PROGETTO DOMICILIARITÀ. Progetto attuativo della medicina generale sulla domiciliarità dell ASL di Brescia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DOMICILIARITÀ. Progetto attuativo della medicina generale sulla domiciliarità dell ASL di Brescia"

Transcript

1 PROGETTO DOMICILIARITÀ Progetto attuativo della medicina generale sulla domiciliarità dell ASL di Brescia ALLEGATI Allegato : Accordo Aziendale 008 per le Cure Primarie dell ASL di Brescia Allegato D Allegato : Scheda di valutazione del medico e Scheda del medico per l attivazione dell UCAM (Fascicolo Utente) Allegato : Scheda SEGNALAZIONE al Servizio di Continuità Assistenziale Allegato : Scheda INTERVENTO del Medico di Continuità Assistenziale Allegato : Scheda Progetto Domiciliarità - PRESTAZIONI DEL MMG Allegato 6: Scheda Progetto Domiciliarità - PRESTAZIONI DEL MCA

2 PREMESSA In data tra l ASL di Brescia e le OO.SS. della Medicina Generale è stato sottoscritto l Accordo Aziendale 008 per le Cure Primarie dell ASL di Brescia. L allegato D di tale accordo (allegato ) si riferisce all implementazione del Progetto attuativo della medicina generale sulla domiciliarità dell ASL di Brescia sulla base del precedente accordo già sottoscritto dall ASL nel 007 e validato dal Comitato Regionale il Di seguito vengono riassunti gli elementi principali, gli strumenti e le modalità di realizzazione del Progetto. OBIETTIVI Il Progetto si propone di ottenere il miglioramento dell assistenza ed una maggior continuità assistenziale a favore di anziani e/o malati con bisogni assistenziali complessi, per i quali sia previsto, all interno del sistema delle Cure Domiciliari, l intervento coordinato di più attori. Ciò si realizza attraverso una maggior partecipazione del personale medico al sistema delle Cure Domiciliari, in accordo con le Unità di Continuità Assistenziale Multidimensionale distrettuali (UCAM), ed in particolare: del medico di Medicina Generale (MMG) alla valutazione multidimensionale, alla pianificazione dell assistenza, alla verifica periodica dell adeguatezza del Piano di cura individuale; del medico di Continuità Assistenziale (MCA), su richiesta dell UCAM o del solo MMG, per garantire continuità assistenziale medica a favore di malati critici o con bisogni assistenziali complessi mediante l effettuazione di accessi domiciliari programmati, ed attraverso la rilevazione di elementi importanti ai fini della definizione e della verifica del Piano di cura. RUOLO DEL MMG Il MMG è il responsabile clinico dell assistenza domiciliare e, con le UCAM, rappresenta ii punto centrale del sistema delle cure dell ASL di Brescia, attraverso la partecipazione alle funzioni di valutazione e di verifica dell assistenza. Le attività del MMG previste dal Progetto sono le seguenti:. definizione del primo Piano di cura individuale con partecipazione alla valutazione multidimensionale attraverso l utilizzo delle schede Scheda di valutazione del medico e Scheda del medico per l attivazione dell UCAM (allegato ) - già in uso da anni - e sottoscrizione del Piano stesso;. partecipazione alla singola verifica del Piano di cura individuale, se necessario con ri-valutazione, e sottoscrizione di un nuovo Piano;. partecipazione, con altri operatori UCAM, agli incontri programmati presso il Distretto, il domicilio del paziente, l ospedale o altro presidio sanitario o sociosanitario. Le attività del MMG che rientrano nelle fattispecie precedentemente numerate sono registrate dal Distretto, rendicontate mensilmente dal medico interessato entro il giorno 0 del mese successivo (allegato ) e remunerate, ciascuna mediante equiparazione ad un accesso ADI/ADP.

3 Il MMG può, inoltre, attivare il MCA attraverso l invio della scheda (allegato ) direttamente al MCA per fax ovvero, secondo quanto concordato a livello distrettuale, per il tramite dell UCAM. RUOLO DEL MCA Il MCA contribuisce alla continuità assistenziale in modo complementare al MMG, in integrazione con lo stesso e con l intero sistema di assistenza. Le attività del MCA previste dal Progetto sono le seguenti:. accesso domiciliare programmato ad orari definiti, notturni e/o diurni festivi e prefestivi, per lo svolgimento di specifici interventi clinico-assistenziali preindividuati, relativamente ai soli assistiti nel cui Piano di cura individuale è previsto l intervento del MCA;. accesso domiciliare programmato con riferimento a possibili interventi da effettuare nel caso accadano specifici eventi clinico-assitenziali previsti, relativamente ai soli assistiti nel cui Piano di cura individuale è previsto l intervento del MCA;. possibile predisposizione di ulteriore relazione sintetica da recapitare tempestivamente al MMG ed all UCAM per l aggiornamento delle valutazioni e degli interventi effettuati o nel caso si ravvisi l esigenza di attivare un piano domiciliare integrato. Il contenuto di ciascuno degli accessi effettuati nell ambito del Progetto Domiciliarità è verbalizzato dal MCA tramite la scheda allegato da produrre in due copie, di cui una destinata al MMG o all ospedale per il tramite del paziente, l altra da consegnare al Distretto per l archiviazione. Le attività del MCA che rientrano nelle fattispecie precedentemente numerate sono riportate nel registro della postazione di CA, verificate dal Distretto, rendicontate mensilmente dal medico interessato entro il giorno 0 del mese successivo (allegato 6) e remunerate, ciascuna mediante equiparazione ad un accesso ADI/ADP. RUOLO DEL DISTRETTO, SPERIMENTAZIONE E SVILUPPO DI MODALITÀ TELEMATICHE Sulla base delle modalità operative generali qui previste, ciascun Distretto adotta, in accordo con i propri MMG/PLS e MCA, modalità che si adattano, nel tempo, alla specifica situazione territoriale. L attività svolta nell ambito del Progetto è documentata in tutti i Distretti, anche ai fini della remunerazione, attraverso strumenti sia cartacei che informatici. Al fine di semplificare ed ottimizzare le attività e le connesse comunicazioni, l ASL di Brescia sta avviando, in postazioni di C.A., la sperimentazione di una modalità telematica di gestione delle comunicazioni previste dal Progetto e di registrazione delle attività ad esso connesse. Sulla base dei risultati della sperimentazione è prevista la successiva progressiva diffusione a tutte le postazioni di CA con integrazione al SISS non appena il piano di sviluppo regionale lo consentirà.

4 Allegato Accordo Aziendale 008 per le Cure Primarie dell ASL di Brescia Allegato D all Accordo Aziendale 008 per le Cure Primarie dell ASL di Brescia IMPLEMENTAZIONE DEL PROGETTO ATTUATIVO DELLA MEDICINA GENERALE SULLA DOMICILIARITÀ DELL ASL DI BRESCIA Premesso che, per gli aspetti a carattere generale, si rimanda al Progetto attuativo della Medicina Generale sulla Domiciliarità dell ASL di Brescia, sottoscritto da ASL e OOSS di Brescia il e validato dal Comitato Regionale il..008, di cui si riportano integralmente tutti i punti attuativi:. Il MMG, su proposta propria o dell UCAM distrettualmente competente, anche in relazione a Dimissioni Protette da ricoveri ospedalieri e/o per l avvio di assistenza domiciliare protetta al malato ematologico a rischio di neutropenia e infezioni, partecipa alla valutazione multidimensionale e alla definizione, attivazione e monitoraggio di Piani di cura individuali, rivolti ad anziani e/o malati con bisogni assistenziali complessi, che prevedano in modo coordinato l apporto di tutti gli attori delle cure domiciliari.. A tal fine, il MMG: utilizza le scale CIRS e Barthel, avvalendosi della modulistica già in uso a livello distrettuale; partecipa, anche con incontri e/o comunicazioni telefoniche/cartacee/informatiche, alla valutazione multidimensionale e alla definizione (e sottoscrizione) del Piano di cura individuale, nonché alla effettuazione (e sottoscrizione) delle verifiche programmate.. Il Piano di cura individuale prevede il numero massimo di accessi domiciliari ADI o ADP del MMG programmati ed autorizzati dal Distretto ed il periodo temporale entro sono cui sono effettuabili. Al MMG viene riconosciuta la remunerazione prevista dal vigente ACN per ogni accesso ADI/ADP effettuato; dal punto di vista remunerativo viene inoltre equiparata ad un accesso ciascuna delle seguenti attività: La singola valutazione multidimensionale con l utilizzo degli strumenti in uso a livello distrettuale con sottoscrizione del relativo Piano di cura individuale ; La partecipazione alla singola verifica del Piano di cura individuale con sottoscrizione del relativo modulo in uso a livello distrettuale; la partecipazione, con altri operatori UCAM, al singolo incontro programmato presso il Distretto, il domicilio del paziente, l ospedale o altro presidio sanitario o socio-sanitario.. Il Piano di cura individuale deve esplicitare se è necessario il coinvolgimento del Medico di Continuità Assistenziale (MCA) della postazione territorialmente competente, con possibilità di: allertare il MCA circa possibili interventi che dovrà effettuare nel caso accadano specifici eventi clinicoassitenziali pre-individuati dal MMG in accordo con l UCAM, prevedere accessi domiciliari programmati ad orari definiti, notturni e/o diurni festivi e prefestivi, del MCA, per lo svolgimento di specifici interventi clinico-assistenziali pre-individuati dal MMG in accordo con l UCAM. A tal fine il MMG, secondo modalità concordate con l UCAM e, se ritenuto opportuno, anche mediante contatto telefonico all inizio del turno notturno, comunica al MCA le informazioni clinico-assistenziali opportune. Il MCA inoltre, quando opportuno, predispone una sintetica relazione da indirizzare al MMG e/o all UCAM per l aggiornamento delle valutazioni e degli interventi effettuati dallo stesso o nel caso si ravvisi l esigenza di attivare un piano domiciliare integrato. Al MCA viene riconosciuta una remunerazione aggiuntiva pari all importo previsto dal vigente ACN per l accesso ADI : per l effettuazione di accesso/i domiciliare/i secondo le modalità prima enunciate; per la predisposizione di una relazione come sopra indicato. Considerato che il verbale del Gruppo Tecnico regionale per la valutazione dei progetti domiciliarità e continuità assistenziale, di cui alla nota regionale prot. 00 del..008, evidenzia la seguente criticità del progetto dell ASL di Brescia Il progetto

5 potrebbe essere ulteriormente migliorato nella parte relativa all integrazione tra CA e medicina generale ; Al fine di dare effettivo avvio al Progetto attuativo della Medicina Generale sulla Domiciliarità dell ASL di Brescia, si definiscono le seguenti modalità organizzativooperative orientate a favorire la migliore integrazione e coordinamento tra Medico di Continuità Assistenziale (MCA) e MMG. Sperimentazione e sviluppo di modalità telematiche per semplificare ed ottimizzare la comunicazione tra MMG, MCA e UCAM Al fine di semplificare ed ottimizzare l attività del Servizio di CA, l ASL di Brescia ha avviato la sperimentazione della informatizzazione di postazioni di CA, con previsione della successiva progressiva diffusione a tutte le postazioni, mediante l utilizzo di un apposito programma informatico che prevede, tra l altro, la possibilità di: ricezione informatizzata delle segnalazioni trasmesse dall Unità di Continuità Assistenziale Multidimensionale distrettuale (UCAM) o dal MMG via fax alla postazione di CA; consultazione informatica da parte del MCA, con possibilità di stampa, di un prospetto riepilogativo clinico-assistenziale dell assistito segnalato (ultima valutazione UCAM disponibile e sintesi delle Cure Domiciliari effettuate o in corso); trasmissione per via informatica, da parte del MCA al MMG e all UCAM, della sintesi dell intervento effettuato, secondo quanto riportato nel modulo Intervento effettuato dal MCA, riportato di seguito; inoltro per via informatica all UCAM delle segnalazioni provenienti direttamente dai MMG alla postazione di CA. L integrazione delle postazioni di Continuità Assistenziale al SISS verrà attivata non appena ne verrà dato l assenso da parte dei competenti uffici regionali, in modo che il MCA possa accedere al Fascicolo Utente SISS. Modalità di attivazione del Servizio di Continuità Assistenziale (CA) per l effettuazione di interventi domiciliari programmati del MCA nei confronti di assistiti con bisogni assistenziali complessi Nel caso sia concordata in seno alla UCAM la necessità di attivare il Servizio di CA nei confronti di un assistito con bisogni assistenziali complessi, gli operatori distrettuali della stessa UCAM provvedono a trasmettere alla postazione di CA la segnalazione, avvalendosi del modulo Segnalazione per l attivazione del Servizio di CA, riportato di seguito. Nel caso in cui il MMG ravvisi la necessità di attivare il Servizio di CA nei confronti di un assistito con bisogni assistenziali complessi senza preventivo accordo con l UCAM, trasmette via fax (o tramite SISS quando attivato) alla postazione di CA competente per territorio una segnalazione che contenga gli elementi clinico-terapeutico-assistenziali necessari, avvalendosi, se lo ritiene opportuno, del medesimo modulo Segnalazione per l attivazione del Servizio di CA. In tale caso, il MCA che effettua il primo intervento domiciliare programmato, a fine turno, trasmette via fax alla UCAM copia della segnalazione del MMG. Modalità di comunicazione dell esito degli interventi effettuati da parte del MCA al MMG e all UCAM distrettuale Il MCA attivato: consegna all assistito una copia della sintesi dell intervento effettuato, avvalendosi del modulo Intervento effettuato dal MCA, riportato di seguito; a fine turno, trasmette via fax all UCAM il modulo dell intervento effettuato. Inoltre, nel caso in cui il MCA ritenga opportuno comunicare aspetti clinico-assistenzialirelazionali al MMG e/o all UCAM o nel caso ravvisi l esigenza di attivare un nuovo piano domiciliare integrato, trasmette via fax (o tramite SISS quando attivato) al MMG e all UCAM una relazione in merito.

6 Allegato Area Funzionale Integrata Anziani e Cure Domiciliari Unità di Continuità Assistenziale Distretto di Multi-Dimensionale SCHEDA di VALUTAZIONE del MEDICO Signor/a_ sesso M 0 F 0 tessera sanitaria CIRS nato/a a il comune di residenza domicilio tel. Codice Fiscale Vive con: 0coniuge/convivente 0coniuge/figli 0figli 0parenti 0genitori 0badante 0solo 0altro PATOLOGIE IN ATTO ) Cardiaca (solo cuore) ) Ipertensione (si valuta la severità, gli organi coinvolti sono considerati separatamente) ) Vascolari (sangue, vasi, midollo, sistema linfatico) ) Respiratorie (polmoni,bronchi,trachea sotto la laringe) ) O.O.N.G.L. (occhio,orecchio, naso, gola, laringe) 6) Apparato G.I. Superiore (esofago,stomaco,duodeno,albero biliare,pancreas) 7) Apparato G.I. Inferiore (intestino, ernie) 8) Epatiche (solo fegato) ) Renali (solo rene) 0) Altre Patologie Genito-urinarie (ureteri,vescica,uretra,prostata,genitali) ) Sistema Muscolo-Scheletro-Cute (muscoli,scheletro,tegumenti) ) Sistema Nervoso Centrale e Periferico (non include la demenza) ) Endocrine - metaboliche (include diabete, infezioni, stati tossici) ) Psichiatrico-comportamentali (demenza, depressione, ansia, agitazione, psicosi) LEGENDA PATOLOGIE IN ATTO: -Assente nessuna compromissione di organo/sistema -Lieve la compromissione d organo/sistema non interferisce con la normale attività. Il trattamento può essere richiesto oppure no, la prognosi è eccellente (es.abrasioni cutanee, ernie, emorroidi) -Moderato la compromissione d organo/sistema interferisce con la normale attività, il trattamento è necessario, la prognosi è buona (es. acolelitiasi, diabete, fratture) -Grave la compromissione d organo/sistema produce disabilità, il trattamento è indilazionabile, la prognosi può non essere buona (es. carcinoma operabile, enfisema polmonare, scompenso cardiaco) -Molto grave la compromissione d organo/sistema mette a repentaglio la sopravvivenza, il trattamento è urgente, la prognosi è grave (es. infarto del miocardio, stroke, embolia); DIAGNOSI PRINCIPALI COD. ICD IX DIAGNOSI PRINCIPALI COD. ICD IX TERAPIE SIGNIFICATIVE in ATTO DATA Mod. UCAM 0 Vers. 08/07 TIMBRO E FIRMA 6

7 Parte da compilare solo per RICHIESTA ASSISTENZA PROGRAMMATA NON AMBULABILI VALUTAZIONE AUTOSUFFICIENZA FUNZIONE DEAMBULAZIONE LOCOMOZIONE SU SEDIA A ROTELLE SCALE TRASFERIMENTO LETTO/SEDIA USO DEL WC CONTINENZA INTESTINALE CONTINENZA URINARIA ALIMENTAZIONE VESTIRSI IGIENE PERSONALE BAGNO/DOCCIA ASPETTI PSICO-SENSORIALI CAPACITA DI COMUNICARE VISTA UDITO DISTURBI DI COMPORTAMENTO CONFUSIONE IRRITABILITA IRREQUIETEZZA Dipendenza Completa CIRS Dipendenza grave Dipendenza moderata Dipendenza lieve assente limitata integra non rilevato Autosufficienza Non rilevato Grave Moderato lieve assente non rilevato PROBLEMI SOCIO-AMBIENTALI che motivano l assistenza domiciliare RICHIESTA AUTORIZZAZIONE per ACCESSI del MMG/PDLS in regime di ADI Come da allegato G contratto collettivo nazionale RICHIESTA nuova attivazione 0 variazione 0 rinnovo0 ACCESSI PROPOSTI: settimanali 0 quindicinali 0 mensili 0 (data) (timbro e firma del Medico) SPAZIO RISERVATO all ASL PROGRAMMA APPROVATO: si 0 no 0 ACCESSI AUTORIZZATI: settimanali 0 quindicinali 0 mensili 0 DATA INIZIO / / / DATA SCADENZA / / / (firma) Mod. UCAM 0 Vers.08/07 7

8 educazi. controllo Area Funzionale Integrata Anziani e Cure Domiciliari Unità di Continuità Assistenziale Distretto di Multi-Dimensionale SCHEDA DEL MEDICO per l attivazione dell Unità di Continuità MultiDimensionale ( da allegare alla Richiesta scheda MMG di valutazione medica) Signor /a SERVIZI PROPOSTI ASSISTENZA INFERMIERISTICA 0 Problema/i in atto _ 0 Valutazione e/o intervento _ 0 Intervento estemporaneo 0 Intervento continuativo dal al da eseguirsi presso: m ambulatorio (ove disponibile) m domicilio per pazienti non deambulabili 0 Terapie tipo di farmaco posologia via di somministrazione durata Medicazione: sede/i tipo di lesione/i m come da protocollo per trattamento lesioni cutanee (dove esistente) m altro Note _ VALUTAZIONI / INTERVENTI MIRATI somminis. 0Fisiatra 0 Geriatra 0 Altro Motivo: Mod. UCAM 0 Vers. 08/07 8

9 SUPPORTO SOCIO-ASSISTENZIALE 0 Aiuto alla persona m Cure igieniche parziali m Bagno assistito m Aiuto domestico m Pasti a domicilio m Commissioni varie (spesa, farmacia) 0 Sostegno alla famiglia 0 Pratiche di segretariato sociale 0 _ 0 _ FORNITURA DI AUSILI 0 Materasso antidecubito 0 Visita Fisiatrica per prescrizione ausili Problema/i in atto: Richiesta MMG 0ATTIVAZIONE TELESOCCORSO (dove disponibile) INSERIMENTO in STRUTTURE RESIDENZIALI o SEMIRESIDENZIALI 0 Centro Diurno Integrato 0 Appartamento Protetto 0 Ricovero di Sollievo 0 Istituto di Riabilitazione 0 Residenza Sanitario Assistenziale 0 Hospice 0 Ammissione protetta unità operativa ospedaliera 0 Motivo: RICHIESTA AUTORIZZAZIONE per ACCESSI del MMG/PDLS in regime di ADI Come da allegato H contratto collettivo nazionale Motivo della richiesta: Intervento proposto: Frequenza proposta:_ Mod. UCAM 0 Vers.08/07 (data) (timbro e firma del Medico)

10 effettuata in data da: Sistema di Continuità Assistenziale Territoriale Distretto N _ SEGNALAZIONE al Servizio di Continuità Assistenziale MMG (timbro e firma del Medico) UCAM Allegato da indirizzare via FAX o alla postazione di Continuità Assistenziale di Signor/a nato/a il Domiciliato /a Via n. Tel. Tessera e/o CF Diagnosi Terapie in atto tipo di farmaco posologia via di somministrazione durata Informazioni utili riguardanti il paziente e l ambito familiare RICHIESTA di INTERVENTO Motivo della richiesta: Accessi domiciliari programmati Prestazione data ora Accessi domiciliari condizionati al possibile verificarsi dei seguenti eventi Mod. S CAM 0 Vers. 0/08 0

11 Segnalazione: Sistema di Continuità Assistenziale Territoriale Distretto N _ INTERVENTO del Medico di Continuità Assistenziale Data e ora : Chi segnala: Tipo di Segnalazione: Sintomi: Assistito: Signor/a nato/a il Domiciliato /a Via n. Tel. Tessera e/o CF Intervento effettuato: Tipo di intervento: Consulenza tel. Visita amb. Visita dom. ADI progr. ADI condiz. Ora di uscita per visita domiciliare Obiettività: Diagnosi o sospetto diagnostico Prescrizioni: Farmaci Cert. di malattia Ricovero Altro Terapia somministrata: PPIP erogate : Servizi attivati: Note: SSUEm 8 (specificare interlocutore ) _ Consulenze specialistiche Guardia igienica (specificare interlocutore ) Avvio al ricovero (specificare destinazione se nota ) Allegato Mod. S CAM 0 Vers. 0/08 Timbro e Firma MCA

12 Allegato Sistema di Continuità Assistenziale Territoriale Distretto N _ Progetto Domiciliarità - PRESTAZIONI DEL MMG Mese Anno Cognome / Nome Assistito data Valutazione Verifica Incontri pianificazione piano._._._._._ 6._ 7._ 8._._ 0._._._._._._ 6._ 7._ 8._._ 0._ Data (Timbro e Firma MMG) Mod. S CAM 0 Vers. 0/08

13 Sistema di Continuità Assistenziale Territoriale Distretto N _ Progetto Domiciliarità - PRESTAZIONI DEL MCA Allegato 6 Mese Anno Cognome / Nome Assistito data Accesso Trasmissione relazione domiciliare al MMG/UCAM._._._._._ 6._ 7._ 8._._ 0._._._._._._ 6._ 7._ 8._._ 0._ Data (Timbro e Firma MCA) Mod. S CAM 0 Vers. 0/08

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali)

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Ausl Roma H UO Assistenza Domiciliare, Senescenza Disabilità Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Troverai altre utili informazioni

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina 2014 Next MMG Semplicità per il mondo della medicina Documento che illustra le principali caratteristiche di Next MMG EvoluS Srl Corso Unione Sovietica 612/15B 10135 Torino tel: 011.1966 5793/4 info@evolu-s.it

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità

Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità Advancing Integration for a Dignified Ageing Progetto AIDA Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE)

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE) aggiornata ad Ottobre 2014 Indice pag. n. aggiornata ad Ottobre 2014 sanitarie che vengono offerte. Esiste un patto di solidarietà e fiducia che lega le strutture del Servizio Sanitario pubblico e il cittadino:

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli