Informativa al pubblico al

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informativa al pubblico al 31.12.2011"

Transcript

1 Informativa al pubblico al su adeguatezza patrimoniale, esposizione ai rischi e sistema di gestione del rischio Terzo Pilastro Basilea 2 Cellino e Associati SIM S.p.A. Via Cavour TORINO Tel (10 linee) Fax Sito web: PEC: Cap. Soc. euro i.v. Reg. Imprese - C.F./P. IVA: REA n della C.C.I.A.A. di Torino Iscrizione albo SIM n. 211 Delibera Consob n del Aderente al Fondo Nazionale di Garanzia

2 Indice PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 4 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA TAVOLA 4 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...16 TAVOLA 5 RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI TAVOLA 6 TECNICHE DI ATTENUAZIONE DEL RISCHIO TAVOLA 7 RISCHIO DI CONTROPARTE TAVOLA 8 RISCHI DI MERCATO TAVOLA 9 RISCHIO OPERATIVO TAVOLA 10 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE Pagina 2 di 19

3 Premessa Il presente documento è stato redatto in ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM così come modificato dai Regolamenti Banca d Italia del 18 febbraio 2011 e del 28 dicembre 2011 (di seguito Regolamento Prudenziale ), che contiene le disposizioni in tema di adeguatezza patrimoniale e contenimento del rischio, processo di controllo prudenziale e informativa al pubblico. Il testo integrale del Regolamento Prudenziale e dei relativi provvedimenti di modifica possono essere reperiti sul sito Internet della Banca d Italia, all indirizzo nella sezione Disposizioni di vigilanza per le SIM. La finalità del presente documento è quella di fornire al pubblico, in ottemperanza alle disposizioni contenute nel Regolamento Prudenziale e ai sensi del cosiddetto Terzo Pilastro di Basilea 2, informazioni concernenti l adeguatezza patrimoniale della società, la sua esposizione ai rischi e le caratteristiche generali dei sistemi preposti all identificazione, alla misurazione e alla gestione di tali rischi. Le informazioni sono organizzate in apposite tavole, il cui schema di riferimento è contenuto nel Regolamento Prudenziale, ciascuna inerente ad una particolare area informativa. Il livello di dettaglio dell informativa fornita, in ossequio al principio di proporzionalità e alle disposizioni contenute nel Regolamento Prudenziale, è commisurato alla complessità organizzativa e operativa della società. Tutti gli importi contenuti nelle tabelle sono indicati in unità di Euro. La società ha adottato il proprio sito Internet quale supporto per la pubblicazione delle informazioni contenute nel presente documento. In riferimento alla classificazione definita dalla Banca d Italia all interno del Regolamento Prudenziale per facilitare la concreta applicazione del principio di proporzionalità nell ambito della valutazione aziendale dell adeguatezza patrimoniale, si precisa che la società appartiene alla classe 3 così come definita dall Autorità di Vigilanza. Al fine di agevolare la lettura delle tavole, si riportano di seguito le definizioni di portafoglio di negoziazione di vigilanza e di portafoglio immobilizzato contenute nel Regolamento Prudenziale: - portafoglio di negoziazione di vigilanza : gli strumenti finanziari detenuti a fine di negoziazione (e cioè le posizioni intenzionalmente destinate a una successiva dismissione a breve termine, assunte allo scopo di beneficiare di differenze tra prezzi di acquisto e di vendita e/o di altre variazioni di prezzo o di tasso d interesse) o per la copertura del rischio inerente ad altri elementi dello stesso portafoglio; nel portafoglio di negoziazione di vigilanza rientrano in particolare: o l intero portafoglio titoli ad esclusione delle partecipazioni delle SIM autorizzate a prestare il servizio di negoziazione per conto proprio di strumenti finanziari, o i titoli assunti nell ambito delle operazioni di collocamento con preventiva sottoscrizione, acquisto a fermo o assunzione di garanzia dalle SIM autorizzate a prestare il servizio di sottoscrizione e/o collocamento con assunzione a fermo ovvero con assunzione di garanzia nei confronti dell emittente; - portafoglio immobilizzato, il complesso delle posizioni non contabilizzate nel portafoglio di negoziazione di vigilanza. Pagina 3 di 19

4 Tavola 1 Requisito informativo generale Il sistema di gestione del rischio adottato dalla società consente di ottemperare alle disposizioni normative in materia di adeguatezza patrimoniale e contenimento del rischio, processo di controllo prudenziale e informativa al pubblico definite nel Regolamento Prudenziale, riconducibili alla disciplina di Primo, Secondo e Terzo pilastro della regolamentazione internazionale Basilea 2, in termini di: - requisiti minimi patrimoniali (Primo Pilastro); - controllo prudenziale dell adeguatezza patrimoniale (Secondo Pilastro); - requisiti di trasparenza delle informazioni (Terzo Pilastro). Nell ambito del proprio sistema di gestione del rischio la società ha implementato il processo interno di determinazione dell adeguatezza patrimoniale in relazione ai rischi assunti e alle strategie aziendali (Internal Capital Adequacy Assessment Process ICAAP) finalizzato a individuare il capitale complessivo necessario a fronteggiare, in termini attuali e prospettici, tutti i rischi rilevanti cui la società è o potrebbe essere esposta e a supportare gli sviluppi operativi e il raggiungimento degli obiettivi strategici. In particolare, il processo è costituito dalle seguenti fasi: - individuazione dei fattori di rischio rilevanti connessi con l operatività aziendale; - misurazione e quantificazione dei rischi individuati; - determinazione del capitale complessivo necessario per fronteggiare i rischi rilevanti, per raggiungere gli obiettivi previsti nel piano strategico pluriennale e tener conto dell evoluzione del contesto operativo di riferimento; - implementazione delle procedure e dei processi di gestione dei rischi individuati e adozione delle opportune politiche di copertura e dei sistemi di attenuazione e controllo; - predisposizione delle documentazioni necessarie. Il processo ICAAP è sottoposto a revisione e valutazione prudenziale da parte della Banca d Italia (Supervisory Review and Evaluation Process SREP). Tipologie di rischio La società, in considerazione dei servizi prestati (gestione di portafogli, consulenza in materia di investimenti, esecuzione di ordini per conto dei clienti, ricezione e trasmissione di ordini), del tipo di operatività, dei mercati di riferimento e del fatto che può detenere disponibilità liquide e strumenti finanziari di pertinenza della clientela, nonché delle definizioni contenute nel Regolamento Prudenziale, ha analizzato l esposizione ai seguenti rischi: - rischio di mercato (rischio di posizione su strumenti finanziari e in merci, rischio di regolamento); - rischio di cambio; - rischio di credito; - rischio di controparte; - rischio di concentrazione delle esposizioni creditizie; - rischio operativo; - altri rischi, costituiti da: o rischio strategico, o rischio di reputazione, o rischio generico di concentrazione, o rischio di liquidità, o rischio residuo, o rischi derivanti da cartolarizzazioni, o rischio di tasso di interesse derivante da attività diverse dalla negoziazione. Pagina 4 di 19

5 A seguito di tale analisi, tenendo conto che - il patrimonio di proprietà della società è esclusivamente investito in titoli rappresentativi del debito pubblico italiano a breve termine, o depositato su conto corrente, ed è classificabile, ai fini della normativa in materia di adeguatezza patrimoniale e contenimento del rischio, come portafoglio immobilizzato, - la società non detiene e non prevede di detenere strumenti finanziari che rientrano nella categoria portafoglio di negoziazione di vigilanza, i rischi di seguito elencati non sono stati sottoposti a valutazione ai fini ICAAP, in quanto non hanno rilevanza per la società: - il rischio di posizione su strumenti finanziari, riconducibile al rischio di mercato, perché la società, come appena illustrato, detiene soltanto un portafoglio immobilizzato ; - il rischio di posizione in merci, anch esso riconducibile al rischio di mercato, perché la società non effettua operazioni in merci né in strumenti finanziari derivati su merci; - il rischio di cambio, perché la società non detiene e non prevede di detenere posizioni denominate in divise diverse dall Euro, né posizioni in oro; - il rischio di controparte, perché la società non effettua transazioni in strumenti derivati finanziari e creditizi negoziati Over the Counter (OTC), operazioni Securities Financing Transactions (SFT), né operazioni con regolamento a lungo termine; - il rischio derivante da cartolarizzazioni, perché non applicabile; - il rischio residuo poiché, in considerazione della contenuta rilevanza del rischio di credito, le tecniche utilizzate per la sua attenuazione sono ritenute sufficienti. Si elencano di seguito i principali elementi e fattori di rischio individuati; per disporre di una completa informativa circa l effettiva esposizione a tali rischi, è opportuno procedere ad una lettura integrata delle informazioni contenute nella seguente tabella con le informazioni riportate più avanti nella presente Tavola, all interno della sezione Politiche di copertura e di attenuazione dei rischi. Si precisa che il rischio di riciclaggio e finanziamento al terrorismo, riconducibile essenzialmente al rischio legale (ricompreso nel rischio operativo) e al rischio di reputazione, è stato illustrato separatamente tra i rischi di Primo Pilastro, in considerazione dalla sua rilevanza e degli specifici presidi e procedure di gestione implementati. Rischio di credito Tipologia di rischio Rischio di perdita per inadempimento dei debitori Rischio di concentrazione delle esposizioni creditizie Elementi e fattori di rischio Sono considerati quali elementi di rischio la liquidità e gli strumenti finanziari di proprietà depositati presso altri intermediari o presso organismi di compensazione e garanzia, le competenze di spettanza della società e i rimborsi da ricevere dalla clientela, i crediti tributari e gli altri crediti. Sono considerati, al fine della valutazione del rischio di concentrazione delle esposizioni creditizie, gli strumenti finanziari di proprietà e tutte le esposizioni creditizie. Rischio di instabilità connesso a esposizioni creditizie di importo rilevante rispetto al patrimonio di vigilanza Rischio generico di concentrazione Rischio di instabilità connesso alla concentrazione dei rischi nei confronti di una medesima controparte o gruppo di controparti connesse e per la composizione della base della clientela Sono considerate, al fine della valutazione degli altri rischi di concentrazione, le controparti di mercato con cui la società opera direttamente e gli eventuali collegamenti fra esse, le banche depositarie, la banca incaricata di svolgere per conto della società il ruolo di intermediario liquidatore delle operazioni eseguite sui mercati gestiti da Borsa Italiana e la clientela. Pagina 5 di 19

6 Rischio di mercato Sono considerate quali elementi di rischio le operazioni di investimento del capitale proprio della società. Rischio che deriva dall oscillazione del corso degli strumenti finanziari e/o dal prezzo delle merci Rischio operativo Rischio di perdite derivanti dalla inadeguatezza o dalla disfunzione di procedure, risorse umane e sistemi interni, oppure da eventi esogeni Rischio di riciclaggio e finanziamento al terrorismo Rischio che la clientela realizzi tramite la società operazioni di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo Rischio strategico Rischio di flessione degli utili o del capitale derivante da cambiamenti del contesto operativo o da decisioni aziendali errate, attuazione inadeguata di decisioni, scarsa reattività a variazioni del contesto competitivo Rischio di reputazione Rischio di flessione degli utili o del capitale derivante da una percezione negativa dell immagine della società Rischio di liquidità Rischio che la società non sia in grado di adempiere alle proprie obbligazioni alla loro scadenza Sono considerati in tale fattispecie di rischio i rischi tipici dei diversi processi operativi generali, tra cui i rischi di conseguimento di perdite derivanti da: - non conformità alle norme, inadeguatezza o disfunzione di procedure, sistemi di controllo, processi e sistemi informativi; - inadeguatezza delle risorse umane o errori; - frodi interne ed esterne; - rischi legali; - eventi esogeni. È considerata quale elemento di rischio la possibilità che tramite la società la clientela compia operazioni utilizzando fondi di provenienza illecita o finalizzate al finanziamento del terrorismo. Sono considerati quali fattori di rischio: - la scarsa reattività dell azienda a cambiamenti del contesto operativo e competitivo; - l assunzione di decisioni strategiche errate; - l assunzione di decisioni errate, in relazione al servizio di gestione di portafoglio, in materia di strategie generali di investimento e di attuazione dell asset allocation. Sono considerati come elementi di rischio tutti quei fattori che possono condurre ad una percezione negativa dell immagine aziendale da parte dei clienti, delle controparti, delle banche depositarie, degli azionisti/investitori e delle Autorità di Vigilanza. Sono considerati quali elementi di rischio la riduzione dei ricavi o l insorgenza di costi imprevisti (generati anche dal recepimento di nuove normative) che potrebbero ridurre in modo significativo le disponibilità liquide, al punto da non consentire alla società di far fronte alle obbligazioni inerenti al pagamento degli stipendi al personale, delle provvigioni dovute ai promotori finanziari, delle fatture ricevute. Sono considerati, inoltre, quale elemento di rischio gli affidamenti ricevuti dalla banca incaricata di svolgere per conto della società il ruolo di intermediario liquidatore delle operazioni eseguite sui mercati gestiti da Borsa Italiana a cui la società aderisce direttamente. Non sono considerati elementi di rischio di liquidità i rapporti con le banche e le eventuali restrizioni del credito, in quanto la società non fa ricorso in via ordinaria a finanziamenti bancari. Pagina 6 di 19

7 Rischio di tasso di interesse derivante da attività diverse dalla negoziazione Rischio derivante da variazioni dei tassi di interesse È considerata quale elemento di rischio l eventuale riduzione dei tassi di interesse che incide negativamente sulla remunerazione del capitale proprio della società, sia nel caso in cui sia mantenuto come disponibilità liquida, sia nel caso in cui sia investito in strumenti finanziari. Non è considerato quale elemento di rischio l eventuale aumento dei tassi di interesse che incide negativamente sui finanziamenti concessi in quanto la società dispone di un patrimonio che consente di non ricorrere in via ordinaria a finanziamenti bancari e non dipendere quindi dalle condizioni, ed eventuali restrizioni, del credito. Strategie e processi di gestione dei rischi La società effettua una costante attività di monitoraggio dei rischi a cui è o può essere esposta, sulla base delle proprie caratteristiche operative ed organizzative, dei mercati di riferimento e del contesto operativo in cui opera. Nell ambito del proprio sistema di gestione del rischio, coordinato dal Responsabile della Funzione di Gestione del Rischio, la società ha definito procedure e sistemi per: - la valutazione e la definizione dei requisiti minimi patrimoniali di cui al Primo Pilastro e del calcolo del patrimonio di vigilanza e delle coperture patrimoniali richieste; - la definizione e l aggiornamento del processo di determinazione del capitale complessivo adeguato, in termini attuali e prospettici, a fronteggiare tutti i rischi rilevanti (processo ICAAP) e a supportare gli obiettivi strategici; - la predisposizione e l aggiornamento del resoconto ICAAP da inviare alla Banca d Italia e della presente informativa da fornire al pubblico. Relativamente agli aspetti collegati a tutti i tre Pilastri di Basilea 2, ha definito procedure, processi e sistemi di controllo al fine di: o o o suddividere i compiti e le responsabilità tra i diversi organi e funzioni aziendali; verificare, a cura delle funzioni di Controllo di Conformità e di Revisione Interna, l adeguatezza e l efficacia delle procedure, dei sistemi e dei processi adottati, così come delle relative documentazioni; presentare al Consiglio di Amministrazione per l esame e l approvazione le procedure ed i documenti rilevanti, per la successiva adozione, diffusione interna, trasmissione o pubblicazione; o trasmettere alla Banca d Italia il resoconto ICAAP e pubblicare sul sito Internet della società la presente informativa. La responsabilità della definizione, attuazione e aggiornamento del processo ICAAP e, più in generale, dell intero sistema aziendale di gestione del rischio e dell applicazione delle normative in materia di adeguatezza patrimoniale e contenimento del rischio, processo di controllo prudenziale e informativa al pubblico è in capo al Consiglio di Amministrazione della società. Nell ambito del sistema aziendale di gestione del rischio, il processo ICAAP riveste fondamentale importanza: esso ha infatti l obiettivo di condurre alla determinazione del capitale complessivo necessario a fronteggiare, in termini attuali e prospettici, tutti i rischi rilevanti cui la società è o potrebbe essere esposta, nonché a supportare gli obiettivi strategici definiti. Il processo può essere scomposto nelle seguenti fasi: - analisi delle caratteristiche operative ed organizzative della società, dei mercati di riferimento e del contesto operativo al fine di individuare, ai sensi del Regolamento Prudenziale, i fattori di rischio rilevanti connessi con l operatività aziendale; l analisi comprende anche la costante valutazione dell impatto sugli assetti organizzativi, procedurali e di controllo dell introduzione di nuovi obblighi normativi e dell eventuale incremento dei rischi collegato; - misurazione dei singoli rischi individuati o valutazione per i rischi difficilmente quantificabili tramite metodologie alternative, affiancate dalla conduzione di prove di stress, al fine di determinare il capitale interno necessario per fronteggiare adeguatamente ciascun rischio rilevato e poter disporre della copertura delle perdite inattese derivanti dalla manifestazione dei rischi; Pagina 7 di 19

8 - misurazione del capitale interno complessivo, determinato sommando il capitale interno richiesto per ciascun rischio rilevante alle eventuali esigenze di capitale necessarie per raggiungere gli obiettivi previsti nel piano strategico pluriennale e per tener conto dell evoluzione del contesto operativo di riferimento; - determinazione del capitale complessivo e riconciliazione dello stesso con il patrimonio di vigilanza, con l individuazione degli elementi patrimoniali che la società ritiene possano essere utilizzati a copertura del capitale interno complessivo e con l illustrazione dell eventuale utilizzo di strumenti patrimoniali di copertura non computabili nel patrimonio di vigilanza; - individuazione degli strumenti e dei sistemi di controllo e attenuazione dei rischi rilevati; - pianificazione degli opportuni interventi sul piano patrimoniale e/o organizzativo. Il processo ICAAP comprende anche la fase di auto-valutazione, cioè di identificazione delle aree del processo suscettibili di miglioramento, delle eventuali carenze e delle azioni correttive che la società intende porre in essere. Il processo si conclude con l aggiornamento annuale, o se necessario con frequenza più ravvicinata, delle procedure aziendali, dei sistemi di controllo, delle documentazioni interne e della presente informativa da fornire al pubblico e con la predisposizione del resoconto ICAAP annuale da inviare alla Banca d Italia, sottoposti in via preventiva a verifica di conformità e a revisione interna dalle rispettive funzioni aziendali di controllo e all esame ed approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione. L attività di costante monitoraggio e di aggiornamento del processo ICAAP è condotta dalla funzione di Gestione del Rischio, la quale, avvalendosi del supporto di tutte le funzioni aziendali, anche di controllo, ha la responsabilità di: - implementare o assicurarsi che siano implementate le azioni di miglioramento individuate nella fase di auto-valutazione del processo; - curare i rapporti con la Banca d Italia nell ambito del processo SREP ed implementare o assicurarsi che siano implementati gli interventi e le misure correttive richiesti dall Autorità di Vigilanza; - monitorare e valutare l impatto sul sistema aziendale di gestione del rischio e, in particolare sul processo ICAAP, dell introduzione di nuove disposizioni normative, di modifiche agli assetti procedurali e organizzativi, della definizione e variazione degli obiettivi strategici della società e delle modalità di attuazione del piano strategico, effettuando gli opportuni aggiornamenti e interventi; - verificare costantemente l adeguatezza e l efficacia degli assetti organizzativi, procedurali e di controllo ai fini della gestione dei rischi aziendali e dell attuazione degli obiettivi strategici, anche rispetto ad eventuali variazioni nella struttura organizzativa, nel sistema di controlli interni e nell attività svolta e rispetto ai mutamenti del contesto in cui la società opera; - coordinare l attività di monitoraggio dei rischi, in particolare di quelli operativi, svolta in prima istanza dai responsabili di area e dalle altre funzioni aziendali di controllo; - verificare costantemente l adeguatezza e mantenere aggiornate le metodologie di misurazione e quantificazione dei rischi, le stime del capitale interno e il relativo raccordo con il patrimonio di vigilanza; - a conclusione delle attività di monitoraggio del processo di cui ai punti precedenti, identificare le aree suscettibili di miglioramento, le eventuali carenze o le azioni correttive necessarie. Il complesso di tali attività conduce all aggiornamento annuale del processo ICAAP, con la redazione del successivo resoconto da trasmettere alla Banca d Italia e con l aggiornamento della presente informativa. La società procede alla revisione del processo ICAAP, in aggiunta all ordinario aggiornamento annuale, ogni qualvolta eventi di carattere straordinario, quali operazioni di carattere strategico o cambiamenti del contesto operativo non previsti, mutamenti della normativa di riferimento o variazioni nella struttura organizzativa o nell attività svolta, comportino una variazione significativa dell esposizione ai rischi o comunque abbiano un impatto rilevante sulla valutazione dell adeguatezza patrimoniale effettuata. Struttura e organizzazione della funzione di Gestione del Rischio La società ha istituito la funzione di Gestione del Rischio, così come prevista dalla disciplina in materia di funzioni di controllo introdotta con il Regolamento in materia organizzativa e procedure degli Intermediari adottato congiuntamente dalla Banca d Italia e dalla Consob con Provvedimento del 29 ottobre Pagina 8 di 19

9 A tale funzione sono affidati i compiti di: - fornire consulenza e collaborare alla definizione del sistema aziendale di gestione del rischio; - presiedere alla definizione e attuazione del processo ICAAP, coordinando tutte le attività necessarie per la gestione del processo ICAAP, alla predisposizione e all aggiornamento del resoconto ICAAP e dell informativa pubblica come sopra dettagliatamente illustrato; - presiedere al funzionamento del sistema aziendale di gestione del rischio, verificandone l adeguatezza e il rispetto da parte della società; - verificare costantemente l efficacia dei sistemi di attenuazione e controllo dei rischi e delle misure prese per rimediare alle eventuali carenze riscontrate. L attività della funzione di Gestione del Rischio è integrata, per le rispettive competenze, dall attività di controllo svolta dalle funzioni di Controllo di Conformità, Antiriciclaggio e di Revisione Interna e dall attività svolta nelle altre aree aziendali, tra cui l area Contabilità e dei Sistemi Informativi, alle quali sono stati attribuiti compiti specifici ai fini del monitoraggio dei rischi e della valutazione di adeguatezza patrimoniale e del processo di controllo prudenziale. In considerazione della realtà organizzativa ed operativa e delle dimensioni aziendali, la società ha ritenuto di adibire un unica risorsa alla funzione di Gestione dei Rischio. Sistemi di misurazione e reporting dei rischi La società effettua costantemente l analisi e la misurazione della propria esposizione ai rischi al fine di rilevare tempestivamente variazioni significative al riguardo ed apportare le opportune modifiche al processo ICAAP, adottando i necessari interventi in caso di insorgenza dei rischi. Il monitoraggio dell andamento dell attività aziendale è effettuato costantemente dal Consiglio di Amministrazione che trimestralmente analizza un report di controllo contenente il confronto fra i dati previsionali e i dati contabili di consuntivo, individuando le cause degli eventuali scostamenti significativi La società, inoltre, allo scopo di poter condurre un analisi più compiuta dei rischi operativi a cui è esposta e pianificare gli eventuali interventi necessari, ha adottato un sistema di raccolta, analisi e conservazione dei dati interni relativi agli errori e agli eventi di perdita più significativi. In particolare, la società ha implementato un sistema per l analisi delle registrazioni effettuate all interno dei registri del conto errori e nei registri delle anomalie e delle eccezioni che si verificano nell ambito dell attività quotidiana della società, al fine di: - eseguire un analisi del livello aggregato del rischio operativo, individuando le fonti più significative e frequenti degli errori e delle disfunzioni; - valutare l esposizione e l evoluzione di tali rischi; - identificare le vulnerabilità e le eventuali inadeguatezze delle procedure, delle risorse umane e dei sistemi interni, le eventuali carenze e disfunzioni o comunque gli eventuali fattori di rischio per la stabilità aziendale e per il corretto svolgimento dei servizi di investimento; - effettuare una corretta ed efficiente comunicazione ai livelli appropriati delle problematiche riscontrate e delle perdite inattese; - implementare o pianificare gli eventuali interventi patrimoniali e/o organizzativi necessari, determinando eventuali nuovi limiti all assunzione di tali rischi. Al fine di misurare e minimizzare l effettiva esposizione ai rischi informatici, la società conduce continuamente prove di stress in relazione ai sistemi informativi e ai sistemi di protezione adottati. Nel corso dell anno 2011, la società ha implementato un modello per l effettuazione di analisi di sensibilità al fine valutare gli effetti negativi sui rischi di eventi specifici. In particolare, la società ha ipotizzato i seguenti scenari negativi che comportano la riduzione dei patrimoni della clientela: - variazioni negative significative di mercato; - perdita significativa di clientela; - perdita in blocco del gruppo di clienti connessi che detiene un ammontare significativo dei patrimoni. Pagina 9 di 19

10 Tenuto conto del contesto operativo, delle dimensioni aziendali e delle caratteristiche dell attività prestata e in considerazione della scarsa rilevanza dei rischi rilevati, la società non ha per ora ritenuto necessario effettuare con regolarità altre prove di stress. La società ha utilizzato quale sistema di misurazione del rischio di credito e del rischio operativo e quale tecnica di valutazione del capitale interno necessario a fronteggiare tali rischi le rispettive metodologie di calcolo dei requisiti patrimoniali regolamentari. Per tutti gli altri rischi, in considerazione dell impossibilità o delle difficoltà di misurazione e quantificazione, la società ha effettuato la valutazione del capitale interno in modo aggregato, applicando la metodologia regolamentare prevista per il calcolo del coefficiente Altri rischi. Una volta l anno il Responsabile della funzione di Gestione del Rischio presenta al Consiglio di Amministrazione e al Collegio Sindacale una relazione sull attività svolta, trasmessa anche alle Autorità di Vigilanza; ove ritenuto necessario, nel corso dell anno il Responsabile della funzione presenta agli organi aziendali relazioni infra-annuali su tematiche specifiche; valutazioni circa l esposizione ai rischi e l adeguatezza del sistema aziendale di gestione del rischio sono contenute altresì nei verbali dell attività e nelle relazioni annuali redatte dalle altre funzioni aziendali di controllo. Politiche di copertura e di attenuazione dei rischi La società è orientata al rigoroso rispetto delle normative ed è ispirata alla massima trasparenza, correttezza e prudenza nella gestione aziendale e nella prestazione dei servizi d investimento e si è dotata di una struttura organizzativa, di sistemi di controllo interno, di prassi e di regole atti ad assicurare una gestione sana e prudente e ad osservare tutte quelle regole prudenziali che consentono di minimizzare l esposizione al rischio da parte di tutte le strutture operative interne. Gli strumenti di controllo e attenuazione sono costituiti, in primo luogo, dall insieme di procedure interne e dalle soluzioni organizzative adottate che consentono di effettuare un efficace attività di prevenzione e di svolgere con continuità i controlli di linea, incorporati nelle procedure informatiche o eseguiti direttamente dal personale addetto alle singole aree. In particolare, l attività di prevenzione si estrinseca: - nell adozione di una solida impostazione della struttura organizzativa, dei limiti operativi e delle deleghe, con una chiara definizione delle responsabilità e suddivisione dei compiti e con la garanzia di sostituibilità del personale; - nell accurata definizione e formalizzazione di procedure e regole adeguate per il corretto svolgimento della propria attività con un efficace sistema di gestione dei flussi informativi; - nell adozione di rigorose politiche e regole per il rispetto del miglior interesse del cliente, in particolare per quanto riguarda la politica di gestione dei conflitti di interesse, gli incentivi e le regole di best execution; - nella formazione continua del personale; - nel costante adeguamento delle procedure interne alle nuove disposizioni normative e alle variazioni della struttura organizzativa e del contesto operativo e nella stesura e aggiornamento delle relative documentazioni e istruzioni, consegnate tempestivamente ai soggetti interessati; - nell utilizzo di un sistema informativo integrato, che consente di eseguire automaticamente i controlli preventivi, anche in modo incrociato, e di ridurre la possibilità di errore; - nell'adozione di prassi operative volte a impedire a priori il verificarsi di violazioni della normativa o delle procedure interne e a garantire la trasparenza dell operatività; - nell utilizzo di un sistema per la raccolta e l analisi delle perdite significative generate da errori, anomalie, disfunzioni ed eccezioni, come sopra già illustrato, utile ad effettuare un analisi del livello aggregato del rischio operativo, al fine di identificare le eventuali carenze o inefficienze e adottare gli eventuali interventi opportuni; - nell'effettuazione da parte della funzione di Controllo di Conformità di un'efficace attività di verifica ex ante di adeguatezza e conformità alle norme e di consulenza per l'implementazione delle procedure e dei sistemi. Tali soluzioni organizzative consentono alla società di disporre di un efficiente sistema di controlli interni e di gestione dei rischi aziendali, che costituisce parte integrante dell attività aziendale quotidiana e che rappresenta un supporto essenziale all attività di verifica e di monitoraggio eseguita costantemente in prima Pagina 10 di 19

11 istanza dai responsabili di area e in seconda istanza dalle funzioni aziendali di controllo, ciascuna negli ambiti di propria competenza. L attività di verifica nel suo complesso consente di prevenire l adozione di sistemi o procedure non adeguati e non conformi, di verificare a posteriori l efficacia delle misure adottate e di condurre un efficiente monitoraggio dei rischi aziendali, che riveste un ruolo fondamentale nell attività di verifica delle funzioni aziendali di controllo. In aggiunta a tale assetto organizzativo, per i rischi maggiormente rilevanti, la società ha adottato specifici presidi di controllo e di attenuazione, descritti di seguito. Con riferimento alle politiche di copertura, nell ambito della definizione del processo ICAAP, la società ha effettuato l analisi e la valutazione dei rischi rilevanti cui la stessa è o potrebbe essere esposta, determinando il livello di capitale idoneo a fronteggiare adeguatamente, in termini attuali e prospettici, tutti i rischi individuati e a supportare le strategie aziendali. La società prevede di utilizzare a copertura del capitale interno richiesto a fronte dei rischi rilevanti individuati e degli obiettivi strategici esclusivamente il patrimonio di vigilanza di cui dispone; la società ritiene, inoltre, in considerazione della propria struttura organizzativa, delle attuali risorse patrimoniali e della prevista evoluzione del contesto di riferimento, che l esposizione ai rischi attuale e prospettica non richieda un ulteriore fabbisogno di capitale rispetto a quello di cui dispone, neanche per operazioni di carattere strategico. Tipologia di rischio Rischio di credito Rischio di concentrazione sulle esposizioni creditizie Rischio generico di concentrazione Strumenti di controllo e attenuazione L esposizione al rischio di credito è tenuta sotto controllo e attenuata grazie al fatto che: la politica di gestione del capitale proprio adottata dalla società prevede che il patrimonio di proprietà sia esclusivamente mantenuto in deposito su conto corrente o investito in titoli rappresentativi del debito pubblico italiano a breve termine; le procedure interne prevedono che le competenze maturate a favore della società e gli addebiti a titolo di rimborso siano effettuati direttamente sui conti intestati ai clienti, che non siano consentite alla clientela vendite allo scoperto e che non sia effettuata alcuna forma di finanziamento alla clientela; è effettuato un costante monitoraggio dell affidabilità e del merito creditizio delle singole controparti, seguendone anche l andamento economico, nonché della valutazione del rischio di concentrazione delle esposizioni creditizie; sono condotte costanti azioni di sviluppo orientate ad acquisire nuova clientela con l obiettivo di aumentare la diversificazione e frazionare il rischio di natura creditizia. L esposizione al rischio di concentrazione è tenuta sotto controllo e attenuata tramite: gli strumenti di controllo e attenuazione elencati per far fronte al rischio di credito; il deposito dei patrimoni presso primari istituti di credito, soggetti a vigilanza e controllo di stabilità, scelti sulla base della loro affidabilità, o presso organismi di compensazione e garanzia; un regolare monitoraggio volto a rilevare e gestire la presenza di grandi rischi, la presenza di gruppi di clienti connessi e l eventuale superamento dei limiti alla concentrazione concessi. L esposizione al rischio generico di concentrazione è controllata e attenuata: - per quanto riguarda la clientela, conducendo costantemente azioni di sviluppo orientate ad acquisire nuova clientela che consenta di ottenere una miglior distribuzione dei patrimoni e una Pagina 11 di 19

12 riduzione della concentrazione dei rischi; - per quanto riguarda le controparti depositarie e di mercato, scegliendole tra primari istituti di credito, soggetti a vigilanza e controllo di stabilità, operando la differenziazione e prestando la massima attenzione alla reputazione e al costante monitoraggio dell operatività e dell affidabilità delle stesse. Rischio di mercato La società, come già illustrato in precedenza, non è autorizzata al servizio di negoziazione per conto proprio, svolge i servizi di investimento unicamente per conto terzi e pertanto non presenta alcuna esposizione ai rischi di mercato in relazione al portafoglio di negoziazione di vigilanza. In relazione al portafoglio immobilizzato la società l esposizione al rischio è tenuta sotto controllo e attenuata tramite; la politica di gestione del capitale proprio adottata dalla società, che prevede che il patrimonio di proprietà sia esclusivamente mantenuto in deposito su conto corrente o investito in titoli rappresentativi del debito pubblico italiano a breve termine; l esecuzione delle operazioni di investimento con la finalità di detenere gli strumenti finanziari sino a scadenza, salvo esigenze di liquidità. La società inoltre è orientata ad attenuare l esposizione al rischio di mercato non effettuando: - operatività in strumenti finanziari derivati e, più in generale, in prodotti finanziari a rischio; - investimenti in divise diverse dall Euro né in oro; - operazioni in merci né in strumenti finanziari derivati su merci. Rischio operativo Il principale sistema di controllo e attenuazione del rischio operativo è costituito dall impostazione della struttura organizzativa, dei limiti, delle deleghe e dall insieme di procedure, regole e processi adottati dalla società, così come descritti nella parte iniziale del presente paragrafo; in relazione ai sistemi informativi, la società ha adottato diversi strumenti e sistemi di protezione specifici. È prevista inoltre una copertura assicurativa per alcune tipologie di rischio. La società, al fine di effettuare un costante monitoraggio dei rischi operativi, degli errori e delle disfunzioni e delle perdite significative ha implementato un rigoroso sistema di rilevazione e registrazione degli errori, come sopra illustrato. Per quanto riguarda i rischi legali, in aggiunta agli strumenti di controllo e attenuazione descritti in questa sezione, sono ricomprese anche le misure adottate per la gestione del rischio di reputazione. Rischio di riciclaggio e finanziamento al terrorismo La società ha implementato procedure e presidi specifici per la prevenzione e l attenuazione del rischio di riciclaggio e finanziamento al terrorismo e per dare corretta attuazione agli obblighi di: adeguata verifica della clientela, monitoraggio della validità dei documenti, attribuzione e monitoraggio del profilo di rischio e monitoraggio dell operatività; registrazione dei rapporti, legami e operazioni; conservazione dei dati e delle documentazioni; elaborazione e trasmissione delle segnalazioni periodiche dei dati aggregati; individuazione e segnalazione delle operazioni sospette. Il rischio è inoltre attenuato tramite: il mantenimento di un rapporto diretto e personale con i clienti, anche se acquisiti tramite promotori finanziari, con l obiettivo di Pagina 12 di 19

13 acquisire una conoscenza approfondita del clienti stessi, della provenienza dei fondi conferiti e della finalità delle operazioni disposte; l utilizzo di una piattaforma software che gestisce in modo integrato l Archivio Unico Informatico, alimentato tramite automatismi di aggiornamento, e che consente di elaborare automaticamente le segnalazioni periodiche dei dati aggregati e disporre agevolmente delle informazioni rilevanti ai fini del monitoraggio del rischio. La società ha istituito la funzione Antiriciclaggio specificamente deputata a prevenire e contrastare la realizzazione di operazioni di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo e sovrintendere al sistema di gestione del relativo rischio. Rischio strategico L esposizione al rischio strategico è tenuta sotto controllo e attenuata tramite: l utilizzo di strumenti di pianificazione e controllo della gestione aziendale; la costante e attenta valutazione del contesto operativo e competitivo in cui la società svolge la propria attività e dei mutamenti delle condizioni di mercato; il controllo costante delle decisioni aziendali e dell andamento della gestione con il raffronto tra i dati previsionali e i dati di consuntivo, l individuazione delle cause degli scostamenti significativi e l adozione degli eventuali provvedimenti necessari; il monitoraggio nel tempo della misura e della stabilità dei flussi reddituali; l effettuazione di analisi di sensibilità per valutare gli effetti sul rischio strategico di eventi negativi; l adozione di uno stile di gestione dei patrimoni ispirato alla prudenza, che prevede tra l altro l assenza di linee di gestione speculative, l adozione di una leva finanziaria pari a 1 su tutte le linee di gestione, l assenza di vendite allo scoperto e una scarsa operatività in strumenti finanziari derivati per finalità diverse dalla copertura; il costante monitoraggio dell andamento delle quotazioni degli strumenti finanziari presenti nei portafogli in gestione, della valutazione del merito creditizio e della situazione economicopatrimoniale delle società emittenti; il costante monitoraggio della coerenza fra le performance delle linee di gestione ed i rispettivi benchmark e dell operatività in strumenti finanziari derivati, che permette tempestivi interventi correttivi ad eventuali decisioni errate in materia di strategie generali di investimento e di asset allocation. Inoltre, le ridotte dimensioni dell azienda consentono di realizzare una costante politica di razionalizzazione dei costi e di reagire con maggior efficienza e tempestività a cambiamenti del contesto operativo e competitivo. Pagina 13 di 19

14 Rischio di reputazione Rischio di liquidità I sistemi di controllo e attenuazione adottati per far fronte al rischio di reputazione consistono: nella scelta dei promotori finanziari sulla base di attenta verifica della loro serietà e professionalità; nell adozione di prassi e regole che consentano di minimizzare i rischi legati all attività dei promotori finanziari, che prevedono, tra l altro che tutta la documentazione sia conservata presso gli uffici aziendali e che i promotori svolgano prevalentemente la propria attività in sede; nel divieto per i promotori finanziari di prestare il servizio di consulenza in materia di investimenti; nell adozione di uno stile di gestione dei patrimoni ispirato alla prudenza, che prevede tra l altro l utilizzo di una leva finanziaria pari a 1 su tutte le linee di gestione, l assenza di vendite allo scoperto e una scarsa operatività in strumenti finanziari derivati per finalità diverse dalla copertura; nell adozione di strumenti di pianificazione e di controllo della stabilità aziendale; nell attuazione di un efficace politica di gestione dei conflitti di interesse, nella trasparenza informativa nei confronti della clientela e nel costante monitoraggio delle misure adottate, con l informativa periodica al Consiglio di Amministrazione e la revisione delle procedure con frequenza predeterminata; nell adozione di un sistema di divieti specifici per l assunzione di incarichi nelle società emittenti, di percezione di remunerazioni e incentivi collegate agli emittenti o agli strumenti finanziari e di effettuazione di operazioni personali in relazione alla prestazione dei servizi di gestione, consulenza e ricerca in materia di investimenti; nel costante monitoraggio della coerenza delle performance delle linee di gestione e dei relativi benchmark e dell operatività in strumenti finanziari derivati; nel costante monitoraggio dell andamento delle quotazioni degli strumenti finanziari presenti nei portafogli in gestione, della valutazione del merito creditizio e della situazione economicopatrimoniale delle società emittenti. Il rischio di liquidità è contenuto e attenuato grazie al fatto che: la presenza di liquidità è assicurata dal flusso delle commissioni attive addebitate con periodicità fissa direttamente sui conti della clientela; la politica di gestione del capitale proprio adottata dalla società prevede che la società disponga costantemente di liquidità di brevissimo termine e di qualità elevata, depositata su conto corrente o investita in titoli rappresentativi del debito pubblico italiano a breve termine, facilmente smobilizzabili, e che non siano effettuati investimenti in attività illiquide diverse da quelle funzionali all operatività ordinaria; la società dispone di un patrimonio che le consente di non ricorrere in via ordinaria a finanziamenti bancari e non dipendere quindi dalle condizioni, ed eventuali restrizioni, del credito; la società è in grado di implementare le procedure e i sistemi necessari per far fronte ai continui aggiornamenti della normativa utilizzando le proprie risorse umane senza far ricorso ad ulteriori risorse interne od esterne; la società ha adottato una rigorosa politica di controllo e razionalizzazione dei costi; il patrimonio della società è sufficiente per coprire le esigenze di cassa dovute all operatività ordinaria sui mercati gestiti da Borsa Italiana a cui la società aderisce, senza far ricorso in via ordinaria agli affidamenti concessi dalla banca liquidatrice; alla clientela è Pagina 14 di 19

15 in ogni caso consentito operare soltanto previa disponibilità di liquidità e/o strumenti finanziari; la società ha implementato un processo di gestione della liquidità che consente di tenere sotto controllo gli afflussi e i deflussi periodici di liquidità al fine di rilevare tempestivamente la presenza di eventuali disavanzi superiori alla soglia di tolleranza predefinita e adottare le eventuali misure che si rendano opportune. Rischio di tasso di interesse derivante da attività diverse dalla negoziazione L esposizione al rischio: di riduzione aumento dei tassi di interesse è attenuato dalla politica di gestione del capitale proprio adottata dalla società, che prevede che il patrimonio sia depositato su conto corrente o sia investito in titoli rappresentativi del debito pubblico italiano a breve termine, generalmente poco volatili; di aumento dei tassi di interesse (rischio che attualmente è considerato irrilevante) è attenuato dal fatto che la società dispone di un patrimonio che le consente di non ricorrere in via ordinaria a finanziamenti bancari e non dipendere quindi dalle condizioni ed eventuali restrizioni del credito. Tavola 2 Ambito di applicazione Denominazione dell intermediario cui si applicano gli obblighi di informativa: Imprese controllate: Cellino e Associati SIM S.p.A. Al 31 dicembre 2011 non esistevano imprese controllate. Tavola 3 Composizione del patrimonio di vigilanza INFORMATIVA QUALITATIVA Il patrimonio di vigilanza rappresenta il primo presidio di cui la società dispone per fronteggiare l esposizione ai rischi e gli sviluppi operativi; in ottemperanza alle disposizioni normative vigenti e in considerazione delle proprie caratteristiche operative, la società è tenuta a disporre di un patrimonio di vigilanza, determinato come illustrato più avanti, che sia: - almeno pari al capitale minimo richiesto di 1 milione di Euro; - uguale o superiore al maggiore importo tra: o la somma delle coperture patrimoniali richieste per il rispetto dei requisiti minimi patrimoniali a fronte del rischio di cambio, rischio di credito e rischio di controparte; o la copertura patrimoniale richiesta per il rispetto del coefficiente altri rischi. L ammontare del patrimonio, rettificato applicando le regole specificamente previste ed illustrate più avanti nella presente sezione, deve inoltre essere sufficiente per rispettare la copertura patrimoniale richiesta a fronte del rischio di credito. Il patrimonio di vigilanza è calcolato come somma algebrica di una serie di elementi positivi e negativi ed è costituito dal patrimonio di base, dal patrimonio supplementare di secondo e terzo livello e dagli elementi da dedurre. Ad alcuni elementi sono applicati dei filtri prudenziali, cioè correzioni e limiti al loro utilizzo allo scopo di salvaguardare la qualità del patrimonio di vigilanza e di ridurne la potenziale volatilità indotta dall applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS. Al riguardo, si precisa che la società applica Pagina 15 di 19

16 l approccio asimmetrico previsto dalle vigenti disposizioni di vigilanza per il trattamento delle riserve di valutazione relative ai titoli di debito detenuti nel portafoglio Attività finanziarie disponibili per la vendita. Il patrimonio di vigilanza della società al 31 dicembre 2011, determinato in conformità alle disposizioni normative vigenti, è costituito da: - patrimonio di base, calcolato sommando gli elementi positivi, rappresentati dal capitale sociale e dalle riserve, e gli elementi negativi, rappresentati da attività immateriali costituite da licenze d uso software al netto dell ammortamento; - filtri prudenziali del patrimonio di base, rappresentati dalle riserve da valutazione negative; - elementi da dedurre dal patrimonio di base e supplementare, rappresentati dalle attività materiali al netto dell ammortamento. INFORMATIVA QUANTITATIVA COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA Voce Elementi positivi Capitale Riserve Elementi negativi Attività immateriali (9.573) Filtri prudenziali negativi Riserve negative da valutazione su attività disponibili per la vendita (664) PATRIMONIO DI BASE Patrimonio supplementare di secondo livello - Patrimonio supplementare di terzo livello - Elementi da dedurre Attività materiali (28.619) PATRIMONIO RETTIFICATO DI SECONDO LIVELLO PATRIMONIO DI VIGILANZA Poiché non sono iscritti strumenti da computare nel patrimonio supplementare di terzo livello, l ammontare del patrimonio di vigilanza corrisponde all ammontare del patrimonio rettificato di secondo livello. Tavola 4 Adeguatezza patrimoniale INFORMATIVA QUALITATIVA L adeguatezza patrimoniale esprime la capacità del patrimonio della società di fronteggiare, in termini attuali e prospettici, le perdite inattese insite nello svolgimento dell attività aziendale ed è valutata in termini di: - disponibilità, nel tempo, di un patrimonio di vigilanza sufficiente a garantire il capitale minimo richiesto e la copertura dei requisiti minimi patrimoniali necessari per fronteggiare i rischi di cui al Primo Pilastro; Pagina 16 di 19

17 - adeguatezza del capitale complessivo a fronte di tutti i rischi e delle eventuali esigenze strategiche aziendali. Il grado di adeguatezza patrimoniale della società è misurato e costantemente monitorato in termini di: - capitale minimo, così come definito dal Regolamento Banca d Italia del 29 ottobre 2007 in materia di capitale minimo e operatività all estero delle SIM e modalità di deposito e sub-deposito delle disponibilità liquide e degli strumenti finanziari della clientela; - patrimonio di vigilanza e adeguatezza alla copertura dei requisiti minimi patrimoniali necessari per fronteggiare i rischi, così come definiti dal Regolamento Prudenziale; - capitale interno complessivo, determinato tramite il processo ICAAP, necessario a fronteggiare, in termini attuali e prospettici, tutti i rischi rilevanti cui la società è o potrebbe essere esposta e a supportare le operazioni di carattere strategico. La società, tenendo conto della complessità organizzativa e del tipo di operatività aziendale, in ossequio al principio di proporzionalità e nel rispetto delle disposizioni normative, utilizza le metodologie di calcolo dei requisiti patrimoniali previste dal Regolamento Prudenziale per la misurazione e la valutazione dei rischi e la determinazione del capitale interno necessario a far fronte a tali rischi; in particolare: - la copertura patrimoniale per il rischio di credito è calcolata applicando la metodologia standardizzata semplificata ; - la copertura patrimoniale per il rischio operativo è calcolata applicando il metodo base, nella misura del 15% della media del margine di intermediazione risultante dagli ultimi tre bilanci d esercizio; - la copertura patrimoniale a fronte degli altri rischi è calcolata nella misura del 25% dei costi operativi fissi così come risultanti dall ultimo bilancio d esercizio. Il patrimonio di vigilanza di cui dispone la società al 31 dicembre 2011 è sufficiente per rispettare i requisiti patrimoniali minimi, sia in termini di capitale minimo sia in termini di coperture patrimoniali per fronteggiare i rischi. La società, inoltre, ritiene che il patrimonio di vigilanza sia sufficiente, in termini attuali e prospettici, per assicurare la copertura del capitale interno richiesto sia a fronte dei rischi rilevanti individuati sia a fronte delle operazioni di carattere strategico e che non siano pertanto necessari interventi straordinari sul piano patrimoniale e organizzativo in considerazione della prevedibile evoluzione dei rischi e dell operatività. INFORMATIVA QUANTITATIVA La presente tabella riporta, per ciascuna tipologia di rischio individuata, il requisito patrimoniale minimo calcolato. Allo scopo di agevolare il raffronto con il patrimonio di cui dispone la società, la tabella riporta altresì i dati relativi al patrimonio di vigilanza e al patrimonio rettificato di secondo livello, già illustrati nella precedente Tavola. Il requisito patrimoniale a fronte del rischio di credito fa riferimento ad attività ricomprese nel portafoglio immobilizzato. Il requisito patrimoniale per il rischio operativo è stato indicato separatamente rispetto ai requisiti patrimoniali relativi agli altri rischi e non è stato considerato nel totale dei requisiti patrimoniali complessivi richiesti dalla normativa prudenziale in quanto, coerentemente con le specificità dell attività svolta e in ottemperanza alle disposizioni contenute nel Regolamento Prudenziale, la società determina ai fini del raffronto con il patrimonio di vigilanza il requisito patrimoniale a fronte degli altri rischi, in alternativa a quello per il rischio operativo. Nella tabella non sono riportati: - il requisito patrimoniale minimo richiesto a fronte del rischio di cambio e del rischio di controparte in quanto risultanti con valore nullo; - il requisito patrimoniale minimo richiesto a fronte del rischio posizione su strumenti finanziari e sulle posizioni in merci, di regolamento e di concentrazione in quanto tali coperture patrimoniali non sono richieste per la categoria di SIM a cui appartiene la società. Pagina 17 di 19

18 REQUISITI PATRIMONIALI MINIMI A FRONTE DEI RISCHI Tipologia di rischio Requisito patrimoniale per rischio di credito Requisito patrimoniale per altri rischi Requisiti patrimoniali complessivi richiesti dalla normativa prudenziale Requisito patrimoniale per rischio operativo PATRIMONIO RETTIFICATO DI SECONDO LIVELLO PATRIMONIO DI VIGILANZA Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali INFORMATIVA QUALITATIVA Nel rinviare alla precedente Tavola 1 per un informativa completa sul rischio di credito, si precisa che alla data del 31 dicembre 2011 non erano presenti crediti scaduti o deteriorati, così come definiti dal Regolamento Prudenziale e dalla vigente normativa in materia di redazione del bilancio e di segnalazioni di vigilanza. INFORMATIVA QUANTITATIVA La presente tabella riporta le esposizioni creditizie lorde totali della società così come risultanti dal progetto di bilancio d esercizio alla data del 31 dicembre 2011, raggruppate per tipologia di esposizione e con l indicazione per ciascuna di esse sia del valore non ponderato sia del valore ponderato. Si precisa che: - ai fini della determinazione del requisito patrimoniale a fronte del rischio di credito, le attività di rischio sono valutate utilizzando la metodologia standardizzata semplificata e applicando i fattori di ponderazione previsti dal Regolamento Prudenziale per ciascuna tipologia di esposizione; - nella voce Esposizioni verso amministrazioni centrali e le banche centrali dei Paesi UE sono comprese le posizioni in strumenti finanziari che fanno parte del portafoglio immobilizzato ; - nella voce Esposizioni verso intermediari vigilati sono compresi esclusivamente crediti di durata residua inferiore a tre mesi, tra cui la liquidità depositata sul conto corrente. ESPOSIZIONI CREDITIZIE AL Tipologia di esposizione Fattore di ponderazione Valore non ponderato Valore ponderato Esposizioni verso amministrazioni centrali e banche centrali dei Paesi UE 0% Esposizioni verso Cassa di Compensazione e Garanzia 0% Esposizioni verso intermediari vigilati 20% Esposizioni al dettaglio (retail) 75% TOTALE ESPOSIZIONI Il Regolamento Prudenziale prevede regole specifiche per l individuazione delle voci bilancio su cui calcolare la copertura patrimoniale richiesta a fronte del rischio di credito: in linea generale, tutti i crediti e le attività non dedotte dal patrimonio di vigilanza devono essere considerati ai fini del calcolo della copertura per il Pagina 18 di 19

19 rischio di credito che è determinata applicando sul valore ponderato complessivo delle esposizioni creditizie un coefficiente pari all 8%. Tavola 6 Tecniche di attenuazione del rischio La tavola non è compilata perché la società non effettua compensazioni in bilancio e fuori bilancio e non ha ricevuto né concesso garanzie reali. Tavola 7 Rischio di controparte La tavola non è compilata perché la società non effettua con il proprio patrimonio né operazioni aventi ad oggetto strumenti finanziari derivati negoziati Over the Counter (OTC) né operazioni Securities Financing Transactions (SFT, operazioni di vendita con patto di riacquisto, operazioni di assunzione e concessione di titoli o merci in prestito, operazioni di rimarginazione basate su titoli o merci, operazioni con regolamento a lungo termine). Tavola 8 Rischi di mercato La tavola non è compilata perché la società non utilizza il metodo dei modelli interni per il rischio di posizione, per il rischio di cambio e per il rischio di posizioni in merci (IMA). Tavola 9 Rischio operativo Al fine di verificare l adeguatezza del proprio capitale interno, attuale e prospettico, necessario a fronteggiare il rischio operativo a cui è o potrebbe essere esposta, la società utilizza la metodologia di calcolo del requisito patrimoniale regolamentare, come già illustrato nella precedente Tavola 4, a cui si rinvia. Tavola 10 Operazioni di cartolarizzazione La tavola non è compilata perché la società non effettua attività di cartolarizzazione. Pagina 19 di 19

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015 CONDIZIONI GENERALI CHE REGOLANO IL CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI PER CONTO DEI CLIENTI

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli