ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it"

Transcript

1 ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti:

2 ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2

3 TEORIA DELLA CRESCITA E DELLO SVILUPPO REGIONALE Economia Urbana 3

4 4) Dotazione fattoriale e crescita regionale Le teorie che interpretano la crescita solo dal alto della domanda sono in un ottica di breve periodo e ignorano la struttura e la dinamica del sistema produttivo, considerando date per scontate la capacità del sistema di locale di ampliare l offerta in risposta alle esigenze della domanda. Adesso analizziamo le teorie che pongono l attenzione sugli elementi dell offerta nella spiegazione della dinamica regionale di lungo periodo. Si individuano gli elementi che spiegano la maggiore capacità di esportazione, in cui risiedono le fonti della competitività di un sistema economico locale. Per inserirsi nel sistema di divisione internazionale del lavoro un sistema economico deve godere di un qualche vantaggio, ovvero produrre beni a prezzi relativamente più bassi o di qualità migliore. Economia Urbana 4

5 4) Dotazione fattoriale e crescita regionale Le fonti della competitività territoriale sono molte, ad esempio la dotazione fattoriale, corpus ampio di modelli di natura neoclassica che considerano alternativamente mobilità dei beni o dei fattori produttivi, e concepiscono la crescita in un ottica resource based. Gli squilibri nella dotazione fattoriale interregionale e la differenza nei livelli di produttività fattoriale relativa, che spiegano il vantaggio di un sistema locale ad intrattenere relazioni con il resto del mondo, rappresentano gli elementi su cui si basa il sentiero di crescita. Differenti remunerazioni dei fattori determinano una riallocazione delle risorse nello spazio e di conseguenza un tasso più elevato di crescita (teorie neoclassiche della crescita). Economia Urbana 5

6 4) Dotazione fattoriale e crescita regionale Beni finali mobili e possibilità di scambi interregionali (teorie degli scambi interregionali), il diverso livello di produttività dei fattori determina un vantaggio comparato per la regione nella produzione di un determinato bene che esporta sul mercato grazie al differenziale di prezzo. Al tempo stesso la regione compra dall esterno quei beni che produce ad un livello di produttività più basso. Rispetto ai modelli di domanda e crescita, qui il problema di politica economica non è più legato alla disoccupazione (che diminuisce con l aumentare della domanda) bensì ai problemi di povertà e sottosviluppo, ineguaglianze nella distribuzione spaziale delle risorse e del reddito. Crescita come aumento del benessere individuale raggiunto grazie ad incrementi nella produttività fattoriale e quindi a livelli salariali maggiori. Economia Urbana 6

7 4) Dotazione fattoriale e crescita regionale Le teorie neoclassiche della crescita hanno come obiettivo quello di valutare la convergenza tra crescita di diverse aree territoriali. Le teorie degli scambi interregionali fanno ricorso al concetto di vantaggio relativo, o vantaggio comparato e analizzano il sentiero di specializzazione produttiva sulla base della dotazione di fattori. Alcuni concetti di base: 1) crescita relativa, spiega e individua i sentieri di convergenza o di divergenza nei livelli e nei tassi di crescita del prodotto (modelli neoclassicità della mobilità fattoriale); 2) vantaggi comparati, i beni esportati dalla regione sono quelli prodotti a costi relativamente più bassi. Implicazioni normative di questo secondo elemento. Esiste sempre una specializzazione, indipendentemente dall efficienza produttiva, e ciò rende inutili gli interventi di politica economica per promuovere lo sviluppo. Economia Urbana 7

8 4) Dotazione fattoriale: modello a un settore produttivo Ipotesi di base: sono i fattori produttivi ad essere mobili Modello formulato da Borts e Stein, presenta le ipotesi tradizionali di un modello di crescita neoclassico: Perfetta concorrenza nel mercato dei beni Perfetta concorrenza nel mercato dei fattori produttivi (sono remunerati sulla base della loro produttività marginale, max profitto per l imprenditore) Piena occupazione grazie alla flessibilità delle remunerazioni dei fattori produttivi (mercato del lavoro flessibile) Totale immobilità dei beni prodotti Variabilità dl rapporto capitale/lavoro a seconda delle dinamiche dei fattori produttivi (perfetta sostituibilità tra capitale e lavoro) Economia Urbana 8

9 4) Dotazione fattoriale: modello a un settore produttivo Ipotesi di base: sono i fattori produttivi ad essere mobili Lo sviluppo economico dipende dal progresso tecnico e dalla crescita dei fattori produttivi. Funzione di produzione aggregata a livello regionale espressa con una Cobb-Douglas a rendimenti costanti Y = AK L α 1 α con 0<α<1, Y reddito, A progresso tecnico, K capitale, L lavoro, α efficienza del capitale, 1- α efficienza del lavoro. Passando ad una funzione nei logaritmi si ottiene la variazione dl reddito nel tempo (tassi di crescita nel tempo delle variabili). y = a + αk + ( 1 α )l Economia Urbana 9

10 4) Dotazione fattoriale: modello a un settore produttivo Ipotesi di base: sono i fattori produttivi ad essere mobili Possibilità per il reddito di crescere nel tempo dipende dalla crescita del progresso tecnico e dalla crescita del capitale e del lavoro y l = a + α ( k l) La crescita della produttività del lavoro e/o del reddito pro capite è uguale alla crescita del progresso tecnico e alla crescita del rapporto capitale/lavoro. In assenza di progresso tecnico, la produttività del lavoro può aumentare solo se aumenta il rapporto capitale/lavoro (importanze del ruolo del saggio di risparmio come motore della crescita). Economia Urbana 10

11 4) Dotazione fattoriale: modello a un settore produttivo Ipotesi di base: sono i fattori produttivi ad essere mobili La crescita diventa una questione di ottima allocazione delle risorse all interno di una regione e tra le regioni. Una migliore allocazione interregionale in un economia aperta con perfetta mobilità dei fattori prevede che i fattori produttivi si spostino dove più elevata è la loro produttività marginale, attratti da maggiori remunerazioni. In una regione il tasso di crescita del capitale (k) dipende dalla massa di risparmio interno (sy) che può finanziare l investimento ( K) e dal differenziale di remunerazione del capitale nell area (i r ) rispetto alla remunerazione del capitale nel resto del mondo (i w ). sy k = + µ ( i r i w ) K Economia Urbana 11

12 4) Dotazione fattoriale: modello a un settore produttivo Ipotesi di base: sono i fattori produttivi ad essere mobili Il lavoro cresce al crescere della popolazione (n) e del differenziale di remunerazione salariale tra la regione (w r ) e il resto del mondo (w w ). ( ) l = n + λ w r w w µe λ rappresentano la sensibilità con la quale il capitale e il lavoro si muovono in base ai differenziali di remunerazione. Ipotizziamo due regioni, un sud povero dotato di più lavoro rispetto al capitale e un nord ricco caratterizzato da elevato capitale. La migrazione fattoriale sposterebbe il capitale dall area ricca a quella povera, e viceversa il lavoro dall area povera a quella ricca (le aree con scarso fattore sono quelle a remunerazione maggiore). Economia Urbana 12

13 4) Dotazione fattoriale: modello a un settore produttivo Ipotesi di base: sono i fattori produttivi ad essere mobili Mobilità del fattore lavoro Economia Urbana 13

14 4) Dotazione fattoriale: modello a un settore produttivo Ipotesi di base: sono i fattori produttivi ad essere mobili Mobilità del fattore capitale Economia Urbana 14

15 4) Dotazione fattoriale: modello a un settore produttivo Ipotesi di base: sono i fattori produttivi ad essere mobili Il deflusso di lavoratori dal sud permette all area debole di aumentare la produttività del lavoro e quindi la sua remunerazione. Stesso effetto accompagna il deflusso di capitale dal nord al sud. Il processo di riallocazione si arresta quando le regioni raggiungono la stessa produttività dei fattori, stesse remunerazioni, stessa dotazione fattoriale, e quindi lo stesso livello di reddito di piena occupazione. L area sottostante la curva di produttività marginale è la quantità totale di output prodotto (se sull asse delle ascisse vi è la disponibilità totale di lavoro nelle due regioni). Le due aree in grigio rappresentano il guadagno in termini di maggiore produzione a favore delle due aree. Economia Urbana 15

16 4) Dotazione fattoriale: modello a due settori produttivi L evidenza empirica mostra che il modello a un settore non è in grado di interpretare la realtà visto che i flussi di capitale non si indirizzano verso le aree deboli a basso livello di salari. Il modello a due settori enfatizza il ruolo di un inefficiente allocazione delle risorse all interno della stessa regione, come determinante dei flussi produttivi intra e interregionali. Ipotesi di base del modello: Due regioni, in cui esistono due settori che producono due beni, uno per l esportazione e uno per uso interno, il primo ad elevata produttività del lavoro (manifatturiero), il secondo a bassa produttività (agricoltura) Squilibri nella bilancia commerciale, bilanciati dai movimenti di capitale Concorrenza perfetta e prezzo del bene esportato dato (dal mercato internazionale) Uso del fattore capitale solo nel settore industriale Economia Urbana 16

17 4) Dotazione fattoriale: modello a due settori produttivi Rendimenti costanti nella produzione dei beni Remunerazione dei fattori produttivi in base alla loro produttività marginale Costo dei fattori produttivi uguale al valore del prodotto marginale dei fattori (massimizzazione del profitto per le imprese). partendo da una condizione di equilibrio con tasso di crescita uniforme nelle due regioni, il modello analizza come variano i tassi di crescita delle due regioni nel caso avvenga uno shock esogeno. Si ipotizzi che la domanda del bene esportato da una delle due regioni aumenta. Il prezzo del bene aumenta e questo produce effetti positivi sul valore del prodotto marginale dei fattori nella regione. Ne consegue una riallocazione intra- e interregionale delle risorse produttive: Economia Urbana 17

18 4) Dotazione fattoriale: modello a due settori produttivi Lo stock di capitale nel settore che produce per l esportazione aumenta, come risultato dell afflusso di capitali esterni, attratti da remunerazioni più elevate La domanda di lavoro da parte delle imprese locali aumenta per l aumento del valore del prodotto marginale del lavoro (generato dall incremento del prezzo del bene esportato) L aumento della domanda di lavoro attrae lavoratori sia dal settore locale, che dall altra regione L espansione della produzione e dell occupazione nel settore che esporta si ripercuote sul settore agricolo che registra un aumento della domanda di prodotti agricoli, quindi aumento della produzione e dell occupazione. Conclusioni del modello: 1) la mobilità di entrambi i fattori produttivi avviene verso la stessa regione, caratterizzata da più elevati salari (risultato conforme alla realtà); 2) è possibile una divergenza nei tassi di crescita del reddito tra regioni (nella regione con espansione di domanda la domanda di capitale è > del risparmio interno, il capitale è scarso e la remunerazione elevata, attirando capitali esteri) Economia Urbana 18

19 4) Dotazione fattoriale: modello a due settori produttivi Conclusioni del modello: 1) la mobilità di entrambi i fattori produttivi avviene verso la stessa regione, caratterizzata da più elevati salari (risultato conforme alla realtà); 2) è possibile una divergenza nei tassi di crescita del reddito tra regioni (nella regione con espansione di domanda la domanda di capitale è > del risparmio interno, il capitale è scarso e la remunerazione elevata, attirando capitali esteri). Il flusso di lavoratori verso la regione attenua in parte la divergenza nei tassi di crescita. Ruolo duplice del settore agricolo: 1) fornisce lavoro al settore in espansione; 2) diviene a sua volta settore a domanda di lavoro crescente. Economia Urbana 19

20 4) Dotazione fattoriale: critiche 1) Le regioni ricche hanno forte capacità di attrarre lavoro ma al tempo stesso rischiano di perdere competitività a causa di rendimenti decrescenti che accompagnano un utilizzo intensivo delle risorse. Le regioni deboli hanno vantaggi localizzativi nel salario relativo e nel costo del lavoro per unità di prodotto. 2) Produzioni tradizionali, labour intensive possono essere vantaggiose per le aree deboli o di nuova industrializzazione (aree del nord-est e del centro Italia negli anni 70). 3) La persistenza di squilibri regionali mostra che questi vantaggi localizzativi non sono sufficienti a colmare il gap di crescita tra regioni ricche e povere (i rendimenti di capitale non sono decrescenti nelle aree ricche per effetto dell innovazione tecnologica). 4) Processi di migrazione selettiva (il fattore lavoro è meno mobile del fattore capitale), sono i lavoratori più qualificati che migrano verso le aree ricche, privando le aree deboli di capitale umano, e mercato del lavoro imperfetto 5) Diverse funzioni di produzione Economia Urbana 20

21 4) Dotazione fattoriale: critiche Economia Urbana 21

22 4) Dotazione fattoriale: specializzazione produttiva Modello classico di Ricardo Trasposizione a livello regionale dei modelli di commercio internazionale, con alcune cautele. Alcune variabili funzionano diversamente: flessibilità dei prezzi e dei salari, equilibrio della bilancia dei pagamenti. Alcune variabili non esistono a livello regionale: fluttuazioni dei tassi di cambio. Questi modelli determinano una condizione di maggiore specializzazione settoriale delle regioni a parità di produzione locale. Il vantaggio che deriva dalla specializzazione è un maggior livello di benessere individuale, come risultato di condizioni più favorevoli nei prezzi relativi dei beni. Le regioni scambiano tra loro i beni sulla base di un vantaggio comparato (e non di un vantaggio assoluto). Economia Urbana 22

23 4) Dotazione fattoriale: specializzazione produttiva Modello classico di Ricardo Le regioni scambiano tra loro i beni sulla base di un vantaggio comparato (e non di un vantaggio assoluto). Anche se una regione produce tutti i beni a costi più elevati, inefficiente nella produzione di tutti i beni rispetto alle altre regioni, può però essere relativamente meno inefficiente nella produzione di un bene rispetto agli altri beni, ottenendo un ruolo nella divisione internazionale del lavoro. Questo risultato dipende dalle ipotesi di base del modello Due regioni che producono due beni A e B Un solo fattore produttivo, il lavoro, che ha produttività diverse nella produzione dei beni nelle diverse regioni Economia Urbana 23

24 4) Dotazione fattoriale: specializzazione produttiva Modello classico di Ricardo Questo risultato dipende dalle ipotesi di base del modello Produzione dei beni con costi marginali costanti (rendimenti costanti) Perfetta mobilità dei fattori produttivi all interno della regione, e perfetta immobilità al di fuori Assenza di moneta, lo scambio avviene in unità di beni, logica di baratto REGIONI BENI A B (a) Vantaggio assoluto Unità di misura: ore lavoro per produrre un'unità di bene Nord 1 1 Sud 2 4 (b) Vantaggio comparato Unità di misura: costo-opportunità in termini di unità del bene a cui si deve rinunciare per disporre di un'unità aggiuntiva dell'altro bene Nord 1 1 Sud Economia Urbana 24

25 4) Dotazione fattoriale: specializzazione produttiva Modello classico di Ricardo Lo scambio è l occasione per le due regioni di procurarsi il bene importato facendo ricorso ad una tecnica di produzione superiore a quella disponibile all interno della regione, che permette al bene importato di contenere una minore quantità di ore-lavoro. La riallocazione della risorsa lavoro verso usi più efficienti garantisce il raggiungimento di maggior benessere. Le ipotesi di costi costanti e illimitata disponibilità del fattore produttivo determinano una specializzazione completa, ogni regione produce l unico bene in cui gode di vantaggi comparati. Tutte le regioni trovano un ruolo nella divisione internazionale del lavoro, e se ciò non avviene è causato da imperfezioni nel mercato. Nella realtà le regioni non competono sulla base di un vantaggio comparato ma di un vantaggio assoluto, e ciò spiega le forti disparità regionali esistenti sul territorio. Economia Urbana 25

26 4) Dotazione fattoriale: specializzazione produttiva Modello neoclassico di Heckscher-Ohlin Anche in questo caso si ha ipotesi di immobilità dei fattori produttivi, ma mette in evidenza le fonti delle diverse produttività fattoriali delle regioni, che nel modello di Ricardo sono date per esogene. Ad ogni regione conviene specializzarsi nelle produzioni che fanno più intenso uso del fattore produttivo più abbondante nell area, perché è relativamente meno caro. Ipotesi: Due regioni, due beni, due fattori produttivi, capitale e lavoro Bene A capital-intensive, bene B labour-intensive I fattori produttivi sono identici nella qualità ma in quantità differenti nelle due regioni. Economia Urbana 26

27 4) Dotazione fattoriale: specializzazione produttiva Modello neoclassico di Heckscher-Ohlin Ipotesi: Le funzioni di produzione sono identiche nelle due regioni (elimina la possibilità di vantaggio comparato che deriva da diversa tecnologia) Concorrenza perfetta su tutti i mercati (il prezzo di equilibrio di ogni bene è uguale al Cmg richiesto per produrlo, e il prezzo di ogni fattore produttivo è pari alla sua produttività marginale) Identiche condizioni di domanda (gusti e preferenze dei consumatori) Fattori produttivi immobili Beni prodotti scambiati sul mercato con commercio libero da qualsiasi ostacolo (tariffe, dazi, costi di trasporto) Economia Urbana 27

28 4) Dotazione fattoriale: specializzazione produttiva Nuovo punto di equilibrio Economia Urbana 28

29 4) Dotazione fattoriale: specializzazione produttiva Modello neoclassico di Hecksher-Ohlin Vantaggi assoluti e vantaggi relativi. Nel caso delle regioni è probabile che agiscano vantaggi assoluti. Nel caso delle nazioni, anche se ci fossero vantaggi assoluti, alcuni meccanismi di riequilibrio intervengono per far funzionare i vantaggi comparati. 1. Se un paese per effetto di vantaggi assoluti in tutti i beni aumenta le esportazioni e ha un saldo positivo della bilancia dei pagamenti. Con tassi di cambio fissi, ciò corrisponde ad un aumento dell offerta di moneta, che dà origine ad una accelerazione nella circolazione della moneta, ad inflazione e ad aumenti salariali finché l aumento di prezzi e salari riassorbe il vantaggio assoluto. 2. Se i cambi sono flessibili l aumento dell export produce una rivalutazione del tasso di cambio e quindi un aumento dei prezzi dei beni esportati e una riduzione dei prezzi delle importazioni. 3. Mercato del lavoro Economia Urbana 29

30 4) Dotazione fattoriale: specializzazione produttiva Modello neoclassico di Hecksher-Ohlin A livello regionale questi ragionamenti spesso non valgono. I salari monetari non rispecchiano le produttività marginali, dal momento che il salario è fissato a livello nazionale sulla base di un valore medio di produttività. Se a livello internazionale si può ipotizzare bassa mobilità del lavoro, questo non è vero tra regioni. Se la bassa produttività di una regione fosse compensata da salari più bassi, ciò innescherebbe un flusso migratorio verso le regioni con salari più elevati. Necessità di interventi di politica economica per promuovere lo sviluppo delle regioni arretrate che godono di uno svantaggio assoluto nella produzione di tutti i beni. Economia Urbana 30

31 4) Dotazione fattoriale: teoria delle unioni doganali Effetti legati alla creazione di unioni doganali, mercato comune europeo e mercato unico europeo (dal 1993). Processo di allargamento, UE-25 e dal 1 gennaio 2007 UE-27. quali gli effetti dell allargamento sulle disparità regionali all interno sia dei paesi dell est che dei paesi UE-15? Una unione doganale significa l abolizione delle barriere economiche ed istituzionali al commercio internazionale. Principale conseguenza è l ampliamento dei mercati di sbocco dei beni, si riduce il ruolo della distanza geografica-istituzionale. Effetti macroeconomici di un unione doganale: Aumento del grado di competizione sui mercati Maggiori economie di scala nella produzione dei beni Economia Urbana 31

32 4) Dotazione fattoriale: teoria delle unioni doganali Effetti macroeconomici di un unione doganale: Creazione di commercio di beni finali e di semilavorati Aumento del livello degli investimenti Aumento della varietà dei beni richiesti dal mercato come risultato dell incremento del reddito pro capite Sostituzione di domanda a favore di beni prodotti con tecniche più efficienti che garantiscono minori prezzi a parità di qualità Trasferimento di know-how e tecnologia da regioni forti a regioni deboli (valido se il livello del capitale umano nella regione debole è adeguato) Fenomeno recente di despecializzazione e aumento del commercio orizzontale, spiegato da elementi di domanda (differenziazione orizzontale di prodotto) e da elementi di offerta (ruolo della rete di vendita e distribuzione dei prodotti Economia Urbana 32

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Teoria del commercio internazionale

Teoria del commercio internazionale Teoria del commercio internazionale (Krugman e Obstfeld Economia Internazionale Hoepli, 2003. Capp. 2, 4 leggere; 6 studiare) Vantaggi dallo scambio Differenze nelle caratteristiche dei paesi danno luogo

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Se il progresso tecnico non è lo stesso in tutti i paesi le conclusioni non valgono.

Se il progresso tecnico non è lo stesso in tutti i paesi le conclusioni non valgono. CONVERGENZA Il modello neoclassico prevede: convergenza condizionata: la convergenza nei livelli di reddito per addetto è condizionata dalla propensione al risparmio s. convergenza assoluta: prevede la

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

Globalizzazione come mobilità. internazionale dei fattori produttivi e

Globalizzazione come mobilità. internazionale dei fattori produttivi e Globalizzazione come mobilità internazionale dei fattori produttivi e della produzione 2008 1 Movimenti internazionali dei fattori produttivi e della produzione Capitale Investimenti diretti esteri (IDE):

Dettagli

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10)

Dettagli

Economia dello Sviluppo. Il modello di Harrod-Domar

Economia dello Sviluppo. Il modello di Harrod-Domar Economia dello Sviluppo Il modello di Harrod-Domar Harrod-Domar Il modello di Harrod-Domar è un modello keynesiano di crescita (l analisi keynesiana è una analisi di breve periodo, questo modello è precursore

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Economia del turismo

Economia del turismo Economia del turismo Anno Accademico 2014/2015 Dott. Ivan Etzo Economia del Turismo - Dott. Ivan Etzo 1 SEZIONE 5 Il turismo internazionale ARGOMENTI 5.1 Gli elementi caratteristici del turismo internazionale

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Mercato del lavoro locale in un economia globale

Mercato del lavoro locale in un economia globale Mercato del lavoro locale in un economia globale Rico Maggi Istituto Ricerche Economiche, USI Associazione Società Civile della Svizzera Italiana Quid? Viviamo in un economia globale It is all about: -

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

Lezione 17: Le motivazioni del libero commercio: Teoria classica di

Lezione 17: Le motivazioni del libero commercio: Teoria classica di Politiche Economiche Europee stefano.papa@uniroma1.it Lezione 17: Le motivazioni del libero commercio: Teoria classica di Smith e Ricardo Facoltà di Economia Sapeinza, Università di Roma Le motivazioni

Dettagli

Equilibrio macroeconomico neoclassico

Equilibrio macroeconomico neoclassico Equilibrio macroeconomico neoclassico La teoria neoclassica (TN) Rappresentò il paradigma teorico di riferimento fino alla crisi del 1929 e prima di Keynes Ancora oggi alcune scuole di pensiero più recenti

Dettagli

LE TEORIE ECONOMICHE

LE TEORIE ECONOMICHE L INTERNAZIONALIZZAZIONE NELLE TEORIE ECONOMICHE Barbara Francioni LE TEORIE ECONOMICHE Teorie del commercio internazionale Teorie degli investimenti diretti all estero LE TEORIE DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale adattamento italiano di Novella Bottini 1 Struttura della presentazione Domanda e offerta relative Benessere e ragioni di scambio Effetti della

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

Problema aperto. Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo?

Problema aperto. Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo? Il comportamento dei tassi di cambio nel lungo periodo Problema aperto Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo? Il comportamento dei tassi di cambio nel lungo periodo

Dettagli

FAC simile della prova intermedia di apprendimento (8/11/2006) Macroeconomia CLEA

FAC simile della prova intermedia di apprendimento (8/11/2006) Macroeconomia CLEA FAC simile della prova intermedia di apprendimento (8/11/2006) Macroeconomia CLEA Nome e cognome: Matricola: Anno di corso: Parte I: Domande a scelta multipla (1 punto a domanda, 12 punti disponibili)

Dettagli

LA MIGRAZIONE. Alcuni cenni storici. La migrazione in Europa. Cinque fasi storiche: Periodo Da A 1945-1960 Germania dell Est 20 Germania Ovest

LA MIGRAZIONE. Alcuni cenni storici. La migrazione in Europa. Cinque fasi storiche: Periodo Da A 1945-1960 Germania dell Est 20 Germania Ovest LA MIGRAZIONE Ragioni puramente economiche, persecuzioni politico-sociali e religiose, guerre e conflitti etnici una semplice preferenza per il paese estero, causano il movimento del fattore lavoro da

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Economia Internazionale. Movimento internazionale dei fattori

Economia Internazionale. Movimento internazionale dei fattori Economia Internazionale Movimento internazionale dei fattori Adalgiso Amendola adamendola@unisa.it Organizzazione del capitolo Introduzione La mobilità internazionale del lavoro I prestiti internazionali

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

Concorrenza monopolistica

Concorrenza monopolistica Economia Internazionale Alireza Naghavi Capitolo 6 (b) Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale 1 Concorrenza monopolistica La concorrenza monopolistica descrive un settore

Dettagli

IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114

IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114 IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114 IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA IL TASSO

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Il modello di Heckscher-Ohlin

Il modello di Heckscher-Ohlin Il modello di Heckscher-Ohlin Esempio UE e India UE esporta microchip e importa T-shirt India importa microchip ed esporta T-shirt Secondo la teoria dei costi comparati, l UE ha una tecnologia superiore

Dettagli

Esercitazione n 1/micro: 7 marzo 2008

Esercitazione n 1/micro: 7 marzo 2008 Esercitazione n 1/micro: 7 marzo 2008 1. Quale dei seguenti fatti implica un trade-off a. Comprare una nuova auto b. Andare all università c. Guardare una partita di calcio il sabato pomeriggio d. Tutte

Dettagli

Presentazione. Ringraziamenti

Presentazione. Ringraziamenti Indice Presentazione Prefazione Ringraziamenti xi xiii xvii 1 Introduzione 1 1.1 Perché studiare l economia internazionale 1 1.2 Perché adottare una prospettiva europea 3 1.3 Uno sguardo d insieme 3 Parte

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

PIL : produzione e reddito

PIL : produzione e reddito PIL : produzione e reddito La misura della produzione aggregata nella contabilità nazionale è il prodotto interno lordo o PIL. Dal lato della produzione : oppure 1) Il PIL è il valore dei beni e dei servizi

Dettagli

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Daria Vigani Maggio 204. In ciascuna delle seguenti situazioni calcolate risparmio nazionale,

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Lezione 1 Introduzione

Lezione 1 Introduzione Lezione 1 Introduzione Argomenti Cosa è l Economia politica I principi fondamentali dell Economia politica Cosa studia l Economia politica Perché studiare l Economia politica 1.1 COSA È L ECONOMIA POLITICA

Dettagli

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili Economia Applicata all'ingegneria 1 Il modello Mundell - Fleming E un'estensione del modello IS-LM per un sistema aperto, quando le transazioni

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

Capitolo 5. Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi)

Capitolo 5. Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Capitolo 5 Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Anteprima La legge del prezzo unico La parità del potere di acquisto

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

Lezione 8. (BAG cap. 7) IL MEDIO PERIODO Il mercato del lavoro. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia IL MEDIO PERIODO

Lezione 8. (BAG cap. 7) IL MEDIO PERIODO Il mercato del lavoro. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia IL MEDIO PERIODO Lezione 8 (BAG cap. 7) IL MEDIO PERIODO Il mercato del lavoro Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia IL MEDIO PERIODO 2 1 Nel breve periodo la domanda determina la produzione =>

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

MODELLI LOCALI DI SVILUPPO

MODELLI LOCALI DI SVILUPPO MODELLI LOCALI DI SVILUPPO 1.a PRESENTAZIONE DEL CORSO A Obiettivi i) Meccanismi ii) Cause iii) Politiche B Contenuti i) ottica lungo periodo ii) fatti stilizzati iii) rassegna storica iv) modelli v) concetti

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo (RdM) il modello economico di riferimento per la politica economica deve rappresentare

Dettagli

CAPITOLO V. L economia politica del commercio internazionale

CAPITOLO V. L economia politica del commercio internazionale CAPITOLO V L economia politica del commercio internazionale Se ci sono vantaggi dal commercio internazionale, perché spesso vi sono forti opposizioni ad un maggiore grado di apertura? Estenderemo il modello

Dettagli

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Corso di Laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia Introduzione allo studio dell Economia I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA (Capitolo 1) Il termine economia... Deriva da una parola greca che significa

Dettagli

7 - Lezione. Urbanizzazione e sovraurbanizzazione

7 - Lezione. Urbanizzazione e sovraurbanizzazione 7 - Lezione Urbanizzazione e sovraurbanizzazione Contenuti 1. L evidenza del fenomeno dell inurbamento nei PVS 2. Le interpretazioni del fenomeno: urbanizzazione e sovraurbanizzazione 1. Il fenomeno dell

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli

Fallimenti macroeconomici del mercato

Fallimenti macroeconomici del mercato Fallimenti macroeconomici del mercato Fallimenti macroeconomici del mercato i. Disoccupazione ii. Inflazione iii. Sottosviluppo iv. Squilibri di bilancia dei pagamenti Costituiscono altrettanti fallimenti

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ECONOMIA INTERNAZIONALE Esonero del 19/12/2003 (moduli A, B e C) COGNOME NOME MATRICOLA Corso di Laurea

Università di Bari Facoltà di Economia ECONOMIA INTERNAZIONALE Esonero del 19/12/2003 (moduli A, B e C) COGNOME NOME MATRICOLA Corso di Laurea Università di Bari Facoltà di Economia ECONOMIA INTERNAZIONALE Esonero del 19/12/2003 (moduli A, B e C) COGNOME NOME MATRICOLA Corso di Laurea ISTRUZIONI 1. Riempire i campi relativi a nome, cognome, matricola

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Capitolo 5 Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima La

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

Capitolo 14. Crescita economica e innalzamento del tenore di vita

Capitolo 14. Crescita economica e innalzamento del tenore di vita Capitolo 14 Crescita economica e innalzamento del tenore di vita La crescita economica è l'incremento della produzione di beni e servizi di un sistema economico nel lungo periodo Il raggiungimento di un

Dettagli

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato Il vantaggio comparato Nel giorno di San Valentino la domanda statunitense di rose è di circa 10 milioni. Coltivare rose negli Stati Uniti d inverno è difficile. E necessario l uso di serre riscaldate.

Dettagli

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS Economia Politica Grazia Graziosi DEAMS Macroeconomia: un quadro generale Macroeconomia versus microeconomia La microeconomia studia il comportamento degli individui e delle imprese nei singoli mercati:

Dettagli

Effetti sulla distribuzione del reddito

Effetti sulla distribuzione del reddito Sanna-Randaccio Lezione 17 Frammentazione della produzione a livello internazionale e commercio di beni intermedi Cosa è la frammentazione della produzione (offshore outsourcing) Cosa indicano i dati Perché

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

Il commercio internazionale (cap. 12)

Il commercio internazionale (cap. 12) Il commercio internazionale (cap. 12) Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali I vantaggi

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

Approfondimento 1 Le curve di costo

Approfondimento 1 Le curve di costo Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Approfondimento 1 Le curve di costo Prof. Coll. Renato Da Re Barbara Bolognesi Obiettivo della comunicazione La comunicazione

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

Esercitazione di Economia Internazionale Tutor Dottor Matteo Cati Indice:

Esercitazione di Economia Internazionale Tutor Dottor Matteo Cati Indice: Esercitazione di Economia Internazionale Tutor Dottor Matteo Cati Indice: Capitolo 2: Domande a Scelta Multipla pag. 2 Capitolo 5: Domande a Scelta Multipla pag. 6 Capitolo 7: Domande a Scelta Multipla.pag.

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

LA MACROECONOMIA: CONCETTI INTRODUTTIVI

LA MACROECONOMIA: CONCETTI INTRODUTTIVI LA MACROECONOMIA: CONCETTI INTRODUTTIVI 0 In questo capitolo imparerete Le questioni della macroeconomia Gli strumenti della macroeconomia I concetti dell analisi macroeconomica Le domande della macroeconomia

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 IL O Fabio Clementi E-mail: fabio.clementi@unimc.it

Dettagli

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI I COSTI ROF. MATTIA LETTIERI Indice 1. LE FUNZIONI DI COSTO --------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2. I COSTI DELL IMRESA NEL BREVE ERIODO

Dettagli

Il modello di Solow. La teoria neoclassica della crescita economica

Il modello di Solow. La teoria neoclassica della crescita economica Il modello di Solow La teoria neoclassica della crescita economica definizioni Per confrontare gli standard di vita tra diversi paesi nel corso del tempo dovremo distinguere tra : PIL aggregato Y PIL pro

Dettagli

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia La Produzione Aggregata: metodi di misurazione del livello di attività e della congiuntura In questa lezione: studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un

Dettagli

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro Economia del Lavoro Capitolo 8 2 Borjas La mobilità del lavoro - 1 US paese molto mobile: tra il 2003 e il 2004, il 2,8% della popolazione si è trasferita tra nello stesso stato e un altro 2,6% tra stati

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Significato della bilancia dei pagamenti: registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo le entrate di moneta dall estero sono crediti le

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli