Allegato 1 - ANALISI DEL RISCHIO CAAR SPA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato 1 - ANALISI DEL RISCHIO CAAR SPA"

Transcript

1 Indici di valutazione della PROBBILIT' llegato 1 - NLISI DEL RISCHIO CR SP TBELL DI VLUTZIONE DEL RISCHIO (LLEGTO PN) Indici di valutazione dell'imptto Discrezionalità Impatto organizzativo Il processo è discrezionale? Rispetto al totale del personale impiegato nel singolo servizio (unità organizzativa semplice) competente a svolgere il processo (o la fase di No, è del tutto vincolato 1 processo), quale percentuale di personale è impiegata nel processo? E' parzialmente vincolato dalla legge e da atti amministrativi (regolamenti, direttive, ecc.) 2 Fino a circa il 20% 1 E' parzialmente vincolato solo dalla legge 3 Fino a circa il 40% 2 E' parzialmente vincolato solo da atti amministrativi Fino a circa il 60% 3 (regolamenti, direttive, circolari, ecc.) 4 Fino a circa l'80% 4 E' altamente discrezionale Fino a circa il 100% DT 1/01/2016 REV. 00 Rilevanza esterna Impatto economico Il processo produce effetti diretti all'esterno dell'azienda? Nel corso degli ultimi anni sono state pronunciate sentenze a carico di dipendenti (dirigenti e dipendenti dell'azienda) per la medesima No, ha come destinatario finale un ufficio interno 2 tipologia di evento o per tipologie analoghe? Sì, il risultato del processo è rivolto direttamente a soggetti esterni all'azienda No 1 Sì Complessità del processo Impatto reputazionale Si tratta di un processo complesso che comporta il coinvolgimento di Nel corso degli ultimi anni sono stati pubblicati su giornali o riviste più uffici/professionisti (ad eccezione dei controlli) in fasi successive articoli aventi ad oggetto il medesimo evento o eventi analoghi? per il conseguimento del risultato? No 0 No, il processo coinvolge un solo ufficio 1 Il fatto non è noto 1 Sì, il processo coinvolge da 1 a 3 uffici 3 Sì, sulla stampa locale 2 Sì, il processo coinvolge più di 3 uffici Sì, sulla stampa nazionale 3 Sì, sulla stampa locale e nazionale 4 Sì, sulla stampa locale, nazionale e internazionale Valore economico Impatto organizzativo, economico e sull'immagine Qual è l'impatto economico del processo? quale livello può collocarsi il dell'evento (livello apicale, livello intermedio o livello basso) ovvero la posizione/il ruolo che l'eventuale Ha rilevanza esclusivamente interna 1 soggetto riveste nell'organizzazione è elevata, media o bassa? Comporta l'attribuzione di vantaggi a soggetti esterni, ma di non particolare rilievo economico (es. concessione livello di addetto 2 di borsa di studio per studenti) 3 livello di collaboratore 3 Comporta l'attribuzione di considerevoli vantaggi a livello di dirigente ovvero di posizione apicale 4 soggetti esterni (es. affidamento di appalto) livello di mministrazione societaria Frazionabilità del processo Il risultato finale del processo può essere raggiunto anche effettuando una pluralità di operazioni di entità economica ridotta che, considerate complessivamente, alla fine assicurino lo stesso risultato (es. pluralità di affidamenti ridotti)? No 1 Sì Il tipo di controllo applicato sul processo è adeguato a neutralizzare il? Sì, è un efficace strumento di neutralizzazione 1 Sì, è molto efficace 2 Sì, per una percentuale approssimativa del 0% 3 Sì, ma in minima parte 4 No, il rimane indifferente Valore medio della probabilità: 1 = improbabile; 2 = poco probabile; 3 = probabile; 4 = molto probabile; = altamente probabile. Valore medio dell'impatto: 1 = marginale; 2 = minore; 3 = soglia; 4 = serio; = superiore. Probabilità VLUTZIONE RISCHIO: PROBBILIT' (media) x IMPTTO (media) ltamente probabile () Ponderazione dei rischi: Molto probabile (4) Da 1 a : RISCHIO BSSO Probabile (3) Da 6 a 10: RISCHIO MEDIO-BSSO Poco probabile (2) Da 11 a 1: RISCHIO MEDIO-LTO Improbabile (1) Da 16 a 2: RISCHIO LTO Marginale (1) Minore (2) Soglia (3) Impatto Serio (4) Superiore ()

2 rea a Rischio cquisizione e progressione del personale Identificazione del (llegato 2 PN) Processi e ttività a Discrezionalità Rilevanza esterna Complessità Valore economico Frazionabilità Organizzativo Economico Reputazionale Reclutamento: - Definizione posizioni da ricercare - Individuazione requisiti di accesso - Regolamento per il - Cd requisiti dei candidati,6 reclutamento di - P.. (L. 133/2008) - Processo di selezione dei candidati personale Progressioni di carriera: - ttribuzione di aumenti di stipendio - Regolamento per il - Cd ttribuzione nuove mansioni e 4,6 reclutamento di - P.. (L. 133/2008) progressioni di carriera personale 2 M Conferimento di incarichi di collaborazione: - Definizione fabbisogno - Qualifica e selezione collaboratori - Regolamento per il - Cd Verifica requisiti professionali e - Uff. mministrazione 8,0 conferimento di incarichi - P.. (L. 133/2008) congruità tecnico-economica delle - di collaborazione prestazioni offerte - Monitoraggio attività svolte Definizione dell'oggetto dell'affidamento (procedure di selezione diverse dagli affidamenti diretti) Individuazione dello strumento/istituto per l'affidamento Requisiti di qualificazione: - Definizione requisiti tecnico economici di accesso alla gara - Verifica e valutazione requisiti Requisiti di aggiudicazione: - Verifica dei requisiti tecnico-economici delle offerte ricevute delle offerte Verifica dell'eventuale anomalia delle offerte 4 probabilità llegato 1 - nalisi del Rischio - VLUTZIONE del (llegato PN) impatto Organizzativo, economico e di immagine Protocolli di prevenzione in essere Documentali complessiva dei controlli

3 rea a Rischio destinatari privi di Identificazione del (llegato 2 PN) Processi e ttività a Discrezionalità Rilevanza esterna Complessità Valore economico Frazionabilità Organizzativo Economico Reputazionale Organizzativo, economico e di immagine Procedure negoziate: - Definizione fabbisogno Selezione fornitori da invitare - Gestione processo di valutazione ffidamenti diretti: - Definizione fabbisogno - Selezione fornitori - Gestione processo di affidamento Revoca del bando Redazione del cronoprogramma Varianti in corso di esecuzione del contratto Subappalto 4 1 Utilizzo di metodi di risoluzione delle controversie alternativi a quelli giurisdizionali durante la fase di esecuzione del contratto probabilità 4 1 llegato 1 - nalisi del Rischio - VLUTZIONE del (llegato PN) Documentali - Codice Etico - Sistema di poteri e - Regolamento per la ttività discrezionali nell'an e nel gestione degli spazi - Responsabile contenuto: comuni processo - Definizione e gestione bandi di - Regolamento Trasparenza assegnazione spazi ortofrutticoli mministratore Uff. Marketing - - Controllo accessi al centro - Realizzazione gare a Delegato Resp. Logistica - - Controllo qualità delle merci evidenza pubblica per - OdV - Realizzazione di opere l'assegnazione di spazi infrastrutturali destinati all'ortofrutta - Sistema di vigilanza e sanzionatorio verso gli operatori ttività discrezionali nell'an e nel - Codice Etico contenuto: - Sistema di poteri e - Responsabile - Gestione omaggi e regalie processo a clienti, fornitori, consulenti e - Regolamento per il destinatari con collaboratori conferimento di incarichi - mministratore - Uff. mministrativo - Gestione erogazioni liberali ad di collaborazione Delegato associazioni, enti, ecc. (sponsorizzazioni) impatto Protocolli di prevenzione in essere complessiva dei controlli , ,0 6,7

4 llegato 1 - nalisi del Rischio - PROGRMMZIONE rea a Rischio Identificazione del (llegato 2 PN) Processi e ttività a ttività da realizzare Cadenza temporale Reclutamento: - Definizione posizioni da ricercare - Individuazione requisiti di accesso - Verifica formale del rispetto di In presenza di nuove - - requisiti dei candidati,6 assunzioni - Processo di selezione dei candidati cquisizione e progressione del personale Progressioni di carriera: - ttribuzione di aumenti di stipendio - Integrazione Regolamento con Entro ttribuzione nuove mansioni e 4,6 M procedure di progressione di carriera progressioni di carriera Conferimento di incarichi di collaborazione: - Definizione fabbisogno - Qualifica e selezione collaboratori - ggiornamento incarichi in essere Entro giugno Verifica requisiti professionali e - Uff. mministrazione 8,0 M (clausole risolutive espresse) congruità tecnico-economica delle - prestazioni offerte - Monitoraggio attività svolte Definizione dell'oggetto dell'affidamento (procedure di selezione diverse dagli affidamenti diretti) Individuazione dello strumento/istituto per l'affidamento Requisiti di qualificazione: - Definizione requisiti tecnico- economici di accesso alla gara - Verifica e valutazione requisiti Requisiti di aggiudicazione: - Verifica dei requisiti tecnico-economici delle offerte ricevute delle offerte Verifica dell'eventuale anomalia delle offerte Procedure negoziate: - Definizione fabbisogno - Selezione fornitori da invitare - Gestione processo di valutazione ffidamenti diretti: - Definizione fabbisogno - Selezione fornitori 8,0 - Gestione processo di affidamento Revoca del bando

5 llegato 1 - nalisi del Rischio - PROGRMMZIONE rea a Rischio Identificazione del (llegato 2 PN) Processi e ttività a ttività da realizzare Cadenza temporale Redazione del cronoprogramma Varianti in corso di esecuzione del contratto Subappalto Utilizzo di metodi di risoluzione delle controversie alternativi a quelli giurisdizionali durante la fase di esecuzione del contratto ttività discrezionali nell'an e nel contenuto: - Definizione e gestione bandi di destinatari privi di assegnazione spazi ortofrutticoli - ggiornamento accordi in essere Entro giugno 2016 Uff. Marketing - 8,0 M - Controllo accessi al centro (clausole risolutive espresse) Resp. Logistica - - Controllo qualità delle merci - Realizzazione di opere infrastrutturali destinatari con ttività discrezionali nell'an e nel contenuto: - Gestione omaggi e regalie a clienti, fornitori, consulenti e collaboratori 6,7 - Uff. mministrativo - Gestione erogazioni liberali ad associazioni, enti, ecc. (sponsorizzazioni)

scheda 1 Concorso per l'assunzione di personale 1. Valutazione della probabilità

scheda 1 Concorso per l'assunzione di personale 1. Valutazione della probabilità scheda 1 Concorso per l'assunzione di personale Criterio 1: discrezionalità Il processo è discrezionale? No, è del tutto vincolato = 1 1. Valutazione della probabilità Criteri Punteggi E' parzialmente

Dettagli

scheda 11 - COMUNE DI AGLIE' levata dei protesti cambiari 1. Valutazione della probabilità

scheda 11 - COMUNE DI AGLIE' levata dei protesti cambiari 1. Valutazione della probabilità Criterio : discrezionalità Il processo è discrezionale? No, è del tutto vincolato = Criteri E' parzialmente vincolato dalla legge e da atti amministrativi (regolamenti, direttive, circolari) = 2 E' parzialmente

Dettagli

METODOLOGIA PER ANALIZZARE IL LIVELLO DI RISCHIO CORRUZIONE

METODOLOGIA PER ANALIZZARE IL LIVELLO DI RISCHIO CORRUZIONE ALLEGATO A METODOLOGIA PER ANALIZZARE IL LIVELLO DI RISCHIO CORRUZIONE L analisi del rischio è un processo di comprensione della natura del rischio e di determinazione del livello di rischio (UNI ISO 3100).

Dettagli

AREE DI RISCHIO Area: acquisizione del personale e progressione carriera Area: affidamento di lavori, servizi e forniture D. 7 ImpaCo organizzaqvo - RispeCo al totale del personale impiegato nel singolo

Dettagli

Parte III Analisi del rischio

Parte III Analisi del rischio Parte III Analisi del rischio 1. Analisi del rischio A norma della Parte II, Capitolo 3 - Gestione del rischio, si procede all analisi ed alla valutazione del rischio del concreto verificarsi di fenomeni

Dettagli

Parte III Analisi del rischio

Parte III Analisi del rischio Parte III Analisi del rischio 51 52 1. Analisi del rischio A norma della Parte II, Capitolo 3 - Gestione del rischio, si procede all analisi ed alla valutazione del rischio del concreto verificarsi di

Dettagli

ALLEGATO A) AL P.T.P.C.

ALLEGATO A) AL P.T.P.C. ALLEGATO A) AL P.T.P.C. AREA A acquisizione e progressione del personale Tutti i settori Processo: gestione delle procedure di reclutamento, progressioni di carriera e di conferimento di incarichi di collaborazione

Dettagli

Dall analisi dei processi alla implementazione e valutazione delle misure di prevenzione del rischio di corruzione e illegalità

Dall analisi dei processi alla implementazione e valutazione delle misure di prevenzione del rischio di corruzione e illegalità Il laboratorio del rischio www.illuminiamolasalute.it Dall analisi dei processi alla implementazione e valutazione delle misure di prevenzione del rischio di corruzione e illegalità Proposta elaborata

Dettagli

TABELLA 2 P.T.P.C. -2014-2016- Unione dei Comuni Lombarda della Valletta e dei comuni di Perego, Rovagnate e Santa Maria Hoè

TABELLA 2 P.T.P.C. -2014-2016- Unione dei Comuni Lombarda della Valletta e dei comuni di Perego, Rovagnate e Santa Maria Hoè TABELLA 2 P.T.P.C. -2014-2016- Unione dei Comuni Lombarda la Valletta e dei comuni di Perego, Rovagnate e Santa Maria Hoè Aree di REGISTRO E ANALISI DEI RISCHI con indicazione le inerenti aree e strutture

Dettagli

Criteri. Anche sulla base dell'esperienza pregressa, il tipo di controllo applicato sul processo è adeguato a neutralizzare il rischio?

Criteri. Anche sulla base dell'esperienza pregressa, il tipo di controllo applicato sul processo è adeguato a neutralizzare il rischio? AREA E (Scheda ) Levata dei protesti cambiari Criterio : discrezionalità Il processo è discrezionale? No, è del tutto vincolato =. Valutazione della probabilità Criteri E' parzialmente vincolato dalla

Dettagli

AREA DI RISCHIO: Affidamento di incarichi esterni

AREA DI RISCHIO: Affidamento di incarichi esterni ALLEG. A.1.4 DELIB. G.C. N. 19 DEL 29 GEN. 2015 ALLEGATO A.1.4 TABELLA C INDIVIDUAZIONE CONTROMISURE La terza fase della gestione del rischio consiste nell individuazione delle contromisure volte a neutralizzare

Dettagli

MAPPATURA DEI PROCESSI, IDENTIFICAZIONE ED ANALISI DEL RISCHIO APAC - SERVIZIO APPALTI LAVORI PUBBLICI

MAPPATURA DEI PROCESSI, IDENTIFICAZIONE ED ANALISI DEL RISCHIO APAC - SERVIZIO APPALTI LAVORI PUBBLICI MAPPATURA DEI PROCESSI, IDENTIFICAZIONE ED ANALISI DEL RISCHIO APAC - SERVIZIO APPALTI LAVORI PUBBLICI Il Pubblici svolge funzione di stazione appaltante a favore del sistema unico provinciale e delle

Dettagli

Criteri. E' parzialmente vincolato dalla legge e da atti amministrativi (regolamenti, direttive, circolari) = 2

Criteri. E' parzialmente vincolato dalla legge e da atti amministrativi (regolamenti, direttive, circolari) = 2 scheda 2 Gestione delle sanzioni per violazione CDS. Valutazione della probabilità Criterio : discrezionalità Il processo è discrezionale? No, è del tutto vincolato = Criteri E' parzialmente vincolato

Dettagli

Legenda modulo rilevazione e valutazione rischi corruzione

Legenda modulo rilevazione e valutazione rischi corruzione Legenda modulo rilevazione e valutazione rischi corruzione Obiettivi: censire le maggiori situazioni in cui può esserci maggiore rischio di corruzione sia previste dalla normativa sia in relazione a quanto

Dettagli

AREA A. Concorso per l'assunzione di personale. 1. Valutazione della probabilità

AREA A. Concorso per l'assunzione di personale. 1. Valutazione della probabilità AREA A Concorso per l'assunzione di personale Criterio 1: discrezionalità Il processo è discrezionale? No, è del tutto vincolato = 1 1. Valutazione della probabilità Criteri Punteggi E' parzialmente vincolato

Dettagli

PERSONALE Gestione risorse umane sotto il profilo giuridico ed economico. 1. Valutazione della probabilità

PERSONALE Gestione risorse umane sotto il profilo giuridico ed economico. 1. Valutazione della probabilità AREA/SERVIZIO PERSONALE Gestione risorse umane sotto il profilo giuridico ed economico 1. Valutazione della probabilità Criterio 1: discrezionalità Il processo è discrezionale? No, è del tutto vincolato

Dettagli

Trasparenza ed Anticorruzione

Trasparenza ed Anticorruzione Trasparenza ed Anticorruzione Prof. Giuseppe D Onza Professore Associato Direttore Master Auditing e Controllo Interno Università di Pisa Esperto Autorità Nazionale Anticorruzione Lucca, 12/01/2014 gdonza@ec.unipi.it

Dettagli

Criteri. Anche sulla base dell'esperienza pregressa, il tipo di controllo applicato sul processo è adeguato a neutralizzare il rischio?

Criteri. Anche sulla base dell'esperienza pregressa, il tipo di controllo applicato sul processo è adeguato a neutralizzare il rischio? AREA E (Scheda 29) Raccolta e smaltimento rifiuti Criterio 1: discrezionalità Il processo è discrezionale? No, è del tutto vincolato = 1 1. Valutazione della probabilità Criteri E' parzialmente vincolato

Dettagli

PIANO ANTICORRUZIONE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE Mappatura dei processi e valutazione e trattamento del rischio

PIANO ANTICORRUZIONE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE Mappatura dei processi e valutazione e trattamento del rischio ALLEGATO A PIANO ANTICORRUZIONE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE Mappatura dei processi e valutazione e trattamento del rischio Area A : Acquisizione e progressione del personale Reclutamento personale:

Dettagli

Criteri. Anche sulla base dell'esperienza pregressa, il tipo di controllo applicato sul processo è adeguato a neutralizzare il rischio?

Criteri. Anche sulla base dell'esperienza pregressa, il tipo di controllo applicato sul processo è adeguato a neutralizzare il rischio? AREA E (Scheda 2) Gestione delle sanzioni per violazione CDS Criterio : discrezionalità Il processo è discrezionale? No, è del tutto vincolato =. Valutazione della probabilità Criteri E' parzialmente vincolato

Dettagli

MAPPATURA DELLE AREE E DEI PROCESSI A RISCHIO AREA A: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE. LA MAPPATURA DEI PROCESSI IL P.N.A.

MAPPATURA DELLE AREE E DEI PROCESSI A RISCHIO AREA A: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE. LA MAPPATURA DEI PROCESSI IL P.N.A. AREA A: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE Conferimento incarichi a terzi: studio, ricerche, consulenze, rappresentanza e difesa in giudizio Autorizzazione

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2017

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2017 ORDINE INTERPROVINCIALE DEI FARMACISTI DI NUORO E OGLIASTRA VIA FOSCOLO 29 08100 NUORO TEL. 0784 34624 FAX 0784 231335 COD. FISC.:80000810913 e-mail: postmaster@ordinefarmacistinuoro.it - sito web: http://www.ordinefarmacistinuoro.it

Dettagli

Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo delle isole di Ischia e Procida PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.)

Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo delle isole di Ischia e Procida PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo delle isole di Ischia e Procida PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (P.T.P.C.) 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la prevenzione della corruzione

Dettagli

QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI

QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI ALLEGATO A) QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI Data Attività Soggetto competente 30 marzo di ogni anno Comunicazione al Responsabile della prevenzione della corruzione e al nucleo di valutazione, della

Dettagli

TABELLA A Allegato 1 Piano anticorruzione

TABELLA A Allegato 1 Piano anticorruzione 1. TABELLA A Allegato 1 Piano anticorruzione AREA A PROCEDURE MAPPATE IDENTIFICAZIONE DEL VALUTAZIONE PROCEDURE GESTIONE CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI CONCESSIONI- AUTORIZZAZIONI (senza effetto economico)

Dettagli

Per la valutazione delle aree di rischio è stata utilizzato la metodologia indicata nell allegato 5 del Piano nazionale anticorruzione.

Per la valutazione delle aree di rischio è stata utilizzato la metodologia indicata nell allegato 5 del Piano nazionale anticorruzione. ALLEGATO A) al Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2015-2017 approvato con DGC 3 del 28/01/2015 Per la valutazione delle aree di rischio è stata utilizzato la metodologia indicata nell allegato

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE PER LA PREVENZIONE DEL RISCHIO CORRUZIONE

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE PER LA PREVENZIONE DEL RISCHIO CORRUZIONE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE PER LA PREVENZIONE DEL RISCHIO CORRUZIONE INDICE PARTE I Individuazione del rischio corruzione Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Aree a maggior rischio di corruzione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE SPECIFICA DEL PERSONALE DELL ATENEO DI PARMA NELLE AREE DI RISCHIO COMUNI ED OBBLIGATORIE

PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE SPECIFICA DEL PERSONALE DELL ATENEO DI PARMA NELLE AREE DI RISCHIO COMUNI ED OBBLIGATORIE (ALLEGATO n. 2) PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE SPECIFICA DEL PERSONALE DELL ATENEO DI PARMA NELLE AREE DI RISCHIO COMUNI ED OBBLIGATORIE Premessa La normativa in materia di prevenzione della corruzione prevede

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLZANO

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLZANO ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLZANO Piano triennale di prevenzione della - (P.T.P.C.) 2014 2016 1. PREMESSA Il complesso normativo costituito dalla Legge 6 novembre

Dettagli

ALLEGATO 7) AL P.T.P.C.

ALLEGATO 7) AL P.T.P.C. ALLEGATO 7) AL P.T.P.C. AREA D contributi e sovvenzioni (provvedimenti ampliativi della sfera giuridica dei destinatari con di effetto economico diretto ed immediato per il destinatario) Processo: gestione

Dettagli

B Varianti in corso di esecuzione del contratto 4 B Verifica dell eventuale anomalia delle offerte 4 B Revoca del bando 3

B Varianti in corso di esecuzione del contratto 4 B Verifica dell eventuale anomalia delle offerte 4 B Revoca del bando 3 TAELLA 2 Area di rischio Processo Valutazione complessiva del rischio Totale punteggio A onferimento di incarichi di collaborazione 5 A Attribuzione salario accessorio A Reclutamento A Progressioni di

Dettagli

No, ha come destinatario finale un ufficio interno 2 Sì, il risultato del processo e rivolto direttamente ad utenti esterni 5

No, ha come destinatario finale un ufficio interno 2 Sì, il risultato del processo e rivolto direttamente ad utenti esterni 5 Allegato n. 1 al Piano di Prevenzione della corruzione QUESTIONARIO VALUTAZIONE RISCHIO Domanda 1: Discrezionalità Il processo e discrezionale? No, e del tutto vincolato 1 E parzialmente vincolato dalla

Dettagli

"BOZZENTE S.R.L. Protocollo procedure di gara, rischi specifici e schemi di comportamento

BOZZENTE S.R.L. Protocollo procedure di gara, rischi specifici e schemi di comportamento "BOZZENTE S.R.L. Protocollo procedure di gara, rischi specifici e schemi di comportamento 1 PREMESSA Il presente Protocollo è adottato al fine di approfondire e trattare in maniera più puntuale i rischi

Dettagli

Misura di prevenzione AREA ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE. Alterazione dei risultati della procedura concorsuale

Misura di prevenzione AREA ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE. Alterazione dei risultati della procedura concorsuale SCHEMA PER LA REDAZIONE DELLA TABELLA DELLE MISURE DI PREVENZIONE ALLEGATO N. 2 AL PTPCTI DELL ORDINE DI PERUGIA (2015 2017) Area di rischio Rischio individuato Livello di rischio attribuito (ponderazione)

Dettagli

PIANO DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE

PIANO DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE PIANO DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE pagina 1 di pagine 8 PREMESSA La legge 190/2012 Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e la repressione della

Dettagli

CO15 Adeguamento norme regolamentari con introduzione di misure a tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti

CO15 Adeguamento norme regolamentari con introduzione di misure a tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti Le contromisure contraddistinte dai codici: All. 6) CO15 Adeguamento norme regolamentari con introduzione di misure a tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti C021 Verifica dell OIV della corretta

Dettagli

MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO Area B) Area affidamento lavori, servizi e forniture

MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO Area B) Area affidamento lavori, servizi e forniture Definizione dell oggetto dell affidamento MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO b1 Processi Fasi Rischi Individuazione delle caratteristiche del bene o del servizio rispondente alle necessità

Dettagli

TABELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO: Appalti di servizi e forniture

TABELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO: Appalti di servizi e forniture TABELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO: Appalti di servizi e forniture No, ha come destinatario finale un ufficio interno, il risultato del processo è rivolto direttamente ad utenti esterni alla P.A. di 5, il

Dettagli

ALLEGATO D) AL P.T.P.C.

ALLEGATO D) AL P.T.P.C. ALLEGATO D) AL P.T.P.C. AREA C autorizzazioni e concessioni (provvedimenti ampliativi della sfera giuridica dei destinatari privi di effetto economico diretto ed immediato per il destinatario) - Tutte

Dettagli

MAPPATURA DEI PROCESSI E PROCEDIMENTI PER AREE DI RISCHIO (art.1 comma 16 della Legge 190/2012, Allegato 2 del Piano Nazionale Anticorruzione)

MAPPATURA DEI PROCESSI E PROCEDIMENTI PER AREE DI RISCHIO (art.1 comma 16 della Legge 190/2012, Allegato 2 del Piano Nazionale Anticorruzione) PPTUR DEI PROCESSI E PROCEDIENTI PER REE DI (art.1 comma 16 della Legge 190/2012, llegato 2 del Piano Nazionale nticorruzione) rea ) Selezione e reclutamento del personale e dei collaboratori professionali

Dettagli

Modulo specialistico La gestione operativa delle gare e dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture nel sistema normativo vigente ore 120

Modulo specialistico La gestione operativa delle gare e dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture nel sistema normativo vigente ore 120 Modulo specialistico La gestione operativa delle gare e dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture nel sistema normativo vigente ore 120 CALENDARIO SEDE DI ROMA (4 GIUGNO 27 NOVEMBRE 2014) 4

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO AREA A: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE

GESTIONE DEL RISCHIO AREA A: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE AREA A: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE LIVELLO DI Conferimento incarichi a terzi: studio, ricerche, consulenze, rappresentanza e difesa in giudizio Limite della rotazione di professionisti e

Dettagli

ANALISI DEL RISCHIO SPECIFICO PROBABILIT A. Valore rischio Specifico (ascurabili/sporadico/fr equente e valore numerico) RISCHIO SPECIFICO

ANALISI DEL RISCHIO SPECIFICO PROBABILIT A. Valore rischio Specifico (ascurabili/sporadico/fr equente e valore numerico) RISCHIO SPECIFICO AREA DI RISCHIO PROCESSO TABELLA REGISTRO RISCHI SPECIFICI - RAVENNA VALUTAZIONE RISCHIO POTENZIALE DEL PROCESSO (Alto/Medio/ Basso e valore numerico = risultato finale di probabilità per impatto) RISCHIO

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE - (P.T.P.C.) 2014 2016 1. PREMESSA 2. IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE - (P.T.P.C.) 2014 2016 1. PREMESSA 2. IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE - (P.T.P.C.) 2014 2016 1. PREMESSA Il complesso normativo costituito dalla Legge 6 novembre 2012, n. 190 (Disposizioni per la prevenzione e la repressione

Dettagli

CAPITOLATO GENERALE adottato ai sensi dell art. 3 del Regolamento dei Contratti

CAPITOLATO GENERALE adottato ai sensi dell art. 3 del Regolamento dei Contratti CAPITOLATO GENERALE adottato ai sensi dell art. 3 del Regolamento dei Contratti 1/7 ART. 1 OBBLIGATORIETA (Articolo 2 e 3 del Regolamento dei Contratti) 1.1. In virtù della delega contenuta nell articolo

Dettagli

Piano triennale per la prevenzione della corruzione 2015-2017. Aggiornamento 2015

Piano triennale per la prevenzione della corruzione 2015-2017. Aggiornamento 2015 Pia triennale per la prevenzione della corruzione 2015-2017 Aggiornamento 2015 AREA 1. AREA 2. AREA 3. AREA 4. AREA 5. AREA 6. Provvedimenti ampliativi della sfera giuridica con effetto ecomico diretto

Dettagli

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione Anni 2014-2016 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo

Dettagli

AREA A: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE

AREA A: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE AREA A: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE Conferimento incarichi a terzi: studio, ricerche, consulenze, rappresentanza e difesa in giudizio Limite della

Dettagli

AREA A: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE

AREA A: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE AREA A: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE LIVELLO DI CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE Conferimento incarichi a terzi: studio, ricerche, consulenze, rappresentanza e difesa in giudizio

Dettagli

Allegato 1 al Piano Triennale per la prevenzione della corruzione

Allegato 1 al Piano Triennale per la prevenzione della corruzione Allegato 1 al Piano Triennale per la prevenzione della corruzione Analisi dei Rischi in accordo con Tabella 5 PNA ODCEC Roma Valori di R: : Fino a 5 Rischio Basso / da 5 a 12 Rischio Medio / da 13 a 20

Dettagli

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Federazione Ordini Farmacisti Italiani 00185 ROMA VIA PALESTRO, 75 TELEFONO (06) 4450361 TELEFAX (06) 4941093 CODICE FISCALE n 00640930582

Dettagli

Media Impatto. Media Probabilità Soggettiva. Oggettivo. Soggettivo 3 2 2,666666667 3 3 3

Media Impatto. Media Probabilità Soggettiva. Oggettivo. Soggettivo 3 2 2,666666667 3 3 3 INDIVIDUAZIONE EVENTI RISCHIOSI VALUTAZIONE DEL RISCHIO PROCESSI EVENTI RISCHIOSI ricoprire allo scopo di reclutare candidati Media Probabilità Oggetiva Media Probabilità Soggettiva Media Impatto Oggettivo

Dettagli

PROCEDIMENTI E RELATIVI FATTORI DI RISCHIO

PROCEDIMENTI E RELATIVI FATTORI DI RISCHIO SCHEDE DI MAPPATURA DEI RISCHI Allegato sub A) di cui all art. 3 PTPC ATTIVITÀ A RISCHIO SETTORI A RISCHIO LIVELLO DI RISCHIO PROCEDIMENTI E RELATIVI FATTORI DI RISCHIO MISURE DI PREVENZIONE autorizzazioni

Dettagli

2. Introduzione di sistemi di rotazione del personale addetto. 8. Controllo di regolarità e monitoraggio sul rispetto dei regolamenti e procedure;

2. Introduzione di sistemi di rotazione del personale addetto. 8. Controllo di regolarità e monitoraggio sul rispetto dei regolamenti e procedure; AREE DI RISCHIO 1. Rendere pubblici tutti i contributi erogati con identificazione del beneficiario, nel rispetto delle regole della tutela della riservatezza; 2.Predisposizione di linee guida operative,

Dettagli

Comune di Rocca di Neto

Comune di Rocca di Neto Comune di Rocca di Neto (Provincia di Crotone) AVVISO PUBBLICO PROCEDURA APERTA PER L AGGIORNAMENTO DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 Il Segretario Generale ha elaborato la

Dettagli

Segreteria di Presidenza, Comitato di Segreteria; Segretario

Segreteria di Presidenza, Comitato di Segreteria; Segretario Analisi dei Rischi in accordo con l Allegato 5 PNA Area Identificativo Numero della Tabella Procedimenti A) Acquisiz ione e progres sione del personal e B) Affidam ento di lavori, 1 2 Svolgimento di Concorsi

Dettagli

Revisione febbraio 2014

Revisione febbraio 2014 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE NEI SETTORI SPECIALI (ai sensi dell art. 206 del D.lgs. 163/06 e della direttiva 2004/17/CE) Modifica dir. CEE 2004/17/CE e 2004/18/CE nuove

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 IL SEGRETARIO GENERALE RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SERENA BOLICI

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 IL SEGRETARIO GENERALE RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SERENA BOLICI PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 IL SEGRETARIO GENERALE RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SERENA BOLICI 1 Il presente Piano costituisce attuazione di quanto previsto

Dettagli

GLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE IN AMBITO SANITARIO

GLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE IN AMBITO SANITARIO Provider Ministeriale n.3431 Educazione Continua in Medicina GLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE IN AMBITO SANITARIO Il ruolo del medico nel procedimento di gara per Medici Chirurghi 1 Sommario PROVIDER...3

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE MUSEO DELLA SHOAH ONLUS

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE MUSEO DELLA SHOAH ONLUS 1 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE MUSEO DELLA SHOAH ONLUS (ai sensi dell art. 1, comma 5, lett. a) Legge 6 novembre 2012, n. 190) Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI 79 REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 84 REG./29 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 12/04/2006 LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

ALLEGATO "A" PIANO PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014/2016

ALLEGATO A PIANO PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014/2016 1. Rendere pubblici tutti i contributi erogati con identificazione del beneficiario, nel rispetto delle regole della tutela della riservatezza; 2.Predisposizione di linee guida operative, 2. Introduzione

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA U.O. Politiche e Gestione del Personale AREA DEL PERSONALE VALUTAZIONE DEL RISCHIO ANTICORRUZIONE

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA U.O. Politiche e Gestione del Personale AREA DEL PERSONALE VALUTAZIONE DEL RISCHIO ANTICORRUZIONE AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA U.O. Politiche e Gestione del Personale AREA DEL PERSONALE VALUTAZIONE DEL RISCHIO ANTICORRUZIONE PRINCIPALI ATTIVITA A RISCHIO 1. Assunzioni e reclutamento; 2. Progressioni

Dettagli

AREA: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE

AREA: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE PROCESSO N.1 : RECLUTAMENTO E SELEZIONE DEL PERSONALE AREA: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE ATTIVITA (DPR. 487/94 e s.m.i. D. Lgs. N. 165/2001 e s.m.i.) A) per i concorsi e le selezioni del.

Dettagli

Sezione I: Amministrazione aggiudicatrice

Sezione I: Amministrazione aggiudicatrice Sezione I: Amministrazione aggiudicatrice I.1) I.2) I.3) I.4) DIGITPA BANDO DI GARA D APPALTO SERVIZI CIG: 4224876DF4 Denominazione, indirizzi e punti di contatto: DigitPA viale Marx 31/49 Roma, c.a.p.

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016

CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016 CITTÁ DI ALGHERO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELLA ILLEGALITÀ 2014-2015 - 2016 Approvato con deliberazione commissariale, adottata con i poteri della Giunta Comunale n. 28 del 04.03.2014

Dettagli

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di Pag. di NUMERO EDIZIONE DATA MOTIVAZIONE 6/09/204 Adozione ALLEGATO Mappa dei rischi ALLEGATO Mappa dei rischi elaborata sulla

Dettagli

Piano per la prevenzione della corruzione Mappatura dei rischi

Piano per la prevenzione della corruzione Mappatura dei rischi Piano per la prevenzione della corruzione Mappatura dei rischi Definire il piano della prevenzione della corruzione non è solo un obbligo ma appartiene a quelle incombenze, anche complesse, che fanno bene

Dettagli

ELENCO ESEMPLIFICAZIONE RISCHI

ELENCO ESEMPLIFICAZIONE RISCHI ELENCO ESEMPLIFICAZIONE RISCHI (Allegato n. 3 al Piano Nazionale Anticorruzione) NOTA: la presente elencazione ha carattere meramente esemplificativo. I rischi di seguito elencati sono considerati in un

Dettagli

Evoluzione delle Linee guida: la Direttiva CE/18/2004 sull appalto pubblico

Evoluzione delle Linee guida: la Direttiva CE/18/2004 sull appalto pubblico Evoluzione delle Linee guida: la Direttiva CE/18/2004 sull appalto pubblico Annalisa Quagliata Componente del gruppo di lavoro Linee Guida Convegno Forum PA Linee guida sulla Qualità delle Forniture ICT:

Dettagli

Calendario Corso Diploma di esperto in appalti pubblici

Calendario Corso Diploma di esperto in appalti pubblici Calendario Corso Diploma di esperto in appalti pubblici 1^ EDIZIONE CASERTA I giorno 9 settembre 2015 II giorno 10 settembre 2015 ARGOMENTI L obiettivo della regolazione: gli aspetti giuridici Normativa

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC onlus

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC onlus PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC onlus (ai sensi dell art. 1, comma 5, lett. a) Legge 6 novembre 2012, n. 190)

Dettagli

Bando di gara. Servizi

Bando di gara. Servizi 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:113029-2014:text:it:html Italia-Roma: Servizi per le imprese: servizi giuridici, di marketing, di consulenza, di reclutamento, di stampa

Dettagli

AREA DI RISCHIO GRADO DI RISCHIO: ALTO MEDIO BASSO VALUTAZIONE COMPLESSIVA DEL RISCHIO MISURE ESISTENTI : LEGGI REGOLAMENTI CIRCOLARI ETC.

AREA DI RISCHIO GRADO DI RISCHIO: ALTO MEDIO BASSO VALUTAZIONE COMPLESSIVA DEL RISCHIO MISURE ESISTENTI : LEGGI REGOLAMENTI CIRCOLARI ETC. AREA DI RISCHIO EX AUSL RIMINI PROCESSI GRADO DI RISCHIO: RISCHI SPECIFICI STRUTTURE / SOGGETTI COINVOLTI MISURE ESISTENTI : LEGGI REGOLAMENTI CIRCOLARI ETC. VALUTAZIONE COMPLESSIVA DEL RISCHIO A) ACQUISIZIONE

Dettagli

RISCHI SPECIFICI STRUTTURE / SOGGETTI COINVOLTI

RISCHI SPECIFICI STRUTTURE / SOGGETTI COINVOLTI AREA DI RISCHIO EX AUSL FORLI PROCESSI GRADO DI RISCHIO: RISCHI SPECIFICI STRUTTURE / SOGGETTI COINVOLTI MISURE ESISTENTI : LEGGI REGOLAMENTI CIRCOLARI ETC. VALUTAZIONE COMPLESSIVA DEL RISCHIO A) ACQUISIZIONE

Dettagli

4 Adozione di attività formative per il personale con attenzione prioritaria per coloro che operano nelle aree maggiormente a rischio.

4 Adozione di attività formative per il personale con attenzione prioritaria per coloro che operano nelle aree maggiormente a rischio. ALLEGATO A AREE DI RISCHIO NATURA DEI RISCHI MISURE DI PREVENZIONE E CONTRASTO 1 Erogazione sovvenzioni, contributi e sussidi 1 Negligenza od omissione nella 2 Inosservanza di regole procedurali a garanzia

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE SETA SPA PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Aggiornamento n. 1 del 5 febbraio 2016. 1 PREMESSA Il presente documento costituisce l aggiornamento n. 1 del Piano di Prevenzione della Corruzione (d ora

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Finalità e strumenti per la realizzazione degli inserimenti lavorativi

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Finalità e strumenti per la realizzazione degli inserimenti lavorativi REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DI PERSONE CON DISABILITA ATTRAVERSO LE PROCEDURE CONTRATTUALI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità

Dettagli

30.03.2016. REV. 2016/00 Pag. 1 di 5

30.03.2016. REV. 2016/00 Pag. 1 di 5 REV. 2016/00 Pag. 1 di 5 PROCEDURA 10 GESTIONE DEI RAPPORTI CONSULENZIALI INDICE: 1. OBIETTIVI 2. DESTINATARI 3. PROCESSI AZIENDALI COINVOLTI 4. PROTOCOLLI DI PREVENZIONE 4.1. DOCUMENTAZIONE INTEGRATIVA

Dettagli

COSTRUZIONI INTERNAZIONALI: PROCEDURE, CONTRATTUALISTICA E RISOLUZIONE DELLE LITI II MODULO DI APPROFONDIMENTO

COSTRUZIONI INTERNAZIONALI: PROCEDURE, CONTRATTUALISTICA E RISOLUZIONE DELLE LITI II MODULO DI APPROFONDIMENTO COSTRUZIONI INTERNAZIONALI: PROCEDURE, CONTRATTUALISTICA E RISOLUZIONE DELLE LITI II MODULO DI APPROFONDIMENTO PROCEDURE DI AGGIUDICAZIONE INTERNAZIONALI: problemi pratici Avv. Velia M. Leone Roma, 27

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Pag. 1 a 44 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 DOCUMENTO DI ANALISI DEI RISCHI PARTE II - REATI CORRUTTIVI EX L.190/12 E P.N.A. In vigore

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 238, comma 7 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Dettagli

RISCHI SPECIFICI STRUTTURE / SOGGETTI COINVOLTI

RISCHI SPECIFICI STRUTTURE / SOGGETTI COINVOLTI AREA DI RISCHIO EX AUSL CESENA PROCESSI GRADO DI RISCHIO: RISCHI SPECIFICI STRUTTURE / SOGGETTI COINVOLTI MISURE ESISTENTI : LEGGI REGOLAMENTI CIRCOLARI ETC. VALUTAZIONE COMPLESSIVA DEL RISCHIO A) ACQUISIZIONE

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE. Legge 6 novembre 2012 n. 190

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE. Legge 6 novembre 2012 n. 190 PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Legge 6 novembre 2012 n. 190 Trento, 31 gennaio 2014 Sommario SOMMARIO CAPO I - DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE... 5 Art. 1 Oggetto e finalità...

Dettagli

I PIANI ANTICORRUZIONE ALL INTERNO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI. Milano 06.03.2014

I PIANI ANTICORRUZIONE ALL INTERNO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI. Milano 06.03.2014 I PIANI ANTICORRUZIONE ALL INTERNO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Milano 06.03.2014 Un possibile approccio operativo per implementare i PTPC all interno dell organizzazione dei Comuni Dott. (Esperto Formatore

Dettagli

Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione - Anni 2015-2017. (Approvato con Deliberazione dell Amministratore Unico n.

Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione - Anni 2015-2017. (Approvato con Deliberazione dell Amministratore Unico n. Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione - Anni 2015-2017 (Approvato con Deliberazione dell Amministratore Unico n. 3 del 30/01/2015) SOMMARIO Premessa... 3 1. Processo di adozione del Piano anticorruzione

Dettagli

FORMAZIONE E DIFFUSIONE. Codice Documento: MOG 231 PFD

FORMAZIONE E DIFFUSIONE. Codice Documento: MOG 231 PFD FORMAZIONE E DIFFUSIONE Codice Documento: MOG 231 PFD 1 COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 22/02/2012 1 REVISIONE 03/12/2013 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti sono sottoposti

Dettagli

Regolamento del processo per

Regolamento del processo per Regolamento del processo per la gestione del Personale. INDICE REGOLAMENTO DEL PROCESSO PER LA GESTIONE DEL PERSONALE... 3 1. PIANIFICAZIONE DEL FABBISOGNO DI PERSONALE... 3 1.1 Definizione degli organici...

Dettagli

RISCHI SPECIFICI VALUTAZIONE RISCHIO POTENZIALE DEL PROCESSO (Alto/ Medio/ Basso)

RISCHI SPECIFICI VALUTAZIONE RISCHIO POTENZIALE DEL PROCESSO (Alto/ Medio/ Basso) BELL 1 RE DI POENZILE (lto/ edio/ EVENI SENINELL (rascurabili/ SRUURE COINVOLE ISURE ISURE OBBLIGORIE ESISENI PPLICBILI UI I LIVELLI DI : 1) cquisizione e progressione del personale rasparenza - Codice

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016

PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016 PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016 INTRODUZIONE Con la legge n. 190 del 6 novembre 2012, entrata in vigore il 28 novembre 2012, sono state dettate

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEI PROCESSI

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEI PROCESSI S. Spirito Fondazione Montel Azienda Pubblica di Servizi alla Persona RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEI PROCES REV. 00 Piano triennale di prevenzione della corruzione (ai sensi della Legge 06/11/2012 n. 190)

Dettagli

SCHEDA n.1 AREA DI RISCHIO: SOVVENZIONI e CONTRIBUTI Mappatura del Valutazione del Rischio

SCHEDA n.1 AREA DI RISCHIO: SOVVENZIONI e CONTRIBUTI Mappatura del Valutazione del Rischio Tutti i procedimenti aventi ad oggetto sovvenzioni, contributi e sussidi a persone fisiche e a persone giuridiche pubbliche e private SCHEDA n.1 AREA DI RISCHIO: SOVVENZIONI e CONTRIBUTI 2)Inosservanza

Dettagli

I-Roma: Servizi di consegna postale 2012/S 189-311234. Bando di gara. Servizi

I-Roma: Servizi di consegna postale 2012/S 189-311234. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:311234-2012:text:it:html I-Roma: Servizi di consegna postale 2012/S 189-311234 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione I:

Dettagli

OGGETTO: Trasparenza e anticorruzione - facsimili schede di mappatura e gestione del rischio per gli Ordini.

OGGETTO: Trasparenza e anticorruzione - facsimili schede di mappatura e gestione del rischio per gli Ordini. Cod. H27B/P2 Protocollo Generale (Uscita) Cod. FR /ne cnappcrm aoo_generale Circ. n. 138 Prot.: 0003880 Data: 21/10/2015 Ai Consigli degli Ordini degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori

Dettagli

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres.

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori e servizi attinenti

Dettagli

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO A COOPERATIVE SOCIALI DI SERVIZI CHE PREVEDONO L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE DI IMPORTO INFERIORE ALLE SOMME STABILITE DALLE DIRETTIVE COMUNITARIE IL PRESENTE

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE. IL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI, FORNITURE (D.L.vo 12 aprile 2006 n. 163)

CORSO DI FORMAZIONE. IL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI, FORNITURE (D.L.vo 12 aprile 2006 n. 163) CORSO DI FORMAZIONE IL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI, FORNITURE (D.L.vo 12 aprile 2006 n. 163) 30 novembre - 1 dicembre 2010 1 LE RAGIONI Fino al 2004 il diritto comunitario disciplinava

Dettagli