CONDIZIONI DEFINITIVE AL PROSPETTO DI BASE ISIN IT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONDIZIONI DEFINITIVE AL PROSPETTO DI BASE ISIN IT0004870181"

Transcript

1 Credito Siciliano Società per Azioni Sede Legale: Via Siracusa, 1/E Palermo Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Palermo n Albo delle Banche n società del Gruppo bancario Credito Valtellinese iscritto all Albo dei Gruppi bancari cod. n Soggetta all'attività di direzione e coordinamento del Credito Valtellinese S.c.Indirizzo Internet: Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi ed al Fondo Nazionale di Garanzia CONDIZIONI DEFINITIVE AL PROSPETTO DI BASE RELATIVO AL PROGRAMMA DI OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI EMESSI DAL CREDITO SICILIANO S.P.A. DENOMINATI: Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Fisso ; Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Variabile ; Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Misto: fisso e variabile. *** CREDITO SICILIANO S.P.A. TF 4,50% - SUB. LOWER TIER II 21/12/ /06/2018 1^ ISIN IT Le obbligazioni oggetto delle presenti Condizioni definitive costituiscono passività subordinate Lower Tier II dell Emittente, così come classificate in base alle disposizioni contenute nel Titolo I, Capitolo 2, della Circolare Banca d Italia del 27/12/2006 n. 263 e successivi aggiornamenti. Pertanto i portatori di tali titoli in caso di liquidazione dell Emittente saranno soddisfatti dopo la preventiva soddisfazione di altre categorie di debiti non subordinati. L investimento nelle obbligazioni subordinate Lower Tier II comporta per l investitore il rischio che, in caso di liquidazione dell Emittente, la massa fallimentare riesca a soddisfare soltanto i crediti che debbono essere soddisfatti con precedenza rispetto alle obbligazioni subordinate e che pertanto lo stesso possa conseguire a scadenza perdite in conto capitale di entità più elevata rispetto ai titoli di debito antergati alle obbligazioni subordinate. Queste ultime in caso di default presentano infatti un rischio di mancato rimborso maggiore rispetto a quelle di titoli obbligazionari senior dello stesso emittente ed aventi la medesima scadenza. Le presenti Condizioni Definitive, redatte in conformità al Regolamento CONSOB adottato con delibera n del 14 maggio 1999, così come successivamente modificato ed integrato (il Regolamento Emittenti ), ed elaborate ai fini dell articolo 5, paragrafo 4 della direttiva 2003/71/CE così come successivamente modificata ed integrata (la Direttiva Prospetto ) e al Regolamento 2004/809/CE (il Regolamento CE 809 ) così come successivamente modificato ed integrato dal regolamento delegato (Ue) n. 486/12, si riferiscono all offerta del prestito obbligazionario denominato «Credito Siciliano S.p.A. TF 4,50% SUB. Lower Tier II 21/12/ /06/2018 1^» (il Prestito ) e devono essere lette congiuntamente al Prospetto di Base ed ogni eventuale Supplemento. Il Prospetto di Base a cui le presenti Condizioni Definitive si riferiscono è stato pubblicato mediante deposito presso la CONSOB in data 5 ottobre 2012 a seguito di approvazione comunicata con nota n del 27 settembre Per ottenere informazioni complete le Condizioni Definitive devono essere lette congiuntamente al Prospetto di Base (il Prospetto di Base ), composto dal Documento di Registrazione relativo all emittente Credito Siciliano S.p.A. (l Emittente ) ed incorporato mediante riferimento e pubblicato mediante deposito presso la CONSOB data in data 29 maggio 2012, a seguito di approvazione comunicata con nota n del 16 maggio 2012, dalla Nota Informativa, dalla Nota di Sintesi e da ogni successivo supplemento, in base al quale l Emittente potrà emettere, in una o più serie (un Prestito Obbligazionario o un Prestito ), titoli di debito (le Obbligazioni e ciascuna una Obbligazione ). L Emittente attesta che la Nota di Sintesi relativa all emissione è allegata alle presenti Condizioni Definitive Le presenti Condizioni Definitive in data 15/11/2012 sono state trasmesse alla CONSOB e pubblicate in forma elettronica sul sito internet del Gruppo bancario Credito Valtellinese Il Prospetto di Base, il Documento di Registrazione, le Condizioni Definitive e i Supplementi relativi al Prestito sono messi a disposizione del pubblico presso le filiali e la sede legale dell'emittente in Piazza Quadrivio n.8, Sondrio e, ove previsto, presso la sede legale del Responsabile del Collocamento e/o presso gli sportelli del/i Soggetto/i Incaricato/i del Collocamento. Tale documentazione è altresì consultabile sul sito internet e, ove previsto, sul sito internet del Responsabile del Collocamento incaricato e/o sul sito internet del/i Soggetto/i Incaricato/i del Collocamento. L adempimento di pubblicazione delle presenti Condizioni Definitive non comporta alcun giudizio della CONSOB sull opportunità dell investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi.

2 INFORMAZIONI FONDAMENTALI Interessi di persone fisiche e giuridiche partecipanti all offerta Coincidenza dell Emittente con il Responsabile del Collocamento L offerta delle Obbligazioni oggetto delle presenti Condizioni definitive costituisce un operazione nella quale il Credito Siciliano S.p.A. si trova in conflitto d interessi in quanto ha come oggetto strumenti finanziari di propria emissione. Negoziazione dei titoli da parte dell Emittente Qualora l'emittente, stante l'impegno assunto in base al paragrafo 6.3 della presente Nota Informativa, negozi in conto proprio le Obbligazioni di propria emissione, il prezzo di acquisto delle stesse, stabilito dall'emittente, potrebbe essere negativamente influenzato per effetto del conflitto di interessi insito nell'operazione. Responsabile per il Calcolo L Emittente opererà quale Responsabile per il Calcolo, cioè il Soggetto Incaricato della determinazione degli interessi e delle attività connesse; tale coincidenza di ruoli (Emittente e Responsabile per il Calcolo) determina una situazione di conflitto di interessi nei confronti degli investitori. INFORMAZIONI RIGUARDANTI GLI STRUMENTI FINANZIARI DA OFFRIRE Denominazione codice ISIN Tasso di interesse e Disposizioni relative agli interessi da pagare Credito Siciliano S.p.A. TF 4,50% SUB. Lower Tier II 21/12/ /06/2018 1^ IT Le Obbligazioni fruttano, sul Valore Nominale interessi calcolati ad un tasso annuo lordo del 4,50% (3,60% al netto dell effetto fiscale). Gli interessi sono calcolati applicando al Valore Nominale e per l intera durata del prestito un tasso fisso su base annua pari al 4,50% (3,60% al netto della ritenuta fiscale). Formula di calcolo Le cedole di interesse saranno calcolate secondo le seguente formula: (VN)(I) Dove : VN = Valore Nominale dell Obbligazione; I = Tasso di interesse predeterminato e corrisposto per il periodo indicato nelle presenti Condizioni Definitive Convenzione di calcolo Convenzione di calendario Unadjusted Following Business Day TARGET Data di godimento degli interessi 21 dicembre

3 Periodicità di pagamento degli interessi Cedole saranno pagate, in via posticipata, con frequenza semestrale Date di pagamento degli interessi Il 21 giugno e il 21 dicembre degli anni dal 2013 al 2018 Responsabile per il calcolo L Emittente Data di scadenza Il Prestito scadrà in data 21 giugno 2018 Il Prestito sarà integralmente rimborsato al Valore Nominale in un unica soluzione alla Data di Scadenza. Tasso di Rendimento Autorizzazioni Il Tasso di Rendimento calcolato in regime di capitalizzazione composta è pari al 4,55% L emissione delle Obbligazioni oggetto delle presenti Condizioni Definitive è stata approvata dalla Direzione Generale in data 14/11/2012. Data di emissione Il Prestito è emesso in data 21 dicembre 2012 CONDIZIONI DELL OFFERTA Condizioni dell offerta Ammontare Totale Le Obbligazioni sono offerte in sottoscrizione senza essere subordinate ad alcuna condizione Il Prestito è costituito, nel suo ammontare massimo di Euro , da n Obbligazioni ciascuna del valore nominale di Euro non frazionabile né in emissione, né in ipotesi di successiva negoziazione. Periodo di validità dell Offerta Le Obbligazioni saranno offerte dal 16 novembre 2012 al 20 dicembre 2012 salvo chiusura anticipata dell offerta per il raggiungimento dell ammontare massimo sopra indicato. L eventuale chiusura anticipata del Periodo di Offerta sarà comunicata con apposito avviso da pubblicarsi sul sito internet del Gruppo bancario Credito Valtellinese e, contestualmente, trasmesso alla CONSOB. E' fatta salva la facoltà dell'emittente di estendere il Periodo di Offerta ovvero procedere in qualsiasi momento alla chiusura anticipata dell Offerta dandone comunicazione mediante apposito avviso da pubblicarsi sul sito internet del Gruppo bancario Credito Valtellinese Tale avviso sarà contestualmente trasmesso alla CONSOB. Nell'ipotesi in cui la sottoscrizione delle Obbligazioni da parte degli investitori avvenisse ad una data successiva alla Data di Godimento, il Prezzo di Emissione dovrà essere maggiorato del rateo interessi. Lotto Minimo Il Lotto Minimo pari a n. 1 Obbligazione. Data di Regolamento La data di regolamento è il 21 dicembre

4

5 NOTA DI SINTESI La presente nota di sintesi è composta da una serie di informazioni note come Elementi. Detti Elementi sono classificati in sezioni A-E (A.1-E.7). Questa Nota di sintesi contiene tutti gli elementi richiesti in una Nota di Sintesi per questo tipo di strumenti finanziari e per questo tipo di Emittente. Poiché alcuni Elementi non risultano rilevanti per questa Nota di Sintesi, potrebbero esserci degli spazi vuoti nella sequenza numerica degli elementi stessi. Sebbene l inserimento in una Nota di Sintesi possa essere richiesto in funzione del tipo di strumenti finanziari e di emittente, potrebbe non esservi alcuna informazione pertinente da fornire in relazione a quell elemento. In questo caso, una breve descrizione dell elemento e inclusa nella Nota di Sintesi accanto all indicazione Non applicabile. A.1 Avvertenza che: Denominazione legale e B.1 commerciale dell Emittente B.2 Domicilio e forma giuridica dell Emittente, legislazione in base alla quale opera l emittente e suo Paese di costituzione B.4b Descrizione delle tendenze note riguardanti l emittente e i settori in cui opera B.5 Descrizione del gruppo Credito Valtellinese e della posizione che l Emittente vi occupa Sezione A - Introduzione e avvertenze Questa Nota di Sintesi va letta come un introduzione al Prospetto di Base predisposto dall Emittente in relazione al programma di emissione dei prestiti obbligazionari denominati: Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Fisso, Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Variabile, Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Misto: fisso e variabile. Qualsiasi decisione di investire nelle Obbligazioni deve basarsi sull esame da parte dell investitore del prospetto completo. Qualora sia presentato un ricorso dinanzi all autorità giudiziaria in merito alle informazioni contenute nel Prospetto di Base, l investitore ricorrente potrebbe essere tenuto a norma del diritto nazionale degli Stati membri, a sostenere le spese di traduzione del Prospetto di Base prima dell inizio del procedimento. La responsabilità civile incombe solo alle persone che hanno presentato la nota di sintesi, comprese le sue eventuali traduzioni, ma soltanto se la nota di sintesi risulti fuorviante, imprecisa o incoerente se letta insieme con altre parti del Prospetto di Base o non offre, se letta insieme con altre parti del Prospetto di Base, le informazioni fondamentali per aiutare gli investitori al momento di valutare l opportunità di investire in tali Obbligazioni. Sezione B - Emittente La denominazione legale dell Emittente è Credito Siciliano - Società per Azioni, mentre la denominazione commerciale corrente è Credito Siciliano S.p.A.. Il Credito Siciliano è una società per azioni, costituita in Italia, regolata ed operante in base al diritto italiano. Essa ha sede legale in Palermo, Via Siracusa n. 1/E (telefono ) e Direzione Generale in Acireale, Via Sclafani n. 40/B (telefono ). Il Credito Siciliano dichiara che dal 31 dicembre 2011, data dell ultimo bilancio annuale dell Emittente sottoposto a revisione e pubblicato non è a conoscenza di tendenze, incertezze, richieste, impegni o fatti noti che potrebbero ragionevolmente avere ripercussioni significative sulle prospettive dell Emittente almeno per l esercizio in corso. Il Gruppo bancario Credito Valtellinese, di cui l Emittente fa parte è attualmente costituito da banche territoriali, società di finanza specializzata e società di produzione per la fornitura di servizi - in un'ottica di sinergie ed economie di scala - a tutte le società del Gruppo. L attuale struttura del Gruppo è graficamente di seguito rappresentata.

6 STRUTTURA DEL GRUPPO CREDITO VALTELLINESE MERCATO FINANZA SPECIALIZZATA CORPORATE CENTER Credito Valtellinese Aperta SGR Deltas Credito artigiano Aperta Fiduciaria Bankadati Credito Siciliano Mediocreval Stelline Carifano Finanza San Giacomo Creset Servizi Territoriali Lussemburgo Gestioni Global Assicurazioni (*) Global Broker (*) (*) Società assicurative soggette all attività di direzione e coordinamento del Credito Valtellinese Ai sensi degli artt e seguenti del Codice Civile Denominazione imprese Sede Capitale Sociale (in migliaia di Euro) 1. Credito Valtellinese Soc. Coop Sondrio Impresa partecipante Quota % 2. Credito Artigiano S.p.A. Milano Credito Valtellinese Soc. Coop. 72,14 3. Credito Siciliano S.p.A. Palermo Credito Valtellinese Soc. Coop. 43,36 Credito Artigiano S.p.A. 35,79 4. Mediocreval S.p.A. Sondrio Credito Valtellinese Soc. Coop 45,73 Credito Artigiano S.p.A. 30,84 Credito Siciliano S.p.A. 23,41 5. Bankadati Servizi Informatici Soc. Cons. PA Sondrio Credito Valtellinese Soc. Coop. 43,00 Credito Artigiano S.p.A 37,00 Credito Siciliano S.p.A. 4,00 Mediocreval S.p.A. 1,00 Stelline Servizi Immobiliari S.p.A. 1,00 Deltas Soc Cons. PA 1,00 Creset S.p.A. 1,00 Aperta SGR S.p.A. 1,00 Finanziaria San Giacomo S.p.A. 1,00 Cassa di Risparmio di Fano S.p.A. 4,00 Global Assicurazioni S.p.A. 1,00 6. Stelline Servizi Immobiliari S.p.A. Sondrio Credito Valtellinese Soc. Coop. 80,00 Credito Artigiano S.p.A. 20,00 7. Deltas Soc. Cons. PA Sondrio 120 Credito Valtellinese Soc. Coop. 43,00 Credito Artigiano S.p.A. 41,00 Credito Siciliano S.p.A. 4,00 Mediocreval S.p.A. 1,00 Bankadati Servizi Informatici Soc.Cons. PA 1,00 Stelline Servizi Immobiliari S.p.A. 1,00 Creset S.p.A. 1,00 Aperta SGR S.p.A. 1,00 Finanziaria San Giacomo S.p.A. 1,00 Cassa di Risparmio di Fano S.p.A. 4,00

7 B.9 Previsione o stima degli utili B.10 Descrizione della natura di eventuali rilievi contenuti nella relazione di revisione relativa alle informazioni finanziarie relative agli esercizi passati B.12 Dati finanziari selezionati Global Assicurazioni S.p.A. 1,00 Global Brooker S.p.A. 1,00 8. Creset S.p.A. Sondrio Credito Valtellinese Soc. Coop. 100,00 9. Aperta Fiduciaria S.r.l. Milano 50 Credito Valtellinese Soc. Coop. 100, Aperta SGR S.p.A. Milano Credito Valtellinese Soc. Coop. 100, Finanziaria San Giacomo S.p.A. Sondrio Mediocreval S.p.A. 100, Carifano- Cassa di Risparmio di Fano S.p.A*. Fano Credito Valtellinese Soc. Coop. 94, Global Assicurazioni S.p.A. Milano 120 Credito Valtellinese Soc. Coop 60, Lussemburgo Gestioni S.A. Lussemburg o 303 Credito Valtellinese Soc. Coop. 50,00 Credito Artigiano S.p.A. 10,00 Credito Siciliano S.p.A. 10, Global Broker S.p.A. Milano 500 Credito Valtellinese Soc. Coop Nuova Carifano S.p.A.** Fano Credito Artigiano S.p.A. 100 La tabella grafica riportata presenta la struttura del gruppo al 1 gennaio L Emittente è presente con una rete di 136 sportelli in tutte le province della Sicilia e a Roma, dove è attivo uno sportello dedicato al credito su pegno. * Con decorrenza 1 gennaio 2012, la società è stata incorporata nel Credito Artigiano. Con la medesima decorrenza gli sportelli presenti nelle regioni Marche e Umbria sono stati conferiti ad una banca di nuova costituzione che conserva la denominazione Carifano S.p.A. e mantiene il presidio **Con decorrenza 1 gennaio 2012 la banca diviene operativa con cambio di denominazione in Carifano S.p.A. Non applicabile l Emittente non ritiene di fornire previsioni o stime degli utili. La Società Reconta Ernst & Young S.p.A. ha sottoposto a revisione con esito positivo i bilanci dell Emittente relativi agli esercizi chiusi al 31 dicembre 2010 e al 31 dicembre 2011, e non ha espresso, rilievi o giudizi negativi sui conti annuali dell Emittente. Nelle tabelle che seguono si espongono i principali indicatori finanziari ed i principali dati economici e patrimoniali dell Emittente con riferimento agli esercizi chiusi al 31 dicembre 2011 e al 31 dicembre 2010, sottoposti a revisione, redatti secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS. Tabella 1- Patrimonio di Vigilanza e Coefficienti Patrimoniali (dati dello stato patrimoniale) Patrimonio di Vigilanza (Total Capital in migliaia di euro) ) 31/12/ /12/ Var.% 16,03% Ratios minimi stabiliti da Banca d Italia Patrimonio di Base ( Tier 1) ,64% Patrimonio Supplementare (Tier 2) ,33% Importo attività ponderate per il rischio Total Capital Ratio ) (Patrimonio di Vigilanza / Attività di rischio ponderate) Tier 1 Capital Ratio (Patrimonio di base / Attività di rischio ponderate) ,29% 12,90 % 11,08% 16,37% 8,83 % 7,12% 24,01% Core Tier 1 Capital Ratio 1 8,83 % 7,12% 24,01% 8% 4%

8 Tabella 2 Principali indicatori di rischiosità creditizia (dati dello stato patrimoniale) 31/12/ /12/2010 Var.% Sofferenze lorde / impieghi lordi 4,80% 3,57% 34,45% Sofferenze nette / impieghi netti 2,56% 1,93% 32,64% Partite anomale lorde* / impieghi lordi 12,64% 11,09% 13,98% Partite anomale nette* / impieghi netti 9,95% 8,98% 10,80% * Include le seguenti voci: sofferenze, incagli, esposizioni ristrutturate, esposizioni scadute; Tabella 3 Principali dati economici 31/12/ /12/2010 Var. % (dati in migliaia di euro) Margine d interesse ,80 % Margine d intermediazione) ,50 % Risultato netto della gestione finanziaria ,92 % Costi operativi ,73 % Risultato lordo dell attività operativa ,70 % Utile del periodo ,67 % Tabella 4 Principali dati patrimoniali e finanziari (dati in migliaia di euro) 31/12/ /12/2010 Var.% Crediti verso clientela ,20 % Attività finanziarie* (13) ,08 % Raccolta diretta da clientela** ,37 % Raccolta indiretta da clientela (14) ,58 % Totale Attivo ,45 % Patrimonio netto ,39 % Capitale Sociale (15) ,00 % * Include le seguenti voci: 20-Attività finanziarie detenute per la negoziazione ; 40-Attività finanziarie disponibili per la vendita ** Include le seguenti voci del passivo: 20 Debiti verso la clientela ; 30 Debiti rappresentati da titoli Cambiamenti negativi sostanziali nelle prospettive dell Emittente Il Credito Siciliano S.p.A. attesta che dal 31 dicembre 2011, data dell ultimo bilancio annuale dell Emittente sottoposto a revisione e pubblicato, non si sono verificati cambiamenti negativi sostanziali nelle prospettive dell Emittente. Cambiamenti significativi nella situazione finanziaria o commerciale dell Emittente Il Credito Siciliano S.p.A. attesta che non si sono verificati cambiamenti significativi della situazione finanziaria o commerciale dell Emittente e del Gruppo dal 31 dicembre 2011, data dell ultimo bilancio annuale dell Emittente sottoposto a revisione e pubblicato. B.13 Descrizione di qualsiasi fatto recente relativo all emittente che sia sostanzialmente rilevante per la valutazione della sua solvibilità Non applicabile Il Credito Siciliano S.p.A. attesta che non si sono verificati fatti recenti nella vita dell Emittente che siano sostanzialmente rilevanti per la valutazione della sua solvibilità.

9 B.14 Dipendenza dal gruppo B.15 Descrizione delle principali attività dell emittente B.16 Assetti proprietari Il Credito Siciliano S.p.A. è direttamente controllato dalla capogruppo Credito Valtellinese s.c. ai sensi dell art. 93 del Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 (Testo Unico Finanza). L attività del Credito Siciliano ha per oggetto la raccolta del risparmio e l esercizio del credito nelle sue varie forme ed è tradizionalmente incentrata su una clientela costituita da famiglie e piccole e medie imprese, offrendo - anche attraverso le società del Gruppo Credito Valtellinese specializzate quali, Mediocreval S.p.A., Creset S.p.A., Aperta SGR S.p.A., Aperta Fiduciaria S.r.l. e Lussemburgo Gestioni S.A. - un ampia gamma di servizi bancari e finanziari inerenti il corporate banking, il retail banking, il risparmio gestito, il private banking, i servizi di pagamento, il leasing, l investment banking e i servizi di bancassicurazione. Ai sensi dell art. 1 dello Statuto del Credito Siciliano: la società fa parte del Gruppo Bancario Credito Valtellinese. In tale qualità, essa è tenuta all osservanza delle disposizioni che la capogruppo, nell esercizio dell attività di direzione e coordinamento, emana per l esecuzione delle istruzioni impartite dalla Banca d Italia nell interesse della stabilità del Gruppo. Gli amministratori della Società forniscono alla capogruppo ogni dato e informazione per l emanazione di dette disposizioni. L art. 10 dello Statuto, inoltre, prevede che ogni azione dà diritto ad un voto. Secondo le risultanze del Libro dei Soci, alla data del 31/ le società che partecipano direttamente o indirettamente in misura superiore al 2% al capitale sociale del Credito Siciliano sono: - Credito Valtellinese S.c., con sede sociale in Sondrio, con una quota di azioni pari al 43,38% del capitale sociale; - Credito Artigiano S.p.A., con sede in Milano, con una quota di azioni pari al 35,79% del capitale sociale; Le quote azionarie che rappresentano il residuo 20,83% capitale sociale sono detenute dalla clientela ordinaria. Si evidenzia che in seguito all avvenuta fusione del Credito Artigiano S.p.A. nella capogruppo Credito Valtellinese s.c. (con efficacia 10 settembre 2012), alla data di redazione della presente Nota di Sintesi l Emittente è interamente controllato dal Credito Valtellinese s.c., che detiene direttamente il 79,17% del capitale sociale. B.17 Indicare i rating attribuiti all emittente o ai suoi titoli di debito su richiesta dell emittente o con la sua collaborazione nel processo di attribuzione: Rating dell emittente Non applicabile Alla data di pubblicazione del presente documento l emittente non ha richiesto alcun giudizio di rating Rating delle Obbligazioni Non applicabile Si evidenzia che, alla data della presente Nota di Sintesi, l Emittente, pur riservandosene la facoltà, non ha intenzione di richiedere ad una agenzia specializzata l attribuzione di un rating alle Obbligazioni. Sezione C Strumenti finanziari C.1 Descrizione del tipo e della classe degli strumenti finanziari offerti compresi eventuali codici di identificazione degli strumenti finanziari: Il Prospetto di Base è relativo all emissione di titoli di debito con clausola di subordinazione Lower Tier II che determinano l obbligo per l Emittente di rimborsare all investitore il 100% del loro valore nominale (il Valore Nominale ) unitamente alla corresponsione di cedole di interessi determinate secondo la metodologia di calcolo specifica per ogni tipologia di Obbligazioni. Il programma prevede l emissione delle seguenti tipologie di emissioni: Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Fisso; Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Variabile; Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Misto: fisso e variabile. In occasione di ciascuna emissione l Emittente provvederà ad indicare il codice di identificazione degli strumenti finanziari ( codice ISIN ) nelle pertinenti Condizioni Definitive.

10 C.2 Valuta di emissione degli strumenti finanziari: C.5 Descrizione di eventuali restrizioni alla libera trasferibilità delle Obbligazioni Le Obbligazioni saranno denominate in Euro. Non esistono restrizioni alla libera trasferibilità delle Obbligazioni, salvo le disposizioni di legge vigenti in materia. Si precisa, tuttavia, che le Obbligazioni non sono state né saranno registrate ai sensi del Securities Act del 1933, e successive modifiche, vigente negli Stati Uniti d America né ai sensi delle corrispondenti normative in vigore in Canada, Giappone, Australia o qualsiasi altro paese nel quale l offerta delle Obbligazioni non sia consentita in assenza di autorizzazione da parte delle autorità competenti (gli Altri Paesi ) e non potranno conseguentemente essere offerte, vendute o comunque consegnate, direttamente o indirettamente, negli Stati Uniti d America, in Canada, in Giappone in Australia e negli Altri Paesi. C.8 Descrizione dei Diritti connessi alle Obbligazioni offerte /Ranking/ Restrizioni ai Diritti C.9 Tasso di interesse nominale e disposizioni relative agli interessi da pagare Diritti Le Obbligazioni incorporano i diritti previsti dalla normativa vigente per i titoli della stessa categoria. In particolare, i portatori delle Obbligazioni hanno diritto al rimborso del capitale a scadenza (in un unica soluzione ovvero, per le obbligazioni con ammortamento periodico, mediante la corresponsione di rate periodiche) ed al pagamento degli interessi ai sensi dell art c.c. alle condizioni e ai termini del Programma. Ranking I titoli oggetto del presente documento costituiscono passività subordinate del Emittente, così come classificate in base alle vigenti Istruzioni di Vigilanza della Banca d Italia. Tali titoli sono subordinati con livello di subordinazione Lower Tier II. Ne consegue che in caso di liquidazione dell Emittente, le Obbligazioni saranno rimborsate per capitale ed interessi residui: (i) solo dopo che siano stati soddisfatti tutti gli altri creditori non subordinati o con un grado di subordinazione minore ( prestiti subordinati di terzo livello ) rispetto a quello delle Obbligazioni Subordinate emesse; (ii) insieme ed in misura proporzionale con i titolari di tutte le emissioni parimenti subordinate presenti e future dell Emittente (prestiti subordinati di secondo livello Lower Tier II e Upper Tier II ) e con i creditori dell Emittente caratterizzati dal medesimo grado di subordinazione; (iii) in ogni caso con precedenza rispetto ai titolari di obbligazioni, titoli assimilabili, strumenti o posizioni negoziali caratterizzati da un grado di subordinazione maggiore rispetto a quello delle Obbligazioni Subordinate (ad esempio, i titolari di azioni ordinarie rappresentative del capitale dell Emittente). Restrizioni ai diritti connessi alle Obbligazioni Non applicabile Non ci sono restrizioni - Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Fisso Le Obbligazioni Credito Siciliano S.pA. Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Fisso danno diritto al pagamento periodico di cedole di interesse il cui ammontare è determinato in ragione di un Tasso di Interesse prefissato alla data di emissione, ossia definito come percentuale del Valore Nominale delle Obbligazioni. Tale percentuale sarà costante lungo la durata del Prestito e sarà indicata nelle Condizioni Definitive per ciascuna emissione. - Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Variabile Le Obbligazioni Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Variabile danno diritto al pagamento di Cedole periodiche il cui importo sarà determinato applicando al Valore Nominale un Tasso di Interesse la cui misura varia in relazione all andamento del parametro di indicizzazione (il Parametro di Indicizzazione ) prescelto tra il tasso interbancario Euribor a tre, sei o dodici mesi (rilevazione puntuale o media mensile), e il tasso BCE eventualmente aumentato/diminuito di uno Spread espresso in punti base. Il Tasso di Interesse così definito potrà essere eventualmente arrotondato allo 0,01 più vicino. Il valore della prima cedola potrà essere determinato da parte dell Emittente in misura indipendente dal Parametro di Indicizzazione, applicando un tasso fisso il cui valore sarà specificato nelle Condizioni Definitive di ciascuna emissione unitamente all eventuale Spread e all eventuale arrotondamento. - Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Misto: fisso e variabile

11 Le Obbligazioni Credito Siciliano S.p.A. Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Misto: fisso e variabile danno diritto al pagamento di cedole periodiche fisse e/o variabili, in corrispondenza delle Date di Pagamento delle Cedole fisse e delle Date di Pagamento delle Cedole variabili il cui importo verrà calcolato, rispettivamente, per un predeterminato periodo indicato nelle Condizioni Definitive sulla base di tassi di interesse fissi mentre, per il restante periodo, l importo delle Cedole variabili verrà calcolato applicando al Valore Nominale un tasso di interesse la cui misura varia in relazione all andamento del Parametro di Indicizzazione prescelto tra il tasso interbancario Euribor a tre, sei o dodici mesi (rilevazione puntuale o media mensile), e il tasso BCE eventualmente aumentato/diminuito di uno Spread espresso in punti base. Il Tasso di Interesse così definito potrà essere eventualmente arrotondato allo 0,01 più vicino. (i)-data d entrata in godimento e scadenza degli interessi. Le Obbligazioni oggetto del presente programma corrisponderanno posticipatamente agli investitori, per tutta la durata del Prestito, cedole periodiche pagabili con frequenza trimestrale, semestrale, annuale come indicato nelle pertinenti Condizioni Definitive a partire dalla data d entrata in godimento (la Data di Godimento ) alla data di scadenza degli interessi (la Data di Pagamento ) che saranno indicate nelle Condizioni Definitive. Gli interessi saranno determinati applicando il calendario, la convenzione e la base di calcolo di volta in volta indicate nelle Condizioni Definitive. Qualora una Data di Pagamento degli interessi non coincida con un giorno lavorativo, si farà riferimento alla convenzione di calcolo, al calendario e alla base di calcolo indicati nelle Condizioni Definitive del singolo Prestito. (ii)-con riferimento alle Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Variabile e le Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Misto: fisso e variabile, descrizione del sottostante Le Obbligazioni a Tasso Variabile e a Tasso Misto: fisso e variabile presentano come sottostante per la definizione del Parametro di Indicizzazione il tasso interbancario Euribor a tre, sei o dodici mesi (rilevazione puntuale o media mensile), e il tasso BCE. Il Parametro di Indicizzazione sarà di volta in volta indicato nelle Condizioni Definitive. Tasso Euribor L'Euribor è il tasso lettera sul mercato interno dell'unione Monetaria Europea dei depositi bancari, rilevato dalla Federazione Bancaria Europea (FBE) - calcolato secondo la convenzione Act/360 - e pubblicato sui maggiori quotidiani europei a contenuto economico e finanziario. Esso è reperibile anche presso le pagine dei più diffusi Information Provider come Bloomberg o Reuters. Tasso BCE E' l'indice di riferimento bancario europeo. Viene determinato dalla Banca Centrale Europea e viene applicato dalla stessa BCE come tasso d'interesse nelle manovre di rifinanziamento alle banche d'europa. Questo tasso definisce l'andamento del costo del denaro e di conseguenza in base al suo valore vengono stabiliti tutti gli altri tassi d'interesse. Il tasso di rendimento scelto come Parametro di Indicizzazione è il tasso fissato dalla Banca Centrale Europea per le operazioni di rifinanziamento principali dell Eurosistema. Tale tasso è reperibile sul sito della BCE e pubblicato sui maggiori quotidiani europei a contenuto economico e finanziario. Esso è inoltre reperibile sui più diffusi Information Provider come Bloomberg o Reuters. (iii)-data di scadenza e modalità di ammortamento del prestito La data di scadenza (la Data di Scadenza )sarà indicata nelle Condizioni Definitive. Le Obbligazioni potranno prevedere le seguenti modalità di rimborso: - unico alla scadenza, nel qual caso vi è una sola data di rimborso (la Data di Rimborso ) e coincide con la Data di Scadenza secondo quanto indicato nelle Condizione Definitive; oppure - mediante ammortamento, cioè con rate periodiche durante la vita dei Titoli stessi (le Date di Rimborso ), pagabili non oltre la Data di Scadenza, coincidente con l ultima, in ordine temporale, tra le Date di Rimborso, secondo quanto indicato nelle Condizione Definitive. In ogni caso la Data di Rimborso, ovvero la prima tra le Date di Rimborso, non potrà essere fissata prima che siano trascorsi minimo 24 mesi dalla data di emissione (la Data di Emissione ). Nelle Condizioni Definitive di ciascuna emissione sarà indicata la data in cui i Titoli sono

12 C.10 Componente derivativa C.11 Indicare se gli strumenti finanziari offerti sono o saranno oggetto di una domanda di ammissione alla negoziazione in un mercato regolamentato accreditati sui conti degli investitori a fronte dell avvenuto pagamento del corrispettivo per la sottoscrizione dei Titoli medesimi ( la Data di Regolamento e, nel complesso, le Date di Regolamento ). Non è prevista la clausola di rimborso anticipato. Le Obbligazioni avranno una durata pari o superiore a cinque anni, la durata esatta sarà indicata nelle Condizioni Definitive. (iv)-tasso di Rendimento Il tasso di rendimento sarà riportato sulle Condizioni Definitive di ciascun prestito. Nel caso di Obbligazioni a Tasso Variabile e/o di Obbligazioni a Tasso Misto, il rendimento effettivo sarà calcolato ipotizzando che il Parametro di Indicizzazione si mantenga costante per l intera durata del Prestito ovvero che i flussi di cassa sono stati calcolati sulla base della curva forward.. (v)-rappresentanza degli obbligazionisti Non applicabile Trattandosi di Obbligazioni offerte da una banca, non è prevista la rappresentanza degli obbligazionisti, ai sensi dall art. 12 del D. Lgs. 1 settembre 1993, n. 385 (il Testo Unico Bancario ) che prevede la non applicazione degli articoli 2415 e seguenti del Codice Civile. Non applicabile Per le Obbligazioni relative al presente programma non è prevista la presenza della componente derivativa. Attualmente non è prevista la presentazione di una domanda di ammissione alla negoziazione presso alcun mercato regolamentato o sistema multilaterale di negoziazione delle Obbligazioni né l Emittente agirà in qualità di internalizzatore sistematico. L emittente si impegna a negoziare per conto proprio le Obbligazioni di propria emissione. La Banca può liberamente riacquistare (con finalità di ricollocamento sul mercato) quote di passività subordinate emesse dalla stessa per un ammontare non superiore al 10% del valore di ciascuna emissione. Il riacquisto superiore alla predetta misura è soggetto all autorizzazione della Banca d Italia ai sensi della Circolare della Banca d Italia del 27/12/2006 n. 263 e successive modifiche ed integrazioni. D.2 Informazioni fondamentali sui principali rischi che sono specifici per l emittente Sezione D Rischi Si riporta una sintesi dei principali fattori di rischi connessi all emittente: - Rischio di credito L'attività e la solidità economica, patrimoniale e finanziaria dell Emittente dipendono dal grado di affidabilità creditizia dei propri clienti. L Emittente è esposto ai tradizionali rischi relativi all'attività creditizia. Pertanto, l'inadempimento da parte dei clienti ai contratti stipulati ed alle proprie obbligazioni ovvero l'eventuale mancata o non corretta informazione da parte degli stessi in merito alla rispettiva posizione finanziaria e creditizia potrebbero avere effetti negativi sulla situazione economica, patrimoniale e/o finanziaria dell Emittente - Rischio di mercato L Emittente è esposto a potenziali cambiamenti nel valore degli strumenti finanziari, ivi inclusi i titoli emessi da Stati Sovrani, dovuti a fluttuazioni di tassi di interesse, dei tassi di cambi e di valute, nei prezzi dei mercati azionari e delle materie prime e degli spread di credito, e/o altri rischi. - Rischio operativo L Emittente è esposto a molti tipi di rischio operativo o malfunzionamenti dei sistemi informatici o di telecomunicazione. Qualunque inconveniente o difetto di tali sistemi potrebbe incidere negativamente sulla posizione finanziaria e sui risultati operativi dell Emittente. - Rischio di liquidità dell Emittente Si definisce rischio di liquidità il rischio che la Banca non riesca a far fronte ai propri impegni di pagamento quando essi giungono a scadenza

13 - Rischio relativo all assenza di rating dell Emittente Si definisce rischio connesso all assenza di rating dell Emittente il rischio relativo alla mancanza di informazioni sintetiche sulla capacità dell Emittente di adempiere le proprie obbligazioni, ovvero alla rischiosità di solvibilità dell Emittente relativa ai titoli emessi dallo stesso - Rischio connesso alla crisi economico/finanziaria La capacità reddituale e la stabilità dell'emittente sono influenzati dalla situazione economica generale e dalla dinamica dei mercati finanziari ed, in particolare, dalla solidità e dalle prospettive di crescita delle economie del paese in cui la Banca opera. In periodi di crisi economico/finanziaria, una serie di fattori negativi potrebbero condurre l'emittente a subire perdite, incrementi dei costi di finanziamento, riduzioni del valore delle attività detenute, con un potenziale impatto negativo sulla liquidità della Banca e sulla sua stessa solidità patrimoniale. Assume altresì rilievo nell attuale contesto economico-generale la possibilità che uno o più paesi fuoriescano dall Unione Monetaria Europea o, in uno scenario estremo, che si pervenga ad uno scioglimento dell Unione Monetaria medesima con conseguenze, in entrambi i casi allo stato imprevedibili. D.3 Informazioni fondamentali sui principali rischi che sono specifici per le Obbligazioni ISCHIO - Rischio legale Nello svolgimento delle proprie attività, l'emittente è coinvolto in alcuni procedimenti giudiziari. Si attesta che un eventuale esito sfavorevole dei procedimenti in essere non sarebbe comunque tale da incidere sulla solvibilità dell Emittente. Si riporta una sintesi dei principali fattori di rischio relativi alle Obbligazioni che saranno emesse nell ambito del Programma: - Rischio di credito per il sottoscrittore Il sottoscrittore, diventando finanziatore dell Emittente, si assume il rischio che l Emittente per effetto di un deterioramento della propria solidità patrimoniale, non sia in grado di pagare gli interessi e/o di rimborsare il capitale delle Obbligazioni oggetto del presente Prospetto di Base. - Rischio connesso all assenza di garanzie relative alle Obbligazioni Il rimborso del capitale ed il pagamento degli interessi sono garantiti unicamente dal patrimonio dell Emittente. I titoli non beneficiano di alcuna garanzia reale o di garanzie personali da parte di soggetti terzi e non sono assistiti dalle garanzie del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi - Rischio connesso alla subordinazione di Titoli Le Obbligazioni sono caratterizzate dalla presenza della clausola di subordinazione di tipo Lower Tier II, pertanto, in caso di liquidazione o sottoposizione a procedure concorsuali dell Emittente, il rimborso è subordinato alla preventiva soddisfazione di talune altre categorie di debiti dell Emittente. In tali circostanze la liquidità dell Emittente potrebbe non essere sufficiente per rimborsare, in tutto o in parte, il Prestito Obbligazionario per cui l Investitore potrebbe incorrere in una perdita, anche totale, del capitale investito. A parità di condizioni, i titoli subordinati sono quindi più rischiosi delle obbligazioni non subordinate. -Rischio di mancato rimborso / rimborso parziale In caso di liquidazione dell Emittente, l'investitore potrebbe incorrere in una perdita, anche totale del capitale investito. Infatti, il rimborso delle Obbligazioni subordinate avverrà solo dopo che siano stati soddisfatti tutti gli altri creditori privilegiati, chirografari, o con un minor grado di subordinazione, ed in tali casi, la liquidità dell'emittente potrebbe non essere sufficiente per rimborsare - anche solo parzialmente - le obbligazioni subordinate. -Rischio di non idoneità del confronto delle Obbligazioni con altre tipologie di titoli Le Obbligazioni presentano clausole di subordinazione di tipo Lower Tier II e pertanto hanno un grado di rischiosità maggiore rispetto ai titoli di Stato. Il confronto con tali titoli potrebbe quindi risultare non indoneo. - Rischio connesso al rimborso tramite ammortamento periodico La possibilità che alcuni Titoli prevedano il rimborso del capitale mediante ammortamento periodico espone l investitore al rischio che la frammentazione del capitale periodicamente disponibile non consenta un reinvestimento delle somme tale da garantire un rendimento almeno pari a quello dei Titoli.

14 - Rischi relativi alla vendita delle Obbligazioni prima della scadenza Nel caso in cui l investitore volesse vendere le Obbligazioni prima della loro scadenza naturale, il prezzo di vendita sarà influenzato da diversi elementi i quali potranno determinare una riduzione del prezzo di mercato delle Obbligazioni anche al di sotto del Valore Nominale - Rischio di tasso di mercato Il rischio di tasso di mercato è rappresentato dall eventualità che le variazioni intervenute nelle curve dei tassi di interesse possano avere riflessi sul prezzo di mercato delle Obbligazioni ragion per cui l investitore potrebbe non ottenere l intero capitale sottoscritto nell ipotesi di vendita delle Obbligazioni prima della scadenza. - Rischio di liquidità L investitore potrebbe essere esposto al rischio rappresentato dalla difficoltà o impossibilità di vendere le Obbligazioni prima della scadenza a meno di dover accettare una riduzione del prezzo pur di trovare una controparte disposta ad acquistarle. In tale caso potrebbe subire delle perdite in conto capitale nel disinvestimento delle Obbligazioni. - Rischio di deterioramento del merito di credito dell Emittente Le Obbligazioni potranno deprezzarsi in caso di peggioramento della situazione finanziaria dell Emittente, ovvero in caso di deterioramento del merito creditizio dello stesso. -Rischio di deprezzamento dei titoli in presenza di eventuali commissioni di sottoscrizione/collocamento Il Prezzo di Emissione delle Obbligazioni può incorporare commissioni di sottoscrizione/collocamento pertanto l investitore deve considerare che tali costi, versati al momento della sottoscrizione non sono rimborsabili in caso di dismissione dell investimento prima della scadenza. L investitore deve tener presente che il prezzo delle obbligazioni sul mercato secondario subirà una diminuzione immediata in misura di tali costi. -Rischio relativo al ritiro dell Offerta L Emittente avrà diritto, prima della data di inizio del Periodo di Offerta o della Data di emissione, di dichiarare revocata o di ritirare l offerta, nel qual caso le adesioni eventualmente ricevute saranno considerate nulle ed inefficaci. - Rischio di conflitto di interessi Rischio coincidenza dell Emittente con il Collocatore e con il Responsabile del Collocamento: la coincidenza dell Emittente con il Collocatore e con il Responsabile del Collocamento potrebbe determinare una potenziale situazione di Conflitto d Interessi nei confronti degli investitori, in quanto i titoli collocati sono di propria emissione. Legame tra l Emittente e le controparti di copertura: qualora l Emittente si coprisse dal rischio d interesse stipulando contratti di copertura con controparti interne al Gruppo bancario Credito Valtellinese, la comune appartenenza al medesimo Gruppo potrebbe determinare una situazione di conflitto di interessi nei confronti degli investitori. Appartenenza dei collocatori al Gruppo dell Emittente In relazione al collocamento è possibile che il/i soggetto/i si trovi/ino in una situazione di conflitto di interessi nei confronti degli investitori, in particolare nel caso in cui lo/gli stesso/i sia/siano società appartenenti al Gruppo bancario Credito Valtellinese, di cui l Emittente fa parte. Negoziazione dei titoli da parte dell Emittente L Emittente potrebbe trovarsi in una situazione di conflitto di interessi quando lo stesso assumesse la veste di controparte diretta nel riacquisto delle obbligazioni determinandone il prezzo. Responsabile per il Calcolo La coincidenza dell Emittente con l Agente di Calcolo delle cedole, cioè il soggetto incaricato della determinazione degli interessi, potrebbe determinare una potenziale situazione di Conflitto d interessi nei confronti degli investitori, in quanto i titoli collocati sono di propria emissione. - Rischio correlato all assenza di rating delle Obbligazioni

15 E.2 b Ragioni dell Offerta e impiego dei proventi L Emittente non ha richiesto alcun giudizio di rating per le Obbligazioni. Ciò costituisce un fattore di rischio in quanto non vi è disponibilità immediata di un indicatore sintetico rappresentativo della rischiosità degli strumenti finanziari. - Rischio derivante da modifiche al regime fiscale Tutti gli oneri fiscali presenti e futuri che si applichino ai pagamenti effettuati ai sensi delle obbligazioni sono a esclusivo carico dell investitore. Non vi è certezza che il regime fiscale applicabile alla data del presente prospetto rimanga invariato durante la vita delle obbligazioni con possibile effetto pregiudizievole sul rendimento netto atteso dall investitore. Fattori di rischio specifici delle Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Variabile e Obbligazioni Subordinate Lower Tier II a Tasso Misto:fisso e variabile - Rischio di indicizzazione Il rendimento delle obbligazioni dipende dall andamento del Parametro di Riferimento prescelto per la parte di prestito a tasso variabile, per cui, ad un eventuale andamento decrescente dello stesso corrisponde un rendimento proporzionalmente decrescente. - Rischio di spread negativo sul parametro di riferimento Qualora la cedola a tasso variabile sia determinata applicando al Parametro di Indicizzazione uno Spread negativo, il rendimento delle Obbligazioni sarà inferiore a quello di un titolo similare legato al parametro previsto senza applicazione di alcuno Spread o con Spread positivo. - Rischio relativo ad eventi di turbativa Nell ipotesi di non disponibilità del Parametro di Indicizzazione, a una o più date di determinazione, l Agente per il Calcolo fisserà un valore sostitutivo del Parametro di Indicizzazione. - Rischio di disallineamento del Parametro di Indicizzazione rispetto alla periodicità della cedola Nel caso in cui la periodicità delle cedole non corrisponda alla durata del tasso Euribor o del tasso BCE, scelto come Parametro di Indicizzazione, tale disallineamento può incidere negativamente sul rendimento del titolo. - Assenza di informazioni successive all emissione L Emittente non fornirà, successivamente all emissione, alcuna informazione relativamente all andamento del Parametro di Indicizzazione - Rischio correlato alla presenza di un arrotondamento della cedola Nel caso in cui l arrotondamento delle cedole operi o possa operare per difetto, l investitore deve considerare che si vedrà o potrebbe vedersi corrisposte delle cedole inferiori a quelle che avrebbe percepito in caso di assenza di tale arrotondamento. Sezione E Offerta Le Obbligazioni di cui alla presente Nota di Sintesi saranno emesse nell ambito dell ordinaria attività di raccolta dell Emittente. Inoltre, trattandosi di passività subordinate di tipo Lower Tier II, l emissione del prestito contribuirà, in ragione delle vigenti normative, al rafforzamento del patrimonio di Vigilanza dell Emittente. E.3 Descrizione dei termini e delle condizioni dell offerta (i)-periodo d Offerta La durata del Periodo di Offerta sarà indicata nelle Condizioni Definitive e potrà essere fissata dall'emittente in modo tale che tale periodo abbia termine prima della data a partire dalla quale le Obbligazioni iniziano a produrre interessi (la " Data di Emissione e la Data di Godimento") ovvero successivamente a quest ultima. È fatta salva la facoltà dell'emittente, durante il periodo d Offerta, di prorogarne la durata dandone comunicazione entro l ultimo giorno, mediante apposito avviso da pubblicare sul sito e/o su quello degli eventuali soggetti che partecipano al collocamento. Tale avviso sarà contestualmente trasmesso alla Consob. L Emittente potrà altresì procedere, a suo insindacabile giudizio e in qualsiasi momento, durante il Periodo d Offerta, alla chiusura anticipata dell offerta, con conseguente riduzione dell Ammontare Totale del Prestito, facendo sospendere immediatamente all eventuale/i Soggetto/i Incaricato/i del Collocamento l accettazione di ulteriori richieste da parte degli investitori. L Emittente eserciterà tale facoltà nel caso in cui:

16 in relazione ai propri effettivi fabbisogni di raccolta a medio/lungo termine, ritenga che non sia più necessario proseguire nel collocamento delle Obbligazioni; l andamento dei tassi di mercato renda incompatibile o non più conveniente il rendimento previsto per le Obbligazioni offerte con gli obiettivi di costo massimo della raccolta a medio/lungo termine che l Emittente ritenga adeguati. L Emittente procederà inoltre all immediata chiusura anticipata del Periodo d Offerta nel caso in cui sia stato raggiunto l ammontare totale di ciascuna offerta, così come indicato nelle relative Condizioni Definitive. L Emittente darà comunicazione al pubblico della chiusura anticipata dell Offerta mediante pubblicazione di apposito avviso sul sito internet del Gruppo bancario Credito Valtellinese (www.creval.it) e dell eventuale/i Soggetto/i Incaricato/i del Collocamento. Tale avviso sarà contestualmente trasmesso alla Consob. Gli investitori potranno aderire al Prestito compilando l apposita modulistica a disposizione presso le sedi e le filiali dell Emittente. Nelle Condizioni Definitive relative di ciascun Prestito, l Emittente potrà indicare l identità di eventuali soggetti incaricati del collocamento. Le Obbligazioni saranno offerte in sottoscrizione dai Soggetto/i Incaricato/i del Collocamento esclusivamente presso le proprie sedi e filiali. Non è prevista alcuna offerta delle Obbligazioni fuori sede o comunque mediante tecniche di comunicazione a distanza. (ii)-ammontare totale dell Offerta L ammontare totale massimo di ciascun Prestito (l Ammontare Totale ) sarà indicato nelle Condizioni Definitive. Gli investitori potranno sottoscrivere un numero di Obbligazioni non inferiori ad una ovvero al maggior numero indicato nelle Condizioni Definitive (il Lotto Minimo ) relative a ciascun Prestito. L importo massimo sottoscrivibile non potrà essere superiore all Ammontare Totale Massimo previsto per ciascun Prestito. L Ammontare Totale massimo di ciascun Prestito sarà indicato nelle Condizioni Definitive. L Emittente potrà, durante il periodo di offerta, aumentare ovvero ridurre l Ammontare Totale dandone comunicazione mediante apposito avviso che sarà messo a disposizione del pubblico sul sito internet dell Emittente. Copia di tale avviso sarà contestualmente trasmessa alla Consob. (iii)-ritiro dell Offerta Salvo il caso di ritiro dell Offerta sotto indicato, l Emittente darà corso all emissione delle Obbligazioni anche qualora non venga sottoscritto l Ammontare Totale. Qualora, successivamente alla pubblicazione delle Condizioni Definitive e prima della data di inizio del Periodo di Offerta o della data di emissione delle Obbligazioni, dovessero verificarsi circostanze straordinarie, così come previste nella prassi internazionale, ovvero eventi negativi riguardanti la situazione finanziaria, patrimoniale, reddituale dell Emittente che siano tali, secondo il ragionevole giudizio dell Emittente, da pregiudicare in maniera sostanziale la fattibilità e/o la convenienza dell Offerta, l Emittente si riserva la facoltà di non dare inizio all Offerta ovvero di ritirarla. Le decisioni di cui al precedente capoverso saranno comunicate al pubblico dall Emittente, rispettivamente, entro la data di inizio del Periodo di Offerta ovvero entro la data di emissione delle Obbligazioni, mediante avviso da pubblicarsi sul sito Copia di tale avviso sarà contestualmente trasmessa alla Consob. Ove l Emittente si sia avvalso della facoltà di ritirare l offerta ai sensi delle disposizioni che precedono, tutte le domande di adesione saranno da ritenersi nulle e inefficaci, senza necessità di alcuna ulteriore comunicazione da parte dell Emittente. Le somme di importo pari al controvalore delle Obbligazioni prenotate saranno prontamente rimesse a disposizione dell investitore. Non è prevista la possibilità di riduzione dell ammontare delle sottoscrizioni. (iv)-destinatari dell offerta e mercati Le Obbligazioni saranno emesse e collocate interamente ed esclusivamente sul mercato italiano. L Offerta è rivolta al pubblico indistinto in Italia ovvero alle categorie di investitori indicate nelle Condizioni Definitive. (v)-piano di ripartizione Non sono previsti criteri di riparto. Saranno assegnate tutte le Obbligazioni richieste dai sottoscrittori durante il Periodo di Offerta, fino al raggiungimento dell'importo totale massimo disponibile. Le richieste di sottoscrizione saranno soddisfatte secondo l'ordine cronologico di prenotazione ed entro i limiti dell'importo massimo disponibile che l'emittente assegnerà a ciascun soggetto eventualmente incaricato del collocamento. E.4 Descrizione di Si segnala che l offerta di Obbligazioni costituisce un operazione nella quale il Credito Siciliano

17 eventuali interessi che sono significativi per l emissione/l offe rta compresi interessi confliggenti E.7 Spese stimate addebitate all investitore dall emittente/ offerente si trova in conflitto d interessi in quanto ha ad oggetto strumenti finanziari di propria emissione. L Emittente provvederà a dare indicazione nelle Condizioni Definitive, del/i Soggetto/i Incaricato/i che potrebbe/potrebbero partecipare al collocamento delle Obbligazioni. In relazione al collocamento stesso è possibile che tali soggetti si trovino in una situazione di conflitto di interessi nei confronti degli investitori, in particolare nel caso in cui siano società appartenenti al Gruppo bancario Credito Valtellinese, di cui l Emittente fa parte. Qualora l Emittente si coprisse dal rischio d interesse stipulando contratti di copertura con controparti interne al Gruppo Credito Valtellinese, la comune appartenenza al medesimo Gruppo potrebbe determinare una situazione di conflitto di interessi nei confronti degli investitori. Poiché l Emittente, inoltre, svolge normalmente la funzione di Agente per il Calcolo e di Responsabile del Collocamento delle Obbligazioni, potrebbe determinarsi una situazione di conflitto di interessi nei confronti degli investitori. Eventuali commissioni di sottoscrizione/collocamento e/o altri oneri in aggiunta al prezzo di emissione espresse/i in termini percentuali sul Valore Nominale delle Obbligazioni, ove previste/i, saranno indicate nelle rispettive Condizioni Definitive.

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000»

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000» Sede legale e amministrativa: Via Venti Settembre, 30 00187 Roma Tel. 06.4771.1 Fax 06. 4771.5952 Sito internet: www.dexia-crediop.it n iscrizione all Albo delle Banche: 5288 Capogruppo del Gruppo bancario

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione.

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione. INA ASSITALIA S.p.A. Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli