tesa ad evidenziare essenzialmente: Gli aspetti ed impatti ambientali procurati e procurabili dalle attività dell impresa nel sito; Gli aspetti ed i rischi insiti nelle attività; L esame di eventuali procedure esistenti in campo ambientale; La conformità della loro gestione rispetto alle prescrizioni ambientali, di riferimento. Utilizzando i criteri ed i metodi definiti con il consulente, condivisi, implementati e sperimentati dall'azienda durante la consulenza, saranno valutate tutte le operazioni, attività, prodotti e servizi per identificare quelli che possono avere una qualche interazione con l ambiente seguendo i criteri definiti, il lavoro utilizzerà la parte operativa e documentale già esistente rilevata in fase di valutazione completandola Prescrizioni legali ed altre prescrizioni Saranno consolidati e ridefiniti i criteri ed i metodi da seguire per identificare, ed avere accesso, a leggi e regolamenti applicabili alle proprie attività, agli aspetti ambientali. Saranno inoltre definiti i criteri e le responsabilità per il loro aggiornamento continuo, la diffusione, la formazione aziendale che ne consegue e le attività da mettere in atto per ottemperare e valutare periodicamente la conformità alle leggi, regolamenti applicabili Obiettivi, traguardi e Programmi Saranno definiti i criteri ed i metodi per sviluppare, documentare e comunicare i propri programmi, obiettivi e traguardi ambientali. Saranno individuati obiettivi per le varie aree aziendali relativamente alle attività condotte, i prodotti realizzati e/o servizi erogati. Ogni area dovrà di conseguenza definire i traguardi relativi per identificare il percorso, i tempi ed i mezzi con i quali raggiungere gli obiettivi. Ad ogni obiettivo e traguardo saranno associati degli indicatori per il monitoraggio del processo di avanzamento aziendale. 4.4 Attuazione e funzionamento Risorse, ruoli, responsabilità e autorità Saranno definiti ruoli, responsabilità e autorità delle persone le cui attività hanno, o possono avere, un impatto ambientale importante. La direzione sarà messa in condizioni di comprendere e condividere le necessità di fornire le risorse indispensabili per attuare e controllare il sistema di gestione. Esse comprendono le risorse umane e finanziarie, le competenze specialistiche, le tecnologie, queste saranno definite nel programma a fronte degli obiettivi impostati. Sarà designato, con compiti definiti, un rappresentante della Direzione (o più di uno) che, indipendentemente da altre responsabilità abbia (abbiano) specifica autorità per: - assicurare che quanto formalizzato nel Manuale di Gestione sia conforme a quanto prescritto dalla Norma UNI EN I S O 14001; - riferire alla Direzione sulle prestazioni del Sistema di Gestione Competenza, formazione e consapevolezza Questa fase del progetto implica: la definizione di una procedura di pianificazione e gestione dell attività di formazione del personale, il cui lavoro può influire sugli impatti ambientali, l'individuazione dei destinatari e degli strumenti di formazione quali: testi base, procedure del Sistema di 4/9 progetto Tecnico ISO

5 Gestione, istruzioni operative, programmi, analisi iniziale, valutazione e quantificazione d'impatto, analisi del rischio. Contemporaneamente è impostato il programma di sensibilizzazione, per tutto il personale dell impresa, relativamente a: - Politica Ambientale, ; - Ruoli e responsabilità per raggiungere la conformità alla politica, alle procedure e ai requisiti del sistema di gestione aziendale, comprese la preparazione alle situazioni d'emergenza e la capacità di reagire, - Raggiungimento dei Programmi, - Impatti reali e potenziali delle attività sull ambiente ed ai benefici dovuti al miglioramento della prestazione individuale, - Conseguenze di scostamenti rispetto alle procedure ed alle istruzioni operative. Quanto sopra, in modo che l azienda abbia le competenze per: individuare il personale che ha compiti che possono provocare impatti sull'ambiente; programmare un piano di formazione interno finalizzato all acquisizione delle competenze necessarie, ed esperienza appropriata Comunicazione Sarà impostato un sistema di comunicazione biunivoca d informazioni relativamente agli aspetti ambientali importanti e al Sistema di Gestione che permetta il necessario scambio d informazioni per l Organizzazione: - all interno fra i differenti livelli e le diverse funzioni aziendali, - all esterno per documentare, collaborare, rispondere alle richieste provenienti dalle parti interessate, comunicare ai fornitori e agli appaltatori le procedure operative, i requisiti pertinenti e registrare le decisioni in merito. In tal modo: - è assicurata la cooperazione con le autorità pubbliche, per stabilire e aggiornare procedure d emergenza, al fine di ridurre al minimo gli effetti di qualsiasi impatto accidentale nell'ambiente che avvenisse nonostante il sistema di gestione ambientale, - sono impostati criteri per comunicare al pubblico le informazioni necessarie per comprendere gli effetti sull'ambiente delle attività dell'impresa, e perseguire un dialogo aperto con le parti interessate, - sono indicate alle parti interessate le opportune avvertenze da osservare, ai fini del rispetto ambientale, nella manipolazione, nell'utilizzazione e nella eliminazione dei prodotti risultanti dalle attività dell azienda Documentazione Il Sistema di Gestione Aziendale sarà opportunamente documentato per descrivere gli elementi fondamentali, le loro interazioni e fornire direttive sulla documentazione correlata secondo la seguente architettura: Manuale di Gestione Aziendale: è il documento che descrive il Sistema di Gestione Ambientale e serve come punto di riferimento per l applicazione, oltre all organizzazione richiama le prassi, gli obiettivi ed i contenuti del Sistema di Gestione. Procedure: Riportano i criteri, ed i metodi operativi, con cui sono condotte le attività descritte nel Manuale. Nelle procedure sono definite le attività, le responsabilità e le registrazioni necessarie per la realizzazione e il mantenimento del Sistema di Gestione Aziendale. Istruzioni operative o di lavoro: Definiscono attività specifiche, metodi di lavoro aziendali e tecniche di riscontro utilizzate all interno di specifiche unità operative. La supervisione del consulente permetterà di evidenziare eventuali mancanze relativamente a tali documenti, di conseguenza definirli nei dettagli, scelti in conformità a prescrizioni esterne. Documenti di registrazione: Sono documenti su cui sono registrati gli esiti d attività rilevanti del Sistema di Gestione Aziendale. Saranno individuati a fronte d'ogni procedura con l identificazione delle responsabilità per la loro gestione. La Norma I S O condivide i principi generali del Sistema di Gestione aziendale per l ambiente con le Norme del Sistema di gestione per la Qualità (I S O 9000), Sarà quindi possibile integrare le relative attività anche nei documenti di registrazione. 5/9 progetto Tecnico ISO

6 4.4.5 Controllo dei Documenti Questa fase del progetto sarà formalizzata ed eseguita per assicurare che la versione corrente dei documenti sia disponibile dove le attività lavorative la richiedono. Sarà previsto inoltre che i documenti del Sistema di Gestione Aziendale debbano essere periodicamente verificati ed approvati prima di essere emessi. Il procedimento prevede che i documenti obsoleti siano rimossi oppure, in altro modo, protetti per evitare un uso involontario Controllo operativo In linea con la politica, gli obiettivi e traguardi, le attività aziendali ed i processi correlati ad aspetti/impatti/rischi valutati come importanti saranno identificati, le loro prassi pianificate al fine d assicurare che siano condotti in condizioni di controllo. Tali attività, compresa dove necessario la manutenzione, saranno pianificate al fine d'assicurare che siano condotte nelle condizioni prescritte. I criteri operativi ed i metodi di controllo, per prevenire difformità rispetto alla politica aziendale, agli obiettivi ed ai traguardi, saranno programmati in istruzioni documentate riguardanti, per esempio ove necessario, i seguenti aspetti: Rifiuti (Raccolta, ordine e pulizia, conferimento smaltimento, deposito), Gestione, risparmio e scelte energetiche, Gestione materie prime, loro scelta, risparmio, e trasporto; Emissioni (Fumi, aeriformi, solventi, polveri, gas), Acque di processo e di scarico, gestione e risparmio, Approvvigionamento (Classificazione dei fornitori che hanno, o possono influire su, impatti ambientali), Sostanze chimiche immesse nel ciclo produttivo e provocate da questo (Manipolazione, trattamento e uso), Energia e materie prime (Minimizzazione consumi), Gestione di prodotti, imballaggio, trasporto, uso e smaltimento Rumore e vibrazioni (Interne ed esterne), Suolo e falde, eventuali contaminazioni e criteri per controllo e gestione, Manutenzione, Metodologie di comunicazione, Rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro, Progettazione (Definizione delle attività per sviluppo processi di produzione, scelta di nuovi processi e modifiche degli esistenti in modo da eliminare o minimizzare il loro impatto sull ambiente); Efficienza, prassi ambientali di fornitori e classificazione di quelli che hanno, o possono influire su, impatti ambientali con predisposizione di misure contrattuali per garantire che gli appaltatori che lavorano nel sito per conto dell'azienda applicano norme ambientali equivalenti a quelle aziendali; Prevenzione e riduzione degli incidenti ambientali; Il controllo operativo prevede adeguate registrazioni che attestino l impegno dichiarato dai fornitori in merito a: a) volontà e continuità nell attenersi alle prescrizioni delle norme applicabili, b) partecipazione alle attività di monitoraggio delle azioni correttive stabilite dall azienda, c) risoluzione tempestiva e comunicazione, secondo le modalità previste dall azienda, di ogni situazione che risulti essere ambigua o non conforme delle attività proprie e di quelle che prevedono l utilizzo di altri fornitori o sub contraenti Preparazione e risposta alle emergenze Sulla base delle possibili situazioni d emergenza, individuate in fase di valutazione degli impatti e rischi e correlate alle attività aziendali sarà definita apposita procedura e valutata e aggiornata quella esistente, secondo prescrizioni per la sicurezza, per rispondere in modo efficace ed efficiente alle esigenze ambientali tenendo conto di: - Attività preparatorie all emergenza per prevenire e attenuare l'impatto ambientale che ne può conseguire - Criteri e metodi operativi di risposta a potenziali incidenti - Ritorno delle informazioni da un emergenza o da un incidente - Utilizzo dell esperienza maturata in fase d'emergenza o in simulazione per il miglioramento. 6/9 progetto Tecnico ISO

7 Saranno definiti criteri per riesaminare ed aggiornare, allorché necessario, le procedure di preparazione e risposta alle situazioni d'emergenza e provare periodicamente queste procedure, ove possibile. 4.5 Verifica Sorveglianza e misurazioni Saranno definiti criteri e metodi operativi, in accordo a quelli esistenti, per il controllo regolare e sistematico, la misura e la registrazione, dei dati ed informazioni relativi alle prestazioni, alle attività e operazioni che possono avere un impatto importante sull'ambiente. Questi dati riguarderanno: Impatti ambientali significativi Andamento delle prestazioni Numerosità condizioni insicure accadute. Incidenti con danni Valorizzazione indicatori di obiettivi e traguardi Conformità ai requisiti legislativi applicabili Corretta applicazione delle prescrizioni gestionali Rispetto delle istruzioni operative La misurazione delle prestazioni è un punto chiave del sistema di gestione aziendale che consente di: Determinare l effettiva implementazione di piani di controllo ed il raggiungimento degli obiettivi, Verificare che il controllo dei rischi ed il controllo degli aspetti/impatti sia attivo ed efficace, Trarre dai problemi rilevati insegnamenti per una gestione migliore, Fornire informazioni per il riesame del sistema. Saranno definiti i criteri ed i metodi operativi per la corretta gestione, taratura, manutenzione, registrazioni, conservazioni, delle apparecchiature utilizzate per le misure ad integrazione di quanto già previsto per la qualità Valutazione del rispetto delle prescrizioni L organizzazione dovrà attuare procedure "per la valutazione periodica del rispetto delle prescrizioni legali applicabili" e delle "altre prescrizioni che essa sottoscrive" Non Conformità, Azioni Correttive e Preventive Saranno definiti i criteri e i metodi operativi, relativamente alle non conformità ed azioni correttive e preventive rispetto a quanto definito nel Sistema di Gestione Aziendale per: investigare in merito ai rilievi mossi dai propri dipendenti, e dalle altre parti interessate, pianificare attività di trattamento delle non conformità, identificare le responsabilità per la valutazione e la documentazione, risalire alle cause effettive o potenziali, definire degli interventi di eliminazione o minimizzazione delle cause, assegnazione delle responsabilità per la verifica dell efficacia, riesaminare le azioni per una valutazione di efficacia ed efficienza. Tale attività comprenderà la mitigazione degli impatti e rischi correlati a queste non conformità ed incidenti e la definizione di azioni correttive e/o preventive, adeguate all'importanza dei rischi, commisurate all'impatto ed al rischio fronteggiato. Questi criteri prevedono la registrazione a seguito d azioni correttive e preventive, d'ogni cambiamento intervenuto, nei documenti di prescrizione documentati Registrazioni Si predisporranno procedure da applicare per identificare, raccogliere, registrare, archiviare e conservare documenti di registrazione, leggibili e riconducibili alle attività, agli impatti, ai rischi, agli incidenti alle comunicazioni ed al prodotto/servizio cui ci si riferisce, atti a dimostrare la conformità alle norme e l'efficacia del Sistema di Gestione Aziendale. 7/9 progetto Tecnico ISO

8 Appositi documenti di prescrizione definiranno come le registrazioni saranno archiviate in modo rintracciabile, con tempi di conservazione stabiliti, in luoghi aventi condizioni ambientali idonee ad evitare deterioramenti, danni o smarrimenti. Queste registrazioni comprenderanno dati relativi: all'addestramento, ai risultati delle verifiche, ai riesami del sistema di gestione, al monitoraggio eseguito sui fornitori ed all impegno da loro sottoscritto, ai controlli eseguiti ed alla sorveglianza, alle comunicazioni interne ed esterne, ecc Queste registrazioni permettono alla Direzione Aziendale di basare le decisioni e le scelte su informazioni documentate e dati di fatto ottimizzando quindi i risultati rispetto a quelle impostate su percezioni Audit interno Si prevede la definizione di criteri e metodi operativi di conduzione di verifiche ispettive interne, contenenti lo scopo e il campo d'applicazione della verifica, la frequenza con la quale sono eseguite, il metodo usato, le responsabilità e i requisiti per l'esecuzione, rivolte a: - Determinare se il sistema organizzativo di gestione aziendale è correttamente applicato e mantenuto attivo, - Fornire informazioni alla Direzione sulla reale capacità operativa del sistema di gestione aziendale, - Determinare se lo sviluppo del sistema di gestione è conforme alle Norme applicabili, - Valutare la reale efficacia del sistema nel raggiungimento degli obiettivi aziendali, - Determinare la conformità rispetto a quanto pianificato, - Raggiungere gli obiettivi prefissati rendendo efficace l impostazione organizzativa. Tali Verifiche saranno: - Pianificate a livello di contenuti considerando i risultati di verifiche precedenti; - Impostate su liste di riscontro; - Programmate nel tempo in base all importanza dell attività; - Oggettivate in documenti riportanti i dati raccolti, le Non Conformità individuate, i rilievi mossi dai dipendenti, il personale intervistato e le Azioni Correttive richieste; - Presentate alla Direzione in una riunione verbalizzata con i Responsabili di Funzione. Saranno definiti metodi per effettuare un monitoraggio continuo di tutte le attività e dei risultati al fine di valutare l efficacia del sistema attuato, nel rispetto dei requisiti e delle norme applicabili. 4.6 Riesame della Direzione Il Sistema di Gestione Aziendale sarà sottoposto a riesame, ad opportuni intervalli, con criteri definiti ed approvati da parte della Direzione con metodo sistematico e documentato per ottenere i seguenti obiettivi: - verificare che il Sistema di Gestione Aziendale operi in maniera adeguata ed efficace, - indirizzare l Azienda verso il continuo miglioramento delle proprie prestazioni. In questa fase la Direzione dovrà valutare la corrispondenza degli obiettivi definiti (Politica, Obiettivi e Traguardi) a possibili evoluzioni delle condizioni al contorno, analizzate e predisposte dal Responsabile Ambientale con la collaborazione dei Responsabili di Funzione, quali: - Nuove attese delle parti interessate, - Nuove attività dell azienda, - Nuove tecniche disponibili, - Risultati delle verifiche ispettive interne, - Analisi delle non conformità, reclami parti interessate, relative azioni correttive e costi sostenuti, - Analisi delle richieste delle Parti interessate interne ed esterne, - Analisi delle azioni preventive e registrazioni dei costi relativi alle proposte attuate, - Analisi delle misure e delle ispezioni di sorveglianza, - Risultati delle verifiche ispettive interne ed esterne, 8/9 progetto Tecnico ISO

9 - Registrazione delle osservazioni ambientali esterne ed interne, - Tendenze emergenti dalle misure e dalle ispezioni, elaborate e presentate in forma sintetica, - Riepilogo valutazione Impatti e Rischi, - Situazione avanzamento piano di formazione annuale, - Riepilogo situazione obiettivi individuali, con grado di raggiungimento dei traguardi definiti, valutato tramite gli indicatori di prestazione, nella relazione sintetica del Responsabile della verifica ispettiva alla Direzione a chiusura delle attività di valutazione. Il riesame della Direzione affronta l'eventuale necessità di cambiare la politica, gli obiettivi e gli altri elementi del sistema di gestione, alla luce dei dati, delle analisi e delle proposte dei rappresentanti della direzione. 9/9 progetto Tecnico ISO

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

PANORAMICA SULLE ISO 14000

PANORAMICA SULLE ISO 14000 PANORAMICA SULLE ISO 14000 Premessa La motivazione di fondo che induce un azienda, sia essa pubblica o privata, ad investire nell ambiente è sostanzialmente fondata sulla volontà di organizzare attività

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 10 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 9001:2008 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Manuale del SGSL M Rev 01 del 10/06/2013 Sistema di Gestione Sicurezza

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 2.0 REQUISITI GENERALI E DESCRIZIONE DEI PROSSI Groupservice ha stabilito, attuato e documentato un Sistema Gestione Qualità mantenendone l'aggiornamento e verificandone costantemente l'efficacia, nell'ottica

Dettagli

MANUALE SISTEMA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE SISTEMA GESTIONE AMBIENTALE Revisione 0.4 Emissione - Revisione Data Elaborato da Verificato da Approvato da Rev. 0.0 15.12.05 RSGA DIR PRES Rev. 0.1 25.03.06 RSGA DIR PRES Rev. 0.2 30.05.06 RSGA DIR PRES Rev. 0.3 15.01.07 RSGA DIR

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR02 - Audit Interni Edizione 1 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente Aziendale per la Qualità

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA Convegno sul tema SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO Prospettive e sinergie con i sistemi di gestione ambiente e qualità

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 6.0 GENERALITÀ La presente sezione, in base alla mappatura dei processi definita nella sezione 2 del Manuale Gestione Qualità, descrive il "monitoraggio, misurazione ed analisi" ed il "miglioramento" che

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

!" # $ % # "!& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n..

! # $ % # !& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. Pagina 1 di 13 Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DELLA VISITA DI VALUTAZIONE DEI LABORATORI CHE DEVONO ESSERE AUTORIZZATI ALL ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA NOR DI RIFERIMENTO UNI EN ISO 14001:2004 Pagina 1 di 14 NUALE DI GESTIONE COMUNE DI OFFIDA COPIA CONTROLLATA N 01 COPIA NON CONTROLLATA Rev Data Descrizione Rif. Paragr. Rif. pagina Note 0 Mag.2005 Prima

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA. Vittorio Campione

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA. Vittorio Campione I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Vittorio Campione I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA OHSAS 18001:2007 Occupational Health and Safety Assessment Series (Norme per la valutazione della salute e

Dettagli

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL Edizione nr. 02 Revisione nr. 01 Data: 26 / 08 / 2010 DALLERA BIGLIERI SRL MANUALE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ E L AMBIENTE DISTRIBUZIONE REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 14001:2004 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. 1 Nel panorama legislativo italiano la Salute e la Sicurezza sul Lavoro sono regolamentate da un gran numero di

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Requisiti COPIA

Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Requisiti COPIA Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Requisiti Correlazione tra i requisiti della OHSAS 18001:2007 ed i requisiti delle Linee Guida INAIL-ISPESL-UNI, già predisposta dal

Dettagli

GIORNATA DI INCONTRO E DIBATTITO SUL TEMA: Il SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA SALUTE, SICUREZZA E TUTELA AMBIENTALE,

GIORNATA DI INCONTRO E DIBATTITO SUL TEMA: Il SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA SALUTE, SICUREZZA E TUTELA AMBIENTALE, GIORNATA DI INCONTRO E DIBATTITO SUL TEMA: Il SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA SALUTE, SICUREZZA E TUTELA AMBIENTALE, ALLA LUCE DELLA NORMATIVA EUROPEA DELLA QUALITA E DELLE TRASFORMAZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

Sviluppo Sistemi Qualit à nella Cooperazione di Abitazione

Sviluppo Sistemi Qualit à nella Cooperazione di Abitazione Sviluppo Sistemi Qualit à nella Cooperazione di Abitazione 1. OBIETTIVI DEL PROGETTO Il presente Progetto è essenzialmente finalizzato a: diffondere i principi e i concetti della Qualità come strategia

Dettagli

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie 2 Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie L esempio di manuale operativo che qui si propone analizza il caso dell azienda tipografica (attività di

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ REV. 00 pagina 1/4 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ SOMMARIO A Impegno della

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività:

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività: Pag. 1 /6 8 Misurazione analisi e 8.1 Generalità L Istituto pianifica ed attua attività di monitoraggio, misura, analisi e (PO 7.6) che consentono di: dimostrare la conformità del servizio ai requisiti

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Pag. 1 / 9 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO Indice: 8.0 - Oggetto 8.1 - Pianificazione delle misurazioni 8.2 - Misurazione e monitoraggio delle prestazioni del sistema 8.3 - Controllo del prodotto/servizio

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

APPENDICE B MODIFICHE TRA LA ISO 9001:2000 E LA ISO 9001:2008 (informativa)

APPENDICE B MODIFICHE TRA LA ISO 9001:2000 E LA ISO 9001:2008 (informativa) PPENDICE B MODIFICHE TR L ISO 9001:2000 E L ISO 9001:2008 (informativa) prospetto B.1 Modifiche tra la ISO 9001:2000 e la ISO 9001:2008 ISO 9001:2000 Punto Capoverso/Figura/ Prospetto/Nota Premessa Capoverso

Dettagli

Miglioramento continuo

Miglioramento continuo 7 Il sistema di gestione ambientale Il Sistema di Gestione ambientale della Provincia di Bergamo è stato progettato e implementato per rispondere a tutti i requisiti previsti dal Reg. CE n. 761/2001 e

Dettagli

CAP. 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO

CAP. 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO CAP. 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1. Scopo. -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 2 8.2. Monitoraggio e misurazioni.

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ

PROCEDURA SGQ PRO-AUD. Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ PROCEDURA SGQ PRO-AUD Procedura per la Gestione degli Audit del SGQ Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI... 2 3.1 PROCEDURE CORRELATE... 2

Dettagli

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 Percorsi di ampliamento dei campi di applicazione gestiti in modo

Dettagli

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza I Sistemi di Gestione per la Sicurezza OHSAS 18001, Rischi Rilevanti, Antincendio, Sistemi di Gestione Integrati Luca Fiorentini TECSA Sommario Presentazione... 9 1. INTRODUZIONE 15 2. SCOPO E CAMPO DI

Dettagli

Programma di risparmio energetico

Programma di risparmio energetico Programma di risparmio energetico Ridurre gli sprechi per ottenere risparmi CO2save per UNI CEI EN ISO 50001 Premessa La norma ISO 50001 definisce gli standard internazionali per la gestione dell'energia

Dettagli

GESTIONE DOCUMENTI E REGISTRAZIONI

GESTIONE DOCUMENTI E REGISTRAZIONI rev. 02 Data: 04-12-2012 pag. 1 9 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08 di Paolo Bellotti Premessa In questi ultimi anni si è fatto un gran parlare dei sistemi di

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL IN STABILIMENTI SEMPLICI E AD ELEVATO LIVELLO DI STANDARDIZZAZIONE 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

CHECK LIST - ISO 9001:2008

CHECK LIST - ISO 9001:2008 ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ S.O.I. S.r.l. con socio unico V.I. del 4. SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4.1 REQUISITI GENERALI L'Organizzazione ha stabilito, documentato, attuato e tiene aggiornato

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

1 La politica aziendale

1 La politica aziendale 1 La Direzione Aziendale dell Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. al livello più elevato promuove la cultura della Qualità, poiché crede che la qualità delle realizzazioni dell Impresa sia raggiungibile solo

Dettagli

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007 Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza e formazione M&IT Consulting s.r.l. Via Longhi 14/a 40128 Bologna tel. 051 6313773 - fax. 051 4154298 www.mitconsulting.it info@mitconsulting.it SVILUPPO,

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI QUALITA

CERTIFICAZIONE DI QUALITA CERTIFICAZIONE DI QUALITA Premessa Lo Studio Legale & Commerciale D Arezzo offre servizi di consulenza per la certificazione di qualità secondo gli standard internazionali sulle principali norme. L obiettivo

Dettagli

1.SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

1.SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Documento Manuale Gestione Qualità Il contenuto di questo documento è di proprietà di MADE IN BIT e non può essere riprodotto o divulgato a terzi senza autorizzazione.. Il sottoscritto assicura che il

Dettagli

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari I Sistemi di Gestione della Energia conformi a UNI CEI EN 16001:2009 Coordinatore Tecnico-Scientifico

Dettagli

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda

2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda 2.A.1 Il design of experiments (DOE) criteri di attuazione in azienda Favorire la comprensione e l applicabilità delle metodiche del DOE nelle sue diverse applicazioni, in modo da permettere un reale controllo

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 08/02/2011 Pag. 1 di 6 MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5.

Dettagli

OHSAS 18001:2007 Sistemi di Gestione della Sicurezza e della Salute sul Lavoro

OHSAS 18001:2007 Sistemi di Gestione della Sicurezza e della Salute sul Lavoro SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI OHSAS 18001:2007 Sistemi di Gestione della Sicurezza e della Salute sul Lavoro Pagina 1 di 6 INTRODUZIONE L attenzione alla sicurezza e alla salute sui luoghi di lavoro (SSL)

Dettagli

Manuale di gestione della Qualità

Manuale di gestione della Qualità SOMMARIO 4.1. Requisiti generali 4.2. Requisiti relativi alla documentazione 4.2.2. Manuale per la gestione della qualità 4.2.3. Tenuta sotto controllo dei documenti 4.2.4. Tenuta sotto controllo delle

Dettagli

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008 ertificazione Ambientale ISO14001 Ottobre 2008 La certificazione ISO 14001 La certificazione ISO 14001 di un Sistema di gestione ambientale è la dichiarazione di un ente certificatore, accreditato dal

Dettagli

Manuale di Gestione Integrata POLITICA AZIENDALE. 4.2 Politica Aziendale 2. Verifica RSGI Approvazione Direzione Emissione RSGI

Manuale di Gestione Integrata POLITICA AZIENDALE. 4.2 Politica Aziendale 2. Verifica RSGI Approvazione Direzione Emissione RSGI Pag.1 di 5 SOMMARIO 4.2 Politica Aziendale 2 Verifica RSGI Approvazione Direzione Emissione RSGI. Pag.2 di 5 4.2 Politica Aziendale La Direzione della FOMET SpA adotta e diffonde ad ogni livello della

Dettagli

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001?

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001? IS0 50001 INFORMAZIONI UTILI VOLTE A UNA PREPARAZIONE OTTIMALE PER L OTTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE Che cosa apporta la ISO 50001? La certificazione di un sistema di gestione dell energia secondo la

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

POLITICA DELLA QUALITA

POLITICA DELLA QUALITA 05.3 LE POLITICHE DEL GRUPPO GAVIO POLITICA DELLA QUALITA Fornire un servizio di trasporto che soddisfi pienamente richieste, esigenze ed aspettative dei Clienti; Fornire un servizio di trasporto conforme

Dettagli

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova Perugia, 30 giugno 2005 D.ssa Daniela Vita ISO/IEC 17025:2005 1 Differenza tra UNI EN ISO 9001:2000 e ISO/IEC 17025:2005 La norma UNI EN ISO 9001:2000 definisce

Dettagli

OH&SAS Requisiti. 1. Scopo e Campo di Applicazione. 2 Riferimenti. 3 Termini e definizioni. 3.1 rischio accettabile (acceptable risk) 3.

OH&SAS Requisiti. 1. Scopo e Campo di Applicazione. 2 Riferimenti. 3 Termini e definizioni. 3.1 rischio accettabile (acceptable risk) 3. OH&SAS Requisiti 1. Scopo e Campo di Applicazione Questa Norma della serie Occupational Healt and Safety Assessment (OHSAS) specifica i requisiti per un Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

Termini e Definizioni

Termini e Definizioni Convegno L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Roma 25-26 ottobre 2005 GESTIONE della DOCUMENTAZIONE Petteni A. & Pistone G. Termini e Definizioni GESTIONE Attività coordinate per

Dettagli

Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008

Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE+ J. NIZZOLA TREZZO SULL ADDA Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008 REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE EMISSIONE

Dettagli

Sistema di Gestione Integrata Qualità/Ambiente/Sicurezza Doc.3 Politiche aziendale. Qualità/Ambiente

Sistema di Gestione Integrata Qualità/Ambiente/Sicurezza Doc.3 Politiche aziendale. Qualità/Ambiente Pag. 1 di 5 Qualità/Ambiente L azienda Di Leo Nobile S.p.A. è nata nel 1956 a Castel San Giorgio (Sa) ed è uno stabilimento di circa m² 16.591 di cui 10.000 m² coperti, nel quale è concentrata l attività

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE Copia controllata n : 01 02 03 04 05 06 07 08 Copia non controllata In consegna a: Firma: Funzione: Data Rev Causale Preparato Approvato 08.07.09 0 Emissione Resp Gestione

Dettagli

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE La Direzione della PAPPASOLE S.p.A. (di seguito denominata "Struttura turistica") dichiara la sua ferma volontà di rendere operante il Sistema di Gestione Integrata

Dettagli

Copyright ANAS 2004. Immagine grafica Segno Associati

Copyright ANAS 2004. Immagine grafica Segno Associati Copyright ANAS 2004 Immagine grafica Segno Associati Sommario Il libro Bianco delle strade 5 Introduzione di Vincenzo Pozzi 9 L Anas e la certificazione UNI ISO 9001/2000 1. La norma ISO 9001/2000 ed

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE. Sistema di gestione per la qualità

MANUALE DELLE PROCEDURE. Sistema di gestione per la qualità MANUALE DELLE PROCEDURE Sistema di gestione per la qualità Manuale delle procedure Revisione n. 02 Procedura Titolo Revisione Data revisione PD 4.2.3 Tenuta sotto controllo dei documenti 02 15/09/10 PD

Dettagli

POLITICA SICUREZZA CODICE ETICO

POLITICA SICUREZZA CODICE ETICO La presente Politica rappresenta l impegno della Termisol Termica verso la salute e la sicurezza dei propri lavoratori e di tutte le persone che si trovino ad operare all interno della propria sede e dei

Dettagli