Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia"

Transcript

1 Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 9 - Casella Postale Roma - Capitale versato Euro ,00 Tel. 06/ telex BANKIT - Partita IVA

2 PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI IMPIANTI ELABORATIVI PER L INFRASTRUTTURA WEBFARM DELLA BANCA D ITALIA - G003/ ERRATA CORRIGE Nel Capitolato tecnico, la Sezione 5 Caratteristiche tecniche oggetto di valutazione è sostituita come segue:

3 5 Sezione quinta Caratteristiche tecniche oggetto di valutazione È data facoltà al fornitore di offrire beni e servizi con caratteristiche migliorative rispetto ai requisiti minimi obbligatori riportati nei precedenti paragrafi. In questo capitolo sono elencate le caratteristiche tecniche e/o capacità dell impresa che saranno valutate ai fini dell assegnazione del punteggio tecnico. SCHEDA DI VALUTAZIONE TECNICA (REQUISITI MIGLIORATIVI ) Caratteristiche dei dispositivi chassis e blade Codice Requisito Aspetto tecnico premiante Punteggio Criterio massimo MIG- Gestione centralizzata Gli chassis sono gestibili 0= Gli chassis non sono gestibili degli chassis tramite un interfaccia di tramite un interfaccia di amministrazione unica. amministrazione unica. = Gli chassis sono gestibili tramite un interfaccia di amministrazione unica. MIG-2 Ridondanza moduli interni agli chassis Le interconnessioni tra le lame blade e gli chassis 0= Le interconnessioni tra le lame blade e gli chassis non sono sono completamente ridondate ridondate = Le interconnessioni tra le lame blade e gli chassis sono ridondate MIG-3 Architettura di L architettura di memoria 0=l architettura non è NUMA memoria NUMA dei processori delle lame blade è NUMA = l architettura è NUMA

4 MIG-4 TCP-offload Le interfacce 0Gbit/s delle lame blade supportano il TCP-offload 0=le interfacce non supportano il TCP-offload = le interfacce supportano il TCPoffload Caratteristiche dei dispositivi di rete e di sicurezza MIG-5 Uniformità Gli switch per la 0= gli switch non sono dello stesso tecnologica degli connettività Ethernet del vendor apparati di rete livello di core e del livello 3 3= gli switch sono dello stesso access sono dello stesso vendor vendor. MIG-6 Uniformità Gli switch per la 0= gli switch non hanno lo stesso tecnologica del connettività Ethernet del sistema operativo. sistema operativo degli livello di core e del livello 2 2= gli switch hanno lo stesso sistema apparati di rete access hanno lo stesso operativo. sistema operativo. MIG-7 Supporto della Gli switch del livello core 0=nessun supporto del MC-LAG funzionalità Chassis Multi Link Ethernet supportano il MC- LAG (Multi Chassis Link = supporto del MC-LAG Aggregation (MC- Aggregation) LAG) per aggregare link fisici attestati su chassis distinti tramite il protocollo IEEE 802.AX (ex 802.3ad) MIG-8 Soluzioni di Scelta di soluzioni con 0= soluzione B interconnessione del livello di access Ethernet e FC consolidamento dei cablaggi e delle interfacce 4 4= soluzione A, soluzione C, soluzione D

5 MIG-9 Definizione esclusiva E garantito a livello 0= Sui dispositivi Firewall/IPS delle regole di applicativo che le regole gestiti dalle console di sicurezza dei dei firewall possono essere amministrazione, si è in grado di Firewal/IPS mediante modificate soltanto modificare localmente le regole di console di gestione centralizzata mediante la console di gestione centralizzata e non 2 sicurezza. 2= Sui dispositivi Firewall/IPS, attraverso l accesso locale gestiti dalle console di sui dispositivi firewall amministrazione, non si è in grado di modificare localmente le regole di sicurezza. Caratteristiche del gestore della virtualizzazione Codice Requisito Aspetto tecnico premiante Punteggio Criterio massimo MIG-0 Tipologia della licenza Lo stack software che 0 = gestore della virtualizzazione d uso realizza il gestore della non open source virtualizzazione è rilasciato con una licenza open source. = gestore della virtualizzazione open source MIG- Supporto per XEN Il gestore della virtualizzazione supporta pienamente l hypervisor XEN. 0 = nessun supporto per XEN = supporto per XEN MIG-2 Action triggering Possibilità di eseguire azioni (via script) in conseguenza dei cambiamenti di stato (trigger) dell hardware o delle VM (ad es. failure 0 = nessun supporto triggering = supporto al triggering hardware, esecuzione di

6 uno script allo shutdown di una VM) MIG-3 Alta disponibilità e Il gestore della 0 = nessun monitoring applicativo monitoraggio applicativo virtualizzazione, responsabile disponibilità dell alta delle = monitoring applicativo macchine virtuali e della loro eventuale rilocazione automatica, integra controlli di livello applicativo personalizzabili in modo da consentire la rilocazione automatica delle VM (o altre azioni configurabili) in base allo stato dei singoli servizi applicativi oltre allo stato dell intera macchina virtuale o fisica MIG-4 Trigger di monitoraggio Possibilità di eseguire operazioni predefinite da script o comandi in relazione alle risultanze del monitoraggio (trigger) 0 = nessun trigger di monitoraggio = trigger di monitoraggio MIG-5 Provisioning multi-tier Provisioning di servizi multi-tier consistenti di gruppi diversi di VM tra 0 = nessun provisioning multi-tier = provisioning multi-tier loro logicamente interconnesse

7 MIG-6 Gestione del deprovisioning Gestione dell intero ciclo di vita della VM (o gruppo di 0 = nessuna gestione del deprovisioning VM), incluso il deprovisioning (notifica della scadenza delle VM sulla base di scadenze definite, di statistiche di inutilizzo etc.) = gestione del de-provisioning MIG-7 Interfacce standard Interfaccia LibVirt o 0 = assenza di interfacce standard XMLRPC o REST o SOAP per l access alle funzionalità core per l accesso alle funzionalità core = disponibilità di interfacce standard per l accesso alle funzionalità core MIG-8 Cloud computing Supporto al Cloud Computing, compatibile con Amazon EC2 e/o ElasticHosts, con 0 = nessun supporto al cloud computing = supporto al cloud computing possibilità di creare federazioni di istanze cloud per costruire cluster di virtualizzazione indipendenti e per l outsourcing di VM verso una public cloud usando immagini di VM preventivamente configurate presso il

8 provider esterno MIG-9 Interfaccia GUI Possibilità di associare, a ogni VM, un insieme di minimo 0 attributi (tag) al fine di poter definire gruppi di VM, sulla base di uno o più attributi 0= nessuna gestione degli attributi = gestione degli attributi Caratteristiche dei servizi professionali Codice Requisito Aspetto tecnico premiante Punteggio Criterio massimo MIG-20 Disponibilità, in presenza, di un sistemista RHCA Il fornitore si obbliga a rendere i servizi con la presenza in Banca di un architect certificato RHCA. 0 = nessuna disponibilità di RHCA = RHCA nella fase di realizzazione per almeno 45gg/persona. 2 2 = RHCA durante la fase di realizzazione per almeno 45gg/persona e nell arco del primo anno di esercizio per almeno 45gg/persona MIG-2 Disponibilità, in Il fornitore si obbliga a 0 = nessuna disponibilità di presenza, di un rendere i servizi con la specialista certificato sistemista certificato presenza in Banca di uno = specialista certificato nella fase nella soluzione di specialista certificato nella 3 di realizzazione gestione virtualizzazione della soluzione di gestione della virtualizzazione 3 = specialista certificato nella fase di realizzazione ed i quattro anni di esercizio MIG-22 Disponibilità, in Il fornitore si obbliga a 0 = nessuna disponibilità di RHCA è acronimo di RedHat Certified Architect.

9 presenza, di un rendere i servizi con la specialista certificato sistemista certificato presenza in Banca di uno = specialista certificato nella fase nella soluzione di specialista certificato nella di realizzazione e nel primo anno di Firewall/IPS soluzione di Firewall/IPS esercizio MIG-23 Disponibilità, in Il fornitore si obbliga a 0 = nessuna disponibilità di presenza, di un rendere i servizi con la specialista certificato sistemista certificato presenza in Banca di uno = specialista certificato nella fase nella soluzione di rete specialista certificato nella 2 di realizzazione Ethernet soluzione di rete Ethernet 2 = specialista certificato nella fase di realizzazione e per i primi due anni di esercizio Caratteristiche delle isole rack modulari Codice Requisito Aspetto tecnico premiante Punteggio Criterio massimo MIG-24 Dimensionamento Dimensionamento 0 = potenza media per rack 8kW impianto di dell impianto di = potenza media per rack 0kW condizionamento condizionamento per raggiungere determinati 2 2 = potenza media per rack 2kW valori di potenza media per rack. MIG-25 Doppia alimentazione Fornitura di unità di 0 = unità di condizionamento a unità di condizionamento dotate di singola alimentazione elettrica condizionamento doppia alimentazione = unità di condizionamento dotate 2 di doppia alimentazione elettrica attraverso commutatori di alimentazione elettrica esterni alle unità. 2 = unità di condizionamento dotate

10 di doppia alimentazione elettrica nativa MIG-26 Ventole hot-swap Possibilità di sostituire a caldo le ventole in caso di guasto garantendo la continuità di funzionamento dell unità di condizionamento. 0 = ventole di tipo non hot-swap = ventole di tipo hot-swap MIG-27 Tecnologia cablaggio Cablaggio ottico con 0 = cablaggio ottico in tecnologia ottico tecnologia MTP/MPO non MTP/MPO = cablaggio ottico in tecnologia MTP/MPO Punteggio tecnico massimo 40 Tabella Punteggio tecnico

11 CHIARIMENTI Domanda n. Riferimento Requisito Ges-29 Monitoraggio dell'infrastruttura (pag 9) E' corretto intendere il requisito GES-29 come la possibilità che anche l'end user abbia la capacità di monitorare (in termini di CPU, ram, etc) l'infrastruttura virtuale richiesta, direttamente dall'interfaccia di tipo self-provisioning (ovvero non unicamente da quella amministrativa / di gestione)? : Il monitoraggio delle risorse è da intendersi dedicato ai soli utenti gestori dell infrastruttura. In tal senso non è strettamente necessario che dalla interfaccia di self-provisioning si acceda a tali informazioni. Domanda n.2 Riferimento Requisito Ges-30 Self provisioning (pag 9) E' corretto intendere il requisito di self provisioning come la possibilità, nativa nel prodotto, di specificare una finestra temporale, estendibile secondo necessità, per l'utilizzo di tali ambienti? In caso affermativo, è corretto richiedere, come funzionalità nativa del prodotto, di avviare automaticamente il de-provisioning delle risorse, alla scadenza di tale finestra temporale? Il modulo di self-provisioning non deve integrare obbligatoriamente la funzionalità di gestione del de-provisioning. Tale funzionalità, intesa come capacità di deallocare le risorse associate ad una ambiente virtuale in base ad una scadenza temporale predefinita, è espressa come solo requisito migliorativo (MIG-5). Domanda n.3 Riferimento Requisito Ges-33 Gestione Multi-tenancy (pag 9) E' corretto intendere tale requisito come la capacità, nativa del prodotto di gestione della virtualizzazione, di definire differenti "organizzazioni" e assegnare ad ogni cliente reti separate? Il caso affermativo, è corretto intendere che, quando tramite il modulo di self-provisioning un utente, appartenente ad una determinata organizzazione, richiede ambienti virtuali, deve poter scegliere la VLAN soltanto nell'insieme delle sottoreti assegnate a tale organizzazione. Per multi-tenancy è da intendersi la capacità del gestore della virtualizzazione di rendere indipendente la gestione dei due poli di virtualizzazione di sviluppo/collaudo infrastrutturale e preproduzione/produzione. In tal senso un utente definito nel solo ambiente di sviluppo/collaudo infrastrutturale potrà operare solo in quel contesto e non in quello di pre-produzione/produzione e viceversa. Domanda n.4

12 Riferimento Requisito GES 30: Self-provisioning - Gestione del flusso approvativo (pag 9) E' corretto intendere tale requisito come la disponibilità, da parte del prodotto di gestione della virtualizzazione di fornire nativamente (out of the box) un flusso approvativo, customizzabile in base ai processi di business della Banca? E' richiesto che tale flusso approvativo consenta la possibilità di customizzare le approvazioni in base alla tipologia di richiesta effettuata dall'utente? Tutte le funzioni del gestore della virtualizzazione possono essere offerte tramite un unica componente software che li integri all interno oppure come integrazione di più componenti software opportunamente integrate e supportate dal fornitore. Si ribadisce che il modulo di self-provisioning deve consentire di implementare differenti processi autorizzativi in base a policy pre-assegnate dipendenti, ad esempio, dalla dimensione dello spazio disco, della RAM e del numero di core richiesti alla VM, all ambiente logico di appartenenza della VM. Domanda n.5 Riferimento Requisito CS-9 Funzionalità avanzate - Supporto funzioni di mirroring (pag 24) si chiede conferma che tale requisito sia soddisfatto da apparecchiature che implementano ilprotocollo sflow, come definito dallo standard di riferimento (RFC 376) No, tale requisito non è soddisfatto dall utilizzo del protocollo sflow in quanto esso è previsto per funzionalità differenti. Domanda n.6 Riferimento Capitolato Tecnico La "Tabella 48 Punteggio tecnico", inserita da pag 00 a 04, La tabella presenta 27 righe (escluse le intestazioni) denominate MIG-xx.Però sono presenti due righe con numerazione MIG-7, e la numerazione si conclude con MIG-26. Si chiede di fornire una tabella con la numerazione aggiornata e coerente con la tabella riepilogativa riportata a pag 23-24, in cui i suddetti punti sono denominati da MIG- a MIG-27. (A titolo non esaustivo, si cita l esempio del MIG-20 il cui possibile punteggio è riconducibile ai valori 0,,3 ma nello schema di sintesi dell offerta tecnica, sembrano evidenziarsi solo i valori 0,,2. ) E disponibile la nuova Sezione 5 che sostituisce integralmente quella pubblicata all interno del Capitolato e che recepisce la correzione del refuso segnalato(cfr. ERRATA CORRIGE nel presente documento). Domanda n.7 Riferimento punto III.2.3 lett.a) del Bando di gara si chiede conferma che il triennio di riferimento è quello relativo agli ultimi tre esercizi di bilancio approvati alla data di scadenza presentazione offerta, ossia Si conferma quanto previsto nel Bando. Se il bilancio 200 è stato approvato prima della data di scadenza, il triennio di riferimento è

13 Domanda n.8 Riferimento Paragrafo Soluzione C switch interni FCoE (blade switch FcoE). Si richiede se può essere considerato sufficiente il supporto dei protocolli IGMP v e v2 e di relative funzionalità di snooping per soddisfare il requisito. No. Si confermano i requisiti espressi nel capitolato. Domanda n.9 Riferimento Requisito: FCOE-C-8 - Supporto protocolli FC Fibre Channel enhanced port types: SD and TE Dato che le porte di tipo SD e TE sono tipologie di porte non definite in alcuna documentazione standard relativa al protocollo FC in ambito INCITS, si chiede conferma che il supporto di tale tipologia di porte non venga considerato un requisito obbligatorio.. Il supporto dei protocolli FC come indicato al requisito FCOE-C-8 si riferisce all esigenza di garantire l integrazione della soluzione nell ambito della attuale infrastruttura di Storage Area Network dell Istituto, basata su tecnologia CISCO MDS. Pertanto il supporto è un requisito obbligatorio. Potranno essere accettate come equivalenti soluzioni alternative in grado di garantire lo stesso tipo di funzionalità nell ambito dell integrazione con l infrastruttura esistente. Domanda n.0 Riferimento Requisito - FCOE-C-0 Segmentazione. Il requisito FCOE-C-0 non può essere soddisfatto nel caso dell architettura NESTED NPIV descritta al paragrafo , in quanto la modalità di funzionamento dello switch di accesso, definita al livello standard come NPV (N Port Virtualization), non consente di implementare funzionalità di segmentazione. Dal momento che è considerata best practice l implementazione basata sullo standard NPIV per la connessione di server di tipo blade ad uno switch di CORE, allo scopo di limitare il numero di domini FC, si richiede di considerare il requisito FCOE-C-0 come opzionale. La configurazione indicata al paragrafo e denominata come nested NPIV, è da intendersi come la soluzione da utilizzarsi nel caso in cui (nell ambito della soluzione proposta) il livello di accesso non possa svolgere nativamente le funzioni di fabric-login e NPIV dovendo pertanto demandare tale attività al livello di CORE della SAN. Sono accettate anche soluzioni in cui il livello di accesso Fibre Channel operi in modalità NPIV nativa permettendo l aggregazione di più porte virtuali, sulla stessa HBA fisica, preservando la definizione dell istanza di virtual-hba associata a ciascun macchina virtuale. Rimane confermata la necessità di garantire l aggregazione del traffico tra il livello di accesso e quello di core, contestualmente al rispetto dei requisiti di segmentazione indicati al punto FCOE-C-0. Domanda n. Riferimento Requisito FCOE-C-5 Gestione. Il requisito FCOE-C-5 riportante le caratteristiche minime che devono essere soddisfatte dai dispositivi FCOE prescrive il supporto dei protocolli

14 Radius e Tacacs+. Si richiede se possa essere considerato sufficiente il solo supporto del protocollo Radius considerato che entrambi i protocolli sono in grado di gestire le medesime funzionalità e sono implementati dai medesimi server di autenticazione e che al precedente requisito FCOE-C-5 vengono richiesti in alternativa. Il requisito FCOE-C-5 prevede il supporto di autenticazione delle sessioni di management attraverso utilizzo di RADIUS server o di TACACS+ server. Con riferimento al requisito FCOE- C-5 è pertanto sufficiente il solo supporto del protocollo Radius ovvero del protocollo TACACS+. Domanda n.2 Riferimento. par e 5 capoverso - pag. 8 del Disciplinare di gara: Si chiede di confermare che il riferimento Allegato 4 del Disciplinare debba intendersi Allegato 2 del Disciplinare Si. Nel paragrafo 4 del Disciplinare i riferimenti all Allegato 4 debbono intendersi come riferimenti all Allegato 2. Domanda n.3 Riferimento par capoverso - pag. 8 del Disciplinare di gara: si chiede se sia corretto che il documento di cui alla lettera E dell Allegato 2 (erroneamente indicato Allegato 4), ovvero il Certificato della CCIAA, possa essere presentato anche soltanto da una delle imprese raggruppate o raggruppande. Non è corretto. Il Certificato CCIAA deve essere presentato da tutte le imprese raggruppate o raggruppande. Domanda n.4 Si chiede conferma della presenza di alcuni refusi al paragrafo 5 del capitolato tecnico. In particolare nella tabella Scheda di valutazione tecnica Requisiti Migliorativi si evidenzia la duplicazione del requisiti migliorativo MIG-7, cosa che comporta un insieme di 26 requisiti migliorativi totali su 27 elementi possibili. Nelle successive tabelle di sintesi, da inserire in offerta tecnica, questa duplicazione non è presente ed i requisiti MIG sono in totale 27 mancando inoltre di corrispondenza nei punteggi tecnici precedentemente dichiarati per ciascuno elemento migliorativo. Si chiede pertanto di pubblicare la tabella corretta dei requisiti migliorativi e le relative tabelle di sintesi da inserire in offerta tecnica. Cfr. risposta alla Domanda n.6. Domanda n.5

15 Riferimento: Capitolato Tecnico, Pagina 27. Al fine di poter integrare i nuovi switch di accesso SAN all interno del sistema di gestione già presente in Istituto si chiede di specificare in modo chiaro il software e la versione utilizzati da Banca d Italia in modo da poter prevedere l eventuale estensione di licenze software necessarie. Il monitoraggio dei sistemi della SAN dell Istituto è attualmente basato sulla suite IBM-TIVOLI. Gli apparati dovranno essere in grado di inviare allarmi di tipo SNMP alla suddetta piattaforma già presente in Banca. Si specifica inoltre che qualora la gestione e la configurazione degli apparati debba essere eseguita attraverso componenti SW (GUI, applet JAVA), dovranno essere previste nella fornitura anche le licenze per tali prodotti. Domanda n.6 Riferimento: Capitolato Tecnico, Pagina 38-42; secondo indagini svolte dalla scrivente, non si è trovata conformità con prodotti di mercato, ivi inclusi quelli nel proprio portafoglio, a tutti requisiti minimi obbligatori richiesti (da FCOE-C- fino a FCOE-C-8). Si chiede di indicare, a titolo di esempio chiarificatore, almeno una soluzione di mercato conforme alle specifiche indicate, in modo da consentire la proposizione di soluzioni di IO di tipo CNA con switch interni FcoE (soluzione C). Le soluzioni indicate al paragrafo del capitolato ed indicate come A,B,C e D, rappresentano scenari implementativi alternativi. I requisiti minimi obbligatori di ciascun scenario sono stati identificati sulla base delle esigenze del progetto, senza far riferimento a specifiche soluzioni di mercato. Qualora la scrivente ritenga che lo scenario della soluzione C non possa essere realizzato attraverso soluzioni disponibili sul mercato a lei note, potrà proporre una soluzione che rientri nell ambito degli altri scenari implementativi previsti. Domanda n.7 Riferimento: Capitolato Tecnico, Pagina 5, Requisito BL-7. Le soluzioni di tipo A e B si basano sull utilizzo di doppia interfaccia a 0 Gbps, Gbps e 4 Gbps (rispettivamente per il traffico di erogazione, management ed accesso allo storage) garantendo la separazione fisica dei tre tipi di traffico ed un troughtput totale di 30 Gbps a server fisico. Le soluzioni C e D invece si basano su due sole interfacce CNA a 0 Gbps per trasportare tutte le 3 tipologie di traffico, prevedendo una separazione logica dei vari tipi di traffico (VLAN, 802.Q). Considerando che, sulla base delle soluzioni C e D, il partizionamento logico (VLAN, 802.Q) è una soluzione accettabile da Banca d Italia, per rendere equivalenti le varie soluzioni si chiede di eliminare dagli scenari A e B la richiesta di 2 schede Ethernet ad Gbps dedicate al management (e relativi switch negli chassis) considerando che tale rete può essere logicamente inclusa in quella a 0 Gbps con il supporto delle VLAN esattamente come nel caso degli scenario C e D. Si consideri inoltre che, dal punto di vista del troughtput nominale, se la Banca ritiene accettabile un totale di 20 Gbps (soluzioni C e D) per ciascun server, a maggior ragione una banda di 28 Gbps per server può ritenersi sufficiente, senza quindi introdurre ulteriori penalizzazioni delle soluzioni di tipo A e B. Si specifica che l equivalenza delle soluzioni A e B e le soluzioni C e D per quanto relativo ai requisiti di connettività Ethernet, è subordinata al rispetto dei requisiti FCOE-C-7 e FCOE-C-8

16 che consentono la virtualizzazione delle interfacce e il controllo nell allocazione della banda in modalità nativa su ciascun interfaccia virtualizzata. In tal senso il solo supporto del partizionamento logico (802.Q), non può essere considerato come soluzione equivalente a quella richiesta. Domanda n.8 Riferimento: Capitolato Tecnico, Paragrafo 3.2.2, pagina 6: le subscription Red Hat Enterprise Linux Server di tipo Premium e Standard si caratterizzano per determinati livelli di servizio (SLA) ed altri parametri indicati alla seguente URL: https://access.redhat.com/support/offerings/production/sla.html. Si chiede di confermare che possa essere considerata equivalente la fornitura di servizi di supporto erogati dalla ditta partecipante, mantenendo i medesimi livelli di servizio (tempi di risposta, numero di incidenti, orario di copertura, canali di supporto ecc..). Si, è considerata equivalente la fornitura di servizi di supporto erogati dalla ditta partecipante, mantenendo i medesimi livelli di servizio (tempi di risposta, numero di incidenti, orario di copertura, canali di supporto ecc..). Domanda n.9 Riferimento: Capitolato Tecnico, Paragrafo 3.2 e 3.3, pagine 4-2: con riferimento alle versione di sistema operativo RHEL da prevedere per i sistemi server (polo di virtualizzazione) non sono contenute esplicite indicazioni di versione richiesta, oltre quanto specificato ai requisiti di supportabilità hardware BL-0 e RM-0 ( tutte le componenti hardware devono essere certificate con il sistema operativo RHEL 5 o superiore nella versione a 32 e a 64 bit ). Si chiede di chiarire quale sia il requisito dell Istituto sul versione RHEL Server, soprattutto perché la conformità del software Gestore della virtualizzazione ai vari requisiti del paragrafo 3.3. potrebbe dipendere anche dalla specifica versione software RHEL dei server di virtualizzazione. Il sistema di riferimento da installare sui nodi host dei poli di virtualizzazione e del polo di gestione è RedHat Enterprise Linux 6. Domanda n.20 In riferimento alla richiesta di avere almeno N 2 forniture per appalti per progetti di virtualizzazione su piattaforma industry-standard che prevedano la fornitura integrata di hardware, software e servizi per un importo non inferiore a Euro è possibile considerare un appalto formato da diverse forniture successive relative allo stesso progetto? Fermo restando l arco temporale fissato nel Bando, ciascun appalto presentato come referenza deve far riferimento a un unico contratto o progetto. Non sono ammesse singole forniture non collegate a un medesimo contratto/progetto. La Commissione giudicatrice valuterà i singoli casi sottoposti dai concorrenti.

17 Domanda n.2 Si chiede la conferma di quanto descritto alla voce 3.7 e di seguito evidenziato ovvero che : Le isole dovranno essere in grado di ospitare sistemi conformi allo standard EIA/TIA 30D e dovranno essere neutre dal punto di vista ambientale rispetto alle sale dove saranno inserite e per quanto citato alla voce 3.7. di seguito evidenziato: In entrambi i siti il sistema di condizionamento delle sale utilizza una architettura di distribuzione orientata alla sala, ovvero moduli di raffreddamento costituiti da armadi CRAC (Computer Room Air Conditioning) posizionati nelle sale. Neutralità ambientale delle isole Le isole dovranno presentare un comportamento ambientale neutro nei confronti delle sale in cui saranno installate. Saranno considerate neutre le isole che determineranno uno scostamento della temperatura nella sala inferiore a C a una distanza di due metri dall isola e all altezza di circa un metro e mezzo dal pavimento rialzato. Lo scostamento termico sarà rilevato nell ambito del collaudo funzionale tra la temperatura misurata a isola non operativa e isola a piena operatività. La fornitura e la posa in opera del sistema di rilevazione delle condizioni ambientali per l effettuazione dei test è a carico della ditta aggiudicataria Architettura di distribuzione del sistema di condizionamento La frase In entrambi i siti il sistema di condizionamento delle sale utilizza una architettura di distribuzione orientata alla sala, ovvero moduli di raffreddamento costituiti da armadi CRAC (Computer Room Air Conditioning) posizionati nelle sale. come tutto il par si riferisce allo stato attuale dei Data Center e alle caratteristiche degli impianti disponibili per il collegamento delle nuove isole oggetto dell appalto. Domanda n.22 Sussistono restrizioni al fatto di attuare la scelta dell isola a corridoio freddo anziché a corridoio caldo secondo le migliori performance ottenibile dalla soluzione da ingegnerizzare? Fermo restando il rispetto di tutti i requisiti obbligatori non esistono restrizioni alle scelte tecnologiche o progettuali di implementazione della soluzione da presentare. Domanda n.23 Sussistono restrizioni al fatto di porre più o meno colonne di raffreddamento all interno dell isola a seconda della scelta progettuale? Fermo restando il rispetto di tutti i requisiti obbligatori non esistono restrizioni alle scelte tecnologiche o progettuali di implementazione della soluzione da presentare. Domanda n.24 Alla luce del punto 4., ottimizzare gli spazi all interno dei rack aumentando il numero di unità occupate dai server diminuendo il numero di rack è ritenuto escludente ai fini di ottenere valori dell IEE significativamente performanti?

18 Il numero dei rack di ciascuna isola è indicato nel par. 3.7: Ogni isola sarà costituita da 4 armadi rack (2 destinati a ospitare apparati elaborativi e 2 riservati al cablaggio e a apparati di rete), dal sistema di contenimento dei flussi di aria, dall impianto di condizionamento, dall impianto di distribuzione elettrica e dal sistema di gestione e monitoraggio. e nel par : L oggetto della fornitura sarà costituito da 2 isole modulari. Ogni isola dovrà contenere 4 armadi rack dalle seguenti caratteristiche minime obbligatorie. Domanda n.25 Poiché alla voce Si chiede: Le unità di distribuzione elettrica dovranno essere modulari ed espandibili a caldo consentendo l aggiunta e la rimozione di interruttori senza il distacco dell alimentazione generale. Nello specifico, ciascuna unità di distribuzione elettrica dovrà avere le seguenti caratteristiche tecniche obbligatorie minime si chiede quale sia il criterio di valutazione delle soluzioni possibili da proporre in quanto le specifiche a corredo riportate sono le seguenti: possibilità di sostituzione, rapida e sicura, di qualsiasi interruttore impiegato con altro di riserva in caso di manutenzione o guasto Gli interruttori modulari dovranno avere le seguenti caratteristiche: Meccanica autoportante ovvero senza vincoli meccanici tra i componenti interni e l involucro Involucro autoestinguente Tensione di isolamento secondo CEI- EN Potere di interruzione minimo Icu a 400V secondo CEI-EN : o 20kA a 400V per In da 32A 40A. dove veniamo a segnalare che i punti evidenziati in giallo sono riportanti a specifico produttore, ovvero SI CHIEDE se viene data l apertura e la possibilità a proporre soluzioni di serie da scegliere tra i vari Vendor ma convergenti per similitudine concettuale di modularità e scalabilità a caldo dell intero quadro elettrico, come richiesto. Si conferma che: - par Le unità di distribuzione elettrica dovranno essere modulari ed espandibili a caldo consentendo l aggiunta e la rimozione di interruttori senza il distacco dell alimentazione generale. - par pto S-EL- possibilità di sostituzione, rapida e sicura, di qualsiasi interruttore impiegato con altro di riserva in caso di manutenzione o guasto; - par pto S-EL-5 Gli interruttori modulari dovranno avere le seguenti caratteristiche: o Meccanica autoportante ovvero senza vincoli meccanici tra i componenti interni e l involucro o Involucro autoestinguente o Tensione di isolamento secondo CEI- EN o Potere di interruzione minimo Icu a 400V secondo CEI-EN : o 20kA a 400V per In da 32A 40A. I requisiti obbligatori sopra riportati non fanno riferimento ad alcuno specifico produttore ma sono disponibili tra i principali produttori di quadri elettrici e tra i principali vendor di isole modulari per Data Center. Fermo restando il rispetto di tutti i requisiti obbligatori non esistono restrizioni alla presentazione delle soluzioni tecnologiche. Domanda n.26

19 Ai fini dell aspetto tecnico premiante pag 03 del capitolato si chiede la conferma dei punti MIG 23 e MIG 24, con la richiesta di conferma che proporre una soluzione nativa di condizionamento dotata di doppia alimentazione idronica (parimenti a quella elettrica ) e che innalza il livello a 2 N la ridondanza non sia escludente. Si confermano gli aspetti tecnici premianti MIG-23 e MIG-24. Si specifica inoltre che l aspetto tecnico premiante MIG-24 si riferisce alla sola doppia alimentazione elettrica delle unità di condizionamento. Fermo restando il rispetto di tutti i requisiti obbligatori e in particolare dei requisiti indicati nel par relativi al dimensionamento e alla ridondanza dell impianto di condizionamento delle isole (S-CON-), la fornitura di unità di condizionamento dotate di doppia alimentazione idronica NON è causa di esclusione. Si precisa altresì che il livello di ridondanza 2N richiesto per il sistema di condizionamento si riferisce all installazione di un numero di unità di condizionamento doppio rispetto alle esigenze.

REALIZZAZIONE SALA CED

REALIZZAZIONE SALA CED REALIZZAZIONE SALA CED CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Realizzazione sala CED 2 Specifiche minime dell intervento 1. REALIZZAZIONE SALA CED L obiettivo dell appalto è realizzare una Server Farm di ultima

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO TECNICO Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT NUOVO BLADE CENTER PRESSO

Dettagli

BANDO DI GARA AVVISO DI PRECISAZIONE 26/10/2012

BANDO DI GARA AVVISO DI PRECISAZIONE 26/10/2012 BANDO DI GARA Progettazione, Fornitura e posa in opera, avvio operativo, collaudo e manutenzione in garanzia di un sistema di controllo autorizzato degli accessi al centro della Città di Prato AVVISO DI

Dettagli

CHIARIMENTI. Via Tripolitania, 30 00199 Roma

CHIARIMENTI. Via Tripolitania, 30 00199 Roma CHIARIMENTI eg.p.a. n. 15/2010, svolta in modalità telematica, per la fornitura di una Infrastruttura Blade per il Progetto PIC di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A.- C.I.G 04487418C7 Con riferimento al

Dettagli

D 3) 9.4.1 - PUNTEGGIO TECNICO DELL APPALTO SPECIFICO

D 3) 9.4.1 - PUNTEGGIO TECNICO DELL APPALTO SPECIFICO Oggetto: Accordo Quadro con più operatori economici, ai sensi dell art. 2, comma 225, L. n. 191/2009, sul quale basare l aggiudicazione di appalti specifici per la fornitura di Server Blade, delle relative

Dettagli

n. prog. QUESITO RISPOSTA In riferimento al Capitolato Tecnico, si richiedono le seguenti specifiche:

n. prog. QUESITO RISPOSTA In riferimento al Capitolato Tecnico, si richiedono le seguenti specifiche: In riferimento al Capitolato Tecnico, si richiedono le seguenti specifiche: 1. Per quanto concerne la descrizione di pagina 27 cap. 4.2.7 Storage Area Network Si legge che L infrastruttura SAN deve essere

Dettagli

I chiarimenti della gara sono visibili anche sul sito www.mef.gov.it sotto la dicitura Concorsi e Bandi - Gare in Corso e sul sito www.consip.it.

I chiarimenti della gara sono visibili anche sul sito www.mef.gov.it sotto la dicitura Concorsi e Bandi - Gare in Corso e sul sito www.consip.it. Oggetto: gara a procedura aperta ai sensi del D. Lgs 358/92 e s.m.i., per la fornitura di serventi ed apparati a supporto delle DPSV/CMV del Ministero dell Economia e delle Finanze I chiarimenti della

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Domanda n.1 Schema di contratto non Risposta 1 Domanda n.2 Risposta 2 Domanda n.3 Risposta 3 Domanda n.4 Risposta 4

Domanda n.1 Schema di contratto non Risposta 1 Domanda n.2 Risposta 2 Domanda n.3 Risposta 3 Domanda n.4 Risposta 4 Domanda n.1 Disciplinare di Gara ARTICOLO 9 : MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE E DELLE OFFERTE, DI CELEBRAZIONE DELLA GARA ED AGGIUDICAZIONE DELLA FORNITURA, lettera a) Busta A Documentazione -Tale

Dettagli

Chiarimenti. Oggetto : Gara europea per l appalto del Progetto per la realizzazione di una Sala Integrazione e Testing

Chiarimenti. Oggetto : Gara europea per l appalto del Progetto per la realizzazione di una Sala Integrazione e Testing Funzione Acquisti Oggetto : Gara europea per l appalto del Progetto per la realizzazione di una Sala Integrazione e Testing Chiarimenti Con riferimento alla gara in oggetto ed in relazione alle richieste

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma)

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Appalto per l Affidamento del Servizio di MANUTENZIONE, MONITORAGGIO E CONDUZIONE DEI SERVIZI DI SERVER FARM dell Azienda Sanitaria Locale Roma H compresa la realizzazione di due progetti IT finalizzati

Dettagli

Cod. 65_12 Fornitura di firewall, networking, pc. FAQ 5 aggiornate al 21 febbraio 2013

Cod. 65_12 Fornitura di firewall, networking, pc. FAQ 5 aggiornate al 21 febbraio 2013 Cod. 65_12 Fornitura di firewall, networking, pc FAQ 5 aggiornate al 21 febbraio 2013 Domanda n. 1 In riferimento al bando di gara Lotto 2 - Fornitura e posa in opera di switch di campus, datacenter e

Dettagli

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE. Quesito n. 1 Per partecipare alla gara è necessario il possesso della certificazione ISO 20000:2005?

Comune di Spoleto QUESITI E RISPOSTE. Quesito n. 1 Per partecipare alla gara è necessario il possesso della certificazione ISO 20000:2005? Procedura aperta per fornitura chiavi in mano di una suite applicativa gestionale Web based completamente integrata e comprensiva dei relativi servizi di assistenza e manutenzione QUESITI E RISPOSTE Quesito

Dettagli

Normalizzazione del Sistema Informativo dell Istituto:

Normalizzazione del Sistema Informativo dell Istituto: Normalizzazione del Sistema Informativo dell Istituto: FORNITURA DI LICENZE SOFTWARE, DI SERVER E DEI RELATIVI SERVIZI DI ASSISTENZA IN GARANZIA PER IL SISTEMA INFORMATIVO INPDAP Chiarimenti pagina 1 di

Dettagli

Allegato Tecnico Server Virtuale

Allegato Tecnico Server Virtuale Allegato Tecnico Server Virtuale Nota di lettura 1 Descrizione del servizio 1.1 Definizioni e acronimi 1.2 SERVER VIRTUALE Conversione tra diversi sistemi hypervisor 1.3 Attivazione del servizio Configurazione

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA IN ECONOMIA PER LA FORNITURA DI UNA INFRASTRUTTURA SERVER BLADE, PER LA NUOVA SEDE DELLA FONDAZIONE RI.MED CUP H71J06000380001 NUMERO GARA 2621445 - CIG 25526018F9 ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

SITR-GS - Servizi di gestione, manutenzione e supporto specialistico

SITR-GS - Servizi di gestione, manutenzione e supporto specialistico SITR-GS SUAP-04 ARC-SARD-SV Progetto: SITR-GS - Servizi di gestione, manutenzione e supporto specialistico SUAP-04- Evoluzione del sistema informativo Sardegna SUAP per l erogazione dei servizi in modalità

Dettagli

La norma ISO27001 non prevede esplicitamente la redazione di un PIANO della SICUREZZA. Sono richiesti dalla norma i seguenti documenti:

La norma ISO27001 non prevede esplicitamente la redazione di un PIANO della SICUREZZA. Sono richiesti dalla norma i seguenti documenti: QUESITO 1: In relazione alla gara in oggetto si sottopone il seguente quesito: Rif. Disciplinare, Pag 14: punto 9 Piano per la sicurezza delle informazioni redatto in conformità alla norma UNI EN ISO27001:2005,

Dettagli

OGGETTO DELLA FORNITURA...4

OGGETTO DELLA FORNITURA...4 Gara d appalto per la fornitura di licenze software e servizi per la realizzazione del progetto di Identity and Access Management in Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. CAPITOLATO TECNICO Indice 1 GENERALITÀ...3

Dettagli

All. 1. CAPITOLATO TECNICO per la Fornitura di una Infrastruttura Blade per il Progetto PIC di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A.

All. 1. CAPITOLATO TECNICO per la Fornitura di una Infrastruttura Blade per il Progetto PIC di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. All. 1 CAPITOLATO TECNICO per la Fornitura di una Infrastruttura Blade per il Progetto PIC di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. OGGETTO E LUOGO DI CONSEGNA DELLA FORNITURA...4

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

GARA REALIZZAZIONE INFRASTRUTTURA IT MODULO OFFERTA ECONOMICA

GARA REALIZZAZIONE INFRASTRUTTURA IT MODULO OFFERTA ECONOMICA GARA REALIZZAZIONE INFRASTRUTTURA IT MODULO OFFERTA ECONOMICA 1. Premessa La Busta C - Offerta Economica dovrà contenere esclusivamente una Dichiarazione di Offerta, redatta nelle modalità di seguito espresse.

Dettagli

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Mattia Gentilini Relatore: Renzo Davoli Laurea Specialistica in Informatica I Sessione A.A. 2005/2006

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA ALLEGATO B.1 MODELLO PER LA FORMULAZIONE DELL OFFERTA TECNICA Rag. Sociale Indirizzo: Via CAP Località Codice fiscale Partita IVA DITTA DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA Specifiche minime art. 1 lett.

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

C O M U N E D I G A L L I P O L I A r e a d e l l e P o l i t i c h e t e r r i t o r i a l i e d I n f r a s t r u t t u r a l i

C O M U N E D I G A L L I P O L I A r e a d e l l e P o l i t i c h e t e r r i t o r i a l i e d I n f r a s t r u t t u r a l i APPALTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL SISTEMA INFORMATICO COMUNALE BANDO DEL 16/05/2013 QUESITO N. 35 inviato alla casella di posta elettronica indicata sul bando in data 15/07/2013 Facendo riferimento

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 9 - Casella Postale 8-0000 Roma - Capitale versato Euro 6.000,00

Dettagli

PROGETTO FONDI PON 2014-2020

PROGETTO FONDI PON 2014-2020 PROGETTO FONDI PON 2014-2020 Avviso MIUR 9035 del 13 luglio 2015 Avviso pubblico rivolto alle Istituzioni scolastiche statali per la realizzazione, l ampliamento o l adeguamento delle infrastrutture di

Dettagli

Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia

Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia Roma, 5 ottobre 2010 ing. Giovanni Peruggini Banca d Italia - Area Risorse Informatiche e Rilevazioni Statistiche La Banca d Italia Banca Centrale della

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA PIATTAFORMA TECNOLOGICA ALPINA: UNO STRUMENTO TRANSFRONTALIERO PER LA CONDIVISIONE DI INFRASTRUTTURE

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

I chiarimenti della gara sono visibili su www.mef.gov.it; www.consip.it; www.acquistinretepa.it

I chiarimenti della gara sono visibili su www.mef.gov.it; www.consip.it; www.acquistinretepa.it GARA A PROCEDURA APERTA PER LA CONCLUSIONE DI UN ACCORDO QUADRO, AI SENSI DELL ART. 59, COMMI 6 E 7, DEL D.LGS. N. 163/2006 PER LA FORNITURA, MESSA IN OPERA E MANUTENZIONE DI CENTRALI TELEFONICHE EVOLUTE

Dettagli

Cloud Service Area. www.elogic.it. Ci hanno scelto: elogic s.r.l. - Via Paolo Nanni Costa, 30 40133 Bologna - Tel. 051 3145611 info@elogic.

Cloud Service Area. www.elogic.it. Ci hanno scelto: elogic s.r.l. - Via Paolo Nanni Costa, 30 40133 Bologna - Tel. 051 3145611 info@elogic. Cloud Service Area Private Cloud Managed Private Cloud Cloud File Sharing Back Up Services Disaster Recovery Outsourcing & Consultancy Web Agency Program Ci hanno scelto: elogic s.r.l. - Via Paolo Nanni

Dettagli

L Informatica al Vostro Servizio

L Informatica al Vostro Servizio L Informatica al Vostro Servizio Faticoni S.p.A. è Certificata UNI ENI ISO 9001:2008 N. CERT-02228-97-AQ-MILSINCERT per Progettazione, Realizzazione, Manutenzione di soluzioni Hardware e Software Soluzioni

Dettagli

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL.1. Introduzione Legalmail è un servizio di posta elettronica che garantisce un elevato grado di affidabilità e sicurezza. Esso consente al Cliente

Dettagli

Come Funziona. Virtualizzare con VMware

Come Funziona. Virtualizzare con VMware Virtualize IT Il Server? Virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente

Dettagli

L infrastruttura tecnologica del cnr irpi di perugia

L infrastruttura tecnologica del cnr irpi di perugia Sabato 8 marzo 2014 Aula Magna ITTS «A. Volta» - Perugia L infrastruttura tecnologica del cnr irpi di perugia VINICIO BALDUCCI Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica Consiglio Nazionale delle

Dettagli

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it; www.consip.it www.sogei.it ***

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it; www.consip.it www.sogei.it *** Oggetto: Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. per la fornitura di Sottosistemi Storage a Nastri in ambiente Sistemi Centrali Mainframe e correlati servizi per Sogei: 1492 I chiarimenti

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Net@VirtualCloud. Netcube Italia Srl. Il Cloud Computing. In collaborazione con

Net@VirtualCloud. Netcube Italia Srl. Il Cloud Computing. In collaborazione con Il Cloud Computing In collaborazione con Cos è Net@VirtualCloud L Offerta Net@VirtualCloud di Netcube Italia, basata su Server Farm certificate* e con sede in Italia, è capace di ospitare tutte le applicazioni

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Caratteristiche principali La flessibilità e la scalabilità della

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. 2. Un apparato di lettura/scrittura DVD IBM 7226-1U3 completa di DVD ram.

CAPITOLATO TECNICO. 2. Un apparato di lettura/scrittura DVD IBM 7226-1U3 completa di DVD ram. CAPITOLATO TECNICO Il presente appalto ha ad oggetto il noleggio operativo per un periodo di cinque anni di un elaboratore atto a gestire il sistema informativo della Stazione appaltante. Il noleggio deve

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE 1- Premessa 2- Tipologia della prestazione 3- Consistenza apparati di rete e macchine server 4- Luoghi di espletamento

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

CHIARIMENTI al 27/1/2011

CHIARIMENTI al 27/1/2011 CHIARIMENTI al 27/1/2011 1 QUESITO La certificazione ISO 20000 deve essere rilasciata da organismo accreditato o sono accettate le certificazioni da organismi non accreditati? RISPOSTA 1 No, non è necessario

Dettagli

Pertanto, la riga della tabella riportata all interno dell Allegato 2 Offerta Tecnica e sottoriportata:

Pertanto, la riga della tabella riportata all interno dell Allegato 2 Offerta Tecnica e sottoriportata: Oggetto: Gara a procedura aperta per l affidamento della fornitura in noleggio e manutenzione fullrisk del sistema informativo e telefonico del servizio di emergenza urgenza sanitaria territoriale 118

Dettagli

CHIARIMENTI IN SEDE DI OFFERTA. Relativamente alla gara per la

CHIARIMENTI IN SEDE DI OFFERTA. Relativamente alla gara per la Gara n. CINECA 01/2007 CHIARIMENTI IN SEDE DI OFFERTA Pagina 1 6 CHIARIMENTI IN SEDE DI OFFERTA Relativamente alla gara per la Fornitura ed Implementazione un sistema server per i servizi applicativi basati

Dettagli

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione ALLEGATO IV Capitolato tecnico ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE A RICHIESTA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SISTEMISTICA FINALIZZATI ALLA PROGETTAZIONE E

Dettagli

Installazione SQL Server 2005 Express Edition

Installazione SQL Server 2005 Express Edition Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-6S4ALG7637 Data ultima modifica 25/08/2010 Prodotto Tutti Modulo Tutti Oggetto Installazione SQL Server 2005 Express Edition In giallo sono evidenziate le modifiche/integrazioni

Dettagli

VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE

VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE ALLEGATO B5.3 VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE Situazione alla data 30.6.2011 Pag. 1 di 6 AIX Logical Partitions Database L infrastruttura dell ambiente RISC/AIX viene utilizzata come Data Layer; fornisce

Dettagli

Povo2. Nuovo Datacenter d Ateneo. Trasloco sala macchine domenica 14 dicembre 2014

Povo2. Nuovo Datacenter d Ateneo. Trasloco sala macchine domenica 14 dicembre 2014 Povo2 Nuovo Datacenter d Ateneo Trasloco sala macchine domenica 14 dicembre 2014 Tutti i sistemi presenti nell attuale sala macchine di Povo 0 verranno traslocati nel nuovo datacenter unico d Ateneo realizzato

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Navigare verso il cambiamento La St r a d a p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Le caratteristiche tecniche del software La Tecnologia utilizzata EASY è una applicazione Open Source basata sul

Dettagli

Fisciano, 24 ottobre 2008

Fisciano, 24 ottobre 2008 Virtualizzazione applicazioni per la sicurezza Luigi Catuogno Fisciano, 24 ottobre 2008 Sommario Virtualizzazione e para-virtualizzazione Sicurezza Separazione delle applicazioni Virtual data center Trusted

Dettagli

Allegato Tecnico VideoNet

Allegato Tecnico VideoNet Allegato Tecnico VideoNet Nota di lettura Definizioni ed Acronimi 1 Descrizione del Servizio 1.1 Descrizione generale 1.2 Descrizione dei servizi offerti 1.2.1 Visualizzazione in real time dei flussi video

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI UN SISTEMA DI STORAGE PER IL PROGETTO DI SERVER CONSOLIDATION DI ITALFERR S.P.A.

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI UN SISTEMA DI STORAGE PER IL PROGETTO DI SERVER CONSOLIDATION DI ITALFERR S.P.A. CODIFIC 1/10 SEZIONI CPITOLTO TECNICO PER L FORNITUR DI UN SISTEM DI STORGE PER IL PROGETTO DI SERVER CONSOLIDTION DI ITLFERR S.P.. TITOLO Sezione 0 Sezione I Sezione II INTRODUZIONE SOTTOSISTEM DI STORGE

Dettagli

Si informa che su richiesta effettuata tramite la mail: appalti@fondazionemilano.eu è possibile poter concordare la data per un sopralluogo.

Si informa che su richiesta effettuata tramite la mail: appalti@fondazionemilano.eu è possibile poter concordare la data per un sopralluogo. Procedura aperta sottosoglia per l affidamento del Servizio di gestione sistemistica, application management e sviluppo dei Servizi informativi di Scuole Civiche di Milano fdp GARA 8/2013 CIG 50973588E2

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO GARA PER L ACQUISIZIONE DI UN SISTEMA DI SICUREZZA ANTIVIRUS CENTRALIZZATO PER IL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

CAPITOLATO TECNICO GARA PER L ACQUISIZIONE DI UN SISTEMA DI SICUREZZA ANTIVIRUS CENTRALIZZATO PER IL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Allegato 5 CAPITOLATO TECNICO GARA PER L ACQUISIZIONE DI UN SISTEMA DI SICUREZZA ANTIVIRUS CENTRALIZZATO PER IL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE 1 INDICE 1 Introduzione... 3 2 Oggetto della Fornitura...

Dettagli

Oggetto: riepilogo circolare

Oggetto: riepilogo circolare Oggetto: riepilogo circolare Direzione Generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l istruzione e per l innovazione digitale. Avviso pubblico rivolto

Dettagli

Receptionist 2.0. La soluzione semplice ed affidabile per il contact center

Receptionist 2.0. La soluzione semplice ed affidabile per il contact center Receptionist 2.0 La soluzione semplice ed affidabile per il contact center Il nostro Open Source ONC crede nell opportunità dell open source e ha basato due delle sue soluzioni full IP sulla piattaforma

Dettagli

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. APQ in Materia di Ricerca Scientifica nella Regione Puglia

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. APQ in Materia di Ricerca Scientifica nella Regione Puglia BANDO ACQUISIZIONI Prodotti Software ALLEGATO 6.3 Capitolato Tecnico Piattaforma per l Analisi e la Progettazione di alto livello del Software Allegato 6.3: capitolato tecnico Pag. 1 1 Ambiente di Analisi

Dettagli

Eaton. Il quinto elemento della converged infrastructure

Eaton. Il quinto elemento della converged infrastructure Eaton. Il quinto elemento della converged infrastructure La protezione dell'alimentazione è talmente essenziale per il funzionamento affidabile delle architetture convergenti da poter essere considerata

Dettagli

RISPOSTE ALLE FAQ. Quesito n 1:

RISPOSTE ALLE FAQ. Quesito n 1: RISPOSTE ALLE FAQ Procedura aperta per la per la fornitura di beni e servizi hardware e software per la realizzazione del sistema di protocollo elettronico e del sistema di gestione documentale informatizzata

Dettagli

SERVICES OVER NEEDS MIMOS 9/10/2012 C/O UNIVERSITÀ TOR VERGATA

SERVICES OVER NEEDS MIMOS 9/10/2012 C/O UNIVERSITÀ TOR VERGATA SERVICES OVER NEEDS MIMOS 9/10/2012 C/O UNIVERSITÀ TOR VERGATA Network SicNet 2 Network SicNet L2 - Massima classifica dei dati fino a SEGRETO con qualifica NAZIONALE, NATO, UE L1 - Massima classifica

Dettagli

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO . IntrodDescrizione del Servizio a) Procedura di accreditamento Il Centro Servizi (CS) che richiede l accreditamento per la fornitura dell accesso fisico al Sistema

Dettagli

Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA. Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE.

Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA. Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE. Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE Pagina 1 di 10 INDICE 1. CARATTERISTICHE DEL SISTEMA INFORMATICO DEL GSE...3

Dettagli

SERVER 10 - Criteri di sostenibilità

SERVER 10 - Criteri di sostenibilità SERVER 10 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa L'oggetto della fornitura riguarda le ed i servizi connessi di seguito elencati e per i seguenti quantitativi massimi: Lotto 1: n. 4.000

Dettagli

INFOSECURITY 2006 9 febbraio 2006 La difficile arte del compromesso fra semplicità e sicurezza in architetture complesse

INFOSECURITY 2006 9 febbraio 2006 La difficile arte del compromesso fra semplicità e sicurezza in architetture complesse INFOSECURITY 2006 9 febbraio 2006 La difficile arte del compromesso fra semplicità e security @ gelpi.it www.gelpi.it I computer sono al servizio dell'uomo e non l'uomo al servizio dei computer. Negli

Dettagli

Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server

Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server Caso di successo Microsoft Virtualizzazione Gruppo Arvedi Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server Informazioni generali Settore Education Il Cliente Le

Dettagli

Cloud Service Factory

Cloud Service Factory Cloud Service Factory Giuseppe Visaggio Dipartimento di Informatica- Università di Bari DAISY-Net visaggio@di.uniba.it DAISY-Net DRIVING ADVANCES OF ICT IN SOUTH ITALY Net S. c. a r. l. 1 Il Cloud Computing

Dettagli

Cos'è una vlan. Da Wikipedia: Una LAN virtuale, comunemente

Cos'è una vlan. Da Wikipedia: Una LAN virtuale, comunemente Cos'è una vlan Da Wikipedia: Una LAN virtuale, comunemente detta VLAN, è un gruppo di host che comunicano tra di loro come se fossero collegati allo stesso cablaggio, a prescindere dalla loro posizione

Dettagli

Procedura aperta per l'affidamento triennale del servizio di gestione e manutenzione del sistema informatico dell'irccs/crob CIG.

Procedura aperta per l'affidamento triennale del servizio di gestione e manutenzione del sistema informatico dell'irccs/crob CIG. QUESITO N.1 Procedura aperta per l'affidamento triennale del servizio di gestione e manutenzione del sistema informatico dell'irccs/crob CIG.: 620254560D A) Atteso che il capitolato Tecnico Allegati 1

Dettagli

RDO 840603 RISPOSTE AI CHIARIMENTI

RDO 840603 RISPOSTE AI CHIARIMENTI RDO 840603 RISPOSTE AI CHIARIMENTI OGGETTO: Acquisto n.264 scanner per il progetto MipgWeb Archivio da destinare agli uffici Digos delle Questure site sul territorio nazionale. DOMANDA N.1 Il formato richiesto

Dettagli

AFFIDATI ALL ESPERIENZA PER AFFRONTARE LE NECESSITÀ DI OGGI E LE SFIDE DI DOMANI

AFFIDATI ALL ESPERIENZA PER AFFRONTARE LE NECESSITÀ DI OGGI E LE SFIDE DI DOMANI AFFIDATI ALL ESPERIENZA PER AFFRONTARE LE NECESSITÀ DI OGGI E LE SFIDE DI DOMANI Le aziende vivono una fase di trasformazione del data center che promette di assicurare benefici per l IT, in termini di

Dettagli

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Massimo Petrini TERNA SpA Emiliano Casale TERNA SpA Maurizio Pareti SELTA SpA Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

Desktop Cloud: modelli, vantaggi, criticità

Desktop Cloud: modelli, vantaggi, criticità Dipartimento di Elettronica e Informazione Desktop Cloud: modelli, vantaggi, criticità Eugenio Capra eugenio.capra@polimi.it Evento ZeroUno, Milano, 24 marzo 2011 Le esigenze degli IT manager Le principali

Dettagli

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor Descrizione della piattaforma software MPS Monitor MPS Monitor è il più completo sistema di monitoraggio remoto e di gestione integrata ed automatizzata dei dati e degli allarmi relativi ai dispositivi

Dettagli

26 488/1999 58 388/2000 I

26 488/1999 58 388/2000 I Gara telematica per la fornitura di server (entry e midrange) e dei servizi connessi ed opzionali per le pubbliche amministrazioni ai sensi dell art. 26 legge n. 488/1999 s.m.i. e dell art. 58 legge n.

Dettagli

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT CAPITOLATO TECNICO Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT NUOVO BLADE CENTER PRESSO CED EX OPP

Dettagli

Brochure DATA CENTER. www.novell.com. Novell Cloud Manager. Costruite e gestite ambienti cloud privati. (Finalmente è arrivato il cloud)

Brochure DATA CENTER. www.novell.com. Novell Cloud Manager. Costruite e gestite ambienti cloud privati. (Finalmente è arrivato il cloud) Brochure DATA CENTER Novell Cloud Manager Costruite e gestite ambienti cloud privati (Finalmente è arrivato il cloud) Novell Cloud Manager: il modo più semplice per creare e gestire ambienti cloud WorkloadIQ

Dettagli

Elementi del progetto

Elementi del progetto Elementi del progetto Premessa Il CLOUD degli Enti Locali rende disponibile quanto necessario per migrare le infrastrutture informatiche oggi attive nei CED dei singoli Enti: Server in forma di Virtual

Dettagli

ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE

ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIGITALIZZAZIONE, INDICIZZAZIONE E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI FASCICOLI DEL PERSONALE DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA - CODICE CIG DI GARA 059271972F

Dettagli

Comune di Spoleto Direzione Politiche della Viabilità

Comune di Spoleto Direzione Politiche della Viabilità Procedura aperta per l affidamento del servizio di manutenzione ed assistenza della server farm del Comune di Spoleto compresa la realizzazione di tre progetti IT finalizzati all ottimizzazione dell infrastruttura

Dettagli

use ready 2 La soluzione open source enterprise preconfigurata per l'it Asset Management www.cmdbuild.org Tecnoteca Srl

use ready 2 La soluzione open source enterprise preconfigurata per l'it Asset Management www.cmdbuild.org Tecnoteca Srl 1 ready 2 use La soluzione open source enterprise preconfigurata per l'it Asset Management www.cmdbuild.org Tecnoteca Srl tecnoteca@tecnoteca.com www.tecnoteca.com CMDBuild ready2use 2 CMDBuild ready2use

Dettagli

Service e Switch Recovery

Service e Switch Recovery Service e Switch Recovery Marcello Maggiora Antonio Lantieri Politecnico di Torino Agenda L infrastruttura di rete del Politecnico di Torino Aree di sviluppo: Performance, Mobilità e Reliability Alta affidabilità

Dettagli

In estrema sintesi, NEMO VirtualFarm vuol dire:

In estrema sintesi, NEMO VirtualFarm vuol dire: VIRTUAL FARM La server consolidation è un processo che rappresenta ormai il trend principale nel design e re-styling di un sistema ICT. L ottimizzazione delle risorse macchina, degli spazi, il risparmio

Dettagli

RISPOSTA ALLE RICHIESTE DI CHIARIMENTI RELATIVAMENTE ALLA GARA PER L ACQUISIZIONE DI DUE SISTEMI DI STORAGE, CIG. N. 0728535618

RISPOSTA ALLE RICHIESTE DI CHIARIMENTI RELATIVAMENTE ALLA GARA PER L ACQUISIZIONE DI DUE SISTEMI DI STORAGE, CIG. N. 0728535618 RISPOSTA ALLE RICHIESTE DI CHIARIMENTI RELATIVAMENTE ALLA GARA PER L ACQUISIZIONE DI DUE SISTEMI DI STORAGE, CIG. N. 0728535618 1. DOMANDA: Con riferimento a quanto riportato alla pag. 20 dell ALLEGATO

Dettagli

CIG 6125186762 CUP E29G10000140009 RISPOSTE AI QUESITI

CIG 6125186762 CUP E29G10000140009 RISPOSTE AI QUESITI DIREZIONE GENERALE DEGLI AFFARI GENERALI E DELLA SOCIETÀ DELL'INFORMAZIONE SERVIZIO DELL INNOVAZIONE, PROGETTAZIONE, GARE E CONTRATTI IN AMBITO ICT PROCEDURA APERTA PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE

Dettagli

Servizi ASP. ASP su Centro Servizi TeamSystem Contratto e SLA

Servizi ASP. ASP su Centro Servizi TeamSystem Contratto e SLA ASP su Centro Servizi TeamSystem Contratto e SLA 1. INTRODUZIONE Con l offerta ASP su centro Servizi TeamSystem TeamSystem mette a disposizione dei propri Clienti una serie di servizi presso i propri Internet

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT)

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 144 del 20/01/2011 OGGETTO: Micro Organizzazione Direzione Innovazione PA - Sistemi Informativi

Dettagli

Azione 1 CAPITOLATO TECNICO

Azione 1 CAPITOLATO TECNICO Azione 1 Conversione della CTR scala 1:5000, ed. 1998 e successivi aggiornamenti, qualora disponibili, in database topografico CAPITOLATO TECNICO 1 PREMESSA La Regione Campania nell ambito del complessivo

Dettagli