METODI DI PREVENZIONE DEI DANNI PRODOTTI DAI CINGHIALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METODI DI PREVENZIONE DEI DANNI PRODOTTI DAI CINGHIALI"

Transcript

1 METODI DI PREVENZIONE DEI DANNI PRODOTTI DAI CINGHIALI brevi dispense a cura di Andrea Marsan Premessa Gli animali selvatici difficilmente riconoscono la proprietà privata e sono irresistibilmente attratti dalle enormi quantità di cibo che di solito si trovano all interno dei campi coltivati. Per difendere i propri coltivi o i propri giardini è possibile recintarli con i metodi più adeguati alle caratteristiche dei diversi ospiti indesiderati. Il cinghiale è l animale selvatico che crea i danni più rilevanti alle colture e per evitarli è necessario conoscere bene le modalità per evitare le sue incursioni. Con questo opuscolo la Provincia di Trieste vuole offrire alcune informazioni utili per prevenire i danni provocati dai cinghiali.

2 SISTEMI DI PREVENZIONE Si può impedire in molti modi ai cinghiali di produrre danni alle coltivazioni e ciascun metodo deve essere scelto in base ad un'analisi precisa di costi e benefici che verranno descritti in questa breve nota tecnica Recinzioni meccaniche Sono strutture che possono essere realizzate in vari modi. Per molto tempo si è pensato che fosse necessario interrarle per una profondità di cm, scelta che di fatto aumentava i costi di materiale e di messa in opera. Negli ultimi anni ha preso piede l'impiego di rete elettrosaldata con maglia di 10X10 cm appena appoggiata sul terreno: essendo rigida e dotate di punte lunghe circa 5 cm, derivate dal dimezzamento nel senso della lunghezza dei fogli che misurano 3X2 m, impediscono l'azione di scavo dei cinghiali. VANTAGGI I vantaggi di questo tipo di recinzione sono legati all assenza di manutenzione e alla loro selettività nei confronti della specie oggetto di prevenzione: piccoli mammiferi passano agevolmente nelle maglie, mentre cervidi e bovidi selvatici la saltano agevolmente. SVANTAGGI Gli svantaggi sono legati ai costi del materiale e alla messa in opera (quantificabili in euro per metro lineare), ad un certo impatto visivo sull ambiente e alla necessità di avviare quasi sempre procedure autorizzative edilizie e/o paesaggistiche. Fig.1 recinzione meccanica messa in opera nel Parco Nazionale delle Cinque Terre

3 Recinzioni elettrificate Descrizione impianto Un insieme di cavi, apparati elettrici, fili che forniscono, nel punto più lontano all alimentatore, almeno 3500 volt e 300 mjoule costituiscono una recinzione elettrificata. Se prodotta a bassa intensità (amperaggio) questa scarica di corrente genera nel malcapitato animale un fortissimo dolore, senza provocare lesioni di nessun tipo, educandolo a evitare gli ambienti protetti da questo tipo di chiusura. Negli ultimi anni le ditte specializzate nella costruzione di elettrificatori, pali di sostegno e fili conduttori hanno evoluto la loro produzione, fornendo al mercato gli strumenti più idonei alla realizzazione di recinzioni economiche, durevoli e di facile manutenzione. Solo per fare un esempio fino a vent anni fa al solo contatto con una piccola pianta gli elettrificatori disperdevano a terra tutta la corrente disponibile: gli apparati moderni sono invece in grado di sopportare, essiccandoli, una piccola quantità di vegetali che entrino in contatto con i fili conduttori. Elettrificatori Gli elettrificatori oggi disponibili sul mercato sono moltissimi, forse troppi, e questa ampia scelta può generare molti dubbi nell acquirente. Le caratteristiche tecniche di questi apparecchi li rendono in grado, se supportati da buoni conduttori, di chiudere aree il cui perimetro può variare da poche centinaia di metri a molti chilometri. Un alimentatore non è un semplice trasformatore che varia la differenza di potenziale da media o bassa ad alta ( volt), ma è costituito da un insieme di condensatori, trasformatori che modulano la corrente in modo da avere una buona differenza di potenziale (espressa in migliaia di volt/ secondo Kvolt/sec) e di scaricare velocemente una buona dose di energia (espressa in joule). Per semplificare, senza nessun riferimento alle leggi fisiche, si può dire che il voltaggio, o differenza di potenziale, rappresenta il salto che un peso deve compiere per caderci sull alluce e produrre dolore. Il peso deve però essere sufficientemente grande. Una pallina da ping-pong che precipita da due metri di altezza non ci farà nulla, così come un ferro da stiro che cade da un centimetro. Per sentire dolore dovremmo essere colpiti da un ferro da stiro (energia) che cade da un paio di metri (differenza di potenziale). Dove sia possibile è sempre consigliabile l utilizzo di elettrificatori collegati in rete:

4 sono più economici poiché l acquisto di un alimentatore non collegabile ad una presa comporta anche quello di un accumulatore e nel caso non si sia in grado di mantenere costantemente carica la batteria - di un pannello solare, il che produce una spesa più o meno tripla. Elettrificatori collegabile in rete Un elettrificatore collegabile in rete si presenta come un normale elettrodomestico, con una presa da collegare al circuito casalingo e due uscite. La prima a sinistra indica il collegamento con la terra. Una buona messa a terra è in grado di esaltare le prestazioni di un alimentatore poco potente e una cattiva è in grado di deprimere quelle di un buon elettrificatore. Nel caso di un apparecchio collegato in rete la messa a terra non dovrà essere la stessa dell impianto casalingo, dovrà anzi essere posizionata a qualche metro di distanza dalla stessa. Una buona messa a terra è costituita da una lunga punta metallica (un metro, un metro e mezzo) conficcata nel terreno umido. Per recinzioni comprensoriali (con distanze di qualche chilometro tra l alimentatore e il termine dell impianto) è consigliabile utilizzare le puntazze di rame normalmente utilizzate per la messa a terra degli impianti di casa. La seconda da sinistra va collegata ai fili conduttori dell impianto. A qualsiasi distanza sia il contatto dell animale con il filo elettrificato la scarica avverrà con la trasmissione della corrente attraverso il terreno, chiudendo il circuito con la

5 punta metallica che collega l elettrificatore al terreno. Spesso gli elettrificatori collegati in rete devono essere mantenuti in ambienti protetti o contenuti negli appositi quadri per le centraline elettriche poiché non sono predisposi per l esposizione alle intemperie. Elettrificatori collegati ad un accumulatore Questo tipo di apparecchio è predisposto per la sua collocazione in ambienti aperti e non necessitano quindi di alcuna protezione. Per rendere molto improbabile qualsiasi tipo di errore i cavi di collegamento al accumulatore e al pannello solare sono solitamente colorati uno di rosso e l altro di nero, con morsetti di tipo e dimensione diverso. Per consentire un minor consumo di corrente sono normalmente dotati di una manopola che permette di ridurre il voltaggio erogato. I pannelli solari devono essere dimensionati all energia che deve essere prodotta per mantenere carico l accumulatore, alla latitudine d esposizione e al periodo in cui viene mantenuto attivo il recinto elettrificato. Le verifiche su questo tipo di impianto dovranno essere più frequenti e l operatore dovrà dotarsi di un voltmetro idoneo alle misurazioni delle piccole differenze di potenziale. Questo misuratore può essere acquistato a poco prezzo da un qualsiasi ferramenta Un elettrificatore collegato ad un accumulatore si presenta come a lato.

6 Filo conduttore I fili conduttori sono di tipo diverso: possono essere metallici, di nylon con conduttori di rame, di nylon con conduttori di acciaio inox e di nylon con conduttori di acciaio e di inox. Si consiglia l utilizzo di fili sottili di nylon con conduttori in rame, o rame e acciaio inox, caratterizzati da scarsa resistenza ( inferiore ai 20 ohm/100 metri). Il filo di nylon, a differenza di quello metallico, è molto visibile e permette il veloce rilevamento di eventuali rotture e può essere facilmente riavvolto per il suo riutilizzo. Il filo di nylon con sottili conduttori in acciaio inox è molto economico, resiste molto bene alla torsione e allo scintillio provocato con il contatto con la terra, ma solitamente è caratterizzato da un elevata resistenza al passaggio di corrente ( diverse centinaia di ohm per 100 metri). Questa condizione tende a ridurre in modo insopportabile l efficienza degli elettrificatore e per questo motivo se ne sconsiglia l uso. Le altre soluzioni ( fettuccia alta da 1 a 4 cm. e corda da 1 cm) vengono utilizzate per il contenimento di animali domestici come i cavalli o le mucche: per gli animali selvatici si ritiene sia sufficiente il filo, molto più economico e comodo da immagazzinare, considerando che non sia necessaria una grande resistenza meccanica. Inoltre, la fettuccia oppone molta resistenza ai forti venti di bora, sottoponendo così l impianto al rischio di danneggiamenti. I pali di sostegno La loro unica funzione è quella di sostenere alla giusta altezza i fili nei quali passa la corrente o il filo di terra. Non si consiglia l utilizzo di pali metallici che possono produrre notevoli dispersione di corrente al contatto con i fili conduttori. Nelle giornate piovose inoltre si possono verificare scintillii che tendono a danneggiare i fili conduttori. I pali di sostegno in plastica, molto economici, risentono dell esposizione al sole e dell escursione termica e normalmente devono essere sostituiti dopo pochi anni. Il miglior prodotto esistente in commercio è rappresentato da quelli in vetroresina, molto leggeri, facili da installare e poco ingombranti da immagazzinare. Sono costituiti da materiale isolante e qualsiasi contatto con il filo non produce dispersioni di corrente. La distanza tra i singoli paletti deve essere intorno ai 4 m, riducendola via via se aumenta la pendenza del terreno. Il filo non deve essere troppo teso e per i cinghiali si raccomanda di posare il primo filo a 25 cm dal suolo e il secondo a 50.

7 Per i cervi e i caprioli deve essere utilizzato un terzo filo posto ad un altezza di almeno cm dal suolo. In questo caso si deve usare un filo sottile, di colore tendente al rosso che risulta essere poco visibile per questi animali. Il terreno sabbioso, asciutto (o nel nostro caso quello carsico) non permette una buona conduzione della corrente dal punto di contatto alla messa a terra dell'elettrificatore, vanificandone l'efficacia. In questo caso è sufficiente inserire, tra i due fili che portano la corrente, un filo collegato direttamente alla terra, come indicato nello schema successivo. In questo caso il circuito viene chiuso dall'animale che tocca contemporaneamente il filo di terra e quello che trasporta la corrente.

8 Misurazioni Al momento dell istallazione il tecnico deve accertarsi che nel punto più lontano dall alimentatore e dalla messa a terra vi siano almeno 3500 volt e 300 mjoule. Per questo deve essere dotato di apposita apparecchiatura digitale. Gli agricoltori dovranno invece compiere periodiche misurazioni con un voltmetro economico, a led, che è in grado di evidenziare avarie della recinzione (impianto a terra, malfunzionamento dell elettrificatore). Le misurazioni sono indicative, dipendono anche dall umidità del terreno, ma possono fornire sufficienti informazioni sul giusto dimensionamento dell impianto e sulla sua efficacia. Segnali di pericolo Una recinzione elettrificata, anche se posta in una proprietà privata, deve rispettare le seguenti prescrizioni di seguito riportate: I recinti elettrici devono essere installati e fatti funzionare in modo che non siano causa di pericolo per persone, animali e per l ambiente circostante, in modo da risultare al di fuori della portata dei bambini e che non siano sottoposti a danni meccanici e ad azioni non autorizzate. Le prescrizioni seguenti si applicano durante l installazione e il funzionamento dei recinti elettrici e dei loro elettrificatori, in quanto sono complementari ai regolamenti stabiliti dalle autorità competenti nazionali. 1. Ogni recinto elettrico, anche se a più fili, deve essere alimentato da un solo elettrificatore. 2. La distanza tra i fili del recinto e la distanza tra i conduttori di alimentazione di due qualsiasi recinti elettrici deve essere di almeno due metri. Se questo spazio deve essere chiuso, questa operazione deve essere condotta mediante materiale non conduttore. 3. In un recinto elettrico il filo spinato non deve essere elettrificato. 4. Un qualsiasi recinto elettrico, o sua parte, installato su strada o sentiero pubblico

9 deve essere identificato per mezzo di targhette fissate in maniera sicura o attaccate solidamente al filo del recinto, a breve distanza le una dalle altre. Le dimensioni delle targhette devono essere almeno 200 X 100mm. Il colore base di entrambi i lati delle targhette deve essere giallo. La scritta sulla targhetta deve essere nera e deve riportare il simbolo illustrato qui sotto, oppure la sostanza delle seguenti avvertenze attenzione recinto elettrico. L iscrizione deve essere indelebile e ciascun carattere deve essere almeno alto 25 mm. 5. Nel caso in cui sia necessario attraversare una strada pubblica con un filo o un conduttore del recinto, devono essere avvertite le autorità competenti. In ogni caso la distanza verticale tra filo e conduttore deve essere di almeno 5 metri Queste indicazioni (CEI 61011) sostituite dalle più recenti prescrizioni Cenelec, vengono riportate solo come generali indicazioni di buon senso. VANTAGGI I vantaggi di questo tipo di recinzione sono ai bassissimi costi di acquisto del materiale e dell installazione. E un sistema molto plastico che permette facilmente lo spostamento della recinzione. Non ha impatto visivo e può essere selettivo nei confronti di molte specie. SVANTAGGI Gli svantaggi sono legati alla necessità di eseguire frequenti misurazioni della corrente e periodici sfalci d erba.

10 Dissuasori acustici e luminosi Un tempo per spaventare i cinghiali si utilizzavano cannoncini a gas che periodicamente producevano un forte rumore in grado di allontanare gli animali. Anche una radiolina è in grado di produrre lo stesso effetto che però è molto limitato nel tempo. Non essendovi nessuna associazione con stimoli dolorosi gli animali si abituano molto presto a questo disturbo, così come chiunque abbia utilizzato uno spaventapasseri sa che dopo qualche giorno gli uccelli comprendono che in mezzo al campo c'è solo il simulacro di una persona che non è in grado di nuocergli. L'evoluzione della tecnologia ha prodotto apparati in grado di produrre disturbo acustico e luminoso solo quando passa un animale (essendo attivati da una fotocellula combinata ad un sensore di calore) e di variare via via il tipo di segnale: prima luci a led che si accendono accompagnate da grida o abbaiar di cani in modo che difficilmente si verifichi l'effetto spaventapasseri.

11 VANTAGGI I vantaggi di questo tipo di dissuasione sono ai bassi costi di acquisto del materiale e dell installazione. E un sistema molto plastico che permette facilmente lo spostamento della recinzione. SVANTAGGI Gli svantaggi sono legati alla ridotta superficie interessata dal disturbo e all impossibilità di utilizzare queste apparecchiature nelle vicinanze di centri abitati o case. Dissuasori olfattivi Le sostanze repellenti che vengono utilizzate sono di due tipi: i repellenti di contatto vengono utilizzati principalmente per impedire ai cervidi di accedere ai germogli della vite o di altre piante appetibili. Per semplificare un estratto di peperoncino spalmato su una gemma la può renderne molto sgradevole la brucatura, impedendo di fatto il danno alla produzione agricola. In alcune zone tuttora gli agricoltori utilizzano lo spargimento di gasolio, cherosene o naftalina per allontanare i cinghiali dai propri campi. Senza entrare nel merito di ciò che tali azioni hanno sul terreno questi sistemi si mostrano efficaci per brevi periodi soprattutto se i cinghiali hanno la possibilità di accedere ad altre fonti alimentari. I dissuasori olfattivi in commercio riproducono odori sgradevoli, in qualche caso ricordano la presenza del lupo, ma non sembrano produrre effetti soddisfacenti nel tempo. VANTAGGI I vantaggi di questo tipo di dissuasione sono ai bassi costi di acquisto del materiale e dell installazione. SVANTAGGI Gli svantaggi sono legati alla ridotta efficacia nel tempo e alla necessità di ripetere frequentemente i trattamenti. Foraggiamento dissuasivo Questo sistema è basato su un'offerta alimentare alternativa che induca i cinghiali a restare nei boschi senza cercare cibo nei coltivi. Per essere efficace dovrebbe consistere in una diffusissima rete di punti di " governa" (uno ogni 50 ettari) dove si offra pochissimo cibo con estrema regolarità. Offrendo molto cibo si aumenta la possibilità che i cinghiali aumentino il loro numero e vadano poi ugualmente a invadere i campi coltivati. L'offerta di fonti di cibo di origine antropica tende inoltre ad abituare gli animali a questo tipo di alimentazione, sfavorendo quelli che sono abituati a mangiare i prodotti dell'ambiente naturale.

12 Nel nostro caso, pare utile sottolineare maggiormente l esigenza di evitare questa pratica. L estrema vicinanza della rete delle governe attualmente esistente alle zone coltivate e/o abitate produrrebbe ( e produce ) l effetto contrario, attirando gli animali proprio dove non dovrebbero stare. Tranne pochissime eccezioni questo sistema quindi deve essere sconsigliato. VANTAGGI SVANTAGGI Aumenta la capacità di carico dell ambiente, permette la sopravvivenza dei cinghiali anche in condizioni critiche e li abitua a ricercare il cibo nelle vicinanze dei campi coltivati e dei centri abitati Per ulteriori informazioni Polizia Ambientale Territoriale: Telefono: Provincia di Trieste novembre 2014

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

LE RECINZIONI. elettrificate. Per la protezione di bestiame, apiari e colture. Componenti Installazione Manutenzione.

LE RECINZIONI. elettrificate. Per la protezione di bestiame, apiari e colture. Componenti Installazione Manutenzione. LE RECINZIONI elettrificate Per la protezione di bestiame, apiari e colture Componenti Installazione Manutenzione 38 Vademecum tecnico Principio di funzionamento Una recinzione elettrificata non è altro

Dettagli

IL LUPO NELLE MARCHE ieri, oggi... e domani? Ancona, 21 gennaio 2013

IL LUPO NELLE MARCHE ieri, oggi... e domani? Ancona, 21 gennaio 2013 Progetti pilota per la prevenzione dei danni agli allevatori Dr. Ugo Testa testa_ugo@assam.marche.it Tel. 071.808258 Ancona, 21 gennaio 2013 La DGR 434 del 4 aprile 2011, ai sensi dei commi 1 e 5 dell

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista In genere si ricorre a forniture monofase nei cantieri di limitata potenza e gli scaglioni sono 1,5; 3; 4,5; 6 KW, mentre per cantieri più grandi si usano delle forniture trifase con potenze pari a 6;

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

Oggetto: richiesta fornitura di materiale per realizzare opere urgenti di prevenzione danni da lupi alle greggi.

Oggetto: richiesta fornitura di materiale per realizzare opere urgenti di prevenzione danni da lupi alle greggi. Azienda Agricola CASA CAPUZZOLA Dal produttore al consumatore ViaVerica 135 Pavullo n/f (MO) Tel allevamento 0536.48326 P.IVA 02833630367 Cod.Fisc. MZZDNI64A23A944E Pavullo nel Frignano (MO) 10 ottobre

Dettagli

L energia: le fonti rinnovabili

L energia: le fonti rinnovabili L energia: le fonti rinnovabili perché? L energia si può considerare come motore dello sviluppo tecnologico, economico e sociale di un paese e il petrolio è stato e continua ad essere tutt oggi la fonte

Dettagli

Monosplit a Parete Alta - Installazione

Monosplit a Parete Alta - Installazione Prima di iniziare l installazione, è necessario scegliere il luogo di installazione delle apparecchiature, verificandone l idoneità tecnica. Per una installazione a regola d arte, non è sufficiente applicare

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI DI CANTIERE IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI

IMPIANTI ELETTRICI DI CANTIERE IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI Tutte le masse, le masse estranee e i dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche devono essere collegati ad un unico impianto di messa a terra, ovvero

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO due GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO CASA sicura LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI Ministero delle Attività Produttive Direzione Generale Armonizzazione Mercati e Tutela Consumatori www.casasicura.info

Dettagli

Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW. Tratto dal sito web WWW.IT9UMH.ALTERVISTA.ORG

Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW. Tratto dal sito web WWW.IT9UMH.ALTERVISTA.ORG Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW Le antenne a quadro (o telaio) Il principio di funzionamento di un'antenna a quadro è differente da quello delle comuni antenne filari

Dettagli

PRECAUZIONE PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA

PRECAUZIONE PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA PRECAUZIONE PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA Dopo aver tolto l imballaggio assicurarsi dell integrità dell apparecchio. In caso di dubbio non utilizzare l apparecchio e rivolgersi al centro

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE

RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE PREMESSA STRUMENTI PER MISURE ELETTRICHE Come si è già avuto modo di comprendere ogni grandezza fisica ha bisogno, per essere quantificata, di un adeguato metro di misura.

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

Introduzione. La scatola contiene alcuni materiali e un DVD. I contenuti del DVD sono: - un manuale e una animazione dedicati agli edifici

Introduzione. La scatola contiene alcuni materiali e un DVD. I contenuti del DVD sono: - un manuale e una animazione dedicati agli edifici IUSES Toolkit Introduzione Il kit nasce quale supporto per la realizzazione di esperimenti sull efficienza energetica, il risparmio energetico e l uso delle energie rinnovabili. È dedicato principalmente

Dettagli

Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic

Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic Pag. 1 di 6 Istruzioni D Uso Tau Steril 2000 Automatic CEE 0426 DIRETTICTIVA 93/42 DISPOSITIVI MEDICI Pag. 2 di 6 INDICE Numero Titolo Pagina 1 Avvertenze 3 2 Introduzione 3 2.1 Riferimenti Normativi 3

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Sistema di Gestione per la Qualità ISO 9001:2000 Certificato CSQ n.9122 ASLB Servizio Impiantistica e Sicurezza Lavoro Responsabile: Ing. Basilio A. Sertori 24125 Bergamo Via

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento degli impianti fotovoltaici La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare direttamente l energia solare incidente sulla superficie terrestre

Dettagli

Pannelli Fotovoltaici Serie ASP 60 MONTAGGIO Pannelli Fotovoltaici ASP GUIDA DI MONTAGGIO. Pannelli Fotovoltaici X 60

Pannelli Fotovoltaici Serie ASP 60 MONTAGGIO Pannelli Fotovoltaici ASP GUIDA DI MONTAGGIO. Pannelli Fotovoltaici X 60 Pannelli Fotovoltaici Serie ASP 60 MONTAGGIO Pannelli Fotovoltaici ASP GUIDA DI MONTAGGIO Questa guida contiene una serie di suggerimenti per installare i prodotti Abba Solar della serie ASP60 ed è rivolta

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Benvenuti. Michele Davi. Saccone Menichet ti

Benvenuti. Michele Davi. Saccone Menichet ti Benvenuti Michele Davi Saccone Menichet ti Sistemi meccanici e fisici per l allontanamento incruento di specie ornitiche problematiche I motivi della colonizzazione L ambiente cittadino, cittadina rispetto

Dettagli

CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE

CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE 1. GENERALITÀ...2 1.1. Messa a livello...2 1.2. Sollecitazioni...2 1.3. Saldature elettriche...2 1.4. Fulmini...2 1.5. Influenze meccaniche esterne...3 2.

Dettagli

Quadri elettrici e norme di riferimento

Quadri elettrici e norme di riferimento Quadri elettrici e norme di riferimento Nella realizzazione di un impianto di sicurezza, un attenzione particolare va posta al quadro elettrico, al quale fa capo l alimentazione dell impianto stesso. Innanzitutto,

Dettagli

La vita inizia dal sole: l energia del Fotovoltaico

La vita inizia dal sole: l energia del Fotovoltaico La vita inizia dal sole: l energia del Fotovoltaico 2015 L energia da fonti rinnovabili 01 IMPIANTO FOTOVOLTAICO 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI Il fotovoltaico è un sistema elettrico che trasforma

Dettagli

Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli

Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli Rev 3.00 In conformità alla Direttiva Macchine 98/37/CE e alle parti applicabili delle norme EN 13241-1; EN 12453; EN 12445; EN 12635. 01/09/2007

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro L energia si trova dappertutto intorno a noi PRIMARIE MESSE A DISPOSIZIONE DALLA NATURA SECONDARIE

Dettagli

L' IMPIANTO DI MESSA A TERRA

L' IMPIANTO DI MESSA A TERRA L' IMPIANTO DI MESSA A TERRA SCELTA E DIMENSIONAMENTO DEI COMPONENTI ELETTRICI Nella sesta edizione della norma, il capitolo 54 "Messa a terra e condutture di protezione" ha subito poche modifiche, che

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE

SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE Prof. Dott. Ing. Sergio Rosati SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE Roma, aprile 2012. PREMESSA Una buona conoscenza delle modalità di allaccio di installazioni, civili

Dettagli

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv 1 L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv La Norma CEI EN 50107 ( entrata in vigore nel settembre del 1999 e classificata come 34-86) fornisce i criteri

Dettagli

/HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL

/HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL /HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL DPR n 547/55 1RUPHSHUODSUHYHQ]LRQHGHJOLLQIRUWXQLVXO ODYRUR Legge n 186/68 'LVSRVL]LRQLFRQFHUQHQWLODSURGX]LRQHGL PDWHULDOLDSSDUHFFKLDWXUHPDFFKLQDULLQVWDOOD]LRQLHLPSLDQWL

Dettagli

WiCOS L-6. WiCOS Charger. Istruzioni brevi. Am Labor 1, 30900 Wedemark, Germany Publ. 10/09 www.sennheiser.com 535385/A01

WiCOS L-6. WiCOS Charger. Istruzioni brevi. Am Labor 1, 30900 Wedemark, Germany Publ. 10/09 www.sennheiser.com 535385/A01 Istruzioni brevi WiCOS Charger WiCOS L-6 Le istruzioni per l uso dettagliate del sistema per conferenze WiCOS completo sono disponibili: in Internet all indirizzo www.sennheiser.com oppure sul CD-ROM in

Dettagli

CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE

CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE A) - Destinazione dell apparecchiatura Quadro elettronico adibito al comando di 1 motore asincrono monofase alimentato a 230 vac destinato all automazione di una tapparella

Dettagli

Impianti eolici (produzione di energia elettrica)

Impianti eolici (produzione di energia elettrica) Autorizzazioni BOZZA Le procedure autorizzative da seguire per richiedere l installazione di un impianto, anche se semplificate al massimo, variano in base alla tipologia, alla sua grandezza e alla sua

Dettagli

Sicurezza impianti elettrici

Sicurezza impianti elettrici Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Capo III Impianti e apparecchiature elettriche Obblighi del datore di lavoro Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché i materiali, le apparecchiature

Dettagli

Impianti fotovoltaici connessi alla rete

Impianti fotovoltaici connessi alla rete Aspetti tecnici legati alla progettazione e realizzazione di impianti di generazione e alla loro connessione alla rete La Guida CEI 82-25: Guida alla realizzazione di sistemi di generazione fotovoltaica

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 9 PER L INSTALLAZIONE DEI CANCELLI MOTORIZZATI A SCORRIMENTO VERTICALE DAL BASSO VERSO L ALTO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE

Dettagli

La misura della resistenza di terra

La misura della resistenza di terra La misura della resistenza di terra Saveri Gianluigi 1. Generalità I rilievi strumentali da effettuare sugli impianti di terra hanno lo scopo, vista l importanza che riveste l impianto dal punto di vista

Dettagli

Scaldameglio. Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL

Scaldameglio. Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL Scaldameglio Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL Scaldameglio Bagno (cod. ordine 8497) 1. Ingresso aria 2. Uscita aria 3. Indicatore di presenza alimentazione 3 1 2 4. Selettore della temperatura (termostato)

Dettagli

GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445

GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445 Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445 Con la presente pubblicazione

Dettagli

LE RECINZIONI elettrificate. Sistemi di prevenzione dei danni al bestiame domestico

LE RECINZIONI elettrificate. Sistemi di prevenzione dei danni al bestiame domestico LE RECINZIONI elettrificate Sistemi di prevenzione dei danni al bestiame domestico 2010 Il progetto LIFE EX-TRA Migliorare le condizioni per la conservazione dei grandi carnivori un trasferimento di buone

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia Pubblicato il: 11/12/2003 Aggiornato al: 11/12/2003 di Gianluigi Saveri Secondo la Norma 64-8 sez. 701, in funzione della pericolosità, nei locali bagno

Dettagli

arsic Italia Voltmetri

arsic Italia Voltmetri Voltmetri Il voltmetro è uno strumento per la misura della differenza di potenziale elettrico tra due punti di un circuito, la cui unità di misura è il volt con simbolo V. L'unità di misura possiede questo

Dettagli

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio KDIX 8810 Istruzioni di montaggio Sicurezza della lavastoviglie 4 Requisiti di installazione 5 Istruzioni di installazione 7 Sicurezza della lavastoviglie La vostra sicurezza e quella degli altri sono

Dettagli

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro.

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. PREMESSA: Anche intuitivamente dovrebbe a questo punto essere ormai chiaro

Dettagli

e 4 Inverter DC/AC SOFT/START Modelli: Manuale Operativo Lafayette I 12-150/300/600W 12V I 24-150/300/600W 24V

e 4 Inverter DC/AC SOFT/START Modelli: Manuale Operativo Lafayette I 12-150/300/600W 12V I 24-150/300/600W 24V Lafayette Traduzione: Studio Tecnico Mauro Vicenza - www.studiotecnicomauro.it e-mail: studiotecnicomauro@tin.it Inverter DC/AC SOFT/START Modelli: I 12-150/300/600W 12V I 24-150/300/600W 24V e 4 Manuale

Dettagli

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili Gli impianti elettrici nei cantieri edili Agli impianti elettrici nei cantieri si applicano la Sezione 704 della norma CEI 64-8 (VI Ediz.) (cantieri di costruzione e di demolizione) e la guida CEI 64-17

Dettagli

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445 Con la

Dettagli

I DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRICOLE: COSA FARE?

I DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRICOLE: COSA FARE? Comprensorio Alpino TO1 Valli Pellice, Chisone e Germanasca I DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRICOLE: COSA FARE? Il Comprensorio Alpino TO1 (CATO1) è l ambito di caccia delle valli Pellice,

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

I VANTAGGI. La caldaia elettrica! RISCALDAMENTO BASSA E ALTA TEMPERATURA ACQUA CALDA SANITARIA CLIMATIZZAZIONE PISCINE

I VANTAGGI. La caldaia elettrica! RISCALDAMENTO BASSA E ALTA TEMPERATURA ACQUA CALDA SANITARIA CLIMATIZZAZIONE PISCINE La caldaia elettrica! COME FUNZIONA Il funzionamento del sistema di riscaldamento elettrico, della caldaia M03-1 è una soluzione pulita, efficiente e flessibile nell ambiente urbano. Il sistema di riscaldamento

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 INTRODUZIONE La Norma CEI 64-8/6 tratta delle verifiche per gli impianti elettrici in BT. Le prove eseguibili sono in ordine sequenziale dirette a verificare e/o misurare: continuità dei conduttori di

Dettagli

Vogliamo ringraziarla per la fiducia accordataci, preferendo un prodotto Polti.

Vogliamo ringraziarla per la fiducia accordataci, preferendo un prodotto Polti. R Gentile Cliente, Vogliamo ringraziarla per la fiducia accordataci, preferendo un prodotto Polti. Il tavolo da stiro da Lei scelto costituisce un perfetto complemento al vapore prodotto dal Suo ferro.

Dettagli

L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO. a partire dalla costruzione di uno STABILIMENTO

L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO. a partire dalla costruzione di uno STABILIMENTO L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO a partire dalla costruzione di uno STABILIMENTO Gianni Lorenzetti La Bottega di Adò snc Energy Media Event, 22 Ottobre 2014 SIAMO PARTITI DA UNA DOMANDA E DA UNA CONSIDERAZIONE:

Dettagli

Norma 17-13. Generalità

Norma 17-13. Generalità QUADRI ELETTRICI Generalità Norma 17-13 I quadri elettrici, sono da considerare componenti dell impianto. Essi devono rispondere alla Norma CEI 17-13, che riporta le prescrizioni generali e distingue:

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

Cod. VM5U6. Impianto del vigneto Messa a dimora delle viti

Cod. VM5U6. Impianto del vigneto Messa a dimora delle viti Cod. VM5U6 Impianto del vigneto Messa a dimora delle viti Fasi di intervento Preliminari Picchettamento Interramento dei pali Messa a dimora delle barbatelle Completamento della struttura Preliminari Operazioni

Dettagli

La nostra azienda. Liberenergia è un azienda che offre prodotti e soluzioni integrate per il risparmio e l efficienza energetica.

La nostra azienda. Liberenergia è un azienda che offre prodotti e soluzioni integrate per il risparmio e l efficienza energetica. La nostra azienda Liberenergia è un azienda che offre prodotti e soluzioni integrate per il risparmio e l efficienza energetica. I servizi proposti riguardano in special modo progettazione e installazione

Dettagli

Nuove norme sulla protezione contro i fulmini

Nuove norme sulla protezione contro i fulmini Nuove norme sulla protezione contro i fulmini Pubblicato il: 31/05/2006 Aggiornato al: 31/05/2006 di Gianfranco Ceresini Nello scorso mese di aprile sono state pubblicate dal CEI le attese nuove norme

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole I lavori non elettrici alla luce della IV edizione della norma CEI 11-27 Ing. Fausto Di Tosto INAIL Coordinatore del GdL INAIL per i Lavori sotto tensione ROMA, 11 MARZO 2014

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

CPLX 200. >> Manuale di istruzioni

CPLX 200. >> Manuale di istruzioni CPLX 200 >> Manuale di istruzioni I Avvertenze Generali AVVERTENZE GENERALI Vi consigliamo di leggere attentamente le istruzioni contenute nel presente manuale in quanto forniscono infor mazioni importanti

Dettagli

Manuale d Uso e Manutenzione Scala Telescopica 4+4 COD. ABUNIALURED

Manuale d Uso e Manutenzione Scala Telescopica 4+4 COD. ABUNIALURED Manuale d Uso e Manutenzione Scala Telescopica 4+4 COD. ABUNIALURED O ABUNIALURED TELESCOPICA 4+4 CONFORME A: D.LGS. 81/08 ART. 113 EDIZIONE SETTEMBRE 2014 R1 1 MANUALE D USO E MANUTENZIONE Il presente

Dettagli

MANUALE D USO POMPE CENTRIFUGHE CON SERBATOIO PER ACQUA DI CONDENSA COD. 12170027-12170013 - 12170012-12170011

MANUALE D USO POMPE CENTRIFUGHE CON SERBATOIO PER ACQUA DI CONDENSA COD. 12170027-12170013 - 12170012-12170011 MANUALE D USO POMPE CENTRIFUGHE CON SERBATOIO PER ACQUA DI CONDENSA COD. 12170027-12170013 - 12170012-12170011 INDICE INSTALLAZIONE...3 INTERRUTTORE DI SICUREZZA...3 SCHEMA ELETTRICO...4 GRAFICI PORTATE......5

Dettagli

Il Risparmio Energetico

Il Risparmio Energetico Comune di Asti Settore Ambiente ed Edilizia Pubblica Il Risparmio Energetico Ing. Valerio Vittone RESPONSABILE UNITÀ OPERATIVA ACUSTICA ED ENERGIA DEL COMUNE DI ASTI Comune di Asti Settore Ambiente ed

Dettagli

NON ERA IL SUO MOMENTO

NON ERA IL SUO MOMENTO NON ERA IL SUO MOMENTO a cura di Danilo Chirco, Servizio Pre.S.A.L. della Asl TO 4 Che cosa è successo Un operaio è rimasto schiacciato dal portellone di una tramoggia di carico, all interno di un impianto

Dettagli

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter Western Co. Leonardo Inverter 1 Leonardo Inverter 1500 Inverter ad onda sinusoidale pura Potenza continua 1500W Potenza di picco 2250W per 10sec. Tensione di Output: 230V 50Hz Distorsione Armonica

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE

MANUALE D USO E MANUTENZIONE MANUALE D USO E MANUTENZIONE NEGATIVOSCOPIO A LED PER RADIOLOGIA INDUSTRIALE Cod. M-CB-22 DIM. CM 10 x 48 Sommario 1 Introduzione...2 2 Simboli...2 3 Utilizzo previsto...3 4 Precauzioni...3 5 Caratteristiche

Dettagli

EASYLEV ISTRUZIONI D USO I BETRIEBSANLEITUNGEN. Cod. 71503505/0

EASYLEV ISTRUZIONI D USO I BETRIEBSANLEITUNGEN. Cod. 71503505/0 BETRIEBSANLEITUNGEN EASYLEV ISTRUZIONI D USO Cod. 71503505/0 ATTENZIONE!!! LE SEGUENTI OPERAZIONI E QUELLE EVIDENZIATE DAL SIMBOLO A LATO SONO SEVERAMENTE VIETATE A CHI UTILIZZA LA MACCHINA 1. CARATTERISTICHE

Dettagli

a partire dalla progettazione e costruzione di un comparto polifunzionale industriale, artigianale, commerciale, direzionale

a partire dalla progettazione e costruzione di un comparto polifunzionale industriale, artigianale, commerciale, direzionale L EFICIENZA E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEI PARCHI INDUSTRIALI a partire dalla progettazione e costruzione di un comparto polifunzionale industriale, artigianale, commerciale, direzionale Gianni Lorenzetti

Dettagli

IMPIANTI DI TERRA Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A.

IMPIANTI DI TERRA Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. IMPIANTI DI TERRA Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli Studi di Cagliari

Dettagli

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento (seconda parte)

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento (seconda parte) Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento (seconda parte) Pubblicato il: 17/05/2004 Aggiornato al: 25/05/2004 di Gianluigi Saveri 1. L impianto elettrico L appartamento che si prende come

Dettagli

RIDURRE I COSTI ENERGETICI!

RIDURRE I COSTI ENERGETICI! Otto sono le azioni indipendenti per raggiungere un unico obiettivo: RIDURRE I COSTI ENERGETICI! www.consulenzaenergetica.it 1 Controllo fatture Per gli utenti che sono o meno nel mercato libero il controllo

Dettagli

I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott.

I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott. I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott. Ermanno Sarti Infortunio L'infortunio è l'evento occorso al lavoratore per causa violenta

Dettagli

Locali ad uso medico

Locali ad uso medico 1 Locali ad uso medico 1.1 Generalità 1. Locali di gruppo 0 e gruppo 1 (ex tipo B e A) Fra i locali considerati a maggior rischio elettrico, e quindi soggetti a specifiche prescrizioni (nuova sezione 710

Dettagli

Pensa ad una protezione integrale per la tua azienda.

Pensa ad una protezione integrale per la tua azienda. Pensa ad una protezione integrale per la tua azienda. PENSA CASTS. Per Casts sicurezza non significa solo monitorare e contrastare i tentativi d intrusione, ma anche tenere sotto controllo gli ambienti

Dettagli

CEI 64-8/7 Piscine e fontane. CEI 64-8/7 Piscine e fontane

CEI 64-8/7 Piscine e fontane. CEI 64-8/7 Piscine e fontane www.impiantitalia.it R-08 23 23 La Norma 64-8, sezione 7, trattando degli impianti elettrici particolari definisce anche i requisiti degli impianti elettrici delle piscine e delle fontane. Il campo di

Dettagli

Monitor automatico Spiratec R16C per scaricatore di condensa Istruzioni per l'operatore

Monitor automatico Spiratec R16C per scaricatore di condensa Istruzioni per l'operatore ...0 IM-P0- MI Ed. IT - 00 Monitor automatico Spiratec RC per scaricatore di condensa Istruzioni per l'operatore RC 0. Introduzione. Descrizione. Descrizione della tastiera. Funzionamento normale. Modo

Dettagli

Centronic SunWindControl SWC411

Centronic SunWindControl SWC411 Centronic SunWindControl SWC411 IT Istruzioni per il montaggio e l impiego del trasmettitore da parete per il controllo della funzione sole/vento Informazioni importanti per: il montatore l elettricista

Dettagli

E-WALL. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO SENSORE DOPPIO INFRAROSSO a TENDA da ESTERNO. Manuale di installazione ed uso. Versione 1.

E-WALL. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO SENSORE DOPPIO INFRAROSSO a TENDA da ESTERNO. Manuale di installazione ed uso. Versione 1. E-WALL SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO SENSORE DOPPIO INFRAROSSO a TENDA da ESTERNO Manuale di installazione ed uso Versione 1.0 Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti delle

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Attidium: l area archeologica diviene luogo di fruibilità turistica Importo dell opera 133.000,00 Importo del cofinanziamento

Dettagli

Manuale Operativo Stabilizzatore Elettronico di Tensione Serie STE

Manuale Operativo Stabilizzatore Elettronico di Tensione Serie STE STABILIZZATORE ELETTRONICO DI TENSIONE SERIE STE Pagina 2 di 8 INDICE 1. Sicurezza...3 Sicurezza del prodotto...3 Identificazione dei pericoli e misure di prevenzione...3 Rischi di natura elettrica...3

Dettagli

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono.

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono. 2012 11 08 pagina 1 Carica elettrica Esistono cariche elettriche di due tipi: positiva e negativa. Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa

Dettagli

IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA. Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici

IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA. Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici www.webalice.it/s.pollini 2 www.webalice.it/s.pollini 3 Componenti

Dettagli

Riferimenti NORMATIVI

Riferimenti NORMATIVI REALIZZAZIONE DI SCALE FISSE CON PROTEZIONE NORMA UNI EN ISO 14122-4 : 2010 DISTANZA TRA LA SCALA E OSTRUZIONI PERMANENTI: La distanza tra la scala e le ostruzioni permanenti deve essere: - Di fronte alla

Dettagli

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA COS È L ELETTRICITÀ Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA si produce con i generatori di corrente che possono essere chimici, meccanici oppure utilizzare l'energia del sole Generatori meccanici che producono

Dettagli

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica.

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica. 1 2 3 L energia incide sul costo di tutti i beni ed i servizi che utilizziamo ma, in questo caso, prendiamo come riferimento il costo che una famiglia di Aprilia con consumo medio sostiene ogni anno per

Dettagli

PROBLEMA. piccioni? noi lo risolviamo! General Mecc & Eliotec S.r.l. impianti per allontanamento volatili

PROBLEMA. piccioni? noi lo risolviamo! General Mecc & Eliotec S.r.l. impianti per allontanamento volatili PROBLEMA piccioni? noi lo risolviamo! General Mecc & Eliotec S.r.l. impianti per allontanamento volatili L azienda LA GENERAL MECC & ELIOTEC s.r.l. è da anni leader nel settore dell allontanamento volatili.

Dettagli

Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni

Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni di Gianluigi Saveri 1. Campo di applicazione La nona edizione della Norma CEI 11-1, derivata dal documento di armonizzazione europeo HD 637, è entrata

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 Rischio elettrico in edilizia DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 ELETTRICITA CONTATTI DIRETTI CONTATTI INDIRETTI

Dettagli

Il neutro, un conduttore molto "attivo" (3)

Il neutro, un conduttore molto attivo (3) 1 Il neutro, un conduttore molto "attivo" (3) 3. I sistemi elettrici in relazione al modo di collegamento a terra del neutro e delle masse In funzione della messa a terra del neutro e delle masse, un sistema

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero dell ex Convento San Domenico in Martina Franca, in Corso Umberto Via Metastasio, inteso

Dettagli