1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO"

Transcript

1 1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO Ormai da quasi vent anni il comune di Torino sta perdendo popolazione. Dopo il boom demografico durato fino alla metà degli anni settanta, nel decennio successivo il numero di residenti si è drasticamente ridotto; il calo si è poi fatto meno marcato a partire dai primi anni novanta (essenzialmente grazie a un saldo migratorio meno negativo). Complessivamente, la popolazione di Torino è diminuita tra il 1981 e il 2000 del 19,2 per cento, dal 1991 al 2000 del 6,3 per cento*. Popolazione residente nel comune di Torino, (fonte: Ufficio di Statistica del Comune di Torino) * Nonostante il calo demografico degli ultimi decenni, Torino (901 mila abitanti) rimane la quarta città italiana per numero di abitanti, dopo Roma (2 milioni e 644 mila abitanti), Milano (1 milione e 301 mila), Napoli (1 milione e 3 mila) e prima di Palermo (684 mila abitanti) e Genova (636 mila). 19

2 Saldo naturale e saldo migratorio nel comune di Torino, (fonte: Ufficio di Statistica del Comune di Torino) Saldo naturale Saldo migratorio Per quanto riguarda invece l area metropolitana (esclusa Torino)* le cose sono andate molto diversamente: il numero di residenti dal 1981 al 2000 è aumentato, la popolazione complessiva è passata da persone a (+8,7 per cento). Nella provincia (sempre esclusa Torino) si registra una crescita un po più bassa, pari al 6,6 per cento (da abitanti del 1981 a del 2000): gran parte della popolazione che ha abbandonato Torino negli anni ottanta e novanta si è infatti trasferita inizialmente nella prima cintura, quindi nella seconda e anche nella terza, con un effetto diffusivo che ha interessato larga parte della provincia torinese. Quasi metà delle persone immigrate nei 52 comuni dell area metropolitana negli anni ottanta proviene da Torino città; a fine anni novanta, questa percentuale scende a circa 36. * In questo caso l area metropolitana è quella dei 52 comuni che circondano Torino: Airasca, Alpignano, Avigliana, Baldissero Torinese, Beinasco, Borgaro Torinese, Brandizzo, Bruino, Buttigliera Alta, Cambiano, Candiolo, Carignano, Carmagnola, Caselette, Caselle Torinese, Castiglione Torinese, Chieri, Chivasso, Ciriè, Collegno, Druento, Gassino Torinese, Grugliasco, La Loggia, Leinì, Moncalieri, Nichelino, None, Orbassano, Pecetto Torinese, Pianezza, Pino Torinese, Piobesi Torinese, Piossasco, Poirino, Rivalta di Torino, Riva presso Chieri, Rivoli, Robassomero, Rosta, San Francesco al Campo, San Maurizio Canavese, San Mauro Torinese, Santena, Settimo Torinese, Trofarello, Venaria Reale, Villarbasse, Villastellone, Vinovo, Volpiano, Volvera. 20

3 Immigrati a Torino ed emigrati da Torino, per luogo di provenienza o di destinazione* (fonte: Ufficio di Statistica del Comune di Torino) 21

4 Immigrati a Torino ed emigrati da Torino, per grado di istruzione* (fonte: Ufficio di Statistica del Comune di Torino) 22

5 I dati degli ultimi cinque anni sembrano indicare un inversione di tendenza: i flussi verso l area metropolitana e la provincia stanno diminuendo, mentre aumentano i trasferimenti in altre zone del Piemonte e d Italia. Da metà anni novanta, Torino ha saldi demografici positivi solo con le regioni meridionali e con l estero. Sembra dunque in via di completamento quel processo distributivo della popolazione da Torino città verso l area metropolitana che aveva caratterizzato gli anni ottanta e novanta, col progressivo «dimagrimento» del capoluogo; oggi si profila una riscoperta di quest ultimo, con l insediamento di residenze e funzioni qualificate. Nel quadro di queste nuove tendenze, gioca certamente un ruolo la riqualificazione dei quartieri torinesi (sia centrali sia periferici). I flussi migratori verso Torino sembrano produrre effetti positivi sulla qualificazione della popolazione: gli immigrati con laurea o dottorato aumentano del 73 per cento dal 1981 a oggi, e i diplomati che si trasferiscono in città crescono in vent anni del 53 per cento. Anche i relativi saldi sono positivi in tutti gli anni presi in esame. Parrebbe, quindi, che Torino abbia una certa forza nell attrarre individui con un buon livello di istruzione. Bisogna però guardare a questi numeri senza dimenticare che fino a pochissimo tempo fa i dati anagrafici non erano aggiornabili con la semplice autocertificazione (come oggi), e quindi è probabile che i flussi in ingresso di laureati e diplomati fossero sottostimati rispetto alla realtà TORINESI PIÙ ANZIANI, FAMIGLIE PIÙ PICCOLE Per quanto riguarda la natalità, il comune di Torino registra la variazione negativa più alta tra il 1981 e il 2000 (-24,7 per cento), benché la tendenza non sia differente nel resto dell area metropolitana. Negli ultimi anni, il numero di nati è tornato a crescere anche a Torino città, tuttavia a un ritmo inferiore rispetto all aumento dei morti (passati dai del 1996 ai del 2000). Il numero di morti ogni 100 abitanti a Torino è cresciuto, nel lungo periodo, dallo 0,94 del 1981 all 1,16 del Nel resto dell area metropolitana, invece, si registra negli ultimi anni una maggiore stabilità rispetto al capoluogo: i nati aumentano meno che a Torino, i morti sono in (lieve) diminuzione. La popolazione torinese sta progressivamente invecchiando: se nel 1981 ogni 100 abitanti quasi 40 erano bambini e giovani (fino ai 24 anni), nel 2000 questo valore si dimezza. Il peso degli anziani (con più di 64 anni) è cresciuto dal 7,6 al 21,5 per cento. A differenza di Torino città, tanto l area metropolitana quanto la provincia torinese presentano percentuali di giovani maggiori di quelle degli anziani, con una composizione più simile a quella media italiana ed europea. 23

6 Andamenti demografici nell area torinese* (dati al 31 dicembre di ogni anno; fonte: Ufficio di Statistica del Comune di Torino, Settore statistico regionale) 24

7 Popolazione residente nel comune di Torino, per fasce di età (dati al 31 dicembre di ogni anno; fonte: Ufficio di Statistica del Comune di Torino) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% oltre Popolazione residente per fasce di età: confronto area torinese-piemonte-italia (dati al 31 dicembre 1999; fonti: Ufficio di Statistica del Comune di Torino, Ufficio di Statistica della Regione Piemonte, Istat) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Torino Resto Amt Resto prov. Piemonte Italia oltre Se si passa ad analizzare la distribuzione della popolazione all interno delle circoscrizioni torinesi, si osserva che, negli anni, la terza circoscrizione (Pozzo Strada, San Paolo, Cenisia) rimane la più popolosa, mentre a contare meno abitanti è sempre Mirafiori Sud. La prima circoscrizione (Centro, Crocetta) è quella che negli ultimi vent anni si è maggiormente spopolata, ma dal 1996 sta dando segni di ripresa. 25

8 Negli ultimi quattro anni perdono più popolazione le circoscrizioni popolari delle periferie nord (Vallette, Lucento, Madonna di Campagna, Borgo Vittoria) e sud (Mirafiori), a conferma del fatto che un basso livello di qualità della vita finisce per essere un forte incentivo a trasferirsi altrove. Popolazione residente nelle circoscrizioni torinesi* (dati al 31 dicembre di ogni anno; fonte: Ufficio di Statistica del Comune di Torino) A Torino sono in forte aumento coloro che abitano da soli: i nuclei unipersonali sono cresciuti anche nella seconda metà degli anni novanta; nel periodo lungo ( ) l incremento è del 69 per cento*. Diametralmente opposto è, invece, l andamento dei nuclei familiari più numerosi (con oltre 4 componenti), in calo del 65 per cento negli ultimi vent anni. Diminuiscono pure i nuclei familiari di 3 persone, mentre aumentano quelli di 2. A livello nazionale, si riscontrano forti differenze tra Nord e Sud: le famiglie numerose si trovano soprattutto nelle metropoli meridionali. Torino è nella media del * Sarebbe interessante disaggregare per sesso ed età il dato relativo a coloro che vivono da soli, ma purtroppo l Ufficio di Statistica del Comune di Torino non è, ad oggi, nelle condizioni di fornire questo tipo di informazione. 26

9 Centro-Nord per dimensione media dei nuclei familiari, mentre è sotto la media per quanto riguarda coloro che vivono da soli (26 per cento contro, ad esempio, il 38 a Firenze o il 40 a Milano) (Istat 2000). Un grosso divario tra Nord e Sud del paese si ha anche rispetto al numero di divorzi, nettamente più diffusi nelle metropoli settentrionali. Tra queste ultime, Torino, con Venezia, registra però il valore più basso di divorziati. Comune di Torino: nuclei familiari, per numero di componenti (fonte: Ufficio di Statistica del Comune di Torino) Nuclei familiari, per numero di componenti: confronto Torino-Italia, 1999 (fonte: Istat) Comune di Torino 1 componente 2 componenti 3 componenti 4 componenti oltre 4 componenti Italia 27

10 Dimensione media dei nuclei familiari nelle province metropolitane italiane, 1998 (fonte: Ufficio di Statistica della Provincia di Torino) 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 0 media italiana Torino Milano Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Bari Catania Palermo Cagliari Numero di divorzi ogni famiglie: confronto tra le province metropolitane italiane, 1998 (fonte: elaborazione de «Il Sole 24 Ore» su dati Istat) media italiana Torino Milano Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Bari Palermo Catania Cagliari 1.3. CONTINUA L AFFLUSSO DI EXTRACOMUNITARI La presenza di stranieri a Torino è cresciuta dal 1996 al 2000 del 68 per cento, ma con un peso sulla popolazione residente che colloca Torino ad enorme distanza da Roma e da Milano, e ad una certa distanza anche da Firenze e Bologna*. Il peso dell immigrazione straniera sembra poi incidere molto solo a Torino città; nell area metropolitana, infatti, si riscontra una quota decisamente bassa di stranieri sul totale della popolazione residente. * Si noti che il numero di stranieri risultante dai dati anagrafici (del Comune di Torino) è inferiore a quello risultante dai dati del Centro per l impiego di Torino (cfr. il successivo capitolo dedicato all economia) in quanto è possibile iscriversi a questo Centro anche se non si risiede nel capoluogo. 28

11 Per quanto riguarda le nazionalità di provenienza, a Torino (come in Italia) rimane nettamente prevalente la comunità marocchina, benché il suo peso sul totale degli stranieri stia diminuendo un po. Negli ultimi cinque anni a Torino sono aumentati soprattutto i cinesi, i rumeni e i peruviani; questi due ultimi gruppi etnici, specialmente i peruviani, pesano a Torino ben più che nel resto d Italia; viceversa, nel capoluogo piemontese la presenza di filippini e albanesi è decisamente inferiore alla media nazionale. Tra le etnie africane, la realtà torinese vede una presenza sopra la media di immigrati dalla Nigeria e sotto la media di immigrati dal Senegal. Il numero di stranieri comunitari a Torino cresce, ma di poco, negli anni più recenti, cosicché il loro peso sul totale degli stranieri si fa via via minore. Stranieri residenti nel comune di Torino, (fonte: Ufficio di Statistica del Comune di Torino) Numero di stranieri ogni abitanti nelle province metropolitane italiane, 1998 (fonte: Istat) media italiana Torino Milano Venezia Genova Bologna Firenze Roma Napoli Bari Palermo Catania Cagliari

12 Residenti stranieri nei comuni piemontesi, 1999 (fonte: Istat, in Allasino 2000) Stranieri ogni 100 abitanti, 1999 (fonte: Istat, in Allasino 2000) 30

13 Stranieri a Torino: i primi 10 paesi di provenienza (dati al 31 dicembre di ogni anno; fonte: Ufficio di Statistica del Comune di Torino) 31

14

1. LA POPOLAZIONE TORINESE

1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1.1. UNA CITTÀ UN PO PIÙ PICCOLA Torino continua a spopolarsi. Non solo nel 1999, ma durante tutta la seconda metà degli anni novanta, la città continua a perdere popolazione.

Dettagli

Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007).

Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007). Provincia di Torino Ufficio Statistica Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007). di Franco A. Fava 1. La popolazione straniera residente. Secondo

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO Servizio Aziende e Partecipazioni comunali LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA Edizione 1/ST/st/26.10.2006

Dettagli

Torino CENTRO. Valori rispetto alla zona e al tipo di immobile. /m 2

Torino CENTRO. Valori rispetto alla zona e al tipo di immobile. /m 2 Torino CENTRO. Valori rispetto alla zona e al tipo di immobile. /m 2 CENTRO STORICO 2.700 4.350 2.000 2.800 1.300 1.800 2.700 5.500 1.200 2.700 2.000 3.400 CROCETTA 2.500 4.000 2.000 2.600 1.500 1.900

Dettagli

Torino CENTRO. Valori rispetto alla zona e al tipo di immobile. /m 2

Torino CENTRO. Valori rispetto alla zona e al tipo di immobile. /m 2 Torino CENTRO. Valori rispetto alla zona e al tipo di immobile. /m 2 CENTRO STORICO 3.000 4.350 2.150 2.950 1.450 1.800 2.700 4.550 1.200 2.700 2.000 3.400 CROCETTA 2.650 4.200 1.950 2.750 1.400 1.800

Dettagli

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione L'Istat calcola che al 31 dicembre 2012 risiedono in Italia 59.685.227 persone.

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO UBH MARKET REPORT IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO Primo Trimestre 2010 Aprile 2010 Sembra rallentare la tendenza alla discesa dei comuni non capoluogo, si rianima il mercato dei capoluoghi.

Dettagli

Analisi demografica ventennale Residenze Sabaude UNESCO

Analisi demografica ventennale Residenze Sabaude UNESCO Analisi demografica ventennale Residenze Sabaude UNESCO A cura di Silvana Fantini Servizio Statistica e Toponomastica Ufficio Pubblicazioni Città di Torino La Città di Torino ha subito negli ultimi venti

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI. Firenze, 07 maggio 2015

CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI. Firenze, 07 maggio 2015 CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI Firenze, 07 maggio 2015 1 Le 14 città metropolitane italiane. Un primo sguardo Le città metropolitane coprono il 17% del territorio italiano

Dettagli

Sezione Gruppo Descrizione intervento 95014 103419,74 Beneficiario

Sezione Gruppo Descrizione intervento 95014 103419,74 Beneficiario ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI Libro Verde 2010 NUMERO DONATORI DI SANGUE ATTIVI 167 inserire il numero dei donatori attivi nella casella rossa a sinistra Totale ore Totale somma Sezione Gruppo Descrizione

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000 69. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto.

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000 69. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. SERVIZI DI TRASPORTO Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. 59 Un esempio: fino a 1.000 69 Per ulteriori informazioni rivolgiti a qualsiasi Banco Informazioni in ESPOSIZIONE MOBILI, al Servizio

Dettagli

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

A cura del Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d'arte Contemporanea

A cura del Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d'arte Contemporanea Percorsi al Museo per le scuole Anno scolastico 2015-16 A cura del Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d'arte Contemporanea Parole a colori Scuole dell Infanzia e Primarie Dei molti universi

Dettagli

L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE

L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE SUNIA Ufficio Studi L'indagine effettuata fa parte di un monitoraggio

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

ALLEGATO 1 Indagini socio-economiche e previsioni demografiche

ALLEGATO 1 Indagini socio-economiche e previsioni demografiche ALLEGATO 1 Indagini socio-economiche e previsioni demografiche PREVISIONI DEMOGRAFICHE NICHELINO Per l elaborazione dei scenari demografici nel comune di Nichelino abbiamo preso come punto di partenza

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Indagine conoscitiva Spostamenti casa-lavoro dei dipendenti della ASL TO1

Indagine conoscitiva Spostamenti casa-lavoro dei dipendenti della ASL TO1 1 A.S.L. TO1 Indagine conoscitiva Spostamenti casa-lavoro dei dipendenti della ASL TO1 QUESTIONARIO ON-LINE periodo 1-30 Dicembre 2008 Indagine conoscitiva Spostamenti casa lavoro dei dipendenti della

Dettagli

PROGETTO DITER. Secondaria di I grado

PROGETTO DITER. Secondaria di I grado Scheda D.I.Ter N. 9/aggiornamento a giugno 2013 Allievi stranieri a scuola in Piemonte. Aggiornamento 2012 La crescita del numero di allievi stranieri in Piemonte è proseguita nell anno scolastico 2011/12

Dettagli

7. TESSUTO PRODUTTIVO

7. TESSUTO PRODUTTIVO 7. TESSUTO PRODUTTIVO 7.1. ANCORA CRISI PER MOLTE IMPRESE Il 2014 è stato ancora un anno difficile, nel quale la crescita dell economia globale è stata inferiore alle aspettative. Alcuni Paesi, gli Stati

Dettagli

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna Le donne e il mondo del lavoro Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a 15 marzo 2013 Le forze di lavoro La popolazione attiva In provincia di su 100 individui

Dettagli

INCENTIVI ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E AL PASSAGGIO TASSA/TARIFFA

INCENTIVI ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E AL PASSAGGIO TASSA/TARIFFA Capitolo 6 Incentivi alla raccolta differenziata e al passaggio da tassa a tariffa 6. INCENTIVI ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA E AL PASSAGGIO TASSA/TARIFFA Fin dal 2002 la Provincia di Torino, per far fronte

Dettagli

A cura di Stefano Suraniti 1 Marco Bodrato 2 Serena Caruso Bavisotto 3 Anna Alessandra Massa 4

A cura di Stefano Suraniti 1 Marco Bodrato 2 Serena Caruso Bavisotto 3 Anna Alessandra Massa 4 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Gli di nelle scuole della provincia di Torino 2013/2014 A cura di Stefano Suraniti 1 Marco Bodrato

Dettagli

Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME. Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane

Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME. Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane feneal - uil Osservatorio FeNEAL-UIL / CRESME Occupazione e sicurezza sul cantiere nelle aree metropolitane ANTEPRIMA Roma 11 Marzo 2008 Il boom del settore edile (12 aree metropolitane) e l effetto emersione

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2015

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2015 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato

Dettagli

C./CL. A028/ED. ARTISTICA

C./CL. A028/ED. ARTISTICA POSTI DEL POTENZIAMENTO 2015/16 - FASE C SC. SEC. di I GRADO L. 107/2015 (ART. 1 CO. 98 LETT.C) C./CL. A028/ED. ARTISTICA I.C. ALBERTI TORINO A028 1 ALIGHIERI TORINO A028 1 ALVARO - MODIGLIANI TORINO A028

Dettagli

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001 8 luglio 2004 La città di al Censimento della popolazione 2001 L Istat diffonde oggi alcuni approfondimenti riguardanti la struttura demografica e familiare della città di, sulla base dei dati rilevati

Dettagli

La copertina dell'indagine 2010 vuole evidenziare il ruolo che la mobilità ciclistica sta per assumere nell'area metropolitana torinese.

La copertina dell'indagine 2010 vuole evidenziare il ruolo che la mobilità ciclistica sta per assumere nell'area metropolitana torinese. La copertina dell'indagine 21 vuole evidenziare il ruolo che la mobilità ciclistica sta per assumere nell'area metropolitana torinese. Nel giugno 21 è stato attivato il servizio di bike sharing di Torino

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.214 Settembre 215 Capo Area Programmazione Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente U.I. Ufficio Comunale di Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2012

Informazioni Statistiche N 3/2012 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2011 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2012 NOVEMBRE 2012 Sindaco: Assessore alla Statistica: Segretario

Dettagli

IL CAPOLUOGO AL MICROSCOPIO

IL CAPOLUOGO AL MICROSCOPIO IL CAPOLUOGO AL MICROSCOPIO Il Servizio Statistica della Provincia di Mantova coltiva il progetto di costituire una banca dati provinciale di provenienza anagrafica che non vuole divenire una duplicazione

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011*

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011* Si attenua la dinamica imprenditoriale Scende, anche se di poco, per la prima volta in 10 anni il numero di imprese registrate a Torino e provincia. Cala il tasso di natalità e sale quello di mortalità.

Dettagli

Bando di finanziamento per la realizzazione di piani di zonizzazione acustica

Bando di finanziamento per la realizzazione di piani di zonizzazione acustica AREA AMBIENTE, PARCHI, RISORSE IDRICHE E TUTELA DELLA FAUNA Servizio Qualità dell'aria, Inquinamento Atmosferico, Acustico ed Elettromagnetico Bando di finanziamento per la realizzazione di piani di zonizzazione

Dettagli

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1.

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1. FAMIGLIA Numero di famiglie. Il numero di famiglie abitualmente dimoranti sul territorio nazionale è aumentato da 21.8 a 24.6 milioni nel 2013. Durante il periodo intercensuario le famiglie unipersonali

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea XIII CONVEGNO Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant Salute e Migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali Roma, 17 Febbraio 2015 Crisi economica e migrazioni nella realtà

Dettagli

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013 Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012 Luglio 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza Mappe a cura di:

Dettagli

Sul fronte dei volumi, i primi dati positivi rilevati nell ultimo trimestre del 2009 si sono riconfermati anche nei primi tre mesi del 2010.

Sul fronte dei volumi, i primi dati positivi rilevati nell ultimo trimestre del 2009 si sono riconfermati anche nei primi tre mesi del 2010. COMUNICATO STAMPA Ufficio studi UBH: nel primo trimestre del 2010 i prezzi di vendita delle abitazioni calano del 6,8% rispetto allo stesso periodo del 2009. In particolare, Torino registra un -10,5%,

Dettagli

Flussi di cittadini in Italia

Flussi di cittadini in Italia Flussi di cittadini in Italia Il fenomeno dell immigrazione in Italia secondo gli ultimi dati del Ministero del lavoro riguarda più di 4 milioni di stranieri con un incidenza sulla popolazione

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE 24 Luglio 2015 I trimestre 2015 MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE Nel I trimestre 2015 le convenzioni notarili di compravendita per unità immobiliari tornano a registrare variazioni

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2009

Informazioni Statistiche N 3/2009 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2008 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2009 AGOSTO 2009 Sindaco: Assessore alle Società ed Enti controllati

Dettagli

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio GRUPPO A POPOLAZIONE n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio A2 A3 A4 A5 A6 Saldo naturale e saldo

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009

Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009 Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009 a cura di DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE CARITAS/MIGRANTES Via Aurelia 796 00165 ROMA tel. ++39/06/66514345 fax. ++39/06/66540087

Dettagli

SETTORE AFFARI GENERALI E CANTIERI DI LAVORO

SETTORE AFFARI GENERALI E CANTIERI DI LAVORO DIVISIONE LAVORO, ORIENTAMENTO, FORMAZIONE SETTORE AFFARI GENERALI E CANTIERI DI LAVORO I Cantieri di Lavoro, istituiti con L.R. 55/84, fin dall inizio indirizzati alle fasce più deboli del mercato del

Dettagli

Informazioni Statistiche N 8/2014

Informazioni Statistiche N 8/2014 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2013 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 8/2014 SETTEMBRE 2014 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Lo stato di salute della scuola torinese

Lo stato di salute della scuola torinese Lo stato di salute della scuola torinese Gli indicatori di salute riferiti al mondo scolastico sono numerosi ma non sempre di facile lettura e reperibilità. Un analisi dettagliata e puntuale della situazione

Dettagli

FERMATE TPL AUTOLINEE EXTRAURBANE DI COMPETENZA DELL'AGENZIA (fonte OMNIBUS - 2008)

FERMATE TPL AUTOLINEE EXTRAURBANE DI COMPETENZA DELL'AGENZIA (fonte OMNIBUS - 2008) ALPIGNANO - PIAZZA VITTORIO - BIVIO ALPIGNANO - INCROCIO SS 24 - SP 177 CAMPAGNOLA ALPIGNANO - SCUOLE - VIA CAVOUR ALPIGNANO ALPIGNANO - PIAZZA CADUTI ALPIGNANO - VIA MIGLIARONE ALPIGNANO - VILLAGGIO BELVEDERE

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.213 Ottobre 214 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza 1 Nel 213 parco

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2013

Informazioni Statistiche N 3/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2013 NOVEMBRE 2013 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2010

Informazioni Statistiche N 3/2010 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2009 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2010 NOVEMBRE 2010 Sindaco: Assessore ai Tributi e alla Statistica:

Dettagli

9. LA SICUREZZA 9.1. MICROCRIMINALITÀ, L ASSILLO DEI CITTADINI

9. LA SICUREZZA 9.1. MICROCRIMINALITÀ, L ASSILLO DEI CITTADINI 9. LA SICUREZZA 9.1. MICROCRIMINALITÀ, L ASSILLO DEI CITTADINI La questione della sicurezza, come è noto, è diventata negli ultimi anni in Italia il tema probabilmente più importante nel dibattito politico

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Trasporti Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Incidenti stradali Nel 2012, come comunicato dall'istat, si sono registrati in Italia 186.726

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2014 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro del Dipartimento Programmazione coordinato dal Capo Dipartimento

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE

MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE 30 Ottobre 2013 I e II trimestre 2013 MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE Nel corso del primo semestre del 2013 rallenta il calo delle convenzioni notarili rogate per trasferimenti

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

5. ATTIVITA DI FINANZIAMENTO DELLA PROGETTAZIONE TERRITORIALE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE E COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI

5. ATTIVITA DI FINANZIAMENTO DELLA PROGETTAZIONE TERRITORIALE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE E COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI 5. ATTIVITA DI FINANZIAMENTO DELLA PROGETTAZIONE TERRITORIALE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE E COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI 5.1. Introduzione Le difficoltà di spesa riscontrate negli anni passati, di seguito

Dettagli

Milano. Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2008 2009

Milano. Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2008 2009 Milano Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado Anno scolastico 28 29 Comune di Milano A cura di: Vittoria Carminati Elaborazione dati:

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

QUINTO RAPPORTO ANNUALE

QUINTO RAPPORTO ANNUALE QUINTO RAPPORTO ANNUALE I migranti nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 20 15 LE NOVITA DEL QUINTO RAPPORTO ANNUALE 2015.

Dettagli

La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030

La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030 La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030 Lamberto Soliani 1 - Introduzione. Le prossime trasformazioni demografiche nazionali e regionali sono descritte dall Istat in Previsioni demografiche 1

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL MUTUATARIO PREMESSA I segnali di ripartenza sul mercato del credito sono sempre più evidenti. Le prime avvisaglie di miglioramento si

Dettagli

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi 544 7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi La seconda sottocomponente analizzata per l analisi demografica concerne le dinamiche dei flussi, considerando come tali i

Dettagli

BANDO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO

BANDO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO BANDO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO EDUCATORIO DUCHESSA ISABELLA 54 edizione NOTA Con area metropolitana torinese si fa riferimento a Torino e ai comuni di Alpignano, Baldissero Torinese, Beinasco,

Dettagli

DELEGAZIONE PROVINCIALE DI TORINO CALENDARIO Stagione sportiva 2015-2016 ESORDIENTI 1 ANNO 2004 FASE AUTUNNALE. Girone A

DELEGAZIONE PROVINCIALE DI TORINO CALENDARIO Stagione sportiva 2015-2016 ESORDIENTI 1 ANNO 2004 FASE AUTUNNALE. Girone A 5 Girone A 1 ACCADEMIA INTERTORINO SRL 2 BARCANOVA SALUS 3 CALCIO SETTIMO 4 CENTROCAMPO 5 GASSINOSANRAFFAELE 5 1^ Giornata GIRONE A (10 Ott) 6 LUCENTO BARCANOVA SALUS ACCADEMIA INTERTORINO SRL 7 POLISPORTIVA

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011. Ottobre 2012

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011. Ottobre 2012 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011 Ottobre 2012 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2011 parco

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009. Settembre 2010

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009. Settembre 2010 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2009 Settembre 2010 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza e Tiziana

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012 Ottobre 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2012 parco

Dettagli

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro Economia del Lavoro Capitolo 8 2 Borjas La mobilità del lavoro - 1 US paese molto mobile: tra il 2003 e il 2004, il 2,8% della popolazione si è trasferita tra nello stesso stato e un altro 2,6% tra stati

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

ANAGRAFICI N PROGR SESSO ETA' LAVORO NUCLEO FAM. TITOLO STUDIO T 1 M 19-30 dipendente 2 componenti università T 2 M 31-45 dipendente single superiori

ANAGRAFICI N PROGR SESSO ETA' LAVORO NUCLEO FAM. TITOLO STUDIO T 1 M 19-30 dipendente 2 componenti università T 2 M 31-45 dipendente single superiori ANAGRAFICI N PROGR SESSO ETA' LAVORO NUCLEO FAM. TITOLO STUDIO T 1 M 19-30 dipeente 2 componenti università T 2 M 31-45 dipeente single superiori T 3 M 45-65 nomo single superiori T 4 M 19-30 nomo single

Dettagli

Primi passi verso il servizio civile europeo. Al via progetto italo-francese Saranno 100 i giovani italiani e francesi coinvolti a partire dal 2016. L'accordo è stato raggiunto ieri a Parigi tra ministri

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010

Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010 9 marzo 2011 Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010 L Istat diffonde i dati, relativi al terzo trimestre 2010, delle convenzioni contenute negli atti notarili inerenti sia la compravendita

Dettagli

Censimento industria e servizi

Censimento industria e servizi Censimento industria e servizi Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Censimento Industria e Servizi Il Censimento generale dell industria

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Grafico 1 Andamento del tasso di cambio fra Euro e Dollaro Usa La situazione di instabilità politica e sociale che ha come epicentro il Medio Oriente

Dettagli

Provincia di Torino Assessorato alla Pianificazione Territoriale Osservatorio Fabbisogno Abitativo Sociale

Provincia di Torino Assessorato alla Pianificazione Territoriale Osservatorio Fabbisogno Abitativo Sociale Provincia di Torino Assessorato alla Pianificazione Territoriale Osservatorio Fabbisogno Abitativo Sociale Gli aiuti sociali ed economici del settore pubblico alle famiglie straniere nella provincia di

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

8. Dati finanziari e bancari

8. Dati finanziari e bancari 8. Dati finanziari e bancari Roma rappresenta dopo Milano il principale Centro finanziario del Paese con 46 Istituti creditizi, 1.988 sportelli bancari, 91 miliardi di euro depositati in banca (pari al

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2008. Settembre 2009

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2008. Settembre 2009 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2008 Settembre 2009 Direttore: Gianluigi Bovini Redazione a cura di Marisa Corazza Parco veicolare in diminuzione a Bologna negli ultimi 5 anni Secondo i dati forniti

Dettagli

I processi decisionali all interno delle coppie

I processi decisionali all interno delle coppie 9 aprile 2003 I processi decisionali all interno delle coppie Nel 2001 l indagine Panel europeo sulle famiglie ha dedicato una particolare attenzione agli aspetti legati ai processi decisionali all interno

Dettagli