Valle d Aostad. REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA Assessorato Agricoltura e Risorse naturali - Dipartimento Risorse Naturali - Servizio Aree Protette

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valle d Aostad. REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA Assessorato Agricoltura e Risorse naturali - Dipartimento Risorse Naturali - Servizio Aree Protette"

Transcript

1 Valle d Aostad La in natura Aree Protette Il sistema delle Il sistema delle aree protette in Valle d Aosta è composto dal Parco Nazionale del Gran Paradiso, dal Parco Naturale del Mont Avic e da nove riserve naturali. Il Gran Paradiso, il più antico parco naturale italiano, si estende su circa 70 mila ettari di territorio distribuiti quasi equamente tra Piemonte e Valle d Aosta. Il Parco Naturale del Mont Avic, istituito con legge regionale nel 1989, ospita la più ampia foresta di Pino uncinato della regione. Le nove riserve naturali, quasi tutte di modesta estensione, permettono la salvaguardia di biotopi di elevato valore naturalistico quali torbiere, aree xerotermiche, laghi alpini e stagni. Queste aree, tutelate ai sensi della legge regionale 30 luglio 1991, n. 30, rappresentano solo una parte del patrimonio naturale valdostano, estremamente ricco, costituito da siti, spesso sconosciuti ai più, di notevole interesse geomorfologico, vegetazionale e faunistico. BUONA VISITA! Loc. Amérique, 127/A Quart Tel Fax Copyright tutti i diritti riservati Servizio Aree Protette - R.A.V.A.

2 I Parchi in Valle d Aostad Parco Nazionale Gran Paradiso Parco naturale Regionale Mont Avic.

3 Parco Nazionale Gran Paradiso Il Parco Nazionale del Gran Paradiso, primo parco nazionale italiano, abbraccia un vasto territorio di alte montagne, fra gli 800 metri dei fondovalle e i 4061 metri della vetta del Gran Paradiso Il territorio del Parco, a cavallo tra Piemonte e Valle d'aosta, si estende su circa ettari di territorio in un ambiente di tipo prevalentemente alpino: le montagne del gruppo sono state in passato incise e modellate da grandi ghiacciai e dai torrenti fino a creare le attuali vallate Nei boschi dei fondovalle gli alberi più frequenti sono i larici, misti agli abeti rossi, pini cembri e più raramente all'abete bianco. A mano a mano che si sale lungo i versanti gli alberi lasciano lo spazio ai vasti pascoli alpini, ricchi di fiori nella tarda primavera. Salendo ancora sono le rocce e i ghiacciai che caratterizzano il paesaggio, fino ad arrivare alle cime più alte del massiccio che toccano i 4000 metri proprio con quella del Gran Paradiso Tra i fiori più caratteristici e rari del Parco bisogna ricordare: la Potentilla pensylvanica, l'astragalus alopecurus, l'aethionema thomasianum, la Linnaea borealis, il Paradisea liliastrum, uno splendido giglio bianco che da il nome allo storico Giardino botanico alpino di Paradisa La fauna del Parco è molto ricca e varia e annovera gran parte delle specie presenti sulle Alpi. E' difficile compiere un'escursione lungo i sentieri dell'area protetta senza fare interessanti osservazioni di animali, spesso visibili anche a poca distanza come camosci, marmotte e stambecchi Copyright tutti i diritti riservati Servizio Aree Protette - R.A.V.A

4 Parco Naturale Mont Avic Il Parco del Mont Avic, primo parco naturale valdostano, è stato istituito nell'ottobre 1989 al fine di conservare le risorse naturali presenti nella medio-alta valle del Torrente Chalamy (comune di Champdepraz) dove sono presenti oltre 30 specchi d'acqua e numerose torbiere ospitanti una flora relitta estremamente interessante Aspetti naturali: peculiari formazioni geologiche; endemismi floristici alpini e associazioni vegetali legate al substrato delle pietre verdi; decine di specchi d'acqua, di acquitrini e torbiere che non hanno eguali per numero ed estensione in Valle d'aosta; una fauna rappresentata da tutti i più noti animali a diffusione alpina presenti nella regione La vegetazione del Parco e rappresentata da un gran numero di zone umide, nonché di abbondanti affioramenti di serpentiniti, rocce che danno origine a suoli poveri e poco profondi. L'area protetta è caratterizzata da paesaggi vegetali insoliti a livello regionale, fra i quali spicca la più vasta foresta di pino uncinato presente in Valle d'aosta; questa conifera, poco diffusa sulle Alpi italiane Su richiesta dell'amministrazione comunale di Champorcher, la Regione Autonoma Valle d'aosta nel maggio 2003 ha approvato l'inclusione dell'alto vallone di Dondena nell'area protetta, portando a complessivi 5747 ettari la superficie del Parco Copyright tutti i diritti riservati Servizio Aree Protette - R.A.V.A

5 La Valle d Aosta e le sue Riserve naturali Côte de Gargantua Lago di Lolair Lago di Villa Les Iles Marais di Morgex e La Salle Mont Mars Stagno di Holay Stagno di Lozon Tsatelet

6 Lago di Lolair Anno di istituzione 1993 Comune Arvier Superficie 15 ettari Altitudine m Sorveglianza Stazione Forestale di Arvier Ambiente Ecosistema di bassa montagna formato da una zona umida inserita in una conca glaciale, allungata lungo il versante orografico sinistro della Valgrisenche e caratterizzata da pendii nettamente xerotermici L area protetta ospita rettili, quali la Natrice dal collare e il Biacco, anfibi e una notevole varietà di insetti. Le acque del lago sono particolarmente ricche di organismi planctonici, sanguisughe e larve di Ditteri Flora La vegetazione delle zone aride è pseudosteppica con la più ricca stazione alpina della rarissima Potentylla pensylvanica. Il versante soleggiato è dominato dal Pino silvestre e dai cespugli di Ginepro sabina mentre attorno al lago si possono osservare rari esemplari di Carici

7 Côte de Gargantua Anno di istituzione1993 Comune di Gressan Superficie 19 ettari Altitudine metri Sorveglianza Stazione Forestale di Aosta Ambiente Testimonianza ben conservata dei depositi dei ghiacciai quaternari wurmiani sul fondovalle principale. Relitto di area xerotermica di fondovalle è costituita in prevalenza da rettili, uccelli e piccoli roditori. Particolarmente ricca è l entomofauna; la riserva ospita numerose specie di lepidotteri e coleotteri tipici degli ambienti aridi. La flora Le caratteristiche xerotermiche dell area protetta offrono un ambiente adatto a rare piante di origine steppica, quali l Artemisia vallesiaca e l Astro spillo d oro, o mediterranea come la Linaria simplex.

8 Lago di Villa Anno di istituzione 1992 Comune di Challand-Saint-Victor Superficie 25 ettari / Altitudine m Sorveglianza Stazione Forestale di Vérres Ambiente Bacino lacustre-torboso di bassa montagna caratterizzato da un netto contrasto tra l ambiente palustre del lago e delle zone perilacustri e l ambiente arido circostante La riserva rappresenta la principale stazione riproduttiva a livello regionale per il Rospo comune. Tra i rettili sono presenti la Lucertola muraiola e il Biacco mentre la fauna ittica è costituita da Ciprinidi e da anguille Flora Le acque del lago ospitano due piante natanti molto rare in Valle d Aosta, la Ninfea bianca e il Poligono anfibio. Il canneto è costituito in prevalenza dalla Cannuccia di palude; la vegetazione arborea è formata da boschetti igrofili presso le rive e boscaglia a Pino silvestre e Roverella sui soleggiati pendii circostanti

9 Ambiente Les Iles Anno di istituzione 1995 Comuni di Saint-Marcel, Brissogne, Quart, Nus Superficie 35,4 ettari / Altitudine m Sorveglianza Stazione Forestale di Nus Ambiente ripario della media valle centrale, situato in una zona anticamente occupata da un meandro del fiume, caratterizzato dalla presenza di due laghi di cava con rive in gran parte rinaturalizzate La riserva è il più importante sito regionale di sosta e di alimentazione per l avifauna migratrice; numerose sono anche le specie nidificanti. Sono presenti anfibi, rettili e, nelle acque dei laghi, tinche e lucci Flora La vegetazione, rappresentativa dell antico paesaggio ripario, ormai scomparso in quasi tutta la valle, è costituita dalla Cannuccia di palude, da giunchi, carici e alcune piante di particolare pregio come la Typha minima

10 Marais Anno di istituzione 1992 Comuni Morgex, La Salle Superficie 8 ettari Altitudine metri Sorveglianza Stazione Forestale di Morgex Ambiente Zona umida posta a ridosso del versante destro orografico della Valle d Aosta, creata in seguito allo sbarramento idroelettrico di un tratto della Dora Baltea La riserva rappresenta un area di sosta e nidificazione per numerose specie di uccelli acquatici quali anatidi, ardeidi, svassi e folaghe. Sono presenti inoltre uccelli rapaci in cerca di prede, pesci, anfibi e rettili delle zone umide Flora Ampiamente diffusi il bosco igrofilo di ripa, costituito in prevalenza da Ontano bianco, Pioppo tremolo e Salice bianco, e il canneto caratterizzato soprattutto dalla Cannuccia di palude Assessorato Agricoltura e Risorse naturali - Dipartimento Risorse Naturali Servizio - Aree Protette

11 Mont Mars Anno di istituzione 1993 Comune Fontainemore Superficie 390 ettari Altitudine metri Sorveglianza Stazione Forestale di Gaby Ambiente Paesaggio subalpino e alpino in condizione di elevata naturalità, caratterizzato da boschi alternati a pascoli e praterie alpine, pietraie e pareti roccciose, laghi e zone umide La fauna è quella tipica della montagna valdostana, con presenza di Lepre, Camoscio e Ermellino. Tra gli uccelli è possibile osservare l Aquila reale, la Pernice bianca e il Corvo imperiale Flora la varietà degli ambienti e l alternanza di substrati acidi e basici determinano la notevole ricchezza floristica della riserva. Il piano subalpino è dominato dal Larice e da un sottobosco di Rododendri e Mirtilli mentre le zone umide attorno ai laghi ospitano Carici e Eriofori Assessorato Agricoltura e Risorse naturali - Dipartimento Risorse Naturali Servizio - Aree Protette

12 Stagno di Holay Anno di istituzione 1993 Comune Pont-Saint-Martin Superficie 1,5 ettari Altitudine metri Sorveglianza Stazione Forestale di Pont-Saint-Martin Ambiente Zona umida di dimensioni estremamente ridotte e di elevato pregio naturalistico per la presenza di flora e fauna relitte, uniche o molto rare in Valle d Aosta La riserva accoglie numerose specie di rettili e anfibi, alcuni dei quali molto rari Flora La vegetazione della zona umida è formata in prevalenza da Cannuccia di palude e Lisca maggiore. L area protetta è l unica stazione valdostana nota di Salcerella erba-portula e di Nontiscordardime dei canneti Assessorato Agricoltura e Risorse naturali - Dipartimento Risorse Naturali Servizio - Aree Protette

13 Stagno di Lozon Anno di istituzione 1993 Comune Verrayes Superficie 4 ettari Altitudine metri Sorveglianza Stazione Forestale di Châtillon Ambiente Stagno in avanzato stato di interramento, collocato su un terrazzo glaciale, nel cuore di una regione arida. E l ambiente floristico igrofilo più interessante della Valle d Aosta, e tra i più ricchi delle Alpi, per varietà e rarità di specie Il lago ospita una ricca popolazione zooplanctonica, con oltre trenta specie segnalate, numerosi invertebrati quali larve di Libellule e Efemerotteri, anfibi quali il Rospo comune e la Rana rossa Flora Nella riserva sono presenti quindici diverse associazioni vegetali e quasi un centinaio di specie palustri, di cui alcune molto rare o uniche in Valle d Aosta, quali la Drosera rotundifolia e l Utricularia minor Assessorato Agricoltura e Risorse naturali - Dipartimento Risorse Naturali Servizio - Aree Protette

14 Tsatelet Anno di istituzione 1993 ComuniAosta, Saint-Christophe Superficie 14 ettari Altitudine metri Sorveglianza Stazione Forestale di Aosta Ambiente: Area di notevole interesse geomorfologico e archeologico con aspetti paesaggistici tipici dei versanti di bassa montagna a esposizione meridionale. Nel tardo neolitico, circa 3000 a.c., un insediamento umano occupava la sommità della collina. : La collina costituisce un ottimo punto di osservazione del volo di uccelli durante i periodi migratori, in particolare di alcuni rapaci e corvidi. La riserva ospita inoltre mammiferi, rettili e diverse specie di invertebrati. Flora: Le caratteristiche climatiche della zona favoriscono lo sviluppo di una vegetazione tipicamente xerofila caratterizzata, in prevalenza, da bosco di Roverella e piante di origine steppica. Assessorato Agricoltura e Risorse naturali - Dipartimento Risorse Naturali Servizio - Aree Protette

scaricato da www.risorsedidattiche.net

scaricato da www.risorsedidattiche.net Verifica di Geografia (Il Piemonte) Nome e cognome Classe Data 1. Da che cosa deriva il nome Piemonte? 2. Con quali stati e regioni confina? 3. Il Piemonte è una delle regioni italiane che: ha uno sbocco

Dettagli

SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA

SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA È guida ambientale escursionistica chi, per professione, accompagna persone singole o gruppi di persone nella visita

Dettagli

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 Area Protetta Provinciale GIARDINO BOTANICO MONTANO PRATORONDANINO Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 2 PRESENTAZIONE Il Giardino Botanico di Pratorondanino, ideato nel 1979

Dettagli

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele.

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea La macchia mediterranea si chiama così perché é formata da vegetazione che ama i terreni asciutti, il sole, molta luce, un

Dettagli

Piano Integrato Transfrontaliero Marittime Mercantour. Seminario di studi IRES AISRe. Sala Conferenze IRES Piemonte Via Nizza 18, Torino

Piano Integrato Transfrontaliero Marittime Mercantour. Seminario di studi IRES AISRe. Sala Conferenze IRES Piemonte Via Nizza 18, Torino Piano Integrato Transfrontaliero Marittime Mercantour L APPROCCIO INTEGRATO ALLA PIANIFICAZIONE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE DELLE AREE PROTETTE: IL CASO DEL PARCO NATURALE DELLE ALPI MARITTIME Angela

Dettagli

Lunedì 24 marzo -Passeggiando tra canneti e specchi d acqua- Le Torbiere del Sebino: una Riserva Naturale a pochi passi da casa

Lunedì 24 marzo -Passeggiando tra canneti e specchi d acqua- Le Torbiere del Sebino: una Riserva Naturale a pochi passi da casa Lunedì 24 marzo -Passeggiando tra canneti e specchi d acqua- Le Torbiere del Sebino: una Riserva Naturale a pochi passi da casa Attività presso il Centro Accoglienza Visitatori Riserva Naturale Torbiere

Dettagli

Ente Parco Naturale Mont Avic

Ente Parco Naturale Mont Avic Assessorato agricoltura e risorse naturali Aree protette Parco Naturale Mont Avic Il Parco Naturale Mont Avic comprende la medio-alta valle del torrente Chalamy e l alta valle di Champorcher. Più di un

Dettagli

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS Buone pratiche di gestione e conservazione degli habitat agricoli Stefania Mandrone ISPRA Settore Gestione Agroecosistemi Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS L Aquila 7 Marzo

Dettagli

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Titolo dello studio: Atti del Convegno-Seravella 2.3.2001 sulla biodiversità coltivata Titolo dello studio: Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua nel territorio

Dettagli

L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA.

L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA. L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA. MARI: SI TROVA AL CENTRO DEL MAR MEDITERRANEO I MARI CHE LA BAGNANO SONO : MAR LIGURE, MAR

Dettagli

Gli ecosistemi naturali del Tevere.

Gli ecosistemi naturali del Tevere. Gli ecosistemi naturali del Tevere. Il tratto Marconi Ostiense San Paolo Alessia Cerqua In questo tratto fluviale, caratterizzato dalla presenza di sponde naturali, la vegetazione ripariale presente appare

Dettagli

PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA

PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA PROGETTI EDUCATIVI PRESSO IL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PELOBATES DI SPINEA Il progetto prevede la valorizzazione delle strutture del CEA Pelobates e degli aspetti naturalistici ed ambientali dell

Dettagli

- che attualmente il Lazio è interessato da 6 aree protette nazionali e da 69 aree protette regionali

- che attualmente il Lazio è interessato da 6 aree protette nazionali e da 69 aree protette regionali OGGETTO: PROPOSTA DI ISTITUZIONE DEL MONUMENTO NATURALE ''LAGHETTO IN LOC. SEMBLERA MONTEROTONDO SCALO'' AI SENSI DELL'ART. 6 DELLA LEGGE REGIONALE 6 OTTOBRE 1997 N. 29 E SS.MM.II. - APPROVAZIONE DELLA

Dettagli

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Fiemme

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Fiemme L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Fiemme Tesero, 27 novembre 2014 Dott. Franco Rizzolli (MUSE) Dott. Angela

Dettagli

Daniele Valfrè Guardiaparco, Riserva Naturale Montagne della Duchessa

Daniele Valfrè Guardiaparco, Riserva Naturale Montagne della Duchessa Lo scorso mese di maggio una delegazione della Regione Lazio, composta da dirigenti, naturalisti e guardiaparco, si è recata in visita ufficiale presso alcuni Parchi Nazionali ucraini, nell area dei Carpazi,

Dettagli

I parchi naturali. Fulco Pratesi DIFENSORI DELLA NATURA 384 PERCORSO INTERDISCIPLINARE: L AMBIENTE

I parchi naturali. Fulco Pratesi DIFENSORI DELLA NATURA 384 PERCORSO INTERDISCIPLINARE: L AMBIENTE DIFENSORI DELLA NATURA I parchi naturali Fulco Pratesi Notizie Un parco naturale è una zona di estensione variabile, ove si sul testo trovano riunite diverse caratteristiche naturali di elevata importanza,

Dettagli

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI La vegetazione dei Monti Simbruini FOTO VEGETAZIONE MONTI SIMBRUINI APPUNTI Il massiccio calcareo dei Monti Simbruini presenta una ben conservata copertura forestale, che occupa il 75% dell intero areale

Dettagli

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi Il clima della Valle d Aosta Precipitazioni durante l alluvione del 2000 Temperature estreme registrate in Valle d Aosta Il ruolo delle montagne

Dettagli

Macroambito G Il territorio dei Parchi Nazionali

Macroambito G Il territorio dei Parchi Nazionali Macroambito G Il territorio dei Parchi Nazionali Il macro ambito coincide a Nord, per tutta la sua lunghezza, con l alto corso del Fiume Chienti dalla sorgente fino alla località Caccamo, in Comune di

Dettagli

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014 CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI Via IV Novembre, 9 20043 ARCORE Tel. 039-6012956 cell. 3479471002 www.cea-arcore.com e-mail: cea.arcore@gmail.com GITA alla ROSA DEI BANCHI 3163 M E MONT GLACIER 3182 M VAL

Dettagli

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA ANIMALE Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano A cura di: Dott. Alberto Meriggi

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato

Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato Dott. Marco Panella Ufficio per la Biodiversità Corpo Forestale dello Stato m.panella@corpoforestale.it * * 2 * * 3

Dettagli

CONFRONTO PARCO ALTO MILANESE E PARCO DEI CORNI DI CANZO

CONFRONTO PARCO ALTO MILANESE E PARCO DEI CORNI DI CANZO CONFONTO PACO ALTO LANESE E PACO DE CON D CANZO SVOLTO DALLA 2 Lavoro svolto da: atteo Foroni, ario Nebuloni, Cinotti Filippo, Claudio Giugnoli, Sofia imoldi, Vanessa Divone 2^ appa Esseri Viventi Parco

Dettagli

DOLOMITI FRIULANE. Trekking. 27-30 Agosto 2015

DOLOMITI FRIULANE. Trekking. 27-30 Agosto 2015 Trekking ANELLO DELLE DOLOMITI FRIULANE 27-30 Agosto 2015 Trekking ad anello in senso orario di 4 giorni all interno delle Dolomiti Friulane, tra guglie vertiginose e prati assolati. L itinerario attraversa

Dettagli

61 Ghiacciaio della Capra

61 Ghiacciaio della Capra IT4L01451010 61 Ghiacciaio della Capra Gruppo montuoso: Gran Paradiso, Alpi Graie, Alpi Occidentali Bacino idrografico: Lago Serrù, Orco, PO Comune: Ceresole Reale, Torino, Piemonte, Italia DOVE SI TROVA

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO PENISOLA LARIANA CONSUNTIVO ISTITUTI A REGOLAMENTAZIONE SPECIALE

COMPRENSORIO ALPINO PENISOLA LARIANA CONSUNTIVO ISTITUTI A REGOLAMENTAZIONE SPECIALE COMPRENSORIO ALPINO PENISOLA LARIANA CONSUNTIVO ISTITUTI A REGOLAMENTAZIONE SPECIALE Confini: Settori: il Comprensorio Alpino è delimitato a nord e sui due lati dalle acque del Lario; a sud dal confine

Dettagli

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione.

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Destinatario: alunno con deficit cognitivo di grado lieve e sindrome ipercinetica da danno cerebrale lieve

Dettagli

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Workshop AIDAP: Classificare per Innovare la Gestione delle Aree Protette Torino 19 Maggio 2008 Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Andare oltre i confini L esperienza del Parco

Dettagli

Il crinale tosco emiliano Comunalie interessate : Montegroppo, Groppo, Boschetto, Tombeto

Il crinale tosco emiliano Comunalie interessate : Montegroppo, Groppo, Boschetto, Tombeto Il crinale tosco emiliano Comunalie interessate : Montegroppo, Groppo, Boschetto, Tombeto Lunghezza: 9.800 metri Durata media:6 7 ore Livello di difficoltà: medio facile Splendidi boschi di faggi, interrotti

Dettagli

Ambienti rurali costieri

Ambienti rurali costieri Lo Specchio rurale A cura di Sandro Gentilini Paesaggio rurale Appunti didattici (Coltivi ai margini della laguna di Grado in località Belvedere) Introduzione Aspetti ecologici Aspetti paesaggistici Aspetti

Dettagli

COMUNE DI PESCAGLIA Provincia di Lucca PIANO STRUTTURALE

COMUNE DI PESCAGLIA Provincia di Lucca PIANO STRUTTURALE COMUNE DI PESCAGLIA Provincia di Lucca PIANO REGOLATORE GENERALE PIANO STRUTTURALE L.R. 16 gennaio 1995 n 5 art. 24 VALUTAZIONE DELL'INCIDENZA DEL PIANO STRUTTURALE DEL COMUNE DI PESCAGLIA IN RELAZIONE

Dettagli

Piano d'azione per l'ambiente roccioso montano, collinare e insulare

Piano d'azione per l'ambiente roccioso montano, collinare e insulare Piano d'azione della per la biodiversità Piano d'azione per l'ambiente roccioso montano, collinare e insulare Descrizione Gli habitat rocciosi a causa dell'acclività, di elementi e fattori climatici proibitivi,

Dettagli

Primi risultati dei monitoraggi su avifauna ed erpetofauna

Primi risultati dei monitoraggi su avifauna ed erpetofauna Area d indagine WSTORE2 - LIFE11 ENV/IT/035 Reconciling agriculture with environment through a new water governance in coastal and saline areas Azione C1 Monitoring impact on environmental problem Primi

Dettagli

PROPOSTE PER L EDUCAZIONE

PROPOSTE PER L EDUCAZIONE CONSORZIO PARCO REGIONALEDEI LAGHI DI SUVIANA EBRAS PROPOSTE PER L EDUCAZIONE AMBIENTALE DEL PARCO REGIONALE DEI LAGHI DI SUVIANA E BRASIMONE PER L ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Le proposte del Parco dei Laghi

Dettagli

Descrizioni dei siti Smeraldo in Svizzera italiana

Descrizioni dei siti Smeraldo in Svizzera italiana Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell'ambiente UFAM Descrizioni dei siti Smeraldo in Svizzera italiana Stato 30.11. 2012 CH11

Dettagli

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra Segonzano 25 novembre 2014 Michele Caldonazzi ALBATROS S.r.l. 1. Recupero

Dettagli

Italia del nord verso est Nord: Trentino Alto Adige- Austria Sud: Emilia Romagna Est: Friuli Venezia Giuliamare. Ovest: Lombardia

Italia del nord verso est Nord: Trentino Alto Adige- Austria Sud: Emilia Romagna Est: Friuli Venezia Giuliamare. Ovest: Lombardia POSIZIONE E CONFINI Italia del nord verso est Nord: Trentino Alto Adige- Austria Sud: Emilia Romagna Est: Friuli Venezia Giuliamare Adriatico Ovest: Lombardia Montuoso (29%), collinare (14%), pianeggiante

Dettagli

Comune di BRUGNERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE V A R I AN T E 50. (Revisione dei vincoli e altro) VERIFICA DELLA SIGNIFICATIVITÀ DI INCIDENZA

Comune di BRUGNERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE V A R I AN T E 50. (Revisione dei vincoli e altro) VERIFICA DELLA SIGNIFICATIVITÀ DI INCIDENZA Comune di BRUGNERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Pianif. Terr. G. VELCICH V A R I AN T E 50 (Revisione dei vincoli e altro) VERIFICA DELLA SIGNIFICATIVITÀ DI INCIDENZA SU SIC / ZPS 1 1. SIC/ZPS della

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

Azioni di conservazione. Pagina 1

Azioni di conservazione. Pagina 1 realizzabili (= Prati Pr 1 Tutelare i prati da fieno e gestire i prati con modalità attente alle esigenze di tutela della fauna senza costo; a carico dei privati che accedono ai fondi PSR Pr 2 Controllare

Dettagli

NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO

NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO Parco Lombardo della Valle del Ticino 91410 ettari suddivisi in: 22.249 Parco Naturale 69.161 Parco Regionale

Dettagli

L OASI DEL BARANT E IL GIARDINO BOTANICO ALPINO BRUNO PEYRONEL. Di Anita Vittoria Tarascio CAI UGET VALPELLICE

L OASI DEL BARANT E IL GIARDINO BOTANICO ALPINO BRUNO PEYRONEL. Di Anita Vittoria Tarascio CAI UGET VALPELLICE L OASI DEL BARANT E IL GIARDINO BOTANICO ALPINO BRUNO PEYRONEL Di Anita Vittoria Tarascio CAI UGET VALPELLICE L Oasi del Barant é situata a quota 2.323 m. al colle Barant,nel territorio di Bobbio, in Val

Dettagli

1. La Direttiva «Habitat» 1

1. La Direttiva «Habitat» 1 1. La Direttiva «Habitat» 1 1.1 Introduzione Il 21 maggio 1992 la Commissione Europea ha deliberato la «Direttiva relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della

Dettagli

Région Autonome Vallée d Aoste. Commune d Etroubles. là où force et beauté se conjuguent RILEVANZA ECONOMICO-SOCIALE DEL PROGETTO

Région Autonome Vallée d Aoste. Commune d Etroubles. là où force et beauté se conjuguent RILEVANZA ECONOMICO-SOCIALE DEL PROGETTO Région Autonome Vallée d Aoste Commune d Etroubles là où force et beauté se conjuguent RILEVANZA ECONOMICO-SOCIALE DEL PROGETTO RETOMBÉES ÉCONOMIQUES ET SOCIALES DU PROJET POUR LA COMMUNAUTÉ D ETROUBLES

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante.

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante. AIRONE BIANCOMAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. Più grande degli altri ardeidi bianchi (dimensioni del cenerino) ha un caratteristico sopracciglio verdastro AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore,

Dettagli

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - pag. 1 ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI PARTE 1 a - ANALISI 1 FLORA E VEGETAZIONE Dati disponibili che verranno utilizzati per il presente lavoro: Documento anno Note, possibilità

Dettagli

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30. Itinerari 1) GOUTA: boschi di conifere, prati, quota 1.100 m Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Dettagli

Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO

Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO Sin dalla sua costituzione (1994) il Museo fornisce un servizio di consulenza e informazione sui principali aspetti ambientali e naturalistici

Dettagli

CALENDARIO 2008 DI TURISMO EQUESTRE E ATTACCHI

CALENDARIO 2008 DI TURISMO EQUESTRE E ATTACCHI CALENDARIO 2008 DI TURISMO EQUESTRE E ATTACCHI Affiliata FISE Trekking Viaggi Corsi Gare - Manifestazioni L'A.R.T.E. Attacchi si riserva la facoltà di apportare modifiche al presente calendario, in relazione

Dettagli

Garzaia di Pomponesco

Garzaia di Pomponesco Comune di Pomponesco provincia di Mantova Riserva naturale Garzaia di Pomponesco Garzetta - foto di Francesco Grazioli Falco pescatore - foto di Roberto Cobianchi Poiana - foto di Francesco Grazioli La

Dettagli

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra Genova, 20-21 novembre 2008 Convegno Internazionale La gestione di Rete Natura 2000 Esperienze a confronto Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Dettagli

Le Bellezze nascoste dalla Romania

Le Bellezze nascoste dalla Romania Le Bellezze nascoste dalla Romania. Il delta del Danubio (Delta Dunării in rumeno, Zapovidnyk Dunajs'ki in ucraino), è il più esteso (con un'area di 3446 km²) e meglio conservato dei delta europei. Ogni

Dettagli

BOSCHI E UOMINI IN VAL CHIARINO Escursione storico naturalistica Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

BOSCHI E UOMINI IN VAL CHIARINO Escursione storico naturalistica Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga BOSCHI E UOMINI IN VAL CHIARINO Escursione storico naturalistica Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga 3 Aprile 2005 - Quota: 16,50 euro La Val Chiarino, coperta da una foresta tra le più estese

Dettagli

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1 U N I T A N 1 1 IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE Libro di geografia classe 1 - Scuola secondaria di primo grado Pagina

Dettagli

Mortizza morta di S. Stefano Lodigiano.

Mortizza morta di S. Stefano Lodigiano. Mortizza morta di S. Stefano Lodigiano. (A 10 Km da Piacenza in provincia di Lodi) Premessa: gli ambienti umidi, oggetto di drastiche bonifiche per lungo tempo, sono stati ampiamente rivalutati negli ultimi

Dettagli

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette La Lombardia è stata la prima regione a dotarsi di un sistema organico di aree protette (l.r. 86/1983), che comprende: 24 Parchi regionali, 13 Parchi naturali, 65 Riserve naturali, 32 Monumenti naturali.

Dettagli

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN I Biomi Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN La vita delle piante e degli animali delle comunità naturali è determinata principalmente dal clima

Dettagli

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso.

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. DITTA: Minà Adalgisa PREMESSA La seguente relazione integrativa, si è resa necessaria per integrare la valutazione

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg. CE 1698/2005 MISURA

Dettagli

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF Mauro Belardi, Dario Ottonello e Giorgio Baldizzone Convegno Internazionale La gestione di rete Natura 2000: esperienze a

Dettagli

PROGETTO Bi.O.S. - Biodiversità Orobica in Valle Seriana - Studio, tutela e promozione della biodiversità: il Fiume Serio e la Val Sanguigno

PROGETTO Bi.O.S. - Biodiversità Orobica in Valle Seriana - Studio, tutela e promozione della biodiversità: il Fiume Serio e la Val Sanguigno - Biodiversità Orobica in Valle Seriana - Studio, tutela e promozione della biodiversità: il Fiume Serio e la Val Sanguigno Casa dello Sport - 17 ottobre 2015 Partner: Collaboratore: Con il contributo

Dettagli

Dal S.Gottardo all Oberland Bernese. di Paolo Castellani

Dal S.Gottardo all Oberland Bernese. di Paolo Castellani 12 Dal S.Gottardo all Oberland Bernese di Paolo Castellani Appena valicato il Passo del S.Gottardo, o sotto la lunga galleria autostradale (quasi 17 chilometri), si entra nel Cantone di Uri, lasciando

Dettagli

(SIC) Natura 2000 Life-natura Siti Natura 2000 nel Parco del Mont Avic: tute- la e fruizione

(SIC) Natura 2000 Life-natura Siti Natura 2000 nel Parco del Mont Avic: tute- la e fruizione Il Parco naturale del Mont Avic comprende tre siti di interesse comunitario (SIC) inseriti nella rete Natura 2000 : gli ambienti ofiolitici di alta quota, le torbiere e le foreste di conifere e latifoglie.

Dettagli

Il Fiume. http://tempopieno.altervista.org/index.htm

Il Fiume. http://tempopieno.altervista.org/index.htm Il Fiume http://tempopieno.altervista.org/index.htm Anno scolastico 2013-14 Classe III E - Scuola primaria "Umberto I" - I Circolo - Santeramo (Ba) ins. Gianni Plantamura 1 Le acque Un elemento naturale

Dettagli

COMUNE DI CAMPO DI TRENS

COMUNE DI CAMPO DI TRENS COMUNE DI CAMPO DI TRENS Piano paesaggistico Relazione illustrativa 1. Descrizione del territorio Il territorio del Comune di Campo di Trens comprende il settore fra la stretta gola dell Isarco a nord

Dettagli

PROGRAMMI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE ANNO SCOLASTICO 2014 2015 SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO

PROGRAMMI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE ANNO SCOLASTICO 2014 2015 SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO PARCO LOCALE DI INTERESSE SOVRACCOMUNALE BRUGHIERA BRIANTEA Via D. Aureggi, 25 20823 Lentate sul Seveso (MB) Tel. 0362.569116 info@parcobrughiera.it - edambientale@parcobrughiera.it PROGRAMMI DI EDUCAZIONE

Dettagli

HABITAT DI SPECIE. Habitat forestali. Habitat di specie

HABITAT DI SPECIE. Habitat forestali. Habitat di specie Habitat di specie 575 HABITAT DI SPECIE In Liguria gli habitat di specie, cioè quegli habitat indispensabili per la vita delle specie elencate nell allegato 2 della direttiva 92/43 e nell allegato 1 della

Dettagli

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu Figura 4 Carta sentieri presenti nella Riserva WWF Monte Arcosu. 7.3 DITTA SANAI srl 7.3.1 Descrizione e ubicazione L azienda di proprietà della SANAI s.r.l. si estende su una superficie complessiva di

Dettagli

Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi

Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi inquadramento territoriale Aggiornamento dei contenuti del decreto di vincolo DM 20 settembre 1974 Dichiarazione

Dettagli

TERRE DI GRANDI ALBERI

TERRE DI GRANDI ALBERI 1 Materiali integrativi al volume TERRE DI GRANDI ALBERI Alberografie a Nord-Ovest di Tiziano Fratus, pp 450 vol. ill. Nerosubianco Edizioni, Cuneo Collana Saggistica, Storia e Territorio Elenco dei parchi

Dettagli

Club Alpino Italiano Sezione di Ascoli Piceno Via Serafino Cellini, 10 63100 Ascoli Piceno Tel. 0736 45 158. www.caiascoli.it

Club Alpino Italiano Sezione di Ascoli Piceno Via Serafino Cellini, 10 63100 Ascoli Piceno Tel. 0736 45 158. www.caiascoli.it Escursione alla ricerca e al riconoscimento delle piante di interesse etnobotanico, in collaborazione con Accademia delle Erbe Spontanee. Insieme al prof. Fabio Taffetani, esperto Botanico dell'università

Dettagli

TREKKING A CAVALLO VERSO LE MONTAGNE OLIMPICHE

TREKKING A CAVALLO VERSO LE MONTAGNE OLIMPICHE TREKKING A CAVALLO VERSO LE MONTAGNE OLIMPICHE Presentano Bruno Modena Gaetano Borrello VERSO LE MONTAGNE OLIMPICHE 1 Percorso: Dal Parco Regionale La Mandria (Torino ) Al Sestriere Percorso: Parco Regionale

Dettagli

Gli uccelli del Lago di Porta Testo di Luca Puglisi

Gli uccelli del Lago di Porta Testo di Luca Puglisi Gli uccelli del Lago di Porta Testo di Luca Puglisi Chi si avvicina al Lago di Porta sperando di vedere stormi di uccelli acquatici su uno specchio d acqua, certamente rimarrà un po deluso. Una volta saliti

Dettagli

Torrente Marano_ stazione Marano 03 (75 m.s.l.m.)

Torrente Marano_ stazione Marano 03 (75 m.s.l.m.) Torrente Marano_ stazione Marano 3 (75 m.s.l.m.) Il Torrente Marano presenta, in questo tratto, caratteristiche ancora iporitrali. La velocità di corrente è moderata ed il fondale è costituito in prevalenza

Dettagli

Parco Naturale Regionale di Lama Balice

Parco Naturale Regionale di Lama Balice Parco Naturale Regionale di Lama Balice Il Parco naturale regionale Lama Balice è un area protetta di 504 ettari sita in provincia di Bari. Compresa nell'elenco delle aree protette regionali nel 1997,

Dettagli

PROGETTO LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000

PROGETTO LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000 IL IL PROGETTO PROGETTO LIFE+ LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000 AZIONI AZIONI DI DI CONSERVAZIONE, CONSERVAZIONE, MIGLIORAMENTO MIGLIORAMENTO DEGLI DEGLI HABITAT HABITAT EE DELLE DELLE SPECIE SPECIE EE SALVAGUARDIA

Dettagli

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono)

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) Progetto per la creazione di un bosco planiziale, di uno stagno per la riproduzione degli anfibi e di siepi, con valenza di corridoio ecologico,

Dettagli

COME NASCONO LE MONTAGNE

COME NASCONO LE MONTAGNE Le montagne sono dei rilievi naturali più alti di 600 metri. Per misurare l ALTITUDINE di una montagna partiamo dal LIVELLO DEL MARE. Le montagne in base a come e dove sono nate sono formate da vari tipi

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

Proposta. Gita Scolastica Nel Parco Nazionale d Abruzzo Molise con attività di Animazione ed Educazione Ambientale

Proposta. Gita Scolastica Nel Parco Nazionale d Abruzzo Molise con attività di Animazione ed Educazione Ambientale Proposta Gita Scolastica Nel Parco Nazionale d Abruzzo Molise con attività di Animazione ed Educazione Ambientale INDICE Premessa L offerta: descrizione L offerta: preventivo di spesa Come arrivare e come

Dettagli

Masai Mara. foto di Lucia Congregati. di Simone Meniconi

Masai Mara. foto di Lucia Congregati. di Simone Meniconi 18 foto di Lucia Congregati di Simone Meniconi La National Reserve si trova a circa 250 chilometri da Nairobi in direzione ovest al confine con la Tanzania. Ha una superficie di quasi 1600 chilometri quadrati

Dettagli

Carta dell Uso del suolo della Provincia autonoma di Bolzano

Carta dell Uso del suolo della Provincia autonoma di Bolzano Carta dell Uso del suolo della Provincia autonoma di Bolzano llustrazione della legenda Lo scopo della legenda è quello di differenziare in modo esauriente il territorio della provincia di Bolzano considerando

Dettagli

IL PARCO NAZIONALE DI DGHOUMES ( SUD TUNISIA): un esperienza di conservazione attiva della natura Sahelo-sahariana, una possibile collaborazione.

IL PARCO NAZIONALE DI DGHOUMES ( SUD TUNISIA): un esperienza di conservazione attiva della natura Sahelo-sahariana, una possibile collaborazione. Mi è sempre piaciuto il deserto. Ci si siede su una duna di sabbia. Non si vede nulla. Non si sente nulla. E tuttavia qualche cosa risplende nel silenzio. Antoine de Saint Exupery. Il Piccolo Principe

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Relazione al disegno di legge: ISTITUZIONE DEI PARCHI NATURALI REGIONALI DELL OASI DI TEPILORA, DELLEFORESTEDI GUTTURU MANNU E DEL MONTE ARCI presentato dall Assessore della Difesa dell Ambiente dr Antonio

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

Beneficiario coordinatore Provincia di Varese. Beneficiari associati Regione Lombardia, LIPU BirdLife Italia. Cofinanziatore Fondazione Cariplo

Beneficiario coordinatore Provincia di Varese. Beneficiari associati Regione Lombardia, LIPU BirdLife Italia. Cofinanziatore Fondazione Cariplo REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DEL PROGRAMMA LIFE DELL UNIONE EUROPEA Trans insubria bionet. Connessione e miglioramento di habitat lungo il corridoio ecologico insubrico Alpi - Valle del Ticino Beneficiario

Dettagli

Mauro BERNONI SPECIE FAUNISTICHE DI ECOSISTEMI FORESTALI DI PARTICOLARE INTERESSE CONSERVAZIONISTICO : L AVIFAUNA

Mauro BERNONI SPECIE FAUNISTICHE DI ECOSISTEMI FORESTALI DI PARTICOLARE INTERESSE CONSERVAZIONISTICO : L AVIFAUNA Mauro BERNONI SPECIE FAUNISTICHE DI ECOSISTEMI FORESTALI DI PARTICOLARE INTERESSE CONSERVAZIONISTICO : L AVIFAUNA SPECIE IN DIRETTIVA PICCHIO DORSOBIANCO, IN LEGGERO DECLINO NEL PNALM, CON SIGNIFICATIVA

Dettagli

L ALPAGO IL CUORE VERDE DELLE DOLOMITI

L ALPAGO IL CUORE VERDE DELLE DOLOMITI L ALPAGO IL CUORE VERDE DELLE DOLOMITI Terra di acqua e boschi L Alpago è una vastissima conca naturale che sfiora le pianure del Pordenonese e del Trevigiano. A nord è incorniciato da una corona di vette

Dettagli

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri )

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri ) Legge regionale 21 aprile 2008, n. 9 Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione del Parco

Dettagli

Il Presidente del C.E.A. Dott. Stefano Lavra. Spett.le DIRETTORE DIDATTICO E PER CONOSCENZA DEL RESPONSABILE DEI PROGETTI E LABORATORI DIDATTICI

Il Presidente del C.E.A. Dott. Stefano Lavra. Spett.le DIRETTORE DIDATTICO E PER CONOSCENZA DEL RESPONSABILE DEI PROGETTI E LABORATORI DIDATTICI Spett.le DIRETTORE DIDATTICO E PER CONOSCENZA DEL RESPONSABILE DEI PROGETTI E LABORATORI DIDATTICI CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE V.le Bue Marino n 1 Tel. 3460366858 E- mail : ceacalagonone@tiscali.it www.ceafocamonaca.it

Dettagli

EUROPA ARLES E LA CAMARGUE

EUROPA ARLES E LA CAMARGUE EUROPA ARLES E LA CAMARGUE di Roberta Furlan aprile 2011 - GEOMONDO - 44 EUROPA ARLES E LA CAMARGUE Il Midì della Francia, da sempre, evoca immagini di sole, di campi di lavanda e di erbe aromatiche, di

Dettagli

(SIC) Natura 2000 Life-natura Siti Natura 2000 nel Parco del Mont Avic: tute- la e fruizione

(SIC) Natura 2000 Life-natura Siti Natura 2000 nel Parco del Mont Avic: tute- la e fruizione Il Parco naturale del Mont Avic comprende tre siti di interesse comunitario (SIC) inseriti nella rete Natura 2000 : gli ambienti ofiolitici di alta quota, le torbiere e le foreste di conifere e latifoglie.

Dettagli

BIODIVERSITA. Biovarietà o varietà della vita. Mauro Sabatini e Leonardo Barbaresi 12/04/2012 1

BIODIVERSITA. Biovarietà o varietà della vita. Mauro Sabatini e Leonardo Barbaresi 12/04/2012 1 BIODIVERSITA Biovarietà o varietà della vita. Mauro Sabatini e Leonardo Barbaresi 12/04/2012 1 Biodiversità 1 Significato del termine 2 Dal punto di vista dell uomo 3 Dal punto di vista biologico 4 I numeri

Dettagli

Birdgarden Un giardino biologico

Birdgarden Un giardino biologico Birdgarden Un giardino biologico - Progettazione del giardino - Scelta delle piante ed essenze vegetali - Creazione di laghetti e/o piccoli stagni - Installazione di nidi e mangiatoie - Come attirare le

Dettagli

La lotta biologica alle zanzare

La lotta biologica alle zanzare Ente Parco Naturale Laghi di Avigliana 1 Workshop di progettazione partecipata verso il Contratto di Lago del bacino dei laghi di Avigliana La lotta biologica alle zanzare Premessa La lotta biologica integrata

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

PROPOSTE DIDATTICHE E DI LABORATORIO PER L OASI DI GABBIANELLO

PROPOSTE DIDATTICHE E DI LABORATORIO PER L OASI DI GABBIANELLO ----------------------- ISCHETUS Società Cooperativa a r.l. Partita IVA 02263210482 Iscrizione Albo mutualità prevalente n A111841 Azienda con Sistema di Gestione per la Qualità certificato da Dasa-Rägister

Dettagli