LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA"

Transcript

1 LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA Art. 1, commi , Legge 24 dicembre 2012, n. 228 (recepimento direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010) 1

2 LA NUOVA FATTURA La fattura elettronica : nozione (art. 21, comma 1, DPR 633/72) - Per fattura elettronica si intende la fattura che è stata emessa e ricevuta in qualunque formato elettronico - Il ricorso alla fattura elettronica è subordinato all accettazione da parte del destinatario 2

3 LA NUOVA FATTURA La fattura: requisiti di genuinità (art. 21, comma 3, DPR 633/72) Il soggetto passivo assicura l autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fattura (cartacea o elettronica) dal momento dell emissione al termine del periodo di conservazione. Art. 233 direttiva Ogni soggetto passivo stabilisce il modo in cui assicurare l autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fattura. Ciò può essere realizzato attraverso controlli di gestione che creino una pista di controllo affidabile tra una fattura e una cessione di beni o una prestazione di servizi, oppure con la firma elettronica avanzata, oppure mediante sistemi di trasmissione EDI. - Autenticità dell origine : implica la comprovazione dell identità del fornitore, del prestatore o dell emittente della fattura - Integrità del contenuto : implica che il contenuto richiesto in conformità con la direttiva non è stato alterato. 3

4 LA NUOVA FATTURA La fattura: requisiti di genuinità (art. 21, comma 3, DPR 633/72) Autenticità e integrità possono essere garantite mediante: - sistemi di controllo di gestione che assicurino un collegamento affidabile tra la fattura e la sottostante operazione - apposizione della firma elettronica qualificata o digitale dell emittente - sistemi di trasmissione elettronica dei dati (EDI) o altre tecnologie idonee 4

5 LA NUOVA FATTURA La fattura: requisiti di genuinità (art. 21, comma 3, DPR 633/72) Dai lavori del forum fatturazione elettronica Il sistema di controllo di gestione è un processo con il quale un soggetto passivo: crea, attua e aggiorna la garanzia riguardo l identità del fornitore/prestatore di beni/servizi o dell emittente della fattura (autenticità dell origine); controlla che il contenuto della fattura non sia stato alterato (integrità del contenuto); assicura la leggibilità della fattura dal momento dell emissione fino al termine del periodo di conservazione. In ambito contabile, un corretto sistema di controllo di gestione struttura un percorso che fornisce, passo per passo, la storia documentata di una operazione dal suo inizio, rappresentato dal documento originario (ad esempio un ordine d acquisto), fino al suo completamento (che può essere ad esempio la registrazione finale nei conti annuali), permettendo così di creare un collegamento logico tra i vari documenti di un processo. I componenti di tale percorso comprendono: - i documenti originali e la loro fonte, - la lista delle operazioni eseguite, -gli identificativi delle varie operazioni, in modo che si possa identificare la fonte di una operazione e, quindi, collegare i documenti alle operazioni che li hanno interessati e viceversa le operazioni ai documenti che sono stati interessati dall operazione stessa. In definitiva, il sistema di controllo di gestione deve permettere di verificare, ad esempio, che l ordine di acquisto corrisponda a quanto inviato dal fornitore e a quanto effettivamente consegnato, che la fattura sia corretta e che il pagamento sia stato effettuato e sia corrispondente alla fattura stessa, seguendo passo per passo la storia documentata di una operazione dal suo inizio fino al suo completamento. I sistemi di controllo di gestione devono essere adeguati alle dimensioni, all'attività e al tipo di soggetto passivo e devono tenere conto del numero e del valore delle operazioni e del numero e del tipo di fornitori/prestatori e di acquirenti/destinatari. 5

6 LA NUOVA FATTURA La fattura: conservazione (art. 39, terzo comma, DPR 633/72) - Le fatture elettroniche sono conservate in modalità elettronica, in conformità alle disposizioni del Dm emanato ai sensi dell art. 21, comma 5, D.Lgs n. 82/ Le fatture create in formato elettronico e quelle cartacee possono essere conservate elettronicamente. Dai lavori del forum fatturazione elettronica - Le fatture create tramite software e successivamente inviate e ricevute in formato cartaceo non sono fatture elettroniche - Le fatture create in formato cartaceo, poi digitalizzate (con firma sicura) e inviate e ricevute per posta elettronica possono essere considerate fatture elettroniche. - La stampa e la conservazione analogica del documento ricevuto elettronicamente rappresenterebbe un comportamento concludente per esprimere l intenzione del destinatario di non accettare la fattura come elettronica. 6

7 LA NUOVA FATTURA La fattura: conservazione (art. 39, terzo comma, DPR 633/72) - Il luogo di conservazione elettronica delle fatture, nonché dei registri e altri documenti previsti dal DPR 633/72 e da altre disposizioni, può essere situato in un altro Stato, a determinate condizioni. Resta ferma l osservanza delle disposizioni in materia di tenuta e conservazione previste dalla normativa italiana. Art. 249 direttiva A fini di controllo, qualora un soggetto passivo archivi, tramite un mezzo elettronico che garantisca un accesso in linea ai dati, le fatture da esso emesse o ricevute, le autorità competenti dello Stato membro in cui è stabilito e, nel caso in cui l'iva sia dovuta in un altro Stato membro, le autorità competenti di detto Stato membro hanno il diritto di accedere a tali fatture per via elettronica, di scaricarle e di utilizzarle. 7

8 LA NUOVA FATTURA Nozione di emissione (art. 21, comma 1, DPR 633/72) La fattura, cartacea o elettronica, si ha per emessa all atto della sua - consegna, oppure - spedizione, oppure - trasmissione, oppure - messa a disposizione del cessionario o committente. La fattura cartacea è compilata in duplice esemplare di cui uno è consegnato o spedito all altra parte (comma 4). Modalità di emissione: anche mediante gli apparecchi misuratori fiscali (art. 1, legge n. 18/1983, come integrato dalla L. 228/2012). 8

9 Quadro normativo LA FATTURA ELETTRONICA ALLE PP.AA. Art. 1, commi , legge n. 244/2007 Emissione, trasmissione, conservazione e archiviazione delle fatture emesse nei rapporti con le aa.pp. di cui all art. 1, comma 2, della legge 196/2009, nonché con le amministrazioni autonome, esclusivamente in forma elettronica, con l osservanza del dlgs n. 52/2004 (norme in materia di fatturazione Iva) e del dlgs n. 82/2005 (codice dell amministrazione digitale). Decorrenza: dalla data di entrata in vigore del decreto ministeriale attuativo. Dm 7/3/2008 Individuazione dell Agenzia delle Entrate quale gestore del sistema di interscambio per la trasmissione e della SOGEI quale partner tecnico-strumentale. Dm 3/4/2013, n. 55 Regolamento attuativo. 9

10 LA FATTURA ELETTRONICA ALLE PP.AA. Regolamento attuativo (decreto n. 55/2013) La fattura elettronica p.a. contiene i dati e le informazioni di cui all allegato A al regolamento File formato XML (extensible Markup Language) senza macroistruzioni o codici eseguibili tali da attivare funzionalità che possano modificare i dati. Dati della fattura: a) dati fiscali b) informazioni indispensabili per la corretta trasmissione c) informazioni utili per la completa dematerializzazione del processo di ciclo passivo attraverso l integrazione del documento con i sistemi gestionali o di pagamento (ordine acquisto, contratto, ricezione, fatture collegate, cassa previdenziale) d) eventuali altre informazioni utili per esigenze informative concordate tra le parti 10

11 LA FATTURA ELETTRONICA ALLE PP.AA. Regolamento attuativo (decreto n. 55/2013) La fattura elettronica p.a. - Si considera trasmessa e ricevuta solo a fronte del rilascio della ricevuta di consegna - Modalità di trasmissione: a) Sistema PEC o analogo sistema basato su tecnologie che certifichino data e ora dell invio e della ricezione, nonché integrità del contenuto delle fatture b) Sistema di cooperazione applicativa su rete internet attraverso protocollo HTTPS c) Sistema di cooperazione applicativa tramite porte di dominio su rete SPC (sistema pubblico connettività) d) Sistema di trasmissione dati tra terminali remoti basato su protocollo FTP all interno di circuiti chiusi e garantiti e) Sistema di trasmissione telematica su rete Internet attraverso protocollo HTTPS per i soggetti accreditati - Procedura per l accreditamento del soggetto trasmittente presso il SIS: punto 4.2 dell allegato B al regolamento. E possibile avvalersi di intermediari. - Il Ministero dell economia rende disponibili in via non onerosa alle piccole e medie imprese i servizi e gli strumenti informatici di supporto per la generazione delle fatture e per la comunicazione al SIS - L Agenzia per l Italia digitale mette a disposizione delle piccole e medie imprese in via non onerosa il supporto per lo sviluppo di strumenti informatici open source per la fatturazione elettronica 11

12 LA FATTURA ELETTRONICA ALLE PP.AA. La fattura elettronica p.a. : decorrenza (art. 6 dm 55/2013) Dal 6 dicembre 2013 Il sistema di interscambio è disponibile per le amministrazioni che, volontariamente e sulla base di accordi con tutti i fornitori, intendano avvalersi della fatturazione elettronica. Dal 6 giugno 2014 Scatta l obbligo nei confronti di: - Ministeri - Agenzie fiscali -Enti nazionali previdenza e assistenza individuati nell elenco Istat (*) Cassa di previdenza e assistenza per gli ingegneri ed architetti liberi professionisti - INARCASSA Cassa italiana di previdenza e assistenza dei geometri liberi professionisti Cassa nazionale del notariato Cassa nazionale di previdenza e assistenza dei dottori commercialisti CNPADC Cassa nazionale di previdenza e assistenza dei ragionieri e periti commerciali CNPR Cassa nazionale di previdenza e assistenza forense Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati EPPI Ente di previdenza e assistenza pluricategoriale EPAP Ente nazionale di previdenza e assistenza a favore dei biologi ENPAB Ente nazionale di previdenza e assistenza degli psicologi ENPAP Ente nazionale di previdenza e assistenza dei farmacisti ENPAF Ente nazionale di previdenza e assistenza dei veterinari ENPAV Ente nazionale di previdenza e assistenza della professione infermieristica ENPAPI Ente nazionale di previdenza e assistenza lavoratori dello spettacolo e dello sport professionistico ENPALS Ente nazionale di previdenza e assistenza per i consulenti del lavoro ENPACL Ente nazionale di previdenza per gli addetti e gli impiegati in agricoltura ENPAIA Ente nazionale previdenza e assistenza dei medici e degli odontoiatri ENPAM Fondazione ENASARCO Fondo Agenti Spedizionieri e Corrieri FASC Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani G. Amendola INPGI Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica INPDAP Istituto nazionale infortuni sul lavoro INAIL Istituto nazionale previdenza sociale INPS Opera nazionale per l'assistenza agli orfani dei sanitari italiani ONAOSI (*) Elenco delle amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico consolidato individuate ai sensi dell art. 1 della legge n. 196/2009 (si veda la GU n. 228 del 30/9/2011) 12

13 LA FATTURA ELETTRONICA ALLE PP.AA. La fattura elettronica p.a. : decorrenza (art. 6 dm 55/2013) Dal 6 giugno 2015 Scatta l obbligo per le altre amministrazioni, eccettuate le amministrazioni locali per le quali si provvederà con successivo decreto. - A decorrere dalle suddette date, le aa.pp. non possono accettare fatture che non siano trasmesse in formato elettronico tramite il SIS. Trascorsi tre mesi da tali date, esse non possono effettuare alcun pagamento, neppure parziale, fino all invio delle fatture elettroniche. Casi particolari Con successivo decreto saranno stabilite le modalità di applicazione alle fatture emesse da soggetti esteri, nonché a quelle, già trasmesse per via telematica, relative ai servizi di pagamento delle entrate e di trasmissione delle dichiarazioni (al momento, escluse dal regolamento). 13

14 LA FATTURA ELETTRONICA ALLE PP.AA. Scenario internazionale Proposta di direttiva della Commissione Ue COM (2013) 449 del 26 aprile 2013 Definizione di una norma europea per il modello semantico dei dati (*) delle fatture elettroniche emesse nel quadro degli appalti pubblici. Obbligo per gli Stati membri di garantire che le amministrazioni pubbliche non rifiutino le fatture elettroniche conformi alla norma europea. (*) Per modello semantico dei dati si intende una serie strutturata e logicamente correlata di termini e significati che specificano il contenuto scambiato nelle fatture elettroniche. 14

15 LA NUOVA FATTURA Contenuto della fattura (art. 21, comma 2, DPR 633/72) a) data di emissione; b) numero progressivo che la identifichi in modo univoco (cfr. ris. AE n. 1/2013); c) ditta, denominazione o ragione sociale, nome e cognome, residenza o domicilio del soggetto cedente o prestatore, del rappresentante fiscale nonché ubicazione della stabile organizzazione per i soggetti non residenti; d) numero di partita IVA del soggetto cedente o prestatore; e) ditta, denominazione o ragione sociale, nome e cognome, residenza o domicilio del soggetto cessionario o committente, del rappresentante fiscale nonché ubicazione della stabile organizzazione per i soggetti non residenti; f) numero di partita IVA del soggetto cessionario o committente ovvero, in caso di soggetto passivo stabilito in un altro Stato membro dell Unione europea, numero di identificazione IVA attribuito dallo Stato membro di stabilimento; nel caso in cui il cessionario o committente residente o domiciliato nel territorio dello Stato non agisce nell esercizio d impresa, arte o professione, codice fiscale; 15

16 LA NUOVA FATTURA Contenuto della fattura (art. 21, comma 2, DPR 633/72) g) natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell operazione; h) corrispettivi ed altri dati necessari per la determinazione della base imponibile, compresi quelli relativi ai beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono di cui all art. 15, primo comma, n. 2; i) corrispettivi relativi agli altri beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono; l) aliquota, ammontare dell imposta e dell imponibile con arrotondamento al centesimo di euro; m) data della prima immatricolazione o iscrizione in pubblici registri e numero dei chilometri percorsi, delle ore navigate o delle ore volate, se trattasi di cessione intracomunitaria di mezzi di trasporto nuovi, di cui all articolo 38, comma 4, del dl n. 331/93; n) annotazione che la stessa è emessa, per conto del cedente o prestatore, dal cessionario o committente ovvero da un terzo. 16

17 LA NUOVA FATTURA La fattura semplificata: ambito di impiego (art. 21-bis, DPR 633/72) La fattura di ammontare complessivo non superiore a cento euro, nonché la fattura rettificativa di cui all art. 26 (note di variazione), può essere emessa in modalità semplificata. Non è consentito emettere la fattura semplificata per le seguenti operazioni: a) cessioni intracomunitarie di cui all articolo 41 del DL n. 331/91; b) operazioni di cui all articolo 21, comma 6-bis, DPR 633/72, lett. a) 17

18 LA NUOVA FATTURA La fattura semplificata: contenuto (art. 21-bis, DPR 633/72) La fattura semplificata deve contenere almeno le seguenti indicazioni: a) data di emissione; b) numero progressivo che la identifichi in modo univoco; c) ditta, denominazione o ragione sociale, nome e cognome, residenza o domicilio del soggetto cedente o prestatore, del rappresentante fiscale nonché ubicazione della stabile organizzazione per i soggetti non residenti; d) numero di partita IVA del soggetto cedente o prestatore; e) ditta, denominazione o ragione sociale, nome e cognome, residenza o domicilio del soggetto cessionario o committente, del rappresentante fiscale nonché ubicazione della stabile organizzazione per i soggetti non residenti; in alternativa, in caso di soggetto stabilito nel territorio dello Stato può essere indicato il codice fiscale o il numero di partita IVA, ovvero, in caso di soggetto passivo stabilito in un altro Stato membro dell Unione europea, numero di identificazione IVA attribuito dallo Stato membro di stabilimento; f) descrizione dei beni ceduti e dei servizi resi; g) ammontare del corrispettivo complessivo e dell imposta incorporata, ovvero dei dati che permettono di calcolarla; h) per le fatture emesse ai sensi dell articolo 26, il riferimento alla fattura rettificata e le indicazioni specifiche che vengono modificate. 18

19 Termini di emissione e di registrazione delle fatture Tipologia fattura Termine di emissione Termine di registrazione Fattura ordinaria Fattura differita delle cessioni di beni risultanti da documento di trasporto e simili Fattura differita delle prestazioni di servizi individuabili attraverso idonea documentazione Fattura relativa alle prestazioni di servizi generiche rese a soggetti passivi di altri paesi Ue o extraue Autofattura relativa alle prestazioni di servizi generiche ricevute da fornitori extraue Fattura super-differita delle cessioni in triangolazione Autofattura relativa agli acquisti di beni e servizi presso fornitori extraue, eccettuate le prestazioni generiche Momento di effettuazione dell operazione Entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell operazione Entro il mese successivo a quello di consegna o spedizione dei beni Momento di effettuazione dell operazione Entro 15 giorni dall emissione, con riferimento alla data di emissione Entro il termine di emissione, con riferimento al mese di effettuazione dell operazione Entro 15 giorni dall emissione, con riferimento alla data di emissione Entro 15 giorni dall emissione, con riferimento alla data di emissione Fattura relativa alle cessioni intracomunitarie Entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell operazione Entro il termine di emissione, con riferimento al mese di effettuazione 19 dell operazione

20 LA NUOVA FATTURA Termini di emissione (Art. 21, comma 4, DPR 633/72) Fattura immediata Di regola, la fattura deve essere emessa al momento di effettuazione dell operazione. Obbligo di registrazione entro quindici giorni, con riferimento alla data di emissione (art. 23, DPR 633/72). 20

21 LA NUOVA FATTURA Termini di emissione (Art. 21, comma 4, lett. a, DPR 633/72) Fattura differita - per le cessioni di beni la cui consegna risulti da documento di trasporto, ecc., nonché - per le prestazioni di servizi individuabili attraverso idonea documentazione, effettuate nello stesso mese solare nei confronti dello stesso soggetto, può essere emessa una sola fattura, recante il dettaglio delle operazioni, entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione. Obbligo di registrazione entro il termine di emissione, con riferimento al mese di effettuazione delle operazioni (art. 23, DPR 633/72). 21

22 LA NUOVA FATTURA Termini di emissione (Art. 21, comma 4, lett. b, DPR 633/72) Fattura super-differita Per le cessioni di beni consegnati direttamente al cessionario dal proprio fornitore, la fattura è emessa entro il mese successivo a quello della consegna o spedizione dei beni. Obbligo di registrazione entro il termine di emissione, con riferimento alla data di emissione (art. 23, DPR 633/72). 22

23 LA NUOVA FATTURA Termini di emissione (Art. 21, comma 4, lett. c-d, DPR 633/72) Prestazioni generiche scambiate con soggetti esteri - Per le prestazioni di servizi c.d. generiche rese a soggetti passivi Ue, la fattura è emessa entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell operazione. - Per le stesse prestazioni, rese a oppure ricevute da soggetti passivi extraue, la fattura (o autofattura) è emessa entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell operazione. Obbligo di registrazione entro il termine di emissione, con riferimento al mese di effettuazione delle operazioni (art. 23, DPR 633/72) 23

24 LA NUOVA FATTURA Termini di emissione (art. 46, comma 2, DL 331/93) Cessioni intracomunitarie - Per le cessioni intraue di cui all art. 41, DL 331/93, la fattura è emessa entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell operazione. Obbligo di registrazione entro il termine di emissione, con riferimento al mese di effettuazione dell operazione (art. 47, comma 4, DL 331/93) 24

25 LA NUOVA FATTURA Nazionalità della fattura (art. 219-bis, direttiva 2006/112/CE) 1. La fatturazione è soggetta alle norme dello SM in cui si considera effettuata l operazione 2. In deroga al punto 1, nei seguenti casi la fatturazione è soggetta alle norme dello SM del fornitore: - il fornitore non è stabilito nello SM in cui si considera effettuata l operazione e il debitore dell imposta è il destinatario (salvo che quest ultimo debba emettere autofattura) - l operazione non si considera effettuata nell Ue 25

26 Nazionalità della fattura: rappresentazione schematica LUOGO OPERAZIONE PAESE DI STABILIMENTO DEL FORNITORE DEBITORE DELL IMPOSTA LEGGE DELLA FATTURAZIONE ITALIA ITALIA ITALIA (regola) EXTRAUE ITALIA ITALIA (eccezione) FRANCIA ITALIA a) IL FORNITORE FRANCIA (regola) b) IL DESTINATARIO MEDIANTE INVERSIONE CONTABILE c) IL DESTINATARIO MEDIANTE AUTOFATTURA ITALIA (eccezione) FRANCIA (regola)

27 LA NUOVA FATTURA Estensione dell obbligo di fatturazione (art. 21, comma 6-bis, DPR 633/72) Operazioni non territoriali L emissione della fattura è obbligatoria anche per le seguenti operazioni non soggette ad Iva, se effettuate da soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato: a) cessioni di beni e prestazioni di servizi - eccettuate quelle di cui all articolo 10, nn. da 1) a 4) e 9) - effettuate nei confronti di un soggetto passivo che è debitore dell imposta in un altro Stato membro dell Ue, con l annotazione inversione contabile ; b) cessioni di beni e prestazioni di servizi che si considerano effettuate fuori dell Ue, con l annotazione operazione non soggetta. 27

28 LA NUOVA FATTURA Effetti dell estensione dell obbligo di fatturazione Le operazioni extraterritoriali assoggettate a fatturazione, nonché a registrazione e dichiarazione, concorreranno alla determinazione del volume d affari (cfr anche la modifica dell art. 20, DPR 633/72), con i conseguenti riflessi sull applicazione di numerose disposizioni (es. regimi agevolati collegati all entità del v.a., ambito della comunicazione delle operazioni con controparti stabilite in paesi black list, ecc.). Gli effetti sono sterilizzati ai fini della determinazione dello status di esportatore abituale. Sanzioni (art. 6, comma 2, D.Lgs. n. 471/97) Le sanzioni previste per le violazioni degli obblighi inerenti alla documentazione e alla registrazione di operazioni non imponibili o esenti si applicano anche in relazione alle operazioni non soggette ad Iva. 28

29 Inversione contabile: procedura (Art. 17, secondo comma) OPERAZIONI CON FORNITORI UE L operatore nazionale che riceve cessioni di beni o prestazioni di servizi da un soggetto passivo stabilito in un altro Stato membro dell Ue, adempie in tutti i casi agli obblighi di fatturazione e di registrazione secondo le disposizioni degli articoli 46 e 47 del dl 331/93, ossia integrando e registrando la fattura del fornitore. La procedura di emissione della fattura (autofattura) si rende quindi necessaria solo se il fornitore è extraue. 29

30 ADEMPIMENTI OPERAZIONI INTRAUE Effettuazione dell acquisto-cessione intraue (art. 39, DL 331/93) - Le cessioni e gli acquisti intraue si considerano effettuati all atto dell inizio del trasporto o della spedizione al cessionario o a terzi per suo conto, rispettivamente dal territorio dello Stato o dal territorio dello Stato membro di provenienza. - Se gli effetti traslativi o costitutivi si producono in un momento successivo, le operazioni si considerano effettuate in tale momento, e comunque dopo un anno dalla consegna. Lo stesso principio vale per i contratti estimatori e simili. Queste disposizioni si applicano a condizione che siano adempiuti gli obblighi di annotazione di cui all art. 50, DL 331/93) - Se viene emessa anticipatamente fattura, l operazione intraue si considera effettuata, per l importo fatturato, alla data della fattura. Non è più previsto analogo effetto per i pagamenti anticipati. - Le cessioni e i trasferimenti intraue di cui all art. 41, commi 1, lett. a) e comma 2, lett. b) e c), e gli acquisti intraue di cui all art. 38, commi 2 e 3, DL 331/93, se effettuati in modo continuativo per un periodo superiore ad un mese solare, si considerano effettuati alla fine di ciascun mese. 30

31 ADEMPIMENTI OPERAZIONI INTRAUE Movimenti non traslativi (art. 41, comma 3, dl 331/93) Tra le movimentazioni che non costituiscono cessione intraue sono incluse quelle relative ai beni oggetto di perizie. 31

32 ADEMPIMENTI OPERAZIONI INTRAUE Termini di fatturazione e registrazione (artt. 46 e 47, DL 331/93) Cessioni intraue - Le cessioni intracomunitarie devono essere fatturate entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione. - Le fatture relative alle cessioni intracomunitarie devono essere registrate nel termine di emissione, con riferimento al mese di effettuazione dell operazione. 32

33 ADEMPIMENTI OPERAZIONI INTRAUE Termini di fatturazione e registrazione (artt. 46 e 47, DL 331/93) Acquisti intraue - Le fatture relative agli acquisti intracomunitari, previa integrazione, devono essere annotate nel registro vendite entro il giorno 15 del mese successivo a quello di ricezione della fattura, con riferimento al mese precedente. - Le stesse fatture, ai fini della detrazione, sono annotate ai sensi e nei termini dell art. 25, dpr 633/72. 33

34 ADEMPIMENTI OPERAZIONI INTRAUE Termini di fatturazione e registrazione (artt. 46 e 47, DL 331/93) Regolarizzazione acquisti intraue (art. 46, comma 5) - In caso di mancato ricevimento della fattura relativa all acquisto intraue entro il secondo mese successivo a quello di effettuazione dell operazione, occorre emettere l autofattura entro il giorno 15 del terzo mese successivo. - Se si riceve una fattura con corrispettivo inferiore a quello reale, occorre emettere fattura integrativa entro il giorno 15 del mese successivo alla registrazione della fattura originaria. - Le autofatture e le fatture integrative devono essere registrate entro il termine di emissione, con riferimento al mese precedente. 34

35 Aumento aliquota Iva ordinaria al 22 per cento (art. 40, D.L. n. 98/2011, come modificato, da ultimo, dal D.L. n. 76/2013) - Decorrenza: Operazioni effettuate dal 1 ottobre Momento di effettuazione delle operazioni: Disciplina generale: art. 6, dpr 633/72 Settori particolari: artt. 74-ter e 74-quater Acquisti intracomunitari: art. 39, D.L. n. 331/93 Importazioni: art. 44, regolamento Ce 450/2008 (c.d.c. aggiornato) - Esigibilità dell imposta: In generale, coincide con il momento di effettuazione dell operazione In casi particolari, si realizza in un momento successivo (art. 6, V c., dpr 633/72) Chiarimenti della circolare n. 45/2011: agenzie di viaggio regime del margine globale decorrenza ventilazione somministrazioni di gas, acqua, energia elettrica (aliquota conguagli)

36 Comunicazione operazioni Iva (c.d. elenco forniture o spesometro ) LE FONTI NORMATIVE Vecchia disciplina (operazioni anni 2010/2011) - Art. 21 del D.L. 31/5/2010, n. 78 (come modificato dai dd.l. 70 e 98 del 2011) - Provvedimento AE 22/12/2010 (attuazione) - Provvedimento AE 21/6/2011 (modifiche; termini; esonero enti pubblici) - Provvedimento AE 5/8/2011 (società di leasing) - Provvedimento AE 16/9/2011 (modifiche; termini) - Provvedimento AE 21/11/2011 (soc. leasing, imprese di noleggio veicoli) - Provvedimento AE 21/12/2011 (termini) - Provvedimento AE 29/12/2011 (operatori finanziari) - Circolare AE n. 24 del 30/5/2011 (chiarimenti generali) - Documento AE dell 11/10/2011 (risposte a quesiti) - Documento AE del 22/12/2011 (risposte a quesiti) - Documento AE del 13/1/2012 (risposte a quesiti) - Forum fiscale ItaliaOggi del 18/1/2012 (risposte dell AE a quesiti) Nuova disciplina (operazioni dal 2012) - Art. 21 del D.L. 31/5/2010, n. 78 (come modificato dal d.l. 16/2012 e dal dl 179/2012) -Art. 3, comma 2-bis, dl n. 16/2012 -Provvedimento AE 2/8/2013 (attuazione) - Nuovo modello - Nuove istruzioni Sito Internet Agenzia 10/10/2013

37 Comunicazione operazioni Iva nuova disciplina Soggetti obbligati e oggetto della comunicazione I soggetti passivi comunicano annualmente per via telematica all Agenzia delle entrate le seguenti operazioni rilevanti ai fini Iva: a) Cessioni e prestazioni rese e ricevute per le quali sussiste l obbligo di emissione della fattura b) Cessioni e prestazioni rese e ricevute per le quali non sussiste obbligo di fattura, se l importo unitario dell operazione è pari o superiore a al lordo dell Iva c) Operazioni in contanti legate al turismo, effettuate dai soggetti di cui agli artt. 22 e 74-ter, nei confronti di cittadini non IT, UE o SEE, residenti fuori dello Stato, se di importo pari o superiore a (art. 3, c. 2-bis, dl n. 16/2012; secondo tale disposizione, l obbligo riguarda le operazioni effettuate dal 29/4/2012) L emissione della fattura in sostituzione di altro documento di certificazione fiscale determina comunque l obbligo. In via transitoria, però, per le operazioni 2012 e 2013, i soggetti di cui agli artt. 22 e 74-ter possono limitarsi a comunicare le fatture emesse di importo pari o superiore a

38 Polivalenza del modello Altri adempimenti veicolati dal modello della comunicazione - Contratti di leasing; contratti di locazione, noleggio di veicoli: gli operatori, a decorrere dalle operazioni 2012, possono utilizzare il modello in luogo del tracciato approvato con provvedimento AE del 21/11/ Acquisti di beni da operatori sammarinesi, con pagamento dell Iva a carico del cessionario: la comunicazione prevista dall art. 16 del dm 24/12/1993, a decorrere dalle operazioni annotate dal 1 /10/2013, va effettuata utilizzando il modello, da trasmettere entro l ultimo giorno del mese successivo a quello di annotazione (fino al 31/12/2013 sono utilizzabili le precedenti modalità).. - Operazioni con soggetti economici black list : a decorrere dalle operazioni effettuate dal 1 /10/2013, la comunicazione prevista dall art. 1 del dl n. 40/2010 va effettuata utilizzando il modello. Restano fermi i periodi di riferimento e i termini di cui al dm 30/3/2010 (fino al 31/12/2013 sono utilizzabili le precedenti modalità).

LA NUOVA FATTURA Art. 1, commi 324 335, Legge 24 dicembre 2012, n. 228 (recepimento direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010)

LA NUOVA FATTURA Art. 1, commi 324 335, Legge 24 dicembre 2012, n. 228 (recepimento direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010) Art. 1, commi 324 335, Legge 24 dicembre 2012, n. 228 (recepimento direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010) 1 La fattura elettronica : nozione (art. 21, comma 1, DPR 633/72) Per fattura elettronica si

Dettagli

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA Art. 1, commi 324-335, Legge 24 dicembre 2012, n. 228 (recepimento direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010) a cura di Franco Ricca 1 Nazionalità della fattura

Dettagli

Il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica Il Presidente della Repubblica Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Vista la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre 2006, relativa al sistema comune d imposta sul valore aggiunto;

Dettagli

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013 Circolare n. 34 del 21 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI Commercialisti Associati Revisori Legali Largo Caleotto, 1-23900 LECCO (LC) Tel. 0 3 4 1 / 3 6 4 0 2 2 - Fax 0 3 4 1 / 2 8 7 0 4 2 Gent. Sig.ra / Egr. Sig. Spett. le Ditta

Dettagli

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole COMITATO REGIONALE TOSCANO GEOMETRI Via Volturno 10/12/C - 50019 Osmannoro Sesto Fiorentino - FIRENZE Tel. 055/5002380 - Fax 055/5522399 Cod. Fiscale 80011550482 E-mail - comtoscanogeometri@libero.it Informativa

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb.

Informativa - ONB INDICE. ORDINE NAZIONALE dei BIOLOGI Via Icilio n 7 00153 ROMA - Tel. 06.57060221 Email: consulenzafiscale@onb. Informativa - ONB Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione - Modello

Dettagli

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole Con la legge di stabilità per il 2013 (legge n. 228 del 24.12.2012) il legislatore ha recepito il contenuto della direttiva n. 2006/112/UE in materia di

Dettagli

Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013

Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013 Circolare Mensile n. 10 OTTOBRE 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI FULVIO BONELLI LUCIA BERNARDI ROSETTA AGOSTINO ROSSANA CIRIGLIANO ANNA QUAI Torino, lì 24 ottobre 2013 Ai signori Clienti Loro indirizzi email Questa circolare ha la finalità di informare i clienti che

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA L art. 21 del DL 31.5.2010 n. 78 (conv. L. 30.7.2010 n. 122) ha introdotto l obbligo, per i soggetti passivi IVA, di comunicare in via telematica all Agenzia delle Entrate le

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Periodico quindicinale FE n. 18 29 dicembre 2012 ABSTRACT LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Con la Direttiva 2010/45/UE, la Commissione Europea ha inteso semplificare le procedure di fatturazione e conservazione

Dettagli

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE OGGETTO: Circolare 3.2013 Seregno, 8 gennaio 2013 IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE Alle operazioni (cessioni di beni e/o prestazione di servizi) effettuate a partire dal primo gennaio 2013 risulteranno

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

Novità più rilevanti (1) parità di trattamento tra fattura cartacea e fattura elettronica libera scelta sull autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fatture (facilita

Dettagli

Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013

Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013 Newsletter 2013 24 del 23 Ottobre 2013 SPESOMETRO OPERAZIONI CON PARADISI FISCALI CONTRATTI DI LEASING, LOCAZIONE E NOLEGGIO E ALTRE COMUNICAZIONI ALL ANAGRAFE TRIBUTARIA NUOVE MODALITÀ E TERMINI DI EFFETTUAZIONE

Dettagli

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 SPESOMETRO Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 INDICE Inquadramento normativo Analisi del modello di comunicazione Casi

Dettagli

Contributo di approfondimento

Contributo di approfondimento Commissione studio Area Tributaria Contributo di approfondimento SPESOMETRO 2013 Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 1 Premessa Con il provvedimento n. 2013/94908 del 2 agosto 2013 sono state

Dettagli

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione Circolare n. 1 del 4 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuovi obblighi di fatturazione... 2 2.1 Operazioni nei confronti di soggetti passivi

Dettagli

semp mp ilf i i f cat ca a

semp mp ilf i i f cat ca a È il documento fondamentale per la certificazione delle operazioni commerciali e generalmente deve essere emessa dal soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione di servizio. Ha lo scopo

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

Di seguito in sintesi le novità introdotte in materia di fatturazione e relativi adempimenti:

Di seguito in sintesi le novità introdotte in materia di fatturazione e relativi adempimenti: Consulenza aziendale consulenza settore turismo elaborazione dati contabili formazione del personale Roma, 12 Gennaio 2013 CIRCOLARE INFORMATIVA N 2 /2013 OGGETTO: LEGGE DI STABILITÀ 2013 NOVITÀ IN MATERIA

Dettagli

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 Milano, 2 gennaio 2013 NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 EMISSIONE FATTURE La legge di stabilità ha modificato

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015 Como, 3.4.2015 INFORMATIVA N. 17/2015 Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria Modello di comunicazione polivalente relativo al 2014 INDICE 1 SPESOMETRO... pag. 2 1.1 AMBITO SOGGETTIVO...

Dettagli

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica.

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. di Leda Rita Corrado (*) Riferimenti: Direttiva 2010/45/UE del Consiglio del 13 luglio 2010, recante modifica della direttiva 2006/112/CE relativa

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 29/2013

NOTA INFORMATIVA N. 29/2013 Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI RITA MAGGI PIAZZA CITTADELLA 6 37122

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 S T U D I O B U R L O N E C R I S A D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i e R e v i s o r i c o n t a b i l i CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 RITARDI NEI PAGAMENTI - TRANSAZIONI COMMERCIALI D.LGS. N.

Dettagli

Oggetto: Fatturazione elettronica verso le Pubbliche Amministrazioni.

Oggetto: Fatturazione elettronica verso le Pubbliche Amministrazioni. CIRCOLARE N. 118 Bergamo, 6 giugno 2014 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Fatturazione elettronica verso le Pubbliche Amministrazioni. Informiamo le imprese associate che ANCE ha provveduto ad

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA PREMESSA La Legge di stabilità 2013 (L. 228 del 24/12/2012, pubblicata in G. U. il 29/12/2012) ha modificato la disciplina IVA introducendo nuove regole in merito al contenuto della nuova fattura, alla

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12

C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12 C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12 Circolare Numero 5/2013 Oggetto NOVITA IN MATERIA DI IVA - LEGGE DI STABILITA 2013 (LEGGE N. 228 DEL 24 DICEMBRE 2012 c.d. Finanziaria 2013

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 5 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 5 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 31 marzo 2015 Oggetto: Informativa n. 5 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito ad alcune novità: Spesometro;

Dettagli

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012 n. 228 (legge di stabilità 2013) introduce numerose novità in materia

Dettagli

Dott. Rag. MORATELLI Pietro

Dott. Rag. MORATELLI Pietro Spett.li clienti Loro sedi Bolzano, 17/10/2013 OGGETTO: Invio Spesometro 2012 A pag. 6 Comunicazioni Importanti per i Clienti della Società INFOSERVICE DATI SRL L art. 21 del D.L. n. 78/2010 (poi modificato

Dettagli

SPESOMETRO 2014. Nella tabella seguente riportiamo i dati utili per la predisposizione della Comunicazione: Dati utili all adempimento

SPESOMETRO 2014. Nella tabella seguente riportiamo i dati utili per la predisposizione della Comunicazione: Dati utili all adempimento Comunicazione del 27/03/2014 SPESOMETRO 2014 Gentili Clienti, il 10 aprile 2014, per i soggetti che effettuano la liquidazione IVA mensile e il 22 aprile 2014, per gli altri soggetti, scade il termine

Dettagli

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede Castelfranco Veneto, 7 gennaio 2013 Oggetto: circolare informativa. LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE Segnaliamo a tutti i Sigg.ri Clienti che, a decorrere

Dettagli

il soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione del servizio

il soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione del servizio La legge di stabilità emanata lo scorso dicembre, ha recepito la normativa UE in materia di armonizzazione in materia di IVA a livello comunitario. Tra le varie innovazioni, è stato riscritto l art. 21

Dettagli

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17.

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17. Lissone, 8 gennaio 2013 Circolare n 1 / 2013 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: Legge di stabilità 2013 Gentile Cliente, il Parlamento ha approvato il testo della Legge di Stabilità 2013 con la Legge

Dettagli

STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO

STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO STUDIO DUCOLI Dottori Commercialisti Revisori Legali BRENO Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Modello di comunicazione polivalente relativo al 2014 1 2 1 SPESOMETRO L art. 21 del

Dettagli

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011 Informativa n. 22 del 16 giugno 2011 Comunicazione telematica all Agenzia delle Entrate delle operazioni rilevanti ai fini IVA di importo pari o superiore a 3.000,00 euro - Riepilogo della disciplina e

Dettagli

A seguito della modifica dell art. 21 c.2 del DPR 633/1972, dal 1 gennaio 2013 sarà obbligatorio indicare sempre in fattura:

A seguito della modifica dell art. 21 c.2 del DPR 633/1972, dal 1 gennaio 2013 sarà obbligatorio indicare sempre in fattura: Trento, 08/01/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: fatturazione, novità dal 1 gennaio 2013 - AGGIORNATO Gentile Cliente, dal 1 gennaio 2013 ci saranno importanti novità sul fronte della fatturazione,

Dettagli

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Spesometro 2015 (operaziionii 2014), da trasmettere entro iill 10/20 dii apriille 2015 L art. 21 del D.L. n. 78 del 31 maggio 2010 ha introdotto l obbligo, per i soggetti

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA PA

FATTURAZIONE ELETTRONICA PA FATTURAZIONE ELETTRONICA PA Agenzia per l Italia digitale Area Regole, standard e guide tecniche 5 maggio 2014 Fatturazione elettronica PA 1/17 Fattura elettronica PA Finanziaria 2008: introduce l obbligo

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Cagliari Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Monotematica Novità fatturazione 2013 Data: 11 gennaio 2013 Indice

Dettagli

Nuove regole di fatturazione

Nuove regole di fatturazione Ufficio Studi Nuove regole di fatturazione Dal 1 gennaio 2013 sono in vigore in Italia le nuove regole di fatturazione previste nella Direttiva 2010/45/UE del Consiglio UE del 13/7/2010, così come introdotte

Dettagli

FATTURA ELETTRONICA ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

FATTURA ELETTRONICA ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FATTURA ELETTRONICA ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 28/10/2014 Relatore: Dott. Fabrizio Scossa Lodovico OPEN Dot Com Spa Fattura P.A. Facile Pag. 1 FONTI NORMATIVE E DI PRASSI Art. 1, commi da 209 a 214,

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI

STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI STUDIO ASSOCIATO PAGANI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI DEI CONTI Via G. Frua, 24 Sergio Pagani 20146 Milano Paolo D. S. Pagani Tel. +39 (02) 46.07.22 Raffaella Pagani Fax +39 (02) 49.81.537 Ornella

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 8.1.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 1/2013 LEGGE

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 152 del 10 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Appuntamento con lo spesometro: 12.11.2013 per i contribuenti IVA mensili o 21.11.2013 per i contribuenti IVA trimestrali

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 01 del 08.01.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le nuove regole IVA dal 2013 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che la Legge di stabilità 2013

Dettagli

CIRCOLARE n. 14 del 30/10/2013. COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (cd. SPESOMETRO )

CIRCOLARE n. 14 del 30/10/2013. COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (cd. SPESOMETRO ) CIRCOLARE n. 14 del 30/10/2013 COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (cd. SPESOMETRO ) INDICE 1. PREMESSA 1.1. Nuovo modello polivalente 1.1.1 Disciplina transitoria 2. SOGGETTI OBBLIGATI

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 Ai Gentili Clienti Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 1 La L. 24.12.2012, n. 228 (legge di Stabilità 2013) ha introdotto novità in materia di fatturazione da applicare su tutte le operazioni

Dettagli

COMUNICAZIONE POLIVALENTE. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n.

COMUNICAZIONE POLIVALENTE. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n. COMUNICAZIONE POLIVALENTE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 20 marzo 2015 INDICE Scadenze

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

Studio Pozzato Dott. Giuseppe Commercialista Revisore Contabile

Studio Pozzato Dott. Giuseppe Commercialista Revisore Contabile Circolare informativa n. 06 del 29 Maggio 2014 OBBLIGO FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Legge 244/2007 introduce l obbligo di emissione della fattura in formato elettronico

Dettagli

Ballarè Sponghini e Associati

Ballarè Sponghini e Associati Ballarè Sponghini e Associati STUDIO COMMERCIALISTI E CONSULENTI TRIBUTARI Dott. Andrea Ballarè Dott. Fabio Sponghini Dott.ssa Claudia Balestra Rag. Enzo Manfredi Dott.ssa Emanuela Tarulli Dott. Marco

Dettagli

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 News di approfondimento N. 25 16 Ottobre 13 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente OGGETTO: Circolare 11.2015 Seregno, 23 marzo 2015 LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente L art. 21 D.L. 78/2010 ha previsto l obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti

Dettagli

Spesometro/MODELLO POLIVALENTE

Spesometro/MODELLO POLIVALENTE Studio Mantovani & Associati s.s. Pag. 1 di 7 Mantova, lì 12/03/2014 Circolare N. 11/2014 Alle Aziende Clienti - Loro Sedi Spesometro/MODELLO POLIVALENTE COMUNICAZIONE DI CUI ALL ART. 21 DEL DL 78/2010

Dettagli

OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013. Principali scadenze mese di novembre 2013

OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013. Principali scadenze mese di novembre 2013 > Circ. n. 9-M/2013 PC/pf Del 04 2013 OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013 Spett.le Ditta/Società In evidenza SOMMARIO Principali scadenze mese di 2013 Modello di comunicazione polivalente delle operazioni

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

Informativa Studio Fantinello Carlo

Informativa Studio Fantinello Carlo Informativa Studio Fantinello Carlo n. 16 del 24.03.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2014 da inviare entro il 10/20 aprile 2015 Gentile Cliente, con la stesura del presente

Dettagli

Dottore Commercialista Revisore Contabile

Dottore Commercialista Revisore Contabile LA FATTURAZIONE ELETTRONICA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLA LUCE DEL DECRETO ATTUATIVO a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) E stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 2013, n. 118

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 INFORMATIVA N. 034 04 FEBBRAIO 2015 IVA LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 Art. 8-bis, DPR n. 322/98 Provvedimenti Agenzia Entrate 17.1.2011 e 15.1.2015 Circolare Agenzia Entrate 25.1.2011, n.

Dettagli

NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI

NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI L art. 21, DL n. 78/2010, al fine di contrastare l evasione fiscale e le frodi in materia di IVA, ha introdotto un nuovo adempimento, quello di comunicare telematicamente

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente OGGETTO: Circolare 9.2016 Seregno, 29 marzo 2016 LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente È in scadenza, nel prossimo mese di aprile, la comunicazione delle operazioni rilevanti

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO) APPROFONDIMENTO E RINVIO DELLE COMUNICAZIONI

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO) APPROFONDIMENTO E RINVIO DELLE COMUNICAZIONI Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau. COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO)

Dettagli

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI. Ai signori Clienti Loro indirizzi LEGGE DI STABILITÀ 2013 - NOVITÀ IN MATERIA DI FATTURAZIONE

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI. Ai signori Clienti Loro indirizzi LEGGE DI STABILITÀ 2013 - NOVITÀ IN MATERIA DI FATTURAZIONE Fulvio Bonelli Lucia Bernardi Rosetta Agostino Rossana Cirigliano Anna Quai Torino, lì 9 gennaio 2013 Ai signori Clienti Loro indirizzi Circolare n. 1/2013 LEGGE DI STABILITÀ 2013 - NOVITÀ IN MATERIA DI

Dettagli

Circolare n. 15 del 1 ottobre 2015

Circolare n. 15 del 1 ottobre 2015 Circolare n. 15 del 1 ottobre 2015 Novità in materia di fatturazione elettronica, trasmissione telematica delle fatture, dei corrispettivi e dei relativi dati Indice 1. Premessa 2. Fatturazione elettronica

Dettagli

Circolare informativa. Ultime novità fiscali

Circolare informativa. Ultime novità fiscali Circolare informativa Ultime novità fiscali Redditometro Sentenza CTP Brescia n. 774/06/2014 Nell accertamento tramite redditometro, il reddito complessivo del nucleo familiare deve essere imputato pro-quota

Dettagli

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE SOGGETTI OBBLIGATI ED ESCLUSI

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE SOGGETTI OBBLIGATI ED ESCLUSI Bergamo, marzo 2014 CIRCOLARE N. 9/Consulenza aziendale OGGETTO: Elenco clienti-fornitori La comunicazione dell elenco clienti-fornitori (c.d. spesometro ) costituisce un adempimento da considerarsi a

Dettagli

LA FATTURA ELETTRONICA DIVENTA OBBLIGATORIA NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURA ELETTRONICA DIVENTA OBBLIGATORIA NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA FATTURA ELETTRONICA DIVENTA OBBLIGATORIA NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Decreto ministeriale n. 55 del 3 aprile 2013 pubblicato sulla G.U. n. 118 del 22 maggio 2013 1. PREMESSA La Legge

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PA: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PA: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PA: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA L OBBLIGO DI FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Claudio G. Distefano Coordinamento Fatturazione Elettronica PA

Dettagli

Dottori Commercialisti Dal 1969

Dottori Commercialisti Dal 1969 Comunicazione telematica all Agenzia delle Entrate delle operazioni rilevanti ai fini IVA di importo pari o superiore a 3.000,00 euro - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali PREMESSA Con

Dettagli

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE

S E A V TERMINI DI PRESENTAZIONE Bergamo, marzo 2015 CIRCOLARE N. 15/Consulenza aziendale OGGETTO: Elenco clienti-fornitori La comunicazione dell elenco clienti-fornitori (c.d. spesometro ) per l anno 2014 dovrà essere presentata entro

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA Spesometro 2013 La soluzione Magico per adempiere tale obbligo. MULTIMEDIA POINT s.r.l. Via Monte Rosa 2 I-22079 Villa Guardia (CO) Tel. +39 031 563

Dettagli

di Maurizio Lamperti Amministrazione e Finanza >> Gestione amministrativa www.intesasanpaoloimprese.com

di Maurizio Lamperti Amministrazione e Finanza >> Gestione amministrativa www.intesasanpaoloimprese.com LE MODALITÀ DI CONSERVAZIONE DELLE FATTURE di Maurizio Lamperti Amministrazione e Finanza >> Gestione amministrativa Sommario Introduzione...3 Generazione ed invio delle fatture...4 Conservazione delle

Dettagli

Quanto sopra può essere così schematizzato:

Quanto sopra può essere così schematizzato: Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini Scali Olandesi n. 18 57125 LIVORNO Rag. Marco Migli - Commercialista Tel. 0586-891762 Rag. Michele Cinini - Commercialista Fax 0586-882512 Rag.

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016

CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016 OGGETTO: Spesometro 2016 CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016 Parma, 24 marzo 2016 L'obbligo, introdotto dal D.L. 78/2010, di comunicare telematicamente all Agenzia delle Entrate le operazioni rilevanti IVA (cessioni/acquisti

Dettagli