% &. ( 8!9))& :9 +) &1; ;% &.66 %8(*))$ <.$6 &$=$ > ; $

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "% &. ( 8!9))& :9 +) &1; ;% &.66 %8(*))$ 5 5 5 1 <.$6 &$=$ > ; $"

Transcript

1 & & &#$ - % &. ( 89))& :9 +) &1; ;% &.66 %8(*))$ <.$6 &$=$ > ; $ 55 1$ & 1 =$? & =$ "; & =$ 1 $?11 A%%%% 5. &$ 5$1* %%*%%%& $ 1. 1 % " $&=$6 /%9%%%,*(&B11 * $1.1$ 1 %%%*%%-% +%9+%8- &%1 $$&$" ; "#$ % &'%()*+), +-+)))-./()*+), 0 1

2 . $? 5 > 5 $ 5 $ =$$.<%9%)%%%,*(C $< $ $ ;%5 %,9*& <%,)&% &?D =$$<%9&%,+&%%%+*C ; 6 %(8,8* *,8%% %; > 5 -A1 B <'$ $ 1 < 6 5 > - +%9 +%8-1 $.$$ 1 C ""#" $ % $ &$' () & * "+,-., +/-.0-.0$ 1. 1 $ $ 5 6 1$. * $ ? C =$6 < 5 >. $ $? <%,;%E%9**,8 %, ' 6 0& 56 1 $ 5$ $ 55 6 C ;%%,+ *%% %C ;%E%9**,8%, C ;%E% *)*,C #" "#$ % &'%()*+), +-+)))-./()*+), 0 2

3 $%&'(" )$* " <11& $ 1>. $ 5. $ $ 1 $ & 1 55?$=$.$$ > & 5 1 <.$$ 1 $ $ $ 666 1% 1. & $ 5.. $. 11$'.%- 1 -%(8*,8%% %0% )"+ +,. &$ '1 $0&..$ & 1.$ 99( 6,,,,, E,,9?,, $ & &?& 5=$ $ 5,,,+8'0 & 5=$ $ 5,+9,+( & 5=$ $ 5,+,)+ 1. $ 5 1,)(,8'0.? 1 =$.$ $ & 5 =$ $ 5,)(,9,),, '0. $ '1 01. $ & 5 =$ $ 5,),,, 99 $ 1$ 6 9'0. $,))8 5$,))+ $$ "#$ % &'%()*+), +-+)))-./()*+), 0 3

4 ,)( '0 " 9,+' ) 8,,, 9, 9 9'0,)(,,)(,)), ". $ F 6 '07 1 =$ 1 1. =$ 5 '(8*,80 '07$ $?D > 66 '0 7.6 ' $6 '07.6 > 66 '0 7.6 $1 1. $ 1 A,7. $. 6 1 ' 0," + $ $&$ & $ &&1 $ 1 5 =$ $ 59,8 16 1$6 11. $. $ 1 '. 1& &1 0. $ $ $..6. $ 1$ 6.$. $ :. $ < 6. $ '07$? '0 7. $? $ 5 5. "#$ % &'%()*+), +-+)))-./()*+), 0 4

5 $5 66?1?.?. 6 $6 A 7. $. 6 1 G'1 6 $6 0 " + + '0.? 1..$. $ & 1$ 6 6 1,'0 1$6 5?'..B&B0,)+,'0 1. $ $ 1,)(+'0.? 1 =$.$$.? 1 =$.$ $ & 5 =$ $,)(, '0 5,)(,, 98'0 $ 66 1 $.6 " '07$ 5 11 '07. $ $ 6 '0 7.6 $ ' $6 '07 1 =$ 1 1. =$ 5 '(8*,80 A97. $. 6 1 ' " (- +,9 $ 5 98 $ 66 1 $.6 6. $ &1$ ','0..B&B0 9,, $? 9,+'0 $&$ & $ &&1 $ 1 5 =$ "#$ % &'%()*+), +-+)))-./()*+), 0 5

6 $ 59,8,+,9,(. $ $,9( 5=$ $ 5,9,. $ 1 1? 9. $ " '07. $ '07 $ $? A87. $. 6 1 ;'1 1 =$ >0 " ; ' 1 1 =$ >0 1 =$ $7 " ;%5 %(8*,8'0& 1=$1 1;%%89*,9&? ) ) 2& 3 4 & 3# * 3 )& ) 2&5671 " H? ) ) 2& 3 4 & 3# * $ ) 8(4 " A$ =$11& 1?& 16=$15 $ $ 66 5 '0& > 1 > < 15 16%; $6& 1..$. $ 6 ;&1 $.$ <6 5 6 % 1?& =$ $6 & $155> $ 6 $ 1 5 > 1 &. $ % "#$ % &'%()*+), +-+)))-./()*+), 0 6

7 "' ' '' 6,7. $ +,+,,,+,+ 1,+,,,..6. $ $ 6 7. $ 5,+, 5,, 51 5.$ $$6 5, :,), + :1. $, $ $ $,, 6,,, $$.,, 15 1.,+,8,,,.,8+.,),,(. $ 1 & 5 =$ $ 5,),,,),.,8..6. $ $ & $ 56 &. $. 7, )). $ 1.,,)). $ $1. 1? $ 1,8. $ 1 '$ 0 "#$ % &'%()*+), +-+)))-./()*+), 0 7

8 ,+, 1, 9,), 8 1,9)..6. $ $ $,+,9,, 6,), 5=$ $ 5,), 5 =$ $ 5, 9& 15..6,9(. $ $ A +7. $. 6 1 ' )$. - $ B $ 1 =$ 5. $ 5 1 < 6 $ 666. ',0& $$ 44*44*4444'.%1% % $ B H $ 1& 6 1 $& $ % ;%E%,% 5 ))) 3)))) $ ) 9 * +:7 5 11$ < >. $ 1 <.1 & $155>5.. > & <%9$ ;%E%&$. $55$ %. 5. 1=$1. > =$$& $1>..$1$. $?; 11. & $%8 ;%E%,& 5 1 >? $ 5 $ $ % 1.? 5 1$. $ 5 $%. $ 1. $ 6. >1 51 $% "#$ % &'%()*+), +-+)))-./()*+), 0 8

9 1. $? $. 1 $ 5 $ 5 6 '1 7 1$. $& $ 1$6 & 1. $ % & <11. 5> 1<6. $ 666 & $ B ; %$$51>5.?<5$6 % $ 5 $ $5 $ 66 5 & 5> $ 6 $5$ 5 6 *$51 6 $% )$/-. $ 5. $$& $ 66 & &515 &16 <$1 $ % A. $ & 1 16<$ & 55 *$ $% )$0-I$ $ $ &$ 15. $?7 " 1$ B <6 C " 66 5 =$ 5>..$. $ $ 11 & $ ;%E%, *,8% )$1-$ 1 5$. $ $ <%, 156 &1$?D=$ $.1 & 1 =$ $ $ 66 5';%(8*,8-0% )$2-. $155>7 "5. 1. $. $. ><. $. & $ 1 %,& C 5.6 $ 1> 1. 6 C " $ 1' > 1 0. > 1. $. C "..$< $. & 1?1 < $ <% 8 ;%E%,&. 5.. >?.$. 6 % "#$ % &'%()*+), +-+)))-./()*+), 0 9

10 I$& $ $. >&. $ $ & $155>1 & $ 6 ; 11 1 ' $&5 -A1 0% )$3 -. & =$ ' =$ 55 6.$. 6 &$. > $ <%1$?D 1 5& $ > $ 1$? 5>. <$ <$66?1. $ 1$CH $ > $. 1 $& > $6 % )$4 - $ 5..$ $ 5 1 $?. &. ; 6 % 666 ; % )$5-.. >. 1?. $? =$5. <. $ %(156 & $ 5 1< $& 5$1$ % )$*6-$ '0 6 $ 6 % )$** ?55 $& =$ $ =$ >.. 5. &'7' ('8.9 $ 51 $ $ > ; %% %,*,9*8* %$ 15 $ 1 $ F%9J+8)*)+'515 0& : 5$ $ 1 >*1 > * %.$ $5>6 % )$*.-1.$5> <$6 5 6 % 1 11 F%+;%% 9,* % '$ 0.. $ 51 1 $. 5 $ $& $& 5 5 > "#$ % &'%()*+), +-+)))-./()*+), 0

11 6 1$?D. >6.. $ ;%%%%,*,9*8*8% =$ 6.$6 $ 5>..$ $ 5 1 $ 6 <"'$ 0.. $ 51 $11 6. >% )$*/-11$ 1$& & $ 61$ $ A%%%%% )$*0 < 1 $ 1.. $ B =$ & $ $% F. 1 5> $ 5 1 $=$ =$ 1. 1 & =$ $%F 1 $ $.$* $ 6666$*$6?. % 1 51F 1 $ =$ * 6. &=$ 1 $ $=$ $ K?1 5 1 % $66 $ 66 $ >&. F.$,L*?% $66 $ =$ =$ $$ % )$*1-$ $ 1 > * 1*?55$. *.. $ F. &$ 1 6& $ 1 6 5& 1 5 $66$$ 5 1F % )$* $ 11 =$ $ $.155 $ >1 *1 1 $ 5 1 & $ 5? 6 & % "#$ % &'%()*+), +-+)))-./()*+), 0 11

12 )$*3 - $ > 5 F 6. $ > 11.1 &11$$ 6 $% )$*4-1 $6 1 1 B 5 $1; $$% )$*5-$ =$ * % )$.6-1B 6 $. <$ C 5$ 1&?D1$ < 1 $% $ $ %,98,% %,& &9&8&,,&, &,9&,8&,+&,&,&,)% $ $ "#$ % &'%()*+), +-+)))-./()*+), 0 12

13 )::)$;* 8 '& 9 "#$ % &'%()*+), +-+)))-./()*+), 0 13

14 Spett.le CIPNES Gallura PEC. Domanda di autorizzazione al conferimento di rifiuti Il/la sottoscritto/a Codice fiscale Nato/a a il Residente in Via n. In qualità di Funzionario Dirigente del Comune di Provincia Tel. Fax P.E.C. CHIEDE di essere autorizzato al conferimento dei rifiuti di seguito elencati: Codice CER Descrizione del rifiuto Stima quantitativo da conferire [kg] Frequenza di conferimento prevista (unica, giornaliera, mensile ) 1

15 presso la Piattaforma di trattamento e smaltimento RSU/RS del CIPNES Gallura, sita nel comune di Olbia, Loc. Spiritu Santu, avvalendosi dei mezzi di seguito elencati (o compresi in apposito elenco allegato): TARGA TIPOLOGIA MEZZO Luogo e data Timbro e firma leggibile Allegati: - scheda descrittiva del rifiuto per ciascun codice CER indicato nella richiesta di autorizzazione. La scheda deve essere compilata a cura del produttore del rifiuto; - copia del documento di iscrizione all albo dei trasportatori di rifiuti; - copia dell ultima ricevuta di versamento della quota di iscrizione all albo dei trasportatori di rifiuti; - scheda di caratterizzazione (ai sensi del D.M.27/9/2010), compilata dal produttore per ciascuna tipologia di rifiuto per il quale si richiede l autorizzazione al conferimento; - dichiarazione attestante l assimilabilità dei rifiuti speciali agli urbani (ove necessaria), in base ad apposito regolamento comunale. 2

16 Consenso al trattamento dei dati personali Il sottoscritto dichiara di aver ricevuto completa informativa ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003, unitamente a copia dell art. 7 della legge medesima ed esprime il consenso al trattamento dei propri dati personali, anche sensibili, qualificati dalla citata legge, nei limiti e per le finalità precisate nell informativa. Autorizza inoltre l azienda ad effettuare tutti i trattamenti sopra citati fino a quando ritenuto utile dall azienda stessa e comunque non oltre alla richiesta di cancellazione dalla banca dati. Firma 3

17

18

19 "#$ % &'%()*+), +-+)))-./()*+), 0

20 " # $#$ % &'( Il presente prospetto riporta le tariffe di trattamento/smaltimento e trattamento (preselezione, riduzione volumetrica, ecc.), per unità di peso di rifiuto conferito, relative ai rifiuti in ingresso alla Piattaforma per l'anno 2014 "#$%&' $&"() * ",, "-.- / 1 ""/0&& (*) $ " 1 2&0&& (*) /0&& ( 2 1 5&0&& # % % 6, 7" 2-"2 ' 8 7" 2-"2 98" 5 7# "2 98$. 7$ "2 982 / : 7( "2 98( "" 8 ; "2 1 ".&0&& + "$ < "2 =,.- / 1 ".&0&& 72 "2 98# = 7, 9 8 > > = " 1 ".&0&&,.- / 1 ".&0&& Sezione A: Discarica per rifiuti non pericolosi Sezione B: Impianto di selezione/triturazione Sezione C: Impianto di biostabilizzazione Sezione D: Impianto di compostaggio di qualità Nomenclatura sezioni impiantistiche: Sezione E: Piattaforma di valorizzazione dei rifiuti differenziati, suddivisa in: sezione E1 (rifiuti di carta), sezione E2 (rifiuti di vetro), sezione E3 (rifiuti di ferro), sezione E4 (rifiuti di plastica), sezione E1 (rifiuti di legno). Relativamente ai punti 1, 3 il Comune di Olbia ha una diminuzione tariffaria pari a 7,96 a tonn a titolo di indennizzo per il pregiudizio ambientale patito a ragione della ubicazione nel territorio Comunale di Olbia della discarica controllata consortile in conformità all atto di indirizzo della Regione del 13/04/2007 (delibera n. 17/7) =: 9 % 9 9

21 " *$$ ( ),$ '$+ - # $%%#&'$$ & % " # # # " # $ ) )$ ) $$ # *$+$ $$ % &&

22 1.1 a: Circuito COMIECO,'$$$ $ '-' -' + %%$ + 4 %%'%* % ' '%+$ % %'-',5''-- 6''+' % 1 $'$ %* ' $$+' + ' % '2%%''$ % % 0 #' * 8 - +,$%$ *-' ' % %-' % '* $+./+' /+ '0' '% 7*'+ ''$%+' $+.$' +. %%'' ' ' %'- %& -+ %,' +' ' -. '% $ *$$' %' +%% * b: Circuito COMIECO,'$$$ $ '-' -' + %%$ + 4 %%'%* % ' '%+$ % %'-',5''-- 6''+' % 1 $'$ %* ' $$+' + ' % '2%%''$ % % 0 #' * # $% %%&''' ()# *% %''' * '' +%% $ ' $$+' +' *' $ $ ' 1.2: Circuito EXTRA - COMIECO,$%$ *-' ' % %-' % '* $+./+' /+ '0'' % 7*'+ ''$%+' $+.$' +. %%'' ' ' %'- %& -+ %,' +' ' -. '% $ *$$' %' +%% *,'$$$ $ '-' '' % + %%$+ 4 %%'%* % ' '%+$ % %'-',5''-- 6''+' % 0 #' * $%+'. % +'$ % %' '%'' * * : Altri imballaggi misti %,5''-- ' %$,5''-- ' " "

23 2.1: Circuito Rilegno, """ - $"$") *+(( ( #$" (*) (*) Qualora le impurità (f.e.) superino il 10% del totale conferito, il carico sarà respinto e si procederà con una delle seguenti opzioni: Cambio del codice CER in ingresso: il rifiuto sarà considerato come rifiuto indifferenziato (codice CER ), con la conseguente applicazione della tariffa corrispondente alla tipologia dei rifiuti in parola; Respingimento del mezzo: Il rifiuto potrà essere ricaricato sul mezzo conferitore e respinto dall impianto, con conseguente applicazione dei costi logistici (da determinare volta per volta). 2.2: Altri rifiuti di legno (Circuito Rilegno) $."/"$ $%$/". /""$)0 ( #$" (*) Qualora le impurità (f.e.) superino il 10% del totale conferito, il carico sarà respinto e si procederà con una delle seguenti opzioni: Cambio del codice CER in ingresso: il rifiuto sarà considerato come rifiuto indifferenziato (codice CER ), con la conseguente applicazione della tariffa corrispondente alla tipologia dei rifiuti in parola; Respingimento del mezzo: Il rifiuto potrà essere ricaricato sul mezzo conferitore e respinto dall impianto, con conseguente applicazione dei costi logistici (da determinare volta per volta). & ' ( %""" (*), -

24 " #$%%&& ' ( ( )**% + +$ 3.1: Rifiuti di vetro,-*+%./0 * +% - * *% %.*%% ' '/ 2 ( "(( 3.2: Altri rifiuti di vetro * )% + ' *% ) 1 ( )** * +

25 4.1: Circuito COREPLA 2 / / 3 // / 20//. + * 20// ''( $ " # " # Per percentuali di impurità (scarti) superiori al 20% del totale conferito, sarà applicata una maggiorazione agli oneri succitati pari a 20,00 /t. La valutazione della percentuale di impurità presente nel rifiuto sarà determinata con controlli trimestrali (analisi merceologiche) eseguite in contradditorio. Il risultato di tali indagini determinerà il corrispettivo da applicare nel trimestre successivo Qualora un comune/gestore deleghi direttamente il CIPNES "Gallura", lo stesso si impegna a corrispondere al comune/gestore il corrispettivo ricevuto da Corepla, al netto dei succitati oneri per le operazioni di ricevimento, selezione e prepulitura. Si specifica che l'importo da corrispondere sarà relativo alle tonnellate effettivamente conferite a Corepla, al netto delle frazioni estranee che verranno smaltite presso idoneo impianto di smaltimento. 4.2: Circuito extra - COREPLA 2 / 3 // / 20//. %& + * 20// ''( ')* ( $ + 4 ''5 ' 4.3: Altri rifiuti in plastica * - / 0// 1 * $.,* -. / * $,. 0 %&

26 5.1: Rifiuti di ferro " (*) Qualora le impurità (f.e.) superino il 10% del totale conferito, il carico sarà respinto e si procederà con una delle seguenti opzioni: Cambio del codice CER in ingresso: il rifiuto sarà considerato come rifiuto indifferenziato (codice CER ), con la conseguente applicazione della tariffa corrispondente alla tipologia dei rifiuti in parola; Respingimento del mezzo: Il rifiuto potrà essere ricaricato sul mezzo conferitore e respinto dall impianto, con conseguente applicazione dei costi logistici (da determinare volta per volta).

Convenzione regolante il servizio di trattamento e smaltimento di rifiuti speciali presso il Complesso Impiantistico IPPC del CIPNES Gallura

Convenzione regolante il servizio di trattamento e smaltimento di rifiuti speciali presso il Complesso Impiantistico IPPC del CIPNES Gallura Settore Igiene Ambientale Olbia, Convenzione regolante il servizio di trattamento e smaltimento di rifiuti speciali presso il Complesso Impiantistico IPPC del CIPNES Gallura Con il presente accordo si

Dettagli

della Provincia di E- Mail: segreteria@peritiindustriali.sa.it e-mail: segreteria@ordineingsa.it Codice fiscale 80021910650

della Provincia di E- Mail: segreteria@peritiindustriali.sa.it e-mail: segreteria@ordineingsa.it Codice fiscale 80021910650 "#$ %$"$%$$ "&'%$(#$$ ("$$ )%& $'$('%("(# " #($*$+%$'%&$*("##("$ ( $("#$$ $" $'%("(#$, (#$($ "$)$'$(%"($ "$%$#$*$ %$$, $ *$('#&'$*((#$$ %$"($%$$$ "&'%$(#$ $ "$%$ ( $ (*(#,$'%$$($%#($*$(#-$%)''$ (#$$ %

Dettagli

STATUTO NUOVE TECNICHE - SOCIETA' COOPERATIVA

STATUTO NUOVE TECNICHE - SOCIETA' COOPERATIVA STATUTO NUOVE TECNICHE - SOCIETA' COOPERATIVA Forma giuridica: SOCIETA' COOPERATIVA Sede legale: PORDENONE PN VIALE GRIGOLETTI 72/E Numero Rea: PN - 84323 Indice 2 Pag 2 di!""#$%$!& &'&(!"#$%& '' ()* )&'*+,,

Dettagli

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Luca Piatto Pordenone, 19 novembre 2009 Il nuovo Accordo Quadro ANCI CONAI Gli allegati tecnici: le principali novità Viviamo da un anno nella

Dettagli

Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT

Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT Rifiuti solidi urbani indifferenziati (1) 92,50 (*) 10% Pneumatici assimilati agli urbani e conferiti in modo differenziato alle piattaforme di lavorazione (1) 92,50

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

1 /121. D.D.G. n. 560 del 20 maggio 2009 - Allegato B

1 /121. D.D.G. n. 560 del 20 maggio 2009 - Allegato B !"#$$% "&$'! &!)*+!', '20!"' '#*!//! & *!"'2"&3& /'$$&'% % 7 9 :! #*% '#*!//!!!11"';'*1&! #*% '%"2'%!!11"';'*1& "!0& &!1&0% 7 &,!;%"&1%"! 7 &*1"%2'&;%) % #;'& &;;%0;'&1%"!

Dettagli

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI Allegato A CRITERI DI ACCETTAZIONE E CONTROLLO DEI RIFIUTI IN INGRESSO pag.1/9 1. Premessa La presente procedura descrive le modalità

Dettagli

! " # $ # % $!&& '(! % ) *+,--.

!  # $ # % $!&& '(! % ) *+,--. ! "#$ # %$!&&'(!% )*+,--. Provincia di Trento Trento Milano Venezia Provincia di Treviso Vicenza Provincia di Venezia Venezia Padova I servizi di Etra per i Comuni Etra nasce il 1 gennaio 2006 dall aggregazione

Dettagli

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi hanno molteplici funzioni quali quelle di contenere, proteggere, trasportare, garantire sicurezza igienica e informazione al consumatore e pertanto

Dettagli

LE ANALISI MERCEOLOGICHE

LE ANALISI MERCEOLOGICHE S.p.A. G.A.I.A. s.p.a. via A. Brofferio,48 14100 Asti (AT) Tel. 0141/35.54.08 Fax 0141/35.38.49 sito: www.gaia.at.it e-mail : info@gaia.at.it Ing. Flaviano Fracaro Direttore Generale di G.A.I.A. spa LE

Dettagli

Man. Straordinaria 3 PIANO OCN

Man. Straordinaria 3 PIANO OCN !"!#$$!%&'( )(#*$++*$#* #$$!#*(#*),#')(-$,$-(*.#*$,,/**!,%),!*$"!#$0 1/(%,%,$)(,*! 0 (#(-""("!#%!,+(- 2 #$$+$'!#%(,$(.(--$%$-3/(%,!%%+*,4/"!#$ 5 0 )(#*!%--/ #("!#$#!, (-$6%$ $,7$#"($+'/,$""('! ),$+7-())(,$''8

Dettagli

INDAGINE DI MERCATO MODELLO DI DICHIARAZIONE

INDAGINE DI MERCATO MODELLO DI DICHIARAZIONE INDAGINE DI MERCATO MODELLO DI DICHIARAZIONE INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PREZZI UNITARI NECESSARI PER POTER QUANTIFICARE L IMPORTO DA PORRE A BASE D ASTA PER IL SERVIZIO DI E RIFIUTI,

Dettagli

Il sistema Conai. Raccolta e riciclo. imballaggio nella. Emilia Romagna. Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio

Il sistema Conai. Raccolta e riciclo. imballaggio nella. Emilia Romagna. Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio Il sistema Conai. Raccolta e riciclo dei rifiuti di imballaggio nella regione Emilia Romagna Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio Bologna, 5 febbraio 2010 Il sistema Conai I risultati del quinquennio

Dettagli

AGENZIA REGIONALE DI SANITÀ TOSCANA DECRETO DEL DIRETTORE. n 2 del 29/01/2010

AGENZIA REGIONALE DI SANITÀ TOSCANA DECRETO DEL DIRETTORE. n 2 del 29/01/2010 AGENZIA REGIONALE DI SANITÀ TOSCANA DECRETO DEL DIRETTORE n 2 del 29/01/2010 Oggetto: Modifiche alla direttiva Elenco degli operatori economici dell Agenzia Regionale di Sanità: modalità di costituzione,

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE BOZZA 2010 COMUNE DI.. PROVINCIA DI

SCHEMA DI CONVENZIONE BOZZA 2010 COMUNE DI.. PROVINCIA DI Esempio di convenzione per Ente Pubblico - 2010 - C.I.P.N.E.S. SCHEMA DI CONVENZIONE BOZZA 2010 COMUNE DI.. PROVINCIA DI Convenzione per il servizio di trattamento e smaltimento dei RR.SS.UU. e assimilabili

Dettagli

Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni oggetto di raccolta differenziata fino all'avvio a riciclaggio

Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni oggetto di raccolta differenziata fino all'avvio a riciclaggio Convegno Propostametodologica: analisi dell efficacia delle filiere di recupero di materia dai rifiuti Mercoledì 5 Novembre Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni

Dettagli

PROPOSTA DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE PER LA SCUOLA ANNO SCOLASTICO 2007-2008

PROPOSTA DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE PER LA SCUOLA ANNO SCOLASTICO 2007-2008 ! "! " #$ %&'(& $! ' $$ $ )! * " ++,-++. $/' %0 & -! 1 $-2 3+4.564..) !"! $! $ # 0 $ $! $ # * - '# 7 - $! 7 - ##'! $ '!!8 * " ++,-++. $/' %0 & -! 1 $-2 +4,569+54 #$%&&'! $# $ ()()(()#((() *'#) ## $ &!

Dettagli

CITTA DI SAN MAURO TORINESE

CITTA DI SAN MAURO TORINESE Allegato deliberazione Consiglio comunale n. 17 / 2015 CITTA DI SAN MAURO TORINESE REGOLAMENTO ANAGRAFE PUBBLICA DEI RIFIUTI Approvato con deliberazione Consiglio comunale n. 17 del 9 marzo 2015 1 Art.

Dettagli

PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna. Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica

PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna. Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica Bologna, 16 Ottobre 2007 Rilegno la mission e il sistema consortile LA

Dettagli

!"!!#$ %% %# & ' "!() ( %$ &* '! "+,-,,, "!., / + 0 1 /,!" 2 3,! / / - *3 4 4 /, - % 56,,!, 3, - -2, *6, /, /, 8" 0& 6,, '!"!!$$%9:)! $; <!! / $%$1!

!!!#$ %% %# & ' !() ( %$ &* '! +,-,,, !., / + 0 1 /,! 2 3,! / / - *3 4 4 /, - % 56,,!, 3, - -2, *6, /, /, 8 0& 6,, '!!!$$%9:)! $; <!! / $%$1! !"!!#$ # & ' "!() ( $ &* '! "+,-,,, "!., / + 0 1 /,!" 2 3,! / / - *3 4 4 /, - 3,44 4 56,,!, 3, -,-7- - *34 3,! -2, *6, /, /, 8" 0& 6,, '!"!!$$9:)! $;

Dettagli

!!! " " !!!"'!(' " )!* *

!!!   !!!'!('  )!* * !!! " " #$%&'%!!!"'!' " Stato di salute: X patologie attuali X patologie pregresse X terapie in corso X relativi ai familiari dell'interessato Altre operazioni pertinenti e non eccedenti rispetto alla

Dettagli

In data.. TRA PREMESSO

In data.. TRA PREMESSO i.e.s. CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, SPECIALI NON PERICOLOSI E PERICOLOSI AI SENSI DEL D.LGS. 03/04/2006 N.152 ARTICOLO 188 COMMA 2 LETTERA C). In data.. TRA AnconAmbiente S.p.A.

Dettagli

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Latina, 28 maggio 2009 Giancarlo Longhi Direttore Generale CONAI Adempimenti nella gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio 1 Prevenire la formazione

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO CESSIONE CARTA MISTA E CARTONE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA (C.E.R. 20 01 01) RACCOLTA E CONFERITA DA AMA S.P.A.

DOCUMENTO TECNICO CESSIONE CARTA MISTA E CARTONE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA (C.E.R. 20 01 01) RACCOLTA E CONFERITA DA AMA S.P.A. Pagina 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO CESSIONE CARTA MISTA E CARTONE DA RACCOLTA DIFFERENZIATA (C.E.R. 20 01 01) RACCOLTA E CONFERITA DA AMA S.P.A. Pagina 2 di 7 1 - Premessa AMA S.p.A., società a socio unico

Dettagli

ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI CELLULOSICI (ACCORDO ANCI - COMIECO)

ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI CELLULOSICI (ACCORDO ANCI - COMIECO) 1. OGGETTO DELL ALLEGATO ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI CELLULOSICI (ACCORDO ANCI - COMIECO) L allegato si riferisce ai rifiuti da imballaggio a base cellulosica primari o comunque conferiti al gestore del

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE ENTRA NEL SISTEMA RAEE

LA DISTRIBUZIONE ENTRA NEL SISTEMA RAEE 1 LA DISTRIBUZIONE ENTRA NEL SISTEMA RAEE Protocollo di intesa ANCI CDC RAEE e DISTRIBUZIONE Ing. Fabrizio Longoni Milano, 23 novembre 2010 IL VECCHIO SISTEMA RAEE 2 Cittadini Enti Locali Produttori (attraverso

Dettagli

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale CITTA DI VITTORIA PROVINCIA DI RAGUSA Copia di Deliberazione della Giunta Comunale Deliberazione N. 436.. Seduta del 23.09.2014 OGGETTO: DELEGA ALLA DITTA SAP S.R.L. PER LA SOTTOSCRIZIONE DELLE CONVENZIONI

Dettagli

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Levanto, 9 luglio 2015 L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Gli imballaggi Una parte del problema 2 La crescita del

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUI COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI NEL BACINO CSR - SRT

INDAGINE CONOSCITIVA SUI COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI NEL BACINO CSR - SRT INDAGINE CONOSCITIVA SUI COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI NEL BACINO CSR - SRT FINALITA DELL INDAGINE o o o o o Verifica del costo di trattamento dei rifiuti e incidenza della percentuale di RD e della produzione

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 dicembre 2003, n. 48-11386 Modifica della scheda di rilevamento dei dati di produzione dei rifiuti urbani di cui alla D.G.R. 17-2876 del 2 maggio 2001 (B.U. n. 5

Dettagli

Il Caso di Studio del Vetro

Il Caso di Studio del Vetro Centro Studi e Ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Vetro Riciclaggio e Ciclo di Recupero INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL VETRO...4 3. IL RUOLO DEL COREVE...5

Dettagli

La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF

La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF Seminario sulla raccolta differenziata e sulla qualità dei materiali La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Porto S. Elpidio,

Dettagli

ALCUNE INFORMAZIONI TECNICHE SULL APPLICAZIONE

ALCUNE INFORMAZIONI TECNICHE SULL APPLICAZIONE ALCUNE INFORMAZIONI TECNICHE SULL APPLICAZIONE Ricordando che nell applicativo, nel menù Servizio>Forum - categoria utilizzo applicativo, sono disponibili il manuale completo e altre informazioni, si riportano

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria Senese U.O.C Patologia Clinica

Azienda Ospedaliera Universitaria Senese U.O.C Patologia Clinica ! "#$ % &( $) & ("#$) * ( + &, *), - )) + )). & /0&+"#$ &( ("#$& ( 1 +&"(&31&"(&3 " 4+ "-, *. 1 3 "-4 +, #("#$, 5 6 7 17 8/3 " "- (! +& 4+ ;*< < /- 9 ("#$9+ (#$ : ( 0&+"#$ +&"("&/. ) - & =. 0& >" ("#$

Dettagli

Regione Lazio. Atti del Consiglio Regionale. 30/01/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 9 Pag. 19 di 452

Regione Lazio. Atti del Consiglio Regionale. 30/01/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 9 Pag. 19 di 452 30/01/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 9 Pag. 19 di 452 Regione Lazio Atti del Consiglio Regionale Deliberazione del Consiglio Regionale 2 ottobre 2013, n. 9 Regolamento del Monumento

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA !!!"#! $%&'()*+&$$)&$'')%%(+)'&,$)'%&)+&$$)*)$-$'').+$%/+)*)' $),/)').$&&).').()$'()&)').(*&+)$'&,/)&+)/),'&++)$*. &$&'+)/0/+/$/$&+))&1)&&)&,1)&$&+)')%$)&')&)()2&'/+),). %/&$$& $)&& (+&$). 3)&$$ %&')&

Dettagli

#$2.#2 #2 #$2 3 44&2" 4 & "&43 3 3 # 0.#$2 #5754854#95:&'"(" '()*+,! !""" '*+,!6) *788)(-!- "# $ #$$"%" 0#12 ! % #$$"%! #$$"%"3"! #$$"%#4& !

#$2.#2 #2 #$2 3 44&2 4 & &43 3 3 # 0.#$2 #5754854#95:&'( '()*+,! ! '*+,!6) *788)(-!- # $ #$$% 0#12 ! % #$$%! #$$%3! #$$%#4& ! '"(" '()*+, -- " "./. (4./ % '*+,6) *788)(-- ' ( ) ( ( ) ( "# $ #$$"% #$"$$"% " *,)"' "- -"'% "$.%" %"/ 01'1 1$ % #$ 0#12 3 5 % $1$.. 5'"3'" 6''665"36 3 442" % #$2.#2 #$$"%" #$$"% #$$"%"3" #$$"%#4 #$$"%"

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SITO NEL COMUNE DI PONTEDERA ZONA INDUSTRIALE LA BIANCA VIA DON MEI Art. 1 Definizione centro raccolta

Dettagli

R I F I U T I D A C & D (art. 39, comma 2 della L.R. 45/07 e s.m.i.)

R I F I U T I D A C & D (art. 39, comma 2 della L.R. 45/07 e s.m.i.) MODULO 1 Al Comune di Provincia di Ufficio Urbanistica ed Edizia Privata e Pubblica AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PRATICA N. Ing./geom Per trasmissione del presente modulo da parte del Comune alla Provincia

Dettagli

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio.

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. Un pò di dati sui rifiuti in Italia: Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. A cura di Giacomo Giargia (Ufficio Tecnico) TEMPI DI BIODEGRADAZIONE

Dettagli

Certificazione dell'efficienza della raccolta differenziata dei RU relativa all'anno 2010 finalizzata al pagamento del tributo in discarica

Certificazione dell'efficienza della raccolta differenziata dei RU relativa all'anno 2010 finalizzata al pagamento del tributo in discarica Certificazione dell'efficienza della raccolta differenziata dei RU relativa all'anno 2010 finalizzata al pagamento del tributo in discarica Agenzia Regionale Recupero Risorse Lucia Corsini Audizione VI

Dettagli

CIAL. Allegato tecnico alluminio. Stefano Stellini. Torino, 30 marzo 2015

CIAL. Allegato tecnico alluminio. Stefano Stellini. Torino, 30 marzo 2015 CIAL Allegato tecnico alluminio. Stefano Stellini 1 Torino, 30 marzo 2015 ZERO discarica 100 % recupero Raccolta Differenziata Recupero da rifiuti urbani indifferenziati Recupero da Scorie incenerimento

Dettagli

SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DI BASE PER IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI IN DISCARICA PER INERTI

SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DI BASE PER IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI IN DISCARICA PER INERTI SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DI BASE PER IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI IN DISCARICA PER INERTI Il presente documento deve essere compilato per ottenere l eventuale consenso al conferimento ed in occasione

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU SETTORE : Settore Tecnico Responsabile: responsabile settore tecnico Tocco Giovanni DETERMINAZIONE N. 331 in data 09/04/2014 OGGETTO: SERVIZIO DI IGIENE URBANA - FRAZIONE UMIDA. RETTIFICA

Dettagli

! %,-"!,.." %"/%"0 1."2%*

! %,-!,.. %/%0 1.2%* !"#$%&'#&(#)&()* )&(+! %,-"!,.." %"/%"0 1."2%*!"##" $ % % % && %'(()(() %&)$$*!%%++, ) $ % -( +. &% &$ &" / 01$ )#&$)%%).#$)$)), $/))2, %* $ % +** * +&$.. &. ++, $ % + 3% & $..*! % ++*& &4) 3%..$ 5+&%&/,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 39/33 DEL 23.9.2011

DELIBERAZIONE N. 39/33 DEL 23.9.2011 IBERAZIONE N. 39/33 23.9.2011 Oggetto: Atto di indirizzo per lo sviluppo delle raccolte differenziate dei rifiuti urbani nel territorio regionale per il 2011. L Assessore della Difesa dell Ambiente ricorda

Dettagli

Rinnovo Accordo Quadro ANCI-CONAI: Allegato Tecnico IMBALLAGGI IN ACCIAIO. Principali Novità

Rinnovo Accordo Quadro ANCI-CONAI: Allegato Tecnico IMBALLAGGI IN ACCIAIO. Principali Novità Rinnovo Accordo Quadro ANCI-CONAI: Allegato Tecnico IMBALLAGGI IN ACCIAIO Principali Novità RICREA: nascita, scopo, obiettivo Il Consorzio Nazionale Acciaio (RICREA) è stato costituito in data 18 novembre

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO. A. Metodologia di costruzione della tariffa di trattamento/smaltimento

ATTO DI INDIRIZZO. A. Metodologia di costruzione della tariffa di trattamento/smaltimento Allegato 1 alla deliberazione n 17/07 del 13/04/04 ATTO DI INDIRIZZO PER LA DETERMINAZIONE DELLA TARIFFA DI CONFERIMENTO DEI RIFIUTI AGLI IMPIANTI DI SMALTIMENTO E DI RECUPERO Il seguente atto di indirizzo

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 Quadro economico Ricavi e costi del Sistema Attività industriale Risultati di riciclo e recupero degli imballaggi Attività sul territorio Accordo

Dettagli

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Oggetto: Richiesta di CONVENZIONE per il conferimento dei rifiuti assimilati agli urbani presso il Centro di Raccolta del Comune di Narni sito in Strada

Dettagli

Il riciclo e il recupero

Il riciclo e il recupero 22 Rapporto di sostenibilità Conai 213 Il riciclo e il recupero Conai si fa carico del conseguimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale in materia di gestione ambientale dei rifiuti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta

Dettagli

Regione autonoma Valle d Aosta

Regione autonoma Valle d Aosta Regione autonoma Valle d Aosta Assessorato Territorio e Ambiente Affidamento in concessione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani della Valle d Aosta ALLEGATO TECNICO A1 Analisi della situazione

Dettagli

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE ALLEGATO 1.A MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE -------- Dati anagrafici Il sottoscritto. nato a il. residente in via.... n.. cap... del Comune di Prov..... nella qualità di... dell

Dettagli

I contenitori verranno ritirati entro i primi 5 giorni utili dall ultimo svuotamento effettuato dal termine della manifestazione.

I contenitori verranno ritirati entro i primi 5 giorni utili dall ultimo svuotamento effettuato dal termine della manifestazione. ALLEGATO A Servizio di raccolta, trasporto e recupero RSA. TIPOLOGIE DI MATERIALI CONFERIBILI Denominazione/ragione sociale : Nome Manifestazione: Comune: Via: C.F: Ubicazione manifestazione Comune Via

Dettagli

MODULO OFFERTA ECONOMICA LOTTO NUMERO 1

MODULO OFFERTA ECONOMICA LOTTO NUMERO 1 MODULO OFFERTA ECONOMICA LOTTO NUMERO 1 rifiuti urbani non differenziati CER 200301 247.800 CER 150106 25.000 imballaggi in plastica da CER 150102 4.300 carta da CER 200101 6.900 b) nel caso di discordanza

Dettagli

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni UNIAMO LE ENERGIE 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni Recuperabilità dei rifiuti speciali non pericolosi in provincia di Torino Duccio Bianchi Obiettivi Analizzare la struttura dello stock di rifiuti

Dettagli

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2 ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2.1 PREMESSA... 3 2.2 SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI NON DIFFERENZIATI... 3 2.3 RACCOLTA, SELEZIONE E RECUPERO MULTIMATERIALE... 4 2.4 RACCOLTA,

Dettagli

Allegato n. 3 alla lettera circolare del 20 dicembre 2007 Pagina 1 di 20

Allegato n. 3 alla lettera circolare del 20 dicembre 2007 Pagina 1 di 20 Pagina 1 di 20 !" # $% % & ''' (!&)*& &)& +,-""'#+ ) #. & #//+* ' +01 &!""'#23&& ) 4-5 )!%! 1 "&))%! 1 "%'! &!! & &6 -!&& )'! 7 *!* )* -5 & - 7 " & &&!&'!7- &!' %&! "'+3 (1 #/1(*'/4/&!!! * &!! ) & & "&

Dettagli

RILEGNO Area Tecnica Antonella Baldacci

RILEGNO Area Tecnica Antonella Baldacci Il Nuovo Accordo Anci-Conai 2014-2019 2019 Una nuova fase della raccolta e del recupero degli imballaggi RILEGNO Area Tecnica Antonella Baldacci Torino 30 Marzo 2015 Chi è Rilegno LA MISSION RILEGNO Nato

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO SERVIZIO TECNICO UFFICIO AMBIENTE SERVIZIO DI IGIENE URBANA E AMBIENTALE

COMUNE DI SAN VITO SERVIZIO TECNICO UFFICIO AMBIENTE SERVIZIO DI IGIENE URBANA E AMBIENTALE COMUNE DI SAN VITO ALLEGATO "A" ALLA DELIBERA DI G.C. N. 14 DEL 06/02/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella SERVIZIO TECNICO UFFICIO AMBIENTE SERVIZIO DI IGIENE URBANA E AMBIENTALE

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU SETTORE : Settore Tecnico Responsabile: responsabile settore tecnico Tocco Giovanni DETERMINAZIONE N. 335 in data 10/04/2014 OGGETTO: AFFIDAMENTO AL CONSORZIO REGIONALE CARTA E CARTONE

Dettagli

CONTARINA SPA. Raccolta porta a porta e gestione integrata dei rifiuti

CONTARINA SPA. Raccolta porta a porta e gestione integrata dei rifiuti CONTARINA SPA Raccolta porta a porta e gestione integrata dei rifiuti 1. La società e il territorio gestito 2. Il modello Contarina 3. I risultati 4. Focus Treviso Dove siamo Il territorio consortile Gestione

Dettagli

! "# ) * +, -. / 0 1 !"#$%&'( )* + ,* )-.

! # ) * +, -. / 0 1 !#$%&'( )* + ,* )-. !"#$%&'(! "#!"$%!!!&!'( ) * +, -. / 0 1 )* +,* )-. -/'01223'## Via Divisione Alpina Julia, 73/2 31059 Zero Branco (TV) Via G. Verdi, 7/B 31100 Treviso TEL. 347 0563890 FAX. 0422 0247098 e.mail: nicoletti_andrea@tin.it

Dettagli

CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi

CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi File di servizio 1) Cosa è il CONAI 2) Come funziona 3) Alcuni numeri 3 4) accordo CONAI/ANCI 5) Criticità 6) ODG da presentare in tutte le Province e Comuni CONAI

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank S.p.A. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1056 MODULO DI ADESIONE

Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank S.p.A. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1056 MODULO DI ADESIONE Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank S.p.A. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1056 MODULO DI ADESIONE Il sottoscritto conferma di aver preso visione dello Statuto e della Nota

Dettagli

la performance economica di gaia

la performance economica di gaia 67 la performance economica di gaia 5 CAPITOLO 5.1 Il meccanismo delle tariffe - il Costo Unitario di trattamento 5.2 Qualità delle raccolta differenziata 5.3 Il controllo di gestione 5.4 Gli indici di

Dettagli

Comune di Castenaso Comune di Ozzano nell Emilia Comune di San Lazzaro di Savena

Comune di Castenaso Comune di Ozzano nell Emilia Comune di San Lazzaro di Savena Comune di Castenaso Comune di Ozzano nell Emilia Comune di San Lazzaro di Savena REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI CENTRI DI RACCOLTA E PER L APPLICAZIONE DI AGEVOLAZIONI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna Deliberazione n 17/07 del 13/04/04 Oggetto : Atto di indirizzo per la determinazione della tariffa di conferimento dei rifiuti agli impianti di smaltimento e di recupero L Assessore della Difesa dell Ambiente

Dettagli

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Pierluigi Gorani Area Tecnica CONAI Piacenza, 15 maggio 2013 INDICE Il Sistema CONAI Composizione Obiettivi Finanziamento del Sistema Accordo Quadro Anci CONAI

Dettagli

Piano Comunale dei Rifiuti. Sommario. progetto di raccolta differenziata. Comune di Roccaromana Provincia di Caserta

Piano Comunale dei Rifiuti. Sommario. progetto di raccolta differenziata. Comune di Roccaromana Provincia di Caserta Sommario _ Introduzione : il SIGRS _ Produzione _ Definizione di rifiuto _ Aspetti normativi 1) Variabili progettuali : _ natura e storia del territorio in cui si opera _ demografiche _ urbanistiche _

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Allegati - ALLEGATI -

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Allegati - ALLEGATI - SERVIZIO DI GESTIONE RIFIUTI E ATTIVITÀ CONNESSE (PULIZIA AREE E SERVIZI IGIENICI AD USO PUBBLICO), DA ESEGUIRSI PRESSO IL CENTRO AGRO ALIMENTARE DI TORINO (CAAT). CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - ALLEGATI

Dettagli

dichiara di possedere i requisiti di cui all articolo 5 dello Statuto e di appartenere alla seguente categoria e relativa componente:

dichiara di possedere i requisiti di cui all articolo 5 dello Statuto e di appartenere alla seguente categoria e relativa componente: Domanda di adesione Da inviare a: CdA CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.59904315 1 1.1 Ragione Sociale 1.2 Via/Piazza PEC 1.3

Dettagli

CITTA' DI ALCAMO SETTORE SERVIZI TECNICI, MANUTENTIVI ED AMBIENTALI ******* DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 316 DEL 26/02/2015

CITTA' DI ALCAMO SETTORE SERVIZI TECNICI, MANUTENTIVI ED AMBIENTALI ******* DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 316 DEL 26/02/2015 Registro determinazione n. 3073 dell 11/02/2015 CITTA' DI ALCAMO SETTORE SERVIZI TECNICI, MANUTENTIVI ED AMBIENTALI ******* DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 316 DEL 26/02/2015 OGGETTO: Liquidazione fattura

Dettagli

1. GLI OBBIETTIVI DELL OSSERVATORIO RIFIUTI - OPR 2. L INTRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA RIFIUTI

1. GLI OBBIETTIVI DELL OSSERVATORIO RIFIUTI - OPR 2. L INTRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA RIFIUTI PIATTAFORMA RIFIUTI ARGOMENTI: 1. GLI OBBIETTIVI DELL OSSERVATORIO RIFIUTI - OPR 2. L INTRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA RIFIUTI 3. I RISULTATI DA RAGGIUNGERE 4. CONCLUSIONI 1. GLI OBBIETTIVI DELL OSSERVATORIO

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 4274 Seduta del 25/10/2012

DELIBERAZIONE N IX / 4274 Seduta del 25/10/2012 DELIBERAZIONE N IX / 4274 Seduta del 25/10/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA GIOVANNI BOZZETTI ROMANO COLOZZI GIUSEPPE ANTONIO RENATO

Dettagli

COMUNE DI VILLENEUVE

COMUNE DI VILLENEUVE COMUNE DI VILLENEUVE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA DISCARICA SITA IN LOC. CHAMPLONG DESSUS NEL COMUNE DI VILLENEUVE DI 2^ CATEGORIA DI TIPO A PER LO SMALTIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI INERTI. Approvato

Dettagli

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO I - Il sistema di ritiro uno contro uno : inquadramento giuridico e problematiche emergenti IL SISTEMA DI RITIRO UNO CONTRO UNO 1 GESTIONE DEI RAEE: perché

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI RAGUSA. Assessorato Territorio e Ambiente

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI RAGUSA. Assessorato Territorio e Ambiente AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI RAGUSA PROTOCOLLO D INTESA tra l'amministrazione Provinciale di Ragusa i Comuni di: Ragusa Vittoria Comiso Santa Croce Acate Ispica Scicli Modica le Organizzazioni Professionali

Dettagli

ALLEGATO TECNICO 1B PER IL RECUPERO ENERGETICO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO

ALLEGATO TECNICO 1B PER IL RECUPERO ENERGETICO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO ALLEGATO TECNICO 1B PER IL RECUPERO ENERGETICO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO Milano, 23 luglio 2001 1) DETERMINAZIONE QUANTITA' E CORRISPETTIVO. a) Il materiale oggetto del presente allegato viene inteso

Dettagli

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI Raggiungere in Italia il 50% di riciclo Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA Valter Facciotto Direttore Generale CONAI L ESPERIENZA DEL SETTORE IMBALLAGGI La Direttiva 1994/62 CE e la Direttiva

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI CELLULOSICI

ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI CELLULOSICI ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI CELLULOSICI 2009-2013 1. Sussidiarietà al mercato 2. Garanzia di riciclo e corrispettivi 3. Obiettivo qualità 4. Quantità e Qualità 0 Sussidiarietà al mercato Finestre annuali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA DISCARICA SITA IN LOC. PLANET DI 2a CATEGORIA DI TIPO A PER LO SMALTIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI INERTI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA DISCARICA SITA IN LOC. PLANET DI 2a CATEGORIA DI TIPO A PER LO SMALTIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI INERTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA DISCARICA SITA IN LOC. PLANET DI 2a CATEGORIA DI TIPO A PER LO SMALTIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI INERTI Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 24 del 14.04.2011

Dettagli

! +!,- ". & " "& / " 0 " #11 # "# #" # ## "" + "2 " " % % (!

! +!,- . &  & /  0  #11 # # # # ##  + 2   % % (! ! "## "" "#$%&&'(%)* +!,- ". & " "& / " 0 " #11 # "# #" # ## "" + "2 " " % % (! + 0 # " $ 3" " 44 " 2& ( "# " " 5 " & " 6 " " #" 2' " ##2 " 1& " " & " - 6##2" ""22 "#&", " -** 2 # ##5 "# 3#.#2" 3 /", "4

Dettagli

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti.

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. 2 LA ECO. LAN. S. P.A. SI OCCUPA DI SMALTIMENTO, RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI (SERVIZI

Dettagli

L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia.

L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia. L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia. Al fine di ridurre l'impatto ambientale,si occupa del riciclaggio dei materiali

Dettagli

Ritardi cronici nella gestione integrata dei rifiuti e maggiori costi che ricadono sui cittadini

Ritardi cronici nella gestione integrata dei rifiuti e maggiori costi che ricadono sui cittadini Ambiente. Ritardi cronici nella gestione integrata dei rifiuti e maggiori costi che ricadono sui cittadini Raccolta differenziata: il ministro vuole stangare i Comuni non virtuosi Qualsiasi sostanza od

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

CONSORZIO ECOLOGICO CUNEESE Municipio di Cuneo - Via Roma n. 28

CONSORZIO ECOLOGICO CUNEESE Municipio di Cuneo - Via Roma n. 28 N. 3 REGISTRO DELIBERAZIONI CONSORZIO ECOLOGICO CUNEESE Municipio di Cuneo - Via Roma n. 28 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Seduta del 25 FEBBRAIO 2014 Oggetto: Servizio Tecnico

Dettagli

Raccolta differenziata e riciclo di carta e cartone risorsa per il territorio

Raccolta differenziata e riciclo di carta e cartone risorsa per il territorio Raccolta differenziata e riciclo di carta e cartone risorsa per il territorio Dora Rigoni Comieco Area Riciclo e Recupero Pordenone, 25 novembre 2008 0 PRODUTTORI E UTILIZZATORI: IL SISTEMA CONSORTILE

Dettagli

ALL.A) MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE - ECOCENTRO - DI VIA CECA ANGOLO VIA DEL LAVORO

ALL.A) MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE - ECOCENTRO - DI VIA CECA ANGOLO VIA DEL LAVORO ALL.A) MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE - ECOCENTRO - DI VIA CECA ANGOLO VIA DEL LAVORO Art. 1 Oggetto Il centro di raccolta comunale di Via Ceca è un impianto di pubblico

Dettagli

205 Vista la L. 549/95 Misure di razionalizzazione della finanza pubblica ;

205 Vista la L. 549/95 Misure di razionalizzazione della finanza pubblica ; 17.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali Area di Coordinamento Prevenzione Integrata degli Inquinamenti e Programmazione Ambientale

Dettagli

ACCESSO A CdR E STE GESTITI DA SEI TOSCANA

ACCESSO A CdR E STE GESTITI DA SEI TOSCANA ACCESSO A CdR E STE GESTITI DA SEI TOSCANA INDICE 1 CENTRI DI RACCOLTA... 2 1.1 MODALITÀ PER L ACCESSO E IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI AI CDR... 2 1.1.1 Utenze non domestiche... 2 1.1.2 Distributori/installatori/centri

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARES 2013

PIANO FINANZIARIO TARES 2013 PIANO FINANZIARIO TARES 2013 INTRODUZIONE Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario TARES tributo comunale sui rifiuti e sui servizi anno 2013, nuovo tributo relativo

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma ORIGINALE SERVIZIO AMBIENTE E PATRIMONIO sezione ambiente - patrimonio - demanio DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 639 del 01/04/2014 (Art. 107 D.Lgs. 18 agosto 2000,

Dettagli

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Perugia, 27 febbraio 2009 Elisabetta Bottazzoli Area Rapporti con il Territorio CONAI Il modello del COnsorzio NAzionale per il recupero degli

Dettagli

SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI AGRICOLI

SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI AGRICOLI SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI AGRICOLI INTRODUZIONE Per accedere al servizio di raccolta rifiuti agricoli è necessario stipulare una convenzione con Alisea Spa. Tale convenzione

Dettagli