Campi elettromagnetici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Campi elettromagnetici"

Transcript

1 IQUADERNIDI Campi elettromagnetici in ambiente di lavoro A cra di Marina Barbiroli Doriana Gidcci e Simona Valbonesi Il contesto normativo in materia di protezione dei lavoratori dall esposizione ai campi elettromagnetici si fonda slla Direttiva 2004/40/CE [1], ventesima direttiva particolare ai sensi della direttiva 89/391/CEE [2] e con la qale anche i entrano a far parte degli agenti fisici da ci i lavoratori devono essere protetti, così come le vibrazioni, il rmore e le radiazioni ottiche. Nel 2006 la comnità medica ha comnicato alla Commissione la propria preoccpazione in merito all attazione di tale direttiva. I valori limite di esposizione stabiliti dalla medesima limiterebbero infatti in modo sproporzionato l applicazione e lo svilppo della tecnica RMI (risonanza magnetica per immagini), considerata oggi no strmento indispensabile per la diagnosi e il trattamento di varie malattie. Sccessivamente, anche altri settori indstriali hanno espresso preoccpazione in merito all incidenza della direttiva slle proprie attività; per ttti qesti motivi nel 2008 è stata pbblicata la Direttiva 2008/46/CE [3], che rinvia al 30 aprile 2012 i termini di recepimento della Direttiva 2004/40/CE, in modo da consentire na rivaltazione completa dell impatto sociale ed economico della Direttiva 2004/40/CE stessa. In Italia la Direttiva 2004/40/CE è stata recepita all interno del D.lgs. n. 81/08 [4], con na particolarità legata al deferimento del recepimento della Direttiva stessa, il Capo IV del Titolo VIII del D.lgs. n. 81/08, relativo a, entrerà qindi in vigore solo il 30 aprile 2012 con qesta particolarità: è immediatamente sanzionabile solo la valtazione del rischio (facendo ricorso alle norme di bona tecnica e bona prassi), intesa come processo finalizzato ad individare le adegate misre di prevenzione e protezione e ad elaborare n programma delle misre atte a garantire il miglioramento dei livelli di salte e sicrezza dei lavoratori. Relativamente agli obblighi specifici di ci al Capo IV, invece, qesti non saranno né richiedibili, né sanzionabili fino alla data di entrata in vigore e cioè il 30 aprile Alla scadenza del recepimento della Direttiva 2004/40/CE è, qindi, opportno chiarire qali sono le modifiche e le novità contente nella proposta di modifica della Direttiva slle disposizioni minime di sicrezza e di salte relative all esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti da agenti fisici ().

2 INDICE CAMPI ELETTROMAGNETICI /2 t Introdzione 43 Esposizione professionale ai campi magnetici statici: prospettive e problemi aperti 45 Proposta di modifica della Direttiva 2004/40/CE e recepimento all interno del Testo Unico slla sicrezza dei lavoratori 47 Tv digitale terrestre in Sardegna: ecco i primi bilanci Dicembre 2008 / Gennaio 2009 E-Inclsion: accessibilità nella società dell informazione Tecnologia e disabilità: de mondi non ancora globali Il ftro di Internet: Ipv6 n indirizzo per ttti e ttto Il ftro di Internet: Ipv6 n indirizzo per ttti e ttto Intelligenza artificiale: mito o realtà? Ttti pazzi per la ghigliottina, anche i compter Il qaderno di Telèma è stato realizzato dalla Fondazione Ugo Bordoni Presidente: Alessandro Lciano Direttore delle Ricerche: Mario Frllone Cratori del Qaderno: Marina Barbiroli, Doriana Gidcci e Simona Valbonesi Febbraio Marzo Aprile Maggio La sostenibilità energetica come nova sfida tecnologica Dicembre 2009 / Gennaio 2010 Reti sociali s Internet e Sentiment Analysis 1 Reti sociali s Internet e Sentiment Analysis 2 Le frontiere dell intrattenimento domestico (Re)visioni: alcne tracce per interpretare le mtazioni televisive Aprile / Maggio Lglio / Agosto / Settembre Ottobre Qanto è larga la banda? Oggi l tente pò misrarla Dicembre / Gennaio 2011 Come misrarsi la banda, contestare gli Operatori e vivere felici Qalità e Internet mobile. Le verità nascoste? 1 Qalità e Internet mobile. Le verità nascoste? 2 La sostenibilità energetica non pò fare a meno dell ICT Febbraio Marzo Aprile / Maggio Registro Pbblico delle Opposizioni: n opportnità per i cittadini e le imprese Lglio / Agosto / Settembre L opt-ot nel telemarketing è sempre più realtà: dal telefono alla posta, con no sgardo verso Internet Ottobre PANDORA: l ICT per il Crisis Management Dicembre / Gennaio 2012 Una nova generazione di sportelli atomatici accessibili e sabili da ttti Febbraio 2012?????????????????????????? Marzo 2012 Esposizione professionale ai campi magnetici statici: prospettive e problemi aperti Il rapido svilppo nell indstria ed in medicina di tecnologie che tilizzano i campi magnetici statici ha prodotto n amento dell esposizione professionale a qesto specifico agente fisico. I livelli più elevati di esposizione sono riscontrabili tra gli operatori impiegati in prossimità dei tomografi per risonanza magnetica ncleare; i valori di campo magnetico nominale a ci operano qesti apparati, sia in caso di tilizzo diagnostico che in spettroscopia chimica, variano da 0.5 T ai 10 T e oltre. Si tratta di campi estremamente elevati, basti pensare che il campo magnetico statico natrale terrestre, all interno del qale si è evolta la vita è in media pari a 50 μt, con variazioni, a seconda della posizione geografica, comprese tra 30 e 70 μt. Nel 2004 l Unione eropea ha emanato la Direttiva 2004/40/CE [1] contenente le prescrizioni minime di sicrezza per l esposizione dei lavoratori all agente fisico. L applicazione di qesta direttiva e delle restrizioni in essa indicate pò portare gravi limitazioni all tilizzo delle tecniche di risonanza magnetica ncleare e comprometterne i sccessivi svilppi. Considerando qesti specifici fattori, il Parlamento eropeo ha sccessivamente rinviato il termine per il recepimento della Direttiva da parte degli stati membri al 2012, al fine di consentire na completa revisione dei limiti, da parte dell ICNIRP [10]. Da n pnto di vista fisico, i meccanismi accertati mediante i qali i campi magnetici statici interagiscono con la materia vivente sono l indzione magnetica, l azione magnetomeccanica e le interazioni elettroniche. Nmerosi stdi sono stati condotti si potenziali effetti biologici dei campi magnetici statici analizzando diversi micro parametri tra ci l orientamento delle cellle, la crescita celllare, l attività metabolica e l espressione genica. Nel complesso qeste indagini non forniscono evidenze convincenti di effetti nocivi per esposizioni a campi magnetici con densità di flsso fino a diversi Tesla. Dal pnto di vista fisiologico, stdi di laboratorio sll omo non hanno messo in evidenza effetti degni di nota per esposizione a campi magnetici fino ad 8 T [11], ad eccezione di n lieve e transitorio amento della pressione sistolica. Inoltre non sembra esserci nessna evidenza di effetti s altri aspetti delle fnzioni cardiovascolari, slla temperatra corporea, slla memoria, sl lingaggio e si tempi di reazione motorio-ditiva [12, 13]. L nico effetto provato è la formazione di stimoli visivi, detti anche fosfeni, drante il movimento degli occhi o della testa all interno di n forte campo statico che si pò accompagnare anche a nasea, vertigini e sapore metallico in bocca 44 45

3 [14]. Si tratta comnqe di malesseri transitori con nessna implicazione di tipo patologico. Per qanto rigarda la protezione dei lavoratori dall esposizione a campi magnetici statici, a fornire le linee gida recepite nei qadri regolatori attalmente vigenti a livello eropeo è l ICNIRP. Tali limiti si basano si risltati di indagini condotte a livello biologico s cellle o coltre celllari, a livello fisiologico sgli animali e sll omo e a livello epidemiologico s soggetti esposti in modo cronico per ragioni professionali. Ancora oggi i limiti per l esposizione ai campi magnetici statici fanno riferimento a Linee Gida pbblicate dall ICNIRP nel 1994 nelle qali veniva raccomandato n limite per esposizione professionale pari a 200 mt mediato nel tempo s na giornata di lavoro, con n valore massimo di 2T, estendibile a 5T per le sole estremità. Il valore limite di 200 mt/day trova gistificazione nel fatto che l analisi dei meccanismi di interazione accertati ha messo in evidenza che l esposizione cronica a tale livello di indzione magnetica non dovrebbe avere consegenze negative per la salte. Si tratta comnqe di na restrizione conservativa che tiene anche conto del fatto che, nel 1994, le conoscenze si potenziali effetti a lngo termine erano pittosto carenti. Tale restrizione, se applicata alle strmentazioni attalmente in so in reparti ospedalieri, laboratori chimici, aziende prodttrici di cloro ed allminio, ne comprometterebbe qasi completamente l attività; basti pensare che per mansioni rotinarie di personale medico e paramedico operante s tomografi a 1.5 T l esposizione professionale valtata nell arco di na giornata lavorativa di 8 ore è dell ordine dei 200 mt [15] e la tendenza è qella di tilizzare macchine con campi statici nominali non inferiori a 3T, che prodrrebbero esposizioni decisamente maggiori. In qesto contesto l ICNIRP, a segito di na analisi in chiave critica della letteratra scientifica prodotta nell ltimo decennio, a fine 2009 ha pbblicato la revisione delle Linee Gida [7]; in qesto novo docmento si raccomanda che l esposizione professionale della testa e del tronco non speri, come valore di picco spaziale dell indzione magnetica i 2T. Tttavia, per specifiche attività lavorative, si possono consentire esposizioni fino a 8T se l ambiente è controllato e se vengono messe in atto adegate procedre di lavoro atte a minimizzare gli effetti indotti dal movimento oppre se l esposizione è limitata agli arti. Il limite di 2T è stato posto al fine di evitare la comparsa di spiacevoli effetti transienti, di natra non patologica qali nasea e vertigini, ma, per attività specifiche, in ambiente controllato e con procedre adegate na esposizione fino ad 8 T viene considerata accettabile, anche in fnzione del fatto che stdi recenti condotti sll omo non hanno evidenziato effetti diversi dai transienti sopra descritti per esposizione a campi fino a 8T così come negli animali da laboratorio. Le nove Linee Gida sono basate sll indzione magnetica invece che sll esposizione mediata nella giornata lavorativa in qanto l esperienza si tomografi a risonanza magnetica e la letteratra risonanza magnetica scientifica al momento disponibile hanno messo in evidenza che gli eventali effetti della esposizione possono essere esclsivamente acti. La nova Direttiva eropea slle esposizioni professionali recepirà qindi le Linee Gida ICNIRP del 2009 consentendo di fatto l tilizzo in campo medico e chimico di apparati con campo statico nominale fino ad 8T. La modifica dei limiti per esposizione a forte campo magnetico statico solleva qestioni complesse e pressanti, che potrebbero anche portare al posticipo dell scita del novo qadro regolamentare eropeo rigardante le esposizioni professionali all agente fisico. Da n lato, infatti, l amento dei livelli di campo ammissibili fino ad 8T ammette implicitamente la presenza di distrbi di natra transiente che alcni soggetti potrebbero accsare, ed inoltre ancora non sono disponibili conoscenze specifiche per campi così elevati s potenziali effetti a lngo termine; dall altro lato, na politica troppo catelativa rischierebbe di bloccare i ftri svilppi, sopratttto a livello diagnostico, di na tecnica non invasiva, altamente colladata come la risonanza magnetica ncleare che ha già dimostrato di portare enormi vantaggi a ttti. Proposta di modifica della Direttiva 2004/40/CE e recepimento all interno del Testo Unico slla sicrezza dei lavoratori Si ricorda innanzittto che le disposizioni di na direttiva sono disposizioni minime e che ogni Stato membro pò stabilire disposizioni più vincolanti e inoltre che, per modificare na direttiva, l nico modo possibile è qello di adottare na nova direttiva che abroghi la precedente. A gigno 2011, con la COM(2011) 348 [5] è stata presentata fficialmente da parte della Commissione eropea na proposta di direttiva, relativamente alla qale a lglio del 2011 sono iniziati i lavori al Consiglio dell Unione eropea, sotto la presidenza di trno polacca. La nova direttiva si basa sll analisi completa degli stdi, compreso qello avviato dalla Commissione, relativi alle potenziali consegenze negative dell applicazione dei valori limite di esposizione previsti dalla direttiva per l impiego medico della RMI, si risltati della revisione delle raccomandazioni dell ICNIRP [6], sll analisi di altre recenti raccomandazioni, come ad esempio i criteri d igiene ambientale per i dell OMS, basati sgli ltimi stdi scientifici rigardanti gli effetti slla salte mana dei, pbblicati dopo l adozione della direttiva 2004/40/CE e infine sll esame dell impatto delle disposizioni della direttiva. La nova direttiva propone na revisione della direttiva stessa al fine di garantire sia n livello elevato di protezione della salte e della sicrezza dei lavoratori, sia la salvagardia e lo svilppo delle attività mediche e indstriali che prevedono l tilizzo dei. Le più importanti modifiche introdotte dalla proposta, che tengono conto degli ltimi risltati scientifici in qesto settore, possono essere riassnte nei segenti pnti: 46 47

4 n definizioni più chiare, in particolare per gli effetti nocivi slla salte (articolo 2 della Direttiva 2004/40/CE); n inclsione di n sistema modificato per i valori limite e i valori di riferimento, diversi dagli attali valori limite e valori di azione per l intervallo di freqenze da 0 a 100 khz, secondo qanto riportato nelle nove linee gida ICNIRP, pbblicate nel 2009 [7], per i campi statici e nel 2010 per i campi a bassa freqenza [8] (ciò rigarderà gli articoli 2 e 3 della Direttiva 2004/40/CE, più l allegato). Nella maggior parte dei casi i livelli di riferimento e i limiti fondamentali sono fissati a livelli più elevati rispetto alle precedenti linee gida; n introdzione di indicatori volti a facilitare le misre e il calcolo (articolo 3, paragrafo 3) e fornire orientamenti per considerare anche le incertezze di misra. Per esempio la legislazione slla sicrezza dei prodotti contenta nelle direttive 1999/5/CE e 2006/95/CE (relative alla conformità e al riconoscimento delle apparecchiatre radio e dei terminali di telecomnicazione) è volta a garantire che il pbblico, compresi i lavoratori, non sia esposto a livelli che sperino qelli stabiliti dalla raccomandazione 1999/519/CEE [9] per la popolazione, prché i prodotti siano tilizzati secondo qanto previsto. Dal momento che i livelli stabiliti per il pbblico sono inferiori a qelli stabiliti per i lavoratori e comprendono la protezione contro gli effetti a lngo termine, il rispetto di qeste direttive di prodotto garantisce na protezione sfficiente nell ambito della presente direttiva per le sitazioni in ci le apparecchiatre siano riconoscite e conformi; n introdzione di alcni orientamenti volti a garantire valtazioni dei rischi semplificate, ma più efficienti (articolo 4), al fine di agevolare le attività di valtazione e di limitare gli oneri per le PMI (piccole e medie imprese); n introdzione di na limitata, ma adegata flessibilità mediante la proposta di n qadro di riferimento controllato relativo a deroghe limitate per l indstria; n inserimento di na base razionale per la sorveglianza sanitaria (articolo 8); n particolare attenzione per il caso specifico delle applicazioni mediche che tilizzano la risonanza magnetica e per le attività correlate; n introdzione di misre complementari non vincolanti, come, ad esempio, na gida pratica non vincolante. Come sottolineato, la nova direttiva modificherà n certo nmero di articoli della precedente direttiva, in particolare si farà riferimento espressamente all esistenza di effetti diretti e indiretti generati dall esposizione ai. Nel dettaglio si definiscono gli effetti nocivi per la salte (effetti biologici che hanno n effetto dannoso sl benessere mentale, fisico e/o generale dei lavoratori esposti e a qesto proposito si ricorda che nella direttiva sono presi in considerazione solo gli effetti di breve periodo) e gli effetti nocivi per la sicrezza (effetti che generano distrbi temporanei e inflenzano le capacità cognitive o altre fnzioni cerebrali o mscolari e che pertanto possono inflenzare negativamente la capacità di n lavoratore di lavorare in modo sicro). Nella nova direttiva, oltre ai valori limite di esposizione e ai valori di azione si definiscono anche i valori di orientamento, che corrispondono a n livello di campo per il qale non dovrebbero prodrsi effetti nocivi per la salte in normali condizioni di lavoro e per persone che non appartengono a n grppo soggetto a rischi particolari. Di consegenza, in qesto caso l accratezza della procedra di valtazione del rischio pò essere ridotta al minimo. La conformità al valore d orientamento garantirà la conformità ai pertinenti valori limite di esposizione per gli effetti slla salte e slla sicrezza. Per semplificare la valtazione del rischio per gran parte dei posti di lavoro le misre estensive sono state limitate ai casi in ci siano realmente necessarie. Importante è l introdzione di n novo paragrafo che prevede n esenzione dei limiti di esposizione per il settore della RMI e delle attività correlate; qesto settore continerà ad essere soggetto a ttti gli altri obblighi. Un altro novo paragrafo è relativo alla protezione degli operatori radar in ambito militare e stabilisce il diritto dei militari di tilizzare n sistema di protezione adatto alle specifiche sitazioni di lavoro. La richiesta è stata fatta dalla NATO, che tilizza n sistema di protezione basato slle raccomandazioni proposte dall Istitto degli ingegneri elettronici ed elettrotecnici (IEEE). Anche altre attività indstriali possono operare in deroga temporanea al speramento dei limiti, se i lavoratori operano in condizioni controllate. Sempre al fine di agevolare l attazione della direttiva si è introdotta l elaborazione di na gida pratica; tale prassi è già segita in altre direttive, in particolare nell ltima direttiva 2006/25/CE sgli agenti fisici (radiazioni ottiche artificiali). Nella gida si introdce in pratica il sistema di ripartizione in zone, approvato da qasi ttte le parti interessate, che, assieme alle misre, agevola, qando possibile, le procedre di valtazione dei rischi. Per qanto rigarda la RMN è stato inserito n allegato apposito, l allegato IV, destinato a garantire n applicazione agevole ed armonizzata di adegate misre qalitative di protezione in ambiente controllato. È infine stata introdotta n importante modifica affinché il Parlamento eropeo e il Consiglio non attribiscano alla commissione il potere di modificare i valori limite; per qanto rigarda invece gli attali livelli di riferimento direttamente misrabili, vale a dire i valori di orientamento e di azione, sono considerati modifiche di natra strettamente tecnica. Ciò faciliterà eventali modifiche adegate e tempestive se le conoscenze scientifiche e il raffinamento dei metodi di mo

5 risonanza magnetica dellizzazione gistificheranno semplificazioni o adegamenti in qesto settore. La presidenza polacca ha chiso a fine novembre 2011 il proprio mandato, senza il raggingimento di na posizione comne, essendovi diversità di posizione tra gli Stati membri per qello che ri- garda ad esempio i limiti di esposizione e i casi di deroga. I lavori sono ripresi a gennaio 2012 sotto la presidenza danese e non è da escldere che la Commissione eropea proponga n novo slittamento del termine del recepimento della Direttiva 2004/40/CE. n Bibliografia [1] Direttiva 2004/40/CE del Parlamento eropeo e del Consiglio, 29 aprile 2004, slle prescrizioni minime di sicrezza e di salte relative all esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti da agenti fisici (). [2] Direttiva 89/391/CEE del Consiglio, del 12 gigno 1989, concernente l attazione di misre volte a promovere il miglioramento della sicrezza e della salte dei lavoratori drante il lavoro. [3] Direttiva 2008/46/CE del Parlamento eropeo e del Consiglio, 23 aprile 2003, che modifica la direttiva 2000/40/CE slle prescrizioni minime di sicrezza e di salte relative all esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti da agenti fisici (). [4] Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, Attazione dell articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di ttela della salte e della sicrezza nei loghi di lavoro. [5] Proposal for a Directive of the Eropean Parliament and of the Concil on the minimm health and safety reqirements regarding the exposre of workers to the risks arising from physical agents (electromagnetic fields) (XXth individal Directive within the meaning of Article 16(1) of Directive 89/391/EEC). [6] ICNIRP, Gidelines for Limiting Exposre to Time-Varying Electric, Magnetic, and Electromagnetic Fields (p to 300 GHz), Health Physics Vol. 74, No 4, pp , 1998; revised and extended edition in: R. Matthes, J.H. Bernhardt, A.F. McKinlay (eds.): International Commission on Non-Ionising Radiation Protection 1999, ISBN [7] ICNIRP Gidelines on Limits of Exposre to Static Magnetic Fields, Health Physics 96(4): (2009). [8] ICNIRP Gidelines for Limiting Exposre To Time Varying Electric and Magnetic Fields (1 Hz 100 khz) Pblished in Health Physics 99(6): ; [9] 1999/519/CE Raccomandazione del Consiglio del 12 lglio 1999 relativa alla limitazione dell esposizione della popolazione ai da 0 Hz a 300 GHz. [10]ICNIRP. Gidelines on Limits to Exposre to static magnetic fields. Health Phys 66, 100-6, 1994 [11]Chakeres DW, Kangarl A, Bodolas H, Yong DC. Effect of static magnetic field exposre of p to 8 tesla on seqential hman vital sign measrements J Magn Reson Imaging , [12]Chakeres DW, Bornstein R, Kangarl A. Randomized comparison of cognitive fnction in hmans at 0 and 8 tesla. J Magn.Reson Imaging , 2003b. [13]Chakeres DW, de Vocht R. Static magnetic field effects on hman sbjects related to magnetic resonance imaging systems Prog Biophys Mol Biol , [14]Cavin ID, Glover PM, Bowtell RW, Gowland PA. Thresholds for perceiving metallic taste at high magnetic field J. Magn. Reson. Imaging , [15]Valbonesi S, Barbiroli M, Frllone M, Graziosi F, Papotti E, Violante FS. Occpational exposre assessment to static magnetic field in MRI environment. Proceedings of 32nd Annal Meeting of the Bioelectromagnetics Society 2010 (BEMS 2010), ,

Una nuova generazione di sportelli automatici

Una nuova generazione di sportelli automatici IQUADERNIDI Una nova generazione di sportelli atomatici accessibili e sabili da ttti A cra di Raffaele Nicolssi Il problema delle barriere tecnologiche è stato affrontato spesso anche slle pagine di Telèma

Dettagli

PANDORA: IQUADERNIDI. l ICT per il Crisis Management

PANDORA: IQUADERNIDI. l ICT per il Crisis Management IQUADERNIDI PANDORA: l ICT per il Crisis Management A cra di Michele Cornacchia, Chiara Rossetti Il Crisis Management è n approccio sistematico adottato nelle sitazioni di emergenza, essenzialmente per

Dettagli

Teoria normativa della politica economica

Teoria normativa della politica economica Teoria normativa della politica economica La teoria normativa si occpa di indicare il metodo e, di consegenza, le scelte che n atorità pbblica (policy maker) razionale dovrebbe assmere per persegire il

Dettagli

Qualità e Internet mobile

Qualità e Internet mobile IQUADERNIDI Qalità e Internet mobile Le verità nascoste? A cra di Gido Riva La Qalità di Servizio (Qality of Service - QoS) è diventa negli ltimi anni n tema di primaria importanza, e non solo nel settore

Dettagli

Qualità e Internet mobile

Qualità e Internet mobile IQUADERNIDI Qalità e Internet Le verità nascoste? 2 A cra di Gido Riva L accesso ad Internet in mobilità ha sbìto negli ltimi mesi n esplosione raggardevole; se escldiamo i primi tempi della loro diffsione,

Dettagli

L attenzione verso le cose del passato è sempre più

L attenzione verso le cose del passato è sempre più La gestione della geometria tridimensionale di n oggetto È fondamentale per ogni simlazione nmerica Antonio Giogoli Agiotech Le capacità odierne dell ingegneria inversa aprono novi confini all analista

Dettagli

bintec RV Robusti router LTE per applicazioni a banda larga sui veicoli

bintec RV Robusti router LTE per applicazioni a banda larga sui veicoli bintec RV Robsti roter LTE per applicazioni a banda larga si veicoli Networking mobile per veicoli di ttti i tipi La connessione permanente ad Internet è diventata oggi na ovvietà. Sia nel privato, che

Dettagli

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI Il mondo reale è per sa natra complesso e le organizzazioni mane lo sono in modo particolare. Per potere comprendere e gestire la realtà è indispensabile svilppare

Dettagli

CAPO IV - PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAPO IV - PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI CAPO IV - PROTEZIONE DEI AVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE A CAMPI EETTROMAGNETICI Articolo 206 - Campo di applicazione 1. Il presente capo determina i requisiti minimi per la protezione dei lavoratori

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Lo schema di decreto legislativo di recepimento della direttiva in oggetto scaturisce dalla necessità di adeguamento dell ordinamento nazionale al contesto europeo in materia di

Dettagli

Scenario futuro per la Direttiva 2004/40/EC

Scenario futuro per la Direttiva 2004/40/EC ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI AI CAMPI ELETTROMAGNETICI E ALLE RADIAZIONI OTTICHE ALLA LUCE DEL D. Lgs. 81/2008 Scenario futuro per la Direttiva 2004/40/EC 2004 EMANAZIONE DIRETTIVA VIGENTE 2008 POSTICIPO

Dettagli

Partnership di canale

Partnership di canale white paper gennaio.2015 Partnership di canale Il trst mediator e n novo concetto di filiera corta iteam:lorena Cottone e x c e l l e n c e i n e x e c t i o n white paper 2 exective smmary introdzione

Dettagli

La nuova direttiva europea 2004/40/CE sulla protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici: presentazione e contenuti

La nuova direttiva europea 2004/40/CE sulla protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici: presentazione e contenuti La nuova direttiva europea 2004/40/CE sulla protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici: presentazione e contenuti Paolo Rossi Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ECONOMICO-GESTIONALE Dottorato di Ricerca in Ingegneria Economico-Gestionale XVIII Ciclo TESI DI DOTTORATO

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istitto Speriore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istitto non sono responsabili per l so che pò essere fatto delle informazioni

Dettagli

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO I. eneralità, definizioni, classificazioni. I.1 Definizioni rigardanti: macchine motrici ed operatrici e loro classificazione. Una macchina è n insieme di organi fissi e mobili, vincolati tra loro cinematicamente,

Dettagli

D. Lgs 81/08 titolo VIII AGENTI FISICI. A cura di Norberto Canciani

D. Lgs 81/08 titolo VIII AGENTI FISICI. A cura di Norberto Canciani D. Lgs 81/08 titolo VIII AGENTI FISICI A cura di Norberto Canciani Capo I: DISPOSIZIONI GENERALI - definizioni e campo di applicazione - Agenti fisici: rumore, ultrasuoni, infrasuoni, vibrazioni meccaniche,

Dettagli

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni Anna Dallai, Monica Falleri, Antonio Moro, 2013 Decina e abaco a scatole Se nel precedente anno non è stato introdotta la decina lavoriamo si raggrppamenti, diamo

Dettagli

Dialog 4106 Basic/Dialog 4147 Medium. Manuale d'uso. Telefoni analogici per il sistema di comunicazione MD110

Dialog 4106 Basic/Dialog 4147 Medium. Manuale d'uso. Telefoni analogici per il sistema di comunicazione MD110 Dialog 4106 Basic/Dialog 4147 Medim Telefoni analogici per il sistema di comnicazione MD110 Manale d'so Cover Page Graphic (Grafica di copertina) Place the graphic directly on the page, do not care abot

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. La Misura dell attività ospedaliera. Prof. Giovanni CAPELLI Dott. Bruno FEDERICO Cattedra di Igiene

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. La Misura dell attività ospedaliera. Prof. Giovanni CAPELLI Dott. Bruno FEDERICO Cattedra di Igiene Corso di Larea ORGANIZZAZIONE SANITARIA La Misra dell attività ospedaliera Prof. Giovanni CAPELLI Dott. Brno FEDERICO Cattedra di Igiene 1 Corso di Larea La classificazione internazionale delle malattie

Dettagli

Progetto DSA Matematica

Progetto DSA Matematica Classe a Progetto DSA Matematica Come le insegnanti ben sanno, all interno della classe ogni bambino ha le se caratteristiche pecliari, i soi tempi e le se molità di apprendimento. Appare qindi necessario

Dettagli

LH1 UC30E altoparlante a tromba per applicazioni musicali

LH1 UC30E altoparlante a tromba per applicazioni musicali Sistemi di comnicazione LH1 UC3E altoparlante a tromba per applicazioni msicali LH1 UC3E altoparlante a tromba per applicazioni msicali www.boschsecrity.it Eccellente riprodzione vocale e msicale Sistema

Dettagli

LE LINEE GUIDA ICNIRP: PRINCIPI ED EVOLUZIONE

LE LINEE GUIDA ICNIRP: PRINCIPI ED EVOLUZIONE LE LINEE GUIDA ICNIRP: PRINCIPI ED EVOLUZIONE Paolo Vecchia Dipartimento Tecnologie e Salute Istituto Superiore di Sanità, Roma Presidente ICNIRP COMMISSIONE 2008-2012 P. Vecchia Italia Presidente R. Matthes

Dettagli

Newsletter n. 02-30 giugno 2015. On line il nuovo sito web di I-TOWN

Newsletter n. 02-30 giugno 2015. On line il nuovo sito web di I-TOWN On line il novo sito web di I-TOWN É on line il sito web del progetto Bild Up Skills I-TOWN http://www.bs-itown.e/ Un sito interattivo e dinamico, ricco di notizie, informazioni tecniche e di settore.

Dettagli

La garanzia del miglior prezzo

La garanzia del miglior prezzo white paper settembre.2015 La garanzia del miglior prezzo Come arginare la crescita della pressione promozionale nel grocery e contrastare lo show rooming nell elettronica di consmo - Gianpiero Lgli -

Dettagli

Protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza derivanti dall esposizione ai campi elettromagnetici nelle fonderie

Protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza derivanti dall esposizione ai campi elettromagnetici nelle fonderie Protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la sicurezza derivanti dall esposizione ai campi elettromagnetici nelle fonderie Fabio Baronio Laboratorio di Campi Elettromagnetici e Fotonica,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/16 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/16 DEL 23.12.2014 Oggetto: D.Lgs. 14.8.2012, n. 150 e decreto interministeriale 22 gennaio 2014. Piano d'azione nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari. Direttive per l'attuazione nella Regione Sardegna

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

LBC 3011/x1 altoparlanti a pannello

LBC 3011/x1 altoparlanti a pannello Sistemi di comnicazione LBC 11/x1 altoparlanti a pannello LBC 11/x1 altoparlanti a pannello www.boschsecrity.it Intelligibilità del parlato e diffsione adio di alta qalità Sistema a de vie Facile impostazione

Dettagli

Supporti fotografici KODAK PROFESSIONAL ENDURA

Supporti fotografici KODAK PROFESSIONAL ENDURA J.D. Wacker Spporti fotografici KODAK PROFESSIONAL ENDURA Gida alle applicazioni VOI CHIEDETE STAMPE DI QUALITÀ. NOI ABBIAMO SUPPORTI FOTOGRAFICI PROFESSIONALI PROGETTATI PER DARVI PRESTAZIONI ECCEZIONALI.

Dettagli

Sistemi Interconnessi

Sistemi Interconnessi Corso di Fondamenti di Atomatica Università di Roma La Sapienza Sistemi Interconnessi L. Lanari Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Roma, Ital Ultima modifica Ma 29,

Dettagli

DSA disk array iscsi serie E

DSA disk array iscsi serie E Video DSA disk array serie E DSA disk array serie E www.boschsecrity.it Solzione di archiviazione in rete a scalabilità orizzontale: nità dotata di rigidi interni, con n massimo di 96 dischi rigidi implementabili

Dettagli

A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE

A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE Copyright 2002 by ScanSoft, Inc. Ttti i diritti riservati. Nessna parte di qesta pbblicazione pò essere trasmessa, trascritta, riprodotta, memorizzata in alcn sistema compterizzato

Dettagli

la nuova cooperazione italiana Un mondo in comune: solidarietà, sviluppo documento di programmazione triennale (2015 2017)

la nuova cooperazione italiana Un mondo in comune: solidarietà, sviluppo documento di programmazione triennale (2015 2017) La nova cooperazione italiana Un mondo in comune: solidarietà, partnership, sviluppo la nuova cooperazione italiana documento di programmazione triennale (2015 2017) Un mondo in comune: solidarietà, partnership,

Dettagli

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Impaginato_2_2_Layot 1 01//12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Impaginato_2_2_Layot 1 01//12 08:45 Pagina 2 Nell ambito della programmazione PO FESR 07-13, qesto Dipartimento

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

PERICOLI ELETTRICI - SICUREZZA ELETTRICA

PERICOLI ELETTRICI - SICUREZZA ELETTRICA PERCOL ELETTRC - SCUREZZA ELETTRCA L energia elettrica è comoda, tile, sicra, ma non esente da pericoli. Pericoli per le cose 1. Energia elettrica condttore percorso da corrente eccessiva (sovraccarico,

Dettagli

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua:

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua: I NUMERI NATURALI Per cominciare impariamo a leggere alcni nmeri natrali e dopo prova a scriverli nella ta linga: NUMERI ITALIANO LA TUA LINGUA 1 UNO 2 DUE 3 TRE 4 QUATTRO 5 CINQUE 6 SEI 7 SETTE 8 OTTO

Dettagli

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Impaginato_2_2_Layot 1 01//12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Il fatto che la Sicilia sia na regione che gode di n forte appeal tristico è n fatto ben conoscito tra

Dettagli

P. Apostoli 1, G. Bazzini 2, E. Sala 1, M. Imbriani 3. 1. Premessa

P. Apostoli 1, G. Bazzini 2, E. Sala 1, M. Imbriani 3. 1. Premessa G Ital Med Lav Erg 2002; 24:1, 3-25 PI-ME, Pavia 2002 P. Apostoli 1, G. Bazzini 2, E. Sala 1, M. Imbriani 3 La versione italiana OREGE (Otil de Repérage et d Evalation des Gestes) dell INRS (Institt national

Dettagli

Hepatex CR. Il punto di riferimento nella filtrazione ULPA

Hepatex CR. Il punto di riferimento nella filtrazione ULPA Hepatex CR Il pnto di riferimento nella filtrazione ULPA Hepatex CR Il pnto di riferimento nella filtrazione ULPA Applicazioni Clean Air Power Generation Clean Room Indstrial Fatti Principali Gli Ultrafiltri

Dettagli

Sommario FONTI GIURIDICHE SULLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO. di Rolando Dubini, Anna Guardavilla, Norberto Canciani e Graziano Frigeri PREMESSA...

Sommario FONTI GIURIDICHE SULLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO. di Rolando Dubini, Anna Guardavilla, Norberto Canciani e Graziano Frigeri PREMESSA... Sommario SOMMARIO FONTI GIURIDICHE SULLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO di Rolando Dubini, Anna Guardavilla, Norberto Canciani e Graziano Frigeri PREMESSA...3 INDICE...7 1. LA GERARCHIA DELLE FONTI...11

Dettagli

La direttiva europea 2004/40/CE per la protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici

La direttiva europea 2004/40/CE per la protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici La direttiva europea 2004/40/CE per la protezione dei lavoratori dalle esposizioni ai campi elettromagnetici Paolo Rossi Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (ISPESL) Monte Porzio

Dettagli

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1 Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1 941.231 del 19 marzo 2006 (Stato 1 gennaio 2013) Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), visti gli articoli 5 capoverso

Dettagli

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Applicazioni Clean Air Power Generation

Dettagli

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA)

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA) OLO 6 MLFO E GND SEGNL (o D OENZ) 6. ntrodzione Finora si è parlato di amplificatori lineari che, se pr progettati a diverse freqenze, erano comnqe amplificatori a piccoli segnali. Lo stdio dell'elaborazione

Dettagli

Fattori di rischio fisico le novità

Fattori di rischio fisico le novità Fattori di rischio fisico le novità Decreto Legislativo 09 aprile 2008 n 81n Attuazione dell articolo 1 della legge 03 agosto 2007, n 123 n in materia di tutela della salute della sicurezza nei luoghi

Dettagli

ALLEGATO XXXVI CAMPI ELETTROMAGNETICI

ALLEGATO XXXVI CAMPI ELETTROMAGNETICI ALLEGATO XXXVI CAMPI ELETTROMAGNETICI Le seguenti grandezze fisiche sono utilizzate per descrivere l'esposizione ai campi elettromagnetici: Corrente di contatto (I(base)C). La corrente che fluisce al contatto

Dettagli

PLE 2MAxx0 EU amplificatore mixer Plena

PLE 2MAxx0 EU amplificatore mixer Plena Sistemi di comnicazione PLE 2MAxx0 EU amplificatore mixer Plena PLE 2MAxx0 EU amplificatore mixer Plena www.boschsecrity.it 6 ingressi linea/microfono e 3 ingressi sorgente msicale Ingresso stazione di

Dettagli

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI CAPITOLO I Campo di applicazione - Commercializzazione e libera circolazione Art. 1-1. La

Dettagli

(Ordinanza sulla protezione dei giovani lavoratori, OLL 5) del 28 settembre 2007 (Stato 1 agosto 2014)

(Ordinanza sulla protezione dei giovani lavoratori, OLL 5) del 28 settembre 2007 (Stato 1 agosto 2014) Ordinanza 5 concernente la legge sul lavoro (Ordinanza sulla protezione dei giovani lavoratori, OLL 5) 822.115 del 28 settembre 2007 (Stato 1 agosto 2014) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo

Dettagli

AGENTI FISICI TITOLO VIII - AGENTI FISICI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. 14.42.17 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16

AGENTI FISICI TITOLO VIII - AGENTI FISICI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. 14.42.17 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16 TITOLO VIII - AGENTI FISICI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI 14.42.17 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16 Articolo 180 - Definizioni e campo di applicazione 1. Ai fini del presente decreto legislativo

Dettagli

MEDICO COMPETENTE E VISITE PERIODICHE

MEDICO COMPETENTE E VISITE PERIODICHE MEDICO COMPETENTE E VISITE PERIODICHE L esecuzione delle visite periodiche, nonché di quelle svolte su richiesta dei lavoratori, rimane uno dei compiti più qualificanti dell attività del medico competente.

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA Amministrazione proponente: Ministero del lavoro e delle politiche sociali Titolo: recepimento della direttiva 2014/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 febbraio

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETTERA C), DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI, CONCERNENTE ATTUAZIONE

Dettagli

Disk array iscsi DSA E-Series

Disk array iscsi DSA E-Series Video Disk array iscsi DSA E-Series Disk array iscsi DSA E-Series www.boschsecrity.it Solzione di archiviazione in rete a scalabilità orizzontale: nità dotata di 12 dischi rigidi interni, con n massimo

Dettagli

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti Tra le innovazioni introdotte dal D.Lgs. n. 152/06, merita di essere approfondita la nuova disciplina

Dettagli

Modulo di potenza DALI. Modulo di potenza DALI LQSE-2DAL-D Dispositivo di controllo per corpi illuminanti DALI

Modulo di potenza DALI. Modulo di potenza DALI LQSE-2DAL-D Dispositivo di controllo per corpi illuminanti DALI Modlo di potenza DAI QSE-2DA-D Dispositivo di controllo per corpi illminanti DAI Modlo di potenza DAI 369650b 1 10.22.13 Il Modlo di potenza DAI è n controllore montato s barra DI per carichi digitali

Dettagli

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Le seguenti grandezze fisiche sono utilizzate per descrivere l'esposizione ai campi elettromagnetici:

Dettagli

RELAZIONE SULL ANALISI TECNICO-NORMATIVA

RELAZIONE SULL ANALISI TECNICO-NORMATIVA RELAZIONE SULL ANALISI TECNICO-NORMATIVA Amministrazione proponente: Ministero della difesa. Titolo: Schema di regolamento in materia di parametri fisici per l ammissione ai concorsi per il reclutamento

Dettagli

43 18 agosto 2007. IBL Briefing Paper. La riforma del trasporto aereo Un balzo all indietro di dieci anni di Andrea Giuricin

43 18 agosto 2007. IBL Briefing Paper. La riforma del trasporto aereo Un balzo all indietro di dieci anni di Andrea Giuricin 43 IBL Briefing Paper La riforma del trasporto aereo Un balzo all indietro di dieci anni di Andrea Giricin I. Lo svilppo aeroportale in segito alla liberalizzazione I.1. Premessa. Il trasporto aereo, grazie

Dettagli

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 25.11.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 310/29 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 che modifica la direttiva 2006/42/CE relativa alle

Dettagli

&2013. Tutti i giorni al tuo fianco! GUIDA AI SERVIZI CONVENZIONI

&2013. Tutti i giorni al tuo fianco! GUIDA AI SERVIZI CONVENZIONI Spplemento al nmero odierno de L Insegna Poste Italiane s.p.a. Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, DCB Firenze 1 GUIDA AI SERVIZI CONVENZIONI

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI E SALUTE PUBBLICA

CAMPI ELETTROMAGNETICI E SALUTE PUBBLICA Promemoria n. 263 Ottobre 2001 CAMPI ELETTROMAGNETICI E SALUTE PUBBLICA Campi a frequenza estremamente bassa e cancro Nel 1996, l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha avviato il Progetto internazionale

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento Igiene del Lavoro

ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento Igiene del Lavoro Indicazioni per i controlli periodici di qualità e sicurezza in RM Francesco Campanella, Alessia Ceccatelli Settore Radiazioni Ionizzanti e Risonanza Magnetica 1. Introduzione Nel settore della risonanza

Dettagli

Prevenzione e. comunicazione

Prevenzione e. comunicazione Prevenzione e Michaela Liccio comnicazione MICHAELA LIUCCIO Diffsione di stili di vita sani e corretti Stili di vita, scelte di vita (soggetto) e chance o possibilità di vita (disponibilità oggettive,

Dettagli

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI In questo capitolo analizzeremo le problematiche legate agli effetti che i campi elettromagnetici a radiofrequenza possono avere nei confronti dell uomo. Verranno,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 59 RISOLUZIONE DELLA 8ª COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) (Estensore BUTTI) approvata nella seduta pomeridiana del 20 ottobre

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 5.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 65/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/27/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 che modifica le direttive 92/58/CEE,

Dettagli

AERONAUTICA MILITARE ITALIANA

AERONAUTICA MILITARE ITALIANA AERONAUTICA MILITARE ITALIANA TECHNICAL REPORT SISTEMA DI MONITORAGGIO DELLE EMISSIONI E.M. IN BANDA RADAR E RADIO PRESENTAZIONE ED ANALISI DEI DATI Technical Report 2014-10-09 12:45:45 - Pagina 1/47 CONTESTO

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA BOZZA Doc. XVIII n. 104 RISOLUZIONE DELLA 8ª COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) (Estensore FILIPPI) approvata nella seduta del 28 gennaio 2016

Dettagli

LC3 gamma di altoparlanti da soffitto

LC3 gamma di altoparlanti da soffitto Sistemi di comnicazione LC3 gamma di altoparlanti da soffitto LC3 gamma di altoparlanti da soffitto www.boschsecrity.it Adatto per la riprodzione di msica e del parlato Materiale leggero Installazione

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo Il Pacchetto igiene : la normativa europea cogente in materia di sicurezza alimentare Maria

Dettagli

CEM: EFFETTI SULLA SALUTE E SORVEGLIANZA SANITARIA. dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6 VICENZA 8 ottobre 2012

CEM: EFFETTI SULLA SALUTE E SORVEGLIANZA SANITARIA. dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6 VICENZA 8 ottobre 2012 CEM: EFFETTI SULLA SALUTE E SORVEGLIANZA SANITARIA dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6 VICENZA 8 ottobre 2012 D.Lgs. 81/08 Articolo 206 - Campo di applicazione 1. Il presente capo determina i requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 254/2013 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 254/2013 DELLA COMMISSIONE 21.3.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 79/7 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 254/2013 DELLA COMMISSIONE del 20 marzo 2013 che modifica il regolamento (CE) n. 340/2008 della Commissione relativo

Dettagli

DSA E-Series 2TB. Video DSA E-Series 2TB. www.boschsecurity.it

DSA E-Series 2TB. Video DSA E-Series 2TB. www.boschsecurity.it Video DSA E-Series 2TB DSA E-Series 2TB www.boschsecrity.it Solzione di archiviazione in rete a scalabilità orizzontale: nità di controllo dotata di 12 dischi rigidi interni, con n massimo di 192 dischi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella LAVORARE SICURI! Formazione e informazione dei lavoratori per l igiene e la sicurezza sul

Dettagli

La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza

La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza Pubblicato sul Supplemento ordinario n. 36/L alla Gazzetta Ufficiale del 19 febbraio 2010 il Decreto Legislativo 27 Gennaio 2010 n. 17, recante "Attuazione

Dettagli

Prot. n. 27950 Pieve di Soligo, 24 agosto 2015

Prot. n. 27950 Pieve di Soligo, 24 agosto 2015 REGIONE DEL VENETO Az. U.L.S.S. n. 7 di PIEVE DI SOLIGO (TV) Prot. n. 27950 Pieve di Soligo, 24 agosto 2015 OGGETTO: Avviso pubblico, per titoli e colloquio, per conferimento n. 2 incarichi libero professionali

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico BIOEDILIZIA PER CONSUMARE MENO ENERGIA Dopo le misure per l efficienza energetica contenute in finanziaria arriva un decreto legislativo che spinge l industria italiana

Dettagli

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005.

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005. LEGGE REGIONALE 20 novembre 2007, n. 17 Disciplina dell'attività di acconciatore e di estetista (B.U. 29 novembre 2007, n. 104) INDICE DELLA LEGGE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Competenze della Regione, delle

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance APPROVATO CON DELIBERA 58 CG 2013 E MODIFICATO ED INTEGRATO CON DELIBERE 59 E 149CG/2013

Dettagli

Pompe peristaltiche industriali

Pompe peristaltiche industriali Pompe peristaltiche indstriali Manale operativo Dra 5, 7, 10, 15, 25, 35 Versione 5.1v-02/2015 Stampa n. 01 Versione 5.1v-02/2015 Stampa n. 01 Dra 5, 7, 10, 15, 25, 35 Le informazioni contente in qesto

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 6 FEBBRAIO 2014 40/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ACCERTAMENTI DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO Nella riunione

Dettagli

Introduzione al catasto

Introduzione al catasto Introduzione al catasto Angela Alberici ARPA Lombardia CASTEL Catasto Informatizzato degli Impianti di Telecomunicazione e Radiotelevisione Sala Riunioni 1 - XXVI piano Palazzo Pirelli Via Fabio Filzi,

Dettagli

FORUM DI PREVENZIONE INCENDI

FORUM DI PREVENZIONE INCENDI FORUM DI PREVENZIONE INCENDI MILANO 26 27 OTTOBRE 2011 Dalla direttiva Prodotti da Costruzione 89/106/CEE (CPD) al nuovo regolamento UE n. 305/2011 sui Prodotti da Costruzione (CPR) ARCH.. SERGIO SCHIAROLI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA. Le radiazioni laser e il d.lgs. 81/08

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA. Le radiazioni laser e il d.lgs. 81/08 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA AREA AMBIENTE E SICUREZZA Le radiazioni laser e il d.lgs. 81/08 Ing. Dante Milani Ufficio rischi fisici e tecnologici Tel. 0382 984887 E-mail: dante.milani@unipv.it Associazione

Dettagli

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative PIANO FORMATIVO REGIONALE 2012 Evento N 7 La gestione delle allerte sanitarie in ambito di sicurezza alimentare Pisa 10 giugno 2013 Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

LBC 14x2/x0 regolatori di volume giapponesi e LBC 1434/10 selettore di programmi

LBC 14x2/x0 regolatori di volume giapponesi e LBC 1434/10 selettore di programmi Sistemi di comnicazione LBC 14x2/x0 regolatori di volme giapponesi e LBC 1434/10 selettore di programmi LBC 14x2/x0 regolatori di volme giapponesi e LBC 1434/10 selettore di programmi www.boschsecrity.it

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE 30.5.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 135/3 REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE del 29 maggio 2009 concernente i materiali attivi e intelligenti destinati a venire a contatto con

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (AIR)

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (AIR) ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (AIR) Schema di decreto legislativo di recepimento della direttiva 2014/27/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 26 febbraio 2014 che modifica le direttive

Dettagli

COMUNE DI ERACLEA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI

COMUNE DI ERACLEA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI SEDE LEGALE: piazza Garibaldi, 54 30020 Eraclea (VE) DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI Redatto ai sensi: Titolo VIII, Capitolo IV del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i. Prot.

Dettagli

Raccomandazione 90/143/Euratom

Raccomandazione 90/143/Euratom Raccomandazione 90/143/Euratom TITOLO: Raccomandazione della Commissione sulla tutela della popolazione contro l esposizione al radon in ambienti chiusi DATA: 21 febbraio 1990 LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ

Dettagli