6. ADSL 6.2 Tecnologia DSL 6.4 Modulazione DMT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "6. ADSL 6.2 Tecnologia DSL 6.4 Modulazione DMT"

Transcript

1 $'6/ 6. ADSL 6.2 Tecnologia DSL 6.4 Modulazione DMT $'6/ La tecnologia ADSL (Asym m etric Digital Subscriber Line ovvero linea digitale asim m etrica di abbonato ) consente la trasm issione dati ad alta velocità utilizzando, com e supporto, la com une linea telefonica basata sul doppino in ram e. Le applicazioni più im portanti sono il collegam ento ad internet ed il video on dem and (servizi video su richiesta). La trasm issione è asim m etrica perché la velocità di ricezione dei dati da parte dell utente è diversa da quella di trasm issione. I n particolare la prim a può variare da 640Kbps a 8Mbps e la seconda da 16 a 640Kbps. È una tecnologia che si è afferm ata, inizialm ente negli U.S.A, alla soglie del 2000 e deve l enorm e successo al basso costo e alla im m ediatezza della installazione poiché non richiede cablaggi aggiuntivi: è sufficiente la linea telefonica già esistente in ogni casa e posto di lavoro. I classici internet provider forniscono connettività ADSL all utente privato con velocità fino a 640 Kbps in ricezione e 256 Kbps in trasm issione. La m assim a velocità raggiungibile, in realtà, dipende dalla capacit à dei server e dallo stato di congestione della rete. A seconda del tipo di contratto stipulato il fornitore del servizio ADSL, oltre alle velocità di punta, può fornire la m inim a velocità garantita in download (ricezione) ed in upload (trasm issione). Per quanto concerne la m odalità di connessione, alcuni contratti tengono conto del tem po di collegam ento, della quantità di dati transitati oppure di un canone fisso m ensile senza lim itazione di tem po e del volum e di dati. Sono altresì possibili form e ibride di contratto. Per le piccole e m edie aziende con reti locali costituite da alcune decine di PC, il provider ADSL offre connettività a velocità di punta m aggiore e, soprattutto, una adeguata velocità m inim a garantita. L apparato attivo di rete è un adattatore ADSL in grado di estrarre i dati digitali in transito sulla linea telefonica e di trasm etterli, attraverso l interfaccia USB o la scheda di rete, al com puter e viceversa. Tale adattatore è, spesso, noto col term ine im proprio di m odem ADSL.

2 &RPSDWLELOLWjGDWLHIRQLDGHOO $'6/ La linea telefonica di un utente ADSL può trasportare sia dati che fonia. Se l utente sta usufruendo della ADSL oppure se l accesso ADSL è perm anente una eventuale telefonata ricevuta o effettuata sarà affetta da disturbi per la presenza della com ponente dati ADSL ad alta frequenza. Per elim inare tali disturbi si inserisce un filtro passa basso per ogni presa telefonica a cui collegare un telefono. Si m ostra in fig.33 il collegam ento delle varie com ponenti per assicurare una corretta connessione ad internet con ADSL ed una trasm issione fonica non disturbata. I filtri possono essere tripolari o RJ11 a seconda della presa telefonica a cui dovranno essere collegati. Ciascun filtro presenta, spesso, due uscite: una va al telefono o all apparecchiatura che intende utilizzare la norm ale linea telefonica tripolare o RJ11, l altra va al m odem ADSL in form ato RJ11. L uscita che va al m odem ADSL non è filtrata. Nell esem pio si suppone di disporre di un solo com puter e di utilizzare un m odem ADSL da collegare direttam ente alla presa telefonica. Se la presa telefonica a cui vogliam o collegare il m odem ADSL è già occupata (in figura è im pegnata dal fax tram ite il filtro) si utilizza l uscita del filtro denom inata ADSL. Le uscite ADSL degli altri due filtri non sono utilizzate. I l collegam ento tra il m odem ADSL e il PC può avvenire attraverso la porta USB o la scheda di rete a seconda dell interfaccia prevista sul m odem. Si m ostra in fig.34 lo schem a di principio di tale filtro. L uscita del filtro da applicare al m odem ADSL non attraversa alcun circuito filtrante: risulta collegato direttam ente alla presa telefonica.

3 " )LJ±6FKHPDGLSULQFLSLRGHOILOWUR$'6/ Se, invece, si intende collegare ad internet, via ADSL, tutti i com puter di una rete locale si dovrà utilizzare un router ADSL piuttosto che un com une adattatore ADSL. I l router, infatti, com e è noto, detiene le funzioni di instradam ento per cui i dati che giungono da I nternet vengono instradati correttam ente sul com puter della rete locale che ne ha fatto richiesta. Gli apparecchi telefonici saranno collegati alla rete m ediante filtri com e visto nel caso precedente. Se il router ha un num ero di porte di uscita alm eno quanti sono i PC, il collegam ento router PC avviene attraverso il classico cavo di rete UTP cat.5 con connettore RJ-45, uno per ogni PC. Se, invece, il router ha un num ero di porte inferiore al num ero dei PC da servire, sarà necessario dotarsi di uno switch a cui collegare sia il router che ciascun PC. Si m ostra in fig.35 lo schem a di principio di un collegam ento ADSL per rete locale con la presenza di un router e di filtri da porre alle prese a cui si intendono collegare gli apparecchi telefonici.! " Se, infine, si ha una struttura che utilizza m olti apparecchi telefonici, piuttosto che utilizzare tanti filtri quanti sono gli apparecchi, si inserisce un particolare filtro, noto col term ine splitter. Lo splitter è necessario soprattutto quando l im pianto telefonico è dotato di centralini o sistem i di antifurto che si appoggiano alla linea telefonica. Lo splitter è costituito da un filtro passa-basso per la fonia ed un filtro passa-banda per i dati ADSL; entram bi i filtri sono sim m etrici per consentire la bidirezionalità della trasm issione vocale e della trasm issione dati senza interferenze. La funzione di passa-banda e non passa-alto perm ette di evitare disturbi ad alta frequenza che possono influenzare il traffico ADSL. Lo splitter è presente nell adattatore ADSL; in tal caso se i filtri sono passivi si ha il vantaggio che, anche in caso di non funzionam ento del m odem, viene garantita la com unicazione telefonica. Lo splitter, dunque, presenta due uscite: l uscita del filtro passa-basso va alle prese telefoniche o al centralino; l uscita del filtro passa-banda è inviata all adattatore ADSL o al router ADSL, a seconda delle esigenze dell utente. I l vantaggio dell uso dello splitter sta nel fatto che non è necessario dissem inare l am biente con tanti filtri. Lo svantaggio consiste nel fatto che lo splitter deve essere installato a m onte di tutte le prese telefoniche e per questo è necessario l intervento di un tecnico del gestore di telefonia. I n fig.36 si illustra il caso di utilizzo di uno splitter supponendo di dover fornire il collegam ento ADSL ad una rete locale e di essere dotati, quindi, di un router ADSL.

4 & # # # # % $ & 7HFQRORJLD'6/ La tecnologia DSL (Digital Subscriber Line) fa la sua com parsa negli anni 80 m a si afferm a con l avvento di I nternet intorno al Fanno parte della DSL le seguenti tecnologie: HDSL SDSL VDSL ADSL +'6/ = Hi bit rate DSL. È una tecnologia DSL che scam bia dati alla velocità costante di 2,048 Mbps in entram be le direzioni. Utilizza un solo doppino telefonico. 6'6/ = Sym m etric DSL. Presenta le stesse caratteristiche della precedente HDSL con la differenza che la velocità di trasferim ento dati in entram be le direzioni è di 768 Kbps. I noltre, e questo è un difetto, la distanza tra l utente ed il centro di com m utazione più vicino non deve superare i 3,3Km. Ciò non rende sem pre utilizzabile tale tecnologia. 9'6/ = Very high speed DSL. È la più recente tecnologia della fam iglia DSL. È asim m etrica e consente di raggiungere velocità da 13 a 52 Mbps in ricezione e da 1,5 a 6 Mbps in trasm issione. Anche per questa tecnologia l aspetto negativo è rappresentato dalla distanza tra l utenza ed il più vicino centro di com m utazione che non deve superare i 1500 m. I l doppino telefonico deve essere ritorto e tra la centrale di com m utazione e la rete telefonica generale il collegam ento deve essere in fibra ottica. 7HFQRORJLD$'6/ Tra le tecnologie DSL, la ADSL è quella che ha avuto più successo. Com e già detto è una tecnologia asim m etrica che, teoricam ente, perm ette di fornire, com e m assim a velocità di ricezione dati, un valore pari a 8 Mbps. I n pratica il fornitore di accessi ADSL garantisce una velocit à m assim a che va da 640 Kbps a 8 Mbps in funzione del contratto che si decide di stipulare. Utilizza il classico doppino telefonico in ram e ed è im plem entabile se la distanza tra l utente e la centrale di com m utazione più vicina è inferiore a 5Km. Per ottenere le elevate velocità di funzionam ento la trasm issione dati ADSL sfrutta bande di frequenza com pletam ente differenti rispetto a quelle

5 utilizzate per la linea telefonica analogica. Grazie a ciò è possibile far coesistere sulla stessa linea sia la telefonata tradizionale effettuata o ricevuta che il traffico di dati. Per evitare di ricevere disturbi dovuti ai segnali di frequenza più elevata della ADSL, è necessario inserire un filtro tra la presa e gli apparecchi telefonici. La fonia copre la banda da 0 a 4KHz m entre l ADSL copre una banda di am piezza m aggiore che dipende dal tipo di abbonam ento sottoscritto dall utente e che inizia dal valore di frequenza di KHz. )LJ±6SHWWURGLIUHTXHQ]DGLXQDOLQHDWHOHIRQLFDFRQ$'6/ I sistem i di m odulazione usati nell ADSL sono due: DMT (Discrete Multi Tone) e CAP (Carrierless Am plitude / Phase Modulation). La m odulazione CAP, sviluppata nei laboratori AT&T, è una variante della QAM che m odula la fase e l am piezza di una portante in 64 m odi diversi. Per m igliorare il rapporto S/ N si utilizza la codifica Trellis e Viterbi. Nel prossim o sottoparagrafo si parlerà della m odulazione DMT. 0RGXOD]LRQH'07 La m odulazione DMT, riconosciuta sia com e standard ANSI (T1.413) che com e standard ETSI, consiste nel suddividere la banda disponibile in un alto num ero di sottocanali di uguale dim ensione. La banda di 1104KHz viene suddivisa in 256 sottocanali ciascuno di am piezza di banda pari a KHz. I prim i 6 sottocanali vengono im piegati per la fonia. I n realtà ogni sottocanale ha un am piezza effettiva di 4KHz. La differenza da KHz viene considerata com e banda di guardia per evitare che i sottocanali possano sovrapporsi, dopo l azione dei filtri non ideali, con inevitabili interferenze che provocherebbero errori di com unicazione. L allocazione spettrale dei sottocanali avviene con la tecnica FDM (Frequency Division Modulation). Nelle norm ali realizzazioni si destinano 32 sottocanali per l upload (dall utente all I SP) e 218 sottocanali per il download (dall I SP all utente). I 32 sottocanali per l upload sono allocati a partire dalla frequenza KHz e term inano alla frequenza KHz. I nfatti l am piezza della banda per l upload vale:

6 = 138KHz Per il teorem a di Shannon, la m assim a velocità in bit al secondo supponendo un rapporto segnale rum ore: S/ N = 35dB, vale: I 218 sottocanali per il download sono allocati a partire dalla frequenza KHz e term inano a 1104KHz. La differenza, pari a KHz si ricava dalla form ula: = KHz Anche in questo caso è possibile calcolare la m assim a velocità in bit al secondo applicando la form ula di Shannon: Ogni sottocanale DMT subisce una m odulazione QAM (Quadrature Am plitude Modulation). Ricapitolando, in un m odem ADSL DMT si hanno 256 sottocanali così suddivisi: 6 per la fonia, 32 per l upload e 218 per il download. Si può pensare che un m odem ADSL sia costituito da 256 m odem in parallelo che m odulano le inform azioni da trasm ettere su 256 diverse frequenze portanti distanti tra di loro di KHz. I l m odem è realizzato in m odo da trasm ettere, per ogni sottocanale, da 2 a 15 bit al periodo in funzione del rapporto S/ N. Più questo è basso m eno è il num ero di bit/ periodo che il m odulatore DMT genera. Questo è il com prom esso che si deve accettare se non si vogliono elevati tassi di errore di trasm issione. Per il trasporto dei dati si utilizzano solo 4KHz dei KHz disponibili per ogni sottocanale e la m assim a velocità di trasferim ento dei dati in un sottocanale vale: 15 4KHz = 60 Kbps. La m assim a velocità di trasm issione teorica dell ADSL è, pertanto: upload: = 1920 Kbps download: = Kbps I lim iti teorici di Shannon che tengono conto del rapporto S/ N esam inati in precedenza sono, in proporzione, lievem ente inferiori a quelli ora calcolati. I m odem ADSL, che possono lavorare alla velocità m assim a di 60Kbps per sottocanale, adattano autom aticam ente la velocit à di funzionam ento ai diversi rapporti S/ N delle varie frequenze della banda ADSL. Nel caso di elevato rum ore all interno di un sottocanale, questo può essere disabilitato dal m odem Trasm ettitori e ricevitori DMT I l trasm ettitore DMT presente nell adattatore ADSL dell utente riceve bit in form a seriale dall interfaccia USB o Ethernet del com puter. I l prim o stadio del trasm ettitore DMT è costituito da un convertitore serie - parallelo che si può assim ilare ad un registro a scorrim ento di tipo SI - PO (Serial I nput - Parallel Output). Seguono 32 blocchi in parallelo ciascuno costituito da un opportuno codificatore che pilota un m odulatore con una propria frequenza del

7 sottocanale. Un circuito som m atore, infine, invia il risultato nella linea telefonica. Grazie alla presenza dello splitter esterno o interno all adattatore ADSL è possibile aggiungere contem poraneam ente anche la banda della fonia. Si m ostra in fig.38 lo schem a a blocchi sem plificato del trasm ettitore DMT che utilizza la tecnica FDM. )LJ±6FKHPDDEORFFKLGHOWUDVPHWWLWRUH'07/HXVFLWHGHLPRGXODWRULGHLYDULVRWWRFDQDOLYHQJRQRWUDORURVRPPDWHHGLQYLDWH QHOODOLQHDWHOHIRQLFD I l ricevitore DMT, presente nell adattatore ADSL dell utente, opera in m odo opposto: contiene tanti dem odulatori quanti sono i sottocanali di download (218) più quelli riservati alla fonia (6): l uscita di ciascun dem odulatore relativo ai sottocanali di download di dati viene decodificata ed inviata in un convertitore parallelo serie (ad esem pio un registro a scorrim ento PI SO) la cui uscita è trasm essa al PC dell utente via interfaccia USB o interfaccia Ethernet. '6/$0 I l DSLAM (DSL Access Multiplexer) è un dispositivo, presente nella centrale di com m utazione, che ha il com pito di gestire gli accessi e di instradare le richieste verso i canali che le possono soddisfare. I n un DSLAM, oltre ai dati diretti ad internet, possono transitare tutte le altre com unicazioni a larga banda. Esso si può pensare costituito da tanti m odem ADSL collegati in parallelo. All interno del DSLAM è presente uno splitter col com pito di suddividere le frequenze dirette alla fonia tradizionale e quelle relative alla trasm issione dati. I l DSLAM si occupa, inoltre, di instradare pacchetti I P verso la rete di tipo ATM (Asyncronous Transfer Mode). ATM rappresenta un protocollo a com m utazione di pacchetto ed orientato alla connessione per la trasm issione dati che fram m enta i dati in pacchetti, chiam ati FHOOH, di lunghezza 53byte di cui 5 di intestazione e 48 di dati veri e propri. I dati ADSL che viaggiano col protocollo PPP (Point to Point Protocol), dovendo transitare nella rete ATM vengono incapsulati nelle celle ATM ottenendo pacchetti denom inati PPPoA ovvero PPP over ATM. Se i dati PPP passano prim a in una rete Ethernet e poi nella rete ATM si realizza un doppio incapsulam ento: il prim o avviene in un pacchetto Ethernet ed il secondo in pacchetto ATM. I n questo caso si parla di PPPoE ovvero PPP over

8 Ethernet. )LJ±$UFKLWHWWXUDWUDLGLYHUVLDWWRULQHOFROOHJDPHQWR$'6/2JQLOLQHDFKHVLDWWHVWDVXO'6/$0SUHVHQWDXQRVSOLWWHUQRQYLVLELOH LQILJXUDODFXLXVFLWDLQIRQLDVLGLULJHYHUVRODUHWHWHOHIRQLFDFRPPXWDWDPHQWUHO XVFLWDGDWLGHOORVSOLWWHUDWWUDYHUVRLO'6/$0VL GLULJHYHUVRODUHWH$70 $OWUHFDUDWWHULVWLFKHGHOO $'6/ Lo standard ANSI T1.413 denota col term ine ATU-R (ADSL Transceiver Unit Rem ote term inal end) l insiem e delle apparecchiature alloggiate presso l utente, cioè l adattatore ADSL e lo splitter, e col term ine ATU-C (ADSL Transceiver Unit Central office end) l adattatore ADSL e lo splitter posti presso la centrale dei servizi telefonici. La banda vocale destinata alla fonia, attraverso lo splitter della centrale, raggiunge il com m utatore PSTN e quindi continua ad essere una trasm issione a FRPPXWD]LRQHGLFLUFXLWR con tutti i problem i relativi alla com m utazione del segnale. I sottocanali ADSL, sia quelli per il download che per l upload, term inano nel DSLAM che rappresenta un nodo di accesso che consente di considerare la trasm issione dati com e una linea dedicata con una data larghezza di banda. Tali segnali, non passando attraverso i com m utatori

9 analogici, evitano problem i di sovraccarico dei centralini di com m utazione. Per questo m otivo si è pensato di trasm ettere fonia con la tecnica ADSL in m odo da ridurre i problem i della com m utazione telefonica. Questa tecnica è nota com e 9RLFH RYHU '6/ (VoDSL) ed è probabile che ben presto tenderà gradualm ente a sostituire la telefonia tradizionale a com m utazione di circuito. I n tal m odo le nostre telefonate saranno realizzate con pacchetti di dati I P, a FRPPXWD]LRQHGLSDFFKHWWR, che cercheranno il percorso più congeniale sulla rete I nternet per raggiungere il destinatario. La conversazione sarà costituita da diversi fram m enti (pacchetti) autonom i (perché contengono tutte le inform azioni per raggiungere il destinatario: indirizzo I P, num ero di sequenza, ecc.) che seguiranno percorsi differenti e raggiungeranno il destinatario secondo la corretta sequenza. Diverso è il discorso del 9LGHR RYHU '6/ (VoDSL). I problem i fondam entali sono la qualit à dell im m agine ed il basso fram e-rate (num ero di im m agini al secondo). La trasm issione video richiede una banda di 5-6Mbps per il trasporto di video com presso nel form ato MPEG-2 di buona qualità. I l lim ite di velocità dell ADSL, com e è noto, è di 8Mbps ed a tutt oggi (2005) nessun I SP fornisce all utenza banda ADSL superiore a 2Mbps. I l video su cavo, pertanto, potrà essere offerto da quelle com pagnie telem atiche aventi centrali proprie in fibra ottica che si avvalgono di tecniche trasm issive più veloci. La m assim a velocità dell ADSL dipende da una serie di fattori; i più im portanti sono il tipo di cavo in ram e utilizzato, la distanza tra i m odem ed il tipo di m odulazione. Nella seguente tabella 7 si m ostra la m assim a velocit à di trasm issione dell ADSL in funzione della distanza tra il m odem utente e quello in centrale per due tipi di cavo in ram e: 24 AWG e 26 AWG. 7DE $:*.P $:*.P YHORFLWjGL YHORFLWjGL GRZQORDG0ESV XSORDG.ESV ADSL 6.2 Tecnologia DSL 6.4 Modulazione DMT a cura del prof. Giuseppe Spalierno, docent e di Elet t ronica - ultim a versione febbraio 2005

10

Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE

Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza

Dettagli

DHCP e ISP. DHCP e ISP. DHCP e server. DHCP e server DSL. Soluzioni. Digital Subscriber Line. Regola di dimensionamento

DHCP e ISP. DHCP e ISP. DHCP e server. DHCP e server DSL. Soluzioni. Digital Subscriber Line. Regola di dimensionamento DHCP Dynamic Host Configuration Protocol 09CDUdc Reti di Calcolatori DHCP! RFC 2131, 2132! Protocollo client/server per configurare dinamicamente gli host di una rete! Permette l allocazione automatica

Dettagli

xdsl Generalità xdsl fa riferimento a tutti i tipi di Digital Subscriber Line

xdsl Generalità xdsl fa riferimento a tutti i tipi di Digital Subscriber Line xdsl Generalità xdsl fa riferimento a tutti i tipi di Digital Subscriber Line ADSL: asymmetric DSL SDSL: symmetric DSL HDSL: High-data-rate DSL VDSL: Very high DSL E una tecnologia utilizzata per fornire

Dettagli

7. Protocolli di trasm issione 7.2.1. Protocollo sincrono BSC 7.2.2. Protocollo sincrono HDLC

7. Protocolli di trasm issione 7.2.1. Protocollo sincrono BSC 7.2.2. Protocollo sincrono HDLC 3URWRFROOLGLWUDVPLVVLRQH 7. Protocolli di trasm issione 7.2.1. Protocollo sincrono BSC 3URWRFROOLGLWUDVPLVVLRQH Fissate le interfacce elettrica e m eccanica, ad esem pio la RS-232 o la USB, ed il canale

Dettagli

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE L acronimo xdsl indica una famiglia di sistemi che consente di impiegare il doppino telefonico in rame per trasportare il traffico numerico

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl

Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Aspetti generali della tecnologia xdsl Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl Il DSLAM 10.2 Genericamente le tecnologie

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 3 Giovedì 12-03-2015 Reti a commutazione di pacchetto datagram Le reti a commutazione

Dettagli

ADSL (ASYMMETRIC DIGITAL SUBSCRIBER LINE) Prof. Ing. Maurizio Casoni

ADSL (ASYMMETRIC DIGITAL SUBSCRIBER LINE) Prof. Ing. Maurizio Casoni ADSL (ASYMMETRIC DIGITAL SUBSCRIBER LINE) Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia GENERALITÀ Soluzione proposta per la realizzazione

Dettagli

Università Cà Foscari di Venezia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. Corso: Reti di calcolatori. Tecnologia ADSL

Università Cà Foscari di Venezia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. Corso: Reti di calcolatori. Tecnologia ADSL Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso: Reti di calcolatori Autore: Meggiato Alberto Matricola: 817987 a.a 2010/2011 23 novembre 2010 2 di 21 Indice 1 La 5 1.1 Introduzione....................................

Dettagli

DigitalSubscriberLine(DSL)

DigitalSubscriberLine(DSL) DigitalSubscriberLine(DSL) 1 La famiglia di tecnologie, nota come DSL (DigitalSubscriberLine), è stata introdotta allo scopo di aumentare il ritmo binario sulle ordinarie linee d utente fino a valori dell

Dettagli

Accesso a larga banda. Accesso a larga banda (xdsl)

Accesso a larga banda. Accesso a larga banda (xdsl) Accesso a larga banda (xdsl) Accesso a larga banda (xdsl) xdsl = diverse tecniche di trasmissione numerica su doppino telefonico DSL = Digital Subscriber Line (Linea d Utente Numerica) Un sistema xdsl

Dettagli

Internet. Presentato da N. Her(d)man & Picci. Fabrizia Scorzoni. Illustrazioni di Valentina Bandera

Internet. Presentato da N. Her(d)man & Picci. Fabrizia Scorzoni. Illustrazioni di Valentina Bandera Internet Presentato da N. Her(d)man & Picci Fabrizia Scorzoni Illustrazioni di Valentina Bandera Titolo: Internet Autore: Fabrizia Scorzoni Illustrazioni: Valentina Bandera Self-publishing Prima edizione

Dettagli

Modem analogici. Modem Rete Modem

Modem analogici. Modem Rete Modem xdsl Modem analogici Linea telefonica Linea telefonica Modem Rete Modem Il canale telefonico ha una banda di circa 3,3 KHz ( tra 300 Hz e 3.400 Hz). I modem utilizzano tale banda per trasmettere i dati

Dettagli

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica ISDN ADSL RAS Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto ATM Reti wireless

Dettagli

TECNOLOGIA DSL 56 Kb al secondo 128 Kb

TECNOLOGIA DSL 56 Kb al secondo 128 Kb TECNOLOGIA DSL 1 TECNOLOGIA DSL Internet è ormai divenuto strumento di comunicazione essenziale sia a livello residenziale che aziendale. La diffusione di massa che ne ha caratterizzato l evoluzione ha

Dettagli

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Lettere e Filosofia La telematica Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica Marco Lazzari A.A. 2005-2006 Telematica: telecomunicazioni

Dettagli

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing Multiplexing I semestre 02/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Multiplexing In genere un utente non riesce ad utilizzare tutta la banda messa a disposizione

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

Cosa significano xdsl e ADSL? cavo coassiale

Cosa significano xdsl e ADSL? cavo coassiale 1 di 8 15/09/2009 22.47 Oggetto: divertiti Da: "nrgimpiantitecnici" Data: Fri, 11 Sep 2009 20:20:05 +0200 A: "mirko potter" Cosa significano xdsl e ADSL? Il

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Unbundling e xdsl. Mario Baldi

Unbundling e xdsl. Mario Baldi Unbundling e xdsl Mario Baldi Politecnico di Torino Dipartimento di Automatica e Informatica mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze

Dettagli

RETI DI TELECOMUNICAZIONI

RETI DI TELECOMUNICAZIONI Corso di Studi in Ing. delle Telecomunicazioni LAUREA in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI RETI DI TELECOMUNICAZIONI Stefano Giordano Lezione n.17n Reti a collegamento diretto: soluzioni xdsl,, HFC, FTTB

Dettagli

La tecnologia ADSL. Cos è l ADSL

La tecnologia ADSL. Cos è l ADSL La tecnologia ADSL ADSL (Asymmetric Digital Subscriber Line) è una sigla che letteralmente significa linea di abbonamento digitale asimmetrica. Rappresenta ormai una realtà negli Stati Uniti per la connettività

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni. Livello Fisico

Reti di Telecomunicazioni. Livello Fisico Reti di Telecomunicazioni Livello Fisico Autori Queste slides sono state scritte da MicheleMichelotto michele.michelotto@pd.infn.it che ne detiene i diritti a tutti gli effetti 2 Copyright Notice Queste

Dettagli

Fondamenti di reti WAN

Fondamenti di reti WAN Indice generale Fondamenti di reti WAN...... Definizione:... Fondamenti di reti WAN Il termine Public Switched Telephone Network (PSTN) è riferito al servizio offerto dalla ditta telefonica per connettere

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Sistemi operativi di rete (locale) In una LAN si vogliono condividere

Dettagli

MICHELANGELO USB MODEM ADSL. Manuale Operativo rev. 1.0 del 04/2000. Supporto ADSL full rate 8 Mbit/s Supporto ADSL G.Lite 1.

MICHELANGELO USB MODEM ADSL. Manuale Operativo rev. 1.0 del 04/2000. Supporto ADSL full rate 8 Mbit/s Supporto ADSL G.Lite 1. MODEM ADSL Modem ADSL USB Velocità dati asimmetrica Supporto ADSL full rate 8 Mbit/s Supporto ADSL G.Lite 1.5 Mbit/s Manuale Operativo rev. 1.0 del 04/2000 http://www.digicom.it PMICHELANGELO USB Indice

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Tecnologia ADSL. Che cos è l ADSL. Origini: ADSL e xdsl. Percorsi di informatica

Tecnologia ADSL. Che cos è l ADSL. Origini: ADSL e xdsl. Percorsi di informatica Che cos è l ADSL Tecnologia ADSL ADSL è l'acronimo di Asymmetric Digital Subscriber Line. È una vera e propria rivoluzione per la connessione di aziende e privati al Web, impensabile fino a qualche tempo

Dettagli

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Cenni sulle principali tecnologie di rete IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Oltre la LAN Perché uscire? connessione di più edifici geograficamente lontani della stessa società connessione

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Tecniche di trasmissione!2 Ogni rete di calcolatori necessita di un supporto fisico di collegamento

Dettagli

Connettività in Italia

Connettività in Italia Connettività in Italia Tipologie di connettività per clienti business e consumer Dott. Emiliano Bruni Tipologie di connettività PSTN ISDN CDA CDN Frame Relay ADSL HDSL Satellite Wireless Punto-punto Wireless

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 4: Tecnologie xdsl Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/39 Tecnologie xdsl di nuova generazione Le tecniche

Dettagli

MICHELANGELO PCI ADSL MODEM. Manuale Operativo rev. 1.0 del 03/2000. Modem ADSL per Bus PCI Velocità dati asimmetrica

MICHELANGELO PCI ADSL MODEM. Manuale Operativo rev. 1.0 del 03/2000. Modem ADSL per Bus PCI Velocità dati asimmetrica ADSL MODEM Modem ADSL per Bus PCI Velocità dati asimmetrica Supporto ADSL full rate 8 Mbit/s Supporto ADSL G.Lite 1.5 Mbit/s Manuale Operativo rev. 1.0 del 03/2000 http://www.digicom.it PMICHELANGELO

Dettagli

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz)

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz) LA MODULAZIONE DMT Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda (up to 1104 KHz) Consente di suddividere la banda di trasmissione in un determinato numero di sottobande (BINS) a ciascuna

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Reti e Internet LAN (local-area network) WAN (wide-area network) NIC (Network Interface Card)

Reti e Internet LAN (local-area network) WAN (wide-area network) NIC (Network Interface Card) Reti e Internet Il termine LAN (local-area network) definisce una tipologia di rete, o di parte di una rete, in cui i vari dispositivi che ne fanno parte sono tutti dislocati nell'ambito dello stesso edificio

Dettagli

2) individui il numero "n" di bit necessari per ottenere un rapporto S/N di almeno 20 db per i livelli più bassi della dinamica;

2) individui il numero n di bit necessari per ottenere un rapporto S/N di almeno 20 db per i livelli più bassi della dinamica; ESAME DI STATO Istituto Tecnico Industriale Anno 2004 Indirizzo ELETTRONICI Tema di TELECOMUNICAZIONI TRACCIA N. 1 Si vuole realizzare un sistema che permetta di strutturare 20 canali informativi analogici

Dettagli

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Dott. Antonio Calanducci Lezione III: Reti di calcolatori Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Anno accademico 2009/2010 Reti di calcolatori Una rete

Dettagli

La Core Network. Domanda fondamentale: come vengono trasferiti i dati attraverso la rete? Maglia di router interconnessi

La Core Network. Domanda fondamentale: come vengono trasferiti i dati attraverso la rete? Maglia di router interconnessi La Core Network Maglia di router interconnessi Domanda fondamentale: come vengono trasferiti i dati attraverso la rete? o Commutazione di pacchetto: i dati sono spediti attraverso la rete in quantità discrete

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Le Tecnologie di Accesso. VI WORKSHOP del GARR

Le Tecnologie di Accesso. VI WORKSHOP del GARR Le Tecnologie di Accesso Fabrizio Ferri/Valentino Carcione VI WORKSHOP del GARR Roma 18 Novembre 2005 PREMESSA Esigenza di valutare nuove tecnologie di accesso per soddisfare la nuova tipologia di utenti

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina Crescita di Internet Ogni computer connesso ad Internet viene univocamente identificato dal proprio IP address: stringa di 32 bit costituita dall indirizzo della rete (net-id), e dall indirizzo del computer

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 3 Martedì 11-03-2014 1 Accesso alla rete Gli host possono connettersi

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

Guida all installazione per VDSL

Guida all installazione per VDSL Sommario 1 Introduzione... 2 2 Aree di connessione... 3 2.1 Qualità dei cavi... 4 3 Trasformazioni... 4 3.1 Zona salita e area di connessione... 4 3.2 Installazione BB internet (DSL)... 4 4 Legenda abbreviazioni...

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

Rete LAN ed Ethernet. Tipi di reti Ethernet

Rete LAN ed Ethernet. Tipi di reti Ethernet Rete LAN ed Ethernet Cavo a doppino incrociato che include quattro coppie di cavi incrociati, in genere collegati a una spina RJ-45 all estremità. Una rete locale (LAN, Local Area Network) è un gruppo

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 4: Tecnologie xdsl Universita Politecnica delle Marche A.A. 2014-2015 A.A. 2014-2015 Sistemi di Telecomunicazione 1/42 Dall accesso POTS alla banda larga su doppino A.A.

Dettagli

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Il problema 2 Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Prof. Roberto De Prisco TEORIA - Lezione 4 Multiplexing Un singolo utente (del canale) potrebbe non utilizzare tutta la capacità Lasciare l

Dettagli

2SXVFRORGL,QIRUPD]LRQHSHUL /DYRUDWRULHG$OXQQL GHOOD6FXROD

2SXVFRORGL,QIRUPD]LRQHSHUL /DYRUDWRULHG$OXQQL GHOOD6FXROD Scheda Informativa 2SXVFRORGL,QIRUPD]LRQHSHUL /DYRUDWRULHG$OXQQL GHOOD6FXROD RSPP Nicola BARILE 5HJROHIRQGDPHQWDOLJHQHUDOLGLUDGLRSURWH]LRQH Rispettare le indicazioni riportate sulla segnaletica affissa.

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Il problema 04.2 Utilizzo efficiente del canale di comunicazione -04: Multiplexing Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco Un singolo utente (del canale) potrebbe non utilizzare tutta la capacità Lasciare

Dettagli

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco -04: Multiplexing Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Il problema 04.2 Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Un singolo utente

Dettagli

Indirizzi in Internet

Indirizzi in Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Scaricatori di sovratensioni. Telecomunicazioni e linee dati

Scaricatori di sovratensioni. Telecomunicazioni e linee dati Scaricatori di sovratensioni Telecomunicazioni e linee dati Guida alla scelta Protezione di reti telefoniche PSTN (Public Switched Telephone Network) e xdsl (Digital Subscriber Line) PSTN è una rete telefonica

Dettagli

Reti di accesso e mezzi trasmissivi

Reti di accesso e mezzi trasmissivi Reti di accesso e mezzi trasmissivi Domanda: come si connettono gli host agli edge router? Reti di accesso residenziale (da casa) Reti di accesso istituzionali (scuole, università, aziende) Reti di accesso

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

Sistemi xdsl per l accesso ad alta velocità su coppie simmetriche in rame

Sistemi xdsl per l accesso ad alta velocità su coppie simmetriche in rame xdsl Sistemi xdsl per l accesso ad alta velocità su coppie simmetriche in rame LORENZO MAGNONE LAMBERTO PETRINI La trasmissione numerica su coppie simmetriche in rame costituisce uno dei principali elementi

Dettagli

VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network.

VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network. VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network. La trasmissione di voce in tempo reale su di una rete IP (Internet Protocol), conosciuta anche come Voice over IP

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Velocità su una linea ADSL

Velocità su una linea ADSL Cosa è l ADSL? ADSL (Asymmetric Digital Subscriber Line) è una tecnologia per la trasmissione digitale di informazioni ad alta velocità sulle linee telefoniche esistenti (in Italia monopolio di Telecom

Dettagli

INTRODUZIONE. La prima cosa che qualcuno mi risponde è quasi sempre: "sicuramente usi Skype, ne ho già sentito parlare".

INTRODUZIONE. La prima cosa che qualcuno mi risponde è quasi sempre: sicuramente usi Skype, ne ho già sentito parlare. INTRODUZIONE Ho iniziato ad usare il VoIP l anno scorso e, con il passare del tempo, mi sono reso conto che con tale tecnologia si può realmente risparmiare sui costi telefonici da rete fissa (e non solo!).

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Eliminato la pre call di contatto - il corriere consegnerà l apparato all indirizzo di spedizione indicato sul contratto.

Eliminato la pre call di contatto - il corriere consegnerà l apparato all indirizzo di spedizione indicato sul contratto. Focus ADSL Ripartiamo.. Principali cause dello stop alle vendite 1. Passaggio al nuovo CRM 2 di Telecom Italia 2. Elevata % di contratti a recupero documentale Perché ripartiamo 1. Stabilità del CRM 2

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Verifica scritta di Sistemi e Reti Classe 5Di 26.11.2015

Verifica scritta di Sistemi e Reti Classe 5Di 26.11.2015 Verifica scritta di Sistemi e Reti Classe 5Di 26.11.2015 Una azienda specializzata nella fornitura di servizi Internet quali hosting, housing, email, file server, in pratica un ISP (Internet Service Provider)

Dettagli

Introduzione a Internet

Introduzione a Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Evoluzione dei sistemi informatici

Evoluzione dei sistemi informatici Evoluzione dei sistemi informatici Cos è una rete? Insieme di calcolatori autonomi tra loro collegati mediante una rete di comunicazione Gli utenti sono in grado di interagire in modo esplicito con la

Dettagli

C e n t r o d i F o r m a z i o n e S t u d i

C e n t r o d i F o r m a z i o n e S t u d i C e n t r o d i F o r m a z i o n e S t u d i /$9252$8721202,QWURGX]LRQH Ogni anno il governo em ana uno o più decreti, denom inati decreti flussi, con i quali sono fissate le quote m assim e di cittadini

Dettagli

Componenti della rete

Componenti della rete Componenti della rete Nodi, Link e adattatori di rete (NIC) Modulazione e Multiplexing Tipologia di cavi - wireless Correzione d errore - rete affidabile Ethernet - reti ad anello - reti wireless - reti

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Caratteristiche dei cavi a coppie simmetriche (seconda parte) Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/22 Il doppino

Dettagli

CONEXANT PRESENTA IL PRIMO CHIPSET ADSL OTTALE DOTATO DI FRONT END ANALOGICO MONOCHIP E LINE DRIVER A BASSO CONSUMO

CONEXANT PRESENTA IL PRIMO CHIPSET ADSL OTTALE DOTATO DI FRONT END ANALOGICO MONOCHIP E LINE DRIVER A BASSO CONSUMO CONEXANT PRESENTA IL PRIMO CHIPSET ADSL OTTALE DOTATO DI FRONT END ANALOGICO MONOCHIP E LINE DRIVER A BASSO CONSUMO Il chipset riduce il costo totale del sistema e semplifica il design della scheda, mentre

Dettagli

Modulazione CAP (Carrierless Amplitude/Phase modulation).

Modulazione CAP (Carrierless Amplitude/Phase modulation). Sistemi xdsl Pag 1 Schema a blocchi generale del sistema ADSL Lato centrale Lato utente Downstream DTE Servers Network ATU-C LOOP PLANT ATU-R Customer Interace Modules Upstream Linea ADSL Collegamento

Dettagli

M286 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI CORSO DI ORDINAMENTO. Tema di: TELECOMUNICAZIONI

M286 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI CORSO DI ORDINAMENTO. Tema di: TELECOMUNICAZIONI M286 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI CORSO DI ORDINAMENTO Tema di: TELECOMUNICAZIONI Traccia n 2 Sessione ordinaria 2000 Seconda prova scritta

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Tecnologie per reti geografiche e protocolli di linea

Tecnologie per reti geografiche e protocolli di linea Tecnologie per reti geografiche e protocolli di linea Silvano Gai Pietro Nicoletti WAN-4-1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides)

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

Modulo 8 - Reti di reti

Modulo 8 - Reti di reti Modulo 8 - Reti di reti Modulo 8 - Reti di reti Nelle precedenti lezioni abbiamo parlato dei tipi elementari di topologia di rete: a bus, ad anello, a stella. Si è detto anche che le reti vengono tradizionalmente

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Rete di accesso. Reti di accesso

Rete di accesso. Reti di accesso Rete di accesso Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Reti di accesso Per arrivare all utenza residenziale ( ultimo miglio ), l

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Aze, e ale Mere@, a4e@- Zna@@ Pag. 2/3 No 115652/04 Sessione ordinaria 2004 Seconda prova scritta 19624.2.1/1 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca YABC - ESAME DI STATO DI ISTITUTO

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli)

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Tema n 1 Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche

Dettagli

I COMPONENTI DI UNA RETE

I COMPONENTI DI UNA RETE I COMPONENTI DI UNA RETE LE SCHEDE DI RETE (O INTERFACCE 'NIC') Tutti I PC, per poterli utilizzare in rete, devono essere dotati di schede di rete (NIC). Alcuni PC sono dotati di NIC preinstallate. Nello

Dettagli

Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia

Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia Amaro, venerdì 10 aprile 2015 David Licursi Direttore Divisione Telecomunicazioni INDICE TECNOLOGIE PER LA BANDA LARGA LA BANDA LARGA SUL TERRITORIO

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010 1 8: Strato fisico: campionamento, multiplexing FDM e TDM Dati analogici, segnali numerici 2 Per poter trasmettere un dato analogico con una trasmissione digitale è necessario trasformare il dato analogico

Dettagli

Livello Fisico rappresentazione dell informazione

Livello Fisico rappresentazione dell informazione Reti di calcolatori mezzi trasmissivi Prof.ssa Simonetta Balsamo Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari di Venezia balsamo@dsi.unive.it http://www.dsi.unive.it/~reti Livello fisico L'informazione

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

Reti di calcolatori. Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia. Livello Fisico

Reti di calcolatori. Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia. Livello Fisico Reti di calcolatori Livello fisico Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia R3.1 mezzi trasmissivi L'informazione viene trasmessa a distanza variando una caratteristica fisica del mezzo scelto

Dettagli