Elementi di Algebra Relazionale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elementi di Algebra Relazionale"

Transcript

1 Note dalle lezioni di INFORMATICA (per gli allievi della classe quinta - indirizzo MERCURIO) Elementi di Algebra Relazionale prof. Stefano D.L.Campanozzi I.T.C. Giulio Cesare Bari - a.s

2 1 Introduzione Il modello logico relazionale è, di fatto, un modello matematico dei dati, pertanto un qualunque approccio volto alla manipolazione di questo modello e, in particolare, alla sua interrogazione, per apparire naturale, deve avere natura matematica. In questa ottica due sono gli approcci fondamentali: 1. Approccio algebrico, in cui il risultato di una interrogazione è una relazione ottenuta dalla valutazione di una espressione costruita mediante operatori di un algebra relazionale 2. Approccio logico, in cui il risultato di una interrogazione viene descritto come una relazione soddisfacente una formula di un linguaggio logico del primo ordine (calcolo relazionale) I due approcci sono equivalenti per semantica sia denotazionale, sia operazionale; nondimeno il primo approccio appare più accessibile, richiedendo soltanto la conoscenza di nozioni elementari della teoria degli insiemi; tale approccio sarà oggetto di studio in queste pagine. 2 Cosa è l Algebra Relazionale In matematica con il termine algebra si denota ogni coppia (A, O) dove A è l insieme di sostegno, ovvero un insieme di valori (operandi), mentre O è un insieme di operazioni su A. Esempi noti sono le algebre dei numeri (e.g.: algebra degli interi, dei reali) e le algebre di Boole. Nel caso dell algebra relazionale i valori sono le relazioni; le operazioni, agendo su relazioni, restituiscono relazioni. Queste ultime sono anonime nel senso che il loro schema ha un nome non definito in modo esplicito dall utente. Alcune operazioni, di natura insiemistica, agiscono sulle relazioni quali insiemi di tuple, quindi a livello estensionale; altre operazioni, di natura più specifica, operano invece a livello intensionale e, eventualmente, anche a livello estensionale. Inoltre è possibile che operazioni più complesse non siano definite come primitive, ma in forma derivata per composizione di operazioni primitive. Infine, ogni insieme di operatori relazionali deve essere funzionalmente completo, deve cioè consentire la stessa capacità espressiva esibita dall approccio logico. Un insieme funzionalmente completo è il seguente insieme di operatori: O : = {Unione, Differenza, Prodotto, Proiezione, Restrizione, Ridenominazione} Componendo questi operatori è possibile formulare ogni interrogazione sul modello relazionale dei dati. E tuttavia opportuno introdurre altre due operazioni che, pur potendo essere derivate da quelle di base, consentono, se assunte come primitive, di scrivere formule più semplici e sintetiche. In definitiva si assume perciò il seguente insieme di operatori: 2

3 O : = O { Intersezione, Giunzione } Prima di procedere alla descrizione delle singole operazioni, formuliamo la seguente definizione, particolarmente utile nel prosieguo: Definizione: Due relazioni si dicono compatibili se hanno lo stesso grado e se gli attributi in posizioni corrispondenti sono dello stesso tipo o di tipi compatibili. In particolare due relazioni con lo stesso schema sono compatibili. 3 Operatori dell Algebra Relazionale 3.1 Operatori primitivi Differenza di relazioni Date due relazioni compatibili R e S, la differenza di R con S è la relazione, compatibile con R e S, ottenuta dalla differenza insiemistica sulle estensioni delle due relazioni nell ordine assegnato. Difference (R, S) = R - S = {t t R t S} dove il simbolo t indica una generica tupla. 1) Non vale la proprietà commutativa: R - S S - R! 2) L operatore Difference agisce esclusivamente a livello estensionale. Si ha inoltre: Grado(R - S) = Grado(R) = Grado(S) 0 Cardinalità(R - S) Cardinalità(R) Intersezione di relazioni Date due relazioni compatibili R e S, la intersezione di R e S è la relazione, compatibile con R e S, ottenuta dalla intersezione insiemistica sulle estensioni delle due relazioni. Intersection (R, S) = R S = {t t R t S} dove il simbolo t indica una generica tupla. 3

4 1) L operatore Intersection è derivabile dalla Differenza di relazioni: R S = R - (R - S) 2) L operatore Intersection agisce esclusivamente a livello estensionale. Si ha inoltre: Grado(R S) = Grado(R) = Grado(S) 0 Cardinalità(R S) min {Cardinalità(R), Cardinalità(S)} Unione di relazioni Date due relazioni compatibili R e S, l unione di R e S è la relazione, compatibile con R e S, ottenuta dalla unione insiemistica sulle estensioni delle due relazioni. Union (R, S) = R S = {t t R t S} dove il simbolo t indica una generica tupla. L operatore Union agisce esclusivamente a livello estensionale. Si ha inoltre: Grado(R S) = Grado(R) = Grado(S) Cardinalità(R S) = Cardinalità(R) + Cardinalità(S) - Cardinalità(R S) Prodotto cartesiano di due relazioni Siano A 1, A 2,...A n1 e B 1, B 2,...,B n2 gli attributi, fra loro tutti diversi, di due relazioni qualunque R ed S, rispettivamente di grado n 1, n 2, e di cardinalità c 1, c 2. Il prodotto (cartesiano) di R e S è la relazione di attributi A 1, A 2,...A n1, B 1, B 2,...,B n2 di grado n 1 +n 2 e di cardinalità c 1 x c 2 le cui tuple si ottengono concatenando ciascuna tupla di R con ciascuna tupla di S. R x S = {t t = r conc s r R s S} dove l espressione t = r conc s sta ad indicare che la generica tupla t del prodotto è, appunto, generata concatenando una tupla r di R e una tupla s di S. Più precisamente, il concetto di concatenazione è il seguente: date le tuple r = (x 1, x 2,..., x n1 ) e s = (y 1, y 2,..., y n2 ) risulta r conc s = (x 1, x 2,..., x n1, y 1, y 2,..., y n2 ) 4

5 1) Non vale la proprietà commutativa: R x S S x R! 2) Se nelle due relazioni R ed S implicate nel prodotto figurano due attributi di uguale nome è necessario procedere alla ridenominazione di uno di essi per evitare ambiguità nella relazione prodotto. 3) Il prodotto cartesiano, a differenza degli operatori fin qui esaminati, genera una relazione che ha un chiaro significato dal punto di vista costruttivo insiemistico, ma la cui interpretazione è oscura o del tutto assente nel contesto del micromondo rappresentato dal modello relazionale. In effetti, accade in genere che il prodotto cartesiano fornisca, nell algebra relazionale, non il risultato ultimo di una elaborazione, ma solo un risultato intermedio all interno di una elaborazione complessa (cfr. Giunzione). Proiezione di una relazione Sia R una relazione con insieme di attributi A = { A 1, A 2,..., A n } e sia A = { Ai 1, Ai 2,..., Ai k } un sottoinsieme di A arbitrariamente scelto. Si definisce proiezione di R sull insieme di attributi A la relazione di grado k che si ottiene da R ignorando le colonne relative agli attributi che non appartengono ad A, ed eliminando poi le eventuali tuple duplicate (in conformità ai vincoli del modello relazionale). Π A (R) oppure project R on Ai 1, Ai 2,..., Ai k Osservazione La proiezione agisce prevalentemente a livello intensionale e, eventualmente anche a livello estensionale. Restrizione di una relazione Sia R una relazione con insieme di attributi A = { A 1, A 2,..., A n }, sia A = { Ai 1, Ai 2,..., Ai k } un sottoinsieme di A arbitrariamente scelto e sia P un predicato sugli attributi in A. Si definisce restrizione di R a P (Ai 1, Ai 2,..., Ai k ) la relazione di grado n costituita da tutte la tuple di R che soddisfano P. In altre parole la operazione di restrizione (o selezione) consente di estrarre delle tuple dalla relazione R in base al criterio P stabilito. 5

6 σ P (R) oppure restrict R where P 1) La restrizione agisce esclusivamente a livello estensionale. Si ha in particolare: 0 Cardinalità (σ P (R)) Cardinalità (R) 2) Il predicato che definisce la restrizione può essere sia semplice, sia composto per mezzo degli operatori logici And, Or, Not. Inoltre nella espressione del predicato figurano, oltre alle variabili degli attributi Ai 1, Ai 2,..., Ai k, (e agli operatori di confronto: >, <, =,,, ) anche costanti compatibili con il tipo degli attributi. Esempi: N_Figli > 0; Cognome = Rossi And Nome Antonio Ridenominazione Si considera tra le operazioni primitive la ridenominazione di un attributo di una relazione, operazione non significativa in sè, ma a volte indispensabile per evitare conflitti di sinonimia conseguenti ad altre operazioni. Sia R una relazione avente un attributo A. Rinominare A come B in R significa generare una nuova relazione identica a R sia intesionalmente, sia estensionalmente, con la sola eccezione dell attributo A rinominato come B. rename A as B in R 3.1 Operatori derivati Giunzione interna di relazioni Fra le operazioni derivate, quelle di maggiore utilità sono le operazioni di giunzione interna ( inner join in inglese) che permettono di generare una nuova relazione, a partire da due relazioni assegnate, applicando uno specifico criterio di restrizione sul loro prodotto cartesiano. In base alla natura specifica del criterio si distinguono diversi tipi di giunzione interna. a) Equigiunzione (Equijoin) L equigiunzione (equijoin) di due relazioni R ed S, rispetto a un attributo A di R ed un attributo B di S, è la relazione che si ottiene dal prodotto di R ed S selezionando le tuple in cui sono uguali i valori degli attributi A e B. 6

7 R >< S : = σ A = B (R x S) A=B 1) Il grado della relazione ottenuta con equijoin di R ed S è uguale al grado di R x S, quindi pari a Grado(R) + Grado(S), mentre la cardinalità è compresa tra zero e Grado(R) x Grado(S). 2) Nella relazione ottenuta per equijoin di R ed S le due colonne A e B sono identiche. b) θ -join Con il termine θ join si denota una operazione definita in tutto come l equijoin, ad eccezione del predicato di restrizione sugli attributi A e B. Fra i due attributi si può porre non solo il vincolo di uguaglianza, ma una qualunque condizione data dagli operatori di confronto: >, <, =,,,. L equijoin è quindi un caso particolare di θ join. ove θ { >, <, =,,, } R >< S : = σ A θ B (R x S) AθB c) Giunzione naturale (natural join) La giunzione naturale (natural join) di due relazioni R ed S richiede l ipotesi che esista un attributo A comune alle due relazioni. Il natural join delle relazioni R e S è una relazione che ha nello schema tutti gli attributi di R e S, ma l attributo comune A figura una sola volta; nella relazione di natural join le tuple si ottengono per concatenazione delle tuple di R con le tuple di S sotto la condizione di uguaglianza dell attributo comune A. E possibile quindi pensare al natural join come a un operatore costruito con una ridenominazione, un equijoin e una proiezione nel modo seguente: R >< S := Π ( R >< (rename A as B in S)) <tutti gli attributi tranne B> A= B Il grado della relazione ottenuta con natural join di R ed S è uguale a Grado(R x S) -1, quindi pari a Grado(R) + Grado(S) - 1, mentre la cardinalità è compresa tra zero e Grado(R) x Grado(S). 7

8 d) Semi-giunzione (semi-join) La semi-giunzione (semi-join) di due relazioni R ed S è definita operativamente in modo quasi identico alla giunzione naturale, con l unica differenza che la proiezione finale viene eseguita solo sugli attributi di R; ciò significa, in pratica, che si ottiene una relazione con lo schema di R, e con le sole tuple di R che partecipano alla giunzione naturale di R e S. R >< S := Π ( R >< S) <tutti gli attributi di R> Giunzione esterna di relazioni Comunemente si annoverano fra gli operatori di giunzione e, quindi, fra gli operatori derivati, le cosiddette giunzioni esterne ( outer join in inglese). Esse sono apparentemente affini alle giunzioni interne, ma, a differenza di quelle, non sono esprimibili in termini di operatori primitivi. Tuttavia, poichè le giunzioni esterne sono assai utili nelle applicazioni, esse sono ormai considerate de facto una estensione della giunzione interna. Si segnalano tre forme di giunzione esterna, estensioni della giunzione naturale: consentono di congiungere le due relazioni R ed S conservando nella relazione risultante anche le tuple di R e/o di S che non sono state coinvolte in operazioni di concatenazione. Left outer join R ]>< S Si conservano, anche se non concatenate, le tuple di R. Right outer join R ><[ S Si conservano, anche se non concatenate, le tuple di S. Full outer join R ]><[ S Si conservano, anche se non concatenate, sia le tuple di R, sia le tuple di S. 8

Operazioni sui database

Operazioni sui database Operazioni sui database Le operazioni nel modello relazionale sono essenzialmente di due tipi: Operazioni di modifica della base di dati (update) Interrogazioni della base di dati per il recupero delle

Dettagli

ALGEBRA RELAZIONALE RIEPILOGO

ALGEBRA RELAZIONALE RIEPILOGO ALGEBRA RELAZIONALE RIEPILOGO PROIEZIONE: (notazione ) Operatore unario per estrarre colonne da una relazione: lista_attributi (R) Lo schema del risultato contiene i soli attributi contenuti in lista_attributi.

Dettagli

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Algebra Relazionale

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Algebra Relazionale Basi di Dati e Sistemi Informativi Algebra Relazionale Corso di Laurea in Ing. Informatica Ing. Gestionale Magistrale Introduzione L algebra relazionale è un linguaggio procedurale: le operazioni vengono

Dettagli

Basi di dati. L Algebra Relazionale. K. Donno - L Algebra Relazionale

Basi di dati. L Algebra Relazionale. K. Donno - L Algebra Relazionale Basi di dati L Algebra Relazionale Introduzione all Algebra Relazionale Una volta definito lo schema logico di un database, partendo da un Diagramma E-R, e dopo aver inserito le tabelle nel database, eventualmente

Dettagli

Introduzione all Algebra Relazionale

Introduzione all Algebra Relazionale Basi di dati L Algebra Relazionale Introduzione all Algebra Relazionale Una volta definito lo schema logico di un database, partendo da un Diagramma E-R, e dopo aver inserito le tabelle nel database, eventualmente

Dettagli

Modello Relazionale. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto san giovanni

Modello Relazionale. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto san giovanni Modello Relazionale Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto san giovanni Cronologia dei modelli per la rappresentazione dei dati Modello gerarchico (anni 60) Modello reticolare

Dettagli

Corso di Basi di Dati. Linguaggi per basi di dati. Linguaggi per basi di dati. Linguaggi per basi di dati: Algebra Relazionale

Corso di Basi di Dati. Linguaggi per basi di dati. Linguaggi per basi di dati. Linguaggi per basi di dati: Algebra Relazionale Corso di Basi di Dati Linguaggi per basi di dati: lgebra Relazionale Donatella Gubiani Linguaggi per basi di dati Si possono distinguere diversi tipi di linguaggi per la gestione dei dati: Linguaggio di

Dettagli

Il Modello Relazionale (1)

Il Modello Relazionale (1) Il Modello Relazionale (1) Il modello relazionale, sebbene non sia stato il modello usato nei primi DBMS, è divenuto lentamente il modello più importante al punto che è oggi comunemente usato in tutti

Dettagli

Gli operatori relazionali

Gli operatori relazionali Gli operatori relazionali Agiscono su una o più relazioni per ottenere una nuova relazione (servono a realizzare le interrogazioni sul database) Ci sono tre operazioni fondamentali per i database relazionali:

Dettagli

Algebra Relazionale e Calcolo Relazionale. L. Vigliano

Algebra Relazionale e Calcolo Relazionale. L. Vigliano Algebra Relazionale e Calcolo Relazionale Operazioni associate al modello relazionale Notazione algebrica Algebra relazionale Linguaggio procedurale interrogazioni espresse applicando operatori alle relazioni

Dettagli

Calcolo Relazionale Basi di dati e sistemi informativi 1. Calcolo Relazionale. Angelo Montanari

Calcolo Relazionale Basi di dati e sistemi informativi 1. Calcolo Relazionale. Angelo Montanari Calcolo Relazionale Basi di dati e sistemi informativi 1 Calcolo Relazionale Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Calcolo Relazionale Basi di dati e sistemi informativi

Dettagli

Algebra e calcolo relazionale. Ripasso. Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia

Algebra e calcolo relazionale. Ripasso. Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia Algebra e calcolo relazionale Ripasso Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia I 4 Livelli di astrazione Le Tabelle Livello fisico (o interno)

Dettagli

Il Modello Relazionale

Il Modello Relazionale Il Modello Relazionale Il modello relazionale 1 Il modello relazionale Proposto da E. F. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati e reso disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

Uso delle variabili di alias. SQL slide aggiuntive. Interrogazione 25. Interrogazione 26

Uso delle variabili di alias. SQL slide aggiuntive. Interrogazione 25. Interrogazione 26 Uso delle variabili di alias SQL slide aggiuntive Laurea magistrale in Scienze della mente Laurea magistrale in Psicologia dello sviluppo e dell'educazione educazione Non solo per disambiguare la notazione

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due:

I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due: Il modello relazionale I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due: 1. forniscono sistemi semplici ed efficienti per rappresentare

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE

Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Algebra Booleana 1 ALGEBRA BOOLEANA: VARIABILI E FUNZIONI LOGICHE Andrea Bobbio Anno Accademico 2000-2001 Algebra Booleana 2 Calcolatore come rete logica Il calcolatore può essere visto come una rete logica

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1) ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1) Un insieme è una collezione di oggetti. Il concetto di insieme è un concetto primitivo. Deve esistere un criterio chiaro, preciso, non ambiguo, inequivocabile,

Dettagli

4 SQL : Interrogazioni nidificate

4 SQL : Interrogazioni nidificate Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale SAPIENZA Università di Roma Esercitazioni del corso di Basi di Dati Prof.ssa Catarci e Prof.ssa Scannapieco Anno Accademico 2010/2011 Andrea Marrella Ultimo aggiornamento

Dettagli

5. La teoria astratta della misura.

5. La teoria astratta della misura. 5. La teoria astratta della misura. 5.1. σ-algebre. 5.1.1. σ-algebre e loro proprietà. Sia Ω un insieme non vuoto. Indichiamo con P(Ω la famiglia di tutti i sottoinsiemi di Ω. Inoltre, per ogni insieme

Dettagli

SQL prima parte D O C E N T E P R O F. A L B E R T O B E L U S S I. Anno accademico 2011/12

SQL prima parte D O C E N T E P R O F. A L B E R T O B E L U S S I. Anno accademico 2011/12 SQL prima parte D O C E N T E P R O F. A L B E R T O B E L U S S I Anno accademico 2011/12 DEFINIZIONE Il concetto di vista 2 È una relazione derivata. Si specifica l espressione che genera il suo contenuto.

Dettagli

Ottimizzazione delle interrogazioni (parte I)

Ottimizzazione delle interrogazioni (parte I) Ottimizzazione delle interrogazioni I Basi di Dati / Complementi di Basi di Dati 1 Ottimizzazione delle interrogazioni (parte I) Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di

Dettagli

IL MODELLO RELAZIONALE

IL MODELLO RELAZIONALE IL MODELLO RELAZIONALE E i vincoli per le basi di dati relazionali 2 La storia Introdotto nel 1970 da E. F. Ted Codd http://en.wikipedia.org/wiki/edgar_f._codd (centro ricerche IBM) Codd, E.F. (1970).

Dettagli

Introduzione ai database relazionali

Introduzione ai database relazionali Introduzione ai database relazionali Tabelle Un database (DB) è costituito da un insieme di file che memorizzano dati opportunamente organizzati Nei database relazionale tale organizzazione è costituita

Dettagli

SQL IL LINGUAGGIO DI INTERROGAZIONE

SQL IL LINGUAGGIO DI INTERROGAZIONE SQL IL LINGUAGGIO DI INTERROGAZIONE SQL! Originato da SEQUEL-XRM e System-R (1974-1977) dell IBM! Significato originario Structured Query Language! Standard de facto! Attuale standard ANSI/ISO è SQL:1999

Dettagli

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale Cenni sui DATABASE Cos'e' un database Un database puo' essere definito come una collezione strutturata di record (dati) I dati sono memorizzati su un computer in modo opportuno e possono essere recuperati

Dettagli

Ricorsione in SQL-99. Introduzione. Idea di base

Ricorsione in SQL-99. Introduzione. Idea di base Ricorsione in SQL-99 Introduzione In SQL2 non è possibile definire interrogazioni che facciano uso della ricorsione Esempio Voli(lineaAerea, da, a, parte, arriva) non è possibile esprimere l interrogazione

Dettagli

BASI DI DATI LINGUAGGI PER BASI DI DATI

BASI DI DATI LINGUAGGI PER BASI DI DATI BASI DI DATI LINGUAGGI PER BASI DI DATI Pof. Fabio A. Scheibe Dipatimento di Elettonica e Infomazione Politecnico di Milano tatto da: Atzeni, Cei, Paaboschi, Tolone - Basi di Dati - McGaw-Hill CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Introduzione alle Basi di Dati

Introduzione alle Basi di Dati 1 Introduzione alle Basi di Dati Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Sistema Azienda 2 Sistema organizzativo è costituito da una serie di risorse e di regole necessarie

Dettagli

Il linguaggio SQL: le basi

Il linguaggio SQL: le basi Il linguaggio SQL: le basi Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: SQLa-basi.pdf Sistemi Informativi L-A SQL: caratteristiche generali

Dettagli

Linguaggi per basi di dati

Linguaggi per basi di dati ALGEBRA RELAZIONALE Linguaggi per basi di dati operazioni sullo schema DDL: data definition language operazioni sui dati DML: data manipulation language interrogazione ("query") aggiornamento 2 Linguaggi

Dettagli

Il modello relazionale

Il modello relazionale Il modello relazionale Il modello relazionale è stato introdotto nel 1970 da E.F. Codd. Soltanto a metà degli anni ottanta ha trovato una buona diffusione sul mercato, in quanto all epoca della sua introduzione

Dettagli

Database. Docente referente: Prof.ssa Rosa Marincola

Database. Docente referente: Prof.ssa Rosa Marincola Database Alunni: Classe V A Sistemi Informativi Aziendali, indirizzotecnico Economico A. Guarasci Rogliano, dell Istituto Istruzione Superiore IPSIA Marconi Cosenza Lic Sc.e ITE Rogliano Altomare Francesco

Dettagli

Introduzione agli Abstract Data Type (ADT)

Introduzione agli Abstract Data Type (ADT) Introduzione agli Abstract Data Type (ADT) La nozione di tipo di dato astratto Sappiamo già che quando si affrontano problemi complessi è necessario procedere in due fasi: Specifica dell algoritmo Implementazione

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Cenni di Algebra di Boole. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011

Fondamenti di Informatica. Cenni di Algebra di Boole. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Fondamenti di Informatica Cenni di Algebra di Boole Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Letture Consigliate: Roger Penrose, La Mente Nuova dell Imperatore, Sansoni Editrice. Martin Davis, Il Calcolatore

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Il linguaggio SQL: query innestate

Il linguaggio SQL: query innestate Il linguaggio SQL: query innestate Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: SQLc-subquery.pdf Sistemi Informativi L-A DB di riferimento

Dettagli

SQL. Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali. Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL:

SQL. Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali. Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL: SQL Linguaggio di interrogazione per basi di dati relazionali Relazione = tabella con attributi (a 1, a 2,, a n ): Funzionalità principali di SQL: Creazione delle tabelle Interrogazione della base di dati

Dettagli

Join in SQL (primo modo) Informatica. Tabella Dipartimento. Interrogazione 4a. Interrogazione 4b. Interrogazione 4a

Join in SQL (primo modo) Informatica. Tabella Dipartimento. Interrogazione 4a. Interrogazione 4b. Interrogazione 4a Join in SQL (primo modo) Informatica Lezione 7 Laurea magistrale in Psicologia Laurea magistrale in Psicologia dello sviluppo e dell'educazione Anno accademico: 09- Per formulare interrogazioni che coinvolgono

Dettagli

Istruzioni DML di SQL

Istruzioni DML di SQL Istruzioni DML di SQL Pag. 99 par.4 1 Sintassi: Costrutto: INSERT INTO (Inserimento di dati in tabelle) INSERT INTO [(, ,, )] VALUES (, ,

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE)

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan SQL DDL Data Definition Language DML Data Manipulation Language DCL Data Control Language DDL Obiettivo: Definire la struttura

Dettagli

Il linguaggio SQL: le basi. Versione elettronica: SQLa-basi.pdf

Il linguaggio SQL: le basi. Versione elettronica: SQLa-basi.pdf Il linguaggio SQL: le basi Versione elettronica: SQLa-basi.pdf SQL: caratteristiche generali SQL (Structured Query Language) è il linguaggio standard de facto per DBMS relazionali, che riunisce in sé funzionalità

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI CORTE FRANCA MATEMATICA CLASSE QUINTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L ALUNNO SVILUPPA UN ATTEGGIAMENTO POSITIVO RISPETTO ALLA MATEMATICA,

Dettagli

Attributi e domini. A per {A}; XY per X Y (pertanto A 1 A 2 A 3 denota

Attributi e domini. A per {A}; XY per X Y (pertanto A 1 A 2 A 3 denota Attributi e domini Assumiamo un universo infinito numerabile U = {A 0, A 1, A 2...} di attributi. Denotiamo gli attributi con A, B, C, B 1, C 1... e gli insiemi di attributi con X, Y, Z, X 1,... per brevità

Dettagli

Fondamenti dei linguaggi di programmazione

Fondamenti dei linguaggi di programmazione Fondamenti dei linguaggi di programmazione Aniello Murano Università degli Studi di Napoli Federico II 1 Riassunto delle lezioni precedenti Prima Lezione: Introduzione e motivazioni del corso; Sintassi

Dettagli

MAX, SUM, AVG, COUNT)

MAX, SUM, AVG, COUNT) INTRODUZIONE A SQL Definizione di tabelle e domini Alcuni vincoli di integrità Struttura base SELECT FROM WHERE Funzioni di aggregazione (MIN, MAX, SUM, AVG, COUNT) Query da più tabelle (FROM R1, Rk) Join

Dettagli

IL LINGUAGGIO SQL IDENTIFICATORI E TIPI DI DATI COMANDI E ISTRUZIONI

IL LINGUAGGIO SQL IDENTIFICATORI E TIPI DI DATI COMANDI E ISTRUZIONI IL LINGUAGGIO SQL Il linguaggio SQL ( Structured Query Languages) è un linguaggio non procedurale che è diventato uno standard tra i linguaggi per la gestione dei database relazionali. Il linguaggio procedurale

Dettagli

Correttezza. Esempi di TRC. AR è esprimibile tramite TRC. AR è esprimibile tramite TRC. AR è esprimibile tramite TRC

Correttezza. Esempi di TRC. AR è esprimibile tramite TRC. AR è esprimibile tramite TRC. AR è esprimibile tramite TRC Esempi di TRC Matricole degli studenti che hanno sostenuto matematica ma non basi di dati { t t1 ESAME, t2 CORSO ( t[matr]=t1[matr] t1[codcorso]=t2[codcorso] t2[titolo]= matematica ) ( t3 ESAME, t4 CORSO

Dettagli

Corso di Laboratorio di Basi di Dati

Corso di Laboratorio di Basi di Dati Corso di Laboratorio di Basi di Dati F1I072 - INF/01 a.a 2009/2010 Pierluigi Pierini Technolabs S.p.a. Pierluigi.Pierini@technolabs.it Università degli Studi di L Aquila Dipartimento di Informatica Technolabs

Dettagli

OR true null false true true true true null true null null false true null false NOT

OR true null false true true true true null true null null false true null false NOT Il linguaggio SQL è un linguaggio standard per la definizione, manipolazione e interrogazione delle basi di dati relazionali ed ha le seguenti caratteristiche: è dichiarativo; opera su multiset di tuple,

Dettagli

MODELLO RELAZIONALE. Introduzione

MODELLO RELAZIONALE. Introduzione MODELLO RELAZIONALE Introduzione E' stato proposto agli inizi degli anni 70 da Codd finalizzato alla realizzazione dell indipendenza dei dati, unisce concetti derivati dalla teoria degli insiemi (relazioni)

Dettagli

BASI DI DATI - : I modelli di database

BASI DI DATI - : I modelli di database BASI DI DATI - : I modelli di database DAL 1960 ci si e' orientati verso 3 direzioni: 1 MODELLO GERARCHICO Se i dati si presentano naturalmente in una struttura ad albero (ES. File System) Limiti: rigidità

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Algebra booleana. Si dice enunciato una proposizione che può essere soltanto vera o falsa.

Algebra booleana. Si dice enunciato una proposizione che può essere soltanto vera o falsa. Algebra booleana Nel lavoro di programmazione capita spesso di dover ricorrere ai principi della logica degli enunciati e occorre conoscere i concetti di base dell algebra delle proposizioni. L algebra

Dettagli

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati Basi di dati Il Modello Relazionale dei Dati Proposto da E. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati Disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981 (non è facile realizzare l indipendenza

Dettagli

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Riccardo Torlone Parte 6: Potenza espressiva del calcolo Calcolo su domini, discussione Pregi: dichiaratività Difetti: "verbosità": tante variabili! espressioni

Dettagli

1 Insiemi e terminologia

1 Insiemi e terminologia 1 Insiemi e terminologia Assumeremo come intuitiva la nozione di insieme e ne utilizzeremo il linguaggio come strumento per studiare collezioni di oggetti. Gli Insiemi sono generalmente indicati con le

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

Normalizzazione. Relazionali

Normalizzazione. Relazionali Normalizzazione di Schemi Relazionali Normalizzazione Forme Normali Una forma normale è una proprietà di uno schema relazionale che ne garantisce la qualità, cioè l assenza di determinati difetti Una relazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D. CASSINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D. CASSINI PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI PRIME NUCLEI TEMATICI E METODOLOGIA. Nucleo 1 Nucleo 2 Nucleo 3 Nucleo 4 Nucleo 5 Ambiente di lavoro (in generale) e linguaggio della matematica Ambiente e linguaggio

Dettagli

nuove voci tutti i giorni, e non si cancellano o aggiornano voci tutti i giorni), non si avverte l esigenza di avvalersi di un sistema informatico.

nuove voci tutti i giorni, e non si cancellano o aggiornano voci tutti i giorni), non si avverte l esigenza di avvalersi di un sistema informatico. LE BASI DI DATI Generalità Un sistema informatico serve ad elaborare informazioni. Esso è giustificato, anzi è necessario, quando le informazioni da memorizzare sono tante e le elaborazioni da eseguirvi

Dettagli

Operatori logici e porte logiche

Operatori logici e porte logiche Operatori logici e porte logiche Operatori unari.......................................... 730 Connettivo AND........................................ 730 Connettivo OR..........................................

Dettagli

Basi di dati. Una visione d insieme. Classificazione. Linguaggi di interrogazione. Algebra relazionale. selezione σ

Basi di dati. Una visione d insieme. Classificazione. Linguaggi di interrogazione. Algebra relazionale. selezione σ a linguaggi formali Classificazione Basi di dati Linguaggi di interrogazione Docente: tefano Paraboschi parabosc@elet.polimi.it Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica b linguaggi

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

Modello Relazionale. Modello Relazionale. Relazioni - Prodotto Cartesiano. Relazione: tre accezioni. Es. Dati gli insiemi

Modello Relazionale. Modello Relazionale. Relazioni - Prodotto Cartesiano. Relazione: tre accezioni. Es. Dati gli insiemi Modello Relazionale Modello Relazionale Proposto agli inizi degli anni 70 da Codd Finalizzato alla realizzazione dell indipendenza dei dati Unisce concetti derivati dalla teoria degli insiemi (relazioni)

Dettagli

MATLAB. Caratteristiche. Dati. Esempio di programma MATLAB. a = [1 2 3; 4 5 6; 7 8 9]; b = [1 2 3] ; c = a*b; c

MATLAB. Caratteristiche. Dati. Esempio di programma MATLAB. a = [1 2 3; 4 5 6; 7 8 9]; b = [1 2 3] ; c = a*b; c Caratteristiche MATLAB Linguaggio di programmazione orientato all elaborazione di matrici (MATLAB=MATrix LABoratory) Le variabili sono matrici (una variabile scalare equivale ad una matrice di dimensione

Dettagli

SQL - Funzioni di gruppo

SQL - Funzioni di gruppo una funzione di gruppo permette di estrarre informazioni da gruppi di tuple di una relazione le funzioni di gruppo si basano su due concetti: partizionamento delle tuple di una relazione in base al valore

Dettagli

Informatica. Sintassi. Interrogazioni in SQL. Significato dell interrogazione. Tabella Impiegato. Basi di dati parte 4 SQL

Informatica. Sintassi. Interrogazioni in SQL. Significato dell interrogazione. Tabella Impiegato. Basi di dati parte 4 SQL Informatica Basi di dati parte 4 SQL Lezione 13 Laurea magistrale in Scienze della mente Laurea magistrale in Psicologia dello sviluppo e dell'educazione Anno accademico: 2012 2013 1 Interrogazioni in

Dettagli

Elementi di semantica operazionale

Elementi di semantica operazionale Elementi di semantica operazionale 1 Contenuti sintassi astratta e domini sintattici un frammento di linguaggio imperativo semantica operazionale domini semantici: valori e stato relazioni di transizione

Dettagli

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche

Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche Calcolatori: Algebra Booleana e Reti Logiche 1 Algebra Booleana e Variabili Logiche I fondamenti dell Algebra Booleana (o Algebra di Boole) furono delineati dal matematico George Boole, in un lavoro pubblicato

Dettagli

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA CAMPO DI ESPERIENZA: LA CONOSCENZA DEL MONDO (ordine, misura, spazio, tempo, natura) È l'ambito relativo all'esplorazione, scoperta e prima sistematizzazione delle conoscenze

Dettagli

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Riccardo Torlone Parte 7: Datalog Calcolo e algebra relazionale: limiti Calcolo e algebra sono sostanzialmente equivalenti: l'insieme di interrogazioni con essi

Dettagli

SQL seconda parte D O C E N T E P R O F. A L B E R T O B E L U S S I. Anno accademico 2012/13

SQL seconda parte D O C E N T E P R O F. A L B E R T O B E L U S S I. Anno accademico 2012/13 SQL seconda parte D O C E N T E P R O F. A L B E R T O B E L U S S I Anno accademico 2012/13 Interrogazioni nidificate Interrogazioni nidificate 2 Si ottiene una interrogazione nidificata quando un interrogazione

Dettagli

I sistemi di numerazione

I sistemi di numerazione I sistemi di numerazione 01-INFORMAZIONE E SUA RAPPRESENTAZIONE Sia dato un insieme finito di caratteri distinti, che chiameremo alfabeto. Utilizzando anche ripetutamente caratteri di un alfabeto, si possono

Dettagli

Partite string string int int. Perché studiare il Modello Relazionale? Capitolo 2. Relazione: tre accezioni. Basi di dati relazionali: definizioni

Partite string string int int. Perché studiare il Modello Relazionale? Capitolo 2. Relazione: tre accezioni. Basi di dati relazionali: definizioni Perché studiare il Modello Relazionale? Capitolo 2 Il modello relazionale È il modello più largamente usato Produttori: IBM, Informix, Microsoft, Oracle, Sybase, etc. Sistemi proprietari nei modelli più

Dettagli

Modulo 2 Data Base 2

Modulo 2 Data Base 2 Modulo 2 Data Base 2 Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della comunicazione Informatica generale Docente: Angela Peduto A.A. 2004/2005 Relazioni: riepilogo Relazione : concetto

Dettagli

Dispensa del corso di Informatica

Dispensa del corso di Informatica Dispensa 6-Boolean 1 Algebra Booleana Dispensa del corso di Informatica La logica George Boole (1815 1864) è stato un matematico e logico britannico, ed è considerato il padre fondatore della logica matematica.

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze Sviluppare un atteggiamento positivo nei confronti della matematica. Obiettivi di apprendimento NUMERI Acquisire

Dettagli

Archivi e Basi di Dati

Archivi e Basi di Dati Archivi e Basi di Dati A B C File Programma 1 Programma 2 A B C File modificati Programma 1 DBMS DB Programma 2 Informatica Generale (CdL in E&C), A.A. 2000-2001 55 Problemi nella gestione di archivi separati

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AVANZATI -2010/2011 1. Introduzione

SISTEMI INFORMATIVI AVANZATI -2010/2011 1. Introduzione SISTEMI INFORMATIVI AVANZATI -2010/2011 1 Introduzione In queste dispense, dopo aver riportato una sintesi del concetto di Dipendenza Funzionale e di Normalizzazione estratti dal libro Progetto di Basi

Dettagli

ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL

ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL prof Carmine Napoli Introduzione Database: Si definisce Database un insieme di dati, di solito di notevoli dimensioni, raccolti, memorizzati ed organizzai in modo

Dettagli

Teoria sulle basi di dati

Teoria sulle basi di dati Teoria sulle basi di dati Introduzione alle basi di dati Una base di dati (database) può essere considerata come una raccolta di dati logicamente correlati, utilizzata per modellare una realtà. I dati

Dettagli

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei Introduzione Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei. ESEMPI DI INSIEMI DI DATI DA ORGANIZZARE ED USARE IN MANIERA EFFICIENTE Introduzione Più utenti con

Dettagli

Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense

Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense INTRODUZIONE Una base di dati è una collezione di dati (fatti noti) che ha le seguenti proprietà: - rappresenta un aspetto del mondo reale (Universo

Dettagli

I Problemi e la loro Soluzione. Il Concetto Intuitivo di Calcolatore. Risoluzione di un Problema. Esempio

I Problemi e la loro Soluzione. Il Concetto Intuitivo di Calcolatore. Risoluzione di un Problema. Esempio Il Concetto Intuitivo di Calcolatore Fondamenti di Informatica A Ingegneria Gestionale Università degli Studi di Brescia Docente: Prof. Alfonso Gerevini I Problemi e la loro Soluzione Problema: classe

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Introduzione a Python Dottore Paolo Parisen Toldin - parisent@cs.unibo.it Argomenti trattati Che cosa è python Variabili Assegnazione Condizionale Iterazione in una lista di

Dettagli

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione. Scienze della Comunicazione Università di Salerno. INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione. Scienze della Comunicazione Università di Salerno. INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno : (1) Interrogazioni semplici INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Scienze della Comunicazione

Dettagli

ELABORAZIONE di GRAFICI di FUNZIONI

ELABORAZIONE di GRAFICI di FUNZIONI ELABORAZIONE di GRAFICI di FUNZIONI Prerequisiti: Obiettivi: conoscenza dell ambiente piano cartesiano saper mettere in relazione le coppie di numeri reali con punti del piano cartesiano conoscenze di

Dettagli

APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE

APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE pag. 131 Appendice: Nozioni base e varie G. Gerla APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE 1. Funzioni e relazioni di equivalenza Questi appunti sono rivolti a persone che abbiano già una conoscenza elementare della

Dettagli

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI Istituto di Istruzione Superiore Euganeo Istituto tecnico del settore tecnologico Istituto professionale del settore servizi socio-sanitari Istituto professionale del settore industria e artigianato PROGRAMMA

Dettagli

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1 Modello relazionale E fondato sul concetto matematico di relazione tra insiemi di oggetti Una relazione su n insiemi A1, A2,..,An è un sottoinsieme di tutte le n-uple a1,a2,,an che si possono costruire

Dettagli

Algoritmi, dati e programmi

Algoritmi, dati e programmi 1 Algoritmi, dati e programmi 2 Informatica Informatica: Scienza che studia l informazione e la sua elaborazione. informazione rappresentazione dell informazione (dati) dati elaborazione dei dati tramite

Dettagli

Lezione 1. Gli Insiemi. La nozione di insieme viene spesso utilizzata nella vita di tutti i giorni; si parla dell insieme:

Lezione 1. Gli Insiemi. La nozione di insieme viene spesso utilizzata nella vita di tutti i giorni; si parla dell insieme: Lezione 1 Gli Insiemi La nozione di insieme viene spesso utilizzata nella vita di tutti i giorni; si parla dell insieme: degli iscritti ad un corso di laurea delle stelle in cielo dei punti di un piano

Dettagli

STRINGHE di un ALFABETO. Consideriamo un alfabeto di simboli V V è un insieme finito e non vuoto. Alfabeto della lingua inglese I={a,b,c,..

STRINGHE di un ALFABETO. Consideriamo un alfabeto di simboli V V è un insieme finito e non vuoto. Alfabeto della lingua inglese I={a,b,c,.. STRINGHE di un ALFABETO Consideriamo un alfabeto di simboli V V è un insieme finito e non vuoto Alfabeto binario A={0,1} Alfabeto della lingua inglese I={a,b,c,..z} Stringhe o parole Gli elementi di V

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZA 1 UTILIZZARE CON SICUREZZA LE TECNICHE E LE PROCEDURE DI CALCOLO ARITMETICO SCRITTO E MENTALE CON RIFERIMENTO A CONTESTI REALI Stabilire

Dettagli

disponibili nel pacchetto software.

disponibili nel pacchetto software. Modulo syllabus 4 00 000 00 0 000 000 0 Modulo syllabus 4 DATABASE 00 000 00 0 000 000 0 Richiede che il candidato dimostri di possedere la conoscenza relativa ad alcuni concetti fondamentali sui database

Dettagli