Il Programma Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Programma Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita."

Transcript

1 Studi sperimentali Il Programma Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita. Risultati preliminari in un Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura The Risk Management Program: the error as an opportunity of professional growth. Preliminary outcomes in a Hospital Psychiatric Unit MARCELLA PASQUALI, RINALDO DE SANCTIS, ANTONELLA SPOLETINI UOC Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (SPDC), Ospedale S. Pertini, ASL RM/B, Roma RIASSUNTO. Introduzione. La significatività degli eventi avversi che si verificano nel corso delle degenze ospedaliere pone la necessità di affrontare il problema anche all interno dei Servizi Psichiatrici di Diagnosi e Cura. Al di là di una logica di colpa, l errore viene considerato all interno di una visione sistemica che individua l evento avverso come il prodotto di una progressione di eventi organizzativi contenenti una debolezza del sistema. Materiali e Metodo. All interno di una iniziativa della Unità Operativa per la Qualità Aziendale della ASL RM/B, gli Autori propongono un programma di gestione del rischio clinico secondo una prospettiva di miglioramento continuo della qualità. Viene descritta la progressiva definizione degli eventi avversi e delle procedure operative finalizzate alla loro prevenzione, raggiunta con la partecipazione di tutti gli operatori del servizio. Segue un analisi dei dati preliminari raccolti in un anno attraverso l uso di una scheda di rilevazione. Risultati e Conclusioni. Lo studio ha evidenziato quanto il progetto rappresenti una possibilità di trasformare l errore in occasione di crescita organizzativa per il Servizio e di crescita professionale per gli operatori. PAROLE CHIAVE: rischio clinico, evento avverso, visione sistemica del lavoro, protocolli operativi. SUMMARY. Introduction. The significance of adverse effects which happen during the stay for hospital care, suggests the need of dealing with this topic also in a Hospital Psychiatric Unit.The mistake which can take place, is not considered in terms of guilt, but with a systemic point of view which considers the adverse effect as the result of the interaction of organization components, which show a weak point of the system. Materials and Method. Within an ASL RM/B Quality Improvement Unit initiative, the Authors propose a project of clinical risk management, according to a continuative quality improvement view. The methodology used to reach the definition of adverse effects, which need to be monitored and of the associated prevention procedures, chosen by all members of staff, is described. Results and Conclusions. The preliminary data collected along one year, by means of a specific schedule, are analysed, and the way this project allows to turn a mistake, into the chance for the growth of the Psychiatric Unit organization and for staff professional development, is underlined. KEY WORDS: clinical risk, adverse event, systemic vision of work, operative protocols. INTRODUZIONE La possibilità di offrire risposte ai bisogni di salute dei cittadini passa anche attraverso la capacità dei Sevizi Sanitari di concepire il cambiamento organizzativo come strumento per migliorare le proprie prestazioni. La verifica e la modulazione dell assetto organizzativo rappresentano, infatti, un elemento di elasticità del sistema che favorisce una maggiore aderenza alle esi

2 Pasquali M, et al. genze di cura ed una maggiore adeguatezza dell opera professionale prestata. Questa prospettiva si basa certamente sulla sensibilità e capacità degli operatori, ma deve anche trovare un valido supporto in una impostazione del lavoro che preveda programmi secondo la prospettiva del Miglioramento Continuo della Qualità (1). In questo articolo descriveremo un Programma di Gestione del Rischio Clinico proposto e avviato all interno del Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura dell Ospedale S. Pertini di Roma. Per maggiore chiarezza cercheremo di evidenziare i presupposti che ne hanno stimolato l attivazione, la metodologia seguita ed i risultati preliminari ottenuti. Gli eventi avversi Per evento avverso si intende qualsiasi esito sfavorevole che colpisca il paziente e che non sia la conseguenza naturale della sua malattia. Secondo Brennam (2) e Morosini (3), come eventi avversi possono essere considerate le lesioni, le menomazioni o altri accadimenti negativi avvenuti a causa di interventi in eccesso, in difetto o in ritardo. Possiamo considerare eventi avversi anche le complicanze di interventi rischiosi appropriati ed eseguiti correttamente, quindi slegati non solo dall intenzionalità, ma anche da responsabilità legali. Tutto questo ci porta a considerare quanto gli eventi avversi siano frequenti e, a volte, inevitabili. Non sono ancora disponibili studi sull entità del fenomeno in Italia. Negli Stati Uniti, uno studio condotto nel 1991 (2) segnala che, per quanto riguarda gli ospedali, sono riscontrabili in un anno eventi avversi nel 3,6% dei ricoveri (di cui 1,87% evitabili) con esiti di morte nel 0,5 % dei casi, per una stima estrapolata che oscilla tra e casi di decesso in un anno (terza causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie). Nel Regno Unito, un analogo studio ipotizza, per i ricoveri di un anno, circa eventi avversi con stime di decessi tra i ed i Considerando che la popolazione italiana è grosso modo corrispondente a quella della Gran Bretagna, possiamo considerare il fenomeno come degno di considerazione anche nel nostro Paese. Un alta frequenza di eventi avversi comporta un aumento della mortalità, delle disabilità e della morbilità come elemento primario, ma determina anche un costo addizionale in termini di riduzione dello stato di salute dei cittadini, diminuzione del grado di soddisfazione degli utenti, impegno economico nelle cause di risarcimento e riduzione della percezione della propria competenza da parte degli operatori. La dimensione economica del problema va collegata anche al notevole aumento dei costi assicurativi verificatosi in Italia tra il 1998 ed il 2000 (stimato secondo dati forniti dalla Bocconi di Milano in: +83%). In una situazione in cui il controllo della spesa sanitaria è ormai una necessità diffusa in tutte le nazioni, indipendentemente dai sistemi assistenziali adottati, la riduzione delle prestazioni inefficaci o inappropriate sembra rappresentare la risposta, tra le diverse possibili, più vicina alla logica professionale degli operatori sanitari. Una visione sistemica L errore costituisce una eventualità connaturata con l agire umano. Nel caso di professioni che trattino materie complesse, come nel caso delle professioni sanitarie, l errore va considerato come un evento sempre possibile, verso cui è opportuno assumere un atteggiamento di particolare attenzione finalizzato al suo massimo contenimento. La nostra cultura considera l errore come strettamente connesso alla colpa e quindi alla punizione. Questo comporta il significativo rischio di attivare, più o meno coscientemente, meccanismi difensivi di scotomizzazione e di occultamento che entrano in contrasto con il senso professionale degli operatori e ne minano l autostima, in modo sotterraneo. Questo atteggiamento appare, a volte, piuttosto radicato ed una sua reale modificazione richiede tempo e notevoli sforzi. Un atteggiamento più proficuo verso l errore porterebbe ad individuare le cause di un evento avverso nella prospettiva di ricercare quale potrebbe essere il sistema migliore per evitarlo (4). In realtà, l azione del singolo è spesso uno degli anelli di una catena di azioni che determina l evento avverso e risulta quindi influenzata a seconda del sistema in cui viene ad operare. In altri termini è possibile sostenere che, perché un evento avverso accada, è necessario che si verifichino una progressione di situazioni sfavorevoli che possono riguardare diverse fasi del lavoro (Figura 1). Risulta quindi importante identificare le concause progressive, più o meno legate a disfunzioni organizzative o a debolezze del sistema, che possano favorire il verificarsi di omissioni o errori. Tutto ciò porta ad affrontare il problema della prevenzione e del contenimento degli eventi avversi con un approccio sistemico (5,6) che si articola nella individuazione e nella costante revisione degli assetti organizzativi in grado di potenziare la funzione preventiva e protettiva. 46

3 Il Programma Gestione del Rischio Clinico Evento avverso Figura 1 (modificata da J. Reason BMJ 2000). La presenza di punti deboli o buchi nelle difese (errori latenti o debolezze di sistema) non porta necessariamente all evento avverso se non nella sfortunata situazione in cui i buchi dei diversi strati siano momentaneamente allineati da consentire ad una traiettoria ideale di rischio di incidente di trasformarsi in un incidente reale. Contesto organizzativo e clinico di un Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura L organizzazione dei Servizi Psichiatrici, per come è stata concepita nella riforma del Sistema Sanitario Nazionale del 1978, ha concorso a delineare le funzioni cliniche dei reparti psichiatrici ospedalieri. Aver definito che in psichiatria la cura possa svilupparsi nel tempo e nella dimensione di vita della persona portatrice del disturbo psichico, ha collocato la sede naturale del trattamento nei Servizi Territoriali e ha definito il ricovero come una fase della presa in carico del paziente, a volte anche molto significativa, ma comunque transitoria. Il ricovero si delinea così come un intervento correlato alle fasi più acute della sintomatologia dei pazienti e, più in generale, alle situazioni di acuzie che non sono trattate nei Servizi Territoriali. Tutto ciò ha concorso a selezionare (7) per i trattamenti ospedalieri, quei pazienti i cui disturbi ideativi, affettivi e comportamentali presentavano livelli di complessità più marcati e con un alto livello di rischi clinici connessi sia all assistenza che alla terapia. Una tale condizione di lavoro ha comportato per gli operatori una esposizione e, quindi, una particolare sensibilità agli eventi avversi che possono accadere durante il trattamento delle crisi psicotiche e ha indicato, nella presa in carico di questo problema, uno degli elementi qualitativamente fondanti dell attività del servizio psichiatrico ospedaliero. MATERIALI E METODO Il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura dell Ospedale S. Pertini ha aderito al Programma Gestione del Rischio Clinico proposto agli operatori del Servizio dall Unità Operativa Qualità Aziendale (8) della ASL RM/B. Il programma, collegato con iniziative analoghe in altri reparti dell ospedale (sale operatorie, pediatria, laboratorio analisi, rianimazione) configurava un percorso (9) che comprendeva: l individuazione dei potenziali eventi avversi connessi allo specifico lavoro psichiatrico di reparto; l esplicitazione delle procedure adottate per la prevenzione; la sperimentazione, per un periodo finestra di 3 mesi, della scheda di rilevazione degli eventi, finalizzato a una verifica della scheda stessa; l elaborazione dei dati a cadenze definite, finalizzata alla revisione delle procedure nella logica del miglioramento continuo della qualità (Figura 2). È stato nominato un responsabile del progetto nel Servizio e costituito un gruppo di lavoro in cui figuravano, oltre al responsabile del progetto, uno psichiatra, un infermiere, il responsabile del programma MCQ del Servizio ed il responsabile del sistema informativo. Il primo impegno del gruppo è stato l elaborazione della carta degli impegni in cui sono stati definiti i tempi e le tappe del programma. Dopo un analisi della letteratura sull argomento, è stato stilato un primo elenco degli eventi avversi che possono verificarsi in un SPDC. Tale elenco è stato presentato e discusso con tutti gli operatori del Servizio. Successiva- 47

4 Pasquali M, et al. mente, utilizzando la tecnica Delphi, è stato chiesto agli operatori di proporre le modifiche ritenute opportune. Il gruppo di lavoro, esaminate le proposte, ha poi modificato l elenco originario che ha rinviato all équipe. Sempre utilizzando il metodo Delphi, si è arrivati alla stesura definitiva dell elenco degli eventi avversi (Tabella 1). Una volta definiti gli eventi avversi e utilizzando la stessa metodologia, sono state stilate, per ogni evento, le procedure preventive attivate nel lavoro di reparto. L elenco completo delle procedure viene riportato nell Allegato 1. A titolo esemplificativo riportiamo nella Tabella 2 la procedura relativa alla prevenzione del suicidio o degli atti di autolesionismo grave (evento avverso n 1). Una volta definiti gli eventi avversi e le procedure messe a punto per prevenirli, si è attivata una fase di rilevazione in cui è stata utilizzata una scheda proposta dall Unità Operativa per la Qualità Aziendale (10) (Allegato 2). Questa rilevazione, sempre su indicazione della UO Qualità Aziendale della ASL, doveva avere durata trimestrale e riguardare inizialmente solo gli eventi avversi che, grazie all intervento degli operatori, erano stati evitati ( eventi evitati ). Tale indicazione voleva raggiungere due obiettivi: il primo era facilitare gli operatori ad entrare nell ordine di idee di segnalare gli eventi avversi, attraverso una fase in cui l auto-segnalazione riguardava solo effetti positivi della prestazione professionale; il secondo riguardava l opportunità di testare l utilizzo della scheda di rilevazione e individuare l opportunità di eventuali modifiche. Per decisione condivisa con gli operatori di tutto il reparto, si è proceduto comunque alla rilevazione sia degli eventi avversi evitati che di quelli effettivamente accaduti e si è prolungato il tempo della rilevazione da un trimestre ad un anno, in modo da poter meglio valutare la scheda di rilevazione e trarre delle sommarie indicazioni iniziali. Figura 2. Rappresentazione schematica del percorso del Programma Gestione del Rischio Clinico Analisi della letteratura scientifica sul tema Condivisione, con tutti gli operatori, dei principali possibili eventi avversi in SPDC Condivisione e stesura delle procedure messe in atto per evitare il verificarsi degli eventi avversi individuati Verifica dell applicazione delle procedure Attuazione di progetti di miglioramento Classificazione degli eventi avversi e analisi delle cause, condivisa con tutti gli operatori Utilizzazione della scheda di rilevazione degli eventi avversi 48

5 Il Programma Gestione del Rischio Clinico Tabella 1. Elenco degli eventi avversi definitivi stilati secondo il metodo Delphi Eventi avversi 1) suicidio o atto di autolesionismo grave (prognosi > 10 giorni) 2) atto di violenza grave alle persone (prognosi > 10 giorni) o verso la struttura con inagibilità anche parziale 3) allontanamento 4) suicidio o atto di violenza grave 24 ore dalla dimissione 5) decesso del paziente 6) lesioni da contenzioni 7) omessa diagnosi di patologia organica significativa entro sette giorni dall accettazione 8) riammissione in reparto entro sette giorni dalla dimissione 9) comportamenti sessuali etero diretti 10) gravi effetti collaterali da psicofarmaci depressione respiratoria effetti cardiovascolari (aritmie, ipotensione) sindrome maligna da neurolettici alterazione crasi ematica stati confusionali iatrogeni anuria sub-occlusione intestinale convulsioni sindromi extrapiramidali (acatisia, distonie acute) eccessiva sedazione 11) danni embrio-fetali da psicofarmaci 12) reazione allergica da farmaci RISULTATI PRELIMINARI In Tabella 3 riportiamo, suddivisi per semestri, i primi dati raccolti relativi agli eventi evitati e accaduti. Può essere interessante considerare nei due semestri l aumento assoluto del numero degli eventi evitati a fronte di una diminuzione assoluta degli eventi accaduti e, nel caso degli allontanamenti, risalta l inversione di tendenza tra allontanamenti accaduti e quelli evitati. Tabella 2. Procedura relativa alla prevenzione del suicidio o degli atti di autolesionismo grave (evento avverso n 1) Suicidio o atti di autolesionismo grave (prognosi superiore a 10 gg) elementi strutturali: - ubicazione del reparto a pianoterra - medicheria e servizi con operatore sempre presente o, in alternativa, con porte e finestre chiuse, per evitare sottrazioni e uso improprio di materiali da parte dei pazienti - serrande manovrate solo dal personale ausiliario - vetri antisfondamento - assenza di fili ai campanelli - biancheria ignifuga - posate, piatti, bicchieri di plastica - divieto di accendini personali - bagno delle stanze di degenza con apertura anche dall esterno - ubicazione protetta del televisore di reparto - custodia di oggetti personali dei visitatori (caschi, ombrelli ecc.) elementi di particolare attenzione: - valutazione nella raccolta anamnestica di eventuali precedenti atti autolesivi o tentati suicidi - informazione ai parenti su oggetti non ammessi in reparto (cinte, lacci, posate di metallo, oggetti di vetro ecc.) - custodia di oggetti utilizzabili in modo improprio (lamette, rasoi, forbici, specchi, profumi ecc.) - custodia del carrello delle pulizie attenzione specifica a pazienti: - con anamnesi positiva per atti autolesivi o tentati suicidi - che manifestano un ritiro dalla vita del reparto o tendono all isolamento attenzione assidua ai pazienti: (per esempio ai portatori di agocanula, portatori di catetere vescicale e con terapia infusionale in corso) - giri di verifica ogni 15 minuti con varazione che vanno dalla presenza costante di un infermiere presso un paziente, a giri ogni 5 minuti a seconda della tipologia di pazienti presenti in reparto - mantenimento dei contatti con il paziente che esprime un atteggiamento di ritiro, o che appaia cupo o circospetto Tabella 3. Eventi avversi accaduti ed evitati (novembre 2002-ottobre 2003) Tipo di evento accaduto I semestre II semestre totale (n 3) - allontanamenti (n 1) - autolesionismo 1 1 (n 2) - atto violento vs struttra. 1 1 (n 10) - effetti farmac.- eccess. sedazione 1 1 (n 7) - omessa diagn. organica entro 7 gg 1 1 Totale eventi accaduti Tipo di evento evitato I semestre II semestre totale (n 3) - allontanamenti (n 10) - effetti farmac.- (SMN - eccess. sedaz.) (n 1) - autolesionismo - suicidio (n 5) - decesso del paziente 1 1 Totale eventi evitati

6 Pasquali M, et al. DISCUSSIONE L esiguità dei numeri non permette comunque di riconoscere valore statistico a questi dati così come nell elaborazione delle risposte specifiche alle diverse voci della scheda di rilevazione, non è possibile fornire dati significativi per la limitatezza del campione. È comunque utile, come orientamento generale, considerare alcune delle risposte ricorrenti. Ai quesiti: «Cosa ha consentito di rendersi conto di quello che stava succedendo?» e «Quali accorgimenti sono stati presi per correggere il possibile errore?», le risposte nella grande maggioranza dei casi hanno fatto riferimento alle procedure definite nell ambito del progetto, quasi che queste tendessero progressivamente a rappresentare per gli operatori una base di comune riferimento operativo. Considerando poi i quesiti: «La comunicazione tra membri dello staff è stata efficace?» e «Le opinioni e le competenze di ciascuno erano accettate e apprezzate e non messe in discussione?», la sostanziale positività delle risposte sembra indurre a considerare un uso del programma di gestione del rischio clinico come elemento facilitante la comunicazione tra operatori. Questa facilitazione rappresenta una risorsa significativa vista la volubilità del clima emotivo in un ambiente di ricovero per pazienti psicotici acuti, in particolare durante il verificarsi di eventi a rischio. Possiamo anche segnalare come il quesito: «La cartella clinica era corredata di annotazioni in grado di allertare l equipe sui fattori di rischio?» abbia rilevato, nella sostanziale negatività delle risposte, un problema da affrontare relativamente all uso della cartella, dalla raccolta anamnestica fino all accuratezza nella compilazione del diario clinico. Nella attuale fase di attuazione del progetto, la rilevazione era finalizzata a due obiettivi: familiarizzare gli operatori con la consuetudine a segnalare l evento avverso e verificare la funzionalità della scheda rispetto alle finalità del progetto. Per quanto riguarda la consuetudine alla segnalazione dell evento, i dati raccolti sono stati confrontati e integrati a posteriori con un lavoro di revisione utilizzando le varie consegne (comunicazioni scritte su pazienti e avvenimenti che accadono nel reparto) e questo ha evidenziato quanto sia ancora necessario stimolare alla segnalazione gli operatori, in particolare medici e psicologi del reparto, visto che gli infermieri sembrano maggiormente partecipi. Riguardo l adeguatezza complessiva della scheda, una prima valutazione evidenzia la presenza di alcune voci generiche, che rischiano di appesantire la compilazione ma che, essendo condivisi con gli altri reparti dell ospedale coinvolti in progetti di gestione del rischio clinico, risultano utili nella più ampia condivisione dell esperienza. Sono, comunque, previsti incontri di verifica per una revisione definitiva della scheda. Una volta definita la scheda ufficiale di rilevazione, la raccolta dei dati sarà direttamente orientata all analisi degli eventi che risultano ricorrenti; questa analisi verrà estesa alle procedure per una loro messa in discussione all interno del gruppo di lavoro e una loro eventuale revisione. CONCLUSIONI Un progetto di gestione del rischio clinico produce risultati concreti sul numero di eventi avversi dopo un periodo che, secondo diversi Autori, oscilla tra i 3 ed i 6 anni.ad un anno e mezzo dall inizio del nostro progetto, siamo ancora in una fase in cui l implementazione del progetto rappresenta l obiettivo prioritario. Nonostante ciò, è possibile affermare che alcuni primi risultati sono stati ottenuti. Un primo risultato deriva direttamente dal lavorare nella prospettiva di gestire il rischio clinico. In psichiatria, come nelle altre specialità, tale prospettiva permette agli operatori di prendere contatto diretto con le difficoltà ed i rischi connessi con il proprio lavoro e di sentire queste difficoltà riconosciute esplicitamente nel proprio ambito di intervento. Questa consapevolezza può rappresentare un occasione di crescita professionale a patto che venga assunta in un clima di condivisione tra operatori e all interno di un organizzazione che sia concepita come sostegno al compito istituzionale. In tali condizioni è infatti possibile attivare un assetto di lavoro che porti a non rimuovere la possibilità dell errore, ma la consideri come uno degli elementi connessi al lavoro professionale, da affrontare con il massimo della professionalità, cioè con criteri di trasparenza, esplicitazione e responsabilità. Tutto ciò nel nostro Servizio si è manifestato attraverso un aderenza sufficientemente diffusa al programma ed un buon livello di partecipazione alla sua definizione, in particolare tra gli infermieri. Questi ultimi, evidentemente più delle altre figure professionali, sentono nell assistenza al paziente psichiatrico in fase acuta il carico, le difficoltà ed i ri- 50

7 Il Programma Gestione del Rischio Clinico schi di una gestione spesso resa complessa da implicazioni emotive. Un secondo risultato appare connesso alla prospettiva sistemica che ha caratterizzato l impostazione del progetto. La logica dell isolamento rende l errore un evento di cui non parlare nella speranza di non farlo esistere. La prospettiva sistemica con la sua ricerca delle cause, della successione degli eventi e delle debolezze del sistema, ricolloca l errore all interno di una dimensione problematica, ma condivisa del lavoro e può aprire una prospettiva di maggior respiro per gli operatori e di maggior sicurezza per i pazienti.a questo va aggiunto che il trattare esplicitamente in gruppo temi quali il rischio, la prevenzione, la scelta della procedura più opportuna, familiarizza l operatore con la gestione esplicita dei problemi e gli permette di acquisire una competenza che faciliterà l autonomia delle scelte del singolo all interno di una cornice scelta e condivisa in gruppo. Le procedure che sono state definite e condivise all interno del gruppo di lavoro rappresentano, come emerge dai risultati della rilevazione, un importante punto di riferimento nel lavoro, un riferimento, però, continuamente rimodellato. Tutto ciò, nella nostra esperienza viene testimoniato dal fatto che alcune innovazioni nelle procedure, pur se non ancora codificate, sono state adottate dagli operatori a partire da quando alcuni eventi specifici accaduti o evitati hanno evidenziato punti deboli nelle procedure stesse. Questo atteggiamento sembra segnalare che il Programma comincia ad essere individuato dal gruppo di lavoro nella elasticità della sua struttura morfologica e nella sua prioritaria funzione di sostegno organizzativo al lavoro clinico. RINGRAZIAMENTI Gli Autori ringraziano gli infermieri, la caposala, gli psicologi, gli psichiatri e gli assistenti sociali del Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura dell Ospedale S. Pertini di Roma che hanno reso possibile e arricchito di contenuti l attivazione e l attuazione del Programma Gestione del Rischio Clinico. Marcella Pasquali*, Rinaldo De Sanctis**, Antonella Spolentini***. *Assistente Sociale Esperto, Responsabile Progetto Gestione Rischi UOC SPDC, Osp. S. Pertini, ASL RM/B. **Psichiatra, Responsabile UOC SPDC Osp. S. Pertini, DSM, ASL RM/B. ***Infermiera Professionale, UOC SPDC Osp. S. Pertini, DSM, ASL RM/B. BIBLIOGRAFIA 1. Moss F: Legare il Risk Management alla qualità dell assistenza. Vincent C (a cura di) - Clinical Risk Management. BMJ Publications, Londra, 1995, Brennan TA, Leape LL, Laird MN, Hebert L, Localio AR, Lawthers AG, et al.: Incidence of adverse incidents and negligence in hospitalised patients. Results of the Harvard Medical Practice Study I. New England Journal of Medicine, 1991, 324, Morosini P, Perraro F: Enciclopedia della gestione della qualità in Sanità. Centro Scientifico Editore, Torino, Gawande EJ: When doctors make mistakes. New Yorker, 1999, 1, British Medical Journal Reducing errors and improving safety, 2000, 320, , Vincent C, Taylor-Adams S, Chapman EJ, Hewett D, Prior S, Strange P, Tizzard A: How to investigate and analyse incidents: Clinical Risk Unit and Association of Litigation and Risk management protocol. British Medical Journal, 2000, 320, De Sanctis R: Aspetti psicoanalitici del lavoro in un reparto ospedaliero per pazienti psicotici acuti. Rinaldi L (a cura di), Stati caotici e Psicoanalisi. Cortina, Milano, 2003, Marzolini L, Mastrogiovanni FP: Il Miglioramento della qualità attraverso un programma di gestione del rischio clinico. Esperienze, 2002, 13, Pasquali M: (2003) La gestione del rischio clinico in un Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura. Relazione al Simposio: Il Programma Gestione del Rischio Clinico nei reparti psichiatrici ospedalieri. Roma 25 Febbraio-1 Marzo Atti: VIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Psicopatologia. Roma, Ufficio di MCQ, Ospedale di Riguarda (1999). Scheda di rilevazione di eventi e complicanze insorti durante il ricovero, non presenti all ingresso in ospedale. Documento interno. Milano. ALLEGATO 1 Procedure attuate nella prevenzione degli eventi avversi (tra parentesi vengono segnalate le figure professionali direttamente impegnate nelle singole procedure) 1) Suicidio o atti di autolesionismo grave con prognosi superiore di 10 gg elementi strutturali: - ubicazione del reparto a pianoterra - medicheria e servizi con operatore sempre presente o, in alternativa,con porte e finestre chiuse, per evitare sottrazioni e uso improprio di materiali da parte dei pazienti - serrande manovrate solo dal personale ausiliario - vetri antisfondamento - assenza di fili ai campanelli - biancheria ignifuga - posate, piatti, bicchieri di plastica - divieto di accendini personali (infermieri professionali) 51

8 Pasquali M, et al. - bagno stanza di degenza con apertura anche dall esterno - ubicazione protetta del televisore di reparto - custodia di oggetti personali dei visitatori (caschi, ombrelli ect.) (infermieri professionali) elementi di particolare attenzione: - valutazione nella raccolta anamnestica di eventuali precedenti atti autolesivi o tentati suicidi (medici e referenti del paziente) - informazione ai parenti su oggetti non ammassi in reparto (cinte, lacci, posate di metallo, oggetti di vetro ecc.) (infermieri professionali) - custodia di oggetti utilizzabili in modo improprio (lamette, rasoi, forbici, specchi, profumi ecc.) (infermieri professionali) - custodia del carrello delle pulizie (personale addetto alle pulizie) attenzione specifica a pazienti: - con anamnesi positiva per atti autolesivi o tentati suicidi - che manifestano un ritiro dalla vita del reparto o tendono all isolamento attenzione assidua ai pazienti: (per esempio ai portatori di agocanula, portatori di catetere vescicale e con terapia infusionale in corso). - giri di verifica ogni 15 minuti con variazioni che vanno dalla presenza costante di un infermiere presso un paziente, a giri ogni 5 minuti a seconda della tipologia di pazienti presenti in reparto - mantenere i contatti con il paziente che esprime un atteggiamento di ritiro, cupo o circospetto 2) Atti di violenza grave in reparto alle persone (prognosi superiore a 10 gg) o alla struttura con inagibilità anche parziale elementi strutturali: - medicheria e servizi con operatore sempre presente o, in alternativa, con porte e finestre chiuse, per evitare sottrazione e uso improprio di materiali da parte dei pazienti - serrande manovrate solo dal personale ausiliario - ubicazione del reparto a pianoterra - bagno stanza di degenza con apertura anche dall esterno - ubicazione protetta del televisore di reparto - custodia di oggetti personali dei visitatori (caschi, ombrelli ect.) (infermieri professionali) - vetri antisfondamento - assenza di fili ai campanelli - biancheria ignifuga - posate, piatti, bicchieri di plastica - divieto di accendini personali (infermieri professionali) - controllo all accettazione in merito all introduzione di oggetti contundenti (medico di accettazione, infermieri professionali) elementi di particolare attenzione: - valutazione nella raccolta anamnestica di precedenti atti di violenza grave (medico e referenti del paziente) - informazione ai parenti su oggetti non ammassi in reparto (cinte, lacci, posate di metallo, oggetti di vetro ecc.) (infermieri professionali) - custodia di oggetti utilizzabili in modo improprio (lamette, rasoi, forbici, specchi, profumi ecc.) (infermieri professionali) - custodia del carrello delle pulizie (personale ausiliario) attenzione specifica a pazienti: - con anamnesi positiva per atti aggressivi - con patologie psico-organiche o intossicazioni concomitanti - con comportamento che segnala uno stato di tensione - con richieste progressive - con terapia infusionale in corso attenzione assidua ai pazienti: - giri di verifica ogni 15 minuti con variazioni che vanno dalla presenza costante di un infermiere presso un paziente, a giri ogni 5 minuti a seconda della tipologia di pazienti presenti in reparto - mantenere i contatti con il paziente che esprime tensione, attraverso un colloquio informale o, se necessario, formalizzato, per cogliere, far emergere e trattare gli elementi di tensione presenti 3) Allontanamenti - valutazione nella raccolta anamnestica di eventuali precedenti allontanamenti (medico e referenti del paziente) - chiusura porta di accesso al reparto - medicheria e servizi con operatore sempre presente o, in alternativa, chiusi a eccezione delle stanze di degenza e del salone - definizione dei permessi di uscita da parte degli operatori referenti o dopo valutazione accurata da parte del medico di reparto - in caso di presenza di pazienti a rischio di allontanamento * chiusura degli avvolgibili di quelle finestre delle stanze di degenza e del corridoio utilizzabili per l allontanamento (personale ausiliario) 52

9 Il Programma Gestione del Rischio Clinico * presenza costante in giardino di uno o più operatori o, quando questo non è possibile, chiusura del giardino (infermiere professionale) - sistemazione, quando possibile, del paziente in una stanza attigua alla medicheria e controllo costante del paziente (per esempio: coinvolgerlo in attività, oppure: evitare che sia solo ecc) (infermiere professionale) 4) Suicidio o atto di violenza grave entro 24 ore dalla dimissione - valutazione nella raccolta anamnestica di precedenti atti di violenza grave o tentati suicidi (medico e referenti del paziente) - verifica che l atto della dimissione venga proposto in base (referenti del paziente): a) allo status del paziente b) alla definizione durante il ricovero del trattamento post-dimissione (comprendente la terapia farmacologica, le visite di controllo, le psicoterapie o progetti riabilitativi con i relativi servizi o terapeuti privati di riferimento) c) agli incontri avuti con i familiari durante la degenza, in cui sono stati focalizzati il senso e le indicazioni emerse dal ricovero ed è stato valutata la capacità e il possibile coinvolgimento dei familiari stessi alla collaborazione e partecipazione alle cure 5) Decesso del paziente - valutazione internistica o chirurgica o specialistica in pronto soccorso (medico) - all ammissione esami di routine in reparto (ecg, emocromo, protidogramma glicemia, transaminasi, ves, creatininemia, azotemia, elettroliti, VDRL, TPHA, HBSAg, HCV, es. urine) controllo parametri vitali (PA, FC, TC) (infermieri professionali) - valutazione nella raccolta anamnestica, nei colloqui e nei contatti informali, di eventuali patologie organiche in atto e relativi trattamenti e indicazioni terapeutiche (medico) - richiesta consulenze specialistiche ad hoc (medico) - disponibilità, di ossigeno e di presidi di pronto intervento per il rianimatore, all interno del reparto - allestimento e manutenzione da parte della caposala di una borsa per l urgenza in cui raccogliere (e periodicamente controllare) i principali farmaci di rianimazione e l attrezzatura essenziale di pronto soccorso per il rianimatore attenzione specifica ai pazienti: - con sintomatologia internistica significativa attenzione assidua ai pazienti: - giri di verifica ogni 15 minuti con variazioni che vanno dalla presenza costante di un infermiere presso un paziente, a giri ogni 5 minuti a seconda della patologia organica specifica e alla tipologia dei pazienti presenti in reparto 6) Lesioni da contenzioni (fratture, lussazioni,contusioni da compressione, abrasioni, da altri pazienti) - la contenzione va eseguita secondo le indicazioni e le modalità descritte nelle linee guida per le contenzioni (medico e infermieri professionali) - al paziente, dopo i previsti tentativi di contenimento relazionale, la contenzione va, per come possibile, comunicata, motivata e spiegata. (medico) - nei casi di grave agitazione a) può essere chiamata la vigilanza a tutela dell incolumità di paziente e operatori e come elemento di ulteriore definizione del provvedimento b) la contenzione va attuata con 5 operatori (uno per arto + uno) (medico e infermieri professionali) - le fasce vanno applicate sempre ai quattro arti e aderenti alle sponde in modo da evitare lussazioni o fratture possibili in caso di movimenti inconsulti da parte del paziente (inferm. professionali) - nei pazienti molto agitati va applicata anche la fascia pettorale (infer. professionali) - le polsiere e le cavigliere vanno applicate in modo che possa essere inserito un dito tra fascia e polso (o caviglia) al fine di evitare che l arto si sfili o l insorgenza di compressioni venose (infermieri professionali) - in caso di persistenza dell agitazione e trazioni ripetute sulle fasce da parte del paziente, i polsi e le caviglie vanno protetti con materiale (per es. cotone) che prevenga abrasioni (inferm. professionali) - va valutata la opportunità di una sedazione farmacologica (medico) - il paziente va costantemente assistito nelle sue necessità e, se disturbato da altri pazienti, controllato a vista. (infer. professionali) - monitoraggio dei parametri vitali (PA; FC; TC) tre volte al giorno (infer. professionali) - controllo diuresi e alvo (inferm. professionali) 53

10 Pasquali M, et al. 7) Non rilevazione di patologia organica significativa entro sette giorni dall accettazione - valutazione internistica o chirurgica o specialistica in pronto soccorso (medico) - valutazione nella raccolta anamnestica, nei colloqui e nei contatti informali di eventuali patologie organiche in atto e relativi trattamenti e indicazioni terapeutiche (medico e referenti del paziente) - valutazione diagnostica in presenza di sintomatologia somatici o alterazioni ematochimiche o strumentali, da parte degli operatori referenti e, quando necessario, da parte del medico di reparto - all ammissione esami di routine in reparto (ecg, emocromo, protidogramma,glicemia, transaminasi, ves, creatininemia, azotemia, elettroliti, VDRL, TPHA, HBSAg, HCV, es. urine) (inferm. professionali) - richiesta consulenze specialistiche ad hoc (medico) 8) Riammissione in reparto entro sette giorni dalla dimissione L atto della dimissione viene proposto in base (referenti del paziente): - allo status del paziente - alla definizione durante il ricovero del trattamento post-dimissione (comprendente la terapia farmacologica, le visite di controllo, le psicoterapie o progetti riabilitativi con i relativi servizi o terapeuti privati di riferimento) - agli incontri avuti con i familiari durante la degenza,in cui sono stati focalizzati il senso e le indicazioni emerse dal ricovero ed è stato valutata la capacità e il possibile coinvolgimento dei familiari stessi alla collaborazione e partecipazione alle cure 9) Comportamenti sessuali etero diretti - stanze uomini e donne separate - valutazione nella raccolta anamnestica di eventuali comportamenti sessuali inappropriati (medico e referenti del paziente) - aumento dell attenzione nel caso si strutturino rapporti privilegiati fra ricoverati (inferm. professionali) - possibilità di trattare l argomento qualora, nello svolgimento delle specifiche funzioni di ogni operatore, emergono comportamenti di intimità tra pazienti che possono essere ridefiniti all interno dei limiti e le opportunità che la condizione di ricovero comporta - bagni delle stanza di degenza con apertura anche dall esterno - chiusura di tutti i locali di reparto eccetto stanze degenza e salone - giri di verifica ogni 15 minuti con variazioni che vanno dalla presenza costante di un infermiere presso un paziente, a giri ogni 5 minuti a seconda della presenza o meno di situazioni a rischio 10) Gravi effetti collaterali da psicofarmaci - verifica durante la raccolta anamnestica di eventuali precedenti episodi di gravi effetti collaterali da psicofarmaci a) Effetti Cardiovascolari - Controllo PA, FC ed ECG all ingresso - Controllo PA ed FC 3 volte/die in caso di patologie cardiovascolari o sedazione eccessiva - Eventuali consulenze in relazione a sintomatologia, alterazioni strumentali o in caso di anamnesi positiva per patologie cardiovascolari b) depressione respiratoria - Valutazione anamnestica di eventuali patologie respiratorie e/o precedenti ipersensibilità agli psicofarmaci - Utilizzo di dosaggi secondo le Linee Guida per la Terapia Psicofarmacologica del Maudsley Hospital (2002) e diluizione dei farmaci in caso di somministrazione in bolo - Monitoraggio funzioni vitali (PA, FC, FR ogni 15 ) in caso di eccessiva sedazione (assenza di risposta al sentire il proprio nome e mancata esecuzione di un compito semplice quale il protrudere la lingua su comando) - disponibilità antagonisti delle benzodiazepine, di ossigeno e di presidi di pronto intervento per il rianimatore, all interno del reparto - limitazione dei trattamenti farmacologici endovena a casi di conclamata necessità c) eccessiva sedazione - Utilizzo di dosaggi secondo le linee guida per la terapia psicofarmacologica del Maudsley Hospital (2002) d) convulsioni - Amamnesi di rischio convulsivo: se positiva, controllo EEG e introduzione di farmaci antiepilettici - Somministrazione iniziale della dose minima di psicofarmaci che abbassano la soglia convulsivante e lento aumento della posologia per TCA, SSRI e AP; particolare attenzione per quelli a maggior rischio epilettogeno (NL tipici: clorpromazina; AP atipici: clozapina) 54

11 Il Programma Gestione del Rischio Clinico - evitare dosi elevate, somministrazione per via parenterale ed utilizzo di farmaci ad elevata azione anticolinergica (tioridazina, clozapina) e) alterazioni della crasi ematica - controllo emocromo di routine - controlli settimali per trattamento con clozapina, carbamazepina e valproato f) anuria e sub occlusione intestinale - anamnesi positiva per patologie del sistema urinario o intestinale - utilizzo di farmaci lassativi (senna foglia: X- prep) in pz in terapia con clozapina g) effetti extrapiramidali - anamnesi positiva per precedenti sintomi extrapiramidali - impiego di neurolettici atipici dove è possibile - utilizzo di anticolinergici (biperidene) - utilizzo di neurolettici tipici secondo le Linee Guida per la Terapia Psicofarmacologica del Maudsley Hospital (2002) h) sindrome maligna da neurolettici - valutazione dei fattori di rischio quali disidratazione, stati ipermetabolici, ipertiroidismo, parkinson, anamnesi di stato catatonico, alto dosaggio di antipsicotici, recente aumento nel dosaggio di antipsicotici - controllo TC all ingresso - in caso di rialzo della temperatura corporea (>38 C) effettuare il monitoraggio enzimatico(cpk) e l emocromo - in caso di alterazioni parametri enzimatici (CPK>1000;) valutare la sospensione della terapia neurolettica con l introduzione di benzodiazepine i) sindrome confusionale iatrogena - anamnesi positiva per sindrome psicorganica; particolare attenzione nei pazienti anziani ed in quelli con alterazioni del metabolismo epatico - utilizzo di dosaggi secondo le Linee Guida per la Terapia Psicofarmacologica del Maudsley Hospital (2002) - evitare la somministrazione di benzodiazepine ai pazienti anziani 11) Rischi di danni embrio-fetali da psicofarmaci - In accettazione richiesta alla paziente di eventuali ritardi mestruali o possibilità di gravidanza (medico) - controllo BHCG di routine per tutte le donne in età fertile (inferm. professionali) - in caso di gravidanza e di necessità di trattamento psicofarmacologico, contatto con il Centro per i farmaci in gravidanza Linea Rossa del Policlinico Universitario A. Gemelli (tel 06/ ) o con l Ospedale San Paolo di Milano (tel. 02/ ) per scelta di psicofarmaci a più basso potenziale di danno embrio-fetale (medico) 12) Reazioni allergiche da farmaci - valutazione nella raccolta anamnestica di eventuali allergie con relativi approfondimenti sulla loro natura, origine, espressione, trattamento precedente e attuale (medico) - segnalazione da parte di tutti gli operatori di eventuali segni o sintomi (cutanei, di circolo, neurologici ecc.) - allestimento e manutenzione da parte della caposala di una borsa per l urgenza in cui raccogliere (e periodicamente controllare) i principali farmaci di rianimazione e l attrezzatura essenziale di Pronto Soccorso per il rianimatore 55

12 Pasquali M, et al. ALLEGATO 2 ASL Roma B Unità Organizzativa Qualità Aziendale Programma di Gestione del Rischio Clinico Scheda per la Segnalazione di Evento Avverso Evitato (*La scheda è la traduzione adattata dalla U.O.Qualità Aziendale di quella utilizzata dal CIRS-Department of Anaesthesia, University of Basel, Switzerland e della check list elaborata dal Clinical Risk Unit di Londra C. Vincent, S. Adams et al.) Per Evento Avverso Evitato si deve intendere qualsiasi incidente verificatosi nel processo di cura che, se non si fosse intervenuti in tempo, avrebbe potuto portare a un risultato indesiderabile. Unità Operativa Luogo dell incidente Giorno della settimana Fascia Oraria Dati Paziente: Sesso Età Tipo di intervento programmato Descrizione Evento Avverso Evitato: L incidente avrebbe potuto avere conseguenze immediate o successive per la salute del paziente? Sì No Non so Cosa ha consentito di rendersi conto di quello che stava succedendo? Quali accorgimenti sono stati presi per correggere il possibile errore? Cause ipotizzabili: 56

13 Il Programma Gestione del Rischio Clinico Ulteriori informazioni Sì No Ambiente di lavoro L équipe Individuali Il compito Il paziente L ambiente di lavoro (rumori, temperatura ecc.) può aver avuto influenza sul verificarsi dell incidente? Era disponibile una adeguata e affidabile informazione riguardo le attrezzature? Tutte le attrezzature usate funzionavano adeguatamente ed efficientemente? I supporti medici e infermieristici erano sufficienti? Era presente un nuovo operatore con il quale non si aveva lavorato in precedenza? L addestramento nel reparto/unità attuale ha prodotto una preparazione sufficiente per affrontare questa situazione? L addestramento all uso delle attrezzature era sufficiente rispetto a questa situazione? Si è perso tempo in questioni non cliniche? Si è subito un improvviso e inaspettato aumento del carico di lavoro? Si è dovuta dare priorità a più di un caso simultaneamente? Esistono delle procedure scritte per questo tipo di intervento? Si sono verificati ritardi nell applicazione delle procedure previste? La comunicazione tra membri dello staff è stata efficace? Ci sono stati problemi di linguaggio o culturali o malintesi tra lo staff, il paziente e i familiari? La cartella clinica era disponibile, leggibile, e completa? La cartella clinica era corredata di annotazioni in grado di allertare l equipe sui fattori di rischio? Si è avuto un supporto o una supervisione adeguata? Pensi che tutta l équipe ha avuto una sufficiente conoscenza e esperienza per fronteggiare il caso e le eventuali complicanze? C erano colleghi stanchi, o malati? Le opinioni e le competenze di ciascuno erano accettate e apprezzate e non messe in discussione? C era accordo nell interpretazione del risultato delle analisi e dei test? I test di routine e il loro risultati erano chiaramente riportati in cartella? I risultati dei test erano rapidamente e facilmente disponibili? È stata consultata la persona appropriata quando necessario nella gestione del caso? C è stato tempo a sufficienza per spiegare al paziente le procedure, le possibili complicanze e i risultati della cura? Il paziente e i visitatori erano di aiuto e collaborativi? 57

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico La prevenzione del suicidio in Ospedale Dr. Maurizio Belligoni Direttore Generale Agenzia Regionale Sanitaria Definizione di evento

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie

Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie Problematiche degli Eventi Avversi Silvana Romano Prevenzione dei rischi nelle Aziende Sanitarie Particolare attenzione Ambienti Attrezzature Formazione del personale Le Aziende Sanitarie Programmi di

Dettagli

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management )

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) Pagina 1 di 16 Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) PROCEDURA REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Nome Data Funzione Nome Data Funzione Nome 11/2/13 Responsabile Risk

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA

SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA SISTEMA DI MONITORAGGIO NAZIONALE DEGLI EVENTI SENTINELLA Patrizio Di Denia Agenzia sanitaria Emilia-Romagna Riferimenti normativi Il Piano Sanitario Nazionale 2006 2008 prevede che le attività di monitoraggio

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO

Dettagli

DISTURBI AFFETTIVI. Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) 27/09/2012 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE

DISTURBI AFFETTIVI. Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) 27/09/2012 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE DISTURBI AFFETTIVI Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) DIST. BIPOLARE DIST. 6% DEPRESSIVO 17% 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE 22.234 CON DISTURBO DEPRESSIVO PREVALENZA TRATTATA

Dettagli

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Risk Management in ambito ostetrico Manuela Ghilardi A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo 32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Contenuti

Dettagli

La prevenzione delle cadute in ospedale

La prevenzione delle cadute in ospedale La prevenzione delle cadute in ospedale Coordinatori: Tommaso Bellandi, Laura Rasero e Donatella Rizzini Supervisori: Stefania Rodella e Riccardo Tartaglia http://www.salute.toscana.it/sst/rischio-clinico.shtml

Dettagli

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano Dr. Fortunato Rao Azienda ULSS 16 Padova Regione Veneto La popolazione dell ULSS 16 398.445 abitanti residenti

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Con la deliberazione della Giunta regionale n. 7549 dell 8.9.1992 si definisce il primo piano per

Dettagli

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Dr. Filippo Bauleo Responsabile Unità Gestione Rischio Clinico ASL2 Umbria Art. 14 Sicurezza del paziente e prevenzione del rischio clinico Il medico

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA

STRUTTURA COMPLESSA SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA STRUTTURA COMPLESSA SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA Responsabile: Dott.ssa Augusta Priori TEL. 0185-329665, 329663. OSPEDALE DI LAVAGNA Via Don Bobbio 25 16039 Lavagna La divisione di Psichiatria

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

Carta della qualità della Cartella Clinica

Carta della qualità della Cartella Clinica Carta della qualità della Cartella Clinica La carta della qualità della Cartella Clinica, ovvero la documentazione sanitaria prodotta nel singolo ricovero ospedaliero del paziente, è ispirata alla Carta

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con Il sottoscritto BERTOLIN ANNALISA ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara X che negli ultimi due anni NON

Dettagli

Progetto Ministero della Salute SIFO

Progetto Ministero della Salute SIFO XXVIII Congresso Nazionale SIFO INNOVAZIONE E SALUTE PUBBLICA Efficacia a confronto con: Equità, Economia, Etica Progetto Ministero della Salute SIFO Favorire l implementazione della Raccomandazione Prevenzione

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Dott. P. Valeri. Dott.ssa C. De Francesco. Dott.ssa F. Pofi. Dott. G. Panetta. Dott. G. D Elia EMISSIONE 16/06/2011

Dott. P. Valeri. Dott.ssa C. De Francesco. Dott.ssa F. Pofi. Dott. G. Panetta. Dott. G. D Elia EMISSIONE 16/06/2011 ATTIVAZIONE PROCEDURA PREVENZIONE DEL SUICIDIO DI PAZIENTE IN OSPEDALE Pagine 11 DATA FIRMA REDATTO APPROVATO GRUPPO DI LAVORO Uoc Supporto al Governo Clinico Uos Rischio Clinico e Qualità Direzione Sanitaria

Dettagli

L attività del GAD in Clinica San Carlo e RSA Renata Filippin

L attività del GAD in Clinica San Carlo e RSA Renata Filippin improving health gain orientation in all services: better cooperation for continuity in care conferenza: lavorare in rete HPH giovedì 13 ottobre 2011 auditorium RSA E.Bernardelli Paderno Dugnano via Maresciallo

Dettagli

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC OSPEDALE DI COMUNITÀ CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC 1. OSPEDALE DI COMUNITÀ (OdC)... 3 1.1. Premessa... 3 1.2. La struttura residenziale... 3 1.3. Ingresso... 3 1.4. Come avviene il ricovero...

Dettagli

-------------------------------- ---------------------------------

-------------------------------- --------------------------------- Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona Ultima revisione: 10.01.2013 CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013 2014 Elaborato da: Coordinatori e

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DELL INFERMIERE PERIODO DI PROVA

SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DELL INFERMIERE PERIODO DI PROVA SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DELL INFERMIERE PERIODO DI PROVA Pagina 2 di 18 DIPARTIMENTO UNITA OPERATIVA..... COGNOME.NOME Periodo di prova dal.. al Valutazione formativa (3 mese) il Valutazione

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA Bassi Fulvia Franceesconi Stefania UTIC CARDIOLOGIA Presidio Ospedaliero

Dettagli

PAROLE CHIAVE - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV

PAROLE CHIAVE  - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV INTRODUZIONE L interesse verso l argomento che intendo affrontare con questo elaborato, è maturato nel corso di questo triennio di studi, attraverso le conoscenze a me apportate dalle lezioni teoriche

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Gli strumenti Governo Clinico

Gli strumenti Governo Clinico Gli strumenti Governo Clinico 1) LINEE GUIDA Sono raccomandazioni di comportamento clinico E non hanno tutte la stessa forza Non tutte le linee guida hanno le stesse caratteristiche di qualità 2) AUDIT

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

Gli strumenti di gestione del rischio

Gli strumenti di gestione del rischio Gli strumenti di gestione del rischio Patrizio Di Denia Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna patrizio.didenia@ior.it 19 Novembre 2008 Sappiamo che. Gestione del rischio Individuazione del rischio Incident

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria

Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria Studi in Psichiatria Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria Agenda 1 Assistenza psichiatrica in Italia 2 Strumenti di valutazione 3 Aspetti pratici 4 Conclusioni 1 Assistenza psichiatrica in

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato

LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: il consenso informato LA HARVARD MEDICAL PRACTICE, ATTRAVERSO LA REVISIONE DELLE CARTELLE CLINICHE, HA STIMATO LA PERCENTUALE DI ERRORE NELL ORDINE DEL 3,7% DEI RICOVERI

Dettagli

Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE

Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE Verona, 10 maggio 2007 A cura del CRRC-SER Centro Regionale di Riferimento per il Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via........... Altri problemi clinici ventilazione polmonare assistita coma o stato neuro vegetativo

Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via........... Altri problemi clinici ventilazione polmonare assistita coma o stato neuro vegetativo Data:1/11/2004 Pag. 1 di 7 Sig/Sig.ra... Nato/a a.. il.. Abitante a. Via.. Anamnesi patologia remota Anamnesi patologia prossima Altri problemi clinici nessuno ventilazione polmonare assistita tracheostomia

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

Il rischio clinico: iniziative del Ministero della Salute

Il rischio clinico: iniziative del Ministero della Salute Roma, 7-8 giugno 2007 Conferenza nazionale sui dispositivi medici Attualità e prospettive Il rischio clinico: iniziative del Ministero della Salute Dott. Filippo Palumbo D.G. Programmazione Sanitaria Ministero

Dettagli

Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco. Virna Bui Bologna 20 settembre 2012

Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco. Virna Bui Bologna 20 settembre 2012 Progetto NOA - Nuova Organizzazione Ambulatoriale Scompenso Cardiaco Virna Bui Bologna 20 settembre 2012 Organizzazione del POLIAMBULATORIO ALBERTONI e del CSC dell Azienda Ospedaliero Universitaria S.Orsola-

Dettagli

PRP Lazio 2010-2012 Progetto 3.7.1 Disturbi psichiatrici - Lotta alla depressione Riunione tavolo tecnico - 24 Novembre 2011

PRP Lazio 2010-2012 Progetto 3.7.1 Disturbi psichiatrici - Lotta alla depressione Riunione tavolo tecnico - 24 Novembre 2011 PRP Lazio 2010-2012 Progetto 3.7.1 Disturbi psichiatrici - Lotta alla depressione Riunione tavolo tecnico - 24 Novembre 2011 Verbale Il 24 novembre 2011 alle ore 10.00, presso i locali di Laziosanità-Agenzia

Dettagli

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG)

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG) Cognome me Nata/o a prov. il Residente a prov. c.a.p. via n. Anamnesi patologica remota Anamnesi patologica prossima Barthel Index [A] [B] [C] [A] dipende [B] con aiuto o saltuariamente [C] indipendente

Dettagli

PROCEDURA HOME CARE TRATTAMENTO AL DOMICILIO

PROCEDURA HOME CARE TRATTAMENTO AL DOMICILIO TRATTAMENTO AL Pag. TRATTAMENTO AL Data di applicazione 0//07 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 3 //07 Medico RD Dott. A. Benini Dott.F. Brunelli Dott. A. Cattoli Dottssa.D. Rinnovi

Dettagli

L ERRORE NELLA PRATICA CLINICA

L ERRORE NELLA PRATICA CLINICA L ERRORE NELLA PRATICA CLINICA - tassonomia e classificazione degli errori - errori e clima organizzativo Dott. a Patrizia Bevilacqua IPASVI Brescia, Ottobre/Novembre 2010 Quali sono gli attori coinvolti?

Dettagli

Procedura generale sanitaria Segnalazione degli eventi sentinella

Procedura generale sanitaria Segnalazione degli eventi sentinella Pagina di 1/5 ORIGINALE N CONSEGNATO A 1. Scopo...2 2. Campo di applicazione...2 3. Diagramma di flusso...2 4. Responsabilità...2 5. Descrizione delle attività...2 5.1. Definizione di Evento Sentinella...2

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Progetto Nazionale di Ricerca sugli Eventi Avversi Presentazione dei risultati dell ACO San Filippo Neri

Progetto Nazionale di Ricerca sugli Eventi Avversi Presentazione dei risultati dell ACO San Filippo Neri Progetto Nazionale di Ricerca sugli Eventi Avversi Presentazione dei risultati dell ACO San Filippo Neri Lorenzo Sommella Silvana Cinalli - Amalia Biasco Luigi Pinnarelli Maria Maddalena Sanna Studio dell

Dettagli

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18 METODI, STRUMENTI E TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ Padova, 2006 IL MOBBING E LE MOLESTIE NEI LUOGHI DI LAVORO Padova, 20 e 21 aprile 2006 Euro 250* Crediti ECM: 20 LA GESTIONE

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

Patient Safety Walkaround: esperienza di un Azienda Sanitaria del Veneto

Patient Safety Walkaround: esperienza di un Azienda Sanitaria del Veneto Patient Safety Walkaround: esperienza di un Azienda Sanitaria del Veneto Dott.ssa Silvia Pierotti Azienda ULSS 18 Rovigo Direzione Medica Ospedaliera 1 Indice Patient Safety Walkaround (SWR) - descrizione

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

Ferrara 16 ottobre 2007 Vania Basini Agenzia Sanitaria Regionale

Ferrara 16 ottobre 2007 Vania Basini Agenzia Sanitaria Regionale Root Cause Analysis Ferrara 16 ottobre 2007 Vania Basini Agenzia Sanitaria Regionale Root Cause Analysis è un indagine strutturata che ha lo scopo di identificare la causa vera di un problema, e le azioni

Dettagli

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli

PREVENZIONE DEL SUICIDIO DEL PAZIENTE IN OSPEDALE

PREVENZIONE DEL SUICIDIO DEL PAZIENTE IN OSPEDALE PROCEDURA PREVENZIONE DEL SUICIDIO DEL PAZIENTE IN OSPEDALE GESTIONE RISCHIO CLINICO PREVENZIONE DEL SUICIDIO DEL PAZIENTE IN OSPEDALE REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0 GIUGNO 2015 Responsabile

Dettagli

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Psichiatria Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Rimini, 20-22 novembre 2015 Agenda Il percorso di Senior Italia FederAnziani Obiettivi del Dipartimento Psichiatria Contesto

Dettagli

paradosso, forzatura semantica, o? o

paradosso, forzatura semantica, o? o paradosso, forzatura semantica, o? o Nebbiuno, 9 ottobre 2014 dr. Massimiliano Mazzarino Casa di Cura San Giorgio, Viverone Revisione della Rete delle Case di Cura Neuropsichiatriche Tavolo Tecnico Tavolo

Dettagli

Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento

Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI MASSA E CARRARA Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento Carlo Manfredi Sabato 28 novembre

Dettagli

CONTRATTO DI TIROCINIO

CONTRATTO DI TIROCINIO Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona Ultima revisione 27.01.2014 CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti I anno - I semestre A.A. 2013 2014 Elaborato da: Direttori Attività

Dettagli

Protocollo d intesa per la somministrazione di farmaci in ambito scolastico

Protocollo d intesa per la somministrazione di farmaci in ambito scolastico Protocollo d intesa per la somministrazione di farmaci in ambito scolastico Premessa Gli studenti che frequentano ogni ordine e grado di scuola, a causa di patologie acute o croniche, possono avere la

Dettagli

MA 28. DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE. Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7. pag.

MA 28. DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE. Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7. pag. pag. 7 DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7 Inserire eventuali altri loghi appartenenti all UO (es. Università,

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 8.7 Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

Procedura per la gestione nei Centri di Salute Mentale (CSM) dei comportamenti aggressivi

Procedura per la gestione nei Centri di Salute Mentale (CSM) dei comportamenti aggressivi Procedura per la gestione nei Centri di Salute Mentale (CSM) dei Cod. Pag. 1/17 Rev. 0 Data Edizione 0 Data Rev. 1 Data Edizione 1 Data Rev. 2 Data Edizione 2 Data Rev. 3 Data Edizione 3 Data Rev. 4 Data

Dettagli

L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD. Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST

L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD. Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST Approccio psichiatrico nelle Demenze Depressione Behavioral and Psychological Symptoms of Dementia

Dettagli

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE Pagina 1 di 3 DIAGNOSI INFERMIERISTICHE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE ANSIA CORRELATA A MINACCIA ALL INTEGRITA BIOLOGICA DOVUTA A TRAUMA DA CADUTA E DOLORE (che si manifesta con aumento della F.C., PAOS, sudorazione,

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale Docente: Paolo Barelli Day Hospital Centro Diurno CONTESTO Centro Salute Mentale: Ambulatori e Territorio SOCIALE Ospedale: Servizio Psichiatrico

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

IL DELIRIUM: STRATEGIE DI PREVENZIONE E GESTIONE

IL DELIRIUM: STRATEGIE DI PREVENZIONE E GESTIONE IL DELIRIUM: STRATEGIE DI PREVENZIONE E GESTIONE Collegio IPASVI Brescia 24 febbraio 2016 Zani Michele Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Fond. Le Rondini Città di Lumezzane ONLUS IL MESSAGGIO DI OGGI

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

MA SIAMO STATI IGNORATI NON RICEVENDO NESSUNA RISPOSTA

MA SIAMO STATI IGNORATI NON RICEVENDO NESSUNA RISPOSTA Nel 2011 muore Giovanni Bollea, il padre della Neuropsichiatria Infantile. Con un inquietante sincronia con la sua morte, la disciplina da lui voluta e fatta crescere in tutta Italia, corre ora il rischio

Dettagli

La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra

La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra INTRODUZIONE Negli ultimi anni il sistema sanitario italiano ha subito profonde modificazioni:

Dettagli

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Riflessioni etiche e professionali Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Progressi nella scienza e ricerca miglior cura delle malattie allungamento della vita miglioramento qualità

Dettagli

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore )

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) 1. L imminenza della morte 2. Le preferenze e le aspettative del paziente 3. La gravità

Dettagli

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE Roberto Scotto Medico in formazione specialistica II anno L Italia è al quarto posto in Europa per consumo di antibiotici dopo Francia, Grecia e Cipro.

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DI GROSSETO: IL LUOGO COME METAFORA DELLE RELAZIONI

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DI GROSSETO: IL LUOGO COME METAFORA DELLE RELAZIONI TITOLO SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DI GROSSETO: IL LUOGO COME METAFORA DELLE RELAZIONI AUTORI Giuseppe Cardamone (1), Edvige Facchi (2), Rita Pescosolido (3) (1) Direttore DSM ASL 9 di Grosseto

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

Indagine sul rischio movimentazione manuale pazienti ASL Salerno.

Indagine sul rischio movimentazione manuale pazienti ASL Salerno. MEDICINA del LAVORO AZIENDALE Struttura di Staff alla DIREZIONE GENERALE Sede Istituzionale : via Nizza 146 Salerno, via G. Falcone 50 Nocera Inferiore Sede Operativa: D.E.A. III livello - P.O. Umberto

Dettagli

Checklist per la sicurezza in sala operatoria

Checklist per la sicurezza in sala operatoria INNOVAZIONE Checklist per la sicurezza in sala operatoria Il progetto presentato dall ASL TA al Forum del Risk management di Arezzo Dr. M. Chironi Resp U.O. Rischio Clinico - Medicina Legale ASL Ta Dott.ssa

Dettagli

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza Programma di accreditamento SIMI Esperienza della Medicina i 3 Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza prof. Paolo Cavallo Perin, prof. Graziella Bruno, Dept. of Medical Sciences, University

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL U.O. A. LUNGODEGENZA RIABILITATIVA E U.O.S. DI MEDICINA 1 STESURA U.O.C. DI Lungodegenza e U.O.S. di Medicina O.C.

REGOLAMENTO INTERNO DELL U.O. A. LUNGODEGENZA RIABILITATIVA E U.O.S. DI MEDICINA 1 STESURA U.O.C. DI Lungodegenza e U.O.S. di Medicina O.C. Pagina 1 INDICE SCOPO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI MEDICINA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI LUNGODEGENZA RIABILITATIVA DATA PROSSIMA REVISIONE FEBBRAIO 2011 SCOPO Fornire al cittadino uno strumento chiaro e

Dettagli

PROGETTO DI SVILUPPO DI UN SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE DEL RISCHIO OSPEDALIERO Redatto da: Dr. M. Maini Direttore Sanitario Ospedale San Giacomo

PROGETTO DI SVILUPPO DI UN SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE DEL RISCHIO OSPEDALIERO Redatto da: Dr. M. Maini Direttore Sanitario Ospedale San Giacomo PROGETTO DI SVILUPPO DI UN SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE DEL RISCHIO OSPEDALIERO Redatto da: Dr. M. Maini Direttore Sanitario Ospedale San Giacomo PREMESSA Rispondere ai bisogni di salute della popolazione

Dettagli

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD Confronto fra due forme di psicoterapia cognitivo comportamentale ospedaliera per i disturbi dell alimentazione Gentile paziente, la Casa di Cura Villa Garda

Dettagli

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Dott. Francesco Russi Assistente D.E.A. Humanitas gavazzeni Bergamo Cominciamo bene dalla parte del P.S Non e possibile!!!

Dettagli

MODULO DI ADESIONE PROGETTO

MODULO DI ADESIONE PROGETTO 7-8 OTTOBRE 2011 CITTÀ STUDI BIELLA MODULO DI ADESIONE PROGETTO Titolo del progetto: APPLICAZIONE DEL PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE (PDTA) IN PSICONCOLOGIA PRESSO I CENTRI ONCOLOGICI DELLA

Dettagli