POLITECNICO DI MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITECNICO DI MILANO"

Transcript

1 POLITECNICO DI MILANO Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Dipartimento di Elettronica e Informazione Tecniche di Resource Allocation per la gestione dei consumi energetici di Service Center con vincoli di availability Relatore: Ing. Danilo Ardagna Correlatore: Ing. Bernardetta Addis Tesi di Laurea di: Folco Angelo Bombardieri - Mat Anno Accademico

2

3 Indice Ringraziamenti I 1 Stato dell arte Le applicazioni Internet La virtualizzazione del data center Panoramica sulla virtualizzazione I requisiti di Popek e Goldberg L architettura x I Service Level Agreement La gestione del consumo energetico Dynamic Frequency Scaling Autonomic Computing Autonomic Computing nei Data Center Gestione dei sovraccarichi: l Admission Control Metodo basato sulle sessioni Resource Allocation e Power Management Web Service Cluster-Based Business Continuity High Availability Calcolo dell availability Resource Allocation ottima basata su utility function lineari Modello del sistema Problema di ottimizzazione Formulazione nel continuo Ricerca di una soluzione iniziale I problemi di load balancing e capacity allocation Fixed point iteration basata sulle condizioni KKT Fixed point iteration basata sul metodo del gradiente. 74 III

4 2.5 L algoritmo di ricerca locale Spegnimento di un server Accensione di un server Scambio di server Riallocazione di applicazioni Resource Allocation ottima con Dynamic Frequency Scaling e vincoli di availability Estensioni del modello e tecniche di Resource Allocation Estensione DFS Ricerca di una soluzione iniziale a partire da una soluzione precedente Ricerca della soluzione iniziale sfruttando il frequency scaling Estensione della procedura di ricerca locale Implementazione della gestione dell availability Modello del sistema con vincoli di availability Problema di ottimizzazione con vincoli di availability Assegnamento iniziale con vincoli di availability Load balancing e capacity allocation con vincoli di availability Ricerca locale con vincoli di availability Gap teorico rispetto all ottimo globale Architettura del sistema Descrizione delle classi Classe Server Classe ServiceClass Classe ServerType Classi ClassList e ServerList Classe ElaboratedServer Classe TierBlock Classe ElaboratedClass Classe AvailabilityState Classe DataCenter Classe Solution Generatore di istanze e risolutore Generatore di istanze Risolutore IV

5 5 Realizzazioni sperimentali e valutazione Confronto con tecniche di Resource Allocation implementate in IBM Tivoli Generazione delle istanze Confronto con IBM Tivoli Risparmio energetico Sensibilità alla predizione del carico Test con vincoli di availability Sensibilità alla predizione del carico Bibliografia 178 A Convessità della funzione obiettivo 185 V

6 VI

7 Elenco delle figure 1 Un Data Center I Data Center utilizzati da Google Emissioni odierne di gas serra causate dai Data Center Un architettura a tre tier Sistema non virtualizzato e virtualizzato I livelli di privilegio dell architettura x Virtualizzazione completa Paravirtualizzazione Virtualizzazione nativa La virtualizzazione a livello di sistema operativo Strategia di pricing a gradini Utility function lineare Distribuzione dei consumi di un server Distribuzione dei consumi in un Data Center Andamento dei costi per i Data Center P-State di un processore Un Autonomic System per Data Center Gestione dei limiti di concorrenza in un applicazione multi-tier Architettura del sistema di gestione dei Web Service Componenti del gateway Parametri di input e output del Global Resource Manager Modello chiuso per un applicazione multi-tier Modello aperto applicazione multi-tier Un architettura per garantire la disponibilità dei servizi Consolidamento di cluster di server tramite la virtualizzazione Migrazione di una virtual machine a seguito di un guasto Sistema con componenti in serie Sistema con componenti in parallelo Formalizzazione del problema di allocazione delle applicazioni. 67 VII

8 3.1 Infrastruttura di un Autonomic System Allocazione di più tier applicativi sul medesimo server Architettura degli oggetti AvailabilityState Class Diagram con le relazioni dell oggetto DataCenter Class Diagram con le relazioni dell oggetto Solution La GUI principale del generatore di istanze La GUI che permette la definizione dei parametri principali La GUI che permette la definizione dei parametri dei server La GUI principale del risolutore La GUI principale del risolutore La GUI principale del risolutore Tracce di elaborazione per la soluzione del sistema omogeneo Tracce di elaborazione per la soluzione del sistema eterogeneo Numero di utenti contemporanei per ora nello Scenario Numero di utenti contemporanei per ora nello Scenario Confronto tra le soluzioni per lo scenario Confronto tra le soluzioni per lo scenario Tempi di risposta col nostro algoritmo per lo scenario Tempi di risposta con l algoritmo alternativo per lo scenario Numero di server online per lo scenario Confronto tra le soluzioni per lo scenario Confronto tra le soluzioni per lo scenario Tempi di risposta col nostro algoritmo per lo scenario Tempi di risposta con l algoritmo alternativo per lo scenario Numero di server online per lo scenario Risparmio energetico rispetto all allocazione statica Esempio di traccia di elaborazione con vincoli di availability Tracce di carico per le 50 classi nello scenario Tracce di carico per le 50 classi nello scenario Numero di server accesi nelle 24 ore per lo scenario Guadagni ottenuti nelle 24 ore per lo scenario Numero di server accesi nelle 24 ore per lo scenario Guadagni ottenuti nelle 24 ore per lo scenario Confronto tra i tempi di elaborazione per lo scenario Confronto tra i tempi di elaborazione per lo scenario

9 Introduzione Nella seconda metà degli anni 90, vedendo le potenzialità del settore Internet, le compagnie interessate ad investirvi ed a non perdere terreno nel confronto delle rivali, si resero conto della necessità di avere sempre a disposizione connettività Internet veloce e di avere la possibilità di operare senza interruzioni per poter in questo modo stabilire una presenza in rete. Le compagnie più grandi iniziarono quindi a costruire a tal scopo i cosiddetti Internet Data Center (IDC ), ossia grandi strutture che raggruppavano numerosi elaboratori e tutti quei componenti necessari al loro funzionamento e tali da permettere la fornitura di servizi ai clienti (impianti di condizionamento, sistemi di immagazzinamento dati, impianti energetici, ecc...). Figura 1: Un Data Center.

10 2 Grazie alla riduzione dei costi dell hardware, in seguito anche per le compagnie più piccole vi fu la possibilità di costruire tali strutture grazie alle quali offrire i propri servizi. Nacquero anche compagnie che fondavano i loro business sulla costruzione e sull affitto di Data Center a quelle compagnie che non potevano disporre di un proprio Data Center per motivi di costo o per mancanza di competenze proprie (pratica definita outsourcing). Ai giorni nostri il numero di Data Center esistenti è elevato ed in aumento, basti considerare che Google fa uso di ben 36 Data Center (Figura 2): 19 si trovano negli Stati Uniti, 12 in Europa, uno in Russia, uno nell America del Sud e tre in Asia [45]. In particolare Google ha investito per i propri Data Center 1.9 miliardi di dollari nel 2006, mentre nel 2007 questa cifra è cresciuta fino a 2.4 miliardi di dollari. Figura 2: I Data Center utilizzati da Google. Sono considerati anche i Data Center ancora in costruzione [45]. A seguito della proliferazione dei Data Center, negli ultimi anni ha assunto sempre maggiore importanza il problema riguardante i costi energetici che si devono sostenere per mantenere un Data Center operativo. Va infatti considerato che questi costi non derivano solamente dai server presenti nella struttura, ma sono invece determinati in buona parte da costi accessori come possono esserlo i costi dovuti agli impianti di condizionamento ed alle unità UPS. Va inoltre considerato che spesso i componenti di un Data Center sono ridondanti per garantire maggiore affidabilità, cosa che va ad incrementare ulteriormente i costi da sostenere. Un recente studio di McKinsey & Co.[11][35] ha affermato che le emissioni odierne di gas serra dovute ai Data Center sono tali da sorpassare le emissioni causate da alcune nazioni e tali da raggiungere livelli comparabili a quelli delle grandi industrie (Figura 3). Considerando inoltre l elevata

11 3 proliferazione dei Data Center si è stabilito che, nel caso in cui la situazione attuale non cambi significativamente, con ogni probabilità entro il 2020 i Data Center comporteranno una produzione di gas serra superiore a quella prodotta dall industria aeronautica. Ciò a causa del mancato sfruttamento delle opportunità di risparmio sui costi e sull energia nei Data Center aziendali e governativi. Nello studio viene rivelato che, ad esempio, i server vengono utilizzati in media solo al 6% della loro capacità mentre, per quanto riguarda i Data Center nel loro insieme, questi vengono utilizzati solo al 56% della loro performance massima. Secondo tale studio le aziende dovrebbero porsi l obiettivo di raddoppiare entro breve l efficienza dei propri Data Center seguendo parallelamente varie strade, dall introduzione di un controllo integrato delle unità di raffreddamento ad un utilizzo più marcato dei software di virtualizzazione. Figura 3: Emissioni odierne di gas serra causate dai Data Center rapportate alle emissioni causate dalle grandi industrie e da alcune nazioni (Figura tratta da [11]). Come si può intuire, per incrementare l efficienza dei Data Center, si rende necessario introdurre anche sistemi di gestione integrata dei server tali da permettere di sfruttare il più efficientemente possibile le risorse disponibili limitando gli sprechi (per esempio evitando di utilizzare più server di quelli effettivamente necessari). Allo stesso tempo è comunque opportuno che tali

12 4 sistemi non vadano a ridurre drasticamente la disponibilità 1 dei servizi messi a disposizione dai Data Center, ma è necessario invece che ne tengano conto al fine di permettere di erogare servizi con continuità. Il presente lavoro di tesi ha l obiettivo di progettare un sistema di questo genere, in particolare un Autonomic System, che si occuperà di allocare le risorse disponibili in un Data Center in maniera il più efficiente possibile, ossia utilizzando solo le risorse strettamente necessarie a gestire le richieste di servizio ed allo stesso tempo mantenendo un allocazione tale da garantire l availability dei servizi desiderata, ossia garantire la Business Continuity. Il lavoro di tesi è organizzato come segue: Nel Capitolo 1 viene effettuata una panoramica sui moderni Data Center. Viene presentata l architettura multi-tier caratteristica delle applicazioni Internet che vi sono ospitate e vengono introdotti i fondamenti del processo di virtualizzazione che avrà un ruolo fondamentale per poter incrementare l efficienza dei Data Center. Verranno quindi presentati alcuni modelli di pricing adottati dai gestori di Data Center che vengono formalizzati nei contratti Service Level Agreement (SLA), accordi che permettono di definire i livelli di servizio desiderati dai clienti. In seguito saranno descritte le caratteristiche fondamentali degli Autonomic System e ne verranno introdotti alcuni cui fare riferimento nei capitoli seguenti. Infine si presenteranno i concetti base della Business Continuity. Nel Capitolo 2 verrà descritto il modello matematico del sistema che è stato formalizzato in un precedente lavoro di tesi [20] ed il metodo di allocazione delle risorse progettato che costituisce il punto di partenza del presente lavoro; Nel Capitolo 3 verranno descritte inizialmente una serie di migliorie apportate al modello ed al metodo di risoluzione descritto nel Capitolo 2, in particolare ottimizzando la scelta della soluzione iniziale ed introducendo il meccanismo di Dynamic Frequency Scaling. Quindi il modello matematico verrà esteso per introdurre anche la gestione dell availability. Nel Capitolo 4 sarà descritta l implementazione degli algoritmi di allocazione delle risorse proposti. Infine, nel Capitolo 5, verrà presentata una serie di risultati sperimentali ottenuti a seguito di vari test. In particolare, una prima 1 La cosidetta availability.

13 parte dei test ha come obiettivo quello di valutare l efficienza degli algoritmi proposti dal punto di vista energetico. I risultati verranno confrontati con quelli ottenuti utilizzando tecniche di allocazione delle risorse presenti in letteratura. Verranno presentati poi i risultati ottenuti invece a partire da test che valutano in modo esplicito l impatto dell introduzione di vincoli di availability. 5

14 Direzioni future di ricerca e conclusioni Il lavoro di tesi svolto si poneva come obiettivi principali quelli di realizzare politiche di Resource Allocation in grado di sfruttare il meccanismo DFS (Dynamic Frequency Scaling) e che considerassero vincoli di availability. Il presente lavoro si è basato in gran parte sul sistema di Resource Allocation presentato in [20]. Tuttavia tale lavoro ha costituito semplicemente un punto di partenza, in quanto sono state apportate numerose modifiche che hanno contribuito ad estendere la flessibilità ed a ridurre i tempi di elaborazione. In una prima fase della tesi si è proceduto a modificare le strutture dati principali al fine di incrementarne la flessibilità e semplificare di conseguenza l ampliamento delle capacità del sistema. Grazie a queste modifiche è stato quindi possibile introdurre nel sistema la possibilità di sfruttare il meccanismo DFS. Ciò ha comportato la necessità di estendere il modello matematico del problema. È stato inoltre necessario integrare nella procedura di ricerca locale anche le due nuove mosse di incremento e di decremento di frequenza. Con l obiettivo di ridurre i tempi di calcolo e minimizzare l overhead nel sistema fisico è stata sviluppata una nuova euristica per la ricerca della soluzione iniziale che permettesse al sistema di derivare la nuova soluzione da quella ottenuta in un periodo di controllo precedente. Osservate le grandi potenzialità offerte dal meccanismo di DFS si è pensato di non limitare l utilizzo di tali capacità alla sola applicazione della mosse di incremento e di decremento di frequenza, ma di sfruttare tale meccanismo in più livelli dell elaborazione, anche nell ottica di ridurre i tempi di elaborazione. Questa fase ha reso necessario lo sviluppo di nuove versioni della maggior parte dei componenti del sistema, tra cui le procedure di assegnamento iniziale, quelle di fixed point iteration e le mosse della ricerca locale. Nella seconda fase della tesi è stato introdotto il vincolo di availability

15 176 Capitolo 5. Realizzazioni sperimentali e valutazione nella formulazione del problema. È stata sviluppata per questo scopo un euristica basata sulla ricerca locale molto efficiente che sfrutta la possibilità di violare temporaneamente l ammissibilità della soluzione corrente. Le analisi svolte hanno dimostrato la capacità del sistema di ottenere risultati ragguardevoli in tempi spesso molto inferiori ai limiti prefissati. Queste capacità sono esplicitate ulteriormente dal confronto effettuato tra il sistema descritto ed un sistema presente in letteratura [56][54][57][43], confronto che ha dimostrato come l approccio utilizzato permetta di ottenere risultati migliori ed in alcuni casi notevolmente superiori. Infine, tralasciando le questioni prettamente economiche, le soluzioni elaborate dal nostro sistema dimostrano che la migliore gestione dei server rende possibile ridurre i consumi energetici di oltre il 40% in situazioni di basso carico rispetto ad un allocazione statica e comunque, nell arco di una giornata e con carichi di entità media, i risparmi energetici possono raggiungere il 25%. Per quanto riguarda l elaborazione di soluzioni con vincoli di availability si è ottenuto che i risultati, per quanto riguarda i guadagni, non si discostano eccessivamente da quelli che si possono ottenere ignorando la gestione dell availability. Ciò è ancor più vero se si considera che le utility function utilizzate per i test con e senza availability non presentavano differenze, mentre ovviamente, in casi reali, il cliente dovrebbe farsi carico di esborsi superiori nel caso egli voglia avere garanzie sulla continuità dell erogazione dei servizi. Questa considerazione permette quindi di ridurre ulteriormente le differenze per quanto riguarda l allocazione di risorse con e senza garanzie di availability. Come si è detto, le numerose variabili in gioco nell elaborazione della soluzione iniziale, quali possono essere il livello di frequenze desiderato, l utilizzo massimo dei server voluto e la possibilità di derivare la nuova soluzione da una precedente, hanno permesso di ottenere una grande flessibilità nel processo di ricerca, tuttavia si è osservato che la soluzione cui viene applicata la ricerca locale ha una notevole influenza sul risultato finale che si otterrà, soprattutto in caso di Data Center di dimensioni elevate. Per questo motivo, dati i ridotti tempi di elaborazione ottenuti a seguito delle migliorie apportate, potrebbe essere opportuno non limitarsi alla ricerca di una sola soluzione, ma invece procedere ad elaborarne un maggior numero, ognuna a partire da una soluzione iniziale differente, rendendo in questo modo possibile selezionare quell allocazione delle risorse che permetterà di ottenere i risultati migliori, sia in termini di guadagni che in termini di rispetto dell ambiente. Inoltre, per come il sistema elabora le soluzioni, è anche auspicabile il futuro sfruttamento delle potenzialità di parallelizzazione offerte dai moder-

16 5.2. Test con vincoli di availability 177 ni processori multicore e sistemi multiprocessore. Lo sfruttamento di questa capacità permetterebbe sia di elaborare un maggior numero di soluzioni in minor tempo sia di ridurre ulteriormente, in alcuni casi, i tempi di elaborazione delle soluzioni, computando ad esempio le mosse della ricerca locale in parallelo per poi applicare quella mossa che permette di migliorare maggiormente la soluzione. Potrebbe anche rendersi opportuno cercare di migliorare e parallelizzare la ricerca locale con vincoli di availability in quanto questa determina un incremento sostanziale dei tempi di elaborazione rispetto al caso senza garanzie di availability pur mantenendolo entro i limiti richiesti.

17 Bibliografia [1] Bruno Abrahao, Virgilio Almeida, Jussare Almeida, Alex Zhang, Dirk Beyer, and Fereydoon Safai. Self-adaptive sla-driven capacity management for internet services. In Proc. NOMS06, [2] Advanced Micro Devices. AMD Opteron TM processor power and thermal data sheet. type/ white papers and tech docs/30417.pdf, Publication #30417 Revision [3] Danilo Ardagna, Marco Trubian, and Li Zhang. SLA based profit optimization in multi-tier systems. NCA 05: Proceedings of the Fourth IEEE International Symposium on Network Computing and Applications, pages , [4] Danilo Ardagna, Marco Trubian, and Li Zhang. SLA based resource allocation policies in autonomic environments. Journal of Parallel and Distributed Computing, 67(3): , [5] Danilo Ardagna, Marco Trubian, and Li Zhang. Energy-aware autonomic resource allocation in multi-tier virtualized environments Politecnico di Milano, Dipartimento di Elettronica e Informazione Technical report number [6] Vijay Arya, Naveen Garg, Rohit Khandekar, Kamesh Munagala, and Vinayaka Pandit. Local search heuristic for k-median and facility location problems. STOC 01: Proceedings of the thirty-third annual ACM symposium on Theory of computing, pages 21 29, [7] Francisco Barahona and Fabián A. Chudak. Near-optimal solutions to large scale facility location problems. IBM Research Report RC21606, [8] Fabricio Benevenuto, Cesar Fernandes, Matheus Santos, Virgilio Almeida, Jussara Almeida, G. John Janakiraman, and Jose Renato San- 179

18 180 BIBLIOGRAFIA tos. Performance models for virtualized applications. In Proc. on XEN in High-Performance Cluster and Grid Computing Environments, ISPA 06 Workshops, [9] Yiyu Chen, Amitayu Das, Wubi Qin, Anand Sivasubramaniam, Qian Wang, and Natarajan Gautam. Managing server energy and operational costs in hosting centers. SIGMETRICS Performamce Evaluation Review, 33(1): , [10] Ludmila Cherkasova and Peter Phaal. Session-based admission control: A mechanism for peak load management of commercial web sites. IEEE Transactions on Computers, 51(6), June [11] McKinsey & Company. Revolutionizing data center efficiency [12] Hewlett-Packard Corporation, Intel Corporation, Microsoft Corporation, Phoenix Technologies Ltd., and Toshiba Corporation. Advanced Configuration and Power Interface specification, revision 3.0b [13] Intel Corporation. Technology innovation from Intel. [14] Italo Cunha, Jussara Almeida, Virgilio Almeida, and Marcos Santos. Self-adaptive capacity management for multi-tier virtualized environments. In Proc. Integrated Management (IM), [15] Irene Dó. Tecniche di autonomic computing per la gestione di breve periodo dei carichi di lavoro nei service center. Dipartimento di Elettronica ed Informazione, V Facoltà di Ingegneria, Politecnico di Milano, [16] DownloadBlog. Nel 2020 i data center inquineranno più delle compagnie aeree. [17] Zvi Drezner, editor. Facility Location A Survey of Applications and Methods. Springer Series in Operations Research and Financial Engineering. Springer, Berlin, [18] Elmootazbellah Elnozahy, Michael Kistler, and Ramakrishnan Rajamony. Energy-efficient server clusters. Proceedings of the Workshop on Power-Aware Computing Systems, February 2002.

19 BIBLIOGRAFIA 181 [19] ExtremeTech. Save your energy: Power management technology. [20] Danilo F. Ghirardelli. Progetto di allocatori di risorse in sistemi di autonomic computing. Dipartimento di Elettronica ed Informazione, V Facoltà di Ingegneria, Politecnico di Milano, [21] Sven Graupner, Ralf Konig, Vijay Machiraju, Jim Pruyne, Akhil Sahai, and Aad Van Moorsel. Impact of Virtualization on Management Systems. Technical report, Hewlett-Packard Labs, [22] Green Grid. The Green Grid, get connected to efficient IT. [23] HP. Green up. greenup.html. [24] IBM. Project Big Green. [25] IBM. Tivoli software. [26] IDC. IDC, the premier global market intelligence firm. [27] Intel. Intel server products power budget analysis tool htm. [28] Jangha Kang and Sungsoo Park. Algorithms for the variable sized bin packing problem. European Journal of Operational Research, 147(2): , [29] Taylor Kidd. What exactly is a p-state? [30] Samuel T. King, George W. Dunlap, and Peter M. Chen. Operating system support for virtual machines. In 2003 Usenix Technical Conference, San Antonio, TX, June [31] Dara Kusic and Nagarajan Kandasamy. Risk-aware limited lookahead control for dynamic resource provisioning in enterprise computing systems. Cluster Computing, 10(4): , 2007.

20 182 BIBLIOGRAFIA [32] Dara Kusic, Jeffrey O. Kephart, James E. Hanson, Nagarajan Kandasamy, and Guofei Jiang. Power and performance management of virtualized computing environments via lookahead control. icac, 0:3 12, [33] Edward D. Lazowska, John Zahorjan, G. Scott Graham, and Kenneth C. Sevcik. Quantitative system performance: computer system analysis using queueing network models. Prentice-Hall, Inc., Upper Saddle River, NJ, USA, [34] Zhen Liu, Mark S. Squillante, and Joel L. Wolf. On maximizing servicelevel-agreement profits. EC 01: Proceedings of the 3rd ACM conference on Electronic Commerce, pages , [35] Steve Lohr. Data centers are becoming big polluters, study finds. [36] David G. Luenberger. Introduction to Linear and Nonlinear Programming. Addison-Wesley, [37] PierGiorgio Malusardi. Risparmio energetico, green computing, windows server 2008 e la virtualizzazione - parte 1. energetico-green-computing-windows-server-2008-e-la-virtualizzazione- 1.aspx. [38] PierGiorgio Malusardi. Risparmio energetico, green computing, windows server 2008 e la virtualizzazione - parte 2. energetico-green-computing-windows-server-2008-e-la-virtualizzaione- 2.aspx. [39] PierGiorgio Malusardi. Risparmio energetico, green computing, windows server 2008 e la virtualizzazione - parte 3. energetico-green-computing-windows-server-2008-e-la-virtualizzaione- 3.aspx. [40] David Marshall. Business continuity and availability key to driving adoption of virtualization in data center.

21 BIBLIOGRAFIA 183 [41] Daniel A. Menascé and Virgilio Almeida. Capacity planning for web services: metrics, models, and methods. Prentice Hall PTR, Upper Saddle River, NJ, USA, [42] Daniel A. Menascé, Virgilio Almeida, and Lawrence W. Dowdy. Performance by Design: Computer Capacity Planning by Example. Prentice Hall, [43] Giovanni Pacifici, Mike Spreitzer, Asser Tantawi, and Alaa Youssef. Performance management for cluster-based web services. IFIP/IEEE Eighth International Symposium on Integrated Network Management, pages , [44] Parallels. Parallels Virtuozzo Containers [45] Pingdom. Map of all google data center locations. [46] Gerald J. Popek and Robert P. Goldberg. Formal requirements for virtualizable third generation architectures. Communications of the ACM, 17(7): , [47] Brien M. Posey. The pros and cons of server virtualization. [48] Wubi Qin and Qian Wang. Modeling and control design for performance management of web servers via an LPV approach. IEEE Transactions on Control Systems Technology, 13(1), Jan [49] Ronald L. Rivest and Charles E. Leiserson. Introduction to algorithms. McGraw-Hill, Inc., New York, NY, USA, [50] Suzanne Rivoire, Mehul A. Shah, Parthasarathy Ranganathan, Christos Kozyrakis, and Justin Meza. Models and metrics to enable energyefficiency optimizations. Computer, 40(12), [51] Patrick Schmid and Achim Roos. Analisi consumo energetico, dall athlon al phenom. [52] Malgorzata Steinder, Ian Whalley, and David Chess. Server virtualization in autonomic management of heterogeneous workloads. SIGOPS Oper. Syst. Rev., 42(1), 2008.

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale "G.

Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale G. CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM FRANCO FRATTOLILLO Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale "G. Rummo" di Benevento, con votazione 60/60.

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza Watt e Voltampere: facciamo chiarezza White Paper n. 15 Revisione 1 di Neil Rasmussen > Sintesi Questa nota spiega le differenze tra Watt e VA e illustra l uso corretto e non dei termini utilizzati per

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM ARGOMENTI TRATTATI Il livello elevato Il disastro più diffuso e più probabile L'esempio da 10 miliardi di dollari per

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

3 domande che i CIO dovrebbero fare circa la protezione dei dati sui server virtuali. Aprile 2013

3 domande che i CIO dovrebbero fare circa la protezione dei dati sui server virtuali. Aprile 2013 3 domande che i CIO dovrebbero fare circa la protezione dei dati sui server virtuali Aprile 2013 1 Contenuti Perché è importante per i CIO... 3 Quello che tutti i CIO dovrebbero sapere... 4 3 domande da

Dettagli

Il Data Center è al centro di ogni strategia IT. È una strategia complessa, decisa da esigenze di spazio fisico, dati, limiti delle reti,

Il Data Center è al centro di ogni strategia IT. È una strategia complessa, decisa da esigenze di spazio fisico, dati, limiti delle reti, Data Center ELMEC Il Data Center è al centro di ogni strategia IT. È una strategia complessa, decisa da esigenze di spazio fisico, dati, limiti delle reti, alimentazione e condizionamento. Con il nuovo

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE Il grande successo della programmazione orientata agli oggetti non ha limitato la ricerca di nuovi paradigmi e tecnologie che possano

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line.

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Provincia di Cosenza Dipartimento di Economia e Statistica Università della Calabria Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Il trasporto pubblico locale della Provincia di Cosenza in rete - 1 - Premessa

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli