Regolamento CE 1257/99 PSR Regione Liguria - Misura 3.3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento CE 1257/99 PSR Regione Liguria - Misura 3.3"

Transcript

1 Regolamento CE 1257/99 PSR Regione Liguria - Misura 3.3 Progetto Dimostrativo: La Diversificazione Delle Produzioni Agricole Del Parco Nazionale Delle Cinque Terre Con Il Metodo Dell Agricoltura Biologica: Gli Ortaggi E Erbe Aromatiche Introduzione al progetto Giustificazione progettuale Da alcuni anni il Parco Nazionale delle 5 Terre sta portando avanti l iniziativa -recupero terre incolte basata appunto sul recupero dei numerosi terreni abbandonati nel tempo e sul conseguente ripristino delle varie attività agricole e dell assetto idrogeologico del territorio al fine di proteggerlo dal progressivo degrado. Oltre ad incentivare i privati nelle operazioni di recupero, si è in questo modo costituita l azienda agricola -Ente Parco Nazionale delle 5 Terre-, gestita direttamente dall Ente Parco, che adotta i metodi dell agricoltura biologica in accordo alla filosofia di sostenibilità ambientale sostenuta dal Parco stesso. Questa è costituita da più corpi separati suddivisi in appezzamenti per un totale di 30 ha. Di questi 4 Ha circa sono in produzione mentre gli altri sono in fase di progressivo recupero, ma inseriti comunque nel sistema di controllo ai sensi di reg 2092/91. Gli indirizzi produttivi dei diversi appezzamenti sono legati prevalentemente alle loro diverse caratteristiche morfologiche e pedologiche e sono: olivo, basilico, e vite (a conduzione integrata). Uno degli obiettivi che si pone il Parco è quello di riscoprire le tradizionali colture agrarie tipiche dell area per diversificare la produzione inserendo nuovi schemi colturali che possano offrire sempre maggiori prospettive di sviluppo locale. In uno degli appezzamenti è stata intrapresa dallo scorso anno con successo la coltivazione del basilico da destinare alla trasformazione in pesto nel laboratorio del Parco. Recentemente sono stati acquisiti 27 ha (notificati ad ICEA, Istituto di Certificazione Etica e Ambientale, e all Ispettorato Provinciale) in cui si intendono coltivare soprattutto ortaggi (sia in serra che all aperto) ed erbe aromatiche per soddisfare la domanda interna, rappresentata dalle mense scolastiche e dai vari settori che operano con il crescente turismo che si registra nella zona (ristoranti, punti vendita, etc.). Nell area Parco dal 1999, quando si è iniziato a lavorare sulla filiera del biologico esistava una sola azienda biologica certificata, oggi, anche grazie a un precedente progetto dimostrativo, le aziende biologiche sono 7 per un totale di oltre 35 ettari. Per raggiungere questi obiettivi l Ente Parco ha avviato dal luglio 2003 con AIAB-Liguria una forma di collaborazione che prevede un servizio di -Sportello bio-, attivo un giorno alla settimana per fornire informazioni alle varie aziende che ricadono nell Area, ai ristoranti che hanno ricevuto il merchio di qualità mediante l introduzione di menù -garanziaaiab- realizzati esclusivamente con ingredienti -da agricoltura biologica-, ed ai vari operatori-consumatori interessati. Con il presente progetto s intende pertanto dimostrare la fattibilità dell introduzione dei metodi dell agricoltura biologica in orticoltura e nelle colture -minori- (le officinali, la raccolta delle erbe spontanee, e gli agrumi) in modo da contribuire alla riuscita dell attività appena avviata dal Parco, volta alla tutela dell ecosistema e del consumatore, ed in modo da coinvolgere le altre aziende del comprensorio. Il progetto vuole poi dimostrare anche ai numerosi piccoli coltivatori, che gestiscono superfici tali da potersi dedicare solo part time all attività agricola, la fattibilità dei metodi dell agricoltura biologica, in modo da garantire la continuità della loro attività e offrendo così loro la possibilità di conferire le produzioni all Ente Parco applicando una sorta di -certificazione collettiva di prodotto-. Attualmente infatti risulta che queste piccole aziende utilizzano ancora prodotti chimici di sintesi ed hanno difficoltà nella commercializzazione. Inoltre risulta loro sconveniente sostenere i costi di certificazione che non potrebbero in alcun modo essere ammortizzati con il ricavo delle vendite. La -

2 certificazione collettiva- potrebbe essere l unica soluzione in grado di garantire al contempo l applicazione del Reg. CE 2092/91 anche da parte di piccole aziende e la possibilità di trovare validi sbocchi commerciali. A tutti questi operatori si intendono divulgare i metodi dell agricoltura biologica, la più rispondente al bisogno di migliorare e salvaguardare l agro-ecosistema, la popolazione che vive e lavora la terra delle Cinque Terre ed i consumatori. La diversificazione delle produzioni di qualità è fondamentale per riuscire a soddisfare le esigenze crescenti del turismo responsabile e di una popolazione locale che sta riscoprendo le tradizioni. Settore Interessato : Orticoltura; Tipologie di Progetto: Valorizzazione del sistema produttivo Finalità del progetto : Innovazione Descrizione degli obiettivi Introdurre i metodi dell agricoltura biologica in orticoltura e nelle produzioni -minori- nel contesto del Parco Nazionale delle 5 Terre per l ottenimento di una produzione agricola diversificata e di qualità. Contribuire al mantenimento degli agricoltori in loco per garantire la salvaguardia del paesaggio e la conservazione delle tradizioni locali. Ridurre l impatto ambientale delle attività agricole di piccole aziende. Sviluppare la professionalità delle aziende agricole, diversificando la produzione agricola e introducento un metodo di coltivazione innovativo e remunerativo. Offrire sostegno alla domanda interna soddisfacendo la richiesta dei vari settori interessati nella filiera del Biologico già esistente: ristoranti, mense scolastiche, negozi di alimentari e affitta-camere. Si prevede di dimostrare la possibilità di adottare i metodi dell agricoltura biologica in orticoltura e nelle altre produzioni in un contesto molto particolare per condizioni ambientali e difficoltà di lavoro che richiede comunque tecniche innovative e tradizionali, accumunate da un basso impatto ambientale. Saranno divulgati i metodi e le tecniche dell agricoltura biologica sia alle piccole aziende sia agli -agricoltori part-time- che gestiscono piccole superfici con produzioni destinate all autoconsumo e/o al conferimento all Ente Parco. Questi piccoli produttori utilizzano prodotti tipici dell agricoltura convenzionale che non soddisfano le politiche adottate dal Parco di sostenibilità ambientale. Fornendo un adeguata formazione e dimostrando la possibilità di ottenere gli stessi prodotti -senza inquinare- sarà garantito un maggior valore aggiunto delle loro produzioni, grazie alla possibilità di avere un canale commerciale certo e, nel contempo, sarà garantita la sintonia con gli indirizzi di sostenibilità generale. Si prevede di rivalutare i sapori e gli aromi delle Cinque Terre, attraverso la coltivazione e la raccolta spontanea, in aree vocate e controllate, delle piante aromatiche tipiche della cucina dell area. S intende valutare quali specie spontanee possono garantire un interesse economico e predisporre un sistema per la raccolta sostenibile di queste specie, il tutto nell ambito della certificazione bio. Con l istituzione del Parco Nazionale e con il riconoscimento dell UNESCO di patrimonio mondiale per l umanità si è avuto nelle 5 Terre un sempre crescente numero di turisti che hanno stimolato di conseguenza la nascita di numerose attività interne con il mantenimento della popolazione in loco ed il richiamo di altri residenti da fuori. Si presenta quindi la necessità di ottenere produzioni locali di qualità che possano soddisfare le crescenti richieste di territorialità e che possano ovviare alle evidenti problematiche di trasporto e di rifornimento. Le richieste più consistenti sono rappresentate dai ristoranti che hanno aderito al menù -garanziaaiab- (collegato al marchio del Parco) costituito da ingredienti bio, e dalle mense scolastiche in cui da poco tempo sono stati introdotti alimenti bio. Anche i prodotti trasformati (per il momento il pesto) e il miele con il marchio del Parco sono molto richiesti soprattutto dai turisti. Ecco che l obiettivo di soddisfare la richiesta

3 interna con produzioni locali diversificate di qualità, appare fondamentale per lo sviluppo dell economia nella zona Parco ed eventualmente nelle zone limitrofe. Collegamenti Progettuali e Compatibilità Il progetto risponde interamente alle linee guida principali del Reg. U.E. 1257/99 per le misure dell agricoltura eco-compatibile, infatti riguarda l applicazione dei metodi dell agricoltura biologica. In questo senso un obiettivo di medio-lungo termine è arrivare alla costituzione di una Piano Collettivo d Area per le coltivazioni orticole, così come descritto nella misura 6 del PSR. Inoltre si colloca in modo sinergico con i programmi attivati già dal 2000 dal Parco Nazionale delle 5 Terre, anche in collaborazione con AIAB Liguria sul recupero agricolo della zona e sulla diffusione dell agricoltura Biologica: Recupero dele Terre incolte, avviato nel Marchio di Qualità ecologica del Parco avviato nel 2000 a cui aderiscono 7 ristoranti che offrono il menù biologico e 40 affittacamere che offrono l opzione colazione Bio. Agenda 21 avviata nel 2001 forum sull alimentazione sana, tradizionale e naturale. Introduzione dell agricoltura Bio in Viticoltura, progetto dimostrativo attivato nel Mense Biologiche, programma partito a gennaio. Il progetto è inserito e funzionale all attuale programma Agenda 21 del Parco Nazionale delle Cinque Terre, nell ambito della normativa nazionale in tema di sviluppo ambientale sostenibile. Il progetto si collega anche a un progetto di ricerca finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali denominato -OrtoFruBio-al quale AIAB partecipa come partner e il capofila è l Istituto Sperimentale per l Orticoltura di Montamaso Lodigiano. In un azienda pilota verranno sperimentate tecniche di coltura e di protezione fitosanitaria su zucchino. Connotati Progettuali Beneficiari diretti Ente Parco Nazionale delle Cinque Terre nell ambito dello sviluppo della filiera del biologico. Agricoltori, conduttori part-time. Ristoratori e affitta-camere che necessitano di un offerta interna di prodotti biologici che è ancora limitata. Beneficiari Indiretti Cittadini dell area Parco. Turisti. Studenti delle elementari e medie che usufruiranno della mensa biologica. Metodologia di Lavoro Il progetto di durata biennale si prefigge di dimostrare la fattibilità di introdurre con I metodi propri dell agricoltura biologica un processo di diversificazione delle produzioni agricole del comprensorio attraverso la coltivazione di orticole di varie specie, aromatiche, e in misura secondaria il consolidamento di alcune produzioni limitate quali gli agrumi (limoni) e la raccolta sostenibile di piante aromatiche spontanee presenti nell area parco. Il progetto verrà aperto con una breve valutazione e selezione della varietà orticole e aromatiche che verranno coperte dal presente progetto. A questa fase prenderanno parte il personale ed I consulenti del progetto dimostrativo, insieme al Parco Nazionale e alle aziende pilota partecipanti, avvalendosi anche di interviste ad altri agricoltori segnalati dal Parco e ai ristoratori, in modo da tenere in considerazione la conoscenza e la tradizione alimentare locale. Il primo anno saranno divulgate le tecniche dell agricoltura biologica applicate agli ortaggi ed alle altre colture -minori- (per superfici investite) quali aromatiche, officinali, agrumi, attraverso le attività didattiche e la partecipazione delle aziende pilota: l azienda - Ente Parco delle 5 Terre-, l azienda -Bonanini Samuele Heydi-, l azienda -Malgrati Marco-. Contemporaneamente inizieranno nelle aziende pilota delle prove di coltivazione biologica delle specie selezionate in precedenza. Per tutta la fase progettuale grandissima attenzione verrà posta nella gestione della fertilità del suolo e sulla tecnica agronomica, elementi cruciali per la riuscita delle coltivazioni biologiche. Infatti il comprensorio delle

4 Cinque Terre manca in assoluto della presenza di allevamenti zootecnici, ci troviamo quindi in una condizione dove non è possibile chiudere localmente il ciclo della sostanza organica. Grande attenzione andrà quindi riposta sulla tecnica del compostaggio (con importazione di piccoli quantitativi di letame o di compost animale dall esterno), al sovescio e ad una adeguata rotazione. Saranno coinvolti anche i piccoli produttori che saranno assisititi, insieme alle altre aziende, da esperti per la risoluzione delle problematiche che si potranno verificare soprattutto nella prima fase della conversione. Di seguito si attiveranno le procedure per la certificazione dei piccoli produttori attraverso - Ente Parco. Tale tipo di certificazione sarà esclusivamente su base volontaria e sarà proposta ai piccoli agricoltori che ne faranno richiesta per veicolare i propri prodotti attraverso il Parco. Il secondo anno si proseguirà nella gestione dell aspetto propriamente agronomico nelle aziende pilota, al fine di ottenere produzioni diversificate in parte da trasformare e collocare sul mercato con il marchio del Parco, ed in parte come prodotti freschi da destinare ai ristoratori, alle mense o al mercato locale. In questa fase sarà importante soddisfare la crescente richiesta di produzioni diversificate da parte della filiera del biologico delle Cinque Terre. Si potranno così confrontare i risultati ottenuti dalle diverse realtà aziendali ubicate in zone differenti per esposizione e tipo di terreno e, soprattutto, per periodo più o meno prolungato di esperienza nell applicazione di tecniche colturali compatibili. Al termine del secondo anno verranno elaborati i dati raccolti nei due anni di prove relativamente alla coltivazione delle orticole, delle aromatiche, della raccolta della flora aromatica spontanea e alla coltivazione degli agrumi, al fine di predisporre una pubblicazione finale dell esperienza, in maniera da prolungare l effetto dell iniziativa anche negli anni a venire. La pubblicazione finale sarà veicolata ai coltivatori delle Cinque Terre e conterrà le schede indicate alla fine del progetto. Livello geografico del progetto : Inter-comunale Area Geografica : Parco Nazionale delle 5 Terre Calendario delle attività Fase Descrizione Data Inizio Data Fine Valutazioni colturali e progettuali Pubblicità Attività dimostrative Gestione agronomica del progetto Redazione schede I anno Redazione schede II anno Redazione pubblicazione finale Valutazione partecipata delle indicazioni prodotte dai tecnicci del progetto Vedi paragrafo relativo Vedi paragrafo relativo Gestione agronomica delle aziende pilota, prove di raccolta sostenibile delle erbe aromatiche Come riportata a progetto Come riportata a progetto Vedi paragrafo relativo Tipologia Area : Parchi ed Aree protette;

5 Attività e materiale formativo a supporto Attività previste Attività formative Luogo/sede Argomento Periodo Docente Durata Seminario Seminario Attività Visita Seminario Visita Seminario Attività Attività Convegno Riomaggiore- Castello Riomaggiore- Castello Az. Parco 5 Terre Albenga Az. Parco 5 Terre Riomaggiore- Castello Presentazione progetto Fertilità del suolo del La coltivazione del basilico biologico Visita ad aziende orticole bio La coltivazione delle orticole bio La difesa fitosanitaria delle orticole Sana Bologna Fiera del bio Az Malgrati Az Bonanini Riomaggiore- Castello La coltivazione e la difesa degli agrumi La raccolta sostenibile delle aromatiche Presentazione dei risultati e della pubblicazione progetto Luglio Settembre Giugno Luglio Luglio Agosto Settembre Triantafyllidis Cristina Micheloni Cristina Micheloni Lorenzo Peris Triantafyllidis Cristina Micheloni Triantafyllidis Aprile Lorenzo Peris Maggio Luglio Maurizio Gioli triantafyllidis 3 ore 8 ore 8 ore 3 ore Numero di iniziative : 5 iniziative Materiale Formativo Materiale Formativo numero copie descrizione Tutte le norme bio 25 Tutta la normativa del biologico aggiornata Manuale di orticoltura 30 Il suolo questo sconosciuto Fitopatologie orticole delle 40 Come coltivare con il metodo bio le principali specie orticole Conoscere il suolo per aumentare e mantenere la sua fertilità 40 Le principali fitopatologie delle orticole con i rimedi Forme di pubblicizzazione Forme di pubblicizzazione Descrizione Sito internet e

6 Canale televisivo via cavo Riomaggiore News settimanale e bio news Stampa e media locali Manifesti e locandine Servizio televideo Newsletter settimanale a diffusione nazionale di AIAB Comunicati stampa, articoli, conferenze stampa e servizi Diffusi nell'area parco Strutture e personale coinvolto Personale dipendente Nominativo Qualifica Ruolo Durata dell'incarico Triantafyllidis Marta Giannoni Presidente Resp. Ufficio Responsabile tecnico, coordinatore del progetto Tecnico di campo, tutor 2 anni 2 anni Strutture/collaborazioni esterne Nome Ente Indirizzo Responsabile Ruolo Ente Parco Nazionale delle 5 Terre AIAB Via Signorini Sabrina Rolla Riomaggiore (SP) Via Piave (ROMA) Cristina Micheloni Responsabile comunicazione Docente Libero professionista Torino Lorenzo Peris Docente Libero professionista Calcinaia (PI) maurizio Gioli Docente Libero professionista Genova Aziende pilota coinvolte dal progetto Simona Rimassa Ragioniera Nominativo Indirizzo SAU Ruolo Azienda Parco 5 Terre Via Signorini 18 Riomaggiore (SP) 30 ha Az. Pilota Azienda Bonanini Heydi Loc. Chiappella Riomaggiore (SP) 0,3 ha Az. Pilota Azienda Malgrati marco Loc. Fegina Monterosso (SP) Durata del Progetto Durata del progetto : biennale Data di inizio del progetto : Data di conclusione prevista : Schede I Anno Schede di Processo 0,7 ha Az. Pilota

7 Scheda sulla tecnica di gestione colturale;scheda tecnica di gestione piante arboree da frutto;scheda di gestione di prodotti secondari; Schede di Prodotto : Schede di Sistema Analisi di fattibilità sulla diversificazione e/o riconversione di attività agricole; Schede II Anno Schede di Processo Scheda di coltivazione per varietà nuove o recuperate;scheda sulla tecnica di gestione colturale;scheda tecnica sulla difesa fitosanitaria;scheda tecnica di gestione piante arboree da frutto;scheda di gestione di prodotti secondari; Schede di Prodotto : Schede di Sistema Analisi territoriale;analisi di fattibilità sulla diversificazione e/o riconversione di attività agricole;indagini di mercato;manuale o Disciplinare di produzione specifico; Indicatori di Progetto Risultati I Anno Coltivazione delle specie orticole nelle aziende pilota, gestione agronomica delle parcelle e gestione della fertilità con le tecniche di compostaggio nelle tre aziende. Diffusione delle nozioni base del metodo biologico agli agricoltori della zona Parco, attraverso le attività dimostrative, Compilazione dell-elenco delle specie selvatiche che hanno un valore commerciale e che è possible raccoglierle in maniera sostenibile, senza minare la loro capacità di riproduzione. Risultati Finali Diffusione dei metodi dell agricoltura biologica in orticoltura e nelle produzioni -minori-: agrumi e raccolta spontanea delle aromatiche, nel contesto del Parco Nazionale delle 5 Terre per l ottenimento di una produzione agricola diversificata e di qualità. Adesione di altre aziende agricole alla filiera biologica del Parco Cinque Terre. Ridurre l impatto ambientale delle attività agricole di piccole aziende. Salvaguardia del paesaggio e maggior recupero delle terre incolte. Sviluppare la professionalità delle aziende agricole, diversificando la produzione agricola e introducento un metodo di coltivazione innovativo e remunerativo, Collocare interamente le produzioni ottenute dagli agricoltori biologici, all interno della filiera del biologico: ristoranti aderenti al marchio del Parco/garanziaAIAB, affitta-camere, mense scolastiche, negozi del Parco e mercatini locali. (Collegamento con il programma Agenda 21). Indicatori Risultato atteso Valore Atteso Descrizione dell'indicatore Fonti di verifica Ampia partecipazione Buona copertura pubblicitaria Aziende Biologiche Partecipanti alle attività dimostrative Passaggi nei media locali e internet Aziende che adottano il metodo bio nel corso del 2 Notifiche progetto Registri presenze attività dimostrative Presenza nei siti AIAB e del Parco, Rassegna stampa

8 Recupero terre incolte Richieste informazioni delle Ettari recuperati dal parco per la coltivazione biologica 4 Notifica Info sull agricoltura di biologica presso lo 30 Schede di assistenza sportello bio Diffusione della Numero copie diffuse 1800 pubblicazione fi Copie veicolate dal Parco Ulteriori Criteri di Valutazione Agricoltura biologica;introduzione di innovazioni di metodo e/o di processo;progetti a valenza ambientale;salvaguardia e recupero della biodiversitá;metodi e tecniche di produzione eco-compatibili;complementarietà e collegamenti con altri progetti a regia regionale;

Regolamento Ce 1257/99 Psr Regione Liguria - Misura 3.3

Regolamento Ce 1257/99 Psr Regione Liguria - Misura 3.3 Regolamento Ce 1257/99 Psr Regione Liguria - Misura 3.3 Progetto Dimostrativo: Introduzione Dell Agricoltura Biologica Nelle Produzioni Agricole Della Val D Aveto, Allo Scopo Di Porre Le Basi Per Lo Sviluppo

Dettagli

REGIONE LIGURIA ASSESSORATO AGRICOLTURA E TURISMO PROGETTI DIMOSTRATIVI SCHEDA PROGETTUALE ANNO 2001

REGIONE LIGURIA ASSESSORATO AGRICOLTURA E TURISMO PROGETTI DIMOSTRATIVI SCHEDA PROGETTUALE ANNO 2001 REGIONE LIGURIA ASSESSORATO AGRICOLTURA E TURISMO PROGETTI DIMOSTRATIVI SCHEDA PROGETTUALE ANNO 2001 DENOMINAZIONE PROGETTO: INTRODUZIONE DEI METODI DELL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN VITICOLTURA NEL PARCO

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA INDICE PREMESSA LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO REQUISITI DA RISPETTARE CARATTERISTICHE DELLA QUALITÀ BIOLOGICA CONVERTIRSI AL BIOLOGICO VENDERE E COMPRARE 2 PREMESSA All interno

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI

LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI Premessa La Regione Piemonte considera la qualità delle produzioni uno degli strumenti fondamentali per favorire il consolidamento

Dettagli

AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009

AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009 AREA AMBIENTE E TERRITORIO LO SVILUPPO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A BASSO IMPATTO AMBIENTALE NEI PSR: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale

Programma di Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 STATO MEMBRO: ITALIA REGIONE: ABRUZZO Criteri di Selezione misura 112/121/123 Approvati dal Comitato di Sorveglianza Procedura scritta n. 1/2014 1 Misura 112 "Insediamento

Dettagli

Consultazione sulla Food Policy nelle 9 zone

Consultazione sulla Food Policy nelle 9 zone Consultazione sulla Food Policy nelle zone Ecco i principali temi emersi nelle discussioni sulla Food Policy avvenuta nelle zone di Milano tra il e il maggio 0 TEMA ZONA EDUCAZIONE Educazione alimentare

Dettagli

Duca degli Abruzzi. Una scuola per la natura. Istituto Superiore di Istruzione Agraria di Padova. www.ducabruzzi.gov.it. www.ducabruzzi.gov.

Duca degli Abruzzi. Una scuola per la natura. Istituto Superiore di Istruzione Agraria di Padova. www.ducabruzzi.gov.it. www.ducabruzzi.gov. Istituto Superiore di Istruzione Agraria di Padova Duca degli Abruzzi Una scuola per la natura TECNICO SERALE FORMAZIONE CONVITTO Istruzione e TECNICO annesso indirizzo indirizzo corso it ip IeFP cts C

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO E L ITER DI CERTIFICAZIONE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA Camera di Commercio di Pisa 30/09/2011

IL SISTEMA DI CONTROLLO E L ITER DI CERTIFICAZIONE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA Camera di Commercio di Pisa 30/09/2011 IL SISTEMA DI CONTROLLO E L ITER DI CERTIFICAZIONE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA Camera di Commercio di Pisa 30/09/2011 RIFERIMENTI NORMATIVI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO

Dettagli

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese Manifesto per l adesione delle aziende Il Distretto Neorurale delle tre acque di Milano

Dettagli

Corsi di aggiornamento e formazione: il programma

Corsi di aggiornamento e formazione: il programma Finanziati dal Piano di Sviluppo Rurale PRIMO PIANO Corsi di aggiornamento e formazione: il programma 6 Un adeguata formazione professionale è senza dubbio fondamentale per migliorare la competitività

Dettagli

Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a. Organizzazione. Consiglio di Amministrazione. Direzione Generale

Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a. Organizzazione. Consiglio di Amministrazione. Direzione Generale Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a Organizzazione Consiglio di Amministrazione Direzione Generale Centro Istruzione e Formazione Centro Ricerca e Innovazione Centro Trasferimento

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0)

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0) ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura R Documento di lavoro T Sintesi Gestione dei terreni ritirati dalla produzione (Versione 1.0) Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

Dettagli

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo)

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo) Progetto Europeo AGRI.LA: Agricolture and Landscape sostegno a favore delle azioni d informazione sulla Politica Agricola Comune ai sensi del reg. CE n. 814/2000 del Consiglio del 17/04/2004. Progetto

Dettagli

"LA REALIZZAZIONE DEL BIODISTRETTO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO"

LA REALIZZAZIONE DEL BIODISTRETTO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO A.G.C. 11 - Sviluppo Attività Settore Primario - Deliberazione n. 1491 del 25 settembre 2009 Approvazione protocollo d'intesa per "LA REALIZZAZIONE DEL BIODISTRETTO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO

Dettagli

Incarico attuale Costituzione del Sistema Informativo Regionale per le Foreste - L.R. 11/96 Numero di telefono dell ufficio

Incarico attuale Costituzione del Sistema Informativo Regionale per le Foreste - L.R. 11/96 Numero di telefono dell ufficio INFORMAZIONI PERSONALI Nome MATTIA Alberto Data di Nascita 29/03/1965 Qualifica Funzionario - Divulgatore Agricolo Amministrazione Regione Campania - Settore per il Piano Forestale Generale Incarico attuale

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: GANGI Corso di formazione per ESPERTO AGROAMBIENTALE Progetto Formativo

Dettagli

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla Organismi di Certificazione [ ] ORGANISMI D I CERTIFICAZIONE O C IL SISTEMA DI CONTROLLO L agricoltura biologica rappresenta uno dei primi esempi di certificazione di filiera : ogni fase del processo produttivo

Dettagli

Gruppo di lavoro GAST - Gruppo Acquisto Solidale Terreno PROGETTO CAVIN DE CONFIN

Gruppo di lavoro GAST - Gruppo Acquisto Solidale Terreno PROGETTO CAVIN DE CONFIN Gruppo di lavoro GAST - Gruppo Acquisto Solidale Terreno PROGETTO CAVIN DE CONFIN 21/03/2015 Riservato 2 La nostra idea Partendo da un nucleo ridotto di aderenti al Gas, abbiamo pensato di cambiare ruolo:

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO PRODOTTO DEL BALDO

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO PRODOTTO DEL BALDO Villa Nichesola Loc. Platano 6, 37013 Caprino Veronese (Verona) Tel. 045/6230877 878 Fax 045/6230873 Email: baldo@comunitamontanabaldo.vr.it Internet: www.comunitamontanabaldo.vr.it DISCIPLINARE PER L

Dettagli

Rete dei Ristoratori a tutela della Antiche Varietà Colturali del Parco

Rete dei Ristoratori a tutela della Antiche Varietà Colturali del Parco AVVISO PUBBLICO PER DICHIARAZIONE DI INTERESSE ALLA PARTECIPAZIONE ALLA Rete dei Ristoratori a tutela della Antiche Varietà Colturali del Parco Premesse Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Dettagli

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020.

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Andando Verso il Nuovo Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Report - Attività Professionale Periodo di Spesa 2007 2013. Fondo F.E.A.S.R. Codice Fiscale e P.IVA 02035130513 - Via C. Concini

Dettagli

TITOLO 1 - NORME GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione

TITOLO 1 - NORME GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione DISCIPLINARE PER L INDENNIZZO DEI DANNI PROVOCATI DALLA FAUNA SELVATICA NEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI Approvato con DCD 49/02 e s.m.i. (ultima modifica con D.C.D. n. 37 del 03/07/2015) TITOLO

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

PSR e agricoltura conservativa: quali opportunità per le aziende agricole?

PSR e agricoltura conservativa: quali opportunità per le aziende agricole? PSR e agricoltura conservativa: quali opportunità per le aziende agricole? Convegno «Agricoltura conservativa dalla teoria alla pratica Cover crop e fertilità del suolo» Chiara Carasi Regione Lombardia

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell Abbadessa Parchi e Riserve dell Emilia Romagna David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Che cosa fa un Parco naturale?

Dettagli

Presentazione di casi imprenditoriali di successo.

Presentazione di casi imprenditoriali di successo. Misure d Informazione sulla Politica Agricola Comune Progetto: Il futuro dell Agricoltura Europea dipende dai giovani agricoltori: il ruolo della Pac attuale e di quella post 2013 SEMINARIO: L ASSETTO

Dettagli

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole) Cod. misura Codice tipologia Misura FEOGA Tipologia di progetto Indicatore di realizzazione a a01 Interventi su impianti produttivi aziendali Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

Dettagli

IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA

IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA Con il contributo di: Dipartimento 7 Agricoltura e Risorse Agroalimentari AIAB CALABRIA Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Calabria cofinanziato

Dettagli

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi:

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi: Piano di monitoraggio socio economico del progetto LIFE Ripristino degli habitat dunali nel paesaggio serricolo del golfo di Gela per la salvaguardia di Leopoldia gussonei L azione D.3 Monitoraggio socio

Dettagli

Vetrina delle opportunità

Vetrina delle opportunità 1 di 6 21/02/2013 6.40 Vetrina delle opportunità Agevolazioni per la tua impresa agricola BANDO PUBBLICO Misura 121 Ammodernamento delle aziende agricole Gal Terre Pescaresi _Regione Abruzzo Misure collegate

Dettagli

ALLEGATO A : SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIENDA

ALLEGATO A : SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIENDA ALLEGATO A : SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIENDA A.1 Dati identificativi* A.1.1 Azienda Agricola A.1.2 Partita I.V.A. A.1.3 Recapito (Indirizzo, località, N telefono) A.1.4 Rappresentante legale A.2 Dati informativi

Dettagli

Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Opzione Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili

Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Opzione Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Opzione Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili Classi di concorso Ore annue DISCIPLINE primo biennio secondo biennio quinto anno 1^ 2^ 3^

Dettagli

Centro di Educazione al Consumo Sostenibile

Centro di Educazione al Consumo Sostenibile Centro di Educazione al Consumo Sostenibile Regione Liguria Ferrara, 19 ottobre 2007 - Chiara Scalabrino, ARPAL-CREA 1 Premessa Oggi il consumatore: - con le sue scelte contribuisce a costruire l offerta

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO

ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA: COME RACCOGLIERE LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici Roma, 12-13 settembre 2007 SINTESI DELL INTERVENTO ADATTAMENTO IN AGRICOLTURA:

Dettagli

CON L EUROPA IL LAZIO CAMBIA. ANCHE IN AGRICOLTURA.

CON L EUROPA IL LAZIO CAMBIA. ANCHE IN AGRICOLTURA. Unione Europea Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale L Europa investe nelle zone rurali Agenzia Regionale per lo sviluppo e l Innovazione dell Agricoltura del Lazio IL PSR 2007-2013 A FROSINONE

Dettagli

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari DIREZIONE OPERE PUBBLICHE ECONOMIA MONTANA E FORESTE La programmazione integrata delle filiere agro alimentari nelle aree LEADER del Piemonte Torino, 27 novembre 2014 1 PSR 2007 2013 ASSE IV LEADER 13

Dettagli

Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna. Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013

Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna. Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013 Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013 Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna La L.R. 28/99 persegue la valorizzazione dei prodotti

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria L indirizzo è finalizzato all acquisizione, per il settore agrario integrato, di un complesso di competenze relative

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COSTITUZIONE E LA PROMOZIONE DELLA FILIERA CORTA BIOLOGICA

LINEE GUIDA PER LA COSTITUZIONE E LA PROMOZIONE DELLA FILIERA CORTA BIOLOGICA LINEE GUIDA PER LA COSTITUZIONE E LA PROMOZIONE DELLA FILIERA CORTA BIOLOGICA INDICE Scopo.. 3 Premessa.......3 La filiera e gli strumenti di vendita... 4 La vendita in azienda: I Farmers market. 4 Food

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome: GRIGOLO UMBERTO Data di nascita: 27 agosto 1963 Qualifica: Amministrazione: Incarico attuale: Specialista tecnico (D3) Agenzia veneta

Dettagli

Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013

Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 ( s i n te s i d e l R e g o l a m e n to C E 1 9 7 4 / 0 6 e d e l l a D e l i b e r a G i u n

Dettagli

Informazioni riguardanti gli Assi e le Misure ASSE 1. Titolo IV capo I, art. 20, lettera, a), ii) e 22 del Reg. (CE) del Consiglio n.1698/2005.

Informazioni riguardanti gli Assi e le Misure ASSE 1. Titolo IV capo I, art. 20, lettera, a), ii) e 22 del Reg. (CE) del Consiglio n.1698/2005. 5.3.1.5.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Titolo IV capo I, art. 20, lettera, a), ii) e 22 del Reg. (CE) del Consiglio n.1698/2005. Giustificazione logica alla base

Dettagli

AGRARIA Via Brecce Bianche, Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204935

AGRARIA Via Brecce Bianche, Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204935 facoltà di AGRARIA AGRARIA Via Brecce Bianche, Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204935 Sistema Gestione Qualità Certificato RINA 10039/03/S Registrazione IQNet IT-33732 Corsi di Laurea Triennale in: SCIENZE

Dettagli

Struttura e scelte del nuovo PSR

Struttura e scelte del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 - Reggio Emilia Struttura

Dettagli

ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI

ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI A LLEGATO B ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI ALLEGATO B1 Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica - Opzione:

Dettagli

PIF CEREALI SOVICILLE E DINTORNI

PIF CEREALI SOVICILLE E DINTORNI PIF CEREALI SOVICILLE E DINTORNI Settori oggetto di sviluppo Filiera Cerealicola e/o Proteoleaginosa Capofila MAIDICOLA SOVICILLE soc. coop. agr.. sede S.P. 73 Senese Aretina, 5 Comune di Sovicille (SI)

Dettagli

IV Forum settore agroalimentare

IV Forum settore agroalimentare IV Forum settore agroalimentare Patti di Filiera Agroalimentare per lo Sviluppo del Sulcis Iglesiente Patto di Filiera: Filiera delle carni. Riunione del 06 ottobre 2011 - ore 16:00 Sala Conferenze Via

Dettagli

Servizi per l agricoltura e lo sviluppo rurale

Servizi per l agricoltura e lo sviluppo rurale Servizi per l agricoltura e lo sviluppo rurale ISIS NEWTON VARESE La storia La fondazione dell ITIS di Varese risale agli anni Quaranta (settori meccanico, elettrico, tessile) L'IPSIA di Varese, nata tra

Dettagli

proposta di legge n. 238

proposta di legge n. 238 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 238 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 30 marzo 2004 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 27 LUGLIO 1998, N. 24 CONCERNENTE: DISCIPLINA

Dettagli

Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute

Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute Il Biologico nella Ristorazione Collettiva Sabato 7 novembre 2009 Sala Botticelli Palazzo dei Congressi Roma EUR IL BIOLOGICO: REALI

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC

EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC VENEZIA, 19 MAGGIO 2014 EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC MANUEL BENINCA (COLDIRETTI VENETO) 1 QUALI SONO LE NORME CHE REGOLANO LE

Dettagli

FAQ misura 121 Ammodernamento delle aziende agricole Bando pubblico pubblicato sul S.O. alla GURS (p. I) n. 28 del 19 giugno 2009 (n.

FAQ misura 121 Ammodernamento delle aziende agricole Bando pubblico pubblicato sul S.O. alla GURS (p. I) n. 28 del 19 giugno 2009 (n. FAQ misura 121 Ammodernamento delle aziende agricole Bando pubblico pubblicato sul S.O. alla GURS (p. I) n. 28 del 19 giugno 2009 (n. 24) Investimenti ammissibili nell ambito della realizzazione delle

Dettagli

Le caratteristiche del software GAIA

Le caratteristiche del software GAIA Gestione Aziendale delle Imprese Agricole La presentazione del nuovo software INEA per la gestione economica dell azienda agricola Milano, 11 Settembre 2008 Le caratteristiche del software GAIA Antonio

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento MISURA 311 Titolo IV, Capo 1, sezione 3, Articolo 52 lettera a) punto i e sottosezione 1, Articolo 53 del Regolamento

Dettagli

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Abteilung 32 - Forstwirtschaft Ripartizione 32 Foreste Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale Il ruolo e funzioni del maso

Dettagli

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION La VER è un azione volontaria che ha lo scopo di ridurre la propria impronta di carbonio (CO2), principale causa dell effetto serra. La VER viene attivata da Aziende sensibili

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

TECNOLOGIE E PIANIFICAZIONE PER IL TERRITORIO E L AMBIENTE

TECNOLOGIE E PIANIFICAZIONE PER IL TERRITORIO E L AMBIENTE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN TECNOLOGIE E PIANIFICAZIONE PER IL TERRITORIO E L AMBIENTE (corso interfacoltà con Scienze MM.FF. e NN.) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI (allegato al verbale n.

Dettagli

SIB SISTEMA INTEGRATO DEL BIOLOGICO

SIB SISTEMA INTEGRATO DEL BIOLOGICO SIB SISTEMA INTEGRATO DEL BIOLOGICO MANUALE UTENTE GESTIONE PROGRAMMA ANNUALE DELLE PRODUZIONI VEGETALI VERSIONE 1.2 DEL 27/12/2013 Indice 1 Introduzione... 3 1.1 PREMESSA... 3 1.2 SCOPO... 3 1.3 CAMPO

Dettagli

Parco Nazionale delle Cinque Terre. Il Parco dell uomo

Parco Nazionale delle Cinque Terre. Il Parco dell uomo Parco Nazionale delle Cinque Terre Il Parco dell uomo Parco Nazionale delle Cinque Terre Il Parco Nazionale delle Cinque T torio compreso nel parco: ni di Riomaggiore, Vernazza e Monterosso al Mare; el

Dettagli

Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020

Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020 Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020 Andrea Bonfiglio Direttore editoriale Agrimarcheuropa Dipartimento di Scienze economiche e sociali Università Politecnica delle Marche VENERDÌ

Dettagli

Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole

Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole Consiglio dell'ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Alberto Giuliani Coordinatore dipartimento Sviluppo Rurale

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

L INEA e RURALAND. una finestra sul mondo rurale

L INEA e RURALAND. una finestra sul mondo rurale L INEA e RURALAND una finestra sul mondo rurale RURALAND costituisce una esempio di comunicazione ed educazione istituzionale che sviluppa i temi dello sviluppo rurale, lo sviluppo sostenibile della biodiversità

Dettagli

Breve Analisi Tecnica Economica dell Olivicoltura di qualità: difficoltà e prospettive possibili

Breve Analisi Tecnica Economica dell Olivicoltura di qualità: difficoltà e prospettive possibili Breve Analisi Tecnica Economica dell Olivicoltura di qualità: difficoltà e prospettive possibili ISTAT - Censimento 2000 Provincia Arezzo Coltivazioni arboree ha 23.509,74 ISTAT - Censimento 2010 Provincia

Dettagli

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione Introduzione Megna A. Spada V. Manzini V. A.D.M. srl Agricultural Data Management Via Cairoli, 71 97100 RAGUSA (RG) Italy info@agronix.com adm@adm.it

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi Franco Licini Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi IL VALORE DEL BOSCO PER IL PAESAGGIO Giovedì

Dettagli

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015

PSR 2014-2020. Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 PSR 2014-2020 Ruolo dei Comuni Bologna 10 Aprile 2015 RUOLO DEI COMUNI Ente pubblico: Comune, Ente gestore Macro aree, Provincia,... Comune: 1) Beneficiario diretto 2) Partner 3) Programmatore / facilitatore

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER Programma di Sviluppo Locale BASSO TIRRENO COSENTINO SCHEDA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

Le castagne della Valle del Lujo

Le castagne della Valle del Lujo Le castagne della Valle del Lujo Istituto Tecnico Agrario Statale di Bergamo Classe 5 C a.s. 2007/2008 Banca Tutor Banca Popolare di Bergamo Credito Varesino Le castagne della Valle del Lujo EXECUTIVE

Dettagli

REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE Servizio Agricoltura

REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE Servizio Agricoltura ALLEGATO A REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE Servizio Agricoltura LINEE GUIDA PER IL PARCO DELLA RICERCA E SPERIMENTAZIONE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E AL CONTENIMENTO DEL COMPLESSO

Dettagli

TERRE DI SOLIDARIETÀ : COMUNITÀ EDUCATIVA PER ADOLESCENTI SVANTAGGIATI IN UN CONTESTO DI AGRICOLTURA SOCIALE

TERRE DI SOLIDARIETÀ : COMUNITÀ EDUCATIVA PER ADOLESCENTI SVANTAGGIATI IN UN CONTESTO DI AGRICOLTURA SOCIALE TERRE DI SOLIDARIETÀ : COMUNITÀ EDUCATIVA PER ADOLESCENTI SVANTAGGIATI IN UN CONTESTO DI AGRICOLTURA SOCIALE L agricoltura sociale (AS) valorizza l agricoltura multifunzionale nel campo dei servizi alla

Dettagli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli 5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (b) (i) e 43 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 31 e punto 5.3.2.2.1. dell Allegato II del Reg. (CE)

Dettagli

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE INDICE PREMESSA I PRODOTTI ALIMENTARI PRODOTTI BIOLOGICI PRODOTTI LOCALI BENI DI CONSUMO 2 PREMESSA Ogni giorno, tutti noi consumiamo una quantità di prodotti per soddisfare

Dettagli

Osservazioni sull atto comunitario n. 180

Osservazioni sull atto comunitario n. 180 Osservazioni sull atto comunitario n. 180 1. CONTESTO DELLA PROPOSTA Cap. 1.4 Coerenza con altre politiche Si segnala in positivo come la norma di settore si inquadri nel contesto più generale di politiche

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (P.S.R. 2007-2013) Disposizioni in materia di pubblicità e informazione sul sostegno da parte del

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (P.S.R. 2007-2013) Disposizioni in materia di pubblicità e informazione sul sostegno da parte del PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (P.S.R. 2007-2013) Disposizioni in materia di pubblicità e informazione sul sostegno da parte del FEASR (Fondo Europeo per lo Sviluppo Rurale) nell ambito del Programma di

Dettagli

ESITO DEL FORUM TEMATICO SINERGIE DELLA FILIERA TURISMO AMBIENTE AGRICOLTURA: TRA SPECIFICITÀ LOCALI E OPPORTUNITÀ

ESITO DEL FORUM TEMATICO SINERGIE DELLA FILIERA TURISMO AMBIENTE AGRICOLTURA: TRA SPECIFICITÀ LOCALI E OPPORTUNITÀ Agenda 21 della Comunità Montana Valtellina di Tirano ESITO DEL FORUM TEMATICO SINERGIE DELLA FILIERA TURISMO AMBIENTE AGRICOLTURA: TRA SPECIFICITÀ LOCALI E OPPORTUNITÀ Tirano, 15 Novembre 25 ore 2.15

Dettagli

LINEE GUIDA ORTI SOLIDALI FATTORIA SOCIALE IL NOSTRO FIORE SAN GIOVANNI DI LIVENZA SACILE -

LINEE GUIDA ORTI SOLIDALI FATTORIA SOCIALE IL NOSTRO FIORE SAN GIOVANNI DI LIVENZA SACILE - LINEE GUIDA ORTI SOLIDALI FATTORIA SOCIALE IL NOSTRO FIORE SAN GIOVANNI DI LIVENZA SACILE - LINEE GUIDA ORTI SOLIDALI SAN GIOVANNI DI LIVENZA Art.1 Disposizioni generali Ai fini delle presenti Linee Guida

Dettagli

SCHEDA PROGETTUALE. Le terroir rural pour un tourisme durable. Asse 3: misura 313 Asse 4:

SCHEDA PROGETTUALE. Le terroir rural pour un tourisme durable. Asse 3: misura 313 Asse 4: SCHEDA PROGETTUALE Titolo del progetto Le terroir rural pour un tourisme durable Tipologia progettuale Modalità di attuazione Misure di riferimento Beneficia ri Descrizione qualitativa del progetto Aziende

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (ii) e 22 del Reg. (CE) N 1698/2005. Art. 13 e punto 5.3.1.1.2. dell allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli