L Esperienza di Sirti nell Efficientamento Energetico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Esperienza di Sirti nell Efficientamento Energetico"

Transcript

1 di Amedeo Paulone L Esperienza di Sirti nell Efficientamento Energetico Profilo di Sirti Sirti è la società italiana leader nell ingegneria, nel settore impiantistico, nel facility management e nella realizzazione di reti e sistemi di telecomunicazioni. Sirti ha una storia e un esperienza di più di 90 anni maturata nei settori sopra elencati e ha, nella propria profonda competenza tecnica, un punto di forza basilare che le consente di fornire ai propri clienti soluzioni di elevato contenuto tecnologico e in molteplici segmenti di mercato. Sirti è presente sullo scenario internazionale fino dagli anni Settanta e attualmente opera attivamente nei seguenti Paesi e aree geografiche: L azienda annovera fra i propri clienti i principali operatori del mondo delle Telecomunicazioni, le Pubbliche Amministrazioni Locali e Nazionali, il gruppo Ferrovie dello Stato e grandi Corporates, tutti soggetti che necessitano di realizzare e/o mantenere asset strategici, spesso particolarmente energivori e con caratteristiche peculiari del settore di riferimento in termini di tipo e modalità di consumo dell Energia. Per questi, e in particolare per il mondo delle Telecomunicazioni, Sirti ha sviluppato soluzioni di Efficientamento Energetico ponendosi come partner capace di analizzare tutte le problematiche e proporre soluzioni su misura, sia sotto il profilo tecnologico, che sul piano della convenienza economica. Sirti ha una struttura operativa capillarmente distribuita sul territorio nazionale, pronta a intervenire con tempestività ed efficacia e in grado di gestire i progetti nel più rigoroso rispetto dei tempi di realizzazione definiti. Con dipendenti, operanti in Italia e all estero, e con una struttura operativa diffusa in modo capillare, Sirti propone soluzioni smart e sostenibili in un contesto che richiede elevata competenza tecnologica, realizzativa e di processo. Strategie per l efficientamento energetico nelle TLC L esperienza di Sirti è sorta e si è accresciuta a partire dal mondo delle Telecomunicazioni e, in virtù di questa sua storia, ha sviluppato nel tempo una profonda conoscenza di tutta l impiantistica asservita ai sistemi di TLC: sistemi di alimentazione, di condizionamento, di sicurezza fisica e logica. Le modalità di funzionamento e di utilizzo dei sistemi di alimentazione sono tipici e devono garantire: erogazione. Le centrali di TLC e, per estensione, i Data Centre costituiscono centri particolarmente energivori per diversi motivi: tro quadrato; nata (per la maggior parte gli apparati sono attivi H24); dotto, al fine di mantenere le condizioni ideali di funzionamento, mediante l utilizzo di sistemi di raffrescamento, a loro volta energivori. Questo comporta che la bolletta energetica dei siti di TLC, e dei Data Centre in particolare, sia molto onerosa e incida sensibilmente sui costi operativi degli Operatori. Pertanto, proposte che abbattano tali consumi, facendo anche ricorso ad applicazioni sostenibili dal punto di vista ambientale, con quel che ne consegue in termini di ottenimento di Titoli di Efficienza Energetica (TEE), sono ben accolti. Di contro va tenuto conto delle esigenze di ritorno dell investimento che tipicamente deve essere contenuto in periodi abbastanza stretti (2-4 anni), per rendere il piano proposto accettabile anche dal punto di vista della sostenibilità finanziaria. Caratteristiche degli interventi Nel seguito verranno delineate le linee guida e i principali risultati degli interventi realizzati con l obiettivo di incidere sui consumi energetici di Operatori di TLC e gestori di Data Centre. Qualsiasi intervento parte da un analisi preventiva della situazione del sito su cui si va a operare, in termini di consistenza degli impianti, modalità di funzionamento, individuazione di situazioni anomale, ecc. Si procede poi alla individuazione di potenziali proposte di efficientamento, definendole in termini di impegno tecnicoeconomico (a partire da quelle a basso impatto per poi procedere con quelle più articolate e costose ), risparmio energetico ottenibile, ritorno degli investimenti. In maggior dettaglio: Pre-audit svolte; 37

2 degli strumenti di misurazione. Audit mo dell energia; migliorare i livelli di efficienza; economica: - Sostituzione di dispositivi con altri più efficienti; - Interventi sulle modalità di generazione e conversione dell energia (cogeneratori, impianti fotovoltaici, ecc); - Interventi sulla rete di distribuzione (trasformatori, cavi con minori dispersioni, dispositivi di accensione e spegnimento automatici, ecc). Post-Audit correzione; individuati; interventi. A valle dell Audit Energetico si ottengono tipicamente le seguenti situazioni sullo stato di fatto: te a: - Collocazione geografica; - Caratteristiche dell impiantistica utilizzata; - Consumo anomalo contingente, eventualmente dovuto a guasti o a non conformità; - Consumo anomalo dovuto a come il sito sia cresciuto nel tempo, spesso in modo non pianificato dal punto di vista dell utilizzo dell energia, con interventi successivi e stratificati che hanno portato a caricare i componenti in modo non efficiente. TLC: - Il consumo per alimentazione apparati TLC è costante durante il giorno e nel corso dell anno; - Il consumo per l alimentazione dei sistemi di CDZ ha picchi nel corso delle ore più calde della giornata e durante i mesi estivi e costituisce una parte molto elevata del fabbisogno globale. Concentrando l attenzione sui Data Center e sugli elementi che costituiscono le principali fonti di assorbimento energetico, questi sono caratterizzati da installazioni con potenze elettriche elevate (si parla di armadi con potenze dell ordine di 3-5 kw/m2), che quindi necessitano, oltre che di potenza elettrica per l alimentazione degli apparati, anche di ingenti potenze da impiegarsi nel raffreddamento per controbilanciare la produzione del calore che avviene nelle sale. Generalmente il raffreddamento delle sale apparati, data center, server farm, avviene mediante condizionatori ad acqua refrigerata, generata da gruppi frigoriferi raffreddati ad aria posti all esterno degli edifici. L affidabilità del sito in termini di alimentazione elettrica e di raffreddamento sono i driver fondamentali che guidano le scelte progettuali; un guasto al sistema di alimentazione elettrica o al sistema di raffreddamento costituisce un danno economico e di immagine elevatissimo, che quindi va assolutamente evitato. Le caratteristiche di affidabilità del sito in termini elettromeccanici sono inquadrate secondo lo Standard TIA 942 dal livello TIER: TIER I: Architettura base con singoli sistemi di alimentazione di energia elettrica e frigorifera e singole linee di alimentazione elettrica e di acqua refrigerata. TIER II: Architetture con doppi sistemi di alimentazione di energia elettrica e frigorifera, ma singole linee di alimentazione elettrica e di acqua refrigerata. TIER III: Architetture con doppi sistemi di alimentazione di energia elettrica e frigorifera, e doppie linee di alimentazione elettrica e di acqua refrigerata. Gli apparati IT sono alimentati da un solo sistema di alimentazione. TIER IV: Architetture con doppi sistemi di alimentazione di energia elettrica e frigorifera e doppie linee di alimentazione elettrica e di acqua refrigerata. Gli apparati IT sono alimentati simultaneamente da due sistemi di alimentazione. Più alto è il livello TIER, maggiore è l affidabilità del Data Center. Occorre pertanto tener conto, all interno di un progetto di efficientamento energetico, di queste esigenze di affidabilità, che sono ovviamente primarie rispetto a qualsiasi intervento. Dal punto di vista dell, il parametro di valutazione primario è il PUE (Power Usage Effectiveness); matematicamente il PUE è il rapporto tra la potenza elettrica totale assorbita dal sito fratto la potenza elettrica assorbita dai soli apparati IT e TLC: PUE = Totale Potenza elettrica sito Totale Potenza elettrica apparati È chiaro che più efficienti sono gli impianti (condizionamento, illuminazione, alimentazione elettrica), più basso è il valore di PUE; il limite inferiore del PUE è per sua definizione pari a 1, mentre valori auspicabili del PUE devono attestarsi sotto il 2. Attualmente, il Data Centre con il PUE più basso a livello mondiale risulta essere il D.C. di Yahoo, che presenta un valore di 1,08. Tenendo conto delle suddette premesse e obiettivi, gli interventi effettuati nell ambito dell efficientamento dei locali TLC prevedono tipicamente 3 aree principali di attività: 1. Efficientamento del comparto condizionamento; 2. Efficientamento dei sistemi di illuminazione; 3. Efficientamento del sistema di produzione della potenza elettrica e della potenza frigorifera. 38

3 Efficientamento del comparto condizionamento In questa categoria ricadono: 1. Inserimento, ove le condizioni ambientali lo consentono, del free cooling diretto; 2. Sostituzione dei gruppi frigoriferi con modelli più recenti ed efficienti; 3. Ottimizzazione della distribuzione idraulica dell acqua refrigerata. Free cooling diretto Consiste nel dotare le sale TLC di sistemi di immissione dell aria esterna e di espulsione dell aria dell ambiente interno in modo da raffreddare le sale utilizzando l aria esterna, se questa è sufficientemente bassa; chiaramente a seconda della collocazione geografica del sito varierà il numero di giornate all anno in cui è sfruttabile il free cooling. In caso di utilizzo del free cooling si ha, a pari potenza frigorifera generata, una riduzione dell assorbimento della potenza elettrica dell ordine dell 80% con tempi di pay back dell ordine di 3 anni per installazioni al nord Italia. Sostituzione dei gruppi frigoriferi Lasciando inalterato tutto il sistema di Figura 1 Configurazione impiantistica con free cooling Serranda di espulsione Controsoffitto T. amb = 23 C Sotto Pavimento RACK condizionamento, in caso di impianti obsoleti, vale la pena di sostituire i gruppi frigoriferi con modelli recenti la cui efficienza può arrivare a essere superiore del 25% rispetto ai modelli sostituiti. Questi risultati si ottengono grazie all impiego di nuovi fluidi refrigeranti e nuova componentistica. Ottimizzazione della distribuzione idraulica Generalmente nei locali TLC con installati elevati carichi elettrici, il raffreddamento avviene mediante circolazione di acqua refrigerata. La portata d acqua nei sistemi tradizionali è costante e pari alla portata massima di progetto; ciò vuole dire che in condizioni di carico frigorifero ridotto (stagione invernale e/o installazione di apparati IT per una potenza inferiore a quella di progetto) la portata d acqua risulta eccessiva. Poiché la circolazione dell acqua richiede un dispendio energetico, nel caso di carichi parziali si ha uno spreco di energia per pompaggio. Per evitare questi sprechi si impiegano circuiti a portata variabile realizzati con pompe dotate di inverter e valvole terminali a 2 vie invece che a 3 vie. Il risparmio energetico ottenibile con l inserimento di questi componenti è dell ordine del 60% sull energia di pompaggio. CDZ On a regime ridotto T est < 17 C Efficientamento dei sistemi di illuminazione Le possibilità di risparmio energetico per gli impianti di illuminazione delle sale prevede: 1. Sistemi di controllo luci con sensori di presenza e PLC di gestione; 2. Introduzione di corpi illuminanti con tecnologia LED. I sistemi di controllo luci con sensori di presenza permettono di spegnere le luci quando non c è presenza di personale in sala. Il risparmio così ottenibile è duplice e legato alla riduzione di consumo di energia elettrica delle luci e della diminuzione della potenza frigorifera richiesta, essendo venuta a mancare la dissipazione di energia in ambiente dovuta alle luci accese inutilmente. L introduzione di corpi illuminanti LED in sostituzione dei corpi illuminanti fluorescenti permette, a pari flusso luminoso, una diminuzione di assorbimento elettrico del 65%. Illuminazione pubblica Il parco lampade dell illuminazione pubblica della maggior parte dei Comuni italiani ha un epoca di realizzazione, o dell ultimo ammodernamento, risalente a qualche decennio fa, e risulta quindi nella maggior parte dei casi obsoleto con necessità di interventi di riqualificazione e/o messa a norma. Molti punti luce utilizzano ancora lampade a vapori di mercurio ad alta pressione, il cui impiego è iniziato negli anni 60. La sempre maggiore necessità di risparmio da parte dei Comuni (l illuminazione pubblica costituisce una voce importante del bilancio di un Comune) e le leggi nazionali e regionali in vigore in materia di inquinamento luminoso, spingono un numero sempre maggiore di Amministrazioni Pubbliche a effettuare interventi di riqualificazione dell impianto di illuminazione pubblica, mirati all efficientamento energetico, oltre che alla messa a norma di 39

4 pali, sostegni e linee elettriche che lo necessitano. Le nuove tecnologie consentono di intervenire su più aspetti che volgono tutti allo stesso obbiettivo; al risparmio energetico: tenza degli apparecchi illuminanti a parità di prestazioni; manutenzione; nelle diverse ore di funzionamento dell impianto. L impiego di lampade a LED permette, a parità di potenza installata e prestazioni (efficienza luminosa, resa cromatica, fattore di utilizzazione, ecc.), un aumento dell interdistanza tra i punti luce (riduzione dei punti luce installati rispetto alle lampade a scarica quali vapori di mercurio o vapori di sodio ad alta pressione), o una riduzione di potenza a parità di interdistanza, con riduzioni significative di potenza e quindi del consumo di energia elettrica dell ordine del 40-50%. Tali apparecchi hanno inoltre una vita media maggiore rispetto alle lampade a scarica, consentendo anche una riduzione dei costi di manutenzione. Infatti un altra voce che concorre alla composizione della spesa sostenuta dalle Amministrazioni Pubbliche per l illuminazione pubblica, oltre al puro costo dell energia elettrica, è proprio la manutenzione, con una incidenza che può arrivare anche al 40% della spesa per il consumo di energia elettrica, in funzione della vetustà dell impianto. L aggiunta di un sistema di telecontrollo e telegestione centralizzata dell illuminazione pubblica, in grado di monitorare i parametri di funzionamento di ciascun punto luce e di rilevarne lo stato, consente un ulteriore riduzione dei costi per interventi di manutenzione; in tal modo questi possono essere effettuati solo quando necessari e solo sui punti luce che lo richiedono. Il vantaggio di un sistema di gestione centralizzato in grado di agire su ogni singolo punto luce o su gruppi di essi è duplice, in quanto consente di gestire nel vero senso della parola l impianto di illuminazione pubblica, modificandone, facilmente e in qualunque momento, i parametri (profili di accensione/spegnimento e intensità luminosa) in funzione dell orario, delle diverse aree (residenziali, aree di maggior circolazione, centri storici, ecc.), rendendo attivo un impianto che fino a poco tempo fa era puramente passivo e consentendo un ulteriore risparmio di energia elettrica del 20-30%. Anche interventi su apparecchi esistenti, ad esempio con lampade SAP (sodio ad alta pressione), possono garantire riduzioni dei consumi modificando l intensità luminosa nelle diverse ore di funzionamento, grazie all impiego di regolatori di flusso centralizzati in grado di regolare il flusso su gruppi di lampade. Come per tutti gli interventi orientati all efficientamento energetico, anche per quelli sugli impianti di illuminazione l investimento iniziale viene ripagato nel tempo grazie al risparmio economico ottenuto a seguito dell intervento. Di seguito viene brevemente descritto un intervento di riqualificazione proposto per un Comune con circa punti luce e vengono riportati i dati di risparmio energetico attesi e i relativi tempi di ritorno economico dell investimento (pay-back). Intervento in un Comune della provincia di Milano Come esempio classico si riporta di seguito l esperienza relativa a un Comune nella provincia di Milano per il quale è stato sviluppato lo studio per la riqualificazione dell impianto di illuminazione pubblica finalizzata all efficientamento energetico. L intervento è sostanzialmente costituito dalle seguenti attività: ti esistenti e obsoleti con altrettanti apparecchi a LED; pali e sostegni obsoleti; ti luce (in conformità a LR 17/00) e conseguente ammodernamento tecnologico; controllo e telegestione centralizzata con comunicazione tra apparecchi illuminanti e apparati centrali di sistema in radio frequenza. Dall analisi dello stato di fatto è emersa la necessità di una riqualificazione dell impianto attraverso la sostituzione dei circa 980 apparecchi illuminanti con lampade a vapori di mercurio esistenti, ricadenti tra gli oltre 1300 punti luce totali, con altrettanti apparecchi con diversa tecnologia di ultima generazione (apparecchi Figura 2 Corpi illuminanti presenti in ogni area e la potenza nominale impegnata attuale Area P.ti luce kw installati Area A Area B Area C Area D Area E Area F Area G Area H Totale

5 a LED), rispondenti alle normative vigenti e nel rispetto delle leggi regionali LR 17/2000 e LR 38/2004. Sono individuate le posizioni dei punti luce da sostituire suddividendoli in aree di intervento omogenee (aree residenziali, aree industriali, centro storico, aree periferiche, ecc.), in modo da condurre lo studio su aree/vie tipiche da prendere a campione. Di seguito è il dettaglio del numero dei corpi illuminanti presenti in ogni area e la potenza nominale impegnata attuale. La suddivisione in aree omogenee risulta utile, oltre che alla programmazione degli interventi, anche ai fini della scelta delle diverse soluzioni di gestione dell impianto, attraverso l individuazione di programmi e di profili di accensioni, spegnimenti e regolazione più idonei alla natura e alle caratteristiche delle diverse aree (aree periferiche, aree centrali, aree residenziali, aree industriali, ecc., che sottostanno per legge a livelli di illuminamento minimi differenti). Ipotesi e considerazioni Non essendo disponibile una Classificazione Stradale sul territorio comunale, definita dalla norma UNI 11248:2012 in funzione del tipo di traffico, e propedeutica alla identificazione della corrispondente categoria illuminotecnica, a sua volta definita dalla norma UNI EN , è stata ipotizzata una classificazione sulle vie campione prese in esame. In funzione di questa classificazione e categorie illuminotecniche corrispondenti, per ogni via campione è stato effettuato un calcolo illuminotecnico preliminare. Tali verifiche sono risultate necessarie per l individuazione delle tipologie degli apparecchi illuminanti principali (caratteristiche geometriche e soluzione ottimale in termini di ottica/fotometria e potenza). Successivamente i risultati sono stati estesi per similitudine a tutta l illuminazione pubblica oggetto di intervento, riuscendo così a formulare la proposta di riqualificazione dell impianto. Sistema di gestione e telecontrollo A implementazione dell impianto e nell ottica di ottenere il maggior risparmio energetico, viene inoltre proposto un sistema di gestione e telecontrollo (controllo remoto). La scelta della soluzione tecnologica, a causa della condizione delle linee elettriche, tra le quali alcune ancora aeree, è caduta su un sistema di gestione e telecontrollo punto-punto con comunicazione in radio frequenza (RF). Un sistema di gestione come quello proposto consente un monitoraggio dei consumi e delle modalità di funzionamento dell impianto e conseguenti prestazioni, modificabili in ogni momento intervenendo non sul campo, bensì sulla programmazione del sistema dalla postazione di supervisione. Il sistema di regolazione e telecontrollo può essere integrato in un contesto più ampio di gestione degli interventi di manutenzione, nell ottica di ottimizzazione dei costi di manutenzione. Il sistema di telecontrollo è in grado di riportare la diagnosi del funzionamento dell impianto e l eventuale allarmistica a un NOC (Network Operating Center) presso il quale risiederà la postazione di supervisione (PC workstation) da cui può essere alimentata la pianificazione della manutenzione. Dati di risparmio attesi Dalla tabella di Figura 3 si può facilmente notare come con la sola sostituzione punto-punto degli apparecchi esistenti a vapori di mercurio con altrettanti apparecchi a LED si è potuto ottenere, a parità di prestazioni Figura 3 Consistenza parco lampade comunale più obsoleto da sostituire Note: (1) Potenza totale assorbita comprensiva delle perdite dei vari componenti quali reattori, alimentatori, ecc. Tipologia Potenza nominale (W) Potenza lorda (W) Efficienza (lm/w) Numero lampade Potenza totale lampade HG (W) Potenza unitaria lorda equivalente con tecnologia a led (kw) Potenza totale equivalente con tecnologia a led (kw) VAPORI DI MERCURIO HG TOTALE 981 kw 120,18 kw 66,07 41

6 Figura 4 Calcolo risparmio energetico atteso POTENZA INSTALLATA Potenza totale installata attuale Potenza Consumo En. Elettrica Costo Energia Costo Manutenzione nominale lorda kwh/anno Euro/kWh (dato disponibile dalla ammini- 11,5h/gg * kw kw straz. Pubblica) 365 gg/anno 0,16 Lampade a vapori di mercurio HG 108, , ,85 Rimanente parco lampade a vapori di sodio AP 56,295 61, ,09 Totale costi Ill. Pubblica Potenza totale installata attuale 164,84 181, , , , ,55 Potenza nuova installazione 59,463 66, ,83 Invariata 56,30 61, ,09 Nuovo Totale installato 115, , , , , ,55 Risparmio atteso , , , ,00 Incremento 20% con telegestione , , , ,19 illuminotecniche, una riduzione della potenza installata da 120 kw a 66 kw, equivalente a una riduzione del 45%. A fronte della riduzione di potenza viene calcolato nella tabella di Figura 4 il risparmio atteso di energia elettrica in kwh/anno (circa kwh annuo) e risparmio economico equivalente ( circa), incrementabile almeno di un ulteriore 20% (tot ) con l impiego di un sistema di telegestione che ne modifichi i profili di accensione/spegnimento e dimmerazione. Calcolo risparmio energetico Per questi 980 apparecchi illuminanti si aggiunge inoltre il risparmio legato alla sostanziale assenza di manutenzione, quantificabile in circa 40 a punto luce sulla base dei dati resi disponibili dall amministrazione pubblica sul costo sostenuto per la manutenzione, per un totale di circa Ne deriva un risparmio totale annuo pari a circa , pari a circa il 45% della spesa sostenuta dal Comune prima dell intervento di riqualificazione. Tempi di ritorno economico dell investimento L intervento di riqualificazione sopra descritto porta a un costo di realizzazione di circa Essendo tali interventi finanziati dal risparmio energetico ne consegue che l investimento iniziale per la realizzazione dell intervento viene ripagato in un tempo praticamente pari a 10 anni: anni. Amedeo Paulone è Direttore divisione Grandi Clienti di Sirti S.p.a 42

COMUNE DI TORRE DE BUSI Via Vittorio Veneto 15 23806 Torre de Busi (LC)

COMUNE DI TORRE DE BUSI Via Vittorio Veneto 15 23806 Torre de Busi (LC) COMUNE DI TORRE DE BUSI Via Vittorio Veneto 15 23806 Torre de Busi (LC) Intervento Piano Regolatore dell Illuminazione Comunale Oggetto Pianificazione energetica ed economica Energy Saving Revisione Data

Dettagli

COMUNE DI TORRI IN SABINA UTENZE ELETTRICHE COMUNALI

COMUNE DI TORRI IN SABINA UTENZE ELETTRICHE COMUNALI COMUNE DI TORRI IN SABINA UTENZE ELETTRICHE COMUNALI PREMESSA Con riferimento a quanto concordato nel corso del consiglio Comunale del 29/9/12 ho eseguito una prima analisi di massima sulle utenze elettriche

Dettagli

Azione IDA3 Implementazione Piani d Azione per l Energia Sostenibile

Azione IDA3 Implementazione Piani d Azione per l Energia Sostenibile Azione IDA3 Implementazione Piani d Azione per l Energia Sostenibile EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA. caso studio: COMUNE DI COMISO (RG) Prof. Ing. Marco Beccali Contributors:

Dettagli

COMUNE DI RODI GARGANICO (Provincia di Foggia) Piazza Giovanni XXIII n. 1-71012 Rodi Garganico (FG)

COMUNE DI RODI GARGANICO (Provincia di Foggia) Piazza Giovanni XXIII n. 1-71012 Rodi Garganico (FG) COMUNE DI RODI GARGANICO (Provincia di Foggia) Piazza Giovanni XXIII n. 1-71012 Rodi Garganico (FG) EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DELLA PUBBLICA ILLUMINAZIONE ATTRAVERSO INTERVENTI TESI ALL AMMODERNAMENTO

Dettagli

ILLUMINIAMOCI! SOTTO UNA LUCE NUOVA

ILLUMINIAMOCI! SOTTO UNA LUCE NUOVA ILLUMINIAMOCI! SOTTO UNA LUCE NUOVA DA FINE APRILE 2014 Tutto il nostro Comune sarà interessato dalla sostituzione dei corpi illuminanti di tutta la pubblica illuminazione con tecnologia a LED. Lampioni

Dettagli

TELECONTROLLO E TELEGESTIONE

TELECONTROLLO E TELEGESTIONE TELECONTROLLO E TELEGESTIONE NEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE ing. Ruggero Guanella AIDI Associazione Italiana di Illuminazione Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

D68119 IL D D _ 0 02 P.I.C.I.L. Comune di Galliera Veneta (PD)

D68119 IL D D _ 0 02 P.I.C.I.L. Comune di Galliera Veneta (PD) D68119 D D _ 0 02 Pag. 1 di 24 1. STIMA DEI COSTI SOSTENUTI PER L LUMINAZIONE PUBBLICA (ATTUALE)... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2. QUADRO RIASSUNTIVO... 2 1.3. PREVISIONE DEI COSTI FUTURI... 2 1.4. PIANO DI

Dettagli

Progetto Lumière Efficienza energetica nell Illuminazione Pubblica. Audit energetico: Modello Lumière. Ing. Franco Curti

Progetto Lumière Efficienza energetica nell Illuminazione Pubblica. Audit energetico: Modello Lumière. Ing. Franco Curti Progetto Lumière Efficienza energetica nell Illuminazione Pubblica Audit energetico: Modello Lumière Ing. Franco Curti 1 Obiettivi L Audit energetico consiste nell analisi dello stato di fatto di un impianto

Dettagli

MODELLO AUDIT ENERGETICO Realizzato nell ambito della Ricerca di Sistema Elettrico e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico

MODELLO AUDIT ENERGETICO Realizzato nell ambito della Ricerca di Sistema Elettrico e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico MODELLO AUDIT ENERGETICO Realizzato nell ambito della Ricerca di Sistema Elettrico e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico La tabella riportata rappresenta il Modello di Audit energetico identificato

Dettagli

Come si fa un audit energetico dei consumi pubblici

Come si fa un audit energetico dei consumi pubblici COMUNE DI POLVERARA Come si fa un audit energetico dei consumi pubblici relatore: ing. Davide Fraccaro IL CONCETTO DI ENERGIA ENERGIA: capacità di un corpo di compiere lavoro ENERGIA E LAVORO SONO CONCETTI

Dettagli

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE Comune di PISOGNE - BS Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 RISPARMIO ENERGETICO ANALISI DELLA SITUAZIONE F - IN ALLEGATO AI FASCIOLI

Dettagli

INRES. Istituto Nazionale Consulenza, Progettazione, Ingegneria STRATEGIE DI RISPARMIO ENERGETICO ED USO DELLE FONTI RINNOVABILI NEI PUNTI VENDITA

INRES. Istituto Nazionale Consulenza, Progettazione, Ingegneria STRATEGIE DI RISPARMIO ENERGETICO ED USO DELLE FONTI RINNOVABILI NEI PUNTI VENDITA INRES Istituto Nazionale Consulenza, Progettazione, Ingegneria STRATEGIE DI RISPARMIO ENERGETICO ED USO DELLE FONTI RINNOVABILI NEI PUNTI VENDITA COOP INTEL MILANO 20 Maggio 2005 Presentazione di GIANASSI

Dettagli

Autori: prof. ing. Maurizio Fauri ing. Matteo Manica ing. Manuel Gubert

Autori: prof. ing. Maurizio Fauri ing. Matteo Manica ing. Manuel Gubert Committente: Comune di Colorno via Cavour n. 9 43052 Colorno (Parma) Oggetto: Valutazione dell efficienza energetica e individuazione degli interventi di risparmio per gli impianti di illuminazione pubblica

Dettagli

Gestione dell energia degli ambienti di calcolo

Gestione dell energia degli ambienti di calcolo Gestione dell energia degli ambienti di calcolo ~ L esperienza del CINECA Arch. Massimo Mauri - 28 febbraio 2011 IL DATACENTER CINECA DATI GENERALI; Superficie utile Totale di SM = 1500m² Potenza Totale

Dettagli

CERTIFICATI BIANCHI:

CERTIFICATI BIANCHI: Divisione CERTIFICATI BIANCHI: UNO STRUMENTO PER FINANZIARE L EFFICIENZA ENERGETICA Ing. Alessio Schiavon Edilvi spa Divisione ESCO schiavon@edilvi.it Forum Green Economy 2014 Roma, 4/5 giugno 2014 EDILVI

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE Strategie e interventi di successo. Ing. Marco Oliva Per. Ind. Colombo Lorenzo

EFFICIENZA ENERGETICA NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE Strategie e interventi di successo. Ing. Marco Oliva Per. Ind. Colombo Lorenzo EFFICIENZA ENERGETICA NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE Strategie e interventi di successo Ing. Marco Oliva Per. Ind. Colombo Lorenzo Il contenimento dei costi aziendali è una necessità!! Le strutture commerciali

Dettagli

P.I.C.I.L. del Comune di Rosà. Piano dell illuminazione per il contenimento dell inquinamento luminoso L.R. 17/2009

P.I.C.I.L. del Comune di Rosà. Piano dell illuminazione per il contenimento dell inquinamento luminoso L.R. 17/2009 Pag. 1 di 16 totali INDICE STIMA ECONOMICA DEI COSTI DI ADEGUAMENTO... 2 1. PREMESSA... 2 2. COSTI ADEGUAMENTI CORPI ILLUMINANTI... 3 2.1. SOSTITUZIONE CORPI ILLUMINANTI CON NUOVA SORGENTE AL SODIO (SOLUZIONE

Dettagli

WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo

WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo Introduzione Per ogni euro speso per alimentare il proprio data center possiamo dire che ci sia una buona percentuale spesa per raffreddarlo,

Dettagli

Workshop Trasporti e Infrastrutture

Workshop Trasporti e Infrastrutture Workshop Trasporti e Infrastrutture Illuminazione efficiente nel terziario: illuminazione pubblica Fabio Pagano ANIE ASSIL Introduzione L'illuminazione è stato il primo servizio offerto dalle aziende elettriche

Dettagli

7 ANALISI ECONOMICA E RISPARMIO ENERGETICO

7 ANALISI ECONOMICA E RISPARMIO ENERGETICO 7 ANALISI ECONOMICA E RISPARMIO ENERGETICO 7.1 Quota annuale di incremento Dai dati ricavati dallo stato di fatto si può desumere che la potenza installata delle lampade esistenti è pari a Kw 123,34 Per

Dettagli

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE Gli oneri economici relativi al riscaldamento invernale e alla climatizzazione estiva di un edificio residenziale sono da considerarsi tra le componenti di spesa principali

Dettagli

PIANIFICAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA

PIANIFICAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA PIANIFICAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA PIANIFICAZIONE E GESTIONE ENERGETICA CEV nell ambito del Patto dei Sindaci promuove la pianificazione energetica attraverso i PAES

Dettagli

Luxar Srl Project and Lighting 2013 1

Luxar Srl Project and Lighting 2013 1 1 Argomenti trattati: 1. La direttiva 2012/27/UE 2. Gli Audit Energetici 3. La soluzione di risparmio a costo zero nel settore illuminotecnico 4. I titoli di efficienza energetica (TEE) o certificati bianchi

Dettagli

TELEGESTIONE. come spendere meno, inquinare meno e governare meglio gli impianti di illuminazione pubblica. Davide Bassetto A.P. SYSTEMS s.r.l.

TELEGESTIONE. come spendere meno, inquinare meno e governare meglio gli impianti di illuminazione pubblica. Davide Bassetto A.P. SYSTEMS s.r.l. TELEGESTIONE come spendere meno, inquinare meno e governare meglio gli impianti di illuminazione pubblica Davide Bassetto A.P. SYSTEMS s.r.l. Scelte di pianificazione sostenibile: illuminazione pubblica

Dettagli

COMUNE DI PIANORO Provincia di Bologna

COMUNE DI PIANORO Provincia di Bologna COMUNE DI PIANORO Provincia di Bologna PIANO ENERGETICO REGIONALE REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA MISURA 4.1 DEL P.T.A. DEL P.E.R. 2011-2013 PROGETTO PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

Dettagli

Strategia della Agenzia Provinciale per l Energia e l Ambiente di Catania

Strategia della Agenzia Provinciale per l Energia e l Ambiente di Catania Strategia della Agenzia Provinciale per l Energia e l Ambiente di Catania Premessa R. Lanzafame Con la recente istituzione dell Agenzia per l Energia e l Ambiente, APEA 1 S.r.l. l Amministrazione provinciale

Dettagli

Dal Fotovoltaico all Efficienza energetica

Dal Fotovoltaico all Efficienza energetica Dal Fotovoltaico all Efficienza energetica CRIADON opera da cinque anni nel settore delle energie rinnovabili ma già negli Anni 90 l attuale nucleo operativo si occupava di energia solare e di risparmio

Dettagli

SISTEMA EB 93 smart dimmy

SISTEMA EB 93 smart dimmy EB 93 smart dimmy INNOVATIVE LIGHTING SYSTEM Un'eccellenza tecnologica italiana: la soluzione innovativa, affidabile, semplice, sicura, brevettata. EBPSOLUTIONS (EBP è l abbreviazione di Enlighten a Better

Dettagli

LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO

LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO 1. FASE PRELIMINARE L auditor incaricato provvederà a raccogliere una serie di informazioni preliminari riguardanti il tipo di attività dell azienda, gli edifici del sito

Dettagli

Der Spiegel riconosce in un suo articolo che l industria turistica può diventare una agenzia mondiale di protezione della natura.

Der Spiegel riconosce in un suo articolo che l industria turistica può diventare una agenzia mondiale di protezione della natura. Der Spiegel riconosce in un suo articolo che l industria turistica può diventare una agenzia mondiale di protezione della natura. Non tutti gli operatori sono consapevoli del fatto che per assicurare la

Dettagli

PRINCIPALI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO: TECNOLOGIE EFFICIENTI SETTORE INDUSTIALE E CIVILE

PRINCIPALI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO: TECNOLOGIE EFFICIENTI SETTORE INDUSTIALE E CIVILE PROGETTO STEEEP WORKSHOP: COME GESTIRE I CONSUMI ENERGETICI IN MODO EFFICIENTE: LO STRUMENTO DELLA CONTABILITA ENERGETICA PRINCIPALI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO: TECNOLOGIE EFFICIENTI SETTORE INDUSTIALE

Dettagli

Progetti di Efficientamento Energetico. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Progetti di Efficientamento Energetico. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Progetti di Efficientamento Energetico perché l'energia più economica è quella che non si consuma Dove conviene sviluppare investimenti in efficienza energetica Fonte: Politecnico Milano - Enel Progetti

Dettagli

KNX per la gestione delle energie rinnovabili

KNX per la gestione delle energie rinnovabili KNX per la gestione delle energie rinnovabili Il risparmio e l'efficienza energetica si ottengono... Riducendo i consumi di energia Controllando in modo efficiente l'uso dell'energia Impiegando sistemi

Dettagli

Il meccanismo dei certificati bianchi

Il meccanismo dei certificati bianchi KEY ENERGY RIMINI 9 NOVEMBRE 2012 Il meccanismo dei certificati bianchi Ing. Luigi De Sanctis, luigi.desanctis@enea.it ENEA-UTEE/IND ENEA - UTEE 1 Il meccanismo dei certificati bianchi L uso razionale

Dettagli

Efficientamento Energetico

Efficientamento Energetico Efficientamento Energetico L efficientamento energetico consiste nell insieme delle azioni volte a consumare meno, in modo migliore, ottenendo gli stessi risultati avuti con i normali comportamenti abituali.

Dettagli

Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano. Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio

Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano. Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio Il Comune di Rozzano 12,5 kmq 40.502 abitanti (31/12/08) 73 km strade comunali 6 km strade provinciali 4 km

Dettagli

Smart cities: l avvento della tecnologia digitale nella pubblica illuminazione

Smart cities: l avvento della tecnologia digitale nella pubblica illuminazione Imperia, 7 marzo 2014 ILLUMINAZIONE PUBBLICA Novità e opportunità legislative Ruggero Guanella Smart cities: l avvento della tecnologia digitale nella pubblica illuminazione Risparmi energetici Gestione

Dettagli

L audit. energetico e la certificazione energetica degli edifici. C.Gistri Certiquality. Comune di Settala Mercoledì 8 novembre 2006

L audit. energetico e la certificazione energetica degli edifici. C.Gistri Certiquality. Comune di Settala Mercoledì 8 novembre 2006 L audit energetico e la certificazione energetica degli edifici. C.Gistri Certiquality Comune di Settala Mercoledì 8 novembre 2006 Monitorare l efficienza energetica Attuali esigenze relative all utilizzo

Dettagli

La tecnologia ad inverter applicata sui condizionatori del Data Center Merrill Lynch & Co Inc. Camberley Surrey(London)

La tecnologia ad inverter applicata sui condizionatori del Data Center Merrill Lynch & Co Inc. Camberley Surrey(London) La tecnologia ad inverter applicata sui condizionatori del Data Center Merrill Lynch & Co Inc. Camberley Surrey(London) Ing. Matteo Bosoni -RC Group spa - Valle Salimbene Pavia L installazione 12 1260

Dettagli

SOLUZIONI INNOVATIVE PER L ILLUMINAZIONE L

SOLUZIONI INNOVATIVE PER L ILLUMINAZIONE L SOLUZIONI INNOVATIVE PER L ILLUMINAZIONE L PUBBLICA Relatore: Ing. Paolo Di Lecce Reverberi Enetec srl PROVINCIA DI BERGAMO SPAZIO VITERBI 1 DICEMBRE 2010 Con il patrocinio: REVERBERI ENETEC Il risparmio

Dettagli

Alimentatore switching controllato, per Led di potenza.

Alimentatore switching controllato, per Led di potenza. Alimentatore switching controllato, per Led di. Detto alimentatore è controllato da un circuito, che consente la possibilità a qualsiasi corpo illuminante, ( stradale ovvero di interni ), di erogare la

Dettagli

Relazione generale - Inquadramento normativo Inquadramento territoriale

Relazione generale - Inquadramento normativo Inquadramento territoriale INDICE ALLEGATO A: Relazione generale - Inquadramento normativo Inquadramento territoriale A. - RELAZIONE GENERALE 2 A.1 - PREMESSA 2 A.2 - INTENTI DEL PICIL 3 A.3 CONTENUTI DEL PICIL 5 A.4 - INQUADRAMENTO

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE LAVORI PUBBILICI SETTORE ENERGIA IMPIANTI.

COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE LAVORI PUBBILICI SETTORE ENERGIA IMPIANTI. COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE LAVORI PUBBILICI SETTORE ENERGIA IMPIANTI. SERVIZIO DI GESTIONE E MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA, DI SEGNALAZIONE ELETTRICA

Dettagli

SOLUZIONI TECNICHE DEL PROGETTO

SOLUZIONI TECNICHE DEL PROGETTO RISCALDAMENTO INVERNALE MODALITA FUNZIONAMENTO RAFFRESCAMENTO ESTIVO MODALITA FUNZIONAMENTO SCHEMA P&I D 6. IMPIANTO A PAVIMENTO 4. SOLARE TERMICO 1. POZZO GEOTERMICO 2. POMPA DI CALORE 3. UNITA TRATTAMENTO

Dettagli

pari a 89%. Emissione con fancoil a 2 tubi. Distribuzione poco isolata in montanti in cavedio non riscaldato. Regolazione climatica.

pari a 89%. Emissione con fancoil a 2 tubi. Distribuzione poco isolata in montanti in cavedio non riscaldato. Regolazione climatica. EFFICIENZA ENERGETICA NEL TERZIARIO ESEMPI DI INTERVENTO SUL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE CASO STUDIO 1: PALAZZINA AD UFFICI Destinazione d'uso: E.2. uffici Località: Milano Volume lordo: 6000 m 3 Anno

Dettagli

G.1 - INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN TRE EDIFICI SCOLASTICI PROVINCIALI 2 G

G.1 - INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN TRE EDIFICI SCOLASTICI PROVINCIALI 2 G INDICE G.1 - INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN TRE EDIFICI SCOLASTICI PROVINCIALI pag. 2 G.2 - MODIFICA DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE IN UN EDIFICIO ADIBITO AD UFFICI pag. 2 G.3 - INTERVENTO NELLA

Dettagli

Complessi ricettivi-alberghieri Case di cura Complessi produttivi Complessi sportivi

Complessi ricettivi-alberghieri Case di cura Complessi produttivi Complessi sportivi Progetti di ristrutturazione energetica con impianti di Cogenerazione e Trigenerazione ad alto rendimento di Complessi ricettivi-alberghieri Case di cura Complessi produttivi Complessi sportivi STUDIO

Dettagli

I drive per gli azionamenti efficienti Ing. Paolo Colombo Gruppo Azionamenti elettrici - ANIE Automazione

I drive per gli azionamenti efficienti Ing. Paolo Colombo Gruppo Azionamenti elettrici - ANIE Automazione I drive per gli azionamenti efficienti Ing. Paolo Colombo Gruppo Azionamenti elettrici - ANIE Automazione EFFICIENZ@ENERGETICA OGGI E DOMANI Modena, 29 Aprile 2014 Federazione ANIE Federazione Nazionale

Dettagli

Capitolato prestazionale e Schema di contratto Progetto Preliminare. TAV.n 03. Comune di Sesto Campano Provincia di IS OGGETTO:

Capitolato prestazionale e Schema di contratto Progetto Preliminare. TAV.n 03. Comune di Sesto Campano Provincia di IS OGGETTO: Comune di Sesto Campano Provincia di IS TAV.n 03 Capitolato prestazionale e Schema di contratto Progetto Preliminare OGGETTO: INTERVENTI DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO E ADEGUAMENTO DELL IMPIANTO

Dettagli

Efficienza energetica nel patrimonio pubblico

Efficienza energetica nel patrimonio pubblico Scheda P Azione P.1 Efficienza energetica nel patrimonio pubblico Ristrutturazione del parco edilizio pubblico Obiettivi Quelli che sono stati gli Obiettivi prefissati quali : riduzione dei consumi di

Dettagli

La nuova illuminazione pubblica a Milano e a Brescia. novembre 2014

La nuova illuminazione pubblica a Milano e a Brescia. novembre 2014 La nuova illuminazione pubblica a Milano e a Brescia novembre 2014 Milano e Brescia a LED Illuminazione Pubblica 181,76 km 2 area Milano 90,34 km 2 area Brescia 1.316.000 abitanti Milano 195.500 abitanti

Dettagli

Servizi Energetici I VANTAGGI DELL EFFICIENZA CONTINUA

Servizi Energetici I VANTAGGI DELL EFFICIENZA CONTINUA Servizi Energetici I VANTAGGI DELL EFFICIENZA CONTINUA PERCHÉ UN PARTNER UNICO. PERCHÉ COFELY L energia che non si ferma SE L ENERGIA SOTTRAE ENERGIE UN UNICA RISPOSTA, LA MIGLIORE L uso razionale dell

Dettagli

L efficienza energetica dell Hotel

L efficienza energetica dell Hotel L efficienza energetica dell Hotel Migliorare la qualità e comfort riducendo il consumo di risorse energetiche limitando le emissioni dannose e i relativi costi di gestione. ESIET S.p.A., con il progetto

Dettagli

Caldaia a condensazione e pompa di calore

Caldaia a condensazione e pompa di calore 065_TER_gen_magri:46-48_TER_mar_profilo 8-02-2010 12:51 Pagina 65 efficienza energetica 65 C. Di Perna, G. Magri Caldaia a condensazione e pompa di calore confronto delle prestazioni stagionali Come ben

Dettagli

Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali

Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali Sintesi motivazione scelte progettuali e descrizione soluzioni

Dettagli

Eni Green Data Center scheda tecnica

Eni Green Data Center scheda tecnica Eni Green Data Center scheda tecnica Il Green IT Adeguarsi ai principi dello sviluppo sostenibile è entrato ormai tra le mission principali dell'informatica. Il 2% della CO 2 emessa nel mondo proviene,

Dettagli

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI L uso di lampade ad avanzata tecnologia ed elevata efficienza luminosa costituisce un ulteriore criterio tecnico imposto dalla normativa regionale, affinchè

Dettagli

Bolletta Elettrica Comunale

Bolletta Elettrica Comunale Bolletta Elettrica Comunale INDICAZIONI OPERATIVE Verifica delle modalità d uso dell energia elettrica Dr. E.Brega Milano 2011 1 Bolletta Elettrica Comunale Elementi tecnici della bolletta per utenza mensile

Dettagli

PRODOTTO: LEDWAY STREET di Ruud Lighting

PRODOTTO: LEDWAY STREET di Ruud Lighting PRODOTTO: LEDWAY STREET di Ruud Lighting CAT/BRCH-COOP/IT L impianto di illuminazione esterna della Coop di Castelvetro è stato realizzato in partnership con INRES Istituto Nazionale Consulenza, Progettazione,

Dettagli

I LED evoluzione tecnologica, possibilita e svantaggi

I LED evoluzione tecnologica, possibilita e svantaggi I LED evoluzione tecnologica, possibilita e svantaggi Lumezzane 16 dicembre 2014 Alberto Ricci Petitoni Ingegnere LA PUBBLICA ILLUMINAZIONE 2% CIRCA DEI CONSUMI ELETTRICI NEL NOSTRO PAESE 6.000 MILIONI

Dettagli

Illuminazione a LED. Soluzioni con noleggio operativo a COSTO ZERO

Illuminazione a LED. Soluzioni con noleggio operativo a COSTO ZERO Illuminazione a LED Soluzioni con noleggio operativo a COSTO ZERO La tecnologia di illuminazione a LED per strutture private, pubbliche, urbane, risolve tutti i problemi legati all adozione di lampade

Dettagli

incaricato dall Amministrazione Comunale di San Demetrio C con delibera N 12 del 18/03/2013

incaricato dall Amministrazione Comunale di San Demetrio C con delibera N 12 del 18/03/2013 GENERALITA Il sottoscritto Ing. Saverio Viola con studio tecnico a San Demetrio C. via Termopoli 11 incaricato dall Amministrazione Comunale di San Demetrio C con delibera N 12 del 18/03/2013 per la progettazione

Dettagli

Il controllo dell efficienza energetica nei Data Center. Valentino Violani, Npo Consulting srl

Il controllo dell efficienza energetica nei Data Center. Valentino Violani, Npo Consulting srl Il controllo dell efficienza energetica nei Data Center Valentino Violani, Npo Consulting srl Profilo del System Integrator Saia PCD Npo Consulting srl è una società di system integration nata nel 2007

Dettagli

Comune di Giavera del Montello Provincia di TREVISO Sindaco Architetto Fausto Gottardo Investire, governare e risparmiare si può fare!

Comune di Giavera del Montello Provincia di TREVISO Sindaco Architetto Fausto Gottardo Investire, governare e risparmiare si può fare! Comune di Giavera del Montello Provincia di TREVISO Sindaco Architetto Fausto Gottardo Investire, governare e risparmiare si può fare! Governare una città vuol dire gestire... Immobili ed edifici Impianti

Dettagli

Partner Dipartimento di Elettrotecnica ed Elettronica del Politecnico di Bari. Progetto Smart Grid LABZERO Comune di Bari

Partner Dipartimento di Elettrotecnica ed Elettronica del Politecnico di Bari. Progetto Smart Grid LABZERO Comune di Bari Partner Dipartimento di Elettrotecnica ed Elettronica del Politecnico di Bari. Progetto Smart Grid LABZERO Comune di Bari Sede Operativa Via La Lenza - Zona Industriale 70010 - Capurso (BA) PUGLIA Sede

Dettagli

Sistemi ad Energia Geotermica GEON Elco Italia Spa

Sistemi ad Energia Geotermica GEON Elco Italia Spa ing. Luca Filippetto Geon Divisione Geotermia Elco Italia S.p.a. Pompe di calore e soluzioni impiantistiche, telegestioneimpianti e assistenza post vendita Sistemi ad Energia Geotermica GEON Elco Italia

Dettagli

Aeroporto di Capodichino

Aeroporto di Capodichino 2 0 1 5 Aeroporto di Capodichino Efficientamento energetico della climatizzazione fabbricato viaggiatori Ing. Maurizio Landolfi Aeroporto di Capodichino Efficientamento energetico della climatizzazione

Dettagli

Modello sperimentale di audit energetico Lumiere

Modello sperimentale di audit energetico Lumiere Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI STEMA ELETTRICO Modello sperimentale di audit energetico Lumiere M.Annunziato, C.Honorati Consonni, S.

Dettagli

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014 Risparmiare si può con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico Energy Imperia, 11 luglio 2014 Service COmpany CORE BUSINESS DI AURA ENERGY Nuova mission Nel 2012 Aura Energy, conseguentemente

Dettagli

Le nuove prospettive per l illuminazione pubblica: L uso delle tecnologie a servizio dell innovazione e del risparmio energetico

Le nuove prospettive per l illuminazione pubblica: L uso delle tecnologie a servizio dell innovazione e del risparmio energetico Le nuove prospettive per l illuminazione pubblica: L uso delle tecnologie a servizio dell innovazione e del risparmio energetico Mezzocorona, 25 febbraio 2011 1 Agenda Scenario di riferimento Europa Italia

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 CONTENUTI DELLA PROGETTAZIONE...2 3 DIAGNOSI ENERGETICA...2 3.1 STATO ATTUALE EX ANTE... 2 3.2 STATO FUTURO EX POST...

SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 CONTENUTI DELLA PROGETTAZIONE...2 3 DIAGNOSI ENERGETICA...2 3.1 STATO ATTUALE EX ANTE... 2 3.2 STATO FUTURO EX POST... SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 CONTENUTI DELLA PROGETTAZIONE...2 3 DIAGNOSI ENERGETICA...2 3.1 STATO ATTUALE EX ANTE... 2 3.2 STATO FUTURO EX POST... 3 3.3 TEP RISPARMIATI... 4 3.4 RIDUZIONE DELLA CO2... 5

Dettagli

SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA E SEMAFORICA

SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA E SEMAFORICA CITTA di SAVIGLIANO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA E SEMAFORICA Andrea PARLANTI ESIGENZA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE NEL 2012 RIDURRE COSTI GESTIONE IMPIANTI ILLUMINAZIONE PUBBLICA COMUNALE RIDURRE

Dettagli

Aura Energy Srl Energy Service Company. Torino, 29 Ottobre 2013

Aura Energy Srl Energy Service Company. Torino, 29 Ottobre 2013 Aura Energy Srl Energy Service Company Torino, 29 Ottobre 2013 1 INDICE 1. CORE BUSINESS DI AURA ENERGY a. Attività principali b. Nuova Mission c. Ruolo della E.S.Co. 2. PROGETTI a. Principali voci di

Dettagli

Siracusa Pubblica illuminazione: gestione, ammodernamento e sensibilità ambientale

Siracusa Pubblica illuminazione: gestione, ammodernamento e sensibilità ambientale con la Luce Progettare Siracusa Pubblica illuminazione: gestione, ammodernamento e sensibilità ambientale di Giovanni Bianchi e Paolo Di Lecce La città di Siracusa, capoluogo dell omonima provincia siciliana,

Dettagli

GUIDA ALL EFFICIENZA ENERGETICA. mani. OMTEC Engineering srl

GUIDA ALL EFFICIENZA ENERGETICA. mani. OMTEC Engineering srl GUIDA ALL EFFICIENZA ENERGETICA Il futuro è nelle vostre mani Cosa si intende per efficienza energetica? La definizione efficienza energetica indica una serie di azioni di programmazione, pianificazione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli

Consumo troppo? Cosa fare? L approccio del FM al tema dell energia negli immobili esistenti

Consumo troppo? Cosa fare? L approccio del FM al tema dell energia negli immobili esistenti Consumo troppo? Cosa fare? L approccio del FM al tema dell energia negli immobili esistenti Relatori: Emilio Giacomini Responsabile Area Operativa Ceg Facility Raffaele Tardi Energy Manager Ceg Facility

Dettagli

Audit Energetici Azioni di risparmio nell industria alimentare e nel terziario A cura di Antonio Siciliano Ambiente Italia Srl www.ambienteitalia.

Audit Energetici Azioni di risparmio nell industria alimentare e nel terziario A cura di Antonio Siciliano Ambiente Italia Srl www.ambienteitalia. Audit Energetici Azioni di risparmio nell industria alimentare e nel terziario A cura di Antonio Siciliano Ambiente Italia Srl www.ambienteitalia.it Perché è importante ridurre i consumi dell industria

Dettagli

Servizi ed installazioni per l Efficienza Energetica

Servizi ed installazioni per l Efficienza Energetica Eurogroup dal 1966 partner di qualità ESCo certificata UNI CEI 11352:2014 Servizi ed installazioni per l Efficienza Energetica Eurogroup dal 1966 partner di qualità EUROGROUP nasce nel 1966 come azienda

Dettagli

Soluzioni di telecontrollo

Soluzioni di telecontrollo Soluzioni di telecontrollo FAST si presenta come il partner ideale per soluzioni di telegestione degli impianti distribuiti, proponendo sistemi flessibili, affidabili e dotati della massima capacità di

Dettagli

Riduzione dell inquinamento luminoso e relativo risparmio energetico: compiti e opportunità

Riduzione dell inquinamento luminoso e relativo risparmio energetico: compiti e opportunità ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE Giornata d d informazione Riduzione dell inquinamento luminoso e relativo risparmio energetico: compiti e opportunità Piani della Luce e l energyl saving nell illuminazione

Dettagli

Energia Elettrica: - Impianti Fotovoltaici - Illuminazione Pubblica. San Paolo d Argon 6 maggio 2013

Energia Elettrica: - Impianti Fotovoltaici - Illuminazione Pubblica. San Paolo d Argon 6 maggio 2013 Energia Elettrica: - Impianti Fotovoltaici - Illuminazione Pubblica San Paolo d Argon 6 maggio 2013 AGENDA Impianti Fotovoltaici Modalità funzionamento Situazione italiana V Conto Energia Tariffe incentivanti

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 46 Reg. Seduta del 25/07/2013 OGGETTO: INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE E MESSA A NORMA DELLA RETE DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE

Dettagli

FORUM TELECONTROLLO 2013

FORUM TELECONTROLLO 2013 FORUM TELECONTROLLO 2013 Relazione Titolo: Sulla strada per la Smart City Tecnologie e soluzioni innovative per aumentare l efficienza delle Reti Idriche. Relazione: Le città si stanno trasformando in

Dettagli

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Sintesi relazione finale sul monitoraggio dell intervento di efficientamento energetico dell impianto di pubblica illuminazione, effettuato con il sistema Dibawatt. 1. Premessa

Dettagli

KNX per la gestione delle energie rinnovabili. Massimo Valerii Presidente KNX Italia Sheraton Nicolaus Hotel Bari 15 Marzo 2011

KNX per la gestione delle energie rinnovabili. Massimo Valerii Presidente KNX Italia Sheraton Nicolaus Hotel Bari 15 Marzo 2011 KNX per la gestione delle energie rinnovabili Massimo Valerii Presidente KNX Italia Sheraton Nicolaus Hotel Bari 15 Marzo 2011 Il risparmio e l'efficienza energetica si ottengono... Riducendo i consumi

Dettagli

Sono in corso a Ferrera Erbognone

Sono in corso a Ferrera Erbognone risparmio energetico Zephyr: il nuovo Green Data Center Unico in Italia nel suo genere, il centro Eni prevede l unificazione di tutti i sistemi IT Eni di elaborazione dati e High Performance Computing

Dettagli

OSSERVATORIO ENERGY MANAGEMENT

OSSERVATORIO ENERGY MANAGEMENT OSSERVATORIO ENERGY MANAGEMENT Misure per l ottimizzazione dei consumi: il caso Telecom Italia Milano, 13 Giugno 2012 Telecom Italia è uno dei player più energivori Consumo annuo Energia Elettrica: Consumo

Dettagli

P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE

P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE SOGGETTI DESTINATARI Le grandi, piccole e medie imprese ubicate nella Regione

Dettagli

www.progettoscer.it PROGETTO PILOTA per Poli Industriali PRIMO in ITALIA

www.progettoscer.it PROGETTO PILOTA per Poli Industriali PRIMO in ITALIA nuovo S istema di C limatizzazione di edifici artigianali in ambito urbano basato sulle fonti Energetiche Rinnovabili PROGETTO PILOTA per Poli Industriali PRIMO in ITALIA www.progettoscer.it Il progetto

Dettagli

DIAGNOSI ENERGETICA MONITORAGGIO E CONTROLLO SISTEMA DI GESTIONE ENERGIA ISO 50001:2011 TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA

DIAGNOSI ENERGETICA MONITORAGGIO E CONTROLLO SISTEMA DI GESTIONE ENERGIA ISO 50001:2011 TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA DIAGNOSI ENERGETICA MONITORAGGIO E CONTROLLO SISTEMA DI GESTIONE ENERGIA ISO 50001:2011 TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA 1 INTRODUZIONE EOS Srl in qualità di Società di Servizi Energetici (SSE) iscritta

Dettagli

SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI

SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI Promotori di efficienza energetica SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI Il nostro futuro energetico inizia adesso AMAECO s.r.l. 41043 Formigine (MO) Tel. 059.5961360 Fax 059.5961779 info@bht-amaeco.it

Dettagli

CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L.

CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L. CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L. È LA SOCIETÀ DEL GRUPPO ESTRA CHE DA ANNI OPERA NEL SETTORE DEL RISPARMIO ENERGETICO, VANTANDO UNA LUNGA ESPERIENZA E NUMEROSE COMMITTENZE PUBBLICHE E PRIVATE. Il core business

Dettagli

16 dicembre 2009 Camera di Commercio di Cuneo RISPARMIO ENERGETICO E TUTELA DELL AMBIENTE Soluzioni di efficienza energetica nelle PMI

16 dicembre 2009 Camera di Commercio di Cuneo RISPARMIO ENERGETICO E TUTELA DELL AMBIENTE Soluzioni di efficienza energetica nelle PMI relatore: Stefano Quaranta 16 dicembre 2009 Camera di Commercio di Cuneo RISPARMIO ENERGETICO E TUTELA DELL AMBIENTE Soluzioni di efficienza energetica nelle PMI Introduzione Presentazione dell attività

Dettagli

I drive per gli azionamenti efficienti

I drive per gli azionamenti efficienti I drive per gli azionamenti efficienti Ing. Paolo Colombo Gruppo Azionamenti elettrici -ANIE Automazione Energy Media Event Italia 2014 Diageo (CN) 22 Ottobre 2014 Federazione ANIE Federazione Nazionale

Dettagli

PIANO DELL ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO

PIANO DELL ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO PIANO DELL ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO LEGGE REGIONALE 7 AGOSTO 2009, N. 17 (BUR N. 65/2009) NUOVE NORME PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO, IL RISPARMIO ENERGETICO

Dettagli

PICIL IN OTTICA SMART

PICIL IN OTTICA SMART PICIL IN OTTICA SMART Ing. Diego Bonata Belluno, 11 Aprile 2014 La prima associazione europea di progettisti dell illuminazione eco-sostenibile www.lightis.eu 01-gen-05 01-ago-05 01-mar-06 01-ott-06 01-mag-07

Dettagli

COMUNE DI APPIANO SULLA STRADA DEL VINO

COMUNE DI APPIANO SULLA STRADA DEL VINO COMUNE DI APPIANO SULLA STRADA DEL VINO Sintesi relazione finale sul monitoraggio dell intervento di efficientamento energetico dell impianto di pubblica illuminazione, effettuato con il sistema Dibawatt.

Dettagli

Abstract. Comune di Spinea

Abstract. Comune di Spinea Comune di Spinea Abstract DIVISIONE ENERGIA SRL Via delle Industrie 18/A - 30038 Spinea (VE) Tel. 041 8221863 - Fax 041 8221864 info@divisionenergia.com - www.aequagroup.com P.IVA, e C.F. 04037990274 Il

Dettagli