LCA e prevenzione dei rifiuti: caso di studio sull acqua da bere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LCA e prevenzione dei rifiuti: caso di studio sull acqua da bere"

Transcript

1 Anlisi del ciclo di vit del sistem di gestione rifiuti in Lombrdi Milno 8 Mggio 212 LCA e prevenzione dei rifiuti: cso di studio sull cqu d bere S. Nessi Politecnico di Milno DIIAR Sezione mbientle Obiettivo 2 Appliczione dell metodologi LCA ll vlutzione delle prestzioni energetico-mbientli di 2 ttività di prevenzione ttubili per ridurre i rifiuti prodotti in seguito l consumo di cqu d bere (con riferimento l contesto itlino) 1) utilizzo DELL ACQUA DI RETE PUBBLICA 2) Utilizzo di cqu confeziont in BOTTIGLIE A RENDERE (implementzione di un sistem di vuoto ) in lterntiv ll utilizzo dell cqu confeziont in bottiglie 1

2 Perché LCA e prevenzione dei rifiuti? 3 Ultim Direttiv qudro sui rifiuti 28/98/CE (Artt. 4 e 29) progrmmi di prevenzione dei rifiuti obiettivi di prevenzione misure di prevenzione Scopo Gerrchi dei rifiuti Prevenzione Preprzione per il riutilizzo Riciclggio Recupero di ltro tipo Smltimento (discric) Desiderbilità ridurre gli imptti mbientli complessivi connessi ll produzione dei rifiuti, considerndo il loro intero ciclo di vit strumento quntittivo Anlisi del ciclo di vit (LCA) Perché prevenzione dei rifiuti derivnti dl consumo di cqu d bere? litri/bitnte/nno Primo posto in Europ per consumo pro-cpite di cqu confeziont (d nni), terzo posto nel mondo % Bottiglie PET Tipologi di imbllggio 18 Bottiglie vetro 3 Boccioni PET e PC+ ltri imbllggi SOLO BOTTIGLIE t/nno ~ 3,4 kg/bitnte/nno 2

3 Cmpo di ppliczione 5 L metodologi LCA è stt utilizzt per vlutre il consumo energetico e 3 indictori di imptto mbientle di diverse lterntive per il consumo di cqu d bere, che comportno l produzione di differenti quntità di rifiuti: Acqu confeziont in bottiglie Acqu di rete pubblic Acqu confeziont in bottiglie Per ciscun lterntiv sono stti modellizzti diversi scenri Scenri nlizzti 6 Scenri e sottoscenri Scenrio bse 1 Scenrio bse 2 Scenrio bse 3 Opzione scelt per il consumo di cqu d bere Acqu confeziont in bottiglie in PET vergine Acqu confeziont in bottiglie in PET riciclto per il 5% Acqu confeziont in bottiglie in PLA Tipologi di imbllggio Mix di imbllggi composto d: bottiglie d 2 litri (6.3%) bottiglie d litri (86.1) bottiglie d ½ litro (7.6%) Fine vit delle bottiglie/contenitori 77% riciclggio 23% incenerimento 77% riciclggio 23% incenerimento 2 sottoscenri: 1) 1% compostggio 2) 1% incenerimento Scenrio preventivo 1A Scenrio preventivo 1B Acqu di rete depurt di origine sotterrne dl rubinetto -ffint livello domestico- 1 crff riutilizzbile in vetro (1 nno di vit utile) (cso rele di Milno) Acqu di rete depurt di origine Bottiglie d 1 litro (in vetro superficile d fontnelli pubblici nel cso bse dello scenrio) -ffint livello pubblico- (1 nno di vit utile) (cso rele di Firenze) Scenrio Acqu confeziont in bottiglie Bottiglie d 1 litro uste preventivo 2A in vetro per 1 cicli (nel cso bse) Scenrio Acqu confeziont in bottiglie Bottiglie d 1 litro uste preventivo 2B Milno in PET 8 mggio 212 per 15 cicli (nel cso bse) Riciclggio Riciclggio 1% riciclggio 1% riciclggio 3

4 Scopo e unità funzionle 7 Scopo: Riduzione del rifiuto prodotto? LCA Riduzione dell imptto mbientle complessivo sull mbiente Vlutre se ed in quli condizioni, le modlità lterntive di consumo di cqu d bere modellizzte negli scenri preventivi nlizzti, oltre consentire un riduzione dell produzione di rifiuti, sono relmente ssocite prestzioni energetiche ed mbientli migliori rispetto l consumo di cqu confeziont in bottiglie nelle tre diverse tipologie di mterile considerte nei tre scenri bse nlizzti Unità funzionle: il consumo di 152,1 litri di cqu d bere d prte di un cittdino itlino Scenri diversi Quntità di RSU prodotto diverse Consumo costnte di cqu d bere (152,1 litri/b./nno) Ctegorie di imptto nlizzte e indictori 8 Cumultive Energy Demnd (CED, MJ eq.) per vlutre il consumo di energi complessivo degli scenri nlizzti Consumo di risorse biotiche (kg Sb eq.): Aggreg tutti i consumi di risorse nturli non viventi (per es. minerli e combustibili fossili) Riscldmento globle (kg CO 2 eq.): ggreg le emissioni di gs d effetto serr (per es. CO 2, CH 4, N 2 O) per quntificre i potenzili risprmi di risorse ottenibili grzie ll prevenzione dell produzione di rifiuti tr le problemtiche mbientli ttulmente più importnti Eutrofizzzione (kg PO 4 3- eq.): ggreg le emissioni di tutte le sostnze che contribuiscono ll riduzione dell concentrzione di ossigeno disciolto negli ecosistemi cqutici (N, P, COD) l fine di vlutre il contributo fornito dll fse di lvggio delle bottiglie 4

5 Anlisi di sensitività/1 9 Effettut singolrmente su 3 tipologie di prmetri/ipotesi: 1. per l loro incertezz sono stti ssunti rbitrrimente per l modellizzzione di bse degli scenri (d es. prmetri legti l comportmento del consumtore) 2. sono molto vribili, m per i quli è stto utilizzto un vlore medio nell modellizzzione del cso bse degli scenri (d es. distnz lungo cui è trsportt l cqu) 3. secondo ltre fonti possono ssumere vlori differenti d quelli utilizzti nell nlisi di bse (d es. cicli di utilizzo bottiglie ) I vlori di sensitività dei prmetri sono poi stti combinti con l intento di identificre un limite superiore (best cse) ed un limite inferiore (worst cse) degli imptti di ciscun scenrio Anlisi di sensitività/2 1 Prmetri/Ipotesi Fttore di lloczione degli imptti del trsporto con uto d prte del consumtore dell cqu confeziont in bottiglie cquistt presso i rivenditori (funzione del numero di rticoli cquistti contempornemente) Distnz impinti di imbottiglimento rivenditori o distributori locli Numero di utilizzi delle bottiglie Alloczione degli imptti del lvggio in lvstoviglie dell crff utilizzt per conservre l cqu di rete prelevt dl rubinetto (funzione dell frequenz di lvggio e del numero di pezzi lvti contempornemente) Distnz complessiv percors con uto dl consumtore per prelevre l cqu l fontnello Tipologi di bottiglie utilizzte per conservre l cqu prelevt di fontnelli 5

6 Risultti: produzione di rifiuti 11 Acqu confeziont in bottiglie Acqu confeziont in bottiglie in VETRO Acqu confeziont in bottiglie in PET kg/bitnte/nno 4,1 7,91 1,44,5* Fnghi:,265 Altro:,86 Totle:,35* g/litro di cqu consumt ,47 3,3* Fnghi:,174 Altro:,565 Totl:,23* (*) Non comprende il contributo dei contenitori utilizzti per conservre l cqu (crff in vetro e bottiglie in vetro/pet) Utilizzo dell cqu di rete Alterntiv che port ll minor produzione di rifiuti A ptto che si fcci un utilizzo efficiente dei contenitori Acqu confeziont in bottiglie in PET Acqu confeziont in bottiglie in vetro Acqu di rete di origine sotterrne dl rubinetto Acqu di rete di origine superficile d fontnelli pubblici Alterntiv migliore per il consumo di cqu confeziont Prevenzione del numero di prodotti che diventno rifiuti (non dell mss) Risultti: indictori di imptto 12 MJ eq./unità funzionle Cumultive energy demnd (CED) PET PET 5% PLA PLuso PET Acqu Acqu vergine comuso riciclto sotter. dl superf. d postggio g Sb eq./unità funzionle PET vergine Consumo di risorse biotiche PET 5% riciclto PLA PLuso comuso monopostggio PET Acqu Acqu sotter. dl superf. d kg CO2 eq./unità funzionle PET vergine 2 PET 5% riciclto Riscldmento globle PLA comuso PLA monopostggio 2.7 PET Acqu Acqu sotter. dl superf. d Eutrofizzzione PET PET 5% PLA PLuso comuso sotter. dl superf. d PET Acqu Acqu postggio Profili simili per CED, riscldmento globle e consumo di risorse biotiche Alcune differenze per qunto rigurd l indictore di eutrofizzzione Prte punteggit dell brr reltiv llo scenrio che prevede l uso di cqu di rete d fontnelli pubblici = contributo Milno del 8 mggio trsporto 212 con uto dell cqu prelevt i fontnelli g PO4 3 eq/unità funzionle 6

7 Risultti: utilizzo dell cqu di rete direttmente dl rubinetto/1 13 kg CO2 eq./unità funzionle PET PET 5% Riscldmento globle PLA comuso PLA monopostggio 2.7 PET Acqu Acqu sotter. dl superf. d g PO4 3 eq/unità funzionle Eutrofizzzione PET PET 5% PLA PLuso comuso sotter. dl superf. d PET Acqu Acqu postggio Condizioni tipiche di lvggio dei contenitori -cso bse- (dopo 4 utilizzi, crico di 3 pezzi) lterntiv migliore rispetto tutti gli indictori (si che l cqu si di origine sotterrne che superficile) nche nel cso in cui si effettui un trttmento di ffinmento livello domestico Risultti: utilizzo dell cqu di rete direttmente dl rubinetto/2 14 kg CO2 eq./unità funzionle PET vergine 2 PET 5% riciclto Riscldmento globle PLA comuso PLA monopostggio 2.7 PET Acqu Acqu sotter. dl superf. d g PO4 3 eq/unità funzionle Eutrofizzzione PET PET 5% PLA PLuso comuso sotter. dl superf. d PET Acqu Acqu postggio Lvggio contenitore in condizioni poco efficienti (e poco comuni!!) -worst cse- (dopo ogni uso, crico di 15 pezzi) Prestzioni confrontbili con quelle di un sistem mbientlmente ed energeticmente vlido (Bottiglie in PET, uste 25 volte, trsportte i distributori locli per 4 km) m Sempre migliori del best cse degli scenri che prevedono l utilizzo di cqu in bottiglie, che considerno un breve distnz impinti di imbottiglimento-rivenditori (4 km) e che il viggio per l cquisto presso i rivenditori si effettuto secondo criteri di efficienz (cquisto totle di 6 rticoli) 7

8 Risultti: utilizzo dell cqu di rete direttmente dl rubinetto/3 15 kg CO2 eq./unità funzionle PET PET 5% Riscldmento globle PLA comuso PLA monopostggio 2.7 PET Acqu Acqu sotter. dl superf. d g PO4 3 eq/unità funzionle Eutrofizzzione PET PET 5% PLA PLuso comuso sotter. dl superf. d PET Acqu Acqu postggio Lvggio contenitore in condizioni più efficienti -best cse- (dopo 5 utilizzi, crico di 5 pezzi) diminuzione degli imptti solo mrginle (2% in medi, m di vlori piccoli!) l politic di lvggio del cso bse (lvggio dopo ogni 4 utilizzi, crico di 3 pezzi) è già vlid d un punto di vist energetico ed mbientle Risultti: utilizzo dell cqu di rete direttmente dl rubinetto/4 16 Minimizzzione imptti Scicqure solo mnulmente il contenitore dopo l uso Lvggio in lvstoviglie dopo 4-5 utilizzi e pieno crico Prolungre il più possibile l vit utile dei contenitori 8

9 Risultti: utilizzo dell cqu di rete d fontnelli pubblici/1 17 kg CO2 eq./unità funzionle PET PET 5% Riscldmento globle PLA comuso PLA monopostggio 2.7 PET Acqu Acqu sotter. dl superf. d g PO4 3 eq/unità funzionle Eutrofizzzione PET PET 5% PLA PLuso comuso sotter. dl superf. d PET Acqu Acqu postggio Uso di un uto per il trsporto dell cqu prelevt i fontnelli fornisce un contributo significtivo gli imptti di quest lterntiv: Distnz complessiv 5,5 km -cso bseprestzioni confrontbili con l utilizzo di cqu in bottigli () Distnz complessiv di 2 km (e utilizzo di bottiglie in PET) -best cse- Prestzioni confrontbili con quelle di un sistem mbientlmente ed energeticmente vlido (Bottiglie in PET, uste 25 volte, trsportte i distributori locli per 4 km) Risultti: utilizzo dell cqu di rete d fontnelli pubblici/2 18 Minimizzzione imptti progettre il sistem in modo che si possibile limitre l utilizzo dell uto d un percorso complessivo di soli 2-2,5 km o, meglio, evitrlo completmente 1) grntire un distribuzione cpillre dei fontnelli 2) consentire l uso dei fontnelli solo i cittdini del comune/qurtiere in cui sono instllti prolungre il più possibile l vit utile delle bottiglie utilizzte per conservre l cqu Utilizzre le bottiglie in PET lmeno 4-5 volte In questo modo gli imptti di quest lterntiv risultno con molt probbilità inferiori quelli derivnti dll uso di cqu confeziont in qulsisi tipologi di bottiglie 9

10 Risultti: utilizzo di cqu confeziont in bottiglie /1 19 kg CO2 eq./unità funzionle PET PET 5% Riscldmento globle PLA comuso PLA monopostggio 2.7 PET Acqu Acqu sotter. dl superf. d g PO4 3 eq/unità funzionle Eutrofizzzione PET PET 5% PLA PLuso comuso sotter. dl superf. d PET Acqu Acqu postggio Confronto con utilizzo di cqu in bottiglie dipende principlmente dll distnz lungo cui l cqu è trsportt i distributori locli/rivenditori Distnz medi (3 km) (PET 15 cicli, vetro 1 cicli) -cso bse- Bottiglie in PET: lterntiv preferibile per il consumo di cqu confeziont (eutrofizzzione confrontbile con utilizzo cqu confeziont in bottiglie in PET e R-PET) Bottiglie in VETRO: prestzioni confrontbili con quelle dell utilizzo di cqu confeziont in bottiglie Risultti: utilizzo di cqu confeziont in bottiglie /2 2 kg CO2 eq./unità funzionle PET vergine 2 PET 5% riciclto Riscldmento globle PLA comuso PLA monopostggio 2.7 PET Acqu Acqu sotter. dl superf. d g PO4 3 eq/unità funzionle Eutrofizzzione PET PET 5% PLA PLuso comuso sotter. dl superf. d PET Acqu Acqu postggio Distnz breve (4 km) (PET 25 cicli, vetro 5 cicli) -best cse- Bottiglie in PET: lterntiv mbientlmente ed energeticmente vlid per il consumo di cqu confeziont (nche per l eutrofizzzione) Bottiglie in VETRO: divent preferibile ll utilizzo di cqu confeziont in bottiglie (eutrofizzzione confrontbile con cqu confeziont in bottiglie in PET e R-PET) In reltà, già per un distnz inferiore i 15 km l utilizzo di bottiglie in vetro (per 25 cicli) inizi d essere preferibile in modo significtivo ll utilizzo di bottiglie per CED, riscldmento globle e consumo di risorse biotiche (eutrofizzzione Milno rimne 8 mggio sempre 212 leggermente peggiore) 1

11 Risultti: utilizzo di cqu confeziont in bottiglie /3 21 kg CO2 eq./unità funzionle PET PET 5% Riscldmento globle PLA comuso PLA monopostggio 2.7 PET Acqu Acqu sotter. dl superf. d g PO4 3 eq/unità funzionle Eutrofizzzione PET PET 5% PLA PLuso comuso sotter. dl superf. d PET Acqu Acqu postggio Bottiglie in PET: lung distnz (8 km) 15 cicli VS Bottiglie : distnz medi (3km) / breve (4km) (+ efficiente viggio con uto presso i rivenditori per l cquisto dell cqu -cquisto di 3/6 pezzi-) I vntggi scompiono Risultti: utilizzo di cqu confeziont in bottiglie /4 22 Minimizzzione imptti L uso di bottiglie in PET sembr essere preferibile quelle in vetro Brevi distnze impinti di imbottiglimento-distributori locli (non superiori 5-1 km) Utilizzre lmeno 15 volte le bottiglie in PET Utilizzre lmeno 2-25 volte le bottiglie in vetro 11

12 Risultti: utilizzo di cqu confeziont in bottiglie /1 23 kg CO2 eq./unità funzionle PET PET 5% Riscldmento globle PLA comuso PLA monopostggio Utilizzo bottiglie in PET riciclto per il 5% 2.7 PET Acqu Acqu sotter. dl superf. d g PO4 3 eq/unità funzionle Eutrofizzzione PET PET 5% PLA PLuso comuso sotter. dl superf. d PET Acqu Acqu postggio imptti solo leggermente inferiori rispetto ll utilizzo di bottiglie in PET 1% vergine (risprmi vribili dl 4% del riscldmento globle l 7% dell eutrofizzzione) L utilizzo di mteri prim riciclt rppresent solo un primo psso per migliorre il profilo mbientle dell cqu confeziont in bottiglie Migliormenti più significtivi si possono ottenere: riducendo l di sotto dei 5-1 km l distnz lungo cui l cqu è trsportt i rivenditori (22% in medi) effettundo il viggio per l cquisto dell cqu presso i rivenditori secondo criteri di efficienz nel cso in cui si utilizzi un uto (d es. cquistndo contempornemente lmeno 3 rticoli) Risultti: utilizzo di cqu confeziont in bottiglie /2 24 kg CO2 eq./unità funzionle PET vergine 2 PET 5% riciclto Riscldmento globle PLA comuso PLA monopostggio 2.7 PET Acqu Acqu sotter. dl superf. d g PO4 3 eq/unità funzionle Eutrofizzzione PET PET 5% PLA PLuso comuso sotter. dl superf. d PET Acqu Acqu postggio Utilizzo bottiglie in PLA (si compostggio che incenerimento) Alterntiv peggiore, specilmente per eutrofizzzione (mpio uso di fertilizznti)?? minori benefici di compostggio e incenerimento delle bottiglie in PLA rispetto l riciclggio di quelle in PET (che mscherno i risprmi di energi e risorse fossili conseguibili sostituendo il PET con il PLA ) quindi Il compostggio e l incenerimento non rppresentno i fine vit più sostenibili per le bottiglie in PLA ed un loro eventule impiego su lrg scl non ppre giustificto in queste condizioni 12

13 Risultti: utilizzo di cqu confeziont in bottiglie /3 25 Fine vit lterntivo per bottiglie in PLA: riciclggio chimico cido lttico (monomeri) ntur sperimentle qulità finle dell resin d migliorre detergenti o solventi verdi ripolimerizzzione tuttvi dti non disponibili improbbile che il primto dell uso dell cqu di rete dl rubinetto o di un sistem di vuoto bsto su brevi distnze poss essere influenzto Conclusioni 26 Acqu di rete direttmente dl rubinetto Acqu di rete d fontnelli pubblici Acqu confeziont in bottiglie in PET Acqu confeziont in bottiglie in VETRO sempre di grn lung preferibile d cqu in bottiglie (e in bottiglie, per le condizioni più comuni di lvggio dei contenitori) preferibile ll utilizzo di qulsisi tipologi di cqu confeziont se il consumtori non utilizz un uto per il trsporto dell cqu prelevt se si utilizz un uto, prestzioni confrontbili con utilizzo di un sistem mbientlmente vlido solo se si percorrono distnze inferiori 2 km preferibile d cqu in bottiglie se bottiglie sono trsportte per l stess distnz di quelle (o inferiore) (eutrofizzzione confrontbile) preferibile d cqu in bottiglie solo per distnze inferiori circ 15 km (eutrofizzzione leggermente peggiore) 13

14 Rccomndzioni/1 27 Riduzione significtiv dei consumi di cqu confeziont in bottiglie (~19 litri/b/nno in Itli) Preferire utilizzo cqu del rubinetto (eventulmente nche ffint l punto d uso) in tutti i csi in cui ciò si fttibile, m effetture lvggio dei contenitori secondo criteri di efficienz in cso di utilizzo dell lvstoviglie (d es. dopo 4-5 utilizzi e pieno crico) prolungre il più possibile l vit utile del contenitore Oppure: utilizzre cqu distribuit d fontnelli pubblici ( cse dell cqu ), m evitre l uso dell uto o limitrlo brevi distnze, che non superino i 2 2,5 km, prolungre il più possibile l vit utile delle bottiglie (utilizzre quelle in PET lmeno 4-5 volte) Rccomndzioni/2 28 Oppure: utilizzre cqu confeziont in bottiglie se l distnz che sepr il luogo di imbottiglimento di distributori locli non super i 5-1 km le bottiglie in PET sono preferibili e dovrebbero essere utilizzte lmeno 15 volte le bottiglie in vetro dovrebbero essere utilizzte lmeno 2-25 volte Minimizzre gli imptti connessi ll uso di cqu in bottiglie : riducendo l distnz lungo l qule l cqu è trsportt i rivenditori (spesso superiore gli 8 km) (rivenditori) scegliere i fornitori in bse l criterio di prossimità e non solo in bse lle logiche di mrketing che inducono ll commercilizzzione del prodotto mggiormente pubblicizzto utilizzre mteri prim d recupero (sviluppo sistemi ciclo chiuso) (produttori) effetture l eventule viggio d cquisto con uto secondo criteri di efficienz (d es. cquistre lmeno 3 rticoli contempornemente (consumtore) 14

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP NORMATIVA ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP A cur di Libero Tssell d Scuol&Scuol del 21/10/2003 Riferimenti normtivi: rt. 21 e 33 5.2.1992 n. 104 e successive modifiche ed integrzioni, Dlgs.

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

Industria agroalimentare Proteggete la vostra produzione con i lubrificanti NEVASTANE

Industria agroalimentare Proteggete la vostra produzione con i lubrificanti NEVASTANE Industri grolimentre Proteggete l vostr produzione con i lubrificnti Prodotto e distribuito in Itli d Servizi: il mssimo dl vostro prodotto! Sempre più produttori sono convinti dell necessità di utilizzre

Dettagli

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS STRUTTURE DI LEWIS SIMBLI DI LEWIS ELETTRI DI VALEZA: sono gli elettroni del guscio esterno, i responsbili principli delle proprietà chimiche di un tomo e quindi dell ntur dei legmi chimici che vengono

Dettagli

Desk CSS-KPMG Innovare la PA. Presentazione del progetto di ricerca Organization Review. Luciano Hinna

Desk CSS-KPMG Innovare la PA. Presentazione del progetto di ricerca Organization Review. Luciano Hinna Desk CSS-KPMG Innovre l PA Presentzione del progetto di ricerc Orgniztion Review Lucino Hinn Obiettivo del progetto Mettere punto un nuov metodologi, intes come strumento d consegnre lle pubbliche mministrzioni

Dettagli

8. MOVIMENTAZIONE DI MAGAZZINO: LE PRINCIPALI SCRITTURE CONTABILI

8. MOVIMENTAZIONE DI MAGAZZINO: LE PRINCIPALI SCRITTURE CONTABILI 8. MOVIMENTAZIONE DI MAGAZZINO: LE PRINCIPALI SCRITTURE CONTABILI Movimentzione di mgzzino: le principli scritture contbili 8. Le rilevzioni contbili 8.1. 8.1. LE RILEVAZIONI CONTABILI Le rilevzioni ttinenti

Dettagli

Protocollo di intesa tra :

Protocollo di intesa tra : Protocollo di intes tr : o Comune di Correggio Servizio Socile Integrto AUSL di Reggio Emili Distretfo di Correggio Movimento per l Vit (ssocizione di Volontrito) Crits Croce Ross per lo sviluppo di un

Dettagli

Disposizioni inerenti all efficienza energetica in edilizia Regione Lombardia DGR 8745 del 22 dic 2008

Disposizioni inerenti all efficienza energetica in edilizia Regione Lombardia DGR 8745 del 22 dic 2008 Attività di di FORMAZIONE tecnici comunli Disposizioni inerenti ll efficienz energetic in edilizi Regione Lombrdi DGR 8745 del 22 dic 2008 BANDO CARIPLO Audit Energetico degli edifici comunli AUDIT AUDITEECERTIFICAZIONE

Dettagli

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario 58 Modulo 6 L rccolt bncri e il rpporto di conto corrente I destintri del Modulo sono gli studenti del quinto nno che, dopo ver nlizzto e ppreso le crtteristiche fondmentli dell ttività delle ziende di

Dettagli

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2.

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2. Cp. 49 - Debiti verso bnche 49 DEBITI VERSO BANCHE Pssivo SP D.4 Prssi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 1 PREMESSA I debiti verso bnche ricomprendono tutti quei debiti in cui l controprte è un

Dettagli

Più intelligenza nella rete grazie all analisi in tempo reale dei dati provenienti da sistemi SCADA Mariano Marciano IBM GBS Senior Consultant

Più intelligenza nella rete grazie all analisi in tempo reale dei dati provenienti da sistemi SCADA Mariano Marciano IBM GBS Senior Consultant Più intelligenz nell rete grzie ll nlisi in tempo rele dei dti provenienti d sistemi SCADA Mrino Mrcino IBM GBS Senior Consultnt Novembre 2013 L Soluzione SmrtGridIntelligence L SoluzioneSmrt GridIntelligence

Dettagli

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Al termine di ciscun periodo d impost, dopo ver effettuto le scritture di ssestmento e rettific,

Dettagli

L accertamento di un entrata corrente di natura patrimoniale

L accertamento di un entrata corrente di natura patrimoniale ........ Rilevzioni contbili: vecchi e nuov contbilità confronto. L ccertmento di un entrt corrente di ntur ptrimonile curdimurobellesi Dirigente Comune di Vicenz - Publicist... Premess Il cso L rubric

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 14 del 30/11/2012 ARGOMENTO: IMPOSTA SOSTITUIVA TFR 2013 Scde il prossimo 16 dicembre il termine per pgre l impost sostitutiv sul TFR. Tle impost rppresent l nticipo di tsse dovute

Dettagli

INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65%

INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65% INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65% IN COSA CONSISTE? L gevolzione consiste nel riconoscimento di detrzioni dll impost IRPEF / IRES,

Dettagli

«ECOFILLER» Iniezione diretta di cariche minerali o di poliuretano riciclato. Eraldo Greco. Guido Podrecca. Commercial Director.

«ECOFILLER» Iniezione diretta di cariche minerali o di poliuretano riciclato. Eraldo Greco. Guido Podrecca. Commercial Director. «ECOFILLER» Iniezione dirett di criche minerli o di poliuretno riciclto Erldo Greco Commercil Director Guido Podrecc R&D Mnger ANPE - 2 2 Conferenz Conferenz Nzionle Nzionle Premess Nei vri processi produttivi

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico Corso di Lure in Chimic Regolmento Didttico Art.. Il Corso di Lure in Chimic h come finlità l formzione di lureti con competenze nei diversi settori dell chimic per qunto rigurd si gli spetti teorici che

Dettagli

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione MANUALE DI SUPPOTO ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFOMA SINTEL GUIDA ALLE FOMULE DI AGGIUDICAZIONE Pgin 1 di 21 AGENZIA EGIONALE CENTALE ACQUISTI Indice 1 INTODUZIONE... 3 1.1 Cso di studio... 4 2 FOMULE DI CUI

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Prm Temi specili di bilncio Le imposte (3) Il consolidto fiscle nzionle RIFERIMENTI Normtiv Artt. 117 129 del TUIR Art. 96 del TUIR Prssi contbile Documento OIC n. 25 Documento

Dettagli

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia.

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia. ESERCIZI DI BASE 1. I soci proprietri di un piccol compgni gricol sono tre: i signori A, B, C. Mentre i signori A e C hnno l stess quot di prtecipzione ll ziend, il signor B h solo il 50% dell quot degli

Dettagli

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi 11. Attività svolt dll Agenzi, risorse e spetti orgnizztivi 11.1 Attività istituzionle svolt i sensi dell Deliberzione istitutiv In un vlutzione complessiv delle ttività svolte dll Agenzi i sensi dell

Dettagli

riqualificazione energetica degli edifici

riqualificazione energetica degli edifici riqulificzione energetic degli edifici Riqulificzione energetic degli edifici ostenibilità L impiego di risorse non rinnovbili e l produzione di inquinnti hnno superto l sogli dei limiti sostenibili dll

Dettagli

LE RETTIFICHE DI STORNO

LE RETTIFICHE DI STORNO Cpitolo 11 LE RETTIFICHE DI STORNO cur di Alfredo Vignò Le scritture di rettific di fine esercizio Sono composte l termine del periodo mministrtivo per inserire nel sistem vlori stimti e congetturti di

Dettagli

olico Schede sulle energie rinnovabili: energia eolica Il Mercato www.iea.org Impianti Off-shore Impianti eolici di piccola taglia La risorsa eolica

olico Schede sulle energie rinnovabili: energia eolica Il Mercato www.iea.org Impianti Off-shore Impianti eolici di piccola taglia La risorsa eolica olico Il Mercto Impinti Off-shore Impinti eolici di piccol tgli L risors eolic www.ie.org Schede sulle energie rinnovbili: energi eolic Nel mondo, l cpcità di produzione di energi elettric d fonte eolic

Dettagli

1. Indicare se le seguenti affermazioni sono VERE o FALSE VERO FALSO

1. Indicare se le seguenti affermazioni sono VERE o FALSE VERO FALSO 1. Indicre se le seguenti ffermzioni sono VERE o FALSE VERO FALSO Nel codice civile non sono presenti principi contbili. Per correttezz tecnic come clusol generle di formzione del bilncio si intende conoscenz

Dettagli

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione Serie dei Trttti Europei - n 47 Convenzione sull'unificzione di tluni elementi del diritto dei revetti d'invenzione Strsurgo, 27 novemre 1963 Trduzione ufficile dell Cncelleri federle dell Svizzer Gli

Dettagli

FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE

FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE (disposizioni di trsprenz i sensi dell rt. 2 comm 5 D.L. 29.11.2008 n. 185) Per tutte le condizioni

Dettagli

ANCORANTI CHIMICI EV II TASSELLO CHIMICO STRUTTURALE. Scheda tecnica rev. 1

ANCORANTI CHIMICI EV II TASSELLO CHIMICO STRUTTURALE. Scheda tecnica rev. 1 Sched tecnic rev. 1 EV II TASSELLO CHIMICO STRUTTURALE ncornte chimico d iniezione in resin epossicrilto/vinilestere bicomponente d ltissim resistenz Che cos'è È un ncornte chimico d iniezione composto

Dettagli

10. L accessibilità dei servizi

10. L accessibilità dei servizi 10. L ccessibilità dei servizi L ccessibilità dei servizi può essere interprett come un specificzione del principio di universlità, richimto nel Libro Binco sui servizi di interesse generle 1. All nozione

Dettagli

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto 7 I costi dell impres 7.1. Per l combinzione di equilibrio dei due input, si ved il grfico successivo. L pendenz dell line di isocosto e` pri ll opposto del rpporto tr i prezzi dei fttori: -10 = 2 = -5.

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture Programma Operativo Nazionale Trasporti 2000-2006

Ministero delle Infrastrutture Programma Operativo Nazionale Trasporti 2000-2006 ALLEGATO VI INDICATORI DI RISULTATO AL Si present di seguito l quntificzione degli indictori di risultto, come previsto dll rt. 37, comm 2, letter b) del Regolmento CE n. 1260/99, necessri per dre evidenz

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

La metodologia di calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC) degli operatori di rete mobile

La metodologia di calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC) degli operatori di rete mobile Allegto C ll Deliber n. 509/10/CONS L metodologi di clcolo del costo medio ponderto del cpitle (WACC) degli opertori di rete mobile 1. Introduzione 1. In bse ll rt. 50 del Codice delle Comuniczioni, l

Dettagli

FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE

FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE (sposizioni trsprenz i sensi dell rt. 2 comm 5 D.L. 29.11.2008 n. 185) Per tutte le conzioni

Dettagli

affissioni e pubblicità 12. Analisi del servizio 12.1 Premessa

affissioni e pubblicità 12. Analisi del servizio 12.1 Premessa 12. Anlisi del servizio ffissioni e pubblicità 12.1 Premess In questo cpitolo sono riportti i principli risultti scturiti d uno studio condotto dll Agenzi nel mese di mggio 2007 sul Servizio Affissioni

Dettagli

ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI

ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI Corso di Fisic tecnic e mbientle.. 011/01 - Docente: Prof. Crlo Isetti ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI 6.1 GENERALITÀ Il moto più semplice cui si f riferimento è in genere il moto stzionrio, che è crtterizzto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER Foglio Informtivo 2_27/06/2013 ICCREA BANCA S.p.A. - Istituto Centrle del Credito Coopertivo Sede legle e mministrtiv:

Dettagli

PROBLEMATICHE LEGATE ALL ENERGIA

PROBLEMATICHE LEGATE ALL ENERGIA Fcoltà di Architettur Ing. Luc Srto Le regole per l efficienz l energetic livello nzionle e l più recente disciplin dell Regione Lombrdi. L certificzione energetic degli edifici: stto dell rte e prospettive

Dettagli

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici.

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici. Il Primo Principio dell Termodinmic non fornisce lcun indiczione rigurdo d lcuni spetti prtici. l evoluzione spontne delle trsformzioni; non individu cioè il verso in cui esse possono vvenire. Pistr cld

Dettagli

SE-147 80 Tumba. Sds.question@alfalaval.com. Numero d'emergenza: +46 8 33 40 43

SE-147 80 Tumba. Sds.question@alfalaval.com. Numero d'emergenza: +46 8 33 40 43 Sched di sicurezz Numero documento Dt crezione Dt revisione N. revisione Autore Pgin 546098-ITA-2 2005-03-07 2007-07-20 1 Jenette Hsseson 1 di 5 1. Identificzione dell sostnz/preprzione e società/esecuzione

Dettagli

1.134,23 24/03/2016 MERCATO LIBERO

1.134,23 24/03/2016 MERCATO LIBERO in cso di mncto recpito Koinè srl c/o Firenze CMP Accettzione G.C.50019 Sesto F.no Energetic Source Luce & Gs S.p.A. - Società soggett direzione e coordinmento d prte di Energetic Source S.p.A. Sede Legle

Dettagli

Catalogo Interregionale dell Alta Formazione Edizione 2013 Adeguamento monetario delle tabelle di riferimento per il calcolo dei costi forfettari

Catalogo Interregionale dell Alta Formazione Edizione 2013 Adeguamento monetario delle tabelle di riferimento per il calcolo dei costi forfettari Allegto B) Ctlogo Interregionle dell Alt Formzione Edizione 2013 Adegumento monetrio delle tbelle di riferimento per il clcolo dei costi forfettri Nell mbito del Ctlogo Interregionle Alt Formzione, per

Dettagli

Trattamento disciplinantetm energetico

Trattamento disciplinantetm energetico L luce dell bellezz Trttmento disciplinntetm energetico Mettiti in luce Fotoringiovnimento Trttmento delle rughe Trttmento dei cheloidi Acne in fse ttiv Cictrici d cne Lssità cutne Lssità muscolri Disciplin

Dettagli

Pareti verticali Cappotto esterno

Pareti verticali Cappotto esterno Preti verticli Cppotto esterno L isolmento termico dei fbbricti dll esterno, comunemente detto cppotto, h vuto le sue prime ppliczioni lcuni decenni f e ncor oggi costituisce uno dei sistemi di isolmento

Dettagli

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione Conversione A/D e D/A Per il trttmento dei segnli sempre più vengono preferite soluzioni di tipo digitle. È quindi necessrio, in fse di cquisizione, impiegre dispositivi che convertno i segnli nlogici

Dettagli

Nota metodologica. Finalità, campo di osservazione, concetto di prezzo

Nota metodologica. Finalità, campo di osservazione, concetto di prezzo Not metodologic numeri indici dei prezzi l consumo misurno le vrizioni nel tempo dei prezzi di un pniere di eni e servizi rppresenttivi di tutti quelli destinti l consumo finle delle fmiglie presenti sul

Dettagli

La fertilità del suolo e la qualità della sostanza organica

La fertilità del suolo e la qualità della sostanza organica Dniel Sid-Pullicino, Luisell Celi, Elisbett Brberis DiVPRA Settore di Chimic Agrri e Pedologi, Università degli Studi di Torino L fertilità del suolo e l qulità dell sostnz orgnic Sistemi colturli risicoli

Dettagli

Da 9.500,01 a 15.000,00 > 15.000,01 9.500,00 COSTO PASTO 1,15 2,30 3,45 4,60

Da 9.500,01 a 15.000,00 > 15.000,01 9.500,00 COSTO PASTO 1,15 2,30 3,45 4,60 Per l Anno Scolstico 2015/2016 l Deliber di Giunt Comunle n.25 del 16.04.2015 d oggetto: Determinzione dei criteri e ppliczione delle triffe dei servizi comunli introitti dl Comune nno 2015. Ricognizione

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA' ACCESSORIE

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA' ACCESSORIE SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA' ACCESSORIE PERIODO DI VALIDITA' I corrispettivi indicti nel presente prezzrio si intendono vlidi nel periodo dl 1 Gennio 2009 l 31 Dicemre 2009

Dettagli

Imparare: cosa, come, perché.

Imparare: cosa, come, perché. GIOCO n. 1 Imprre: cos, come, perché. L pprendimento scolstico non è solo questione di metodo di studio, m di numerose situzioni di tipo personle e di gruppo, oppure legte l contesto in cui pprendimo.

Dettagli

9. Il sistema delle biblioteche comunali a Roma

9. Il sistema delle biblioteche comunali a Roma 9. Il sistem delle biblioteche comunli Rom Il ptrimonio bibliogrfico pubblico rppresent un importnte ricchezz collettiv e il compito delle mministrzioni locli che lo gestiscono è quello di conservre i

Dettagli

SPESE LEGALI A CARICO DELLA PARTE SOCCOMBENTE

SPESE LEGALI A CARICO DELLA PARTE SOCCOMBENTE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI PAGAMENTO DELLE SPESE LEGALI A CURA DELLA PARTE VINCITRICE E SUCCESSIVO RIMBORSO DAL SOCCOMBENTE DISTRAZIONE DELLE SPESE DIRET- TAMENTE ALLA PARTE SOCCOM- BENTE SPESE LEGALI

Dettagli

Prova n. 1 LEGER TEST

Prova n. 1 LEGER TEST Prov n. 1 LEGER TEST Descrizione L prov si svolge su un percorso delimitto d due coni, posti ll distnz di 20 mt l uno dll ltro. Il cndidto deve percorrere spol l distnz tr i due coni, pssndo dll velocità

Dettagli

DESCRIZIONE PROGETTO. Free Software e Didattica

DESCRIZIONE PROGETTO. Free Software e Didattica Vi Lmrmor, 35 00010 Villnov di, Rom, 1. Tipologi progetto : Didttic curriculre Didttic extr-curriculre Accoglienz, orientmento, stge Formzione del personle Altro.. 2. Denominzione progetto Indicre Codice

Dettagli

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 514 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 268 NUMERAZIONE GENERALE N. 10/07/2015.

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 514 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 268 NUMERAZIONE GENERALE N. 10/07/2015. COMUNE DI SUELLI SETTORE : Responsbile: Settore Tecnico NUMERAZIONE GENERALE N. 514 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 68 in dt 10/07/015 OGGETTO: CIG: ZD514AB0B - AFFIDAMENTO SERVIZIO DI RIPARAZIONE AUTOVETTURA

Dettagli

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per Funzioni di utilità (finlmente un po di geroglifici, dopo i grffiti) NB: non fte leggere queste pgine un mtemtico, ltrimenti mi msscr!. Definizione e proprietà Considerimo due eni e di interesse per un

Dettagli

7. Servizio idrico integrato

7. Servizio idrico integrato 7. Servizio idrico integrto 7.1 Qudro regoltorio e spetti istituzionli Il servizio idrico integrto (SII) si riferisce ll insieme dei servizi idrici connessi con l uso umno dell risors idric: l cptzione,

Dettagli

SLXe. Sistema monotemperatura e multitemperatura per semirimorchi. e-voluzione e-nnovazione e-fficienza e-connect e-sperienza e-cologico

SLXe. Sistema monotemperatura e multitemperatura per semirimorchi. e-voluzione e-nnovazione e-fficienza e-connect e-sperienza e-cologico SLXe Sistem monotempertur e multitempertur per semirimorchi e-voluzione e-nnovzione e-fficienz e-connect e-sperienz e-cologico INDICE SLXe: L nuov generzione del trsporto refrigerto 3 e-voluzione 4 e-nnovzione

Dettagli

Più in alto voli, più lontano vedi. GCERTI ITALY ENTE DI CERTIFICAZIONE ACCREDITATO ACCREDIA

Più in alto voli, più lontano vedi. GCERTI ITALY ENTE DI CERTIFICAZIONE ACCREDITATO ACCREDIA Più in lto voli, più lontno vedi. GCERTI ITALY ENTE DI CERTIFICAZIONE ACCREDITATO ACCREDIA Certi ctions for high performnce Presentzione Aziendle / Compny Profile GCERTI ITALY è un ente di certificzione

Dettagli

5. Il servizio di illuminazione pubblica

5. Il servizio di illuminazione pubblica 5. Il servizio di illuminzione pubblic L illuminzione delle ree urbne rppresent un servizio di pubblic utilità vente rilevnz economic, soggetto obblighi di continuità, sicurezz e universlità. L normtiv

Dettagli

CENTRO DI RESPONSABILITA' "A"

CENTRO DI RESPONSABILITA' A PREENTIO FINANZIARIO GESTIONALE PLURIENNALE ES. 2015 2016 2017 CONSORZIO DI BONIFICA 4 CALTANISSETTA Residui ttivi presunti ll fine dell'nno in dell'nno in per l'nno 2015 Previsioni di css per l'nno 2015

Dettagli

Il sistema italiano dei confidi: tra storia ed evoluzione

Il sistema italiano dei confidi: tra storia ed evoluzione Il sistem itlino dei confidi: tr stori ed evoluzione Corso di investment bnking nd rel estte finnce Università degli Studi di Prm Prm, lì 25 febbrio 2014 I punti di nlisi L stori dei confidi: gli interventi

Dettagli

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate Lezione n. 7 Le strutture in cciio Le unioni bullonte Le unioni sldte Unioni Le unioni nelle strutture in cciio devono grntire un buon funzionmento dell struttur e l derenz dell stess llo schem sttico

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI prtners rgionieri commercilisti economisti d impres vldgno (vi) vi l. festri,15 tel. 0445/406758/408999 - fx 0445/408485 dueville (vi) - vi g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in Ingegneria Meccanica. Tesina del corso di

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in Ingegneria Meccanica. Tesina del corso di UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di lure in Ingegneri Meccnic Tesin del corso di TRASMISSIONE DEL CALORE Docente Prof. Ing. Gennro Cuccurullo Tesin n.7a Effetti termici del

Dettagli

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è:

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è: 1) In un equzione differenzile del tipo y (t)= y(t), con > 0, il tempo di rddoppio, cioè il tempo T tle che y(t+t)=y(t) è: A) T = B) 1 T = log e C) 1 T = log e ** D) 1 T = E) T = log e ) L equzione differenzile

Dettagli

COMITATO REGIONALE CAMPANO SCACCHI c/o Circolo IncontrArci Via Arco 132 80043 S. Anastasia http://www.campaniascacchi.org

COMITATO REGIONALE CAMPANO SCACCHI c/o Circolo IncontrArci Via Arco 132 80043 S. Anastasia http://www.campaniascacchi.org COMITATO REGIONALE CAMPANO SCACCHI c/o Circolo IncontrArci Vi Arco 132 80043 S. Anstsi http://www.cmpnisccchi.org F.S.I. C.O.N.I. ORGANIZZA IL 19 CAMPIONATO REGIONALE A SQUADRE TORNEO OMOLOGABILE PER VARIAZIONI

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 5/2013. OGGETTO : Le novità delle perdite su crediti: aspetti civilistici, contabili e fiscali.

NOTA OPERATIVA N. 5/2013. OGGETTO : Le novità delle perdite su crediti: aspetti civilistici, contabili e fiscali. NOTA OPERATIVA N. 5/2013 OGGETTO : Le novità delle perdite su crediti: spetti civilistici, contbili e fiscli. - Introduzione Il Decreto Crescit (D.L. 83/2012), h introdotto rilevnti novità per qunto rigurd

Dettagli

Facoltà di Ingegneria

Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Fcoltà di Ingegneri Corso di Lure Specilistic in Ingegneri per l Ambiente e il Territorio TESINA DI CALCOLO NUMERICO Anlisi dell errore nei metodi di risoluzione dei

Dettagli

Valutazione tecnico-economica delle potenzialità di riutilizzo irriguo dei reflui depurati: il caso della Valpadana

Valutazione tecnico-economica delle potenzialità di riutilizzo irriguo dei reflui depurati: il caso della Valpadana Vlutzione tecnico-economic delle potenzilità di riutilizzo irriguo dei reflui depurti: il cso dell Vlpdn Zucro R. 1, Rgo C. 2 nd Vollro M. 3 1, 2, 3 INEA/Ambito di ricerc Gestione risorse idriche, Rom,

Dettagli

7. I magazzini industriali

7. I magazzini industriali 7. I mgzzini industrili Introduzione I sistemi di stoccggio e distribuzione dei mterili fnno prte integrnte di ogni sistem logistico, e rppresentno l nello dell cten che congiunge produttori e consumtori.

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

15.1 L evoluzione nella gestione del servizio e alcuni dati quantitativi

15.1 L evoluzione nella gestione del servizio e alcuni dati quantitativi 15. I servizi cimiterili nel Comune di Rom Nell mbito degli pprofondimenti temtici nel settore socile, in questo cpitolo vengono esminti, dl punto di vist quntittivo e qulittivo, i servizi cimiterili nel

Dettagli

Manuale d uso del marchio

Manuale d uso del marchio 0.5 Mnule d uso del mrchio Mnule d uso del mrchio 1. Il significto del mrchio Il significto letterle Il significto etico 2. Regole reltive ll utilizzo del mrchio Dove pporre il mrchio Dove trovre il mrchio

Dettagli

SAP Business One Top 10

SAP Business One Top 10 SAP Business One Top 10 Dieci motivi per cui le PMI scelgono SAP Business One 1 6 Affidbilità Le PMI riconoscono in SAP un leder su cui poter fre ffidmento. Personlizzzione SAP fornisce soluzioni personlizzte

Dettagli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli Università degli studi di Pvi Fcoltà di Economi.. 2010-20112011 Sezione 26 Anlisi dell trsprenz Giovnni Andre Toselli 1 Sezione 26 Trnszioni l di fuori dell normle gestione Operzioni sull struttur finnziri

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA Il Comitto centrle decret il regolmento seguente conformemente ll rt. 57 e ll rt. 9, cpv. 4 lett. i degli sttuti dell ASI del 5 novemre 00 Tutte

Dettagli

CARTA ACQUISTI CHE COSA È E COSA FARE PER OTTENERLA Beneficiario con 65 anni o più

CARTA ACQUISTI CHE COSA È E COSA FARE PER OTTENERLA Beneficiario con 65 anni o più CARTA ACQUISTI CHE COSA È E COSA FARE PER OTTENERLA Beneficirio con 65 nni o più L Crt Acquisti è un normle crt di pgmento elettronico, ugule quelle che sono già in circolzione e mpimente diffuse nel nostro

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER Foglio Informtivo n. 4_01/08/2014 ICCREA BANCA S.p.A. - Istituto Centrle del Credito Coopertivo Sede legle e mministrtiv:

Dettagli

Ordinanza concernente la legge sul credito al consumo

Ordinanza concernente la legge sul credito al consumo Ordinnz concernente l legge sul credito l consumo (OLCC) 221.214.11 del 6 novemre 2002 (Stto 1 mrzo 2006) Il Consiglio federle svizzero, visti gli rticoli 14, 23 cpoverso 3 e 40 cpoverso 3 dell legge federle

Dettagli

Emozioni da abitare.

Emozioni da abitare. Emozioni d bitre. L o s p i t l i t à, l n o s t r p s s i o n e Fre dell ccoglienz e dell ttenzione l cliente il proprio obiettivo professionle. Proprio su questi spetti si concentr, d sempre, l impegno

Dettagli

Sondaggio piace l eolico?

Sondaggio piace l eolico? Songgio pie l eolio? Durnte l inugurzione i Stell sono stti istriuiti ei questionri per vlutre l inie i grimento ell eolio prte ell popolzione Sono stti ompilti e quini nlizzti 50 questionri Quest presentzione

Dettagli

Il TFR nel Bilancio 2007 * Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle **

Il TFR nel Bilancio 2007 * Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle ** I temi MAP (Liber consultzione) Il TFR nel Bilncio 2007 * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Il TFR è stto riformto con il D.Lgs. 05/12/2005, n. 252, concernente l disciplin

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

6. La distribuzione di energia elettrica

6. La distribuzione di energia elettrica 6. L distribuzione di energi elettric L Direttiv 2003/54/CE h riordinto l mteri del mercto interno dell energi elettric, completndo l precedente Direttiv 96/92/CE che vev vvito le riforme verso il mercto

Dettagli

tubi corrugati in polietilene

tubi corrugati in polietilene tubi corrugti in polietilene Sistemi integrli per trsporto ed il trttmento dei fluidi tubi corrugti in polietilene istino cvidotti e drenggi PERETE INTERNA PRODOTTA CON PE ADDITIVATO PER FACIITARE O SCORRIMENTO

Dettagli

Imposte sul reddito E.22 a Fondo imposte B.2. Fondo imposte a Debiti tributari D.12

Imposte sul reddito E.22 a Fondo imposte B.2. Fondo imposte a Debiti tributari D.12 - si effettu l nnotzione nell pposito qudro in Unico. Sull prte differit (4/5), per il principio dell competenz economic, e per evitre l distribuzione di dividendi per utili non tssti, occorre contbilizzre

Dettagli

REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI. 1. Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale

REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI. 1. Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale Allegto C REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI 1. Indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle 1.1 Edifici residenzili dell Clsse E1, esclusi collegi, conventi, cse di pen e cserme Tbell 1.1

Dettagli

ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA D'APPALTO PER SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELL' ANNO SCOLASTICO 2015-2016. Il sottoscritto/a.

ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA D'APPALTO PER SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELL' ANNO SCOLASTICO 2015-2016. Il sottoscritto/a. Al Comune di Cursi Pizz Pio XII, snc 73020 CURSI (LE) ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA D'APPALTO PER SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELL' ANNO SCOLASTICO 2015-2016. Il sottoscritto/ nto/ il residente

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO EDIFICI

RISPARMIO ENERGETICO EDIFICI RISPARMIO ENERGETICO EDIFICI COME FACCIO A RISPARMIARE ENERGIA? COME FACCIO AD AVERE AGEVOLAZIONI? COME UTILIZZARE LE ENERGIE ALTERNATIVE? INSERTO A CURA DI CONFCONSUMATORI DELL EMILIA ROMAGNA Decreto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER Foglio Informtivo n. 3_18/12/2013 ICCREA BANCA S.p.A. - Istituto Centrle del Credito Coopertivo Sede legle e mministrtiv:

Dettagli

2. PROPRIETÀ E TRASFORMAZIONI DELL ARIA

2. PROPRIETÀ E TRASFORMAZIONI DELL ARIA 2. PROPRIETÀ E TRASFORMAZIONI DELL ARIA UMIDA 2.1. Ari Atmosferic L'ri tmosferic é costituit d un insieme di componenti gssosi (N 2, O 2, Ar, CO 2, Ne, He, ) e d ltre sostnze che possono presentrsi in

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY DANIELE ANDREUCCI DIP. METODI E MODELLI, UNIVERSITÀ LA SAPIENZA VIA A.SCARPA 16, 00161 ROMA, ITALY ndreucci@dmmm.unirom1.it 1. Notzione fondmentle e prime definizioni

Dettagli

avast! Pro Antivirus Funzioni chiave Tecnologie cloud ibride Maggiore usabilità Funzioni di protezione

avast! Pro Antivirus Funzioni chiave Tecnologie cloud ibride Maggiore usabilità Funzioni di protezione Pro Pro include tutte le funzioni del nostro completo Internet Security, prte il firewll e il filtro ntispm. Un lvorzione dei dti su bse cloud migliort, un interfcci utente semplifict e i nuovi tool Softwre

Dettagli

Tecniche innovative per la gestione del vigneto : la defogliazione pre-fioritura e l allevamento a Siepe

Tecniche innovative per la gestione del vigneto : la defogliazione pre-fioritura e l allevamento a Siepe Tecniche innovtive per l gestione del vigneto : l defoglizione pre-fioritur e l llevmento Siepe Ilri Filippetti e Cesre Intrieri Diprtimento di Colture Aroree Università di Bologn - morfologi del grppolo

Dettagli

Un caso studio del concetto Net Zero Energy Building A case study of the Net Zero Energy Building vision

Un caso studio del concetto Net Zero Energy Building A case study of the Net Zero Energy Building vision 47 AICARR Interntionl Conference, Tivoli Rom, 08 th 09 th October 2009 Un cso studio del concetto Net Zero Energy Building A cse study of the Net Zero Energy Building vision ASSUNTA NAPOLITANO 1 ROBERTO

Dettagli

Sistema di di Gestione della Sicurezza delle Informazioni a norma ISO ISO 27001. Relatore Gianluca Visentini

Sistema di di Gestione della Sicurezza delle Informazioni a norma ISO ISO 27001. Relatore Gianluca Visentini Sistem dell norm Reltore Ginluc Visentini Sistem Sistem dell dell norm norm Informzione: il risultto dell rccolt e dell elborzione dti elementri, significtivi e utili l processo decisionle. Le informzioni

Dettagli

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio 1 Problemi di collegmento delle strutture in cciio Unioni con bulloni soggette tglio Le unioni tglio vengono generlmente utilizzte negli elementi compressi, quli esempio le unioni colonn-colonn soggette

Dettagli