Milliman Enterprise Risk Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Milliman Enterprise Risk Management"

Transcript

1

2 Introduzione Il contesto economico di riferimento e l evoluzione normativa, sia essa trasversale ai settori di attività o specifica di taluni tipi di business, impongono sempre più spesso e con maggior forza ai manager aziendali ed agli imprenditori il tema del corretto monitoraggio, della misurazione, del controllo e della gestione dei rischi. La best practice internazionale in tema di risk management e governance aziendale ha prodotto, per le aziende che l hanno adottata, un significativo miglioramento nell efficienza dei processi aziendali con conseguente ottimizzazione di costi e risorse. Non meno significativa è la progressiva trasformazione dell atteggiamento nei confronti del rischio che da difensivo è divenuto proattivo volto quindi da un lato a beneficiare della accezione positiva del rischio che, in quanto evento dall esito incerto, può essere spesso trasformato in opportunità (ad esempio utilizzando in senso speculativo la variazione di prezzo delle materie prime) e dall altro ad effettuare un analisi del rischio dinamica che sia in grado di prevedere l insorgenza di nuovi rischi o la modifica di quelli esistenti. I modelli di business sono evoluti nel tempo e con essi è evoluto il risk management che è divenuto a tutti gli effetti parte integrante della gestione strategica aziendale. Che si tratti di ottenimento di business performance, di requisiti regolamentari, di review di agenzie di rating o altro, l ultimo decennio ha visto la trasformazione dell enterprise risk management da teoria interessante a strumento strategico indispensabile per il raggiungimento degli obiettivi aziendali.

3 Dal Risk Management all Enterprise Risk Managment (ERM) Storicamente la gestione del rischio aziendale è stata demandata in una prima fase ai cosiddetti insurance buyer poi evoluti in insurance manager. Di fatto quindi la sola modalità di gestione prevista per il rischio era quella della cessione del rischio stesso o di una sua parte ad una compagnia di assicurazione. Va da se che tale attività non produceva alcun beneficio in termini di governance aziendale né di reale gestione del rischio che non fosse il mero trasferimento né tantomeno forniva alcun supporto decisionale alla direzione strategica. Il risk management rappresenta il primo passo verso una reale mappatura preventiva dei rischi e una gestione conseguente intesa come miglioramento di processi e procedure al fine di stabilire strategie di mitigazione del rischio stesso. Il risk manager in quanto tale effettua in sostanza anche attività di loss prevention e di governance aziendale. Un passo ulteriore è l evoluzione dell approccio verticale alle diverse tipologie di rischio adottato dal risk manager verso un approccio di tipo olistico tipico dell enterprise risk management. L enterprise risk management, proposto nel 2004 dal Committee of Sponsoring Organizations of the Treadway Commission (Co.S.O.), è un processo, posto in essere dal consiglio di amministrazione, dal management e da altri operatori della struttura aziendale, utilizzato per la formulazione delle strategie di un organizzazione (cfr. Figura 1 con le principali fasi del processo ERM). Lo scopo fondamentale dell ERM è di individuare eventi potenziali che possano influire sull attività aziendale, al fine di gestire il rischio entro limiti coerenti con la propensione al rischio aziendale e quindi fornire una ragionevole sicurezza sul conseguimento degli obiettivi. a quello statico e retrospettivo che si basa in primis sull analisi di ciò che sta sopra all acqua ossia sulle conseguenze di un rischi (ad esempio: eventi di perdita derivanti dal rischio operativo). Al contrario, un approccio di tipo enterprise analizza in primis ciò che sta sotto l acqua cioè la struttura del sistema e considera le manifestazioni del rischio come conseguenze del possibile malfunzionamento di una o più componenti del sistema stesso. Considerare la struttura nella sua essenza significa recepirne l evoluzione nel tempo e potenzialmente prevedere rischi emergenti, quelli cioè che non hanno mai prodotto conseguenze in passato e che quindi non possono essere recepiti da un approccio di tipo retrospettivo. Un approccio efficace per la gestione del rischio deve essere in sostanza in grado di adattarsi all evoluzione strutturale della realtà di riferimento. In altre parole deve essere di tipo dinamico. Figura 1: Fasi di un processo di tipo enterprise 1. Analisi del contesto aziendale PROCESSO DI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT 2. Identificazione dei rischi Figura 2: Approccio di tipo enterprise 3. Valutazione e confronto dei rischi con la propensione al rischio 4. Decisioni su quali rischi accettare e in quale modo gestirli 5. Esecuzione delle azioni decise 6. Communicazione dei risultati e aggiornamento delle azioni Caratteristica fondamentale alla base dell ERM è l approccio olistico altrimenti detto enterprise, ossia l analisi della struttura aziendale nel suo complesso da cui si deriva come conseguenza la struttura dei rischi sottostanti. La Figura 2 illustra graficamente cosa significhi, da un punto di vista fattivo, adottare un approccio di tipo enterprise. Tale approccio si contrappone Sintomi Cause Analisi Comprensione Crisi Eventi Evoluzione Struttura del sistema 3

4 Risk Management Nascita del risk management con analisi semplificata di rischi singoli L Enterprise Risk Management in Italia La Figura 3 contiene una rappresentazione grafica del processo evolutivo del risk management che da strumento di misurazione e monitoraggio dei singoli rischi si trasforma progressivamente in ERM avanzato. L eterogeneità di regolamentazione e di contesto economico culturale fanno sì che non tutti i paesi e le tipologie di business si trovino oggi allo stesso stadio del processo evolutivo in tema di risk management. In particolare in Italia possiamo suddividere le imprese in due macro famiglie: quelle del settore finanziario (i.e., compagnie di assicurazione e istituti di credito, entrambi investitori istituzionali) e le Società di tipo non finanziario. Le prime sono caratterizzate da un approccio nei confronti del rischio che può essere definitivo regulatory driven e che quindi sono storicamente sensibili nei confronti della gestione del rischio. Tale sensibilità deriva in parte dalla tipologia di business (e.g., le compagnie di assicurazione hanno come business proprio l assunzione di rischi di terzi), in parte dall esistenza di una normativa di settore stringente in tema di risk management e in parte dalla centralità di figure professionali con significativo know-how quantitativo (e.g., esperti di finanza, economisti, statistici etc ), che hanno contribuito a sensibilizzare il management verso temi di risk management. Figura 3: Processo evolutivo del Risk Management ERM 1.0 ERM 2.0 ERM 3.0 Gestione sofisticata dei rischi finanziari e aggregazione dei risultati dell analisi dei rischi singoli Introduzione della governance aziendale Ruolo strategico del risk assessment e gestione proattiva del rischio Le seconde invece sono Società in cui la gestione del rischio è stata storicamente guidata da esigenze di business. Ciò posto, va tuttavia ricordato che il quadro normativo, italiano ed internazionale, di riferimento sta evolvendo anche per il settore non finanziario e sono sempre più frequenti le emanazioni in tema di governance aziendale e gestione del rischio (cfr. Figura 4). Figura 4: Quadro normativo italiano e internazionale (esempi) Tutte le società Società quotate Alcune Società Compagnie di assicurazione Istituti di Credito Tutte le società Tutte le società Italia Legge 124/2007 e/o focus su normativa specifica (e.g. D.Lgs. 81/08 aggiornato a Gennaio 2013) Codice di Autodisciplina della Borsa Italiana (Dicembre 2011) Certificazioni e autorizzazioni ambientali (e.g. AIA) SOLVENCY II Basilea European Union Worldwide Data protection & e-privacy Certificazioni (e.g. OHSAS 18001, ISO 14001, ISO 50001, etc) Prescindendo dalle specificità di settore, si Tutte le Framework internazionali può società collocare l Italia (e.g. CoSo mediamente Report, CoSoERM, tra lo ISO stadio 31000, etc) ERM 1.0 e l ERM 2.0 di Figura 3, considerando però che esiste una significativa differenza tra le Società multinazionali e le PMI per cui molto spesso la figura del risk manager coincide ancora con quella di insurance buyer/manager. Un aspetto rilevato dalla pressoché totalità delle ricerche di settore evidenzia che anche restringendo il campione di analisi alle realtà italiane che si trovano nello stadio più evoluto, ERM 2.0, in cui vengono implementati sistemi di governance aziendale non vi è comunque disponibilità di strumenti robusti atti a supportare in modo efficiente l ERM stesso. L intero processo ERM viene infatti molto spesso supportato da strumenti che introducono a loro volta rischio operativo nel processo di monitoraggio del rischio (e.g., duplicazione di dati/informazioni, elevata manualità con conseguente dispendio di risorse e rischio di inefficienze, impossibilità di realizzare procedure di monitoraggio continuo della realizzazione della governance aziendale, etc ). Va inoltre rilevato che la mancata automazione di processi e procedure di risk management per indisponibilità di strumenti a supporto di fatto vanifica o comunque riduce significativamente l efficacia di molti aspetti del risk management. Si pensi ad esempio al monitoraggio di key risk indicator (KRI): l automazione del processo ed il confronto con i valori soglia aziendali è indispensabile per garantire il tempismo e quindi la possibilità di contenere gli effetti del rischio collegato al KRI se non addirittura di trarre profitto dalla sua variazione. 4

5 I L esperienza di Milliman al servizio dell Enterprise Risk Management Milliman opera da oltre 60 anni nel mondo finanziario fornendo supporto attuariale, finanziario e strategico a realtà di tutto il mondo. L attività di Milliman di fatto ha seguito un percorso evolutivo assimilabile a quello indicato in Figura 3. In una prima fase infatti la consolidata esperienza quantitativa dei professionisti di Milliman è stata utilizzata per effettuare attività di risk management tradizionale (i.e., analisi, misurazione e gestione verticale per le diverse tipologie di rischio). Ne sono alcuni esempi: la gestione del rischio operativo, la gestione del rischio di spread, la gestione del rischio di credito etc Successivamente l approccio di Milliman è evoluto in una logica trasversale alla tipologia di rischio divenendo quindi di tipo ERM. L attuale approccio di Milliman è in sostanza il risultato di una commistione di know how specifico in ambito ERM e di consolidata esperienza quantitativa. La possibilità di beneficiare della collaborazione di un network internazionale operante anche nei mercati più maturi in tema di ERM (e.g., mercato Australiano, mercato USA, etc ) ove lo stadio ERM 3.0 di Figura 3 è comune alla maggioranza del business, ha facilitato la predisposizione di servizi sempre più evoluti. Tra le iniziative di carattere internazionale promosse da Milliman vale la pena ricordare, a titolo di esempio, la costituzione del Milliman Risk Institute creato proprio per allo scopo di facilitare la condivisione di know how, best practice e strumenti in tema di ERM a livello internazionale. Strumenti di Enterprise Risk Management: MillimanGRC Elemento imprescindibile di un efficace approccio ERM è la disponibilità di strumenti adeguati e robusti che permettano la realizzazione di policy e procedure. Per tale ragione Milliman ha messo a punto MillimanGRC (Governance, Risk, Compliance): strumento che raccoglie la best practice internazionale in tema di strumenti di ERM e che può supportare l attività di risk management a qualsiasi stadio del processo evolutivo di Figura 3. MillimanGRC è stato infatti ideato da Milliman per supportare efficientemente le attività di ERM dell intero processo evolutivo. La flessibilità dello strumento permette facilmente di adeguarsi a qualsiasi esigenza aziendale ivi incluso il supporto a realtà che desiderino avvicinarsi al risk management per la prima volta e che quindi necessitino di uno strumento che le guidi verso un percorso progressivo di avvicinamento all ERM stesso. Quale che sia lo stadio di implementazione in una Società, MillimanGRC è stato ideato per essere un efficace strumento di supporto alla gestione ed al monitoraggio dei rischi facilitando la comunicazione interna del profilo di rischio e fornendo al management un immediata e precisa comprensione dei diversi processi di business e dei rischi a cui una Società è esposta. MillimanGRC è una soluzione intuitiva e dinamica sviluppata da Milliman su piattaforma software Force.com (Società IT leader del mercato USA). Il tool permette di beneficiare delle opportunità del cloud computing, ossia della tecnologia IT che consente all utente di utilizzare software remoti, salvare dati su memorie di massa on line e fare back up di dati su server remoti, garantendo al contempo elevati livelli di sicurezza dei dati, minori costi di gestioni e servizi informatici ad elevata complessità. Dotato di un design accattivante ed user friendly, MillimanGRC è stato progettato da Milliman seguendo un approccio metodico e ordinato in grado di garantire un funzionamento chiaro ed intuitivo per ogni livello di utente. L interfacciabilità con i principali software di mercato, l automazione delle attività, l ampio spettro di indicatori di rischio, i diversi livelli di accesso, le diverse funzionalità di alert e di controllo fanno di MillimanGRC lo strumento ideale per l implementazione di una struttura di governance e di gestione del rischio che sia al contempo integrata ed in grado di tener traccia dei processi e delle attività svolte dalle unità organizzative che la compongono. L ampia gamma di indicatori di rischio KRI presente all interno della piattaforma permette all utente di aggiornare ed arricchire il proprio registro dei rischi in tempo reale identificando nuovi metodi di aggregazione e valutazione dei rischi. 5

6 MillimanGRC, I PUNTI DI FORZA: Figura 5: Esempio di monitoraggio KRI (rischio spread) Semplicità di utilizzo Flessibilità, personalizzazione e soluzioni differenziate per ciascuna Società ed esigenza WARNING AREA Tasso di rendimento titoli di stato a 10 anni Livello soglia KRI Definizione di processi integrati per il monitoraggio in tempo reale dei rischi Ampia gamma di indicatori di rischio qualitativi e quantitativi Gestione dei processi core della Società Monitoraggio in tempo reale e gestione dei principali eventi relativi alla governance aziendale Interfacciabilità con software di mercato Tecnologia data warehouse e gestione automatica della documentazione Sicurezza role-based Multi-lingua e multi-valuta Tracciabilità delle modifiche in un ambiente totalmente controllabile Grazie ai differenti livelli di accesso degli utenti e alle procedure di controllo di cui è dotata la piattaforma, il management potrà monitorare i processi core della Società, verificare le attività dei comitati alla base della struttura di governance e monitorare l impatto dei rischi in termini quantitativi e qualitativi avendo sempre a riferimento i livelli di tolleranza al rischio prestabiliti. Esempi di applicazione di MillimanGRC Vengono di seguito indicati alcuni esempi di utilizzo di MillimanGRC: Monitoraggio automatizzato di KRI e azioni di governance correlate: MillimanGRC permette di interfacciarsi a tool di mercato e quindi di aggiornare in modo automatico il valore dei KRI oggetto di monitoraggio. L attività di monitoraggio viene coadiuvata dal confronto con livelli soglia dei KRI stabiliti dal management strategico e prevede Valore corrente KRI DAMAGING del KRI AREA l attivazione di azioni contenitive del rischio o di guadagno speculativo al superamento dei valori soglia. Ne sono alcuni esempi: i) Il monitoraggio / la gestione del rischio spread (cfr. figura 5); ii) Il monitoraggio / la gestione del rischio di credito dei clienti (cfr. Figura 6). Monitoraggio automatizzato del rapporto costi/benefici delle mitigation strategy poste in essere (cfr Figura 7): MillimanGRC interfacciandosi ai software di contabilità/amministrazione della Società permette il costante monitoraggio dei costi implementatitivi delle mitigation strategy di ogni rischio. Il confronto con la riduzione effettiva del rischio può fornire al management utili elementi per selezionare le mitigation strategy ottimali. Monitoraggio in tempo reale della evoluzione di frequency e severity del rischio in rapporto ai valori target (cfr Figura 8): MillimanGRC permette di valutare in tempo reale il valore di frequency e severity dei rischi al lordo e al netto delle mitigation strategy poste in essere. Il confronto con i valori target stabiliti dalla strategia aziendale forniscono al management un utile strumento di gestione strategica.

7 Figura 6: Esempio di monitoraggio KRI (rischio credito clienti) ANALISI PER FATTORI ANALISI TENDENZIALE Ritardo nei pagamenti (giorni) 100 Andamento storico ritardo pagamenti (giorni) Ritardo medio Soglia accettabile di ritardo pagamenti Cliente A Cliente B Cliente C 20 Ritardo medio nei pagamenti Soglia accettabile di ritardo pagamenti Figura 7: Esempio di monitoraggio costi/benefici mitigation strategy OGNI STRATEGIA DI MITIGAZIONE HA UN COSTO... Costo strategie di mitigazione (Euro) MA RIDUCE EFFETTI NEGATIVI DEL RISCHIO (?) Impatto del rischio pre e post strategie di mitigazione ( ) Impatto medio pre strategie di mitigazione Impatto medio post strategie di mitigazione - Cliente A Cliente B Cliente C Applicazione listino prezzi maggiorato Assicurazione del credito Riduzione del credito concesso Altri Figura 8: Esempio di monitoraggio continuo evoluzione dell esposizione a un rischio Monitoraggio rischio Frequenza/Impatto pre mitigation Frequenza/Impatto post mitigation Frequenza/Impatto target - - 0,20 0,40 0,60 0,80 1,00 7

8 Il supporto di Milliman Milliman ha sviluppato strumenti e metodologie che possono supportare l implementazione e/o il raffinamento del processo di ERM di una Società mediante integrazione con i modelli di business esistenti. Nello specifico Milliman può ad esempio realizzare: L analisi del livello di maturità di una Società in termini di ERM e la conseguente predisposizione di un project plan implementativo nell orizzonte temporale e con gli obiettivi concordati con la Società; Lo sviluppo e/o il raffinamento dell analisi dei rischi (e.g. registro dei rischi, quantificazione dei rischi, etc ) della Società; Lo sviluppo e/o il raffinamento delle procedure di monitoraggio, gestione e mitigazione dei rischi della Società; Il supporto per il miglioramento della governance aziendale (e.g., automazione di processi e procedure, individuazione e risoluzione di gap o ridondanze procedurali, etc ); Milliman Milliman è una delle principali società mondiali di consulenza attuariale e strategica. Fondata nel 1947, Milliman è una società indipendente con uffici in tutto il mondo. Per maggiori informazioni si visiti il sito milliman.com e milliman.it MILLIMAN IN EUROPA In Europa Milliman vanta una presenza solida e in continua crescita, con 250 consulenti professionisti al servizio dei clienti negli uffici di Amsterdam, Bucarest, Dublino, Dusseldorf, Londra, Madrid, Milano, Monaco di Baviera, Parigi, Varsavia, Cipro e Zurigo. L implementazione di strumenti a supporto di tutte le fasi del processo ERM (e.g., MillimanGRC); L individuazione e l implementazione delle attività ERM che permettono il raggiungimento di obiettivi aziendali quali ad esempio il miglioramento del rating o l ottenimento di certificazioni (e.g. certificazioni ambientali, etc ); Il supporto per la predisposizione di reportistica automatizzata sia esterna (e.g., a scopo regolamentare) che a scopo interno per supportare la gestione strategica della Società. Contatti Paola Luraschi Principal tel cell Milliman S.r.l. Via San Clemente, Milano milliman.it

Il rischio è non gestirlo

Il rischio è non gestirlo in collaborazione con Associazione Imprenditori Nord Milano Enterprise Risk Management: come gestire l evento incerto, individuare le opportunità e creare valore Presentato da: Paola Luraschi Principal

Dettagli

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1 Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali Roma, 6 giugno 2013 1 Fondata nel 1972 142 soci 50 associati Fatturato complessivo dei

Dettagli

Milliman STAR Solutions - VEGA

Milliman STAR Solutions - VEGA Milliman STAR Solutions - VEGA Milliman Solvency II Analysis and Reporting (STAR) Solutions Solvency II non è solo un cambiamento tecnico nel modo in cui gli assicuratori dovranno valutare i propri requisiti

Dettagli

Concepito per il futuro. Disponibile oggi.

Concepito per il futuro. Disponibile oggi. La soluzione di Milliman per i modelli di proiezione finanziaria Milliman MG-ALFA Concepito per il futuro. Disponibile oggi. Milliman MG-ALFA In breve: Il futuro dei sistemi di proiezione finanziaria

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace CORPORATE GOVERNANCE Implementare una corporate governance efficace 2 I vertici aziendali affrontano una situazione in evoluzione Stiamo assistendo ad un cambiamento senza precedenti nel mondo della corporate

Dettagli

I TOOL A SUPPORTO DELL'ICT MANAGEMENT: UTILITÀ, MODALITÀ D'USO E PRINCIPALI CRITICITÀ.

I TOOL A SUPPORTO DELL'ICT MANAGEMENT: UTILITÀ, MODALITÀ D'USO E PRINCIPALI CRITICITÀ. ANALISI 12 Luglio 2012 I TOOL A SUPPORTO DELL'ICT MANAGEMENT: UTILITÀ, MODALITÀ D'USO E PRINCIPALI CRITICITÀ. Le sfide a cui deve rispondere l IT e i tool di ICT Management Analisi a cura di Andrea Cavazza,

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La Funzione Attuariale in ottica Solvency 2 La Data Governance Paola Scarabotto Roma, 1 luglio 2014 Agenda I requisiti normativi e regolamentari Principi di riferimento Architettura dei processi DQ Rischi

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Milliman ALM Per Fondi Pensione

Milliman ALM Per Fondi Pensione Entro il prossimo 31 dicembre 2013, anche le forme pensionistiche iscritte all Albo COVIP aventi numero di iscritti compreso tra le 100 e 1000 unità saranno obbligate ad adeguarsi a quanto disposto da

Dettagli

Il Risk Management Integrato in eni

Il Risk Management Integrato in eni Il Risk Integrato in eni Maria Clotilde Tondini Vice President Risk Integrato 5 Marzo 015, Milano Indice - Il Modello eni - 1 Il Modello eni Le fasi di sviluppo L avvio e l attuazione del Modello di Risk

Dettagli

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE MILANO 28/03 / 2015 Indice 1. Solvency 2 2. Data quality 3. Riassicurazione 4. Modello interno

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale;

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale; Presentazione Blu Consulting è una società di consulenza direzionale certificata ISO 9001:2008, fondata da Mauro Masciarelli nel 2009, specializzata nella revisione delle strategie di business, adeguamento

Dettagli

DEFINIO REPLY BACKTESTING

DEFINIO REPLY BACKTESTING DEFINIO REPLY BACKTESTING La piattaforma Definio Reply può essere utilizzata come strumento di supporto per l implementazione del processo di Backtesting, inteso come metodologia per misurare il carattere

Dettagli

PROFILO AZIENDALE 2011

PROFILO AZIENDALE 2011 PROFILO AZIENDALE 2011 NET STUDIO Net Studio è un azienda che ha sede in Toscana ma opera in tutta Italia e in altri paesi Europei per realizzare attività di Consulenza, System Integration, Application

Dettagli

LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE)

LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE) LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO (IL CASO DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE) Dott. Werther Montanari Direttore Audit di Gruppo Società Cattolica di Assicurazione Soc. Coop. Verona, 9 dicembre

Dettagli

La piattaforma di Enterprise Social Network per le organizzazioni

La piattaforma di Enterprise Social Network per le organizzazioni La piattaforma di Enterprise Social Network per le organizzazioni Il nuovo modo di collaborare in azienda Teammee è una piattaforma per la gestione collaborativa avanzata di informazioni, persone, eventi,

Dettagli

Un sistema di valutazione dei fornitori che integra e potenzia i sistemi aziendali di Vendor Assessment

Un sistema di valutazione dei fornitori che integra e potenzia i sistemi aziendali di Vendor Assessment Un sistema di valutazione dei fornitori che integra e potenzia i sistemi di Vendor Assessment Tel. 02 38608265 Fax. 0238608901 Tel. 02 02 72546759 La valutazione del rischio fornitori in meno tempo, riducendo

Dettagli

Temporary Manager Short master per il ruolo di T.M.

Temporary Manager Short master per il ruolo di T.M. Sistema di qualità conforme allo standard ISO 9001:2008 certificato n 9175.AMB3 Autorizzazione Ministero del Lavoro n 13/I/0015692/03.04 per Ricerca e Selezione del Personale Autorizzazione Ministero del

Dettagli

Milliman Variable Annuity. Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano

Milliman Variable Annuity. Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano Variable Annuity Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato Italiano Variable Annuity: una proposta innovativa per il mercato italiano I prodotti Variable Annuity sono nati negli Stati Uniti

Dettagli

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Soluzioni per la gestione di risorse e servizi A supporto dei vostri obiettivi di business Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Utilizzate

Dettagli

Misurare il rischio: come si fa? Presentato da: Paola Luraschi Principal Milliman

Misurare il rischio: come si fa? Presentato da: Paola Luraschi Principal Milliman Misurare il rischio: come si fa? Presentato da: Paola Luraschi Principal Milliman Agenda Milliman: chi siamo Il Rischio: aspetti salienti e criticità Misurazione del rischio: focus sul rischio operativo

Dettagli

Comunità di pratica Nedcommunity Risk management, piano strategico e organi di governo: business case

Comunità di pratica Nedcommunity Risk management, piano strategico e organi di governo: business case Making the traveller s day better Comunità di pratica Nedcommunity Risk management, piano strategico e organi di governo: business case Milano, 2 Luglio 204 Group Enterprise Risk Management Contenuto del

Dettagli

To The Board Short master per diventare Board Member

To The Board Short master per diventare Board Member Sistema di qualità conforme allo standard ISO 9001:2008 certificato n 9175.AMB3 Autorizzazione Ministero del Lavoro n 13/I/0015692/03.04 per Ricerca e Selezione del Personale Autorizzazione Ministero del

Dettagli

Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011

Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011 Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? 5 Ottobre 2011 Il nuovo posizionamento strategico di Lowendalmasaї Outsourcing: scelta vincente a quali condizioni? Un caso di successo Lowendalmasaї è

Dettagli

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gianluca Meloni, Davide Brembati In collaborazione con 1 1 Le premesse del Progetto di ricerca Nella presente congiuntura

Dettagli

studi professionali finanziari indipendenti

studi professionali finanziari indipendenti studi professionali finanziari indipendenti SERVIZI dedicati www.consultique.com CHI SIAMO Consultique è leader in Italia nell analisi e consulenza finanziaria indipendenti fee only. La società è remunerata

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Paolo Manuelli Gruppo Banca Etruria Michele Tanzi Gruppo ObjectWay 1

Dettagli

SERVIZI PER I CONSULENTI FINANZIARI INDIPENDENTI

SERVIZI PER I CONSULENTI FINANZIARI INDIPENDENTI CHI SIAMO Consultique SIM è una società di analisi e consulenza finanziaria indipendente sotto il controllo di Consob e Banca d Italia, che eroga servizi a investitori privati (family office), aziende,

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

Development & Assessment Tools

Development & Assessment Tools Development & Assessment Tools Grazie a una partnership internazionale offriamo una gamma di strumenti che consentono di: rendere più efficace ed efficiente la fase di analisi delle esigenze aziendali

Dettagli

Il Sistema dei Controlli Interni per gli Organi Societari e le Funzioni di Controllo

Il Sistema dei Controlli Interni per gli Organi Societari e le Funzioni di Controllo Il Sistema dei Controlli Interni per gli Organi Societari e le Funzioni di Controllo Alla luce delle nuove Disposizioni di Banca d Italia Ing. Riaz Bashir Opentech Confidi Day 2014 - Castelbuono (PA) 15

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY.

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING PROCESS OPTIMIZATION Mappatura as is dei processi, definizione dello stato to be, gap analysis, definizione ed implementazione

Dettagli

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8 Ogni organizzazione possiede un sistema di regole che la caratterizzano e che ne assicurano il funzionamento. Le regole sono l insieme coordinato delle norme che stabiliscono come deve o dovrebbe funzionare

Dettagli

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia [Knowledge] «In organizations it often becomes embedded not only in documents or repositories but also in organizational routines, processes, practices

Dettagli

MEGA INTERNATIONAL MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY

MEGA INTERNATIONAL MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY MEGA INTERNATIONAL MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY 2 MANAGING ENTERPRISE COMPLEXITY Oggi il mondo del business è in rapida evoluzione. Le decisioni devono essere prese sempre più velocemente e sotto pressione.

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Focus on LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Aprile 2016 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing

Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing Nel seguito sono presentati i servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni

Dettagli

SAP Business One: la soluzione per la gestione aziendale delle piccole e medie imprese

SAP Business One: la soluzione per la gestione aziendale delle piccole e medie imprese SAP Business One è la soluzione di gestione aziendale completa, accessibile e di facile implementazione. Pensata specificatamente per le piccole e medie imprese, ne assicura la crescita aiutandole a incrementare

Dettagli

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali La gestione dei rischi operativi e degli altri rischi Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali Mario Seghelini 26 giugno 2012 - Milano

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS MILANO, 16 GENNAIO 2014 Expected Revenue from Business Line XXX Expected Revenue from Business Line XXX Result at 1% Target Expected Result ENTERPRISE

Dettagli

Risk Governance e Obiettivi Strategici d Impresa: Punti di attenzione per il Comitato Controllo e Rischi a supporto del CdA

Risk Governance e Obiettivi Strategici d Impresa: Punti di attenzione per il Comitato Controllo e Rischi a supporto del CdA Risk Governance e Obiettivi Strategici d Impresa: Punti di attenzione per il Comitato Controllo e Rischi a supporto del CdA (Con riferimenti ai business case di Autogrill, Barilla, Eni, Luxottica, Pirelli)

Dettagli

Continuità operativa - FAQ

Continuità operativa - FAQ Continuità operativa - FAQ Cosa è la Continuità Operativa? La continuità operativa è l insieme di attività volte a minimizzare gli effetti distruttivi, o comunque dannosi, di un evento che ha colpito un

Dettagli

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito Insolvenza Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito di Tommaso Zarbo - Dottore commercialista e Revisore contabile Il rischio di credito Il rischio di credito generato dal portafoglio

Dettagli

PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT

PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT A cura di Alberto Rizzotto, Manager di HSPI Premessa La necessità di adottare best practice internazionali

Dettagli

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Davide Lizzio CISA CRISC Venezia Mestre, 26 Ottobre 2012 Informazioni Aziendali: Il processo di

Dettagli

Integrazione ed elaborazione di dati real-time

Integrazione ed elaborazione di dati real-time 76 Integrazione ed elaborazione di dati real-time Le nuove tecnologie dell automazione hanno permesso di acquisire e rendere disponibili enormi quantità di segnali. Spesso risulta complesso utilizzare

Dettagli

Strategie e Valore a Rischio: Quanto il Board ne è consapevole? Ricerca condotta da Protiviti in collaborazione con Nedcommunity

Strategie e Valore a Rischio: Quanto il Board ne è consapevole? Ricerca condotta da Protiviti in collaborazione con Nedcommunity Strategie e Valore a Rischio: Quanto il Board ne è consapevole? Ricerca condotta da Protiviti in collaborazione con Nedcommunity Contenuti Introduzione a cura di Protiviti Prefazione a cura di Nedcommunity

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Per una migliore qualità della vita CERTIQUALITY. La certificazione strumento di Business Continuity: gli standard ISO 27001 e ISO 22301

Per una migliore qualità della vita CERTIQUALITY. La certificazione strumento di Business Continuity: gli standard ISO 27001 e ISO 22301 Per una migliore qualità della vita CERTIQUALITY La certificazione strumento di Business Continuity: gli standard ISO 27001 e ISO 22301 CHI SIAMO Certiquality è una società la cui attività è orientata

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

OT BPM introduce ed automatizza i meccanismi relativi alla gestione del ciclo di vita dei dati e dei documenti.

OT BPM introduce ed automatizza i meccanismi relativi alla gestione del ciclo di vita dei dati e dei documenti. Ottimizzare, Automatizzare e Monitorare i processi aziendali... Migliorare la produttività e la redditività riducendo l investimento Affrontare le sfide del mercato con gli strumenti giusti OT BPM è un

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni Roma, 9 aprile 205 Iris Pennisi Federcasse Una premessa di metodo: «trasformare un vincolo

Dettagli

Corporate Governance - Oltre la compliance

Corporate Governance - Oltre la compliance Corporate Governance - Oltre la compliance Prof. Angelo Riccaboni Corso di Economia e Governo Aziendale Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici riccaboni@unisi.it www.disag.unisi.it Agenda L interesse

Dettagli

Gestire i rischi, novità e strumenti per i modelli 231/01 e la nuova ISO 9001 del 2015

Gestire i rischi, novità e strumenti per i modelli 231/01 e la nuova ISO 9001 del 2015 Gestire i rischi, novità e strumenti per i modelli 231/01 e la nuova ISO 9001 del 2015 Workshop Andrea Padovano Pier Alberto Guidotti Alberto Mari Gian Franco Poggioli Bologna, 8 settembre 2015 Francesco

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS

TECHNOLOGY SOLUTIONS TECHNOLOGY SOLUTIONS DA PIÙ DI 25 ANNI OL3 GARANTISCE AFFIDABILITÀ E INNOVAZIONE AI CLIENTI CHE HANNO SCELTO DI AFFIDARSI AD UN PARTNER TECNOLOGICO PER LA GESTIONE E LA CRESCITA DEL COMPARTO ICT DELLA

Dettagli

Solvency II Operational Trasformation. Evidenze sull area Commerciale e Comunicazione 19 Gennaio 2012 1

Solvency II Operational Trasformation. Evidenze sull area Commerciale e Comunicazione 19 Gennaio 2012 1 Solvency II Operational Trasformation Evidenze sull area 19 Gennaio 2012 1 Agenda Modello di analisi adottato Modello dei processi standard area Impatti Solvency II sull area Modello di riferimento a tendere

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Comply or Explain La Road Map verso Solvency II in Italia Maria Alejandra Guglielmetti 30.01.2014 Comply or Explain?

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

ILMS. Integrated Learning Management System

ILMS. Integrated Learning Management System ILMS Integrated Learning Management System ILMS ILMS è una piattaforma applicativa web che integra tutte funzionalità, gli strumenti e i controlli necessari alla gestione di tutti i processi legati alla

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I.

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. Profilo La Società Hermes nasce nel 2010 per portare sul mercato le esperienze maturate da un team di specialisti e ricercatori informatici che hanno operato per anni come

Dettagli

SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS

SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS Il governo della salute è oggi una politica di gestione obbligata per conciliare i vincoli di bilancio, sempre più stringenti, con la domanda di salute dei cittadini. L ICT

Dettagli

Ricca - Divisione I.T.

Ricca - Divisione I.T. Ricca - Divisione I.T. Information Technology & Security Partner Profilo B.U. e Offerta Servizi Ricca Divisione I.T. Information Technology & Security Partner La Mission La nostra missione è divenire il

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO DIGITAL TRANSFORMATION Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO AL VOSTRO FIANCO NELLA DIGITAL TRANSFORMATION Le nuove tecnologie, tra cui il cloud computing, i social

Dettagli

Il seguente documento viene rilasciato per presentare le principali novità dell innovativa release 2011 della Enterprise Contact Pro di Sysman.

Il seguente documento viene rilasciato per presentare le principali novità dell innovativa release 2011 della Enterprise Contact Pro di Sysman. Premessa Il seguente documento viene rilasciato per presentare le principali novità dell innovativa release 2011 della Enterprise Contact Pro di Sysman. La release definisce grandissime novità nel prodotto

Dettagli

Data aggregation and risk infrastructure

Data aggregation and risk infrastructure Data aggregation and risk infrastructure Il Contesto di riferimento: Principi applicabili in ambito IT I principi di Data Risk Aggregation indirizzano 4 specifiche aree di controllo: 4 - Revisione, strumenti

Dettagli

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta, la soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità, Ambiente e Sicurezza fortemente integrato è in grado di garantire l efficacia

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio

Banca Popolare di Sondrio Banca Popolare di Sondrio Governo e Qualità dei Dati: l impostazione organizzativa e progettuale a copertura delle esigenze aziendali 1 Giugno 2015 Ver 3.0 Indice Generale La normativa Soluzione organizzativa

Dettagli

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA Fondato a New York nel 1941 Presente in 160 paesi, conta ora più di 110.000 membri Ha sede negli USA ma la sua Governance è Globale Globali sono pure il

Dettagli

Premessa... 1. Vantaggi di un sistema ERP... 2. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Vantaggi di un sistema ERP... 2. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Vantaggi di un sistema ERP... 2 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e

Dettagli

L evoluzione delle competenze verso il Database Manager

L evoluzione delle competenze verso il Database Manager L evoluzione delle competenze verso il Database Manager Workshop sulle competenze ed il lavoro dei Database Manager Milano, 1 marzo 2011 Elisabetta Peroni consulente sui sistemi di gestione dati (betty.peroni@gmail.com)

Dettagli

DQM e Segnalazioni di Vigilanza, un caso concreto

DQM e Segnalazioni di Vigilanza, un caso concreto DQM e Segnalazioni di Vigilanza, un caso concreto Un progetto di DQM in linea con le nuove normative Bankit e Comitato di Basilea in tema di Data Governance Roberto Tosti: Responsabile Servizio Contabilità

Dettagli

GAP Formativo e FAD con piattaforma e-learning

GAP Formativo e FAD con piattaforma e-learning GAP Formativo e FAD con piattaforma e-learning nelle Strutture Ospedaliere Caso Studio Le esigenze delle Strutture Ospedaliere Disporre di una soluzione tecnologica avanzata per gestire efficientemente

Dettagli

Presentazione Generale del gruppo Coface COFACE PRESENTATION / AUGUST 2014 1

Presentazione Generale del gruppo Coface COFACE PRESENTATION / AUGUST 2014 1 Presentazione Generale del gruppo Coface COFACE PRESENTATION AUGUST 2014 1 Indice 1. Dati chiave p. 3 2. Risultati 2013 p. 8 3. Core Business p. 12 4. L offerta Coface p. 23 AVRIL Date 2014 COFACE TITLE

Dettagli

Modello di funzionamento della Compliance: principi e strumenti

Modello di funzionamento della Compliance: principi e strumenti WORKSHOP Il supporto IT all approccio GRC per la riduzione dei costi nelle organizzazioni pubbliche e private Milano, 1 Dicembre 2009 Roberto Rufolo - Partner, Adfor 1 Stato dell arte Il proliferare e

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010 CONSULENZA AVANZATA Convegno Sec - 22 ottobre 2010 - Indice - - Premessa e benchmark di mercato - Come cambia il modello di relazione con il cliente - Come cambia il raccordo tra direzioni centrali e rete

Dettagli

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION ISA ICT Value Consulting La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi

Dettagli

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope La rilevanza del risk management nella gestione d impresa Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope Le nozioni alternative di rischio L approccio tradizionale-assicurativo: il rischio

Dettagli

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc.

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc. AS/400 STAMPANTI SERVER WINDOWS WORKSTATIONS MATERIALI DI CONSUMO SERVER LINUX CORSI DI FORMAZIONE CHI SIAMO Solution Line è una società di consulenza composta da professionisti di pluriennale esperienza,

Dettagli

Gestire l incertezza per competere:

Gestire l incertezza per competere: Gestire l incertezza per competere: trasformare i rischi in opportunità Percorso Formativo Il nuovo modello degli standard internazionali ISO introduce l approccio Risk Based Thinking nella gestione strategica

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

La soluzione web-based. based per il Project Management. Afea srl. Via Montefiorino / 8 05100 / Terni. Tel +39.0744.20631 Fax +39.0744.

La soluzione web-based. based per il Project Management. Afea srl. Via Montefiorino / 8 05100 / Terni. Tel +39.0744.20631 Fax +39.0744. La soluzione web-based based per il Project Management Afea srl Via Montefiorino / 8 05100 / Terni Tel +39.0744.20631 Fax +39.0744.206311 www.afea.eu info@afea.eu Il contesto in cui nasce Project Care

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

Wazee. il sistema che mette a dieta gli eccessivi consumi della tua azienda.

Wazee. il sistema che mette a dieta gli eccessivi consumi della tua azienda. Wazee il sistema che mette a dieta gli eccessivi consumi della tua azienda. Produrre meglio consumando meno. WAZEE CREA UNA DIETA PERSONALIZZATA PER OGNI AZIENDA E AIUTA A METTERE IN FORMA I CONSUMI. L

Dettagli

2.1 L associazione professionale 19. 2.2 Gli Standard professionali dell internal auditing 23. 2.3 Le competenze professionali 29

2.1 L associazione professionale 19. 2.2 Gli Standard professionali dell internal auditing 23. 2.3 Le competenze professionali 29 Prefazione di Vittorio Mincato XIII Introduzione 1 Ringraziamenti 5 Parte prima LA PROFESSIONE DI INTERNAL AUDITING 1 La definizione di internal auditing 9 2I riferimenti della professione 19 2.1 L associazione

Dettagli

Una piattaforma enterprise per gestire e migliorare le iniziative di Governance, Risk e Compliance

Una piattaforma enterprise per gestire e migliorare le iniziative di Governance, Risk e Compliance Una piattaforma enterprise per gestire e migliorare le iniziative di Governance, Risk e Compliance Maria-Cristina Pasqualetti - Deloitte Salvatore De Masi Deloitte Andrea Magnaguagno - IBM Scenario La

Dettagli