Luisa Volpi La pianificazione delle AREE NATURALI PROTETTE. World Database on Protected Area (WDPA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Luisa Volpi La pianificazione delle AREE NATURALI PROTETTE. World Database on Protected Area (WDPA)"

Transcript

1 Luisa Volpi La pianificazione delle AREE NATURALI PROTETTE World Database on Protected Area (WDPA)

2 ORIGINI e DISCIPLINA dei PARCHI World Database on Protected Area (WDPA)

3 Indice degli argomenti: Le origini dei parchi Definizione di Parco Classificazione delle Aree naturali protette Le Aree Naturali Protette in Italia La disciplina delle Aree Protette World Database on Protected Area (WDPA)

4 Alcuni dati: sono le aree protette nel mondo; il 12,65% della superficie del pianeta è riservata alle aree protette; kmq è la superficie globale (inclusi gli oceani) coperta da parchi (pari al 3,4% della superficie terrestre); kmq è la superficie terrestre coperta da aree protette (pari all 11,57% del totale). (Fonte: UNEP WCMC centro per il monitoraggio della conservazione mondiale) World Database on Protected Area (WDPA) UNEP - United Nations Environment Programme WCMC - World Conservation Monitoring Centre IUCN International Union for Conservation of Nature WCPA World Commission on Protected Areas

5 Alcuni dati per l Italia: Più dell 11% del territorio nazionale è riservata ad aree naturali protette per un totale di 1100 circa (l'elenco Ufficiale del Ministero dell'ambiente, in via di aggiornamento, ne riporta 772): ,85 ettari (terra) ,40 ettari (mare) Fonte: Elenco Ufficiale delle aree protette (2003) Ministero dell Ambiente www. parks.it - World Database on Protected Area (WDPA) UNEP - United Nations Environment Programme WCMC - World Conservation Monitoring Centre IUCN International Union for Conservation of Nature WCPA World Commission on Protected Areas

6

7

8

9 Le origini dei parchi

10

11 Le origini dei parchi Il concetto di area protetta ha origini remote, legate alla nascita e allo sviluppo delle società e collettività umane, come risposta alla necessità di tutelare parti del territorio in virtù delle loro peculiarità ambientali, storiche, culturali, spirituali od economiche. L esistenza dei parchi è associata al contesto storico, sociale e umano che accompagna nei secoli lo sviluppo del umanità e quindi il loro significato muta nel tempo. I boschi sacri romani: all'epoca del suo massimo splendore imperiale, Roma ospitava nel suo seno numerosi, curatissimi frammenti delle selve (lecci, faggi, farnie, tigli, aceri, pini, lauri) che ricoprivano i Sette Colli prima della sua fondazione

12 Le origini dei parchi Le vie dei Canti: (The Songlines, 1987) è un libro di Bruce Chatwin. Ambientato in Australia, il libro racconta delle indagini svolte da Chatwin sulla tradizione aborigena dei canti rituali, tramandati di generazione in generazione come conoscenza iniziatica e segreta. I canti aborigeni sono contemporaneamente rappresentazione di miti della creazione e mappe del territorio. Secondo le conclusioni di Chatwin ogni canto tradizionale sarebbe la rappresentazione musicale delle caratteristiche geografico-topografiche di un tratto di una di queste vie che attraversano l intero continente. La "mappa" di Ipolera Herman: un grande disegno formato da sassi colorati appoggiati sulla terra che rappresentano una mappa delle terre degli aborigeni della minuscola comunità di Ipolera, nel gran piatto del Red CeHerman.

13 Le origini dei parchi La Lex spoletina: è la legge che vietava il taglio degli alberi in due boschi sacri del territorio spoletino. È scolpita in solenne latino arcaico (semi-umbro), su due cippi. Risale al III secolo a.c.

14 Le origini dei parchi

15 Yellowstone National Park Il parco è il nucleo centrale dell'ecosistema di Yellowstone, uno dei più grandi ecosistemi intatti della zona temperata rimasto sulla Terra. Yellowstone è il più antico parco nazionale del mondo dal 1978 è stato dichiarato Patrimonio dell umanità dall'unesco. Nel 1903 il presidente Roosevelt inaugura un monumento su cui sono riportate le seguenti parole: Per il beneficio ed il godimento della popolazione - Yellowstone National Park, istituito da un atto del Congresso, Marzo 1, 1872

16 IL PARCO NAZIONALE D ABRUZZO Il Lupo appenninico, il capriolo, l'orso bruno marsicano, il Camoscio d'abruzzo Il più antico parco d Italia Il primo nucleo protetto fu istituito il 2 ottobre 1921 nel comune di Opi dalla Federazione Pro Montibus et Silvis, che affittò dal comune stesso 500 ettari della Costa Camosciara, nell'alta Val Fondillo. Inaugurato a Pescasseroli (AQ) il 9 settembre Istituito con R.D. nel Prima proposta del Parco Nazionale d'abruzzo fatta nel 1917 dalla Federazione Pro- Montibus nucleo

17 IL PARCO NAZIONALE D ABRUZZO

18 Evoluzione del concetto di Parco Naturale: 1. La natura quale fonte inesauribile di risorse per l uomo Aree speciali oggetto di culto mistico o religioso Aree oggetto di leggi speciali per motivi economici Riserve di caccia per i nobili dell epoca 2. La natura quale fonte di risorse da tutelare per il bene dell umanità Luoghi di tutela per gli animali ed il paesaggio 3. Il Parco come modello di sviluppo compatibile e sostenibile Pianificazione territoriale in società complesse

19 Definizione di Parco "Un'area terrestre e/o marina, specificatamente dedicata alla protezione ed al mantenimento della biodiversità, e delle risorse naturali e culturali ad essa associate, e gestita attraverso leggi o altri strumenti efficaci" (UICN, 1994).

20 Definizione di Parco "Area definita geograficamente designata o regolata e gestita per raggiungere determinati obiettivi di conservazione" (Articolo 2, Convenzione sulla Diversità Biologica). In generale è possibile individuare alcuni elementi comuni alle varie definizioni di "area protetta" in base alle quali i parchi: sono porzioni di territorio che possono essere individuate in ogni parte del mondo; richiedono misure specifiche (istituzione, regolazione, norme, ecc.) allo scopo di raggiungere gli obiettivi di conservazione; richiedono una gestione amministrata attraverso leggi o altri strumenti efficaci; richiedono un'autorità di gestione in grado di assicurare l'applicazione degli strumenti per la conservazione.

21 Evoluzione del concetto di Parco Naturale Le tre finalità dei parchi 1 2 Conservazione Public enjoyment storiche 3 Sviluppo economico e sociale

22 Classificazione delle Aree Naturali Protette Il problema della catalogazione delle aree protette emerge per la prima volta in occasione delle Convenzioni Internazionali di Londra (1933) e Washington (1940), nel corso delle quali si tentò di delineare una definizione di Parco Nazionale e le finalità istitutive e di gestione delle diverse aree protette. La prima vera proto-classificazione delle aree protette fu elaborata dalla UICN nel Attualmente la classificazione delle ANP proposta dalla UICN-WCPA è quella pubblicata nel rapporto Speaking a common Language presentato in occasione del meeting of the World Commission on Protected Areas (Bankgkok, November 2004), allo scopo di fornire un linguaggio comune nel mondo dei parchi per evitare incomprensioni e confusioni.

23 Classificazione delle Aree Naturali Protette la maggior parte dei parchi europei ed italiani trova collocazione nella V categoria, poiché questa è l unica a prevedere l interferenza tra uomo e natura, una condizione prevalente non solo in tutta Europa ma anche in numerose regioni extra-europee.

24 Classificazione delle Aree Naturali Protette In Italia la classificazione delle aree protette è chiarita dalla legge 394/ 91 (legge quadro sulle aree protette) che definisce le varie tipologie di parchi. Parchi Nazionali Parchi Naturali Regionali Riserve Naturali Zone umide di interesse internazionale Altre aree naturali protette Aree terrestri, fluviali, lacuali o marine che contengono uno o più ecosistemi che costituisconoun sistema omogeneo individuato dagli assetti naturali dei luoghi, dai valori paesaggistici ed artistici e dalle tradizioni culturali delle popolazioni locali. Aree terrestri, fluviali, lacuali o marine che contengono una o più specie naturalisticamente rilevanti della flora e della fauna, ovvero uno o più ecosistemi.. Aree acquitrinose, paludi, torbiere oppure zone naturali o artificali d'acqua.. oasi delle associazioni ambientaliste, parchi suburbani, ecc. Zone di protezione speciale (Zps) Zone speciali di conservazione (Zsc Sic) Aree di reperimento terrestri e marine Designate ai sensi della direttiva 79/409/Cee Designate ai sensi della direttiva 92/43/Cee Indicate dalle leggi 394/91 e 979/82.

25 Le Aree Protette Urbane Solo di recente i Parchi Urbani, e cioè i parchi inseriti in aree ad alta antropizzazione, sono entrati a pieno titolo nel mondo della conservazione dell ambiente naturale e del paesaggio. A livello europeo l organismo che riunisce le principali aree protette urbane è Fedenatur (European Federation of Metropolitan and Periurban Natural and Rural Areas). La delegazione italiana è composta da 6 membri: Parco Agricolo Sud Milano Parco di Montemarcello-Magra Parco Fluviale del Po Torinese Parco Naturale Regionale di Portofino Parco Nord Milano RomaNatura

26 Le Aree Protette Urbane RomaNatura gestisce il sistema dell'aree Naturali protette situate interamente all'interno del Comune di Roma. Il sistema comprende: 9 Riserve Naturali 2 Parchi Regionali 3 Monumenti Naturali 1 Area Marina Protetta RomaNatura è un Ente di diritto pubblico dotato di autonomia amministrativa, finanziaria e patrimoniale, in attuazione della Legge Regionale n.29 del 6 ottobre 1997, RomaNatura I Parchi Naturali di Roma E' l' Ente Regionale per la Gestione del Sistema delle Aree Naturali Protette nel Comune di Roma.

27 Le Aree Naturali Protette in Italia PRIMA DELLA L. 394/ 91 Sono 11 i Parchi istituiti in Italia nel periodo precedente alla legge 394/ 91: I 5 parchi storici I 6 parchi CIPE Era assente ogni strumento di pianificazione. L unica attività possibile era la guardia al vincolo. Le caratteristiche principali dei parchi storici erano sostanzialmente due: la mancanza di ogni potere pianificatorio in capo all organo di gestione; la mancanza di ogni collegamento con gli enti e le collettività locali. Le norme e le regole di protezione che vigevano all interno delle aree protette erano diverse e frastagliate determinando una situazione di estrema confusione normativa che venne ricondotta ad una certa unitarietà solo con l introduzione della Legge Quadro sulle Aree Protette n. 394/ 91.

28 I 5 PARCHI STORICI ITALIANI Parchi Nazionali Parco Nazionale del Gran Paradiso Parco Nazionale d Abruzzo Parco Nazionale del Circeo Parco Nazionale dello Stelvio Parco Nazionale della Calabria Istituzione Regio Decreto 3 dicembre Regio Decreto n.257 dell 11 gennaio Decreto 25 gennaio Legge 24 aprile Legge 2 aprile Anno I 6 PARCHI CIPE Parchi Nazionali Parco Nazionale dell Aspromonte Parco Nazionale dell arcipelago Toscano Istituzione Delibera CIPE 5 Agosto DPR 22 luglio Anno Parco Nazionale dei Monti Sibillini Decreto 3 febbraio DPR 6 agosto Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi Parco Nazionale del Pollino Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi DPR 14 dicembre Decreto del Min. dell Ambiente 31 dicembre D.M. del 20 aprile

29 Le Aree Naturali Protette in Italia DOPO LA L. 394/ 91 Con la legge 394/ 91 e nel periodo successivo vengono istituiti altri 13 Parchi Nazionali: 6 Parchi istituiti con la L. 394/ 91; 7 Parchi istituiti con leggi successive. La nuova legge, oltre a fornire indirizzi, metodologie e regole chiare ed unitarie per la creazione e la gestione dei Parchi Nazionali e Regionali, introduce accanto al concetto di conservazione quello di valorizzazione, rivoluzionando il modello dei parchi storici fondato esclusivamente sul regime dei divieti: 1. la tutela ambientale non è più un attività statica ma dinamica, orientata all attività umana; 2. la natura non è più concepita in modo slegato dall uomo ma come un sistema che interagisce con l attività umana.

30 I 6 PARCHI ISTITUITI IN BASE ALLA LEGGE 394 DEL 6/12/91 Parchi Nazionali Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano Parco Nazionale del Gargano Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga Parco Nazionale della Maiella Parco Nazionale della Val Grande Parco Nazionale del Vesuvio Istituzione D.P.R. 5 agosto Art. 34 della L. 394 del 6 dicembre L. 394 del 6 dicembre D.P.R. 5 giugno L. 394 del 6 dicembre D.P.R. 5 giugno Decreto Ministeriale 2 marzo L. 394 del 6 dicembre e D.P.R. 5 giugno Anno I 7 PARCHI ISTITUITI CON LEGGI SUCCESSIVE ALLA 394 DEL 6/12/91 Parchi Nazionali Parco Nazionale dell Arcipelago della Maddalena Parco Nazionale dell Asinara Istituzione L. 10 del 4 gennaio L. 344 dell 8 ottobre Anno Parco Nazionale del Gennargentu e del Golfo di Orosei D.P.R. del 30 marzo 1998 Parco Nazionale dell Appennino Tosco-emiliano Parco Nazionale delle Cinque Terre Parco Nazionale della Sila Parco Nazionale dell Alta Murgia D.P.R. del 21 maggio L. 344 dell 8 ottobre D.P.R. del 6 ottobre L. 344 dell 8 ottobre D.P.R. 14 novembre L. 426 del 9 dicembre D.P.R. del 5 marzo

31 Le Aree Naturali Protette in Italia I Parchi Regionali A partire dal 1970 sono stati istituiti numerosi parchi, qualificati come regionali, per tutelare alcuni ambienti ancora relativamente intatti. I Parchi Regionali sono stati regolamentati con D.P.R. 616/ 77 che ha consentito il trasferimento delle competenze in materia di aree protette dallo stato alle regioni, con la conseguente istituzione, da parte delle stesse, dei parchi naturali. La novità apportata con questi parchi è stata quella di aver cercato di coniugare la conservazione delle risorse naturali con l'uso sociale delle stesse e con la ricerca dello sviluppo compatibile per le popolazioni insediate. Le aree protette regionali italiani sono oggi 140 e coprono una superficie di più di un milione di ettari. Sulla scia di questo processo si stanno ora affacciando (a seguito dell'approvazione della legge quadro nazionale e della legge 142/90 (abrogata dalla dall'art. 274 del T.U. enti locali approvato con d.lgs. 18 agosto 2000, n. 267 sul decentramento delle competenze) anche le Province con la creazione di proprie aree protette.

32 Parchi nazionali I 24 Parchi Nazionali italiani (fonte Parks.it)

33 Parchi regionali I 140 Parchi Regionali italiani (fonte Parks.it)

34 Aree protette Le aree protette italiane (fonte Parks.it Mappe interattive)

35 Parchi e Aree Naturali Protette in Abruzzo

36 Riserve Naturali Regionali e Parchi Territoriali Attrezzati Regione Abruzzo Rete delle Riserve Naturali in Abruzzo Riserve Regionali Sorgenti del Pescara Zompo lo Schioppo Lago di Penne Lago di Serranella Castel Cerreto Grotte di Pietrasecca Calanchi di Atri Monte Genzana Alto Gizio Gole del Sagittario Abetina di Rosello Punta Aderci Gole di San Venanzio Monte Salviano Bosco di Don Venanzio Pineta Dannunziana Lecceta Torino di Sangro Cascate del Verde Sorgenti del Vera Borsacchio Grotta della Luppa Lago di San Domenico Grotte delle Farfalle Punta dell'acquabella Ripari di Giobbe Marina di Vasto Parchi Territoriali Parco dell'annunziata Fiume Fiumetto Fiume Vomano Vicoli Lavino

37 CHIETI Riserve Regionali di recente istituzione: Punta dell'acquabella Ripari di Giobbe Parchi, Riserve e altre Aree Naturali Protette in Abruzzo (fonte Parks.it - Mappe interattive)

38 L AQUILA Parchi, Riserve e altre Aree Naturali Protette in Abruzzo (fonte Parks.it - Mappe interattive)

39 PESCARA Parchi, Riserve e altre Aree Naturali Protette in Abruzzo (fonte Parks.it - Mappe interattive)

40 TERAMO Parchi, Riserve e altre Aree Naturali Protette in Abruzzo (fonte Parks.it - Mappe interattive)

41 Area Marina Protetta Torre del Cerrano

42

43

44 La disciplina delle aree protette

45 La disciplina delle Aree Protette La legiferazione in materia di aree protette in Italia ha inizio con l istituzione negli anni 20 e 30 dei parchi nazionali storici. Si tratta di leggi emanate in modo episodico e prive di un disegno normativo unitario, sebbene sia possibile rintracciare in esse delle finalità comuni riguardanti la protezione della fauna e della flora, delle speciali formazioni geologiche e della bellezza del paesaggio e, solo successivamente, la promozione del turismo. 1920/1930 Leggi istitutive dei parchi nazionali Regio Decreto Legge n del 3 dicembre 1922 (Parco Nazionale del Gran Paradiso); Legge n del 12 luglio1923 (conversione in legge, con modificazioni, del Regio Decreto n.257 dell 11 gennaio 1923 riguardante la costituzione del Parco Nazionale d Abruzzo); Decreto n. 285 del 25 gennaio 1934 (Parco Nazionale del Circeo); Legge n. 740 del 24 aprile 1935 (Parco Nazionale dello Stelvio);

46 La disciplina delle Aree Protette Tutela delle cose di interesse artistico e storico (abrogata dall'articolo 166, comma 1, del decreto legislativo 29 ottobre 1999, n.490) Nell elenco dei beni tutelati vi sono pure compresi le ville, i parchi e i giardini che abbiano interesse artistico o storico. L. 1089/ 39 Protezione dei beni culturali Abbazia di S. Clemente a Casauria (PE)

47 La disciplina delle Aree Protette La prima legge che offre l opportunità di ricondurre il tema dell ambiente all interno di un quadro normativo unitario è la 1497 del 39 che, con l introduzione del piano paesaggistico, tenta di superare la nozione di tutela come azione limitata esclusivamente agli elementi eccezionali e ai valori prettamente estetici del territorio L. 1497/ 39 Protezione delle bellezze naturali Lo strumento del piano paesistico non ha trovato in pratica applicazione con questa legge e per lungo tempo storia, arte, paesaggio e natura da una parte e città e territorio dall altra restarono separati in sfere autonome, affidati a responsabilità di diverso livello (centrale e locale) e gestiti con strumenti diversi (vincoli legali e piani).

48 La disciplina delle Aree Protette La legge Galasso Riporta l attenzione sul problema della tutela della natura e del paesaggio, integrando le precedenti categorie di elementi tutelati (elenchi) con nuove e molto più estese categorie di interesse ambientale. L aspetto innovatore della legge consiste nella volontà di superare il vincolo applicato al singolo bene attraverso la pianificazione paesistica o urbanistico-territoriale integrata con le valenze paesistico-ambientali. L. 431/ 85 legge Galasso vincolo paesaggistico Introduzione della pianificazione paesistica regionale: Approvazione dei piani paesistici regionali di Liguria, Emilia Romagna, Abruzzo. e dei piani territoriali con valenza paesistico-ambientale di Veneto e Marche

49 La disciplina delle Aree Protette In attesa della legge quadro sull ambiente L. 349/ 86 Istituzione del Ministero dell Ambiente L. 67/ 88 L. 305/ 89 Legge finanziaria CIPE istituzione nuovi parchi nazionali programmazione triennale per la tutela dell ambiente Istituzione di 4 parchi nazionali

50 La disciplina delle Aree Protette La legge-quadro sull ambiente, oltre ad istituire sette nuovi parchi nazionali, si propone come strumento fondamentale per il governo dell ambiente, detta principi fondamentali per l istituzione e la gestione delle aree naturali protette. L. 394/ 91 legge quadro sulle aree protette Principi innovatori la legge introduce una normativa organica applicabile a tutte le aree protette di competenza dello Stato; la legge si applica a tutto il patrimonio naturale del Paese, e non all ambiente in generale; la legge introduce accanto al concetto di conservazione quello di valorizzazione, superando il modello di tutela che aveva caratterizzato i parchi storici fondato prevalentemente su un regime di divieti.

51 L Ente Parco Introdotto dal titolo II della Legge 394/ 91, è l organismo di gestione dei parchi nazionali, istituiti con decreto del Presidente della Repubblica su proposta del Ministro dell Ambiente.

52 La disciplina delle Aree Protette La legge incide con sostanziali modifiche sugli aspetti caratterizzanti la legge 394/ 91 costruendo un nuovo equilibrio fra tutela della natura e promozione socioeconomica e attribuendo nuovi e significativi poteri all organo rappresentativo delle comunità locali e cioè la Comunità del Parco. L. 426/ 98 Nuovi interventi in campo ambientale Modifiche alla 394 Inserimento delle seguenti caratteristiche proprie di ogni parco: "naturali, paesistiche, antropologiche, storiche e culturali locali"; Inserimento del comma 2 bis: Il regolamento del parco valorizza altresí gli usi, i costumi, le consuetudini e le attività tradizionali delle popolazioni residenti sul territorio, nonchè le espressioni culturali proprie e caratteristiche dell'identità delle comunità locali e ne prevede la tutela ; inserimento dell "Art. 11-bis. Tutela dei valori naturali, storici e ambientali e iniziative per la promozione economica e sociale. Modifiche all art. 12: in riferimento ai valori del parco, dopo le parole: "naturali e ambientali" sono inserite le seguenti: "nonchè storici, culturali, antropologici tradizionali. Modifiche all art. 12: La Comunità del Parco partecipa alla definizione dei criteri riguardanti la predisposizione del piano del parco indicati dal consiglio direttivo del parco ed esprime il proprio parere sul piano stesso.

53 La disciplina delle Aree Protette Codice dei beni culturali e del paesaggio Il provvedimento determina una semplificazione legislativa rispetto alla previgente disciplina, fornendo uno strumento per difendere e promuovere il tesoro degli italiani, anche attraverso il coinvolgimento degli Enti Locali. D.Lgs. 42/ 04 Codice Urbani All'interno del "patrimonio culturale nazionale", si inscrivono due tipologie di beni culturali: i beni culturali in senso stretto, coincidenti con le cose d'interesse storico, artistico, archeologico etc., di cui alla legge 1089 del 1939; il bene culturale, in senso più ampio, che è costituita dai paesaggi italiani (già retti dalla legge 1497 del 1939 e dalla legge "Galasso" n. 431 del 1985), frutto della millenaria antropizzazione e stratificazione storica del nostro territorio, un unicum nell'esperienza europea e mondiale tale da meritare tutto il rilievo e la protezione dovuti.

54 La disciplina delle Aree Protette Delega al Governo per il riordino, il coordinamento e l'integrazione della legislazione in materia ambientale e misure di diretta applicazione La legge 15 dicembre 2004, n. 308 non modifica la normativa in materia di aree naturali protette. L. 308/ 04 Legge delega Art. 1 Il Governo è delegato ad adottare uno o più decreti legislativi di riordino, coordinamento e integrazione delle disposizioni legislative nei seguenti settori e materie, anche mediante la redazione di testi unici: a) gestione dei rifiuti e bonifica dei siti contaminati; b) tutela delle acque dall'inquinamento e gestione delle risorse idriche; c) difesa del suolo e lotta alla desertificazione; d) gestione delle aree protette, conservazione e utilizzo sostenibile degli esemplari di specie protette di flora e di fauna; e) tutela risarcitoria contro i danni all'ambiente; f) procedure per la valutazione di impatto ambientale (VIA), per la valutazione ambientale strategica (VAS) e per l'autorizzazione ambientale integrata (IPPC); g) tutela dell'aria e riduzione delle emissioni in atmosfera.

55 La disciplina delle Aree Protette Legge 9 gennaio 2006, n. 14 Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea sul paesaggio, fatta a Firenze il 20 ottobre L. 14/ 06 Ratifica della Convenzione Europea sul paesaggio obiettivi principali Definire il Paesaggio: "Paesaggio" designa una determinata parte di territorio, così come è percepita dalla popolazioni, il cui carattere deriva dall'azione di fattori naturali c/o umani e delle loro interrelazioni ; Pervenire ad uno sviluppo sostenibile fondato su un rapporto equilibrato tra i bisogni sociali, l'attività economica e l'ambiente Promuovere la salvaguardia, la gestione e la pianificazione dei paesaggi e organizzare la cooperazione europea in questo campo.

56 La disciplina delle Aree Protette Regione Abruzzo OSSERVATORIO DEL PAESAGGIO ARCHIVIO BENI ICCD Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione, Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC). ATLANTE DEL PAESAGGIO Es. Colline pescaresi Fonte: Osservatorio Regionale per la qualità del Paesaggio (O.R.P.), centro regionale di documentazione.

57 La disciplina delle Aree Protette Con l entrata in vigore del T.U. sull ambiente, 3 aprile 2006, la legislazione ambientale viene semplificata, razionalizzata, coordinata e resa più chiara. Il provvedimento è articolato in 5 capitoli: 1. procedure per la valutazione ambientale strategica (VAS), per la valutazione d impatto ambientale (VIA) e per l autorizzazione ambientale integrata (IPPC); 2. difesa del suolo, lotta alla desertificazione, tutela delle acque dall inquinamento e gestione delle risorse idriche; 3. gestione dei rifiuti e bonifiche; 4. tutela dell aria e riduzione delle emissioni in atmosfera; 5. danno ambientale. D.Lgs. 152/ 06 Testo Unico sull Ambiente obiettivi principali recepimento delle direttive comunitarie ancora non entrate nella legislazione italiana nei settori oggetto della delega, in totale si tratta di otto direttive; accorpamento delle disposizioni concernenti settori omogenei di disciplina, in modo da ridurre le ripetizioni; integrazione nei vari disposti normativi della pluralità di previsioni precedentemente disseminate in testi eterogenei, riducendo così la stratificazione normativa generatasi per effetto delle innumerevoli norme che si sono nel tempo sovrapposte e predisponendo una serie di articolati aggiornati e coordinati; abrogazione espressa delle disposizioni non più in vigore.

58 La disciplina delle Aree Protette Leggi istitutive dei parchi nazionali Leggi sulla aree naturali protette Legge anno Legge anno R.D.L. n (Gran Paradiso) 1922 L. n (Abruzzo) 1923 D.L. n. 285 (Circeo) 1934 L. n. 740 (Stelvio) 1935 L. 2 aprile (Calabria) 1968 Del. Cipe (Aspromonte) 1988 DPR (Arc. Toscano) 1989 Decreti (Monti Sibillini) 1990 Istituzione parchi Nazionali L. n beni culturali 1939 L. n Bellezze naturali 1939 L. n Legge Galasso 1985 L. n Legge Quadro 1991 L. n. 426 modifiche alla D. Lgs. n Codice Urbani 2004 L. n Legge delega 2004 L. n. 14 Ratifica Conv. Eu. Paes D. Lgs. n T. U. ambiente 2006

59 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Roberto Gambino, architetto e professore ordinario di Urbanistica. I parchi naturali. Problemi ed esperienze di pianificazione nel contesto ambientale, La Nuova Italia Scientifica, Roma 1991 Roberto Gambino, I parchi naturali europei. Dal piano alla gestione, La Nuova Italia Scientifica, Roma1994 Roberto Gambino, Conservare, Innovare. Paesaggio, ambiente, territorio, Utet, Torino 1997 Roberto Gambino, Lectio Magistralis, Torino 2009 Paolo Giuntarelli, professore di Sociologia dell Ambiente e del Territorio, dirigente del ruolo unico dei Parchi e delle Aree Naturali Protette della Regione Lazio, membro della WCPA e della Task Force on Cities and Protected Areas dello IUCN. Parchi, politiche ambientali e globalizzazione, Franco Angeli, Milano 2008

STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 6 DICEMBRE 1991, N. 394 "LEGGE QUADRO PER LE AREE PROTETTE"

STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 6 DICEMBRE 1991, N. 394 LEGGE QUADRO PER LE AREE PROTETTE Senato della Repubblica - 5 - Camera dei deputati STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 6 DICEMBRE 1991, N. 394 "LEGGE QUADRO PER LE AREE PROTETTE" Introduzione La legge quadro sulle aree protette 6 dicembre

Dettagli

WORKSHOP CLASSIFICARE PER INNOVARE LA GESTIONE DELLE AREE PROTETTE Un contributo italiano al processo di classificazione NOTE INTRODUTTIVE

WORKSHOP CLASSIFICARE PER INNOVARE LA GESTIONE DELLE AREE PROTETTE Un contributo italiano al processo di classificazione NOTE INTRODUTTIVE WORKSHOP CLASSIFICARE PER INNOARE LA GESTIONE DELLE AREE PROTETTE Un contributo italiano al processo di classificazione NOTE INTRODUTTIE Le presenti note intendono richiamare il quadro problematico di

Dettagli

III Rapporto Italiani, turismo sostenibile e ecoturismo. Febbraio 2013

III Rapporto Italiani, turismo sostenibile e ecoturismo. Febbraio 2013 III Rapporto Italiani, turismo sostenibile e ecoturismo Febbraio 2013 1 Metodologia Universo di riferimento Popolazione italiana Numerosità campionaria 1.000 cittadini, disaggregati per sesso, età, area

Dettagli

INDENNIZZO DANNI DA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRICOLE - Anno 2012

INDENNIZZO DANNI DA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRICOLE - Anno 2012 Parco nazionale/cta N. di pratiche svolte Specie in % a cui è stato attribuito il danno Superficie interessata (ha) Ammontare complessivo del danno P.N. DELLA VAL GRANDE 1 1% cinghiale,56 257,7 P.N. DELLO

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

Spazi e Attrezzature Pubbliche

Spazi e Attrezzature Pubbliche Prof. Arch. Paolo Fusero Corso di Fondamenti di Urbanistica Facoltà di Architettura di Pescara Spazi e Attrezzature Pubbliche Alcune categorie parchi nazionali e aree protette parchi urbani giardini attrezzati

Dettagli

LIBRO BIANCO WWF SULLE AREE PROTETTE

LIBRO BIANCO WWF SULLE AREE PROTETTE LIBRO BIANCO WWF SULLE AREE PROTETTE maggio 2005 www.wwf.it QUALE MISSIONE PER LE AREE PROTETTE? Premessa Dal primo Parco nazionale istituito nel mondo, quello di Yellowstone nel 1872, il significato stesso

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

I servizi per la fruizione delle risorse ambientali

I servizi per la fruizione delle risorse ambientali I servizi per la fruizione delle risorse ambientali Raffaello Cervigni Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul Sud che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 2004 Sommario La politica

Dettagli

CONVEGNO INTERNAZIONALE "La Convenzione delle Alpi e la Convenzione dei Carpazi: esperienze a confronto. Gli Appennini, una catena montuosa europea"

CONVEGNO INTERNAZIONALE La Convenzione delle Alpi e la Convenzione dei Carpazi: esperienze a confronto. Gli Appennini, una catena montuosa europea CONVEGNO INTERNAZIONALE "La Convenzione delle Alpi e la Convenzione dei Carpazi: esperienze a confronto. Gli Appennini, una catena montuosa europea" Sarnano (MC) 23-24 aprile 2014 PIANI PER LA MONTAGNA

Dettagli

Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA

Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA Monitoraggio sulla partecipazione alla rilevazione Dati aggiornati al 21 aprile 2015 ore 17.00 Tab. 1.1 - Amministrazioni

Dettagli

via Cristoforo Colombo, 163-00147 Roma Tel. +39 06 51604940 - Fax +30 06 5138400 segreteria.federparchi@parks.it www.federparchi.it - www.parks.

via Cristoforo Colombo, 163-00147 Roma Tel. +39 06 51604940 - Fax +30 06 5138400 segreteria.federparchi@parks.it www.federparchi.it - www.parks. Mettere a sistema le esperienze preziose, e per molti aspetti uniche, dei parchi italiani. È con questo spirito che, nel 1989, è stata istituita la Federazione Italiana dei Parchi e delle Riserve Naturali,

Dettagli

5.- Parchi e Riserve Naturali. Mappa dei Parchi Nazionali. Parco Nazionale del Gran Paradiso (Aosta-Torino), del 1922 - 27 - In Italia:

5.- Parchi e Riserve Naturali. Mappa dei Parchi Nazionali. Parco Nazionale del Gran Paradiso (Aosta-Torino), del 1922 - 27 - In Italia: 5.- Parchi e Riserve Naturali In Italia: Mappa dei Parchi Nazionali Parco Nazionale del Gran Paradiso (Aosta-Torino), del 1922-27 - Parco Nazionale della Val Grande (Verbano-Cusio-Ossola), del 1991 Parco

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE

Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE 5.1 Normativa Nazionale Le Linee Guida per la gestione dei siti della Rete Natura 2000 del D.M. 3 settembre 2002 lasciano ampie

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

INDICE. 1. Elenco Ufficiale delle aree protette...» 5

INDICE. 1. Elenco Ufficiale delle aree protette...» 5 PAGINA BIANCA Camera dei Deputati 3 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. CXXXVIII N. 2 INDICE Introduzione... Pag. 5 1. Elenco Ufficiale delle aree protette...»

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale PIANO DI GESTIONE ACQUE (Direttiva Comunitaria 2000/60/CE, D.L.vo. 152/06, L. 13/09, D.L 194/09) Relazione Regionale Allegato 1 QUADRO NORMATIVO E DELLE COMPETENZE INERENTE LE RISORSE IDRICHE REGIONE MOLISE

Dettagli

Prof. Arch. Paolo Fusero Corso di Fondamenti di Urbanistica Facoltà di Architettura di Pescara. Spazi e Attrezzature Pubbliche

Prof. Arch. Paolo Fusero Corso di Fondamenti di Urbanistica Facoltà di Architettura di Pescara. Spazi e Attrezzature Pubbliche Prof. Arch. Paolo Fusero Corso di Fondamenti di Urbanistica Facoltà di Architettura di Pescara Spazi e Attrezzature Pubbliche Alcune categorie parchi nazionali e aree protette parchi urbani giardini attrezzati

Dettagli

Allegato A Documenti pervenuti alla Commissione Relazione annuale sull attività svolta anno 2012

Allegato A Documenti pervenuti alla Commissione Relazione annuale sull attività svolta anno 2012 annuale sull attività svolta anno Piano sulla MINISTERI Ministero degli Affari Esteri Sì 4 Sì Sì Sì Sì No Sì Sì Sì 3 Ministero dell Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare Ministero per i Beni e le

Dettagli

Piano di Gestione SIC IT7120215 2015. PIANO DI GESTIONE DEL SIC IT7120215 Torre del Cerrano

Piano di Gestione SIC IT7120215 2015. PIANO DI GESTIONE DEL SIC IT7120215 Torre del Cerrano PIANO DI GESTIONE DEL SIC IT7120215 Torre del Cerrano Bozza aprile 2015 1 Sommario 1. QUADRO NORMATIVO... 8 1.1 CONVENZIONI INTERNAZIONALI... 8 1.2 NORMATIVE COMUNITARIE... 10 Misure di conservazione...

Dettagli

LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (V.I.A.) Ing. Serena Conserva Roma, marzo 2008

LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (V.I.A.) Ing. Serena Conserva Roma, marzo 2008 LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (V.I.A.) Ing. Serena Conserva Roma, marzo 2008 Definizione La Valutazione di Impatto Ambientale rappresenta una procedura tecnico-amministrativa volta alla formulazione

Dettagli

DECRETO 3 settembre 2002. Linee guida per la gestione dei siti Natura 2000.

DECRETO 3 settembre 2002. Linee guida per la gestione dei siti Natura 2000. DECRETO 3 settembre 2002. Linee guida per la gestione dei siti Natura 2000. IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO Vista la direttiva n. 79/409/CEE del Consiglio del 2 aprile 1979, concernente

Dettagli

COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA ALLEGATO 6 NORMATIVA

COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA ALLEGATO 6 NORMATIVA COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA ALLEGATO 6 NORMATIVA Misura 1.1. L.36/1994 Realizzazione del sistema idrico integrato. D.Lgs 152/1999 Disposizioni sulla tutela delle acque dall inquinamento

Dettagli

Premessa 23/05/2014 2

Premessa 23/05/2014 2 Regione Toscana NORMATIVA sulla DIFESA DEL SUOLO Legge Reg. 27 dicembre 2012 n. 79 Nuova Disciplina in materia di Consorzi di bonifica. Modifiche (Ver. alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/98. 1.0) Abrogazione

Dettagli

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante I BENI CULTURALI Prof. Francesco Morante Cosa sono i beni culturali? I beni culturali sono tutte le testimonianze, materiali e immateriali, aventi valore di civiltà. Da questa definizione si comprende

Dettagli

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO REGIONE LOMBARDIA Scheda Reg Lomb A2 n. prot. 15545/06 Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO - Comune: Milano - Provincia: Milano - Committente: Comune

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

I percorsi verso la certificazione ed il monitoraggio nei parchi nazionali (e non solo)

I percorsi verso la certificazione ed il monitoraggio nei parchi nazionali (e non solo) La Carta Europea per il Turismo Sostenibile I percorsi verso la certificazione ed il monitoraggio nei parchi nazionali (e non solo) Fabriano, 09 Ottobre 2014 Luca Dalla Libera - Federparchi La Carta Europea

Dettagli

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL LIFE 04 ENV/IT/000437 PHAROS LINEE GUIDA per La predisposizione di sistemi di gestione ambientale secondo i requisiti del Regolamento EMAS II di strutture turistiche importanti (Porticcioli Turistici e

Dettagli

CURRICULUM. Titoli di studio

CURRICULUM. Titoli di studio CURRICULUM ANDREA GENNAI Nato a Pisa il 12/07/1970 Codice Fiscale GNN NDR 70L12 G702K Residente a Pratovecchio (52015 AR) e-mail: andrea.gennai@parcoforestecasentinesi.it Titoli di studio - Maturità scientifica

Dettagli

Il sistema ambientale in Italia: le aree protette

Il sistema ambientale in Italia: le aree protette Il sistema ambientale in Italia: le aree protette Giovanni LA MAGNA Naturalista I n questo articolo si esamineranno le varie tipologie di aree protette presenti in Italia, mettendo in evidenza anche la

Dettagli

Gestione forestale e mantenimento di uno stato di conservazione soddisfacente nei siti Natura 2000

Gestione forestale e mantenimento di uno stato di conservazione soddisfacente nei siti Natura 2000 Accademia Italiana di Scienze Forestali - Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga Valutazione ambientale dei progetti di interventi selvicolturali e dei piani di gestione forestale AMATRICE -

Dettagli

CETS. sviluppo? Necessario creare uno strumento! Le sfide, diffusione e buone pratiche

CETS. sviluppo? Necessario creare uno strumento! Le sfide, diffusione e buone pratiche CETS La Carta Europea per il Turismo Sostenibile Le sfide, diffusione e buone pratiche Antonello Zulberti Gli scopi dei parchi sono contraddittori? E possibile conciliare conservazione e sviluppo? Riflessioni

Dettagli

CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO. Piano d Ambito ATO n. 6 Chietino CAP. I Inquadramento normativo e struttura del piano

CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO. Piano d Ambito ATO n. 6 Chietino CAP. I Inquadramento normativo e struttura del piano CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO 1 INDICE 1. INQUADRAMENTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO... 3 1.1 RICOGNIZIONE... 7 1.2 LIVELLI DI SERVIZIO... 9 1.3 AREE CRITICHE E PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI...

Dettagli

Energie Rinnovabili e tutela del paesaggio. Maria Raffaella Lamacchia Dirigente dell'ufficio Attuazione Pianificazione Paesaggistica Regione Puglia

Energie Rinnovabili e tutela del paesaggio. Maria Raffaella Lamacchia Dirigente dell'ufficio Attuazione Pianificazione Paesaggistica Regione Puglia Energie Rinnovabili e tutela del paesaggio Maria Raffaella Lamacchia Dirigente dell'ufficio Attuazione Pianificazione Paesaggistica Regione Puglia PROTOCOLLO DI KYOTO VS CONVENZIONE EUROPEA DEL PAESAGGIO

Dettagli

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Guida al patentino per l acquisto e l impiego dei prodotti fitosanitari in Emilia-Romagna MODULO 3 Tutela della biodiversità in aree protette e rete Natura

Dettagli

Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA

Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA Rilevazione dei fabbisogni di personale e delle facoltà di assunzione delle PA Monitoraggio sulla partecipazione alla rilevazione Dati aggiornati al 29 aprile 2015 ore 17.00 Tab. 1.1 Amministrazioni partecipanti

Dettagli

Nunatak isola di rifugio - Nunatak isola di rifugio - Nunatak isola di rifugio - Nunatak

Nunatak isola di rifugio - Nunatak isola di rifugio - Nunatak isola di rifugio - Nunatak LE AREE PROTETTE. 1. La definizione di parco. 2. I parchi nazionali, profili storici. - 3. Verso la legge quadro. 4. I parchi regionali. -5. Altre aree naturali protette. 6. La legge quadro. 7. La Carta

Dettagli

PROGETTO MONITOR La condivisione dei dati a supporto delle valutazioni ambientali Esperienze nei comuni

PROGETTO MONITOR La condivisione dei dati a supporto delle valutazioni ambientali Esperienze nei comuni PROGETTO MONITOR La condivisione dei dati a supporto delle valutazioni ambientali Esperienze nei comuni Condivisione dei dati per il governo del territorio e per il monitoraggio dello stato dell ambiente

Dettagli

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: GANGI Corso di formazione per ESPERTO AGROAMBIENTALE Progetto Formativo

Dettagli

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA REPORT STATISTICO I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA ANNI A 2007 2007-20122012 1 I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione

Dettagli

L UNIVERSITA NEL BOSCO 2009 Centro di specializzazione in gestione delle risorse naturali

L UNIVERSITA NEL BOSCO 2009 Centro di specializzazione in gestione delle risorse naturali L UNIVERSITA NEL BOSCO 2009 Centro di specializzazione in gestione delle risorse naturali L Università nel Bosco, alla sua XXI edizione consecutiva, propone anche quest anno il suo programma formativo.

Dettagli

GIORNATA NAZIONALE DEGLI ALBERI 21 novembre

GIORNATA NAZIONALE DEGLI ALBERI 21 novembre 16-20 novembre 2015 GIORNATA NAZIONALE DEGLI ALBERI 21 novembre Ufficio comunicazione istituzionale Fonte: spot della Giornata nazionale degli alberi 2013 a cura del Ministero dell ambiente e della tutela

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO)

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) PIANO DI RECUPERO DE CAPITANI D ARZAGO DOCUMENTO DI SINTESI RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE PER VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO DI RECUPERO DI VIA GRAMSCI

Dettagli

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia Settore Pianificazione territoriale e paesaggistica WORKSHOP Strumenti per la realizzazione delle Reti Ecologiche: dalla pianificazione

Dettagli

Profilo della società Telos.r.l.

Profilo della società Telos.r.l. Profilo della società Telos.r.l. Mission Servizi ed attività Descrizione della società ed organigramma I soci fondatori Profili brevi dei soci professionisti Società fondata nel 2010 Associato OICE Associazione

Dettagli

Valutazione e sviluppo delle attività economiche nei parchi nazionali di nuova Istituzione

Valutazione e sviluppo delle attività economiche nei parchi nazionali di nuova Istituzione Valutazione e sviluppo delle attività economiche nei parchi nazionali di nuova Istituzione Iacopo Bernetti Dipartimento Economico Estimativo Agrario e Forestale Piazzale delle Cascine 18 50144 Firenze

Dettagli

Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96

Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96 Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96 "Intervento sostitutivo del Governo per la ripartizione di funzioni amministrative tra regioni ed enti locali a norma dell'articolo 4, comma 5, della legge 15 marzo

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

DOMUS ACADEMY RIPENSA MILANO PARTENDO DALL ACQUA

DOMUS ACADEMY RIPENSA MILANO PARTENDO DALL ACQUA DOMUS ACADEMY RIPENSA MILANO PARTENDO DALL ACQUA 12 studenti internazionali del Master in Urban Vision e Architectural Design portano al Made Expo 2011 le loro proposte per riscoprire Milano come città

Dettagli

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento DIREZIONE LL. PP., CICLO IDRICO INTEGRATO, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA, PROTEZIONE CIVILE Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento Le attività della Regione

Dettagli

COMUNE DI. 1. RICHIEDENTE: (2) persona fisica /società/impresa/ente 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL'INTERVENTO (3) :

COMUNE DI. 1. RICHIEDENTE: (2) persona fisica /società/impresa/ente 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL'INTERVENTO (3) : U.T.A. - Ufficio Tecnico Associato Settore Urbanistica, Edilizia, SUE, SUAP e Ambiente Borgo Tossignano Casalfiumanese Castel Guelfo di Bologna Fontanelice P.zza Unità d Italia 7 P.zza A. Cavalli 15 Via

Dettagli

MONITORAGGIO 2012 AREE PROTETTE E SITI NATURA 2000

MONITORAGGIO 2012 AREE PROTETTE E SITI NATURA 2000 RECEPIMENTO DELLA RETE ECOLOGICA ALL INTERNO DEGLI STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE MONITORAGGIO 2012 AREE PROTETTE E SITI NATURA 2000 Nell ambito delle attività del monitoraggio 2012, ISPRA ha inteso realizzare,

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

Il Libro Bianco è un progetto di Federculture e Federparchi. A cura di: Silvia Borgognoni e Luca Introini Federculture. Paolo Pigliacelli Federparchi

Il Libro Bianco è un progetto di Federculture e Federparchi. A cura di: Silvia Borgognoni e Luca Introini Federculture. Paolo Pigliacelli Federparchi PARCHI E CULTURA LIBRO BIANCO 2009 Il Libro Bianco è un progetto di Federculture e Federparchi A cura di: Silvia Borgognoni e Luca Introini Federculture Paolo Pigliacelli Federparchi Hanno collaborato:

Dettagli

Con il patrocinio di: C. Lenti, Foto Archivio P.F.Po vc al MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

Con il patrocinio di: C. Lenti, Foto Archivio P.F.Po vc al MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Le risaie del vercellese: programma integrato per la riqualificazione ambientale e la gestione sostenibile dell agroecosistema risicolo Martedì 29 Novembre 2011 C. Lenti, Foto Archivio P.F.Po vc al Con

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB S1/PZ Anno XLI BARI, 31 DICEMBRE 2010 N. 195 Sede Presidenza Giunta Regionale

Dettagli

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Discarica rifiuti inerti ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE ALLA DOMANDA DI

Dettagli

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni Pagina 1 di 5 Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni giovedì 17 settembre 2015 Chiamparino: soddisfazione per una scelta condivisa, ora accelerazione nei confronti con il

Dettagli

Allegato alla presente mail, il regolamento con tutte le indicazioni necessarie per la partecipazione al concorso. Sandra Leonardi

Allegato alla presente mail, il regolamento con tutte le indicazioni necessarie per la partecipazione al concorso. Sandra Leonardi La Società Geografica Italiana e la Fondazione Univerde hanno il piacere di inviare il bando per la partecipazione al concorso 'Gli alberi dell'unità d'italia'. Tale concorso, finanziato dal Ministero

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

DOMANDA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI E/O TENDE PARASOLE IN VENEZIA CENTRO STORICO E ISOLE DELLA LAGUNA

DOMANDA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI E/O TENDE PARASOLE IN VENEZIA CENTRO STORICO E ISOLE DELLA LAGUNA Modello da compilarsi a cura del richiedente COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Marca da bollo 16,00 DOMANDA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI E/O TENDE PARASOLE IN VENEZIA CENTRO

Dettagli

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Le risorse forestali nazionali e i servizi eco-sistemici Il ruolo delle istituzioni ROMA - 6 dicembre 2011 Il ruolo delle foreste nella Strategia

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

SUSTAINABLE DESIGN AND URBAN PLANNING

SUSTAINABLE DESIGN AND URBAN PLANNING SUSTAINABLE DESIGN AND URBAN PLANNING Paesaggio e Telecomunicazioni: convergenze e divergenze Nicola Usai Cagliari, 6 giugno 2014 La tecnologia della Televisione Un mix di fibre ottiche, antenne, satelliti

Dettagli

Piccolissimi: Pe < 200kW Piccoli: 200 Pe< 1000 kw. Piccolissimi: Pe < 200kW Piccoli: 200 Pe< 1000 kw Medi: 1000 Pe < 5000 kw Grandi: Pe 5000 kw

Piccolissimi: Pe < 200kW Piccoli: 200 Pe< 1000 kw. Piccolissimi: Pe < 200kW Piccoli: 200 Pe< 1000 kw Medi: 1000 Pe < 5000 kw Grandi: Pe 5000 kw IMPIANTI A BIOMASSA - FILIERA DEI COMBUSTIBILI LIQUIDI AMBITI DI Siti UNESCO - candidature in atto Core zone Siti UNESCO - candidature in atto buffer zone Beni Paesaggistici PRINCIPALI DISPOSIZIONI DI

Dettagli

Introduzione alla CETS

Introduzione alla CETS Introduzione alla CETS Carta Europea per il Turismo Sostenibile Bologna 24 Ottobre 2014 Luca Dalla Libera Introduzione alla CETS Carta Europea per il Turismo Sostenibile I contenuti della breve introduzione

Dettagli

PROCEDURE AUTORIZZATIVE IN PROVINCIA DI TORINO E INDICAZIONI FUTURE

PROCEDURE AUTORIZZATIVE IN PROVINCIA DI TORINO E INDICAZIONI FUTURE PROCEDURE AUTORIZZATIVE IN PROVINCIA DI TORINO E INDICAZIONI FUTURE Dr. Alberto Cucatto - Provincia di Torino Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche alberto.cucatto@provincia.torino.it Dr. Massimo

Dettagli

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale PIANO DI GESTIONE ACQUE (Direttiva Comunitaria 2000/60/CE, D.L.vo. 152/06, L. 13/09, D.L 194/09) Relazione Regionale Allegato 4 SISTEMI DI PIANI E PROGRAMMI AFFERENTI LA RISORSA IDRICA REGIONE PUGLIA Febbraio

Dettagli

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali EMERGENZA SMOG: QUADRO NORMATIVO, RESPONSABILITÀ, COMPETENZE E STRATEGIE DEGLI ENTI LOCALI Brindisi,18 marzo 2010 Paolo Lecca lecca@ea.ancitel.it

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICHE DELLO STUDIO NATURALISTICO DIATOMEA 2012-2013

ATTIVITA DIDATTICHE DELLO STUDIO NATURALISTICO DIATOMEA 2012-2013 PRESENTAZIONE Lo Studio Naturalistico Diatomea propone alle scuole del territorio numerose attività didattiche con tematiche naturalistiche al fine di portare anche i più piccoli a contatto con l ambiente

Dettagli

PAOLO GIUNTARELLI. Luogo e data di nascita: Roma, 18/05/1967. Qualifica: Dirigente dal 23/03/2005

PAOLO GIUNTARELLI. Luogo e data di nascita: Roma, 18/05/1967. Qualifica: Dirigente dal 23/03/2005 PAOLO GIUNTARELLI Luogo e data di nascita: Roma, 18/05/1967 Qualifica: Dirigente dal 23/03/2005 Titolare della struttura: Dirigente Tecnico del Parco Regionale Bracciano-Martignano Incaricato delle funzioni

Dettagli

Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze. Ing. Pier Luigi Coruzzi

Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze. Ing. Pier Luigi Coruzzi Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze Quali incombenze autorizzative per realizzare un impianto FV? Chiunque voglia realizzare un impianto fotovoltaico deve preventivamente occuparsi di tre problemi:

Dettagli

AREE MARINE PROTETTE

AREE MARINE PROTETTE AREE MARINE PROTETTE AREE MARINE PROTETTE ISTITUITE, DI PROSSIMA ISTITUZIONE E DI RIFERIMENTO, IN ITALIA FINALITÀ ISTITUZIONE DI RISERVE E PARCHI MARINI conservazione, tutela e ripristino degli ecosistemi

Dettagli

Legge Regionale n. 56 del 10 giugno 1983

Legge Regionale n. 56 del 10 giugno 1983 10 giugno 1983, n. 56 - Testo vigente Legge regionale 10 giugno 1983, n. 56 - Testo vigente Misure urgenti per la tutela dei beni culturali. (B.U. 7 luglio 1983, n. 17). Legge Regionale n. 56 del 10 giugno

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Sito di Interesse Comunitario ITB040019 Stagni di Colostrai e delle Saline

Sito di Interesse Comunitario ITB040019 Stagni di Colostrai e delle Saline Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale per la Sardegna 2007/2013. Asse 4 Attuazione dell approccio Leader. Misura a regia regionale 323, azione 1, sottoazione 1 Tutela

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PIANI DI GESTIONE E LA REGOLAMENTAZIONE SOSTENIBILE DEI SIC E ZPS

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PIANI DI GESTIONE E LA REGOLAMENTAZIONE SOSTENIBILE DEI SIC E ZPS LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PIANI DI GESTIONE E LA REGOLAMENTAZIONE SOSTENIBILE DEI SIC E ZPS INTRODUZIONE: finalità e contenuti del documento 1. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO 1.1 L iter amministrativo-decisionale

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152

Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale (G.U. n. 88 del 14/04/2006 - S.O. n. 96) Testo aggiornato, da ultimo, al Decreto Legislativo 16 marzo 2009, n. 30, pubblicato nella

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 20/2015 NUOVA DISCIPLINA DEL MUTAMENTO D USO E DELL'INSTALLAZIONE DEI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Disposizione tecnico

Dettagli

STATISTICHE SUI RIFIUTI

STATISTICHE SUI RIFIUTI STATISTICHE SUI RIFIUTI 1 Rifiuti: comportamento virtuoso dell Isola nella gestione dei rifiuti urbani. Le ultime statistiche mostrano come il comparto della gestione dei rifiuti urbani in Sardegna sia

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione

Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione Il turismo e le aree protettein Italia. Verso gli Stati generali Fabriano 8-9 ottobre 2014 Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione Giuseppe Dodaro Realizzazione di un approfondimento

Dettagli

La protezione della Natura e i Parchi Nazionali

La protezione della Natura e i Parchi Nazionali La protezione della Natura e i Parchi Nazionali I valori naturalistici e paesaggistici del territorio italiano L Italia ha nella sua stessa conformazione geografica la ragione della sua straordinaria biodiversità.

Dettagli

Risultati Questionario Turistico 2014 Vasto, San Salvo, Entroterra Vastese

Risultati Questionario Turistico 2014 Vasto, San Salvo, Entroterra Vastese Risultati Questionario Turistico 2014 Vasto, San Salvo, Entroterra Vastese realizzato da Vasteggiando.it L obiettivo di questo studio statistico è quello di scattare una fotografia annuale del comparto

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna Bologna 17 giugno 2014 Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali I NUMERI DELLE AREE PROTETTE 14 PARCHI

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Altopascio 21.01.2011 PIANO PLURIENNALE ECONOMICO-SOCIALE della R.N.P. LAGO DI SIBOLLA

Altopascio 21.01.2011 PIANO PLURIENNALE ECONOMICO-SOCIALE della R.N.P. LAGO DI SIBOLLA Riserva Naturale Provinciale Lago di Sibolla Altopascio 21.01.2011 CHE COSA E IL PPSE? l. n. 394/ 91 legge quadro sulle aree protette ha la finalità di promuovere e sostenere iniziative atte a favorire

Dettagli

Legge Regionale 2 luglio 2014 n. 16 Istituzione degli Ecomusei della Sicilia. (Sicilia, Gazz. Uff. Reg. sic. 11 luglio 2014, n. 28, S.O. n.

Legge Regionale 2 luglio 2014 n. 16 Istituzione degli Ecomusei della Sicilia. (Sicilia, Gazz. Uff. Reg. sic. 11 luglio 2014, n. 28, S.O. n. Legge Regionale 2 luglio 2014 n. 16 Istituzione degli Ecomusei della Sicilia. (Sicilia, Gazz. Uff. Reg. sic. 11 luglio 2014, n. 28, S.O. n. 22) REGIONE SICILIANA L'ASSEMBLEA REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE nell ambiente esterno STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli