Definizione e gestione del fido commerciale: una proposta operativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Definizione e gestione del fido commerciale: una proposta operativa"

Transcript

1 Definizione e gestione del fido commerciale: una proposta operativa di Andrea Panizza (*) e Marco Gennari (**) Il controllo delle dinamiche del ciclo del credito, tema fondamentale per le aziende di ogni dimensione, assume ancor più rilevanza nei contesti di criticità gestionale in cui è necessario avere come obiettivo la riduzione (o quanto meno il contenimento) dell esposizione commerciale, al fine di prevenire potenziali situazioni di insolvenza che si tradurrebbero in conseguenti mancati incassi e nel consolidamento di perdite economiche. Frequentemente la gestione delle problematiche legate alla gestione dei crediti commerciali viene affidata all esterno, generalmente in occasione del loro mancato realizzo. L impostazione di semplici procedure interne finalizzate alla valutazione preventiva dell affidabilità del cliente favorisce la diminuzione del rischio d insolvenza dei crediti di natura commerciale. Introduzione Ilrapportochelegalafunzionecommerciale a quella amministrativa è sempre sollecitato da forti tensioni. Lo scontro si gioca nell ambito della gestione della finanza in entrata e su obiettivi opposti che le due aree aziendali devono perseguire. Mentre la funzione commerciale concentra la propria attenzione sulla conclusione dell affare, accordando condizioni non sempre coerenti con la finanza aziendale, la funzione amministrativa ne subisce gli effetti trovandosi a gestire eventualmente una forte tensione finanziaria. Oltre a questo, la necessità di aumentare il volume delle vendite spinge la funzione commerciale a ricercare nuovi clienti e a concludere nuovi accordi senza però avere certezze sulla solvibilità della controparte. La funzione amministrativa si appesantisce ulteriormente, dovendo così gestire incassi incerti con ampi tempi di dilazione. Questi elementi di criticità devono essere gestiti attraverso procedure strutturate e mirate ad aumentare la consapevolezza finanziaria della funzione commerciale e che, specularmente, permettono alla funzione amministrativa di programmare i flussi finanziari necessari. Allo stesso modo è necessario individuare strumenti che si inseriscano tra le due funzioni per indirizzare le due aree aziendali verso una scelta oggettiva e, per questo motivo, condivisa. La selezione della clientela, la definizione e la gestione del fido commerciale e il credit scoring diventano quindi aspetti centrali che non si basano unicamente sui rapporti di fiducia ma anche, e soprattutto, su strumentidivalutazioneoggettivi. La selezione della clientela Ogni nuovo contatto commerciale deve innescare una veloce raccolta di informazioni che permetta all impresa una valutazione preliminare del cliente. Senza entrare nel dettaglio delle singole voci, le indicazioni che concorrono alla formulazione di questo giudizio sono: storia aziendale e proprietà; amministratori e management di riferimento; Note: (*) Senior Partner Studio Impresa Spa - Consulenti di Direzione, Revisore Legale, Vice Presidente A.P.R.I. - Associazione Professionisti Risanamento Imprese (**) Consulente Studio Impresa Spa 6/

2 caratteristiche dell azienda (dimensioni, ubicazione, ecc.); statistiche interne (anagrafiche, estratti conto e scadenziari); attività, caratteristiche e potenzialità commerciali del cliente; informazioni fornite da società specializzate nella fornitura di informazioni di natura commerciale; informazionibancarie(1). Sarà compito della funzione commerciale raccogliere queste informazioni e, con il supporto della funzione amministrativa, analizzarle e valutarle prima ancora di avviare il rapporto commerciale. L azienda, anche dopo aver consolidato il rapporto con un cliente, dovrebbe prevedere il periodico aggiornamento di queste informazioni, necessarie per la determinazione delle strategie commerciali. Definizione e gestione del fido Il fido commerciale «è il livello massimo di rischio di credito teoricamente accettabile che un fornitore decide di assumersi nei confronti di ogni cliente con cui esiste un rapporto di fornitura che preveda un pagamento differito» (2) ovvero l esposizione massima che l impresa concede al cliente sulla merce venduta tramite dilazioni di pagamento. Data l importanza del fido commerciale, appare opportuno che l azienda provveda a sviluppare una procedura interna in grado di strutturare il processo decisionale e distribuire, allo stesso modo, le responsabilità alle funzioni coinvolte. Chiaramente, le caratteristiche specifiche di ogni azienda e dell ambiente in cui si inserisce influiscono sullo sviluppo della cosiddetta «procedura fidi». Di seguito se ne propone un esempio. Criteri generali 1) Non possono essere fatte spedizioni a un cliente in assenza di un Fido preventivamente autorizzato (ad eccezione degli ordini di prova o dei campioni, caso in cui può essere considerata sufficiente l autorizzazione rilasciata dalla funzione commerciale, all interno di un valore massimo funzionale al tipo di business in cui si opera); 2) il fido deve essere definito e approvato prima di iniziare la relazione commerciale 58 e deve essere rivisto non appena si presenti un elemento di discontinuità rispetto al passato nel rapporto con il cliente; 3) il fido ha una validità annuale; può essere rinnovato o revocato alla scadenza qualora le condizioni di partenza siano variate. Determinazione del fido commerciale La funzione commerciale calcola e propone il fido sulla base di elementi di natura qualitativa, quantitativa e andamentale. Pertanto, nella definizione del fido commerciale devono, tra gli altri, essere tenuti in considerazione elementi quali la durata del rapporto commerciale, l importanza del cliente per la società, la natura giuridica del cliente, i rapporti con gli istituti di credito, l affidabilità degli esponenti aziendali, la situazione patrimoniale, la struttura commerciale, lo scoring quantitativo (ad es. modello Z Score di Altman, PMI Z Score, EM-Score, ecc.). La funzione commerciale è altresì responsabile del monitoraggio dell adeguatezza del Fido in relazione alle performance di business. Richiesta di fido Per ogni cliente deve essere creata, da parte della funzione commerciale, una richiesta fido da inserire in un dossier cliente nel quale sono raccolte le informazioni rilevanti relative al cliente e tutti gli aggiornamenti intervenuti nel corso del rapporto. Autorizzazione dei fidi Al fine di addivenire ad una corretta valutazione del fido richiesto, in termini di sua sostenibilità, oltre che affidarsi alla cosiddetta trading experience, devono essere raccolte ed analizzate tutta una serie di informazioni di natura commerciale, economica, finanziaria e patrimoniale. Ci si riferisce a dossier di natura commerciale acquistabili da società specializzate nell erogazione di servizi di informazione commerciale e ai bilanci di eser- Note: (1) Professione Credit Manager, metodi e supporti per la gestione del credito commerciale, SecondaEdizione,IP- SOA, Milano, 2006, pag. 199 e seguenti. (2) Professione Credit Manager, metodi e supporti per la gestione del credito commerciale, SecondaEdizione,IP- SOA, Milano, 2006, pag /2012

3 cizio depositati presso il Registro Imprese e fruibili anche per via telematica. Il fido deve essere approvato sia dalla funzione commerciale che da quella amministrativa, coinvolgendo livelli di responsabilità in relazione al livello di esposizione. È, pertanto, consigliabile suddividere il proprio portafoglio clienti, stabilendo un primo livello di affidamento, di importo limitato, che può essere approvato dal credit manager congiuntamente all area manager, un secondo livello, corrispondente ad una fascia di importo superiore, per il quale sono richieste le ulteriori approvazioni da parte del responsabile amministrativo e commerciale e un terzo livello, corrispondente al massimo livello di affidamento concedibile, che preveda anche la firma della direzione aziendale. Si veda in merito la Tavola 1. Tavola 1 - Livello di affidamento e responsabilità Valore in Euro Funzione 1 Funzione 2 > (3º livello) < (2º livello) < (1ºlivello) Direzione aziendale Resp.le amministrativo Credit Manager Resp.le Commerciale Area Manager Il numero degli step attraverso i quali arrivare alla definizione, autorizzazione e rilascio di un fido commerciale possono, ovviamente, variare a seconda delle caratteristiche della struttura organizzativa interna all azienda edellesuedimensioni. Si rende comunque necessario prevedere e regolamentare, il più possibile, anche i casi particolari che possono verificarsi nel corso dell applicazione della procedura. Il mancato accordo tra «organi deliberanti» di pari livello potrebbe essere eventualmente gestito con il rimando della decisione al successivo e più alto livello di responsabilità. Nel caso sia stato sottoscritto un contratto che preveda l assicurazione dei crediti commerciali, l eventuale eccedenza di fido, rispetto al massimale coperto da assicurazione, dovrebbe essere approvata con le stesse regole di cui sopra. Non dovrebbero essere previste deleghe di autorizzazione al livello inferiore. La revisione dei fidi con scadenza annuale dovrebbe, poi, essere garantita dal servizio amministrativo attraverso l analisi dell ultimo bilancio approvato e delle altre informazioni di natura qualitativa e andamentale. Gestione dei fidi Con cadenza settimanale appare opportuno procedere con la verifica dei crediti scaduti, ovvero di tutti quei casi nei quali si assista al mancato rispetto dell obbligazione al pagamento da parte del cliente, sia esso rappresentato dal mancato ritiro di una Ri.Ba. o dalla mancata effettuazione di un bonifico bancario. Questa attività di controllo è resa possibile, in certi casi (vedi Ri.Ba.), solo trascorsi alcuni giorni dalla scadenza prevista in quanto il flusso informativo del sistema bancario necessita di qualche giorno per essere considerato disponibile per l azienda creditrice. L elenco dei crediti scaduti e non onorati da parte del cliente debitore può essere generato automaticamente dal sistema informativo (nel caso che lo stesso lo permetta), oppure redatto manualmente dal servizio amministrativo e distribuito al servizio commerciale. Il servizio commerciale deve poi contattare il cliente moroso per avere chiarimenti sul mancato pagamento e indicazioni su come il cliente intenda provvedere alla regolarizzazione. Nel frattempo il servizio amministrativo dovrebbe prevedere il blocco del fido, con conseguente congelamento di ogni ulteriore fornitura, fino a nuova indicazione da parte del servizio commerciale. Le evidenze dello scaduto dovrebbero rimanere disponibili nel sistema informativo aziendale e contribuire alla costruzione di quelle informazioni che caratterizzano il cliente da un punto di vista andamentale, utili per valutarne nel tempo l affidabilità. Nel caso in cui, a fronte di un mancato pagamento, il cliente provveda a saldare nel breve, nulla più che unanotarimarràall interno del sistema informativo; diversamente, il rapporto con il cliente diventerà oggetto di discussione durante l apposito periodico comitato fidi, nel quale verranno identificate le azioni da intraprendere nei confronti del cliente inadempiente. Ogni eventuale variazione dei termini di pagamento deve essere approvata dal responsabile commerciale, così come la definizione 6/

4 dei termini per un nuovo cliente, qualora siano diversi dai riferimenti previsti dal modello standard come, ad esempio, quello di riportato in Tavola 2. Tavola 2 - Termini di pagamento standard Nazione Giorni Germania 30 Francia 60 Altri Paesi Europei Italia 90 Portogallo / Spagna / Grecia 90 UK USA ROW Il comitato fidi Il comitato fidi è l organo che riunisce, almeno una volta al mese, la direzione aziendale, commerciale, amministrativa e, qualora necessario, un legale interno o esterno all azienda, per: esaminare la situazione crediti, in particolare di quelli scaduti alla data, sulla base di una lista che preveda per ogni cliente l esposizione totale, l importo di quanto scaduto, le azioni decise per il recupero, i relativi tempi e il responsabile; rivedere la valutazione dei crediti in sofferenza ed esaminare la necessità di utilizzo del fondo rischi. Nella Tavola 3 si fornisce un esempio di percentuali di svalutazione per singola casistica. La svalutazione deve essere effettuata considerando il valore prevedibilmente realizzabile, ponendo particolare attenzione alla natura dei singoli crediti e alle informazioni disponibili sulla situazione del singolo debitore. Non bisogna inoltre dimenticare che la svalutazione non deve essere influenzata da considerazioni di natura fiscale, ma deve essere unicamente provocata nella misura necessaria a garantire l applicazione di quanto previsto dalla normativa civilistica (art. 2426), ovvero la valutazione dei crediti secondo il valore presumibile di realizzo; esaminare la situazione dei crediti chiusi a 60 seguito di fallimento del cliente, ma con procedure concorsuali ancora aperte; valutare la possibilità di intraprendere azioni legali, e di richiedere garanzie bancarie o personali e ogni altra forma di tutela del credito riconducibile a posizioni aperte; esaminare l andamento/accettazione di eventuali piani di rientro; esaminare le richieste di affidamento; esaminareirinnovideifidiinscadenza; analizzareleperformance della forza vendite in termini di giorni di dilazione di pagamento concessi; analizzare ogni altra informazione utile ad una più ottimale gestione del rapporto commerciale con il cliente. Il comitato fidi, oltre ad essere organo coordinatore delle attività descritte in precedenza e anello di congiunzione tra la funzione commerciale e quella amministrativa, rappresenta strumento di condivisione di informazioni che, qualora analizzate separatamente da queste due funzioni, potrebbe portare ad una loro interpretazione fin troppo prudenziale, da parte del servizio amministrativo, o disinvolta, da parte del servizio commerciale, con conseguente limitazione di opportunità o assunzione di rischi eccessivi. Tavola 3 - Esempio di percentuali di svalutazione per singola casistica Stima inesigibilità Svalutazione (%) Fallimento 100 Creditiperinteressidimora 100 Istanza di Fallimento 90 Pignoramento 70 Accordo di ristrutturazione debito Concordato Preventivo In base a quanto previsto dall accordo In base alla proposta concordataria Decreto ingiuntivo 25 Piano di rientro clienti abbandonati 20 Piano di rientro clienti correnti 15 Sollecito legale 10 6/2012

5 Il credit scoring Le tecniche di credit scoring consistono in modelli di tipo previsionale che, attraverso l utilizzo di metodi statistici, attribuiscono una valutazione anticipata del rischio di insolvenza di una controparte debitoria. Lo score, derivante dal modello che ogni azienda può sviluppare in modo specifico, quantifica, attraverso un punteggio la probabilità che un debitore diventi insolvente. La sua definizione può avvenire considerando semplicemente elementi di natura quantitativa, o, al contrario, anche altre componenti di natura qualitativa e andamentale, quali le informazioni provenienti dal settore in cui opera l azienda, da altri fornitori e dal canale bancario. In estrema sintesi, e per questo motivo si rimanda alla lettura specialistica in merito, il processo di sviluppo di un modello di credit scoring si basa sull analisi di un campione. All interno del campione deve essere individuata una variabile comportamentale per isolare due diverse tipologie di soggetti che, in questo caso, sono rappresentate da aziende «sane» e aziende «anomale». Dallo studio statistico sulle caratteristiche rilevanti si raccolgono gli indicatori chiave che, inseriti in modello, permettono di calcolare il valore discriminante dell azienda rispetto la variabile comportamentale principale. Chiaramente, devono essere individuate delle fasce di punteggio che permettono di sofisticare la valutazione e inquadrare al meglio i soggetti. Esempio Può, a questo punto, essere utile un esempio. Si consideri un campione ricavato dall anagrafica clienti di un azienda per il quale l analista identifica come variabile comportamentale l affidabilità delle imprese clienti definendo due tipologie di soggetti: aziende «affidabili» e aziende «non affidabili». Dallo studio statistico si possono estrapolare i seguenti indicatori: il fido concesso e il fido suggerito da società specializzate; l ammontare del fido; il settore in cui opera l azienda cliente; la reputazione commerciale del cliente. In base all analisi del campione e alle frequenze riscontrate a seconda delle tipologie diaziendeclienteloscoringpermettediattribuire un valore al singolo cliente e di formulare tre ipotesi di rischio: basso, medio e alto. Nell esempio, il punteggio, o scoring, è stabilito moltiplicando tra di loro i 4 punteggi ottenuti dal cliente per ogni indicatore. In questo esempio si individuano tre diverse fasce di punteggio, dove il valore 81 rappresenta la maggiore situazione di rischio, mentre il valore 1 la più bassa: Rischio basso: con punteggio minore o uguale a 15; Rischio medio: con punteggio compreso tra 16 e 35; Rischio alto: con punteggio maggiore di 36. La Tavola 4 riassume e schematizza l esempio riportato. Tavola 4 - Esempio di credit scoring Parametri Probabilità Severità Settore Esperienza Commerciale Rischio Moltiplica Moltiplica Moltiplica Probabilità, Criteri Severità (importi da adeguare alle esigenze del business) < Fido suggerito da XY (o altri Istituti) > ma non oltre il doppio del Fido suggerito da XY(o altri Istituti) oltre il doppio del Fido suggerito da XY (o altri Istituti) < E da E a E oltre E 6/

6 Settore di applicazione del cliente Esperienza commerciale A 1 B 2 C 3 Nessuna sospensione di fido negli ultimi due esercizi Una sospensione di fido negli ultimi due ezercizi Più di una sospensione di fido negli ultimi due esercizi L azienda sviluppatrice del proprio modello di credit scoring, dovràcercare di adattare il proprio modello in base alle caratteristiche del mercato in cui opera e alla clientela di riferimento, in modo da ottenere precisi indicatori che rappresentino al meglio la realtà analizzata. Conclusioni Gli strumenti illustrati hanno il preciso scopo di ridurre al minimo l opacità informativa frequentemente presente nei rapporti tra la funzione commerciale a quella amministrativa, al fine di prevenire situazioni di potenziale criticità derivanti, principalmente, dalla situazione finanziaria del cliente, anche potenziale, dell impresa. L incremento della disponibilità di informazioni, in particolare di quelle di natura economica e finanziaria, che permettono alla società di tracciare un profilo del cliente, non può chefavorireladefinizione delle politiche commerciali di ingresso (o di mantenimento). È comunque fondamentale tener presente che ogni realtà aziendale si sviluppa secondo logiche diverse da quelle delle altre imprese e, pertanto, anche la valutazione delle informazioni raccolte deve avvenire con il massimo livello di attenzione, considerando, in particolare, il contesto in cui l impresa stessa si trova ad operare. La creazione di un form che raccolga tutti i principali dati del contatto commerciale, magari integrato in un workflow all interno del sistema informativo aziendale, potrebbe snellire il processo di raccolta e valutazione, aumentando ulteriormente la reattività del processo decisionale. Tale processo decisionale è frutto di un lavoro svolto in team che permette di bilanciare lediversenatureeattitudinidellefunzione aziendali coinvolte e permette all azienda di fare scelte in una situazione di piena consapevolezza. 62 6/2012

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com Al tuo fianco nella sfida di ogni giorno risk management www.cheopeweb.com risk management Servizi e informazioni per il mondo del credito. Dal 1988 assistiamo le imprese nella gestione dei processi di

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI Fausto Galmarini Amministratore Delegato UniCredit Factoring Milano, 23 giugno 2009 Key messages Basilea 2 ha introdotto un più stretto legame tra

Dettagli

La gestione del credito che crea risorse

La gestione del credito che crea risorse La gestione del credito che crea risorse Credit Evolution. Il vostro partner di fiducia per la gestione del credito. Credit Evolution è il tuo nuovo partner per la gestione in outsourcing dei processi

Dettagli

LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP. richiesta di commenti

LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP. richiesta di commenti LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP richiesta di commenti Novembre 2013 1 Indice RICHIESTA DI COMMENTI SULLA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP... 3 LE MOTIVAZIONI... 4 I PRINCIPALI ELEMENTI

Dettagli

Il controllo operativo nell area commerciale. Corso di Gestione dei Flussi di informazione A.A. 2009/2010

Il controllo operativo nell area commerciale. Corso di Gestione dei Flussi di informazione A.A. 2009/2010 Il controllo operativo nell area commerciale Corso di Gestione dei Flussi di informazione A.A. 2009/2010 Ciclo ordini-spedizioni Ciclo vendite-incassi Ciclo ordini spedizioni 1. Acquisizione degli ordini

Dettagli

La gestione del credito commerciale: aspetti organizzativi, metodologici e finanziari

La gestione del credito commerciale: aspetti organizzativi, metodologici e finanziari La gestione del credito commerciale: aspetti organizzativi, metodologici e finanziari Riccardo Gandolfi Temporary Manager rigandol@tin.it http://it.linkedin.com/in/riccardogandolfi Presentazione dello

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

Business all estero? Rischi e opportunità di una corretta gestione del portafoglio clienti

Business all estero? Rischi e opportunità di una corretta gestione del portafoglio clienti Business all estero? Rischi e opportunità di una corretta gestione del portafoglio clienti Fabio Lazzarini, Marketing Director CRIBIS D&B Credit Risk Council Verona, 13 Novembre 2014 CRIF nel mondo 2.400

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Metodologia di rating

CERVED RATING AGENCY. Metodologia di rating CERVED RATING AGENCY Metodologia di rating maggio 2014 1 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONE...3 LA SCALA DI RATING...3 IL MODELLO DI RATING...5 LA BASE INFORMATIVA...6 LE COMPONENTI DELL ANALISI...7 Cebi

Dettagli

PARTE I IL CREDIT MANAGER E IL SUO MONDO

PARTE I IL CREDIT MANAGER E IL SUO MONDO PARTE I IL CREDIT MANAGER E IL SUO MONDO 1. IL CREDIT MANAGER 1.1. Chi è pag. 5 1.2. Competenze pag. 6 1.2.1 Hard Skills pag. 6 1.2.2 Soft Skills pag. 9 1.3. Attività pag. 13 1.4. Rapporti con le altre

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle F1amiglie 2008 Sessione Parallela A2 Gestione dei rischi e

Dettagli

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie Lezione 3 Il rating interno e il sistema delle garanzie Ricordiamo i concetti... Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza

Dettagli

GESTIONE DEL CREDITO

GESTIONE DEL CREDITO GESTIONE DEL CREDITO SOMMARIO schema di sintesi chiarimenti costo del credito nelle valutazioni aziendali La gestione del credito commerciale dall inizio della crisi finanziaria sta diventando sempre più

Dettagli

RDS ERP. Credit Valuation Management. www.rds-nordest.it. Gestione del recupero crediti

RDS ERP. Credit Valuation Management. www.rds-nordest.it. Gestione del recupero crediti RDS ERP Credit Valuation Management CVM (Credit Valuation Management) è stato creato per soddisfare le esigenze di utenti che desiderino, in totale autonomia, analizzare al massimo dettaglio il credito

Dettagli

GUIDA PRATICA A BASILEA 2

GUIDA PRATICA A BASILEA 2 GUIDA PRATICA A BASILEA 2 GUIDA PRATICA A BASILEA 2 Progetto realizzato da Confcommercio Cosenza Con il contributo della Regione Calabria La gestione del progetto è stata affida al C.A.T. - Centro Assistenza

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti.

Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti. IL VALORE DELL AUTOFINANZIAMENTO. Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti. L ultimo Bollettino Economico della Banca

Dettagli

Capitolo 6 L intermediazione creditizia

Capitolo 6 L intermediazione creditizia Capitolo 6 L intermediazione creditizia Esercizio 1 Quali sono gli elementi centrali negli scambi creditizi? a. Le informazioni. b. La conoscenza reciproca degli scambisti. c. I contratti personalizzati.

Dettagli

S T U D I O F R O N T I N I P. Z Z A V E N Z A G H I N. 2-21052 - B U S T O A R S I Z I O (VA) T E L. 0331.630259 - F A X 0331.679467/0331.

S T U D I O F R O N T I N I P. Z Z A V E N Z A G H I N. 2-21052 - B U S T O A R S I Z I O (VA) T E L. 0331.630259 - F A X 0331.679467/0331. P. Z Z A V E N Z A G H I N. 2-21052 - B U S T O A R S I Z I O (VA) T E L. 0331.630259 - F A X 0331.679467/0331.638299 DR. GAUDENZIO FRONTINI DOTTORE COMMERCIALISTA DR. MASSIMILIANO FRONTINI DOTTORE COMMERCIALISTA

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Servizi integrati per la tutela dei crediti COMAS

Servizi integrati per la tutela dei crediti COMAS Servizi integrati per la tutela dei crediti COMAS 00 DALLA PREVENZIONE DEL RISCHIO DI INSOLVENZA AL RECUPERO EFFETTIVO DEL CREDITO In uno scenario economico così complesso e mutevole come quello attuale,

Dettagli

AVVISO PUBBLICATO SULLA GAZZETTA UFFICIALE PARTE II N 114 DEL 18 MAGGIO 2006

AVVISO PUBBLICATO SULLA GAZZETTA UFFICIALE PARTE II N 114 DEL 18 MAGGIO 2006 AVVISO PUBBLICATO SULLA GAZZETTA UFFICIALE PARTE II N 114 DEL 18 MAGGIO 2006 Cordusio RMBS 2 S.r.l. Società con socio unico all elenco generale di cui all art. 106 del D. Lgs. 385/1993 al n. 37081 Partita

Dettagli

Cordusio RMBS Securitisation S.r.l. Società con socio unico. sede legale in Piazzetta Monte, 1, 37121 Verona, Italia

Cordusio RMBS Securitisation S.r.l. Società con socio unico. sede legale in Piazzetta Monte, 1, 37121 Verona, Italia Cordusio RMBS Securitisation S.r.l. Società con socio unico sede legale in Piazzetta Monte, 1, 37121 Verona, Italia Capitale Sociale Euro 10.000,00 interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese

Dettagli

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito Insolvenza Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito di Tommaso Zarbo - Dottore commercialista e Revisore contabile Il rischio di credito Il rischio di credito generato dal portafoglio

Dettagli

La valutazione di affidabilità creditizia: l istruttoria di fido

La valutazione di affidabilità creditizia: l istruttoria di fido La valutazione di affidabilità creditizia: l istruttoria di fido Corso di finanziamenti di impresa a.a. 2014-2015 Dott.ssa Diletta Tancini diletta.tancini@yahoo.it Agenda Rischio di credito e merito creditizio

Dettagli

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Canali e Core Banking Finanza Crediti Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Sistemi Direzionali

Dettagli

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE in collaborazione con: Promem Sud Est S.p.A. Società per la Promozione dei Mercati Mobiliari Sud Est S.p.A. GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE a cura del Dott. Aurelio Valente Amministratore

Dettagli

Il sistema per la valutazione della qualità dei crediti della Banca d Italia. (In-house Credit Assessment System - ICAS)

Il sistema per la valutazione della qualità dei crediti della Banca d Italia. (In-house Credit Assessment System - ICAS) Il sistema per la valutazione della qualità dei crediti della Banca d Italia (In-house Credit Assessment System - ICAS) SOMMARIO L utilizzo dei prestiti come collaterale nelle operazioni di politica monetaria...

Dettagli

Capitolo 31. Gestione del credito commerciale. Principi di finanza aziendale. Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri.

Capitolo 31. Gestione del credito commerciale. Principi di finanza aziendale. Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri. Principi di finanza aziendale Capitolo 31 IV Edizione Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri Gestione del credito commerciale Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 31-2 Argomenti trattati

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Per cogliere le opportunità offerte dal mercato del credito al consumo è fondamentale per gli operatori dotarsi di un reale vantaggio competitivo

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

La necessità di controllare l evoluzione

La necessità di controllare l evoluzione METODI LA COSTRUZIONE DEL BUDGET DI TESORERIA: L ESPERIENZA DI ALFA S.P.A. La necessità di controllare l evoluzione dell andamento finanziario in un ristretto arco di tempo viene soddisfatta dal budget

Dettagli

Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi

Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi Rosella Sciolla Responsabile Direzione Crediti Regionale Piemonte Nord Valle d Aosta di UniCredit Banca Torino, 27 Maggio 2010 2 Basilea

Dettagli

Informazione Multifocus Quando il marketing diventa intelligence

Informazione Multifocus Quando il marketing diventa intelligence Informazione Multifocus Quando il marketing diventa intelligence Relatore: d.ssa Francesca Negri - f.negri@lince.it Macerata 7 Novembre 2003 2003 Lince SpA - Tutti i diritti riservati PREMESSA In un mercato

Dettagli

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl PMI Center -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl 1 La tecnologia ha rimodulato i rapporti fra PMI e sistema Bancario a) anno 1987 - scambio telematico flussi informativi e dispositivi monobanca b) anno

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Marco Troiani Titolare Divisione Intermediari ex art. 107 TUB Servizio Supervisione Intermediari Specializzati Banca d Italia Convegno Assifact

Dettagli

BILANCIO 2014 : GUIDA ALLA RILEVAZIONE DEI CREDITI NEL BILANCIO D'ESERCIZIO

BILANCIO 2014 : GUIDA ALLA RILEVAZIONE DEI CREDITI NEL BILANCIO D'ESERCIZIO BILANCIO 2014 : GUIDA ALLA RILEVAZIONE DEI CREDITI NEL BILANCIO D'ESERCIZIO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale I crediti vanno esposti in bilancio al valore di presunto realizzo ( art.2426 c.c.)

Dettagli

DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA. il primo reddituale

DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA. il primo reddituale Risposte a quesiti DISCIPLINA FISCALE DEI CREDITI IN SOFFERENZA In occasione della chiusura dell esercizio, è sempre opportuno, procedere alla valutazione dei crediti verso clienti che presentano difficoltà

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

La Due Diligence nell attività di revisione legale: l analisi del conto economico e dello stato patrimoniale

La Due Diligence nell attività di revisione legale: l analisi del conto economico e dello stato patrimoniale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA DUE DILIGENCE ECONOMICO-FINANZIARIA A PRESIDIO DELLA CONTINUITA AZIENDALE La Due Diligence nell attività di revisione legale: l analisi del conto economico

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Spett.le Deutsche Bank S.p.A. Informativa ai sensi dell art. 13 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI)

Spett.le Deutsche Bank S.p.A. Informativa ai sensi dell art. 13 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI) Spett.le Deutsche Bank S.p.A. Informativa ai sensi dell art. 13 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI) Ai sensi dell art.13 del Decreto Legislativo 30 giugno

Dettagli

PUNTO DI SVOLTA DEL CREDITO. doccredit

PUNTO DI SVOLTA DEL CREDITO. doccredit PUNTO DI SVOLTA DEL CREDITO doccredit Scenario Il mutato scenario economico e finanziario ha evidenziato i limiti degli strumenti tradizionali e minato le caratteristiche dei loro servizi. In particolare

Dettagli

Factoring Liquidità assicurata

Factoring Liquidità assicurata Liquidità assicurata Più flessibilità grazie al factoring. Volete che la vostra azienda cresca con le sue forze? Desiderate espandervi all estero, oppure ampliare il vostro raggio di azione finanziario?

Dettagli

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità C he cosa si intende per Basilea 2006? Basilea 2006 o più precisamente Basilea 2 è un accordo internazionale volto a determinare i requisiti patrimoniali

Dettagli

Settimanale di Aggiornamento Fiscale del 28 Febbraio 2014. Premessa

Settimanale di Aggiornamento Fiscale del 28 Febbraio 2014. Premessa Settimanale di Aggiornamento Fiscale del 28 Febbraio 2014 DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI Premessa La deducibilità fiscale degli oneri derivanti dalla inesigibilità definitiva dei crediti è disciplinata,

Dettagli

Le perdite su crediti

Le perdite su crediti Il bilancio 2013 : novità e criticità Le perdite su crediti dott. Paolo Farinella Commissione Principi Contabili ODCEC Milano Milano 28 febbraio 2014 sede corso Europa 11 0. Introduzione Sintesi argomenti

Dettagli

Il sistema di condivisione delle informazioni sulle abitudini di pagamento

Il sistema di condivisione delle informazioni sulle abitudini di pagamento Il sistema di condivisione delle informazioni sulle abitudini di pagamento Alcune Premesse Un terzo delle risorse delle imprese servono per finanziare i clienti attraverso il credito commerciale. Quando

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

Evidenze e soluzioni per la valutazione del rischio di credito per i Confidi

Evidenze e soluzioni per la valutazione del rischio di credito per i Confidi Evidenze e soluzioni per la valutazione del rischio di credito per i Confidi Letizia Sampoli Firenze, 26 febbraio 2015 Cerved è il più grande Information Provider in Italia e una delle principali agenzie

Dettagli

CAPITAL MORTGAGE S.R.L. Società costituita ai sensi della Legge 130/1999

CAPITAL MORTGAGE S.R.L. Società costituita ai sensi della Legge 130/1999 Roma, [ ] [ ] 2009 Oggetto: Cessione di crediti derivanti da contratti di mutuo fondiario. - Informativa all'interessato ai sensi dell'art. 13, comma 4 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e

Dettagli

Metodologia Rating di emissione

Metodologia Rating di emissione Metodologia Rating di emissione giugno 2014 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONI...3 CERVED GROUP RATING... 3 IL RATING di emissione... 3 LA SCALA DI RATING...3 METODOLOGIA DI RATING DI EMISSIONE...5 Ambito

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014

PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014 PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014 ADVISORY Pafinberg Srl predispone e fornisce soluzioni finanziarie personalizzate su specifiche esigenze del cliente, che richiedono il concorso di molteplici competenze

Dettagli

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO 2009 Sommario 3 PREMESSA 4 INTRODUZIONE 4 1. Obiettivi 4 2. Articolazione del documento 6 1. REQUISITO INFORMATIVO GENERALE 6 1.1. Il sistema dei controlli

Dettagli

Il modulo DFKA. Analisi Informatizzata Delle Aziende

Il modulo DFKA. Analisi Informatizzata Delle Aziende Il modulo DFKA Analisi Informatizzata Delle Aziende AIDA AIDA contiene informazioni finanziarie, anagrafiche e commerciali su oltre 1.000.000 di società che operano in Italia. Per ciascuna di questa aziende

Dettagli

INFORMATIVA SULLA PRIVACY

INFORMATIVA SULLA PRIVACY INFORMATIVA SULLA PRIVACY Informativa ai sensi dell articolo 13 del Decreto Legislativo n.196/2003 Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali Gentile cliente, la

Dettagli

1.4 La previsione delle insolvenze: aspetti qualitativi FRANCESCO PISTELLI

1.4 La previsione delle insolvenze: aspetti qualitativi FRANCESCO PISTELLI 1.4 La previsione delle insolvenze: aspetti qualitativi FRANCESCO PISTELLI 1.4.1 Introduzione 1.4.2 Le metodologie utilizzate dalle principali agenzie di rating 1.4.3 Alcuni aspetti da considerare per

Dettagli

Il merito creditizio. Giuseppe Squeo

Il merito creditizio. Giuseppe Squeo Il merito creditizio Giuseppe Squeo 1 Il rischio di credito Il rischio di credito consiste: nell eventualità che alle scadenze previste dal contratto il cliente finanziato si riveli insolvente in misura

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La previsione finanziaria Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it L analisi di bilancio e la proiezione della gestione

Dettagli

IL NUOVO CODICE CHE METTE LE COSE IN CHIARO PRESTITI E TUTELA DELLA PRIVACY: In collaborazione con: Federconsumatori

IL NUOVO CODICE CHE METTE LE COSE IN CHIARO PRESTITI E TUTELA DELLA PRIVACY: In collaborazione con: Federconsumatori In collaborazione con: www.adiconsum.it www.assoutenti.it www.confconsumatori.com www.adoc.org www.cittadinanzattiva.it Federconsumatori www.federconsumatori.it PRESTITI E TUTELA DELLA PRIVACY: IL NUOVO

Dettagli

Un efficace modello organizzativo attuato per il recupero dei crediti delle imprese del settore Food & Beverage

Un efficace modello organizzativo attuato per il recupero dei crediti delle imprese del settore Food & Beverage Un efficace modello organizzativo attuato per il recupero dei crediti delle imprese del settore Food & Beverage Studio Legale Santosuosso e Associati Consulenza Legale per le Imprese Verona Milano Treviso

Dettagli

Il network per la finanza d impresa

Il network per la finanza d impresa Il network per la finanza d impresa La nostra mission é affiancare la famiglia imprenditoriale nell attività gestionale (ottimizzazione organizzativa, finanziaria, amministrativa, legale, fiscale) e nelle

Dettagli

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. IL BINOMIO CRISI E RISANAMENTO D IMPRESA 1.1. Il binomio crisi e risanamento pag. 5 1.2. Cause della crisi e ruolo del management pag. 7 1.3. Indicatori di performance e previsione della

Dettagli

Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A.

Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A. Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A. di Andrea Panizza (*) Una corretta quantificazione del costo di prodotto rappresenta uno dei più importanti fattori di successo dell impresa.

Dettagli

ORIGINALE PER COMPASS

ORIGINALE PER COMPASS Associata INFORMATIVA D.Lgs. 196/2003 : Codice in materia di protezione dei dati personali Compass S.p.A., ai sensi dell articolo 13 del D.Lgs. 196/2003 in tema di protezione dei dati personali, rende

Dettagli

Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante

Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante GE Capital è leader europeo nel settore del factoring: GE Capital è leader europeo nel settore del factoring: oltre 8.000 clienti;

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PAGANI

STUDIO ASSOCIATO PAGANI STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI Via G. Frua, 24 Sergio Pagani 20146 Milano Paolo D. S. Pagani Tel. +39 (02) 46.07.22 Raffaella Pagani Fax +39 (02) 49.81.537 Ornella

Dettagli

MANCATI PAGAMENTI ALCUNI DATI

MANCATI PAGAMENTI ALCUNI DATI MANCATI PAGAMENTI ALCUNI DATI Quante imprese pagano entro la scadenza? Solo il 42,2% delle imprese italiane paga entro il termine concordato Fallimenti: Nel 2011 in Italia sono state presentate circa 12.000

Dettagli

FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE

FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE Allegato A Regione Marche Programma Operativo Marche F.S.E. 2007/2013 FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE Intervento pubblico di garanzia sul Prestito d Onore regionale DISPOSIZIONI ATTUATIVE

Dettagli

PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012

PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012 PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012 Delibera CdA del 01.08.2012 Aggiornamento del 22 Gennaio 2014 INDICE PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE

Dettagli

Liberare risorse per sviluppare il proprio business

Liberare risorse per sviluppare il proprio business FAI EMERGERE DALL AZIENDA LA LIQUIDITA NECESSARIA AL TUO BUSINESS Liberare risorse per sviluppare il proprio business Per una visione olistica della gestione del capitale circolante Giuseppe Santoro Consulente

Dettagli

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 PROTOCOLLO D INTESA PROMOSSO DALLA PREFETTURA DI BOLOGNA TRA TRIBUNALE DI BOLOGNA, REGIONE EMILIA-ROMAGNA, PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof.

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof. ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE 1 Ogni operazione di prestito concessa dalle banche a favore del soggetto che ne ha fatto richiesta prevede due FASI PRELIMINARI alla stipula del contratto

Dettagli

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA I finanziamenti sono le fonti delle risorse necessarie all azienda per svolgere la sua attività. Con i finanziamenti le imprese possono procurarsi i fattori della produzione (terra,

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com

FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com FAPI PROVINCIA DI SALERNO P.zza XXIV Maggio n. 14 84122 Salerno Tel./fax: 0893180420 email: fapisalerno@gmail.com FAPI Federazione Artigiani Pensionati Italiani offre un servizio concreto ai suoi associati.

Dettagli

Imprendo Export il tuo business senza confini

Imprendo Export il tuo business senza confini Imprendo Export il tuo business senza confini Conto corrente, ricerca controparti, lettere di referenza, Desk Internazionali e tanti altri servizi innovativi per rendere l estero facile e accessibile.

Dettagli

Credit Assessment Tool

Credit Assessment Tool Credit Assessment Tool Gli Strumenti a supporto della collection efficace Verona, 15/4/2015 Dario Lazzari Strategie e Sviluppo Finservice S.p.A. Il marchio Cerved Opera sul mercato presidiando diversi

Dettagli

Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008

Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008 Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008 1 Indice Introduzione 3 Requisito informativo generale 4 Ambito di applicazione.11 Composizione del Patrimonio di Vigilanza..12 Adeguatezza

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AZIENDALE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE PER I GRUPPI DI SIM (Circolare Banca d Italia n.285 del 17 dicembre 2013, Titolo

Dettagli

Condizioni commerciali generali (AGB)

Condizioni commerciali generali (AGB) Condizioni commerciali generali (AGB) della Knauf AMF GmbH & Co. KG per forniture e prestazioni (01/2014) (1) Campo d applicazione (1.1) Tutte le nostre offerte, accettazioni di ordini e/o tutte le forniture

Dettagli

OGGETTO: 147/CA = Convenzione FRUITIMPRESE-CERVED GROUP.

OGGETTO: 147/CA = Convenzione FRUITIMPRESE-CERVED GROUP. OGGETTO: 147/CA = Convenzione FRUITIMPRESE-CERVED GROUP. Abbiamo il piacere di informarvi che FRUITIMPRESE e CERVED GROUP hanno rinnovato il loro accordo di partnership ampliando in modo significativo

Dettagli

INFORMATIVA art.13 Dlgs n. 196/2003 - Copia per Firmatario

INFORMATIVA art.13 Dlgs n. 196/2003 - Copia per Firmatario La, con sede in Via Cefalonia, 74, 25124 Brescia (BS), ai sensi dell'art.7 Dlgs n. 196/2003, in qualita' di "Titolare" del trattamento, e' tenuta a fornire alcune informazioni che vengono di seguito riportate.

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Profili contrattuali della gestione in bonis delle crisi: dall accordo di standstill al piano di risanamento attestato

Profili contrattuali della gestione in bonis delle crisi: dall accordo di standstill al piano di risanamento attestato Profili contrattuali della gestione in bonis delle crisi: dall accordo di standstill al piano di risanamento attestato LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA Dott. Stefano Lunardi 31 gennaio 2014 Dallo standstill

Dettagli

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione DOTT. ALBERTO GUIOTTO Bergamo, 5 febbraio 2013 STUDIO AGFM CONCORDATO PREVENTIVO E NUOVA

Dettagli

L esperienza di UniCredit Corporate Banking nelle azioni di risanamento e restructuring della propria clientela

L esperienza di UniCredit Corporate Banking nelle azioni di risanamento e restructuring della propria clientela L esperienza di UniCredit Corporate Banking nelle azioni di risanamento e restructuring della propria clientela Tiziano Piemontesi Responsabile Area Restructuring & Monitoraggio Portafoglio Problematico

Dettagli