PROGETTO DOMICILIARITÀ. Progetto attuativo della medicina generale sulla domiciliarità dell ASL di Brescia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DOMICILIARITÀ. Progetto attuativo della medicina generale sulla domiciliarità dell ASL di Brescia"

Transcript

1 PROGETTO DOMICILIARITÀ Progetto attuativo della medicina generale sulla domiciliarità dell ASL di Brescia ALLEGATI Allegato : Accordo Aziendale 008 per le Cure Primarie dell ASL di Brescia Allegato D Allegato : Scheda di valutazione del medico e Scheda del medico per l attivazione dell UCAM (Fascicolo Utente) Allegato : Scheda SEGNALAZIONE al Servizio di Continuità Assistenziale Allegato : Scheda INTERVENTO del Medico di Continuità Assistenziale Allegato : Scheda Progetto Domiciliarità - PRESTAZIONI DEL MMG Allegato 6: Scheda Progetto Domiciliarità - PRESTAZIONI DEL MCA

2 PREMESSA In data tra l ASL di Brescia e le OO.SS. della Medicina Generale è stato sottoscritto l Accordo Aziendale 008 per le Cure Primarie dell ASL di Brescia. L allegato D di tale accordo (allegato ) si riferisce all implementazione del Progetto attuativo della medicina generale sulla domiciliarità dell ASL di Brescia sulla base del precedente accordo già sottoscritto dall ASL nel 007 e validato dal Comitato Regionale il Di seguito vengono riassunti gli elementi principali, gli strumenti e le modalità di realizzazione del Progetto. OBIETTIVI Il Progetto si propone di ottenere il miglioramento dell assistenza ed una maggior continuità assistenziale a favore di anziani e/o malati con bisogni assistenziali complessi, per i quali sia previsto, all interno del sistema delle Cure Domiciliari, l intervento coordinato di più attori. Ciò si realizza attraverso una maggior partecipazione del personale medico al sistema delle Cure Domiciliari, in accordo con le Unità di Continuità Assistenziale Multidimensionale distrettuali (UCAM), ed in particolare: del medico di Medicina Generale (MMG) alla valutazione multidimensionale, alla pianificazione dell assistenza, alla verifica periodica dell adeguatezza del Piano di cura individuale; del medico di Continuità Assistenziale (MCA), su richiesta dell UCAM o del solo MMG, per garantire continuità assistenziale medica a favore di malati critici o con bisogni assistenziali complessi mediante l effettuazione di accessi domiciliari programmati, ed attraverso la rilevazione di elementi importanti ai fini della definizione e della verifica del Piano di cura. RUOLO DEL MMG Il MMG è il responsabile clinico dell assistenza domiciliare e, con le UCAM, rappresenta ii punto centrale del sistema delle cure dell ASL di Brescia, attraverso la partecipazione alle funzioni di valutazione e di verifica dell assistenza. Le attività del MMG previste dal Progetto sono le seguenti:. definizione del primo Piano di cura individuale con partecipazione alla valutazione multidimensionale attraverso l utilizzo delle schede Scheda di valutazione del medico e Scheda del medico per l attivazione dell UCAM (allegato ) - già in uso da anni - e sottoscrizione del Piano stesso;. partecipazione alla singola verifica del Piano di cura individuale, se necessario con ri-valutazione, e sottoscrizione di un nuovo Piano;. partecipazione, con altri operatori UCAM, agli incontri programmati presso il Distretto, il domicilio del paziente, l ospedale o altro presidio sanitario o sociosanitario. Le attività del MMG che rientrano nelle fattispecie precedentemente numerate sono registrate dal Distretto, rendicontate mensilmente dal medico interessato entro il giorno 0 del mese successivo (allegato ) e remunerate, ciascuna mediante equiparazione ad un accesso ADI/ADP.

3 Il MMG può, inoltre, attivare il MCA attraverso l invio della scheda (allegato ) direttamente al MCA per fax ovvero, secondo quanto concordato a livello distrettuale, per il tramite dell UCAM. RUOLO DEL MCA Il MCA contribuisce alla continuità assistenziale in modo complementare al MMG, in integrazione con lo stesso e con l intero sistema di assistenza. Le attività del MCA previste dal Progetto sono le seguenti:. accesso domiciliare programmato ad orari definiti, notturni e/o diurni festivi e prefestivi, per lo svolgimento di specifici interventi clinico-assistenziali preindividuati, relativamente ai soli assistiti nel cui Piano di cura individuale è previsto l intervento del MCA;. accesso domiciliare programmato con riferimento a possibili interventi da effettuare nel caso accadano specifici eventi clinico-assitenziali previsti, relativamente ai soli assistiti nel cui Piano di cura individuale è previsto l intervento del MCA;. possibile predisposizione di ulteriore relazione sintetica da recapitare tempestivamente al MMG ed all UCAM per l aggiornamento delle valutazioni e degli interventi effettuati o nel caso si ravvisi l esigenza di attivare un piano domiciliare integrato. Il contenuto di ciascuno degli accessi effettuati nell ambito del Progetto Domiciliarità è verbalizzato dal MCA tramite la scheda allegato da produrre in due copie, di cui una destinata al MMG o all ospedale per il tramite del paziente, l altra da consegnare al Distretto per l archiviazione. Le attività del MCA che rientrano nelle fattispecie precedentemente numerate sono riportate nel registro della postazione di CA, verificate dal Distretto, rendicontate mensilmente dal medico interessato entro il giorno 0 del mese successivo (allegato 6) e remunerate, ciascuna mediante equiparazione ad un accesso ADI/ADP. RUOLO DEL DISTRETTO, SPERIMENTAZIONE E SVILUPPO DI MODALITÀ TELEMATICHE Sulla base delle modalità operative generali qui previste, ciascun Distretto adotta, in accordo con i propri MMG/PLS e MCA, modalità che si adattano, nel tempo, alla specifica situazione territoriale. L attività svolta nell ambito del Progetto è documentata in tutti i Distretti, anche ai fini della remunerazione, attraverso strumenti sia cartacei che informatici. Al fine di semplificare ed ottimizzare le attività e le connesse comunicazioni, l ASL di Brescia sta avviando, in postazioni di C.A., la sperimentazione di una modalità telematica di gestione delle comunicazioni previste dal Progetto e di registrazione delle attività ad esso connesse. Sulla base dei risultati della sperimentazione è prevista la successiva progressiva diffusione a tutte le postazioni di CA con integrazione al SISS non appena il piano di sviluppo regionale lo consentirà.

4 Allegato Accordo Aziendale 008 per le Cure Primarie dell ASL di Brescia Allegato D all Accordo Aziendale 008 per le Cure Primarie dell ASL di Brescia IMPLEMENTAZIONE DEL PROGETTO ATTUATIVO DELLA MEDICINA GENERALE SULLA DOMICILIARITÀ DELL ASL DI BRESCIA Premesso che, per gli aspetti a carattere generale, si rimanda al Progetto attuativo della Medicina Generale sulla Domiciliarità dell ASL di Brescia, sottoscritto da ASL e OOSS di Brescia il e validato dal Comitato Regionale il..008, di cui si riportano integralmente tutti i punti attuativi:. Il MMG, su proposta propria o dell UCAM distrettualmente competente, anche in relazione a Dimissioni Protette da ricoveri ospedalieri e/o per l avvio di assistenza domiciliare protetta al malato ematologico a rischio di neutropenia e infezioni, partecipa alla valutazione multidimensionale e alla definizione, attivazione e monitoraggio di Piani di cura individuali, rivolti ad anziani e/o malati con bisogni assistenziali complessi, che prevedano in modo coordinato l apporto di tutti gli attori delle cure domiciliari.. A tal fine, il MMG: utilizza le scale CIRS e Barthel, avvalendosi della modulistica già in uso a livello distrettuale; partecipa, anche con incontri e/o comunicazioni telefoniche/cartacee/informatiche, alla valutazione multidimensionale e alla definizione (e sottoscrizione) del Piano di cura individuale, nonché alla effettuazione (e sottoscrizione) delle verifiche programmate.. Il Piano di cura individuale prevede il numero massimo di accessi domiciliari ADI o ADP del MMG programmati ed autorizzati dal Distretto ed il periodo temporale entro sono cui sono effettuabili. Al MMG viene riconosciuta la remunerazione prevista dal vigente ACN per ogni accesso ADI/ADP effettuato; dal punto di vista remunerativo viene inoltre equiparata ad un accesso ciascuna delle seguenti attività: La singola valutazione multidimensionale con l utilizzo degli strumenti in uso a livello distrettuale con sottoscrizione del relativo Piano di cura individuale ; La partecipazione alla singola verifica del Piano di cura individuale con sottoscrizione del relativo modulo in uso a livello distrettuale; la partecipazione, con altri operatori UCAM, al singolo incontro programmato presso il Distretto, il domicilio del paziente, l ospedale o altro presidio sanitario o socio-sanitario.. Il Piano di cura individuale deve esplicitare se è necessario il coinvolgimento del Medico di Continuità Assistenziale (MCA) della postazione territorialmente competente, con possibilità di: allertare il MCA circa possibili interventi che dovrà effettuare nel caso accadano specifici eventi clinicoassitenziali pre-individuati dal MMG in accordo con l UCAM, prevedere accessi domiciliari programmati ad orari definiti, notturni e/o diurni festivi e prefestivi, del MCA, per lo svolgimento di specifici interventi clinico-assistenziali pre-individuati dal MMG in accordo con l UCAM. A tal fine il MMG, secondo modalità concordate con l UCAM e, se ritenuto opportuno, anche mediante contatto telefonico all inizio del turno notturno, comunica al MCA le informazioni clinico-assistenziali opportune. Il MCA inoltre, quando opportuno, predispone una sintetica relazione da indirizzare al MMG e/o all UCAM per l aggiornamento delle valutazioni e degli interventi effettuati dallo stesso o nel caso si ravvisi l esigenza di attivare un piano domiciliare integrato. Al MCA viene riconosciuta una remunerazione aggiuntiva pari all importo previsto dal vigente ACN per l accesso ADI : per l effettuazione di accesso/i domiciliare/i secondo le modalità prima enunciate; per la predisposizione di una relazione come sopra indicato. Considerato che il verbale del Gruppo Tecnico regionale per la valutazione dei progetti domiciliarità e continuità assistenziale, di cui alla nota regionale prot. 00 del..008, evidenzia la seguente criticità del progetto dell ASL di Brescia Il progetto

5 potrebbe essere ulteriormente migliorato nella parte relativa all integrazione tra CA e medicina generale ; Al fine di dare effettivo avvio al Progetto attuativo della Medicina Generale sulla Domiciliarità dell ASL di Brescia, si definiscono le seguenti modalità organizzativooperative orientate a favorire la migliore integrazione e coordinamento tra Medico di Continuità Assistenziale (MCA) e MMG. Sperimentazione e sviluppo di modalità telematiche per semplificare ed ottimizzare la comunicazione tra MMG, MCA e UCAM Al fine di semplificare ed ottimizzare l attività del Servizio di CA, l ASL di Brescia ha avviato la sperimentazione della informatizzazione di postazioni di CA, con previsione della successiva progressiva diffusione a tutte le postazioni, mediante l utilizzo di un apposito programma informatico che prevede, tra l altro, la possibilità di: ricezione informatizzata delle segnalazioni trasmesse dall Unità di Continuità Assistenziale Multidimensionale distrettuale (UCAM) o dal MMG via fax alla postazione di CA; consultazione informatica da parte del MCA, con possibilità di stampa, di un prospetto riepilogativo clinico-assistenziale dell assistito segnalato (ultima valutazione UCAM disponibile e sintesi delle Cure Domiciliari effettuate o in corso); trasmissione per via informatica, da parte del MCA al MMG e all UCAM, della sintesi dell intervento effettuato, secondo quanto riportato nel modulo Intervento effettuato dal MCA, riportato di seguito; inoltro per via informatica all UCAM delle segnalazioni provenienti direttamente dai MMG alla postazione di CA. L integrazione delle postazioni di Continuità Assistenziale al SISS verrà attivata non appena ne verrà dato l assenso da parte dei competenti uffici regionali, in modo che il MCA possa accedere al Fascicolo Utente SISS. Modalità di attivazione del Servizio di Continuità Assistenziale (CA) per l effettuazione di interventi domiciliari programmati del MCA nei confronti di assistiti con bisogni assistenziali complessi Nel caso sia concordata in seno alla UCAM la necessità di attivare il Servizio di CA nei confronti di un assistito con bisogni assistenziali complessi, gli operatori distrettuali della stessa UCAM provvedono a trasmettere alla postazione di CA la segnalazione, avvalendosi del modulo Segnalazione per l attivazione del Servizio di CA, riportato di seguito. Nel caso in cui il MMG ravvisi la necessità di attivare il Servizio di CA nei confronti di un assistito con bisogni assistenziali complessi senza preventivo accordo con l UCAM, trasmette via fax (o tramite SISS quando attivato) alla postazione di CA competente per territorio una segnalazione che contenga gli elementi clinico-terapeutico-assistenziali necessari, avvalendosi, se lo ritiene opportuno, del medesimo modulo Segnalazione per l attivazione del Servizio di CA. In tale caso, il MCA che effettua il primo intervento domiciliare programmato, a fine turno, trasmette via fax alla UCAM copia della segnalazione del MMG. Modalità di comunicazione dell esito degli interventi effettuati da parte del MCA al MMG e all UCAM distrettuale Il MCA attivato: consegna all assistito una copia della sintesi dell intervento effettuato, avvalendosi del modulo Intervento effettuato dal MCA, riportato di seguito; a fine turno, trasmette via fax all UCAM il modulo dell intervento effettuato. Inoltre, nel caso in cui il MCA ritenga opportuno comunicare aspetti clinico-assistenzialirelazionali al MMG e/o all UCAM o nel caso ravvisi l esigenza di attivare un nuovo piano domiciliare integrato, trasmette via fax (o tramite SISS quando attivato) al MMG e all UCAM una relazione in merito.

6 Allegato Area Funzionale Integrata Anziani e Cure Domiciliari Unità di Continuità Assistenziale Distretto di Multi-Dimensionale SCHEDA di VALUTAZIONE del MEDICO Signor/a_ sesso M 0 F 0 tessera sanitaria CIRS nato/a a il comune di residenza domicilio tel. Codice Fiscale Vive con: 0coniuge/convivente 0coniuge/figli 0figli 0parenti 0genitori 0badante 0solo 0altro PATOLOGIE IN ATTO ) Cardiaca (solo cuore) ) Ipertensione (si valuta la severità, gli organi coinvolti sono considerati separatamente) ) Vascolari (sangue, vasi, midollo, sistema linfatico) ) Respiratorie (polmoni,bronchi,trachea sotto la laringe) ) O.O.N.G.L. (occhio,orecchio, naso, gola, laringe) 6) Apparato G.I. Superiore (esofago,stomaco,duodeno,albero biliare,pancreas) 7) Apparato G.I. Inferiore (intestino, ernie) 8) Epatiche (solo fegato) ) Renali (solo rene) 0) Altre Patologie Genito-urinarie (ureteri,vescica,uretra,prostata,genitali) ) Sistema Muscolo-Scheletro-Cute (muscoli,scheletro,tegumenti) ) Sistema Nervoso Centrale e Periferico (non include la demenza) ) Endocrine - metaboliche (include diabete, infezioni, stati tossici) ) Psichiatrico-comportamentali (demenza, depressione, ansia, agitazione, psicosi) LEGENDA PATOLOGIE IN ATTO: -Assente nessuna compromissione di organo/sistema -Lieve la compromissione d organo/sistema non interferisce con la normale attività. Il trattamento può essere richiesto oppure no, la prognosi è eccellente (es.abrasioni cutanee, ernie, emorroidi) -Moderato la compromissione d organo/sistema interferisce con la normale attività, il trattamento è necessario, la prognosi è buona (es. acolelitiasi, diabete, fratture) -Grave la compromissione d organo/sistema produce disabilità, il trattamento è indilazionabile, la prognosi può non essere buona (es. carcinoma operabile, enfisema polmonare, scompenso cardiaco) -Molto grave la compromissione d organo/sistema mette a repentaglio la sopravvivenza, il trattamento è urgente, la prognosi è grave (es. infarto del miocardio, stroke, embolia); DIAGNOSI PRINCIPALI COD. ICD IX DIAGNOSI PRINCIPALI COD. ICD IX TERAPIE SIGNIFICATIVE in ATTO DATA Mod. UCAM 0 Vers. 08/07 TIMBRO E FIRMA 6

7 Parte da compilare solo per RICHIESTA ASSISTENZA PROGRAMMATA NON AMBULABILI VALUTAZIONE AUTOSUFFICIENZA FUNZIONE DEAMBULAZIONE LOCOMOZIONE SU SEDIA A ROTELLE SCALE TRASFERIMENTO LETTO/SEDIA USO DEL WC CONTINENZA INTESTINALE CONTINENZA URINARIA ALIMENTAZIONE VESTIRSI IGIENE PERSONALE BAGNO/DOCCIA ASPETTI PSICO-SENSORIALI CAPACITA DI COMUNICARE VISTA UDITO DISTURBI DI COMPORTAMENTO CONFUSIONE IRRITABILITA IRREQUIETEZZA Dipendenza Completa CIRS Dipendenza grave Dipendenza moderata Dipendenza lieve assente limitata integra non rilevato Autosufficienza Non rilevato Grave Moderato lieve assente non rilevato PROBLEMI SOCIO-AMBIENTALI che motivano l assistenza domiciliare RICHIESTA AUTORIZZAZIONE per ACCESSI del MMG/PDLS in regime di ADI Come da allegato G contratto collettivo nazionale RICHIESTA nuova attivazione 0 variazione 0 rinnovo0 ACCESSI PROPOSTI: settimanali 0 quindicinali 0 mensili 0 (data) (timbro e firma del Medico) SPAZIO RISERVATO all ASL PROGRAMMA APPROVATO: si 0 no 0 ACCESSI AUTORIZZATI: settimanali 0 quindicinali 0 mensili 0 DATA INIZIO / / / DATA SCADENZA / / / (firma) Mod. UCAM 0 Vers.08/07 7

8 educazi. controllo Area Funzionale Integrata Anziani e Cure Domiciliari Unità di Continuità Assistenziale Distretto di Multi-Dimensionale SCHEDA DEL MEDICO per l attivazione dell Unità di Continuità MultiDimensionale ( da allegare alla Richiesta scheda MMG di valutazione medica) Signor /a SERVIZI PROPOSTI ASSISTENZA INFERMIERISTICA 0 Problema/i in atto _ 0 Valutazione e/o intervento _ 0 Intervento estemporaneo 0 Intervento continuativo dal al da eseguirsi presso: m ambulatorio (ove disponibile) m domicilio per pazienti non deambulabili 0 Terapie tipo di farmaco posologia via di somministrazione durata Medicazione: sede/i tipo di lesione/i m come da protocollo per trattamento lesioni cutanee (dove esistente) m altro Note _ VALUTAZIONI / INTERVENTI MIRATI somminis. 0Fisiatra 0 Geriatra 0 Altro Motivo: Mod. UCAM 0 Vers. 08/07 8

9 SUPPORTO SOCIO-ASSISTENZIALE 0 Aiuto alla persona m Cure igieniche parziali m Bagno assistito m Aiuto domestico m Pasti a domicilio m Commissioni varie (spesa, farmacia) 0 Sostegno alla famiglia 0 Pratiche di segretariato sociale 0 _ 0 _ FORNITURA DI AUSILI 0 Materasso antidecubito 0 Visita Fisiatrica per prescrizione ausili Problema/i in atto: Richiesta MMG 0ATTIVAZIONE TELESOCCORSO (dove disponibile) INSERIMENTO in STRUTTURE RESIDENZIALI o SEMIRESIDENZIALI 0 Centro Diurno Integrato 0 Appartamento Protetto 0 Ricovero di Sollievo 0 Istituto di Riabilitazione 0 Residenza Sanitario Assistenziale 0 Hospice 0 Ammissione protetta unità operativa ospedaliera 0 Motivo: RICHIESTA AUTORIZZAZIONE per ACCESSI del MMG/PDLS in regime di ADI Come da allegato H contratto collettivo nazionale Motivo della richiesta: Intervento proposto: Frequenza proposta:_ Mod. UCAM 0 Vers.08/07 (data) (timbro e firma del Medico)

10 effettuata in data da: Sistema di Continuità Assistenziale Territoriale Distretto N _ SEGNALAZIONE al Servizio di Continuità Assistenziale MMG (timbro e firma del Medico) UCAM Allegato da indirizzare via FAX o alla postazione di Continuità Assistenziale di Signor/a nato/a il Domiciliato /a Via n. Tel. Tessera e/o CF Diagnosi Terapie in atto tipo di farmaco posologia via di somministrazione durata Informazioni utili riguardanti il paziente e l ambito familiare RICHIESTA di INTERVENTO Motivo della richiesta: Accessi domiciliari programmati Prestazione data ora Accessi domiciliari condizionati al possibile verificarsi dei seguenti eventi Mod. S CAM 0 Vers. 0/08 0

11 Segnalazione: Sistema di Continuità Assistenziale Territoriale Distretto N _ INTERVENTO del Medico di Continuità Assistenziale Data e ora : Chi segnala: Tipo di Segnalazione: Sintomi: Assistito: Signor/a nato/a il Domiciliato /a Via n. Tel. Tessera e/o CF Intervento effettuato: Tipo di intervento: Consulenza tel. Visita amb. Visita dom. ADI progr. ADI condiz. Ora di uscita per visita domiciliare Obiettività: Diagnosi o sospetto diagnostico Prescrizioni: Farmaci Cert. di malattia Ricovero Altro Terapia somministrata: PPIP erogate : Servizi attivati: Note: SSUEm 8 (specificare interlocutore ) _ Consulenze specialistiche Guardia igienica (specificare interlocutore ) Avvio al ricovero (specificare destinazione se nota ) Allegato Mod. S CAM 0 Vers. 0/08 Timbro e Firma MCA

12 Allegato Sistema di Continuità Assistenziale Territoriale Distretto N _ Progetto Domiciliarità - PRESTAZIONI DEL MMG Mese Anno Cognome / Nome Assistito data Valutazione Verifica Incontri pianificazione piano._._._._._ 6._ 7._ 8._._ 0._._._._._._ 6._ 7._ 8._._ 0._ Data (Timbro e Firma MMG) Mod. S CAM 0 Vers. 0/08

13 Sistema di Continuità Assistenziale Territoriale Distretto N _ Progetto Domiciliarità - PRESTAZIONI DEL MCA Allegato 6 Mese Anno Cognome / Nome Assistito data Accesso Trasmissione relazione domiciliare al MMG/UCAM._._._._._ 6._ 7._ 8._._ 0._._._._._._ 6._ 7._ 8._._ 0._ Data (Timbro e Firma MCA) Mod. S CAM 0 Vers. 0/08

Valutazione e pianificazione multidimensionale: meglio strumenti semplici o complessi?

Valutazione e pianificazione multidimensionale: meglio strumenti semplici o complessi? Valutazione e pianificazione multidimensionale: meglio strumenti semplici o complessi? Venerdì 9 Febbraio 206 L approccio alla persona con problemi di salute dipende sempre da tre dimensioni Dimensione

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

SCHEDA SANITARIA (compilazione a cura del medico di famiglia o di reparto ospedaliero) NOME E COGNOME DELL'INTERESSATO:

SCHEDA SANITARIA (compilazione a cura del medico di famiglia o di reparto ospedaliero) NOME E COGNOME DELL'INTERESSATO: All. B SCHEDA SANITARIA (compilazione a cura del medico di famiglia o di reparto ospedaliero) NOME E COGNOME DELL'INTERESSATO: ANAMNESI: TIPO DI INVALIDITA' PERCECENTUALE di INVALIDITA': % INDENNITA' DI

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE Mod. DISTRETTO SOCIOSANITARIO UNITÀ DI VALUTAZIONE TERRITORIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE PAZIENTE Cognome e Nome Sesso Luogo di nascita Data di nascita Residente a Via Telefono Codice Fiscale:

Dettagli

URGENTE DATI ANAGRAFICI DEL PAZIENTE. Cognome... Nome...

URGENTE DATI ANAGRAFICI DEL PAZIENTE. Cognome... Nome... HOSPICE DI ABBIATEGRASSO VIA DEI MILLE N. 8/10 20081 ABBIATEGRASSO (MI) TEL. 02/94963802 FAX 02/94962279 SITO: www.hospicediabbiategrasso.it EMAIL: info@hospicediabbiategrasso.it La presente richiesta

Dettagli

Relazione sanitaria 1.6 a cura del medico curante per l ingresso al CDI

Relazione sanitaria 1.6 a cura del medico curante per l ingresso al CDI Relazione sanitaria 1.6 a cura del medico curante per l ingresso al CDI ente morale con personalità giuridica di diritto privato fondato nel 1594 Sig./ra luogo e data di nascita Sezione 1. Patologie presenti

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

INDICAZIONI TECNICO-OPERATIVE PER LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE DI BASE DEI PAZIENTI ANZIANI IN OCCASIONE DI RICOVERI OSPEDALIERI

INDICAZIONI TECNICO-OPERATIVE PER LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE DI BASE DEI PAZIENTI ANZIANI IN OCCASIONE DI RICOVERI OSPEDALIERI INDICAZIONI TECNICO-OPERATIVE PER LA VALUTAZIONE MULTIDIMENONALE DI BASE DEI PAZIENTI ANZIANI IN OCCAONE DI RICOVERI OSPEDALIERI L esperienza accumulata nell ASL di Brescia, ha evidenziato l utilità che,

Dettagli

MODELLO DOMANDA DI AMMISSIONE IN R.S.A. ACCREDITATE

MODELLO DOMANDA DI AMMISSIONE IN R.S.A. ACCREDITATE MODELLO DOMANDA DI AMMISSIONE IN R.S.A. ACCREDITATE La sottoscritta... o p p u r e La/Il sottoscritta/o.......... in qualità di... della sig./ra...... residente a. via... n. recapiti telefonici.... PRESENTA

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

FONDAZIONE CASA DI RIPOSO INFERMERIA FILISETTI O.N.L.U.S. ENTE DEPUBBLICIZZATO ISCR. TRIBUNALE DI BERGAMO NR. 583

FONDAZIONE CASA DI RIPOSO INFERMERIA FILISETTI O.N.L.U.S. ENTE DEPUBBLICIZZATO ISCR. TRIBUNALE DI BERGAMO NR. 583 Dati dell interessato: DOMANDA DI INGRESSO IN R.S.A. Cognome. Nome... Sesso F M Stato civile. Data di nascita Luogo di nascita... Residenza in via n. Comune. Prov... C.A.P....... Recapito telefonico....

Dettagli

DOMANDA DI INGRESSO IN R.S.A./C.D.I. Cognome. Nome... Sesso F M Stato civile. Data di nascita. Luogo di nascita...

DOMANDA DI INGRESSO IN R.S.A./C.D.I. Cognome. Nome... Sesso F M Stato civile. Data di nascita. Luogo di nascita... RSA/CDI Buonomo Cacciamatta 1836 onlus 24060 - Tavernola Bergamasca (BG) Tel. 035931023 Fax 035932442 sito: www.cacciamatta.it e-mail: info@cacciamatta.it DOMANDA DI INGRESSO IN R.S.A./C.D.I. Dati dell

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

DOMANDA DI INSERIMENTO IN RSA. Il/La sottoscritto/a... Residente in Cap... Via Nr... Tel... Cell... E-Mail... del Sig./ra...

DOMANDA DI INSERIMENTO IN RSA. Il/La sottoscritto/a... Residente in Cap... Via Nr... Tel... Cell... E-Mail... del Sig./ra... Spett.le RSA FONDAZIONE FERRARIO - Vanzago DOMANDA DI INSERIMENTO IN RSA Il/La sottoscritto/a... Residente in Cap... Via Nr.... Tel.... Cell.... E-Mail... chiede il ricovero presso la Vostra RSA del Sig./ra...

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

UNITA DI DEGENZA TERRITORIALE ( U D T )

UNITA DI DEGENZA TERRITORIALE ( U D T ) UNITA DI DEGENZA TERRITORIALE ( U D T ) 1) Definizione e funzioni L Unità di Degenza Territoriale è una struttura sanitaria extraospedaliera distrettuale destinata alla degenza la cui funzione è quella

Dettagli

A cura del MMG (da allegare alla scheda sanitaria) Physical Self-Maintenance Scale (PSMS) Adattato da Lawton MP and Brody EM

A cura del MMG (da allegare alla scheda sanitaria) Physical Self-Maintenance Scale (PSMS) Adattato da Lawton MP and Brody EM A cura del MMG (da allegare alla scheda sanitaria) Physical Self-Maintenance Scale (PSMS) Adattato da Lawton MP and Brody EM Funzioni Corporali 1. Provvede autonomamente alle evacuazioni, senza incontinenza.

Dettagli

PROTOCOLLO PER LE DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE OSPEDALE-TERRITORIO

PROTOCOLLO PER LE DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE OSPEDALE-TERRITORIO ALLEGATO A Protocollo per le dimissioni e ammissioni protette Ospedale - Territorio Data di emissione Ottobre 2012 Rev. 00 PROTOCOLLO PER LE DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE OSPEDALE-TERRITORIO PREMESSA

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04

PROTOCOLLO OPERATIVO 04 ATTIVAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROTOCOLLO OPERATIVO 04 Pag. 1 di 6 Revisione Data Redatto e Elaborato Approvato Firma U.F. DISTRETTO 1 13/10/2012 RAQ Dr.C. Martelli Dr. Fabio Michelotti Pag. 2 di 6 Scopo : Lo scopo del presente protocollo è garantire una omogenea

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO

CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO Gruppo di Lavoro Federsanità ANCI Veneto e Friuli Venezia Giulia Salute e Welfare a Nordest Udine, Fondazione CRUP- 23 febbraio 2009 Dott. Daniele

Dettagli

$ $ ( ) $ # $ # #$! " # $ $ $ %&&'

$ $ ( ) $ # $ # #$!  # $ $ $ %&&' %&&' %&&',%%0 12)33)33))) ) 333 3 3,3 32,-.,-.,-. ) ))) %2,-.,-,,4 52/,-,-, (4.,- ( 6) '2 ),, -,, (,-/4-72 ),, -,, - * *+,-./,- %&&',5%0 02 2 2*8,*+9 4** :;1

Dettagli

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s Metodo adeguato di valutazione, valorizzazione e gestione della complessità??

Dettagli

Cure Domiciliari: definizione

Cure Domiciliari: definizione Cure Domiciliari: definizione E un complesso di cure mediche, infermieristiche, riabilitative, Socio-assistenziali integrate fra loro, erogate al domicilio del paziente. S.S.V.D. Cure Domiciliari Struttura

Dettagli

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla R. S. A. S A N G I U S E P P E (RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE) Via delle Ande n. 11 20151 Milano (MI) Tel. 02/33400809 02/38008727 Fax 02/33404144 E-mail : rsa.sangiuseppe@hsr.it S C H E D A I N F

Dettagli

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI)

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI) Assistenza programmata al domicilio (ADI) Le Cure domiciliari hanno assunto una valenza sempre più strategica a causa dell aumento dell aspettativa di vita e del concomitante incremento della patologia

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI Il Regolamento di struttura, redatto in coerenza con le linee guida di cui al presente provvedimento,

Dettagli

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie 1 Descrizione dell Intervento Sulla base delle evidenze della letteratura è rilevante, ai fini dell

Dettagli

L Ospedale di Comunità in Lombardia: l esperienza di Orzinuovi

L Ospedale di Comunità in Lombardia: l esperienza di Orzinuovi Conferenza stampa L Ospedale di Comunità in Lombardia: l esperienza di Orzinuovi Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale ASL di Brescia Dr. Gabriele Tonini Direttore Generale A.O. Mellino

Dettagli

AZIENDA USL VDA LA DIMISSIONE PROTETTA IN VDA: UN MODELLO DI INTEGRAZIONE TERRITORIO-OSPEDALE DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE

AZIENDA USL VDA LA DIMISSIONE PROTETTA IN VDA: UN MODELLO DI INTEGRAZIONE TERRITORIO-OSPEDALE DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE AZIENDA USL VDA DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE AREA DEGENZA AREA PREVENZIONE AREA TECNICO AMMINISTRATIVA S.C. DISTRETTO 1 S.C. DISTRETTO 2 S.C. DISTRETTO 3 S.C. DISTRETTO 4 S.C. OSPEDALIERE

Dettagli

SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI Distretto socio-assistenziale n. 1 di Cosenza REGIONE CALABRIA ASP COSENZA

SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI Distretto socio-assistenziale n. 1 di Cosenza REGIONE CALABRIA ASP COSENZA SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI Distretto socio-assistenziale n. 1 di Cosenza REGIONE CALABRIA ASP COSENZA Scheda di proposta di accesso ai servizi territoriali (parte generale

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE E LA ASL DELLA PROVINCIA DI MILANO 2 per il miglioramento delle cure primarie ed il governo clinico ANNO 2013 Premessa Il Comitato Aziendale,

Dettagli

MODELLO UNICO PER INSERIMENTO NEI POSTI ACCREDITATI DELLE RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI DELLA PROVINCIA DI SONDRIO

MODELLO UNICO PER INSERIMENTO NEI POSTI ACCREDITATI DELLE RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI DELLA PROVINCIA DI SONDRIO MODELLO UNICO PER INSERIMENTO NEI POSTI ACCREDITATI DELLE RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Questo modello consente l ammissione nelle liste di attesa delle RSA della provincia

Dettagli

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Giornate Mediche Fiorentine Firenze, 2 3 dicembre 2011 Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Manlio Matera Associazione Italiana Malattia di Alzheimer Atti di indirizzo della Regione

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

Ambito Territoriale dei Servizi Sociali. Comune Capofila Marcianise

Ambito Territoriale dei Servizi Sociali. Comune Capofila Marcianise Ambito Territoriale dei Servizi Sociali Comune Capofila Marcianise REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI ART. 1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento

Dettagli

Spett. Direzione CENTRO POLIFUNZIONALE BENEDETTO ACQUARONE Area Residenziale Anziani Via S.Pio x n 26-CHIAVARI- GE Tel.0185-5906292 Chiavari,...

Spett. Direzione CENTRO POLIFUNZIONALE BENEDETTO ACQUARONE Area Residenziale Anziani Via S.Pio x n 26-CHIAVARI- GE Tel.0185-5906292 Chiavari,... Spett. Direzione CENTRO POLIFUNZIONALE BENEDETTO ACQUARONE Area Residenziale Anziani Via S.Pio x n 26-CHIAVARI- GE Tel.0185-5906292 Chiavari,... INTERESSATO: PRESENTATO DA: Sig....... nato/a... il... residente

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) Approvato con delibera del Commissario Straordinario n.14del 26/02/2010 PREMESSA L'A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata)

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Direzione Sanitaria, Dipartimento Attività Socio Sanitarie Integrate (A.S.S.I.) Dipartimento Servizi Sanitari di Base, Staff Educazione

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.

REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I. REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) L ADI consiste in una metodologia di lavoro, orientata ad erogare

Dettagli

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Distretti di Dalmine, Grumello del Monte (ASL della provincia di Bergamo) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia PER L ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

SCHEDA MEDICA INFORMATIVA

SCHEDA MEDICA INFORMATIVA IdL 8 Edizione n 07 del 01/01/2009 Pagina 1 di 7 REDAZIONE RQ APPROVAZIONE DG Dott.ssa Gavioli Roberta Dott.ssa Cavalieri Luisa Idl 8 Edizione n 07 del 01/01/2009 Pag.2 di 6 SCHEDA MEDICA INFORMATIVA (

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

LE DIMISSIONI PROTETTE

LE DIMISSIONI PROTETTE DOTT.SSA LUCIANA LABATE UOC PNEUMOLOGIA OSP. FALLACARA TRIGGIANO (BA) LE DIMISSIONI PROTETTE LE DIMISSIONI PROTETTE: L invecchiamento della popolazione e la nuova organizzazione sanitaria basata sulla

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

RICHIESTA DI RICOVERO

RICHIESTA DI RICOVERO RICHIESTA DI RICOVERO Alla Direzione Sanitaria DATI ANAGRAFICI DA COMPILARSI A CURA DEL RICHIEDENTE Si richiede l inserimento c/o la struttura Hospice San Pietro con sede a Castiglione d/stiviere, via

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIO-SANITARIE COMPARTECIPATE

REGOLAMENTO DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIO-SANITARIE COMPARTECIPATE DISTRETTO SOCIALE N19 Comuni di Afragola, Caivano, Cardito, Crispano ASL NA 2 Nord Distretti Sanitari 44 e 45 REGOLAMENTO DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIO-SANITARIE COMPARTECIPATE 1 ART.1 Obiettivo I

Dettagli

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 Dalla multidimensionalità al Riconoscimento di Interdipendenze.interconnessioni Nodi e non solo RISOLVERLI

Dettagli

REGIONE CALABRIA ASP _

REGIONE CALABRIA ASP _ SCHEDA DI PROPOSTA PER L ACCESSO AI SERVIZI TERRITORIALI REGIONE CALABRIA ASP _ _ _ Scheda di proposta di accesso ai servizi territoriali (parte generale da compilare dal richiedente/familiare o persona

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il contesto normativo regionale DGR 7328 del 11 dicembre 2001 Individuazione della rete regionale

Dettagli

Carta dei Servizi ADI rev. 2 del 12.01.2015 - ADIvoucher pag. 1 di 7

Carta dei Servizi ADI rev. 2 del 12.01.2015 - ADIvoucher pag. 1 di 7 Struttura accreditata con le AASSLL di BERGAMO, BRESCIA, COMO, CREMONA, LECCO, LODI, MANTOVA, MILANO, MILANO 1, MILANO 2, MONZA e BRIANZA, PAVIA e VARESE per offrire il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

AZIENDA AUSL DI PESCARA -Servizio di Cure Domiciliari-

AZIENDA AUSL DI PESCARA -Servizio di Cure Domiciliari- AZIENDA AUSL DI PESCARA -Servizio di Cure Domiciliari- MODULO DI PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE IN CURE DOMICILIARI DI II E III LIVELLO ASSISTENZIALE (PIANO SOCIO-ASSISTENZIALE) DISTRETTO SANITARIO DI BASE

Dettagli

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari Roma, 13 Maggio 2011 Prime esperienze DGR 11/15 del 22.02.1999 istituisce l ADI nelle ASL della Sardegna Il 01/07/1999

Dettagli

MODULO UNICO DI INGRESSO PER INSERIMENTO NEI POSTI LETTO ACCREDITATI NELLE R.S.A DELLA PROVINCIA DI LECCO

MODULO UNICO DI INGRESSO PER INSERIMENTO NEI POSTI LETTO ACCREDITATI NELLE R.S.A DELLA PROVINCIA DI LECCO MODULO UNICO DI INGRESSO PER INSERIMENTO NEI POSTI LETTO ACCREDITATI NELLE R.S.A DELLA PROVINCIA DI LECCO SEZ. 1 DATI ANAGRAFICI DEL RICHIEDENTE Cognome e Nome Luogo di nascita (Prov. ) Data M F Codice

Dettagli

DOMANDA DI ACCOGLIMENTO PRESSO HOSPICE RESIDENZA SAN PIETRO SOLO PER PAZIENTI RESIDENTI IN LOMBARDIA

DOMANDA DI ACCOGLIMENTO PRESSO HOSPICE RESIDENZA SAN PIETRO SOLO PER PAZIENTI RESIDENTI IN LOMBARDIA DOMANDA DI ACCOGLIMENTO PRESSO HOSPICE RESIDENZA SAN PIETRO SOLO PER PAZIENTI RESIDENTI IN LOMBARDIA DATI ANAGRAFICI (da compilarsi a cura del richiedente) Si richiede l inserimento presso l Hospice San

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE PROGETTO ESECUTIVO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE ai sensi della L.R. 7/2009 e della L. 38/2010 biennio 2010-2011 1.0 - OBIETTIVI DI SALUTE E ORGANIZZATIVI 1.1 - Premesse L obiettivo generale dell Azienda

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

Casa di Riposo Corti Nemesio. PROTOCOLLO OPERATIVO per la gestione dei Posti di Sollievo presso la R.S.A. Casa di Riposo Corti Nemesio

Casa di Riposo Corti Nemesio. PROTOCOLLO OPERATIVO per la gestione dei Posti di Sollievo presso la R.S.A. Casa di Riposo Corti Nemesio Comune di Delebio Provincia di Sondrio Casa di Riposo Corti Nemesio PROTOCOLLO OPERATIVO per la gestione dei Posti di Sollievo presso la R.S.A. Casa di Riposo Corti Nemesio PROTOCOLLO OPERATIVO per la

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO Gruppo di Lavoro Coordinamento: Salvi. F (Neurologia Osp. Bellaria) Descovich C. (Governo Clinico) Alvisi S. (DH Neurologia OB) Amadori L. (Medicina

Dettagli

MODELLO UNICO PER INSERIMENTO NEI POSTI ACCREDITATI DELLE RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI DELLA PROVINCIA DI SONDRIO

MODELLO UNICO PER INSERIMENTO NEI POSTI ACCREDITATI DELLE RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI DELLA PROVINCIA DI SONDRIO MODELLO UNICO PER INSERIMENTO NEI POSTI ACCREDITATI DELLE RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Questo modello consente l ammissione nelle liste di attesa delle RSA della provincia

Dettagli

Programma Interventi Innovativi

Programma Interventi Innovativi Ambulatorio Infermieristico della Fragilità Saranno disponibili, all interno della UCCP, degli infermieri della Fragilità che opereranno sul territorio (sono gli infermieri già impegnati ad affiancare

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

MISURA B1 - PERSONE CON DISABILITA GRAVISSIMA

MISURA B1 - PERSONE CON DISABILITA GRAVISSIMA Piano operativo per l attuazione degli interventi in materia di gravi e gravissime disabilità o anziani non autosufficienti previsti dalla DGR n. 740/2013 Regione Lombardia con DGR n. 740 del 27/09/2013

Dettagli

Regolamento per l Accesso alle Prestazioni Socio Sanitarie

Regolamento per l Accesso alle Prestazioni Socio Sanitarie Regolamento per l Accesso alle Prestazioni Socio Sanitarie ART.1 Obiettivo I percorsi integrati socio sanitari si realizzano attraverso procedure unitarie e condivise tra ASL e Comuni associati in Piani

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 APPROVATO CON DELIB. C.C. 77 DEL 16.04.2003 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R.

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA Milano 14 giugno 2012 Giornata di studio Re.SSPO Ordine AA.SS. Lombardia Comune di Monza Settore Servizi Sociali - Ufficio Anziani Cosa abbiamoevidenziato

Dettagli

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI La conoscenza di quelli che sono i diritti di chi è affetto da una disabilità, permette ai familiari di compiere i giusti passi per agevolare il reinserimento

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

L ASSISTENZA SANITARIA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI

L ASSISTENZA SANITARIA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI L ASSISTENZA SANITARIA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI L attività del medico di medicina generale Modena, 24 febbraio 2007 ASSISTENZA SANITARIA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI Assistenza domiciliare integrata

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

Versione aggiornata al 01/07/2014, approvata dal Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci

Versione aggiornata al 01/07/2014, approvata dal Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci Piano operativo per l attuazione degli interventi in materia di gravi e gravissime disabilità o anziani non autosufficienti previsti dalla DGR n. 740/2013 Versione aggiornata al 01/07/2014, approvata dal

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE 1. La Fondazione nella rete dei servizi. CARTA DEI SERVIZI La Fondazione Don Ambrogio Cacciamatta onlus gestisce in Iseo l omonima RSA, a Monticelli

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

Assistenza primaria, nel territorio e a domicilio Milano, 13 Novembre 2015

Assistenza primaria, nel territorio e a domicilio Milano, 13 Novembre 2015 IL VALORE DEL TEAM A SUPPORTO DELLA PERSONA CON SCLEROSI MULTIPLA Assistenza primaria, nel territorio e a domicilio Milano, 13 Novembre 2015 Fulvio Lona+ la rete dei servizi sanitari non può essere fatta

Dettagli

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA Un viaggio tra il sé professionale e il sistema delle cure domiciliari Il ruolo del MMG nel sistema delle cure domiciliari BIELLA - CITTA STUDI

Dettagli

Caregiver DayRegionale

Caregiver DayRegionale Caregiver DayRegionale Giornata del caregiver familiare - Carpi, 25 maggio 2013 - Mariella Martini Direttore Generale Azienda USL di Modena Previsioni popolazione anziana residente in provincia di Modena.

Dettagli

14.30-15.30 IV SESSIONE: Il contributo dei Centri Diurni-parte II Moderatore: R. Nicoli

14.30-15.30 IV SESSIONE: Il contributo dei Centri Diurni-parte II Moderatore: R. Nicoli 14.30-15.30 IV SESSIONE: Il contributo dei Centri Diurni-parte II Moderatore: R. Nicoli I servizi socio-sanitari della IHG per l Alzheimer: UVA, Reparti di degenza, Centro Diurno, Assistenza domiciliare,

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Punto Unico di Accesso. Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna

Punto Unico di Accesso. Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna Punto Unico di Accesso Socio-SanitaroSanitaro nella provincia di Modena Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna Il Punto Unico d'accesso Socio Sanitario (PUASS) è una modalità organizzativa

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007. Servizio di assistenza domiciliare Distretto n. 2

Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007. Servizio di assistenza domiciliare Distretto n. 2 Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007 Servizio di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Distretto socio sanitario n. 2 Direttore: dott. Carmine Capaldo Coordinatore: AFD Giovanni Righetti Sede principale DOMEGLIARA,

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

REGIONE CALABRlA ASP CROTONE

REGIONE CALABRlA ASP CROTONE REGIONE CALABRlA ASP CROTONE Scheda di proposta di accesso ai servizi territoriali (parte sanitaria da compilare da parte del medico proponente)...."....... Dati dell'assistito per il quale si richiede

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

Regolamento per l accesso alle prestazioni socio sanitarie

Regolamento per l accesso alle prestazioni socio sanitarie Regolamento per l accesso alle prestazioni socio sanitarie 2012 In questo regolamento si delineano le procedure operative per l attuazione del percorso integrato e per l erogazione delle prestazioni socio

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

LA RIABILITAZIONE IN ADI

LA RIABILITAZIONE IN ADI Azienda USL3 di Pistoia LA RIABILITAZIONE IN ADI LA RIABILITAZIONE DOPO ICTUS E FRATTURA FEMORE IN TOSCANA Firenze 17 Aprile 2012 Franco Giuntoli UORRF Aziendale Simone Bonacchi UORF Zona Distretto Pistoiese

Dettagli

Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE) 0861-851825. Azione SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE

Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE) 0861-851825. Azione SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE Unione di Comuni Città - Territorio Val Vibrata 64015 Nereto (TE) 0861-851825 Piano di Zona dei Servizi Sociali (Legge 328/00 e Piano Sociale Regionale 2002-2004) Ambito Territoriale Sociale n.2 Vibrata

Dettagli

Tutti gli associati a Mutua Nuova Sanità posseggono la TESSERA AZZURRA sulla quale viene applicato ogni anno il bollino di convalida.

Tutti gli associati a Mutua Nuova Sanità posseggono la TESSERA AZZURRA sulla quale viene applicato ogni anno il bollino di convalida. SERVIZI BASE ( estesi gratuitamente al nucleo famigliare) CONVENZIONI SPECIALISTICHE ED OSPEDALIERE Tutti gli associati a Mutua Nuova Sanità posseggono la TESSERA AZZURRA sulla quale viene applicato ogni

Dettagli