Terapia termale e medicina dello sport: patologia delle alte vie respiratorie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Terapia termale e medicina dello sport: patologia delle alte vie respiratorie"

Transcript

1 Terapia termale e medicina dello sport: patologia delle alte vie respiratorie Università degli Studi di Milano Cattedra di Terapia Medica e Medicina Termale Centro Studi e Ricerche di Medicina Termale Scuola di Specializzazione in Idrologia Medica Direttore: prof. G. Nappi Istituto Superiore di Educazione Fisica della Lombardia Direttore: prof. G. Pizzini G. Nappi, S. De Luca, M.M. Masciocchi RIASSUNTO Le affezioni croniche e recidivanti delle vie aeree superiori che colpiscono l'atleta condizionano in maniera rilevante la qualità e la quantità dell'attività sportiva. Lo studio condotto presso le Terme Sanpellegrino (Bg) -Italy- su 107 atleti affetti da patologie otorinolaringoiatriche ha accertato il ruolo della terapia inalatoria termale nel ridurre le componenti sintomatologiche e flogistiche. PAROLE CHIAVE: Acque minerali, Terapia inalatoria, Atleta, Otorinolaringoiatria SUMMARY Inhalation therapy at the spas and sports medicine: pathologies of the upper respiratory tracts Athletes are often afflicted by chronic and relapsing diseases of the upper respiratory tracts, which influence considerably both quality and quantity of their sport practice. An aimed research was carried out at the watering resort of San Pellegrino Terme,

2 (Bergamo, Italy) on 107 athletes suffering from otorhinolaryngological pathologies. The results showed the positive effect of the inhalation therapy in reducing both the simptomatologic and the phlogistic elements. KEY WORDS: Mineral waters, Inhalation therapy, Athlete, Otorinolaryngology Il Centro Studi e Ricerche di Medicina Termale di Milano, in dieci anni di attività, si è occupato di movimento, educazione motoria e riabilitazione in ambito medico-sportivo. Anche in collaborazione con l'isef della Lombardia ha condotto ricerche sulle possibilità dell'intervento termale nell'attività sportiva a qualsiasi livello condotta. Lo sportivo è, tranne particolari categorie, un organismo integro, che è in buona forma fisica o la deve raggiungere, mantenere e migliorare, che deve fornire prestazioni ottimali in allenamento ed in gara se agonista, che necessita spesso di veloci tempi di recupero e che, in seguito ad infortunio o malattia, deve recuperare in maniera completa. La medicina dello sport fornisce di conseguenza un ottimo materiale di studio al ricercatore anche idrologo, impegnandolo a portare la terapia termale ai massimi livelli di efficacia a partire da condizioni spesso già ottime. La qualità dell'attività respiratoria nell'attività sportiva è oggetto di crescente attenzione anche in ambito medico-termale dall'evidenza che patologie croniche e/o recidivanti delle vie aeree superiori sono di frequente riscontro ed in costante aumento, senza ovviamente risparmiare lo sportivo. La ridotta efficienza della funzione respiratoria causa cali di forma e sospensioni dell'attività fisica frequenti in quanto legate a patologie "banali" ma estremamente diffuse e che, data la natura cronica o spesso virale, non dispongono di rimedi risolutivi o rapidamente efficaci né di una terapia etiologica. La terapia termale è in grado di ridurre l'intensità e la frequenza degli episodi acuti infiammatori ed attenuare la sintomatologia di fondo interepisodica spesso presente nelle malattie croniche e su questo si focalizza l'attenzione della nostra ricerca. L'INTERVENTO TERMALE NELLO SPORTIVO Caratteristiche ed esigenze dello sportivo sono schematizzate in tabella 1. In tabella 2 sono evidenziati i fattori, ovviamente i variabili, che possono essere influenzati in misura maggiore o minore dalla terapia termale o dai cofattori termali, tra i quali in particolare il clima. Alimentazione E' nota l'importanza dell'apporto idrico in allenamento ed in competizione e delle modalità di assunzione in relazione al tipo di attività svolta. L'attenzione della medicina termale si rivolge oggi prevalentemente all'aspetto qualitativo al fine di ottenere un apporto idrico utile non solo quantitativamente ma in relazione all'apporto elettrolitico, al tamponamento delle valenze acide, allo smaltimento dei cataboliti e, non da ultimo, all'integrazione di alcuni costituenti minerali fondamentali (1, 2, 3, 4). Ambiente di allenamento e di gara

3 La ricerca climatologica si rivolge sia verso l'ambiente esterno che verso il microclima confinato dei luoghi adibiti ad attività sportiva. Nel caso di siti aperti (campi sportivi, percorsi di gara, etc.) messi in atto tutti gli accorgimenti tecnici del caso (abbigliamento, calzature ed altro materiale adeguati) e data l'ineluttabilità delle condizioni atmosferiche, l'attenzione si rivolge al grado di adattamento (preparazione) raggiunto dal soggetto e che permette al suo fisico di adeguarsi a condizioni che non possono essere modificate ed interviene lo studio delle risposte dell'organismo alle variabili atmosferiche, alla latitudine e all'altitudine (5). Nei siti chiusi (palestre, piscine) gli adattamenti principali possono essere attuati (climatizzazione) operando interventi sull'ambiente termico, sulla qualità dell'aria, sui livelli di ionizzazione, etc.. Una considerazione merita il degrado atmosferico che coinvolge entrambi i siti. Questa variabile, non controllabile a breve termine nell'aria esterna, è spesso trascurata anche negli ambienti indoor nei quali inoltre, agli inquinanti atmosferici provenienti dall'esterno, si sommano eventuali sostanze emesse dai materiali da costruzione, impianti di condizionamento, rivestimenti ed arredi (6, 7, 8, 9). Condizione fisica e condizione psicologica Tra i fattori in grado di influenzarle troviamo l'idratazione, la prevenzione dello stato di fatica, il rapido smaltimento dei cataboliti e, con particolare riferimento alla condizione psicologica ed all'attenzione necessaria all'apprendimento e all'attuazione delle tecniche e delle tattiche, lo stato di ionizzazione dell'aria (1, 7). Stato di salute La terapia termale in medicina dello sport è utilizzata con finalità di prevenzione, cura e riabilitazione (tab. 3). Gli obiettivi di prevenzione si identificano fondamentalmente in tutti i provvedimenti volti ad ottenere (o recuperare) e mantenere lo stato di forma fisica (10). Avendo per obiettivo la sicurezza nelle prestazioni e la qualità nelle medesime, i provvedimenti preventivi hanno particolare significato sia per l'uomo-atleta che, soprattutto, per il raggiungimento delle sue massime potenzialità di espressione sportiva. La prevenzione e la terapia interessano lo stato di salute soprattutto attraverso l'intervento su: forma fisica patologie ricorrenti o cronico-recidivanti La FORMA FISICA, concetto che, semplificato, può essere espresso dall'affermazione "la buona forma fisica comincia da quando si possono fornire prestazioni leggermente superiori a quelle richieste dalla vita di tutti i giorni", è quantizzabile con parametri in gran parte riferiti alla funzione respiratoria (VO 2 max, VO 2 /kg, PO 2, PCO 2, ph plasmatico, soglia anaerobica, etc.). L'American College of Sport Medicine (ACSIM) ha proposto un semplice schema di autovalutazione basato sulla qualità delle prestazioni cardiocircolatorie ed osteo-artro-muscolari in relazione all'età. L'attenzione dei ricercatori e degli operatori è dunque rivolta anche e soprattutto alla funzione respiratoria, troppo spesso data per garantita nella sua integrità. Anche se nello sportivo non è presente un'alterazione patologica evidente della funzione respiratoria, la sua compromissione (od il suo stato non ottimale) cronicamente mantenuta o episodico/recidivante interviene alterando la prestazione sportiva ed esponendo il soggetto a rischi traumatici di natura endogena. Le PATOLOGIE RICORRENTI, con particolare riferimento alle vie aeree, hanno un'opzione di privilegio nella terapia termale che si è dimostrata in grado di ridurre sensibilmente le recidive flogistiche sia a carico delle vie aeree superiori che inferiori. Alla riduzione degli episodi acuti riscontrabile nelle casistiche (con evidenza nel calo dell'assenteismo lavorativo e nel consumo di farmaci) corrisponde verosimilmente un altrettanto

4 importante riduzione ed attenuazione della frequenza di allontanamento dall'attività di allenamento e dalle competizioni. Anche in caso di pazienti nei quali le recidive si manifestano in conseguenza di una patologia cronica (asma bronchiale, bronchite cronica, più raramente broncopneumopatie croniche ostruttive o restrittive) l'intervento di prevenzione secondaria riduce il numero delle recidive e si oppone all'evoluzione ingravescente della compromissione anatomo-patologica e funzionale di base (11, 12, 13, 14, 15, 16, 17). LA TERAPIA TERMALE NELLE FLOGOSI RICORRENTI E RECIDIVANTI DELLE VIE AEREE SUPERIORI In tabella 4 sono schematizzate le azioni della terapia termale sulle via aeree superiori, in tabella 5 gli obiettivi ricercati e conseguibili. Consideriamo che: 1. gli attacchi alle VAS sono oggi moltiplicati (polluzione atmosferica, etc.); tali attacchi (fisici e chimici) compromettono le difese immunitarie predisponendo le VAS a patologie infettive 2. le patologie flogistiche delle VAS riconoscono con grande frequenza un'etiologia virale (terapia non attuabile), la prevenzione primaria è attualmente difficoltosa, la terapia medica delle flogosi batteriche è a volte poco efficace (sinusiti) 3. sono frequenti condizioni di relativa immunocarenza di base (e da sforzo) nello sportivo 4. uno stato cronico di indebolimento delle difese o di alterata dinamica del respiro a livello delle VAS coinvolge quasi inevitabilmente anche le VAI. Il punto 3 merita un approfondimento. Sembra accertato che lo sforzo fisico protratto induca modificazioni del sistema immunitario con deficit immunologici. In una condizione che è pur sempre di stress e di conseguenza potenzialmente immunodepressiva si sono osservati fenomeni di leucocitosi dopo sforzo ma con decremento significativo della blastizzazione leucocitaria sia granulocitica-macrofagica che linfocitaria. Un deficit immunitario, seppure transitorio, potrebbe presentarsi come rischio nella popolazione che pratica sport in particolare a livelli elevati con riscontro più frequente, rispetto alla popolazione di non sportivi, di manifestazioni febbrili di origine probabilmente virale, e conseguenti stati debilitativi. Sembra inoltre accertato che la carenza (indotta dallo sforzo) della concentrazione intralinfocitaria di enzimi del metabolismo purinico (ADA - adenosinadeaminasi e PNP - purinonucleotidefosforilasi) sia strettamente correlata con il deficit dell'attività linfocitaria. Sembra esistere una stretta correlazione tra deficit immunitario e difetti metabolici correlati soprattutto con una insolita ripartizione enzimatica tra i compartimenti intra ed extracellulari. Il trattamento termale è accreditato dalla ricerca per un potenziamento delle attività di difesa immunitaria (18, 19).

5 LA TERAPIA TERMALE NELLE FLOGOSI RICORRENTI E CRONICO - RECIDIVANTI DELLE V.A.S. : DATI PRELIMINARI SU UNA CASISTICA DI SPORTIVI OBIETTIVI DEL'INDAGINE Il progetto prevede una serie di lavori atti ad accertare il ruolo della crenoterapia inalatoria nel migliorare il rendimento delle prestazioni atletiche per l'azione curativa sulle patologie croniche e/o recidivanti delle vie aeree superiori. Lo studio prevede l'acquisizione di due dati fondamentali: 1) Riduzione delle componenti patologiche con conseguente miglioramento della resa atletica per riduzione della compromissione dello stato generale e della funzione respiratoria 2) Riduzione del numero e dell'intensità delle recidive. In conseguenza della necessità di osservare i pazienti in casistica per un lungo periodo di tempo i risultati dell'indagine riguardo il secondo punto non sono ancora disponibili. Per ottenere informazioni attendibili è infatti necessario controllare per due-tre anni una serie di indici clinici e socio-economici. Per poter accertare l'azione della terapia termale in relazione agli obiettivi espressi nel punto "1" è necessario procedere alle seguenti verifiche: a) Azione terapeutica della terapia termale inalatoria sulle patologie croniche delle vie aeree superiori nell'atleta b) Miglioramento conseguente dello stato di forma. La disponibilità di materiale ha permesso in prima istanza lo studio del punto "a". CASISTICA Presso le terme Sanpellegrino (Bg), nel corso delle stagioni termali 1996 e 1997 è stato selezionato un campione di 107 pazienti (Figura 1) che svolgevano attività sportiva a vari livelli e che accedevano alle terapie perché affetti da patologie croniche e recidivanti delle prime vie aeree. La maggior parte del campione era costituita da dilettanti ed amatori, ma non mancavano professionisti di alto livello. Come emerge dalla figura 1 l'età media era di anni (min.=7; max.=47 aa.) con mediana a 30. Tra le localizzazioni prevalgono i seni paranasali. PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO I pazienti sono stati sottoposti ad un ciclo terapeutico di 12 giorni che comprendeva giornalmente:

6 - inalazione a getto di vapore con acqua solfato-bicarbonato-alcalino terrosa "Sorgente Vita" della durata di 10 minuti; - aerosol nasale o faringeo con le stesse modalità. INDICI DI ESITO Prima e dopo il ciclo terapeutico i pazienti sono stati valutati in base ai parametri relativi al Progetto Naiade (art. 2, 1 comma, lett. b, D.M ) secondo le indicazioni della Commissione di studio per la definizione medico scientifica del ruolo delle cure termali nell'ambito delle prestazioni del Servizio Sanitario Nazionale (D.M ) (figure 2 e 3). Contemporaneamente sono stati rilevati i dati che permetteranno di valutare l'efficacia a distanza e che verranno elaborati in una fase successiva, a studio completato. RISULTATI La figura 2 evidenzia i risultati ottenuti sui sintomi soggettivi dopo 12 giorni di terapia. L'intensità è stata espressa su scala nominale (assente, lieve, moderata, forte). Per questo abbiamo ritenuto opportuno analizzare i dati con il test di simmetria. Per meglio leggere la rappresentazione dei dati occorre considerare che i numeri espressi (in figura 2 e 3) sulla linea obliqua gialla sono riferiti ai sintomi invariati, i riferimenti numerici sottostanti ai dati peggiorati e quelli sovrastanti ai dati migliorati. Notiamo che quasi tutti gli indici sono significativamente migliorati (P<0.05) tranne che per il parametro "Deglutizione frequente" e "Disfagia" ma solo per la bassa frequenza iniziale dei sintomi, assenti rispettivamente in 86 e 95 pazienti. I risultati sono confermati dalle osservazioni del medico sull'aspetto della mucosa e della secrezione nasale e faringea (figura 3). Si nota la riduzione delle secrezioni crostose, vischiose e purulente a favore della normalizzazione o del viraggio verso l'aspetto siero-mucoso. CONCLUSIONI Lo studio ha evidenziato le notevoli e significative azioni terapeutiche della crenoterapia inalatoria solfato-bicarbonato-alcalino terrosa presso le Terme Sanpellegrino nelle patologie delle vie aeree superiori degli atleti. Le azioni antiinfiammatoria, trofica, decongestionante analgesica sono testimoniate dalla riduzione o scomparsa dei sintomi e dei segni caratteristici e propri del quadro patologico delle affezioni in esame. Anche l'azione mucolitica è stata ulteriormente convalidata: su 12 pazienti che accusavano tosse "secca" e stizzosa in 8 il carattere della tosse è mutato in "produttiva". E' importante notare come la variazione dei dati obiettivi testimoni un miglioramento reale, non

7 attribuibile esclusivamente al giudizio del paziente. BIBLIOGRAFIA 1. Veicsteinas A., Belleri M.: Adeguamenti cardiocircolatori e termoregolatori durante esercizio prolungato con e senza assunzione di acqua bicarbonato-calcica. Med. Clin. e Term. 26: 1, Beckers E.J., Rehrer N.J., Brouns F., Saris W.H.: Influence of drink composition on gastrointestinal function and on bioavailability of fluid and nutrients during exercise. Science and Sports 7: 107, Heaney R.P., Nappi G.: Assorbibilità del calcio contenuto nell'acqua Sangemini. Med. Clin. e Term : 83, Caudas V., Libert J.P., Branderberger G., Kahn J.M.: Hydratation during exercise. Eur. J. Appl. Physiol. 55: 113, Guerrini L., Ciani G.: Ionizzazione, tranquillanti e rendimento muscolare in animali allenati. II Congr. naz. Soc. Ital. di Aeroionobiologia e Aeroionoterapia. Lignano (Ud), 31 maggio Nappi G., Calcaterra P., De Luca S., Masciocchi M.M., Rega V.: Analisi microclimatica delle palestre nel corso di attività atletico-didattiche dell'isef della Lombardia. Med. Clin. e Term. 12: 11, Nappi G., Masciocchi M.M., Calcaterra P., De Luca S.: Studio sul parametro "ionizzazione dell'aria" nelle palestre dell'isef della Lombardia. Med. Clin. e Term. 18: 43, Grassi C. Meloni F.: Patologia respiratoria da inquinamento indoor. Rif. Med. 106: 61, Guerrini L., Severgnini B.: Modificazioni indotte dalla temperatira e dagli ioni gassosi sulla resistenza allo sforzo fisico. II Congr. naz. Soc. Ital. di Aeroionobiologia e Aeroionoterapia. Lignano (Ud), 31 maggio Roi G.S., Lariviere G.: La valutazione funzionale dello sportivo. Presupposti teorici ed implicazioni pratiche. Coaching & Sport Science Journal 2,1: 37, Re A., De Bernardi M., Passaroni L., Pedrinazzi G.M., Ariati L., Berté F., Giovanelli A.: L'azione diretta sulle mucose delle acque minerali; studio sperimentale sulle acque solfate. Clin. Term. 36, 5-6: 187, Fanfulla F., Convertino G., Spagnolatti L., Tua E., De Luca S.: Valutazione dell'efficacia a breve termine dell'acqua solfato-alcalino terrosa delle Terme Sanpellegrino in pazienti affetti da broncopneumopatia cronico-ostruttiva. Med. Clin. e Term : 133, Berioli M.E., Strinati F., Nappi G., Melillo G.: Terapia inalatoria termale ed asma bronchiale. Med. Clin. e Term. 33: 103, Nappi G., Calcaterra P., Masciocchi M.M., De Luca S.: Risultati a breve termine della crenoterapia inalatoria con acqua solfato-calcica "Sorgente Vita" (San Pellegrino) nelle flogosi croniche delle prime vie aeree. Med. Clin. e Term , 1994

8 15. Pollazzon P. Narne S.: Terapia termale nelle affezioni ORL. Med. Clin. e Term. 38: 13, Chevance L.G., Lesourd M.: Etude cytochimique quantitative de l'immunostimulation locale des muqueses respiratoires par une eau thermale. La Nouvelle Presse Medicale 7, 30: 2625, Nappi G., De Luca S., Masciocchi M.M., Calcaterra P.: Risultati a distanza della crenoterapia inalatoria solfurea in ORL: presupposti per la riduzione della spesa socio-sanitaria. Med. Clin. e Term. 33: 129, Nieman D.C.: Exercise, immunity and respiratory infections. Sport Science Exchange 4: 39, Turner R.: The role of neutrophils in the pathogenesis of rhinovirus infections. J. Pediatr. Infect. Dis. 9: 838, 1990

LE CURE TERMALI. Le cure inalatorie

LE CURE TERMALI. Le cure inalatorie LE CURE TERMALI Le cure inalatorie LE ACQUE TERMALI DI COMANO Curano la pelle, migliorano la vita L acqua di Comano è un acqua oligominerale caratterizzata dalla presenza di sali di bicarbonato, calcio,

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 REFLUSSO GASTROESOFAGEO Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 MRGE: sintomi extraesofagei MRGE: molto diffusa e frequente nella pratica clinica. Manifestazioni

Dettagli

Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie

Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie ASMA BRONCHIALE Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie 2 aeree. Il restringimento è intermittente

Dettagli

Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo

Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo Prima di organizzare un programma di allenamento al fine di elevare il livello di prestazione, è necessario valutare le capacità

Dettagli

Alimentazione e Nutrizione

Alimentazione e Nutrizione Alimentazione e Nutrizione Dr. Augusto Innocenti, PhD Biologo Nutrizionista Prof. a contratto Università di Parma Perfezionamento in Biochimica e Biologia Molecolare Phd in Neurobiologia e Neurofisiologia

Dettagli

Asma : cos è. Fattori scatenanti : Allergeni, inquinamento ambientale, fumo, virus, infezioni, polveri sottili, attività fisica

Asma : cos è. Fattori scatenanti : Allergeni, inquinamento ambientale, fumo, virus, infezioni, polveri sottili, attività fisica Asma : cos è L'asma è una malattia infiammatoria cronica del polmone. Nei soggetti predisposti l Asma provoca episodi ricorrenti di respiro sibilante, difficoltà respiratoria, senso di costrizione toracica

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI

SINTESI DEI RISULTATI CE.RI.S.T. (Centro Ricerche e Studi Termali srl) inserito in Anagrafe Nazionale di Ricerche del MIUR EFFICACIA DI UN ACQUA MINERALE SALSO BROMO-IODICA SOLFATO ALCALINO-TERROSA IN MALATTIE DI INTERESSE

Dettagli

Causa. La polmonite è abbastanza comune, era la principale causa di morte prima della scoperta degli antibiotici

Causa. La polmonite è abbastanza comune, era la principale causa di morte prima della scoperta degli antibiotici La polmonite è la malattia dei polmoni e del sistema respiratorio in cui gli alveoli polmonari si infiammano e si riempiono di liquido, ostacolando la funzione respiratoria. Frequentemente anche i bronchi

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

1 SINTOMI ATTRIBUITI AD ALTRA PATOLOGIA. Tosse da reflusso gastroesofageo Tosse da rinorrea posteriore Stato ansioso Patologia Cardiovascolare Altro

1 SINTOMI ATTRIBUITI AD ALTRA PATOLOGIA. Tosse da reflusso gastroesofageo Tosse da rinorrea posteriore Stato ansioso Patologia Cardiovascolare Altro 1 SINTOMI ATTRIBUITI AD ALTRA PATOLOGIA Tosse da reflusso gastroesofageo Tosse da rinorrea posteriore Stato ansioso Patologia Cardiovascolare Altro Sottodiagnosi di Asma 90 80 70 Uomini Donne 60 % 50 40

Dettagli

LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI

LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI Questa guida include informazioni su ciò che la European Respiratory Society e la American Thoracic Society hanno affermato

Dettagli

INDAGINE COMPARTO PANIFICATORI PASTICCERI

INDAGINE COMPARTO PANIFICATORI PASTICCERI INDAGINE COMPARTO PANIFICATORI PASTICCERI Collaborazione ASL Como- UOOML Desio - Centro di allergologia Ospedale S.Raffaele Milano Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro ASL Como Direttore M.Rita

Dettagli

Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO

Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO DATA INIZIO 18 DICEMBRE 2015-DATA FINE 18 DICEMBRE 2016 Destinatari dell iniziativa: Il corso Ecm fad è destinato a 1.500 utenti Target di

Dettagli

La valutazione dei rischi e la prevenzione

La valutazione dei rischi e la prevenzione Università di Ferrara Insegnamento di Sicurezza nei luoghi di lavoro CdL Area Sanitaria A.A. 2011-2012 La valutazione dei rischi e la prevenzione Dr. Salvatore Mìnisci 1 RAPPORTO LAVORO / SALUTE CONDIZIONI

Dettagli

I bambini alle terme e l uso inalatorio delle acque termali. Guido Brusoni

I bambini alle terme e l uso inalatorio delle acque termali. Guido Brusoni I bambini alle terme e l uso inalatorio delle acque termali Guido Brusoni XVIII Congresso Nazionale SIPPS - Un infanzia da difendere: il ruolo del Pediatra - Lecce, 28 31 ottobre 2006 Acque termali di

Dettagli

SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE

SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE SALERNO 27 GIUGNO 2006. PRESENTAZIONE DI UNA ESPERIENZA IN EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PROGETTO ASMA: PERCORSI EDUCATIVI IN ETA PEDIATRICA SVOLTO NEL TRIENNIO SCOLASTICO

Dettagli

Modulo di Patologia Generale

Modulo di Patologia Generale A.A. 2009/2010 Modulo di Patologia Generale dott.ssa Vanna Fierabracci ricevimento: su appuntamento Tel 050 2218533 e-mail: v.fierabracci@med fierabracci@med.unipi.itit Dipartimento di Patologia Sperimentale,

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

Classificazione degli studi epidemiologici

Classificazione degli studi epidemiologici Classificazione degli studi epidemiologici STUDI DESCRITTIVI - DI CORRELAZIONE O ECOLOGICI - CASE REPORT/SERIES - DI PREVALENZA O TRASVERSALI STUDI ANALITICI O OSSERVAZIONALI - A COORTE - CASO-CONTROLLO

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ATTIVITÀ ACARICIDA DI UN DISPOSITIVO ELETTRONICO AD EMISSIONE DI ULTRASUONI (A BATTERIA/ A RETE) DENOMINATO D-MITE AWAY

VALUTAZIONE DELL ATTIVITÀ ACARICIDA DI UN DISPOSITIVO ELETTRONICO AD EMISSIONE DI ULTRASUONI (A BATTERIA/ A RETE) DENOMINATO D-MITE AWAY 62024 Matelica Via Circonvallazione, 93/95 Tel. 0737.404001 Fax 0737.404002 vincenzo.cuteri@unicam.it www.cuteri.eu Matelica, 2 febbraio 2012 VALUTAZIONE DELL ATTIVITÀ ACARICIDA DI UN DISPOSITIVO ELETTRONICO

Dettagli

CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica

CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica Regione Lombardia Sanità Laboratorio di approfondimento del Rischio Chimico CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica La norma UNI EN 689/97

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

Indagine Nazionale sulle (s)corrette abitudini alimentari dei bambini e delle loro famiglie

Indagine Nazionale sulle (s)corrette abitudini alimentari dei bambini e delle loro famiglie Indagine Nazionale sulle (s)corrette abitudini alimentari dei bambini e delle loro famiglie Aprile 2014 Questa presentazione è stata redatta da Medi-Pragma METODOLOGIA I dati riportati di seguito si riferiscono

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

TERME e RIABILITAZIONE

TERME e RIABILITAZIONE 1854-2014: 160 anni di tradizione termale TERME e RIABILITAZIONE MD-PhD Camilla Paniccia Spec. Medicina Fisica e Riabilitativa UNA ANTICA TRADIZIONE PER UNA NUOVA CONCEZIONE DI BENESSERE C è una storia

Dettagli

Locale di sale come oasi per il relax e il benessere

Locale di sale come oasi per il relax e il benessere Locale di sale come oasi per il relax e il benessere locale di sale camera relax di sale cabina di sale parete di sale quadro di sale parete divisoria di sale mattoni di sale Grotta di sale o camera relax

Dettagli

Sezione F. Conclusioni generali

Sezione F. Conclusioni generali Sezione F Conclusioni generali CONCLUSIONI L indagine è stata condotta nell area geotermica toscana, che interessa 16 comuni e 43.400 abitanti, distribuiti nell area Nord o Tradizionale ed in quella Sud

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

Presentazione, Francesco Totti Prefazione

Presentazione, Francesco Totti Prefazione Indice VII Presentazione, Francesco Totti Prefazione XIII XV PARTE PRIMA Alimentazione, benessere e salute 1. Le regole fondamentali 3 Perché bisogna mangiare 3 Che cosa bisogna mangiare 4 Quanto bisogna

Dettagli

World Spirometry Day Il Respiro della Città 15/16 ottobre 2010 Aula Magna NIC Padiglione H3

World Spirometry Day Il Respiro della Città 15/16 ottobre 2010 Aula Magna NIC Padiglione H3 World Spirometry Day Il Respiro della Città 15/16 ottobre 2010 Aula Magna NIC Padiglione H3 Spirometria in medicina dello sport Prof. Lorenzo Corbetta (Firenze) lorenzo.corbetta@unifi.it Prevalenzadiasmanegli

Dettagli

Research & Development. che peso ha. l aria che respiri?

Research & Development. che peso ha. l aria che respiri? che peso ha l aria che respiri? periso ti libera dagli aggressori dell aria QUALITÀ DELL ARIA E IONIZZAZIONE La qualità della vita riveste sempre maggiore interesse nei settori pubblici e privati. Fornire

Dettagli

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono 1 Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono presentati sul mercato del lavoro. Tali informazioni provengono

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

ANALISI DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA RIABILITATIVA IN PROVINCIA DI MANTOVA: fabbisogno e prospettive di governo (versione aggiornata al 18/10/2008)

ANALISI DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA RIABILITATIVA IN PROVINCIA DI MANTOVA: fabbisogno e prospettive di governo (versione aggiornata al 18/10/2008) ! ANALISI DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA RIABILITATIVA IN PROVINCIA DI MANTOVA: fabbisogno e prospettive di governo (versione aggiornata al 18/10/2008) Materiali e metodi Per verificare se l offerta di riabilitazione,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato ROSSA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato ROSSA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3386 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ROSSA Istituzione della figura del professionista delle attività fisico-motorie e sportive

Dettagli

Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre)

Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre) Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre) ADATTAMENTI METABOLICI INDOTTI DALL ALLENAMENTO Obiettivi della lezione Scoprire come l allenamento possa ottimizzare il rendimento dei sistemi energetici e sviluppare

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi Seminario sul tema: La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Federazione Italiana Rugby Centro Studi FIR Lunedì 14 Gennaio 2008, ore 14.30 Facoltà di Scienze Motorie, Verona Università

Dettagli

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Fisiologia della prestazione sportiva Università degli Studi di Verona Scienze Motorie aa 2012-1013 1 Le caratteristiche fisiologiche non sono le uniche

Dettagli

Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di

Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di reazioni allergiche nella popolazione mondiale. Nell

Dettagli

Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri. Dr. Grazia Manfredi 2006

Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri. Dr. Grazia Manfredi 2006 Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri Dr. Grazia Manfredi 2006 A.R.I.A. Position Paper 2001 Allontanamento dell allergene indicato

Dettagli

INTOLLERANZE ALIMENTARI

INTOLLERANZE ALIMENTARI Dott. Lorenzo Grandini Naturopata iridologo Biologo nutrizionista INTOLLERANZE ALIMENTARI VERO O FALSO? LA STORIA Hare (1905) pubblica The food factor in Disease Shannon (1922) e Duke (1925) pubblicano

Dettagli

Asma e Rinite Allergica: per un controllo bilanciato

Asma e Rinite Allergica: per un controllo bilanciato PROGETTO ARIA ITALIA GESTIONE DELLA RINITE ALLERGICA E DEL SUO IMPATTO SULL ASMA ALLERGIC RHINITIS IMPACT ON AND ITS AST H MA TM Asma e Rinite Allergica: per un controllo bilanciato in collaborazione con

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3076 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori CARELLA, BOCO, BORTOLOTTO, CORTIANA, DE LUCA Athos, LUBRANO DI RICCO, MANCONI,

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 INDICE Premessa Le fasi del progetto di valutazione Indagine e divulgazione dei dati (Fase

Dettagli

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA F. Blasi POLMONITI CLINICA E TERAPIA Prof. Francesco Blasi Istituto di Tisiologia e Malattie Apparato Respiratorio Università degli Studi di Milano IRCCS Ospedale Maggiore Milano POLMONITI CLINICA E TERAPIA

Dettagli

ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI. Prof. A.Di Musciano

ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI. Prof. A.Di Musciano ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI Prof. A.Di Musciano PREMESSA IL CALCIO E UN ATTIVITA INTERMITTENTE CASUALE, NEL CORSO DEL QUALE SI ALTERNANO FASI AD ALTA INTENSITA ED ALTRE DI IMPEGNO MINORE

Dettagli

«UN CUORE CHE AMA LA BICI» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia

«UN CUORE CHE AMA LA BICI» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia «UN CUORE CHE AMA LA BC» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia Perché parlare di cuore e bici? Educazione Prevenzione Cura BENEFC

Dettagli

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016)

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) L influenza è un infezione respiratoria provocata da un virus. È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso

Dettagli

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo 7 novembre 2012 1 L aspetto benefico connesso alla pratica di attività sportive che si svolgono in spazi

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

I N D I C E. - G l o s s a r i o F S C p a g. 2. - A U D I T p a g. 2. - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2

I N D I C E. - G l o s s a r i o F S C p a g. 2. - A U D I T p a g. 2. - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2 I N D I C E - G l o s s a r i o F S C p a g. 2 - A U D I T p a g. 2 - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2 - I n t e r v e n t i d i m i g l i o r a m e n t o p a g. 3 - L i n e e G u i d a p a g.

Dettagli

Non siamo nati per soffrire

Non siamo nati per soffrire Non siamo nati per soffrire Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT con il sostegno di Non siamo nati per soffrire. Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT Non siamo nati per soffrire.

Dettagli

L asma non va in vacanza

L asma non va in vacanza L asma non va in vacanza Non dimenticare di controllare ASMA e RINITE allergica anche d estate A cura della Merck Sharp & Dohme (Italia) S.p.A.Via G. Fabbroni, 6-00191 Roma www.msd-italia.it www.univadis.it

Dettagli

CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO

CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO Allenamento ciclismo CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO Le basi della supercompensazione nel ciclista Il carico di allenamento (o sollecitazione) di un ciclista tende a sfruttare la propria

Dettagli

Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia

Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia Le malattie respiratorie e, in particolare la BPCO e l'asma, stanno diventando un problema di salute sempre

Dettagli

C.d.L. Triennale in Scienze motorie C.d.L. Magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività motorie preventive e adattate

C.d.L. Triennale in Scienze motorie C.d.L. Magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività motorie preventive e adattate C.d.L. Triennale in Scienze motorie C.d.L. Magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività motorie preventive e adattate REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI TIROCINIO FORMATIVO E DI STAGE Il presente Regolamento

Dettagli

La scienza dell allenamento al servizio del podismo amatoriale (ultime ricerche)

La scienza dell allenamento al servizio del podismo amatoriale (ultime ricerche) I documenti di www.mistermanager.it La scienza dell allenamento al servizio del podismo amatoriale (ultime ricerche) Ricerca N 1: l allenamento di speed endurance e miglioramento in gare di 10 Km I ricercatori

Dettagli

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit Organizzazione ed erogazione delle cure e audit LG SIGN 9 M.Mercuri 21/11/2010 IL CONTROLLO MEDICO E L EDUCAZIONE DEL PAZIENTE Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Dettagli

Modulo 4 LA GESTIONE CONDIVISA TRA SPECIALISTA E MMG DELLE SINDROMI RINO-BRONCHIALI

Modulo 4 LA GESTIONE CONDIVISA TRA SPECIALISTA E MMG DELLE SINDROMI RINO-BRONCHIALI Modulo 4 LA GESTIONE CONDIVISA TRA SPECIALISTA E MMG DELLE SINDROMI RINO-BRONCHIALI 1 Obiettivi del modulo 4 Definire i principali ostacoli che incontra il MMG nella sua attività quotidiana Spiegare le

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma?

Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma? Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma? Massimo Pifferi Emanuela De Marco Vincenzo Ragazzo Fisiopatologia Respiratoria e Allergologia - Clinica Pediatrica I Azienda Ospedaliera - Università di Pisa

Dettagli

CONGRESSO SCIENTIFICO AIFI Associazione Italiana Fisioterapisti

CONGRESSO SCIENTIFICO AIFI Associazione Italiana Fisioterapisti CONGRESSO SCIENTIFICO AIFI Associazione Italiana Fisioterapisti "FISIOTERAPIA APPLICATA ALLO SPORT: FORMAZIONE, RICERCA CLINICA, PREVENZIONE E RIABILITAZIONE" FISIOTERAPIA APPLICATA ALLO SPORT FORMAZIONE

Dettagli

Sino ad oggi il nostro progetto era rivolto a giovani sani, senza alcun deficit psico-fisico.

Sino ad oggi il nostro progetto era rivolto a giovani sani, senza alcun deficit psico-fisico. Come più volte affermato, è necessario promuovere l'attività sportiva sin dai primi anni di vita incrementando il movimento spontaneo, ma anche attraverso la pratica dell'attività sportiva organizzata.

Dettagli

La rinosinusite nel bambino: una patologia troppo spesso sottovalutata

La rinosinusite nel bambino: una patologia troppo spesso sottovalutata La rinosinusite nel bambino: una patologia troppo spesso sottovalutata Mario La Rosa Dipartimento di Pediatria, Università degli Studi di Catania UO di Broncopneumologia, Allergologia e Fibrosi Cistica

Dettagli

REGOLAMENTO SANITARIO DELLA F.I.S.

REGOLAMENTO SANITARIO DELLA F.I.S. REGOLAMENTO SANITARIO DELLA F.I.S. REGOLAMENTO SANITARIO Premessa Il presente regolamento disciplina le funzioni specifiche del Settore Sanitario Federale, nel rispetto della normativa nazionale e regionale,

Dettagli

Igiene ed Educazione Sanitaria 2010-2011

Igiene ed Educazione Sanitaria 2010-2011 Igiene ed Educazione Sanitaria 2010-2011 L'IGIENE E' fondata sulla Ricerca per : La conoscenza delle cause dei fenomeni Sulla promozione dei determinanti della Salute Sulla lotta ai fattori di rischio

Dettagli

STUDIO CO.ME.TA. M.S.A.D. (Coprimed Trial Analysis Muscle-Skeletal Apparatus Disease)

STUDIO CO.ME.TA. M.S.A.D. (Coprimed Trial Analysis Muscle-Skeletal Apparatus Disease) ABSTRACT STUDIO CO.ME.TA M.S.A.D. STUDIO CO.ME.TA. M.S.A.D. (Coprimed Trial Analysis Muscle-Skeletal Apparatus Disease) UTILIZZO DI UN DISPOSITIVO MEDICO COPRIMED-ARIA, COME COMPONENTE TERAPEUTICO NELTRATTAMENTO

Dettagli

CONTROLLO DELL ALLENAMENTO NELLA PALLACANESTRO MODERNA

CONTROLLO DELL ALLENAMENTO NELLA PALLACANESTRO MODERNA CONTROLLO DELL ALLENAMENTO NELLA PALLACANESTRO MODERNA QUALE CARICO? COME ALLENARE? Per definire il modello di allenamento è necessario conoscere i fenomeni fisiologici che si verificano in risposta allo

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSI: 1^ CORSO: AFM - LICEO SPORT AS 20152016 Moduli Libro Di Testo scienze motorie Appunti schede tecniche Competenze di base - Sviluppo funzionale

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali 2/5 La Conferenza Stato Regioni il 25 marzo scorso ha approvato la proposta per la realizzazione degli

Dettagli

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001 NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001 Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Marisa Arpesella. Dipartimento di Sanità pubblica Cattedra di Igiene Università degli Studi di Pavia

Marisa Arpesella. Dipartimento di Sanità pubblica Cattedra di Igiene Università degli Studi di Pavia CORSO di IGIENE Marisa Arpesella Dipartimento di Sanità pubblica Cattedra di Igiene Università degli Studi di Pavia MEDICINA PREVENTIVA Branca della Medicina che, mediante il potenziamento dei fattori

Dettagli

Quanto risparmi? 4 casi: coppia, famiglia con bambini, famiglia con anziani, single

Quanto risparmi? 4 casi: coppia, famiglia con bambini, famiglia con anziani, single Le Guide di 6 Quanto risparmi? 4 casi: coppia, famiglia con bambini, famiglia con anziani, single Registrazione del Tribunale di Milano n 357 del 08/06/2001 Direttore editoriale: Nicola Miglino Direttore

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze. A cura del Gruppo Formazione

Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze. A cura del Gruppo Formazione 3 2 1 disostruiamoci A cura del Gruppo Formazione Prima di tutto valutare la sicurezza della scena dove dobbiamo intervenire PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente

Dettagli

Informarsi, conoscere e partecipare per migliorare la qualità della vita. Il caso asma, diabete di tipo 2 e cancro al seno

Informarsi, conoscere e partecipare per migliorare la qualità della vita. Il caso asma, diabete di tipo 2 e cancro al seno Informarsi, conoscere e partecipare per migliorare la qualità della vita. Il caso asma, diabete di tipo 2 e cancro al seno Progetto a cura di: Paola Mosconi, Maria Grazia Buratti, Claudia Braun 24 novembre

Dettagli

CONSULENZA, RICERCA E ANALISI UN UNICO REFERENTE PER I RISCHI IGIENICO-SANITARI

CONSULENZA, RICERCA E ANALISI UN UNICO REFERENTE PER I RISCHI IGIENICO-SANITARI CONSULENZA, RICERCA E ANALISI UN UNICO REFERENTE PER I RISCHI IGIENICO-SANITARI IGIENE AMBIENTALE infezioni nosocomiali Legionella Sono batteri mobili, che si trovano in natura nell acqua di fiumi e laghi

Dettagli

STUPEFACENTI, ALCOOL E STRESS - A CHE PUNTO SIAMO -

STUPEFACENTI, ALCOOL E STRESS - A CHE PUNTO SIAMO - DIPARTIMENTO di PREVENZIONE SPISAL SERVIZIO PREVENZIONE IGIENE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI di LAVORO STUPEFACENTI, ALCOOL E STRESS - A CHE PUNTO SIAMO - : procedure accertative, inquadramenti diagnostici,

Dettagli

Associazione Nazionale IdroKinesiterapisti

Associazione Nazionale IdroKinesiterapisti Associazione Nazionale IdroKinesiterapisti Via dei Panfili, 104-00121 Roma www.anik.it E-mail: anik@itaca.com 06/5614254 338-7322508 - 338/9131265 FAX: 06/66141333 06/5615433 PROGETTAZIONE E GESTIONE DI

Dettagli

CORSO NAZIONALE di formazione ISTRUTTORE SPORTIVO per DISABILI

CORSO NAZIONALE di formazione ISTRUTTORE SPORTIVO per DISABILI Centro Sportivo Educativo Nazionale Ente di Promozione Sportiva Riconosciuto dal CONI (art. 31 D.P.R. 530/1974) Ente con Finalità Assistenziali Riconosciuto dal Ministero dell Interno (D.M. 559/C. 3206.12000.A.(101)

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Momenti di Gloria La medicina incontra lo sport: i muscoli Genova 18 aprile 2013 Alimentazione e sport Luca Spigno La dieta dello sportivo è diversa da quella del soggetto sedentario? Come dobbiamo nutrirci

Dettagli

Attività motoria Attività sportiva Alimentazione

Attività motoria Attività sportiva Alimentazione Club Rapallo Attività motoria Attività sportiva Alimentazione Dott.Lorenzo Marugo Piattaforma dell Unione Europea su dieta, attività fisica e salute Presupposto: I Cittadini dell Unione Europea si esercitano

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I

AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I CARTA DEI SERVIZI BRONCOPNEUMOPATIE CRONICHE E ASMA GRAVE 2015-2016 Con la Sponsorizzazione di BCPO La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una malattia delle vie

Dettagli

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND e-news Progetto MOND Update in BPCO N. 3/2014 La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND La BPCO La broncopneumopatia cronica

Dettagli

Bioenergetica e fisiologia dell esercizio 7. Risposte all allenamento: effetti su V O 2max e sistema cardiovascolare

Bioenergetica e fisiologia dell esercizio 7. Risposte all allenamento: effetti su V O 2max e sistema cardiovascolare Bioenergetica e fisiologia dell esercizio 7. Risposte all allenamento: effetti su V O 2max e sistema cardiovascolare Prof. Carlo Capelli, Fisiologia Generale e dell Esercizio, Facoltà di Scienze Motorie,

Dettagli

Riconoscere i sintomi dell'allergia ai pollini

Riconoscere i sintomi dell'allergia ai pollini ALLERGIE STAGIONALI É arrivata la primavera, la natura si risveglia, i microscopici granuli, contenuti negli stami dei fiori, cominciano a svolazzare numerosissimi per l aria, è il ciclo della natura che

Dettagli

PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO

PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO DR.ANTONELLO ARRIGHI Specialista in Pediatria Professore a Contratto Università di Parma, Facoltà di Medicina Docente A.I.O.T. Associazione Medica

Dettagli

Risultati terapeutici, presso il Centro Termale Fonteverde - San Casciano dei Bagni (Si) - sulle patologie delle alte vie respiratorie

Risultati terapeutici, presso il Centro Termale Fonteverde - San Casciano dei Bagni (Si) - sulle patologie delle alte vie respiratorie G. NAPPI P. BRUNO M.M. MASCIOCCHI S. DE LUCA Risultati terapeutici, presso il Centro Termale Fonteverde - San Casciano dei Bagni (Si) - sulle patologie delle alte vie respiratorie Fonteverde Spa s - San

Dettagli

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche Codice colore in Pronto Soccorso: Valutazione della corretta attribuzione da parte dell infermiere di triage M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche T. Campanelli, Coordinatore

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

LA TERAPIA CON AGOPUNTURA CINESE NELL'EMICRANIA

LA TERAPIA CON AGOPUNTURA CINESE NELL'EMICRANIA LA TERAPIA CON AGOPUNTURA CINESE NELL'EMICRANIA Alberto Lomuscio Divisione di Cardiologia Ambulatorio di Agopuntura A.O. San Paolo Milano Docente Scuola Sowen www.albertolomuscio.it 1 ASPETTI CLINICI DELL

Dettagli

ASSENZE DI CALCIATORI DA PARTITE UFFICIALI CAUSA INFORTUNIO NEL CAMPIONATO DI SERIE A TIM 2014-2015

ASSENZE DI CALCIATORI DA PARTITE UFFICIALI CAUSA INFORTUNIO NEL CAMPIONATO DI SERIE A TIM 2014-2015 ASSENZE DI CALCIATORI DA PARTITE UFFICIALI CAUSA INFORTUNIO NEL CAMPIONATO DI SERIE A TIM 2014-2015 Prof. R. Sassi, E. Gastaldi Pubblichiamo l analisi di confronto degli infortuni dei giocatori delle squadre

Dettagli