Il rilievo topografico di dettaglio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il rilievo topografico di dettaglio"

Transcript

1 Il rilievo topografico di dettaglio Gli strumenti e le operazioni elementari In qualsiasi tipo di rilievo, per prima cosa, si deve procedere ad un accurato sopralluogo e redigere a vista un accurato schizzo preliminare dei luoghi, che prende il nome di eidotipo. Cominciamo per prima cosa ad esaminare gli strumenti della rilevazione di dettaglio. Per individuare i punti da rilevare, se non sono materializzati da manufatti, si usano delle aste di legno chiamate paline che, a volte, portano in sommità un segnale detto scopo. Le paline, se utilizzate in un certo numero ed infisse verticalmente nel terreno lungo uno stesso piano ideale, servono ad individuare degli allineamenti e a materializzare una direzione. Occorre ricordare, tuttavia, che la direzione più importante in tutti i tipi di rilievo è la verticale: essa si ottiene con il filo a piombo, che serve anche per posizionare gli strumenti di misurazione esattamente sul punto di stazione. A questo scopo esistono anche piombini ottici ed i piombini a bastone. La linea orizzontale invece si ottiene con la livella. Essa è costituita da un tubo di vetro di superficie torica riempito quasi completamente di un liquido molto scorrevole (per esempio, alcool) e imprigionato in una armatura metallica che a sua volta ha due appoggi alle estremità. E ovvio che comunque si disponga la livella, la bolla tenderà a posizionarsi nella parte alta del tubo, perciò se la livella è rettificata, e ciò vuol dire che la sua tangente centrale è parallela all asse di appoggio, quando la bolla è centrata, essa definisce un asse orizzontale (se la livella non fosse rettificata occorre renderla tale agendo sulle viti di rettifica). Per rendere orizzontale un asse è quindi sufficiente posizionare una livella in modo che il suo asse di appoggio sia parallelo all asse stesso e ruotarlo fin tanto che la livella non sia centrata. Per rendere orizzontale un piano è evidente che si debbono rendere orizzontali due rette del piano (per ridurre gli errori è meglio se essi sono ortogonali tra loro). Per rendere orizzontale un piano si usano anche le livelle sferiche (ma esse sono di minor precisione di quelle toriche). Sempre per rendere orizzontale un asse un tempo si usava l archipendolo, che può anche misurare molto grossolanamente l inclinazione di un asse. Sempre per individuare un asse o un piano orizzontale (con non grande precisione) si può usare il livello ad acqua. Questo livello si basa sul principio dei vasi comunicanti e consiste sostanzialmente in un tubo flessibile e trasparente, riempito d acqua con (eventualmente) alle estremità due bicchieri che individuano esattamente il livello del liquido. Per individuare sul terreno allineamenti ortogonali tra di loro, oltre che delle paline ci si serve anche degli squadri agrimensori. Questi strumenti sono assai semplici e sono costituiti da una scatola, generalmente cilindrica e montata su un treppiede, con delle fessure verticali disposte in modo tale da formare due piani di traguardo tra loro ortogonali. Vi sono anche degli squadri graduati, che consentano anche di misurare (grossolanamente) l angolo formato da due allineamenti. Alcuni sono dotati anche di bussola, in modo da poterli orientare. Vi sono poi degli squadri a specchio che sfruttano il principio della riflessione della luce su dei prismi e che sono costruiti in modo tale da vedere contemporaneamente, da una fessura (divisa in due), sia l allineamento diretto (nella parte alta) che quello inclinato a 90 (nella parte bassa). 35. Serie di squadri agrimensori semplici e graduati 36. Squadro a specchi 33

2 37. Principali strumenti di misurazione. 34

3 Tuttavia il metodo più semplice di ottenere un angolo retto è quello di usare una fettuccia metrica e applicando il teorema di Pitagora, costruire un triangolo con i lati di lunghezza m: esso è un triangolo in quanto = 5 2 ; = 25. La stessa procedura può essere ottenuta anche con un pezzo di spago 41. Flessimetri vari con nastro di acciaio. 42. Misure di altezze e larghezze con un longimetro telescopico. 38. Impiego di una rotella metrica per il tracciamento a terra di due direzioni tra loro ortogonali con l applicazione del Teorema di Pitagora. 39. Squadro a prisma triangolare di Bauerfeind. 40. Tracciamento di due direzioni tra loro ortogonali con l ausilio dii due corde e una squadra. qualunque diviso in 12 parti uguali purché lo si modelli a triangolo con i lati di parti. La misura diretta di una distanza tra i vari punti che si devono misurare si ottiene con i longimetri. Va notato che per misura diretta si intende una misura che si ottiene tramite comparazione diretta tra l unità di misura e il campione da misurare. I longimetri più comuni sono costituiti dalle cosi dette rotelle metriche, che sono dei nastri d acciaio o in tessuto plastico di metri. A questo scopo si usano anche speciali catene d acciaio e, nelle misure di alta precisione, dei fili di invar che ovviamente debbano essere usati ben tesi. 35

4 Per la misura topografica delle distanze, una particolare importanza è rivestita dai triplometri, che sono costituiti da aste graduate di legno della lunghezza di 3 metri. Si usano accostandoli l uno all altro in linea retta ed in orizzontale. Nei territori in pendenza si deve avere cura di mantenere l orizzontalità dei singoli tratti, e se si misura la differenza di quota tra un tratto e l altro, si ottiene anche il dislivello tra i due punti di cui si è misurata la distanza. Quest ultima operazione si chiama Coltellazione ed è molto usata nei rilievi di dettaglio di piccola estensione. Speciali tipi di triplometri telescopici, od aste metriche, sono utili per la misurazione delle altezze. Per quanto attiene alle misure degli angoli lo strumento più usato è il goniometro; c è da aggiungere che i goniometri possono essere ben utilizzati anche nella misura indiretta delle distanze. Se infatti il cannocchiale di un teodolite o di un tacheometro viene munito di un apposito reticolo che consente tre letture di una stadia (che è un asta graduata che si pone sul punto da rilevare), si forma un triangolo di cui si conosce la base, perchè si legge sulla stadia, e l angolo al vertice dello strumento, che si chiama angolo parallattico e che è costante per costruzione dello strumento. La relazione che lega la distanza topografica alle letture alla stadia è la seguente: D = KS sen 2 φ dove K è la costante dello strumento generalmente pari a 100, S è la differenza di lettura (superiore e inferiore) della stadia, e φ è l angolo zenitale. Procedimenti analoghi (ma meno usati) si possono ottenere con stadie poste in orizzontale ed anche con angoli parallattici variabili utilizzando solo il filo centrale del reticolo. Sempre con angolo parallattico variabile funzionano i telemetri (poco usati in topografia), strumenti in cui si collima il punto dai due estremi di una base fissa e si misura l angolo? α e conseguentemente l angolo (90 - α) sotto il quale si vede il punto da collimare. 43. Schematizzazione di un angolo parallattico. 36 Attualmente (per distanze non piccole e fino ad alcune migliaia di metri) vengono usati i distanziometri elettronici. Il loro funzionamento si basa sull emissione di onde elettromagnetiche di determinata lunghezza e frequenza, che vengano riflesse (spesso da un prisma posizionato sul punto di cui si deve misurare la distanza, ma ve ne sono anche a semplice riflessione, ossia senza prisma) e ricevute di nuovo dallo strumento che ne misura lo scostamento. Da questo scostamento viene dedotta la distanza (reale) del punto dal centro dello strumento ed essa viene evidenziata in un display. Generalmente questi distanziometri sono accoppiati ad un teodolite e ad una apparecchiatura di registrazione automatica dei dati, per cui questo complesso di apparecchiature prende il nome di stazione totale. Per la misura di precisione dei dislivelli ci si serve dei livelli, che altro non sono che dei cannocchiali muniti coassialmente di una livella torica molto sensibile, così da essere in grado di effettuare delle linee di mira orizzontali molto precise. Allo stesso scopo possono servire però anche i Teodoliti o i Tacheometri se dotati dello stesso tipo di livella. Per completare il quadro delle strumentazioni topografiche si da un cenno sulle camere per la ripresa fotogrammetrica. Esse concettualmente sono del tutto simili alle normali macchine fotografiche, soltanto che usano pellicole o lastre di grande formato (generalmente 9 x 12) ed hanno un ottica particolarmente rettificata e distanza focale certificata. Possono essere usate singolarmente e allora si tratta di monocamere (che debbono essere spostate per ottenere la coppia di fotogrammi) od in coppia, montate su una base fissa, ed in tal caso sono dette bicamere, e quindi operare operazioni rispettivamente di fotogrammetria o di stereo-fotogrammetria. Per eseguire il rilievo di porzioni di territorio o di parti di città, occorre conoscere la posizione di un congruo numero di punti. Perciò, appoggiandosi ai punti trigonometrici della rete geodetica nazionale, che è stata opportunamente raffittita dalle reti di ordine inferiore, è necessario eseguiti ulteriori raffittimenti. Per ottenere questi nuovi punti si può operare con varie procedure: con triangolazioni, oppure per intersezione o per poligonazione. Questi metodi possono essere utilizzati anche per inquadrare il rilievo di importanti edifici o per rilevamenti urbani. L intersezione in avanti si esegue quando sono note le coordinate di due punti A e B e si vogliono determinare le coordinate di un punto P (metodo particolarmente utile quando P è inaccessibile). In campagna si misurano gli angoli α?e β mentre al

5 tavolino prima si risolve il triangolo con il teorema dei seni e poi, conosciuto il lato AP (oppure il lato BP), si ricavano le coordinate di P. Quando invece si può fare stazione in P, ma non in B (ad esempio) e pertanto si misura l angolo γ e l angolo α, l intersezione si dice laterale. Quando infine si può fare stazione solo in P allora occorre conoscere le coordinate di 3 punti e questo problema prende il nome di problema di Snellius, che presenta delle formule piuttosto complesse e laboriose. Le poligonazioni invece sono delle linee spezzate, poligonali, che partono da un punto di coordinate note e giungono ad un altro punto, che può essere anch esso di coordinate note o addirittura, può essere lo stesso punto di partenza; pertanto possono essere: a) aperte senza controllo b) aperte con controllo su punti noti c) chiuse. In esse si misurano le distanze tra i vari punti (per via diretta o indiretta) e gli angoli formati dai vari lati. Conoscendo le coordinate del primo punto (od ipotizzando in esso l origine del sistema di riferimento) si possono trovare le coordinate di tutti gli altri punti. Evidentemente se la poligonale è chiusa od è compresa tra due punti noti vi è la possibilità di controllare la bontà delle misure, e, se gli errori sono tollerabili, di compensare i risultati ottenuti. Per il rilievo planimetrico di dettaglio di piccole estensioni di terreno intorno ai punti che sono stati individuati con i metodi precedentemente illustrati, (o semplicemente per eseguire limitati rilievi planimetrici di dettaglio a sé stanti) è necessario per prima cosa costituirsi un semplice sistema di riferimento. Pertanto è opportuno riferirsi: ad un allineamento con funzione di asse di riferimento, ed in particolare ad un suo punto con funzione di origine (il punto cioè dal quale iniziano le operazioni di rilevazioni) e ad un altro punto dell allineamento che serve all individuazione certa della direzione principale e del suo verso positivo. Quest ultimo punto si può tralasciare qualora la direzione prescelta sia quella del nord individuata tramite la bussola. E utile ricordare che in queste operazioni la superficie di riferimento è il piano orizzontale, o meglio il piano ortogonale alla verticale del punto scelto come origine. L asse prescelto può coincidere con un lato di una triangolazione o di una poligonale o, data l origine, essere orientato a nord, oppure più semplicemente essere una linea retta conveniente per la rilevazione, che passa per due punti facilmente individuabili. I metodi della rilevazione planimetrica Trovandosi nelle condizioni sopra indicate i metodi per la rilevazione planimetrica sono i seguenti: 1) Metodo delle coordinate cartesiane: L asse prescelto diviene l asse delle ascisse, e un asse ortogonale a questo, passante per l origine, diviene l asse delle ordinate. Si deve disporre di paline, longimetri e di uno squadro. Una volta disposte le paline in O, A e B ed ad esempio in 1 si procede lungo l allineamento fino a che lo squadro non indica l immagine allineata delle paline 1 ed A (la B non si deve vedere perchè coperta dalla palina A). Quindi dal punto trovato si misurano le distanze (topografiche) da O a 1 che diventano l ascissa e l ordinata dal punto 1. Ovviamente le ascisse si individuano per misure progressive. Questo metodo è utile anche nel rilievo degli edifici quando questi presentino lunghi corpi di fabbrica, oppure più corpi di fabbrica allineati tra loro. Va ricordato che questo metodo, ancorché in modo semplificato, viene usato, sul piano verticale e tramite prelievo di misure parziali anziché progressive, anche nella rilevazione dei prospetti e delle sezioni degli edifici. 2)Metodo delle coordinate polari o per irraggiamento: 44. Esemplificazione di una poligonazione. Individuato un punto conveniente di stazione O che rappresenta il polo ed un allineamento OA che 37

6 45. Metodo delle coordinate cartesiane. rappresenta la direzione fissa, si individuano le coordinate polari di tutti i punti, misurando la distanza (topografica) di ciascun punto dal polo ed il suo angolo di direzione. Gli strumenti necessari per utilizzare questo metodo sono le paline, i longimetri ed un goniometro. Spesso l orientamento è scelto verso il nord, (in modo da costruire un rilievo orientato ) e a tal fine si usa la bussola topografica. Questo metodo è utile anche nel rilievo degli edifici, in particolare per il rilievo interno di grandi spazi (chiese, cortili, ecc). 3) Metodo delle coordinate bipolari o per intersezione in avanti: In questo caso ci sono due poli, di cui si deve misurare accuratamente la distanza (topografica) con un longimetro. Ciascun punto è individuato tramite un goniometro mediante i due angoli che la direzione O 1 - O 2 forma con il punto stesso. Non occorre misurare altre distanze, per cui questo metodo è molto utile quando i punti da individuare siano inaccessibili. 46. Metodo delle coordinate polari o per irragiamento. 47. Metodo delle coordinate polari o per irragiamento. 48. Metodo della trilaterazione. 4) Metodo della trilaterazione: E un metodo che permette di effettuare esclusivamente misure di lunghezza tramite longimetri. In questo caso l allineamento tra due punti noti serve esclusivamente ad orientare il rilievo. In questa procedura tutti i punti vengono uniti tra di loro tramite triangoli di cui viene misurata la distanza (topografica) dei vertici. E un metodo utile solo per piccole estensioni di terreno o per il rilievo di fabbricati ma è validissimo per il rilievo diretto della pianta degli edifici. Questo metodo quindi è quello che maggiormente viene usato nel rilievo dell architettura. In Topografia, nel caso si impieghino i distanziometri od onde elettromagnetiche, è usato per la costruzione di reti di base. Si può sviluppare con un procedimento a catena (meno preciso, dato che non offre possibilità di controllo e quindi di compensazione) o a rete in cui ciascun punto può essere raggiunto per vie diverse (e quindi maggior precisione). Se la ricostruzione grafica avviene con il compasso è indispensabile che i triangoli siano circa equilateri, in quanto l incrocio dei due cerchi con apertura pari a d 2 e d 3 deve avvenire in modo da poter essere individuato senza incertezze (il primo lato viene disposto a piacere, gli altri sono poi conseguenti). Nel caso invece di restituzione tramite il computer questo problema non si pone, tuttavia è comunque opportuno, anche se non indispensabile, che i lati abbiano misure simili in quanto la precisione della misura di un lato è inversamente proporzionale 38

7 alla lunghezza del lato stesso. Quando si preleva un numero sovrabbondante di misure, cosa sempre opportuna, si deve necessariamente procedere alla compensazione dei risultati ottenuti. Il caso più frequente è quello di quattro punti di cui siano state prelevate tutte le 6 mutue distanze: ebbene, oltre al primo punto che viene scelto a piacere, così come la posizione del primo lato, in generale gli incroci che determinano la posizione degli altri punti formano: il secondo punto un segmento e gli altri due dei triangoli. In tal caso la compensazione avviene scegliendo il punto di mezzo del segmento e il baricentro dei due triangoli. 49. Metodo degli allineamenti puri. 5)Metodo del Camminamento: In sostanza è la stessa procedura della poligonale aperta di cui abbiamo già parlato. Si tratta di misurare le distanze tra due tratte successive e l angolo che esse formano tra loro. Se come goniometro si usa la bussola, allora si ottiene un rilievo orientato al nord magnetico. 6) Metodo degli allineamenti puri: In tale procedura si misurano esclusivamente misure di lunghezza, una volta che siano stati definiti due allineamenti principali (AB e CD) individuati tra due coppie di punti di coordinate note. Gli altri punti P si individuano tramite allineamenti secondari (in figura MN) misurando le quattro distanze che individuano ciascun punto. 7) Metodo della poligonazione ortogonale (chiusa): Un caso particolare di poligonale è quello della poligonale ortogonale (o rettangolare). Si esegue con paline, squadro e longimetro, ed è particolarmente indicata per il rilievo del perimetro esterno dei fabbricati o per il rilievo dei confini di un appezzamento di terreno. Il procedimento è identico a quello del metodo per coordinate ortogonali già visto: soltanto che in questo caso prima di posizionare i punti di dettaglio rilevati, si procede al posizionamento dei lati della poligonale ed alla sua compensazione. Il che vuol dire che l errore di chiusura sulle X e sulle Y si ripartisce proporzionalmente alla lunghezza dei singoli lati. La rilevazione altimetrica Per quanto attiene al dislivello tra i vari punti, abbiamo già visto qual è il principio generale che viene seguito. Qui accenniamo soltanto alla procedura della 50. Metodo della poligazione ortogonale. livellazione geometrica, che può essere effettuata da un estremo, ed allora il dislivello è pari alla lettura della stadia meno l altezza dello strumento, o dal mezzo. In quest ultimo caso il dislivello è pari alla differenza delle due letture, la lettura indietro meno la lettura in avanti. Questa seconda procedura elimina gli eventuali errori di orizzontalità della linea di mira. La celerimensura Nel caso si voglia ricavare anche la quota altimetrica dei punti rilevati planimetricamente tramite uno dei metodi precedenti, occorre procedere come già illustrato riguardo alla livellazione. Pertanto sono necessari due gruppi di operazioni distinte, anche se contemporanee: uno planimetrico e uno altimetrico. Per conoscere fin da subito la posizione planimetrica e altimetrica di tutti i punti da rilevare (e si disponga di un tacheometro), si utilizza un metodologia chiamata Celerimensura. La Celerimensura, a parte la fotogrammetria aerea (che per il suo alto costo è conveniente solo per rilievi sufficientemente estesi) è il metodo più usuale per la rilevazione di dettaglio. Essa come già detto ha come scopo la contemporanea determinazione della 39

8 posizione planimetrica e altimetrica di ciascun punto del terreno che si intende rilevare. Fatta stazione con un tacheometro in un punto di coordinate note (in generale note perché punti di stazione di poligonazione o di triangolazione), tramite la lettura degli angoli zenitali e orizzontali del tacheometro e la lettura dei tre fili della stadia, si individuano le tre coordinate spaziali di ciascun punto collimato e sul quale è stata posizionata la stadia. L operazione può essere eseguita per un intorno circolare determinato dalla portata dello strumento e delle condizioni di visibilità del terreno. Le formule relative alle coordinate in questione con evidenti riferimenti alla figura sono le seguenti: Xp = KS 2 sen 2 φ cos α Yp = KS sen 2 φ sen α Zp = KSsen 2 φ?cot φ + h - lm 51. Sistema di rilevazioni altimetriche Attualmente anche le operazioni di celerimensura sono utilmente eseguite per mezzo delle stazioni totali. Esse permettono in automatico il posizionamento in stazione e la lettura degli angoli, la misura delle distanze (per mezzo delle onde elettromagnetiche) e le registrazioni dei dati ed infine, in alcuni casi, anche lo sviluppo immediato dei calcoli topografici per il calcolo delle coordinate. 40

rilievo classificazione e metodologie arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini

rilievo classificazione e metodologie arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini rilievo classificazione e metodologie testi a cura di arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura e Società Laboratorio di Rappresentazione

Dettagli

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n.6 : Strumenti topografici per la misura di distanze e angoli

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n.6 : Strumenti topografici per la misura di distanze e angoli Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento Dott. Andrea Piccin andrea_piccin@regione.lombardia.it Lezione n.6 : Strumenti topografici per la misura di distanze e angoli Breve storia degli strumenti

Dettagli

LEZIONI DI TOPOGRAFIA

LEZIONI DI TOPOGRAFIA Prof. Ing. Paolo Saija LEZIONI DI TOPOGRAFIA (Appunti per l esame di abilitazione alla professione di Geometra) Anno 2006 II a Edizione 1 SOMMARIO LA TOPOGRAFIA Grandezze geometriche e unità di misura

Dettagli

Il rilievo architettonico degli edifici

Il rilievo architettonico degli edifici Il rilievo architettonico degli edifici 1 Premessa Distinguiamo il rilievo planimetrico diretto che viene effettuato, in genere, per punti, con lo scopo di definire la pianta di un edificio, oppure una

Dettagli

PERCORSO ESTIVO PER STUDENTI CON DEBITO FORMATIVO IN TOPOPGRAFIA

PERCORSO ESTIVO PER STUDENTI CON DEBITO FORMATIVO IN TOPOPGRAFIA I. I. S."MOREA-VIVARELLI" ----- FABRIANO ********************************************************* sez. COSTRUZIONI AMBIENTE TERRITORIO - a.s.2013/2014 corso di TOPOGRAFIA prof. FABIO ANDERLINI nella classe

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori -Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori Operazioni di misura a diretto contatto con l oggetto da rilevare; è possibile il

Dettagli

AGRIMENSURA E RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

AGRIMENSURA E RAPPRESENTAZIONE GRAFICA GIOVANNI NALIN Socio AIAPP n 467 AGRIMENSURA E RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Premessa: Nella progettazione, ma anche nella gestione del "verde", sia esso pubblico o privato, riveste fondamentale importanza

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13 Docente I.T.P. Materia Classi AMATA ANTONIO NESCI MATTEO TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA 1C PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13 Libro di testo: L. Cremona, R. Demaldè, F.

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE TECNICHE AREA CAT Programma di TOPOGRAFIA E FOTOGRAMMETRIA Classe 3 C.A.T. COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Anno scolastico 0 / 03 Docente TINELLI PASQUALE VENTURA ANGELO CRISAFI

Dettagli

STRUMENTI STORICI PER LA MISURA DI ANGOLI, DISTANZE E DISLIVELLI Ottico-meccanici

STRUMENTI STORICI PER LA MISURA DI ANGOLI, DISTANZE E DISLIVELLI Ottico-meccanici STRUMENTI STORICI PER LA MISURA DI ANGOLI, DISTANZE E DISLIVELLI Ottico-meccanici STRUMENTI MODERNI PER TRACCIARE ALLINEAMENTI E PER LA MISURA DI ANGOLI E DISTANZE Squadri Ottico-meccanici Combinati ottico-elettronici

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE 25 APRILE di Cuorgnè

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE 25 APRILE di Cuorgnè ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUERIORE 25 RILE di Cuorgnè NNO SCOLSTICO 2013-2014 CLSSE 3G TTIVIT ESTIV ER LLUNNI CON GIUDIZIO SOSESO MTERI: TOOGRFI DOCENTE: rof. TONIOLO Serena Dopo aver rivisto i contenuti

Dettagli

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio a.a. 2006-2007 Inserimento della distanza reale misurata nella carta di Gauss (passaggio

Dettagli

Elementi di Disegno Architettonico e Rappresentazione del Territorio

Elementi di Disegno Architettonico e Rappresentazione del Territorio A.A. 2007-2008 2008 Corsi di Disegno tecnico e Strumenti di analisi Laboratorio di progettazione e Disegno tecnico computerizzato Elementi di Disegno Architettonico e Rappresentazione del Territorio docente

Dettagli

La misura in topografia

La misura in topografia La misura in topografia In questa dispensa di fornisce un cenno agli strumenti e alle tecniche di misura impiegate in topografia. Vengono descritti gli strumenti per misurare le lunghezze, quali il flessometro,

Dettagli

Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri

Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A. S. 2014/2015 Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri Nuclei fondamentali di LE BASI DELLA RAPPRESENTAZIONE

Dettagli

Stazione totale. TheoDist FTD 05. Powered by

Stazione totale. TheoDist FTD 05. Powered by Stazione totale TheoDist FTD 05 Powered by geo-fennel TheoDist Il geo-fennel TheoDist costruito in collaborazione con TECNIX è una nuova Stazione Totale da cantiere semplice e facile da usare. Il TheoDist

Dettagli

Rilievo e Rilevamento

Rilievo e Rilevamento Rilievo e Rilevamento I metodi di rilevamento si basano sulla determinazione della posizione di un certo numero di punti dell oggetto che ne permettano la rappresentazione ed un successivo utilizzo di

Dettagli

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL Il punto di stazione Abbiamo visto tanti modi per usare la bussola, abbiamo visto come trovare un punto sulla carta e come darne le coordinate, come seguire un percorso, ma la cosa più importante è sapere

Dettagli

QUOTATURA. Introduzione

QUOTATURA. Introduzione QUOTATURA 182 Introduzione Per quotatura si intende l insieme delle norme che permettono l indicazione esplicita delle dimensioni(lineari ed angolari) dell oggetto rappresentato. Poiché a ciascun disegno

Dettagli

Punti inaccessibili e artifici

Punti inaccessibili e artifici Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Email: Copyright (c) 2009 Massimiliano

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

Tutorial 3DRoom. 3DRoom

Tutorial 3DRoom. 3DRoom Il presente paragrafo tratta il rilievo di interni ed esterni eseguito con. L utilizzo del software è molto semplice ed immediato. Dopo aver fatto uno schizzo del vano si passa all inserimento delle diagonali

Dettagli

MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE

MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE 1. OBIETTIVI 1.1 COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: Si tratta di competenze che la reciproca integrazione e interdipendenza fra i saperi

Dettagli

LE CURVE FOTOMETRICHE

LE CURVE FOTOMETRICHE LE CURVE FOTOMETRICHE E' noto che l' intensità luminosa è una grandezza che deve essere associata ad una direzione. Non avrebbe molto significato parlare della intensità di un corpo illuminante in una

Dettagli

MISURA DELLA DISTANZA DIRETTA ED INDIRETTA

MISURA DELLA DISTANZA DIRETTA ED INDIRETTA Capitolo 6 MISUR ELL ISTNZ IRETT E INIRETT 6. 1 MISUR ELL ISTNZ Si definisce distanza, tra due punti e della superficie fisica della terra, la linea di minima lunghezza delle proiezioni dei due punti sopra

Dettagli

Breve storia degli strumenti di misura Il Rilievo diretto

Breve storia degli strumenti di misura Il Rilievo diretto Laboratorio NO La Groma La groma, serviva all'agrimensore per tracciare linee rette sul terreno. Lo strumento è costituito da due bracci fissati con un perno a sostegno verticale. All'estremità

Dettagli

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE Creare un Prototipo Che cos è un prototipo Se pensiamo agli oggetti che usiamo e di cui ci serviamo abitualmente,ci accorgiamo che per la maggioranza dei casi

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento. La misura della distanza

Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento. La misura della distanza Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento La misura della distanza Metodi di misura indiretta della distanza Stadia verticale angolo parallattico costante

Dettagli

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto.

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto. Il telescopio, è lo strumento ottico impiegato in astronomia, per osservare e studiare gli oggetti celesti. È generalmente separato in due componenti principali: una parte ottica (costituita dal tubo delle

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi Martina Agazzi Corso di Tecniche plastiche contemporanee Prof. Carlo Lanzi RILEVAMENTO 3D DI UN OGGETTO ARTISTICO (SCULTURA) Luce strutturata Dispositivo portatile, facilmente trasportabile digitalizzazione

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

Parte Seconda. Geometria

Parte Seconda. Geometria Parte Seconda Geometria Geometria piana 99 CAPITOLO I GEOMETRIA PIANA Geometria: scienza che studia le proprietà delle figure geometriche piane e solide, cioè la forma, l estensione e la posizione dei

Dettagli

APPUNTI DI TOPOGRAFIA

APPUNTI DI TOPOGRAFIA APPUNTI DI TOPOGRAFIA IDONEITA ALLA CLASSE 5 a PROF. SPADARO EMANUELE GENERALITÀ SUL CAMPO OPERATIVO Il termine Topografia deriva dal greco e significa descrizione dei luoghi (topos = luogo e grafia =

Dettagli

LE SEZIONI TRASVERSALI

LE SEZIONI TRASVERSALI LE SEZIONI TRASVERSALI Rappresentano l intersezione del corpo stradale e del terreno con un piano verticale e normale all asse stradale. Vengono eseguite in corrispondenza di ciascun picchetto d asse.

Dettagli

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva, matematicamente.it PROBLEMA Data una semicirconferenza di diametro AB =, si prenda su di essa un punto P e sia M la proiezione di P

Dettagli

TECNOLOGIE DIGITALI PER IL RILEVAMENTO ARCHITETTONICO

TECNOLOGIE DIGITALI PER IL RILEVAMENTO ARCHITETTONICO Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura U.E. Corso di Informatica Grafica a.a. 2009-2010 Docente: Ing. Stefano Brusaporci

Dettagli

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Prodotto da INDICE Pregeo Rilievo Crea righe 3 2 Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3 Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Pregeo Rilievo Crea righe 7 vertice/direzione 11 Pregeo Rilievo Crea righe per frazionamento

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it Vittorio Casella Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it L'impiego dei droni per lo svolgimento delle attività professionali. Qualità e affidabilità delle

Dettagli

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Parte teorica Fenomenologia di base La luce che attraversa una finestra, un foro, una fenditura,

Dettagli

Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali.

Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali. Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali. Nei capitoli precedenti abbiamo visto come realizzare dei modelli grafici costruendo le viste direttamente sui piani di proiezione ortogonali

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

I particolari del territorio

I particolari del territorio UNITÀ UNITÀ 4 A1 I particolari del territorio TEORIA 1 Premessa Il rilievo dei particolari topografici Definizioni di 2 angolo Il sopralluogo, e di arcol eidotipo e i registri Misura degli angoli 3 Relazione

Dettagli

Lo spessimetro ( a cura di Elena Pizzinini)

Lo spessimetro ( a cura di Elena Pizzinini) Lo spessimetro ( a cura di Elena Pizzinini) 1) Che cos è? Lo spessivetro è uno strumento (brevettato dalla ditta Saint Gobain) dal funzionamento piuttosto semplice che permette di misurare lo spessore

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Laboratorio di Disegno e Rilievo dell Architettura PROF. MANUELA PISCITELLI

Laboratorio di Disegno e Rilievo dell Architettura PROF. MANUELA PISCITELLI RILIEVO DEGLI ALZATI Per collegare correttamente il rilievo altimetrico di più ambienti sovrapposti in verticale è necessario costruire un riferimento esterno all edificio al quale relazionare le quote

Dettagli

Kangourou della Matematica 2015 Coppa a squadre Kangourou Semifinale turno A Cervia, 9 maggio 2015. Quesiti

Kangourou della Matematica 2015 Coppa a squadre Kangourou Semifinale turno A Cervia, 9 maggio 2015. Quesiti Kangourou della Matematica 015 Coppa a squadre Kangourou Semifinale turno A Cervia, 9 maggio 015 Quesiti 1. La busta La figura mostra in che modo, ripiegando opportunamente un foglio di carta a forma di

Dettagli

Guida per l utente Come realizzare un corretto rilievo metrico della vostra abitazione

Guida per l utente Come realizzare un corretto rilievo metrico della vostra abitazione ARCHITETTURE d INTERNI servizi di progettazione professionale on-line Guida per l utente Come realizzare un corretto rilievo metrico della vostra abitazione La presente guida intende fornire le indicazioni

Dettagli

ELEMENTI DI TOPOGRAFIA - ESERCIZI

ELEMENTI DI TOPOGRAFIA - ESERCIZI ELEMENTI I TOPOGRFI ESERIZI 1. ato il quadrilatero, i cui vertici si seguono in senso antiorario, di cui si conoscono le coordinate dei vertici e rispetto a un sistema di assi ortogonali: E = 23,55 m N

Dettagli

PERCORSO RETTIFICATO

PERCORSO RETTIFICATO Il percorso rettificato serve per effettuare un rilievo topografico di una zona rapidamente, basandosi su un disegno schematico da tracciarsi man mano si cammina, ciò consiste, come dice il nome, nel raddrizzare

Dettagli

LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE

LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE Forma del fascio di luce e distanza Quesiti per un indagine sulle idee spontanee 1. Quale forma attribuiresti al fascio di luce solare che illumina un area circolare a livello

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento Dott. Andrea Piccin andrea_piccin@regione.lombardia.it Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria principi della fotografia metrica la fotogrammetria aerea

Dettagli

La propagazione delle onde luminose può essere studiata per mezzo delle equazioni di Maxwell. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è possibile

La propagazione delle onde luminose può essere studiata per mezzo delle equazioni di Maxwell. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è possibile Elementi di ottica L ottica si occupa dello studio dei percorsi dei raggi luminosi e dei fenomeni legati alla propagazione della luce in generale. Lo studio dell ottica nella fisica moderna si basa sul

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

RILIEVO DIRETTO: strumenti e metodi. dr. arch. anna christiana maiorano _03

RILIEVO DIRETTO: strumenti e metodi. dr. arch. anna christiana maiorano _03 RILIEVO DIRETTO: strumenti e metodi dr. arch. anna christiana maiorano gli strumenti per il rilevamento architettonico Nel rilevamento architettonico e urbano vengono impiegati, per compiere le diverse

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

Q4 Ripercorriamo dunque i casi fondamentali esaminati nei precedenti paragrafi relativi al calcolo analitico dei volumi.

Q4 Ripercorriamo dunque i casi fondamentali esaminati nei precedenti paragrafi relativi al calcolo analitico dei volumi. 4. Rappresentazione grafica dei volumi Il problema del calcolo dei volumi, oltre alla soluzione analitica proposta nei paragrafi 3 e 4, può essere anche sviluppato per via grafica con una semplice ed elegante

Dettagli

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA L obiettivo della Copia dal Vero è la trasposizione grafica di ciò che vediamo nella Realtà Tridimensionale (la natura morta), nella Realtà Bidimensionale (il foglio

Dettagli

Rilievo Esistono due tipi fondamentali di rilievo: il rilievo planimetrico, e il rilievo altimetrico; rispettivamente determinare le relazioni di

Rilievo Esistono due tipi fondamentali di rilievo: il rilievo planimetrico, e il rilievo altimetrico; rispettivamente determinare le relazioni di Rilievo Esistono due tipi fondamentali di rilievo: il rilievo planimetrico, e il rilievo altimetrico; rispettivamente determinare le relazioni di posizione dei punti della superficie terrestre proiettati

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 20 marzo 2014 Categoria Junior Per studenti di seconda e terza della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 20 marzo 2014 Categoria Junior Per studenti di seconda e terza della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 20 marzo 2014 Categoria Junior Per studenti di seconda e terza della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Una grande nave cargo

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA.

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. FOGLIO DI ESERCIZI 4 GEOMETRIA E ALGEBRA LINEARE 2010/11 Esercizio 4.1 (2.2). Determinare l equazione parametrica e Cartesiana della retta dello spazio (a) Passante per i

Dettagli

Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio. Acquisire una buona conoscenza del sistema grafico in genere;

Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio. Acquisire una buona conoscenza del sistema grafico in genere; CORSO CAT/Geometra Classe prima Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio TECNOLOGIA E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA 1 FONDAMENTI DEL DISEGNO convenzioni ed elementi base del disegno

Dettagli

Osserva i seguenti poligoni, disegna tutte le possibili diagonali e completa la tabella. Infine rispondi alle domande.

Osserva i seguenti poligoni, disegna tutte le possibili diagonali e completa la tabella. Infine rispondi alle domande. I poligoni Osserva i seguenti poligoni, disegna tutte le possibili diagonali e completa la tabella. Infine rispondi alle domande. 6 7 8 9 Figura Nome Numero Numero Numero lati angoli diagonali triangolo

Dettagli

Sistema di diagnosi CAR TEST

Sistema di diagnosi CAR TEST Data: 30/09/09 1 di 7 Sistema di diagnosi CAR TEST Il sistema di diagnosi CAR TEST venne convenientemente utilizzato per: - verificare che la scocca di un veicolo sia dimensionalmente conforme ai disegni

Dettagli

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE Lo scopo di quest esperimento è osservare la natura ondulatoria della luce, nei fenomeni della diffrazione e dell interferenza propri delle onde. In

Dettagli

ATTIVITA ESTIVA PER ALLUNNI CON GIUDIZIO SOSPESO MATERIA: TOPOGRAFIA E FOTOGRAMMETRIA DOCENTE: Prof. TONIOLO Serena

ATTIVITA ESTIVA PER ALLUNNI CON GIUDIZIO SOSPESO MATERIA: TOPOGRAFIA E FOTOGRAMMETRIA DOCENTE: Prof. TONIOLO Serena NNO SCOLSTICO 2013-2014 CLSSE 4G 4H TTIVIT ESTIV PER LLUNNI CON GIUDIZIO SOSPESO MTERI: TOPOGRFI E FOTOGRMMETRI DOCENTE: Prof. TONIOLO Serena Dopo aver rivisto i contenuti degli argomenti trattati durante

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system 4 - PARTICELLE

S.C.S. - survey CAD system 4 - PARTICELLE 4 - PARTICELLE Il menu PARTICELLE gestisce la creazione di nuove particelle mediante diversi problemi relativi alla divisione di aree. È possibile impostare l orientamento della dividente, generarla parallela

Dettagli

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ufficio Cartografico Servizio Cartografia e Gis della Provincia di Brescia Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ing. Antonio Trebeschi L attività dell Ufficio Cartografico

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI- MIUR 2012 MATEMATICA. Nodo concettuale disciplinare

ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI- MIUR 2012 MATEMATICA. Nodo concettuale disciplinare ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI- MIUR 2012 CURRICOLO VERTICALE MATEMATICA NUCLEO TEMATICO SPAZIO E FIGURE Nodo concettuale disciplinare DESCRIVERE E RAPPRESENTARE LE FORME E LO SPAZIO (Daniela

Dettagli

Modellare una copertura a falde

Modellare una copertura a falde 4 Modellare una copertura a falde Costruire un tetto a falde partendo dalla posizione dei muri. Utilizzeremo sia strumenti di creazione sia strumenti di deformazione dei solidi. Introduzione In questo

Dettagli

LEZIONI CON I PAD Docente scuola secondaria IC Moglia Carla Casareggio Classi seconde 2014/2015 Proprietà triangoli e quadrilateri con Sketchometry

LEZIONI CON I PAD Docente scuola secondaria IC Moglia Carla Casareggio Classi seconde 2014/2015 Proprietà triangoli e quadrilateri con Sketchometry LEZIONI CON I PAD Docente scuola secondaria IC Moglia Carla Casareggio Classi seconde 2014/2015 Proprietà triangoli e quadrilateri con Sketchometry La costruzione di figure geometriche al computer con

Dettagli

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 SOMMARIO 1. PREMESSA 3 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 3. INTRODUZIONE METODOLOGICA 5 4. ANALISI METODOLOGICA

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO.

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. A)Generalità Una prima importante precisazione: il metodo non ricorre a tecniche aerofotogrammetriche,

Dettagli

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Lezione 1: Cosa significa confrontare due lunghezze? Attività n 1 DOMANDA N 1 : Nel vostro gruppo qual è la matita più lunga? DOMANDA N

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE Laser scanner GBC5000 batteria a colonna Leica GPS Leica TPS Profiler 100 FX Colonna portaprisma GPC100 Radio modem

Dettagli

Appunti sul galleggiamento

Appunti sul galleggiamento Appunti sul galleggiamento Prof.sa Enrica Giordano Corso di Didattica della fisica 1B a.a. 2006/7 Ad uso esclusivo degli studenti frequentanti, non diffondere senza l autorizzazione della professoressa

Dettagli

ESERCIZI DI TOPOGRAFIA per gli Allievi Istituto per Geometri. rel. 0.1. Esercizi di Topografia distribuzione gratuita 1/6

ESERCIZI DI TOPOGRAFIA per gli Allievi Istituto per Geometri. rel. 0.1. Esercizi di Topografia distribuzione gratuita 1/6 ESERCIZI DI TOPOGRAFIA per gli Allievi Istituto per Geometri rel. 0.1 Esercizi di Topografia distribuzione gratuita 1/6 Indice generale ANNO 3...3 1.1 - Esercizi pratica calcolatrice...3 1.2 - Esercizi

Dettagli

CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 2006-2007

CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 2006-2007 CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 6-7 APPUNTI LEIONI GPS PARTE II Documento didattico ad uso interno - www.rilevamento.it 1 1 Inserimento di un rilievo GPS in cartografia. Problemi di trasformaione di coordinate

Dettagli

GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI

GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI GEOGEBRA I OGGETTI GEOMETRICI PROPRIETA : Finestra Proprietà (tasto destro mouse sull oggetto) Fondamentali: permette di assegnare o cambiare NOME, VALORE, di mostrare nascondere l oggetto, di mostrare

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Qual è la distanza tra Roma e New York?

Qual è la distanza tra Roma e New York? Qual è la distanza tra Roma e New York? Abilità Conoscenze Nuclei coinvolti Utilizzare i vettori e il prodotto Elementi di geometria Spazio e figure scalare nello studio di problemi della sfera: del piano

Dettagli

SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE

SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE IN MATEMATICA CLASSE TERZA A - Numeri COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure del calcolo

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

30 o. 60 o. assocubo.ggb. Disegno tecnico + costruzione cartellina. a cura di Manuela Menzaghi 1

30 o. 60 o. assocubo.ggb. Disegno tecnico + costruzione cartellina. a cura di Manuela Menzaghi 1 assocubo.ggb Assonometria monometrica del cubo con gli strumenti geometrici di NOTEBOOK Z Y 60 o 60 o 30 o X L.T. Assonometria monometrica con squadra e righello interattivo a cura di Manuela Menzaghi

Dettagli