LA SECONDA GUERRA MONDIALE. La situazione europea tra le due guerre. Lo scoppio della guerra

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SECONDA GUERRA MONDIALE. La situazione europea tra le due guerre. Lo scoppio della guerra"

Transcript

1 LA SECONDA GUERRA MONDIALE La situazione europea tra le due guerre Tra il 1919 e il 1925 la diplomazia francese, per ottemperare alle decisioni dei vari trattati della pace di Parigi e per evitare il ripetersi delle condizioni che avevano consentito l affermazione dell aggressiva politica tedesca, cerca di creare in Europa una rete di alleanze in funzione di contenimento della Germania Nel 1924 si afferma in Urss lo stalinismo, ma tra il 1926 e il 1938 si diffondono in Europa governi filofascisti, autoritari e antidemocratici: nel 1925 il fascismo prende il potere in Italia nel 1933 il nazismo prende il potere in Germania tra il 1936 e il 1939 c è una guerra civile in Spagna e con la vittoria del generale Franco anche la Spagna diventa uno stato totalitario Nel 1929 il mondo conosce anche la grave crisi economica mondiale determinata dal crollo della borsa di Wall Street. Gli anni Trenta saranno caratterizzati in Germania dalla corsa al riarmo e dalla politica di riaffermazione della potenza tedesca in Europa: nel 1936 la Germania occupa la Renania, regione che le era atata tolta con il trattato di Versailles ed era un importante regione mineraria nel 1937 la Germania nazista, l Italia fascista e il Giappone firmano un accordo; nasce l Asse Roma Berlino Tokio e il Patto Anticomintern contro il comunismo nel 1938 la Germania invade e annette l Austria; occupa parte della Cecoslovacchia nel 1939 l Italia e la Germania sottoscrivono il Patto d acciaio; Unione Sovietica e Germania sottoscrivono un patto di non aggressione, il Patto Molotov - Ribbentrop La politica imperialistica del Terzo Reich non genera nessuna reazione nelle potenze europee, né tanto meno la Società delle nazioni, nata sulla carta, ma mai operante, interviene. Lo scoppio della guerra Il 1 settembre 1939 la Germania attacca la Polonia senza dichiarazione di guerra. È l inizio della Seconda Guerra Mondiale. Immediata è la reazione di Francia e Inghilterra, che il 3 settembre dichiarano guerra alla Germania. Il 18 settembre la guerra tedesco-polacca è di fatto finita per la debolezza dell esercito polacco. Varsavia capitola e i tedeschi attuano una brutale politica di occupazione. La velocità dell azione bellica tedesca è anche determinata dall adozione, da parte dell esercito tedesco, di una nuova strategia bellica, fondata sull uso congiunto dell aviazione e dei carri armati. Francia e Inghilterra, sorprese dalla rapidità della vittoria tedesca, rimangono in una quasi totale passività militare per cui sul fronte occidentale, nella zona tra Germania e Francia, fino al maggio 1940, la guerra dichiarata in realtà non viene combattuta. Il 17 settembre le truppe sovietiche, in esecuzione delle clausole segrete del patto nazisovietico, iniziano l occupazione della Polonia orientale. Nell aprile del 1940 Hitler, per accerchiare la Gran Bretagna, occupa la Danimarca e la Norvegia e nel maggio 1940 Hitler ordina l offensiva a occidente contro la Francia: l attacco, condotto secondo i criteri della guerra lampo ha successo e nel giugno del 1940 i tedeschi occupano Parigi. La Francia, costretta all armistizio con la Germania, è divisa in due parti: la parte settentrionale viene occupata dall esercito tedesco la parte meridionale è affidata ad un governo collaborazionista, cioè di francesi, filonazisti, che collaboravano con i tedeschi, con sede a Vichy

2 In Francia si accende una prima volontà di resistenza: il generale De Gaulle, che è riuscito a raggiungere l Inghilterra, invita i suoi connazionali a continuare la guerra antitedesca L entrata dell Italia in guerra I travolgenti successi tedeschi spingono Mussolini, desideroso di non essere escluso dai frutti della vittoria, ad entrare in guerra contro Francia e Gran Bretagna il 10 giugno In realtà, contrariamente alle previsioni del duce, la guerra non sta per finire e l Italia è del tutto impreparata militarmente. L Italia, ritenendo imminente la resa dell Inghilterra, pensa di attaccare gli inglesi in Africa, nei suoi possedimenti coloniali. L offensiva italiana nel settore etiopico viene tuttavia bloccata dagli inglesi e Addis Abeba viene occupata dalle forze britanniche. Solo l intervento dei tedeschi risolleva le sorti della guerra a favore delle truppe fascinaziste. Nel 1941 Mussolini allora di attaccare anche la Grecia, ma l attacco viene respinto dalla resistenza greca. Anche questa situazione viene ribaltata dall intervento dell esercito tedesco. Il ripetersi delle condizioni di inferiorità militare delle truppe italiane e la necessità che i nazisti debbano continuamente intervenire a salvare i propri alleati, alimentano un sentimento di disprezzo delle alte gerarchie tedesche verso gli italiani e le loro capacità belliche. L operazione Leone marino Intanto, dopo il crollo della Francia, la posizione dell Inghilterra sembra molto compromessa, tanto da far credere allo stesso Hitler che sia prossima alla resa. Tuttavia la condizione dell Inghilterra è diversa da quella della Francia: la sua flotta mantiene la sua superiorità e la sua aviazione è di qualità superiore a quella tedesca. Di fronte alla resistenza dell Inghilterra, Hitler decide di preparare l operazione Leone marino, cioè l invasione della Gran Bretagna, ma l aviazione inglese, la Raf, anche grazie all utilizzo dei primi radar, infligge gravi perdite ai tedeschi, che non riescono a creare le condizioni per lo sbarco. La controffensiva aerea inglese nei confronti dell aviazione tedesca, la Lutwaffe, prende il nome di Battaglia d Inghilterra e determina la rinuncia dei tedeschi all invasione, che sospendono l operazione. Non riuscendo ad ottenere un decisivo successo militare, i nazisti ricorrono all intensificazione dei bombardamenti contro le più grandi città europee. Contro l Inghilterra la Germania punta, allora, al blocco dei rifornimenti marittimi, iniziando anche un estesa guerra sottomarina. In questa fase dell azione bellica risulta evidente che ancora una volta, così come nella prima guerra mondiale, la guerra lampo è fallita ed inizia una guerra di usura e di posizione. Il piano Barbarossa Alla fine del 1940 la Germania, forte della vittoria sulla Francia, comincia ad essere sempre meno interessata all intesa che aveva siglato con la Russia, il patto Molotov - Ribbentrop. Hitler decide di attaccare la Russia e il 22 giugno 1941 le truppe tedesche invadono il territorio sovietico: è il cosiddetto piano Barbarossa. L attacco viene propagandato da Hitler come lotta al comunismo e viene attuato come guerra di sterminio. A fine autunno i paesi baltici, la Bielorussia, gran parte dell Ucraina, la Crimea sono caduti in mano nazista, ma comunque l esercito sovietico resiste. Con l inizio dell inverno russo la guerra prende una piega diversa: l esercito russo resiste all attacco e si riorganizza, mentre la Germania deve occuparsi anche del fronte occidentale.

3 L entrata in guerra degli Stati Uniti Gli Stati Uniti allo scoppio della guerra si erano dichiarati neutrali, tuttavia durante le prime fasi della guerra europea vendono materiale bellico alla Francia e all Inghilterra. Contro ogni aspettativa è il Giappone che spinge gli Stati Uniti alla guerra: il 7 dicembre 1941 improvvisamente aerei giapponesi attaccano la flotta statunitense di Pearl Harbour nelle Hawaii. L 11 dicembre 1941 gli Stati Uniti e l Inghilterra entrano in guerra contro il Giappone, sostenuto da Germania e Italia. La guerra diventa realmente mondiale. La svolta nella guerra Anche se i giapponesi riescono a conquistare diversi territori, gli Stati Uniti iniziano a vincere, come nella battaglia aeronavale delle isole Midway nel Sempre nel 1942 gli inglesi cacciano dall Africa le truppe italo-tedesche guidate da Rommel con la battaglia di El Alamein. Sul fronte orientale il centro dei combattimenti è la città di Stalingrado che resiste fino al febbraio 1943 quando le truppe tedesche capitolano. Inizia così la disastrosa ritirata tra le nevi della steppa russa, in cui moriranno centinaia di migliaia di uomini. È soprattutto il 1943 l anno che segna la svolta della guerra: finisce lo slancio offensivo delle forze dell asse e l iniziativa passa nelle mani degli Stati Uniti, dell Inghilterra e dell Unione Sovietica. Nel luglio 1943 gli alleati, cioè le forze anglo americane, sbarcano in Sicilia, accolti dalla popolazione come dei liberatori. Mussolini viene messo in minoranza e capo del governo diventa il maresciallo Pietro Badoglio, mentre il duce è arrestato. Il 3 settembre 1943 a Cassibile, in Sicilia, Badoglio firma l armistizio con gli alleati, armistizio che viene reso noto l 8 settembre 1943, data del secondo sbarco in Italia degli alleati a Salerno: L Italia non è più alleata della Germania e i tedeschi assumono il controllo militare della penisola La Resistenza e la fine della guerra in Italia L 8 settembre per la storia d Italia può essere considerata una data spartiacque Prima di questa data l Italia era uno Stato unitario sotto la guida del Fascismo, una Nazione rappresentata dal mito di Mussolini alleata della Germania uno Stato con un esercito unito e con obiettivi precisi Dopo l armistizio l Italia risulta divisa in due parti: a nord la Repubblica Sociale italiana, a sud il Regno del Sud priva di una guida carismatica occupata dalla Germania con un esercito dissolto e senza comandi Con l 8 settembre 1943 inizia la Resistenza italiana, intesa come guerra patriottica di liberazione contro i tedeschi e anche come guerra civile nei confronti degli italiani che ancora appoggiavano la Germania. In realtà la resistenza nasce molto prima di questa data, se si considera una forma di resistenza il malcontento della popolazione già a partire dal In effetti già a partire dal secondo anno di guerra il razionamento dei generi alimentari di primaria necessità (pane, pasta e riso) e il contingentamento degli altri generi alimentari ( solo quando erano disponibili) avevano generato un diffuso astio e avevano fatto nascere il fenomeno del mercato nero. Detto anche borsa nera,

4 consisteva nel contrabbando dei viveri, alimentato dai contadini che, invece di consegnare i prodotti ai mercati del governo, li vendevano clandestinamente a prezzi maggiorati. Inoltre fino all ottobre del 1942 la sola città bombardata massicciamente in Italia dagli inglesi era Napoli, sottoposta a massicci bombardamenti perché dal suo porto partivano i rifornimenti di armi e le derrate alimentari per l esercito italo tedesco impegnato in Africa. Da questa data, però, anche le città industrializzate, Genova, Milano e Torino, saranno violentemente colpite con i bombardieri americani, le cosiddette fortezze volanti. I bombardamenti, la fame, le cattive notizie provenienti dai fronti di guerra contribuirono a frantumare il mito di Mussolini. Si accentuò l opposizione al Fascismo non come preciso movimento politico ma come dilagante lotta clandestina. Nel marzo del 1943, questo malcontento fu espresso attraverso l organizzazione di una serie di grandi scioperi nelle città settentrionali. Il 10 luglio 1943 si ebbe lo sbarco in Sicilia degli anglo - americani e il 19 luglio 1943 si ebbe il primo bombardamento di Roma. La notte tra il 24 e il 25 luglio 1943 i gerarchi fascisti comunicarono a Mussolini che per salvare il Fascismo si doveva dimettere, ma Vittorio Emanuele III lo fece arrestare e mise al capo del governo Pietro Badoglio. Il 3 settembre 1943 fu firmato l armistizio a Cassibile in Sicilia tra il governo italiano e gli anglo - americani, l 8 settembre 1943 viene effettuato lo sbarco a Salerno degli anglo - americani e lo stesso 8 settembre 1943 viene reso pubblico l armistizio. Il re fuggiva a Brindisi, dove fu formato un governo provvisorio, il Regno del Sud. Il fronte bellico si attestò sulla Linea Gustav, che andava dal Garigliano a Pescara e divideva l Italia in due: a sud l Italia liberata dagli alleati, con il Regno del Sud nel centro nord l Italia occupata dai tedeschi, dove Mussolini formò la Repubblica Sociale Italiana. Infatti, dopo l'arresto del 25 luglio 1943, Mussolini fu imprigionato a Campo Imperatore, sul Gran Sasso, a m. sul livello del mare, ma fu liberato il 12 settembre ad opera dei reparti d'assalto tedeschi. Alcuni paracadutisti calarono a Campo Imperatore per mezzo di alianti, nessuno fece resistenza; il prigioniero liberato fu subito portato in aereo al Quartier Generale germanico, dove ebbe un colloquio con Hitler, e si mise subito al lavoro. Il 23 settembre 1943 Mussolini annunziò la costituzione del nuovo governo. La sede del governo fascista repubblicano fu stabilita nell'italia settentrionale, a Salò, sulla riva bresciana del Garda, mentre i singoli ministeri furono dislocati in varie località del nord. In principio Mussolini avrebbe voluto che Roma fosse la capitale della nuova Repubblica sociale, ma il Vaticano richiese ai tedeschi che la città fosse dichiarata città aperta (città smilitarizzata e priva di obiettivi militari che, secondo una convenzione internazionale firmata all Aja nel 1907, gli stati belligeranti erano tenuti a non colpire. Nel corso della seconda guerra mondiale furono dichiarate tali Parigi, Bruxelles, Belgrado, Manila e Roma). Poiché il problema principale era quello di continuare la guerra con forze proprie, si decretò che si dovevano costituire nuove forze armate repubblichine. Alla chiamata delle reclute diciottenni della classe 1925 molti risposero (circa l'82%), ma poi cominciarono a disertare, anche perché in pratica mancavano le armi, le caserme, i generi di casermaggio, essendo tutto requisito dai tedeschi per uso proprio. In realtà i veri padroni dell'italia erano i Tedeschi. Lo stesso governo della repubblica di Salò viveva per grazia di Hitler, era protetto dalle armi tedesche e strettamente vigilato.

5 Non si poteva perciò parlare di poteri indipendenti, e a Mussolini, dato lo stato delle cose, era preclusa ogni possibilità di iniziativa e di azione autonoma. La Repubblica di Salò serviva ai tedeschi, quindi, solamente per difendere il più possibile i territori del Reich, anche se ufficialmente si conservava integra la parvenza della stretta unione tra l'impero nazista e la repubblica fascista. Mentre gli alleati premevano sulla linea Gustav gruppi di uomini diedero vita alla Resistenza. Alla Resistenza presero parte gruppi spontanei e gruppi organizzati e di diverse estrazioni politiche, uniti nel comune intento di opporsi militarmente e politicamente al governo della Repubblica Sociale Italiana (RSI), o Repubblica di Salò, e degli occupanti nazisti tedeschi. Alla lotta partigiana si unirono anche molti soldati e capi militari allo sbando dopo l'armistizio dell'8 settembre. Esposti al pericolo di essere catturati dalle milizie tedesche trovarono rifugio nelle montagne e ospitalità presso famiglie contadine. Si unirono ai gruppi di civili dissenzienti con il regime, portando spesso armi e munizioni e andando così a formare i primi gruppi di partigiani, a scopo difensivo ma anche per riprendere la lotta. Il movimento partigiano, prima raggruppato in bande autonome, fu organizzato in brigate e divisioni dal Comitato di liberazione nazionale (CLN): le Brigate Garibaldi, costituite su iniziativa del Partito comunista, le Brigate Matteotti, legate al Partito socialista, le Brigate Giustizia e Libertà, legate al Partito d'azione, le Brigate Autonome (principalmente ex-militari) prive di rappresentanza politica, ma simpatizzanti per la monarchia, talvolta riportati come badogliani. Nelle città cominciarono a costituirsi nuclei partigiani clandestini denominati GAP (Gruppi di azione patriottica), formati ognuno da pochi elementi pronti a svolgere azioni di sabotaggio e di guerriglia nonché di propaganda politica. Accanto ad essi, nei principali centri urbani sorsero all'interno delle fabbriche le SAP (Squadre di azione patriottica), ampi gruppi di sostegno alle formazioni partigiane belligeranti, con l'obiettivo specifico di rendere più ampia possibile la partecipazione popolare al momento insurrezionale. Gli uomini armati che, specialmente nelle zone montuose del centro-nord del Paese, svolsero attività di guerriglia e controllo del territorio che via via veniva liberato dai nazifascisti, si calcola siano stati dalle poche migliaia nell'autunno del 1943 fino ai circa dell'aprile del Nell'Italia centro-meridionale il movimento partigiano non ebbe altrettanta importanza militare, ma nelle aree restituite al controllo del re con gli sbarchi degli alleati, si riunivano i principali esponenti politici che da lontano coordinavano le azioni militari partigiane, anche insieme alle armate alleate. Sono considerate un episodio di resistenza le quattro giornate di Napoli, la rivolta popolare scoppiata a Napoli spontaneamente il 28 settembre del 1943 a seguito della fucilazione di alcuni marinai italiani. In quattro giorni, dal 28 settembre al 1 ottobre 1943, la popolazione napoletana mise in fuga i tedeschi dalla città prima dell'arrivo degli alleati. Persino gli scugnizzi napoletani si batterono con fucili, pietre, bottiglie di benzina. Il 22 gennaio 1944 gli alleati sbarcarono ad Anzio, sulla costa laziale. Nella primavera del 1944 importanti scioperi operai furono organizzati dalle SAP e paralizzarono le maggiori città industriali, Milano, Torino e Genova. Nella stessa primavera del 1944 si costituì il primo governo di unità nazionale che comprendeva il CNL e i partiti antifascisti. Nel giugno del 1944 fu liberata Roma che divenne sede del nuovo governo.

6 In questo periodo, le funzioni di comitato centrale per il territorio ancora occupato dai tedeschi furono assunte da Milano dal Comitato di Liberazione Nazionale per l'alta Italia. Il comitato investì del supremo comando delle truppe partigiane un organo collegiale il "Comando generale volontari per la libertà", che era in collegamento con il governo italiano di Roma e le forze alleate. Il comando fu poi concentrato nelle mani del generale Raffaele Cadorna. Dopo la liberazione di Roma gli anglo americani avanzarono fino all Appennino tosco emiliano e si attestarono sulla cosiddetta linea gotica che andava da massa a Rimini. La risposta dei tedeschi alla lotta dei partigiani fu feroce e priva di scrupoli. Non solo i partigiani catturati furono uccisi o deportati, ma la popolazione civile fu vittima innocente delle rappresaglie nazifasciste. Tra l'8 settembre del '43 e l'aprile del 1945 la violenza dei tedeschi contro i civili italiani fece registrare oltre 400 stragi (con un minimo di 8 morti). Alla fine, il bilancio fu di circa vittime. Fra gli eccidi si ricordano: A seguito di un attentato partigiano a Roma, in cui furono uccisi 33 SS, il 24 marzo 1944 furono sterminati 335 romani nella strage delle Fosse Ardeatine A Sant'Anna di Stazzema, Lucca, il 12 agosto 1944 i nazisti trascinarono fuori di casa tutti quelli che trovarono: alla fine le vittime furono 560, tra cui molti anziani, donne e bambini. I tedeschi buttarono le bombe e poi diedero fuoco alle case. Per ritorsione contro i partigiani 1836 persone, di cui 200 bambini, furono massacrate nell autunno del 1944 a Marzabotto, nel bolognese, dalle SS Un momento critico per il movimento si ebbe nell'autunno del 44, quando le forze alleate invitarono i partigiani ad abbandonare il campo di battaglia in attesa della primavera, quando sarebbero ripresi i combattimenti. I patrioti italiani dovettero affrontare un lungo e difficile inverno per la mancanza di rifugi, di viveri, di vesti, tanto che sembrò quasi impossibile mantenere i reparti partigiani. Il 9 aprile 1945 gli alleati mossero all'attacco sia sul fronte adriatico sia sul fronte tirrenico ed i gruppi di combattimento parteciparono all'avanzata in prima linea. Il 17 aprile viene sfondata la linea gotica Il 21 aprile 1945 fu liberata Bologna e il 24 aprile 1945 fu liberata La Spezia. Negli stessi giorni gli alleati iniziarono l'avanzata verso il Veneto, la Lombardia e il Trentino. In quasi tutte le città l'insurrezione popolare scoppiò pochi giorni prima che le truppe alleate vi entrassero e il 25 aprile 1945 il popolo insorto era padrone di Genova e Milano, il 26 di Torino. Il 25 aprile il Comitato di Liberazione Nazionale dell'alta Italia emanò da Milano un proclama, con cui assumeva tutti i poteri civili e militari nelle regioni liberate. Il 29 aprile i nazifascisti si arrendevano. La guerra era finita e l Italia era libera. Mussolini, colto in fuga e arrestato dai partigiani, fu giustiziato il 28 aprile. I partiti animatori della Resistenza avrebbero più tardi costituito insieme i primi governi del dopoguerra. Il 9 maggio 1946 Vittorio Emanuele III abdicò in favore del figlio Umberto II, che fu re d'italia fino 2 giugno dello stesso anno (per questo breve periodo di regno fu detto Re di maggio). L'Assemblea costituente, eletta nel 1946 contestualmente allo svolgimento del referendum istituzionale, fu in massima parte composta da esponenti dei partiti del CLN che, in tale veste, elaborarono la Costituzione della Repubblica Italiana, ispirata ai principi della democrazia e dell'antifascismo.

7 Gli ultimi eventi Gli anni dal 44 al 45 furono decisivi per la vittoria delle forze antitedesche. Sul fronte orientale nel gennaio 1944 le truppe russe non solo rompono l assedio a Leningrado, ma liberano l Ucraina e la Crimea ed entrano in Polonia. Nel corso dell anno i sovietici liberano dal nazismo, ma occupano, la Finlandia, la Romania e la Bulgaria. La Grecia invece viene liberata dagli inglesi. Nel giugno 1944 ebbe inizio l operazione Overlord : il 6 giugno, il D-Day, gli alleati sbarcano in Normandia e liberano la Francia. Parigi viene liberata nell agosto Nella primavera del 1945 la Germania viene sottoposta ad una durissima serie di bombardamenti e la Russia entra in Germania Il 25 aprile 1945 l Italia viene liberata e il 30 aprile 1945 Hitler si toglie la vita a Berlino. Il 7 maggio 1945 la Germania si arrende senza condizioni Rimaneva solo il Giappone, assolutamente non disposto ad arrendersi, ma nell agosto 1945 gli americani distruggono le città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki con il lancio di due bombe atomiche, mentre l URSS occupa la Manciuria e la Corea in Asia. Il 2 settembre 1945 il Giappone firmò la resa. La guerra più dura che l Europa ha conosciuto è finita, lasciando sul terreno migliaia di morti, la distruzione di tutte le più grandi città e una grande sconfitta per tutta l umanità. La guerra si chiude con 50 milioni di morti, milioni di dispersi e feriti, l orrore delle radiazioni atomiche e quello per il genocidio contro gli ebrei. Tra la fine del 1945 e il 1946 si tiene a Norimberga il processo contro i crimini nazisti I trattati di pace Le decisioni relative a assetto politico territoriale del mondo, spartizione delle zone di influenza, destino della Germania e delle Nazioni che le si erano affiancate sono prese già a guerra in corso dai capi di stato degli Stati Uniti, dell Unione Sovietica e della Gran Bretagna, Roosevelt, Stalin e Churchill. Le trattative sono portate avanti nel corso di tre conferenze: nel novembre 1943 a Teheran, in Iran nel febbraio 1945 a Yalta, in Crimea nel luglio e agosto 1945 a Potsdam, un sobborgo di Berlino A Teheran si discute la strategia militare del conflitto in corso e gli assetti politici europei per il dopoguerra. Si decide che: USA, Gran Bretagna, Cina e URSS avrebbero dovuto mantenere la pace nel mondo, secondo la dottrina enunciata da Churchill dei quattro poliziotti la Germania doveva essere smembrata A Yalta sono confermati gli accordi di Teheran e vengono prese le decisioni finali. Si decide che: la Polonia sarebbe entrata nella zona d influenza dell Urss la Germania sarebbe stata divisa in zone di occupazione e denazificata A Potsdam, per la morte di Roosevelt, il rappresentante degli Usa sarà il vicepresidente Truman. Si decide che la Germania sarebbe stata divisa in quattro zone di occupazione tra USA, URSS, Gran Bretagna e Francia Quanto deciso nelle tre conferenze fu ratificato nei trattati di pace di Parigi nel febbraio 1947 Divisione della Germania in quattro zone di occupazione

8 Misure per smilitarizzare il paese vinto Pagamento da parte della Germania di riparazioni ai vincitori Cessione della Prussia orientale, Polonia e delle regioni tedesche della Slesia e della Pomerania all Urss. Questo comportò massicci spostamenti di popolazione: milioni di polacchi abbandonarono le terre diventate sovietiche e milioni di tedeschi le terre assegnate alla Polonia Cessione alla Francia da parte dell Italia di Briga e Tenda Cessione alla Iugoslavia da parte dell Italia di una parte della Venezia Giulia Occupazione di Trieste delle truppe anglo americane Trieste fu poi restituita all Italia nel 1954 Possibilità di dare vita nei paesi liberati a governi nati da libere elezioni Creazione dell ONU retta da un consiglio di sicurezza L ONU L iniziativa di creare un organismo che potesse risolvere le tensioni internazionali con strumenti diplomatici fu presa a Yalta. Avrebbe dovuto rappresentare l assise dei popoli per la pace, la libertà e la democrazia. Nel giugno 1945 nella conferenza di San Francisco 50 paesi sottoscrissero i principi che nel 1948 divennero le fondamenta dell organizzazione delle nazioni unite (Onu) che avrebbe dovuto rappresentare l assise dei popoli per la pace, la libertà e la democrazia. L organismo che in realtà opera in modo permanente è il Consiglio di Sicurezza composto dai 5 grandi: Stati Uniti, Unione Sovietica, Gran Bretagna, Francia e Cina e da 6 membri scelti ogni due anni tra gli stati minori.

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale 1939: l inizio del conflitto Il 1 settembre la Germania invade la Polonia che crolla dopo un mese. In base agli accordi, l URSS occupa la Polonia orientale, le repubbliche baltiche

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 settembre 1939 invasione della Polonia LA SECONDA GUERRA MONDIALE VERSO LA SECONDA GUERRA MONDIALE CRISI DEGLI ANNI 30 ISOLAZIONISMO AMERICANO AFFERMAZIONE DEL NAZISMO IN GERMANIA POLITICA ESTERA AGGRESSIVA

Dettagli

La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945

La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945 La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945 A partire dal 1935 la Germania nazista di Hitler iniziò ad attuare la sua politica espansionistica, approfittando della debolezza e delle problematiche economiche di

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

Preliminari di guerra

Preliminari di guerra Preliminari di guerra Le vittorie diplomatiche di Hitler Marzo 1938. L Austria viene annessa al Reich (ANSCHLUSS) Questione dei Sudeti. Accordi di Monaco (29-30 settembre 1938) Entro il marzo 1939 tutta

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 SETTEMBRE 1939 - GERMANIA INVADE POLONIA Il 1 settembre 1939 l esercito tedesco invade la Polonia. La Gran Bretagna e la Francia dichiarano guerra alla Germania. I generali

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo. LA II GUERRA MONDIALE: i fatti bellici (lezione del prof. Marco Migliardi)

STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo. LA II GUERRA MONDIALE: i fatti bellici (lezione del prof. Marco Migliardi) STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo LA II GUERRA MONDIALE: i fatti bellici (lezione del prof. Marco Migliardi) Il piano di guerra tedesco: Hitler aveva già pronto il suo piano militare dopo aver invaso la

Dettagli

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte GIAPPONE ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte 1913/1920 grande sviluppo industriale e urbano: occupazione mercato asiatico Con la pace: crisi economica, revanchismo.

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 16 LA SECONDA GUERRA MONDIALE

Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 16 LA SECONDA GUERRA MONDIALE Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 16 LA SECONDA GUERRA MONDIALE A cura di Maurizio Cesca Dalla guerra-lampo alla guerra di logoramento (1939-1941)...

Dettagli

Storia, Educazione civica

Storia, Educazione civica Storia, Educazione civica del prof. Nappini Iacopo insegnante di Storia, Educazione Civica nella classe 5 sez. D Ore settimanali di lezione: 3 Totale annuale delle ore: 98 PROGRAMMA SVOLTO Programmazione

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

Cosa furono il Fascismo e la Seconda Guerra Mondiale?

Cosa furono il Fascismo e la Seconda Guerra Mondiale? Cosa furono il Fascismo e la Seconda Guerra Mondiale? Indice generale - Obiettivi..p.1 - L ITALIA FASCISTA: LINEE GENERALI.p.2 - LA SECONDA GUERRA MONDIALE: LINEE GENERALI..p.6 - Bibliografia p.14 Obiettivi

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. La Francia e l Inghilterra a loro volta intervennero a sua difesa. Cosi Hitler

Dettagli

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin Le donne occuparono un ruolo molto importante durante la seconda guerra mondiale. Prima

Dettagli

Seconda guerra mondiale

Seconda guerra mondiale Seconda guerra mondiale La politica espansionistica di Hitler basata sul desiderio di unire tutti i popoli tedeschi (pangermanesimo), di dare alla razza ariana uno spazio vitale a est in cui vivere e la

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E Cosa è la resistenza? La Resistenza italiana, comunemente chiamata Resistenza, anche detta "Resistenza partigiana" o "Secondo Risorgimento", fu l'insieme

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

SECONDA GUERRA MONDIALE LA GUERRA LAMPO

SECONDA GUERRA MONDIALE LA GUERRA LAMPO SECONDA GUERRA MONDIALE ITALIA Patto tra Germania e URSS (Molotov Ribbentropp) Agosto 1939 L URSS, secondo il Patto, invade la Polonia da Est, i Paesi Baltici e la Finlandia L URSS si annette i Paesi baltici

Dettagli

INDICE L AVVENTO DI HITLER IN GERMANIA

INDICE L AVVENTO DI HITLER IN GERMANIA INDICE L AVVENTO DI HITLER IN GERMANIA LA GUERRA DI SPAGNA LA SITUAZIONE DELL EUROPA PRIMA DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE IL PATTO D ACCIAIO L EUROPA SOTTO IL DOMINIO NAZISTA L INVASIONE DELLA FRANCIA L

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale La Germania Era l'ultima tra le potenze arrivate Per poter conquistare e mantenere le proprie colonie, potenzia l'esercito e la flotta più delle altre nazioni europee, che non

Dettagli

La repubblica di Weimar

La repubblica di Weimar Hitler e il nazismo La repubblica di Weimar Mentre gli eserciti degli imperi centrali stavano perdendo la guerra, in Germania vi fu una rivoluzione che portò nel novembre 1918 al crollo dell impero (il

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa Anno Scolastico 2013/2014 5^A Liceo Scientifico Tecnologico PROGRAMMA DI STORIA L Europa e il mondo di inizio 900: Guerre prima della guerra (Inglesi, Boeri, Russi e Giapponesi) La crisi marocchina Il

Dettagli

1939 1939 15 marzo Hitler invade la Cecoslovacchia Boemia e Moravia protettorato

1939 1939 15 marzo Hitler invade la Cecoslovacchia Boemia e Moravia protettorato Verso la guerra Ottobre 1935 maggio 1936 l'italia occupa l'etiopia 1936 7 marzo Hitler invade la Renania (Vittorio Emanuele III, re d'italia e imperatore di Etiopia) 24 ottobre 1936 Sanzioni Mussolini

Dettagli

1936:partecipazione alla guerra civile spagnola

1936:partecipazione alla guerra civile spagnola LA VIGILIA LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1936:partecipazione alla guerra civile spagnola 1937: ASSE ROMA-BERLINO 1938: annessione dell'austria occupazione dei Sudeti (Cecoslovacchia) e Patto di Monaco LA

Dettagli

II Guerra Mondiale CRONOLOGIA militare

II Guerra Mondiale CRONOLOGIA militare II Guerra Mondiale CRONOLOGIA militare 1931-1939 Gli eventi anticipatori 18 Settembre 1931 Il Giappone invade la Manciuria. Luglio 1936 La guerra civile spagnola (luglio 1936 - aprile 1939) 2 Ottobre 1935

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo:

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo: 01 Perchè si ha il ascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra Nel dopoguerra (alla fine della prima Guerra Mondiale, che si chiama anche Grande Guerra) l Italia si trova in una situazione difficile. In

Dettagli

Nella Germania in crisi Adolf Hitler, ispirandosi a Mussolini, prende il potere e

Nella Germania in crisi Adolf Hitler, ispirandosi a Mussolini, prende il potere e Capitolo 4: 1933-1945 La seconda guerra mondiale, la Resistenza, la Liberazione Nella Germania in crisi Adolf Hitler, ispirandosi a Mussolini, prende il potere e impone il nazismo, rafforzando in Europa

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale 1938 Marzo: Annessione dell Austria Settembre: Conferenza di Monaco: cessione dei Sudeti a Hitler (Hitler, Daladier, Chamberlin, Mussolini: la pace è salva! Politica di appeasement)

Dettagli

La Grande guerra. L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss

La Grande guerra. L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss La Grande guerra L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss Le cause della guerra Fattori internazionali: Conflitto economico e coloniale tra Germania

Dettagli

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore La Prima guerra mondiale Lezioni d'autore Carta dell Europa al 1914, da www.silab.it/storia L Europa del secondo Ottocento Periodo di pace, dalla guerra franco-tedesca del 1870 alla guerra 1914-1918. Modifiche

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Premessa: Le nazioni europee più forti Vogliono imporsi sulle altre Rafforzano il proprio esercito Conquistano le ultime zone rimaste libere in Africa e Asia (colonie) Si creano

Dettagli

L aggressione nazifascista all Europa

L aggressione nazifascista all Europa L aggressione nazifascista all Europa Carta Il fascismo in Europa Germania e Italia non sono un eccezione: tra gli anni 20 e 30 molti paesi europei conoscono governi autoritari: Austria (Dolfuss), Ungheria

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici La voce de "Gli Amici" Testo più grande Cerca domenica 2 maggio 2004 Home page News Newsletter Disabili mentali: amici senza limiti Handicap e Vangelo Pagina precedente Gli Amici La mostra di pittura Scarica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

Seconda guerra mondiale fronte Europeo

Seconda guerra mondiale fronte Europeo Seconda guerra mondiale fronte Europeo 1 settembre 1939 i tedeschi entrano in Polonia 3 settembre Inghilterra e Francia dichiarando guerra alla Germania scoppia ufficialmente la seconda guerra mondiale

Dettagli

Nazismo Repubblica di Weimar Hindenburg 1929 Partito Nazionalsocialista 1923 Mein Kampf pangermanesimo Reich millenario

Nazismo Repubblica di Weimar Hindenburg 1929 Partito Nazionalsocialista 1923 Mein Kampf pangermanesimo Reich millenario Dopo la sconfitta della Prima guerra mondiale, nel 1918 in Germania viene proclamata la Repubblica di Weimar. La Germania è condannata a pagare ingenti danni di guerra ai vincitori e per questo la situazione

Dettagli

Docente Rosanna Amadio

Docente Rosanna Amadio LICEO SCIENTIFICO STATALE NOMENTANO a.s. 2014-2015 Docente Rosanna Amadio PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA Classe 5 H UNIFICAZIONE DELLA GERMANIA E CROLLO DEL SECONDO IMPERO Declino del secondo Impero Verso

Dettagli

Liceo. T. L. Caro - Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante:Guastella Egizia

Liceo. T. L. Caro - Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante:Guastella Egizia Liceo. T. L. Caro - Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe V F Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE

L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE 1 L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE capitolo 1 Le origini della società di massa 1. Redditi e consumi 4 2. Divertimenti di massa 9 3. Amore, famiglia e sessualità 12 4. Scienze mediche e misoginia 15 PASSATO

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

La rivoluzione russa: le cause ( 1905)

La rivoluzione russa: le cause ( 1905) La rivoluzione russa: le cause ( 1905) assolutismo politica populismo Rivoluzione contadina 85% della popolazione contadini, ex servi della gleba sociale Arretratezza Malcontento e disagi per a guerra

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA SVOLTO VD. Conoscenze, abilità e competenze

SCHEDA PROGRAMMA SVOLTO VD. Conoscenze, abilità e competenze Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale A differenza della prima guerra mondiale, nella seconda guerra mondiale sono ben chiare le responsabilità. Queste ricadono in tutto nella Germania nazista e nella sua volontà

Dettagli

Le donne e il diritto di voto

Le donne e il diritto di voto Le donne e il diritto di voto «La donna nasce libera e ha gli stessi diritti dell uomo. L esercizio dei diritti naturali della donna non ha altri limiti se non la perpetua tirannia che le oppone l uomo.

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

1920 Hitler è a capo del Partito nazista (Partito nazionalsocialista tedesco dei lavoratori)

1920 Hitler è a capo del Partito nazista (Partito nazionalsocialista tedesco dei lavoratori) VERSO IL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 1919 1933 La repubblica di Weimar in Germania 1920 Hitler è a capo del Partito nazista (Partito nazionalsocialista tedesco dei lavoratori) ottobre 1923 Putsch di Hitler

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA 70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA A Ravenna, dal 7 al 21 novembre 2014, si è tenuta la mostra «AL TABÁCHI» per descrivere il ruolo delle donne durante la Seconda Guerra Mondiale e in particolare

Dettagli

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU)

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Marcello Flores Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava la Dichiarazione Universale dei Diritti

Dettagli

Risorgimento e Unità d'italia

Risorgimento e Unità d'italia Risorgimento e Unità d'italia Il Risorgimento è il periodo in cui i territori italiani ottengono nuovamente l'unità nazionale che l'italia aveva perso con la caduta dell'impero romano. Durante il Risorgimento

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

È morta l architetta Zaha Hadid

È morta l architetta Zaha Hadid È morta l architetta Zaha Hadid Edifici distrutti dai bombardamenti del governo siriano a Damasco, il 10 febbraio 2016. (Bassam Khabieh, Reuters/Contrasto) 11MAR 201618.40 La spartizione della Siria è

Dettagli

Napoleone, la Francia, l l Europa

Napoleone, la Francia, l l Europa L Età napoleonica Napoleone, la Francia, l l Europa Nel 1796 Napoleone intraprese la campagna d d Italia. Tra il 1796 e il 1799 l l Italia passò sotto il dominio francese. Nacquero alcune repubbliche(cisalpina,

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi,

Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi, le bombe su londra Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi, distruzioni, convogli affondati in mare, grandi e piccole nazioni già occupate. Insomma, il massacro

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

Il 1 settembre 1939 la Germania invase la Polonia, costringendola alla resa in meno di tre settimane ( 18 settembre ).

Il 1 settembre 1939 la Germania invase la Polonia, costringendola alla resa in meno di tre settimane ( 18 settembre ). Storia: La Seconda guerra Mondiale Alle fine della prima guerra mondiale, la Germania stava attraversando una grava crisi. I motivi principali erano i seguenti: 1)L orgoglio della Germania era stato calpestato

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

I NONNI FANNO LA STORIA. La seconda guerra mondiale

I NONNI FANNO LA STORIA. La seconda guerra mondiale I NONNI FANNO LA STORIA La seconda guerra mondiale In occasione del 25 aprile, giorno della liberazione dal regime nazifascista, abbiamo intervistato i nostri nonni per conoscere la guerra che loro hanno

Dettagli

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O L Impero Ottomano Massima espansione (1683) L Impero nel 1914 La

Dettagli

Immagina il maggior numero di usi possibile per una graffetta

Immagina il maggior numero di usi possibile per una graffetta Test di creatività Immagina il maggior numero di usi possibile per una graffetta H. Gardner, Cinque chiavi per il futuro, pag. 89 Cinque chiavi per il tuo futuro - Disciplinare -Sintetica -Creativa Forme

Dettagli

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000

Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000 Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000 Il territorio del Vietnam Il Vietnam è uno stato del Sud-est Asiatico. Confina a nord con la Cina, a Ovest con il Laos e la Cambogia, a est e a sud si affaccia

Dettagli

PROGRAMMA D ESAME STORIA E GEOGRAFIA Classe III A

PROGRAMMA D ESAME STORIA E GEOGRAFIA Classe III A Scuola Media Seghetti Figlie del sacro Cuore di Gesù Piazza Cittadella, 10 VERONA PROGRAMMA D ESAME E Classe III A ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Prof.ssa Ruffo Laura DIRITTI UMANI E VIOLAZIONI, LIBERTÀ, FORME

Dettagli

LA COSTITUZIONE ITALIANA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LA COSTITUZIONE ITALIANA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LA COSTITUZIONE ITALIANA (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LO STATUTO ALBERTINO 1848 ll Re Carlo Alberto di Savoia, a seguito di tumulti, concede agli abitanti del Regno di

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

Sessanta anni dalla fine della Seconda guerra

Sessanta anni dalla fine della Seconda guerra 1 Storia Ora la guerra è davvero finita 1 È il 2 settembre del 1945. Alle 9 del mattino a bordo della corazzata americana Missouri, alla fonda nella baia di Tokyo, il ministro degli esteri giapponese firma

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com LA SECONDA GUERRA DI INDIPENDENZA (1859-1860) Prof.ssa Cristina Galizia Per scacciare gli Austriaci dal suolo italiano, Cavour decise di chiedere aiuto alla Francia, nemica storica dell Austria. Ma come

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1939-1945 La linea del tempo 1939: invasione nazi-sovietica della Polonia 1941: invasione della Russia da parte della Germania. Attacco giapponese a Pearl Harbor ed entrata in

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone LA STORIA DELLA CROCE ROSSA Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Henry Dunant (8 maggio 1828 30 ottobre 1910) 24 giugno1859 BATTAGLIA di SOLFERINO Henry Dunant organizza i soccorsi collaborando con

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

Le trasformazioni degli anni '50 e '60

Le trasformazioni degli anni '50 e '60 Episodio 6 Le trasformazioni degli anni '50 e '60 Momenti di riflessione e Test di verifica Il secondo dopoguerra si apre nel segno di un profondo desiderio di pace e giustizia, evidenziati dalla nascita

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Perché questa lezione? E compito di ogni volontario di Croce Rossa comprendere e diffondere i principi e gli scopi del Diritto Internazionale Umanitario,

Dettagli

II GUERRA MONDIALE P AR T E T E R Z A

II GUERRA MONDIALE P AR T E T E R Z A II GUERRA MONDIALE PARTE TERZA RESISTENZA E LIBERAZIONE DELL ITALIA In Italia dal 1943 al 1945 i partigiani organizzano la Resistenza. Nel frattempo, gli alleati anglo-americani, che erano sbarcati in

Dettagli

2011-2012 - EDITRICE LA SCUOLA

2011-2012 - EDITRICE LA SCUOLA L Impero russo alla fine del XIX secolo Un territorio immenso e multietnico retto da una monarchia assoluta che reprimeva ogni forma di opposizione. Profonda arretratezza nelle campagne: Il 90% della terra

Dettagli

XV. LA SECONDA GUERRA MONDIALE. 1) L instabilità europea

XV. LA SECONDA GUERRA MONDIALE. 1) L instabilità europea XV. LA SECONDA GUERRA MONDIALE 236 1) L instabilità europea La seconda guerra mondiale ha come causa diretta la politica espansionistica hitleriana, culminata nell aggressione alla Polonia del 1 settembre

Dettagli

IL NAZISMO LE PREMESSE:

IL NAZISMO LE PREMESSE: IL NAZISMO LE PREMESSE: Dopo la Guerra la Germania si trovò in una condizione peggiore dell'italia. Le condizioni di Pace avevano cercato di umiliare la Nazione che era ritenuta responsabile della guerra,

Dettagli

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI Il Centro Pastorale C. M. Martini nell Università degli Studi di Milano - Bicocca è lieto di invitare alla presentazione del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo che si terrà venerdì 14 novembre

Dettagli