DISPENSA PER IL CONSEGUIMENTO DELLA PATENTE E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISPENSA PER IL CONSEGUIMENTO DELLA PATENTE E"

Transcript

1 DISPENSA PER IL CONSEGUIMENTO DELLA PATENTE E LIMITI DI VELOCITA PER AUTOTRENI AUTOARTICOLATI E se trasporto esplosivi o gasolio su autoarticolato? Sempre uguale la velocità CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE VEICOLI MERCI CATEGORIA O: rimorchi ( compresi i semirimorchi) CATEGORIA O1: rimorchi con massa massima non superiore a 0,75 t (rimorchi leggeri) CATEGORIA O2: rimorchi con massa superiore a 0,75 t ma non superiore a 3,5 t. CATEGORIA O3: rimorchi con massa massima superiore a 3,5 t ma non superiore a 10 t CATEGORIA O4 : rimorchi con massa massima superiore a 10 t. COSA GUIDO CON LA PATENTE E Guido autoveicoli per i quali è richiesta la patente B C D trainanti un rimorchio non leggero ( superiore a 750 Kg.) quando il complesso supera 3,5 t. 1

2 LUCI DEI RIMORCHI 2 luci di posizione bianche 2 catadiottri bianchi Catadiottri gialli e se il veicolo supera i 6 m. di lunghezza anche luci di posizione laterali 2 luci di posizione rosse 2 luci di stop (5 volte più rosse delle luci di posizione) 2 catadiottri rossi TRIANGOLARI 2 indicatori di direzione arancioni luci targa e retromarcia bianche 2

3 pannello retroriflettente giallo bordato di rosso se M.C.P.C. sup. a 3,5 t striscia rossa rifrangente per tutta la larghezza del rimorchio e striscia gialla rifrangente per tutta la lunghezza del rimorchio Il rimorchio ha la propria targa più la TARGA RIPETRITRICE ( gialla con la lettera R rossa) SISTEMA FRENANTE DEI RIMORCHI I rimorchi leggeri ( di massa non sup. 750 Kg) possono essere privi di impianto frenante, in questo caso la frenatura del complesso ( motrice + rimorchio) è assicurata dall impianto frenante del solo veicolo trainante. 3

4 FRENO AD INERZIA o a rinculo per rimorchi non sup. a Kg Il principio di funzionamento sul quale si basano è tanto semplice quanto efficace e si basa unicamente sulla forza di spinta che la caravan esercita sul gancio di traino quando la motrice è in fase di frenata. Sotto questa spinta un meccanismo posizionato all interno del timone (definito repulsore) aziona un sistema di rinvii di leve che consente di mettere in trazione la tiranteria collegata alle ganasce ad espansione dei freni a tamburo e far frenare la caravan. I rimorchi non leggeri (di massa sup. 750 kg) e i semirimorchi devono avere un freno di servizio (comandabile dal veicolo trainante) e un freno di stazionamento. 4

5 Nei rimorchi e semirimorchi di m.c.p.c sup. 3.5 t la frenatura di servizio deve essere continua ed automatica. - CONTINUA: frenando sulla motrice (con un unico comando sul posto di guida del conducente) frena anche il rimorchio - AUTOMATICA: in caso di distacco o rottura del collegamento tra motrice e rimorchio, il rimorchio rimane bloccato Dal rimorchio partono 2 tubi flessibili che arrivano alla motrice: 1 AUTOMATICO (Rosso): sempre pieno di aria compressa, che va a caricare il serbatoio del rimorchio 1 MODERABILE ( Giallo): dove l aria circola soltanto quando si frena 5

6 Pressione dell aria nel serbatoio 9,5 bar e nel tubo dell automatico: 8 atmosfere. Che differenza c è tra bar e atmosfera? Sono quasi uguali GIUNTO DI ACCOPPIAMENTO DEL RIMORCHIO Il collegamento del freno tra motrice e rimorchio avviene attraverso un giunto di accoppiamento, formato da : Due semigiunti (fisso) fissati al telaio della motrice e ha 2 sfere e 2 molle Due semigiunti (mobili), posti all'estremità dei due tubi flessibili (automatico e moderabile) pendenti dal rimorchio, con 2 spinotti che si piantano nelle due sfere e si attaccano così i due tubi (automatico e moderabile), per consentire all'aria compressa di passare dalla motrice al rimorchio. Le molle tengono chiuse le valvole a sfera per impedire la fuoriuscita di aria. I due semigiunti sono contrassegnati da due diversi colori per evitare errori di collegamento. 6

7 A collegamento avvenuto si apre una valvola che consente all aria compressa di passare dalla motrice al rimorchio. Se i due semigiunti sono staccati una spia sul cruscotto lo segnala Nei veicoli meno recenti l allacciamento dei tubi tra motrice e rimorchio avveniva tramite un solo semigiunto con i due tubi accoppiati. FRENI AD ARIA (PNEUMATICO) (mezzi pesanti) Negli autoveicoli pesanti la forza muscolare del conducente non è sufficiente per la frenatura e, quindi, gli elementi frenanti vengono azionati da un sistema ad aria compressa. E un sistema aperto che consuma aria ogni volta che si frena L aria compressa, preventivamente accumulata in opportuni serbatoi, tramite un compressore azionato dall albero a motore, viene inviata lungo appositi condotti agli elementi frenanti. Questo significa che il conducente, premendo il pedale del freno attraverso un sistema di valvole convoglia l aria, con pressione variabile a seconda della spinta sul pedale del freno, dando luogo ad una frenatura moderabile. I freni ad aria possono essere: FRENO PNEUMATICO INTEGRALE: dove l aria compressa agisce direttamente sugli elementi frenanti 7

8 FRENO PNEUMO-IDRAULICO: dove l aria compressa, attraverso una pompa manda in pressione dell olio che agisce sugli elementi frenanti ( usato per autoveicoli non eccessivamente pesanti) Il sistema ad aria è formato da: 1) un compressore 2) un regolatore di pressione ed essiccatore 3) serbatoi di aria 4) un distributore duplex 5) un regolatore di pressione del carico 8

9 il COMPRESSORE è formato da: un cilindro un pistone, fatto girare dall'albero motore mediante una biella manovella, che ha il compito di comprimere l'aria nei serbatoi ad una pressione di 9,5 bar (sopra) due valvole: una di entrata e una di uscita Quando il pistone scende si apre la valvola di entrata che fa entrare aria dall esterno. Quando il pistone sale, si chiude la valvola d'entrata e si apre quella d'uscita, mandando l'aria al regolatore di pressione, essiccatore e poi ai serbatoi. Produce aria compressa continuamente perché collegato all albero motore tramite un ingranaggio. Il REGOLATORE di pressione/essicatore che ha tre funzioni: 1. Quella di depurare l aria spirata dal compressore, mediante un filtro a reticelle 2. Quella di regolare la giusta pressione nei serbatoi, scaricando aria nell atmosfera quando i serbatoi hanno raggiunto la pressione massima stabilita ( grazie ad una valvola di scarico) e ricaricando i serbatoi quando la pressione scende sotto quel la minima ( grazie ad una valvola di ritenuta che trattiene aria). Comprende inoltre una valvola di sicurezza, che scarica l'aria in atmosfera nel caso di avarie del dispositivo che abbiano causato anomali aumenti di pressione oltre la pressione di esercizio. 3. Quella di essiccare l aria, mediante un sistema una cartuccia essicante che raffredda molto l aria proveniente dai serbatoi, 9

10 provoca la condensazione del vapore acqueo evitando formazione di ghiaccio o fenomeni di corrosione e ossidazione dei metalli provocati dall umidità. I SERBATOI sono in acciaio a forma cilindrica accumulano aria per i freni e sono quattro: uno per i freni posteriori uno per i freni anteriori uno per il freno di stazionamento e rimorchio uno per i servizi Il REGOLATORE ( o modulatore) DI PRESSIONE DEL CARICO: Tra il duplex ed i freni posteriori è inserito un regolatore di pressione del carico (sono gli assi posteriori a dover sopportare il carico variabile della merce trasportata). La frenata deve essere modulata in funzione del carico, per non rischiare di avere una frenata insufficiente a veicolo carico ed una frenata eccessiva a veicolo vuoto. E' tarato in modo da consentire il massimo passaggio dell'aria (quindi la massima frenata) in presenza del massimo carico. Da una parte il regolatore è fissato al telaio, dall altra ad una leva lo collega all assale posteriore. Il regolatore di pressione sente la presenza del carico attraverso l'abbassamento delle sospensioni posteriori e, a seconda del carico, apre e chiude la valvola dell'aria. 10

11 Quando il veicolo è carico attraverso la leva si apre la valvola di immissione dell aria che arriva dal duplex e viene trasmessa agli elementi frenanti. A veicolo carico la valvola di immissione aria che va agli elementi frenanti è completamente aperta. Se invece il veicolo è scarico e semiscarico, entra in funzione il modulatore che, per mezzo di una leva, chiude la valvola di passaggio dell aria riducendo la pressione trasmessa agli elementi frenanti ed in tal modo vengono evitate le frenate troppo intense che possono bloccare le ruote. A veicolo scarico si chiude la valvola di immissione e l aria viene inviata agli elementi frenanti a pressione ridotta. Tra il regolatore di pressione e i serbatoi è inserita la VALVOLA DI PROTEZIONE dei serbatoi a tre vie che in caso di rottura della condotta che porta aria ai serbatoi evita lo svuotamento dei serbatoi dell impianto frenante Il cuore dell'impianto è rappresentato dal DISTRIBUTORE DUPLEX: E un sistema pneumatico NON meccanico Si trova sotto il pedale del freno: quando si schiaccia il pedale del freno, si agisce sul distributore duplex, che è diviso in due sezioni indipendenti, che prende aria dai serbatoi e la manda in proporzione alla pressione sul pedale del freno, all'assale anteriore e all'assale posteriore, fino agli elementi frenanti. Con un unico comando si azionano le due sezioni, anteriore e posteriore. Agendo sul pedale del freno si chiude la valvola di scarico e si apre quella di immissione che manda aria agli elementi frenanti sia anteriori che posteriori. La frenata è modulabile, perché agendo 11

12 con più o meno forza sul pedale del freno si modera la quantità di aria compressa da inviare. Quando si rilascia il pedale del freno l aria in eccesso è scaricata nell atmosfera e la valvola di scarico impedisce che l aria proveniente dai serbatoi passi agli elementi frenanti. DUPLEX ha il compito di far passare aria dal serbatoio agli elementi frenanti Perché è diviso in 2 sezioni? Per garantire la frenatura di soccorso Il duplex garantisce anche la frenata di soccorso, perché in caso di avaria di una delle due sezioni dell impianto frenante (ANTERIORE POSTERIORE) manda comunque aria all altra sezione garantendo il funzionamento. FRENATA DI SOCCORSO: deve avere una efficacia frenane almeno uguale al 50 % di quella esercitata dal freno di servizio. 12

13 Il conducente, in caso di anomalia di una delle due sezioni dell impianto frenante, si accorge di aver utilizzato il freno di soccorso perché aumenta lo spazio di frenatura e si accende sul cruscotto l apposita spia che segnala problemi ai freni. Completano il sistema pneumatico manometri e spie FRENO A MANO O DI STAZIONAMENTO E' il manettino, cioè al posto di guida esiste un distributore a mano che agisce su una robusta molla Quando tiro verso l'alto il pomello, il manettino mette in comunicazione il serbatoio ad aria con il cilindro freno a molla ( i freni a molla, di solito sono presenti solo sull'asse posteriore), si scarica aria (DEPRESSIONE) e la molla che non è più compressa dall aria e si allunga e si verifica l'effetto frenante sulle ganasce perché aziona il puntale a cuneo. E composta da un cilindro con dentro un pistoncino ed una robusta molla, collegato con un asta ad una leva che aziona le ganasce delle ruote posteriori. Quando abbasso il pomello entra dal serbatoio aria in pressione, che vince la resistenza della molla che agisce sulle ganasce, comprimendola e le ruote si sfrenano. Cioè deve arrivare per poter ripartire, aria in pressione, che comprime la molla Il freno di stazionamento funziona al contrario, cioè a depressione, cioè per frenare scarica aria, perchè l'aria non potrebbe tenere in pressione per diversi giorni in caso di lunghe soste. Quando, per lunga sosta, la pressione dei serbatoi scende a zero, le ruote restano bloccate e per spostare il veicolo occorre accendere il motore per accumulare nuovamente aria nei serbatoi, che arrivando in pressione vince la resistenza della molla. 13

14 14 ELEMENTO FRENANTE Quando si agisce sul pedale del freno, l aria proveniente dal distributore giunge alla membrana spingendo un asta con puntale a cuneo che avanzando allarga i due pistoncini che spingono le ganasce contro i tamburi, oppure la membrana per mezzo di un asta fa ruotare il perno ad oliva che spinge le ganasce allargandole contro i tamburi. Gli elementi frenanti sono formati da: - scatola cilindrica - membrana che riceve aria - asta con il perno ad oliva o puntale a cuneo, disposte a coppia per far meglio aderire le ganasce contro i tamburi e frenare. Gli elementi frenanti sono collegati al ponte tramite una scatola cilindrica con all interno una membrana elastica.

15 15 BIELEMENTO FRENANTE: E costituito da un normale elemento frenante che fa però corpo unico con un freno a molla ad azione meccanica per la frenatura di stazionamento. La frenata azionata dal freno di stazionamento o manettino agisce solo sul freno a molla di solito presente sull asse posteriore. In tal caso la scatole cilindrica è sdoppiata in 2 camere, una con la membrana elastica che riceve aria e l altra con il freno a molla ( bielemento frenante).

16 IL SERVO DISTRIBUTORE A TRIPLO COMANDO e il SERVODEVIATORE MODULATO Sulla motrice dei veicoli preposti al traino troviamo ( oltre agli organi dell impianto frenante) il servo distributore a triplo comando che manda aria al rimorchio e il servodeviatore modulato Il SERVODISTRIBUTORE A TRIPLO COMANDO è chiamato così perche è comandato dalle due sezioni del duplex e dal distributore del manettino ed ha il compito di gestire l aria compressa che arriva ai freni del rimorchio in ogni possibile condizione: Si chiama a triplo comando perché entrano tre tubi, ossia i due tubi del duplex e il tubo del manettino _tubo freni anteriori _tubo freni posteriori _tubo del manettino 16

17 A cosa servono? I primi due a garantire la frenata del rimorchio anche nel caso di avaria di una delle due sezioni, anteriori o posteriori del duplex, mentre il tubo del manettino serve a garantire la frenatura di stazionamento anche del rimorchio con immisione di aria agli elementi frenanti quando si aziona il freno a molla della motrice. Escono 2 tubi: _tubo giallo del moderabile _tubo rosso dell automatico. A cosa servono? A mandare aria agli elementi frenanti del rimorchio Il compito del servodistributore a triplo comando quindi è: 1. frenare il rimorchio quando si schiaccia il pedale del freno con un leggero anticipo rispetto alla motrice e con una pressione di circa 1 bar superiore per evitare che il rimorchio spinga la motrice durante la frenata. Aumenta la pressione dell aria da inviare al rimorchio, quindi sembra che il rimorchio freni prima, ma in realtà frena di più rispetto alla motrice 2. in caso di rottura della tubazione aria di un asse anteriore o posteriore, consente di frenare con l altro asse ancora funzionante anche il rimorchio tramite la condotta del moderabile (gialla). Consente di frenare il rimorchio anche in caso di rottura di una delle due sezioni dell impianto frenante della motrice ( duplex). 3. Garantire la frenatura di stazionamento. Se il veicolo traina un rimorchio, il distributore a mano determina, oltre alla frenatura meccanica della motrice, anche quella pnematica del rimorchio tramite il servodistributore a triplo comando che, tramite il servodeviatore modulato e il servoautodistributore del rimorchio aziona i dispositivi di frenatura del rimorchio mettendo in comunicazione il serbatoio del rimorchio con gli elementi frenanti 17

18 Il servo distributore a triplo comando, consente il passaggio dell aria al rimorchio nel tubo dell automatico per mantenere il serbatoio in pressione. Il collegamento del tubo del moderabile consente di variare la pressione dell aria da inviare agli elementi frenanti in proporzione alla spinta sul pedale del freno ( con un leggero anticipo sul freno del rimorchio rispetto a quello della motrice per evitare che il rimorchio spinga contro la motrice). Non ha funzioni in caso di distacco del tubo dell automatico o del moderabile. Dopo il servo distributore a triplo comando troviamo sempre sulla motrice il SERVODEVIATORE MODULATO che garantisce la frenata del rimorchio anche in caso di distacco o avaria del tubo del moderabile (giallo) scaricando tutta l aria del tubo dell automatico (rosso) agli elementi frenanti, garantendo quindi la frenatura di stazionamento del rimorchio. Cosa vuol dire deviatore? Se si stacca il tubo GIALLO del moderabile devia l avaria (il problema) scaricando aria dal tubo rosso in modo che l aria del serbatoio del rimorchio venga inviata agli elementi frenanti in base alla pressione sul pedale del freno, con una frenata brusca Quando si sgancia il tubo giallo del moderabile il servodeviatore modulato scarica aria dal tubo rosso dell automatico (simula una avaria nel tubo dell automatico che in realtà si è verificata nel tubo del moderabile) e ciò fa reagire il servoautodistributore del rimorchio che scarica l aria contenuta nel serbatoio sugli elementi frenanti. Me ne accorgo perché la frenata è BRUSCA in quanto quando schiaccio il pedale del freno il servodeviatore modulato toglie aria del tubo dell automatico 18

19 in proporzione alla corsa del pedale del freno e la forte caduta di pressione scarica l aria presente nei serbatoi sui freni, in maniera proporzionale alla corsa del pedale del freno cioè più schiaccio il pedale del freno più aria si scarica sugli elementi frenanti quindi si tratta di una frenatura in qualche modo moderabile e non automatica, mentre lascia passare aria nell automatico quando rilascio il pedale del freno. Se si rompe la moderabile non te ne accorgi subito...solo se freni perché in realtà finchè non freni non succede nulla IL SERVOAUTODISTRIBUTORE DEL RIMORCHIO Mentre sulle motrici dei veicoli atti al traino troviamo il servo distributore a triplo comando e il sevodeviatore modulato sul rimorchio troviamo il servoautodistributore, fissato al telaio, che ha la funzione di mettere in comunicazione i serbatoi con gli elementi frenanti. 19

20 I due tubi dalla motrice arrivano al rimorchio passando dal SERVOAUTODISTRIBUTORE che consente di effettuare la frenatura automatica del rimorchio anche nel caso di rottura del tubo dell automatico. FORMATO DA: 2 tubi in entrata (automatico e modulabile) 2 tubi in uscita (automatico e modulabile uno va al serbatoio del rimorchio e uno agli elementi frenanti) - camere d aria - pistoncini - valvole (valvola di immissione; valvola di scarico; valvola di soccorso) - Tubo automatico ROSSO: porta aria al serbatoio del rimorchio. - Tubo moderabile GIALLO: porta aria dal serbatoio agli elementi frenanti Servoautodistributore dove AUTO sta per AUTOMATICO per ricordare che interviene quanto si stacca il tubo ROSSO dell automatico scaricando tutta l aria dei serbatoi sugli elementi frenanti e me ne accorgo perchè il rimorchio inchioda. Quando il rimorchio è staccato dalla motrice accidentalmente o volontariamente rimane sempre frenato per immissione di aria agli elementi frenanti. 20

21 Consente passaggio dell aria nella condotta dell automatico per alimentare il serbatoio del rimorchio La frenatura di servizio del rimorchio (schiacciando il pedale del freno, arriva aria nel tubo del moderabile e si apre la valvola che mette in comunicazione il serbatoio con gli elementi frenanti) La frenatura automatica del rimorchio in caso di distacco accidentale del tubo dell automatico (rosso) dalla motrice. La forte caduta di pressione nel tubo dell automatico che si stacca dalla motrice, apre la valvola che mette in comunicazione l aria del serbatoio con i freni. - La frenatura e sfrenatura del rimorchio sganciato dalla motrice, attaverso un pomello manuale che scarica aria e permette di sfrenare il rimorchio che è rimasto automaticamente frenato con frenatura di stazionamento se sganciato dalla motrice. Il rimorchio sganciato dalla motrice resta frenato perchè l'aria del serbatoio si scarica sugli elementi frenanti grazie all apertura di una valvola di emergenza; - Per sfrenarlo occorre abbassare il pomello manuale del servoautodistributore, che apre la valvola di scarico collegata con l'esterno e toglie aria dagli elementi frenanti del rimorchio. Per frenare nuovamente il rimorchio si riporta la manopola in posizione normale, che mette in comunicazione il serbatoio con i freni: Occorre però considerare che il numero di frenature e sfrenature del rimorchio (quando è sganciato dalla motrice) è limitato, in quanto la pressione dell'aria nel serbatoio del rimorchio si abbassa ad ogni frenata. 21

22 Frenatura del rimorchio sganciato dalla motrice avviene con immissione di aria agli elementi frenanti, poi si scarica aria dai freni ed il rimorchio si appoggia sui cunei. Questo sistema non può funzionare in caso di lunghe soste dove sarà necessario anche azionare il freno meccanico di stazionamento. FRENO DI STAZIONAMENTO MECCANICO DEI RIMORCHI: Quando rimorchio e semirimorchio sono sganciati dalla motrice occorre usare il freno di stazionamento che è di tipo manuale è un rotino o volantino posto di norma sul retro del rimorchio. Tramite una vite senza fine arrotola e tira dei cavi di acciaio che agiscono su delle leve ad arpionino che agiscono su un perno ad oliva o puntale a cuneo che fanno allargare i pistoncini i quali spingono le ganasce contro i tamburi. É da usare tutte le volte che si lascia il veicolo in sosta con i cunei inseriti. 22

23 IMPIANTO FRENANTE PNEUMOIDRAULICO Nell'impianto di tipo misto (aria e olio), la struttura ricalca quello pneumatico salvo la parte finale, dove troviamo un attuatore (o convertitore) della pressione pneumatica (dell'aria) in pressione idraulica (olio). L'aria arriva nella camera dell'elemento frenante, spinge lo stantuffo che muove il doppio pistone della pompa idraulica. Il liquido a pressione va ad agire sugli elementi frenanti. Al rilascio del pedale, l'aria esce e le molle di richiamo riportano stantuffo e pistone idraulico in posizione. Sul rimorchio troviamo anche un MODULATORE DI PRESSIONE IN FUNZIONE DEL CARICO che funziona in maniera analoga a quello presente sulla motrice. 23

24 ORGANI DI ATTACCO TRA MOTRICE E RIMORCHIO Il collegamento tra complessi di veicoli avviene attraverso 3 connessioni: MECCANICA (organi di traino) PNEUMATICA ( tubo dell automatico e moderabile) ELETTRICA ORGANI DI TRAINO AUTOTRENO L autotreno è un complesso di veicoli costituito da due unità distinte Una motrice Un rimorchio ENTRAMBE ATTE AL CARICO Gli organi principali dell'agganciamento tra autoveicolo e rimorchio (organi di traino) sono: - la CAMPANA collegata al telaio del veicolo e montata sulla traversa posteriore della motrice - l' OCCHIONE posizionato (avvitato) sul timone del rimorchio 24

25 L occhione si inserisce nella campana e viene poi chiuso da un robusto perno e da un fermo di sicurezza per evitare lo sganciamento accidentale del rimorchio La CAMPANA è fatta a bocca di lupo è imbullonata alla traversa della motrice con 4 bulloni, che servono a tenerla ferma e centrata. Inoltre vengono montati dei tamponi di gomma, (guarnizioni), che hanno la funzione di cuscinetti parastrappi e una molla che permette alla campana di assecondare i movimenti del timone. La campana, inoltre, porta 2 perni: - uno trasversale, che permette alla campana di oscillare dall'alto verso il basso e viceversa; - uno orizzontale che sopporta lo sforzo del traino e porta posteriormente un dado, che, ogni km deve essere controllato per mezzo di una chiavetta (vite dinamometrica che indica i Kg di chiusura). La campana può avere il perno con chiusura automatica o manuale. 25

26 Campane e occhioni sono classificate in 8 categorie stabilite in funzione del carico sopportabile- C= categorie campana D= categorie occhioni dall'1 al 3 servono per rimorchio fino a 3,5 t le categoria 4 5 vengono utilizzate per trasporti rimorchio superiori 3,5 T le categorie per i traporti eccezionali o mezzi d opera Il TIMONE può essere mobile o rigido: Il timone MOBILE ha la forma di un triangolo con delle barre trasversali, al cui apice è avvitato l'occhione, che è fisso ( sui timoni a biga l occhione è imbullonato). Il timone è attaccato al rimorchio mediante 2 spinotti, che lo collegano al carrello porta ralla, i quali devono essere periodicamente ingrassati e privi di gioco. Sopra il carrello si trova una grande ruota- cuscinetto, la ralla che lo collega al telaio. Questo timone viene detto mobile o ad asse sterzante ( il primo asse dei rimorchi è sterzante in quanto collegato ad una ralla girevole) la ralla e lo spinotto della campana consentono movimenti di rotazione verticali orizzontali e oscillazioni e ciò permette all'autotreno di percorrere le curve strette, ma rende molto difficili le manovre di retromarcia.se occorre sostituire il timone deve essere di tipo omologato e del medesimo tipo, inoltre occorre punzonare i numeri di telaio che sono impressi sul longherone destro del rimorchio, oltre al collaudo in M.C.T.C. 26

27 IL timone RIGIDO detto ad asse centrale, ha una sola barra centrale rigida che lo rende rigidamente solidale al rimorchio (i cui organi di aggancio sono sempre campana e occhione), viene utilizzato per rimorchi con biga ( ed per trasporto di sfusi) che scaricano una parte del proprio peso sull'asse posteriore della motrice. Nel timone mobile, rispetto a quello rigido c è uno snodo in più che consente la svolta stretta, mentre quello rigido in curva deva allargare di più 27

28 ORGANI DI TRAINO AUTOARTICOLATI L autoarticolato è un complesso di veicoli costituiti da un trattore ( non atto al carico) e da un semirimorchio privo di asse anteriore che si sovrappone in parte al trattore stradale. Gli organi di traino sono la RALLA e il PERNO La ralla è una piastra di acciaio a forma di ferro di cavallo con intaglio a coda di rondine ed un foro per l alloggiamento del perno del semirimorchio. La ralla è montata sul telaio del trattore stradale mediante 2 perni trasversali e 2 sellette (supporti) imbullonate (perché la saldatura non tiene) ad una lamiera ondulata (piastra), che, a sua volta, è imbullonata ai longheroni del trattore. In pratica la ralla e montata su un falso telaio, a sua volta vincolato al telaio del trattore stradale, in maniera tale da evitare eccessive sollecitazioni su di esso; gode di un limitato movimento di oscillazione rispetto al telaio del trattore, sia in senso trasversale che longitudinale, che serve ad affrontare dossi, cunette o semplici asperità del fondo stradale. 28

29 La ralla oltrechè da dispositivo di traino funge anche da base di appoggio del semirimorchio che scarica parte del suo peso sul trattore (costituisce l asse virtuale del semirimorchio) Il perno ha la forma di un fungo rovesciato è imbullonato ad una piastra che è poi saldata al semirimorchio ( è imbullonato perché deve potersi sostituire) con diametro di 2,5 pollici per autoarticolati e diametro 3,5 pollici per mezzi d opera ( 1 pollice =2,5 cm). In fondo alla ralla c è una ganascia che scatta automaticamente quando si incastra il perno e poi si deve inserire un fermo di sicurezza ( moschettone di sicurezza) 29

30 MANUTENZIONE: La ralla ed il perno devono essere controllate una volta alla settimana per verificare che: la ralla sia saldamente imbullonata al trattore; che il perno non abbia scalfiture o deformazioni; che non vi sia gioco tra perno e alloggiamento; il gioco che si corregge mediante vite di registro (presente sulla ganascia), oppure bisogna sostituire le ganasce o il perno se usurati. Il conducente avverte che c è gioco tra ralla e perno perché sente un colpo quando accelera o frena. Per verificare basta misurare il perno ( 2,5 pollici) Sull'autoarticolato vi sono oscillazioni più limitate rispetto all'autotreno e ciò lo rende meno agile in curva, ma più maneggevole in retromarcia. AVANZAMENTO RALLA È la distanza (fissata dal costruttore e scritta sulla carta di circolazione) che esiste tra il centro della ralla ed il centro dell'asse posteriore del trattore. A cosa serve? Serve a distribuire il peso del semirimorchio sugli assi del trattore ( per non superare i limiti di massa del trattore stradale) Se si cambia la posizione: troppo in avanti non si riesce a girare; troppo indietro le ruote si sollevano. 30

31 PROVE E VERIFICHE DI ABBINAMENTO DEL RIMORCHIO E DEL SEMIRIMORCHI Per effettuare il traino di un rimorchio o semirimorchio è dovere del conducente controllare la compatibilità dei veicoli, occorre quindi verificare: che gli organi di traino siano di tipo approvato e compatibili tra loro (campana e occhione oppure ralla e perno) che i dispositivi di frenatura siano compatibili tra di loro ( condotta dell automatico e del moderabile) la compatibilità del giunto di accoppiamento dei freni e delle luci (collegamento elettrico) la fascia d'ingombro in curva, nel senso che ogni complesso di veicoli nel percorrere una curva deve essere iscrivibile in una corona circolare avente larghezza di raggio esterno 12,50 mt e raggio interno 5,30 mt pesi, lunghezze e rapporto di traino E un DOVERE DEL CONDUCENTE O DELL IMPRESA DI TRASPORTO 31

32 FASCIA D INGOMBRO E la corona circolare occupata dal veicolo quando percorre una curva con il minimo raggio possibile di sterzata E una curva che tutti i veicoli devono essere in grado di percorrere Ogni veicolo deve potersi inserire in una corona circolare con raggio totale di mt e raggio interno di 5.30 mt ( in caso contrario diventa un veicolo eccezionale) 32

33 MASSA RIMORCHIABILE E indicato sulla carta di circolazione ed assegnato in sede di approvazione ed omologazione del veicolo, ed è il valore della massa tecnicamente rimorchiabile. La massa complessiva del rimorchio (tara +massa del carico) deve essere inferiore o uguale alla massa rimorchiabile della motrice. Pertanto un rimorchio di mcp ( scritta sulla carta di circolazione) superiore alla massa rimorchiabile della motrice, potrà essere trainato solo se parzialmente scarico Quando il rimorchio è sganciato dalla motrice deve essere coperto dall'assicurazione contro il rischio statico che serve a risarcire i danni quando viene manovrato a mano, oppure se sfrenato si incammina e arreca danni; mentre quando il rimorchio è agganciato alla motrice è coperto dalla RCA della motrice purchè sia annotato sulla polizza che quella motrice può trainare quel rimorchio. E vietato parcheggiare rimorchi o semirimorchi nei centri abitati. 33

34 AGGANCIAMENTO MOTRICE E RIMORCHIO effettuare la retromarcia in direzione dell'occhione del timone, che deve essere bloccato con i cunei azionare le 4 frecce di emergenza tirare il freno a mano e scendere manovrare il timone o la zampa della biga per predisporre la giusta altezza per imboccare con l occhione la campana risalire e spingere la motrice contro l'occhione del rimorchio e far scattare il dispositivo di sicurezza ( lo spinotto va all'interno della campana) azionare la 4 luci di emergenza, tirare il freno a mano e scendere collegare i fili dell'impianto elettrico collegare i 2 tubi dell'aria automatico e moderabile - collegare i tubi dell'abs agganciare il fermo di sicurezza togliere i cunei dal rimorchio far girare il ruotino per sfrenare il rimorchio controllare (compiendo un giro intorno al rimorchio) che le luci funzionino poi risalire e levare il freno a mano 34

35 AGGANCIAMENTO RIMORCHIO E SEMIRIMORCHIO Il semirimorchio si trova bloccato con i cunei e sollevato sulle zampe a mezzo di 2 piedi sollevatori telescopici assicurarsi che la piastra del perno del semirimorchio sia più bassa di almeno 5 cm rispetto al filo superiore della ralla (per consentire al trattore di infilarsi sotto il semirimorchio) effettuare la retromarcia con il trattore fino alla battuta, cioè fino a quando il perno si è infilato nella coda di rondine della ralla tirare il freno a mano, azionare le luci di emergenza e scendere verificare che sia scattata la chiusura di sicurezza, che il chiavistello si sia chiuso collegare l'impianto elettrico, composto da 3 cavi (2 per i servizi e le luci ed 1 per l'alimentazione dell'abs) collegare i freni con il tubo di colore rosso per l'automatico, e con quello di colore giallo per il moderabile sollevare i piedini del semirimorchio e togliere i cunei far girare il rotino, o volantino, del freno di stazionamento del rimorchio controllare (compiendo un giro intorno al semirimorchio) che le luci funzionino e risalire 35

36 MANOVRA DI SGANCIO Per prima cosa staccare i semigiunti di accoppiamento dell impianto elettrico e pneumatico ( rosso e giallo). Bisogna abbassare le zampe del semirimorchio prima facendole toccare a terra in modo che il semirimorchio non gravi sopra la ralla. Sbloccare la ganascia sganciando il moschettone di sicurezza e tirare il chiavistello che stringe il perno; Sollevare il semirimorchio finchè si libera dal piano della ralla e consenta lo sfilamento del trattore. Avanzare con il trattore. Se il semirimorchio è dotato di sospensioni pneumatiche scaricare l aria dalle stesse COLLEGAMENTO ELETTRICO E COMPOSTO DA 3 CAVI 2 cavi per i servizi e le luci 1 cavo per l alimentazione della centralina ABS (obbligatorio per veicoli sup. 10 t) 36

37 MASSA PER ASSE La massa massima per asse non può essere superiore a 12 t. se mezzo d opera con distanza tra assi inferiore a 1 mt. 13 t La massa massima sui singoli assi dipende del tipo di carico. Se il carico è concentrato e distribuito, il baricentro cade tra i due assi ed il peso di distribuisce tra l asse anteriore e quello posteriore. Se invece il carico non è concentrato o ben distribuito uno dei due assi riceve tutto il carico,mentre l altro risulta scarico e si solleva. Calcolo pratico della massa per asse con carico concentrato Veicolo a 2 assi con carico effettivo 12 t (12: 2) = 6 t. per ciascun asse con il cartello di divieto passo Veicolo con ruote gemellate su asse posteriore (12: 6 numero di ruote) = 2 t carico per ciascuna ruota ( 2 X 2) = 4 t su asse anteriore ( 2 X 4 ) = 8 t su asse posteriore con cartello di divieto non passo 37

38 LIMITI DI SAGOMA PER COMPLESSI DI VEICOLI E RIMORCHI AUTOCARRI E RIMORCHI Altezza 4 mt. eccezioni ( 4,20 per bisarche e 4,30 per container trasporti animali vivi balle di fieno, macchine operatrici o agricole) Larghezza 2,55 mt. eccezioni ( 2,60 per veicoli ATP) Lunghezza 12 mt eccezioni (13,44 per bisarche che possono eccedere in lunghezza per non più del 12% del limite massimo di 12 metri e 14,04 per semirimorchi dove i 12 mt arrivano sino al centro della ralla e poi dal centro della ralla alla parte anteriore del semirimorchio non più di 2,04 mt) Quanto posso caricare in altezza su un rimorchio? Non più di 4 mt. 38

39 AUTOARTICOLATI Lunghezza 15,50 mt Può arrivare fino a 16,50 se dal centro della ralla ad un punto qualsiasi della parte anteriore del semirimorchio non supera 2.04 mt. Eccezioni: 18,48 per portacontainer e bisarche AUTOTRENI Lunghezza 18 mt Può arrivare fino a 18,75 se rispetta le seguenti misure: distanza tra il limite anteriore del vano carico ed il limite posteriore del vano carico max 16,40 somma delle lunghezze dei vani carico della motrice e del rimorchio max 15,65 Eccezioni: 21,00 per portacontainer e bisarche 39

40 40 LIMITI DI MASSA AUTOCARRI

41 RIMORCHI AUTOTRENI 41

42 AUTOARTICOLATI Autotreno e Autoarticolato a 5 o più assi possono arrivare ad un limite di massa potenziale di 44 t SOLO IN ITALIA, fuori dall Italia il limite resta di 40 t. MEZZI D OPERA ISOLATI 42

43 MEZZI D OPERA COMPLESSI DI VEICOLI 4 ASSI = 5 ASSI = 44 t 56 t Betoniere = 54 t Qual è la massa massima dei semirimorchi? Non esiste sono sempre agganciati al trattore stradale RAPPORTO DI TRAINO Il rapporto di traino è il rapporto tra la massa del veicolo rimorchiato e la massa del veicolo trainante. E fissato per legge a seconda del tipo di freno del complesso di veicoli. Questo rapporto (divisione) detta rapporto di traino non deve superare: 1,45 se il rimorchio è a freno continuo ed automatico (continuo: un solo comando frena rimorchio e motriceautomatico: il rimorchio frena automaticamente in caso di distacco cioè impianto frenante ad aria) 0,8 se il freno del rimorchio non è a freno continuo ed automatico (ma ad inerzia tipo la roulotte) 0,5 se il rimorchio non ha freni (rimorchi leggeri fino a 750 Kg) Il peso massimo rimorchiabile è pari a 1,45 x peso della motrice (145% della massa della motrice) Il rapporto di traino è compreso tra 3 e 6 in caso di veicoli eccezionali 43

44 RAPPORTO DI TRAINO PER AUTOTRENO È il rapporto cioè la divisione tra: massa complessiva a pieno carico del rimorchio Massa complessiva a pieno carico della motrice *Attenzione: quando calcolo quanto posso caricare sul rimorchio devo prendere come riferimento la massa rimorchiabile ( se è inferiore alla m.c.p.c. del rimorchio ) COSA NON VA BENE SE CARICO TUTTO DIETRO? Si sposta il baricentro, si perde aderenza, i freni non rispondono bene e non viene rispettato il rapporto di traino perché è troppo elevata la massa effettiva a terra degli assi del rimorchio ( il peso che scaricano a terra) ed il rapporto di traino anziché 1,45 verrà vicino al 2. Occorre riequilibrare il carico di cui è responsabile il conducente. RAPPORTO DI TRAINO PER AUTOARTICOLATO. È il rapporto, cioè la divisione tra massa gravante sugli assi del semirimorchio ( è data dalla massa del semirimorchio- massa su ralla) massa del semirimorchio gravante sulla ralla + tara del trattore 44

45 La massa gravante sugli assi del semirimorchio si ottiene facendo la massa del semirimorchio meno la massa gravante su ralla. Si chiama massa a terra perché è il peso che va sugli assali. Come si calcola? Una parte del semirimorchio finisce sul trattore stradale e devo scoprire quanto Vdo con il bilico agganciato a peso il trattore stradale e trovo la pesata A) Vado avanti e metto solo il semirimorchio sul peso e trovo la pesata B) B:A = rapporto di traino ESEMPIO PROBLEMI SU RAPPORTO DI TRAINO PER AUTOTRENO MCPC rimorchio MCPC motrice Per ciascuno sei seguenti problemi VERIFICARE: A) Se è rispettata la massa massima ammessa del complesso veicolare B) Se è rispettata la massa massima ammessa dei veicoli isolati C) Il rapporto di traino 45

46 1) Motrice 2 assi 16 T Rimorchio 3 assi 25 T 2) Motrice 2 assi 16 T Rimorchio 2 assi 23 T 3) Motrice 3 assi 24 T Rimorchio 2 assi 21 T 4) Motrice 2 assi 18 T Rimorchio 3 assi 26 T Massa Rimorchiabile 22T SOLUZIONE DEI PROBLEMI 1) Motrice 2 assi 16 T Rimorchio 3 assi 25 T A) Ok perché = 41 inf. A 44 T ( complessi di veicoli con 5 o più assi) B) Ok perché 16 T inf. A 18 T 25 T inf.a 26 T ( rimorchi a 3 assi) C) NO 25: 16 = 1,56 ABBINAMENTO NON POSSIBILE 46

47 2) Motrice 2 assi 16 T Rimorchio 2 assi 23 T A) Ok perché 16+23=39 inf. 40 (complesso di veicoli a 4 assi) B) NO perché 16 t inf. a 18 T ma 23 T sup. 22 T ( rimorchio a 2 assi) C) Ok perchè23 :16= 1,44 3) Motrice 3 assi 24 T Rimorchio 2 assi 21 T 4) A) NO perché = 45 sup. a 44 T ( complesso a 5 o più assi) B) Ok perché 24 T inf. 26 T ( veicoli isolati con 3 o più assi) 21 T inf. a 22 T ( rimorchi a 2 assi) C) Ok perché 21: 24 = 0,88 Motrice 2 assi 18 T Rimorchio 3 assi 26 T Massa Rimorchiabile 22T A) Ok perché 18 T = 18T ( veicolo isolato 2 assi) 26T = 26 T (rimorchio 3 assi) B) Ok perché = 40 T inf. a 44 t ( complesso di 5 o più assi) C) Ok perché 22: 18 = 1,2 47

48 ESEMPIO PROBLEMI RAPPORTO DI TRAINO PER AUTOARTICOLATO Masse gravante sugli assi del semirimorchio (massa del semirimorchio-massa su ralla) Tara trattore + Massa su ralla Per ciascuno sei seguenti problemi VERIFICARE: D) Se è rispettata la massa massima ammessa del complesso veicolare E) Se è rispettata la massa massima ammessa dei veicoli isolati F) Il rapporto di traino 1) Complesso a 4 assi Semirimorchio 29 T Su Ralla 6,5 T Trattore 8,5 T 2) Complesso a 4 assi Semirimorchio 31,2 T Su Ralla 10,5 T Trattore 8,5 T 48

49 3) Complesso a 4 assi Semirimorchio 31,6 T Su Ralla 8,5 T Trattore 9,5 T 4) Complesso a 4 assi Semirimorchio 32 T Trattore 6 T Massa Rimorchiabile 30 T 1) Complesso a 4 assi Semirimorchio 29 T Su Ralla 6,5 T Trattore 8,5 T D) Ok perché 8, = 37,5 T inf. a 40 T ( autoarticolato 4 assi) E) Ok perché 8,5 + 6,5 = 15 t. su trattore inf. a 18 T ( veicolo singolo 2 assi) F) NO perché 29T -6,5 T = 22,5 T 8,5T+6,5T = 15 T = 1,5 ABBINAMENTO NON POSSIBILE 49

50 2) Complesso a 4 assi Semirimorchio 31,2 T Su Ralla 10,5 T Trattore 8,5 T A) Ok perché 8,5 + 31,2 = 39.7 T inf. a 40 T ( autoarticolato 4 assi) B) NO perché 8,5 + 10,5 = 19 t. su trattore sup. a 18 T ( veicolo singolo 2 assi) C) Ok perché 31,2 T -10,5 T = 20,7 T 8,5T+10,5 T = = 1,45 19 T 3) Complesso a 4 assi Semirimorchio 31,6 T Su Ralla 8,5 T Trattore 9,5 T A) NO perché 9,5 + 31,6 = 41.1 T sup. a 40 T ( autoarticolato 4 assi) B) Ok perché 8,5 + 9,5 = 18 t. su trattore = a 18 T ( veicolo singolo 2 assi) C) Ok perché 31,6 T -8,5 T = 23,1 T 8,5T+9,5 T = = 1,28 18 T 4) 50

51 Complesso a 4 assi Semirimorchio 32 T Trattore 6 T Massa Rimorchiabile 30 T Per prima cosa devo trovare la misura mancante ovvero la massa su ralla Trattore a 2 assi massa massimo 18 T tara 6 T = 12 T su Ralla A) Ok perché 30 ( deve prendere la massa rimorchiabile) + 6 tara trattore= 36 T inf. a 40 T ( autoarticolato 4 assi) B) Ok perché = 18 t. su trattore = a 18 T ( veicolo singolo 2 assi) C) Ok perché 30 T -12 T = 18 T 6 T+12 T = 18 T = 1 ABBINAMENTO POSSIBILE PATENTE A PUNTI Il patrimonio iniziale è di 20 punti e viene diminuito ad ogni infrazione che comporti decurtazione punti In caso di perdita di punti, a causa di infrazioni commesse o incidenti, frequentando un corso in un'autoscuola si possono recuperare: pat. B corso 12 ore recupero 6 punti patenti superiori corso 18 ore recupero 9 punti 51

52 In caso si perdano tutti i punti (0 punti) la Motorizzazione invia una lettera ed entro 30 giorni si deve fare la revisione (se non ci si presenta, revoca della patente) Se non si commetto infrazioni per due anni viene aggiunto un bonus di 2 punti, fino ad un massimo di 30 ( per chi ha già 20 punti) Chi ha meno di 20 punti, se non commette infrazioni per due anni rientra in possesso di tutti e 20 i punti RITIRO DELLA PATENTE patente scaduta guida in stato di ebbrezza carico mal sistemato mancato rispetto del periodo di riposo SOSPENSIONE DELLA PATENTE - guida in stato di ebbrezza - inversione di marcia in autostrada - supero di oltre 40 km/h i limiti di velocità - circolare con un veicolo sequestrato - sorpassi sbagliati - se non si dà la precedenza - limitatore o cronotachigrafo manomesso - circolare su corsie di emergenza 52

53 - omissione di soccorso - circolare contromano in curva REVISIONE DELLA PATENTE Quando vi sono dei dubbi sui requisiti fisici e psichici viene prescritta una visita in commissione medica Quando vi sono dubbi sulla capacità di guida viene prescritto un nuovo esame ( teoria e guida) Oppure se si perdono tutti i punti sulla patente REVOCA DELLA PATENTE E' prevista la revoca della patente: quando si perdono i requisiti: fisici, psichici, morali (delinquenza abituale) - quando l'esame di revisione da esito negativo (es.: 0 punti sulla patente dubbi sulla capacità di guida: si rifanno i quiz o revisione dalla commissione medica e l esito è negativo) - quando si guida patente sospesa - guida in stato di ebbrezza per conducenti professionali RESPONSABILITA' CIVILE riguarda le violazioni del codice civile si devono pagare i danni causati a terze persone, a cose o ad animali 53

54 ricade sul proprietario del veicolo e sul conducente (tutti e due sono tenuti a pagare) L unico caso in cui il proprietario non paga è quando prova che la circolazione è avvenuta contro la sua volontà ( es furto del veicolo) CONTRO LA RESPONSABILITA CIVILE CI SI PUO ASSICURARE RESPONSABILITA' PENALE riguarda le violazioni del codice penale viene istituito un processo penale (fedina penale sporca ) ricade solo sul conducente per feriti gravi o morti Ricade anche sul proprietario in caso di INCAUTO AFFIDAMENTO cioè quando si affidi un veicolo ad una persona che non ha la patente, (es. se si dà un autocarro ad un soggetto che non ha la patente C, ne risponde anche il proprietario). CONTRO LA RESPONSABILITA PENALE NON CI SI PUO ASSICURARE RESPONSABILITA' AMMINISTRATIVA riguarda le violazioni del codice della strada si deve pagare una multa 54

55 Le tre responsabilità sono tra loro indipendenti nel senso che posso avere un incidente ad solo con la responsabilità civile ( es: rigo una macchina e la devo risarcire i danni) Posso avere un incidente con tutte e tre le responsabilità ( es: rigo una macchina e la devo risarcire = resp. Civile, ma provoco anche una ferita grave alla controparte, mi fanno un processo = resp. penale, ometto di rispettare un cartello di stop, pago una multa = resp. amministrativa) RCA: RESPONSABILITA' CIVILE AUTOMOBILISTICA ogni veicolo in circolazione deve essere assicurato con una polizza RCA l'assicurazione (cioè la responsabilità civile) paga i danni che vengono causati a terze persone fino ad un massimo (detto massimale) oltre al quale è l'assicurato che deve pagare i massimali minimi (cioè le somme minime di risarcimento a cui ci si deve assicurare) sono stabiliti dalla legge si possono alzare i massimali pagando la maggiorazione di premio in caso di torto la polizza RCA non paga i danni al veicolo dell'assicurato e all'assicurato stesso, ma solo quelli a terze persone e ai trasportati dell'assicurato (se ho torto RCA non paga i danni al mio veicolo o a me stesso, ma solo quelli che ho fatto a terzi o alle 55

56 persone che trasportavo) la polizza vale nell'ambito della CEE (Comunità Europea) MASSIMALE E' la somma massima che paga l'assicurazione in caso di incidenti nei quali l'assicurato ha causato danni (oltre paga l'assicurato) MASSIMALE MINIMO: è stabilito per legge (non si può scendere) MASSIMALE MASSIMO: è stabilito dall'assicurazione e dall'assicurato, che pagando il premio di maggioranza può alzare il massimale ( se pago di più di assicurazione il massimale si alza) BONUS / MALUS E' un tipo di contratto che si fa con l'assicurazione per cui: se non si fanno incidenti durante l'anno si ha un BONUS (cioè si paga di meno) se si fanno incidenti si ha un MALUS (cioè si paga di più si sale di 2 categorie) Garantisce comunque la copertura del sinistro entro il massimale FRANCHIGIA E' un tipo di contratto che si fa con l'assicurazione per cui fino ad una certa somma (franchigia) paga l'assicurato, mentre, se il danno è superiore alla franchigia stabilita, paga l'assicurazione 56

57 (costa meno del contratto bonus/malus, ma una parte del danno causato nell incidente è a mio carico) RIVALSA DELL ASSICURAZIONE L assicurazione paga i danni che ho causato a terzi ma poi mi chiede indietro i soldi quando: guido senza patente guido con foglio rosa senza istruttore guido in stato di ebbrezza sovraccarico o sovrannumero CID E' il modulo di contestazione amichevole di incidente - I conducenti dei veicoli che hanno avuto un incidente si mettono d'accordo su chi abbia torto e chi ragione e firmano il modulo - Non servono testimoni - Il risarcimento danni si ha velocemente perchè viene anticipato dalla propria assicurazione MODI DI UTILIZZO DEL TRIANGOLO - Fuori dai centri abitati tutte le volte che il veicolo in avaria (o il carico caduto) non sia visibile, a chi sopraggiunge, ad una distanza di 100 mt. - Va posizionato sulla corsia occupata ad almeno 50 mt dal veicolo fermo in modo che sia visibile a chi sopraggiunge ad almeno 100 mt. ad almeno 1 mt dal bordo esterno Va 57

58 posizionato in modo tale che non cada per lo spostamento d aria - Non lo devo mai usare nei centri abitati. - Lo devo sempre usare in autostrada ad una distanza di almeno 100 mt dal veicolo fermo o dal carico Velocità ANGOLO DI DERIVA E' l'angolo che si forma tra la direzione teorica richiesta dal conducente con il volante e la direzione effettiva percorsa dal pneumatico per effetto di deviazioni trasversali che possono essere causate da: 58

59 carico mal sistemato che genera sotto sterzo o sovrasterzo pneumatici sgonfi (che hanno più deformazione) colpi di vento laterale raggio di curvatura condizioni del fondo stradale I fianchi dei pneumatici cedono e superata una certa deformazione il pneumatico inizia a strisciare sul terreno. AQUAPLANING E' un galleggiamento del veicolo sull'acqua. I pneumatici si sollevano e perdono aderenza. L'acqua non riesce più a scolare dal battistrada a causa di: Pneumatici usurati ( non hanno più intagli) Alta velocità ( più si va veloce più è difficile per il battistrada drenara l acqua) Pneumatici sgonfi ( gli intagli si chiudono diminuendo la capacità di smaltimento dell acqua) Si sente più facilmente nei veicoli leggeri Spessore dell acqua presente sulla strada Come comportarsi in caso di acquaplaning: rallentare tenere saldamente volante non frenare il 59

60 Spessore minimo delle gomme: 1,6 mm per autoveicoli 1 mm per motoveicoli 0,5 mm per ciclomotori SOTTOSTERZO (sotto lo sterzo= non sterza abbastanza) Il veicolo non è più in grado di girare e le ruote davanti tendono verso l esterno, cioè tende ad allargare la curva Si ha quando: il carico è sistemato troppo in avanti. Devo rallentare e sterzare di più troppo) SOVRASTERZO (sopra lo sterzo, cioè sterza le ruote anteriori si chiudono e quelle posteriori tendono ad aprirsi Tende a stringere la curva con pericolo di testa-coda. Si ha quando: il carico è sistemato troppo indietro. controsterzare Devo rallentare e E' più pericoloso l'effetto sovrasterzante perchè devo correggere controsterzando dall'altra parte 60

61 Con l effetto sovrasterzante il veicolo tende a chiudere la curva, quindi l angolo di deriva sull asse posteriore è maggiore rispetto a quello sull asse anteriore Con l effetto sottosterzante il veicolo tende ad aprire la curva, quindi l angolo di deriva sull asse anteriore è maggiore rispetto a quello sull asse posteriore. Se il pneumatico è consumato l effetto della deriva è maggiore A.B.S. E' un sistema che non consente alle ruote di bloccarsi. Sulle ruote ci sono dei sensori che, quando sentono che una ruota si sta per bloccare, mandano un segnale ad una centralina che tramite un cavetto riduce la pressione dell olio o dell aria a quella ruota, la pinza dei freni si apre e si chiude in rapida successione e fa sì che non si blocchi, perché se la ruota si blocca il veicolo va avanti per strisciamento Funziona oltre i 20 km/h; ad una velocità inferiore non funziona, altrimenti non permetterebbe al veicolo di fermarsi. 61

Impianto Frenante. Dispensa didattica. Zanutto Daniele

Impianto Frenante. Dispensa didattica. Zanutto Daniele Impianto Frenante Dispensa didattica Zanutto Daniele I Freni pag. 4782 Compito I freni hanno il compito di rallentare, frenare e fermare un veicolo e di impedire un suo movimento da fermo. Durante la decelerazione,

Dettagli

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132 pag. 1/28 SOMMARIO Carro tipo 130 / 132 1.0 - INFORMAZIONI GENERALI... 2 1.1 - Descrizione del prodotto... 2 1.2 - Caratteristiche tecniche del prodotto... 4 1.2.1 - Dimensioni... 4 1.2.2 - Carichi...

Dettagli

Valvole di comando per rimorchi Corso base

Valvole di comando per rimorchi Corso base Valvole di comando per rimorchi Corso base Funzione Nelle motrici e trattori stradali le valvole di comando per rimorchi hanno la funzione di controllare i freni del rimorchio sensibilmente e in maniera

Dettagli

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta)

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta) MANI IN POSIZIONE BASE Posizione base, fondamentale per guidare con qualità e sicurezza: mani sul volante come sul quadrante di un orologio, per indicare le ore 9:15, con i pollici bene ancorati alle razze.

Dettagli

REGOLAMENTO COSTRUTTIVO CATEGORIA KART TRADIZIONALE (N5K) (in vigore dal 2015)

REGOLAMENTO COSTRUTTIVO CATEGORIA KART TRADIZIONALE (N5K) (in vigore dal 2015) REGOLAMENTO COSTRUTTIVO CATEGORIA KART TRADIZIONALE (N5K) (in vigore dal 2015) 1 Definizione Sono ammessi nella categoria N5K (Kart) i telai Kart a motore che dispongano o abbiano disposto di omologazione

Dettagli

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRASPORTO COMBINATO CODIFICATO DELLE CASSE MOBILI E DEI SEMIRIMORCHI Il trasporto per ferrovia delle casse

Dettagli

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa Alle seguenti pagine trovate una descrizione del principio di funzionamento generale dei sistemi frenanti ad aria compressa installati in

Dettagli

Simboli di disegni e di funzione Corso base

Simboli di disegni e di funzione Corso base Simboli di disegni e di funzione Introduzione Simboli di disegni Simboli di funzione Nota Nota: nella rappresentazione della schematica freni e delle funzioni negli apparecchi molto spesso si utilizzano

Dettagli

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti ALCOOL E DROGHE art. 86, comma e 7 art. 87, comma 7 e 8 Guidare in stato di ebbrezza Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Quality Trailers. 2012 serie big trailers dumper

Quality Trailers. 2012 serie big trailers dumper Quality Trailers 2012 serie big trailers dumper Quality trailers SISTEMA ELETTRO-IDRAULICO DI STERZATURA DEGLI ASSI POSTERIORI SEGNALAZIONE EIMA 2004 RIMORCHIO PREDISPOSTO PER IMPIANTO FOTOVOLTAICO TELO

Dettagli

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B )

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B ) Questa attrezzatura Meyer soddisfa interamente le norme di sicurezza CE. Il certificato di conformità è spedito con l attrezzatura. Il simbolo CE è riportato sulla targhetta del costruttore. Descrizione

Dettagli

REACH STACKER IRS 50 MANUALE USO E MANUTENZIONE CAPITOLO 6. DESCRIZIONE DELLA MACCHINA

REACH STACKER IRS 50 MANUALE USO E MANUTENZIONE CAPITOLO 6. DESCRIZIONE DELLA MACCHINA REACH STACKER IRS MANUALE USO E MANUTENZIONE 6.1.2 DATI TECNICI SPECIFICHE Capacità di sollevamento (1. / 2. Row)...000 / 000 kg Load Center...2000 / 00 mm Motore...Diesel Sterzo...idrostatico, volante

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Indice DEFINIZIONE... 2 Allestimento flessibile alla torsione... 2 CARATTERISTICHE GENERALI DEL TELAIO... 3 Uso... 3 Resistenza... 3 Stabilità durante il ribaltamento... 3 Comfort, caratteristiche di guida...

Dettagli

LA TRATTRICE AGRICOLA

LA TRATTRICE AGRICOLA LA TRATTRICE AGRICOLA TIPOLOGIE DI TRATTRICI STRUTTURA DELLE TRATTRICI MODERNE PARTICOLARI TIPI DI TRATTRICE PRINCIPALI PARTI DELLA TRATTRICE TIPOLOGIE DI TRATTRICI La trattrice agricola viene definita

Dettagli

L AVVIAMENTO NEI MOTORI MARINI DI MEDIA E GRANDE POTENZA

L AVVIAMENTO NEI MOTORI MARINI DI MEDIA E GRANDE POTENZA L AVVIAMENTO NEI MOTORI MARINI DI MEDIA E GRANDE POTENZA Quando il motore è fermo, bisogna fornire dall'esterno l'energia necessaria per le prime compressioni, onde portare l'aria ad una temperatura sufficiente

Dettagli

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Pagina 1 La responsabilità civile grava (è): sul conducente; sul proprietario del veicolo in solido. Non grava sul proprietario quando può dimostrare che

Dettagli

Codice della strada. a cura di Andrea Montignani e Giorgio Perlini

Codice della strada. a cura di Andrea Montignani e Giorgio Perlini Codice della strada a cura di Andrea Montignani e Giorgio Perlini INCIDENTI STRADALI: CAUSE 60-85% eccesso di velocità guida distratta mancata precedenza mancata distanza di sicurezza assunzione di alcol

Dettagli

Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo

Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo 10. Schede veicoli Masse complessive a pieno carico veicoli muniti di pneumatici, con carico unitario medio trasmesso all'area di impronta sulla strada non superiore a 8

Dettagli

CARRELLO ITALIANO Il carrello sterzante detto Italiano è nato a seguito di una esigenza prettamente italiana dovuta alla situazione in cui versavano le linee ferroviarie agli inizi del 1900. I tracciati

Dettagli

Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 146 Bis

Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 146 Bis Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 03/10/2008 pag. 1/23 SOMMARIO Carro SITFA tipo 146 Bis PROVVISORIO 03/10/2008 1.0 - INFORMAZIONI GENERALI...

Dettagli

90º SPECIALE CARRELLI ELEVATORI

90º SPECIALE CARRELLI ELEVATORI SPECIALE CARRELLI ELEVATORI anthony nadalin, TMHE 90º CON I PIEDI PER TERRA Toyota ha instaurato un rapporto duraturo con molti dei suoi clienti. Il merito di ciò va in gran parte al Sistema di Stabilità

Dettagli

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 @ RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 2 RC 40 Dati tecnici. 3 Questa scheda tecnica indica soltanto i valori tecnici del carrello elevatore

Dettagli

Corso TEORICO di Guida in Sicurezza dei Mezzi Fuoristrada destinato ai Volontari

Corso TEORICO di Guida in Sicurezza dei Mezzi Fuoristrada destinato ai Volontari Questionario Note Le domande dei questionari sono di tipo differente. Nello specifico, questi sono i tipi di domande: SCELTA MULTIPLA (1 opzione): sono elencate alcune risposte possibili e va scelta quella

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

Progettazione di macchina semovente innovativa per il soccorso e la rimozione di veicoli

Progettazione di macchina semovente innovativa per il soccorso e la rimozione di veicoli Progettazione di macchina semovente innovativa per il soccorso e la rimozione di veicoli candidato Emanuele Placuzzi rel. Prof. Luca Piancastelli correl. Dott. Maurizio Tappi Dott. Gialuca Piraccini Tesi

Dettagli

Fondamenti fisici Corso base

Fondamenti fisici Corso base Fondamenti fisici Corso base Funzione dei sistemi frenanti Potenza frenante Oggigiorno ogni autoveicolo deve essere equipaggiato con un sistema frenante, per la cui efficacia e sicurezza sono vigenti rispettive

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE VISIVA ATTREZZATURE PER IL TRASPORTO DI BAMBINI PRESCRIZIONI PER LA CIRCOLAZIONE di Franco MEDRI * L articolo 50 del definisce i velocipedi

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Scrambler Manuale d'uso e manutenzione

Scrambler Manuale d'uso e manutenzione Scrambler Manuale d'uso e manutenzione Indice 1 ruote 2 freni 3 cambio 4 forcella 5 Pedalata assistita 1 ruote Montaggio ruote posteriori. Per montare le ruote posteriori sfilare il perno a vite fino a

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE MANUALE USO E MANUTENZIONE Argano manuale con cavo Art. 0070/C ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

Dati tecnici Riscaldatrice HM 4500

Dati tecnici Riscaldatrice HM 4500 Dati tecnici Riscaldatrice HM 4500 Dati tecnici Riscaldamento Larghezza max. di riscaldamento Potenza calorifica max. Radiatori Lunghezza del gruppo radiante anteriore Lunghezza del gruppo radiante posteriore

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUTENZIONE ED USO. INDICE: AVVERTENZE GENERALI PER LA SICUREZZA...PAG. 2 INSTALLAZIONE GUIDE VERTICALI...PAG. 2 INSTALLAZIONE GRUPPO MOLLE...PAG. 2 INSTALLAZIONE CON VELETTA

Dettagli

Le sospensioni 22 R.T.A. 152. di Gianpaolo Riva

Le sospensioni 22 R.T.A. 152. di Gianpaolo Riva Le sospensioni di Gianpaolo Riva Sono elementi nascosti alla vista dell automobilista. Assicurano comfort e tenuta di strada e perciò la loro funzione è indispensabile e fondamentale per la sicurezza attiva.

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

QUESTIONARIO DATI TECNICI

QUESTIONARIO DATI TECNICI Allegato 6 QUESTIONARIO DATI TECNICI Il questionario deve essere compilato per ogni modello di autobus offerto a cura esclusiva della ditta offerente ed in ogni sua parte, con esclusione di quelle che

Dettagli

TERMINAL & RORO TRACTORS

TERMINAL & RORO TRACTORS TERMINAL & RORO TRACTORS TERMINAL TRACTOR YM180/4x2 TERMINAL TRACTOR YM220/4x2 TERMINAL TRUCK HM220/4x2 RORO TRACTOR RM250/4x4 RORO TRACTOR FM250/4x4 CABIN Diksmuidesteenweg 63 8830 Hooglede T:051/701681

Dettagli

DISTRIBUTORE ESCLUSIVO PER L ITALIA MACCHINE SOFFIA CAVO MINIFOK

DISTRIBUTORE ESCLUSIVO PER L ITALIA MACCHINE SOFFIA CAVO MINIFOK FAR s.r.l. Elettronica - Elettrotecnica - Telecomunicazioni - Test Via Firenze n.2-8042 NAPOLI Tel 08-554405 - Fax 08-5543768 E mail: faritaly@tin.it web : www.farsrlitaly.com DISTRIBUTORE ESCLUSIVO PER

Dettagli

GLI ATTUATORI PNEUMATICI

GLI ATTUATORI PNEUMATICI GLI ATTUATORI PNEUMATICI 1. Attuatori pneumatici In generale gli attuatori sono gli organi finali di un sistema automatico. Essi trasformano una energia (elettrica o di pressione di un liquido o di un

Dettagli

Norme di legge secondo la normativa ECE 48

Norme di legge secondo la normativa ECE 48 Norme di legge secondo la normativa ECE 48 Per veicoli a motore e rimorchi 2 3 Panoramica generale delle norme sull'illuminazione Per dotare un veicolo di un equipaggiamento o di un montaggio aftermarket

Dettagli

Verifica finale corso di Guida sicura

Verifica finale corso di Guida sicura Verifica finale corso di Guida sicura NOTA BENE: le soluzioni si trovano in fondo al documento 1. Quali sono gli scopi di una buona posizione di guida? (barrare tutte le risposte corrette) A) evitare che

Dettagli

GENERATORE DI CORRENTE CON TORRE FARO, SCARRABILE, ALLESTITO SU CARRELLO STRADALE IN ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE

GENERATORE DI CORRENTE CON TORRE FARO, SCARRABILE, ALLESTITO SU CARRELLO STRADALE IN ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO TECNICO N.11 GENERATORE DI CORRENTE CON TORRE FARO, SCARRABILE, ALLESTITO SU CARRELLO STRADALE IN ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Dovrà essere fornito generatore di corrente con torre faro, scarabbile,

Dettagli

6.2 Pompe volumetriche

6.2 Pompe volumetriche 6.2 Pompe volumetriche Le pompe volumetriche sfruttano gli stessi principi di funzionamento degli omonimi compressori, in questo caso però il fluido di lavoro è di tipo incomprimibile. Si distinguono in

Dettagli

Specifica Tecnica ST 05-01 CARRO TIPO 152 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 152

Specifica Tecnica ST 05-01 CARRO TIPO 152 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 152 pag. 1/49 Carro SITFA tipo 152 SOMMARIO Nel presente documento sono riportate le istruzioni per l utilizzo e le avvertenze per la sicurezza del carro SITFA tipo 152: 1.0 Informazioni generali pag. 2 2.0

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Organi di propulsione e sostegno Prof. S. Pascuzzi 1 Organi di propulsione e sostegno Organi di propulsione

Dettagli

Multipurpose All Terrain Vehicle

Multipurpose All Terrain Vehicle FRESIA F18 4X4 Multipurpose All Terrain Vehicle Mezzo Speciale per Trasporto Materiale Logistico in condizioni estreme su ogni tipo di terreno 4 Ruote Motrici 4 Ruote Sterzanti L F18 4x4 è un veicolo leggero

Dettagli

MONTEFIORI s.n.c - COSTRUZIONE MECC. METALLURGICA E COMMERCIO di Montefiori Gino & C.

MONTEFIORI s.n.c - COSTRUZIONE MECC. METALLURGICA E COMMERCIO di Montefiori Gino & C. Livellatrice trainata tipo MONTEFIORI ROMA 600M Per trattori con potenze da 280/400 cavalli TELAIO BREVETTATO CALCOLATO FINO A 600 CAVALLI Dati Informativi : Livellatrice trainata con predisposizone a

Dettagli

RIFERIMENTI: POS-04 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE UTILIZZO MEZZI DI TRASPORTO. Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA

RIFERIMENTI: POS-04 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE UTILIZZO MEZZI DI TRASPORTO. Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA ALLEGATO 3 Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA 13 di 19 1. LE NORME GENERALI PER LA CONDUZIONE L uso del carrello elevatore è consentito esclusivamente al personale autorizzato,

Dettagli

PATENTI PATENTE AM. Età minima 14

PATENTI PATENTE AM. Età minima 14 PATENTE AM 14 Età massima Segue le scadenze previste per la patente A: 10 anni fino a 50 anni di età, 5 anni per chi ha un età compresa tra 50 e i 70 anni, 3 anni per chi ha superato i 70 anni, 2 anni

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

Freno di stazionamento. Cabina di guida. Comando lama neve

Freno di stazionamento. Cabina di guida. Comando lama neve Cabina di guida L abitacolo del nuovo Veicolo Euro 5 è caratterizzato dal nuovo design della consolle centrale. La cabina si contraddistingue perché di tipo avanzato, costruita in materiale composito anticorrosivo

Dettagli

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO COMUNE DI CARDANO AL CAMPO Provincia di Varese COMANDO POLIZIA LOCALE Telefono: 0331-266244 / 348-2665961 - Fax: 0331-266252 e - mail: poliziam@comune.cardanoalcampo.va.it ARTICOLO INFRAZIONE PUNTI IMPORTO/SANZIONE

Dettagli

sedia a rotelle elettrica

sedia a rotelle elettrica sedia a rotelle elettrica Manuale d uso attenzione: Gli operatori devono leggere e capire completamente questo manuale prima di utilizzare il prodotto. M27729-I-Rev.0-07.11 1 I. PRESENTAZIONE DEL PRODOTTO

Dettagli

LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. Oggetto: BOX DOCCIA. PRODOTTO DA IMBALLARE: DIMENSIONI PRODOTTO:

LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. Oggetto: BOX DOCCIA. PRODOTTO DA IMBALLARE: DIMENSIONI PRODOTTO: Oggetto: LPRE1405-8A LINEA DI IMBALLAGGIO AUTOMATICO CON CARTONE A MODULO CONTINUO. PRODOTTO DA IMBALLARE: BOX DOCCIA. DIMENSIONI PRODOTTO: LUNGHEZZA (X) MIN. 800 MM MAX. 2200 MM LARGHEZZA (Y) MIN. 240

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO I Controlli degli Relatore: Sig. Giuseppe VEZZOLI Brescia, 23 Marzo 2015 1 - DEFINIZIONE Secondo la Direttiva Macchine 2006/42/CE un Accessorio di Sollevamento è definito come: componente o attrezzatura

Dettagli

,1)250$=,21,7(&1,&+($63(77,1250$7,9,(&216,*/,$// 87(17(3(5 81&255(772()81=,21$/(,03,(*2'(/5,025&+,2

,1)250$=,21,7(&1,&+($63(77,1250$7,9,(&216,*/,$// 87(17(3(5 81&255(772()81=,21$/(,03,(*2'(/5,025&+,2 ,1)250$=,21,7(&1,&+($63(77,1250$7,9,(&216,*/,$// 87(17(3(5 81&255(772()81=,21$/(,03,(*2'(/5,025&+,2,QGLFHGHJOLDUJRPHQWLWUDWWDWL 5LPRUFKLOHJJHUL... Definizione e categorie 5LPRUFKLOHJJHUL... Caratteristiche

Dettagli

Specifiche tecniche. Serie WP 2300. Transpallet Elettrico WP 2300. Serie

Specifiche tecniche. Serie WP 2300. Transpallet Elettrico WP 2300. Serie C Specifiche tecniche Serie WP 2300 Transpallet Elettrico WP 2300 Serie C Serie WP 2300 Transpallet con operatore a terra zona di frentura zona marcia passo passo zona di marcia zona di frentura 1250 820

Dettagli

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet Pagina 1 di 6 NORME DI COMPORTAMENTO TAXI ED AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE 1) Qual è la formula assicurativa R.C.A. che premia l'assicurato che nel corso dell'anno non ha provocato danni a terzi? A [*] Bonus-Malus

Dettagli

Normativa: Legge 298/74 art. 45

Normativa: Legge 298/74 art. 45 asasas Dispositivi obbligatori per veicoli commerciali. Contrassegno identificativo tipologia trasporto Conto Proprio. Normativa: Legge 298/74 art. 45 La mancanza del contrassegno è sanzionata dall art.

Dettagli

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione)

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) Si utilizzano le pompe, per il sollevamento dell acqua dai pozzi e per inviarla ai serbatoi o inviarla ad una rete di distribuzione e comunque per trasferire l acqua

Dettagli

Istruzione di montaggio per kit di taratura idraulica Per forcelle a cartuccia

Istruzione di montaggio per kit di taratura idraulica Per forcelle a cartuccia Istruzione di montaggio per kit di taratura idraulica Per forcelle a cartuccia La forcella è un componente molto importante della moto e ha una grande influenza sulla stabilità del veicolo. Leggere attentamente

Dettagli

I MEZZI PER IL TRASPORTO STRADALE

I MEZZI PER IL TRASPORTO STRADALE I MEZZI PER IL TRASPORTO STRADALE APPUNTI A CURA DEL PROF.VENERUSO ENRICO I mezzi per il trasporto stradale delle unità di carico intermodali si dividono in : Autocarro lunghezza massima di 12,0 metri

Dettagli

PTT di 3.500 Kg e pertanto conducibile con Patente B. Pagina 1

PTT di 3.500 Kg e pertanto conducibile con Patente B. Pagina 1 SPAZZATRICE ASPIRANTE VELOCE mod. MINOR m 3 2 La Spazzatrice Aspirante Scarab Minor è una delle più potenti spazzatrici compatte per aree urbane. E allestita con motore Diesel VM sovralimentato (conforme

Dettagli

VEICOLI DA TRASFORMAZIONE. tecnica / motori 01/2014. 2 anni di garanzia contrattuale, 1 anno di garanzia estesa

VEICOLI DA TRASFORMAZIONE. tecnica / motori 01/2014. 2 anni di garanzia contrattuale, 1 anno di garanzia estesa fiat DUCATO VEICOLI DA TRASFORMAZIONE tecnica / motori 01/2014 2 anni di garanzia contrattuale, 1 anno di garanzia estesa Totale 3 anni di garanzia o pure 200 000 km Tagliando ogni 48 000 km Gamma 4x4

Dettagli

Autocarri con allestimento intercambiabile. Informazioni generali sugli autocarri con allestimento intercambiabile PGRT

Autocarri con allestimento intercambiabile. Informazioni generali sugli autocarri con allestimento intercambiabile PGRT Informazioni generali sugli autocarri con allestimento intercambiabile Informazioni generali sugli autocarri con allestimento intercambiabile I veicoli con allestimento intercambiabile sono considerati

Dettagli

CARROZZATURA CON CASSONE RIBALTABILE

CARROZZATURA CON CASSONE RIBALTABILE CARROZZATURA CON CASSONE RIBALTABILE I veicoli allestiti con carrozzerie di tipo ribaltabile sono costituiti essenzialmente da un controtelaio permanentemente ancorat o all'autotelaio sul quale è appoggiato

Dettagli

NEWS 61. Moltiplicatore di pressione Serie

NEWS 61. Moltiplicatore di pressione Serie NEWS 61 Componenti per l'automazione pneumatica Moltiplicatore di pressione www.pneumaxspa.com Generalità In alcune applicazioni, la spinta generata da un attuatore pneumatico è insufficiente a compiere

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE AUTOMEZZO COSTIPATORE DA 5 MC

SPECIFICHE TECNICHE AUTOMEZZO COSTIPATORE DA 5 MC Pagina 1 di 5 SPECIFICHE TECNICHE AUTOMEZZO COSTIPATORE DA 5 MC Pagina 2 di 5 1) DESCRIZIONE GENERALE L attrezzatura è costituita di massima dalle seguenti parti: a) Cassone a vasca dal volume minimo di

Dettagli

Capitolo 3. Iniziamo col far vedere cosa si è ottenuto, per far comprendere le successive descrizioni, avendo in mente ciò che si vuole realizzare.

Capitolo 3. Iniziamo col far vedere cosa si è ottenuto, per far comprendere le successive descrizioni, avendo in mente ciò che si vuole realizzare. Realizzazione meccanica Iniziamo col far vedere cosa si è ottenuto, per far comprendere le successive descrizioni, avendo in mente ciò che si vuole realizzare. - 37 - 3.1 Reperibilità dei pezzi La prima

Dettagli

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE:

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Pag. 1 Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Alla semplicità strutturale si accompagnano soluzioni avanzate che fanno una macchina molto versatile utilizzabile in tutte

Dettagli

Temi per la prova d esame per gli INSEGNANTI di AUTOSCUOLA

Temi per la prova d esame per gli INSEGNANTI di AUTOSCUOLA Temi per la prova d esame per gli INSEGNANTI di AUTOSCUOLA Il D.M. n.17 del 26 gennaio 2011 all art. 3 comma 2 lettera b prevede testualmente: il candidato tratta sinteticamente, per iscritto e nel tempo

Dettagli

Dati tecnici Spandilegante serie TA SW 10 TA SW 16 TA

Dati tecnici Spandilegante serie TA SW 10 TA SW 16 TA Dati tecnici Spandilegante serie TA SW 10 TA SW 16 TA Dati tecnici Spandilegante SW 10 TA Spandilegante SW 16 TA Cassone Capacità del cassone 10 m 3 16 m 3 Diametro bocchettone / tubazione di riempimento

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.macchineagricoledomani.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi

Dettagli

Tabella completa dei punteggi previsti dall art.126-bis Articolo Violazione commessa Punti

Tabella completa dei punteggi previsti dall art.126-bis Articolo Violazione commessa Punti Tabella completa dei punteggi previsti dall art.6-bis Articolo Violazione commessa Punti Velocità non commisurata alle situazioni ambientali, di sicurezza (intersezioni, centri abitati ecc.) e di visibilità

Dettagli

PRODUZIONE GRANDE SERIE

PRODUZIONE GRANDE SERIE TAVOLE ELEVATRICI IDRAULICHE SU RUOTE Sollevare, abbassare, trasportare. Sicure e di facile manovrabilità Struttura robusta in profilati acciaio Impugnatura di spinta cromata Sollevamento a pedale con

Dettagli

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m DINAMICA. La macchina di Atwood è composta da due masse m e m sospese verticalmente su di una puleggia liscia e di massa trascurabile. i calcolino: a. l accelerazione del sistema; b. la tensione della

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D INFORMAZIONI GENERALI Questo manuale e parte integrante del depuratore-disoleatore per lubrorefrigeranti e liquidi di macchine lavaggio sgrassaggio pezzi

Dettagli

JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS

JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS PESO OPERATIVO: POTENZA MASSIMA: 4300 4750 kg 34,1 kw H E I F K C J A B D G L JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS A Interasse ruote 1845 1990 B Lunghezza totale carro 2385 2530 C Luce libera supporto escavatore

Dettagli

Il compatto per la movimentazione pesante. 505E. 5.000 Kg

Il compatto per la movimentazione pesante. 505E. 5.000 Kg D d i e s e l Il compatto per la movimentazione pesante. 505E 5.000 Kg 50 D IL 505E Il carrello 505E fonde la qualità e le prestazioni della linea 355E- 455E, con la robustezza del gruppo di sollevamento

Dettagli

Dynamic 121-128. Istruzioni per il montaggio e l uso

Dynamic 121-128. Istruzioni per il montaggio e l uso Dynamic 121-128 Istruzioni per il montaggio e l uso 1 Installazione a presa diretta 1.1 Installazione diretta sull albero a molle. Innestare la motorizzazione, da destra o da sinistra a seconda del lato

Dettagli

TABELLA 1. (4) ESTENSIONE da C1/C1E a C/CE

TABELLA 1. (4) ESTENSIONE da C1/C1E a C/CE ERRATA CORRIGE COMPLETO al libro: IL LISTATO DEI QUIZ PATENTI SUPERIORI (testo integrale) Dopo la realizzazione del LISTATO per le patenti superiori ci sono state, da parte del Ministero, ripetute modifiche

Dettagli

LE NUOVE CATEGORIE DI PATENTI DI GUIDA ART. 116 CDS - IN VIGORE DAL

LE NUOVE CATEGORIE DI PATENTI DI GUIDA ART. 116 CDS - IN VIGORE DAL LE NUOVE CATEGORIE DI PATENTI DI GUIDA ART. 116 CDS - IN VIGORE DAL 19.01.2013 Tutte le novità sulle 15 categorie e le relative tabelle di Franco MEDRI * Il Decreto Legislativo 18 aprile 2011, n. 59 nel

Dettagli

NORME TECNICHE E GESTIONE TECNICA

NORME TECNICHE E GESTIONE TECNICA NORME TECNICHE E GESTIONE TECNICA 001 Cosa si intende per tara del veicolo? A La massa del veicolo a vuoto F B La massa del veicolo a vuoto e quella del conducente F C La massa del veicolo a vuoto, del

Dettagli

AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA

AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA CAPITOLATO TECNICO PER L ACQUISTO DI N 1 VEICOLO CABINATO CON PIATTAFORMA AEREA PORTA OPERATORI CIG: 6060322FE8 2 OGGETTO: Acquisto di n 1 veicolo cabinato con

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling)

Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling) Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling) Osservazione: con il segno + si vuole indicare che la regolazione impostata è stata aumentata. Mentre, con il segno la regolazione impostata

Dettagli

Smorzamento Degli Ammortizzatori

Smorzamento Degli Ammortizzatori Smorzamento Degli Ammortizzatori Lo smorzamento governa la resistenza al movimento degli ammortizzatori, per mezzo di un pistone interno che si muove a bagno d olio quando l ammortizzatore si comprime

Dettagli

Le pompe (Febbraio 2009)

Le pompe (Febbraio 2009) Le pompe (Febbraio 2009) Sommario Premessa 2 Classificazione e campi d impiego delle pompe 3 Prevalenza della pompa 4 Portata della pompa 6 Potenza della pompa 6 Cavitazione 6 Perdite di carico 6 Curve

Dettagli

Sistemi di Carico e Scarico

Sistemi di Carico e Scarico Sistemi di Carico e Scarico Sistemi di carico e scarico I sistemi di carico e scarico costituiscono una completa dotazione dei punti di carico e scarico delle merci nei magazzini e nei centri logistici.

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti -

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - P.S.R. 2007/2013 Misura 226 Azione d) (Acquisto di attrezzature e mezzi innovativi per il potenziamento degli interventi di prevenzione

Dettagli

Carrelli elevatori termici, con pneumatici 4.0-5.0 tonnellate

Carrelli elevatori termici, con pneumatici 4.0-5.0 tonnellate Carrelli elevatori termici, con pneumatici 4.0-5.0 tonnellate FD/FG40K FD/FG40KL FD/FG45K FD/FG50K 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 1.8 1.9 2.1 2.2 2.3 3.1 3.2 3.3 3.5 3.6 3.7 4.1 4.2 4.3 4.4 4.5 4.7 4.8 4.12 4.19

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti Come è ormai noto, alcune e ben precise violazioni del Codice della Strada danno luogo alla sanzione amministrativa ed alla decurtazione dei punti della patente in misura variabile e legata alla gravità

Dettagli

C4 è la più piccola lavasciuga pavimenti uomo a bordo con le dimensioni di una uomo a terra.

C4 è la più piccola lavasciuga pavimenti uomo a bordo con le dimensioni di una uomo a terra. Lavasciuga pavimenti C4 è la più piccola lavasciuga pavimenti uomo a bordo con le dimensioni di una uomo a terra. Manovrabile, produttiva, modulare e sicura, ha una larghezza di 65 cm incluso il tergipavimento

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli