L Enterprise Risk Management in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Enterprise Risk Management in Italia"

Transcript

1 DISCUSSION PAPER L Enterprise Risk Management in Italia Risultati della survey condotta in collaborazione con l Osservatorio di Revisione della SDA Bocconi ADVISORY

2

3 Indice Premessa I principali driver di sviluppo dell ERM Le componenti critiche di un modello di ERM La progettazione e realizzazione di un modello integrato di ERM Lo stato dell arte in Italia ERM, quali benefici Le priorità nell agenda del top management Le tendenze in atto e i possibili scenari futuri KPMG e la gestione dei rischi: per un approccio olistico

4 Si ringrazia Massimo Livatino, Responsabile Scientifico dell Osservatorio di Revisione della SDA Bocconi ed il suo team di lavoro, composto da Emilia Merlotti e Paolo Mantica, per il prezioso contributo fornito per la realizzazione della survey.

5 L Enterprise Risk Management in Italia 5 Premessa Nell attuale contesto, caratterizzato da un clima di generale incertezza, anche ma non solo a causa della congiuntura economica che ha interessato l economia globale, è cruciale domandarsi se le imprese, in particolare quelle quotate, dispongono di un adeguata cultura e di idonei strumenti di gestione dei rischi. Lo sviluppo di processi decisionali informati, la responsabilizzazione ( accountability ) sul governo dei rischi a tutti i livelli aziendali, la salvaguardia della reputazione sul mercato, il contesto legislativo e regolatorio, rappresentano alcune delle principali motivazioni che hanno spinto, o che spingeranno, le imprese italiane a investire sempre più in sistemi di risk management. Questo è quanto emerge dalla ricerca Corporate Governance, Enterprise Risk Management e disclosure al mercato: a che punto sono le società quotate italiane? condotta da KPMG, in collaborazione con l Osservatorio di Revisione della Scuola di Direzione Aziendale dell Università Bocconi, finalizzata ad esaminare il grado di diffusione ed implementazione dell Enterprise Risk Management (ERM) in Italia. In particolare, la survey si è focalizzata sui seguenti aspetti: i principali driver di sviluppo dell ERM i processi di identificazione, gestione e reporting dei rischi le implicazioni organizzative dei sistemi di risk management i principali benefici e le possibili aree di sviluppo future.

6 6 L Enterprise Risk Management in Italia L indagine, che ha coinvolto la generalità delle aziende italiane quotate appartenenti a tutti i settori di business, ha permesso di raccogliere il punto di vista di 70 rappresentanti del mondo aziendale, a vario titolo responsabili o interessati dai processi di risk management, quali: Amministratore Delegato Presidente del Consiglio di Amministrazione Presidente del Comitato per il Controllo Interno Presidente del Collegio Sindacale Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili Preposto al Controllo interno. Le risposte ottenute dimostrano l interesse del management al tema della gestione dei rischi, dai più considerato un processo sistematico essenziale per il miglioramento delle performance aziendali e la loro sostenibilità nel tempo. In sintesi, i risultati indicano che attività di risk management sono già state avviate in numerose società italiane, seppure limitatamente alla fase di risk assessment. Le sfide future che il management dovrà affrontare nel percorso di adeguamento continuo alle best practice internazionali riguardano principalmente: lo sviluppo di approcci sistematici e strutturati per l identificazione e la misurazione dei rischi l integrazione dei sistemi di risk management nei processi di business (cd. Embedded Risk Management ) la diffusione delle attività di risk management a tutti i livelli aziendali lo sviluppo di politiche di risk management ed il loro allineamento agli indirizzi strategici la disclosure sul disegno del sistema di risk management. Figura 1 La distribuzione delle risposte per settore di business Servizi 16% Manifatturiero 24% Beni di consumo 29% Finanziario 31%

7 L Enterprise Risk Management in Italia 7 I principali driver di sviluppo dell ERM Le società quotate hanno fatto ricorso, o faranno ricorso nei prossimi anni, a programmi di risk management principalmente per accrescere, a tutti i livelli dell organizzazione, la consapevolezza e la responsabilizzazione nel fronteggiare i rischi. Gli obblighi normativi, contrariamente alla percezione diffusa, sembrerebbero avere scarsa influenza sulla decisione di avviare processi di risk management. Complessivamente, il vertice aziendale ritiene opportuno infatti intraprendere percorsi verso l implementazione di processi strutturati di risk management in ragione dei benefici attesi quali la difesa della reputazione aziendale, la creazione di valore o la riduzione di perdite piuttosto che per esigenze di mera compliance. Figura 2 I principali driver di sviluppo dell ERM Quali sono i principali elementi che hanno portato (o porteranno) la sua Società ad introdurre un processo di ERM? (Possibilità di risposte multiple 3 max) 45% 42% 40% 35% 30% 31% 29% 27% 25% 20% 23% 23% 19% 19% 15% 10% 5% 0% Aumentare responsabilità nella gestione dei rischi Proteggere e/o accrescere la reputazione della società Creare valore per gli azionisti Ridurre/evitare perdite straordinarie Ridurre il rischio di volatilità dei risultati Migliorare le performance operative Assicurare efficiente allocazione di capitali e risorse Soddisfare requisiti previsti dalla legge

8 8 L Enterprise Risk Management in Italia Le componenti critiche di un modello di ERM Nella progettazione e realizzazione di processi di risk management, le società quotate considerano cruciali le componenti riguardanti l identificazione dei rischi, la definizione di un assetto di governance e l introduzione di un sistema di reporting. Tipicamente tali componenti rappresentano anche le fasi iniziali di un percorso che porta all implementazione di un modello integrato di ERM, che si completa con lo sviluppo di tecniche di misurazione dei rischi e l ottimizzazione dei sistemi di controllo interno. Queste ultime due componenti sembrerebbero ancora poco esplorate e/o diffuse nella realtà italiana. Tuttavia, a detta dei rispondenti, tutte le attività di risk assessment avviate negli ultimi anni, hanno permesso al management di: comprendere meglio, anche dal punto di vista pratico, l importanza del monitoraggio e della gestione dei rischi riflettere sull opportunità di integrare la valutazione dei rischi nell ambito dei processi strategici e di business identificare le componenti critiche del modello di risk management su cui focalizzare gli sforzi nei prossimi anni per pervenire ad un modello di risk management integrato. Figura 3 Le componenti critiche di un modello di ERM Quali componenti del sistema di ERM considera un attività particolarmente cruciale nella sua società? (Possibilità di risposte multiple 3 max) 60% 56% 55% 50% 45% 40% 34% 32% 30% 20% 10% 0% Risk Identification and Assessment Risk Governance and Oversight Risk Reporting and Monitoring Risk Quantification and Aggregation Risk and Control Optimization

9 L Enterprise Risk Management in Italia 9 La progettazione e la realizzazione di un modello integrato di ERM Sono numerose le società che hanno compiuto sforzi significativi negli ultimi anni per introdurre meccanismi di identificazione e valutazione dei rischi. Dalla survey, infatti, emerge che complessivamente la maggioranza dei rispondenti ha avviato progetti in tale direzione anche se molte società si trovano ancora nelle fasi preliminari dell implementazione di un vero e proprio processo di ERM. Molto rimane ancora da fare in termini di progettazione ed adozione di un modello integrato di risk management, di cui viene fornita una descrizione sintetica delle principali componenti nelle pagine successive. Le principali componenti di un sistema di risk management Risk Identification & Assessment Identificazione e classificazione dei rischi all interno di un processo strutturato. Risk Governance & Oversight Implementazione di una struttura organizzativa a supporto della definizione ed attuazione delle politiche di risk management. Risk Reporting & Monitoring Progettazione e realizzazione di un sistema di reporting per il monitoraggio continuo dei rischi. Risk Quantification & Aggregation Misurazione e quantificazione dei rischi. Risk & Control Optimization Ottimizzazione dei controlli per il miglioramento delle performance. Fonte: KPMG

10 10 L Enterprise Risk Management in Italia Risk Identification & Assessment Più del 90% delle società rispondenti ha effettuato, almeno una volta, il proprio risk assessment La mappatura o identificazione dei rischi è una delle componenti essenziali di qualsiasi modello di risk management, nonché la prima fase dell intero percorso implementativo. Osservando il portafoglio dei rischi, così come delineato dai rispondenti, emerge che i rischi di mercato, di credito e reputazionale rappresentano le principali preoccupazioni del management italiano, forse anche influenzato dall attuale congiuntura economica. Poca importanza, in termini di impatto sul raggiungimento degli obiettivi strategici, viene attribuita ai rischi legati al terrorismo, ai cambiamenti climatici, alla criminalità e sicurezza e alle calamità naturali. I risultati della survey evidenziano anche che: nessun fattore di rischio è considerato del tutto trascurabile ai fini del raggiungimento degli obiettivi aziendali nessun fattore di rischio si contraddistingue per elevato livello di severità, in base alla percezione del management. Per conseguire i benefici attesi, i rischi aziendali identificati e valutati tramite la mappatura, devono essere gestiti secondo logiche organizzative ed operative che riflettono le peculiarità di ciascuna azienda. Figura 4 I rischi più critici per le società italiane Quali rischi pongono il maggior grado di minaccia al raggiungimento degli obiettivi della società? 4,0 3,5 3,0 2,5 2,0 3,5 3,2 3,1 2,9 2,9 2,9 2,6 2,6 2,6 2,4 2 1,9 1,8 1,8 1,5 1,0 0,5 0,0 di mercato di credito reputazionale regolamentare finanziario di cambio di gestione delle risorse umane paese informatico tecnologico politico calamità naturali criminalità e sicurezza cambiamento climatico attacchi terroristici scala di misurazione: 1=rischio assente - 5=max livello rischio

11 L Enterprise Risk Management in Italia 11 Dall analisi emerge che i rischi percepiti come maggiormente critici sono anche quelli più efficacemente gestiti. Il 25% del campione esaminato effettua la mappatura dei rischi con periodicità almeno trimestrale e un altro 42%, sistematicamente, su base almeno annuale. Se si considera l ulteriore 24% dei rispondenti che effettua la mappatura dei rischi solo quando necessario viene ulteriormente confermata l importanza che le società quotate attribuiscono a questo processo in un contesto economico caratterizzato da frequenti mutamenti e dal manifestarsi di nuove tipologie di rischio (cd. rischi emergenti). Figura 5 I rischi e l efficacia delle azioni di mitigazione Con quale efficacia nella società vengono gestiti i rischi? 4,0 3,5 3,0 3,8 3,7 3,6 3,5 3,3 3,3 3,2 3,2 2,9 3 2,5 2,0 2,4 2,2 1,9 1,9 1,5 1,0 0,5 0,0 finanziario di credito regolamentare di cambio reputazionale informatico tecnologico di mercato di gestione delle risorse umane criminalità e sicurezza paese di calamità naturali politico di attacchi terroristici cambiamento climatico scala di misurazione: 1=min livello di efficacia 5=max livello di efficacia Figura 6 La valutazione dei rischi: con quale periodicità? Con quale periodicità viene effettuata/aggiornata in azienda una valutazione dei rischi aziendali? 30% 27% 25% 24% 20% 17% 15% 15% 10% 8% 9% 5% 0% Mensilmente Trimestralmente Semestralmente Annualmente Solo quando ritenuto necessario Mai

12 12 L Enterprise Risk Management in Italia Risk Governance & Oversight Il modello di ERM prevalente in Italia prevede: la definizione delle politiche di risk management a livello centrale e la distribuzione/attribuzione della gestione del rischio a tutti i livelli aziendali Molte società si stanno ancora interrogando sulla funzione interna a cui assegnare la responsabilità di ERM Un efficace gestione dei rischi presuppone la definizione di un assetto organizzativo, a tutti i livelli aziendali, che preveda una chiara attribuzione delle responsabilità di governo, monitoraggio e reporting ( Risk Ownership ). Il modello di gestione del rischio più diffuso nel contesto italiano (68%) prevede: la centralizzazione delle politiche di risk management il decentramento, a livello di business unit/divisioni, della gestione operativa coerentemente con gli indirizzi strategici. Solo in pochissimi casi (5%), le politiche di risk management sono definite, attuate e gestite autonomamente dalle business unit/aree aziendali senza il coinvolgimento dei vertici aziendali. Meno del 50% delle società quotate rispondenti ha identificato un soggetto o una funzione responsabile del processo di gestione dei rischi. Figura 7 ll modello di gestione del rischio Quale affermazione descrive, nel suo complesso, il modello organizzativo della sua società nella gestione delle principali categorie di rischio? 68% 5% 27% Gli indirizzi e le politiche di risk management sono stabiliti centralmente ed anche la responsabilità della gestione dei rischi è centralizzata Gli indirizzi e le politiche di risk management sono stabiliti centralmente, ma responsabili della gestione dei rischi sono le diverse business unit/aree aziendali Gli indirizzi e le politiche di risk management sono stabiliti e gestiti in modo autonomo dalle diverse business unit/aree aziendali Figura 8 La responsabilità in tema di ERM In azienda è stata istituita una funzione formalmente incaricata della responsabilità complessiva di gestione del processo di ERM? 26% 43% 26% 5% No, non è presente No, la responsabilità di gestione dei rischi è diffusa su tutta la struttura organizzativa No, ma entro un anno si costituirà Sì

13 L Enterprise Risk Management in Italia 13 Risk Reporting & Monitoring Nonostante la crescente pressione normativa verso una più ampia ed efficace disclosure al mercato in tema di risk management, il vertice delle società italiane sembra poco propenso a diffondere informazioni di tipo quantitativo (13%) o a rendere noto l assetto organizzativo definito per il presidio dei rischi (24%); viceversa è più incline a diffondere informazioni sulle politiche strategiche di risk management e sulle tipologie di rischio. Tuttavia, per quanto ritenuta un informativa rilevante, quella sulle tipologie di rischio incontra ancora alcune difficoltà, specie con riferimento ai rischi reputazionali e regolamentari. La disclosure sui rischi: cosa ritengono opportuno comunicare le società italiane? Figura 9a L informativa al mercato Quali elementi di informativa ritiene debbano essere forniti al mercato? (possibilità di risposte multiple 3 max) 80% 70% 74% 68% 60% 50% 40% 37% 32% 30% 24% 20% 10% 13% 0% Tipi di rischio Indirizzi e politiche di risk management Indicatori di rischio e performance Piani di miglioramento (investimenti) Ruoli e responsabilità Dati quantitativi Figura 9b L informativa sui principali rischi Per quali rischi risulta maggiormente difficile fornire un adeguata disclosure al mercato? (possibilità di risposte multiple 3 max) 40% 37% 35% 30% 29% 25% 20% 15% 10% 5% 21% 21% 19% 18% 16% 16% 13% 11% 11% 6% 6% 5% 2% 0% reputazionale regolamentare politico di gestione delle risorse umane di mercato finanziario paese di credito informatico tecnologico di calamità naturali di attacchi terroristici criminalità e sicurezza di cambio cambiamento climatico Altro

14 14 L Enterprise Risk Management in Italia Risk Quantification & Aggregation Nel contesto italiano le tecniche di tipo qualitativo prevalgono, seppur di poco, su quelle di tipo quantitativo. Il consistente ricorso a differenti tecniche quantitative (42%) potrebbe anche dipendere dalla significativa presenza nel campione considerato di società del settore finanziario. Figura 10 La misurazione dei rischi Quali sono le tecniche di misurazione dei rischi prevalentemente usate in azienda? (risposta singola) Tecniche di tipo qualitativo 47% Value at risk 21% Modelli non probabilistici 15% Non so 8% Earnings at risk 6% Altro 3%

15 L Enterprise Risk Management in Italia 15 Lo stato dell arte in Italia Poco più della metà delle società rispondenti ha già provveduto a definire formalmente un processo di ERM, mentre la gran parte delle restanti dichiara di ritenere necessario l avvio di un attività in tal senso. 6% No, e non lo ritengo necessario 42% No, ma lo riterrei necessario 52% Sì Figura 11a La definizione del processo di ERM Esiste nella società un processo di ERM formalmente definito?

16 16 L Enterprise Risk Management in Italia Non sempre è riscontrabile una perfetta correlazione tra i rischi considerati più critici (cfr. Figura 4) e la definizione di un processo di gestione formalizzato degli stessi, come nel caso dei rischi di mercato e dei rischi reputazionali, ritenuti particolarmente rilevanti e non sempre gestiti attraverso un processo specifico. Tra i principali ostacoli all introduzione e allo sviluppo del processo di ERM, emerge su tutti la mancanza di tempo e risorse. Figura 11b La definizione del processo di ERM per tipologia di rischio Per quali rischi la sua società ha definito un processo formalizzato di gestione? (possibilità di risposte multiple 3 max) 90% 80% 84% 70% 60% 71% 65% 63% 60% 50% 50% 48% 40% 30% 35% 26% 20% 10% 0% 15% 11% 6% 5% 3% 2% di credito di cambio finanziario informatico tecnologico regolamentare gestione delle risorse umane di mercato reputazionale criminalità e sicurezza paese calamità naturali attacchi terroristici cambiamento climatico Altro politico Figura 11c La gestione formalizzata dei rischi Quali sono le principali difficoltà/barriere incontrate nell introduzione di un processo di ERM? (possibilità di risposte multiple 3 max) 70% 68% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 21% 19% 18% 16% 15% 13% 13% 10% 5% 2% Carenza di tempo e/o risorse Complessità regolamentari Difficoltà di armonizzazione dei livelli accettabili di rischio presso le diverse unità organizzative e geografiche Responsabilità di gestione dei rischi non chiaramente definite Difficoltà di identificazione di nuovi rischi emergenti Mancanza di competenze specialistiche Avversione o mancanza di supporto da parte del management al riconoscimento dei rischi Indisponibilità di dati ed informazioni Minaccia di rischi sconosciuti o imprevedibili Scarsa collaborazione dei dipendenti Altro

17 L Enterprise Risk Management in Italia 17 ERM, quali benefici I benefici dell ERM sono reali e in alcuni casi misurabili. Questo è quanto sembra emergere dalle risposte del vertice delle società quotate italiane. La creazione di valore e la protezione della reputazione sono individuati quali principali benefici e rappresentano, in effetti, anche le maggiori motivazioni alla base dell implementazione del processo di ERM (cfr. Figura 2). Le società rispondenti indicano tra i principali benefici dell ERM: la creazione di valore la protezione della reputazione Figura 12 I benefici e gli obiettivi dell ERM Quali sono i principali benefici conseguiti/obiettivi raggiunti grazie al processo di gestione dei rischi aziendali? (possibilità di risposte multiple 3 max) 70% 60% 63% 50% 40% 30% 42% 34% 32% 31% 31% 31% 20% 10% 13% 10% 0% Creare valore per gli azionisti Proteggere e/o accrescere la reputazione della società Assicurare conformità a leggi e regolamenti Aumentare la trasparenza verso il mercato Assicurare un efficiente allocazione di capitale e risorse Evitare perdite Ridurre il rischio di volatilità dei risultati Massimizzare il profitto delle unità di business Garantire la salvaguardia di clienti e personale

18 18 L Enterprise Risk Management in Italia Le priorità nell agenda del top management Il risk management rappresenta una delle priorità dell agenda del top management delle società quotate. La gran parte delle società rispondenti dichiara che intende mantenere stabili o incrementare gli investimenti nel processo di Enterprise Risk Management. In particolare, le principali aree di sviluppo riguardano: l implementazione di modelli integrati di ERM l introduzione di un sistema di reporting sull andamento dei rischi e delle azioni di mitigazione di supporto ai processi strategici ed operativi ( Embedded Risk Management ). Figura 13 Investire nel futuro Considerando diverse componenti del processo di ERM come ritiene si possano evolvere, nei prossimi tre anni, i piani di investimenti societari correlati Sviluppo di un modello integrato di risk management 44% 29% 3% 3% 11% 10% Introduzione di politiche aziendali di risk management 39% 34% 5% 3% 3% 16% Interventi organizzativi volti a ridefinire la Governance del sistema di risk management 31% 35% 2% 15% 5% 12% Piani di formazione in materia di risk management 34% 31% 6% 6% 8% 15% Modalità e tecniche di valutazione dei rischi 27% 37% 3% 11% 3% 19% Sistemi di reporting 48% 31% 2% 2% 5% 12% gli investimenti subiranno un incremento gli investimenti subiranno un decremento gli investimenti rimarranno stabili la società non è interessata ad investire non so non risponde

19 L Enterprise Risk Management in Italia 19 Le tendenze e i possibili scenari I risultati della survey confermano che la gestione dei rischi è un tema di riconosciuta importanza che vede complessivamente il percorso intrapreso dalle società verso modelli avanzati di risk management ancora ai primi passi. Le motivazioni alla base dell introduzione di processi di risk management sono collegate alle scelte di business al fine di fronteggiare i rischi e, ove possibile, tradurli in opportunità o vantaggi competitivi. Finalmente non si tratta più solo di una strumentazione vista in chiave difensiva. I manager interpellati delineano il profilo di una funzione cruciale per orientare i processi decisionali e di pianificazione strategica delle imprese. In particolare cresce la consapevolezza che il risk management è un fattore chiave per stabilizzare i percorsi di crescita sostenibile delle aziende.

20 20 L Enterprise Risk Management in Italia Nel nuovo paradigma della società del rischio ci sono, infatti, alcuni elementi strutturali che rendono il risk management una vera e propria priorità: con la globalizzazione dei mercati e la competitività sempre più stringente, le imprese si confrontano quotidianamente con la complessità, l incertezza e la volatilità dei risultati la comunità finanziaria e tutti gli stakeholder mettono sempre di più sotto pressione le aziende. Si aspettano che le imprese siano in grado di prevedere, analizzare e gestire i rischi, anche e soprattutto quelli cosiddetti emergenti, che hanno impatti potenzialmente devastanti sullo standing e la reputazione delle imprese la fiducia è destinata a diventare una delle merci più preziose e rare nel rapporto tra l impresa e il mercato. In questa prospettiva è essenziale l introduzione di processi e sistemi idonei a prevenire nuove patologie aziendali o collassi dei sistemi di controllo. Su queste architravi organizzative occorre poi creare comportamenti collettivi ed identità organizzative improntate ad un nuovo senso etico si assiste ad una tendenza generale verso l inasprimento delle sanzioni per la cosiddetta colpa organizzativa. Questo determina un atteggiamento di ostracismo nei confronti dell azienda che non si è dotata di sistemi adeguati di prevenzione e controllo. Come mostrano chiaramente i risultati della ricerca la corretta ed efficace progettazione ed implementazione di un processo direzionale di risk management permette alle aziende di creare valore. Non solo attraverso la riduzione dei costi (finanziari ed operativi), la stabilizzazione dei risultati, la riduzione della volatilità, ma anche preservando o migliorando la propria reputazione sul mercato. Si tratta di contribuire a creare una nuova cultura organizzativa, proiettata verso processi di crescita sostenibile. Una delle sfide più importanti riguarda non solo e non tanto l effettiva implementazione di un sistema efficace di Enterprise Risk Management ma anche la disponibilità di modelli di misurazione del valore creato. E dunque necessario che le aziende realizzino sistemi di identificazione, assessment, gestione e monitoraggio dei rischi (ancorchè con modalità e livelli di sofisticazione diversi) che si estendano a tutte le aree ed i processi aziendali dove risiedono potenzialmente i rischi stessi. In altri termini, il risk management è processo direzionale trasversale di tipo top down. Il funzionamento efficace di questo processo implica il coinvolgimento di tutte le strutture aziendali, che a diverso titolo sono coinvolte nella gestione dei rischi. In questa prospettiva l idea di un risk management chiuso nel recinto di una funzione organizzativa isolata dal resto dell azienda, si conferma sempre di più come un idea superata dalla complessità dell attuale scenario.

21 L Enterprise Risk Management in Italia 21 I recenti scandali finanziari e le incertezze legate alla congiuntura economica hanno contribuito ad accrescere la domanda di risk management da parte di tutti gli stakeholder. In questo ambito, il legislatore è recentemente intervenuto, ed è lecito attendersi che interverrà ancora di più nel prossimo futuro, definendo, con il recepimento della direttiva europea sul controllo legale dei conti, specifiche responabilità di vigilanza e di assurance interna sull efficacia dei processi di controllo interno e di gestione del rischio. In particolare, l art. 19 del Decreto Legislativo n. 39 del 27 gennaio 2010 ha introdotto l obbligo per il collegio sindacale, che, in base allo stesso articolo, si identifica con il comitato per il controllo interno, di vigilare sull efficacia dei sistemi di gestione del rischio. Questo provvedimento accresce le responsabilità degli organi di controllo e degli organi amministrativi e si aggiunge a quanto già disposto dal T.U.F. agli artt. 123 bis e 154 bis in tema di maggiore controllo e disclosure degli emittenti sui rischi e sui processi di gestione dei rischi. E ragionevole quindi prevedere che molte società si adopereranno a breve per sfruttare il potenziale competitivo ottenibile tramite lo sviluppo di modelli di embedded risk management nonché, nel caso delle quotate, per adempiere alle nuove disposizioni normative. Questo percorso virtuoso, già intrapreso dalle società quotate, rappresenterà lo stimolo per la diffusione della cultura di risk management in tutte le realtà aziendali indipendentemente dalle dimensioni o dalla presenza di obblighi normativi.

22 22 L Enterprise Risk Management in Italia KPMG e la gestione dei rischi: per un approccio olistico L Enterprise Risk Management è parte integrante della cultura professionale di KPMG. Esiste, di base, una sensibilità diffusa ed una competenza specialistica su questi temi sia a livello nazionale sia internazionale. In questa prospettiva, grazie alle esperienze maturate con alcune delle più importanti aziende multinazionali e con le migliori business school, KPMG offre lo stato dell arte sotto il profilo della visione strategica e dell approccio metodologico e riesce a calarlo nello specifico di ogni contesto aziendale, personalizzandolo in base alle diverse esigenze. Uno dei punti di forza di KPMG consiste nell approccio integrato e multidisciplinare. Questo in sostanza si traduce in una visione olistica dell azienda dove processi di risk management e di compliance convergono verso un unica piattaforma di servizio, fortemente compenetrata con la governance, la cultura organizzativa ed i modelli di reporting. Questa impostazione permette: un supporto end-to-end: dalla identificazione dei rischi alla definizione di adeguate misure di gestione modularità e scalabilità del servizio: l intervento KPMG si può strutturare per fasi, introducendo gradualmente elementi di risk management integrato in base alle reali esigenze ed aspettative delle imprese, minimizzando eventuali discontinuità organizzative. Il primo passo dell intervento KPMG è quello di collegare l Enterprise Risk Management con la mission e gli obiettivi strategici dell organizzazione. Successivamente sono presi in considerazione una serie di processi di business core per il funzionamento dell impresa. Il modello di KPMG si fonda inoltre sull armonizzazione di cinque componenti fondamentali, considerate essenziali per minimizzare i rischi di un organizzazione di fronte ad uno scenario di cambiamento continuo. Metodologie e sistemi di rilevazione e valutazione dei rischi ( Risk Identification & Assessment ) Il primo passo operativo di ERM è certamente l identificazione dei rischi. Attraverso l applicazione delle più moderne tecniche di risk assessment (analisi causa-effetto, analisi probabilitàimpatto, etc.) KPMG è in grado di guidare l azienda nella rilevazione del proprio portafoglio dei rischi. Applicando tecniche ed analisi di correlazione inoltre, KPMG supporta l azienda nel consolidamento del proprio Risk Profile complessivo. Assetto organizzativo ( Risk Governance & Oversight ) Governare i rischi significa in primis definire qual è la propensione al rischio (Risk Appetite) dell impresa, ossia il livello massimo di rischio che è disposta ad accettare. Non esiste una regola predefinita per quantificare la propensione al rischio, ma KPMG può guidare le aziende in questo percorso di consapevolezza, per arrivare a capire il livello di rischio tollerabile in base alla propria strategia ed agli obiettivi di business. Per governare i rischi in modo efficace occorre anche definire il corretto assetto organizzativo tra organi (ad es. Consiglio di Amministrazione, Comitato Rischi, ecc.), funzioni aziendali (ad esempio Chief Risk Manager) e sistema di ruoli e di deleghe ( accountability ) deputati al governo dei rischi. In questo senso, nell esperienza KPMG lo strumento per eccellenza è rappresentato dalle Risk Policy. Le policy di gestione dei rischi rappresentano, infatti, lo strumento operativo con il quale l azienda declina le decisioni strategiche sul governo dei rischi in decisioni operative. KPMG supporta l azienda nella definizione e predisposizione di adeguate Risk Policy, focalizzate sulle principali tipologie di rischio (rischi operativi e di frode, rischi finanziari e di liquidità, etc.) e sugli elementi chiave per una efficace governance dei rischi stessi. Modalità e strumenti di misurazione, aggregazione e ranking dei rischi ( Risk Quantification & Aggregation ) La quantificazione dei rischi è un altro aspetto fondamentale nel processo di ERM. KPMG mette a disposizione delle imprese un expertise unica che mutua e valorizza esperienze, tecniche e metodologie consolidate dal mondo bancario e finanziario, da sempre storicamente più orientato (anche in virtù di forti spinte normative) alla misurazione dei rischi.

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

POSITION PAPER. Novembre 2012

POSITION PAPER. Novembre 2012 Position Paper in risposta alla procedura di consultazione della Banca d Italia Sistema dei controlli interni, sistema informativo e continuità operativa Novembre 2012 POSITION PAPER Sommario Premessa...6

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli