SOMMARIO. Premessa...3 Come usare questa Carta dei Servizi...4

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO. Premessa...3 Come usare questa Carta dei Servizi...4"

Transcript

1 SOMMARIO Premessa...3 Come usare questa Carta dei Servizi...4 Sezione 1 PRESENTAZIONE DELL AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE E PRINCIPI FONDAMENTALI...5 Missione dell Azienda...6 I Valori Fondanti...7 Sezione 2 I NOSTRI SERVIZI SUL TERRITORIO...10 La Prevenzione...10 I Presidi Ospedalieri...14 Percorso Emergenza Urgenza Percorso Assistenza Ospedaliera...22 Assistenza Farmaceutica Ospedaliera...26 Assistenza Farmaceutica Territoriale...27 Percorso Specialistica Ambulatoriale...28 Dipartimento Patologia Clinica, Radiologia Medica Diagnostica-Interventistica...30 Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (S.I.M.T.)...37 Anatomia e Istologia Patologica...38 Laboratorio a Risposta Rapida..40 Unità Operativa Medicina Riabilitativa 42 Dipartimento Cure Primarie...44 Dipartimento Salute Mentale - Dipendenze Patologiche...80 Dipartimento Sanità Pubblica...96 Sezione 3 STANDARD DI QUALITÀ Sezione 4 TUTELA DEI DIRITTI E PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI Ufficio Relazioni con il Pubblico Comitato Etico IRST IRCCS AVR (CEIIAV) Accesso alla documentazione Consenso Informato Privacy Il Comitato Consultivo Misto Diritto e Doveri del Cittadino

2 Premessa E con grande soddisfazione che mettiamo a disposizione dei cittadini questa terza edizione della Carta dei Servizi dell Azienda USL di Rimini. Sfogliando queste poco più di cento pagine, non si può fare a meno di pensare a quanto complessa, articolata e capillare sia l attività che ogni giorno viene svolta nelle nostre strutture e quanto sia prezioso il Servizio Sanitario di questo Paese. Trattiamolo con cura. Gli operatori, garantendo che le risorse a disposizione siano utilizzate al meglio per tutelare la salute, guidati dai valori fondanti che trovate a pagina sette. Le istituzioni, l associazionismo, il volontariato, con il loro contributo costante di programmazione comune, di sostegno e stimolo. I cittadini, dimostrandoci fiducia e segnalandoci quando ritengano che tali principi non siano rispettati, ma sempre nell ambizioso tentativo di migliorarci tutti ulteriormente. Riportare in una Carta così tante informazioni e per così tante attività, è stato un lavoro non facile. Voglio ringraziare il Settore Qualità che ha coordinato il lavoro metodologico e redazionale e tutti i gruppi di lavoro che, per ciascuna unità operativa, hanno contribuito a strutturare le informazioni in modo chiaro e utilizzabile. Un grazie anche ai Comitati Consultivi Misti (Associazioni di Volontariato, di Tutela dei diritti dei cittadini, Sindacato dei pensionati) che ci hanno permesso di redigere una Carta fruibile, evitando possibili tecnicismi. Abbiamo fatto ogni sforzo affinché le informazioni siano realmente chiare, utili, coerenti. Se questo non fosse, comunicateci le vostre considerazioni e osservazioni; sono uno spinta formidabile per dimostrare quanto ci stia a cuore conservare e sviluppare un Servizio Sanitario a misura di ogni persona. Il Direttore Generale Dott. Marcello Tonini 3

3 Come usare questa Carta dei Servizi Questa carta è strutturata in quattro sezioni, aventi i seguenti scopi e contenuti. In questa prima sezione abbiamo cercato di dire qualcosa di noi, della nostra struttura e dei nostri valori. Nella seconda sezione descriviamo i nostri servizi sul territorio, cercando di dare, per ognuno: Il COSA possiamo offrirvi, attraverso una descrizione sintetica del servizio. Il DOVE e QUANDO poter usufruire dei servizi (luoghi, orari). Il COME comunicare con il personale, per accedere al servizio (attraverso indirizzi, posta elettronica, numeri telefonici). Il QUANTO vi costa utilizzarli. In particolare abbiamo cercato di suddividere i nostri servizi secondo alcuni percorsi chiave che qui riassumiamo: - La Prevenzione - Il Percorso emergenza ed urgenza, nei casi in cui sia necessario accedere in emergenza ai nostri servizi. - Il Percorso di assistenza ospedaliera, nei casi in cui sia possibile programmare l utilizzo dei servizi. - Il Percorso di assistenza specialistica ed ambulatoriale, per i servizi di visita specialistica, esami di laboratorio e radiologia. - Il Dipartimento Cure primarie, struttura organizzativa presente all interno del Distretto, che ha il compito di rispondere in modo integrato ai bisogni primari di salute della popolazione. - Il Dipartimento Salute Mentale - Dipendenze Patologiche (droghe, fumo, alcool) - Il Dipartimento Sanità pubblica, struttura per l assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro che include la sicurezza del cittadino, la protezione e prevenzione veterinaria. Nella terza sezione abbiamo descritto gli indicatori attraverso i quali possiamo misurare la soddisfazione del cittadino utente rispetto ai principali fattori della qualità dei nostri servizi; secondo una frequenza stabilita, realizzeremo azioni di monitoraggio interno (attraverso gli indicatori dell accreditamento) ed esterno (attraverso indagini che raccolgano ed analizzino i dati di soddisfazione dell'utenza). I risultati di queste indagini e della elaborazione degli indicatori saranno posti a confronto con gli standard definiti in questa carta e posti a disposizione del pubblico, nei modi indicati nella sezione. Nella Quarta sezione abbiamo descritto gli strumenti di tutela dei diritti dei cittadini e modalità di ricezione e valutazione dei reclami. 4

4 SEZIONE 1 - PRESENTAZIONE DELL AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE E PRINCIPI FONDAMENTALI L Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini è l ente strumentale attraverso il quale la Regione assicura i livelli essenziali ed uniformi di assistenza nell ambito territoriale della provincia di Rimini. L'Azienda è stata istituita con deliberazione della Giunta Regionale N del 07/06/1994 ai sensi dell'art. 3 comma 1-bis del D. L.gs. n. 502/92 e succ. mod. e della L.R. 29/2004 e succ. mod. ha personalità giuridica pubblica ed autonomia imprenditoriale. L Azienda USL ha un ambito territoriale che comprende i Comuni di: Bellaria-Igea Marina, Casteldelci, Maiolo, Novafeltria, Pennabilli, Poggio Berni, Rimini, Sant'Agata Feltria, Santarcangelo di Romagna, San Leo, Talamello, Torriana, Verucchio, Cattolica, Coriano, Gemmano, PROVINCIA DI RIMINI Misano Adriatico, Mondaino, Montecolombo, Montefiore Popolazione al 1 Gennaio 2013 residenti: ; superficie: kmq 863,58 Conca, Montegridolfo, Montescudo, Morciano di Romagna, Riccione, Saludecio, San Clemente, San Giovanni in Marignano. La sede legale dell Azienda USL di Rimini è stabilita in Via Coriano n Rimini. 5

5 Missione dell Azienda La Missione dell Azienda USL di Rimini è di contribuire alla promozione, al mantenimento e allo sviluppo dello stato di salute della propria popolazione di riferimento e dell insieme dei cittadini presenti nel territorio di competenza che si trovino nelle condizioni di bisogno di assistenza assicurando: - azioni ed interventi che hanno un impatto sulla salute della popolazione e servizi sanitari necessari alla promozione della salute, alla prevenzione della malattia in ambienti di vita e di lavoro, alla cura, alla riabilitazione psico-fisica; - la disponibilità e l'accesso all'intera gamma di tipologie di assistenza, di servizi e di prestazioni comprese nei livelli essenziali di assistenza, come individuati dal Piano Sanitario Nazionale e definiti dai diversi stadi di programmazione-nazionale, regionale e locale- avvalendosi anche delle attività prodotte dall'insieme dei soggetti accreditati secondo le caratteristiche qualitative e quantitative specificate dagli accordi e dai contratti di fornitura e informando la propria attività a criteri di efficacia, di efficienza e di economicità; - la gestione integrata di attività socio-sanitarie da perseguirsi attraverso la creazione di reti di servizi socio-sanitari per la presa in carico di patologie croniche; - l integrazione fra la funzione di assistenza e quella di formazione e di ricerca il cui sviluppo è indispensabile per garantire la costante innovazione del sistema. 6

6 I Valori Fondanti La natura di bene comune dell Azienda sanitaria e la particolare valenza etica della sua attività richiede la chiara esplicitazione dei valori e dei principi che sottendono il comportamento dell Azienda. I valori fondanti rappresentano i valori principali che orientano i comportamenti delle persone che lavorano nell Azienda e che contribuiscono al raggiungimento della sua missione; costituiscono il comune ed esplicito punto di riferimento per la definizione dell interesse generale dell organizzazione aziendale. Centralità del Cittadino L Azienda USL indirizza il proprio impegno e la pratica professionale alla soddisfazione dei bisogni del cittadino sviluppando rapporti di fiducia e comprensione dei reciproci punti di vista. A tal fine rende facilmente disponibili e accessibili le informazioni necessarie, per permettere, al cittadino stesso, la scelta consapevole e la fruizione delle prestazioni di cui necessita. Questa finalità richiede attenzione al continuo miglioramento della qualità dei servizi. Affidabilità, Qualità Clinica e Sviluppo Professionale L Azienda si impegna ad adeguare con continuità e costanza le azioni, i comportamenti e il servizio prodotto alle necessità della popolazione di riferimento, alle priorità e agli obiettivi a tal fine fissati. Deve perseguire lo sviluppo professionale di quanti operano all interno dell azienda stessa e favorire la massima integrazione tra i professionisti, tra unità organizzative, tra l Azienda ed i diversi settori economici e sociali del territorio. Più in specifico deve: - assicurare la coerenza delle azioni e dei risultati rispetto agli impegni assunti; - sviluppare la competenza dei propri dirigenti ed operatori garantendo lo sviluppo dei programmi permanenti di revisione della pratica clinica e professionale; - sostenere il miglioramento organizzativo con adeguati percorsi formativi, di ricerca e innovazione per governare i processi di cambiamento; - promuovere l aderenza a criteri e standard di qualità clinica assistenziale e professionale attraverso i sistemi di valutazione interna; - promuovere le capacità e gli strumenti per reperire e valutare criticamente l informazione scientifica e per applicarla nel proprio contesto operativo. Efficacia Il processo decisionale seleziona le azioni basate su prove di evidenza nella capacità di raggiungere gli obiettivi assistenziali od organizzativi programmati; adegua continuamente tipo e modo di intervento in funzione dei risultati con gli stessi raggiunti; persegue un utilizzo appropriato delle risorse disponibili anche attraverso l integrazione delle strutture e di tutte le risorse interne, nella logica della rete integrata e coordinata dei servizi finalizzata a sempre maggiore appropriatezza delle prestazioni e ad assicurare continuità assistenziale, anche attraverso l apertura a sinergie con le altre aziende sanitarie, 7

7 in particolare quelle dell Area Vasta Romagna, con le strutture accreditate e con le organizzazioni noprofit. Integrazione L Azienda deve favorire la massima integrazione tra i professionisti, tra unità organizzative dell Azienda, tra l Azienda ed i diversi settori economici e sociali del territorio per sostenere: - a livello interno, il lavoro di gruppo attraverso l organizzazione dipartimentale che viene assunta come assetto organizzativo fondamentale per l organizzazione e la gestione della produzione dei servizi e delle prestazioni assistenziali; - a livello di relazioni esterne, il consolidamento di reti di collaborazione per offrire servizi integrati con le altre strutture sociali, per partecipare allo sviluppo delle politiche di salute delle comunità locali del territorio, per realizzare l integrazione sociale e sanitaria. Equità e solidarietà L Azienda garantisce, a parità di bisogno e condizioni, pari e tempestiva opportunità di accesso alle prestazioni ed ai servizi per assicurare a tutta la popolazione livelli di assistenza adeguati nella loro appropriatezza e qualità, economicamente sostenibili. L Azienda deve favorire tutte quelle iniziative di solidarietà rivolte a rafforzare il sistema sanitario e di sicurezza sociale, nella piena convinzione che lo sviluppo non può prescindere dall attenuazione delle differenze sociali e dal promuovere l integrazione dal punto di vista di genere. Per questo l Azienda si propone di sviluppare intese e collaborazioni con le Associazioni di volontariato presenti nel territorio per favorirne l attività e l apporto originale ed insostituibile a supporto ed integrazione delle strutture istituzionalmente preposte. Flessibilità L Azienda esprime la volontà e la capacità di adeguare i propri comportamenti e l uso delle risorse ai cambiamenti interni ed esterni all Azienda stessa e di essere in grado di rendere sensibile e specifica l azione in risposta ai nuovi bisogni. Devono essere, sempre più, contestualizzate le regole e le procedure per ottenere percorsi, anche di accesso ai servizi, meno burocratizzati, più semplificati, flessibili e non ridondanti verso i bisogni dei cittadini. Trasparenza L Azienda, con lo scopo di privilegiare la massima apertura e trasparenza nei rapporti con il cittadino, garantisce la libera circolazione delle idee e delle informazioni sulle procedure, sulle risorse e sui risultati e la visibilità del processo decisionale, internamente ed esternamente all Azienda. Più nello specifico si impegna a: 8

8 - definire regole esplicite nell acquisizione e nella cessione di servizi o prestazioni e diffonderne la conoscenza, restando costantemente disponibili a confrontarsi, motivare e diffondere le proprie opinioni e le ragioni delle decisioni; - sviluppare un sistema di verifica costante sulla corretta realizzazione degli impegni assunti, sullo stato di avanzamento degli obiettivi e sul grado del loro raggiungimento; - garantire percorsi strutturati ed espliciti di valutazione dei risultati che permettano l utilizzo ottimale delle risorse; - valorizzare l apporto individuale e di gruppo, promuovere il coinvolgimento delle diverse professionalità ai processi di sviluppo e di miglioramento della qualità del lavoro e dei servizi, allargare la partecipazione interna per sviluppare proposte operative sulle scelte di governo aziendale; - esplicitare e rendere contestabili i diversi livelli di autonomia e di responsabilità decisionale adeguando i sistemi premianti all importanza del ruolo assolto e al risultato prodotto. 9

9 SEZIONE 2 - I NOSTRI SERVIZI SUL TERRITORIO La Prevenzione Il Servizio di Diagnostica Senologica e Prevenzione Dal giugno 2012 tutta la diagnostica senologica aziendale viene svolta presso il Servizio di Diagnostica Senologica e Prevenzione, un servizio multidisciplinare e multiprofessionale che garantisce una presa in carico completa per tutti i tipi di patologia mammaria e per le donne che intendono effettuare indagini di prevenzione. La diagnostica per immagini permette di individuare i segni minimi di tumore mammario, anche di piccole dimensioni. Gli strumenti di primo livello sono la mammografia e l ecografia associata alla visita senologica, mentre la risonanza magnetica ricopre un importante ruolo di secondo livello per la stadiazione preoperatoria del tumore, nella valutazione della risposta alla chemioterapia e nel follow-up (controlli periodici) delle donne operate. Inoltre, nei casi di donne con un rischio genetico o ereditario di ammalarsi di tumore mammario, la risonanza magnetica è parte integrante del protocollo di sorveglianza. Gli strumenti di indagine (mammografia, ecografia, risonanza magnetica) non si limitano a trovare e osservare, ma permettono di intervenire direttamente, ad esempio come guida alle tecniche agobioptiche. Si tratta di prelievi mini invasivi dai quali si può ottenere la diagnosi citologica o microistologica; è così possibile conoscere le dimensioni della lesione, il tipo biologico, l aggressività e altre caratteristiche biologiche indispensabili per una prognosi adeguata. La diagnostica senologica rappresenta quindi, oltre allo strumento propriamente diagnostico, una guida alla pianificazione del trattamento medico-chirurgico migliore. Servizio di Diagnostica Senologica e Prevenzione Ospedale Infermi via Settembrini 2 Rimini Ospedale Cervesi via Beethoven 1 Cattolica Ospedale Sacra Famiglia via 24 maggio 174 Novafeltria Per prenotazioni ed informazioni Call Center lunedì venerdì tel Struttura della Breast Unit Presso l Azienda USL di Rimini è attiva dall aprile 2008 la Breast Unit, strutturata secondo l impostazione di clinica specializzata multiprofessionale ed è stato attivato il percorso clinico-assistenziale della paziente con tumore al seno dal primo riscontro diagnostico presso il Servizio di Diagnostica Senologica e Prevenzione all intervento chirurgico che viene erogato in un unico punto aziendale specialistico (Ospedale Civile Franchini di Santarcangelo di Romagna), sede di riferimento in Area Vasta Romagna della tecnologia di radioterapia intraoperatoria (IORT). Ciò al fine di garantire un elevato livello qualitativo delle prestazioni in ambito senologico, evitare le prestazioni ridondanti, assicurare l equità di accesso e di trattamento a tutte le donne interessate sia in fascia 10

10 di screening che non, nell ottica di ridurre sensibilmente i tempi del percorso diagnostico e di aumentare la soddisfazione dell utenza che, conta all 1/01/2013 circa donne residenti con età superiore ai 20 anni. La Breast Unit ha un responsabile clinico-organizzativo e possiede al suo interno le strutture necessarie alla gestione completa della patologia. I professionisti coinvolti sono: radiologo specializzato in senologia (lettura di almeno mammografie/anno), oncologo specializzato in senologia, tecnico di radiologia specializzato in senologia, infermiere dedicato con formazione professionale specifica anche nell area della comunicazione e del counselling (case manager), chirurgo senologo, che esegue almeno 50 interventi/anno sulla mammella, anatomo-patologo e citologo con formazione specifica in istologia e citologia del tumore del seno, radioterapista, oncologo medico, data manager (raccolta dati, calcolo e stesura indicatori), psicologo, nutrizionista, un responsabile che organizza gli incontri settimanali e con l autorità di convocare i professionisti designati come consulenti (chirurgo plastico, fisiatra specialista del linfedema, specialista della palliazione, genetista/consulente genetico, biologo nutrizionista, chirurgo ortopedico con esperienza nella gestione delle metastasi ossee). I professionisti della Breast Unit partecipano ad aggiornamento professionale continuo specifico, ai programmi nazionali e regionali di Controllo Qualità, agli ambulatori multidisciplinari e alle riunioni settimanali. Le attività della Breast Unit La Breast Unit formula per ogni paziente con diagnosi sospetta o certa di neoplasia mammaria un percorso diagnostico e terapeutico complessivo. Ciò viene attuato attraverso incontri periodici, durante i quali vengono discussi i singoli casi clinici. La decisione specifica viene registrata, e comunicata poi alla paziente, la quale viene accompagnata durante tutto il percorso da una figura infermieristica dedicata, la case manager. Per favorire l integrazione delle procedure ed il monitoraggio del processo, è stato individuato un supporto informatico dedicato (Software SQTM accreditato a livello europeo da Eusoma) che contenga tutti i dati relativi alle diverse fasi, cui possono accedere tutti gli specialisti coinvolti. Le attività prevedono quindi 1 incontro settimanale (2 ore/settimana) per la discussione prospettica tra i professionisti del team: il radiologo, l oncologo, l infermiera case manager, il tecnico di radiologia, il chirurgo, il citologo, l anatomo-patologo, il radioterapista, lo psicologo, la data manager. L incontro prevede la discussione collegiale dei casi clinici in fase di diagnosi (valutazione degli esami eseguiti e conclusioni iter diagnostico), la pianificazione del trattamento chirurgico e la programmazione delle attività dell ambulatorio multidisciplinare. L Ambulatorio chirurgico multidisciplinare a cui accedono le pazienti che devono eseguire l intervento chirurgico vede coinvolti il chirurgo, l infermiera ed il radioterapista nel caso la paziente sia eleggibile al trattamento IORT. 11

11 Screening Oncologici Un Progetto per la Salute della Donna è il programma di prevenzione e di diagnosi precoce dei tumori del collo dell utero e della mammella rivolto alle donne residenti nella provincia di Rimini. E un iniziativa di Sanità Pubblica dell Azienda Usl di Rimini in collaborazione con i Medici di Medicina Generale. Questi due screening sono attivi nella nostra Azienda dal La partecipazione al programma è completamente gratuita. Screening per la diagnosi precoce del tumore della mammella Il programma coinvolge tutte le donne residenti o domiciliate nella Provincia di Rimini, con età compresa tra i 45 e i 74 anni. Le donne in fascia di età compresa tra i 45 e i 49 anni vengono invitate ogni anno ad eseguire la mammografia, mentre le donne in età tra i 50 e i 74 anni sono invitate ogni due anni con lettera personale spedita a domicilio, con appuntamento prefissato, ma modificabile telefonando al Call Center. Le mammografie di screening sono eseguite presso il Servizio di Senologia di Rimini, la Radiologia di Cattolica e sull Unità Mobile che si sposta in diversi comuni della provincia. I referti negativi vengono spediti al domicilio, mentre in caso di mammografia positiva, la paziente viene contattata telefonicamente dal Servizio di Senologia ed invitata ad eseguire gli esami di approfondimento necessari. Call Center: Tel , dal Lunedì al Venerdì, dalle ore 8.30 alle ore Screening per la prevenzione e la diagnosi precoce del tumore della cervice uterina Il Programma di Screening per il tumore del collo dell utero si rivolge alla popolazione femminile di età compresa fra i 25 ed i 64 anni residente o domiciliata nella provincia di Rimini. L invito per eseguire il Pap Test viene spedito ogni 3 anni al domicilio con appuntamento prefissato, ma modificabile telefonando al numero indicato nella lettera. I referti negativi vengono spediti al domicilio, mentre in caso di Pap-Test positivo, la paziente viene contattata telefonicamente dall ostetrica della sede in cui è stato eseguito il test ed invitata ad eseguire la colposcopia, come esame di approfondimento. Sedi dove si effettuano i Pap-Test di screening, numeri telefonici e orari di risposta telefonica: 12

12 SERVIZIO PREVENZIONE ONCOLOGICA Ospedale di Rimini Tel dal lunedì al sabato ore CONSULTORIO RICCIONE Tel dal lunedì al venerdì ore CONSULTORIO CELLE (Rimini) Tel dal mercoledì al venerdì ore CONSULTORIO MORCIANO Tel mercoledì ore CONSULTORIO CORIANO Tel venerdì ore CONSULTORIO SANTARCANGELO Tel lunedì giovedì Venerdi CONSULTORIO CATTOLICA Tel lunedì e mercoledì CONSULTORIO BELLARIA Tel lunedì e martedì ore CONSULTORIO VILLA VERUCCHIO Tel martedì ore CONSULTORIO NOVAFELTRIA Tel dal lunedì al mercoledì ore Screening per la prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori del colon retto. Il programma coinvolge tutti gli uomini e le donne residenti o domiciliati nella Provincia di Rimini, con età compresa tra i 50 e di 69 anni, da invitare ogni due anni, per eseguire il test del sangue occulto fecale (FOBT). I cittadini vengono invitati con lettera personale spedita a domicilio, contenente le indicazioni per effettuare il test. La partecipazione al programma è completamente gratuita. Il kit per l esecuzione del test si può ritirare in tutte le farmacie del Comune di residenza, presentando la lettera di invito. La provetta contenente il campione di feci da esaminare va consegnata in uno dei 21 punti prelievi aziendali diffusi sul territorio provinciale: i punti prelievi sono tutti elencati in un alleggato alla lettera invito. I referti negativi vengono spediti al domicilio, mentre in caso di test positivo, il paziente viene contattato telefonicamente dall Unità Operativa di Endoscopia Digestiva ed invitato ad eseguire la colonscopia, come esame di approfondimento. Call Center: , dal Lunedì al Venerdì, dalle ore 8.30 alle ore

13 I Presidi Ospedalieri L Area Ospedaliera è costituita da due Presidi Ospedalieri: Presidio Ospedaliero di Rimini Presidio Ospedaliero di Riccione Ospedale Infermi Via Settembrini, 2/a Rimini Ospedale Franchini Via Pedrignone, 3 Santarcangelo di Romagna (RN) Ospedale Ceccarini Via Frosinone Riccione (RN) Ospedale Cervesi Via Beethoven, 1 Cattolica (RN) Ospedale Sacra Famiglia Via XXIV Maggio, 174 Novafeltria (RN) Dipartimenti Ospedalieri - Dipartimento Emergenza Urgenza - Dipartimento Patologia Clinica e Radiologia Medica Diagnostica e Interventistica - Dipartimento Materno Infantile - Dipartimento Malattie Cardiovascolari - Dipartimento Internistico I - Dipartimento Internistico II - Dipartimento Oncologia e Ematologia - Dipartimento Chirurgico 14

14 Percorso Emergenza Urgenza IL SISTEMA DELL EMERGENZA URGENZA nella provincia di Rimini è costituito dalle seguenti strutture e servizi: - Servizio Emergenza Territoriale/Rimini Soccorso Pronto Soccorso Generale di Rimini (Ospedale Infermi Rimini) - Pronto Soccorso Generale di Riccione (Ospedale Ceccarini Riccione) - Pronto Intervento di Santarcangelo (Ospedale Franchini Santarcagelo) - Pronto Intervento di Novafeltria (Ospedale Sacra Famiglia Novafeltria) - Pronto Intervento di Cattolica (Ospedale Cervesi Cattolica) - Pronto Intervento di Bellaria (Sede Distrettuale P.zza del Popolo 1 Bellaria-Igea Marina) Il Servizio Emergenza Territoriale e il Dipartimento Emergenza-Urgenza attraverso i Pronto Soccorso e le Medicine d Urgenza, sono in grado di assicurare, in collaborazione con le altre Unità Operative, la risposta ed interventi tempestivi nei casi che rivestono carattere di emergenze-urgenza. Il Servizio Emergenza Territoriale ha come obiettivo principale il soccorso sanitario nel Territorio della Provincia di Rimini. Il Pronto Soccorso e le Medicine d Urgenza hanno come obiettivi principali: - l osservazione, la diagnosi e la terapia dei pazienti con patologie critiche acute o croniche riacutizzate, che non necessitano di un assistenza di tipo intensivo; - fornire la migliore assistenza possibile al paziente critico acuto, grave e in situazione d urgenza. N.B. Un uso appropriato e responsabile del Pronto Soccorso da parte dei cittadini permette di ridurre i tempi d attesa e di garantire una risposta adeguata ai bisogni assistenziali davvero urgenti e non differibili. 15 Il 118 Il soccorso sanitario nella Provincia di Rimini è gestito nell ambito del sistema Romagna Soccorso, che fa riferimento ad una Centrale Operativa unica di Area Vasta, con sede a Ravenna, e si esplica attraverso gli interventi dei mezzi di soccorso afferenti al Sistema Emergenza Territoriale Rimini Soccorso. Rimini Soccorso 118 afferisce al Programma Emergenza-Urgenza dell Azienda USL di Rimini e ha un proprio organico costituito da Medici, Infermieri e Autisti Soccorritori. La Centrale Operativa unica Romagna Soccorso risponde (24 ore su 24) a tutte le chiamate al 118 provenienti dal territorio romagnolo; è dotata di un sistema radio e telefonico che le permette di gestire e coordinare l'intervento dal momento della ricezione della chiamata con richiesta di soccorso fino all arrivo del paziente in ospedale. L invio del mezzo più idoneo al soccorso avviene in base alla gravità del codice assegnato. I mezzi di soccorso, dislocati in varie postazioni nel territorio provinciale, sono di diverse tipologie e dotati di personale di differente professionalità: - Ambulanze con Infermiere e Autista Soccorritore, - Ambulanze con Medico, Infermiere e Autista Soccorritore,

15 - Automediche con a bordo Medico e Infermiere, - Elisoccorso Il personale di Rimini Soccorso è addestrato alla gestione delle emergenza-urgenza e tutti i mezzi di soccorso sono dotati delle attrezzature necessarie per affrontarle. Durante il periodo estivo il Servizio viene potenziato con altre ambulanze non medicalizzate. Il personale sanitario che giunge nel luogo dell intervento esegue una prima valutazione della persona che necessita di assistenza, le manovre e le terapie necessarie per garantire il trasporto più sicuro possibile. Obiettivo dell intervento è permettere alla persona soccorsa di giungere al trattamento definitivo nel più breve tempo possibile, quindi in molti casi si può verificare che l'infortunato non venga trasportato nell'ospedale più vicino al luogo dell'evento, ma a quello più idoneo al suo trattamento. I trasporti che non hanno carattere di urgenza, effettuati con mezzi dedicati differenti dai mezzi utilizzati per l emergenza territoriale, sono gestiti da una Centrale Operativa Trasporti Secondari in cui opera personale tecnico (Autisti Soccorritori) afferente al SET Rimini Soccorso 118. Queste attività di Rimini Soccorso sono completamente gratuite per l utente. Non rientrano tra i servizi erogati da Rimini Soccorso e sono a totale carico dell utente: - i trasporti verso altri presidi ospedalieri richiesti dall utente - le dimissioni a domicilio (salvo condizioni particolari individuate in apposito regolamento aziendale) - I trasporti per prestazioni diagnostico-terapeutiche, visite fiscali o assimilabili anche se motivate da certificazione medica - I trasporti per ricovero programmato, fatta eccezione per gli ospiti delle RSA 118 Attivazione Telefonica Il Sistema di Emergenza Sanitaria risponde al numero unico 118 che può essere chiamato gratuitamente da qualsiasi telefono fisso o mobile senza digitare il prefisso. A questo numero risponde la Centrale Operativa 118 Romagna Soccorso, deputata alla gestione del soccorso sanitario in caso di emergenza-urgenza extraospedaliera. L Operatore che risponde alla chiamata al 118 è un Infermiere con esperienza nel campo dell emergenza sanitaria, che ha ricevuto una formazione specifica per la ricezione e gestione delle chiamate di soccorso. La Centrale Operativa 118 ha a disposizione mezzi di soccorso di diversa tipologia dislocati nel territorio provinciale; ha inoltre la possibilità di attivare l Eliambulanza che serve il territorio della Romagna. L Operatore di Centrale per poter inviare il mezzo di soccorso più idoneo deve raccogliere una serie di informazioni che riguardano il luogo dell evento e le condizioni della persona da soccorrere. Ad ogni richiesta di soccorso è attribuito un Codice di Criticità che definisce il grado di urgenza ed il tipo di mezzo di soccorso da inviare. E importante che chi chiama il 118 risponda senza perdere la calma a tutte le domande che gli vengono poste per permettere alla Centrale Operativa di garantire al meglio il soccorso richiesto. 16

16 Alcuni consigli per utilizzare in modo appropriato il 118: - NON CHIAMATE il 118 per problemi di lieve evidente entità e soprattutto per problemi non sanitari: in questi casi è preferibile contattare il medico di famiglia o i servizi di guardia medica; - CHIAMATE il 118 quando vi è una situazione di probabile gravità e quando lo fate, se possibile: rispondete con calma alle domande che l operatore della Centrale 118 vi pone; le domande che vi vengono poste non sono una perdita di tempo, ma servono per inviare il mezzo più adatto con il giusto equipaggio (ambulanza, automedicalizzata, elicottero); se non siete sicuri di conoscere la città e l indirizzo esatto (via e numero civico) del luogo in cui è in corso l emergenza, chiedete ad altri al conferma del luogo; terminata la telefonata lasciate libero il telefono perché l operatore di centrale potrebbe aver bisogno di parlare con voi. Distribuzione dei mezzi di soccorso nella Provincia di Rimini Mezzo Comune 1 ambulanza medicalizzata H24 Bellaria 1 ambulanza BLS Santarcangelo 3 ambulanze BLS H24 1 ambulanza BLS H12 1 automedica H 24 1 ambulanze BLS H24 1 ambulanza BLS H12 1 automedica H 24 Rimini Riccione 1 ambulanza BLS H24 Cattolica 1 ambulanza BLS H24 Morciano di Romagna 1 ambulanza BLS H24 1 automedica H 24 Novafeltria 1 ambulanza BLS H24 Pontemessa 17

17 Pronto Soccorso Generale Accesso al Pronto Soccorso I cittadini possono accedere ai Pronto Soccorso Generale di Rimini e Riccione tramite ambulanza del 118 o con mezzo proprio. Un Infermiere esperto e specificatamente formato al Triage accoglie il cittadino ed è in grado di valutare segni e sintomi del paziente per identificare condizioni potenzialmente pericolose per la vita e determinare un codice colore di gravità per ciascun paziente al fine di stabilire le priorità di accesso alla visita medica. L infermiere di Triage raccoglie i dati anagrafici, anamnestici e clinici, quindi li registra sulla scheda informatica insieme al codice colore attribuito. Il medico di Pronto Soccorso chiama in ambulatorio i pazienti secondo il grado di priorità. Codice colore all ingresso I codici di criticità sono articolati in quattro categorie ed identificati con dei colori: CODICE ROSSO (emergenza) - è assegnato ai casi più gravi, in pericolo di vita; - l accesso all ambulatorio è immediato e non vi è tempo d attesa. CODICE GIALLO (urgenza) - è assegnato a pazienti con almeno un parametro vitale alterato (funzione respiratoria, circolatoria, neurologica); - la visita medica al paziente avviene in tempi precoci, tendenzialmente entro 20 (secondo gli indicatori regionali). Viene visitato dopo i codici rossi, l infermiere lo rivaluta durante l attesa. CODICE VERDE (non urgente) - è assegnato a pazienti che non necessitano di una prestazione medica immediata; - il paziente viene visitato dopo i codici gialli e rivalutato dall infermiere di Triage dopo 60 e/o a richiesta, Il tempo di attesa dipende dal numero di codici rossi o gialli presenti. CODICE BIANCO (uso improprio del P.S. in quanto si tratta di patologie gestibili dal medico di famiglia o dalla guardia medica); - è assegnato a pazienti con patologie lievi, generalmente gestibili dal medico di famiglia (es influenza, eritema solare, congiuntiviti, dolori artrosici, gengiviti, etc.); - i pazienti vengono comunque assistiti e visitati dopo i codici verdi. 18

18 La Dimissione Dal Pronto Soccorso Dopo la visita in Pronto Soccorso il paziente può essere inviato: - A domicilio con dimissione ordinaria: il paziente ha concluso il percorso diagnostico - terapeutico, oppure viene ritenuta opportuna la prosecuzione della terapia o delle indagini tramite l invio al Medico di Medicina Generale (medico di famiglia) con la documentazione delle prestazioni effettuate e le eventuali indicazioni. - In Osservazione Breve Intensiva (OBI): il paziente necessita di un più approfondito inquadramento diagnostico o di osservazione intensiva in sale dedicate all interno dei Pronto Soccorso per una durata di circa 24 ore. Al termine di questo periodo di osservazione il paziente sarà dimesso o ricoverato. - Ricoverato con ricovero urgente: il paziente che necessita di interventi diagnostico-terapeutici non differibili viene ricoverato nel reparto di pertinenza. - Trasferito ad altro ospedale: viene effettuato per i pazienti che necessitano di cure presso altri ospedali o strutture convenzionate, per competenze specialistiche o per mancanza di posto letto. - Dimesso con dimissione volontaria: che sarà accompagnata dal referto e da eventuale documentazione clinica; in tal caso il paziente si dimette sotto la propria responsabilità e contro il parere del medico, essendo stato edotto preventivamente sui rischi connessi. I Ticket di Pronto Soccorso (in vigore dal 1 Maggio 2011) L ammontare del ticket è attualmente di 25 Euro per l accesso al servizio, più il ticket per ogni eventuale prestazione eseguita (visite specialistiche, esami diagnostici). Nota bene: l ammontare del ticket è soggetto a normativa regionale e nazionale. La gratuità viene garantita per: Prestazioni erogate nell ambito dell O.B.I. (Osservazione Breve Intensiva) pr situazioni cliniche che necessitano di un iter diagnostico-terapeutico di norma non inferiore a 6 ore e non superiore alle 24 ore prestazioni seguite da ricovero Prime prestazioni riferite a trauma con accesso al Pronto Soccorso entro 24 ore dall evento Prestazioni riferite a trauma con accesso al Pronto Soccorso oltre 24 ore dall evento nei casi in cui si dia contestualmente corso ad un intervento terapeutico Prestazioni riferite ad avvelenamenti acuti Prestazioni erogate ai soggetti di età inferiori a 14 anni Prestazioni riferite ad infortunio sul lavoro Prestazioni richieste da medici e pediatri di famiglia, da medici di guardia medica, o da medici di altri Pronto Soccorso Prestazioni riferite a soggetti esenti per patologia e/o reddito ed altre condizioni previste dalla normativa vigente Prestazioni riferite alle persone straniere temporaneamente presenti (STP) se indigenti ed ai sensi della normativa vigente 19

19 Colica renale Crisi d asma Dolore toracico Tachicardia sopraventricolare (Fibrillazione atriale parossistica, tachicardia parossistica sopraventricolare) Glaucoma acuto Corpo estraneo dell occhio e dell orecchio Sanguinamento dal naso (Epistassi in atto) Complicanza di intervento chirurgico che determinano il ricorso al Pronto Soccorso entro 3 giorni dalla dimissione ospedaliera Problemi e sintomi correlati alla gravidanza Sedi Servizio Indirizzo Telefoni e orari di apertura Pronto Soccorso RIMINI Pronto Soccorso RICCIONE Ospedale Infermi via Settembrini n. 2 Ospedale Ceccarini via Frosinone Tel Aperto 24 ore su 24 Tel Aperto 24 ore su 24 I Punti di Primo Intervento (PPI) Sono punti di accesso aziendali territoriali di norma ubicati in strutture fisse preferibilmente in ospedali privi dei reparti specialistici di base (ortopedia, ostetricia, pediatria) con una copertura del servizio di 24 ore, oppure sono ubicati nelle sedi del distretto con copertura del servizio nelle 12 ore giornaliere. I Punti di Primo Intervento sono dedicati alla visita e trattamento delle patologie a bassa gravità. Per i casi più gravi sono attrezzati unicamente con dotazioni tecnologiche atte alla stabilizzazione e al trasporto dei pazienti presso i Pronto Soccorso di Rimini o Riccione. Sedi Servizi Indirizzo Telefoni e orari di apertura Santarcangelo di Romagna Novafeltria Cattolica Ospedale Franchini via Pedrignone n. 3 Ospedale Sacra Famiglia Via XXIV Maggio, 174 Ospedale Cervesi, via Beethoven n. 1 Bellaria Piazza del Popolo n. 1 Tel Aperto 24 ore su 24 Tel Aperto 24 ore su 24 Tel Aperto 24 ore su 24 Tel h (Ottobre Maggio) h (Giugno - Settembre) 20

20 Ambulatorio Urgenze Pediatriche L accesso è regolamentato dalla accoglienza e valutazione di Infermieri pediatrici specializzati, dalle alle 24.00, per ordinare l accesso alla visita medica secondo criteri standardizzati di urgenza. Il servizio è sottoposto al regime di pagamento del ticket secondo le vigenti leggi regionali in materia (i pazienti che accedono in servizio di Urgenza con età < 14 anni sono nella RER esenti dal pagamento del ticket). La valutazione medica ed infermieristica viene registrata in modalità informatica e all atto della dimissione viene consegnata una documentazione cartacea di quanto rilevato durante la valutazione clinico assistenziale al paziente e consegnati gli originali delle eventuali prestazioni clinico-strumentali eseguite come accertamenti aggiuntivi alla valutazione specialistica pediatrica. Come accedere Orario di accesso: 08.00/24.00 con presenza di accettazione infermieristica. Dalle 24 alle l accesso deve avvenire presso la sede di accettazione e Triage del Pronto Soccorso Generale. Sedi Servizio Ospedale Infermi di Rimini Viale Settembrini n. 2 Unità Operativa Pediatria Scala D 1 piano (sede temporanea) Reparto di Pediatria (Il servizio non svolge assistenza telefonica continua per l utenza esterna). Telefono Tel Tel

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE)

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE) aggiornata ad Ottobre 2014 Indice pag. n. aggiornata ad Ottobre 2014 sanitarie che vengono offerte. Esiste un patto di solidarietà e fiducia che lega le strutture del Servizio Sanitario pubblico e il cittadino:

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione CARTA DEI SERVIZI azienda caserta azienda caserta ospedaliera Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione progetto e redazione:

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria 1/24 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Legislativo 30.12.1992, n. 502 (e successive modificazioni ed integrazioni); Legge 23 dicembre

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 (Integrazione del comma 40 dell articolo 3 della

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli