VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE"

Transcript

1 VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque necessario accedere al Codice dell'ospedalità Privata attraverso l'area "Utenti Registrati" mediante la user e la password assegnati all'abbonato Valle d'aosta L.R. 12 gennaio 1999, n. 3 Norme per favorire la vita di relazione delle persone disabili Barriere architettoniche 2000 Valle d'aosta L.R. 25 gennaio 2000, n. 5 Norme per la dell organizzazione del Servizio sociosanitario regionale e per il miglioramento della qualità e dell appropriatezza Accreditamento istituzionale delle sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali prodotte ed erogate nella regione Delibera G.R. 3 febbraio 2003, n Valle d'aosta 2003 Valle d'aosta 2003 Valle d'aosta Delibera G.R. 13 ottobre 2003, n Delibera G.R. 30 dicembre 2003, n Approvazione della nuova disciplina del flusso informativo relativo alla scheda di dimissione ospedaliera (SDO) ed approvazione di atti di indirizzo all Azienda usl della Valle d Aosta. Revoca delle delibere G.R. n in data 2 luglio 2001 e n in data 26 novembre 2001 Approvazione dei requisiti minimi standard per l autorizzazione all esercizio e l accreditamento dei servizi privati di assistenza alle persone dipendenti da sostanze d abuso, ai sensi dell art. 38 della L.R. 25 gennaio 2000, n. 5, della L.R. 4 settembre 2001, n. 18, nonché delle delibere G.R. n. 3893/2002 e n. 4021/1998 Approvazione del tariffario regionale valido a decorrere dal 1 gennaio 2004, per le specialistiche ambulatoriali ivi compresa la diagnostica strumentale e di laboratorio V Scheda Dimissione Ospedaliera (SDO) (ultimo aggiornamento: 4 febbraio 2016) Pagina 1 di 9

2 2004 Valle d'aosta 2004 Valle d'aosta 2004 Valle d'aosta 2005 Valle d'aosta Delibera G.R. 15 marzo 2004, n. 722 Delibera G.R. 2 agosto 2004, n Delibera G.R. 30 dicembre 2004, n Delibera G.R. 26 agosto 2005, n Delibera G.R. 28 aprile 2006, n Delibera G.R. 19 maggio 2006, n Approvazione di ulteriori requisiti organizzativi per l esercizio di attività sociosanitarie nell ambito di strutture pubbliche e private destinate a residenze sanitarie assistenziali (Rsa) ai sensi dell art. 38 della L.R. 25 gennaio 2000, n. 5 Aggiornamento con decorrenza dal 16 agosto 2004 del tariffario regionale per le specialistiche ambulatoriali ivi compresa la diagnostica strumentale e di laboratorio approvato con delibera G.R. n del 30 dicembre 2003 e determinazione in ordine al pagamento dei ticket per le eseguite in pronto soccorso V ntroduzione della versione 19a del grouper HCFA per l attribuzione dei DRG delle Approvazione di integrazione al tariffario delle specialistiche ambulatoriali, ivi compresa la diagnostica strumentale e di laboratorio, approvato con delibera G.R. n del 2 agosto 2004, con la prestazione «enteroscopia con videocapsula» Recepimento dell accordo tra il Ministero della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sulla definizione dei requisiti per l autorizzazione all apertura ed esercizio degli stabilimenti termali e specificazione delle caratteristiche delle idrotermali a carico del servizio sanitario nazionale sancito in data 23 settembre 2004, ai sensi delle L.R. n. 5/2000 e successive modificazioni e n. 18/2001 Aggiornamento, con decorrenza dal 1 giugno 2006, del tariffario regionale per le specialistiche ambulatoriali ivi compresa la diagnostica strumentale e di laboratorio, approvato con delibera G.R. n del 2 agosto 2004 L.R. 20 giugno 2006, n. 13 Approvazione del piano regionale per la salute ed il benessere sociale Delibera G.R. 25 agosto 2006, n Approvazione di nuovi requisiti organizzativi minimi per l esercizio di attività socio-sanitarie nell ambito di strutture pubbliche e private destinate a residenze sanitarie assistenziali (Rsa) ed ad unità di assistenza prolungata (Uap), ai sensi dell art. 38 della L.R. 25 gennaio 2000, n. 5 e della delibera G.R. 21 giugno 2004, n Revoca della delibera G.R. 23 novembre 2005, n V V Aziende termali Piani sanitari regionali (ultimo aggiornamento: 4 febbraio 2016) Pagina 2 di 9

3 Delibera G.R. 25 agosto 2006, n Delibera G.R. 17 novembre 2006, n Approvazione di nuovi requisiti organizzativi minimi per l esercizio di attività socio-sanitarie nell ambito di strutture pubbliche e private destinate alla cura delle persone affette da morbo di Alzheimer, ai sensi dell art. 38 della L.R. 25 gennaio 2000, n. 5 e della delibera G.R. 21 giugno 2004, n Revoca delle delibere G.R. n. 1533/2003 e n. 1796/2004 Approvazione del programma regionale di contenimento delle liste di attesa ed i relativi atti di indirizzo all Azienda usl della Valle d Aosta. Revoca delle delibere G.R. n in data 24 agosto 1998 e n in data 29 aprile 2002 Delibera G.R. 17 novembre 2006, n Delibera G.R. 9 marzo 2007, n. 599 Delibera G.R. 20 aprile 2007, n Delibera G.R. 29 giugno 2007, n Delibera G.R. 10 agosto 2007, n Delibera G.R. 19 ottobre 2007, n Aggiornamento delle e delle relative tariffe da erogare presso i centri traumatologici della Valle d Aosta. Sostituzione dell allegato 3 alla delibera G.R. n del 19 maggio 2006 e revoca della delibera G.R. 3899/2005 Approvazione di modifiche al tariffario delle specialistiche ambulatoriali, ivi compresa la diagnostica strumentale e di laboratorio, approvato con delibera G.R. n del 19 maggio 2006 Approvazione di modificazioni ai requisiti organizzativi minimi per l esercizio di attività socio-sanitarie nell ambito di strutture pubbliche e private destinate alla cura delle persone affette dal morbo di Alzheimer, approvati con delibera G.R. 2419/2006, ai sensi dell art. 38 della L.R. 25 gennaio 2000, n. 5 e delibera G.R. 21 giugno 2004 n Approvazione di nuovi requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi delle strutture pubbliche e private per l attività di procreazione medico assistita omologa. Determinazione delle tariffe e della compartecipazione alla spesa e sostituzione dell allegato 4 alla delibera G.R. n del 19 maggio Revoca delle delibere G.R. n del 15 aprile 2002 e n del 19 luglio 2004 Approvazione dell integrazione al tariffario delle specialistiche ambulatoriali, ivi compresa la diagnostica strumentale e di laboratorio, approvato con delibera G.R. n del 19 maggio 2006, con l inserimento di nuove erogate presso l ambulatorio di medicina di montagna Aggiornamento dell integrazione al tariffario delle specialistiche ambulatoriali, ivi compresa la diagnostica strumentale e di laboratorio, approvato con delibera G.R. n del 19 maggio 2006 V V V delle Procreazione medicalmente assistita e genetica medica (ultimo aggiornamento: 4 febbraio 2016) Pagina 3 di 9

4 2008 Valle d'aosta 2008 Valle d'aosta 2008 Valle d'aosta 2008 Valle d'aosta Delibera G.R. 21 dicembre 2007, n L.R. 24 dicembre 2007, n. 34 Delibera G.R. 25 gennaio 2008, n. 140 L.R. 13 marzo 2008, n. 5 Delibera G.R. 23 aprile 2008, n Delibera G.R. 7 novembre 2008, n Delibera G.R. 30 gennaio 2009, n. 190 Delibera G.R. 24 aprile 2009, n Approvazione di modificazioni, con decorrenza 1 gennaio 2008, ai requisiti organizzativi minimi per l esercizio di attività socio-sanitarie nell ambito di strutture pubbliche e private destinate alla cura delle persone affette dal morbo di Alzheimer, approvati con delibera G.R. 2419/2006 e modificati con delibera G.R. 1030/2007, ai sensi dell art. 38 della L.R. 25 gennaio 2000, n. 5 e della delibera G.R. 21 giugno 2004, n Manutenzione del sistema normativo regionale. Modificazioni di leggi regionali e altre disposizioni Modificazione dell allegato alla delibera G.R. n in data 17 novembre 2006, concernente l approvazione del programma regionale di contenimento delle liste di attesa e dei relativi atti di indirizzo all Azienda usl della Valle d Aosta, per quanto concerne il punto 1. (Criteri di priorità) Disciplina delle cave, delle miniere e delle acque minerali naturali, di sorgente e termali Approvazione di modifiche ed integrazioni al tariffario regionale delle specialistiche ambulatoriali ivi compresa la diagnostica strumentale e di laboratorio, approvato con delibera G.R. n del 19 maggio 2006 Approvazione di una prima classificazione delle strutture socio-assistenziali residenziali per anziani pubbliche e private, ai sensi della delibera G.R. n. 2282/2007 e successive modificazioni e proroga dei termini per la presentazione delle domande di ammissione a finanziamento di cui alle L.R. 80/1990 e 21/2003 Disposizioni all Azienda usl della Valle d Aosta ai fini della definizione del contratto di programma e per la successiva adozione del bilancio di previsione per l anno finanziario 2009 e per il triennio Approvazione, ai sensi dell art. 7 della L.R. 5/2000, del contratto di programma fra la Regione autonoma Valle d Aosta e l Azienda usl della Valle d Aosta, per l anno 2009, per la definizione dell attività, della gestione, degli investimenti, degli obiettivi, dei risultati sanitari, di salute e gestionali, necessari in rapporto ai livelli essenziali di assistenza sanitaria da assicurare con le risorse finanziarie assegnate V Aziende termali (ultimo aggiornamento: 4 febbraio 2016) Pagina 4 di 9

5 2010 Valle d'aosta 2010 Valle d'aosta 2010 Valle d'aosta 2010 Valle d'aosta Delibera G.R. 30 aprile 2009, n Delibera G.R. 8 maggio 2009, n Delibera G.R. 22 maggio 2009, n Delibera G.R. 26 giugno 2009, n Delibera G.R. 13 novembre 2009, n Rideterminazione del fabbisogno di strutture sanitarie e socio-sanitarie nell ambito della salute mentale e delle dipendenze patologiche, di cui alla L.R. 4 settembre 2001, n. 18 e all art. 38 della L.R. n. 5/2000 Approvazione di integrazione e modifiche al tariffario regionale delle specialistiche ambulatoriali, ivi compresa la diagnostica strumentale e di laboratorio, approvato con delibera G.R. n del 19 maggio 2006 e successive modificazioni Determinazione, a decorrere dal 1 gennaio 2009, del tariffario regionale per le di ricovero ospedaliero basato sui DRG (Raggruppamenti omogenei di diagnosi) afferenti alla versione 24 del Grouper HCFA Approvazione dei requisiti organizzativi e strutturali minimi per l esercizio di attività sanitarie di recupero e rieducazione funzionale nell ambito di strutture pubbliche e private, ai sensi della L.R. 5/2000 e della delibera G.R. 2103/2004 Determinazione delle tariffe da applicare per l erogazione, nella Regione Valle d Aosta, delle di assistenza domiciliare integrata (AD) L.R. 23 novembre 2009, n. 41 Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione degli emoderivati Delibera G.R. 15 gennaio 2010, Approvazione di nuove disposizioni in materia di accreditamento delle n. 52 strutture e delle attività sanitarie e sociosanitarie, svolte sul territorio regionale da soggetti pubblici e privati e del relativo manuale, ai sensi della L.R. 5/2000. Delibera G.R. 5 marzo 2010, n. Rideterminazione del fabbisogno di strutture socio-assistenziali semiresidenziali 564 e residenziali, nell ambito dei servizi per disabili, ai sensi della L.R. 18/2001 e dell art. 38 della L.R. 5/2000 Delibera G.R. 10 settembre Approvazione della nuova disciplina del flusso informativo relativo alla 2010, n scheda di dimissione ospedaliera (SDO) ed approvazione di atti di indirizzo all Azienda usl della Valle d Aosta. Revoca della delibera G.R. n. 328 in data 3 febbraio 2003 L.R. 25 ottobre 2010, n. 34 Approvazione del piano regionale per la salute e il benessere sociale V V Tutela della salute mentale delle Attività trasfusionali Accreditamento istituzionale Organizzazione Scheda Dimissione Ospedaliera (SDO) Piani sanitari regionali (ultimo aggiornamento: 4 febbraio 2016) Pagina 5 di 9

6 2010 Valle d'aosta 2011 Valle d'aosta 2011 Valle d'aosta 2011 Valle d'aosta Delibera G.R. 23 dicembre 2010, n Delibera G.R. 25 febbraio 2011, n. 421 Delibera G.R. 3 giugno 2011, n Delibera G.R. 29 luglio 2011, n Delibera G.R. 18 maggio 2012, n Delibera G.R. 5 ottobre 2012, n Delibera G.R. 19 ottobre 2012, n Delibera G.R. 16 novembre 2012, n Delibera G.R. 14 dicembre 2012, n Approvazione del piano operativo per l anno 2011 delle attività legate al coinvolgimento del paziente, nonché del programma triennale delle verifiche tecniche sul campo, finalizzati al mantenimento dell accreditamento, ai sensi della delibera G.R. n. 52 in data 15 gennaio 2010 Approvazione di integrazioni e modificazioni al tariffario delle specialistiche ambulatoriali, ivi compresa la diagnostica strumentale e di laboratorio, approvato con delibera G.R. n del 19 maggio 2006 e successive modificazioni Approvazione del programma regionale di contenimento delle liste di attesa e dei relativi atti di indirizzo all Azienda usl della Valle d Aosta Rideterminazione del fabbisogno di posti letto, per acuti, inclusa la e la lungodegenza, nelle strutture sanitarie ospedaliere, di cui alla L.R. n. 5/2000 Approvazione dei requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti e del modello per le relative visite di verifica, ai sensi della L.R. 5/2000 Approvazione dell atto di indirizzo all Azienda usl della Valle d Aosta per l erogazione delle ambulatoriali pre e post ricovero nella regione autonoma Valle d Aosta Approvazione dei requisiti strutturali ed organizzativi minimi per l esercizio di attività sanitarie e socio-sanitarie per la cura dei disturbi del comportamento alimentare in ambito residenziale extra ospedaliero ai sensi della L.R. 25 gennaio 2000, n. 5 e della delibera G.R. n in data 7 agosto ntegrazioni alla delibera G.R. n in data 6 maggio 2002 Approvazione di nuove linee guida regionali per l organizzazione ed il funzionamento dell attività di day surgery nelle strutture pubbliche e private operanti sul territorio regionale. Revoca della delibera G.R. n in data 16 novembre 2007 Recepimento delle linee guida per l'accreditamento dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti e approvazione dei relativi requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi V V Accreditamento istituzionale Case di cura private Attività trasfusionali Organizzazione Case di cura private Attività trasfusionali (ultimo aggiornamento: 4 febbraio 2016) Pagina 6 di 9

7 Delibera G.R. 26 dicembre Approvazione di nuove disposizioni in materia di accreditamento delle 2012, n strutture e delle attività in ambito sociale svolte, sul territorio regionale, da oggetti pubblici e privati, e del relativo manuale, ai sensi della L.R. 5/2000 e successive modificazioni Delibera G.R. 25 gennaio 2013, Aggiornamento, a decorrere dal 1 gennaio 2013, del tariffario regionale per le delle n. 68 di ricovero ospedaliero di cui alla delibera G.R. n in data 22 maggio 2009 Delibera G.R. 25 gennaio 2013, Approvazione schema tipo di accordo contrattuale per l acquisto di delle n. 69 di ricovero ospedaliero tra l Azienda usl della Valle d Aosta e strutture private operanti in regime di accreditamento istituzionale Delibera G.R. 1 febbraio 2013, n. 120 Delibera G.R. 22 febbraio 2013, n. 265 Delibera G.R. 15 marzo 2013, n. 427 Delibera G.R. 12 aprile 2013, n. 651 Determinazione della tariffa giornaliera per la remunerazione delle di ricovero erogate dalle strutture hospice Approvazione dei requisiti minimi strutturali e organizzativi dei servizi socioassistenziali residenziali e semi-residenziali per anziani resi da soggetti pubblici e privati in Valle d Aosta ai sensi della L.R. 93/1982. Revoca delle delibere G.R. 2282/2007 e 1557/2008. Sostituzione dell allegato alla delibera G.R. 2957/2011 Approvazione, a decorrere dal 1 marzo 2013, del tariffario regionale per le di ricovero ospedaliero - Versione 24 del Grouper. Revoca delle delibere G.R. n del 22 maggio 2009 e n. 68 del 25 gennaio 2013 Rideterminazione del fabbisogno di strutture socio-sanitarie residenziali e semiresidenziali per la salute mentale di cui alla L.R. 4 settembre 2001, n. 18 e all art. 38 della L.R. n. 5/2000. Revoca della delibera G.R. n. 1844/2011 delle Tutela della salute mentale Delibera G.R. 31 maggio 2013, n. 965 Delibera G.R. 23 agosto 2013, n Recepimento dell intesa sancita il 20 dicembre 2012 tra il Governo, le Regioni e le Province autonome, sul documento recante Disciplina per la revisione della normativa dell accreditamento e adesione al progetto di ricerca corrente Approvazione della relativa bozza di convenzione con l Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali Approvazione di nuove disposizioni in materia di autorizzazione alla realizzazione di strutture ed all esercizio di attività sanitarie, socio-sanitarie, socio-assistenziali e socio-educative, ai sensi della L.R. 5/2000 e successive modificazioni. Revoca della delibera G.R. 2191/2009 Accreditamento istituzionale Case di cura private (ultimo aggiornamento: 4 febbraio 2016) Pagina 7 di 9

8 2014 Valle d'aosta Delibera G.R. 7 febbraio 2014, n. 123 Approvazione dei criteri di programmazione delle verifiche di vigilanza presso le strutture sanitarie, socio-sanitarie, socio-assistenziali e socio-educative site sul territorio regionale, ai fini del mantenimento dell autorizzazione Case di cura private all esercizio dell attività e del relativo accreditamento, ai sensi delle delibere G.R. 52/2010, 2541/2012 e 1362/ Valle d'aosta Delibera G.R. 14 febbraio 2014, Approvazione di indicazioni all Azienda usl della Valle d Aosta ai fini della n. 156 definizione del contratto di programma e della successiva adozione del bilancio di previsione 2014 e per il triennio Valle d'aosta Delibera G.R. 16 maggio 2014, n. 655 Approvazione del costo unitario ottimale di riferimento per gli enti gestori dei servizi socio-assistenziali rivolti alle persone anziane per l anno 2014, ai sensi della L.R. 93/ Valle d'aosta Delibera G.R. 30 dicembre Nuova definizione dei livelli essenziali di assistenza (Lea) resi dal Servizio Livelli essenziali di 2014, n sanitario regionale (Ssr) ai sensi del D.P.C.M. 29 novembre 2001 e dell art. 34 assistenza Delibera G.R. 16 gennaio 2015, n. 37 Delibera G.R. 6 febbraio 2015, n. 139 Delibera G.R. 6 febbraio 2015, n. 157 Delibera G.R. 26 febbraio 2015, n. 277 della L. 724/1994. Revoca della DGR 931/2014 Approvazione della classificazione delle strutture socio-assistenziali residenziali per anziani pubbliche e private in Valle d Aosta in applicazione della DGR n. 492/2014 per applicazione del costo unitario ottimale ai sensi della L.R. 93/1982 e modifica del punto lett. c) dell allegato A alla DGR 492/14 ntegrazione del tariffario regionale per le di ricovero giornaliero approvato con DGR n. 427 del 15 marzo Ridefinizione della tariffa prevista per il DGR 288 nterventi per l obesità ndividuazione, ai sensi della L.R. 13/2014, delle di assistenza specialistica ambulatoriale, ivi compresa la diagnostica strumentale e di laboratorio, che hanno maggior rischio di inappropriatezza rispetto a protocolli terapeutici o all evidenza scientifica, per le quali è dovuta, dagli assistiti non esenti, una quota fissa aggiuntiva di 15 euro per prestazione Approvazione delle linee guida per l avvio della de-materializzazione delle prescrizioni per la farmaceutica e per le di assistenza specialistica ambulatoriale su tutto il territorio della Regione autonoma Valle d Aosta a partire dal 1 aprile 2015 V delle Ricetta medica (dematerializzazione) (ultimo aggiornamento: 4 febbraio 2016) Pagina 8 di 9

9 Delibera G.R. 13 marzo 2015, n. 366 Approvazione della determinazione, per il Distretto 3, del numero di posti in convenzione nei servizi residenziali per anziani da affidare a soggetti privati in possesso dell accreditamento di cui alla DGR 2541/2012 per il periodo compreso tra il 1 aprile 2015 e il 31 dicembre 2016 per una spesa complessiva pari a euro ,00. Prenotazione di spesa Delibera G.R. 3 aprile 2015, n. 488 Delibera G.R. 30 aprile 2015, n. 617 Approvazione dei livelli essenziali delle socio-assistenziali (LEP) rese nelle strutture residenziali protette per anziani nonché della carta regionale dei servizi per anziani, di cui alla L.R. 93/1982 Recepimento dell accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, in data 23 marzo 2011 sul documento recante: Criteri per la riorganizzazione delle reti di offerta di diagnostica di laboratorio e approvazione di prime disposizioni per la riorganizzazione della rete regionale V Organizzazione 2016 Valle d'aosta Delibera G.R. 15 gennaio 2016, n. 28 Recepimento dell ntesa in data 19 febbraio 2015 tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano in materia di adempimenti relativi all accreditamento delle strutture sanitarie (rep. atti n. 32/CSR) Accreditamento istituzionale 2016 Valle d'aosta 2016 Valle d'aosta Delibera G.R. 15 gennaio 2016, n. 29 Delibera G.R. 29 gennaio 2016, n. 107 Recepimento accordo in data 20 ottobre 2015 tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano concernente indicazioni in merito al prezzo unitario di cessione, tra le strutture sanitarie pubbliche e private e tra Regioni e Province autonome, delle unità di sangue, dei suoi componenti e dei farmaci plasmaderivati prodotti da plasma nazionale in convenzione, nonché azioni di incentivazione interscambio tra aziende sanitarie all'interno della Regione e tra Regioni, in attuazione della L. 21 ottobre 2005, n. 219 (rep. Atti n. 168/CSR) Approvazione degli standard relativi all assistenza ospedaliera in Valle d Aosta, ai sensi dell art. 3 del D.M. salute 2 aprile 2015, n. 70. Revoca parziale della DGR n in data 29 luglio 2011 Attività trasfusionali Case di cura private (ultimo aggiornamento: 4 febbraio 2016) Pagina 9 di 9

BASILICATA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI

BASILICATA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI BASLCATA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATVA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

UMBRIA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI

UMBRIA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI UMBRA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Codice dell'ospedalità Privata Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne

Dettagli

P.A. BOLZANO INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo

P.A. BOLZANO INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo P.A. BOLZANO NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

FRIULI VENEZIA GIULIA

FRIULI VENEZIA GIULIA FRUL VENEZA GULA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è

Dettagli

MARCHE INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo

MARCHE INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo MARCHE NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

PIEMONTE INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI

PIEMONTE INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI PEMONTE NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

LAZIO INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo

LAZIO INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE. Anno Regione Norma Descrizione Titolo Capitolo LAZO NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque necessario

Dettagli

EMILIA ROMAGNA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI

EMILIA ROMAGNA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI EMLA ROMAGNA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Codice dell'ospedalità Privata Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge.

Dettagli

LAZIO Indice cronologico della normativa regionale

LAZIO Indice cronologico della normativa regionale LAZO ndice cronologico della normativa regionale AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

SICILIA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

SICILIA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE SCLA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE Codice dell'ospedalità Privata AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne

Dettagli

private autorizzate e accreditate del Dipartimento di Salute Mentale dell Azienda U.S.L. Valle d Aosta, secondo la normativa vigente, come segue:

private autorizzate e accreditate del Dipartimento di Salute Mentale dell Azienda U.S.L. Valle d Aosta, secondo la normativa vigente, come segue: LA GIUNTA REGIONALE - visto l articolo 3-septies del decreto legislativo n. 502 del 30 dicembre 1992, così come modificato ed integrato dal decreto legislativo n. 229 del 19 giugno 1999, che prevede le

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna

Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna Normativa di riferimento Art. 43 della legge n. 833 del 23.12.78 istitutiva del Servizio Sanitario Nazionale; D. Lgs 502/92 e successive

Dettagli

Tariffari e politiche di rimborsi regionali

Tariffari e politiche di rimborsi regionali L attività di day surgery nella Regione Lombardia è praticata sin dagli anni 70 in diverse strutture ospedaliere della Regione; dove venivano trattate in day hospital alcune patologie ortopediche pediatriche

Dettagli

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE Con il modello si intende costituire, al 1 gennaio 2007, l anagrafe delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate e delle strutture sociosanitarie

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 29 aprile 2015, n. 880

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 29 aprile 2015, n. 880 21232 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 29 aprile 2015, n. 880 Deliberazione di Giunta Regionale n.2831 del 30/12/2014 Determinazioni in materia di prestazioni di Procreazione Medicalmente Assistita

Dettagli

visto il D.M. Salute 3 marzo 2005 Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti ;

visto il D.M. Salute 3 marzo 2005 Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti ; REGIONE PIEMONTE BU18 07/05/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 20 aprile 2015, n. 12-1322 Rinnovo della Convenzione tra la Regione Piemonte e la Regione Autonoma Valle d'aosta per il collegamento

Dettagli

Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014

Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014 Pagina 1 di 5 Flussi Economici HelpDesk Interrogazioni - 2014 Gestione in Linea - 2014 Quadratura - 2014 Acquisizione da File - 2014 Interrogazione Errori - 2014 Ente: 200 905 SARDEGNA - AZIENDA OSPEDALIRO

Dettagli

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione SCHEDE ALLEGATO A Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione Titolo 1 Nomine e designazioni da parte della regione,

Dettagli

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi La proposta del Ministero: un Registro Italiano delle Fratture da Fragilità (RIFF) Rossana Ugenti Direttore

Dettagli

Livelli di Assistenza

Livelli di Assistenza Livelli di Assistenza Consuntivo 2009 Azienda : 801 28.01.14 14:17 TS001 TS002 TS003 TS004 TS005 TS006 TS007 TS008 TS009 TS00P TS010 TS011 TS012 TS013 TS014 TS015 TS016 TS017 esercizio sanitari esercizio

Dettagli

Livelli di Assistenza

Livelli di Assistenza Livelli di Assistenza Consuntivo 2012 Azienda : 106 27.11.14 14:34 TS001 TS002 TS003 TS004 TS005 TS006 TS007 TS008 TS009 TS00P TS010 TS011 TS012 TS013 TS014 TS015 TS016 TS017 esercizio sanitari esercizio

Dettagli

Cartella 02: Requisiti ulteriori specifici di accreditamento strutture sanitarie e sociosanitarie.

Cartella 02: Requisiti ulteriori specifici di accreditamento strutture sanitarie e sociosanitarie. Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 25/ 29 del 1.7.2010 Elenco documentazione Cartella 01: Requisiti generali strutture sanitarie e sociosanitarie. Requisiti generali autorizzativi delle strutture sanitarie

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

'&(&) '*%%&$'%&'+&!$&#,$'%$

'&(&) '*%%&$'%&'+&!$&#,$'%$ !"#$! %&%' '&(&) '*%%&$'%&'+&!$&#,$'%$ Visti: - la Legge 19 febbraio 2004, n. 40 recante Norme in materia di procreazione medicalmente assistita; - la Direttiva 2004/23/CE del Parlamento Europeo e del

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Consumi e manutenzioni di esercizio o non servizi per servizi non e erogazione

Dettagli

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo vigente alla data del 22 febbraio 2013 D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l'art.

Dettagli

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO SOMMARIO PREMESSA... 2 CLASSIFICAZIONE... 3 CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 CRITERI LOGISTICI

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014

Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014 Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014 G. Paoli Settore counicazione, ricerca sistema informativo e progetti in sanità delibera 277 del 16 Marzo 07 l obiettivo

Dettagli

Decreto del Commissario ad acta

Decreto del Commissario ad acta REGIONE LAZIO Decreto del Commissario ad acta (delibera del Consiglio dei Ministri del 23 aprile 2010) N. U00039 del 20/03/2012 Proposta n. 2806 del 17/02/2012 Oggetto: Assistenza territoriale. Ridefinizione

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro servizi sanitari per servizi non sanitarie erogazione di sanitari 10100 Igiene e sanità pubblica 10200 Igiene degli alimenti e della nutrizione

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

PRINCIPALI CONTENUTI DGR N.1169 DELL 8 SETTEMBRE 2015 MANOVRA SANITA 2015

PRINCIPALI CONTENUTI DGR N.1169 DELL 8 SETTEMBRE 2015 MANOVRA SANITA 2015 PRINCIPALI CONTENUTI DGR N.1169 DELL 8 SETTEMBRE 2015 MANOVRA SANITA 2015 BENI E SERVIZI Il testo del decreto legge n.78/2015 convertito con legge 6 agosto 2015, n.125 prevede che la spesa complessiva

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU6 06/02/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. 23-6990 Definizione criteri e modalita' per la determinazione dei volumi di attivita' e dei tetti di spesa per

Dettagli

Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul BURP ai sensi dell art. 6, lettera H della legge regionale n. 13 del 12.4.1994.

Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul BURP ai sensi dell art. 6, lettera H della legge regionale n. 13 del 12.4.1994. 438 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 6 del 12-1-2006 Via La Sorte (lato nord-ovest): da via Piemonte a Viale Gramsci (lato ovest): da via La Sorte a via Cantore; Via Cantore (lato sud-est):

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 3 Interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente 'deboli' Oggetto dell'atto: "ADOZIONE DELLA SCHEDA

Dettagli

Prot. n. 4241/XV.8.12 Cagliari, 18/02/2011

Prot. n. 4241/XV.8.12 Cagliari, 18/02/2011 Prot. n. 4241/XV.8.12 Cagliari, 18/02/2011 > Ai Comuni della Regione Sardegna LORO SEDI > Ai Commissari delle Aziende Sanitarie Locali LORO SEDI Oggetto: Delibera della Giunta Regionale n. 34/26 del 18/10/2010.

Dettagli

ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n.

ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n. Marca da bollo 10 Spett.le Ufficio del Lavoro SEDE ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n.28/1991 Il sottoscritto Cod.

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

atteso che non esiste ad oggi un accordo tra le parti che definisca modalità di intervento e di rapporti;

atteso che non esiste ad oggi un accordo tra le parti che definisca modalità di intervento e di rapporti; PROTOCOLLO D INTESA TRA : LA REGIONE TOSCANA LE AZIENDE SANITARIE E LE OO.SS. DEI MEDICI CONVENZIONATI: MEDICINA GENERALE/ PEDIATRIA DI LIBERA SCELTA / SPECIALISTICA AMBULATORIALE E DEI MEDICI SPECIALISTI

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 Excursus legislativo sulla palliazione Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 1 Legge 39/99 Stabilisce l adozione di un programma

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU29S2 23/07/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 20 luglio 2015, n. 27-1784 Definizione delle tariffe e ridefinizione del fabbisogno dei Centri Diurni Socio Riabilitativi sperimentali

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 45/ 14 DEL 28.8.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 45/ 14 DEL 28.8.2008 DELIBERAZIONE N. 45/ 14 Oggetto: Servizi residenziali e semiresidenziali per il trattamento delle dipendenze patologiche: adeguamento rette, dotazione di personale e criteri di inserimento in struttura.

Dettagli

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI Il Regolamento di struttura, redatto in coerenza con le linee guida di cui al presente provvedimento,

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

La continuità assistenziale

La continuità assistenziale L1 La continuità assistenziale Lucia Pavignano anno 2010 Diapositiva 1 L1 Lucia; 01/05/2010 Cosa si intende per Continuità Assistenziale? garantisce l'assistenza medica di base per situazioni che rivestono

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base Prof. A. Mistretta Il medico di medicina generale (MMG) Garantisce l assistenza sanitaria Si assicura di promuovere e salvaguardare la salute in un rapporto

Dettagli

Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute

Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute Maria Chiara Corti Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Strutture di ricovero intermedie e integrazione socio-sanitaria Le malattie,

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative

Terapia del dolore e cure palliative Terapia del dolore e cure palliative { Legge 38/10 e alcuni dati sulla sua applicazione Dott. Angelo G. Virtuani Ordine dei Medici Chirurghi Monza Sabato 9 novembre 2013 Legge N.38 del 15/03/2010 - G.U.

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

DELIBERAZIONE N. VII/9491 DEL 21 GIUGNO 2002

DELIBERAZIONE N. VII/9491 DEL 21 GIUGNO 2002 DELIBERAZIONE N. VII/9491 DEL 21 GIUGNO 2002 alla Sanità Carlo Borsani Definizione dei rapporti contrattuali di cui alla dgr n. 47508/99 in applicazione degli indici programmatori espressi dal PSSR 2002/2004.

Dettagli

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 AZIENDA USL DI RAVENNA BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 Gruppo di lavoro Coordinamento Milva Fanti Redazione dei capitoli Presentazione e conclusioni: Capitolo 1: Giuliano Silvi Capitolo 2: Gianni

Dettagli

SSR 2007-2009. Programmazione della rete dei servizi sanitari Segreteria Regionale Sanità e Sociale

SSR 2007-2009. Programmazione della rete dei servizi sanitari Segreteria Regionale Sanità e Sociale SSR 2007-2009 Programmazione della rete dei servizi sanitari Segreteria Regionale Sanità e Sociale Regione holding GOVERNO DEL SSSR Struttura di governo regionale Potenziamento e riqualificazione della

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 71 approvata il 2 aprile 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

Allegato n. 4 Delibera n. 102 del 10/02/2015

Allegato n. 4 Delibera n. 102 del 10/02/2015 ACCORDO CONTRATTUALE ANNO 2015 EX ART. 17 L.R. 16.8.2002, N. 22 ED ART. 8 QUINQUIES D.LGS. 30.12.1992, N. 502 TRA L AZIENDA ULSS E LA STRUTTURA SANITARIA VENETA CLODIENSE MUTUA DEL PESCATORE SOCIETA' COOPERATIVA

Dettagli

REQUISITI E PROCEDURE PER L'ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE

REQUISITI E PROCEDURE PER L'ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE Allegato B REQUISITI E PROCEDURE PER L'ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE Il presente allegato definisce i requisiti per l accreditamento istituzionale delle strutture socio sanitarie

Dettagli

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art.

D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. D.M. 21 maggio 2001, n. 308 Requisiti strutture a ciclo residenziale Preambolo, Art.1, Art.2, Art. 3, Art. 4, Art. 5, Art. 6, Art. 7, Art. 8, Art. 9, Preambolo IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE Visto

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO LA PRESIDENZA DELLA REGIONE - VIALE ALDO MORO 52 - BOLOGNA Parte seconda - N. 118 Anno 44 30 maggio 2013 N. 143 DELIBERAZIONE DELLA

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 .. 1 1. Presentazione La Relazione sulla Performance 2012 riassume la valutazione annuale del Ciclo di gestione della performance. In particolare la Relazione è lo strumento

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 2 aprile 2015, n. 70 Regolamento recante definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all'assistenza ospedaliera. (15G00084) (GU

Dettagli

I IMPORTO PRESENTE IMPEGNO EURO... Impegno N... del...

I IMPORTO PRESENTE IMPEGNO EURO... Impegno N... del... COPIA Mod. A. P,P,a, ~,2g4/8" REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Estratto del processo verbale della seduta del OGGETTO: Legge Regionale 5 ottobre 2007, n. 22, art 10. Adempimenti I N.... del Ree. delle

Dettagli

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 26/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 97

Regione Lazio. Decreti del Commissario ad Acta 26/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 97 Regione Lazio Decreti del Commissario ad Acta Decreto del Commissario ad Acta 15 novembre 2013, n. U00461 Recepimento della "Intesa, ai sensi dell'art. 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, tra

Dettagli

ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE NELLA REGIONE UMBRIA

ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE NELLA REGIONE UMBRIA ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE NELLA REGIONE UMBRIA L Istituto dell Accreditamento nasce in Italia nel 1992 con la riforma del Sistema Sanitario Nazionale (DL.502/92) e viene ulteriormente definito e dettagliato

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

Società della Salute della Lunigiana CONVENZIONE

Società della Salute della Lunigiana CONVENZIONE Società della Salute della Lunigiana CONVENZIONE 1 INDICE...1 CONVENZIONE...1...1 INDICE...2 ART. 1 Costituzione Denominazione Sede Durata...3 ART. 2 Finalità...3 ART. 4 Modalità di gestione...5 ART. 5

Dettagli

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie La Regione Lombardia in data 06 agosto 2008 con D.G.R.n. 8/7915 ha pubblicato il decreto relativamente a Determinazione in ordine al miglioramento quali-quantitativo dell assistenza garantita a persone

Dettagli

Det n. 2144 /2010 Class. 497 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2144/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO CASA, IGIENE E SANITA

Det n. 2144 /2010 Class. 497 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2144/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO CASA, IGIENE E SANITA COMUNE DI CESENA DETERMINAZIONE n. 2144/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO CASA, IGIENE E SANITA Proponente: GAGGI MATTEO OGGETTO: ACCREDITAMENTO TRANSITORIO PER CENTRO SOCIO RIABILITATIVO RESIDENZIALE

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU30 25/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 9 luglio 2013, n. 1-6045 D.G.R. N. 6-5519 del 14/03/2013 "Programmazione sanitaria regionale. Interventi di revisione della rete ospedaliera

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 Leggi e normative LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE Articolo 1 Finalità 1. La presente legge tutela il diritto del cittadino

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEI CONTROLLI SULLE UNITÀ D OFFERTA SOCIO-SANITARIE

PROGRAMMAZIONE DEI CONTROLLI SULLE UNITÀ D OFFERTA SOCIO-SANITARIE ALLEGATO B PROGRAMMAZIONE DEI CONTROLLI SULLE UNITÀ D OFFERTA SOCIO-SANITARIE Residenze Sanitario-Assistenziali Responsabile del Servizio Vigilanza ed Accreditamento; Medico Geriatra, consulente per gli

Dettagli

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico Corso per Direttori Sanitari di strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI MODENA 8 MAGGIO 2007 Dr

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014

LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014 LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014 1 Le prestazioni di procreazione medicalmente assistita non sono mai state inserite nei Livelli essenziali di assistenza,

Dettagli

'l<..ellione Campania l{ CJ>re sù[e n te

'l<..ellione Campania l{ CJ>re sù[e n te 'lre sù[e n te Commissario ad acta per il Piano di rientro del Settore Sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri del 24/0412010) DECRETO COMMISSARIALE n. R del.jd I~L.9:>J-l

Dettagli

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA 1.C AREA INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Nella tabella riepilogativa, per le singole tipologie erogative di carattere socio sanitario, sono evidenziate, accanto al richiamo alle prestazioni sanitarie, anche

Dettagli

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi INDICE Presentazione La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi L articolazione dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) in termini organizzativi

Dettagli

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 1. POPOLAZIONE...

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 1. POPOLAZIONE... Indice I INDICE GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 43 1.1. STRUTTURA

Dettagli

Atti della Regione PREMESSO CHE:

Atti della Regione PREMESSO CHE: A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 1267 del 16 luglio 2009 Determinazione delle Tariffe per prestazioni erogate da Residenze Sanitarie Assistite (RSA) e Centri Diurni ai sensi della L.R.

Dettagli

Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia, ai sensi della L.R. n. 13/1994.

Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia, ai sensi della L.R. n. 13/1994. 4941 Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia, ai sensi della L.R. n. 13/1994. Il Segretario della Giunta Dott.ssa Antonella Bisceglia Il Presidente

Dettagli