METODI DI PREVENZIONE DEI DANNI PRODOTTI DAI CINGHIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METODI DI PREVENZIONE DEI DANNI PRODOTTI DAI CINGHIALI"

Transcript

1 METODI DI PREVENZIONE DEI DANNI PRODOTTI DAI CINGHIALI brevi dispense a cura di Andrea Marsan Premessa Gli animali selvatici difficilmente riconoscono la proprietà privata e sono irresistibilmente attratti dalle enormi quantità di cibo che di solito si trovano all interno dei campi coltivati. Per difendere i propri coltivi o i propri giardini è possibile recintarli con i metodi più adeguati alle caratteristiche dei diversi ospiti indesiderati. Il cinghiale è l animale selvatico che crea i danni più rilevanti alle colture e per evitarli è necessario conoscere bene le modalità per evitare le sue incursioni. Con questo opuscolo la Provincia di Trieste vuole offrire alcune informazioni utili per prevenire i danni provocati dai cinghiali.

2 SISTEMI DI PREVENZIONE Si può impedire in molti modi ai cinghiali di produrre danni alle coltivazioni e ciascun metodo deve essere scelto in base ad un'analisi precisa di costi e benefici che verranno descritti in questa breve nota tecnica Recinzioni meccaniche Sono strutture che possono essere realizzate in vari modi. Per molto tempo si è pensato che fosse necessario interrarle per una profondità di cm, scelta che di fatto aumentava i costi di materiale e di messa in opera. Negli ultimi anni ha preso piede l'impiego di rete elettrosaldata con maglia di 10X10 cm appena appoggiata sul terreno: essendo rigida e dotate di punte lunghe circa 5 cm, derivate dal dimezzamento nel senso della lunghezza dei fogli che misurano 3X2 m, impediscono l'azione di scavo dei cinghiali. VANTAGGI I vantaggi di questo tipo di recinzione sono legati all assenza di manutenzione e alla loro selettività nei confronti della specie oggetto di prevenzione: piccoli mammiferi passano agevolmente nelle maglie, mentre cervidi e bovidi selvatici la saltano agevolmente. SVANTAGGI Gli svantaggi sono legati ai costi del materiale e alla messa in opera (quantificabili in euro per metro lineare), ad un certo impatto visivo sull ambiente e alla necessità di avviare quasi sempre procedure autorizzative edilizie e/o paesaggistiche. Fig.1 recinzione meccanica messa in opera nel Parco Nazionale delle Cinque Terre

3 Recinzioni elettrificate Descrizione impianto Un insieme di cavi, apparati elettrici, fili che forniscono, nel punto più lontano all alimentatore, almeno 3500 volt e 300 mjoule costituiscono una recinzione elettrificata. Se prodotta a bassa intensità (amperaggio) questa scarica di corrente genera nel malcapitato animale un fortissimo dolore, senza provocare lesioni di nessun tipo, educandolo a evitare gli ambienti protetti da questo tipo di chiusura. Negli ultimi anni le ditte specializzate nella costruzione di elettrificatori, pali di sostegno e fili conduttori hanno evoluto la loro produzione, fornendo al mercato gli strumenti più idonei alla realizzazione di recinzioni economiche, durevoli e di facile manutenzione. Solo per fare un esempio fino a vent anni fa al solo contatto con una piccola pianta gli elettrificatori disperdevano a terra tutta la corrente disponibile: gli apparati moderni sono invece in grado di sopportare, essiccandoli, una piccola quantità di vegetali che entrino in contatto con i fili conduttori. Elettrificatori Gli elettrificatori oggi disponibili sul mercato sono moltissimi, forse troppi, e questa ampia scelta può generare molti dubbi nell acquirente. Le caratteristiche tecniche di questi apparecchi li rendono in grado, se supportati da buoni conduttori, di chiudere aree il cui perimetro può variare da poche centinaia di metri a molti chilometri. Un alimentatore non è un semplice trasformatore che varia la differenza di potenziale da media o bassa ad alta ( volt), ma è costituito da un insieme di condensatori, trasformatori che modulano la corrente in modo da avere una buona differenza di potenziale (espressa in migliaia di volt/ secondo Kvolt/sec) e di scaricare velocemente una buona dose di energia (espressa in joule). Per semplificare, senza nessun riferimento alle leggi fisiche, si può dire che il voltaggio, o differenza di potenziale, rappresenta il salto che un peso deve compiere per caderci sull alluce e produrre dolore. Il peso deve però essere sufficientemente grande. Una pallina da ping-pong che precipita da due metri di altezza non ci farà nulla, così come un ferro da stiro che cade da un centimetro. Per sentire dolore dovremmo essere colpiti da un ferro da stiro (energia) che cade da un paio di metri (differenza di potenziale). Dove sia possibile è sempre consigliabile l utilizzo di elettrificatori collegati in rete:

4 sono più economici poiché l acquisto di un alimentatore non collegabile ad una presa comporta anche quello di un accumulatore e nel caso non si sia in grado di mantenere costantemente carica la batteria - di un pannello solare, il che produce una spesa più o meno tripla. Elettrificatori collegabile in rete Un elettrificatore collegabile in rete si presenta come un normale elettrodomestico, con una presa da collegare al circuito casalingo e due uscite. La prima a sinistra indica il collegamento con la terra. Una buona messa a terra è in grado di esaltare le prestazioni di un alimentatore poco potente e una cattiva è in grado di deprimere quelle di un buon elettrificatore. Nel caso di un apparecchio collegato in rete la messa a terra non dovrà essere la stessa dell impianto casalingo, dovrà anzi essere posizionata a qualche metro di distanza dalla stessa. Una buona messa a terra è costituita da una lunga punta metallica (un metro, un metro e mezzo) conficcata nel terreno umido. Per recinzioni comprensoriali (con distanze di qualche chilometro tra l alimentatore e il termine dell impianto) è consigliabile utilizzare le puntazze di rame normalmente utilizzate per la messa a terra degli impianti di casa. La seconda da sinistra va collegata ai fili conduttori dell impianto. A qualsiasi distanza sia il contatto dell animale con il filo elettrificato la scarica avverrà con la trasmissione della corrente attraverso il terreno, chiudendo il circuito con la

5 punta metallica che collega l elettrificatore al terreno. Spesso gli elettrificatori collegati in rete devono essere mantenuti in ambienti protetti o contenuti negli appositi quadri per le centraline elettriche poiché non sono predisposi per l esposizione alle intemperie. Elettrificatori collegati ad un accumulatore Questo tipo di apparecchio è predisposto per la sua collocazione in ambienti aperti e non necessitano quindi di alcuna protezione. Per rendere molto improbabile qualsiasi tipo di errore i cavi di collegamento al accumulatore e al pannello solare sono solitamente colorati uno di rosso e l altro di nero, con morsetti di tipo e dimensione diverso. Per consentire un minor consumo di corrente sono normalmente dotati di una manopola che permette di ridurre il voltaggio erogato. I pannelli solari devono essere dimensionati all energia che deve essere prodotta per mantenere carico l accumulatore, alla latitudine d esposizione e al periodo in cui viene mantenuto attivo il recinto elettrificato. Le verifiche su questo tipo di impianto dovranno essere più frequenti e l operatore dovrà dotarsi di un voltmetro idoneo alle misurazioni delle piccole differenze di potenziale. Questo misuratore può essere acquistato a poco prezzo da un qualsiasi ferramenta Un elettrificatore collegato ad un accumulatore si presenta come a lato.

6 Filo conduttore I fili conduttori sono di tipo diverso: possono essere metallici, di nylon con conduttori di rame, di nylon con conduttori di acciaio inox e di nylon con conduttori di acciaio e di inox. Si consiglia l utilizzo di fili sottili di nylon con conduttori in rame, o rame e acciaio inox, caratterizzati da scarsa resistenza ( inferiore ai 20 ohm/100 metri). Il filo di nylon, a differenza di quello metallico, è molto visibile e permette il veloce rilevamento di eventuali rotture e può essere facilmente riavvolto per il suo riutilizzo. Il filo di nylon con sottili conduttori in acciaio inox è molto economico, resiste molto bene alla torsione e allo scintillio provocato con il contatto con la terra, ma solitamente è caratterizzato da un elevata resistenza al passaggio di corrente ( diverse centinaia di ohm per 100 metri). Questa condizione tende a ridurre in modo insopportabile l efficienza degli elettrificatore e per questo motivo se ne sconsiglia l uso. Le altre soluzioni ( fettuccia alta da 1 a 4 cm. e corda da 1 cm) vengono utilizzate per il contenimento di animali domestici come i cavalli o le mucche: per gli animali selvatici si ritiene sia sufficiente il filo, molto più economico e comodo da immagazzinare, considerando che non sia necessaria una grande resistenza meccanica. Inoltre, la fettuccia oppone molta resistenza ai forti venti di bora, sottoponendo così l impianto al rischio di danneggiamenti. I pali di sostegno La loro unica funzione è quella di sostenere alla giusta altezza i fili nei quali passa la corrente o il filo di terra. Non si consiglia l utilizzo di pali metallici che possono produrre notevoli dispersione di corrente al contatto con i fili conduttori. Nelle giornate piovose inoltre si possono verificare scintillii che tendono a danneggiare i fili conduttori. I pali di sostegno in plastica, molto economici, risentono dell esposizione al sole e dell escursione termica e normalmente devono essere sostituiti dopo pochi anni. Il miglior prodotto esistente in commercio è rappresentato da quelli in vetroresina, molto leggeri, facili da installare e poco ingombranti da immagazzinare. Sono costituiti da materiale isolante e qualsiasi contatto con il filo non produce dispersioni di corrente. La distanza tra i singoli paletti deve essere intorno ai 4 m, riducendola via via se aumenta la pendenza del terreno. Il filo non deve essere troppo teso e per i cinghiali si raccomanda di posare il primo filo a 25 cm dal suolo e il secondo a 50.

7 Per i cervi e i caprioli deve essere utilizzato un terzo filo posto ad un altezza di almeno cm dal suolo. In questo caso si deve usare un filo sottile, di colore tendente al rosso che risulta essere poco visibile per questi animali. Il terreno sabbioso, asciutto (o nel nostro caso quello carsico) non permette una buona conduzione della corrente dal punto di contatto alla messa a terra dell'elettrificatore, vanificandone l'efficacia. In questo caso è sufficiente inserire, tra i due fili che portano la corrente, un filo collegato direttamente alla terra, come indicato nello schema successivo. In questo caso il circuito viene chiuso dall'animale che tocca contemporaneamente il filo di terra e quello che trasporta la corrente.

8 Misurazioni Al momento dell istallazione il tecnico deve accertarsi che nel punto più lontano dall alimentatore e dalla messa a terra vi siano almeno 3500 volt e 300 mjoule. Per questo deve essere dotato di apposita apparecchiatura digitale. Gli agricoltori dovranno invece compiere periodiche misurazioni con un voltmetro economico, a led, che è in grado di evidenziare avarie della recinzione (impianto a terra, malfunzionamento dell elettrificatore). Le misurazioni sono indicative, dipendono anche dall umidità del terreno, ma possono fornire sufficienti informazioni sul giusto dimensionamento dell impianto e sulla sua efficacia. Segnali di pericolo Una recinzione elettrificata, anche se posta in una proprietà privata, deve rispettare le seguenti prescrizioni di seguito riportate: I recinti elettrici devono essere installati e fatti funzionare in modo che non siano causa di pericolo per persone, animali e per l ambiente circostante, in modo da risultare al di fuori della portata dei bambini e che non siano sottoposti a danni meccanici e ad azioni non autorizzate. Le prescrizioni seguenti si applicano durante l installazione e il funzionamento dei recinti elettrici e dei loro elettrificatori, in quanto sono complementari ai regolamenti stabiliti dalle autorità competenti nazionali. 1. Ogni recinto elettrico, anche se a più fili, deve essere alimentato da un solo elettrificatore. 2. La distanza tra i fili del recinto e la distanza tra i conduttori di alimentazione di due qualsiasi recinti elettrici deve essere di almeno due metri. Se questo spazio deve essere chiuso, questa operazione deve essere condotta mediante materiale non conduttore. 3. In un recinto elettrico il filo spinato non deve essere elettrificato. 4. Un qualsiasi recinto elettrico, o sua parte, installato su strada o sentiero pubblico

9 deve essere identificato per mezzo di targhette fissate in maniera sicura o attaccate solidamente al filo del recinto, a breve distanza le una dalle altre. Le dimensioni delle targhette devono essere almeno 200 X 100mm. Il colore base di entrambi i lati delle targhette deve essere giallo. La scritta sulla targhetta deve essere nera e deve riportare il simbolo illustrato qui sotto, oppure la sostanza delle seguenti avvertenze attenzione recinto elettrico. L iscrizione deve essere indelebile e ciascun carattere deve essere almeno alto 25 mm. 5. Nel caso in cui sia necessario attraversare una strada pubblica con un filo o un conduttore del recinto, devono essere avvertite le autorità competenti. In ogni caso la distanza verticale tra filo e conduttore deve essere di almeno 5 metri Queste indicazioni (CEI 61011) sostituite dalle più recenti prescrizioni Cenelec, vengono riportate solo come generali indicazioni di buon senso. VANTAGGI I vantaggi di questo tipo di recinzione sono ai bassissimi costi di acquisto del materiale e dell installazione. E un sistema molto plastico che permette facilmente lo spostamento della recinzione. Non ha impatto visivo e può essere selettivo nei confronti di molte specie. SVANTAGGI Gli svantaggi sono legati alla necessità di eseguire frequenti misurazioni della corrente e periodici sfalci d erba.

10 Dissuasori acustici e luminosi Un tempo per spaventare i cinghiali si utilizzavano cannoncini a gas che periodicamente producevano un forte rumore in grado di allontanare gli animali. Anche una radiolina è in grado di produrre lo stesso effetto che però è molto limitato nel tempo. Non essendovi nessuna associazione con stimoli dolorosi gli animali si abituano molto presto a questo disturbo, così come chiunque abbia utilizzato uno spaventapasseri sa che dopo qualche giorno gli uccelli comprendono che in mezzo al campo c'è solo il simulacro di una persona che non è in grado di nuocergli. L'evoluzione della tecnologia ha prodotto apparati in grado di produrre disturbo acustico e luminoso solo quando passa un animale (essendo attivati da una fotocellula combinata ad un sensore di calore) e di variare via via il tipo di segnale: prima luci a led che si accendono accompagnate da grida o abbaiar di cani in modo che difficilmente si verifichi l'effetto spaventapasseri.

11 VANTAGGI I vantaggi di questo tipo di dissuasione sono ai bassi costi di acquisto del materiale e dell installazione. E un sistema molto plastico che permette facilmente lo spostamento della recinzione. SVANTAGGI Gli svantaggi sono legati alla ridotta superficie interessata dal disturbo e all impossibilità di utilizzare queste apparecchiature nelle vicinanze di centri abitati o case. Dissuasori olfattivi Le sostanze repellenti che vengono utilizzate sono di due tipi: i repellenti di contatto vengono utilizzati principalmente per impedire ai cervidi di accedere ai germogli della vite o di altre piante appetibili. Per semplificare un estratto di peperoncino spalmato su una gemma la può renderne molto sgradevole la brucatura, impedendo di fatto il danno alla produzione agricola. In alcune zone tuttora gli agricoltori utilizzano lo spargimento di gasolio, cherosene o naftalina per allontanare i cinghiali dai propri campi. Senza entrare nel merito di ciò che tali azioni hanno sul terreno questi sistemi si mostrano efficaci per brevi periodi soprattutto se i cinghiali hanno la possibilità di accedere ad altre fonti alimentari. I dissuasori olfattivi in commercio riproducono odori sgradevoli, in qualche caso ricordano la presenza del lupo, ma non sembrano produrre effetti soddisfacenti nel tempo. VANTAGGI I vantaggi di questo tipo di dissuasione sono ai bassi costi di acquisto del materiale e dell installazione. SVANTAGGI Gli svantaggi sono legati alla ridotta efficacia nel tempo e alla necessità di ripetere frequentemente i trattamenti. Foraggiamento dissuasivo Questo sistema è basato su un'offerta alimentare alternativa che induca i cinghiali a restare nei boschi senza cercare cibo nei coltivi. Per essere efficace dovrebbe consistere in una diffusissima rete di punti di " governa" (uno ogni 50 ettari) dove si offra pochissimo cibo con estrema regolarità. Offrendo molto cibo si aumenta la possibilità che i cinghiali aumentino il loro numero e vadano poi ugualmente a invadere i campi coltivati. L'offerta di fonti di cibo di origine antropica tende inoltre ad abituare gli animali a questo tipo di alimentazione, sfavorendo quelli che sono abituati a mangiare i prodotti dell'ambiente naturale.

12 Nel nostro caso, pare utile sottolineare maggiormente l esigenza di evitare questa pratica. L estrema vicinanza della rete delle governe attualmente esistente alle zone coltivate e/o abitate produrrebbe ( e produce ) l effetto contrario, attirando gli animali proprio dove non dovrebbero stare. Tranne pochissime eccezioni questo sistema quindi deve essere sconsigliato. VANTAGGI SVANTAGGI Aumenta la capacità di carico dell ambiente, permette la sopravvivenza dei cinghiali anche in condizioni critiche e li abitua a ricercare il cibo nelle vicinanze dei campi coltivati e dei centri abitati Per ulteriori informazioni Polizia Ambientale Territoriale: Telefono: Provincia di Trieste novembre 2014

LE RECINZIONI. elettrificate. Per la protezione di bestiame, apiari e colture. Componenti Installazione Manutenzione.

LE RECINZIONI. elettrificate. Per la protezione di bestiame, apiari e colture. Componenti Installazione Manutenzione. LE RECINZIONI elettrificate Per la protezione di bestiame, apiari e colture Componenti Installazione Manutenzione 38 Vademecum tecnico Principio di funzionamento Una recinzione elettrificata non è altro

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

Bando di accesso ai contributi per interventi di tutela delle produzioni agricole dai danni da selvaggina

Bando di accesso ai contributi per interventi di tutela delle produzioni agricole dai danni da selvaggina AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FIRENZE N. 5 Bando di accesso ai contributi per interventi di tutela delle produzioni agricole dai danni da selvaggina 1. Soggetti beneficiari - Possono accedere al presente

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

La recinzione elettrica

La recinzione elettrica La recinzione elettrica Novità elettrificatori e nuovi accessori Appendice al catalogo generale Trapper Dual AB50 Elettrificatore a batteria 6/12V H10675 AB50 Fornito senza batteria Doppia potenza Maniglia

Dettagli

Oggetto: richiesta fornitura di materiale per realizzare opere urgenti di prevenzione danni da lupi alle greggi.

Oggetto: richiesta fornitura di materiale per realizzare opere urgenti di prevenzione danni da lupi alle greggi. Azienda Agricola CASA CAPUZZOLA Dal produttore al consumatore ViaVerica 135 Pavullo n/f (MO) Tel allevamento 0536.48326 P.IVA 02833630367 Cod.Fisc. MZZDNI64A23A944E Pavullo nel Frignano (MO) 10 ottobre

Dettagli

Il recinto elettrico del professionista N 1

Il recinto elettrico del professionista N 1 Il recinto elettrico del professionista N 1 2 1956 LACMÉ + de savoir-faire 2009 La recinzione elettrica moderna Il primo fabbricante europeo In 50 anni una piccola impresa a conduzione familiare è cresciuta

Dettagli

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti;

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti; Impianto di terra Generalità L impianto di terra costituisce fondamentalmente un mezzo per disperdere correnti elettriche nel terreno e per proteggere, unitamente ai dispositivi d interruzione automatica

Dettagli

ISTRUZIONI DI USO E MANUTENZIONE STERMINATORE DI INSETTI ECOLOGICO. Disinfestazione. Dichiarazione di conformità alle norme vigenti

ISTRUZIONI DI USO E MANUTENZIONE STERMINATORE DI INSETTI ECOLOGICO. Disinfestazione. Dichiarazione di conformità alle norme vigenti ISTRUZIONI DI USO E MANUTENZIONE STERMINATORE DI INSETTI ECOLOGICO Disinfestazione Dichiarazione di conformità alle norme vigenti Codice del modello :... Matricola nr :. Anno di produzione :... Bendoni

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO NELLE ABITAZIONI CIVILI. L impianto elettrico è a norma? La scossa elettrica

IL RISCHIO ELETTRICO NELLE ABITAZIONI CIVILI. L impianto elettrico è a norma? La scossa elettrica a cura di: IL RISCHIO ELETTRICO NELLE ABITAZIONI CIVILI L impianto elettrico è a norma? Impianti elettrici non a norma possono comportare il rischio di folgorazioni, corto circuito, incendio. Per evitare

Dettagli

Induzione. La nuova frontiera della cottura LE DOMANDE PIU FREQUENTI IN TEMA DI COTTURA AD INDUZIONE. TUTTE LE RISPOSTE DI

Induzione. La nuova frontiera della cottura LE DOMANDE PIU FREQUENTI IN TEMA DI COTTURA AD INDUZIONE. TUTTE LE RISPOSTE DI Induzione La nuova frontiera della cottura LE DOMANDE PIU FREQUENTI IN TEMA DI COTTURA AD INDUZIONE. TUTTE LE RISPOSTE DI B 1) L induzione è una tecnologia nuova NO, l induzione è una tecnologia innovativa,

Dettagli

1. Presentazione del problema. 2.Ipotesi di soluzione

1. Presentazione del problema. 2.Ipotesi di soluzione 1. Presentazione del problema Al fine di sollecitare gli alunni a progettare, realizzare e verificare esperienze operative inerenti all Energia elettrica, l insegnante di Ed. Tecnica propone alla classe,

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA COS È L ELETTRICITÀ Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA si produce con i generatori di corrente che possono essere chimici, meccanici oppure utilizzare l'energia del sole Generatori meccanici che producono

Dettagli

TecnoLario Service S.r.l.

TecnoLario Service S.r.l. TecnoLario Service S.r.l. Ice Stop MANUALE DI INSTALLAZIONE PER CAVI SCALDANTI AUTOREGOLANTI Data di emissione: 27.05.2010 - Rev.1 1 IMBALLO E TRASPORTO Cavi scaldanti I cavi scaldanti sono normalmente

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME. Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1.0

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME. Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1.0 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1.0 Rilevatore Gas con Allarme HD-G088 Il rilevatore di Gas con allarme HD-G088 è un dispositivo

Dettagli

BANCHI PESCE MANUALE DI USO E MANUTENZIONE. Versione 01

BANCHI PESCE MANUALE DI USO E MANUTENZIONE. Versione 01 MANUALE DI USO E MANUTENZIONE BANCHI PESCE Versione 01 1 AVVERTENZE GENERALI INDICE 1 ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE 1.1 Controlli alla consegna 1.2 Movimentazione 1.3 Imballo 1.4 Dimensioni dell attrezzatura

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Protezione perimetrale anti-scavalcamento in fibra plastica

Protezione perimetrale anti-scavalcamento in fibra plastica Protezione perimetrale anti-scavalcamento in fibra plastica recinzioni a maglia sciolta (flessibili) muri perimetrali con filo spinato recinzioni a pannelli (tipo orsogrill) recinzioni rigide e cancellate

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME. Importato e distribuito da: Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1.

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME. Importato e distribuito da: Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1. MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 Importato e distribuito da: ALL SOLUTIONS S.p.A. Via Fabrizio Guicciardi, 10-00176 Roma Italy Tel. +39 06290880 Fax +39 0621701567 r.a. - www.alsshop.it - info@alsimpianti.it

Dettagli

AK INVERTER STAND ALONE

AK INVERTER STAND ALONE AK INVERTER STAND ALONE Inverter L'inverter è un dispositivo elettronico che trasforma corrente continua (DC) a bassa tensione proveniente da una batteria o da un'altra sorgente di alimentazione in corrente

Dettagli

CAB 0029; 0030; 0031

CAB 0029; 0030; 0031 CAB 0029; 0030; 0031 Sommario I. SCHEMA DI INSTALLAZIONE...... 3 II. III. IV. SCHEMI ELETTRICI........ 1. Schema elettrico AC 3-N-400 50/60 Hz.. 2. Schema elettrico AC 3-230 50/60 Hz.. 3. Schema elettrico

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31 SINONIMI Descrizione sintetica Gabbie in rete metallica zincata a doppia torsione e maglia esagonale, riempite in loco con pietrisco di pezzatura minima 15 cm, disposti a file parallele sovrapposte. Talee

Dettagli

Funzionamento del sistema SunTech e MAB

Funzionamento del sistema SunTech e MAB Funzionamento del sistema SunTech e MAB Il sistema SunTech è un efficace antifurto per pannelli fotovoltaici basato sulla fibra ottica. La scheda di controllo ETER 486 analizza il flusso di luce che attraversa

Dettagli

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani Comune di Giuliano Teatino Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani 100% compostaggio domestico ANALISI DELLE CRITICITÀ E PROPOSTE RISOLUTIVE PER LE UTENZE

Dettagli

2. PRECAUZIONI DI SICUREZZA

2. PRECAUZIONI DI SICUREZZA INDICE 1. Prefazione 2 2. Precauzioni di sicurezza 3 3. Struttura.. 4 4. Modo d uso. 5 a) Controllo ausiliario e display LED... 5 b) Telecomando.. 6 c) Modo d uso 7 5. Manuale operativo.. 11 6. Manutenzione.

Dettagli

Sonde di rilevazione gas serie UR20S

Sonde di rilevazione gas serie UR20S Sonde di rilevazione gas serie UR20S Caratteristiche principali - Tre modelli per Metano, Gpl e Monossido di Carbonio. - Logica proporzionale o a soglie. - Uscita analogica 4 20 ma - Protezione IP55 -

Dettagli

RISPARMIARE ENERGIA ELETTRODOMESTICI. I consumi degli elettrodomestici pesano per circa l 80% sulla bolletta

RISPARMIARE ENERGIA ELETTRODOMESTICI. I consumi degli elettrodomestici pesano per circa l 80% sulla bolletta RISPARMIARE ENERGIA ELETTRODOMESTICI I consumi degli elettrodomestici pesano per circa l 80% sulla bolletta dell energia elettrica di casa. Per risparmiare energia è importante, come prima cosa, imparare

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Che cos è la corrente elettrica? Nei conduttori metallici la corrente è un flusso di elettroni. L intensità della corrente è il rapporto tra la quantità

Dettagli

PREMESSA INDICE. GRAMEGNA S.r.l. PAG. DESCRIZIONE DELLA MACCHINA... 2 DATI TECNICI... 4 NORME DI SICUREZZA... 4

PREMESSA INDICE. GRAMEGNA S.r.l. PAG. DESCRIZIONE DELLA MACCHINA... 2 DATI TECNICI... 4 NORME DI SICUREZZA... 4 INDICE PAG. PREMESSA Vi ringraziamo per la preferenza accordataci e siamo lieti di potervi annoverare tra i nostri affezionati clienti. La nostra spollonatrice, progettata e realizzata con i sistemi più

Dettagli

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE Il Manuale della Presagomatura 49 5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE La posa in opera delle armature è un operazione di grande importanza dal punto di vista della qualità, durabilità

Dettagli

ATTENZIONE! AVVERTIMENTO!

ATTENZIONE! AVVERTIMENTO! ATTENZIONE! Questo strumento è stato progettato in conformità alle norme di sicurezza CEI EN 61010 per prevenire infortuni all operatore se correttamente e propriamente usato. Tuttavia, nessuna progettazione

Dettagli

CAPITOLO I Principi generali. Art.1

CAPITOLO I Principi generali. Art.1 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA PREVENZIONE, L ACCERTAMENTO ED IL RISARCIMENTO DEI DANNI CAUSATI ALLE OPERE ED ALLE COLTURE AGRICOLE E FORESTALI DALLA FAUNA SELVATICA E DALL ATTIVITÀ VENATORIA CAPITOLO

Dettagli

1 IMPIANTI DI MESSA A TERRA. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

1 IMPIANTI DI MESSA A TERRA. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 IMPIANTI DI MESSA A TERRA 1 2 IMPIANTI DI MESSA A TERRA INTRODUZIONE Il momento più opportuno per iniziare l installazione dell impianto di messa a terra coincide con le fasi di scavo delle fondamenta.

Dettagli

C K H G. V.lla 4800 R - M0S05372 - Edizione 1H03

C K H G. V.lla 4800 R - M0S05372 - Edizione 1H03 M L E A C K B J D H G F I V.lla 4800 R - M0S05372 - Edizione 1H03 ITALIANO Vaporella 4800 R A) Tappo brevettato di sicurezza B) Interruttore luminoso caldaia C) Interuttore luminoso generale ferro D) Cavo

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE AIA E SAIA DEL ONDENSATOE a. Studiare la scarica del condensatore della figura che è connesso I(t) alla resistenza al tempo t=0 quando porta una carica Q(0) = Q 0. Soluzione. Per la relazione di maglia,

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico SOMMARIO 1. GENERALITÀ 4 1.1 Premessa 4 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 2.1 Distribuzione 5 2.1.1 Impianto elettrico esterno e locali speciali. 6 2.1.2 Impianto

Dettagli

Rivelatori di fughe gas Serie CIVIC1 - CIVIC4

Rivelatori di fughe gas Serie CIVIC1 - CIVIC4 Rivelatori di fughe gas Serie - Caratteristiche principali - Adatti per applicazioni domestiche e industriali. - Funzionamento mediante elettronica con autodiagnostica. - Collegabili fino a 4 sensori IP44

Dettagli

Protezione perimetrale anti-scavalcamento in fibra plastica

Protezione perimetrale anti-scavalcamento in fibra plastica Protezione perimetrale anti-scavalcamento in fibra plastica Recinzioni a maglia sciolta Muri perimetrali con filo spinato Recinzioni modulari (tipo Orsogril/ Keller/ Betafence/ Pratika) Recinzioni rigide

Dettagli

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl Serie CF3q < Apparecchiatura di controllo di fiamma > SAITEK srl www.saitek.it info@saitek.it Casalgrande (RE) ITALY Tel. +39 0522 848211 Fax +39 0522 849070 CONTROLLO DI FIAMMA SERIE C F 3 Q pag. 1 di

Dettagli

L' IMPIANTO DI MESSA A TERRA

L' IMPIANTO DI MESSA A TERRA L' IMPIANTO DI MESSA A TERRA SCELTA E DIMENSIONAMENTO DEI COMPONENTI ELETTRICI Nella sesta edizione della norma, il capitolo 54 "Messa a terra e condutture di protezione" ha subito poche modifiche, che

Dettagli

P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E LA TUTELA DEI CANI

P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E LA TUTELA DEI CANI U NIONE DEI COMUNI L O M B ARDA DELLA VALLETTA P r o v i n c i a d i L e c c o REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E LA TUTELA DEI CANI Approvato con deliberazione dell Assemblea n. 14 del 29/07/2014 INDICE

Dettagli

parco nazionale dell alta murgia

parco nazionale dell alta murgia DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N.o3 i del L OCCETTO PIANo TRIENNALE 1)1 GESTIONE DEL CINGHIALE SUS SCROFA NEL PARCO NAZIONALE DELL ALTA MLJRGIA liquidazione E PALAMKN I () I)ISSUASORI ACLJSTICI RECINZIONI

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

INDICE. 1591016100 XV300K IT r.1.0 03.06.2011.doc XV300K 2/13

INDICE. 1591016100 XV300K IT r.1.0 03.06.2011.doc XV300K 2/13 XV300K INDICE 1 VERIFICHE PRELIMINARI GARANZIA E SMALTIMENTO... 3 2 XV300K CARATTERISTICHE D IMPIEGO... 3 3 SCELTA DEL REGOLATORE CODIFICA... 4 4 CARATTERISTICHE TECNICHE... 4 5 NORMATIVE... 5 6 INSTALLAZIONE

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO due GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO CASA sicura LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI Ministero delle Attività Produttive Direzione Generale Armonizzazione Mercati e Tutela Consumatori www.casasicura.info

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende:

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: - tre piani fuori terra con una scala interna; - tre appartamenti per piano aventi rispettivamente una superficie di circa 50 m 2, 100

Dettagli

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi Bergamo 10 febbraio 2012 dott. Giuseppe Trapletti Quali sono le principali situazioni di rischio elettrico?

Dettagli

Guida al corretto utilizzo del riscaldamento contabilizzato Conteggio individuale delle spese di riscaldamento

Guida al corretto utilizzo del riscaldamento contabilizzato Conteggio individuale delle spese di riscaldamento Guida al corretto utilizzo del riscaldamento contabilizzato Conteggio individuale delle spese di riscaldamento Introduzione alla contabilizzazione del calore Il riscaldamento è una fra le più rilevanti

Dettagli

LIBRETTO INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE SAUNA INFRAROSSI

LIBRETTO INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE SAUNA INFRAROSSI LIBRETTO INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE SAUNA INFRAROSSI Introduzione Grazie per aver acquistato la nostra sauna ad infrarossi. La sauna ad infrarossi ti aiuta a bruciare le calorie, ridurre le tossine

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico

L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico 1. Generalità Un centro estetico può essere un locale a se stante (fig. 1), oppure essere inserito all'interno di una struttura più grande, come un albergo,

Dettagli

2. la punta è di colore rosso o rosso-bianco-rosso, se contiene il nome/logo del sentiero da collocare sul campo bianco;

2. la punta è di colore rosso o rosso-bianco-rosso, se contiene il nome/logo del sentiero da collocare sul campo bianco; ALLEGATO 2 Criteri standard per la Segnaletica Verticale previsti dalla Commissione Centrale per l'escursionismo del CAI fatti propri dal DPGRT 61/R/2006 (Regolamento di attuazione della LR 17/1998 RET

Dettagli

La cura del vostro Pianoforte Kawai

La cura del vostro Pianoforte Kawai La cura del vostro Pianoforte Kawai La cura del vostro pianoforte Kawai Ogni singolo pianoforte KAWAI è stato costruito con la massima attenzione e dedizione da provetti artigiani. Solo avendone la giusta

Dettagli

Perché proteggere i campi fotovoltaici. Perché scegliere un sistema antintrusione per recinzioni

Perché proteggere i campi fotovoltaici. Perché scegliere un sistema antintrusione per recinzioni SECURE YOUR ENERGY Perché proteggere i campi fotovoltaici Per salvaguardare gli investimenti effettuati in un campo fotovoltaico è necessario proteggere l impianto dal furto dei pannelli solari e dagli

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE LE CANNE FUMARIE Il camino, o canna fumaria, è il componente dell impianto termico che serve principalmente a smaltire i prodotti della combustione del generatore di calore nell atmosfera. Per tracciare

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE "7" Mod. PCEM 70 CFEM 70. Cod. 252.117.00

CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE 7 Mod. PCEM 70 CFEM 70. Cod. 252.117.00 ~ ~ CUCINE ELETTRICHE / FORNO ELETTRICO SERIE "7" Mod. PCEM 70 CFEM 70 Cod. 252.117.00 INDICE Paragrafo ISTRUZIONI PER L'ISTALLATORE 1 Rispondenza alle direttive CEE 1.1 Schemi di installazione 1.2 Schemi

Dettagli

Isolatori per fili e cordoni fissaggio su paletti legno

Isolatori per fili e cordoni fissaggio su paletti legno 57 Isolatori per fili e cordoni fissaggio su paletti legno lva Iva: isolatore vite legno per filo, cordone e nastro fino a 12 mm. Bordi arrotondati per proteggere i conduttori. Vite con tecnologia HPX

Dettagli

MeteoSense Manuale Installazione cod. DTC0201300I - rev. 1.0. Manuale Installazione

MeteoSense Manuale Installazione cod. DTC0201300I - rev. 1.0. Manuale Installazione MeteoSense Manuale Installazione cod. DTC0201300I - rev. 1.0 Manuale Installazione Indice 1. Guida all installazione Stazione Base... 3 1.1. Scelta del punto di installazione... 3 1.2. Installazione della

Dettagli

Lunghezza di un antenna In generale l antenna ideale è lunga esattamente quanto la lunghezza d onda della frequenza per cui viene utilizzata.

Lunghezza di un antenna In generale l antenna ideale è lunga esattamente quanto la lunghezza d onda della frequenza per cui viene utilizzata. Antenne Premessa L antenna di un ricetrasmettitore è uno degli elementi più importanti per la buona riuscita di una trasmissione (ricezione): senza di essa anche il miglior apparecchio radio diventa inutilizzabile.

Dettagli

Istruzioni per l uso STYLER PER CAPELLI. STYLER PER CAPELLI IT pagina. 00331.indd 1 30/06/10 13.2

Istruzioni per l uso STYLER PER CAPELLI. STYLER PER CAPELLI IT pagina. 00331.indd 1 30/06/10 13.2 Istruzioni per l uso STYLER PER CAPELLI STYLER PER CAPELLI IT pagina 1 00331.indd 1 30/06/10 13.2 [Z] 1 2 3 6 9 7 5 4 8 TYPE G3501 220-240V 50/60 Hz 105 W 00331.indd 1 30/06/10 13.2 ISTRUZIONI PER L USO

Dettagli

CASA IN LEGNO A BASSO CONSUMO ENERGETICO

CASA IN LEGNO A BASSO CONSUMO ENERGETICO CASA IN LEGNO A BASSO CONSUMO ENERGETICO Perché consumare meno Perché in legno Esempio concreto Costi IL CONSUMO ENERGETICO IL CONSUMO ENERGETICO IL CONSUMO MEDIO DEGLI EDIFICI E C.A. 18-21 L/mq a GLI

Dettagli

ANTENNA HALF-SLOPER. PER 160m

ANTENNA HALF-SLOPER. PER 160m ANTENNA HALF-SLOPER BY IK4CIE Vittorio PER 160m Anzitutto preciso che si chiama "sloper" e non "slooper" dal vocabolo inglese "slope" che vuole dire "inclinato". Il termine "sloper" indica un dipolo completo

Dettagli

Introduzione. La scatola contiene alcuni materiali e un DVD. I contenuti del DVD sono: - un manuale e una animazione dedicati agli edifici

Introduzione. La scatola contiene alcuni materiali e un DVD. I contenuti del DVD sono: - un manuale e una animazione dedicati agli edifici IUSES Toolkit Introduzione Il kit nasce quale supporto per la realizzazione di esperimenti sull efficienza energetica, il risparmio energetico e l uso delle energie rinnovabili. È dedicato principalmente

Dettagli

Introduzione agli Impianti Solari Termici

Introduzione agli Impianti Solari Termici Premessa Il solare termico è la tecnologia che permette la conversione diretta dell energia solare in energia termica (calore). Il termiche include sistemi di riscaldamento dell acqua e/o dell aria (per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO Il mondo della natura Non viventi Viventi animali piante funghi invertebrati vertebrati

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

Rivelatori fughe gas metano e GPL GAS SENTINEL Serie GSX - GSW

Rivelatori fughe gas metano e GPL GAS SENTINEL Serie GSX - GSW Rivelatori fughe gas metano e GPL GAS SENTINEL Serie GSX - GSW Caratteristiche principali - Adatti per applicazioni domestiche - Funzionamento mediante elettronica a microprocessore - Disponibili nelle

Dettagli

Pali e paline in vetroresina. OEC Catalogo Prodotti

Pali e paline in vetroresina. OEC Catalogo Prodotti Pali per illuminazione Serie PLV/6-169 PALINA in VETRORESINA per ILLUMINAZIONE Articolo: Vedi Tabelle Caratteristiche tecniche: Resina poliestere rinforzata con fibra di vetro (Vetroresina) di qualsiasi

Dettagli

RADIATORI ELETTRICI Manuale d uso e manutenzione TYROOL V CLAYSTEEL L CLAYSTEEL S MAXIKOTTO 06 FLEXY SLIMMY

RADIATORI ELETTRICI Manuale d uso e manutenzione TYROOL V CLAYSTEEL L CLAYSTEEL S MAXIKOTTO 06 FLEXY SLIMMY RADIATORI ELETTRICI Manuale d uso e manutenzione TYROOL V CLAYSTEEL L CLAYSTEEL S MAXIKOTTO 06 FLEXY SLIMMY Complimenti! Siete ora proprietari di un radiatore elettrico ThermalMatiria I radiatori elettrici

Dettagli

Merloni Elettrodomestici. Manuale Tecnico di Incasso FORNI. Lingua Emissione/Edizione Pagina I 99-09-16/01 1-18

Merloni Elettrodomestici. Manuale Tecnico di Incasso FORNI. Lingua Emissione/Edizione Pagina I 99-09-16/01 1-18 I 99-09-16/01 1-18 Indice 1 DIMENSIONI DI INGOMBRO E DI INCASSO 3 1.1 Forno da 60 cm 3 1.2 Maxiforno 4 2 INSTALLAZIONE FORNO DA INCASSO 5 3 DA INCASSO A GAS - REQUISITI PER L INSTALLAZIONE 6 4 FISSAGGIO

Dettagli

MANUALE D INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE BLITZ FMCX_

MANUALE D INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE BLITZ FMCX_ MANUALE D INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE IST 03 F 035-01 BLITZ FMCX_ Radiatori elettrici IT Gentile Cliente: Ringraziandola per la preferenza da Lei espressa e prima di installare e/o utilizzare il prodotto

Dettagli

highest efficiency rates perfect heating to save energy costs

highest efficiency rates perfect heating to save energy costs highest efficiency rates perfect heating to save energy costs Infrarossi: ispirazione dalla natura Solo il tepore dei raggi del sole è stato in grado di generare la vita sulla terra. Il calore che noi

Dettagli

Camini e canne fumarie, perché tutti questi incendi?

Camini e canne fumarie, perché tutti questi incendi? Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Camini e canne fumarie, perché tutti

Dettagli

Impianti di Messa a Terra

Impianti di Messa a Terra FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Impianti di Messa a Terra Prof. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Normativa L'impianto di terra può essere

Dettagli

Il Risparmio Energetico

Il Risparmio Energetico Comune di Asti Settore Ambiente ed Edilizia Pubblica Il Risparmio Energetico Ing. Valerio Vittone RESPONSABILE UNITÀ OPERATIVA ACUSTICA ED ENERGIA DEL COMUNE DI ASTI Comune di Asti Settore Ambiente ed

Dettagli

INTELLIGENT BEGHELLI. SICUREZZA E TECNOLOGIA PER IL BENESSERE Rivelatore assenza rete elettrica ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L USO

INTELLIGENT BEGHELLI. SICUREZZA E TECNOLOGIA PER IL BENESSERE Rivelatore assenza rete elettrica ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L USO INTELLIGENT BEGHELLI SICUREZZA E TECNOLOGIA PER IL BENESSERE Rivelatore assenza rete elettrica Beghelli IMPORTANTE: LEGGERE ATTENTAMENTE LE AVVERTENZE PRIMA DI UTILIZZARE IL PRODOTTO. CSERVARE C CURA IL

Dettagli

Elettricità Pagina 1

Elettricità Pagina 1 Elettricità Pagina 1 S c i e n z e n a t u r a l i L'elettricità Scuola media Classe IV Giubiasco, giugno 2006 SOMMARIO 1. Produzione e costo dell'elettricità... 1 1.1. La fattura per la fornitura di energia

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 INDICE pag. 1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 2.1 PREMESSA... 2 2.2 CABINA MT/BT... 2 2.3 IMPIANTO DI TERRA... 3 2.4 QUADRI ELETTRICI... 3 2.5 DISTRIBUZIONE ELETTRICA... 5 2.6 APPARECCHI DI

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Incontro tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Per. Ind. Gastone Guizzo 1 Padova, 04 febbraio 2012 La Norma CEI EN 50522

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

ISTRUZIONI E AVVERTENZE PER L USO DI SMOOTHER

ISTRUZIONI E AVVERTENZE PER L USO DI SMOOTHER SMOOTHER pedicure system MACOM ISTRUZIONI E AVVERTENZE PER L USO DI SMOOTHER Art.: 903 Avvertenze Leggere prima di utilizzare l apparecchio Se si avverte dolore o irritazione durante l uso dell apparecchio

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

SICUREZZA e VETRAZIONI

SICUREZZA e VETRAZIONI ME 44 Dal perito SICUREZZA e VETRAZIONI Nella progettazione di vetrazioni edilizie, la norma principale di riferimento è la UNI 6534:1974 Vetrazioni in opere edilizie. Progettazione, materiali e posa in

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi L'armatura deve comunque possedere le seguenti caratteristiche: essere realizzata in modo da evitare il rischio di seppellimento: in un terreno incoerente, la procedura deve consentire di disporre armature

Dettagli

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria. Pietro Piccarolo. Realizzazione e gestione del verde pubblico

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria. Pietro Piccarolo. Realizzazione e gestione del verde pubblico Realizzazione e gestione Quando si progetta e realizza un area verde, non si può prescindere da quella che sarà la sua gestione. Una manutenzione inadeguata infatti, porta inevitabilmente al degrado dell

Dettagli

La Casa Passiva. Un lavoro: Verachi _ Rosso

La Casa Passiva. Un lavoro: Verachi _ Rosso La Casa Passiva Un lavoro: Verachi _ Rosso Le Case Passive sono edifici che hanno un fabbisogno annuale di riscaldamento minimo. La casa è detta passiva perché la somma degli apporti passivi di calore

Dettagli