WIND PER L AMBIENTE. MARA Direzione Legal Affairs

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WIND PER L AMBIENTE. MARA Direzione Legal Affairs"

Transcript

1 WIND PER L AMBIENTE MARA Direzione Legal Affairs

2 WIND PER L AMBIENTE La politica ambientale WIND adotta un approccio integrato alla sostenibilità, per questo motivo gli obiettivi e le azioni di miglioramento ambientale sono inseriti all interno del documento di Politica Integrata. Il documento di Politica Integrata indica i punti di attenzione sui quali WIND si propone di operare rispetto ai temi del proprio Sistema di Gestione, con un approccio olistico, fornendo i principi, le linee guida e gli obiettivi per tutti gli ambiti coperti dal sistema e gli obiettivi che regolano i processi di business. Dal momento che i principali aspetti ambientali della propria attività riguardano la progettazione, l installazione e l esercizio degli apparati di rete fissa e mobile, l azienda concentra i suoi sforzi nel contenimento degli impatti ambientali delle infrastrutture e degli impatti visivi e acustici degli impianti tecnologici adottati; nonché nella scrupolosa gestione delle emissioni elettromagnetiche, con un attento monitoraggio sia delle emissioni che delle ricerche in WIND ha integrato i temi della merito. L impegno di WIND si concretizza anche attraverso la razionalizza- le proprie attività principali, salvaguardia ambientale con zione dei consumi delle risorse naturali, con un focus sul contenimento energetiche e delle materie prime, attraverso un impiego più efficiente e il e sulla gestione delle emissioni degli impatti delle infrastrutture monitoraggio continuo delle prestazioni e delle emissioni di CO2 in atmosfera. 5.2 L elettromagnetismo LE ONDE ELETTROMAGNETICHE Le onde elettromagnetiche esistono in natura in uno spettro vastissimo, hanno origine differente e ogni persona ne è esposta quotidianamente. Le onde elettromagnetiche non solo vengono emesse dal sole, ma anche dalle lampadine che utilizziamo in casa, così come da alcuni elettrodomestici che vengono utilizzati nella vita di tutti i giorni come i forni a microonde. Le onde elettromagnetiche dello spettro radio, quelle che permettono il funzionamento delle reti cellulari, sono quindi una parte di tutto lo spettro di onde elettromagnetiche cui ogni individuo è sottoposto. Nel giugno 2011 l Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che fino ad oggi, non sono stati accertati effetti nocivi associati all uso del telefono cellulare, ed avviato ulteriori studi epidemiologici per approfondire gli eventuali effetti a lungo termine 1. Nel luglio dello stesso anno, l ICNIRP (Commissione Internazionale per la Protezione dalle Radiazioni Non Ionizzanti) ha pubblicato la più recente review degli studi epidemiologici su telefoni cellulari e tumori, concludendo che sebbene ci siano ancora delle aree di incertezza, l evidenza scientifica che si sta accumulando è contraria all ipotesi che i telefoni cellulari possano essere causa di tumori cerebrali negli adulti 2. Nonostante quanto affermato dagli studi menzionati, non è possibile giungere a delle conclusioni definitive sull impatto per la salute umana dovuto all utilizzo dei telefoni cellulari, poiché tali studi sono stati effettuati su utenti che hanno utilizzato i telefoni cellulari per meno di dieci anni, poiché, ad oggi, sono ancora pochi gli utenti che hanno utilizzato assiduamente i telefoni cellulari per un periodo più lungo di quello indicato. A conferma di ciò, nel novembre 2011 il Ministero della Salute, pur confermando che finora non è stato dimostrato alcun legame tra l uso del cellulare e l insorgenza di malattie, ha raccomandato di adottare maggiori precauzioni per l utilizzo di tale dispositivo da parte dei bambini, in attesa dei risultati delle ricerche in corso L elettromagnetismo nelle Telecomunicazioni WIND segue con attenzione il tema dei rischi per la salute umana legati all utilizzo del cellulare, partecipando agli studi in materia e fornendo i contributi tecnici necessari. Gli studi condotti e finora pubblicati dagli organi competenti non hanno fornito informazioni chiare ed inequivocabili circa gli eventuali problemi per la salute umana generati dall utilizzo del cellulare. 1. World Health Organization - sulla base degli studi condotti dal 1996 relativi al progetto International Electromagnetic Fields (EMF). 2.

3 99 Dal momento che la maggiore fonte di onde elettromagnetiche legate alle telecomunicazioni è rappresentato dalle infrastrutture per la trasmissione dei dati, lo Stato italiano, in via precauzionale, ha deciso di regolamentare il settore, imponendo limiti di emissioni elettromagnetiche fino a 100 volte inferiori rispetto a quelli definiti dall ICNIRP, applicati nel resto d Europa. Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 8 luglio 2003 stabilisce, infatti, che ai fini della prevenzione degli effetti a breve termine e dei possibili effetti a lungo termine nella popolazione dovuti all esposizione ai campi elettromagnetici generati da sorgenti fisse con frequenza compresa tra i 100KHz e 300GHz, tra cui anche le stazioni radio base per telefonia cellulare, queste non devono superare i valori di emissione pari a 20 Volt/metro, che scendono a 6 Volt/metro nelle aree in cui vi è presenza umana per più di 4 ore consecutive al giorno (ad esempio: aree residenziali, scuole, uffici, ecc.). Come dimostra la tabella sottostante 3 i valori italiani sono ben più restrittivi rispetto a quelli applicati negli altri principali paesi europei Il monitoraggio dell elettromagnetismo Fin dal 2008, a seguito di un primo esperimento pilota svolto in Puglia, Wind gestisce numerosi progetti di monitoraggio delle emissioni elettromagnetiche nelle aree in cui la presenza di impianti di telefonia mobile risulta più significativa o inserita in contesti più delicati. Nel corso del 2012 importanti interventi di ricognizione dei campi elettromagnetici sono stati avviati nei comuni di Salerno e Napoli, principalmente presso aree definite dalla normativa vigente come sensibili, quali istituti scolastici e presidi sanitari. I risultati di tale attività di monitoraggio hanno sempre evidenziato valori di esposizione ai campi elettromagnetici estremamente contenuti e sempre significativamente al di sotto dei limiti imposti dalla normativa vigente. WIND gestisce numerose attività di monitoraggio delle emissioni elettromagnetiche che hanno sempre evidenziato valori significativamente al di sotto della normativa italiana, decisamente più restrittivi di quelli applicati nel resto d Europa. Tabella 5.1 Limiti di esposizione alle emissioni elettromagnetiche Limite di esposizione (V/m) Paese 400 MHz 900 MHz 1800 MHz > 2000 MHz Unione Europea Francia Germania Ungheria Italia (*) Svezia Regno Unito (*) 20 V/m è il riferimento generale; 6 V/m nelle aree pubbliche nelle quali è possibile un esposizione superiore alle 4 ore (aree urbane e residenziali, scuole, uffici) Il monitoraggio inerente i limiti di esposizione ai campi elettromagnetici (CEM) e l attenzione rivolta agli impatti paesaggistici degli impianti di telecomunicazioni - il tutto in relazione ai piani di sviluppo delle moderne tecnologie (LTE) - hanno portato alla revisione della normativa italiana inerente i limiti CEM. Con il D.L. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito in L. del 17 dicembre 2012, n. 221 (art. 14, comma8), si è infatti proceduto alla revisione del D.P.C.M. 8 luglio 2003, modificando non i limiti CEM, che pertanto restano in Italia più bassi rispetto al contesto Europeo ma la specifica degli ambiti di applicazione e della modalità di misurazione dei limiti. Tale modifica della normativa inerente i CEM intervenuta nel 2012, è stata realizzata attraverso il tavolo LTE istituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico e con il Gruppo di Lavoro composto da ISPRA, Ministero dell Ambiente, Ministero della Salute, FUB ed Operatori mobili. Questa revisione legislativa, una volta operativa con l emanazione delle Linee Guida, incentiverà lo sviluppo delle reti mobili per il lancio dei servizi LTE e favorirà, in primis, il site-sharing tra i diversi operatori, limitando quindi sia l impatto paesaggistico, sia l aumento dei consumi energetici delle nuove stazioni radio base, realizzando così anche una sensibile riduzione delle conseguenti emissioni di CO2. Fermo restando il rispetto dei limiti indicati le modalità di misura dei suddetti limiti sono state modificate nel corso del 2013 ed è in via di definizione una linea guida che ne definisce le applicazioni operative. 3. Tabella ricavata dal documento ufficiale del National Institute for Public Health and the Environment, Ministry of Healt, Welfare and Sport:

4 Il monitoraggio delle prestazioni ambientali I consumi elettrici L utilizzo di energia elettrica per WIND riguarda prevalentemente le attività connesse all operatività delle sedi civili e al funzionamento degli impianti di telecomunicazione. Per sedi civili si intendono gli uffici, in cui opera il personale di WIND, e le sedi miste, in cui vi è la compresenza di uffici e impianti tecnologici. Gli impianti di telecomunicazioni sono, viceversa, tutte le apparecchiature connesse al business (quali antenne, data center, etc.) utilizzate da WIND per erogare il proprio servizio. In relazione alle sedi civili, il 2013 è l anno che ha visto il primo monitoraggio complessivo di tutti i consumi elettrici legati a tali sedi. Negli anni precedenti, infatti, era stato possibile monitorare i consumi energetici riguardanti soltanto il 70% della superficie complessiva delle sedi civili. Questa attività ha permesso di stimare 4 un consumo complessivo di kwh, con un decremento rispetto agli anni precedenti, in cui il consumo era stato stimato in circa kwh. A livello di consumi energetici legati al funzionamento degli impianti di telecomunicazione, il 2013 conferma il trend di crescita registrato anche nel corso degli anni precedenti. In valore assoluto il consumo è quindi aumentato del 5%. Ciò è dovuto principalmente all effetto degli ampliamenti di rete realizzati; da tener presente però che questo è avvenuto per far fronte ad un incremento del traffico dati mobile che è stato pari al 60%. IL RISPARMIO ENERGETICO E IL NUOVO DATA CENTER DI MOLFETTA La progettazione del nuovo Data Center di Molfetta, la cui installazione è stata avviata nel 2012 e che sarà pienamente operativo entro il 2014, è stata condotta con obiettivo di costruire un Data Center altamente efficiente in termini di consumi energetici. Il nuovo Data Center sarà infatti dotato di soluzioni tecnologicamente e ambientalmente molto avanzate, quali in particolare: - un impianto fotovoltaico (potenza nominale pari a 199,92 kwp); - un tetto ventilato sottostante i pannelli fotovoltaici integrati nella struttura del fabbricato; - lampade a led; - UPS (ovvero i gruppi di continuità elettrica) ad alta efficienza; - un impianto di condizionamento ad acqua refrigerata con predisposizione per sistema di free cooling diretto. L impianto fotovoltaico garantirà al Data Center circa kwh/anno 6, che in termini ambientali, in confronto a produzione termoelettrica, si traduce in mancate emissioni inquinanti per circa 112 tonnellate di anidride carbonica (CO2) 7. La realizzazione dell impianto è stata completata nel corso del 2013 ed entrerà in funzione nel Il tetto ventilato, invece, permettendo il deflusso dell aria riscaldata attraverso i moti convettivi che contribuisce a generare, consentirà livelli di risparmio energetico dell intero fabbricato, dell ordine del 9%, rispetto a impianti tradizionali, congiuntamente a maggiori e migliori livelli di conservazione delle attrezzature contenute all interno del sito. Tabella 5.2 Consumi di energia elettrica degli impianti di telecomunicazione espressi in kwh L utilizzo di lampade a led, rispetto alle più comuni lampade ad incandescenza o neon, ha contribuito analogamente ad una riduzione dei consumi energetici stimabile in circa il 50%, nonché garantirà una maggiore resistenza a shock termici e vibrazioni. Per quanto concerne invece gli UPS per apparati, questi sono stati realizzati in linea con gli standard internazionali (TIA) al fine di ottenere il massimo livello di ridondanza (TIER IV) 8, con una disponibilità di alimentazione del 99,9% per la riduzione del particolato (PM) e delle emissioni 4. Stima effettuata tramite l analisi dei consumi di gasolio legati alla produzione di energia elettrica e alla quantità di energia elettrica acquistata (anche questa stimata con un approssimazione molto attendibile, in quanto al momento della redazione del Rapporto non erano ancora disponibili tutte le fatture relative all acquisto di energia elettrica). 5. Il valore si compone di Kwh relativi alla produzione da impianti fotovoltaici, più il valore effettivamente consuntivato da fatture elettriche ( Kwh) più una stima dei conguagli sulle competenze 2013 pari ad 1% del consumo consuntivato. Tali conguagli possono essere richiesti fino a 5 anni dopo l anno di competenza. 6. Stima di produttività futura, poiché l impianto entrerà in funzione durante il Fattore di conversione utilizzato: 0, t CO2/kWh di energia da produzione termoelettrica, fonte: rapporto ISPRA Gli standard internazionali di configurazione dei Data center emanati dal TIA (telecomunication Industry Association) definiscono i criteri di ridondanza dei CED che sono basati su 4 livelli di TIER. TIER IV è il livello più alto di garanzia che un datacenter può offrire, con una disponibilità di alimentazione del 99.9%. Questa categoria di datacenter è completamente ridondata a livello di circuiti elettrici, di raffreddamento e di rete. Questa architettura permette di far fronte a incidenti tecnici senza mai interrompere la disponibilità dei server.

5 103 di NOx (ossidi di azoto), e sono del tipo ad alto rendimento (superiore al 94%). Tale scelta ha comportato un risparmio energetico nel normale impiego con un riconoscimento di 164 Certificati Bianchi. L impianto di condizionamento, infine, è del tipo ad acqua refrigerata la cui generazione è assicurata da gruppi frigoriferi ad alta efficienza. Tra le principali caratteristiche vi è la capacità di valutare il carico termico del sito e adattare il sistema di conseguenza, variando automaticamente il cosiddetto set point : in caso di riduzione del carico termico il gruppo frigorifero fornisce, infatti, l acqua refrigerata a una temperatura più elevata, incrementando di conseguenza la propria efficienza e riducendo il consumo energetico. È inoltre stata predisposta la sala per l installazione di un sistema di free-cooling diretto che consentirà a regime di introdurre automaticamente nell impianto aria fredda proveniente dall esterno (specialmente nel periodo invernale), favorendo minori consumi elettrici per il condizionamento. CASE STUDY: LA NASCITA DELLA FUNZIONE RENTAL & POWER MANAGEMENT Con l obiettivo di assicurare il presidio del processo di gestione ed ottimizzazione dei consumi energetici, WIND ha costituito, nel corso del 2013, la funzione Rental & Power Management che opera nell ambito della Direzione Strategy, Business Analysis, Planning & Control. La funzione ha lo scopo di promuovere iniziative di risparmio energetico da mettere in atto all interno di tutti i siti WIND e di gestire i rapporti con tutti i fornitori di energia; svolge inoltre il ruolo di Energy Manager aziendale. Durante il suo primo anno di attività la funzione Rental & Power Management ha già messo in atto una serie di iniziative che hanno permesso di raggiungere notevoli risultati dal punto di vista energetico. Revisione dei set point BTS Il progetto, portato avanti grazie ad interventi di sensibilizzazione nei confronti dei tecnici che operano sui siti BTS, ha permesso di realizzare risparmi energetici per un valore stimato di 3 milioni di euro in un anno. Gli interventi di sensibilizzazione sono stati realizzati soprattutto relativamente alle temperatore di condizionamento ed hanno portato a un utilizzo più razionale dei condizionatori all interno dei siti coinvolti. In linea con quanto previsto dalla Politica Integrata di WIND, che prevede la razionalizzare dei consumi delle risorse naturali, e per rispondere alla necessità di Le attività di modernizzazione degli apparati della rete di accesso mobile ampliamento della rete dovuto agli aumenti di traffico dati, WIND ha proseguito hanno consentito una riduzione nel corso di quest anno il progetto Swap & Modernization relativo agli apparati della rete di accesso mobile. L obiettivo del progetto è quello di ridurre il con- dei consumi di oltre 10.9 GWh, corrispondenti a circa tonnellate sumo di energia elettrica nei siti Base Transceiver Station (BTS, ovvero gli apparati della rete cellulare mobile) attraverso l installazione di nuovi apparati con di CO2 minori consumi rispetto ai preesistenti. A tal fine sono stati sostituiti apparati 2G e/o 3G su siti BTS. Si stima che tale ammodernamento abbia consentivo a WIND di ridurre i consumi di oltre 10.9 GWh 9, pari a circa tonnellate di CO2. La realizzazione di tale progetto ha inoltre comportato l ottenimento, nel corso del 2013, di certificati bianchi relativi alle attività di modernizzazioni realizzate negli anni 2011 e Alla luce dei buoni risultati ottenuti fino ad ora, il progetto proseguirà per tutto il 2014 su ulteriori siti in tecnologia 2G con l obiettivo di ridurre il consumo di energia elettrica di circa kwh. Si stima che la prosecuzione del progetto consentirà all azienda di ottenere ulteriori certificati bianchi. Free cooling Main Site e BTS Il progetto ha previsto l integrazione dell impianto di condizionamento esistente con un sistema di aspirazione dotato di filtri e ventola di espulsione, comandati dall automatismo d impianto già installato, per 28 siti Main Site. In questo modo è possibile utilizzare l aria presente all esterno del Main Site come elemento di raffreddamento oltre all aria condizionata. Si stima che grazie a questo intervento verrà realizzata, nel corso del 2014, una ulteriore riduzione dei consumi energetici legati al condizionamento pari al 50%. Per questa ragione nel corso del prossimo anno il progetto verrà esteso anche a 500 siti BTS. Realizzazione impianti fotovoltaici Nel corso del 2013 sono stati messi in esercizio 6 impianti fotovoltaici, 5 su Centrali Tecnologiche ed uno su un sito BTS. I 6 impianti hanno garantito ai siti una produzione di circa kwh che in termini ambientali, in confronto a produzione termoelettrica, si traduce in mancate emissioni inquinanti per circa 109 tonnellate di anidride carbonica (CO2) 11 per il solo Per il 2014 è prevista la messa in esercizio di 3 nuovi impianti fotovoltaici che garantiranno ai siti WIND circa 9. Di cui 5.7 GWh misurati nel 2 sem relativamente agli swap effettuati nel primo semestre e ulteriori 5.2 GWh stimati in base al numero totale di swap effettuati nel 2013 ed ai relativi tempi di implementazione. 10. Fattore di conversione utilizzato: 0, t CO2/kWh di energia da produzione termoelettrica, fonte: rapporto ISPRA Fattore di conversione utilizzato: 0, t CO2/kWh di energia da produzione termoelettrica, fonte: rapporto ISPRA 2013

6 kwh/anno, che si tradurrà in una mancata emissione di 179 tonnellate di CO2 12 l anno. Sempre nel corso del 2014 è prevista la realizzazione di un impianto di monitoraggio remoto degli impianti fotovoltaici installati su Centrali Tecnologiche che consentirà il controllo sulla produttività degli impianti. Ottimizzazione dei data center Durante il 2013 è proseguita, e proseguirà per tutto il 2014, l integrazione del sistema di Data Center (DC) WIND da cinque a due. Ciò consentirà di ridurre sia i consumi elettrici che i costi relativi agli spazi locati. Tale ottimizzazione ha comportato una riduzione di kwh, pari a circa tonnellate di CO2 13. Nello specifico quest anno sono stati spenti i DC di Roma Giorgione e Milano Lorenteggio, dismettendo definitivamente alcune macchine obsolete e migrando le altre verso i DC di Ivrea e Roma Veneziani. Per il 2014 è previsto lo spegnimento della componente IT nel DC di Ortles. Riduzione dei gruppi elettrogeni In ultimo, nel corso di quest anno è stata avviata un attività che ha portato alla riduzione dei gruppi elettrogeni sovradimensionati rispetto alle esigenze dei singoli siti. Tale attività, unità all acquisito di nuovi gruppi elettrogeni più efficienti e flessibili, permetterà, nel corso dei prossimi anni di conseguire minori emissioni ed una ulteriore riduzione dei costi energetici I consumi idrici Nel 2013 è stato possibile monitorare i consumi idrici di 14 sedi WIND, in aumento rispetto alle 3 rilevazioni del 2012, e pari in termini di superfici al 56% dell intero perimetro aziendale. Tale monitoraggio ha evidenziato una riduzione dei livelli di consumo idrico nelle sedi già considerate nel 2012 e un sostanziale allineamento nelle altre sedi presenti sul territorio italiano, seppur rilevando la presenza di consumi anomali per alcune sedi (Roma Torcervara e Roma Tuscolana) le cui cause sono in corso di accertamento. 12. Fattore di conversione utilizzato: 0, t CO2/kWh di energia da produzione termoelettrica, fonte: rapporto ISPRA Fattore di conversione utilizzato: 0, t CO2/kWh di energia da produzione termoelettrica, fonte: rapporto ISPRA 2013 Tale difficoltà di reperimento dati è prevalentemente dovuta all impossibilità di rilevare le misure sulle forniture intestate a terzi, i cui costi non vengono normalmente distinti dai costi di gestione dei siti (costi di facilities). Per quanto riguarda l analisi dei consumi relativi alle sedi monitorate nel 2013, il consumo specifico medio annuo, calcolato come il rapporto tra consumi idrici effettivi e numero di presenze effettive presso le sedi civili, è pari a 17,92 m3/presenza, su un consumo totale di m3. La tabella di dettaglio è riportata nell Allegato. A causa dell ampliamento del perimetro monitorato nel 2013, della variazione di alcune sedi e del numero di presenze, i dati non sono confrontabili con quelli del 2012 dal momento che il numero di sedi monitorate è variato così come le sedi monitorate e il numero di presenze; tuttavia può essere evidenziata una diminuzione del consumo medio per presenza rispetto a quello registrato nel In ultimo si sottolinea che il consumo rilevato non è stato suddiviso sulla base degli usi finali, ma aggregando i consumi legati all uso civile con quelli destinati all irrigazione e al raffreddamento I consumi termici Anche nel 2013 il monitoraggio dei consumi di combustibile per riscaldamento ha riscontrato le difficoltà strutturali, già evidenziate negli esercizi precedenti, legate alla rilevazione di dati legati a forniture intestate a terzi. Pertanto, il monitoraggio puntuale dei consumi termici è stato possibile, come nel 2012, per sole 3 sedi 14, rispetto alle 5 monitorate nel Una delle sedi monitorate nel 2012, Milano Lorenteggio, era già in corso di dismissione e dunque di scarso interesse ai fini del controllo e dell identificazione di interventi di miglioramento, si è dunque optato per eliminarla dalla campagna di monitoraggio, includendo invece una sede precedentemente non monitorata, ovvero Roma Casalinuovo. Il consumo specifico medio annuo delle sedi monitorate nel 2013 raggiunge il valore di 14.3 Whtermo/ m3*gg*anno (consumo termico normalizzato su volume riscaldato e Gradi Giorno). Tale valore è in crescita rispetto al valore medio delle sedi monitorate nel 2012: questo aumento è imputabile al fatto che una delle sedi monitorate nel 2012 era in dismissione e, conseguentemente, i consumi rilevati risultavano ampiamente al di sotto della media delle altre singole sedi. Va sottolineato che, nonostante l aumento della media di consumi termici nelle tre sedi rispetto al 2012, è stata riscontrata una diminuzione dei consumi specifici di circa il 13% per le sedi di Roma Veneziani 56L e di Venezia Brunacci, già monitorate nell anno Tali riduzioni sono riconducibili sia alle favorevoli condizioni climatiche registrate nell anno che alle iniziative di efficientamento implementate da WIND. 14. In particolare si tratta delle sedi di Roma Veneziani 56L, Venezia Brunacci e Roma Casalinuovo.

7 107 Il consumo totale di energia termica da combustibili per il riscaldamento, rilevato nelle tre sedi oggetto di monitoraggio nel 2013, è pari a circa kwhtermo; tale dato si riferisce ad un campione di sedi monitorate, in termini di volume riscaldato, pari a circa il 12% del totale delle sedi civili WIND. Il valore rilevato nel 2012 era più elevato soprattutto per l inclusione anche la sede di Milano Lorenteggio, una delle più grandi con superfici e volumi più che doppi rispetto alle altre sedi monitorate, non più inclusa nel perimetro di misura nel 2013 a causa della sua dismissione. In termini di dipendenti, il campione monitorato nel 2013 rappresenta circa il 10% dei dipendenti WIND. Si precisa che il calcolo dei consumi termici è determinato da un mix tra la rilevazione del consumo di metano per le due sedi metanizzate (Roma Casalinuovo e Venezia Marghera) e quanto riportato nelle schede di registrazione del gasolio in ingresso e in deposito per il sito di Roma Veneziani, riscaldato esclusivamente tramite l utilizzo di La riduzione dei gruppi elettrogeni in funzione ed il contenimento delle tale combustibile. emissioni del parco auto hanno consentito nel 2013 di evitare Le emissioni in atmosfera emissioni dirette di CO 2 per oltre tonnellate L emissione in atmosfera di gas climalteranti per WIND è causata da due principali attività: da un lato il funzionamento dei gruppi elettrogeni di emergenza o dei gruppi elettrogeni ubicati in aree in cui non è presente un allacciamento alla rete elettrica nazionale, dall altro l utilizzo del parco auto aziendale per trasferte e spostamenti lavorativi. Con riferimento alla prima attività, nel 2013 si registra un ulteriore riduzione dei gruppi elettrogeni in funzione. L anno si è chiuso con 48 apparati in servizio a fronte dei 66 di Gennaio 2013, con una conseguente riduzione del quantitativo di CO2 emesso nell aria di 611 tonnellate 15 rispetto al Tale riduzione si è verificata, prevalentemente, per effetto di un programma di dismissione intensiva dei Gruppi elettrogeni che servono le BTS operanti in località non immediatamente raggiungibili dal servizio nazionale di distribuzione dell energia elettrica. Il beneficio di tale dismissione è stato sia economico (la corrente elettrica prodotta tramite generatore costa circa dieci volte quella convenzionale), sia ambientale, in termini di emissioni dirette di CO2. L impatto del piano di dismissione si rende ancora più evidente considerando i giorni totali di servizio dei gruppi elettrogeni, si è infatti passati da nel 2012 a nel L altra fonte di emissioni in atmosfera è rappresentata dalla mobilità del personale, che viene gestita dal Fleet & Mobility Manager, che si occupa di proporre soluzioni sostenibili sia nella gestione della flotta aziendale sia per la mobilità privata dei dipendenti, con l obiettivo di adottare una gestione integrata della mobilità. Sul fronte dell utilizzo del parco auto aziendale anche nel 2013 è proseguita la politica di rinnovamento della flotta aziendale e di incremento delle automobili ad alimentazione ibrida GPL/Benzina. Sono inoltre stati realizzati interventi per incentivare i dipendenti a realizzare gli spostamenti casa-lavoro con un ridotto impatto ambientale. In particolare a livello di flotta aziendale durante quest anno sono state introdotte 11 auto ibride ad alimentazione gpl-benzina tra le vetture utilizzate per gli spostamenti tra le varie sedi, che si vanno ad aggiungere alle 95 già presenti, ed è stato intensificato l utilizzo dei veicoli ad alimentazione elettrica, le cui ricariche sono effettuate presso l impianto fotovoltaico della sede aziendale di Tor Cervara. Nel corso del 2013 è stata anche realizzata e diffusa al personale, che utilizza vetture aziendali, un documento contenente alcuni consigli pratici per una guida ecologica, per contenere i consumi delle vetture e ridurre le emissioni ad essi legati Più in generale il parco auto aziendale è composto da automobili che, normalmente, non hanno più di tre anni di vita e quindi in linea con le ultime direttive europee sulle emissioni di gas inquinanti. Viene verificato che l auto sia sempre dotata di filtro anti particolato (FAP) nel caso di motori diesel, che costituiscono l assoluta maggioranza del parco auto. Inoltre le auto sono dotate di sistema Start & Stop quando disponibile e vengono costantemente introdotte le più avanzate tecnologie di riduzione di emissione di CO2, come il sistema microibrido ehdi. In Appendice è riportata una tabella che descrive la composizione del parco auto, i consumi di carburante e le emissioni di CO2. In termini di mobilità privata dei dipendenti, anche nel 2013 sia a Roma che a Milano sono stati stipulati degli accordi commerciali con le società di trasporto pubblico locale per permettere ai dipendenti di usufruire di abbonamenti a prezzi agevolati, e prevedendo la possibilità di rateizzare il pagamento all interno della busta paga. Sono stati, inoltre, attivati sistemi di trasporto tramite navetta aziendale con l obiettivo di scoraggiare l uso dei mezzi privati e facilitare il collegamento tra le varie sedi e le principali stazioni di trasporto pubblico locale, con conseguente riduzione delle emissioni inquinanti. Sono stati garantiti spostamenti che prevedono corse relativamente brevi e molto frequenti. Tra i benefici del progetto per i dipendenti WIND, la riduzione dei tempi di spostamento, la riduzione dei relativi costi e una diminuzione degli incidenti nel percorso casa-lavoro e dello stress da traffico. 15. Fattore di conversione 3,175 tco2/t di gasolio, fonte: rapporto ISPRA Per maggiori dettagli v. nota

8 109 La particolare attenzione posta nella scelta dei fornitori ha fatto sì che circa il 99% dei rifiuti prodotti totali sia stata recuperata anziché smaltita In ultimo, quest anno WIND ha avviato un attività di monitoraggio che ha permesso di stimare le emissioni di CO2 derivanti dagli spostamenti aerei realizzati dai propri dipendenti per ragioni lavorative (business travel). Tale attività ha identificato un totale di 756,07 tonnellate di CO2 16 e consentito di identificare le migliori alternative disponibili in termini di impatto ambientale delle varie opzioni di trasporto. 5.4 La gestione dei rifiuti speciali I rifiuti prodotti da WIND, oltre ai rifiuti urbani regolarmente conferiti al servizio pubblico, sono distinti in rifiuti speciali pericolosi e rifiuti speciali non pericolosi ; tra questi ultimi si distinguono i rifiuti assimilati agli urbani che vengono in parte conferiti al servizio pubblico di raccolta. Le restanti tipologie di rifiuti vengono gestite mediante processi di smaltimento e recupero autonomi nel rispetto della normativa vigente. Nel corso del 2013 è stato riscontrato un sensibile aumento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi rispetto al 2012, a causa della dismissione di due grandi sedi WIND con conseguente svuotamento dei locali. È stata inoltre rilevata una diminuzione di oltre il 40% della produzione di rifiuti pericolosi, grazie alla redazione di forme contrattuali ad hoc che prevedono il ritiro dei vecchi materiali da parte dei fornitori. La particolare attenzione posta nella scelta dei fornitori ha fatto sì che circa il 99% dei rifiuti prodotti totali sia stata recuperata anziché smaltita. In appendice sono state riportate due tabelle che rendicontano la produzione di rifiuti di WIND, suddivisa per tipologia. iniziative che comprendono diffide (incluse proteste scritte) e provvedimenti amministrativi e comportano, o possono comportare, oneri economici significativi a causa, per esempio, di mancate autorizzazioni, sospensioni di lavori o modifiche di impianti. Le criticità ambientali rilevate nel 2013 sono state 22, registrando un lieve miglioramento dei risultati rispetto al 2012, quando ne erano state registrate 24. Oltre il 99% delle criticità rilevate sono associate alle radiazioni e al rumore e vibrazioni, registrando per le prime un lieve aumento rispetto al Dalle criticità ambientali sono esclusi i contenziosi giudiziari riguardanti esclusivamente le problematiche afferenti i campi elettromagnetici, conseguenti all installazione di stazioni radio base. Al 31 dicembre 2013 risultavano pendenti solo 6 procedimenti. La tabella delle criticità ambientali suddivise per dominio è riportata in Appendice. 5.6 Capitolo 5: raggiungimento obiettivi 2012 e impegni per il Raggiungimento obiettivi 2013: Ottenere, grazie ai processi di ammodernamento degli apparati, una ulteriore riduzione dei consumi della rete corrispondenti ad almeno tonnellate di CO2: Il progetto, considerando il roll out effettuato nel 2013, ha portato alla modernizzazione di apparati in tecnologia 2G e 421 in 3G. Ciò ha consentito di realizzare un minor consumo stimato in circa kwh pari a tonnellate di CO2 non immesse in atmosfera nel corso del Su base annua tale ottimizzazione comporta la riduzione di circa 9,2 Gwh pari a circa tonnellate di CO2 non immesse in atmosfera; La gestione dei rifiuti speciali di WIND, prodotti in larga misura a seguito di attività di nuova installazione o manutenzione degli apparecchi di trasmissione (antenne, stazioni radio base, ecc.) nonché dallo smaltimento delle apparecchiature elettriche mobili e fisse, è demandata in toto a fornitori terzi qualificati. 5.5 Criticità ambientali e contenzioso Con criticità ambientale s intende la situazione di rifiuto o di opposizione ad installazioni (o all impatto derivante dalla loro gestione) manifestata da un qualsiasi soggetto terzo che si senta disturbato, danneggiato o minacciato dalla loro presenza, attuale o futura. L opposizione si manifesta attraverso 16. Fattore di conversione 3,157 tco2/t di carburante aereo, fonte: American Express Carbon SAM (Saving Assessment Management). Ottenere, per effetto dei progetti di consolidamento, una riduzione dei consumi dei data center pari a minori emissioni di CO2 per 800 tonnellate: Il progetto ha portato ad una riduzione dei consumi stimata in kwh pari a tonnellate di CO2 non immesse in atmosfera; Attivare i processi per il riconoscimento di almeno certificati bianchi (TEE): Nel 2013 sono stati riconosciuti certificati bianchi. Tali certificati sono stati ottenuti grazie al progetto di ammodernamento degli apparati realizzato negli anni ; Procedere con la dismissione di 27 Gruppi Elettrogeni particolarmente inquinanti: Nel corso del 2013 sono stati dismessi 43 gruppi elettrogeni mentre sono stati attivati per esigenze della rete 25 gruppi di nuova tecnologia a servizio di siti BTS in allaccio alla rete elettrica nazionale.;

9 111 Individuare soluzioni alternative di approvvigionamento elettrico per i Gruppi Elettrogeni più critici: In considerazione del fatto che ci sono dei Gruppi Elettrogeni installati presso località difficilmente raggiungibili dall energia elettrica diretta, si è deciso di avviare l analisi per acquistare dei gruppi elettrogeni più efficaci e meno inquinanti. Nel 2013 è stata avviata una gara per l acquisto di sette GE che vedrà il compimento nel primo trimestre 2014; Incrementare ulteriormente il parco auto a GPL di almeno 10 unità e ridurre l utilizzo della benzina sulle auto ibride: Sono state introdotte ulteriori 11 vetture ad alimentazione ibrida Gpl/Benzina; Contenere il totale emissioni CO2 del parco auto ad un livello inferiore a quello del 2012 pur in presenza di un eventuale ulteriore crescita della percorrenza: Con una percorrenza il linea con l anno precedente (circa 47 Ml di Km) le emissioni sono state ridotte di quasi il 10% (da a tonnellate di CO2) Impegni per il 2014: Rivedere il documento di Politica Integrata; Ottenere, grazie ai processi di ammodernamento degli apparati, una ulteriore riduzione dei consumi della rete corrispondenti a circa tonnellate di CO2 non immessa in atmosfera; Ottenere tramite l implementazione di progetti di ottimizzazione (impianti di raffreddamento più efficienti, Telecontrollo consumi,..) una riduzione dei consumi corrispondenti ad almeno tonnellate di CO2 non immessa in atmosfera; Attivare i processi per il riconoscimento di almeno certificati bianchi (TEE) in funzione delle ottimizzazioni di energia derivanti dalla riduzione dei consumi; Portare il numero di gruppi elettrogeni attivi a 37 medi/annui.

LA BANCA E L'AMBIENTE

LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE Abbiamo maturato negli anni una sempre maggiore sensibilità verso le tematiche ecologiche e verso la tutela dell ambiente, nonostante la nostra organizzazione

Dettagli

Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti

Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti Il PVTRAIN PhotovoltaicTrain - è un progetto pilota della durata di 3 anni (iniziato il 1 Novembre 2002 e terminato il 31 Ottobre 2005) realizzato dalla

Dettagli

Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati. Roma, 2 Febbraio 2011

Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati. Roma, 2 Febbraio 2011 Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati Roma, 2 Febbraio 2011 Veicoli elettrici Vantaggi e benefici Il risparmio energetico medio conseguibile dai veicoli elettrici

Dettagli

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa Oggetto dell iniziativa è l affidamento del Servizio Integrato Energia, ovvero di tutte le attività di gestione, conduzione

Dettagli

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_18985 ITALIA-Ultime-notizie-paee-efficienza-energetica-Efficienza-energetica-online-il-Pianodazione-2014-PAEE.-IL-TESTO-.html Efficienza energetica, online il

Dettagli

L impegno di Enel per la mobilità elettrica Convegno Green City Energy

L impegno di Enel per la mobilità elettrica Convegno Green City Energy L impegno di Enel per la mobilità elettrica Convegno Green City Energy Pisa, 26 Maggio 2011 Veicoli elettrici Vantaggi e benefici Il risparmio energetico medio conseguibile dai veicoli elettrici rispetto

Dettagli

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 Il provvedimento stabilisce un quadro di misure per la promozione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica In collaborazione con Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica Relatore: ing. M. Capuana Taomina,

Dettagli

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena Ing. Francesco Pellegrino- Energy Manager PGI Milano, 12/11/2004 INDICE 1 LA BANCA MPS 2 LA POLITICA AMBIENTALE 3 IMMOBILIARI 4 ENERGY MANAGEMENT 2 1-

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI PROTOCOLLO D INTESA TRA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base Vista la legge del 22 febbraio

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ.

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. 27-09-2013 Comunicato stampa TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. Per contatti e ulteriori informazioni:

Dettagli

PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni

PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni Incentivazione del risparmio energetico nell industria tramite i Certificati Bianchi Linea Guida per accedere al contributo PREMESSA La legislazione

Dettagli

GENERAZIONE DISTRIBUITA + ELETTRIFICAZIONE DEI CONSUMI = EFFICIENZA ENERGETICA

GENERAZIONE DISTRIBUITA + ELETTRIFICAZIONE DEI CONSUMI = EFFICIENZA ENERGETICA ITALIA, PENSI DI AVERE GLI E FACTOR? Milano, 14 dicembre 2015 GENERAZIONE DISTRIBUITA + ELETTRIFICAZIONE DEI CONSUMI = EFFICIENZA ENERGETICA Agostino Re Rebaudengo Presidente assorinnovabili ASSORINNOVABILI

Dettagli

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi FORUM PA 2007 Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente Arch. Giovanna Rossi Roma maggio 2007 Riduzione delle emissioni inquinanti che derivano dai trasporti

Dettagli

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria.

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. COS E IL PATTO DEI SINDACI? E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni pei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. La ratifica del Patto impegna i Comuni a: Ridurre

Dettagli

ZEC ZERO EMISSION CITY

ZEC ZERO EMISSION CITY ZEC ZERO EMISSION CITY PIANO DI MOBILITÀ ELETTRICA PER LA CITTÀ DI PARMA Carlo Iacovini, Responsabile Progetto Comune di Parma Caratteristiche del progetto ZEC 2 Il progetto ZEC intende implementare un

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Power conversion system per fotovoltaico ed energy storage residenziale

Power conversion system per fotovoltaico ed energy storage residenziale Power conversion system per fotovoltaico ed energy storage residenziale Giordano Torri Nidec-ASI Fondazione Megalia. Convegno su L uso razionale dell energia negli edifici civili e nel terziario. Milano,

Dettagli

Arcangelo Maria Merella Infomobility spa. Best practices a Parma

Arcangelo Maria Merella Infomobility spa. Best practices a Parma Arcangelo Maria Merella Infomobility spa Best practices a Parma La visione di Parma al 2020 Obbiettivi e strategie Il libro bianco parma 2020 Città sana e ecoefficiente 2 Risparmio energetico Negli edifici

Dettagli

Anche api punta sul biodiesel

Anche api punta sul biodiesel Anche api punta sul biodiesel Proprio in considerazione dei vantaggi derivati all ambiente (e alla sicurezza) api sta puntando sul biodiesel, perseguendo la strada dello sviluppo sostenibile e la sua missione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014 Oggetto: POR FESR Sardegna 2007-2013. Progetto sperimentale Reti di distribuzione e mobilità elettrica. Programmazione azioni di promozione del risparmio e dell efficienza energetica a valere sulla linea

Dettagli

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO Il settore energetico è ormai ampiamente orientato verso l utilizzo delle fonti di energie alternative, in particolare verso l'energia solare. L impiego

Dettagli

PICIL IN OTTICA SMART

PICIL IN OTTICA SMART PICIL IN OTTICA SMART Ing. Diego Bonata Belluno, 11 Aprile 2014 La prima associazione europea di progettisti dell illuminazione eco-sostenibile www.lightis.eu 01-gen-05 01-ago-05 01-mar-06 01-ott-06 01-mag-07

Dettagli

Anno 2014. Rapporto ambientale

Anno 2014. Rapporto ambientale Anno 2014 Rapporto ambientale 1 ANNO 2014 Nell anno 2005 la SITI TARGHE S.r.l. ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008, nel 2011 e nel

Dettagli

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino Pinerolo-Nichelino-Ivrea-Collegno-Settimo T.se, 9-16-23 febbraio e 2-9 marzo 2011 Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione

Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione Stefano Cordiner Università di Roma Tor Vergata cordiner@uniroma2.it Sostenibilità ambientale Le strutture sanitarie esplicano

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3063 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Norme concernenti la concessione di agevolazioni per la sostituzione di caldaie in

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA COGENERAZIONE. Generalità, aspetti tecnici e normativi, case history

EFFICIENZA ENERGETICA COGENERAZIONE. Generalità, aspetti tecnici e normativi, case history EFFICIENZA ENERGETICA COGENERAZIONE Generalità, aspetti tecnici e normativi, case history COGENERAZIONE (CHP Combined Heat Power) COGENERAZIONE DEFINIZIONI COGENERAZIONE: produzione contemporanea di più

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica.

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. 1 Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. A2A Calore & Servizi, società del gruppo A2A attiva nella gestione del teleriscaldamento nelle città di Milano, Brescia

Dettagli

Politiche e programmi per promuovere gli investimenti in efficienza energetica

Politiche e programmi per promuovere gli investimenti in efficienza energetica Percorsi e strumenti finanziari per lo sviluppo degli investimenti in ambito ambientale e dell efficienza energetica per le Imprese Politiche e programmi per promuovere gli investimenti in efficienza energetica

Dettagli

D.5 Energy Manager. Controllo Utilizzazione Energia. Energy Manager TEE. Regolamenti Edilizi ESCO. Mobility Manager

D.5 Energy Manager. Controllo Utilizzazione Energia. Energy Manager TEE. Regolamenti Edilizi ESCO. Mobility Manager Controllo Utilizzazione Energia TEE Consumi Energetici Energy Manager Regolamenti Edilizi 31% 3% 31% agricoltura ESCO industria trasporti usi civili 35% Mobility Manager 1 Mobility Manager Il Mobility

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE Non compromettere il futuro delle prossime generazioni cercando di soddisfare i bisogni del presente ; in quest ottica

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a )

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a ) Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE Audizione del presidente

Dettagli

INGEGNERIA PER L AMBIENTE

INGEGNERIA PER L AMBIENTE Studio associato di ingegneria per l ambiente INGEGNERIA PER L AMBIENTE E PER IL RISPARMIO ENERGETICO professionisti per l impresa e per i suoi obiettivi sostenibilità ambientale risparmio ed efficienza

Dettagli

Il rendimento degli impianti solari:

Il rendimento degli impianti solari: Il rendimento degli impianti solari: Con il termine impianto solare s intendono tutti i sistemi finalizzati alla produzione energetica che sfruttano quella solare, trasformata in altre forme, come energia

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1590 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Norme concernenti la concessione di agevolazioni per la sostituzione di caldaie in

Dettagli

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA. Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA. Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti SOSTENIBILITA AMBIENTALE ED ACQUISTI VERDI L Agenzia nello svolgimento delle proprie attività istituzionali concorre

Dettagli

QUESTIONARIO FLEET ITALY AWARDS 2013

QUESTIONARIO FLEET ITALY AWARDS 2013 QUESTIONARIO FLEET ITALY AWARDS 2013 Il presente Questionario è composto di più sezioni. Il fine è quello di raccogliere le informazioni sui progetti dei concorrenti e fornire quindi alla Giuria il mezzo

Dettagli

TELECONTROLLO E TELEGESTIONE

TELECONTROLLO E TELEGESTIONE TELECONTROLLO E TELEGESTIONE NEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE ing. Ruggero Guanella AIDI Associazione Italiana di Illuminazione Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 Francesco Bicciato - Comune di Padova 1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 2. METROTRAM In funzione da marzo 2007 (8

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Visto l articolo 1, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, (di seguito: legge finanziaria 2007) ed in particolare:

Dettagli

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Le proposte degli Amici della Terra Italia sul recepimento della Direttiva 2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Un nuovo obiettivo di riduzione dell intensità energetica per coniugare

Dettagli

Mobility Management. NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

Mobility Management. NORMATIVA DI RIFERIMENTO DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Pag. 2/6 1 LA FASE INFORMATIVA 1.1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Con l accezione Mobility Management si intende affermare un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda che sviluppa

Dettagli

Rapporto ISPRA sulla produzione di energia da fonti rinnovabili in Italia

Rapporto ISPRA sulla produzione di energia da fonti rinnovabili in Italia Page 1 of 11 n. 054 - Lunedì 17 Marzo 2014 Rapporto ISPRA sulla produzione di energia da fonti rinnovabili in Italia Il documento analizza nel dettaglio le diverse sorgenti, il trend evolutivo delle fonti

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

BOLLETTE CHE SCOTTANO? SCEGLI ENERPOINT, L ENERGIA CHE TI FA RISPARMIARE!

BOLLETTE CHE SCOTTANO? SCEGLI ENERPOINT, L ENERGIA CHE TI FA RISPARMIARE! BOLLETTE CHE SCOTTANO? SCEGLI ENERPOINT, L ENERGIA CHE TI FA RISPARMIARE! perché il fotovoltaico sul mio tetto? 50% detrazione irpef Le soluzioni Enerpoint IMPIANTO FOTOVOLTAICO CHIAVI IN MANO 1 OPZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO-TIPO DELLA COMUNITÀ SOLARE DI MEDICINA

REGOLAMENTO-TIPO DELLA COMUNITÀ SOLARE DI MEDICINA Allegato C) REGOLAMENTO-TIPO DELLA COMUNITÀ SOLARE DI MEDICINA Art. 1 Scopo ed oggetto del Regolamento Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare talune norme di funzionamento e di organizzare

Dettagli

Il Gruppo Dolomiti Energia e l'auto Elettrica. Ing. Francesco Faccioli

Il Gruppo Dolomiti Energia e l'auto Elettrica. Ing. Francesco Faccioli Il Gruppo Dolomiti Energia e l'auto Elettrica Ing. Francesco Faccioli Mesiano, 03 dicembre 2014 Gruppo Dolomiti Energia: attività Energia elettrica gestione impianti di produzione manutenzione e telecontrollo

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

4. ENERGIA. Introduzione. Fonte e Metodo d Indagine

4. ENERGIA. Introduzione. Fonte e Metodo d Indagine 4. ENERGIA Introduzione Limitatamente al sistema energetico, il XX secolo è stato caratterizzato da una tendenza di fondo sostanzialmente costante, cioè la fortissima crescita dei consumi energetici, e

Dettagli

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Martedi, 9 Giugno - 2015 Emanuele Cosenza SOGESCA Srl e.cosenza@sogesca.it ARGOMENTI Progetto 50000and1SEAPs

Dettagli

Normative per l acquisto di beni ecologici

Normative per l acquisto di beni ecologici ITALIA Normative per l acquisto di beni ecologici I provvedimenti governativi per l acquisto di auto, moto ed elettrodomestici di classe A+ e A++. Focus sull impatto degli incentivi sulle vendite di frigoriferi

Dettagli

COMUNE DI. (Provincia di.)

COMUNE DI. (Provincia di.) COMUNE DI (Provincia di.) Deliberazione della Giunta Comunale N... del Oggetto : Adozione della politica di Green Public Procurement (Acquisti Verdi GPP) L' anno duemilaedodici, il giorno del mese, nella

Dettagli

Taglia i costi Dimezza le emissioni

Taglia i costi Dimezza le emissioni Taglia i costi Dimezza le emissioni Il micro-cogeneratore più efficiente a livello mondiale Cos è BlueGEN? Il più efficiente generatore di elettricità e calore di piccola taglia BlueGEN funziona a gas

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine Descrizione Generale del Sito L allevamento è situato in zona a destinazione agricola (vedere classificazione

Dettagli

Perché si devono ridurre le emissioni di CO2?

Perché si devono ridurre le emissioni di CO2? Convegno Obiettivo 2020: il Patto dei Sindaci per l energia sostenibile Perché si devono ridurre le emissioni di CO2? Alba, 29 novembre 2013 Direttore Dipartimento Energia Politecnico di Torino 1 Italia

Dettagli

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 Delibera n. 188/05 DEFINIZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE E DELLE MODALITÀ PER L EROGAZIONE DELLE TARIFFE INCENTIVANTI DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI,

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica Commissione Finanze della Camera dei deputati Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti l'imposizione tributaria sui veicoli (AC 2397) Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale

Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale Ing Alessandro Fatini del Grande 20 febbraio 2007 Il risparmio energetico è diventata un esigenza importante sia a livello ambientale (riduzione

Dettagli

BANDO AMBIENTENERGIA 2015

BANDO AMBIENTENERGIA 2015 BANDO AMBIENTENERGIA 2015 Misura Formazione di Energy Manager Livello II Bando per la selezione dei Comuni interessati a beneficiare del servizio Pagina 1 di 8 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 OGGETTO... 5 SOGGETTI

Dettagli

WHITE PAPER Le soluzioni che migliorano l efficienza energetica

WHITE PAPER Le soluzioni che migliorano l efficienza energetica WHITE PAPER Le soluzioni che migliorano l efficienza energetica Migliorare l'efficienza di un data center esistente: 5 possibili soluzioni di Thermal Management a confronto Introduzione In questo documento

Dettagli

Rapporto ambientale Anno 2012

Rapporto ambientale Anno 2012 Rapporto ambientale Anno 2012 Pagina 1 di 11 1 ANNO 2012 Nell anno 2005 la SITI TARGHE srl ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008 e

Dettagli

Smart grids e contatori elettronici. La rete elettrica del futuro è intelligente.

Smart grids e contatori elettronici. La rete elettrica del futuro è intelligente. Smart grids e contatori elettronici. La rete elettrica del futuro è intelligente. Come funzionano le smart grids Le smart grids La rete elettrica intelligente In un futuro non troppo lontano la rete elettrica

Dettagli

Convegno Ener.Loc. Energia, Enti Locali ed Ambiente

Convegno Ener.Loc. Energia, Enti Locali ed Ambiente Convegno Ener.Loc. Energia, Enti Locali ed Ambiente L ottimizzazione degli acquisti energetici degli enti locali ed il ruolo di Consip Danilo Broggi Amministratore Delegato Consip S.p.A. Roma, 30 ottobre

Dettagli

vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business

vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business vola con il fotovoltaico Diamo energia al tuo business la soluzione PER IL MERCATO CHE CAMBIA Enerpoint, attiva da oltre 12 anni nel settore Fotovoltaico e da sempre in prima linea per promuovere il cambiamento,

Dettagli

Impatto ambientale e problematiche nella gestione dei refrigeranti in Italia IL RAPPORTO di LEGAMBIENTE

Impatto ambientale e problematiche nella gestione dei refrigeranti in Italia IL RAPPORTO di LEGAMBIENTE Impatto ambientale e problematiche nella gestione dei refrigeranti in Italia IL RAPPORTO di LEGAMBIENTE Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente e Marco Mancini, ufficio scientifico di

Dettagli

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Assoutility srl - Assolombarda Arch. Daniela Colalillo Comune di Settala, 08 novembre 2006 Efficienza energetica e mercato liberalizzato:

Dettagli

Il decreto legislativo 102/2014 sull efficienza energetica: scenari ed opportunità

Il decreto legislativo 102/2014 sull efficienza energetica: scenari ed opportunità Il decreto legislativo 102/2014 sull efficienza energetica: scenari ed opportunità Fare impresa con l efficienza energetica: il decreto legislativo 102/2014. Smart Energy Expo Verona -8 ottobre 2014 Mauro

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

energie straordinarie

energie straordinarie energie straordinarie ENERGIA ELETTRICA e GAS NATURALE 3_8 GREEN ENERGY 9_13 PERCHé SCEGLIERE Gelsia 14 ENERGIA ELETTRICA GAS NATURALE GREEN ENERGIA ENERGY ELETTRICA GAS NATURALE GREEN ENERGY GAS NATURALE

Dettagli

I PRINCIPALI RISULTATI DEL MONITORAGGIO DEI COSTI AGOSTO 2012

I PRINCIPALI RISULTATI DEL MONITORAGGIO DEI COSTI AGOSTO 2012 IL SISTEMA INFORMATIVO SULLE AUTO DELLA PA: I PRINCIPALI RISULTATI DEL MONITORAGGIO DEI COSTI AGOSTO 2012 1 Indice Il sistema informativo integrato sul parco auto della PA come strumento conoscitivo a

Dettagli

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Capitolo 6 Risultati pag. 301 6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Come già detto nel paragrafo 5.8, i risultati riportati in questo paragrafo fanno riferimento alle concentrazione

Dettagli

RELAZIONE SITUAZIONE AMBIENTALE

RELAZIONE SITUAZIONE AMBIENTALE Dipartimento XII - LL.PP. e Manutenzione Urbana V Unità Organizzativa Servizio Impianti Termici RELAZIONE SITUAZIONE AMBIENTALE Le elaborazioni qui contenute riguardano i dati che derivano dalle attività

Dettagli

Fotovoltaico. Quadro sintetico della tecnologia e degli impianti

Fotovoltaico. Quadro sintetico della tecnologia e degli impianti Fotovoltaico Quadro sintetico della tecnologia e degli impianti Sviluppata alla fine degli anni 50 nell ambito dei programmi spaziali, per i quali occorreva disporre di una fonte di energia affidabile

Dettagli

Consumo energetico consapevole e sostenibile Progetti per un nuovo sviluppo

Consumo energetico consapevole e sostenibile Progetti per un nuovo sviluppo Consumo energetico consapevole e sostenibile Progetti per un nuovo sviluppo Luca Marchisio Responsabile Sustainability Italy Roma, 5 Maggio 2015 La definizione di sostenibilità Equilibrio di sistemi e

Dettagli

Ingvar Kamprad Elmtaryd Agunnaryd. Fondata nel 1943 da Ingvar. La Vision Creare una vita migliore per la maggior parte delle persone

Ingvar Kamprad Elmtaryd Agunnaryd. Fondata nel 1943 da Ingvar. La Vision Creare una vita migliore per la maggior parte delle persone Ingvar Kamprad Elmtaryd Agunnaryd Fondata nel 1943 da Ingvar Kamprad. La Vision Creare una vita migliore per la maggior parte delle persone Che cos è la sostenibilità? La Sostenibilità è una parte integrante

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Visto l articolo 1, comma 20, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (di seguito: legge finanziaria 2008), il

Dettagli