Cordiali saluti. Dott.Emiliano Niro. Allergia ai Solfiti. Buonasera,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cordiali saluti. Dott.Emiliano Niro. Allergia ai Solfiti. Buonasera,"

Transcript

1 Qual'è la figura abilitata a redigere un manuale laurea, abilitazione particolare, etc? HACCP: chiunque in possesso di una qualche C'è un riferimento normativo che esplica in modo dettagliato questo aspetto? Certo di un gradito riscontro, saluti Lorenzo Longo Salve, diventare consulenti Haccp non è come insegnare una lezione imparandola solo mnemonicamente. Non a caso il Codex Alimentarius prevede la formazione di un team multidisciplinare. Facendo riferimento alla Sua posso tranquillamente affermare che già il fatto di partire con solide basi di Scienze e Tecnologie Alimentari, sia un indubbio vantaggio. Credo che sia importantissimo se non indispensabile disporre almeno di nozioni fondamentali di microbiologia (industriale e degli alimenti), fisica tecnica, tecnologie del condizionamento, impianti industriali, etc. Haccp non significa solo individuare i potenziali pericoli ma anche padroneggiare con nozioni di pericolo,rischio, punti critici di controllo (CCP) e punti di controlli (CP). Premesso tutto quanto...può secondo Lei una "qualche laurea" creare questo livello di consapevolezza? Oggi ci si improvvisa consulente HACCP chiunque, anche chi ha seguito un corso di poco ore...e i risultati si vedono! Cordiali saluti Dott.Emiliano Niro Buonasera, Allergia ai Solfiti Soffro di allergia ai solfiti e spesso ne accusi i sintomi anche se controllo le etichette dei cibi...questi solfiti non dovrebbero essere usati negli alimenti freschi.quache gg fa ho mangiato dell'uva bianca proveniente da cantatore Antonio &figli di rubo di Puglia...come potrei segnalare di fare un controllo su quest'uva? Grazios, veronica

2 Gentilile Signora Veronica, credo sia opportuno segnalare l'accaduto presso l'asl della Sua città reparto Sian. A mio avviso, però, se l'uva bianca da Lei citata proviene da un'azienda nota credo che avrà subito già a monte determinati controlli igienico sanitari che avranno determinato la commercializzazione. Entrare nello specifico per la Sua allergia non rientra nelle mie competenze. Ovviamente servirà approfondire la cosa con il Suo medico. Cordialità. Buon giorno Dottor Emiliano Niro, Documentazione per la rintracciabilità di prodotto ho letto diverse sue pubblicazioni su riviste e magazine. Stamane, ho avuto il piacere di visitare il sito frodialimentari e, alla sezione l esperto risponde ho visto che scrive anche Lei. Io sono un imprenditore agricolo e l occasione mi è gradita per chiederle informazioni su cosa si intende per certificazione e documentazione idonea a consentire la rintracciabilità del prodotto in tutte le sue fasi?non vorrei incorrere ad una frode alimentare e subire multe senza capire bene come meglio muovermi. Moreno Gentiliss.mo Signore, ognuno è responsabile di quello che produce,acquista e somministra (con o senza trasformazioni o manipolazioni) e quindi si farà carico di dimostrare l origine del prodotto che ha acquistato o che lo detiene, tramite fatture e ogni altro documento che comprovi la provenienza. Distinzione fra azienda artigianale e industriale Salve Dottore, sono Monica e le scrivo perché gradirei sapere da lei quali parametri consentono di distinguere le aziende artigianali del settore agroalimentari dalle aziende industriali di trasformazione di prodotti agroalimentari. Che dimostrazione devono presentare e/o avere? In attesa di una sua risposta le porgo distinti saluti. Dott.ssa Monica Ruggero Gentiliss.ma Dott.ssa Ruggero,

3 le aziende artigianali sono iscritte di fatto nelle imprese artigiane (presso CPA,Commissioni Provinciali Artigianato). Tutte le altre no, che siano agricole o industriali non hanno diritto all iscrizione. La dimostrazione è data con un certificato della CCIAA. Cordiali saluti Shelf life di prodotti cerealicoli secchi. Salve, siamo un industria che produce prodotti cerealicoli secchi. Il mercato ha espressamente chiesto di essere in grado di calcolare la shelf life di questi prodotti al fine di rappresentare la croccantezza. E possibile gentile dottore avere una risposta? Non vorremmo incorrere, senza essere ben informati ad una frode. La ringraziamo anticipatamente. Saluti Gentili Signori, è importante fare prima una premessa:la qualità del prodotto secco è rappresentata dalla croccantezza. La croccantezza dipende dal contenuto dell acqua nello spazio di testa della confezione. Il decadimento della qualità dipende sempre dall attività dell acqua nello spazio di testa della confezione. Tengo a sottolineare il fatto che solidamente il prodotto al momento dell imballo ha un basso contenuto di umidità e quindi una elevata croccantezza. Successivamente a causa della permeazione di acqua dall esterno della confezione verso l interno, il contenuto di umidità aumenta sino a raggiungere il valore di soglia,rendendo quindi il prodotto inaccettabile. La shelf life del prodotto non è altro che il tempo che intercorre dal momento in cui è stato imballato al momento in cui l umidità dello spazio di testa supera il valore di soglia. Ipotizziamo di avere un equilibrio isostatico tra fase di vapore e prodotto. Il vapore si comporta come un gas. La permeabilità,in questo caso, non dipende dal movimento dell acqua all interno ed all esterno della confezione. Rimango a disposizione per ulteriori delucidazioni. Cordiali saluti.

4 Ci novità in materia di sicurezza alimentare Gentile Dott. Niro, sono un biologo e Le scrivo per chiederle delle specifiche informazioni inerenti alla sicurezza alimentare in materia di rintracciabilità degli alimenti di origine animale. L occasione mi è gradita per porle anche un altra informazione inerente ad alimenti congelati di origine animale con i relativi requisiti. Se ci sono queste novità occorre a Suo avviso un reintegro? In attesa di una Sua risposta Le porgo i miei più cordiali saluti. Dott.A.Antonucci Gentiliss.mo Dott. Antonucci, La informo che a seguito dell entrata in vigore di nuovi regolamenti Comunitari in materia di sicurezza alimentare, il Ministero della Salute ha emanato tre note (n del 3/07/2012, n del 05/07/2012 e n del 10/07/2012) al fine di chiarire i nuovi adempimenti in materia,che riassumo di seguito. Rintracciabilità degli alimenti di origine animale Ad integrazione delle procedure di rintracciabilità previste dal Reg. (CE) 178/02, che devono essere attive in tutte le fasi della filiera alimentare e applicate a tutti gli alimenti, in nuovo regolamento richiede che, in tutte le attività che producono, trasformano, distribuiscono alimenti di origine animale (sono esclusi gli alimenti composti, che contengono sia prodotti vegetali che alimenti trasformati di origine animale), siano predisposti idonei sistemi di identificazione ed etichettatura che contengano le seguenti informazioni minime obbligatorie: 1. Descrizione dettagliata degli alimenti (es. nome commerciale, marchio di identificazione ecc); 2. Volume e quantità degli alimenti; 3. Riferimento di identificazione del lotto o della partita; 4. La data di spedizione. Inoltre, ai fine di una più efficace rintracciabilità degli alimenti, il regolamento ha previsto di: Acquisire per la merce in entrata _Nome e indirizzo di chi ha spedito la merce; _Nome e indirizzo del proprietario della merce, se diverso dallo speditore Acquisire per la merce in uscita _Nome e indirizzo di chi riceverà la merce; _Nome e indirizzo del proprietario della merce, se diverso dal ricevente. Requisiti relativi ad alimenti congelati di origine animale Nelle fasi precedenti all apposizione dell etichettatura o prima dell ulteriore trasformazione, gli alimenti congelati e surgelati di origine animale devono riportare le seguenti informazioni: La data di produzione 1. data di macellazione: per carcasse, mezzene e i quarti di carcasse; 2. data di uccisione: della selvaggina; 3. data di raccolta o pesca: per prodotti ittici;

5 4. data di trasformazione, taglio, tritatura o preparazione: per qualsiasi altro alimento di origine animale. La data di congelamento, qualora diversa dalla data di produzione. Vendita e somministrazione di preparazioni gastronomiche contenenti prodotti della pesca derivati da pesci pinnati o molluschi cefalopodi destinati a essere consumati crudi o praticamente crudi, oppure marinati, salati o trattati in qualsiasi altro modo tale che il trattamento praticato non garantisca l uccisione del parassita vivo. Il Ministero della Salute ha richiamato l attenzione sulle procedure, già previste ai sensi del REG (CE) 853/2004. Gli operatori del settore alimentare devono assicurarsi che i prodotti suddetti siano sottoposti ad un trattamento di congelamento tale da uccidere i parassiti vivi. Rispondendo alla Sua ultima, Le posso sicuramente dire che occorre reintegrare e nello stesso tempo revisionare il piano di autocontrollo haccp. Il tutto tenendo presente quali possono essere i pcc (punti di controllo critici) e i pc (punti critici di controllo) nei vari diagrammi di flusso. Tali manuali non saranno soggetti a scadenza ma dovranno essere sempre aggiornati e/o revisionati a seconda di nuove norme igienico sanitarie previste dai regolamenti europei. Cordialità In particolare, la norma comunitaria considera idoneo a uccidere il parassita il trattamento di congelamento ad una temperatura di meno 20 C per almeno 24 ore o alla temperatura di meno 35 C per almeno 15 ore (c.d. trattamento di bonifica). Si ricorda a tal proposito che: - tali procedure devono essere applicate in qualsiasi fase della filiera alimentare anche negli esercizi di vendita al dettaglio e nelle attività di somministrazione - il prodotto della pesca che ha subìto il trattamento di bonifica non può essere nuovamente sottoposto a congelamento una volta scongelato Inoltre, è previsto che i prodotti di cui sopra che abbiano subito il trattamento di bonifica devono sempre essere accompagnati, alla loro immissione sul mercato, da un attestazione del produttore che indichi il trattamento effettuato (salvo che i prodotti siano forniti al consumatore finale). Pertanto, un esercizio di somministrazione o vendita, che acquisti i prodotti in oggetto, deve chiedere al fornitore la certificazione di cui sopra, che dovrà essere conservata ed esibita in caso di controlli. Il trattamento di bonifica può essere eseguito anche direttamente presso la propria attività, in questo caso è necessario procedere come segue: 1. dare comunicazione preventiva, tramite notifica all ASL ai fini della registrazione o dell aggiornamento; 2. dotarsi di apparecchiatura per l abbattimento della temperatura; 3. predisporre apposita procedura HACCP scritta; 4. dimostrare l efficacia della procedura utilizzata (provvedendo alla registrazione della quantità di prodotto sottoposto al trattamento, riguardo alla temperatura, alla durata del congelamento e alla data di consumo/vendita del prodotto). Si rileva che quanto suddetto rappresenta un integrazione a tutte le procedure di buona prassi igienica HACCP già previste dalla normativa vigente, pertanto si ricorda che ogni attività deve essere in possesso del Manuale HACCP-Piano di autocontrollo Aziendale che deve essere aggiornato ai sensi del REG (CE) 852/2004; il mancato adempimento o la sua non corretta

6 applicazione possono comportare, secondo quanto previsto dall art. 6 del DLgs 193/2007 una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 1000 a euro Vi invitiamo pertanto a contattare il nostro ufficio Igiene,Ambiente e Sicurezza per ulteriori chiarimenti sulle novità in oggetto e per verificare la corretta applicazione delle procedure HACCP e degli adempimenti previsti per legge in materia di sicurezza alimentare allo /78; fax: ; ambiente Distinti saluti. Buona sera Dott.Emiliano, Volevo chiedere in merito a una casetta dell acqua in un paese in provincia di verbania. la funzione di queste casette e prelevare l'acqua dalla sorgente depurata e venduta a 7 centesimi al litro. La domanda era ma sono obbligati per legge esporre in bacheca l' analisi chimica visto che dovrei farla bere anche a dei bambini? Anche perche se la manutenzione non viene fatta in maniera corretta questa verrebbe a fare molto male. Se mi puo aiutare la ringrazio molto. Cerutti moreno Gentiliss.mo Signor Cerutti, premetto che non mi sono chiari alcuni punti essenziali ma cercherò di rispondere alla Sua in modo generico. Le dico che per prima cosa occorre un autorizzazione da parte dell asl con opportuna ed indispensabile dia. Si informi bene presso l ASL della Sua città reparto SIAN. L acqua è un alimento e come tale deve seguire tutti gli step dei vari alimenti. Effettuare opportune analisi dell acqua in un laboratorio accreditato dalla Regione è cosa indispensabile. Credo che esporre le opportune analisi sia cosa utile per una maggiore trasparenza e salubrità del prodotto. L'acqua potabile è regolamentata dal D.P.R. 327/80. Nei casi in cui la disinfezione rientra nel processo di preparazione o di distribuzione delle acque destinate al consumo umano, i controlli verificano l'efficacia della disinfezione e accertano che la contaminazione da presenza di sottoprodotti di disinfezione sia mantenuta al livello piu' basso possibile senza compromettere la disinfezione stessa. L articolo di legge da me citato prevede anche le opportune analisi da effettuare. Non esiti a ricontattarmi anche telefonicamente se dovesse aver bisogno di maggiori ragguagli. Cordiali saluti Dott.Emiliano Niro

7 Mobile: apicoltore nella grande distribuzione? Cambiamo le norme da rispettare per un Salve, sono un apicoltore siciliano e vendo il miele di mia produzione al consumatore finale. In futuro vorrei fornire il mio miele in uno stabilimento di condizionamento e distribuzione del prodotto nei punti vendita sull intero territorio nazionale. La domanda che le pongo è:cambiamo in questo caso le norme da rispettare? Davide L. Salve, l apicoltura e la produzione di miele sono considerate produzioni primarie ed il miele è considerato un prodotto primario. Pertanto, sono previste deroghe a quanto disposto dai regolamenti in materia di igiene alle seguenti condizioni: - il miele è venduto dal produttore; - il miele è venduto direttamente al consumatore finale o al dettagliante locale che, a sua volta, lo rivende direttamente al consumatore finale; - il miele è venduto in modeste quantità. Tutto questo vuol dire che se il miele è fabbricato in azienda e l intera produzione è venduta nella stessa azienda o in un mercato locale (ad esempio un mercato settimanale, un mercato di prodotti agricoli,ecc.) in modeste quantità direttamente ai consumatori finali,non sono applicabili i requisiti generali e specifici dell UE in materia di igiene e non è necessaria l autorizzazione. La informo, che l esercizio di tali attività negli Stati membri deve essere disciplinato da misure nazionali. Nel caso in cui non siano state adottate norme nazionali o che l attività non sia conforme alle norme stabilite a livello nazionale,valgono i requisiti generali dell UE in materia di igiene. Le consiglio di verificare: - se sono state adottate nella Sua Regione misure nazionali che riguardano la vendita diretta di miele; - cosa si intende nella Sua Regione per modesta quantità e se può usufruire di tale possibilità; - quali sono le norme applicabili al suo caso. Nel caso intenda consegnare il miele ad uno stabilimento in cui il prodotto è invasato (o mescolato con altro miele prima del confezionamento) e poi fornito ai dettaglianti,la situazione cambia. Dato che lo stabilimento di confezionamento non è un esercizio di vendita al dettaglio,non sono

8 applicabili le norme relative alla vendita diretta di modeste quantità di miele di cui sopra. In questo caso alla Sua attività di miele a questo tipo di stabilimento sono applicabili i requisiti generali in materia di igiene dell UE. Cordialità C'è l'obbligo del marchio europeo per i prodotti bio preconfezionati? Gentiliss.mo Dottore, mi chiamo Carmen e le scrivo da Roma. Inanzitutto mi complimento per la sua preparazione e per la prontezza nelle sue risposte. Sono una sua fan e la leggo spesso qui su internet. Volevo porle una domanda che sicuramente preparato com è mi darà una risposta visto che scrive su un sito molto bello che è quello di frodialimentari. Personalmente sono proprietaria di un azienda agricola e visto un po i tempi che stà attraversando l agricoltura stò seriamente pensando di iniziare a produrre prodotti biologici. Documentantomi un po su internet e chiedendo informazioni in giro ho, inoltre notato che non è poi cosi semplice iniziare. La mia domanda principale è: se voglio produrre prodotti biologici confezionati, c è l obbligo del marchio europeo? Mi può dare alcune dritte? Come deve essere precisamente il logo? Posso avere il piacere di contattarla ed eventualmente fissare un incontro? Attendo una sua risposta precisa e professionale. Distinti saluti Carmen Gentiliss.ma Sig.ra Carmen, la informo che dal primo luglio 2012 scatta l obbligo del marchio comunitario per tutti gli alimenti biologici preconfezionati prodotti in Italia e negli altri Stati membri dell'unione Europea che potranno così essere finalmente distinti da quelli importati da Paesi extracomunitari. In Italia sarà d obbligo verificare sulle confezioni la presenza del logo biologico dell'ue, rappresentato dalla "foglia europea" con dodici stelle bianche su fondo verde brillante con al centro una cometa. Inoltre,nel campo visivo del logo devono figurare anche il numero di codice dell'organismo di controllo e il luogo di produzione delle materie prime agricole. Il logo comunitario resta però facoltativo per i prodotti biologici non confezionati e per quelli importati mentre continueranno ad essere ammessi, insieme al marchio Ue, altri loghi nazionali, regionali o privati. Lo scopo principe del nuovo logo, definito "Logo di produzione biologica dell'unione europea" dal Reg. CE n. 271/2010, è quello di fornire visibilità ai cibi e alle bevande biologiche, unitamente ad un sistema di garanzie che sia effettivamente percepito dai consumatori, e che può essere sintetizzato come segue: - almeno il 95% degli ingredienti agricoli sono stati prodotti con metodo biologico; - il prodotto è conforme anche alle regole del sistema di controllo e certificazione;

9 - il prodotto proviene direttamente dal produttore (se sfuso) o è preparato in una confezione che deve essere necessariamente sigillata; - il prodotto porta il nome del produttore, del preparatore o del venditore ed il numero del codice dell'organismo di certificazione che ha effettuato il controllo dell'ultima operazione prima dell'immissione in vendita. Solo in Italia il legislatore nazionale ha disposto che i prodotti ottenuti in Italia debbano recare altre indicazioni aggiuntive. In particolare, il codice di controllo deve essere preceduto dalla dicitura "Organismo di controllo autorizzato dal Mipaaf"; deve essere inoltre indicato il numero di codice attribuito dall'odc all'operatore "Operatore controllato n. xxxx". Se ha bisogno di informazioni più dettagliate non esiti a chiamarmi. Cordialità. Gentile Dott. Niro, sono foggiano, ho 24 anni, diploma del Liceo Scientifico e vorrei mettere su un Ristorante/Pizzeria. Non sono stato alle dipendenze di attività di somministrazione. Quali sono i passi da effettuare? Purtroppo la Camera di Commmercio di Foggia non ha saputo darmi risposte. Non avevo dubbi. Cosa devo fare per poter mettere su questo tipo di attività?devo seguire qualche corso? Se si,dove mi consiglia di seguire il Corso eventuale per la somministrazione e vendita di alimenti e bevande? Occorrono altri corsi e/o documenti? Inoltre, è possibile aprire un attività simile in un fabbricato in legno? Attendo Sue risposte. Grazie. Distinti Paolo Saluti Gentile signor Paolo, per avviare un'attività di ristorante pizzeria, Le occorrerà seguire obbligatoriamente un corso di somministrazione di alimenti e bevande. Tale corso si può seguire presso le associazioni di categoria (confcommercio,confartigianato,ecc). Le occorrerà ottenere la licenza di tipo A presso il Comune di Foggia. Successivamente,quando ha ottenuto questi documenti ed ha arredato il locale dovrà presentare una DIA all'asl (ex autorizzazione sanitaria) con opportuna relazione tecnico descrittiva del processo di produzione firmata e timbrata da un tecnico abilitato allegando ad essa una planimetria del locale in scala 1:100.Quest ultima (D.I.A.) è obbligatoria per tutte le attività alimentari. In base alla mia esperienza,l Asl chiede anche la certificazione di emissioni di fumi in atmosfera. Seguire un corso per personale alimentarista comunemente chiamato corso haccp titolare ed eventuali dipendenti (sostitutivo ex libretto sanitario)le servirà per capire quali comportamenti deve avere l operatore del settore alimentare (OSA). Redigere un manuale igienico sanitario haccp dopo che avrà allestito il Suo futuro locale sarà cosa necessaria ed indispensabile. Il manuale igienico sanitario va sempre adeguato all attività e,non può essere ne riciclato e/o tantomeno anticipato se,il tutto non è stato completato. Ricordo che in caso di controllo solo per l'assenza del manuale haccp comporta sanzioni di 2000 euro. Bisognerà seguire corsi sulla sicurezza sui luoghi di lavoro, primo soccorso,antincendio e RSPP. In poche parole dovrà dotare la struttura di segnaletica ed attrezzature per far fronte ad eventuali incendi. Aprire un'attività in un fabbricato in legno, credo non sia semplice. Purtroppo il legno non è conforme alle norme igienico-sanitarie e quindi al regolamento 852/2004. DirLE di si, non mi è

10 possibile. Cordialità. Gent.mo Dott. Niro, vorrei sapere come ci si comporta davanti ad una azienda agricola (in Puglia) che commercializza frutta ai sensi del Reg.852/2004. In particolare vorrei sapere se oltre al Manuale Haccp, ai corsi di formazione per alimentarista è previsto il campionamento della frutta per la valutazione di eventuali infestanti chimici o biologici (come citato dall'art. 9 dell'allegato I del suddetto regolamento). Mentre dovrebbero essere esclusi i tamponi sulle superfici (non esistono superfici di lavoro, solo di stoccaggio). Probabilmente risulterebbe invece necessaria un'analisi dell'acqua di irrigazione. Spero che mi aiuti a fare chiarezza. Ringrazio anticipatamente. Simona Gentiliss.ma Sig.ra Simona, a mio avviso, sarebbe opportuno fare qualche campionamento della frutta. Tutto questo servirebbe per garantire la sicurezza alimentare e preservare, nello stesso tempo, la salute dei consumatori. Non occorre, effettivamente effettuare tamponi microbiologici se esistono solo zone di stoccaggio. E sempre importante, che tutte le strutture destinate agli alimenti siano ben pulite, sottoposte a manutenzione e tenute in buone condizioni. La frutta contiene molti liquidi ed è,quindi importante assicurare una corretta aerazione meccanica e/o naturale. Nei luoghi dove si trattano alimenti, devono essere adottare misure di prevenzione atte ad ostacolare infestazioni da parte di insetti e roditori. Credo che sia opportuna un analisi microbiologica dell acqua di irrigazione. Non sono chiari, però, alcuni punti. Se mi contatta e mi spiega meglio, sarò lieto di poterla aiutare. Cordialità Dott. Emiliano Niro Tecnologo Alimentare

11 prodotti della pesca? Che requisiti igienici sanitari occorrono per aprire un attività di Gentilissimo Dott. Niro, io e la mia compagna, siamo prossimi ad aprire nella provincia di Foggia un attività che riguarda la vendita di prodotti della pesca freschi e/o congelati. Quali sono i requisiti igienico-sanitari da rispettare? Quale potrebbe essere la superficie minima e quali sono le temperature dei prodotti della pesca? Posso vendere anche ed eventualmente le acciughe salate? Vorrei fare un po di tutto ma crede che mi sia consentito si circa 20mq circa di locale? Grazie della risposta. Davide Gentiliss.mo Sig. Davide, purtroppo e/o per fortuna tutto non si può fare perché esistono delle norme igienico-sanitarie ben precise e che vanno rispettate. Si immagini che caos ci sarebbe se ciò non fosse stabilito da vari regolamenti ed articoli. La informo che per la vendita dei prodotti della pesca, è inoltre necessario il rispetto dei seguenti requisiti: a) superficie minima complessiva consigliata di 25 mq.; b) pavimenti ben connessi con i rivestimenti delle pareti, angoli e spigoli arrotondati; c) l esposizione dei prodotti della pesca freschi deve avvenire a temperatura compresa tra 0 C e + 4 C e deve essere assicurata la protezione da eventuali contaminazioni; d) presenza di una o più celle frigorifere, in materiale lavabile e disinfettabile, di dimensioni adeguate; e) lavello ad azionamento a pedale od elettrico, provvisto di acqua potabile calda e fredda, facilmente raggiungibile dal luogo di lavorazione, munito di dispositivi per la pulizia delle mani e di asciugamani a perdere. E consentita la salagione delle acciughe, da vendersi nello stesso esercizio, in locale o spazio appositamente destinato allo scopo distinto dall area di vendita al pubblico e nel rispetto delle norme sull etichettatura previste dal D.Lgs 109/92. La produzione di preparazioni a base di prodotti della pesca, cotti o pronti a cuocere ed eventualmente addizionati con altri alimenti di origine animale o vegetale, da vendersi nello stesso esercizio, è subordinata all ottenimento di autorizzazione sanitaria a laboratorio artigianale. E permessa la vendita promiscua di prodotti della pesca freschi e congelati in locali aventi una superficie minima consigliata non inferiore a 40 mq. e purchè la relativa esposizione e vendita avvengano in zone nettamente separate. I banchi di vendita dei prodotti congelati da vendersi sfusi devono essere adeguatamente protetti da eventuali contaminazioni o da manipolazioni non autorizzate. Devono essere rispettate le norme sull etichettatura. Se dovesse aver bisogno, sono pronto a seguirla passo dopo passo per il Suo progetto. Cordiali saluti

12 Dott. Emiliano Niro Tecnologo Alimentare Foggia Mobile: Gent.mo Dott. Tesi di laurea informazioni sono una studentessa del corso di Laurea tecnico della Prevenzione sto preparando la mia tesi di laurea "sulla relazione tecnica che si allega alla notifica sanitaria ai sensi del Reg. Ce 852/2004". Mi piacerebbe inserire nel mio lavoro un confronto tra le procedure in atto in Italia e negli altri paesi europei. La presente per richiedere link utili da cui attingere informazioni. Ringraziando anticipatamente Le porgo cordiali saluti. A. Della Torre Gentilissima laureanda, l aiuto che posso darle e/o meglio suggerirle è quello di studiarsi bene la legge da Lei stessa citata (Reg. CE 852/2004). Tale legge, come sà, cita in modo ben chiaro e lineare le regole indispensabili per un buon comportamento igienico sanitario. Le suggerisco, inoltre, di studiarsi bene il Codex Alimentarius. I requisiti della legge sopra citata tengono conto dei requisiti contenuti in tale codex. Gli alimenti importati nella Comunità devono rispondere ai requisiti generali fissati dal regolamento (CE) n. 178/2002 oppure rispondere a norme equivalenti alle norme comunitarie. Il presente regolamento fissa taluni requisiti specifici in materia di igiene per gli alimenti importati nella Comunità. Gli operatori del settore alimentare predispongono, attuano e mantengono una o più procedure permanenti, basate sui principi del sistema HACCP. I principi del sistema HACCP di cui al paragrafo 1 sono i seguenti: a) identificare ogni pericolo che deve essere prevenuto, eliminato o ridotto a livelli accettabili; b) identificare i punti critici di controllo nella fase o nelle fasi in cui il controllo stesso si rivela essenziale per prevenire o eliminare un rischio o per ridurlo a livelli accettabili; c) stabilire, nei punti critici di controllo, i limiti critici che differenziano l'accettabilità e l'inaccettabilità ai fini della prevenzione, eliminazione o riduzione dei rischi identificati; d) stabilire ed applicare procedure di sorveglianza efficaci nei punti critici di controllo; e) stabilire le azioni correttive da intraprendere nel caso in cui dalla sorveglianza risulti che un determinato punto critico non è sotto controllo; f) stabilire le procedure, da applicare regolarmente, per verificare l'effettivo funzionamento delle misure di cui alle lettere da a) ed e); g) predisporre documenti e registrazioni adeguati alla natura e alle dimensioni dell'impresa alimentare al fine di dimostrare l'effettiva applicazione delle misure di cui alle lettere da a) ad f). Tenga presente che qualora intervenga un qualsiasi cambiamento nel prodotto, nel processo o in qualsivoglia altra fase gli operatori del settore alimentare riesaminano la procedura e vi apportano le necessarie modifiche.

13 Concludendo, La informo che gli osa (operatori settore alimentare) devono tenere e conservare le registrazioni relative alle misure adottate per il controllo dei pericoli in modo appropriato e per un periodo di tempo adeguato e commisurato alla natura e alle dimensioni dell'impresa alimentare e devono mettere a disposizione delle autorità competenti e degli operatori del settore alimentare che ricevono i prodotti le pertinenti informazioni contenute in tali registrazioni a loro richiesta. Le sanzioni in tal caso sono molto alte e a volte disastrose. Come fare per commercializzare prodotti tipici all Infuori dell Italia? Quali possono essere gli imballaggi migliori? Salve,vorrei avviare un'attività di commercio di prodotti tipici enogastronomici prodotti nel Parco Nazionale del Cilento. Per quanto concerne l'apertura della p.i., documentazione al comune, inail, ecc, ho trovato risposte esaustive e penso di sapere ciò che occorre. Il mio dilemma, riguarda la parte logistica, mi spiego: premetto che vorrei lavorare con Cina e Russia in primis ed i miei clienti potenziali saranno privati e qualche wine bar e non grossisti o rivenditori. 1 che caratteristiche devono avere gli imballaggi per poter essere accettati ( vino, olio, confettura, formaggi, insaccati) 2 con che tipo di etichetta deve partire la merce dall'italia? Andrebbero bene etichette in italiano ed in inglese o c'e' bisogno di apporre l'etichetta nella lingua del paese di arrivo? E se si, parte gia' dall' Italia con l'etichetta tradotta o bisogna metterle li? E da chi poi? 3 essendo questa merce delicata, deperibile, le spedizioni sarebbero via aerea..., a parte i costi di spedizioni, quali sono le tasse e o i dazi doganali da pagare per poter liberare la merce? Queste tasse e o dazi chi li dovrebbe pagare, io che spedisco o chi riceve la merce? 4 se eventualmente dovessi spedire ad un grossista, un rivenditore, la prassi sarebbe diversa? Mi servirebbero queste notizie, visto che so stato da vari commercialisti e vari esperti di commercio estero o presunti tali e tutti mi hanno detto una cosa diversa. Spero di essere stato chiaro E SOPRATUTTO CHE MI POSSIATE AIUTARE o indirizzare dove possa trovare queste notizie. Grazie GIANLUCA GIANNATTASIO

14 Gentiliss.mo Signor Giannastasio, rispondendo alla Sua prima, Le dico il ruolo del sistema d imballaggio stà ed ha subito una vera e propria rivoluzione. Premesso che la protezione del prodotto, la praticità d uso, la sicurezza, il basso costo, l aspetto gradevole e, non ultima,l elevata dinamicità o movimento del mercato alimentare impone continuatamene la ricerca di soluzioni innovative. Tra gli obiettivi primari dell imballaggio alimentare sono: 1) la riduzione del decadimento qualitativo del prodotto; 2) la protezione nei confronti della contaminazione biologica e chimica; 3) fornire ai consumatori praticità d uso, dal trasporto alla conservazione domestica. In tutti questi casi, la confezione tradizionale agisce come soggetto passivo, come una semplice barriera in grado di limitare l ingresso di fattori detti primari di degradazione, quali umidità,ossigeno e microrganismi o di favorire l uscita di altri componenti indesiderati come l anidride carbonica (CO2). Esistono alcuni assorbitori di ossigeno chiamati oxygen scavenger. Quali sono i vantaggi? I vantaggi correlati alla pratica sono di rimuovere l ossigeno dallo spazio di testa della confezione sia che si parli di vino, olio, confetture, ecc. Questi assorbitori agiscono su diversi fenomeni: - rallentano i fenomeni ossidativi; - inibiscono la crescita di microrganismi aerobi alteranti; - inibiscono lo sviluppo di larve e insetti infestanti; - inibiscono le alterazioni del colore. Esistono pure i regolatori di umidità. Questi, consentono di ridurre l attività dell acqua alla superficie del prodotto alimentare. Tra i packaging (imballaggi) ricordo anche l intelligent packaging che altro non è che un sistema di imballaggio che ha la funzione di interagire sia con l ambiente della confezione e sia con il consumatore. In Europa, però, l intelligent packaging è molto ridotto. Adottando soluzioni di imballaggio funzionale il prodotto alimentare viene presentato in forma differente. Ad ogni imballaggio bisogna sempre essere consapevoli che l ultimo fine è sempre quello di salvaguardare i diritti dei consumatori mantenendo sempre elevati standard qualitativi. Per quanto riguarda l etichetta, Le dico che in base alla nuova norma sugli alimenti confezionati è indispensabile che devono avere una tabella nutrizionale con sette elementi (valore energetico, grassi, acidi grassi saturi, carboidrati, proteine, zuccheri e sale) riferiti a 100 g o 100 ml di prodotto, che potrà essere affiancata da dati riferiti ad una porzione. Le diciture devono essere visibili, è quindi previsto un carattere tipografico minimo di 1,2 mm (0,9 mm per le confezioni più piccole). I salumi insaccati devono indicare quando l involucro non è commestibile Gli allergeni devono essere evidenziati nella lista degli ingredienti con accorgimenti grafici (grassetto o colore).per il resto, visto che la Sua attività sarà, come specificato da Lei su Cina e Russia e non lavorerà con grandi catene, credo che il tutto sia oltre che sufficiente se si garantirà la rintracciabilità (prodotti nel Parco Nazionale del Cilento).Per quanto riguarda i costi, credo (non la dia per scontata) dovrebbero essere a metà. Se invece, dovesse decidere (Legge/i permettendo) di spedirle ad un grossista, un rivenditore,l iter sarebbe da parte Sua quasi uguale. Se Vuole, sono disponibile ad aiutarla e a seguirla passo dopo passo per il Suo progetto. Cordiali saluti Dott. Emiliano Niro

15 Requisiti igienico-sanitari per la vendita al dettaglio di prodotti alimentari. Buona sera Dott. Niro, sono un commercialista di Taranto e Le scrivo a nome di un caro cliente-amico. Ho avuto modo, navigando sul web di leggerla sul sito di frodialimentari. La sottopongo ad alcune domande. Sarò breve. Il mio assistito effettua la vendita al dettaglio di prodotti alimentari come scamorze,pecorino, caciocavallo, mozzarelle, salami, ecc. Le parlo di un attività di circa 40 mq con tre serrande (di cui una centrale e le altre due laterali) e relativa porta d ingresso. La relativa vendita si svolge presso un piazzale insieme ad altre attività simili a quella citata. Vorrei chiederle che requisiti igienicisanitari occorrono per non incorrere a multe? La informo che siamo in possesso di relativo permesso datoci dal comune di Taranto ed, inoltre, abbiamo relativa certificazione haccp oltre che la dia sanitaria. L attività è igienica, credo ed è aperta solo nel periodo che va da aprile circa fino alla fine di settembre. I formaggi, possono esporsi all esterno del locale? I caciocavalli non hanno la cosi detta buccia? Ci indichi cosa possiamo fare per non incorrere a sanzioni. Distinti saluti Dott. Manuale G. Gentile Dottore, ritengo che il Suo assistito debba igienicamente avere un comportamento più corretto. Premesso che, non riesco a visionare il locale (se vuole può pure mandarmi alcune foto per aiutarmi a capire meglio il Suo caso)le dico che la porta d ingresso e la saracinesca centrale devono essere dotate di opportune tende in pvc. Le due saracinesche laterali devono avere zanzariere protettive per gli insetti volatili Tali insetti, possono invadere il locale soprattutto con l approssimarsi della stagione estiva. Gli alimenti venduti devono essere organoletticamente sicuri. Inoltre, è opportuno che i prodotti che vengono usati per la pulizia abbiano ben scritto la capacità dell azione. I formaggi, devono essere interni al locale e non esterni. Non avrebbe senso quanto sopra citato. Non esiste una certificazione haccp. L haccp è un documento di autocontrollo igienicosanitario che rispetta soprattutto alcune norme igienico sanitarie. Per piano di autocontrollo si intende anche dire tutte le strategie e le procedure a queste connesse per l attuazione dell autocontrollo in una qualsiasi azienda alimentare. A mio avviso, se il Suo assistito non si mette in regola dal punto di vista igienico, non ha senso nemmeno avere il manuale di autocontrollo haccp. Sarebbe, comunque sanzionabile. Saluti Dott. Emiliano Niro

16 Gentilissimo Dott. Emiliano Niro le chiedo cortesemente un Suo consiglio. Ho intenzione di aprire un'attività di commercio alimentare all'ingrosso senza deposito. I miei fornitori mi confezioneranno i prodotti con il mio marchio; quindi senza che io o altri possano manipolare i prodotti. tenendo presente che sull'etichetta verranno scritte anche lo stabilimento di produzione e confezionamento, la località, il numero di licenza del produttore e altro. Le chiedo se per iniziare l'attività abbia bisogno dell'iscrizione al REC, o se basta aver frequentato il corso haccp, ed eventuali altre incombenze burocratiche. la ringrazio. Nico Rainer Gentile Sig. Nico, La informo che il Rec ed il relativo obbligo di iscrizione per chi esercita un attività commerciale o di somministrazione di alimenti e bevande è stato abolito. Le suggerisco di rivolgersi all ufficio commercio del Comune dove è residente e/o dove intende iniziare la Sua nuova attività. Dovrà, però, sicuramente frequentare un corso haccp (ex libretto sanitario), avere un manuale haccp (Reg. CE N 852/2004) completo di sistema di rintracciabilità (Reg. n. 178/2002) e redigere la DIA (domanda e/o denunzia inizio attività). Quest ultima, infine, deve essere implementata, firmata e timbrata con opportuna relazione tecnico descrittiva da un tecnico abilitato. Cordiali saluti E Niro Provo a chiedere un suggerimento... dovrei scrivere un articolo con come argomento sì le frodi alimentari, ma il taglio deve essere psicologico, più che giuridico... e, oltre a non avere idea su che cosa lo potrei scrivere, non so se esista una biografia del genere. Ho provato a cercare ma ho trovato libri che rientrano nel diritto e non nella psicologia. C'è qlc che può suggerirmi qualcosa in merito? grazie ER Per quanto riguarda il su problema le consiglio di verificare il mutamento dello stile di consumo e di acquisti delle famiglie in italia per quanto concerne il comparto alimentare ed agroalimentare in italia,facendo un approfondimento sulla percezione i da parte del consumatore nei casi in cui sono state evidenziate campagne informative su illeciti in suddetto campo. Le posso consigliare un lavoro svolto alcuni anni fa da Mpoviemnto Difesa del Cittadino e redatto da dalla dott.ssa Anna Zolllo sia in Campania che nel Sannio. Se fosse interessata ce lo faccia sapere che le forniremo indicazioni in merito su dove reperirlo con viva cordialità la redazione

17 Ridistribuzione e vendita di merce messicana Egregio Dottor Emiliano Niro, vorrei, cortesemente, chiedervi alcune cose. Distribuisco in Italia un prodotto messicano. L'Azienda Messicana ha costituito la succursale europea in Inghilterra per superare le problematiche di importazioni doganali, fiscali e amministrative. Quindi a me la merce arriva con il rispetto delle norme "intracomunitarie". La merce " dopo un particolare e intenso "lavorio" via internet la vendo on-line in grosse quantità", quindi la stessa merce che mi arriva in pallet ( senza nemmeno vederla ) la "ridistribuisco" attraverso gli stessi corrieri dal loro magazzino alle aziende clienti. Alcune piccole quantità mi arrivano al mio domicilio fiscale e queste piccole quantità le metto nella mia jeep autocarro ( la merce non è deperibile, non ha scadenza e non ha bisogno, quindi, di frigo ); queste piccole quantità le spedisco ad alcuni piccoli clienti attraverso Poste Italiane che a loro volta si rivolgono a SDA. Le mie domande sono le seguenti: 1 ) Sono obbligato a certificarmi HACCP, visto che la merce è in cartoni e non viene da me manipolata e, se sono obbligato, quanto mi costa? - 2 ) I corrieri devono avere la certificazione HACCP? - 3 ) Alle Poste Italiane devo chiedere la certificazione HACCP? In attesa di una vostra risposta "tecnica e professionale" invio distinti saluti. Gino R. Gentile Signor Gino, facciamo chiarezza. Ora, con le norme sulla sicurezza alimentare ci sono alcuni "vincoli" che vanno comunque rispettati ma a volte io stesso mi rendo conto che esiste pure una disinformazione a tal riguardo anche,aimè tra professionisti. Le dico che, anche se si tratta di un prodotto confezionato (imballato) come Lei mi scrive se il fine è quello alimentare deve avere di fatto il manuale di autocontrollo igienico-sanitario haccp (legge Reg.CE n. 852/2004). Tale documento, infine, deve essere completo di sistema di rintracciabilità (le sansioni partono da euro). Basti pensare che anche chi fà SOLO la produzione primaria,vende o commercialista prodotti secchi dovrebbe avere un manuale di autocontrollo. Il corriere o le poste italiane non possono e neanche devono fare l'haccp. Le consiglio,invece, di farsi fare un buon manuale di autocontrollo da un professionista serio e preparato in tale materia e che rispecchi le reali condizioni Aziendali e non, un banale copiaincolla come spesso mi capita di vedere. La informo, inoltre che dovrà seguire anche un corso per personale alimentarista sostitutivo dell ex libretto sanitario. Mi contatti pure se dovesse aver bisogno di maggiori delucidazioni diventa troppo lungo per e- mail. Cordiali saluti Dott. Emiliano Niro Tecnologo Alimentare Mobile:

18 Informazioni manuale HACCP Buongioro Dott. Niro, Le scrivo perchè avrei bisogno di qualche delucidazione riguardo le normative previste dal manuale HACCP. Da inizio dell' anno sono socio di una attività commerciale, nello specifico un bar, dove non si cucina ma si fanno panini caldi pizzette ecc.. Ora uno dei soci sta facendo il corso Ex Rec, e prorpio ieri sera gli hanno parlato delle normative e del manuale HACCP. Noi non ne sappiamo assolutamente nulla e nessuno, nemmeno il commercialista, ci ha avvertito ne tanto meno aggiornato sull' esistenza di queste procedure. Ora, Le sarei grato se potesse indicarmi dove reperire manuale e normative o se potesse mettersi in contatto con noi ed eventualmente definire un rapporto di colalborazione almeno per le prime indicazioni. Il num. del locale è.., sito in provincia di Verona. Ringraziando anticipatamente, colgo l' occasione per porgere i miei più cordiali saluti. R. Gentile Signore, anche se nella Sua predetta attività non si effettua servizio di ristorazione avviene comunque una manipolazione di alimenti (panini, pizzette, ecc).i dottori commercialisti ovviamente, non possono sapere le norme di sicurezza di igiene alimentari. Lei, come attività commerciale, ha bisogno sicuramente di un manuale di sicurezza alimentare adeguato all'attività in oggetto (Reg. C.E. n. 852/2004) completo di sistema di rintracciabilità.la informo che, purtroppo, le sanzioni partono da Euro. La posso certamente seguire anche a distanza. I miei manuali sono sintetici e con un ridotto numero di schede di registrazione. Non esiti a chiamarmi per ulteriori delucidazioni. Cordiali saluti ************************************************************************************ I fornitori di materia prima sono tenuti ad accompagnare il prodotto con i certificati? Gentile Dottore,

19 sono una donna che lavora in un azienda che si occupa di scambi intracomunitari degli alimenti di origine anomale e preparazione. Volevo chiederle un parere sulla documentazione commerciale e se occorre questo accompagnamento. Il mio fornitore dice che non è dovuto e che ci fa un favore. Io però ricordo di aver letto una legge a riguardo. Sapreste indicarmela? Grazie mille!!! Gentile signora, Lei, infatti, ricorda bene. La legge c è ed è in vigore. La documentazione commerciale accompagnatoria dei prodotti a base di carne è molto importante, non solo per quanto riguarda la trasparenza e la correttezza delle transazioni ma anche sotto l aspetto sanitario ( D.L.gs n 537/1992);oltre che per la preparazione e somministrazione di alimenti ( mense, ristoranti, bar, ecc) che necessitano del manuale di autocontrollo (HACCP) e dell autorizzazione sanitaria (DIA). La normativa vigente igienico-sanitaria sugli scambi intracomunitari degli alimenti di origine animale considera molto importante la documentazione commerciale accompagnatoria, che assume caratteristiche peculiari rispetto alla normale documentazione di trasporto (D.D.T) e fiscale ( fattura) prevista dal D. P.R. 14 Agosto 1996 n 472 e dal D.P.R. 21 DICEMBRE 1996, in materia di valere aggiunto. Concludendo, la violazione dell articolo sopra citato ( ART. 5 del D.L.gs n 537/1992) verrebbe punita con una sanzione da euro a 6.200,00 euro circa. Quindi, il Suo fornitore non Le fà nessun favore a riguardo. E dovuto! ********************************************************************************************* Che documenti occorrono per un Bed and Breakfast in Piemonte? Mi scusi se la disturbo, stiamo ristrutturando un attività per effettuare un Bed and Breakfast in Piemonte. Si tratta di un affittacamere con somministrazione di bevande ed alimenti ai soli ospiti che pernottano da noi. Ho chiesto informazioni ma ci sono stati pareri discordanti. Mi e ci fanno solo girare uffici dandoci informazioni non del tutto chiare. Non vorrei incorrere a sanzioni. Ho ad esempio due frigoriferi uno un po più vecchio, mentre l altro più nuovo e preciso. Cosa mi serve precisamente? Acquisto prodotti confezionati,credo che non mi serva l haccp o quant altro. Qualcuno mi ha detto che non mi serve nulla. Come posso fare eventualmente per eliminare alcuni documenti complicati, tra i quali l haccp?grazie e complimenti per la sua professionalità. Marianna G. Gentile Signora Marianna, Lei stessa ha citato il fatto di effettuare un servizio di somministrazione di alimenti e bevande ai suoi clienti. Le occorrerà seguire un corso detto Spab (corso di somministrazione alimenti e

20 bevande) presso le associazioni di categoria. L ex rec. Anche se vengono serviti prodotti confezionati, comunque c è di fatto che avviene la somministrazione di bevande (ad esempio caffè, the, ecc). Successivamente dovrà seguire anche un corso per personale alimentarista (ex libretto sanitario) sia per Lei e per altri componenti della famiglia se effettuano servizio alla suddetta attività. In Puglia i corsi per personale alimentarista durano 4 ore. Infine, dovrà fare una DIA sanitaria all asl reparto Sian con opportuna relazione tecnico descrittiva redatta da un tecnico abilitato (geometra, ingegnere, architetto).in base al Reg. CE n. 178/2002 e al Reg. CE n. 852/2004 deve avere indubbiamente un manuale di autocontrollo di corretta prassi igienica (HACCP). I frigoriferi devono essere ben distinti. Uno solo deve essere usato per la clientela. In caso di controllo sicuramente potrebbe essere soggetta a sanzioni per il non rispetto dei requisiti minimi igienico-sanitari. Come fare per evitare il manuale haccp, il corso Spab e la formazione per personale alimentarista? Potrà anche munirsi di distributori automatici ma cosi, a mio avviso, perderebbe il piacere di offrire un servizio indubbiamente migliore. N.b. Consiglio sempre ai Signori che mi chiamano o mi scrivono da altre Regioni all infuori della Puglia di informarsi presso gli uffici asl di zona perché alcune norme igienico sanitarie possono cambiare da regione a regione. Non esiti a chiamarmi per ulteriori delucidazioni in merito. Cordiali saluti Dott. Emiliano Niro Tecnologo Alimentare Mobile: ************************************************************************************************ L etichettatura dell ortofrutta. Salve Dott. Niro, finalmente ho avuto modo di poterla scrivere. Mi indichi a suo insindacabile giudizio che prassi occorrono per etichettare i miei prodotti ortofrutticoli e quali sono i parametri legali. Mi hanno parlato anche delle caratteristiche di qualità minime ma non ci ho capito nulla. Non vorrei incorrere, sensa saperlo in qualche frode nel campo alimentare.la scrivo da una città che lei ben conosce e con la quale ha effettuato una grande popolarità essendo anche un tecnico esterno della più grande federazione italiana, la Coldiretti. Attendo una sua risposta. Angelo. Gentile Sig. Angelo, la disciplina quadro dei mercati agricoli si trova nel regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio che, come noto, si applica anche ai settori degli ortofrutticoli freschi e degli ortofrutticoli trasformati. Oggi la disciplina di questo settore è data da Regolamento di esecuzione (UE) n. 543/2011 della Commissione del 7 giugno 2011 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1234/2007 nei settori degli ortofrutticoli e degli ortofrutticoli trasformati.

21 Tengo a precisare che il regolamento CE n. 543/2011 è un regolamento di esecuzione basato sull articolo 113,paragrafo 1, lettere b) e c), del regolamento CE n. 1234/2007 in base al quale la Commissione può stabilire norme di commercializzazione rispettivamente per i prodotti ortofrutticoli freschi e per i prodotti ortofrutticoli trasformati. Posso affermare che ove non ci siano norme di commercializzazione specifiche adottate a livello dell Unione, i prodotti si considerano conformi alla norma di commercializzazione generale. Tutto questo si verifica anche quando il detentore è in grado di dimostrare la conformità ad una norma adottata dalla Commissione economica per l Europa delle Nazioni Unite (UNECE). La norma di commercializzazione generale non è altro che un set di requisiti qualitativi, applicabili allorquando non sia previsto dalla legislazione comunitaria una regola di commercializzazione specifica. Tali requisiti generali vertono sul principio della qualità sana, leale e mercantile che sono affermati dall art. 113 bis del regolamento (CE) n. 1234/2007. La norma di commercializzazione generale si compone dei seguenti elementi: a)caratteristiche minime di qualità; b)caratteristiche minime di maturazione; c)tolleranza; d)indicazione dell origine del prodotto. Rispondendo infine alla Sua sulle caratteristiche minime di qualità (salvo le tolleranze ammesse) le dico che: 1)i prodotti debbano essere interi; 2)sani (sono esclusi i prodotti affetti da marciume o che presentino alterazioni tali da renderli inadatti al consumo); 3)puliti cioè privi di sostanze estranee visibili; 4)privi di umidità esterna anormale; 5)privi di odore e/o sapori estranei; 6)esenti da danni alla polpa provocati da attacchi di parassiti. Per altre delucidazioni rimango a Sua disposizione. Cordiali saluti E. Niro Salumi fluorescenti Gentile redazione, innanzitutto grazie per le informazioni che date a noi consumatori, anche se ciò non sembra mai abbastanza per sentirsi tutelati!mi chiamo Valeria e ho 36 anni, una famiglia di cinque persone. Consumiamo salumi: acquistiamo al supermercato (di solito nelle catene Conad o Carrefour). Prosciutto crudo, cotto,

22 bresaola...siamo buone forchette non ci facciamo mancare nulla della tradizione italiana!ma rimango sconcertata perchè intravedo sulle fette della fosforescenza! Sembrano quasi siano passate con gli evidenziatori!mio marito dice che esagero, che i salumi sono buoni, di qualità, non puzzano e sono gustosi!ma a me quel fosforescente mi inquieta...grazie, attendo con ansia la vostra risposta Valy. Gentile Sig.ra Valeria, la fluorescenza è un metodo di conservazione del prodotto. Il DM 21/03/73 e smi prevede inoltre la verifica di alcuni requisiti di purezza, in particolare: 1.policlorobifenili o PCB (limite 2 ppm); 2.assenza di cessione di imbiancanti ottici se carta e cartone sono destinati al contatto con alimenti per i quali sono previste prove di migrazione; 3.piombo (limite 3 µg/dm2). I materiali destinati al contatto con l alimento oltre a non dover cedere sostanze che possano rendere tossico l alimento non devono nemmeno comportare un deterioramento delle caratteristiche organolettiche. Allo scopo di valutare preventivamente la possibilità che un contatto con il materiale d imballaggio porti ad un difetto olfattivo e/o gustativo dell alimento vengono condotti dei test atti a verificare l idoneità organolettica del materiale di confezionamento. Sono pertanto effettuati dei test olfattivi e gustativi su alimenti o loro simulanti posti a contatto con gli imballaggi oggetto di indagine. La informo, inoltre, che possono certamente verificarsi dei difetti organolettici. Tali difetti possono derivare da: migrazione di sostanze odorigene dal packaging all'alimento e/o allo spazio di testa interno alla confezione; inadeguata protezione dell'alimento dall'ambiente esterno; reazione di sostanze presenti nel packaging tra loro e/o con sostanze contenute nell'alimento. Buongiorno dott. Niro, sono una studentessa di Biotecnologie Agro-Industriali dell'università "La Sapienza" di Roma, sto cercando un argomento per realizzare la mia tesi di laurea sperimentale. Mi piacerebbe affrontare il problema delle frodi alimentari, applicando tecniche di laboratorio di analisi chimica degli alimenti e le chiedo se potrebbe indicarmi dei suggerimenti per realizzare la mia tesi. Grazie, Cordiali Saluti. Simona Ba...ro

23 R. Gentile laureanda, tenga presente che quando si parla di frodi alimentari si fa sempre riferimento alla produzione e al commercio di alimenti non conformi alle normative vigenti. Le frodi alimentari si dividono in frodi sanitarie e frodi commerciali. Le frodi sanitarie rendono nocive le sostanze alimentari e attentano alla salute pubblica. Queste, possono essere commesse da chiunque detiene per il commercio o pone in commercio o distribuisce per il consumo, acque, sostanze o cose adulterate o contraffatte in modo pericoloso per la salute pubblica''.(artt. 442 e 444 del Codice Penale). I casi di frodi alimentari si dividono in: - adulterazione (modifica della composizione o mescolamento con altre sostanze di qualità inferiore); - contraffazione (alimento posto in commercio con composizioni o valori diversi da quelli dichiarati); - sofisticazione (modificazione dell alimento con un altro alimento di qualità e valore nutrizionale inferiore). La sofisticazione avviene anche con l uso di sostanze chimiche (addittivi) non consentiti dalla legge. - Alterazione (modifiche delle caratteristiche chimico-fisiche e/o organolettiche di un alimento). L'alterazione è un processo naturale. Le frodi commerciali,invece,ledono i diritti contrattuali e patrimoniali del consumatore (art. 515 del Codice Penale). Le suggerisco di affrontare un problema molto diffuso, cioè quello sulle frodi per i formaggi applicandoleall analisi chimica e prove di laboratorio. Si svolgono verifiche estese a tutta la filiera dei formaggi tipici,da quelli a pasta filata,dei prodotti dichiarati di latte di bufala,di capra e di pecora. Le verifiche sono estese pure per i formaggi DOP con particolare riguardo alla mozzarella di bufala campana. Dall analisi chimica potrà verificare e accertarsi sia l impiego di latte vaccino nella produzione di formaggi dichiarati di bufala, pecora o capra che la presenza di addittivi non consentiti. Infine, Le sottolineo di concordare il tema del lavoro con il professore della tesi. Cordiali saluti Dott. Emiliano Niro

24 Paste alimentari fresche Egregio Dottore, potrei conoscere i trattamenti termici necessari per l'ottenimento di paste alimentari fresche confezionate e la normativa. Distinti saluti Roberto Gentile Sig. Roberto, le paste alimentari fresche, poste in vendita in imballaggi preconfezionati, devono essere, ai sensi dell'art. 9 comma 5, lettera c) del D.P.R. 187/2001, sottoposte a trattamento termico equivalente almeno alla pastorizzazione e cioè a temperature che assicurino il raggiungimento di 70 C al cuore dell'alimento, per 3 minuti. Vendita diretta in azienda D. Salve, Posso avere informazioni in merito alla normativa disciplinante per la "vendita diretta" dei prodotti agricoli? R. Il D. Lgs. n. 228/2001, e successive modifiche ed integrazioni, disciplina l'esercizio dell'attività di vendita da parte dell'impresa agricola, organizzata anche in forma societaria. Infatti tale norma consente agli imprenditori agricoli, singoli o associati, purchè iscritti nel Registro delle Imprese, in deroga alla disciplina ordinaria del commercio, di porre in vendita al dettaglio i propri prodotti agricoli. La vendita può riguardare anche prodotti derivati, ovvero quelli ottenuti a seguito di attività di manipolazione o trasformazione dei prodotti agricoli e zootecnici, provenienti dal ciclo produttivo dell'impresa, nonché i prodotti acquistati da terzi, purchè questi ultimi appartengano allo stesso comparto agronomico dell'azienda agricola del venditore. Nell'ambito della vendita diretta, inoltre, i prodotti acquistati da terzi, rientranti nel medesimo comparto agronomico, non dovranno essere prevalenti rispetto a quelli ottenuti dall'attività agricola dell'azienda, anche a seguito di manipolazione o trasformazione. Se dalla vendita di prodotti acquistati da terzi ne dovesse derivare un

25 guadagno maggiore di quello ottenuto dalla cessione di prodotti propri dell'azienda, la vendita dei prodotti acquistati da terzi sarà soggetta alla disciplina del commercio. Infine, consideri che, a prescindere dal criterio della prevalenza innanzi individuato, quando i ricavi derivati dalla vendita dei prodotti non provenienti dalla propria azienda superi, nell'anno solare precedente, i 4 milioni di euro ad essi si applicherà, comunque, la disciplina del commercio. L attività di vendita diretta non può essere esercitata dagli imprenditori agricoli, singoli o soci di società di persone e dalle persone giuridiche i cui amministratori abbiano riportato,nell'espletamento delle funzioni connesse alla carica ricoperta nella società, condanne con sentenza passata in giudicato, per delitti in materia di igiene e sanità o di frode nella preparazione degli alimenti nel quinquennio precedente all'inizio dell'esercizio dell'attività 18 marzo Da quale legge è regolamentata la vendita diretta in azienda da parte degli agricoltori? La vendita diretta è disciplinata dal Decreto del ministro Paolo De Castro del 20 novembre 2007, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 301 del 29 dicembre Tempi di congelamento e surgelazione sono gli stessi? Salve, siamo un industria. Abbiamo bisogno di sapere le modalità precise di conservazione a freddo per i nostri prodotti. Ossia le temperature precise di: refrigerazione, congelamento e surgelazione. Il congelamento e la surgelazione ci ha suggerito che hanno le stesse temperature. Abbiamo intenzione di ampliare la nostra azienda e non sappiamo precisamente le temperature ideali da rispettare. Sappiamo che se non si rispettano tali requisiti potremmo essere soggetti a multe. Chiediamo una risposta da parte del Dott. Niro. Con stima e cordialità. Salve, Le dico che la surgelazione ed il congelamento, non hanno le stesse temperature. Sono due metodi di conservazione a freddo ben diversi. Le temperature di refrigerazione si effettuano da 0 C fino a 10 C. E importante tenere presente che queste temperature non determinano la distruzione o l inattivazione definitiva dei microrganismi responsabili delle tossinfezioni ma solo il rallentamento della loro crescita. Più basse sono le temperature, maggiore è il rallentamento dell attività microbica. Il congelamento invece viene effettuato a temperature inferiori a 15 C; determina il blocco pressoché totale della crescita microbica.

26 Infine, la surgelazione viene effettuata a temperatura inferiore a 18 C formando i cosi detti cristalli di ghiaccio cosi piccoli da non determinare assolutamente il danneggiamento dell alimento. Determinano invece il blocco totale della crescita microbica. Ad ogni modo consiglio sempre di avere in azienda un consulente esperto. N.b. Bisogna ricordare che: - Non si deve scongelare mai a temperatura ambiente, in quanto i germi possono moltiplicarsi dopo lo scongelamento. - Dopo lo scongelamento,gli alimenti devono essere manipolati in maniera tale da ridurre al minimo il rilascio di proliferazione di microrganismi patogeni o la formazione di tossine. Infatti i prodotti congelati, una volta scongelati, devono essere conservati in frigorifero e consumati entro 24 ore. Aprire una Pasticceria Salve Dott. Vorrei aprire un punto vendita di pasticceria senza laboratorio. L'ho trovato per caso su internet. Vorrei un' informazione se occorre sempre l' iscrizione al rec e che tipo di documentazione ci vorrebbe? Vorrei vendere bevande però acquistate da terzi. Mi aiuti un pò qui mi danno tutte notizie diverse. Saluti Alberto S. Gentile Sig. Alberto, le pasticcerie sono attività artigianali. Le attività artigianali non hanno bisogno di alcun corso per poter essere aperte (il rec per le attività artigianali non esiste più). L avvio di una pasticceria è soggetto, in Italia, a norme disciplinate dalle Regioni, che si rifanno, comunque, ad una normativa nazionale. Con la legge 248/06 viene, di fatto, abolito il REC(Registro esercenti il Commercio), quindi, l iscrizione al REC non è più obbligatoria, ma solo il possesso dei requisiti professionali e morali da comunicare al Comune. Anzitutto è opportuno sottolineare che è importante fare una verifica presso le sedi istituzionali della propria città (Comune, la Camera di Commercio e la ASL) per essere certi che non vi siano vincoli specifici regionali e comunali. - avviare ufficialmente l'attività imprenditoriale aprendo la Partita IVA e scegliendo la forma societaria più indicata, con la collaborazione di un commercialista. - iscrivere all'inps ed all'inail i primi dipendenti, gli eventuali collaboratori familiari ed i titolari stessi. - nel caso i locali siano in affitto, occorre registrare il contratto di locazione presso la sede competente del Registro.

27 - dall'ufficio Tecnico del Comune occorre ottenere le Concessioni Edilizie necessarie nel caso si debbano modificare le strutture del locale che si è scelto (destinazione d uso). - In sostituzione del vecchio Libretto Sanitario, ora i dipendenti ed i titolari (se operativi nel locale) devono frequentare un corso di almeno 4 ore per la manipolazione delle sostanze alimentari. - Occorre redigere un Manuale HACCP, meglio se con la collaborazione di un consulente,che indichi le procedure interne seguite in relazione alla conservazione degli alimenti, alla pulizia delle attrezzature e dei locali, alle azioni di sanificazione ed al monitoraggio degli impianti. - L ASL deve rilasciare un documento di Idoneità Sanitaria,previa uscita di controllo e verifica. Bagni, disposizione di alcuni locali, alcuni arredi, metri disponibili ed altre cose devono corrispondere a quanto necessario per garantire igiene e sicurezza. - Dall'Ufficio Commercio del Comune si ottiene la Licenza Commerciale per l'attività. - Presso l'agenzia indicata dal Comune si espletano le formalità per avere l'autorizzazione all'esposizione dell'insegna all'esterno. Se si vogliono vendere alimenti acquistati da terzi (come ad es. le bevande) allora occorre avere i seguenti requisiti previsti dal D.lgs 114/98 in tema di commercio di alimenti e bevande. Il laboratorio deve avere i muri con superficie lavabile fino a due metri di altezza (meglio piastrelle chiare con angoli arrotondati). Occorre montare una cappa aspirante con eventuale abbattitore di fumi. L attività a norma secondo ASL e regolamento comunale di igiene, una volta arredata ed ultimata, può iniziare a lavorare previa presentazione all ASL della Domanda di Inizio Attività (ex Autorizzazione Sanitaria) con opportuna relazione tecnico descrittiva. Il mio studio si occupa anche di questo. Cordiali saluti Dott. E. Niro Mobile: Mozzarella Blu. formaggio rosa...brersaola forforescente: come tutelarsi Gentile redazione, in merito alle notizie (purtroppo cicliche e oramai più spesso ricorrenti)

28 sulle mozzarelle blu, mi capita spesso di notare che i giornali ed in genere i mass media non riportano il nome del produttore. Ma cosa è più importante: tutelare l'immagine del produttore o la salute dei cittadini? Rimango basita di fronte a certe situazioni: credo che noi cittadini dobbiamo essere tutelati quando c'è di mezzo la nostra salute e quella dei nostri figli! Mi scusi lo sfogo, auguro buon lavoro ed invio i miei saluti. Prima di farvi rispondere dal nostro esperto mi permetto di fare anche io delle considerazioni in merito alla domanda fatta pervenire sulla nostra posta in via anonima da un ns lettore. Vi informo che innazitutto nei prossimi mesi verrà pubblicato un approfondimento sul rapporto informazione e tutela della salute dei consumetori nel settore alimentare. Spesso gli organi di stampa enfatizzano notizie senza però citare le aziende oggetto di ammende e sanzioni per illeciti da parte delle forze dell'ordine, non per negligenza ma per uan sorta di tutela e di privace o perchè le indagini sono ancora in corso. Una cosa che vi e ci deve sollevare è il fatto che i controlli vengono effettuati le sanzioni e ammende fatte e che quindi l'importante è stare in allerta. Vi lascio ora alla risposta del Dott.Niro R. Gentile Signore/a, rispondendo alla Sua, Le dico che ancora tutt oggi, da quello che mi risulta, le cause della colorazione della mozzarella blu non sono tutte chiare. In questi ultimi mesi sono stati analizzati un centinaio di campioni prelevati dall autorità sanitarie. Si è riscontrata la presenza di un batterio chiamato Pseudomanas. Le dico che tutelare la salute dei cittadini rappresenta un elemento di primaria importanza. Esistono gli organi di controllo, organi che ho già citato in altre mie risposte. Nel momento in cui si riscontrano elementi igienici sanitari come il caso da Lei citato, il produttore riceve un ammenta. Le assicuro che spessissimo la punizione è disastrosa. Tutto questo lo si fa proprio per tutelare la salute dei cittadini. Le dò un parere personale sull immagine del produttore. Credo che non sia il caso di riportare il nome del produttore perché il consumatore inteso come cittadino viene tutelato anche con l informazione.le e Vi assicuro che per sbagliare nel campo alimentare basta davvero poco. Ora, non voglio certamente farle una lezione microbiologica però posso tranquillamente affermare che il batterio Pseudomanas che ha attaccato la mozzarella è tra i meno pericolosi, se assunto con alimenti. Da una ricerca effettuata all Università degli studi di Parma, ricerca che io stesso ho collaborato, è stato stimato che su 1 milione di Pseudomanas per grammo, l alimento si presenta quasi sempre alterato in qualche modo. Per causare un mal di pancia a una persona adulta e con normali difese immunitarie ci vogliono circa un miliardo di Pseudomanas per grammo di alimento. Come proteggersi? Occhio sempre alle scadenze e conservazioni. Cordiali saluti D.i.a. alimentare ASL

29 Buon giorno Dottore, mi chiamo Alessandro e la scrivo dalla provincia di Bari. Sono un venditore ambulante e leggendo un suo post ho visto che parla anche di dia alimentare. Ma anche a noi venditori ambulanti occorre presentare la dia? Ma prima della dia occorrono altri documenti? Sinceramente ci sono pareri discordanti in merito. Grazie. R. Gentile Sig. Alessandro, la d.i.a. (domanda o denunzia inizio attività) va presentata all ASL di zona reparto sian. Occorre compilare un modulo prestampato da compilare nelle sue parti. Successivamente occorrerà allegare ad esso una relazione tecnico descrittiva evidenziando la tipologia dei prodotti venduti dall attività. Tale relazione deve essere necessariamente redatta da un tecnico abilitato descrivendo le caratteristiche specifiche del mezzo, dove viene depositato e in che modo viene lavato. I documenti che occorrono sono i seguenti: libretto di circolazione del mezzo; documento di identità; formazione sanitaria; manuale haccp; versamento effettuato all asl;varie ed eventuali. Il tutto generalmente in quattro copie. Le preciso, inoltre, che il mezzo di trasporto deve identificarsi come atossico ossia deve essere stato preparato specificatamente per il trasporto e la vendita di sostanze alimentari. N.B. Preciso che le indicazioni sono generiche e possono variare tra Regioni. cordilaità Aprire una discoteca sul gargano. (abbiamo deciso di rispondere anche a domande che si differenziano un pò per tipologie di argomenti. Infatti molte sono quelle che ci inviate questa è una che prendiamo come esemplificazione) Gentile Dott. Emiliano Niro, siamo due sorelle che vorrebbero, in prossimità della primavera aprire una discoteca sul gargano. Sinceramente siamo molto confuse perché i consigli che ci danno alcuni tecnici sono molto vari e diversificati. Ci può cortesemente delucidare in merito? Che tipo di autorizzazioni occorrono e quali sono i requisiti necessari per avviare una discoteca? Sappiamo anche che si occupa di finanziamenti c è qualche forma di finanziamento adatta al nostro futuro ma

30 immediato progetto? Attendiamo una sua indispensabile risposta sperando di fissare al più presto un appuntamento. Con stima. Laura R. Gentile Signora Laura, Le dico che chi intende avviare un attività di intrattenimenti musicali come la discoteca, deve necessariamente ottenere in primo luogo una lunga serie di autorizzazioni e, in secondo luogo, ottemperare a tutta una serie di requisiti. Per le autorizzazioni si procede con l iscrizione al registro esercenti, al registro ditte della Camera di commercio, al certificato di destinazione d uso dei locali, alla licenza amministrativa e di pubblica sicurezza (queste due ultime autorizzazioni vengono rilasciate dal Comune); poi c è il parere della Commissione provinciale di vigilanza (prefettura), che si esprime in base ad alcuni parametri quali la localizzazione, le uscite di sicurezza e la metratura del locale che si intende la capacità ideale di contenimento, ciò per garantire un rapido sfollamento in caso di incendio, infine il certificato di prevenzione incendi (vigili del fuoco) e l autorizzazione sanitaria (Asl).Per i requisiti di un locale troviamo l adeguamento degli impianti elettrici e di areazione secondo le normative di legge, gli arredi e un numero di servizi igienici proporzionato alla capienza effettiva (almeno uno ogni 50 persone). Altre strutture da inserire sono senz altro il servizio bar, il guardaroba, la biglietteria, i camerini per gli artisti e gli uffici di direzione. All esterno, invece, la dotazione di ampi parcheggi: necessità questa che orienta l apertura di nuove discoteche fuori dai centri urbani abitati. Non per ultimo si devono tener presente le attrezzature per l attività di intrattenimento vera e propria, assai complesse e sofisticate quali: piste da ballo, allestimenti vari, palco per spettatori dal vivo, impianto luci, audio e video, sala virtuale e impianto di ricircolo d aria. Ovviamente, come in ogni locale da ballo è prevista la visita della commissione di vigilanza sui pubblici spettacoli che verificherà l agibilità del locale e se risponde alle norme sulla sicurezza vigenti. Per quanto riguarda invece ad una forma di finanziamento più adatta alla Sua idea si potrebbe optare verso degli interessantissimi finanziamenti della C.E. Occorrono però dei requisiti che saranno quelli che Le illustrerò. Ad ogni modo sarò lieto di seguirla passo per passo per il Suo progetto. Cordiali saluti

31 Come tutelare i propri figli D.Gentile redazione, vi sarei grata se giraste all'esperto il mio quesito: una madre come fa a tutelare i propri figli quando sceglie cosa portare in tavola? Come andare sul sicuro? Fidarsi dei prodotti industriali (omogeneizzati, ecc) è un modo per tutelarsi, visti i controlli sulla produzione? E quanto è sicuro comprare il pollo dall'allevatore sotto casa? Grazie Una mamma preoccupata R. Gentile signora, esistono delle norme fondamentali contenute nel regolamento (C.E.) n.178/2002 del Parlamento Europeo e del Consiglio che stabiliscono i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare. Rispondendo alla Sua di come fare per tutelare i propri figli per scegliere il giusto alimento da portare in tavola, Le dico che: i controlli ci sono e sono abbastanza rigorosi. Inoltre per andare più sicuri consiglio sempre di guardare bene l etichetta e di fare attenzione al contenuto soprattutto della percentuale di grassi contenuti e che ovviamente variano da alimento ad alimento. Le industrie, almeno la maggior parte, sono ormai tecnicamente e tecnologicamente organizzate per puntare sempre più sulla qualità. Personalmente qualche anno fà sono stato ospite della Cameo a Desenzano del Garda e devo dire che sono rimasto molto colpito da come e in che modo vengono lavorati i vari prodotti. Ai fini del regolamento sopra citato Le dico,inoltre, che le varie industrie sono sottoposte a: 1) controlli ufficiali : controlli eseguiti dall autorità competente o dalla Comunità per verificare le conformità; 2) verifica : la verifica non ha altro il fine di stabilire se sono stati soddisfatti i requisiti qualitativi e le norme igieniche; 3) audit : un esame sistematico e indipendente per accertare se determinate attività ed i risultati ottenuti siano conformi alle disposizioni previste; 4) ispezione : non è altro che un esame vero e proprio di qualsiasi aspetto relativo ai mangimi,agli alimenti, alla salute e al benessere degli animali. Il fine è quello di verificare che tali aspetti siano conformi alle prescrizioni di legge relative ai mangimi, agli alimenti, alla salute degli animali. 5) monitoraggio : cioè la realizzazione di una sequenza predefinita di osservazioni o misure per migliorare la salute ed il benessere degli animali;

32 6) sorveglianza : l osservazione approfondita di una o più aziende nel settore dei mangimi e degli alimenti; 7) controllo d identità :un ispezione visuale per assicurare che i certificati o altri documenti di accompagnamento della partita coincidano sia con l etichettature che con il contenuto della partita stessa; 8) controllo materiale : un controllo dell alimento o del mangime che può comprendere controlli sui mezzi di trasporto, sugli imballaggi, sull etichettatura e sulla temperatura. 9) piano di controllo : una descrizione elaborata dall autorità competente contenete informazioni generali sulla struttura e l organizzazione dei sistemi di controllo ufficiale. Quindi, Lei, come mamma può stare tranquilla perché il pollo che compra sotto casa ha già subito una serie di controlli. Quindi, è sicuro! Saluti. igiene Haccp Ammenda per il non aggiornamento del manuale di D. Dottore, mi aiuti. La scrivo dalla provincia di Foggia. L ho vista tempo fa in televisione e una mia amica sua cliente mi ha parlato di lei dicendomi di contattarla perchè lei è bravo ad aiutare tutti. Sono una donna di 33 anni che insieme al mio compagno abbiamo deciso di aprire un ristorante. Ieri abbiamo avuto un controllo e una multa di 4,500 euro per il non aggiornamento del manuale haccp e per la compilazione anticipata delle schede di pulizia e temperature. Inoltre ci hanno trovati sprovvisti dei libretti sanitari ma.non erano stati aboliti? Può intervenire per favore Lei?? Ci aiuti abbiamo due bambini piccoli e come sà la crisi si fa sentire. Confidando in lei attendo sue notizie. Raffaella. R.Gentile signora Raffaella, mi spiace per quanto accaduto. Le dico, intanto, che gli organi di controllo come i Nas, gli ispettori Asl, ecc altro non fanno che fare rispettare la legge. Sinceramente mi sorprende che non è al corrente che ormai da diversi anni esistono i corsi di formazione per personale alimentarista sostitutivi l ex libretti sanitari. Le dico, inoltre, che sia le schede di temperature che quelle di pulizia vanno compilate giornalmente e non anticipando gli eventi. Non conosco la Sua azienda quindi non posso sapere cosa ha previsto il Suo consulente.la invito a chiamarmi per fissare un appuntamento. Spero di aiutarla. Cordiali saluti Dott. Emiliano Niro

33 Che cosa vuol dire qualità di un prodotto alimentare? D. Gentile Dott. Emiliano Niro, mi chiamo Margherita e sono un'avvovato. Sono stata sempre affascinata dal Suo e impegnativo lavoro di Consulente Tecnologo Alimentare e, da poco che per caso su internet ho letto alcune Sue risposte a diverse domande. Devo dire che giovane com' è, è davvero molto preparato. Ora Le faccio io una domanda che per molti sembra semplice la risposta ma per mè non lo è affatto. Sento molto parlare di qualità di prodotti alimentari. Ora, per stare ai passi anche le industrie puntano sempre più sulla qualità che sulla quantità. Ma da qualità in realtà vuol dire altro...no? C'è e me lo può spiegare? Quali sono i principali strumenti normativi utilizzati per assicurare la sicurezza alimentare e la valorizzazione dei prodotti tipici sotto l' aspetto legale? La saluto e Le auguro un sereno Natale.. R. Gentile avvocato, Le spiego in maniera semplice ma tecnica il concetto di qualità. Si parla spesso di qualità facendo sempre più attenzione a tale concetto. Un tempo i produttori erano più concentrati a produrre la quantità facendo poca attenzione alla qualità. La qualità può essere definita prendendo in considerazione parametri chimici, fisici, microbiologici,tecnologici, realogici e sensoriali. Il concetto di qualità col passare degli anni ha subito una profonda evoluzione. Il consumatore richiede per un prodotto, oltre la dimensione, forma, pezzatura, colore, ecc, anche altri parametri quali: la salubrità, i requisiti nutrizionali, il gusto, l aroma, ecc. Quali sono i principali aspetti della Qualità di un Prodotto Alimentare? Abbiamo diverse tipologie di qualità: qualità merceologica che riguarda l aspetto esteriore, il confezionamento e le caratteristiche commerciali del prodotto. Qualità nutrizionale che riguarda gli ingredienti contenuti negli alimenti; qualità di origine (tipicità) che rappresenta la zona di origine tipica (DOP, IGT,AS); qualità organolettica che è individuata come uno degli aspetti gustativi tipici; qualità igienico-sanitaria; qualità ambientale che deve rappresentare le certificazioni di metodi di produzione ecocombatibili con imballaggi riciclabili o biodegradabili. Dal 1963 è in vigore il codice alimentare internazionale Il CODEX ALIMENTARIUS per garantire la sicurezza alimentare a livello mondiale. Tale codice stabilisce anche alcuni standard globali per i residui di pesticidi e farmaci veterinari, per gli addittivi, per le importazioni alimentari e per i metodi di campionamento alimentare. Negli ultimi anni sono stati studiati una serie di indicatori chimici. Tali indicatori, grazie alle loro caratteristiche

34 produttive ed al loro significato biologico,biochimico e chimico ottimizzano la qualità iniziale degli alimenti. Inoltre, ad esempio, se parliamo di frutta, posso affermare che l uso di determinate forme di allevamento, ovvero di Tecniche di potatura, diradamento, ecc.,possono conferire ai frutti una particolare sapidità. Per quel che riguarda i prodotti trasformati, gli stumenti utilizzati, l abilità e l esperienza dell operatore, i tempi, le modalità operative, ecc., possono creare un prodotto unico. Quali sono i principali strumenti normativi utilizzati per assicurare la sicurezza alimentare e la valorizzazione dei prodotti tipici? I principali strumenti normativi utilizzati per assicurare la sicurezza alimentare e la valorizzazione dei prodotti tipici sono: - denominazione d Origine Protetta (D.O.P.); - indicazione Geografica Protetta (I.G.P.); - attestazione di specificità (A.S.) o specialità; - tradizionale garantita (S.G.T.). In base al Reg. CEE 2081/92 si definisce Denominazione d Origine Protetta (D.O. P.) il nome di una regione o determinato luogo o in casi eccezionali di un paese che producono prodotti agricoli o alimentari con l escusione dei prodotti liquorosi. Affinchè un prodotto si possa fregiare del marchio DOP, è necessario, tra l altro, che venga ottenuto attendendosi ad un severo disciplinare di produzione e che sia sottoposto ai previsti controlli da parte di organismi di certificazione autorizzati. Facendo riferimento sempre allo stesso regolamento sopra citato (Reg. CEE 2081/92), si definisce come Indicazione Geografica Protetta (IGP) come un marchio collettivo che si differenzia dalla DOP in quanto è necessario che una sola fase del processo produttivo avvenga in una determinata area geografica. Il Reg. CEE 2082/92, recita letteralmente che l attestazione specificità è: l elemento o l insieme di elementi che distinguono nettamente un prodotto agricolo o alimentare da altri prodotti o alimenti analoghi appartenenti alla stessa categoria. Le caratteristiche di un prodotto che giustificano il rilascio di un attestazione di specificità, non risultano correlate al territorio e pertanto qualsiasi produttore di tutta l area europea,rispettando le prescrizioni, può utilizzare l attestazione stessa. Attualmente è stata registrata come A.S. o S.G.T. la Mozzarella. E importante, a mio avviso, che il consumatore deve abituarsi a distinguere tra il prodotto DOP Mozzarella di Bufala Campana ed il prodotto che si avvale della A.S. o S.T.G. e che potrà essere ottenuto nella stessa Campania come in Lombardia, come in Francia o in Germania, ecc. Mi contatti pure se dovesseaver bisogno di maggiori delucidazioni per diventa troppo lungo. Cordiali saluti

35 Dott. Emiliano Niro Tecnologo Alimentare Foggia e prov. Mobile: Con l'olio di oliva fino al 73% in meno di rischio infarto. D. Buona sera Dott. Niro. Sono uno studente della Facoltà di Agraria dell' Università della Tuscia (Viterbo). Volevo porle una domanda visto che lei è un' esperto e soprattutto è un tecnologo alimentare. Mi dovrei laureare a febbraio e preparando una tesi sperimentale sull' olio di oliva volevo chiederle se era vero che l' olio di oliva riduce il rischio di infarto...se ha modo mi potrebbe aiutare a scrivere qualcosa in più. Grazie e complimenti...la leggo spesso e spero che un giorno avremmo modo di conoscerci di persona. Ringraziandola in anticipo con stima la saluto. Gentile signore, Le dico che è stato recentemente dimostrato che consumare più olio di oliva può ridurre fino al 73% il rischio di sviluppare l infarto nelle persone anziane. Questa percentuale è stata raggiunta comparando tra loro soggetti ultrasessantacinquenni che non facessero uso di olio d oliva ad altri che invece ne consumano regolarmente. Ma, anche tra i consumatori d olio di oliva in quantità modica, il rischio è ridotto di oltre il 40%. A livello ematico è stata rintracciata una più alta presenza di acido oleico, il grasso monoinsaturo che costituisce larga parte dell olio di oliva. La ricerca suggerisce quindi che, per prevenire l infarto, andrebbero stilate nuove raccomandazioni dietetiche per gli over 65. Non è la prima volta che un consumo elevato di olio di oliva viene considerato positivamente. Nonostante buona parte delle Linee guida per una sana alimentazione emanate dalle autorità sanitarie dei vari dell Unione Europea limitino il consumo di grassi ad un massimo di 25-30% delle calorie introdotte su base giornaliera, una recente ricerca condotta dal dottor Valerio Nobili e pubblicata su una rivista consigliava addirittura di usare l olio di oliva come integratore, facendone un uso supplementare rispetto ai quantitativi normalmente ingeriti nell ambito di una ordinaria dieta. E questo per guarire dalla sindrome metabolica, tipica delle persone obese! Un aspetto solo apparentemente contradditorio: più grassi (ma sani) per essere meno obesi. Un altra pubblicazione apparsa quest anno sull European Journal of Clinical Nutrition evidenzia come un consumo in dose extra-large di olio di oliva avrebbe marcati effetti anti-aterosclerotici, contribuendo a preservare lo stato di salute delle arterie, la loro elasticità e capacità di autoriparazione. Ovviamente il segreto sta nel sostituire grassi saturi con grassi monoinsaturi, più che semplicemente nell aggiungere gli uni agli altri. Il tutto,a mio avviso, sempre con moderazione.

36 regola con un frantoio oleario? Quali sono i documenti che occorrono per mettersi in D. Buona sera Dottore, ho un frantoio nella prov. di Foggia e visto che sono sia coltivatore di prodotto che trasformatore e commerciante, mi può dire cosa mi occorre realmente per mettermi in regola?potrei essere soggetto a multe? La mia etichettatura è giusta? Cosa e quali sono realmente i documenti che mi occorrono sull igiene del mio locale? Attendo una sua indispensabile risposta. Alfredo. R. Gentile sig. Alfredo, per mettersi in regola ed evitare multe Le occorre (capisco che non è in possesso) del manuale Haccp (ricordo che l assensa del manuale comporta una sanzione di 2000 euro). Successivamente LE occorrerà avere la formazione personale alimentarista (ex libretto sanitario)sia per Lei che è titolare che per i Suoi dipendenti e,contemporaneamente una dia alimentare presso l asl reparto sian primaria e se occorre anche post primaria. Per quanto riguarda la Sua etichettatura che sia giusta o meno, non posso darle una risposta perché non sò come e che tipo di etichettatura Lei usa per la commercializzazione del Suo prodotto. Etichettatura che presumo e spero provenga da un laboratorio accreditato facendo anche le opportune prove di stabilità del prodotto ai fini della data di scadenza. Tra i documenti rilevanti Le ricordo che occorre frequentare dei corsi sulla sicurezza di lavoro e smaltire le acque reflue mediante una ditta regolarmente certificata. Mi contatti pure se dovesse aver bisogno di una mia consulenza e di ulteriori delucidazioni. ****************************************************************************************************

37 D. Come avviare un caseificio? Salve, vorrei chiederle gentilmente se mi può inviare un' a...con su scritto tutte le procedure per avviare un mini caseificio. Distinti saluti. Antonio. R.Salve, non mi ha detto però da dove mi scrive. Ad ogni modo LE dico che: per avviare un mini caseificio occorrono, alcune attrezzature. Oggi giorno con le normative europee, bisogna essere in regola soprattutto dal punto di vista igienico-sanitario ed avere lo spazio adatto. E' importante acquistare una scrematrice, un doppio fondo per riscaldare il latte e chiaramente i tini per contenerlo. Esistono e sono il corso i finanziamenti a fondo perduto sia con MICROIMPRESA di Invitalia che finanzia fino a 2 milioni di euro di cui il 50% A FONDO PERDUTO e alcuni ed interessantissimi bandi della Regione Puglia ancheinerenti a caseifici da avviare (se mi scrive dalla Puglia). Chiaramente il tutto deve essere documentato da fatture che attestino le spese sostenute. Mi chiami per maggiori delucidazioni e sarò lieto di seguirla passo per passo per il Suo progetto. Saluti Dott. Emiliano Niro Tecnologo Alimentare D.Corsi di formazione per personale alimentarista (ex libretto sanitario). Buona sera Dottore, ho una piccola industria di conserve nel foggiano. Abbiamo ancora i libretti sanitari e mi hanno detto che ora il libretto sanitario non esiste più ed esistono i corsi di formazione per personale alimentarista. E' importante avere l' attestato? Chi deve effettivamente frequentare il corso? Attendendo risposta, spero di avere il piacere di conoscerla personalmente. R. Gentile signore, tutti gli operatori (titolare e dipendenti), sono tenuti alla frequenza di un corso haccp dalla durata complessiva di 4 ore. La validità è di 4 anni. L' attestato è valido in Tutta Italia. Devono effettuare il corso per personale alimentarista tutti coloro che prestano un servizio (non importa che sia saltuario, a turno o fisso) presso bar, ristoranti, macellerie, pub, pescherie, vendita e distribuzione di frutta e verdura, ecc.

38 Direi che sia indispensabile per un' azienda avere gli attestati di avvenuta formazione. E' come avere l'assicurazione alla propia auto. Non avere l' attestato di formazione alimentare vuol dire ricevere una sanzione. Possono organizzare ed attuare i corsi formativi: - il titolare dell' impresa alimentare per i propi dipendenti. Il mio studio organizza i corsi di formazione sanitaria DIRETTAMENTE in AZIENDA con rilascio degli ATTESTATI DI AVVENUTA FORMAZIONE. Cordiali saluti Dott. Emiliano Niro Per info: D.Si rischia una sanzione per il non aggiornamento del manuale di autocontrollo? Buona sera dott. Emiliano Niro ho una gastronomia è da quattro anni non ho più il controllo haccp, cosa rischio come sanzione amministrativa e chi lorgano di controllo?? distinti saluti Antonio R. Gentile Signor Antonio, purtroppo le sanzioni sull' HACCP sono abbastanza alte ed a volte si è ben poco informati a tal riguardo. Rischia una sansione di 2000 euro minimo in caso di controllo. Anche se, nel Suo caso, è in possesso di un vecchio manuale di autocontrollo, sicuramente non aggiornato con le nuove normative comunitarie. Non so se ha fatto la formazione haccp (ex libretti sanitari) cosa che faccio regolarmente per i miei clienti. A volte basta poco per mettersi in regola ed evitare spiacevoli inconvenienti. Mi contattatti pure se dovesse avere bisogno di una mia consulenza e sarò lieto di seguirla. Saluti Dott. Emiliano Niro Tecnologo Alimentare Cell: Olio dioliva rancido Gentile dott. Niro, ho un frantoio a...ed il mio olio(in parte ha un sapore di rancido). Come

39 potrei risolvere questo problema? Ho sentito parlare di lei e mi hanno detto che si occupa anche di analisi di alimenti. Facciamo un analisi? Che ne dice? Può aiutarci? Attendiamo risposta. Salve, l olio di oliva ha il così detto sapore di rancido perché si è ossidato. Diverse possono essere le cause: - per calore; - per eccesso di luce; - perché è stato troppo a contatto con l aria; - perché il contenitore non è stato pulito bene. I contenitori migliori per conservare grosse quantità di olio di oliva sono quelli di acciaio inox e questo Lei lo sa. Questi possiedono varie caratteristiche quali: 1) mantengono l olio al buio; 2) sono facilmente lavabili; 3) non conferiscono odori e sapori sgradevoli all olio; 4) agiscono da isolamento. Per piccole quantità da usare in cucina sono consigliabili quelli in vetro. Possibilmente scuro perchè filtra poca luce. La temperatura ottimale per la conservazione dell olio non deve superare i 15 C. Rispondendo infine alla Sua, a mio avviso con le analisi del prodotto non risolve il problema. Mi contatti pure per maggiori chiarimenti. Cordiali saluti Dott. Emiliano Niro San Severo (Fg) Cell: Che permessi ci vogliono per aggiungere,in un negozio di frutta e verdura, un banco di genere alimentare per gli affettati? D.Buona sera mi saprebbe dire che permessi ci vogliono per mettere, in un negozio di frutta e verdura, un banco di genere alimentare per gli affettati ealtro?grazie. Cri R.Gentile Signora, Lei può ampliare la sua attività anche nel locale di cui mi parla, purchè rispetti i requisiti igienicosanitari previsti dalle ASL. I permessi che servono per poter essere in regola per l'ampliamento di una attività di frutta e verdura con generi alimentari sono: - d.i.a. sanitaria ossia domanda o denunzia di inizio attività con relativa relazione tecnico descrittiva. Il tutto da presentare all ASL reparto sian; - aggiornamento del manuale haccp adeguato all attività. Per manuali haccp,d.i.a sanitaria e formazione haccp. Dott. Emiliano Niro Tecnologo Alimentare Mobile:

40 \ Ossidazione dei pigmenti nei vini Salve dottore, Ho una cantina a Lucera e un enologo mi ha fatto incuriosire indicandomi come responsabile della mutazione dei colori nei vini bianchi l'ossidazione della clorofilla.ho chiesto spiegazioni a questo bravo enologo che mi segue la cantina ma, non è stato molto chiaro. Mi sono cimentata un po nella lettura per capire bene cos è la clorofilla. Ma c è nei vini Perché ci sono cosi ampie gamme di colori nei vini in commercio? Perché cambia colore nel corso del tempo? R. Gentile signora, la clorofilla c'è, ma solo nella prima fase di maturazione delle uve, quando, poi, lascia il posto alle sostanze polifenoliche responsabili della colorazione delle bucce: in realtà i pigmenti sono i leucoantociani, le catechine ed gli antociani (per i vini rossi).rispondendo alla Sua del perché ci sono ampie gamme di colori nei vini in commercio Le dico che la colorazione dei vini è influenzata da tanti fattori, ma ne indico solo alcuni: la concentrazione dei polifenoli l'acidità del vino l'etàtecniche di vinificazione (temperatura, fermentazione...) I motivi per cui un vino è più trasparente o ha un colore più carico sono davvero tanti! Perchè un vino cambia di colore nel corso del tempo? Le sostanze polifenoliche con l'invecchiamento e con l'ossidazione formano dei grossi complessi chiamati polimeri che precipitano (il deposito che si forma sul fondo di una bottiglia) e questo fenomeno si accompagna anche ad una variazione del colore nel vino (rosso mattone o giallo aranciato). Mi contattatti pure se dovesse avere bisogno di una consulenza in azienda. Cordiali saluti Dott. Emiliano Niro Tecnologo Alimentare Mobile: Informazioni durata piano haccp D:Gentilissimo dottore,avrei bisogno di sapere quanto tempo è valido un piano Haccp e i relativi corsi di formazione, dove trovo scritte queste informazioni? La ringrazio. Distinti saluti Dott.ssa Stabile Anna R.Gentile dottoressa, inanzitutto non sò da dove mi scrive. Rispondendo alla Sua, Le dico che un buon piano di autocontrollo è sempre valido se non sussistono variazioni di attività come ad esempio possono essere l' aggiunta e/o la modifica di macchine, attrezzature, ecc. L' haccp va solo revisionato e non

41 ha una scadenza. Per i corsi di formazione non sò precisamente a cosa si riferisce ma presumo si riferisca ai corsi di formazione personale alimentarista (ex libretto sanitario) chiamati anche formazione haccp. Tali corsi variano da regione a regione. E. Niro Nuove misure europee per il controllo delle diossine nella filiera alimentare. Buon giorno dottore, La contatto da Bari. Ho letto su un quotidiano che sono state approvate nuove misure europee per prevenire la contaminazione da diossine nel cibo e mangimi nell intera filiera alimentare. E vero? Lei che è un esperto tecnologo alimentare, mi sa dire qualche cosa? Sinceramente ho chiesto ad altri tecnici ma non mi hanno saputo dire molto. Attendo una Sua risposta in merito. Buon lavoro. Distinti saluti Dott. G.R.- Bari R. Gentile dottore, si, infatti, recentemente sono state approvate delle misure europee atte a prevenire la contaminazione da diossine nel cibo e mangimi. L UE ha modificato l allegato II del Regolamento (Ce) n. 183/2005 per quanto riguarda l'approvazione degli stabilimenti che immettono sul mercato oli miscelati, grassi e prodotti derivati da oli vegetali destinati ad essere utilizzati nei mangimi e per quanto riguarda i requisiti specifici per produzione, stoccaggio, trasporto e test per la diossina in grassi, oli e prodotti da essi derivati destinati ad essere utilizzati nei mangimi. Quattro sono le misure nel testo applicabili in tutta la Ue dalla metà del 2012, per ridurre il rischio di propagazione delle diossine nella filiera alimentare. L evento scatenante, è il caso di ricordarlo appena, è quello avvenuto in Germania all inizio del 2011 e che oltre agli evidenti rischi per i consumatori, ha creato una diffusa sfiducia sulla sicurezza alimentare di tutta una serie di alimenti animali. Le misure riguardano la necessità di approvazione da parte dell autorità competente degli stabilimenti che producono mangimi con oli vegetali, prodotti derivati da oli vegetali e miscele di grasso. Si va oltre la mera registrazione di tali aziende; obbligo di separazione tra grassi destinati a produzioni alimentari e mangimistiche da grassi usati per altri scopi (industria chimica).i prodotti così intesi inoltre avranno chiare indicazioni in etichetta sulla destinazione finale d uso; introduzione di piano armonizzato in tutta la Ue con test minimi obbligatori sulla diossina, a partire dalle ipotesi di rischio associato a determinati prodotti. Ciò consentirà inoltre alle imprese di migliorare i propri piani interni di Haccp; obbligo da parte dei laboratori di notificare direttamente alle autorità competenti qualsiasi livello di diossina riscontrato eccedenti i limiti. Tali misure sono intese a prevenire ritiri dal mercato successivi all immissione di prodotti alimentari e mangimi contaminati con livelli eccessivi di diossina. Le misure sono state pensate con un occhio agli eventi critici in cui si è verificata una rottura della sicurezza alimentare. Circa la tempistica, il progetto di Regolamento verrà trasmesso al Parlamento europeo e al Consiglio, prima che sia formalmente adottato dalla Commissione. L entrata in vigore è prevista nella prima metà del Sebbene le misure siano costose, è stata condivisa la loro necessità ed il

42 fatto che tali costi rappresentano una frazione dei costi da sostenere in caso di incidenti alimentari con diossina. Informazioni diritti reso per prodotti avariati Buongiorno Dott. Niro, mi chiamo Maria. Volevo sapere quali sono i diritti dei consumatori in merito ad acquisti di prodotti alimentari avariati. Nel caso specifico sabato scorso ho comprato presso un supermercato 3 confezioni di polpettine vegetali nel banco dei freschi con scadenza 4/7 dopo pochi giorni ho notato che solo una delle 3 confezioni si è gonfiata tantissimo (ho conservato tutte e tre le confezioni in frigo)...quindi eri ho riportato in negozio la confezione con lo scontrino e mi è stato detto che il punto venditanon risponde x i prodotti freschi perchè una volta che si interrompe la catena del fresco il punto vendita non è più responsabile.non mi sembra giusto che il punto vendita non sia obbligato a sostituire prodotti non scaduti, ma avariati al cliente...anche la commessa del negozio ha confermato che la confezione si era gonfiata in modo anomalo, ma la responsabile del negozio si è trattenuta scontrino e prodotto e non mi ha scontato la merce sulla nuova spesa. Vorrei capire se davvero ogni supermercato può decidere a suo piacimento quali regole applicare o se c'è una legge a tutela del consumatore. grazie attendo vostra risposta Gentile signora Maria, innanzitutto non doveva consentire alla negoziante di trattenere prodotto e scontrino, perdendo così ogni possibile ulteriore rivalsa. La legge di cui parla esiste: si tratta del decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206 (codice del consumo) il quale stabilisce chiaramente che (art. 130): 1. Il venditore è responsabile nei confronti del consumatore per qualsiasi difetto di conformità esistente al momento della consegna del bene. 2. In caso di difetto di conformità, il consumatore ha diritto al ripristino, senza spese, della conformità del bene mediante riparazione osostituzione, a norma dei commi 3, 4, 5 e 6, ovvero ad una riduzione adeguata del prezzo o alla risoluzione del contratto, conformemente ai commi 7, 8 e 9. Nel caso specifico, pur non essendo più in possesso del prodotto difettoso, può, comunque, segnalare l'accaduto alla ASL, ai Carabinieri o, meglio in questo caso, ad una Associazione di Consumatori, illustrando l'accaduto (precisando, oltre all'indirizzo del venditore, le caratteristiche del prodotto acquistato, con particolare riferimento al numero di lotto). Visto il tipo didifetto, potrebbe, ad esempio, darsi il caso che a carico di quel punto vendita e/o di quel prodotto vi siano già state altre segnalazioni. In aggiunta a quanto detto, è altresì importante che informi il fabbricante

43 del prodotto, comunicandogli sia l'inconveniente che il comportamento del negoziante, che le azioni di denuncia eventualmente effettuate. Saluti. Dott. Emiliano Niro Cosa occorre per poter svolgere attività agrituristiche? Buona sera Dr Niro, sono Susanna di San Giovanni Rotondo. Mi hanno detto di contattare lei per chiederle una informazione riguardante il sogno che io e il mio compagno abbiamo nell aprire un agriturismo. Vorremmo delle informazioni di cosa occorre per svolgere un attività agrituristica e se ci sono dei requisiti e se sono necessari permessi per l avvio del nostro sogno. Grazie per l attenzione. Gentile Sig.ra Susanna, per aprire ed avviare un agriturismo occorre disporre di un azienda agricola, in proprietà, usufrutto, affitto o comodato. E opportuno che l azienda eserciti un'attività di coltivazione o allevamento non è sufficiente, ad esempio, essere proprietari di un fondo o di un casolare. Occorre presentare: - una relazione sull attività prevista per il triennio successivo, ovvero il programma di miglioramento agricolo ambientale redatto ai sensi della L.R. 14 aprile 1995 n. 64 e successive modificazioni, dimostrando il carattere di principalità delle attività di coltivazione del fondo,silvicoltura e allevamento del bestiame rispetto all attività agrituristica. - Il rapporto di principalità si intende realizzato quando il valore delle entrate derivanti dall attività agrituristica, al netto della eventuale intermediazione di agenzie turistiche, sia inferiore a quello della produzione lorda vendibile agricola ed il tempo-lavoro impiegato nella attività agricola sia superiore a quello impiegato nell attivitàagrituristica. - Il rapporto di principalità è presunto e pertanto non occorre la presentazione dell apposita relazione sopraindicata - nel caso di aziende la cui attività di agriturismo sia limitata alla ricezione e ospitalità di non più di 6 persone in alloggi.

D - R - D - R - D - R D - R - D - R -

D - R - D - R - D - R D - R - D - R - Domande frequenti D - Quali parametri consentono di distinguere le aziende artigianali del settore agroalimentari dalle aziende industriali di trasformazione di prodotti agroalimentari R - Le aziende artigianali

Dettagli

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Regolamenti Linee guida europee Linee guida nazionali Documenti SANCO Linee guida regionali Vecchia normativa

Dettagli

Etichettatura, rintracciabilità e dichiarazione di conformità. Definizioni :

Etichettatura, rintracciabilità e dichiarazione di conformità. Definizioni : Definizioni : Etichettatura, rintracciabilità e Con il termine «materiali a contatto con gli alimenti» vengono definiti tutti quei materiali e quegli oggetti che possono entrare in diretto contatto con

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi La sicurezza degli alimenti intesa sia come sicurezza igienica che come sicurezza nutrizionale è una responsabilità che non riguarda soltanto l'industria alimentare, ma tutti gli attori della catena di

Dettagli

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA Modena 16 e 24 marzo 2010 IL PACCHETTO IGIENE Comprende

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

Le etichette dei prodotti alimentari: termine minimo di conservazione e data di scadenza

Le etichette dei prodotti alimentari: termine minimo di conservazione e data di scadenza Vania Patrone Istituto di Microbiologia NUTRIGEN - Centro di ricerca sulla Nutrigenomica Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Le etichette dei prodotti alimentari: termine minimo di conservazione

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 11 CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI INDICE DI REVISIONE 1 Copia conforme all originale SCOPO Definire

Dettagli

1. Operatore del settore alimentare

1. Operatore del settore alimentare Spazio per apporre il timbro di protocollo Allegato 2 alla D.G.R. 79-7605 del 26/11/2007 Data Prot. Al Comune di.. Oggetto: Denuncia di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 Reg. CE 852/2004 (da presentare

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER GLI ESERCIZI DI MACELLERIA

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER GLI ESERCIZI DI MACELLERIA MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER GLI ESERCIZI DI MACELLERIA (a norma dell art. 8 del Regolamento CE 852/2004 sull igiene dei prodotti alimentari) SOMMARIO Presentazione... 4 1.0 Scopo e campo di

Dettagli

CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI

CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI Approvato con Deliberazione di C.C. n. 25 del 27/04/2016 REGOLAMENTO

Dettagli

CONTROLLO UFFICIALE ED AUTOCONTROLLO IGIENICO SANITARIO

CONTROLLO UFFICIALE ED AUTOCONTROLLO IGIENICO SANITARIO CONTROLLO UFFICIALE ED AUTOCONTROLLO IGIENICO SANITARIO Il controllo ufficiale dei prodotti alimentari riguarda tutte le fasi della produzione, fabbricazione, lavorazione, magazzinaggio, trasporto, distribuzione,

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

Manuale di buona prassi igienica

Manuale di buona prassi igienica Manuale di buona prassi igienica REVISIONE N. 1 2013 AGGIORNAMENTO E INTEGRAZIONE Reg. CE 29 APRILE 2004, N. 852 sull IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI Revisione n. 1-2013 Reg. CE 29 APRILE 2004, N. 852 sull

Dettagli

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2 Art. 1 REGOLAMENTO CORSI PER ALIMENTARISTI E OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE (Decreto D.G. n. 1038 del 23 novembre 2009 Registro Decreti n. 21667 del 1.12.2009) I corsi mirano all istruzione, formazione

Dettagli

IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI

IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI OBIETTIVI DELL AUTOCONTROLLO ALIMENTARE Applicando quanto previsto dal Reg. CE 852/04

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

La filiera del latte

La filiera del latte La filiera del latte 1 Reg. 178/2002 Responsabilità spetta AGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI

IL CONTROLLO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI : LA NORMATIVA DELL UNIONE EUROPEA E NAZIONALE IL CONTROLLO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI E LA VERIFICA DELL'ETICHETTATURA Novara 30 Gennaio 2013 ASL NO NOVARA SERVIZIO D IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO (Reg. CE 852/04) Fino a tempi relativamente recenti si riteneva, da parte dei produttori di alimenti e degli organi preposti alla vigilanza, che il controllo della qualità e

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Direttore Dr. Iginio Pintor LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI Con il termine

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE

LA SICUREZZA ALIMENTARE LA SICUREZZA ALIMENTARE PERCHÉ UNA NUOVA LEGISLAZIONE IN MATERIA PRODOTTI ALIMENTARI? Le 14 Direttive e testi relativi che dal 1964 sono state emanate in tempi successivi in tema garantito la protezione

Dettagli

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004)

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004) Al Dipartimento di Prevenzione Azienda USL di Frosinone S.S Ispezione degli alimenti di o.a Distretto per il tramite dello SUAP in forma Associata della XIV Comunità Montana Valle di Comino SCIA Segnalazione

Dettagli

Cittadinanza Sesso M F Codice Fiscale _. Residenza: Comune Provincia. Via/Piazza N C.A.P. Tel. Cell

Cittadinanza Sesso M F Codice Fiscale _. Residenza: Comune Provincia. Via/Piazza N C.A.P. Tel. Cell ATTIVITA DI PRODUZIONE TRASFORMAZIONE, SOMMINISTRAZIONE, VENDITA DI ALIMENTI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ai sensi dell art. 6 del Reg. Europeo 852/2004 AL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

Dettagli

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006 Alle Imprese Associate del Settore Alimentazione e Pubblici Esercizi Oggetto: etichettatura alimenti ed indicazione alergeni La piena applicazione del Regolamento (CE) 25 ottobre 2011, n. 1169 ha comportato

Dettagli

La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA)

La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA) La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA) 1 Scopo e campo di applicazione della ISO 22000 SCOPO: si applica quando una organizzazione delle filiera

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

Fornitori di MOCA: quali strumenti utilizzare per un efficace ed efficiente controllo dei fornitori e delle forniture

Fornitori di MOCA: quali strumenti utilizzare per un efficace ed efficiente controllo dei fornitori e delle forniture Fornitori di MOCA: quali strumenti utilizzare per un efficace ed efficiente controllo dei fornitori e delle forniture Elisabetta Genta Marinigroup Moncalieri (TO) Socio AIBO Food Contact Expert MATERIALI

Dettagli

Reggio Calabria, 22 ottobre 2015

Reggio Calabria, 22 ottobre 2015 Sicurezza igienico-sanitaria ed etichettatura dei prodotti alimentari: principi generali, disposizioni specifiche in materia di manifestazioni temporanee e ristorazione collettiva Dr.ssa Paola Rebufatti

Dettagli

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE 1. Assicurare una corretta e trasparente informazione al consumatore 2. Permettere la libera circolazione delle merci all interno dell Unione Europea

Dettagli

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 Piano di Autocontrollo Alimentare secondo il Sistema HACCP con Indicazioni di Corretta Prassi Igienica, Rintracciabilità degli alimenti, Ritiro e

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA Gli orari delle attività commerciali e il turno di riposo settimanale 1.1 Le nuove disposizioni europee:

Dettagli

Oggetto: autocontrollo nelle industrie alimentari indicazioni a seguito delle modifiche al D.Lvo 155/97

Oggetto: autocontrollo nelle industrie alimentari indicazioni a seguito delle modifiche al D.Lvo 155/97 Direzione Sanità Pubblica Settore Vigilanza e Controllo Alimenti di Origine Animale Prot. n. /27.004 Torino, lì Ai Responsabili del SIAN delle ASL del Piemonte Ai Responsabili del Servizio Veterinario

Dettagli

Definizione di tracciabilità

Definizione di tracciabilità Definizione di tracciabilità Spegnere il Telefonino!! Tracciabilità Reg.(CE) ) 178/2002 Programma per 8 e 16 ore Decreto Regione Liguria 793/2012 e Regolamento CE 852/2004 Ente Ligure di Formazione divisione

Dettagli

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Essere di ausilio alla

Dettagli

INDICAZIONI OBBLIGATORIE PER L'ETICHETTATURA

INDICAZIONI OBBLIGATORIE PER L'ETICHETTATURA INDICAZIONI OBBLIGATORIE PER L'ETICHETTATURA L'etichetta dei prodotti alimentari deve avere tutte le informazioni obbligatorie. Queste informazioni si devono: capire con facilità, vedere bene, leggere

Dettagli

Chelab srl. Il Servizio di Assistenza alla GDO: Audit e Verifiche Ispettive. Simone Ballan Milano, 9 Novembre 2007. CHELAB srl

Chelab srl. Il Servizio di Assistenza alla GDO: Audit e Verifiche Ispettive. Simone Ballan Milano, 9 Novembre 2007. CHELAB srl Chelab srl Il Servizio di Assistenza alla GDO: Audit e Verifiche Ispettive Simone Ballan Milano, 9 Novembre 2007 1 Esigenze della GDO Conformità A voi cosa interessa? dei prodotti e del processo di distribuzione

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica. Haccp e Rintracciabilità

Dipartimento di Sanità Pubblica. Haccp e Rintracciabilità Dipartimento di Sanità Pubblica Haccp e Rintracciabilità Maria Teresa Bertozzi Imola 15 settembre 2011 Chi addenta una mela non desidera solo gustare un frutto succoso, ma vuole anche essere sicuro che

Dettagli

REG. CE 1935/2004 12.10.2012

REG. CE 1935/2004 12.10.2012 Principali elementi della legislazione europea, nazionale e regionale sui materiali a contatto. REG. CE 1935/2004: etichettatura, tracciabilità,dichiarazione di conformità. 12.10.2012 Dott.ssa Simonetta

Dettagli

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare

IL SISTEMA HACCP L innovazione del sistema HACCP I rischi potenziali di un processo alimentare IL SISTEMA HACCP La sigla HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point) identifica un nuovo strumento operativo che tutte le aziende alimentari (anche i ristoranti) devono possedere per legge, avente

Dettagli

PISELLI A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO

PISELLI A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO pag 1 di 7 A.1 - INGREDIENTI - A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO aspetto: grani di piselli surgelati singolarmente, di calibro e colore uniforme (I.Q.F.) pezzatura : calibro < a 8,75 mm; calibro

Dettagli

Attuazione D.Lgs. 81/08: Sicurezza e Igiene sui posti di lavoro

Attuazione D.Lgs. 81/08: Sicurezza e Igiene sui posti di lavoro A tutti i SIGNORI CLIENTI Loro sedi Oggetto: Attuazione dei Regolamenti Comunitari concernenti l igiene dei prodotti alimentari e i criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari e certificazioni

Dettagli

Allegato 2 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010

Allegato 2 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010 Allegato 2 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010 Spazio per apporre il timbro di protocollo ASL TO3 All ASL TO3 Data Prot. ASL TO3 Servizio/S.C.... Oggetto: Notifica di inizio o variazione di attività ai

Dettagli

Allegato G. Regione Piemonte Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria

Allegato G. Regione Piemonte Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria Allegato G Regione Piemonte Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria A cura del Gruppo di lavoro regionale per la disciplina dei controlli in materia di materiali destinati a venire a contatto

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A. differita) PER FESTE TEMPORANEE

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A. differita) PER FESTE TEMPORANEE Da presentare in triplice copia al Comune dove si effettua la manifestazione. Copia della presente dovrà essere trattenuta dal richiedente con timbro e data del ricevimento. DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA

Dettagli

Procedura per. Il rilascio della autorizzazione sanitaria temporanea ai laboratori di smielatura dei piccoli produttori

Procedura per. Il rilascio della autorizzazione sanitaria temporanea ai laboratori di smielatura dei piccoli produttori ASL TERAMO SERVIZIO VETERINARIO IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE E LORO DERIVATI DIRETTORE: DR. LEONARDO RICOTTI P.O.S. N. 017 Protocollo N. 2023_AG_42 Procedura per Il rilascio la autorizzazione

Dettagli

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..)

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..) ALLEGATO 1 Spazio per apporre il timbro di protocollo Data Prot. Al Dipartimento di Prevenzione ASL 1 Imperiese I - Oggetto: Notifica di inizio attività ai fini della registrazione (art. 6 Reg. CE 852/2004)

Dettagli

A Cosenza: Corso per alimentaristi categoria A che richiedono per la prima volta l attestato di formazione (CORSO DI APPROFONDIMENTO)

A Cosenza: Corso per alimentaristi categoria A che richiedono per la prima volta l attestato di formazione (CORSO DI APPROFONDIMENTO) A Cosenza: Corso per alimentaristi categoria A che richiedono per la prima volta l attestato di formazione (CORSO DI APPROFONDIMENTO) Scuola Sede di svolgimento del corso Segreteria Organizzativa DESTINATARI

Dettagli

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI Gestione del prodotto biologico nelle imprese della filiera [ ] GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA G D COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI In una stessa azienda agricola, azienda di

Dettagli

MODELLO A1. 1. Operatore del settore alimentare. Data. Al Dipartimento Sanità Pubblica Azienda USL di Bologna

MODELLO A1. 1. Operatore del settore alimentare. Data. Al Dipartimento Sanità Pubblica Azienda USL di Bologna MODELLO A1 Data Al Dipartimento Sanità Pubblica Azienda USL di Bologna Oggetto: Notifica ai fini della registrazione ai sensi art. 6 reg. CE 852/2004 e della determina della Regione Emilia Romagna n. 9223

Dettagli

L anno 2011 addì 24 del mese di ottobre alle ore 19.00 nella Residenza Municipale si è riunita la Giunta Comunale.

L anno 2011 addì 24 del mese di ottobre alle ore 19.00 nella Residenza Municipale si è riunita la Giunta Comunale. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64/2011 Seduta del 24.10.2011 OGGETTO ISTITUZIONE DI UN MERCATO TEMPORANEO IN OCCASIONE DELLA MANIFESTAZIONE SAN MARTIN IN PIASSA. L anno 2011 addì 24 del mese di

Dettagli

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014 Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura Roma 18 dicembre 2014 Il Nuovo Regolamento Regolamento (UE) n. 1169/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla fornitura di informazioni

Dettagli

Giovanni Bottini 1 INTRODUZIONE

Giovanni Bottini 1 INTRODUZIONE Lettura critica della circolare del Ministero della Salute del 17.02.2011 Chiarimenti concernenti alcuni aspetti applicativi del Regolamento CE 853/2004 in materia di vendita e somministrazione di preparazioni

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

Relazione tecnica allegata alla notifica del

Relazione tecnica allegata alla notifica del Relazione tecnica allegata alla notifica del La presente relazione tecnica si riferisce all esercizio di Elenco delle attività Altro : Produzione primaria Commercio al minuto (escluse carni e pesce) Fiere,

Dettagli

PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA'

PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA' PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA' Dr. Franco Ravagnan Integrate dalla Dr.a Piroska Sabbion ASL 8 Montebelluna. Az.U.L.S.S.16 Padova Padova 16 dicembre 2012 p.p.l. Progetti

Dettagli

REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L ATTIVITÀ DI VENDITA E LAVORAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI

REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L ATTIVITÀ DI VENDITA E LAVORAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI Dipartimento di Prevenzione S.S. Tutela Igienico Sanitaria Alimenti di Origine Animale REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L ATTIVITÀ DI VENDITA E LAVORAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI REQUISITI IGIENICO SANITARI

Dettagli

Di seguito rassiumiamo le principale regolamentazioni:

Di seguito rassiumiamo le principale regolamentazioni: La normati di riferimento in materia del COMMERCIO ITINERANTE (commercio dei prodotti alimentari sulle aree pubbliche) è l' ORDINANZA 3 aprile 2002 "Requisiti igienico-sanitari per il commercio dei prodotti

Dettagli

Secondo quanto esposto nel Reg. 852/04, tali principi dovrebbero tener conto dei 7 principi contenuti nel Codex Alimentarius, quali:

Secondo quanto esposto nel Reg. 852/04, tali principi dovrebbero tener conto dei 7 principi contenuti nel Codex Alimentarius, quali: L HACCP si definisce come un approccio sistematico per l identificazione dei pericoli ed la valutazione/controllo dei rischi connessi alla produzione di un alimento basato su 7 principi. Secondo quanto

Dettagli

COMMERCIO AL MINUTO, ALL INGROSSO, AL DETTAGLIO DI CARNI FRESCHE E PRODOTTI ITTICI (MOD. A1 A1 BIS DISTRIBUTORI - A1 TER)

COMMERCIO AL MINUTO, ALL INGROSSO, AL DETTAGLIO DI CARNI FRESCHE E PRODOTTI ITTICI (MOD. A1 A1 BIS DISTRIBUTORI - A1 TER) RELAZIONE TECNICA da allegare a NOTIFICA/COMUNICAZIONE con modelli A1 A1 BIS DISTRIBUTORI A1 TER Denominazione della Ditta Sede legale Indirizzo dell attività Descrizione dettagliata dell attività svolta:

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI DENOMINATO MERCATO AGRICOLO DI VIGONZA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI DENOMINATO MERCATO AGRICOLO DI VIGONZA COMUNE DI VIGONZA REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI DENOMINATO MERCATO AGRICOLO DI VIGONZA Approvato con delibera di C.C. n. 23 del

Dettagli

VADEMECUM DEI PRINCIPALI OBBLIGHI per i PUBBLICI ESERCIZI. a cura della Direzione di Ascom Vittorio Veneto

VADEMECUM DEI PRINCIPALI OBBLIGHI per i PUBBLICI ESERCIZI. a cura della Direzione di Ascom Vittorio Veneto VADEMECUM DEI PRINCIPALI OBBLIGHI per i PUBBLICI ESERCIZI a cura della Direzione di Ascom Vittorio Veneto Il presente Vademecum, realizzato a cura della Direzione di Ascom Vittorio Veneto, rappresenta

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

INDICE NORMATIVA DI RIFERIMENTO

INDICE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Premessa: Le indicazioni di seguito riportate non vogliono essere una aggiunta al complesso sistema di norme vigenti, ma uno strumento utile a chi vuole intraprendere e/o modificare significativamente

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ AD AZIONE IMMEDIATA (DIA) PER MEZZI DI TRASPORTO DI PRODOTTI ALIMENTARI

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ AD AZIONE IMMEDIATA (DIA) PER MEZZI DI TRASPORTO DI PRODOTTI ALIMENTARI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ AD AZIONE IMMEDIATA (DIA) PER MEZZI DI TRASPORTO DI PRODOTTI ALIMENTARI Il sottoscritto attiva la procedura ed a tal fine fornisce le seguenti informazioni e dichiarazioni.

Dettagli

Modello A. 1. Operatore del settore alimentare. Timbro protocollo ufficio ricevente. Data. Al SUAP del Comune di

Modello A. 1. Operatore del settore alimentare. Timbro protocollo ufficio ricevente. Data. Al SUAP del Comune di Modello A Timbro protocollo ufficio ricevente Data Al SUAP del Comune di Oggetto: Dichiarazione di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 reg. CE 852/2004 e della determina della Regione Emilia Romagna

Dettagli

Corso Base Formazione/Informazione. Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato

Corso Base Formazione/Informazione. Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato Corso Base Formazione/Informazione Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato Provincia di Bologna Via Zamboni, 13 Bologna 30 Novembre

Dettagli

ETICHETTATURA PRODOTTI

ETICHETTATURA PRODOTTI ETICHETTATURA PRODOTTI Alimenti senza segreti con il nuovo servizio di CNA Roma CNA ROMA Viale Guglielmo Massaia, 31 00154 Roma Tel. 06 570151 Fax 06 57015222 info@cnapmi.com www.cnapmi.org PREMESSA Dal

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA 1 Introduzione Il protocollo definisce, sulla base dell esperienza

Dettagli

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene GLI SCHEMI INTERNAZIONALI DI CERTIFICAZIONE (IFS, BRC, EUREPGAP E ISO 22000) A SUPPORTO DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI IGIENE, SICUREZZA E RINTRACCIABILITÀ La rintracciabilità e la gestione dei requisiti

Dettagli

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Dott. Agostino Trogu Il latte ( la carne, ecc. ) comincia dalla bocca.. Mangime

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 Codice Articolo 815118/0008. BIO PR-PAR.REG.BOCC.

SCHEDA PRODOTTO. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 Codice Articolo 815118/0008. BIO PR-PAR.REG.BOCC. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 UNITA' CONSUMATORE Codice EAN Peso Netto (kg) 0,500 Tara (kg) 0,072 Peso Lordo (kg) 0,572 Dimensioni (alt x lun x lar) (cm) Confezioni per Cartone

Dettagli

STANDARD PER LA CERTIFICAZIONE SECONDO IL METODO BIOLOGICO DEGLI OPERATORI DELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA

STANDARD PER LA CERTIFICAZIONE SECONDO IL METODO BIOLOGICO DEGLI OPERATORI DELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA STANDARD PER LA CERTIFICAZIONE SECONDO IL METODO BIOLOGICO DEGLI OPERATORI DELLA GDL Ristorazione Standard FederBio - Ristorazione Collettiva Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. SCOPO... 3 3. TIPOLOGIA

Dettagli

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Che cos è l Autocontrollo? L Autocontrollo è un obbligo di legge.. per tutte le Aziende alimentari di realizzarlo; per le Autorità Sanitarie competenti

Dettagli

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92 TITOLO DOCUMENTO Etichettatura degli alimenti: le nuove disposizioni del Reg. UE 1169/11 AREA TEMATICA Ambiente ed Energia SETTORE Qualità e Sicurezza alimentare ARGOMENTO SPECIFICO Sicurezza degli alimenti

Dettagli

L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità

L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità di Marco Bernabè IDEATURISMO S.R.L. Riva del Garda 29.01.2013 Meno imballaggi, stessa igiene Imballaggi e igiene: due facce della stessa

Dettagli

Venerdì 24 aprile 2015

Venerdì 24 aprile 2015 Venerdì 24 aprile 2015 LUCIANO BOANINI LEZIONE del 24,04,2015 Aggiornamento 2015.2 NORMATIVA SULLA ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI DIFESA DEL CONSUMATORE Tutte le tabelle, il materiale didattico

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Allegato Manuale operativo delle procedure 1. ORTOFRUTTICOLI FRESCHI OGGETTO DI CONTROLLO DI CONFORMITA' E DEROGHE. 2. ANALISI DI RISCHIO 3. BANCA DATI NAZIONALE DEGLI OPERATORI ORTOFRUTTICOLI 4. COMUNICAZIONI

Dettagli

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo Il Pacchetto igiene : la normativa europea cogente in materia di sicurezza alimentare Maria

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP Per richiedere un preventivo per la stesura del manuale di corretta prassi igienica è necessario inserire le informazioni richieste nel

Dettagli

Spazio per apporre il timbro di protocollo

Spazio per apporre il timbro di protocollo Modello DIA semplice/differita Mod. 2 Spazio per apporre il timbro di protocollo Data Prot. [ ] Consegna a mano ufficio protocollo [ ] Posta raccomandata [ ] Consegna a mano altro ufficio preposto Al Comune

Dettagli

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE ALLEGATO 1 ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 marzo 2002, n. 282. Modalità di vigilanza in caso di autocontrollo. Formazione del personale alimentarista. Valutazione delle

Dettagli

FUNZIONI DELL IMBALLAGGIO ALIMENTARE

FUNZIONI DELL IMBALLAGGIO ALIMENTARE Moncalieri, 23 maggio 2010 Cibo nel pacco e cibo pacco FUNZIONI DELL IMBALLAGGIO ALIMENTARE Dr.ssa Stefania Gelati Stazione Sperimentale per l Industria delle Conserve Alimentari Parma CONTENITORE PRIMARIO:

Dettagli

DENUNCIA D INIZIO ATTIVITA

DENUNCIA D INIZIO ATTIVITA DENUNCIA D INIZIO ATTIVITA A EFFICACIA IMMEDIATA in materia di igiene dei prodotti alimentari MANIFESTAZIONI TEMPORANEE Registrazione-Regolamento CE n 852/04 art. 6-DPGR n.40/r/06 COMUNE DI QUADRO A Il

Dettagli