L organizzazione aziendale nella gestione della responsabilità professionale sanitaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L organizzazione aziendale nella gestione della responsabilità professionale sanitaria"

Transcript

1 L organizzazione aziendale nella gestione della responsabilità professionale sanitaria La responsabilità medica : profili civili, penali e contabili Corso di Formazione Scuola Superiore di Studi Giuridici Andrea Minarini Direttore U.O.C Medicina Legale e Gestione del Rischio Risk manager AUSL Bologna Bologna, 26 marzo 2015

2 I numeri dell Azienda USL di Bologna Azienda USL Bologna (compreso IRCCS Scienze Neurologiche) Una delle più grandi aziende sanitarie d Italia 50 comuni 3000 km2 Circa 1 milione di abitanti Circa dipendenti 6 distretti 8 dipartimenti - 9 presidi ospedalieri 2391 posti letto Più di accessi/anno nei diversi Pronto Soccorso Prestazioni diagnostiche prodotte/anno circa Budget annuale milioni di euro (22% dei circa milioni della Sanità della Regione ER)

3 Numero sinistri Andamento dei sinistri Azienda USL di Bologna ( ) Andamento Sinistri Anno

4 Contenzioso: Azienda USL di Bologna Sinistri denunciati all Assicurazione Periodo Gennaio-Dicembre 2013 N Tot 255 N Procedimenti Penali 17

5 Sinistrosità Ausl Bologna - anno 2013 (Data comunicazione Assicurazione) TOTALE SINISTRI COMUNICATI ASSICURAZIONE SINISTRI CORRELATI A PROCEDURE ASSISTENZIALI DIAGNOSTICO- TERAPEUTICHE SINISTRI BRANCHE INTERNISTICHE SINISTRI BRANCHE CHIRURGICHE 51 70

6 Dati assicurativi Azienda Usl di Bologna

7 Dati assicurativi 2010 Azienda USL di Bologna

8 Riepilogo triennio

9 La crisi della copertura assicurativa Fuga potenziali assicuratori Vuoto assicurativo Autoassicurazione???

10 Qual è il problema? L esperienza dell Azienda USL di Bologna dal Stima riserve assicurative Compagnia RCT uscente > 50% della Stima Task Force Azienda USL (Medicina Legale + Ufficio Legale) Due gare deserte Conclusa trattativa privata svantaggiosa con Compagnia RCT uscente

11 Strategie aziendali per gestione del rischio assicurativo Appunti di riflessione..

12 Tutela e difesa di Paziente Professionista - Azienda U.O.C. Medicina Legale.. quale metodologia medico legale fino ad oggi??

13 Fenomenologia del contenzioso 50% richieste assurde 50% poca chiarezza nella documentazione 90%* INFONDATI Medico legale SINISTRI Il giusto risarcimento 10%* FONDATI *dati indicativi, non derivanti da analisi statistiche

14 Il modello organizzativo nell Azienda USL di Bologna A seguito di esplicita richiesta di risarcimento danni inoltrata all Azienda Ufficio Legale effettua opportuna segnalazione alla Compagnia di Assicurazione per l apertura del sinistro al Direttore dell UO coinvolta richiedendo relazione sui fatti ai professionisti coinvolti

15 Il modello organizzativo nell Azienda USL di Bologna L UOC Medicina Legale e Gestione del Rischio provvede all istruttoria e gestione complessiva del caso mediante: Formulazione di parere medico-legale per l Ufficio Legale con espressione di preliminare giudizio valutativo sulla eventuale tenuta del caso in giudizio a cui può conseguire o meno scelta di soluzione transattiva in sede stragiudiziale Attivazione del percorso di ascolto/mediazione dei conflitti se e quando opportuno

16 Il modello organizzativo nell Azienda USL di Bologna Visita medico-legale dei danneggiati da parte del fiduciario della Compagnia di Assicurazione che tutela l Azienda e i suoi professionisti Esame del caso da parte dei CVS dopo valutazione medico-legale Inserimento in database per la gestione del contenzioso della parte di competenza medicolegale Assistenza come consulente in ambito penale quando richiesto dal/i professionista/i e di parte dell Azienda in ambito civile

17 Il modello organizzativo nell Azienda USL di Bologna Fornire raccomandazioni consulenze Partecipazione alla elaborazione di procedure quando sono necessarie modifiche nella pratica assistenziale Estrapolazione di dati con finalità informativa/formativa ai professionisti Incontro con il professionista/i coinvolti nello specifico sinistro per fornire informazioni sul proseguio della vertenza

18 Assistenza tecnica in sede giudiziale (partecipazioni a CTU in veste di consulente dell Azienda) La gestione del sinistro Relazione medico legale stragiudiziale (in sinergia con Ufficio Legale) Mediazione e Conciliazione in Sede Civile (obbligatoria) (D.Lgs 28/ D.Lgs n. 69) Strumento giuridico per pervenire ad un accordo economico tra le parti evitando l avvio di procedure giudiziarie e risarcitorie Mediazione Trasformativa (facoltativa) Strumento non giuridico per il recupero della relazione di fiducia tra le parti Possibile azione sull organizzazione

19 2014 I documenti ministeriali 2004

20 La metodologia di gestione Gestione di decine di sinistri (circa 250/anno) e collaborazione con Ufficio Legale Aziendale Collaborazione a livello Regionale Seguite precise indicazioni ministeriali Buona metodologia operativa E il confronto nazionale? Linee di ricerca a livello nazionale Scambio di informazioni tra addetti ai lavori

21 Procedure & Programmi Aziendali

22 La gestione in elezione del sinistro La Mediazione Mediazione e Conciliazione in Sede Civile (obbligatoria) (D.Lgs 28/ D.Lgs n. 69) Strumento giuridico per pervenire ad un accordo economico tra le parti evitando l avvio di procedure giudiziarie e risarcitorie In sanità - Trasformativa (facoltativa) Strumento non giuridico per il recupero della relazione di fiducia tra le parti Possibile azione sull organizzazione

23 I numeri della mediazione civile nell Azienda USL di Bologna Anno Numero istanze di Mediazione civile Numero partecipazion i Numero di verbali di conciliazione positivi Numero di verbali di mancata conciliazion e Numero di proposte del mediatore Anno Anno Anno Anno 2014 (settembre) (20 in corso) TOTALE

24 I numeri della mediazione trasformativa nell Azienda USL di Bologna PERCORSO ASCOLTO/MEDIAZIONE (Periodo ) Totale Ascolti Ascolti Operatori Sanitari Ascolti cittadini Mediazioni Concluse

25 Numero sinistri non in discesa Tuttavia.. Compagnie assicurative fuggono dal mercato sanità = No business Aumento procedimenti penali contro medici ed infermieri Regioni costrette a spendere soldi pubblici per pagare sinistri e premi elevati Personale S.S.N. stressato e insoddisfatto Medicina difensiva 10,5% spesa sanitaria 10 miliardi di Euro (0,75% PIL) Scarsa cultura medico legale e del rischio del personale S.S.N. Quali le cause? Un caso? Approccio da modificare?

26 La medicina legale e la gestione del rischio clinico tra passato e futuro Strumento clinico o solo teoria? Maggio 2014, Direttore Sanitario

27 Difficoltà comunicativa con i clinici Ma si parla lo stesso linguaggio?? Gestione del rischio.. l apparire non clinico Medico Ospedaliero 35 anni* *non afferente all Azienda USL di Bologna

28 Situazione e obiettivi Timore Scarsa conoscenza Spesso al di fuori dal contesto clinico Clinici Risk Manager & Medico Legale Attori per la sicurezza Registi della sicurezza Insegnano ai clinici a recitare

29 Medico legale e risk manager: la necessità di un cambiamento culturale Cosa diavolo avete combinato?? La soluzione ora la trovo IO Parlare di MEDICINA Condividere i PROBLEMI CLINICI Analisi criticità di TUTTI I GIORNI Approccio semplificato Medico Legale & Risk Manager

30 L evoluzione della medicina legale Il passato Nozionismo distanza dalla clinica Il futuro L applicazione sul campo

31 La strada da seguire Medicina Legale e Gestione del Rischio e l applicazione.. SUL CAMPO *Concetto già espresso in riferimento alla Medicina Legale Clinica da Benciolini P. in Riv. It. Med. Leg. 27, 451, 2005

32 Quali le attuali risorse? La duplice visione Medicina legale classica Area igienisticoorganizzativa - Il singolo caso -Valutazione reattiva -Reazione dopo il sinistro -Valutazione ex post - Collettività -Valutazione pro-attiva -Prevenzione del sinistro -Valutazione ex ante Gestione sinistri e contenzioso Percorsi clinico-assistenziali Tutela di Paziente - Professionista - Azienda

33 Trova l intruso Internista Medico Legale Chirurgo Tutela & Sicurezza Obiettivo comune Paziente Professionista Azienda Nessun intruso..nel percorso di Prevenzione Cura Riabilitazione

34 The power of clinical scenario Capture their curiosity Make lesson stickier (more comprehensible and memorable) Simple Unexpected Concrete Credible Emotional Stories fare sopravvivere le idee ed i ragionamenti

35 Il principio di Pareto IN ECONOMIA Il 20% delle cause produce l 80% dei risultati.. perché non applicarlo alla nostra realtà?? La semplicità è la necessità di distinguere sempre, ogni giorno, l essenziale dal superfluo

36 Il Futuro Il Passato Matteo Corradin 2015 Il coinvolgimento: l approccio pragmatico MEDICINA LEGALE & GESTIONE DEL RISCHIO CLINICI Dal 2004 al 2014 Troppa teoria Complessità Difficile applicabilità Scarso interesse L approccio pragmatico Volto all azione Semplicità Accessibilità Applicabilità Elevato interesse

37 MEDICINA LEGALE & GESTIONE DEL RISCHIO Quali gli strumenti? DIPARTIMENTI UNITÀ OPERATIVE Lo scenario clinico e le trappole da evitare Attinente le tematiche cliniche Mettere in allerta il clinico Autonomia PARLARE LO STESSO LINGUAGGIO Verso MEDICINA LEGALE e GESTIONE DEL RISCHIO SUL CAMPO

38 La strada da seguire.. Interventi formativi mirati sul campo in ogni UOC chi si annoia non impara Servizio Aziendale h24 di consulenza Medico legale Discussione trimestrale di casistica del contenzioso medico legale in ogni U.O.C. Dal contenzioso alla prevenzione Identificazione delle trappole e criticità Attività CLINICO-ASSISTENZIALE

39 .. in attesa dei numeri RIUSCIREMO A RIDURRE I SINISTRI? SI COME? Guidando i clinici sul campo : unica possibilità per una gestione sicura dell attività clinico-assistenziale AZIENDA Pazienti Personale sanitario La ragione d essere come mezzo per individuare le proprie priorità

40 Andrea Minarini Direttore U.O.C. Medicina Legale - Azienda USL di Bologna

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

U.O. di Medicina Legale. Direttore: Mauro Martini Coordinatore Progr. Risk Management e UGS

U.O. di Medicina Legale. Direttore: Mauro Martini Coordinatore Progr. Risk Management e UGS U.O. di Medicina Legale Direttore: Mauro Martini Coordinatore Progr. Risk Management e UGS Claim Management CLAIM ATTIVAZIONE Avvocati Direzioni Presidio Associazioni di Direzioni Distretto tutela cittadini

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

SICUREZZA DEL PAZIENTE E RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE

SICUREZZA DEL PAZIENTE E RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE SICUREZZA DEL PAZIENTE E RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE 26-27 Giugno 2015 Hotel 501 Vibo Valentia LA GESTIONE DEL CONFLITTO E DEL CONTENZIOSO NEI SISTEMI SANITARI Prof Pietrantonio Ricci MONITORAGGIO MEDICO-LEGALE

Dettagli

Direzione Generale Sanità

Direzione Generale Sanità SICUREZZA DEL PAZIENTE E ACCREDITAMENTO IN ITALIA IL PERCORSO DI REGIONE LOMBARDIA Enrico Burato AO Carlo Poma di Mantova Gruppo di lavoro regionale per la programmazione delle attività di risk management

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO MAGGIO 2010

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO MAGGIO 2010 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 69, 72, 75

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

La gestione dei sinistri di RCT Sanità. 7 settembre 2012

La gestione dei sinistri di RCT Sanità. 7 settembre 2012 La centralità della Gestione Sinistri Corso di formazione La gestione dei sinistri di RCT Sanità 7 settembre 2012 Il cambiamento in atto Tradizionalmente la gestione del sinistro di Responsabilità Civile

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

Progetto per la Gestione del Rischio Clinico Azienda ASL 3 Nuoro 2007-2008

Progetto per la Gestione del Rischio Clinico Azienda ASL 3 Nuoro 2007-2008 Progetto per la Gestione del Rischio Clinico Azienda ASL 3 Nuoro 2007-2008 Gennaio 2007 Pagina 1 di 7 RESPONSABILE SCIENTIFICO Dottor Antonio Maria Pinna Clinical Risk Manager ASL 3 Nuoro COORDINATORE

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI SINISTRI RAMO RCT/O DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI SINISTRI RAMO RCT/O DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI SINISTRI RAMO RCT/O DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA INDICE 1. SCOPO. 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE.2 3. RIFERIMENTI 3 3.1 Glossario 4. RESPONSABILITA...4 5. MODALITA

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli

CIMO. Riunione OO.SS. in Venezia 24 febbraio 2015. Il nuovo modello regionale di gestione dei sinistri

CIMO. Riunione OO.SS. in Venezia 24 febbraio 2015. Il nuovo modello regionale di gestione dei sinistri Riunione OO.SS. in Venezia 24 febbraio 2015 Il nuovo modello regionale di gestione dei sinistri Giacomo Vigato Settore affari giuridico amministrativi della Regione del Veneto 1 Nuovo modello regionale

Dettagli

La proposta sulla Responsabilità Professionale. per il tavolo tecnico OOSS Ministero della Salute

La proposta sulla Responsabilità Professionale. per il tavolo tecnico OOSS Ministero della Salute La proposta sulla Responsabilità Professionale per il tavolo tecnico OOSS Ministero della Salute MARZO 2012 Premessa La responsabilità professionale è diventata negli ultimi anni una questione molto rilevante

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

Str St a r te t gie gie orga g nizzative v e pe pe la promozione ne e sicu c r u ezza del de pa zien e te n : te proce oc dur e,line lin e e

Str St a r te t gie gie orga g nizzative v e pe pe la promozione ne e sicu c r u ezza del de pa zien e te n : te proce oc dur e,line lin e e Strategie organizzative per la promozione e sicurezza del paziente: procedure, linee guida, gestione della documentazione. Dalla qualità alla responsabilità. Andrea Minarini Direttore U.O.C. Medicina Legale

Dettagli

SIMES. Sistema Informativo Monitoraggio Errori in Sanità. Potenza 22 aprile 2009

SIMES. Sistema Informativo Monitoraggio Errori in Sanità. Potenza 22 aprile 2009 SIMES Sistema Informativo Monitoraggio Errori in Sanità Potenza 22 aprile 2009 Dott.ssa Maria Pia Randazzo Direzione Generale Sistema Informativo Ufficio NSIS Simes - obiettivi Monitoraggio Imparare dall

Dettagli

RISCHIO CLINICO ED EVENTO AVVERSO. Un approccio di Risk Management

RISCHIO CLINICO ED EVENTO AVVERSO. Un approccio di Risk Management RISCHIO CLINICO ED EVENTO AVVERSO. Un approccio di Risk Management Corso di Alta Formazione Formazione Permanente Milano 9 maggio - 12 luglio 2014 Con il patrocinio di: In collaborazione con: Federazione

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE DELLA PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI SINISTRI RCT DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO.

OGGETTO: APPROVAZIONE DELLA PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI SINISTRI RCT DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO. DELIBERAZIONE N. DEL OGGETTO: APPROVAZIONE DELLA PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI SINISTRI RCT DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO. L anno 2013 giorno e mese sopraindicati, Il sottoscritto Dott. Marco Luigi

Dettagli

La tutela legale e le coperture assicurative. Dott. Attilio Steffano Broker di Assicurazioni,

La tutela legale e le coperture assicurative. Dott. Attilio Steffano Broker di Assicurazioni, La tutela legale e le coperture assicurative Dott. Attilio Steffano Broker di Assicurazioni, L ultimo termine per l assolvimento dell obbligo assicurativo per i professionisti della sanità Il futuro delle

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Dott.ssa Cristina Matranga Coordinamento Regionale Rischio Clinico INCIDENZA DI PAZIENTI INFETTI 5,2% IN ITALIA

Dettagli

Introduzione al Risk Management nelle strutture sanitarie. Il punto di vista di un settore delle Assicurazioni

Introduzione al Risk Management nelle strutture sanitarie. Il punto di vista di un settore delle Assicurazioni Introduzione al Risk Management nelle strutture sanitarie Il punto di vista di un settore delle Assicurazioni Istituti di cura, posti letto, per tipo di istituto - Anno 1999 Istituti Posti letto TIPO DI

Dettagli

24-11-2014 2/3 1 / 3. Settimanale. Data Pagina Foglio. Codice abbonamento:

24-11-2014 2/3 1 / 3. Settimanale. Data Pagina Foglio. Codice abbonamento: 2/3 1 / 3 1 1 3 1 / 2 3 2 / 2 ASEFIBROKERS.COM (WEB) 17-11-2014 1 Lunedì 17 Novembre 2014 Cerca nel sito: Home Assicurazioni Banche Brokers Aziende Chi siamo Contatti Home» Cineas: la medicina difensiva

Dettagli

Onorari per prestazioni medico legali in ambito civilistico extragiudiziale.

Onorari per prestazioni medico legali in ambito civilistico extragiudiziale. Al termine di un indagine conoscitiva delle tariffe medie professionali applicate sul territorio dagli specialisti medico legali, il Consiglio Direttivo Regionale Veneto, in sintonia con alcuni orientamenti

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome BRUNELLI VALENTINA Telefono 0372 405737 Fax 0372 405524 E-mail Nazionalità v.brunelli@ospedale.cremona.it Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

«Risk Management in ospedale, tra governance e assicurazioni»

«Risk Management in ospedale, tra governance e assicurazioni» «Risk Management in ospedale, tra governance e assicurazioni» LA SALUTE: ASSICURARE LA MEDICINA E PROTEGGERE I CITTADINI Roma, 29 novembre 2012 Teatro Capranica 1 agenda Chi è Cineas Lo scenario L ospedale

Dettagli

La responsabilità della sicurezza: una proposta operativa

La responsabilità della sicurezza: una proposta operativa La responsabilità della sicurezza: una proposta operativa Convegno M 3 : Medical Malpractice e Media Dott.ssa Alessandra De Palma Direttore UOC di Medicina Legale e Gestione Integrata del Rischio Azienda

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE

GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE Direzione del Servizio Infermieristico e Tecnico GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE Annita Caminati e Roberta Mazzoni RISK MANAGEMENT Insieme di attività coordinate per gestire un organizzazione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome TAVAZZI MICHELE Indirizzo Via della Zecca n.1 40121 Bologna Telefono 051-236991 Fax 051-268152 E-mail m.tavazzi@assolegali.it E-mail

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte La Cultura della Sicurezza in sala Operatoria Fondazione A.Pinna Pintor 22 Novembre 2008 Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte Marco Rapellino Coordinatore Scientifico Gruppo Rischio Clinico

Dettagli

Responsabilità sanitaria e assicurazioni: criticità e proposte

Responsabilità sanitaria e assicurazioni: criticità e proposte Responsabilità sanitaria e assicurazioni: criticità e proposte Dario Focarelli Direttore Generale, ANIA Convegno «La responsabilità sanitaria: problemi e prospettive» Roma 20 marzo 2015 Agenda I messaggi

Dettagli

PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RISCHI DI RESPONSABILITA CIVILE SANITARIA DELLE AZIENDE SANITARIE ED ENTI OSPEDALIERI DELLA REGIONE LIGURIA

PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RISCHI DI RESPONSABILITA CIVILE SANITARIA DELLE AZIENDE SANITARIE ED ENTI OSPEDALIERI DELLA REGIONE LIGURIA Allegato B) al Disciplinare di Gara PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RISCHI DI RESPONSABILITA CIVILE SANITARIA DELLE AZIENDE SANITARIE ED ENTI OSPEDALIERI DELLA REGIONE LIGURIA CAPITOLATO SPECIALE SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Oggetto: Convenzione con la ASL RM/D per l attività di consulenza professionale di un avvocato esperto in materia di diritto civile ed assicurativo.

Oggetto: Convenzione con la ASL RM/D per l attività di consulenza professionale di un avvocato esperto in materia di diritto civile ed assicurativo. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE - -------------------------------------------------------------------------------- numero data Oggetto: Convenzione con la ASL RM/D per l attività di consulenza professionale

Dettagli

CODAU SANITA Pavia - 24 settembre 2015

CODAU SANITA Pavia - 24 settembre 2015 CODAU SANITA Pavia - 24 settembre 2015 Il Gruppo Codau Sanità, coordinato dal Direttore Generale dell Università degli Studi di Pavia, Dott.ssa Emma Varasio, si è riunito a Pavia il 24 settembre 2015,

Dettagli

Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO

Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO 12/11/12$ Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO Il contesto ambientale Il ruolo della giurisprudenza La medicina difensiva Il ruolo del singolo operatore Il ruolo del legislatore 1$ Responsabilità

Dettagli

Gli onorari di seguito riportati si intendono al netto di IVA, a cui sono assoggettati.

Gli onorari di seguito riportati si intendono al netto di IVA, a cui sono assoggettati. Al termine di un'indagine conoscitiva delle tariffe medie professionali applicate sul territorio nazionale dagli specialisti medico legali, il Consiglio Direttivo Nazionale ha proceduto all'elaborazione

Dettagli

Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010

Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010 REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO PIEMONTE Ctr. Papardo tel.090-3991 Messina Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010 La riduzione del rischio

Dettagli

Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie

Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie Mostra Dettagli Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie Il sistema sanitario è un sistema complesso in cui interagiscono molteplici fattori

Dettagli

IDEE PER LA SANITA PROF. VITO D ANDREA

IDEE PER LA SANITA PROF. VITO D ANDREA IDEE PER LA SANITA PROF. VITO D ANDREA Il Servizio Sanitario Nazionale Italiano è universale e garantisce a tutti l assistenza sanitaria gratuita, fondandosi sulla medicina di famiglia, sulla continuità

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSSIONALE DI: Francesco Cantore

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSSIONALE DI: Francesco Cantore CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSSIONALE DI: Francesco Cantore Nazionalità Anno di nascita Italiana 1960 Esperienza lavorativa 1 aprile 2003 a oggi Direttore struttura complessa UOSM B Eboli, Deliberazione

Dettagli

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA GESIRAD MASTER DI I LIVELLO Scienze tecniche applicate alla gestione dei servizi informativi in diagnostica per immagini dott.ssa

Dettagli

DELIBERAZIONE del DIRETTORE GENERALE assunta ai sensi dell art. 36 della L.R.T. 24/02/2005 n. 40

DELIBERAZIONE del DIRETTORE GENERALE assunta ai sensi dell art. 36 della L.R.T. 24/02/2005 n. 40 DELIBERAZIONE del DIRETTORE GENERALE assunta ai sensi dell art. 36 della L.R.T. 24/02/2005 n. 40 Oggetto: CAUSA R.G. 62734/2010 AVANTI AL TRIBUNALE DI LUCCA. DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA DEFINIZIONE DEL

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE D ÈQUIPE IN AMBITO SANITARIO. Aspetti medico legali. Chiavari, 18 settembre 2015

LA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE D ÈQUIPE IN AMBITO SANITARIO. Aspetti medico legali. Chiavari, 18 settembre 2015 LA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE D ÈQUIPE IN AMBITO SANITARIO Aspetti medico legali Chiavari, 18 settembre 2015 le problematiche medico legali relative al trattamento delle infezioni si inquadrano nel tema

Dettagli

Il Risk Management: risultati conoscitivi dell attività della ASSR

Il Risk Management: risultati conoscitivi dell attività della ASSR Il Risk Management: risultati conoscitivi dell attività della ASSR Sara Albolino sara.albolino@regione.toscana.it Centro Gestione Rischio Clinico Regione Toscana Organismi nazionali Commissione-gruppo

Dettagli

- Con decreto del Segretario regionale per la Sanità, assunto in data

- Con decreto del Segretario regionale per la Sanità, assunto in data Allegato A) al Decreto del Direttore Generale n.1008 del 31/12/2012 PROTOCOLLO D INTESA TRA LE AZIENDE DELL AGGREGAZIONE PROVINCIALE DELLE AZIENDE SANITARIE FACENTI CAPO ALL'UFFICIO SINISTRI PREVISTO PRESSO

Dettagli

Quality e Risk Management

Quality e Risk Management Lo sviluppo della funzione di Quality e Risk Management nell ASL di Cagliari i Dott.ssa Rita Pilloni Cagliari i 18 marzo 09 La funzione di gestione dei rischi e patient safety nell Asl di Cagliari Direzione

Dettagli

Governance e Risk Management in Sanità Il punto di vista del Direttore Generale

Governance e Risk Management in Sanità Il punto di vista del Direttore Generale AZIENDA OSPEDALIERA CTO/MARIA ADELAIDE TORINO Governance e Risk Management in Sanità Il punto di vista del Direttore Generale Alberto Andrion Management in Anatomia Patologica: Quale rischio? Roma 22 24

Dettagli

Piano Annuale di Risk Management Anno 2014

Piano Annuale di Risk Management Anno 2014 Allegato n. 1 alla deliberazione n..del. Piano Annuale di Risk Management Anno 2014 20024 - Garbagnate Milanese - Viale Forlanini, 121 Tel.02.994.301 Cod. Fisc. e Part. IVA 12314450151 posta elettronica

Dettagli

Meris.fiamminghi@ausl.bo.it. Manageriale - Dirigente delle Professioni Sanitarie L.251/00

Meris.fiamminghi@ausl.bo.it. Manageriale - Dirigente delle Professioni Sanitarie L.251/00 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI FIAMMINGHI MERIS telefono 0516225173 ( segret. SATER Bellaria ) Fax 0516225312 E-mail Meris.fiamminghi@ausl.bo.it Nazionalità Italiana Data

Dettagli

Ostetricia Foligno. Tavola rotonda su Realtà umbra in perinatologia. Le garanzie assistenziali pre e postnatali

Ostetricia Foligno. Tavola rotonda su Realtà umbra in perinatologia. Le garanzie assistenziali pre e postnatali Congresso congiunto AOGOI-SIP-SIN EVENTO PARTO NASCITA Foligno 25-26 novembre 2013 Tavola rotonda su Realtà umbra in perinatologia Le garanzie assistenziali pre e postnatali Ostetricia Foligno SC Ostetricia

Dettagli

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 21-04-2008 (punto N. 13 ) Delibera N.297 del 21-04-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 21-04-2008 (punto N. 13 ) Delibera N.297 del 21-04-2008 DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 21-04-2008 (punto N. 13 ) Delibera N.297 del 21-04-2008 Proponente ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE PROGETTO TRIENNALE DI POTENZIAMENTO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE NEL LAZIO, ANNI 1998/2000. Premessa Il programma di assistenza

Dettagli

Anni 1942-1990. 60 83 201 (di cui 81 nel periodo 2008-2011) Rapporto a/b 0,03% 0,05% 0,17%

Anni 1942-1990. 60 83 201 (di cui 81 nel periodo 2008-2011) Rapporto a/b 0,03% 0,05% 0,17% (a) Massime archiviate dal CED (b) Massime in tema di responsabilità medica Anni 1942-1990 Anni 1991-2000 Anni 2001-2011 224.766 152.484 119.139 60 83 201 (di cui 81 nel periodo 2008-2011) Rapporto a/b

Dettagli

DELIBERAZIONE n 1024 del 12.07.2013

DELIBERAZIONE n 1024 del 12.07.2013 DELIBERAZIONE n 1024 del 12.07.2013 OGGETTO: ASL Nuoro. IL DIRETTORE GENERALE Dott. Antonio Maria Soru VISTA la propria deliberazione 1197 del 25.09.2012 con la quale è stata affidata alla Società XL Insurance

Dettagli

Prevenzione e compensazione dei danni insorti. in corso di assistenza sanitaria. Francesco Taroni. Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica

Prevenzione e compensazione dei danni insorti. in corso di assistenza sanitaria. Francesco Taroni. Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica Prevenzione e compensazione dei danni insorti in corso di assistenza sanitaria Francesco Taroni Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica (francesco.taroni@unibo.it) (1) Il contesto Epidemiologia degli

Dettagli

Il Risk assessment nei sistemi sanitari

Il Risk assessment nei sistemi sanitari Il Risk assessment nei sistemi sanitari Aula Magna Università degli Studi di Milano 20 Novembre 2007 Piano Sanitario Nazionale 2006-2008 www.ministerosalute.it Cap. 4.4 La promozione del Governo clinico

Dettagli

DELLE PROTESI MOBILI DENTARIE

DELLE PROTESI MOBILI DENTARIE Azienda USL Pescara Direttore Generale Dott. C. D Amario U.O.S. Risk Management Responsabile Dr.ssa Annamaria Ambrosi Rev. 0 2015 PROCEDURA OPERATIVA GESTIONE DELLE PROTESI MOBILI DENTARIE e/o ACUSTICHE.

Dettagli

Corso di aggiornamento

Corso di aggiornamento Brescia Corso di aggiornamento Responsabilità dell infermiere oggi: quando occorre assicurare Il proprio rischio professionale.. G. Valerio 14 ottobre 2009 Uno dei principali punti critici della professione

Dettagli

Responsabilità sanitaria e assicurazioni: alcune criticità e possibili soluzioni

Responsabilità sanitaria e assicurazioni: alcune criticità e possibili soluzioni Responsabilità sanitaria e assicurazioni: alcune criticità e possibili soluzioni Roberto Manzato Convegno «La responsabilità medica» Milano 20 novembre 2012 Roberto Manzato 1 MESSAGGI CHIAVE Molti paesi

Dettagli

TESTO UNIFICATO ADOTTATO COME TESTO BASE

TESTO UNIFICATO ADOTTATO COME TESTO BASE Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario (seguito esame C. 259 Fucci, C. 262 Fucci, C. 1324 Calabrò, C. 1312 Grillo, C. 1581 Vargiu, C. 1902 Monchiero, C. 1769 Miotto,

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE D OPERA INTELLETTUALE

CONTRATTO DI PRESTAZIONE D OPERA INTELLETTUALE CONTRATTO DI PRESTAZIONE D OPERA INTELLETTUALE TRA L Azienda Ospedaliera Istituti Clinici di Perfezionamento (di seguito A.O. I.C.P.), con sede in Milano, Via Daverio n. 6, codice fiscale n. 80031750153

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Valentina Alonzo Data di nascita 15/11/1973 Qualifica Collaboratore Amministrativo Professionale Esperto Amministrazion Azienda USL Roma D e Incarico attuale Posizione Organizzativa

Dettagli

bartolomeo.silvestri@alice.it

bartolomeo.silvestri@alice.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Silvestri Bartolomeo Data di nascita 09/08/1953 Indirizzo Via La Martella,86-75100 Matera Telefono cellulare 331 5454546 E-mail Qualifica bartolomeo.silvestri@alice.it

Dettagli

1) dal 27.6.80 al 31.10.94 : dirigente medico settore di medicina. 2) Componente della Commissione Invalidi Civili Aversa II, (medico del

1) dal 27.6.80 al 31.10.94 : dirigente medico settore di medicina. 2) Componente della Commissione Invalidi Civili Aversa II, (medico del REGIONE CAMPANIA AZIENSA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana n 28 Caserta Curriculum Formativo e Professionale del dott. Mariano Buniello Informazioni Personali Buniello Mariano Via Giuseppe Zanardelli

Dettagli

ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO

ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO 1.INTRODUZIONE Questo documento contiene le finalità e le indicazioni operative

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

Curriculum Vitae Giovanni Rapisarda. 0952540736 telefono cellulare aziendale: nessuno giovanni.rapisarda@aspct.it

Curriculum Vitae Giovanni Rapisarda. 0952540736 telefono cellulare aziendale: nessuno giovanni.rapisarda@aspct.it INFORMAZIONI PERSONALI Giovanni Rapisarda 0952540736 telefono cellulare aziendale: nessuno giovanni.rapisarda@aspct.it Data di nascita 01/10/1962 Nazionalità Italiana POSIZIONE ATTUALE RICOPERTA Dirigente

Dettagli

LE LINEE DIINDIRIZZO REGIONALE

LE LINEE DIINDIRIZZO REGIONALE CORSO DI FORMAZIONE PER FACILITATORI RISCHI CLINICO Il Rischio nelle organizzazioni sanitarie: Relazione tra rischio clinico e sicurezza degli operatori. 28-29 29 ottobre e 20 Novembre 2014 D.ssa Manuela

Dettagli

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 PDTA della persona con SLA esperienza dell area bolognese Fabrizio Salvi Antonella Dallari Manuela Panìco L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 3 Da un incontro

Dettagli

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi Programma a finanziamento ministeriale Percezione di qualità e risultato delle cure: costituzione di una rete integrata di osservatori regionali Seminario interregionale IL CIRCOLO VIRTUOSO DEL RECLAMO

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Data di nascita 18/09/1951. Occupazione desiderata e/o Settore professionale. Componente dell Organismo Indipendente di Valutazione

CURRICULUM VITAE. Data di nascita 18/09/1951. Occupazione desiderata e/o Settore professionale. Componente dell Organismo Indipendente di Valutazione CURRICULUM VITAE Informazioni personali Nome / Cognome RENATO MALTA Codice fiscale MLTRNT5P18B486N Indirizzo di residenza Via Matrice, 52 92022 Cammarata Domicilio Via Houel, 5 90138 Palermo Telefono +

Dettagli

Incarico attuale RESPONSABILE U.O. VERTENZE E PROCEDIMENTI DISCIPLINARI MATURITA CLASSICA CONSEGUITA NEL 1983 CON VOTAZIONE DI 60 /60

Incarico attuale RESPONSABILE U.O. VERTENZE E PROCEDIMENTI DISCIPLINARI MATURITA CLASSICA CONSEGUITA NEL 1983 CON VOTAZIONE DI 60 /60 C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI CAMPISI GIUSEPPE matr. 09194 Data di nascita 14 04 1965 Qualifica DIRIGENTE AMMIINISTRATIVO Amministrazione AUSL 6 PALERMO Incarico attuale RESPONSABILE

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon PREMESSO che: - Le esperienze condotte principalmente

Dettagli

PA SQ-10 Rev 6 del 15.05.2015

PA SQ-10 Rev 6 del 15.05.2015 Rev 6 del 15.05.2015 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 15.05.2015 Dr.ssa E. Redolfi Sig.ra R. Straffi Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa Di Palo Dr. P. Cannatelli Pag. 2

Dettagli

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a.

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a. DOCENZE Data 2010 Ente organizzatore Montedomini, centro servizi e formazione Titolo del corso Aggiornamento teorico pratico per personale operante in strutture sanitarie riabilitative Docenza Riprogettazione

Dettagli

ANDAMENTO E COSTO DEL CONTENZIOSO A LIVELLO NAZIONALE

ANDAMENTO E COSTO DEL CONTENZIOSO A LIVELLO NAZIONALE ANDAMENTO E COSTO DEL CONTENZIOSO A LIVELLO NAZIONALE QUARTA EDIZIONE MEDMAL CLAIMS ANALYSIS Emanuele Patrini Healthcare Practice Leader Marsh Risk Consulting Healthcare Risk Manager - Marsh Spa Milano

Dettagli

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il contesto normativo regionale DGR 7328 del 11 dicembre 2001 Individuazione della rete regionale

Dettagli

Possibili iniziative di ricerca e formazione FISM-BOCCONI su

Possibili iniziative di ricerca e formazione FISM-BOCCONI su Possibili iniziative di ricerca e formazione FISM-BOCCONI su Linee guida, Criteri di accreditamento, Responsabilità professionali Elisabetta Trinchero 22.05.2014 TRA I RUOLI DELLE SOCIETA SCIENTIFICHE:

Dettagli

Gestione del danno dentario

Gestione del danno dentario Pag. 2 di 7 MODIFICHE Rev. Approvazione Data Visto Pagine Modificate Tipo natura della modifica SCOPO Fornire indicazioni sulle modalità di gestione dei casi di lesioni dentarie o di protesi fisse/mobili

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

Convegno Nazionale GISMa 2009

Convegno Nazionale GISMa 2009 Convegno Nazionale GISMa 2009 Carcinomi intervallo: cambia il panorama medico-legale? Il parere del medico legale di Assicurazione Luigi Mastroroberto Peschiera del Garda, 12-13 marzo 2009 Ministero della

Dettagli

Medico convenzionato per la medicina generale

Medico convenzionato per la medicina generale F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Aversa Mario Indirizzo Alfonso Balzico, 2-84122 Salerno Telefono 081/515.23.33 Fax 081/515.23.33 E-mail mario.aversa@libero.it

Dettagli

n Organo ufficiale di informazione dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Latina

n Organo ufficiale di informazione dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Latina NEWS ANNO XXVIII - N.4 - OTTOBRE 2006 Medicina Bollettino dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Latina Pontina n Organo ufficiale di informazione dell Ordine dei Medici

Dettagli

Area Standard Buona pratica Ambito di applicazione

Area Standard Buona pratica Ambito di applicazione Area Standard Buona pratica Ambito di applicazione Sviluppo sistema di gestione del rischio clinico Prevenzione e gestione degli eventi avversi Gestione della relazione e della comunicazione interna e

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

GESTIONE PROTESI DENTARIE

GESTIONE PROTESI DENTARIE GESTIONE PROTESI DENTARIE Direzione: Direzione Sanitaria Codice: GEN-DS-IL-GESTIONE PROTESI DENTARIE-00 Rev. 0.0 Data: 20/08/08 D.S. U.G.R. Direttore Sanitario Coordinatore U.G.R. REVISIONI1 Rev. Data

Dettagli

CONVEGNO LA GESTIONE DEL RISCHIO PER UNA SANITA SICURA IL MEDICO LEGALE ED IL CONTENZIOSO NELLA PROSPETTIVA DELLA GESTIONE DEL RISCHIO

CONVEGNO LA GESTIONE DEL RISCHIO PER UNA SANITA SICURA IL MEDICO LEGALE ED IL CONTENZIOSO NELLA PROSPETTIVA DELLA GESTIONE DEL RISCHIO CONVEGNO LA GESTIONE DEL RISCHIO PER UNA SANITA SICURA IL MEDICO LEGALE ED IL CONTENZIOSO NELLA PROSPETTIVA DELLA GESTIONE DEL RISCHIO Giuseppe Venturini Direttore Struttura Complessa Medicina Legale Ausl

Dettagli

Sono, inoltre, sempre garantite: Ferme le esclusioni previste dalla polizza, indichiamo di seguito le principali:

Sono, inoltre, sempre garantite: Ferme le esclusioni previste dalla polizza, indichiamo di seguito le principali: Underwriting Scheda Informativa FOCUS ESIGENZE DEL MEDICO DESCRIZIONE Essere garantito nell esercizio della propria attività professionale medica; Essere protetto in caso di sinistro o in caso di richiesta

Dettagli

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici di Medicina Generale e Pediatri C.A.D. U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici Specialisti Servizio Farmaceutico

Dettagli

Il sistema di Incident reporting

Il sistema di Incident reporting Il sistema di Incident reporting L esperienza della Regione Emilia-Romagna Elementi di scenario Forte interesse della letteratura agli errori in Medicina Attenzione dei mass media agli episodi di malasanità

Dettagli

«Dalle ragioni di tutti ad una soluzione condivisa»

«Dalle ragioni di tutti ad una soluzione condivisa» «Dalle ragioni di tutti ad una soluzione condivisa» LA SALUTE: ASSICURARE LA MEDICINA E PROTEGGERE I CITTADINI Roma, 29 novembre 2012 Teatro Capranica MARIA BIANCA FARINA Vice Presidente ANIA Crescente

Dettagli

Gli interventi delle professioni sanitarie

Gli interventi delle professioni sanitarie Gli interventi delle professioni sanitarie 19 febbraio 2015 Dott. BALDINI CLAUDIO Direttore UOC Direzione Professioni Sanitarie Territoriali ASL 11 EMPOLI 23/02/2015 1 Secondo me la missione delle cure

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Master di I livello in area sanitaria

Facoltà di Giurisprudenza Master di I livello in area sanitaria Facoltà di Giurisprudenza Master di I livello in area sanitaria Anno Accademico 2008/2009 PROGETTO FORMARSI PER CRESCERE Proposta formativa in favore dell evoluzione professionale e contrattuale degli

Dettagli

Formato Europeo. Scheda Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI CUTILLO GIUSEPPE

Formato Europeo. Scheda Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI CUTILLO GIUSEPPE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CUTILLO GIUSEPPE Data di nascita 12 DICEMBRE 1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell Ufficio/U.O./Servizio Dirigente Medico Azienda Ospedaliera

Dettagli

Udine, 30 ottobre 2015

Udine, 30 ottobre 2015 Udine, 30 ottobre 2015 2 CONVEGNO INTERREGIONALE CARD La Prevenzione nel distretto DIREZIONI TECNICHE REGIONALI: Stato dell arte nelle Regioni del Triveneto, della realizzazione delle leggi di riforma

Dettagli